• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Lezione 3. immagine, scrittura, media
 

Lezione 3. immagine, scrittura, media

on

  • 427 views

Crossmedia

Crossmedia

Statistics

Views

Total Views
427
Views on SlideShare
427
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
12
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Lezione 3. immagine, scrittura, media Lezione 3. immagine, scrittura, media Presentation Transcript

    • Lezione 3Il ritorno dell’iimagineIl ritorno dell’iimaginePrima della scritturaPrima della scritturaLa scrittura prima tecnologia della comunicazioneLa scrittura prima tecnologia della comunicazioneScritture pittografiche, ideografiche e foneticheScritture pittografiche, ideografiche e foneticheL’alfabetoL’alfabetoLa stampa, i media elettronici e i media di massaLa stampa, i media elettronici e i media di massaI media come nuovi sensiI media come nuovi sensiProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • IL RITORNO DELLE IMMAGINIIL RITORNO DELLE IMMAGINIProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • IL RITORNO DELLE IMMAGINIIL RITORNO DELLE IMMAGINILa rivoluzione digitale e lo sviluppo dei media,segnano un ritorno all’uso delle immagini comestrumento di trasmissione del sapere e dellaconoscenzaSi rovescia la gerarchia creata con l’introduzionedella scrittura che relegò immagini e suoninell’ambito esclusivo delle arti e della liturgiaLa cultura audiovisuale ha iniziato il suo recupero nelXX secolo con i mass-media (cinema, radio,televisione)La nuova integrazione di scrittura, immagine e suonimodifica la comunicazione umana totalmenteProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASANorman Rockwell, The Connoisseur, 1962
    • PRIMA DELLA SCRITTURAPRIMA DELLA SCRITTURAProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • PRIMA DELLA SCRITTURAPRIMA DELLA SCRITTURA La nostra azione nel mondo passa attraverso rappresentazioni (immaginimentali). Il linguaggio è una delle fonti di rappresentazione La scrittura è a tutti gli effetti una tecnologia della comunicazione, la cuiinvenzione ha modificato il linguaggio e il modo di rappresentare la realtà Prima della scrittura, venivano usate immagini per rappresentare forme econtenuti con cui materializzare il contesto separando “il soggetto”dall’ambiente Attraverso le immagini l’uomo significava il mondoProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • PRIMA DELLA SCRITTURAPRIMA DELLA SCRITTURAVilém Flusser:Le immagini si creano dall’azione combinata di mani e occhi:Le mani si estendono sul mondo (creando l’azione)Gli occhi vedono le connessioni necessarie e preparano alle azioni successivemani e occhi – azione e vista – prassi e teoriaL’uomo astrae dall’ambiente la dimensione della profondità creando una regioneimmaginaria e bidimensionale: il mondo delle immaginiImmaginare significa ridurre il mondo a “SCENE” e nello stesso tempo, decifrarele scene trasformandole in “TOPOGRAFIE” di stati di cose desiderati. Una scenadi caccia disegnata è un’immagine. Un’immagine è una superficie il cuisignificato si coglie con uno sguardo.“Diacronizzare la sincronia”Prima vedo l’insieme come una scena, poi percorro analiticamente l’immagine ene colgo il significato scenicoProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • GROTTA DEL GENOVESE10000 a.C. (prime figureumane)Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAPIETRE DI MAS D’AZIL 9000a.C. (primo codice grafico)GROTTE DI LASCAUX 16000a.C. (prime immagini)PRIMA DELLA SCRITTURAPRIMA DELLA SCRITTURA
    • PRIMA DELLA SCRITTURAPRIMA DELLA SCRITTURAPer migliaia di anni l’uomo si è programmato su questo codice. Il mondocome un insieme di scene che richiamano una forma di esistenza magicaConcezione ciclicaL’invenzione della scrittura non risiede tanto nell’invenzione di nuovisimboli quanto nello srotolare l’immagine in linee.Rispetto al’immagine i testi sono più lontani dal vissuto concreto. Non sideve più “immaginare” ma “concepire”Il tempo diventa “lineare”, nasce la concezione storica e progressiva.La scrittura è un gesto che allontana dalle immagini perché le trasforma inconcettiSi perde la “fede nell’immaginario” (magia)Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • LA SCRITTURA: PRIMA TECNOLOGIA DELLA COMUNICAZIONELA SCRITTURA: PRIMA TECNOLOGIA DELLA COMUNICAZIONEProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • LA SCRITTURA: PRIMA TECNOLOGIA DELLA COMUNICAZIONELA SCRITTURA: PRIMA TECNOLOGIA DELLA COMUNICAZIONEPlatone nel Fedro definisce la scrittura una téchne (τέχνή) e neattribuisce l’invenzione al dio egizio Teuth.Téchne rimanda all’idea di tecnica intesa come abilità, metodo maanche insieme di regole, sistema atto a produrre un oggetto oottenere un risultato.Quindi la scrittura è una tecnologia. La prima tecnologia dellacomunicazioneDavid J. Bolter: “(…) la scrittura antica e quella moderna sonoentrambe tecnologie, cioè sistemi di collocazione di idee verbaliin uno spazio visivo”Walter J. Ong: “Platone pensava alla scrittura come a unatecnologia esterna, aliena, nello stesso modo in cui oggi moltepersone pensano al computer. Noi invece oggi l’abbiamo ormaiinteriorizzata così profondamente, l’abbiamo resa una partetanto importante di noi stessi, che ci sembra difficile pensarlacome tecnologia al pari della stampa e del computer. Ciònonostante, la scrittura (e in special modo quella alfabetica) siauna tecnologia”Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • LA SCRITTURA: PRIMA TECNOLOGIA DELLA COMUNICAZIONELA SCRITTURA: PRIMA TECNOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE“Questa conoscenza, o faraone, renderàgli Egizi più sapienti e più capaci diricordare : è stata infatti inventata comemedicina per la memoria e per lasapienza”Ma quello rispose : "IngegnosissimoTheuth , c‘è chi è capace di dar vita allearti, e chi invece di giudicare quale dannoe quale vantaggio comportano per chi sene avvarrà . E ora tu, padre della scrittura,per benevolenza hai detto il contrario diciò che essa é in grado di fare. Questainfatti produrrà dimenticanza nelle animedi chi lavrà appresa, perché non faesercitare la memoria. Infatti, facendoaffidamento sulla scrittura, essi trarrannoi ricordi dall esterno, da segni estranei, enon dallinterno, da se stessi (…)crederanno di essere conoscitori di moltecose, mentre non le sapranno (…)Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • LA SCRITTURA: PRIMA TECNOLOGIA DELLA COMUNICAZIONELA SCRITTURA: PRIMA TECNOLOGIA DELLA COMUNICAZIONEGLI EFFETTI DELLA SCRITTURA Modifica delle pratiche mnemotecniche (nuove forme di archiviazione e ditrasmissione conoscenza) Decontestualizza il contenuto verbale (testo e contesto uniti nell’oratore orasono separati) Distribuisce il sapere in nuovi contesti Fissa il contenuto rendendolo immutabile (nasce la classe degli scriba,espressione di un sapere codificato a cui è riservata la tecnologia) “Parla da sola”, perché può fare a meno dell’oratore per mantenere il suopotere di trasmissione (Derrick De Kerckhove) Organizza la società e l’attività umana, consentendo l’amministrazione equindi la complessità sociale Riconfigura anche la psicologia collettiva e individuale e l’immaginariosimbolicoProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • SCRITTURE PITTOGRAFICHE, IDEOGRAFICHE, FONETICHESCRITTURE PITTOGRAFICHE, IDEOGRAFICHE, FONETICHEProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASASCRITTURA PITTOGRAFICAesprime oggettiorientamento verticale con letturaalto/basso partendo da destraesempio: geroglifico egizioSCRITTURA IDEOGRAFICAesprime concettiorientamento verticale con letturaalto/bassoesempio: cineseSCRITTURA FONETICAesprime suoniorientamento orizzontaleesempio: minoico
    • SCRITTURE PITTOGRAFICHE, IDEOGRAFICHE, FONETICHESCRITTURE PITTOGRAFICHE, IDEOGRAFICHE, FONETICHEProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAPITTOGRAFIA E IDEOGRAFIA ispirano unari-mediazione di motivi grafici e creatività
    • L’ALFABETOL’ALFABETOProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
    • L’ALFABETOL’ALFABETOProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAIntorno al 700 a.C., in Grecia prende forma la scrittura alfabetica.Intorno al 700 a.C., in Grecia prende forma la scrittura alfabetica. Un’invenzioneUn’invenzionefondamentalefondamentale che permette di colmare la separazione tra linguaggio e scrittura.che permette di colmare la separazione tra linguaggio e scrittura.La riduzione della scrittura aLa riduzione della scrittura a fonemifonemi (unità indivisibili) ha consentito di(unità indivisibili) ha consentito di “atomizzare il“atomizzare illinguaggio”linguaggio” permettendo di avere un’informazione il più possibile simile al linguaggiopermettendo di avere un’informazione il più possibile simile al linguaggioL’alfabeto dà forma allaL’alfabeto dà forma alla “mente alfabetica”“mente alfabetica” da cui l’Occidente sviluppa filosofia e scienzada cui l’Occidente sviluppa filosofia e scienza
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAL’ALFABETOL’ALFABETOL’alfabeto ha consentito la riproduzione totale dellinguaggio, non più legato al contesto della parola (comeavveniva per esempio per la scrittura fonetica sillabica)Questo ha consentito la totale liberazione della parolaLa FINZIONE (dal teatro al romanzo), nata con la scrittura,si sviluppa in maniera completa con l’alfabeto, fino adiventare “il nostro mezzo principale per organizzare einventare il reale” (Derrick De Kerckhove)Se gli altri sistemi di scrittura servivano soprattuttoall’archiviazione, la scrittura alfabetica ha introdotto esviluppato la capacità di elaborazione finzionaleLa scrittura alfabetica ha anche sviluppato la dimensioneindividuale. Essendo fonetica la scrittura e la sua lettura sipongono come voce individualeTesto e pensiero s’intrecciano in un rapporto che general’espansione dell’io e la possibilità di creareLa sotira infinita, di Wolgang Petersen, 1984La sotira infinita, di Wolgang Petersen, 1984
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASALA STAMPALA STAMPA
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA•Nel 1450 Johannes Gutenberg inventa la stampa acaratteri mobiliCon la stampa si completano i processi iniziati conl’alfabeto:Il testo scritto come sistema coerente, autosufficiente efinitoLo sviluppo di un pensiero lineare e sequenziale legatoalla linearità della scritturaLa fissazione del testo (scompare la figura del copista chespesso svolgeva anche una funzione di rielaborazione deltesto)L’aumento della diffusione del sapereLA STAMPALA STAMPA
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA ELETTRONICII MEDIA ELETTRONICI
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA ELETTRONICII MEDIA ELETTRONICI•Nell’800 una serie di invenzioni fondamentali accelera il cambiamento della societàLa nascita dei primi apparati di comunicazione a distanza e delle prime tecnologiedell’immagine e del suonoSganciamento dello spazio dal tempo (possibilità di trasmettere contenuti simbolici adistanza)Simultaneità despazializzata (la contemporaneità si sgancia dallo stesso spazio)TELEGRAFO: la primacomunicazione a distanzaSamuel MorseFOTOGRAFIA: le prime immaginiriprodotte meccanicamenteLouis DaguerreTELEFONO: la primacomunicazione vocale adistanzaGraham BellFONOGRAFO: i primi suoniriprodotti meccanicamenteThomas Edison
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA ELETTRONICII MEDIA ELETTRONICIDalla metà dell’800, i media si moltiplicano e si potenziano in relazione all’aumento dellacomplessità delle attività produttive.La prima Rivoluzione industriale ha dato centralità alla “Macchina” (che sviluppava insenso industriale la tradizione artigianaLa seconda Rivoluzione industriale ha dato centralità alle “Reti sistemiche” (reti ditrasporto, reti di distribuzione, reti energetiche e reti di messaggi).Sono queste reti ad avere bisogno di infrastrutture, simultaneità e circolazione dimessaggiEs: in America e Europa, la ferrovia si è sviluppata solo dopo l’invenzione del telegrafoe con l’unificazione del fuso orarioLa complessità produttiva necessità di mezzi di comunicazione che sappianovelocemente far circolare messaggi, conoscenza, informazione che alimenti laproduttività
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA ELETTRONICII MEDIA ELETTRONICIIL CINEMANel 1895 i fratelli Lumière a Parigi, sviluppano il sistema per la riproduzione diimmagini in movimento. Nasce il cinema e con esso la prima forma di industriadello spettacoloLuscita dalle officine Lumière di Lione fu il primo film proiettato dai fratelliLumiére il 28 dicembre 1895. Da qui parte la storia del cinema….
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA DI MASSA: LA RADIOI MEDIA DI MASSA: LA RADIO
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA DI MASSAI MEDIA DI MASSAIl ‘900 segna l’esplosione dei media di massa e la trasformazionedella società plasmata ora dai nuovi mezzi di comunicazione: radio etelevisione1920Le prime sperimentazioni di Guglielmo Marconi dagli Stati Uniti, sullatrasmissione di suoni a distanza grazie alle onde elettromagnetiche.La Radio è il primo medium di massaFin dall’inizio assume importanza commerciale e poi dagli anni ’30 unfondamentale ruolo politico, nella capacità di informare e formare
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA DI MASSAI MEDIA DI MASSAIn Italia la prima trasmissione radio dell’Uri viene trasmessa alle ore21 del 6 ottobre 1924
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA DI MASSA: LA TVI MEDIA DI MASSA: LA TV
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA DI MASSAI MEDIA DI MASSALA TELEVISIONENel 1930, dopo che l cinema introduce il sonoro, si attivano le primesperimentazioni di televisioneNel 1936 la BBC inaugurò a Londra il primo servizio di trasmissionitelevisiveNel 1959 le prime sperimentazioni di Tv a colori che rimodellanol’immaginario visivo
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA DI MASSAI MEDIA DI MASSALa televisione, in breve tempo, modifica il sistema di relazioni e imodelli sociali dell’intero Occidente, divenendo il medium centrale ecreando una nuova “galassia della comunicazione”.La Tv costringe gli altri media a riorganizzarsi attorno alla centralitàdello schermo e a tagliarsi nuovi spazi e funzioni.Con la Tv la società dei mass media raggiunge la sua forma piùcompiutaCon la Tv nasce il concetto di cultura di massaLa TV diviene in pochi anni “l’epicentro culturale della società” (M.Castells), per la simulazione sensoriale della realtà che consente, siaper la facile comunicabilitàCon la Tv, la cultura inizia a interrogarsi sul ruolo trasformativo deimedia
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA DI MASSAI MEDIA DI MASSALA TV COME “QUINTO POTERE”Quinto Potere, di Sidney Lumet, 1976
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA COME NUOVI SENSII MEDIA COME NUOVI SENSI
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA COME NUOVI SENSII MEDIA COME NUOVI SENSII media digitali rimodellano il rapporto tra immagine, suono e scrittura.Modificano quindi il linguaggio.Come una sorta di “oralità di ritorno” (Havelock)Lo aveva compreso alla metà degli anni’90 Ernst Junger: “credo che stiamovivendo una rivoluzione simile a quellavissuta da Platone ma in direzioneopposta. Platone esperì la transizioneda una cultura orale (…) a una culturache fissa le sue epsressioni mediante lascrittura (…). Oggi con le nuovetecnologie di comunicazione, lascrittura tradizionale, fissa, stadiventando nuovamente fluida, mobile etrasformabile come nell’oralità
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA COME NUOVI SENSII MEDIA COME NUOVI SENSIIl treno a La Ciotat, fu proiettato daifratelli Lumiére, il 6 gennaio 1896 aParigi. A questo episodio è legata lafamosa fuga degli spettatori spaventatie convinti che il treno li travolgesse.Il segno di un cambiamento epocaledell’immaginario simbolico indotto dainuovi mezzi tecniciMa la pervasività dei nuovi media modifica non solo la capacità espressiva e dilinguaggio ma anche il senso della realtà e le funzioni sensoriali
    • Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAI MEDIA COME NUOVI SENSII MEDIA COME NUOVI SENSICome in TOTAL RECALL (1990)