Lezione 11. progetto crossmediale

  • 1,243 views
Uploaded on

Crossmedia

Crossmedia

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,243
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
14
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Lezione 11L’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeTipologie di progetto cross-medialeTipologie di progetto cross-medialeProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA
  • 2. MAPPA AD ALBEROGerarchicaIl Grand Master è un nodo radiceLivello 1 di collegamento: media preferenzialiLivello 2 dicollegamento: declinazioni mediali (asset specifici)Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASATipologie di progetti cross-medialiTipologie di progetti cross-medialiGRANDE FRATELLOGRANDE FRATELLOINTERNETINTERNET TV DTTTV DTT TVTV SATSAT EDITORIAEDITORIAVideochatVideochatCommunityCommunityMerchandisingMerchandisingTelefoniaTelefoniaFonte: Max Giovagnoli, Fare cross-mediaFonte: Max Giovagnoli, Fare cross-media
  • 3. MAPPA A RAGGIERAConcentricaIl Grand Master è un centro che definisce già il medium primario da cui siveicolaOvali: media preferenziali e secondari con audience di riferimentoCornici: eventuali collegamenti indiretti sorti in corso d’operaProf. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAUN POSTO AL SOLEUN POSTO AL SOLEINTERNETINTERNETEDITORIAEDITORIAMOBILEMOBILECommunities spontaneeCommunities spontaneeTipologie di progetti cross-medialiTipologie di progetti cross-medialiFonte: Max Giovagnoli, Fare cross-mediaFonte: Max Giovagnoli, Fare cross-media
  • 4. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASALe due tipologie rappresentano momenti diversi di unostesso progetto:Mappa a Raggiera: tipica della fase di progettazione epianificazioneMappa ad albero: fase di applicazione e distribuzione deiruoli, verifica e redazioneTipologie di progetti cross-medialiTipologie di progetti cross-mediali
  • 5. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASACONTESTO EDITORIALEIndividuazione del/dei fattore/i portanti in cui si vuole inserire ilprogetto cross-mediale. E’ una prima scrematura delle variabiliforti del progettoL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialefattorefattoreStoriaStoriafattorefattoreSerialeSerialefattorefattoreDatabaseDatabasefattorefattoreMusicaMusicafattorefattoreRete/UgcRete/UgcfattorefattorePersonaggioPersonaggiofattorefattoreInformazioneInformazioneil progetto contieneuna storia chiusa, conpersonaggi e trama:Film, fiction su unepisodio storicoil progetto non èuna storia chiusama una serie diepisodi potenz.Infiniti: Lost,CommissarioMontalbano, seriecartoonil progetto si basasu contenutiinformativi:talkshow attualità,action for womenil fattore si basa suarchivi statici odinamiciIl progetto si basamateriale prodottodagli utenti e/o sullacircolazione in reteIl progetto si basasu un personaggio,storico o attualeIl progetto si basasu un’operamusicale: la storiadi una canzone, uncanale musicale(Rai Music)
  • 6. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAANALISI DI SCENARIOIndividuazione della domanda e dell’offerta esistenti diprodotti analoghiL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeDOMANDADOMANDADOMANDADOMANDA OFFERTAOFFERTAOFFERTAOFFERTABENCHMARKBENCHMARKBENCHMARKBENCHMARKRaccolta di più datipossibili di mercato suuno specifico settore chesi vuole sviluppare con unprogetto:1) Indagine Censis mostracrescita evidentedell’impegno nelVolontariato Sociale.2) Dati di crescita venditariviste e pubblicazionisulla Storia della SecondaGuerra MondialeRicerca di offertesimili sul mercato. Siadi progettimonomediali.Esempio: La storiacontemporanea puòavere validi sviluppinel videogame, nellaradio (con il recuperodi materiale storicod’archivio) in internet(con un archiviofotografico degliutenti)Analisi dei prodotticonsolidati intermini mediescludendo le punteestremeGapGapAnalysisAnalysisBestBestIn classIn classAnalisi dei differenzialiper evidenziare qualivuoti e pieni sui mediaci sono: Rubrica Rai sui temi del volontariato,programmazione diHistory ChannelI migliori esempi sulmercato: Una rivistafrancese di Storiacontemporanea con glianeddoti segreti
  • 7. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASACONCEPTL’idea del progetto in maniera generica, evidenziando, in questa fase,gli aspetti creativi e innovativi, il target e i media su cui declinarloL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeCOSACOSACOSACOSADescrizione del progetto:Historia magistra vitae, nasce come format per la web tv con puntate di 10 minuti massimo chericostruiscono aneddoti e episodi di vita privata, di comuni persone viventi, all’interno della cornicedei grandi avvenimenti della storia dalla Seconda Guerra Mondiale ai giorni nostri. Dall’ingresso deglialleati a Parigi visto dalle lettere d’amore di due ragazzi francesi, all’archivio fotografico di un giovanevolontario della Folgore sul fronte di El Alamein, al racconto di un abitante di Chernobyl chericostruisce cosa vide nei giorni terribili del disastro, al bombardamento di Dresda raccontato dallememorie di un bambino, al racconto di Tien Ammen da parte della mamma di uno degli studentiarrestati, ad un giovane studente polacco che visse in piazza San Pietro l’attentato a Giovanni PaoloII.Immagini accompagneranno lo sviluppo delle storie e si affiancheranno al materiale dato daitestimoni. Il format si avvale di un conduttore, di un attore e di uno storico. Al conduttore il compito diintrodurre l’episodio, allo storico di inquadrarlo nelle vicende più ampie, all’attore di leggere idocumenti e recitare le parti. Nessuna immagine da studio ma tre voci senza volto e solo unoscorrere continuo e martellante delle immagini e dei suoni
  • 8. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialePER CHIPER CHIPER CHIPER CHIIndividuazione del target di riferimentoTarget primario: appassionati di storia, di età 25-45 anni, tecnologicamente evoluti, di istruzione econdizione sociale elevateTarget secondario su cui indirizzare i media laterali:Videogames, giovani tra i 18-30 appassionati di gioco per videogames.Pubblicazioni editoriali, Uomini 45-60 per sviluppo pubblicazioni editorialigiovani autori 20-40 anni per concorso in rete per web-fiction sceneggiate liberamente in corti di 10minuti.CONCEPTL’idea del progetto in maniera generica, evidenziando, in questa fase,gli aspetti creativi e innovativi, il target e i media su cui declinarlo
  • 9. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeI MEDIAI MEDIAI MEDIAI MEDIAIndividuazione dei media coinvolti nel progetto:Web tv, in vod per la visione free delle puntate. Community per scambio di informazioni ecreazione di un archivio italiano di documenti privati sulla seconda guerra mondiale per unosviluppo ulteriore di puntate.Videogame che riprende il contesto storico delle singole puntate (battaglia di El Alamein,Liberazione di Parigi, disastro di Chernobyl ecc.) con gli eroi che attraversano i singoli episodi conobiettivi specifici (difendere una postazione italiana, impedire al reattore nucleare di esplodereecc.).Libri: linea editoriale a fascicoli, a forte connotazione iconografica (foto), con racconto episodi einquadramento storicoGadget: modellini da collezionismo che riproducono scene o episodi delle puntate (Diorama delragazzo davanti al carro armato a piazza Tien Ammen)CONCEPTL’idea del progetto in maniera generica, evidenziando, in questa fase,gli aspetti creativi e innovativi, il target e i media su cui declinarlo
  • 10. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeFRUIZIONEFRUIZIONEFRUIZIONEFRUIZIONELa specificazione dei modelli difruizione degli utenti consentedi ideare le migliori forme dicomunicazione del prodotto edi elaborazione del contenutoSNODI DISNODI DIPRODUZIONEPRODUZIONESNODI DISNODI DIPRODUZIONEPRODUZIONERappresentano il focusdell’azione in ciascun medium.La scelta della storia daraccontare, la definizione delleimmagini essendo il formatsenza momenti da studio. Letipologie di forma-racconto deitre conduttori. La grafica dellapagina webCONCEPTL’idea del progetto in maniera generica, evidenziando, in questa fase,gli aspetti creativi e innovativi, il target e i media su cui declinarlo
  • 11. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASASTUDIO DEL NOMEAnalisi di marketing per ottenere un nome che posizioni il prodotto elo rafforzi. In un progetto cross-mediale il nome è prodotto essostessoL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeNOME ENOME ELOGOLOGONOME ENOME ELOGOLOGOIl nome viene sceltodall’ideatore del progetto. Illogo in genere da agenziepubblicitarie e di marketing.Nomi a fantasia o nomi diattinenza storicaHistoria magistra vitae,sottolinea l’idea che la storiainsegna anche la vita di tutti igiorni. Non solo per i grandipersonaggi della storia maanche per tutti gli altri. Il nomeracconta che sotto i grandieventi c’è la vita degli uominida raccontareIDENTITA’IDENTITA’PRODOTTOPRODOTTOIDENTITA’IDENTITA’PRODOTTOPRODOTTOIl nome e il logo sarannovisibili nella hp della webtv ecompariranno all’inizio e allafine di ogni puntataLa sigla scorrevole con il logoaprirà anche la declinazione delprodotto sugli altri media
  • 12. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeOBIETTIVIOBIETTIVIOBIETTIVIOBIETTIVIA quale genere si rivolge(intrattenimento, informazione,cultura, ecc.)Historia magistra vitae, hal’obiettivo di divulgare la storia,contemporanea attraverso ilracconto e le testimonianze dichi l’ha vissutaLINEALINEAEDITORIALEEDITORIALELINEALINEAEDITORIALEEDITORIALESpiega il modo in cui i diversimedia raggiungeranno il targetdi riferimentoLa web tv sarà organizzata coninterfaccia di semplice utilizzo.Essendo questa la piattaformaGrand Master, su di essasaranno presenti tutti i richiamialle altre declinazioniLibri e riviste sono pensate peril mondo del collezionismo eindirizzati ad un pubblico piùmaturo e menotecnologicamente alfabetizzatoAREEAREECONTENUTOCONTENUTOAREEAREECONTENUTOCONTENUTOSpiega il modo in cui i diversimedia raggiungeranno il targetdi riferimentoL’argomento di Historiamagistra è la storia in tutte lesue declinazioni. Divulgare lastoria contemporanea in tuttele sue declinazioni, percostruire un mosaico organicoe non convenzionale degliepisodi più importanti chehanno cambiato il mondoOBIETTIVO DEL PROGETTO
  • 13. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASASWOTStrenghts, Weaknesses, Opportunities, Threaths:punti di forza, debolezza, opportunità, minacceL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeFORZAFORZAFORZAFORZAValore aggiunto del prodottosul mercatoProdotto unico nel genereModo di trattare la storia inmaniera nuovaPrimo prodotto del genere adutilizzare la piattaforma webDEBOLEZZADEBOLEZZADEBOLEZZADEBOLEZZAAnalisi della debolezzapossibileL’utilizzo della piattaforma webpotrebbe non esseresupportata da un pubblicosufficiente come massa criticaOPPORTUNITA’OPPORTUNITA’OPPORTUNITA’OPPORTUNITA’I fattori esterni al progettocross-mediale che possonocreare sinergieLa crescita in ascolti di canalitematici sulla tv come RaiStoria sul DT e HistoryChannell su SkyMINACCEMINACCEMINACCEMINACCEUn grande broadcasterpotrebbe imitare il prodottocome diversificazione delproprio format
  • 14. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAPROGETTAZIONE DEL PRODOTTOIdee di fondo e strategie di comunicazione prima che il prodottosia realizzato. Il nocciolo comunicativo da centrareL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeIDEE DIIDEE DIFONDOFONDOIDEE DIIDEE DIFONDOFONDOQuale nocciolo comunicativosi vuole centrareLa strategia del prodotto“Historia magistra” è lacreazione di un format cheaiuti a ristudiare la storia e amantenere viva la memoriadel nostro tempo.Il senso della storia è lamemoria che va conservatacon l’aiuto delle immagini,dei suoni ma anche deiracconti dei protagonistiCONCEPTCONCEPTCOMUNICATIVOCOMUNICATIVOCONCEPTCONCEPTCOMUNICATIVOCOMUNICATIVOCome verrà perseguitol’obiettivo di comunicare ilconceptRacconta la tua storia: l’ideache chiunque può mandare lasua testimonianza diimmagini, foto e ricordi diepisodi storici importanti evederla raccontata in uncorto d’autore
  • 15. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAMETAFORA DEL PROGETTOL’immagine da usare come promozione del progettoIn Historia maestra vitae, la metafora più indicata, proprioper la natura del format è in realtà quella già usata cometitolo di uno dei format più famosi della Rai: La storia siamonoiL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-mediale
  • 16. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAFEEDBACKIndicazione del livello di interazione con il pubblico.Nel caso di un format storico l’interazione è data dalnumero di accessi al portale, dalla quantità di iscritti allaCommunity e dalla quantità di video del concorso per cortiL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-mediale
  • 17. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASATESTI E INTERFACCELa scelta dei testi (CARATTERE, DIDASCALIE, IMMAGINI E FOTO,VIDEO) e delle interfacce e della grafica, viene realizzato conulteriori professionalità di supportoGrafici, webmaster, programmatori, scenografi.L’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-mediale
  • 18. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAMOCK-UPIl mock-up è un modello riprodotto in scala ridotta omaggiorata, molto utilizzata nelle tecniche di scenografia e dipubblicità. Originariamente usato nell’insegnamentoscientifico (i modellini degli organi umani nelle lezioni dianatomia).Oggi la tecnica del mock-up è utilizzata nel web-design e neiprogetti 3dL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeLa prima puntata di Historia magistra vitae, racconta la caduta del Muro di Berlino,attraverso gli occhi di Franz e Gertrude, due cugini separati.Franz che vive da 8 anni in Baviera dopo essere fuggito dalla dittatura e Gertrude,rimasta a vivere a Berlino est. La puntata si snoda attraverso le lettere che Franz,che nel frattempo si è sposato e ha aperto un negozio di ferramenta a Monaco,scrive alla cugina e attraverso le immagini inedite delle ultime ore del Muro,scattate dal marito di lei, fotografo ufficiale del comune di Berlino est. Lo storicoinquadra la cornice entro la quale gli avvenimenti si sviluppano. Nessunatestimonianza diretta dei due, ma solo un incessante flusso di lettere e immagini.La puntata pilota è stata vista da 40 persone (30 uomini e 10 donne) di etàcompresa tra i 30 e i 50 anni…..
  • 19. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAGESTIONE UTENZAFeedback è elemento essenziale per il successo delprodotto cross-mediale. Occorre organizzare, gestire,stimolare l’utenzaL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeCONFIGUR.CONFIGUR.DATIDATICONFIGUR.CONFIGUR.DATIDATIInformazione più dettagliatapossibile sulle caratteristichesocio-demografiche deipotenziali fruitori. Anche conricerche specifiche.Una recente ricerca dellaCommissione europea per lacultura, individua l’attenzionemaggiore verso la storiarecente come segno di unaricerca di identità e memoriadei cittadini europei di frontealla globalizzazione…..ANALISIANALISICOMMUNITYCOMMUNITYANALISIANALISICOMMUNITYCOMMUNITYInformazione che deriva daidati selezionati dallediscussioni nelle communityNei giorni scorsi, sulla sciadella mostra a lui dedicata, èemerso da diversi utenti ildesiderio di conoscere eapprofondire l’episodio dellamorte di Almerigo Grinzl,primo fotoreporter italianocaduto nel 1987, sul fronte diguerra africano, dal materialefotografico e documentarioche lui ha lasciatoGESTIONEGESTIONEGESTIONEGESTIONERealizzazione di tabelle edatabase in cui inserire i datiraccolti per poi elaborarli
  • 20. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAINTEGRAZIONEPartendo dal Grand Master, il prodotto va presentato inmaniera pianificataL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeGRAND MASTERGRAND MASTERGRAND MASTERGRAND MASTERSpecificità del Grand Master(genere, trama – se c’è -,target)Il Grand Master è Historiamagistra vitae, format perwebtv, di 10 minuti, in vod. E’un programma educational,con spunti narrativi chepossono svilupparsi comedocu fiction (o docu drama)….
  • 21. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeFILIERAFILIERAPRODUTTIVAPRODUTTIVAFILIERAFILIERAPRODUTTIVAPRODUTTIVADescrizione delle diverse fasidi produzione. Questa fasedeve produrre un databasecon indicazione delle risorseusate che potrà servire nelcaso di modifiche in corsod’opera e successivamenteper meglio valutare leeconomie di scala necessariealla produzioneRisorseRisorseredazionaliredazionaliRisorseRisorseeditorialieditorialiHmv avrà unaredazione fissa di 5persone perl’elaborazione dei testiin tecnica di “scritturaindustriale”, sotto lasupervisione di unostorico…..Supporto esterno diuna struttura editorialeper la ricercaiconografica (video-immagini) che accedaad archivi o siaprovvista di archivi….AUTOPRODUZ.AUTOPRODUZ.AUTOPRODUZ.AUTOPRODUZ.Specificare la possibilità dicontenuti autoprodotti, siafinalizzati al format, sia pereventuali backstage da offrirecome contenuto aggiuntivoHmv si doterà di una strutturadi produzione per le intervisteai protagonisti e l’eventualerealizzazione di documentarinelle scuole dove verrannoproiettate le puntate….AreaAreatecnicatecnicaSviluppo e controllopiattaforme eapparecchiature(hardware e software)utilizzando unastruttura esternacontrollabile e menocostosa
  • 22. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAL’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialePRODUZIONEPRODUZIONEPRODUZIONEPRODUZIONESpecificare il modo in cuiavverranno le fasi diproduzioneHmv organizzerà un gruppodi lavoro coordinato tra laparte webtv e lo svilupposugli altri media. In modoparticolare la struttura checoordinerà il concorso fictiondovrà integrarsi con l’arearedazionale per garantire cheil prodotto derivato dalconcorso web sia coerente,sia nella grafica che neicontenuti, con il GrandMasterDISTRIBUZIONEDISTRIBUZIONEDISTRIBUZIONEDISTRIBUZIONESpecificare i vari media sucui il prodotto saràsviluppatoWebtv: in fruizione vodEditoria: serie di fascicolisettimanali, in edicole e inlibreriaGadget: serie miniature dacollezione integrabili nelfascicolo editoriale ovendibili separatamente neinegozi specializzati
  • 23. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAPARTNERSHIPIntegrando modelli di business e contenuti, vanno previstiaccordi con soggetti diversi: broadcaster televisivi, editori,operatori telefonici, operatori di rete, commerciali, istituzionaliecc.L’organizzazione di un progetto cross-medialeL’organizzazione di un progetto cross-medialeHistoria magistra vitae, sviluppa una partenrship con Google, allo scopo divalorrizare la piattaforma web e lanciare su You Tube il concorso fiction.Una partnership con History Channell per lo sviluppo di uno spinoff del formatUn accordo commerciale sarà realizzato con la Rai (Rainet e Rai Trade),rispettivamente per ospitare il format sul videoportale Rai e commercializzare icontenuti video in formato dvd. Questo accordo aggiungerà anche la partnershipdella De Agostini per la realizzazione della pubblicazione a fascicoli nelle edicole.Collaborazione con il Ministero dell’Istruzione per accordi con le scuolePartnership con aziende produttrici di modellismo e con un grande produttore divideogame per la ideazione e la produzione del gioco storico
  • 24. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASATipologie di progetti cross-medialiTipologie di progetti cross-medialiHISTORIA MAGISTRA VITAEHISTORIA MAGISTRA VITAEINTERNETINTERNET VIDEOGAMEVIDEOGAME WEBTVWEBTV SATSAT EDITORIAEDITORIAYou TubeYou TubeMerchandisingMerchandisingSpin offSpin offCommunityCommunity
  • 25. Prof. Giampaolo Rossi – Teorie e tecniche del linguaggio crossmediale - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASAHISTORIAHISTORIAMAGISTRA VITAEMAGISTRA VITAEINTERNETINTERNETEDITORIAEDITORIAVIDEOGAMEVIDEOGAMETipologie di progetti cross-medialiTipologie di progetti cross-medialiwww.historia.tvYOU TUBEYOU TUBECOMMUNITYCOMMUNITY