Cnn comunicato mef riunione 10072013

  • 327 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
327
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. CNN Notizie del 12 luglio 2013 Pagina 1 CNN NOTIZIE Anno 17, numero 134 Roma, 12 luglio 2013 A cura di: Domenico Cambareri Responsabili: Paolo Guida, Massimiliano Levi Coordinamento di Redazione: Francesca Minunni, Chiara Valentini Redazione: Francesca Bassi, Chiara Cinti, Mauro Leo, Annarita Lomonaco, Antonio Ruotolo Contatti: cnn.redazione@notariato.it www.notariato.it Trasmissione di Notartel S.p.A. ANTIRICICLAGGIO. RESOCONTO DELLA RIUNIONE PRESSO IL MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE Salvatore Lombardo e Marco Krogh Il 10 luglio u.s. si è tenuta una riunione convocata dal MEF a cui hanno partecipato i rappresentanti degli ordini e collegi professionali e le componenti istituzionali (MEF, UIF, Magistratura, Ragioneria dello Stato, CONSOB, GdF) per illustrare il piano d’azione e la tempistica per arrivare alla definizione di linee guida per l’assolvimento dell’obbligo di adeguata verifica in materia di antiriciclaggio da parte dei professionisti. Il Consiglio Nazionale del Notariato ha partecipato con una delegazione del Settore Antiriciclaggio. E’ stata predisposta una scaletta con tempi “serrati” per definire il progetto del MEF che si articola in tre fasi principali: 1. proposta degli ordini (entro settembre 2013; consultazioni con il MEF dalla seconda settimana di settembre); (Segue a pag. 2/3) LEGISLAZIONE & PRASSI Antiriciclaggio. Il comunicato UIF relativo al rapporto annuale sull'attività svolta nel 2012. Le segnalazioni dei notai aumentate dell’80% – pag. 7/8 PRIMO PIANO Segue da pag. 1 Consiglio Nazionale ANTIRICICLAGGIO. RESOCONTO DELLA RIUNIONE PRESSO IL MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE
  • 2. CNN Notizie del 12 luglio 2013 Pagina 2 Il 10 luglio u.s. si è tenuta una riunione convocata dal MEF a cui hanno partecipato i rappresentanti degli ordini e collegi professionali e le componenti istituzionali (MEF, UIF, Magistratura, Ragioneria dello Stato, CONSOB, GdF) per illustrare il piano d’azione e la tempistica per arrivare alla definizione di linee guida per l’assolvimento dell’obbligo di adeguata verifica in materia di antiriciclaggio da parte dei professionisti. Il Consiglio Nazionale del Notariato ha partecipato con una delegazione del Settore Antiriciclaggio. E’ stata predisposta una scaletta con tempi “serrati” per definire il progetto del MEF che si articola in tre fasi principali: 1. proposta degli ordini (entro settembre 2013; consultazioni con il MEF dalla seconda settimana di settembre); 2. coordinamento delle proposte (entro ottobre novembre 2013); 3. approvazione (cd. endorsement) delle linee guida (entro gennaio 2014). Al termine del lavoro è prevista l’apertura “a regime” di tavoli di lavoro tra categorie professionali ed autorità ai fini del coordinamento dell’attività ispettiva e/o sanzionatoria. L’obiettivo del progetto è quello di elaborare prassi operative tenendo conto delle specificità e peculiarità delle singole professioni e, quindi, un adeguamento delle procedure adottate dai professionisti agli standard normativi, anche internazionali. La tempistica è serrata in quanto si vorrebbe entro dicembre fornire al C.S.F. (Comitato di Sicurezza Finanziario) “materia prima o semilavorata” da sperimentare un anno per poi passarla a regime. Si vorrebbe, peraltro, che fossero elaborate procedure verificabili per facilitare la vigilanza sulla compliance dei professionisti agli standard normativi richiesti. Altri step sono previsti per la conservazione informatica degli atti pubblici, ambito nel quale il Notariato ha dato attuazione alla normativa. Si segnala che sono stati sollecitati anche gli altri ordini, oltre i notai, a dotarsi di una banca dati per la conservazione e consultazione degli atti pubblici, ai sensi dell’art. 38, comma 6-bis del d.lgs. 231 del 2007. Si è invitato l’ordine degli avvocati ad assumere il ruolo di soggetto interposto nella ricezione e trasmissione delle segnalazioni di operazioni sospette, alla pari degli altri ordini. Si è chiesto, inoltre, nella predisposizione delle linee guida, di evidenziare le criticità della normativa e possibilmente di formulare proposte. Le linee guida dovranno essere predisposte tenendo presente anche le indicazioni emergenti dalla IV direttiva antiriciclaggio, tutt’ora in corso di negoziazione. In particolare, se possibile, individuando categorie di clienti o di operazioni/prestazioni professionali che consentono un’adeguata verifica semplificata ed eventualmente categorie a maggior rischio. Il modello di riferimento chiesto dal MEF (cd. benchmark) è costituito dalle linee guida predisposte dalla Banca d’Italia per i propri soggetti vigilati, in quanto frutto di molti anni di esperienza. Questo progetto testimonia in qualche modo che sono state recepite le richieste più volte avanzate dal Notariato stesso: - sull’adozione di prassi operative adeguate alla specificità della professione notarile; - in ordine alla condivisione delle linee guida predisposte dal CNN da parte delle Istituzioni (la cd. “bollinatura” del CSF); - sulla istituzione di un tavolo permanente di confronto,
  • 3. CNN Notizie del 12 luglio 2013 Pagina 3 - sulla partecipazione del Notariato al coordinamento dell’attività ispettiva e sanzionatoria. Al termine del progetto, gli ordini professionali saranno invitati a partecipare alle riunioni del CSF quali membri esterni. Le linee guida da predisporre dovrebbero riguardare anche la normativa antifinanziamento del terrorismo e, quindi, dare indicazioni sulle misure di congelamento, liste terrorismo e programmi di sanzioni. Salvatore Lombardo CONSIGLIERE RESPONSABILE DEL SETTORE ANTIRICICLAGGIO Marco Krogh COMPONENTE DEL SETTORE ANTIRICICLAGGIO LEGISLAZIONE & PRASSI Prassi ANTIRICICLAGGIO. IL COMUNICATO UIF RELATIVO AL RAPPORTO ANNUALE SULL'ATTIVITÀ SVOLTA NEL 2012. LE SEGNALAZIONI DEI NOTAI AUMENTATE DELL’80% Dal sito della Banca d’Italia Banca d’Italia - Unità di Informazione Finanziaria COMUNICATO L’Unità di Informazione Finanziaria ha trasmesso al Ministro dell’Economia e delle Finanze per il successivo inoltro al Parlamento il Rapporto sull’attività svolta nel 2012, come previsto dall’articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231. Nel Rapporto vengono riepilogati, fra l’altro, i principali dati relativi all’attività di contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. Le segnalazioni di operazioni sospette complessivamente pervenute all’Unità di Informazione Finanziaria sono state oltre 67.000, ancora in forte crescita (36,6%) rispetto all’anno precedente; circa 170 segnalazioni hanno riguardato sospetti casi di finanziamento del terrorismo. Oltre il 96% delle segnalazioni proviene da banche e intermediari finanziari (circa 65.000); le segnalazioni dei professionisti e delle imprese non finanziarie, pur restando molto contenute rispetto alla numerosità dei potenziali segnalanti, sono aumentate da poco meno di 500 a quasi 2.400, principalmente per effetto delle segnalazioni dei notai cresciute dell’80%. La regione da cui proviene il maggior numero di segnalazioni di operazioni sospette è la Lombardia (19% del totale), seguita da Lazio e Campania (ciascuna 12% del totale).
  • 4. CNN Notizie del 12 luglio 2013 Pagina 4 L’analisi delle segnalazioni, l’osservazione del sistema e le verifiche ispettive hanno consentito all’UIF di continuare nell’opera di elaborazione e diffusione di schemi e modelli di comportamento anomalo: nel 2012 sono stati resi pubblici gli schemi relativi al contratto di factoring, alle frodi fiscali internazionali e a quelle nelle fatturazioni. L’attività di ricerca e studio si è focalizzata sugli utilizzi potenzialmente anomali dei nuovi strumenti di moneta elettronica. Si è intensificata la collaborazione con l’Autorità giudiziaria che ha riguardato, fra l’altro, indagini su riciclaggio di proventi da illecito utilizzo di rimborsi elettorali, da appropriazione indebita, da corruzione, da manipolazione di mercato, da raccolta abusiva del risparmio. Intensa è stata anche l’attività svolta nell’ambito di indagini su ipotesi di riciclaggio della criminalità organizzata. La collaborazione con le Financial intelligence unit estere si è confermata una fonte privilegiata di informazioni, ottenute con rapidità tramite strumenti di trasmissione efficienti e riservati: le richieste dell’UIF sono aumentate del 26% in relazione sia a esigenze di approfondimento delle segnalazioni di operazioni sospette che di collaborazione con gli Organi investigativi e l’Autorità giudiziaria. Con il 2012 si è concluso il primo quinquennio di vita dell’Unità di informazione finanziaria che, dal 2008, è subentrata all’Ufficio italiano dei cambi nell’attività di prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo. Si è trattato di un periodo intenso durante il quale la nuova entità, caratterizzata da una posizione istituzionale peculiare, ha dovuto organizzarsi in una diversa e più complessa configurazione, definita da nuovi compiti e da nuovi assetti. I risultati ottenuti sono stati significativi sia sul piano dello svolgimento dei compiti istituzionali, sia su quello organizzativo, con il conseguimento di progressivi rilevanti guadagni di efficacia, produttività ed efficienza operativa. Sono stati rafforzati i rapporti di collaborazione con l’Autorità giudiziaria, con gli Organi investigativi, con gli operatori, con le controparti estere. La risposta del sistema è stata positiva, come attesta il sensibile aumento delle segnalazioni di operazioni sospette. Dal 1997, anno di avvio del relativo obbligo, sono pervenute all’Unità circa 250.000 segnalazioni di cui 189.000 (il 75%) nell’ultimo quinquennio. La recente realizzazione di un nuovo sistema informatico per l’acquisizione e il trattamento delle segnalazioni ha consentito di fronteggiarne l’eccezionale incremento e di accelerare e razionalizzare il percorso di analisi. Nel 2012 il numero delle segnalazioni analizzate dall’Unità (oltre 60.000) è aumentato del 96% rispetto all’anno precedente; ulteriori incrementi della capacità produttiva dell’Unità sono stati conseguiti nel corso del 2013. In questi cinque anni il nuovo sistema di prevenzione del riciclaggio si è rafforzato e ha colto importanti risultati ma ulteriori passi possono essere compiuti per incrementarne l’efficacia. Alla luce delle nuove raccomandazioni adottate dal GAFI, obiettivo prioritario è l’aumento delle capacità di intelligence dell’Unità: è necessario un ampliamento delle basi informative, con l’accesso ad ulteriori fonti esterne. La disponibilità degli esiti investigativi e giudiziari delle segnalazioni di operazioni sospette, oltre ad affinare l’analisi, consentirebbe di migliorare anche il flusso di ritorno ai segnalanti, in linea con gli standard del GAFI e con le prassi vigenti negli altri paesi europei. La sempre più completa ed accurata analisi dei flussi finanziari, delle segnalazioni e delle basi informative anche di nuova acquisizione, le verifiche mirate sul campo, l’intensa collaborazione con le autorità di vigilanza di settore, con gli Organi investigativi e giudiziari e con la rete internazionale delle Financial intelligence unit consentiranno all’Unità di svolgere con sempre
  • 5. CNN Notizie del 12 luglio 2013 Pagina 5 maggior efficacia il proprio ruolo, affrontando con determinazione, nell’attuale contesto di debolezza del tessuto economico, le sfide della criminalità al corretto funzionamento dei mercati. Per visualizzare l’intero comunicato stampa e le relative tabelle consultare il sito della Banca d’Italia al seguente LINK Note Legali I testi pubblicati sono di proprietà del Consiglio Nazionale del Notariato e ad uso esclusivo del destinatario. La riproduzione e la cessione totale o parziale effettuata con qualsiasi mezzo e su qualsiasi supporto idoneo alla riproduzione e trasmissione non è consentita senza il consenso scritto della Redazione. Ai sensi dell'art. 5 della legge 633/1941 sul diritto d'autore, i testi di legge e degli atti ufficiali dello Stato e delle pubbliche amministrazioni, italiane o straniere, non sono coperti da diritto d'autore; tuttavia l'elaborazione, la forma e la presentazione dei testi stessi si intendono protette da copyright.