Arce no note rev2 2012 krogh antiriciclaggio
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Arce no note rev2 2012 krogh antiriciclaggio

on

  • 507 views

 

Statistics

Views

Total Views
507
Views on SlideShare
507
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Arce no note rev2 2012 krogh antiriciclaggio Presentation Transcript

  • 1. 1
  • 2. ECONOMICA SOCIALE GIURIDICA Notaio Marco Krogh2
  • 3. Norme dirette a sanzionare il riciclaggio come reato Norme dirette a prevenire, reprimere, impedire, ostacolare il riciclaggio Notaio Marco Krogh3
  • 4. NON E’ EVENTO ISTANTANEO, MA IL RISULTATO DI PIU’ AZIONI CHE SI SVILUPPANO: IN UN TEMPO INDEFINITO IN UNO SPAZIO SENZA CONFINI Notaio Marco Krogh4
  • 5. Definizioni omogenee e condivisione dell’area di illegalità da combattere Individuazione di uno standard normativo minimo che tutti gli Stati devono adottare Notaio Marco Krogh5
  • 6. • Art. 648 bis c.p. Nozione penale • Art. 648 ter c.p. Nozione • Art. 2 d.lgs.231/2007 amministrativa Notaio Marco Krogh6
  • 7. REATI TRIBUTARI EVASIONE FISCALE Notaio Marco Krogh7
  • 8. ELUSIONE FISCALE ED ABUSO DEL DIRITTO Notaio Marco Krogh8
  • 9. PROVENIENZA DELITTUOSA DELLE RISORSE FINANZIARIE UTILIZZATE Notaio Marco Krogh9
  • 10. Preteso obbligo a carico del Utilizzo delle norme professionista di controllare antiriciclaggio per compiere l’assolvimento degli obblighi indagini fiscali tributari da parte del cliente Notaio Marco Krogh10
  • 11. Notaio Marco Krogh11
  • 12. RESPONSABILITA’ DEL NOTAIO PER LA STIPULAZIONE DI ATTI SIMULATI O FRAUDOLENTI FINALIZZATI ALLA SOTTRAZIONE DI BENI ALLA RISCOSSIONE DELLE IMPOSTE Notaio Marco Krogh12
  • 13. E’ richiesta la sussistenza del dolo Il dolo eventuale non è specifico e non del dolo generico compatibile con la necessità che per integrare la fattispecie de qua sussista il dolo specifico Notaio Marco Krogh13
  • 14. Gli atti simulati e fraudolenti nella communis opinio evocano un disvalore sociale, per il giurista, invece, rappresentano categorie giuridiche da definire ed analizzare allo scopo di verificare il grado di rilevanza giuridica assegnata dal Legislatore agli atti appartenenti, in via generale, alla categoria di riferimento e per verificare se, a tutela di determinati beni giuridici, in casi specifici. Gli effetti e le conseguenze riconducibili astrattamente ad un atto simulato o fraudolento possono essere, di volta in volta, di natura meramente privatistica ovvero di tipo amministrativo o penale. Notaio Marco Krogh14
  • 15. La finalità è riferita esclusivamente alle imposte sui redditi e sul valore aggiunto nonché agli interessi e sanzioni amministrative per dette imposte; La soglia di rilevanza è stata fissata in euro 50.000 (non è condizione obiettiva di punibilità, ma elemento del reato) Sono fuori dalla rilevanza penale della norma de qua le altre imposte: indirette, la TARSU, le sanzioni amministrative, i debiti previdenziali Notaio Marco Krogh15
  • 16. l’obbligazione tributaria; la generica garanzia patrimoniale a tutela della riscossione dei tributi de quibus la procedura di riscossione coattiva Notaio Marco Krogh16
  • 17. Assenza di garanzie Incapienza del speciali ovvero di Preesistenza patrimonio del misure che rendano dell’obbligo tributario debitore inopponibili all’Erario gli atti posti in essere Estinzione o Pretesa inesistente o pagamento successivo illegittima dell’obbligazione tributaria17 Notaio Marco Krogh
  • 18. PRESUNTA PRESUNTA RILEVANZA DELLA COINCIDENZA DELLA MANCATA FINALITA’ INDICAZIONE DELLE SOTTRATTIVA CON RAGIONI L’EFFETTO GIUSTIFICATRICI SEGREGATIVO DELLA DERIVANTE DALLA COSTITUZIONE DEL COSTITUZIONE DEL FONDO FONDO PATRIMONIALE PATRIMONIALE Notaio Marco Krogh18
  • 19. CONCLUSIONI Il notaio che riceva un’alienazione simulata o un atto fraudolento risponderà a titolo di concorso esclusivamente qualora “sappia e voglia” (art. 43 c.p.) e quindi che abbia la consapevolezza:  che l’atto sia simulato o sia fraudolento;  che sussista un debito tributario a carico del soggetto che aliena simulatamente o dispone fraudolentemente dei propri beni;  che il debito tributario sia riferibile al pagamento di imposte sui redditi o sul valore aggiunto ovvero di interessi o sanzioni amministrative relativi a dette imposte;  che l’ammontare complessivo del debito tributario sia superiore ad euro cinquantamila. Inoltre, deve avere la volontà di contribuire con la propria condotta alla realizzazione dell’evento antigiuridico e, quindi, far proprio il fine illecito dell’autore. Notaio Marco Krogh19