Valutazione ambientale di progetti ed opere

1,053 views

Published on

Commento alla disciplina della Valutazione di Impatto Ambientale - aggiornamento al 2011

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,053
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
23
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Valutazione ambientale di progetti ed opere

  1. 1. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/ VALUTAZIONE AMBIENTALE DI PROGETTI ED OPERE 2011 NOTE SUL D. LGS 152/2006 (TU ambiente) aggiornate ai D. LGS 16 gennaio 2008, n. 41 D. LGS 29 giugno 2010 n.1282 Di Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it1 “Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materiaambientale”. (GU n. 24 del 29-1-2008- Suppl. Ordinario n.24).2 Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale, a normadellarticolo 12 della legge 18 giugno 2009, n. 69. (10G0147) (GU n. 186 del 11-8-2010 - Suppl. Ordinario n.184) 2011 VIA - 1 / 133
  2. 2. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/SommarioPRINCIPI GENERALI E DEFINIZIONI............................................................................................ 4 Norme comunitarie recepite (articolo 4) .......................................................................................... 4 Normativa vigente modificata .......................................................................................................... 4 Normativa speciale in materia di VIA ............................................................................................. 5 I fattori su cui misurare gli impatti (articolo 4)................................................................................ 5 Finalità della VIA (lettera b) articolo 5 e articolo 19) ..................................................................... 5 I costi della VIA ............................................................................................................................... 6 Impatto ambientale significativo ai fini della applicabilità della VIA (lett. c) articolo 5 ................ 7 Sul concetto di progetto sottoponibile a VIA................................................................................... 9AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA VIA ................................................................................... 12 Elenco progetti sottoponibili a VIA senza preventiva verifica ...................................................... 12 Progetti sottoponibili a procedura di verifica di assoggettabilità ................................................... 16 Sul concetto di modifica di progetti esistenti a fini della applicabilità della procedura di verifica ........................................................................................................................................................ 16 Sulla interpretazione nazionale delle diverse tipologie di progetti in rapporto alle categorie di opere contenute nell’allegato II alla Direttiva 85/337 ................................................................... 19 I criteri per la verifica di assoggettabilità e gli indirizzi della giurisprudenza della Corte di Giustizia UE ................................................................................................................................... 20 La VIA sui progetti non previsti dagli allegati I e II della Direttiva 85/337.................................. 28 Integrazione regionale delle soglie dimensionali delle categorie di progetti ex allegato IV ......... 29 Poteri delle Regioni di modifica delle categorie di opere sottoponibili a VIA: la posizione della Corte Costituzionale....................................................................................................................... 31 Casi di esclusione dalla VIA : categorie di opere ex allegato IV .................................................. 33 Casi di esclusione dalla VIA: opere di difesa nazionale (comma 10 articolo 6) ........................... 34 Casi di esclusione dalla VIA: interventi urgenti di protezione civile (c. 11 articolo 6)................. 34 La Corte Costituzionale sulla esclusione dalla VIA sulle opere di protezione civile e temporanee ........................................................................................................................................................ 35 Casi di esclusione dalla VIA: impianti geotermici sotto 1 MW .................................................... 36 Casi di esclusione della VIA: le strade solo perché private non possono essere escluse dalla VIA ........................................................................................................................................................ 36 Il concetto di smaltimento rifiuti differenze tra normativa sulla VIA e sui rifiuti ......................... 37COMMISSIONE TECNICA DI VERIFICA DELL’IMPATTO AMBIENTALE -VIA E VAS(ARTICOLO 8) .................................................................................................................................. 38NORME DI SEMPLIFICAZIONE E COORDINAMENTO ............................................................ 41 Accordi procedimentali (comma 3 articolo 9) ............................................................................... 41 Assorbimento dell’AIA nella VIA (articolo 10) ............................................................................ 42 Coordinamento VIA e Valutazione di Incidenza (comma 3 articolo 10) ...................................... 45 Linee di coordinamento VIA-VAS (commi 4 e 5 articolo 10 – comma 2 articolo 19) ................. 45LE FASI della PROCEDURA di VIA ............................................................................................. 48 Le Fasi della procedura di VIA ...................................................................................................... 48 Specifiche tecniche per la predisposizione e la trasmissione della documentazione in formato digitale per le fasi della procedura di VIA ..................................................................................... 48 Il problema della qualità della informazione nella documentazione istruttoria delle procedure di Verifica e di VIA ordinaria ............................................................................................................ 49 Il problema della partecipazione del pubblico ............................................................................... 49 La fase di verifica di assoggettabilità alla VIA (articolo 20) ......................................................... 50 La fase preliminare o della definizione del contenuto dello studio di impatto .............................. 56 Lo studio di impatto ambientale( SIA) ......................................................................................... 59 Fase di Valutazione di Impatto Ambientale ................................................................................... 64 2011 VIA - 2 / 133
  3. 3. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/ Conferenza dei servizi e VIA ......................................................................................................... 84 Impugnazioni del provvedimento di VIA: problematiche applicative........................................... 87 Indirizzi emersi dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia sulla fase del procedimento autorizzatorio in cui svolgere la VIA ............................................................................................. 98 Il modello di organizzazione dello stato membro per la gestione del procedimento di VIA deve rispettare il principio del giudizio di VIA precedente alla autorizzazione del progetto ............ 98 La VIA tramite atto legislativo .................................................................................................. 99 Quale istruttoria per una valutazione di impatto ambientale coerente con la Direttiva 85/337 .................................................................................................................................................. 101 La VIA nel caso di procedure autorizzatorie in più fasi ......................................................... 101 Inizio lavori senza VIA ............................................................................................................ 102 La VIA su progetti in caso di rinnovo della autorizzazione .................................................... 102 La VIA ex post ......................................................................................................................... 108CONTROLLI E SANZIONI (ARTICOLO 29) ............................................................................... 114VALUTAZIONI AMBIENTALI INTERREGIONALI E TRANSFRONTALIERE ..................... 118 Impatti ambientali interregionali (articolo 30) ............................................................................. 118 Attribuzione competenze (articolo 31) ........................................................................................ 118Consultazioni transfrontaliere (articolo 32) ..................................................................................... 119Sul concetto di impatto ambientale trasfrontaliero secondo la Corte di Giustizia ........................... 120ONERI ISTRUTTORI ..................................................................................................................... 122 Oneri istruttori nella procedura di VIA ........................................................................................ 122 Oneri istruttori nella procedura di AIA ........................................................................................ 123NORME TRANSITORIE ................................................................................................................ 124 Nuove norme tecniche sui SIA e regime transitorio per quelle esistenti .................................... 124 Analisi del DPCM 27/12/1988 ..................................................................................................... 124 Adeguamento normativa regionale ............................................................................................. 128 Procedimento VIA – VAS in corso.............................................................................................. 130ABROGAZIONI .............................................................................................................................. 131 2011 VIA - 3 / 133
  4. 4. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/PRINCIPI GENERALI E DEFINIZIONINorme comunitarie recepite (articolo 4)Il presente DLgs (nei titoli I, III e IV della Parte II ) costituisce attuazione delle direttive : - 85/337/CEE modificata dalle direttive 97/11/CE e 2003/35/CE3 in materia di VIA - 96/61/CE in materia di prevenzione e riduzione integrate dell’inquinamento - 2008/1/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 15 gennaio 2008, concernente la prevenzione e la riduzione integrate dellinquinamento4.In particolare con riferimento all’AIA il comma 2 dell’articolo 4 recita che il presente decretoindividua , nell’ambito della procedura di VIA modalità di semplificazione e coordinamento delleprocedure autorizzatorie in campo ambientale, ivi comprese le procedure di cuial Titolo III- bis Parte Seconda del DLgs 152/2006: sulla autorizzazione integrata ambientale5.La Direttiva 96/61 (ora Direttiva 2008/1/CE) individuava a sua volta una serie di indirizzi per ilcoordinamento tra AIA e VIA: - lasciare impregiudicate le disposizioni della DIR sulla VIA6 - possibilità di riutilizzare le informazioni emerse dalla istruttoria sulla VIA anche nella procedura per il rilascio dell’AIAInfine la stessa DIR 85/337 come modificata dalla DIR 97/11 afferma al paragrafo 2 bis articolo 2che “Gli Stati membri possono prevedere una procedura unica per soddisfare i requisiti dellapresente direttiva e quelli della direttiva 96/61/CE del Consiglio, del 24 settembre 1996, sullaprevenzione e il controllo integrati dellinquinamento”.Normativa vigente modificataIl DLgs 4/2008 ha abrogato gli articoli da 4 a 52 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152 (testounico ambientale) Gli allegati da I a V della Parte II del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152,sono sostituiti dagli allegati da I a VII al presente decreto. Il DLgs 128/2010 ha a sua voltamodificato numerosi articoli del DLgs 152/2006 già sostituiti dal DLgs 4/2008 e ha inoltreintrodotto la disciplina dell’AIA realizzando una abrogazione implicita del DLgs 59/20057.3 Direttiva 2003/35 del 26 maggio 2003 che prevede la partecipazione del pubblico nellelaborazione di taluni piani eprogrammi in materia ambientale e modifica le direttive del Consiglio 85/337/CEE e 96/61/CE relativamente alla partecipazione delpubblico e allaccesso alla giustizia.4 La nuova direttiva 2008/1/Ce riunisce in un unico testo le norme previste dalla direttiva 96/61/Ce e successivi provvedimentidi modifica ed integrazione, senza apportare modifiche alla normativa precedente ma abrogando formalmente la DIR 96/61.5 Titolo inserito dal dlgs 128/20106 A conferma si veda la nuova lettera c) comma 4 articolo 4 dlgs 152/2006 (introdotta dal dlgs 128/2010) secondo la quale:“lautorizzazione integrata ambientale ha per oggetto la prevenzione e la riduzione integrate dellinquinamento proveniente dalle attivitàdi cui allallegato VIII e prevede misure intese a evitare, ove possibile, o a ridurre le emissioni nellaria, nellacqua e nel suolo,comprese le misure relative ai rifiuti, per conseguire un livello elevato di protezione dellambiente salve le disposizioni sulla valutazionedi impatto ambientale”7 Attuazione integrale della direttiva 96/61/CE relativa alla prevenzione e riduzione integrate dellinquinamento. (GU n. 93 del22-4-2005- Suppl. Ordinario n.72) 2011 VIA - 4 / 133
  5. 5. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/Normativa speciale in materia di VIAVengono fatte salve le procedure speciali anche in materia di VIA per le c.d. infrastrutturestrategiche ( si veda comma 2 articolo 1 legge 443/2001 , DLgs 190/2002 come modificato dalDLgs 189/2005) . Infatti in nessuna parte del DLgs 152/2006 (e successive modifiche) questenormative vengono trattate: ne in sede di modifica , ne in sede di normativa transitoria o dicoordinamento/integrazione con le procedure ordinarie disciplinate dal DLgs 152/2006. L’unicaeccezione è l’assorbimento della Commissione speciale VIA per le opere strategiche, di cui al DLgs190/2002 sopra citato così come modificato dal DLgs 189/2005, nella Commissione tecnica diverifica per l’impatto ambientale , sul punto si rinvia all’apposito paragrafo 3 . Per un esame dellanormativa speciale in materia di VIA si rinvia all’Appendice 2 .I fattori su cui misurare gli impatti (articolo 4)Si recepisce integralmente il testo dell’articolo 3 della DIR 85/337( come sostituito dalla DIR97/11) , inserendo inoltre il patrimonio culturale in conformità al comma 1 articolo 2 DLgs 42/2004(Codice del Paesaggio) secondo il quale per tale si intende quanto costituito dai beni culturali e daibeni paesaggistici.Finalità della VIA (lettera b) articolo 5 e articolo 19)Con la nuova lettera b) dell’articolo 5 (combinato disposto con il comma 3 articolo 4 DLgs152/2006) si definiscono le finalità della VIA (insieme con la VAS):“assicurare che lattività antropica sia compatibile con le condizioni per uno sviluppo sostenibile, equindi nel rispetto della capacità rigenerativa degli ecosistemi e delle risorse, della salvaguardiadella biodiversità e di unequa distribuzione dei vantaggi connessi allattività economica. Per mezzodella stessa si affronta la determinazione della valutazione preventiva integrata degli impattiambientali nello svolgimento delle attività normative e amministrative, di informazione ambientale,di pianificazione e programmazione”.Si conferma quindi nella VIA (sia nella procedura di verifica che nella procedura ordinaria)l’importanza di una adeguata istruttoria8 basata sui dati tecnici oltre il carattere discrezionale della8 Consiglio di Stato 4246/2010: “E’ stato chiarito che nel rendere il giudizio di valutazione di impatto ambientale (ed a maggior ragionenell’effettuare la verifica preliminare), l’amministrazione esercita una amplissima discrezionalità tecnica sebbene censurabile sia permacroscopici vizi logici, sia per errore di fatto, sia per travisamento dei presupposti (cfr. Trib. Sup. acque pubbliche, 11 marzo 2009, n.35; Cons. St., sez. VI, 19 febbraio 2008, n. 561; sez. VI, 30 gennaio 2004, n. 316); essa non deve limitarsi, a mente della direttiva85/337 cit., ad apprezzare solo i profili di ubicazione e dimensione del progetto, ma ha l’obbligo di accertarne la natura sostanziale (cfr.da ultimo Corte giustizia., 25 luglio 2008, c-142/07). Il problema del punto di equilibrio tra realizzazione di infrastrutture e tuteladell’ambiente e del paesaggio e, dunque, del concreto atteggiarsi del principio dello sviluppo sostenibile (ora codificato dall’art. 3 quater,d.leg. 152/06), meglio si chiarisce anche in relazione alla valutazione dell’utilizzazione economica delle aree protette; per cui nondovrebbe parlarsi di sviluppo sostenibile ossia di sfruttamento economico dell’ecosistema compatibile con esigenza di protezione, ma,con prospettiva rovesciata, di protezione sostenibile, intendendosi con tale terminologia evocare i vantaggi economici che la protezionein sé assicura senza compromissione di equilibri economici essenziali per la collettività, ed ammettere il coordinamento fra interessealla protezione integrale ed altri interessi solo negli stretti limiti in cui l’utilizzazione del territorio non alteri in modo significativo ilcomplesso dei beni compresi nell’area protetta; si deve ammettere l’alterazione dei valori ambientali solo in quanto non vi sianoalternative possibili da individuarsi proprio grazie alla procedura di V.I.A. (Cons. Stato, sez. VI, 16 novembre 2004, n. 7472). Dettoaltrimenti, alla stregua della disciplina comunitaria e nazionale (ed eventualmente regionale), la V.I.A. non può essere intesa comelimitata alla verifica della astratta compatibilità ambientale dell’opera ma si sostanzia in una analisi comparata tesa a valutare il sacrificioambientale imposto rispetto all’utilità socio economica, tenuto conto delle alternative praticabili e dei riflessi della stessa “opzione zero”;la natura schiettamente discrezionale della decisione finale (e della preliminare verifica di assoggettabilità), sul versante tecnico edanche amministrativo, rende allora fisiologico ed obbediente alla ratio su evidenziata che si pervenga ad una soluzione negativa ovel’intervento proposto cagioni un sacrificio ambientale superiore a quello necessario per il soddisfacimento dell’interesse diverso sottesoall’iniziativa; da qui la possibilità di bocciare progetti che arrechino vulnus non giustificato da esigenze produttive, ma suscettibile divenir meno, per il tramite di soluzioni meno impattanti in conformità al criterio dello sviluppo sostenibile e alla logica della proporzionalitàtra consumazione delle risorse naturali e benefici per la collettività che deve governare il bilanciamento di istanze antagoniste (cfr.Cons. St., sez. VI, 22 febbraio 2007, n. 933). In questa direzione la giurisprudenza comunitaria conferisce alla procedura di V.I.A., nelquadro dei mezzi e modelli positivi preordinati alla tutela dell’ambiente un ruolo strategico valorizzando le disposizioni della direttiva85/337 cit. che evidenziano come la politica comunitaria dell’ambiente consista, ante omnia, nell’evitare fin dall’inizio inquinamenti edaltre perturbazioni, anziché combatterne successivamente gli effetti: conformemente ai principi “costituzionali” dei trattati, scopodell’U.E. è la tutela preventiva dell’ambiente (cfr. Corte giustizia, sez. V, 21 settembre 1999, c-392/96; sez. VI, 16 settembre 1999, c-435/97).” 2011 VIA - 5 / 133
  6. 6. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/decisione che conclude il procedimento di VIA, concetto quest’ultimo su cui si tornerà in seguitonel presento commento.Sotto il profilo procedurale la VIA si presenta come un procedimento, dotato di autonomia9,comprensivo : - dello svolgimento di una verifica di assoggettabilità - della definizione/presentazione dei contenuti dello studio di impatto ambientale - la presentazione e la pubblicazione del progetto - dello svolgimento di consultazioni - la valutazione del progetto, dello studio di impatto e degli esiti delle consultazioni - la decisione - l’informazione sulla decisione - il monitoraggio .Qui il riferimento di diritto comunitario è oltre al testo della DIR 85/337 (articoli 2 e 4 inparticolare) anche all’interpretazione della Corte di Giustizia10 relativamente alle requisitiprocedurali minimi che deve avere la VIA : - Domanda con allegato progetto e studio di impatto - Fase di consultazione del pubblico e amministrazioni interessate - valutazione dello studio di impatto sulla base anche della consultazione - giudizio di VIA distinto e precedente l’autorizzazione alla realizzazione dell’operaI costi della VIASecondo la relazione11 della Commissione UE sulla applicazione della Direttiva VIA: “I vantaggidella VIA non possono, nella maggior parte dei casi, essere espressi in termini monetari, tuttavia èampiamente riconosciuto che i vantaggi derivanti dallo svolgimento di una VIA superano i costisostenuti per realizzarla, come confermano anche gli studi disponibili. Oltre a ciò, basandosi sullavalutazione di progetti cofinanziati nellambito della politica regionale dellUE, in particolareprogetti di grandi dimensioni, la Commissione ha potuto concludere che le VIA hanno migliorato laconcezione dei progetti e il processo decisionale (compresa la partecipazione delle autoritàresponsabili per lambiente e dei cittadini) e che hanno contribuito a migliorare lintegrazione delleconsiderazioni di ordine ambientale.” In particolare la Relazione annota che: “I costi per lapreparazione di una VIA espressi come percentuale del costo totale del progetto variano in generedallo 0,1% (grandi progetti) all1,0% (progetti di piccole dimensioni). Queste stime forniscono una9 “…..fin dal loro ingresso nel loro ordinamento, le procedure di V.I.A. e di screening, pur inserendosi sempre all’interno del piùampio procedimento di realizzazione di un opera o di un intervento, sono state considerate da dottrina e giurisprudenza prevalenticome dotate di autonomia, in quanto destinate a tutelare un interesse specifico (quello alla tutela dell’ambiente), e ad esprimere alriguardo, specie in ipotesi di esito negativo, una valutazione definitiva, già di per sé potenzialmente lesiva dei valori ambientali; diconseguenza, gli atti conclusivi di dette procedure sono stati ritenuti immediatamente impugnabili dai soggetti interessati allaprotezione di quei valori (siano essi associazioni di tutela ambientale ovvero, come nel caso che occupa, cittadini residenti in loco).”Consiglio di Stato sentenza n. 1213-200910 “... qualunque sia il metodo adottato da uno Stato per stabilire se uno specifico progetto richieda o meno la VIA ..... talemetodo non deve ledere l’obiettivo perseguito dalla direttiva, con la quale si vuole fare in modo che non sfugga alla VIA nessun progettoidoneo ad avere un notevole impatto sull’ambiente..... il legislatore poteva sottrarre il progetto all’obbligo di valutazione solo se, alla datadi adozione della legge regionale 27/1992 , era in grado di valutare in modo preciso l’impatto complessivo che avrebbe potuto averel’insieme dei lavori di esecuzione del progetto . Occorre pertanto risolvere la terza questione nel senso che, nel caso di un progetto cherichiede una valutazione ai sensi della direttiva, lart. 2, n. 1 e 2, della stessa autorizza uno Stato membro a servirsi di una procedura divalutazione diversa da quella istituita dalla direttiva, ove detta procedura sia incorporata in una procedura nazionale esistente o dastabilire ai sensi dellart. 2, n. 2, della direttiva. Tuttavia, detta procedura alternativa deve soddisfare i requisiti di cui agli artt. 3 e da 5 a10 della direttiva, tra i quali la partecipazione del pubblico ai sensi dellart. 6 della stessa ” Corte di Giustizia 16/9/1999 (causaC435/97 su domanda di decisione pregiudiziale del TAR Bolzano ).11 Bruxelles, 23.7.2009 - COM(2009) 378 definitivo 2011 VIA - 6 / 133
  7. 7. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/prospettiva iniziale, ma non tengono ovviamente in considerazione altri costi (ad es. modifichesuccessive, comunicazione di informazioni, ritardi, ecc..)”.Impatto ambientale significativo ai fini della applicabilità della VIA (lett. c) articolo 5Viene fornita una definizione ampia di impatto ambientale , definizione necessaria per utilizzarlacome parametro ( o insieme di parametri) al fine di definire la significatività dell’impatto perl’applicabilità della VIA secondo il comma 5 dell’articolo 612. In particolare per impatto ambientalesi intende : “ alterazione qualitativa e/o quantitativa , diretta ed indiretta, a breve e a lungotermine, permanente e temporanea, singola e cumulativa , positiva e negativa dell’ambiente, intesocome sistema di relazioni fra i fattori antropici, naturalistici, chimico-fisici, climatici,paesaggistici, architettonici, culturali , agricoli ed economici, in conseguenza dell’attuazione diprogetti nelle diverse fasi della loro realizzazione, gestione, dismissione nonché di eventualimalfunzionamenti”.In tal modo possiamo dire che vengano rispettate le condizioni generali di applicabilità della VIA13,secondo la significatività14 15 dell’impatto del progetto per la sua natura, dimensioni od ubicazione.16Secondo la relazione della Commissione UE sullo stato di applicazione della VIA (anno 2003 punto4.6.10 pag. 90) anche se la direttiva VIA non prevede esplicitamente che la salute umana vengapresa in esame nellambito del processo di valutazione, larticolo 3 (vedi lettera c) articolo 5 delDLgs) in effetti stabilisce che la valutazione dellimpatto ambientale deve individuare, descrivere evalutare gli effetti diretti e indiretti di un progetto su vari fattori, tra cui gli esseri umani. Varierisposte hanno messo in evidenza che, pur dovendo in teoria essere presi in esame nella VIA12 “La valutazione dimpatto ambientale, riguarda i progetti che possono avere impatti significativi e negativi sullambiente e sulpatrimonio culturale”13 Comma 5 articolo 6 : “La valutazione di impatto ambientale riguarda i progetti che possono avere impatti significativisull’ambiente e sul patrimonio culturale”.14 Consiglio di Stato 5186/2008: “per <<area interessata dalla cava>>, deve intendersi, non solo l’area di escavazione, ma l’interaarea destinata ad attività di cava, comprensiva, oltre a quella dello scavo, anche di quella di accumulo dei materiali, di manovra e dicarico e scarico, in quanto comunque funzionale all’attività di cava. Tale interpretazione è avvalorata dalla ratio della norma volta aporre limiti all’attività di cava in considerazione dell’impatto ambientale che la stessa può avere. Sotto questo profilo, il Collegio ritieneche l’impatto sul territorio dipenda non solo dall’area strettamente destinata all’escavazione, ma dall’intera area funzionale all’attività dicava, la quale risulta oggetto di lavorazione e di trasformazione urbanistico, rilevando, così, sotto l’aspetto ambientale.”15 Consiglio di Stato 4246/2010: “In particolare è eccentrico, rispetto al quadro delle norme e dei principi che si è dianzi sintetizzato,valorizzare la nozione di “centro abitato” contemplata dal codice della strada (artt. 3 e 4). La giurisprudenza è univoca nel segnalarne ladiversa connotazione giuridica rispetto all’analogo concetto previsto dalla disciplina urbanistica (art. 41-quinquies, l. n. 1150 del 1942); afortiori queste conclusioni valgono per la procedura di V.I.A. atteso che scopo essenziale della normativa stradale è quello di assicurarela sicurezza della circolazione mediante prescrizioni tecniche e norme di comportamento (cfr. da ultimo Cons. St., sez. II, 11 marzo2009; sez. IV, 5 aprile 2005, n. 1560). Al contrario l’area in questione, pur non essendo gravata da vincoli ambientali o paesaggistici enon ricadendo in area naturale protetta (tanto è vero che il Parco del Mincio nella sostanza non si opposto all’intervento per quanto disua competenza):a) è prospiciente al centro storico (e segnatamente al palazzo ducale), da cui dista poche centinaia di metri;b) si affaccia sul fiume Mincio;c) si pone come intercapedine fra il centro storico ed altri agglomerati urbani ed industriali (meglio descritti in precedenza).Non appare pertanto abnorme o manifestamente illogica o sviata la decisione del comune di negare i permessi edilizi, mancando laverifica di compatibilità, sulla scorta di quanto previsto dal più volte menzionato art. 1, co. 6, se rettamente interpretato l’Allegato tecnicoB; il carattere consolidato dell’area è tale se riguardato sotto il profilo che conserva ancora tratti di autonoma valenza ambientale,storica, paesaggistica; pur trattandosi di area racchiusa in zone di territorio che la rendono, ai fini della disciplina dettata in materia diV.I.A., una sorta di “ponte” fra il centro storico - ubicato oltre il fiume, e gli altri agglomerati ubicati alle sue spalle. E’ dunque irrilevanteche la destinazione urbanistica dell’area - zona C - preveda l’espansione residenziale, ovvero che non siano presenti sul suolo opere diurbanizzazione primaria o secondaria.”16 Paragrafo 1 articolo 2 DIR 85/337. Si ricorda che secondo la Corte di Giustizia è in contrasto con la direttiva sulla VIA unrecepimento: “… mediante il ricorso a soglie limite tali che, per determinare se un progetto vada sottoposto ad uno studio di impattoambientale, non viene preso in considerazione l’insieme delle sue caratteristiche, ma solo le sue dimensioni ….. infatti, anche inprogetto di dimensioni ridotte può avere un notevole impatto sull’ambiente se è localizzato in un luogo in cui i fattori ambientalicontemplati dall’articolo 3 della direttiva (come la fauna, flora, il suolo, l’acqua, il clima o il patrimonio culturale) sono sensibili al minimocambiamento “ Corte di Giustizia sez. V 21/9/1999 (Causa C – 392/96). 2011 VIA - 7 / 133
  8. 8. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/nellambito della valutazione dellimpatto sugli esseri umani, in pratica gli effetti sulla salute sonodescritti con poca dovizia di particolari e spesso in maniera meno dettagliata rispetto agli impattibiofisici.In Belgio, ad esempio, la regione delle Fiandre ha elaborato linee guida in collaborazione conlamministrazione per la sanità e con lunità responsabile della VIA. Le linee guida irlandesiindicano che occorre adottare un approccio di valutazione del rischio e anche i Paesi Bassiriconoscono che esiste uno stretto legame tra valutazione del rischio e valutazione dellimpatto sullasalute. I Paesi Bassi propongono uninteressante classificazione degli effetti sulla salute: - salute (fisici) - in genere sono valutati dal punto di vista quantitativo (ad esempio quali standard basati sulla salute e riferiti agli inquinanti vengono superati); - benessere (disturbi) - ad esempio cattivi odori, rumore o problemi di visibilità; si applica una combinazione di standard qualitativi e quantitativi; - effetti socioeconomici legati alla salute - occupazione e cessazione dellattività lavorativa, ma vengono discussi solo in via generale.Nei Paesi Bassi è prassi anche valutare gli impatti sui gruppi piuttosto che sugli individui 2011 VIA - 8 / 133
  9. 9. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/Sul concetto di progetto sottoponibile a VIASi veda Corte di Giustizia 28/2/2008 (causa C2-07) avente ad oggetto la domanda di pronunciapregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell’art.234 CE, dalla Cour de Cassation (Belgio) condecisione 14 dicembre 2006.La Corte relativamente alla questione pregiudiziale che chiede di verificare se una convenzionecome quella di cui trattasi nella causa principale sia un «progetto» ai sensi della direttiva 85/337,afferma quanto segue: “23. Tale questione esige una soluzione negativa. Infatti, dallo stesso tenoreletterale dell’art.1, n.2, della direttiva 85/337 risulta che il vocabolo «progetto» riguarda lavori ointerventi fisici. Una convenzione non può essere quindi considerata un progetto ai sensi delladirettiva 85/337, indipendentemente dalla questione del se tale convenzione contenga unadescrizione più o meno precisa dei lavori da realizzare. 24. Tuttavia, per fornire una soluzione utileal giudice che le ha sottoposto una questione pregiudiziale, la Corte può essere indotta a prenderein considerazione norme di diritto comunitario alle quali il giudice nazionale non ha fattoriferimento nel formulare la questione (v., in particolare, sentenza 20 marzo 1986, causa 35/85,Tissier, Racc. pag. 1207, punto 9). 25. Nel presente procedimento, occorre indicare al giudice delrinvio che gli spetta determinare, sulla base della normativa nazionale vigente, se una convenzionecome quella di cui trattasi nella causa principale contenga un’autorizzazione ai sensi dell’art. 1, n.2, della direttiva 85/337, cioè una decisione dell’autorità competente che faccia sorgere per ilcommittente il diritto di realizzare il progetto in questione (v., in tal senso, sentenza 18 giugno1998, causa C-81/96, Gedeputeerde Staten van Noord-Holland, Racc. pag. I-3923, punto 20). Ciòsi verificherebbe qualora, in applicazione del diritto nazionale, tale decisione potesse essereconsiderata una decisione della o delle autorità competenti che conferisce al committente il dirittodi realizzare lavori di costruzione o di altre installazioni od opere, ovvero di interveniresull’ambiente naturale o sul paesaggio. 26. Del resto, qualora il diritto nazionale preveda che laprocedura di autorizzazione si articoli in più fasi, la valutazione dell’impatto ambientale di unprogetto deve essere effettuata, in linea di principio, non appena sia possibile individuare evalutare tutti gli effetti che il progetto può avere sull’ambiente (v. sentenza 7 gennaio 2004, causaC-201/02, Wells, Racc. pag. I-723, punto 53). Pertanto, qualora una di tali fasi sia una decisioneprincipale e l’altra una decisione di attuazione che deve rispettare i parametri stabiliti dalla prima,gli effetti che il progetto può avere sull’ambiente devono essere individuati e valutati nellaprocedura relativa alla decisione principale. Solo qualora i detti effetti fossero individuabiliunicamente nella procedura relativa alla decisione di attuazione, la valutazione dovrebbe essereeffettuata durante tale ultima procedura (sentenza Wells, cit., punto 52). 27. Occorre infinerammentare al giudice del rinvio che l’obiettivo della normativa non può essere aggirato tramiteun frazionamento dei progetti e che la mancata presa in considerazione del loro effetto cumulativonon deve avere il risultato pratico di sottrarli nel loro insieme all’obbligo di valutazione mentre,presi insieme, essi possono avere un notevole impatto ambientale ai sensi dell’art. 2, n. 1, delladirettiva 85/337 (v., in tal senso, sentenza 21 settembre 1999, causa C-392/96,Commissione/Irlanda, Racc. pag. I-5901, punto 76). 28. Occorre quindi risolvere la primaquestione dichiarando che, sebbene una convenzione come quella di cui trattasi nella causaprincipale non sia un progetto ai sensi della direttiva 85/337, spetta al giudice del rinviodeterminare, sulla base della normativa nazionale applicabile, se una siffatta convenzione contengaun’autorizzazione ai sensi dell’art. 1, n. 2, della direttiva 85/337. In tale contesto, occorreesaminare se detta autorizzazione si inserisca in una procedura in più fasi che comporta unadecisione principale, nonché decisioni di esecuzione, e se occorra tener conto dell’effettocumulativo di più progetti il cui impatto ambientale deve essere valutato complessivamente.” 2011 VIA - 9 / 133
  10. 10. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/Corte di Giustizia Corte di Giustizia 3/3/2011 C50-09 relativamente alla applicabilità della VIAad un intervento di demolizione, afferma quanto segue:“ 97. Quanto alla questione se, come sostiene la Commissione nei suoi scritti difensivi, i lavori didemolizione rientrino nell’ambito di applicazione della direttiva 85/337 o se invece, come fa valerel’Irlanda, ne siano esclusi, si deve rilevare anzitutto che la definizione del termine «progetto»contenuta nell’art. 1, n. 2, di detta direttiva non consente di dedurre che i lavori di demolizione nonpossano soddisfare i criteri di tale definizione. Simili lavori, infatti, possono essere qualificati come«altri interventi sull’ambiente naturale o sul paesaggio».98. Questa interpretazione è suffragata dal fatto che, se i lavori di demolizione fossero esclusidall’ambito di applicazione di detta direttiva, i riferimenti al «patrimonio culturale» di cuiall’art. 3 di quest’ultima, alle «zone di importanza storica, culturale o archeologica» menzionatenell’allegato III, punto 2, lett. h), della stessa direttiva, e «al patrimonio architettonico earcheologico» di cui all’allegato IV, punto 3, di quest’ultima, sarebbero privi di oggetto.99. È vero che, conformemente all’art. 4 della direttiva 85/337, perché un progetto necessiti di unavalutazione dell’impatto ambientale, esso deve rientrare in una delle categorie contemplate dagliallegati I e II della medesima direttiva. Orbene, come fa valere l’Irlanda, queste ultime non fannoespresso riferimento a lavori di demolizione, fatta salva l’ipotesi, non pertinente nell’ambito delpresente ricorso, dello smantellamento delle centrali elettronucleari e di altri reattori nucleari,contemplato al punto 2 dell’allegato I.100. Tuttavia, occorre tener conto del fatto che tali allegati riguardano piuttosto categoriesettoriali di progetti, senza descrivere la natura precisa dei lavori previsti. A titolo di esempio, èpossibile rilevare, come ha fatto la Commissione, che i «lavori di riassetto urbano», previsti alpunto 10, lett. b), di detto allegato II, comportano molto spesso la demolizione di strutture esistenti.101. Ne consegue che i lavori di demolizione rientrano effettivamente nell’ambito di applicazionedella direttiva 85/337 e, per tale motivo, possono costituire un «progetto» ai sensi dell’art. 1, n. 2,di quest’ultima.”Corte di Giustizia 17/3/2011 (causa 275/09) avente ad oggetto la domanda di pronunciapregiudiziale sull’applicabilità della VIA al rinnovo di un’autorizzazione esistente a gestire unaeroporto.La Corte afferma quanto segue:“19. occorre valutare se la gestione di un aeroporto possa costituire un «progetto», ai sensidell’art. 1, n. 2, della direttiva 85/337 e, in caso di risposta affermativa, se tale progetto rientri traquelli che sono elencati agli allegati I e II di tale direttiva. 20. Come la Corte ha ricordato alpunto 23 della sua sentenza 28 febbraio 2008, causa C-2/07, Abraham e a. (Racc. pag. I-1197), daldettato stesso dell’art. 1, n. 2, della direttiva 85/337 risulta che il vocabolo «progetto» riguardalavori o interventi fisici. 21. Orbene, è espressamente indicato nell’ordinanza di rinvio che ilprovvedimento oggetto della causa principale si limita al rinnovo dell’autorizzazione esistente digestire l’aeroporto di Bruxelles-National, in assenza di lavori o di interventi che modifichino larealtà fisica del sito…… 24. Ne deriva che il rinnovo di un’autorizzazione esistente a gestire unaeroporto, in assenza di lavori o di interventi di modifica della realtà fisica del sito, non può esserequalificato come «progetto» ai sensi dell’art. 1, n. 2, secondo trattino, della direttiva 85/337.25. Occorre aggiungere che, comunque, l’art. 2, n. 1, della direttiva 85/337 richiede non chequalsiasi progetto atto ad avere un significativo impatto sull’ambiente sia soggetto a taleprocedura di valutazione che la detta direttiva prevede, ma che devono esserlo soltanto quellimenzionati negli allegati I e II di tale direttiva (ordinanza 10 luglio 2008, causa C-156/07, Aielloe a., Racc. pag. I-5215, punto 34). 26. Va osservato al riguardo, come fa l’avvocato generale alparagrafo 26 delle sue conclusioni, che il termine «costruzione» utilizzato al punto 7, lett. a),dell’allegato I della direttiva 85/337 non presenta alcuna ambiguità e deve essere inteso nel suosenso usuale, cioè come volto a far riferimento alla realizzazione di opere prima inesistenti oppure 2011 VIA - 10 / 133
  11. 11. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/alla modifica, in senso fisico, di opere preesistenti……. 29. Orbene, come ha ricordato l’avvocatogenerale al paragrafo 28 delle sue conclusioni, sebbene risulti da costante giurisprudenza chel’ambito di applicazione della direttiva 85/337 è esteso e il suo obiettivo assai ampio (v.,segnatamente, citate sentenze Abraham e a., punto 32, nonché Ecologistas en Acción-CODA, punto28), non può tuttavia escludersi l’interpretazione teleologica di tale direttiva dalla volontàchiaramente espressa del legislatore dell’Unione. 30. Ne consegue che, comunque, il rinnovo diun’autorizzazione esistente di gestire un aeroporto, in assenza di lavori o di interventi chemodifichino la realtà fisica del sito, non può essere qualificato come «costruzione» ai sensi delpunto 7, lett. a), dell’allegato I della direttiva 85/337.”. 2011 VIA - 11 / 133
  12. 12. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA VIAElenco progetti sottoponibili a VIA senza preventiva verifica17Si tratta delle categorie di progetti sottoponibili a VIA in quanto : - rientranti negli allegati II ( progetti di competenza statale) e III18 ( progetti di competenza regionale)19 . - rientranti nell’allegato IV ( progetti sottoposti a fase di verifica preventiva) ma che ricadono anche solo parzialmente all’interno di aree naturali protette come definite e disciplinate dalla legge quadro in materia ( legge 394/1991) 20ogni modifica21 o estensione dei progetti elencati nell’allegato II ove la modifica o l’estensione diper sé (cioè automaticamente) comporti una conformità con le categorie di opere di tale allegatoII22.17 Secondo Consiglio di Stato 2883/2004: “il giudizio sull’obbligatorietà della v.i.a. va formulato in applicazione del citatoregime giuridico nazionale dell’istituto e non anche in attuazione della direttiva comunitaria. L’applicazione diretta delle direttivecomunitarie negli ordinamenti degli Stati membri postula, infatti, che sia inutilmente scaduto il termine per il loro recepimento eche l’atto europeo contenga prescrizioni dettagliate e, come tali, applicabili senza bisogno di ulteriore intermediazionenormativa (cfr. ex multis Corte di Giustizia, 4 marzo 1999, causa C-423/97) ovvero che una disposizione nazionale(successiva) risulti contrastante con i principi enunciati nella direttiva (anteriore) e che la prima vada, quindi, disapplicata al finedi assicurare l’attuazione della seconda, in ragione della preminenza del diritto comunitario nell’ipotesi di conflitto con attinazionali difformi (Corte Cost, 8 giugno 1984, n.170). Nella fattispecie in esame risultano inconfigurabili entrambe talisituazioni: la direttiva è stata recepita e risulta, in ogni caso, priva, nella parte considerata, di prescrizioni precise edincondizionate; l’atto nazionale attuativo si rivela carente di profili di contrasto con i principi nella stessa contenuti (anche tenutoconto dell’ampia discrezionalità riservata ai legislatori nazionali nell’individuazione dei progetti soggetti alla procedura di VIA).”18 Corte Costituzionale 313/2010 su ricorso del Governo contro legge regionale Toscana su VIA ed elettrodotti: ““La precisazione dellacompetenza autorizzatoria regionale per linee e impianti «qualora assoggettati a procedura di valutazione di impatto ambientale(VIA) regionale», va posta in relazione con lintento di ripartire la competenza allinterno delle autonomie locali: in linea generale,discende dallart. 7, comma 4, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale) e dalle elencazioni di cuiallallegato III alla parte II dello stesso d.lgs. n. 152 del 2006, che alla Regione spetta la valutazione dimpatto ambientale per gli«elettrodotti aerei esterni per il trasporto di energia elettrica con tensione nominale superiore a 100 chilovolts e con tracciato dilunghezza superiore a 3 km.», mentre allo Stato spetta la valutazione dimpatto ambientale per gli «elettrodotti aerei con tensionenominale di esercizio superiore a 150 chilovolts e con tracciato di lunghezza superiore a 15 km ed elettrodotti in cavo interrato incorrente alternata, con tracciato di lunghezza superiore a 40 chilometri» (art. 7, comma 3, del d.lgs. n. 152 del 2006 e all. II alla parteII). E evidente che la competenza autorizzatoria attribuita alla Regione dalla norma censurata riguarda gli impianti con tensione (apartire da 100 chilovolts) comunque contenuta entro i 150 chilovolts, e non appartenenti alla rete nazionale, e, allinterno di questoambito, quelli per i quali la normativa regionale (art. 7 della legge della Regione Toscana 3 novembre 1998, n. 79, recante «Normeper lapplicazione della valutazione di impatto ambientale») attribuisce alla Regione la VIA, mentre la competenza delle Province eresiduale (art. 3-bis, comma 1, lettera c, della legge regionale n. 39 del 2005, aggiunto dallart. 2 della legge regionale n. 71 del2009): conformemente, del resto, allesigenza indicata dalla norma statale (art. 10, comma 2, del d.lgs. n. 152 del 2006), dicoordinamento delle procedure di VIA e di rilascio dellautorizzazione (sentenza n. 225 del 2009). Conseguentemente, essendo lanorma impugnata suscettibile di una interpretazione conforme a Costituzione, la questione non è fondata.”19 Consiglio di Stato 4072/011: ““Per stabilire, ai fini della individuazione dell’ente competente in materia di VIA, se una determinataopera pubblica sia di rilevanza regionale o statale, occorre verificare se tale opera incida o meno su un perimetro circoscritto delterritorio. Come correttamente ha osservato il primo giudice, nella disciplina previgente al testo unico (o codice) ambientale di cui ald.lgs.152 del 2006 e modifiche e quindi come tale valevole rationetemporis- che oggi rinvia agli allegati ai fini della ripartizione dicompetenze tra Stato e Regioni (articolo 7 che rinvia agli allegati alla parte seconda) - sia la normativa nazionale (art. 1 DPCM 10agosto 1988, n.377) che quella regionale, fanno (facevano) riferimento ad un criterio ontologico strutturale e non già funzionale perstabilire la competenza sulla VIA. Nella specie, l’opera incide su un ambito definito quale lo snodo ferroviario di Genova anche se vi èconnessione con l’intera rete ferroviaria. La rilevanza regionale scaturisce dal dato strutturale dell’incidenza sul perimetro circoscritto delterritorio, che coincide con quello di una singola regione (in tal senso, per esempio, Consiglio di Stato, VI, 13 maggio 2002, n.2572).D’altronde, l’appellante non ha argomentato in alcun modo uno specifico interesse alla VIA statale in luogo di quella regionale, che purevi era stata.”20 Secondo il comma 8 articolo 6 per i progetti di cui agli allegati III e IV , ricadenti all’interno delle aree naturali protette , lesoglie dimensionali, ove previste, sono ridotte del 50%21 Non c’è il riferimento al termine “sostanziale”. Quindi la novità potrebbe essere interpretate nel senso che le modifiche delleopere di cui all’allegato II (VIA statale) e III (VIA regionale) sono sottoponibili a VIA anche in relazione a semplici nuove opere edilizie ,mentre un indirizzo diffuso della giurisprudenza in precedenza (avendo come riferimento il concetto di “modifica sostanziale”) haspesso reputato come sottoponibili a VIA solo quelle modifiche concretamente ed oggettivamente peggiorative della situazioneambientale. Sulla questione dell’applicabilità della VIA alle modifiche di impianti esistenti si veda Consiglio di Stato 6759/2003: “……Insecondo luogo, non può essere trascurato il passaggio da un impianto a invaso unico della capacità di mc. 487.412 ad un impianto adue vasche della capacità di mc. 327.855. La probabile riduzione delle conseguenze negative dell’opera derivante dalla riduzione dellacapacità complessiva dell’impianto deve essere valutata e ponderata dagli organi competenti, attraverso lo svolgimento di apposita 2011 VIA - 12 / 133
  13. 13. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/Una norma simile c’è anche alla fine dell’allegato III23 che dovrà essere puntualmente disciplinatadalla normativa tecnica regionale.Sul concetto di modifica del progetto esistente che produce una progetto nuovo si veda TARToscana 592/201024.procedura, nel corso della quale vanno comunque considerati tutti i profili concernenti, fra l’altro, il peso concreto della esistenza di dueinvasi. Questa conclusione appare perfettamente compatibile con la vigente normativa in materia di VIA, che pone l’accento sullaconsiderazione dell’ “insieme degli effetti, diretti ed indiretti, a breve, medio e lungo termine, permanenti e temporanei, singoli ecumulativi, positivi e negativi, che la realizzazione di opere e interventi comporta sull’ambiente inteso come insieme complesso disistemi naturali e antropici”. Il dato normativo esige una considerazione essenzialmente qualitativa della valutazione, non riducibile,quindi, alla generica considerazione del maggiore o minore peso dell’opera progettati. Rilevante risulta anche la variante riferita allaforma della copertura giornaliera del materiale conferito, resa necessaria dalla sopravvenuta disciplina racchiusa nel decreto legislativon. 22/1997. Si tratta, infatti, di un ulteriore aspetto modificativo dell’intervento che incide in modo significativo sulle caratteristichegenerali dell’opera. Scarsamente significativo appare l’argomento espresso dal consorzio appellante, secondo cui la variazione delprogetto riguarderebbe un aumento di costo molto contenuto (pari all’11%), anziché del 60%, come sostenuto dal tribunale. Infatti, purprendendo atto della imprecisione della pronuncia impugnata, resta ferma la considerazione secondo cui la variazione del progettoincide anche sulla sua componente economica, dimostrando, sotto altro aspetto la diversità dal progetto originario. Anche le censuresviluppate dall’appellante con il secondo motivo di impugnazione non meritano accoglimento. Entrambe le modifiche del progetto,riguardanti, rispettivamente, l’inserimento della strada comunale e il trattamento dei rifiuti in altro luogo, prima del loro smaltimento indiscarica, rendevano necessaria una nuova valutazione di impatto ambientale, diretta a verificare concretamente i riflessi del nuovoprogetto sull’assetto complessivo del territorio comunale interessato. Infatti, il riferimento alle “notevoli ripercussioni negativesull’ambiente”, quale condizione necessaria (ma anche sufficiente) per determinare l’obbligo di effettuare la VIA, deve essere intesoconsiderando l’insieme delle attività indicate nel progetto. In concreto, indipendentemente dal possibile carattere migliorativo dellevarianti proposte, non pare seriamente dubitabile che l’opera in questione, profondamente ridefinita nei suoi caratteri essenziali,presentasse una effettiva potenzialità ad incidere sull’ambiente…..”22 Vedi punto 18 allegato II alla Parte II del dlgs 152/200623 Vedi punto ag) dell’allegato III alla Parte II del dlgs 152/200624 “…..ricorsi riuniti, muovono dalla considerazione che la potenzialità di incenerimento annuale dell’impianto di Selvapiana, secondo ilprogetto in questione, crescerebbe del 580% rispetto all’attuale, valore eccessivamente elevato per potersi parlare di un sempliceampliamento, e non di un impianto nuovo a tutti gli effetti. Questo sarebbe confermato dal previsto mutamento di superficie e volumetriadella struttura (si passerebbe da una superficie coperta attuale di 337 mq a 4628 mq, e da un’altezza massima attuale di 19,40 m a34,20 m), tale da integrare un intervento di nuova costruzione in senso urbanistico-edilizio, nonché dal fatto che, stando al progetto, lestrutture esistenti dovrebbero venire completamente abbattute……. Il motivo non coglie nel segno, nella misura in cui fa leva sullarigorosa nozione urbanistico-edilizia di nuova costruzione, la quale sembra effettivamente comprendere il risultato di opere che, previademolizione di un manufatto esistente, diano vita ad un organismo edilizio diverso dal precedente per volumetria, sagoma edislocazione nel lotto, ma che, ai fini di causa, può rilevare al più sul piano dei titoli edificatori occorrenti per la realizzazionedell’intervento contestato. Sul diverso piano della valutazione di impatto ambientale ed, in particolare, dei contenuti dello studio diimpatto ambientale, la inconfutabile circostanza che sul medesimo sito di Selvapiana, interessato dal progetto A.E.R., sia già presenteed in esercizio un impianto di incenerimento non permette di descrivere le condizioni iniziali dell’area (l.r. n. 79/98, All. C, lett. a) comequelle di un ambiente vergine, cioè interessato per la prima volta dalla realizzazione di opere potenzialmente pregiudizievolidell’equilibrio naturale ed antropico dei luoghi; del pari, la descrizione dei probabili effetti rilevanti, positivi e negativi, delle opere e degliinterventi proposti sullambiente (All. C., lett. g) non può prescindere dalla preesistenza dell’impianto del 1975, a meno di non volersostenere che tale preesistenza costituisca un fattore irrilevante per l’ambiente, il che è peraltro escluso dagli stessi ricorrenti.L’approccio volutamente settoriale posto a sostegno della censura va dunque respinto, in favore di un’ottica che dia conto dell’effettivostato dei luoghi e non si risolva in una inammissibile finzione. Dunque con riferimento all’impianto in progetto, ancorché in sensourbanistico-edilizio possa parlarsi di nuova costruzione, sotto il profilo strettamente ambientale – e, di conseguenza, ai fini delle relativevalutazioni – la realizzazione, sullo stesso sito di un impianto di incenerimento esistente ed operativo, di un impianto di genere analogo,ma di maggiori dimensioni e capacità termica, non può che essere qualificata in termini di potenziamento dell’impianto originario, equesto avuto riguardo sia all’attività praticata, sia allo stesso inserimento dell’edificio nel contesto circostante, per l’uno e per l’altroaspetto venendosi a determinare non un carico ambientale prima sconosciuto, ma un aggravio del carico ambientale già noto, edimputabile sostanzialmente alla medesima fonte. In contrario, non importa poi che le caratteristiche dimensionali e di potenzialitàtermica dell’impianto in progetto eccedano di gran lunga quelle dell’impianto iniziale, giacché, quale che sia la dimensionedell’ampliamento, essa non potrà mai elidere gli impatti pregressi dalla storia ambientale di un’area interessata da anni dalla presenzadell’inceneritore. Esclusa, per le ragioni esposte, la novità dell’impianto, in ordine ai vizi denunciati dai ricorrenti nessun contrasto èravvisabile tra il progetto per cui è causa ed i Piani regionale e provinciale per la gestione dei rifiuti, ai quali è in ultima analisiriconducibile la scelta di procedere all’ampliamento dell’impianto di Rufina per almeno 15.000.000 kcal/h (scelta non più sindacabile,stante la tardività del gravame proposto avverso gli atti di pianificazione, e che giustifica la mancata considerazione della “opzionezero”), né tra il progetto e la legge regionale n. 79/98, Allegato C.” 2011 VIA - 13 / 133
  14. 14. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/Gli elenchi di categorie di opere sottoponibili a VIA statale obbligatoria dovranno essere integraticon le categorie introdotte dalla Direttiva 2009/31/CE25: 1. gasdotti e oleodotti (di diametro superiore a 800 mm e di lunghezza superiore a 40 km) per il trasporto dei flussi di biossido di carbonio (CO2) ai fini dello stoccaggio geologico, comprese le relative stazioni di spinta intermedie. 2. siti di stoccaggio di cui alla presente Direttiva, relativa allo stoccaggio geologico di biossido di carbonio 3. impianti per la cattura di flussi di CO2 provenienti da impianti che rientrano nel presente allegato, o impianti di cattura nei quali il quantitativo complessivo annuo di CO2 catturato è pari ad almeno 1,5 megatonnellate, ai fini dello stoccaggio geologico a norma della presente Direttiva.VIA impianti eoliciL’articolo 42 della legge 99/200926, modificando l’allegato II alla parte seconda del DLgs 152/2006(TU ambiente) inserisce nelle categorie di opere sottoponibili a VIA statale gli impianti eolici per laproduzione di energia elettrica ubicati in mare .A tal fine il comma 3 di detto articolo 42 precisa che in relazione ai progetti di impianti eoliciubicati in mare le procedure di valutazione di impatto ambientale avviate prima della data di entratain vigore della presente legge sono concluse ai sensi delle norme vigenti al momento del loro avvio.Per le medesime procedure avviate prima della data di entrata in vigore della presente legge è fattasalva la facoltà dei proponenti di richiedere al Ministero dellambiente e della tutela del territorio edel mare, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, che la procedura divalutazione di impatto ambientale sia svolta in sede statale coma da innovazione ora introdottaL’articolo 42 della presente legge modifica l’allegato III alla parte seconda del DLgs 152/2006 (TUambiente) precisando che gli impianti eolici soggetti a VIA regionale sono quelli sulla terraferma.Corte Costituzionale 67/2011: “mentre la legge regionale impugnata consente linstallazione diimpianti al di sotto delle soglie stabilite anche in mancanza di valutazione dimpatto ambientale, ilcitato Allegato III al DLgs. n.152 del 2006 ricomprende testualmente sub lettera c-bis), senzaalcuna esclusione "sotto soglia", lintera categoria degli «Impianti eolici per la produzione dienergia elettrica, sulla terraferma, con procedimento nel quale è prevista la partecipazioneobbligatoria del rappresentante del Ministero per i beni e le attività culturali». Sicché, lanormativa statale contenuta nella lettera c-bis), dellAllegato III alla Parte II del DLgs. n.152 del2006, prescrive inderogabilmente la procedura di valutazione dimpatto ambientale per tutti gliinterventi, pur se inferiori ai limiti previsti a livello regionale. Se, quindi, lobbligo di sottoporrequalunque progetto alla procedura di valutazione dimpatto ambientale attiene al valore dellatutela ambientale (sentenza n.127 del 2010), la norma regionale impugnata, nel sottrarvi latipologia degli impianti "sotto soglia", é invasiva dellambito di competenza statale esclusiva di cuiallart.117, secondo comma, lettera s), Cost.”25 relativa allo stoccaggio geologico di biossido di carbonio e recante modifica della direttiva 85/337/CEE del Consiglio, delledirettive del Parlamento europeo e del Consiglio 2000/60/CE, 2001/80/CE, 2004/35/CE, 2006/12/CE, 2008/1/CE e delregolamento (CE) n. 1013/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio (GUE n. 140/L del 5/6/2009)26 "Disposizioni per lo sviluppo e linternazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia" (GURI n. 176 del 31 luglio 2009 -Supplemento ordinario n. 136 ) 2011 VIA - 14 / 133
  15. 15. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/Limiti di potenza per l’assoggettabilità a via degli impianti eolici e impianti industriali di recuperocaloreIl comma 43 dell’articolo 27 della legge 99/2009 modifica alcune voci dell’allegato IV alla parte IIdel DLgs 152/2006 che contiene l’elenco delle categorie di opere sottoponibili a procedure diverifica ai fini della VIA di competenza delle Regioni.In particolare le novità sono le seguenti :a) al numero 2, lettera c), dopo le parole: «impianti industriali non termici per la produzione dienergia, vapore ed acqua calda» sono aggiunte le seguenti: «con potenza complessiva superiore a 1MW»;b) al numero 2, lettera e), dopo le parole: «impianti industriali per la produzione di energia mediantelo sfruttamento del vento» sono aggiunte le seguenti: «con potenza complessiva superiore a 1MW». 2011 VIA - 15 / 133
  16. 16. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/Progetti sottoponibili a procedura di verifica di assoggettabilitàSono sottoponibili a procedura di verifica, qualora quest’ultima dimostri che possano produrreimpatti significativi e negativi (quindi non solo dati quantitativo ma qualitativo) sull’ambiente: a) i progetti elencati nellallegato II (progetti per cui la VIA è di competenza statale) che servono esclusivamente o essenzialmente per lo sviluppo ed il collaudo di nuovi metodi o prodotti e non sono utilizzati per più di due anni; b) le modifiche27 o estensioni dei progetti elencati nellallegato II, che comportino i suddetti impatti significativi e negativi28, ma che non comportino una conformità con le categorie di opere dell’allegato II ; una norma simile c’è anche alla fine dell’allegato III che dovrà essere disciplinata specificamente in sede regionale. c) i progetti elencati nellallegato IV (progetti per cui la procedura di verifica di assoggettabilità è di competenza regionale), secondo le modalità stabilite dalle Regioni e dalle Province autonome.Sul concetto di modifica di progetti esistenti a fini della applicabilità della procedura di verificaLa Corte di Giustizia con sentenza 28/2/2008 (causa C2-07) ha risposto alla domanda pregiudizialecon la quale il giudice del rinvio chiedeva se i lavori relativi all’infrastruttura di un aeroporto giàcostruito e la cui pista di decollo e di atterraggio è già superiore ai 2 100 metri di lunghezzarientrino nel campo di applicazione delle disposizioni del punto 12 dell’allegato II, in combinatodisposto con quelle del punto 7 dell’allegato I della direttiva 85/337, nella sua versione originaria.La Corte ha affermato:“32. la Corte ha più volte rilevato che il campo di applicazione della direttiva 85/337 è vasto e ilsuo obiettivo di portata molta ampia (v., in tal senso, sentenze 24 ottobre 1996, causa C-72/95,Kraaijeveld e a., Racc. pag. I-5403, punto 31, e 16 settembre 1999, causa C-435/97, WWF e a.,Racc. pag. I-5613, punto 40). A tal riguardo, sarebbe contrario allo stesso obiettivo della direttiva85/337 sottrarre al campo di applicazione del suo allegato II lavori di miglioramento o diampliamento dell’infrastruttura di un aeroporto già costruito perché l’allegato I della direttiva85/337 menziona la «costruzione di aeroporti» e non gli «aeroporti» in quanto tali. Una siffattainterpretazione consentirebbe infatti di sottrarre agli obblighi derivanti dalla direttiva 85/337 tutti ilavori di modifica apportati a un aeroporto preesistente, indipendentemente dall’entità di talilavori, e priverebbe di qualsiasi portata, su tale punto, l’allegato II della direttiva 85/337. 35. ... lacircostanza che i lavori di cui trattasi nella causa principale non riguardano la lunghezza dellapista di decollo e di atterraggio non incide sul problema di sapere se tali lavori rientrino nel campo27 Come visto nella nota 7 anche nel caso di procedura di verifica non c’è più il riferimento al termine “sostanziale”. Quindi lanovità potrebbe essere interpretate nel senso che le modifiche delle opere di cui all’allegato II (VIA statale) e III (VIA regionale) sonosottoponibili a VIA anche in relazione a semplici nuove opere edilizie , mentre un indirizzo diffuso della giurisprudenza in precedenza(avendo come riferimento il concetto di “modifica sostanziale”) ha spesso reputato come sottoponibili a VIA solo quelle modificheconcretamente ed oggettivamente peggiorative della situazione ambientale28 Secondo la Relazione della Commissione UE sullo stato di applicazione della VIA (2003 – punto 2.3.14) : “In alcuni Statimembri la legislazione nazionale in materia impone la VIA nel caso di un progetto dellallegato II solo se sono probabili rilevanti effettiambientali sfavorevoli o negativi, anche se larticolo 2, paragrafo 1 della direttiva non specifica tra effetti positivi e negativi. Quandovengono considerati solo gli effetti "sfavorevoli" o "negativi" rilevanti ai fini della VIA, tali effetti non vengono rapportati agli effetti positivi:così in Austria, ogni singolo impatto negativo notevole comporta la necessità di procedere alla VIA, anche se ci sono notevoli effettipositivi. Se lunico parametro per la VIA sono gli effetti negativi rilevanti è necessario attivare controlli molto approfonditi per verificareche le autorità competenti non approfittino di questo sistema per privilegiare i vantaggi economici a discapito delle istanze ambientali”. 2011 VIA - 16 / 133
  17. 17. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/di applicazione del punto 12 dell’allegato II della direttiva 85/337. Infatti, il punto 7 dell’allegato Idella direttiva 85/337 ha cura di precisare la nozione di «aeroporto» rinviando alla definizionecontenuta all’allegato 14 della convenzione di Chicago 7 dicembre 1944, relativa all’aviazionecivile internazionale. Ai sensi di tale allegato, «[u]n aeroporto è una superficie terrestre oacquatica (compresi gli edifici, le installazioni e gli equipaggiamenti) destinata a essere utilizzatatotalmente o parzialmente per l’arrivo e la partenza dei velivoli e per i loro volteggi» [traduzionelibera]. 36. Ne discende che tutti i lavori relativi agli edifici, alle installazioni e agliequipaggiamenti di un aeroporto devono essere considerati lavori relativi all’aeroporto in quantotale. Ciò significa che i lavori di modifica di un aeroporto la cui pista di decollo e atterraggio è dialmeno 2 100 metri di lunghezza non sono quindi rappresentati solo dai lavori aventieventualmente per oggetto il prolungamento della pista, ma da tutti i lavori relativi agli edifici, alleinstallazioni o agli equipaggiamenti di tale aeroporto, qualora possano essere considerati,segnatamente alla luce della loro natura, della loro entità e delle loro caratteristiche, una modificadell’aeroporto stesso. Lo stesso vale, in particolare, per i lavori destinati ad aumentaresignificativamente l’attività dell’aeroporto ed il traffico aereo. 37. Occorre poi ricordare algiudice del rinvio che, se è vero che l’art. 4, n. 2, secondo comma, della direttiva 85/332 conferisceagli Stati membri un margine di discrezionalità per specificare taluni tipi di progetti da sottoporrea valutazione d’impatto o per fissare criteri e/o soglie limite da adottare, il detto margine trovaperò i suoi limiti nell’obbligo, enunciato all’art. 2, n. 1, di tale direttiva, di sottoporre ad unavalutazione d’impatto i progetti per i quali si prevede un impatto ambientale importante,segnatamente per la loro natura, le loro dimensioni e la loro ubicazione (sentenza Kraaijeveld e a.,cit., punto 50). 38. Pertanto, uno Stato membro che fissasse criteri e/o soglie limite tenendo contodelle sole dimensioni dei progetti, senza prendere in considerazione anche la loro natura e la loroubicazione, supererebbe il margine discrezionale di cui dispone ai sensi degli artt. 2, n. 1, e 4, n. 2,della direttiva 85/337. 39. Spetta al giudice del rinvio assicurarsi che le autorità competentiabbiano correttamente valutato se i lavori di cui trattasi nella causa principale dovessero esseresottoposti ad uno studio d’impatto ambientale. 40. Di conseguenza, la seconda questione dev’essererisolta dichiarando che le disposizioni del punto 12 dell’allegato II, in combinato disposto conquelle del punto 7 dell’allegato I della direttiva 85/337, nella loro versione originaria, riguardanoanche i lavori di modifica apportati all’infrastruttura di un aeroporto esistente senzaprolungamento della pista di decollo e di atterraggio, qualora essi possano essere considerati,segnatamente alla luce della loro natura, della loro entità e delle loro caratteristiche, una modificadell’aeroporto stesso. Lo stesso vale, in particolare, per i lavori destinati ad aumentaresignificativamente l’attività dell’aeroporto ed il traffico aereo. Spetta al giudice del rinvioassicurarsi che le autorità competenti abbiano correttamente valutato se i lavori di cui trattasinella causa principale dovessero essere sottoposti ad una valutazione del loro impatto ambientale.”Vedi anche Corte di Giustizia 12/12/2009 (causa C495-08) secondo la quale: “Il Regno Unito diGran Bretagna e Irlanda del Nord, non assoggettando le domande di revisione del piano diestrazione mineraria (“Review of Mineral Planning”), presentate nella regione del Galles primadel 15 novembre 2000 ai requisiti previsti dagli artt. 2, n. 1, e 4, n. 2, della direttiva del Consiglio27 giugno 1985, 85/337/CEE, concernente la valutazione dell’impatto ambientale di determinatiprogetti pubblici e privati, come modificata dalla direttiva del Consiglio 3 marzo 1997, 97/11/CE,non ha adempiuto gli obblighi ad esso incombenti in forza della stessa direttiva.”Vedi inoltre Corte di Giustizia 25/7/2008 (causa C142-07) : “29…..Quanto al suo allegato II, essamenziona ai punti 10, lett. e), e 13, primo trattino, rispettivamente, la "costruzione di strade" e le"modifiche o estensioni di progetti di cui allallegato I o allallegato II già autorizzati, realizzati o infase di realizzazione, che possono avere notevoli ripercussioni negative sullambiente" tra i progetti peri quali gli Stati membri possono decidere per la realizzazione di una valutazione dellimpattoambientale conformemente allarticolo 4, n. 2, della direttiva medesima. ……36 A tale fine, va precisato 2011 VIA - 17 / 133
  18. 18. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/che il fatto che lallegato I, punto 7, lett. b) e c), della direttiva modificata riguardi progetti di"costruzione" dei tipi di strade ivi menzionati, mentre la causa principale concerne progetti di riassettoe di miglioramento di una strada esistente, non significa che questi ultimi siano esclusi dal campo diapplicazione della direttiva modificata. Infatti, un progetto di riassetto di una strada che siaequivalente, per ampiezza e modalità, a una costruzione può essere considerato come un progetto dicostruzione ai sensi del detto allegato (v., in tal senso, sentenze 16 settembre 2004, causa C-227/01,Commissione/Spagna, Racc. pag. I-8253, punto 46, e Abraham e a., cit., punto 32).”. 2011 VIA - 18 / 133
  19. 19. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/Sulla interpretazione nazionale delle diverse tipologie di progetti in rapportoalle categorie di opere contenute nell’allegato II alla Direttiva 85/337Corte di Giustizia sent. 15 ottobre 2009 (causa C263/08) in relazione alla domanda di pronunciapregiudiziale proposta alla Corte, ai sensi dell’art. 234 CE, dallo Högsta domstolen (Svezia), condecisione 29 maggio 2008. La vertenza nazionale verteva sulla possibilità o meno che un progettorientrasse nell’ambito dell’elenco di categorie di opere di cui all’allegato II alla Direttiva 85/337(procedura di verifica). In particolare il progetto consisteva in questo. La Stockholms kommun hastipulato un contratto con un’impresa di produzione di energia elettrica avente ad oggetto lacostruzione di un tunnel lungo circa un chilometro, tra le zone di Hjorthagen e Fisksjöäng, situatenella parte settentrionale di Djurgården, al fine di interrarvi cavi elettrici destinati a sostituire lineeaeree ad alta tensione. La realizzazione di tale progetto richiedeva, da un lato, che fosse garantito ildrenaggio delle acque freatiche che s’infiltrano nel tunnel destinato ad accogliere i cavi elettricinonché nel tunnel di accesso a quest’ultimo e, dall’altro, la realizzazione, in alcuni fondi della zonaconsiderata, di infrastrutture destinate al drenaggio delle acque e alla loro infiltrazione nel suolo onella roccia per compensare un eventuale abbassamento del livello delle acque freatiche.In particolare con la domanda di pronuncia pregiudiziale il giudice del rinvio s’interroga sul se sidebba ritenere che un progetto del tipo di quello in esame nella controversia principale rientri nellanozione di «progetti di estrazione o di ricarica artificiale delle acque freatiche, non compresinell’allegato I» della direttiva 85/337 di cui al punto 10, lett. l), dell’allegato II della predettadirettiva.La Corte si pronuncia affermando quanto segue:“25. Da una costante giurisprudenza risulta che la necessità di un’applicazione e, quindi, diun’interpretazione uniforme delle disposizioni di diritto comunitario esclude che, in caso di dubbio,il testo di una disposizione venga considerato isolatamente in una delle sue versioni, ma esige, alcontrario, che esso sia interpretato ed applicato alla luce dei testi redatti nelle altre lingue ufficiali(sentenze 9 marzo 2006, causa C-174/05, Zuid-Hollandse Milieufederatie e Natuur en Milieu, Racc.pag. I-2443, punto 20, nonché 29 gennaio 2009, causa C-311/06, Consiglio Nazionale degliIngegneri, non ancora pubblicata nella Raccolta, punto 53). 26. Peraltro, la necessità diun’interpretazione del genere esige che, in caso di divergenza tra queste varie versioni linguistiche,la disposizione in questione venga intesa in funzione del sistema e delle finalità della normativa dicui essa fa parte (v., in tal senso, sentenza 7 dicembre 1995, causa C-449/93, Rockfon, Racc. pag.I-4291, punto 28). 27. Per quanto riguarda il punto 10, lett. l), dell’allegato II della direttiva85/337, dall’esame delle varie versioni linguistiche e, in particolare, dalle versioni tedesca, inglese,spagnola, finlandese, francese, italiana, olandese, polacca e portoghese emerge che taledisposizione riguarda i progetti di estrazione e di ricarica delle acque freatiche non menzionatinell’allegato I di suddetta direttiva, indipendentemente dallo scopo per il quale queste operazionidevono essere realizzate e, in particolare, dall’uso che deve essere fatto successivamentedell’acqua in tal modo estratta o re-infiltrata nel suolo. 28. Per giunta, il punto 11 dell’allegato Idella stessa direttiva non fa menzione in maggior misura di siffatti criteri per quanto concerne isistemi di estrazione o di ricarica delle acque freatiche in cui il volume annuale dell’acqua daestrarre o da ricaricare sia pari o superiore a 10 milioni di metri cubi. 29. Da una giurisprudenzacostante si evince, infine, che l’ambito di applicazione della direttiva 85/337 è vasto e che il suoobiettivo è di portata molto ampia (v. sentenza 28 febbraio 2008, causa C-2/07, Abraham e a.,Racc. pag. I-1197, punto 32, nonché giurisprudenza ivi citata). 30. Pertanto, le disposizioni di cuial punto 10, lett. l), dell’allegato II della direttiva 85/337 devono essere interpretate nel senso cheesse riguardano tutti i progetti di estrazione e di ricarica artificiale delle acque freatiche noncomprese nell’allegato I di detta direttiva, a prescindere dalla loro finalità, il che significa cheriguardano anche i progetti che non comportano il successivo utilizzo di dette acque. 31. Tenutoconto di quanto precede, la prima questione va risolta nel senso che un progetto come quello in 2011 VIA - 19 / 133
  20. 20. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/esame nella causa principale, riguardante il drenaggio delle acque infiltrate in un tunnel cheaccoglie cavi elettrici e l’introduzione di acqua nel suolo o nella roccia al fine di compensare uneventuale abbassamento del livello delle acque freatiche nonché la realizzazione e la manutenzionedi impianti per il drenaggio e l’introduzione di acqua, rientra nel punto 10, lett. l), dell’allegato IIdella direttiva 85/337, a prescindere dalla destinazione finale delle acque freatiche e, inparticolare, indipendentemente dal fatto che esse facciano oggetto o meno di un successivoutilizzo.”I criteri per la verifica di assoggettabilità e gli indirizzi della giurisprudenza della Corte di Giustizia UEL’allegato V29 al DLgs 152/2006 prende in considerazione : - le caratteristiche30 del progetto compreso gli impatti cumulativi, - la localizzazione e quindi la sensibilità ambientale del sito interessato , tenendo conto in particolare: dell’utilizzazione attuale del territorio, della ricchezza relativa qualità e capacità di rigenerazione delle risorse naturali, della capacità di carico dell’ambiente naturale - degli impatti potenzialmente significativi del progetto in relazione ai criteri dei punti precedenti e tenendo conto in particolare: della estensione dell’impatto in termini geografici e di popolazione, della grandezza e complessità dell’impatto, della probabilità dell’impatto, della durata – frequenza - reversibilità dell’impattoSecondo la relazione della Commissione UE (2003) sullo stato di applicazione della VIA visti icriteri indicati dall’allegato III ( nel presente DLgs nazionale vedi sopra allegato V) sonoauspiscabili da parte degli stati membri la definizione di liste di controllo e criteri di verifica piùapprofonditi (punto 5 pagina 5 versione italiana)Tale criteri vanno interpretati e integrati secondo gli indirizzi che emergono dalla giurisprudenzadella Corte di Giustizia della UE e che qui si riportano sinteticamente : 1. La procedura di verifica deve essere svolta effettivamente “ Gli art. 4 comma 2 e 2 comma 1 della direttiva 85/337 vanno intesi nel senso che, qualora le autorità legislative o amministrative di uno Stato membro eccedano il margine di discrezionalità riconosciuto da tali disposizioni, i singoli possono invocarle dinanzi al giudice nazionale per ottenere che le autorità di detto Stato membro disapplichino le norme o misure interne con esse incompatibili. In un caso del genere, spetta alle autorità dello Stato membro adottare, nell’ambito delle loro competenze , tutti i provvedimenti , generali o particolari, necessari affinché venga condotto un esame sull’idoneità dei progetti ad avere un notevole impatto ambientale e affinché, in caso di esito positivo di detto esame, venga effettuato uno studio dell’impatto ambientale dei progetti ”31. “Ai sensi della direttiva 85/337 i progetti di cui all’allegato II devono essere sottoposti a una valutazione di impatto ambientale quando gli Stati membri ritengono che le loro caratteristiche lo richiedano. Tuttavia gli stati membri sono tenuti ad effettuare una valutazione preventiva al fine di stabilire se i progetti dell’allegato II debbano formare oggetto o meno di una procedura di VIA. Peraltro nella versione 97/11 della direttiva 85/337 c’è l’obbligo per gli stati membri di determinare un esame caso per caso o29 Ai fini dello svolgimento della procedura di verifica dovranno essere considerati tutti i criteri di selezione indicati dall’allegatoIII della Direttiva (caratteristiche dei progetti - localizzazione dei progetti - caratteristiche dellimpatto potenziale) e non solo quello delledimensioni del progetto (Corte di Giustizia causa C-66/06 - sentenza del 20/11/2008).30 Secondo la Relazione della Commissione UE sullo stato di applicazione della VIA (2003 punto 4.6.4.) Il criterio "rischio diincidenti, per quanto riguarda, in particolare, le sostanze o le tecnologie utilizzate" rientra nelle "caratteristiche dei progetti"31 Corte di Giustizia 16/9/1999 (causa C435/97) su domanda di decisione pregiudiziale del TAR Bolzano ). 2011 VIA - 20 / 133
  21. 21. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/ su soglie e criteri da essi fissati se i progetti dell’allegato II debbano essere sottoposti a VIA a norma degli articoli da 5 a 10. Questa procedura è anche detta screening ” 32 . “Qualunque sia il metodo adottato da uno Stato membro per stabilire se uno specifico progetto richieda o meno una valutazione d’impatto ambientale, vale a dire la sua individuazione per via legislativa o in seguito ad un esame caso per caso, tale metodo non deve ledere l’obiettivo perseguito dalla direttiva, con la quale si vuole fare in modo che non sfugga alla valutazione d’impatto nessun progetto idoneo ad avere un notevole impatto sull’ambiente ai sensi della direttiva, a meno che lo specifico progetto esonerato potesse essere ritenuto, in base ad una valutazione complessiva, inidoneo ad avere ripercussioni ambientali importanti…… In proposito è importante sottolineare che una decisione con la quale l’autorità competente considera che le caratteristiche di un progetto non richiedano che esso sia sottoposto ad una valutazione dell’impatto ambientale deve contenere o essere accompagnata da tutti gli elementi che consentano di controllare che essa è fondata su una previa verifica adeguata, effettuata secondo i requisiti posti dalla direttiva 85/337”33.32 (Commissaria all’Ambiente della UE : 3/12/2001 – risposta a interrogazione di un parlamentare europeo).33 Corte Giustizia 10/6/2004 causa C87-02 2011 VIA - 21 / 133
  22. 22. Dott. Marco Grondacci ricercatore in diritto e processi decisionali a rilevanza ambientale Telefono Mobile: 347 0935524 - e-mail: marco.grondacci@libero.it - sito : http://www.amministrativo.it/Ambiente/ 2. Tenere conto di tutti34 i criteri di verifica ex allegato III alla Direttiva: “Gli Stati Membri sono obbligati a tenere conto di tutti i criteri di selezione pertinenti elencati nellallegato III quando fissano criteri o soglie per i progetti di cui allallegato II. Uno Stato Membro che dovesse fissare criteri e/o soglie limite che tengano conto solo delle dimensioni dei progetti, e non anche di tutti i criteri elencati nellallegato III, eccederebbe il margine di discrezionalità di cui dispone ai sensi della direttiva”35 36 3734 Corte di Giustizia 10/7/2008 C156/07 su rinvio pregiudiziale del Consiglio di Stato: ““35. Con la seconda questione il giudice delrinvio chiede, in sostanza, se i criteri di selezione menzionati allallegato III della direttiva 85/337 siano vincolanti per gli Stati membriquando essi stabiliscono, in applicazione dellarticolo 4, n. 2, di questa direttiva, per i progetti rientranti nellallegato II della medesima,sulla base di un esame caso per caso o sulla base delle soglie o dei criteri da essi fissati, se tali progetti debbano essere sottoposti allaprocedura di valutazione dellimpatto ambientale. 36. A questo proposito, la Corte ha già affermato che, se gli Stati membri hanno lapossibilità di fissare i criteri e/o le soglie che consentono di stabilire quali progetti rientranti nellallegato II della direttiva 85/337, nella suaversione originaria, debbano essere oggetto di una tale valutazione, il loro margine discrezionale trova il proprio limite nellobbligo,enunciato allarticolo 2, n. 1, di detta direttiva, di sottoporre ad una valutazione dimpatto i progetti idonei ad avere un notevole impattoambientale, segnatamente per la loro natura, le loro dimensioni o la loro ubicazione (v., in particolare, sentenza 23 novembre 2006,causa C-486/04, Commissione/Italia, Racc. pag. I-11025, punto 53). 37. Ai sensi dellarticolo 4, n. 2, della direttiva 85/337, spetta agliStati membri stessi determinare in quali casi i progetti elencati allallegato II di questa direttiva devono essere sottoposti a valutazionedellimpatto ambientale, mentre quelli che figurano allallegato I di questultima sono sempre oggetto di tale procedura di valutazione.38. La medesima disposizione lascia agli Stati membri due possibilità. La prima consiste nel decidere caso per caso se un progettoindicato allallegato II debba essere sottoposto a tale valutazione. La seconda consiste nel determinare, in modo generale ed astratto, infunzione di soglie o criteri, i progetti figuranti in tale allegato che saranno obbligatoriamente oggetto di detta valutazione. 39. Risulta daltesto medesimo del suo articolo 4, n. 3, che la direttiva 85/337 impone agli Stati membri, in entrambi i casi, lobbligo di tener conto deicriteri di selezione rilevanti definiti al suo allegato III, vale a dire di quelli fra tali criteri che, tenuto conto delle caratteristiche del progettointeressato, devono essere applicati. 40. Pertanto, occorre risolvere la seconda questione proposta nel senso che i criteri di selezionerilevanti citati allallegato III della direttiva 85/337 sono vincolanti per gli Stati membri quando stabiliscono - per i progetti rientrantinellallegato II di questultima, sulla base di un esame caso per caso ovvero sulla base delle soglie o dei criteri che essi fissano - se ilprogetto interessato debba essere sottoposto alla procedura di valutazione dellimpatto ambientale”. In particolare questa sentenzarelativamente alla terza questione pregiudiziale ribadisce che nel caso in cui le opere rientranti nelle categorie di cui all’allegato II allaDirettiva 85/337 vengono assoggettate a VIA in modo generalizzato lo Stato membro: “ 47…….. “è tenuto a redigere lelenco di taliprogetti applicando, secondo i casi, luno o laltro dei diversi criteri rilevanti di detto allegato III. Il criterio del cumulo può così, ove siarilevante, essere utilizzato per sottoporre un tipo di progetto a una tale valutazione, tenuto conto della realizzazione del medesimo conaltri progetti, eventualmente prendendo in considerazione la realizzazione del complesso di tali progetti durante un periodo di tempodeterminato.”, di contro: “ 48 Quando invece uno Stato membro opta, in tutto o in parte, per la determinazione caso per caso deiprogetti rientranti nellallegato II della direttiva 85/337 che devono essere sottoposti ad una valutazione dellimpatto ambientale, ……….50. esso non può, senza venir meno ai suoi obblighi comunitari, escludere esplicitamente o implicitamente uno o più criteri dellallegatoIII della direttiva 85/337, perché ciascuno di essi può, a seconda del progetto interessato rientrante nellallegato II di questa direttiva,essere rilevante per determinare se debba essere avviata una procedura di valutazione dellimpatto ambientale. Una tale esclusionepotrebbe, infatti, a seconda delle caratteristiche dellordinamento giuridico nazionale di cui si tratta, dissuadere lautorità nazionalecompetente dal prendere in considerazione il criterio o i criteri in questione o addirittura impedirle di farlo. …….. 51 Di conseguenza,occorre risolvere la terza questione proposta dichiarando che, quando uno Stato membro opta per determinare caso per caso qualiprogetti tra quelli rientranti nellallegato II della direttiva 85/337 devono essere sottoposti a valutazione dellimpatto ambientale, essodeve, o rinviando nelle sue norme nazionali allallegato III di questa direttiva, o riproducendo nelle sue norme nazionali i criteri elencatidalla stessa direttiva, fare in modo che il complesso di tali criteri possa effettivamente essere considerato qualora luno o laltro di essisia rilevante per il progetto interessato, senza poterne escludere alcuno esplicitamente o implicitamente.”35 Corte di Giustizia 20/11/2008 causa C-66/0636 Corte di Giustizia 3/7/2008 causa C215/06 relativamente al seguente progetto così descritto nelle motivazioni della sentenza:”83. Come risulta dai documenti del fascicolo, il 4 e il 18 dicembre 1997 sono state depositate alcune domande di autorizzazione relativealle prime due fasi del progetto, ognuna concernente 23 turbine a vento. In data 23 gennaio 1998 sono state depositate nuovedomande, in quanto le domande precedenti non erano state ritenute valide. Il 12 marzo 1998 è stata rilasciato un permesso. In data 5ottobre 2000 è stata presentata una domanda di autorizzazione relativa ad una terza fase di lavori concernente, in particolare, 25turbine e corsie di servizio, domanda accolta il 15 novembre 2001. Il 20 giugno 2002 il committente ha chiesto l’autorizzazione permodificare le prime due fasi del progetto, autorizzazione che gli è stata concessa il 30 luglio 2002. Durante il mese di ottobre 2003,poiché l’autorizzazione concessa per le prime due fasi dei lavori era scaduta, il committente ha chiesto il rinnovo della suddettaautorizzazione, che è stato accordato nel corso del mese di novembre del 2003.”. Ora secondo il giudizio della Corte: “106. Per quantoattiene, in secondo luogo, alla domanda di autorizzazione relativa alla terza fase di costruzione della centrale eolica, depositata il5 ottobre 2000, e alla domanda di autorizzazione a modificare le prime due fasi di costruzione inizialmente autorizzate, depositata il20 giugno 2002, occorre esaminare la censura alla luce della direttiva 85/337 modificata, in quanto le domande di autorizzazionerelative a tali modifiche sono state depositate dopo il 14 marzo 1999. 107. È pacifico, da un lato, che le autorità competenti hannoautorizzato il cambiamento del tipo di turbine a vento inizialmente previsto senza richiedere una valutazione d’impatto ambientale aisensi della direttiva 85/337 modificata e, dall’altro, che l’autorizzazione concessa per la terza fase di costruzione non è stataneanch’essa corredata da tale valutazione. Inoltre, l’operazione di disboscamento autorizzata nel corso del mese di maggio 2003 non èstata preceduta da tale medesima valutazione, contrariamente a quanto previsto dalla normativa irlandese. 108. Orbene, al punto 3,lett. i), dell’allegato II della direttiva 85/337 modificata figurano gli impianti di produzione di energia mediante lo sfruttamento del vento(centrali eoliche) e, al punto 13 di tale allegato, tutte le modifiche o estensioni dei progetti di cui al medesimo allegato, già autorizzati,realizzati o in fase di realizzazione, che possono avere notevoli ripercussioni negative sull’ambiente. 109. Inoltre, tra i criteri di selezionepertinenti citati nell’allegato III della direttiva 85/337 modificata, applicabili ai progetti elencati nell’allegato II di tale direttiva e ai qualirinvia l’art. 4, n. 3, della stessa, figura il rischio di incidenti per quanto riguarda, in particolare, le tecnologie utilizzate. Tra tali medesimicriteri occorre citare la sensibilità ambientale dell’area geografica, che deve essere considerata tenendo conto, in particolare, «dellacapacità di carico dell’ambiente naturale», riservando una particolare attenzione alle zone montuose e forestali. 110. L’installazione di25 nuove turbine, la costruzione di nuove corsie di servizio, nonché il cambiamento del tipo di turbine a vento autorizzate inizialmente e 2011 VIA - 22 / 133

×