Uploaded on

L'unione fa la forza!

L'unione fa la forza!

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
207
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Casa Templaria, 28 Luglio 2012 Madagascar 3! Buongiorno semi: Ieri sono stata al cinema a vedere Madagascar 3, ancora una volta é stato unpomeriggio meraviglioso con i popcorn e la mia bottigliettad’acqua. Dicono che il primo film é sempre il migliore, a volte si,ma in Madagascar ognuna é straordinaria e ho appreso variecose, una di queste é la amicizia. E’qualcosa di meraviglioso laamicizia! Che hanno fra di loro e anche con gli altri e la seconda élavorare in gruppo Hanno compreso benissimo che lavorando in gruppo.gruppo i progetti si realizzavano, non c’erano problemi, alcontrario soluzioni, il lavoro era fatto meglio e con moltissimaarmonia e creatività. I giovani d’oggi, chiamo giovani quelli dai 40 anni in giù,sono abituati a lavorare individualmente, non sanno lavorare ingruppo. Individualmente gli permette di controllare, fare ciò chedesiderano, non dare spiegazioni a nessuno, fare le cose come va aloro, non chiedono, nascondono i loro errori, oltre a vivere isolati.C’è una parola in società, si chiamano: “lupi solitari”, sono moltopericolosi perché attaccano, quando sono in branco, e cioé, ingruppo condividono il bottino, le paure, itimori e anche la allegria. Si chiedano questibambini di 40 anni se i loro genitori avevanola calcolatrice a scuola; al giorno d’oggi noigenitori abbiamo fatto troppo, li abbiamoviziati e coccolati, dalla consolle, alblackberry, all’ I-pod, siamo già in ritardoper comprare l’ultima novità. I genitori che non possonocomprarla, si preoccupano di metterla in altro modo ed è unpeccato, perché hanno perso il senso dell’onore, la allegria di
  • 2. avere una unica forza. In società c’è sempre qualcuno che vede ilbicchiere mezzo vuoto, altri mezzo pieno e quando lavoriamo ostudiamo assieme, quello che lo vede pieno aiuta quello che lovede vuoto e così è la società. O avete visto alla Università auleindividuali per ogni studente? Avete visto un solo giocatoregiocare a calcio, al tennis? Per vincere bisogna essere sempre ingruppo, sempre! Ed é ciò che dovete apprendere, soprattutto nelLaEnseñanza. Avete tutti delle qualità. L’inizio della vita dei Neanderthal o dell’Homo Sapiens,vivevano in branco, in gruppo,altrimenti oggi la specie sarebbescomparsa. Oggi vivonoindividualmente, per questo hannotrovato tre giorni fa morto il figliodi Silver Stallone, 36 anni e non erauna overdose, era un infarto, ognivolta sono sempre più giovani, è ciòche abbiamo. Miei semi fate uno sforzo, anche se non tollerate le personeche sono con voi al lavoro, unitevi, avete poi la vostra vitaprivata che appartiene solo a voi e tutti uniti si lavora meglio.Molti paesi hanno vissuto l’esperienza, volete essere tutti leader epotete perché avete moltissime qualità, più di quelle che pensate,ma attenzione! Anche questa è una trappola, queste qualità sonosempre ego che vi aiuta, dato che è il vostro migliore amico epeggior nemico, prendetevene molta cura, coccolatelo, ma che nonsia sempre il più forte. Abbiamo bisogno l’uno dell’altro e prima di tutto la Fede; ieri vi ho detto ci sono semi che non credono nelLa Enseñanza ed hanno vergogna, sta in loro, così sarà nella vita, perché i risultati li hanno già visti. Quelli che scelgono il cammino del leader solitario, a loro succederàcome a un altro seme, che non è in Europa; la ambizione lo
  • 3. perderà e lo ha perso. Bisogna avere ambizioni, ma nobili, quandosono ambizioni di società, allora facciamo giri in tondo alcontrario e abbiamo bisogno di questa ambizione non per essere ilmigliore, ma per migliorarsi; preferite essere autosufficienti, vabene per certe cose, ma in società é lo stesso se pensate “citradiranno” . Qui in Europa si dice “te la van a clavar”. Sieteprotetti o non avete Fede nelLa Enseñanza? Se la avete nondovete avere nessuna paura, se nel passato avete avuto vergognae adesso no perché c’é l’Instituto, la avrete sempre, perché resteràmarcata in voi. Vincetela, ma bisogna avere cuore, se si fa solooralmente non serve, se non vincete il passato porterete un caricoche vi seguirà per tutta la vita. Il passato è passato. Preparate ilfuturo con speranza, Fede e con allegria. Fate uno sforzo evedrete il risultato. Sono molto orgogliosa dei Bianchi e Neri, perché lavoranosempre in gruppo, siconsultano per tutto. Che peccatoche nel cesto di mele marce ce n’èstata una marcia e sonomarcite tutte e adesso vanno senzarotta. A Servidora restasempre la speranza e l’amore verso tutti voi. Forza Miriam, manca poco per la festa. Forza Bárbara, Carmen e tutti, senza dimenticare nessuno. Non ho avuto notizie da Tonino né dalla sarda, Toninosento la tua mancanza e ti amo, Con tutto il mio amore,
  • 4. La Jardinera