Your SlideShare is downloading. ×
Mz Experience Story Telling 30-06-2010
Mz Experience Story Telling 30-06-2010
Mz Experience Story Telling 30-06-2010
Mz Experience Story Telling 30-06-2010
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Mz Experience Story Telling 30-06-2010

187

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
187
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. A Reggio Emilia Managerzen Experience Mercoledì 30 giugno 2010 ore 19-23 Complesso Monumentale de L’Ospitale - Rubiera (RE) Breve memoria dell’incontro dedicato allo storytelling, con il quale abbiamo concluso una parte del nostro percorso. ‘La magia del racconto. Storie che rendono possibile la nostra realtà: come narrarle e comunicarle.’ ‘’Thierry Boudès diceva: ‘Scambiarsi racconti è uno dei modi per rendere comprensibile la propria visione del mondo e dunque per condividerla. La narrazione non è una mera fotografia di una realtà esterna, ma contribuisce a strutturare la realtà’. Monica Morini La narrazione si coltiva con un'attitudine che richiede tempo e fatica: l'ascolto. Solo chi ha saputo ascoltare sa poi raccontare, solo chi ha molto osservato sa riportare all'altro ciò che ha visto. Nelle società tribali la narrazione ha funzione di iniziazione. Esploreremo storie fatte di memoria e immaginazione, che dicono ciò che siamo e che potremmo essere. L’incontro-laboratorio ci ha aiutato a prendere dimestichezza con la parola e con il gesto, con il tempo e il modo, ma anche e soprattutto con l’immenso patrimonio di segni e sensi di cui sono portatrici le storie che possiamo raccontare. Le storie parlano dei perché, parlano del significato di ciò che accade, sono l’unica area di intersezione tra il reale e il fantastico e parlano di noi, di ciò che siamo e che potremmo diventare. Le storie sono enciclopedia nascosta del sapere e del sentire. ‘Parlare di quello che si fa’ è importante tanto quanto ‘fare’, a maggior ragione in una società complessa come l’attuale, nella quale la narrazione diventa indispensabile prospettiva ed interpretazione. Naturale prosieguo dell’incontro dedicato all’Antropologia delle cose tenuto presso il Museo Guatelli lo scorso maggio, con Monica Morini abbiamo approfondito il tema della narrazione e della comunicazione. Come sempre, con lo spirito di condividere stimoli utili sia a livello personale che professionale.
  • 2. Grazie a Fabrizio Ori, Ufficio Cultura del Comune di Rubiera, che ci ha accolto ed introdotto nello spirito del luogo con una breve, ma intensa e colorita visita guidata. Grazie anche a Ludmilla, per lo spuntino che ha preparato per noi! La sua torta di mele, dicono sia davvero degna di nota.. :o) Grazie, grazie, grazie a Monica Morini per la passione e la professionalità con le quali ci ha stimolati e condotti attraverso il magico cerchio della narrazione.. MONICA MORINI Autrice ed attrice di teatro, si è formata con maestri di fama internazionale. Laureata con Lode in Lettere Moderne a Bologna, ha fondato, insieme al regista e attore Bernardino Bonzani, Il Teatro dell’Orsa. E’ formatrice e Direttrice Artistica dell’iniziativa ReggioNarra – La città delle storie. Trasmette la propria esperienza attraverso corsi di aggiornamento e formazione rivolti a insegnanti e giovani artisti in collaborazione con Scuole, Università, Centri di Ricerca per il Teatro, Enti di formazione. Collabora con spettacoli e consulenze alla realizzazione di rassegne e stagioni teatrali, così come sulla formazione alla Comunicazione rivolta alle aziende. monica.morini@teatrodellorsa.com ---------------------------------- Per chi non c’era, il Programma ore 19.00 – La corte, lo spirito del luogo. Iniziamo da… - breve introduzione a cura di Fabrizio Ori, Ufficio Cultura Comune di Rubiera ore 19.30 – Le mele di Ludmilla Spuntino in Corte ore 20.00 – ‘La magia del racconto. Storie che rendono possibile la nostra realtà: come narrarle e comunicarle.’ A cura di Monica Morini ---------------------------------- Alcune foto…
  • 3. Il commento alla serata di Sabrina. "Esistono altri mondi, silenziosi, remoti, solitari, distanti: dove la vita si mostra con tutta la sua intensita'. Andiamoci" Lettera d'amore di K. Gibran a Mary, 20.6.1914 Ma voi, dopo, siete riusciti a dormire? Io no. Una piuma mi solletica il piede. E' un'impressione? No, la sento ancora. Continua. Importuna, se ne infischia dell'orario folle e del potente sonno incantatore. Apro gli occhi, infine, per capire. E, di tutto, ho percezione solo di un sussurro sorridente: "ma non senti che c'e' una storia che vuole essere raccontata?" "A chi?" "A te! perche? Non meriti di regalarti l'Ascolto?" " Ma io...non ho storie in testa." "E allora? Ti corteggerò io, la memoria....Vedrai...Seguimi... Intanto, Pensati ali bianche su cui salire, per librarti in volo. O Pensati ad imbastire Fili del tuo tappeto volante, sù, veloce! O Pensati afferrata da un'aquila reale, lei no che non ha paura di salire in alto... Dovrai farti otre. Per riempirti dei profumi degli eventi, dei colori dei sorrisi, della morbidezza dei tratti dei visi, della velocità dei palpiti del cuore, della consistenza della polvere di quella stanza illuminata dai raggi di sole, dello spessore del dolore dei sogni mancati, del calore delle vittorie inattese, dello sforzo per le lacrime represse. Rispetta gli stop dei ricordi più dolorosi, forse il tuo inconscio non li vuole incontrare. Ed i bivi? Quale era il finale vero di quella giornata? Mi ha realmente cullato o è andato via indifferente? Accetta di avere cambiato mille volte le tue storie, sii in pace. Fino a che, troverai il Segnale: un Mare Spumoso. Invitante. Significa che sarai pronta. Buttati. Tuffati. Nuota lontano - sei disposto ad arrischiarti oltre l'orizzonte? E in profondità. Lo vedrai. Recuperalo. Ecco il Tesoro disperso. Senza chiederti nulla, senza giudicarlo, rendilo presentabile. E, una volta tornata sulla Terra, mostralo, senza paura.
  • 4. Sarà, comunque, Prezioso. Per Te. E per chi vorrà ascoltarlo." Ho capito. Non lo dimentichero'. Grazie, Monica. SABRINA BECCHI Grazie anche da tutti noi.

×