Periodico di informazione dell’Istituto Clinico Humanitas                                                                 ...
w w w. c a n c e r c e n t e r. i t      Tecnologie per la Terapie personalizzate      diagnosi e la cura Il nostro Centro...
Sommario                                                    N.                          2          Periodico di informazio...
30 milioni di investimento in tecnologie, ricerca e un residence per i familiari.In Humanitasun Centro dedicatoal cancroIl...
FAZIO: IN LOMBARDIA LA    MIGLIOR CONCENTRAZIONE    DI SANITÀ AL MONDO    “Siamo in un’era di massima globalizzazione e   ...
FORMIGONI: IMPEGNATI                                                                                           INSIEME NEL...
I componenti dell’Advisory Board    QUANDO IL RICOVERO È A CASA                                                           ...
che loro stessi curano. In Italia la strada per la crea-                                                                  ...
Dalla Silicon Valley    innovazione                              in RadioterapiaUna possibilità di cura in più per i pazie...
RADIOABLAZIONE                                                                                                        PER ...
Energia su misuracombattere i tumori  con la Medicina Nucleare  Grazie alla PET e alla ricerca sui radio farmaci, la Medic...
ni linfomi, per il mesotelioma e per i GIST (tumori stro-                             FDG                                 ...
Tumore del testicolo, batterela malattia e preservare la fertilitàE’ la forma di cancro più frequente negli uomini fra i 2...
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
HUMANITAS - dicembre 2010
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

HUMANITAS - dicembre 2010

5,316 views

Published on

Numero di dicembre del periodico di informazione dell'Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI).

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
5,316
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
8
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

HUMANITAS - dicembre 2010

  1. 1. Periodico di informazione dell’Istituto Clinico Humanitas Anno XVI, Numero 2 - 2010In Humanitas AIDS, è di nuovo emergenza. Parola di Nobel Françoise Barré-Sinoussi: un Centro indispensabile integrare informazione, prevenzione, ricerca e cura.dedicato I medici del futuro studiano in inglese International Medical School: apprendimento attivo, al cancro esperienza in ospedale e in laboratorio. Occhi, quando la tecnologia Il tumore si può battere. migliora la cura Diagnostica high-tech e laser Insieme al paziente e con un per cure sempre più efficaci e meno invasive. grande lavoro di squadra. In collaborazione conIstituto Clinico Humanitas - Periodico di informazione riservato ai medici e agli operatori - Poste Italiane spa - Sped. abb. postale 45% Art. 1 comma 1 LO/MI
  2. 2. w w w. c a n c e r c e n t e r. i t Tecnologie per la Terapie personalizzate diagnosi e la cura Il nostro Centro Team diAdvisory board Fattori di rischiospecialisti Informazioni e prevenzioneInternazionale e prenotazioni Protocolli di ricerca Education clinica Malattie e cure
  3. 3. Sommario N. 2 Periodico di informazione dell’Istituto Clinico Humanitas Anno XVI, Numero 2 - 2010 8 In Humanitas AIDS, è di nuovo emergenza. Parola di Nobel Françoise Barré-Sinoussi: un Centro indispensabile integrare informazione, prevenzione, ricerca e cura. dedicato I medici del futuro studiano in inglese International Medical School: apprendimento attivo, al cancro esperienza in ospedale e in laboratorio. Occhi, quando la tecnologia Il tumore si può battere. migliora la cura Diagnostica high-tech e laser Insieme al paziente e con un per cure sempre più efficaci e meno invasive. grande lavoro di squadra. In collaborazione con Istituto Clinico Humanitas - Periodico di informazione riservato ai medici e agli operatori - Poste Italiane spa - Sped. abb. postale 45% Art. 1 comma 1 LO/MI 13 10 primo piano 2 In Humanitas un Centro dedicato 22 Una nuova vita grazie ad un mini cuore al cancro Nel petto di Isabella ‘batte’ un dispositivo di Il tumore si può battere. Insieme al paziente e assistenza ventricolare di terza generazione. con un grande lavoro di squadra. intervista humanitas cancer center 8 Dalla Silicon Valley innovazione 24 AIDS, è di nuovo emergenza La parola al Premio Nobel per la scoperta del in Radioterapia virus HIV, Françoise Barré-Sinoussi. 20 Humanitas è il primo centro in Italia a dotarsi di un innovativo acceleratore lineare. attualità 10 Combattere i tumori con la 27 MIMed: i medici del futuro studiano in inglese Medicina Nucleare Esperienza in ospedale e in laboratorio, docenti PET e ricerca sui radio farmaci per diagnosi e stranieri. Così cambia la formazione dei medici. terapie sempre più personalizzate.24 12 Vincere il tumore del testicolo 28 Il Centro Antifumo scende in piazza preservando la fertilità In collaborazione con il Comune di Milano, un Come affrontare una malattia sempre più curabile, camper itinerante offre screening gratuiti e come dimostra il caso del ciclista Armstrong. counselling. 13 Fegato: piùconservativa con la chirurgia chance di cura 29 L’energia della salute e della bellezza L’ecografia intraoperatoria, come un navigatore Humanitas Gavazzeni si conferma un partner satellitare, guida la mano del chirurgo. medico scientifico importante di BergamoScienza. 14 Tumore del rene, la cura è mini-invasiva take care I progressi della chirurgia e il ruolo del robot Da Vinci. 31 Fondazione Humanitas accanto ai ragazzi stranieri Da qualunque luogo il bisogno chiami, la 31 Fondazione risponde. ricerca 16 AIRC premiacontro il cancro Humanitas la ricerca di 32 Pomeriggi in festa per i bimbi di ARIEL Obiettivo del progetto finanziato, attivare le Un progetto all’insegna dell’integrazione per i nostre difese contro i tumori. bambini affetti da paralisi cerebrale infantile. 18 Crohn, diagnosi “soft” con la Risonanza Magnetica stili di vita 34 L’efficacia di questa metodica nei pazienti giovani e nelle fasi critiche della malattia. 34 La bicicletta, fonte di benessere Gli specialisti di Humanitas illustrano i benefici legati a questo sport. 19 Cirrosi biliare primitiva, una scoperta italiana dimensione donna Uno studio coordinato da Humanitas apre le porte a nuovi farmaci per la cura di questa malattia. 36 Dolori mestruali, e se fosse endometriosi? Una condizione fisiologica che a volte può essere innovazione clinica un campanello d’allarme da non sottovalutare. 20 Occhi: la tecnologia che migliora la cura Diagnostica high-tech e laser di ultima generazione per cure sempre più efficaci e meno invasive. N. 2/2010 - Humanitas 1
  4. 4. 30 milioni di investimento in tecnologie, ricerca e un residence per i familiari.In Humanitasun Centro dedicatoal cancroIl tumore si può battere. Insiemeal paziente e con un grande lavorodi squadra: équipe multidisciplinari,terapie personalizzate, ricerca clinicae di base, tecnologie di ultimagenerazione, assistenza psicologica,cure domiciliari, percorsi specificiper chi ha vinto la malattia. n team di professionisti di grande esperienza,U competenze interdisciplinari, percorsi organiz- zati per patologia, terapie personalizzate, facili-ties per il paziente (cure domiciliari, supporto psicologi-co) e per i suoi familiari, stretta collaborazione con i mi-gliori centri internazionali, con un Advisory Board com-posto da 8 fra i maggiori esperti di cancro al mondo. gnostica, la Medicina Nucleare e la Radioterapia. E unContro il cancro nasce Humanitas Cancer Center, cen- edificio di 5 mila metri quadrati ospiterà la piattaformatro ad alta specializzazione nel cuore dell’Istituto Clinico di Ricerca Oncologica Traslazionale, con Laboratori diHumanitas, presentato il 15 novembre 2010 nel corso di Ricerca, Biobanca e Cell Factory.un evento al quale hanno partecipato il Ministro della Sa-lute Ferruccio Fazio e il Presidente della Regione DA SEMPRE IN PRIMA LINEA CONTRO I TUMORILombardia Roberto Formigoni. “L’Istituto Clinico Humanitas è sempre stato in prima li-Al fine di facilitare i percorsi di cura dei pazienti, al Can- nea nella battaglia contro il cancro - spiega il presiden-cer Center è stato dedicato l’intero primo piano dell’o- te, Gianfelice Rocca -. I progressi della Medicina lega-spedale, dove è presente anche il quartiere endoscopi- ti a farmaci innovativi e tecnologie migliorano, giornoco, con ambulatori, degenze, Day Hospital e sale opera- dopo giorno, l’aspettativa e la qualità di vita. La crescen-torie. Al piano terra sono collocate la piattaforma dia- te complessità del paziente - età avanzata, cronicità, pre- senza di più malattie associate - spinge ancora più che nel passato verso uno specifico approccio per patologia attraverso team multidi- sciplinari. Ciò rappresenta un’ulte- riore sfida innovativa per i policlini- ci. Per questo nasce Humanitas Cancer Center. Uno sforzo clinico- organizzativo che pone al centro il paziente con l’obiettivo di combina- N. 2/2010 - Humanitas 3
  5. 5. FAZIO: IN LOMBARDIA LA MIGLIOR CONCENTRAZIONE DI SANITÀ AL MONDO “Siamo in un’era di massima globalizzazione e tecnologie - ha affermato il Ministro della Salute, Ferruccio Fazio - che dobbiamo utilizzare e stimolare senza perdere di vista il paziente, che deve essere al centro dell’atto medico”. Nel suo re attenzione alla persona, professionalità, tecnologie e intervento il Ministro ha sottolineato l’importanza percorsi di cura, in ospedale e a casa. Humanitas Can- del gioco di squadra tra i ricercatori e i clinici: cer Center è un nuovo centro ma fortemente intercon- “Stiamo andando verso questa integrazione e nesso con tutte le altre specialità del policlinico, un va- proprio gli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere lore aggiunto per la salute del paziente”. Scientifico ne sono un esempio: si Ogni anno in Italia si ammalano di cancro circa 250 mila persone. Ne guariscono più della metà. Ma gli importan- è capito che non c’è buona ti progressi delle cure, in termini sia di guarigione sia di ricerca senza una buona allungamento della sopravvivenza e di miglioramento assistenza, ma anche viceversa”. della qualità di vita, hanno alzato il livello della sfida da Inoltre Fazio ha ricordato i affrontare: “Non solo battere il finanziamenti dedicati dal suo cancro - spiega il dottor Arman- Ministero alla ricerca do Santoro, Direttore di Huma- traslazionale, cioè “quella intesa nitas Cancer Center - ma pren- a far interagire tra loro la ricerca e la clinica”, in cui dersi cura dei pazienti in modo scienziati e medici non sono più isolati ma globale e personalizzato, con per- “rappresentano un ‘unicum’, un vero e proprio corsi terapeutici differenti e rita- modo di vivere la vita in ospedale”. gliati sulla specificità dei bisogni. Fondamentale, quindi la collabo-HUMANITAS CANCER CENTER IN 10 MOSSEPrevenzione, ricerca e trasferimento delle scoperte dal laboratorio al letto del paziente, utilizzo integrato di nuove tecnologie per una cura a 360 gradi. • gamma completa di trapianti di midollo:1 Assistenza e cura• percorsi organizzati per autologo, allogenico da donatore identico, aploidentico e da cordone 4 Imaging high-tech • individuazione delle • studio e applicazione nuovi farmaci finpatologia lesioni tumorali in stadi dalle fasi più precoci (fasi 1), per trovare• ambulatori dedicati ai sempre più precoci terapie sempre più mirate sulle pazienti con malattie associate • valutazione della risposta al trattamento caratteristiche del singolo tumore.• percorsi personalizzati di screening e di un tumore al seno, al polmone, al follow up per i pazienti oncologici guariti fegato o al colon. (fuori terapia da almeno tre anni) 3 Continuità delle cure e servizi internet 5 Tecniche chirurgiche• supporto psicologico • call center (02.8224.6280)• crioconservazione delle cellule uovo e del avanzate e sito Internet seme, per prevenire l’infertilità di pazienti • laparoscopia, più (www.cancercenter.it) oncologici in età riproduttiva (Unità vantaggiosa per il dedicati, servizi on-line Operativa di Ginecologia e Medicina della paziente: minimo danno che semplificano il rapporto con l’ospedale Riproduzione). dei tessuti, ridotto dolore (ad esempio consultazione dei referti di post-operatorio, minore degenza e più laboratorio).2 Terapie personalizzate e trials clinici• cure ad alta specializzazione • continuità delle cure dopo la dimissione, attraverso un servizio di ospedalizzazione rapida ripresa delle normali attività • chirurgia robotica, che permette di estendere le indicazioni della chirurgia domiciliare e cure palliative in tutte le patologie laparoscopica anche ad interventi • in fase di realizzazione, un residence per i oncologiche e onco- oncologici complessi. familiari dei pazienti ricoverati. ematologiche, anche rare4 Humanitas - N. 2/2010
  6. 6. FORMIGONI: IMPEGNATI INSIEME NEL MIGLIORAMENTO DELLE CURE “Sono orgoglioso di ospitare sul nostro territorio, come Presidente di Regione Lombardia, questo nuovo Centro che offre ai cittadini tecnologie innovative e progetti di ricerca di assoluto valore scientifico”.razione multidisciplinare a livello non solo oncologico Così Roberto Formigoni ha commentato la nascita di(fra oncologo medico, chirurgo, diagnosta, radioterapi- Humanitas Cancer Center. “Il cancro è una malattiasta e psicologo) ma anche di tutti gli altri specialisti - dal complicatissima, ma oggi possiamo porci l’obiettivo dicardiologo all’epatologo, dal medico d’urgenza al fisiote- vincere questa sfida. Siamo impegnati insieme,rapista - che possono intervenire nel percorso di cura. passo dopo passo, nel miglioramento costante dellePresso Humanitas Cancer Center - prosegue Santoro - cure e nella prevenzione deisi concentrano competenze altamente specialistiche tumori, attenti al valorecontro il cancro, ma all’interno di un policlinico capace fondamentale della persona.di offrire risposte a 360 gradi a necessità, ad esempio, Humanitas si confermadi carattere cardiologico, riabilitativo e di emergenza. Econ un’organizzazione in grado di garantire supporto ai all’avanguardia sul fronte dellofamiliari e al paziente la continuità delle cure anche una sviluppo e dell’innovazionevolta dimesso, attraverso l’ospedalizzazione domicilia- scientifica, mette a disposizionere e la collaborazione con gli hospice del territorio. del paziente forme sempre piùUn’attenzione particolare, poi, viene rivolta alle per- innovative di diagnosi e cura e rappresenta un grandesone guarite dal cancro, che oggi sono sempre di più privato che con le sue capacità migliora l’intero sistemae che possono avere bisogno di un percorso succes- sanitario regionale. Regione Lombardia è e continueràsivo particolare, di tipo sia medico-assistenziale sia ad essere al vostro fianco”.psicologico”. in campo oncologico, ma anche internazionali per la messa a punto di6 Radioterapia di ultima generazione cardiologico, oculistico od ortopedico. nuovi farmaci • ricerca di fattori molecolari e genetici 8 Biobanca alla base dei tumori e dello sviluppo di• 4 acceleratori lineari loro caratteristiche particolari (tra cui l’innovativo • E’ una struttura che (Biologia Molecolare). TrueBeam) con sistemi software di precisione per il posizionamento del consente di conservare e paziente e l’erogazione della dose studiare campioni biologici (piccole parti sincronizzata al respiro• TAC con laser mobili per la simulazione di tessuti prelevate nel corso di interventi chirurgici o pochi millilitri di sangue) per 10 Prevenzione e diagnosi precoce virtuale sviluppare nuove cure. • campagne sull’importanza• sistema RapidArc per ridurre al degli stili di vita (nel 2010 minimo i tempi della seduta di radioterapia. 9 Ricerca scientifica e collaborazioni internazionali campagna antifumo) • counselling genetico per il tumore della mammella, dell’ovaio e del colon • ricerca transazionale:7 Cell Factory• In via di attivazione una scambio bidirezionale di informazioni fra • partecipazione alle attività di screening dei cancri del colon e della mammella promossi da ASL Milano 2 laboratorio ed attività Cell Factory per la • programma di screening per i familiari clinica per trasferire in tempi brevi al letto produzione di cellule per la ricerca dei pazienti affetti dal tumore del paziente i risultati della ricerca. di terapie rigenerative, non solo del colon. • collaborazione con importanti centri N. 2/2010 - Humanitas 5
  7. 7. I componenti dell’Advisory Board QUANDO IL RICOVERO È A CASA Tokyo, Giappone L’ospedale arriva a casa, offrendo al paziente il vantaggio del comfort Masatoshi Makuuchi, Università di Tokyo dell’ambiente domestico, combinato con la professionalità dei sanitari: da luglio Humanitas ha avviato il servizio di Ospedalizzazione Domiciliare e Cure Palliative, riservato ai pazienti oncologici terminali. “Il progetto - spiega la referente, Laura Velutti - è nato con l’obiettivo di garantire Boston, USA continuità di cure a pazienti oncologici che necessitano di trattamenti Kenneth C. Anderson, Harvard Medical School e palliativi, offrendo loro la migliore qualità di vita possibile. Trattandosi di Dana-Farber Cancer Institute una forma di ricovero, il paziente e la sua famiglia non devono New York, USA preoccuparsi di acquistare presidi, medicinali e simili: tutto il necessario Silvia Formenti, New York University School of Medicine viene fornito dalla struttura ospedaliera”. I professionisti sono reperibili 7 Antonella Surbone, New York giorni su 7, nell’intero arco della giornata, ed effettuano visite domiciliari University School of Medicine programmate dalle ore 8 alle 20, dal lunedì al venerdì. Inoltre possono Dublino, Irlanda John Crown, Leuven, Belgio effettuare accessi non programmati anche il sabato e St Vincent’s Eric Van Cutsem, University la domenica sempre dalle 8 alle 20. L’équipe è University Hospital Hospital Gasthuisberg composta da medici, infermieri, psicologi, assistenti sociali e volontari della Fondazione Humanitas. Colonia, Germania “Attualmente seguiamo 10 pazienti Andreas Engert, Clinica contemporaneamente - spiega Jessica Mininni, Universitaria di Colonia Heidelberg, Germania infermiera che coordina le attività assistenziali - e Markus Büchler, Università contiamo di arrivare a quota 90 percorsi assistenziali Ruprecht Karl e Salem-Hospital annui, con 10-12 pazienti seguiti Italia contemporaneamente”. Alberto Costa, Scuola Europea di Oncologia Il servizio di ospedalizzazione domiciliare per cure palliative si pone all’interno dei progetti innovativi Senza dimenticare la ricerca di base concentrata sullo che Regione Lombardia promuove con la finalità di studio dei meccanismi all’origine dello sviluppo delle creare nuove Reti Sanitarie per la continuità delle malattie tumorali”. cure. Si possono avvalere di questo servizio malati La ricerca di base ha aperto nuove possibilità di com- prensione e, quindi, cura. “Da una parte - spiega il pro- terminali di tumore, residenti nelle vicinanze di Humanitas, già in cura fessor Alberto Mantovani, Direttore Scientifico di Hu- presso l’ospedale, e che a casa possono essere accuditi da una persona che manitas - la scoperta del ruolo essenziale del microam- ne assicuri l’igiene, la supervisione e la somministrazione delle terapie. biente, nel quale e grazie al quale il cancro prolifera, of- Un ruolo importante in questo progetto è svolto da Fondazione Humanitas fre la speranza di nuove strategie diagnostiche e tera- che, anche grazie al contributo di un importante donatore, garantisce peutiche: colpire non più solo il tumore, ma anche il mi- attività di supporto attraverso l’impegno della psicologa e dell’assistente croambiente che gli sta intorno. Dall’altra parte, le sco- sociale, la formazione specialistica dell’infermiera Mininni e interventi di perte sui meccanismi genetici delle cellule cancerose carattere pratico-sociale. Inoltre, si occupa del reclutamento e della permetteranno sempre più di personalizzare le terapie formazione dei volontari attraverso corsi professionali organizzati con la sulla base del profilo genico del tumore. Nell’interesse dei pazienti è dunque necessario un collaborazione della Lega Italiana Contro i Tumori. Una partnership che rapporto bidirezionale fra laboratorio e clinica. Perciò consente di condividere esperienza e know-how al servizio dei pazienti. la sfida che ci attende è duplice, sul fronte educativo- Volontari di questo programma della Fondazione Humanitas si diventa didattico e clinico: i garanti che l’etichetta ‘traslazio- dopo aver sostenuto un colloquio psico-attitudinale e aver frequentato un nale’ della ricerca sia sinonimo di una vera innovazio- corso di formazione con medici, psicologi e professionisti esperti di cure ne clinica sono i medici-ricercatori (MD-PhD), che si palliative e assistenza al malato oncologico. dedicano alla ricerca scientifica a vantaggio di malatiDAL LABORATORIO AL LETTO DEL PAZIENTELa ricerca, fondamentale per migliorare la qualità e i ri-sultati di cura, in Humanitas Cancer Center è declinatain tutti gli ambiti e le fasi del processo di cura: “Nellaprevenzione e nello screening - precisa il dottor Santo-ro - nelle tecniche di diagnostica per immagini ed endo-scopica, nello sviluppo di nuovi farmaci e di terapie disupporto, nella chirurgia laparoscopica e robotica, nel-la radioterapia.6 Humanitas - N. 2/2010
  8. 8. che loro stessi curano. In Italia la strada per la crea- HUMANITAS CANCER CENTER IN NUMERI 2004 300zione di percorsi MD-PhD è ancora in salita, ma Uni-versità degli Studi di Milano istituirà, anche all’inter- 200 fra medici, chirurghi, psicologi, fisici e biologi dedicatino del Corso di Laurea Internazionale della Facoltà di 200 professionisti dedicati all’accoglienza e all’assistenza del pazienteMedicina che ha sede in Humanitas, un programmaad hoc”. Fondamentale, infine, la collaborazionescientifica con gli altri ospedali Humanitas: Gavazzeni 30 20 200 ricercatori clinici e di base 30.000 pazienti curati ogni anno, di cui il 40% proveniente da tutte le 30.000 regioni italianedi Bergamo, Mater Domini di Castellanza e CentroCatanese di Oncologia. 300 studi clinici per lo sviluppo di nuove terapie attivati negli ultimi 3 anniL’ADVISORY BOARD INTERNAZIONALE La struttura 20 2004 30 mila metri quadrati dedicati 110 30Nell’ottica di un approccio globale contro il cancro, as-sistenziale e scientifico, le attività cliniche e di ricerca 300 posti letto 110 ambulatori 300 1di Humanitas Cancer Center sono condivise con un Ad-visory Board internazionale composto da medici e ri- 20 sale operatoriecercatori dei più importanti Cancer Center del mondo:Kenneth C. Anderson, Markus Büchler, Alberto 20 10 1 piattaforma di Ricerca Oncologica Traslazionale con Biobanca, Cell Factory, laboratori di Biologia Molecolare e Farmacologia Clinica 30 milioni di euro di investimento in tecnologia, ricerca e accoglienza, AULE DIDATTICHE INTITOLATE A RAVASI E BANFI 2004 con la realizzazione di un residence per i familiari Tecnologie per la diagnosi e la cura 30 La presentazione di Humanitas Cancer Center è stata l’occasione per ricordare due medici che hanno 4 acceleratori lineari per la Radioterapia tra cui l’innovativo Truebeam 300 PET-CT e 1 ciclotrone per la produzione di radiofarmaci contribuito alla crescita dell’oncologia dell’ospedale. Al professor Gianni Ravasi, 4 TAC appassionato 4 Risonanze Magnetiche di cui una 3 Tesla protagonista della lotta 1 Robot Da Vinci al cancro e fondatore Costa, John Crown, Andreas Engert, Silvia For- menti, Masatoshi Makuuchi, Antonella Surbone e Eric Van Cutsem. Un’ulteriore conferma della cultura e della passione per la valutazione, che ha portato Hu- manitas ad essere il primo policlinico accreditato da Joint Commission International e a dotarsi di un Advi- Dori Ghezzi, Marco Alloisio, responsabile della Chirurgia Toracica sory Board per la Ricerca di base presieduto dal premio di Humanitas, la signora Ravasi e Nobel Rolf Zinkernagel. Marta Scorsetti, responsabile di Radioterapia. “Humanitas Cancer Center - conclude Gianfelice Roc- ca - è una sfida condivisa con i più grandi centri inter- della Chirurgia Toracica di I figli e i nipoti di Alberto Banfi. nazionali per migliorare le cure e formare i medici del Humanitas, e al dottor futuro. In Humanitas, infatti, la presenza dell’Universi- Alberto Banfi, radioterapista di livello internazionale tà degli Studi di Milano con un corso di Laurea a forte che ha contribuito all’organizzazione della Diagnostica proiezione internazionale - basato su un apprendimen- per Immagini di Humanitas, sono state intitolate due to in cui lo studente è parte attiva al fianco di tutor me- aule dell’area didattica dellospedale, alla presenza dei dici - rafforza la vocazione allo sviluppo di una Medici- familiari, dei colleghi e del direttore dell’education na in cui il medico si trova al centro di una rete globale Piero Melodia. di competenze, che deve saper integrare sul singolo paziente”. H N. 2/2010 - Humanitas 7
  9. 9. Dalla Silicon Valley innovazione in RadioterapiaUna possibilità di cura in più per i pazienti con metastasi addominali, lesioni inoperabilidel fegato e del pancreas, e tumori localmente avanzati del polmone. Humanitas è il primo centroin Italia ed il secondo in Europa a dotarsi di un innovativo acceleratore lineare. nato nella zona tecnologicamente più avanzata L’Istituto Clinico Humanitas è il primo centro in Italia eÈ al mondo, la Silicon Valley in California (USA). Gli esperti lo considerano uno strumento desti-nato a innovare la Radioterapia, consentendo tratta- il secondo in Europa, dopo Zurigo, a dotarsi di questo acceleratore lineare di ultima generazione. In tutto il mondo gli ospedali che dispongono di questa tecnolo-menti che finora non è stato possibile effettuare e cu- gia sono meno di 10, riuniti in un network di collabora-rando un numero sempre maggiore di tumori in modo zione internazionale mirato a mettere a punto nuoviestremamente preciso. Con TrueBeam, attivo a partire protocolli di trattamento basati sui dati clinici raccolti. Marta Scorsetti,da settembre, il Cancer Center di Humanitas, punto di responsabile diriferimento nazionale per migliaia di pazienti, si raffor- Radioterapia e ALTISSIMA PRECISIONE PER UN Radiochirurgia inza ulteriormente. Humanitas dal 2003, è TRATTAMENTO BEN TOLLERATO professore a contratto Imaging ad altissima risoluzione e in tempo reale nel all’Università di Milano corso della seduta radioterapica; elevatissima precisio- per la Facoltà di Medicina e per la ne di irradiazione, che tiene conto del movimento in- Scuola di specialità in terno degli organi dovuto al respiro (4D); possibilità Radioterapia Oncologica. di variare l’intensità della dose (dose-rate) facendo un trattamento a dosi localmente più elevate in minor tempo: circa due minuti per l’irradiazione della lesione tumorale, 10 in totale per la seduta, compresa la prepa- razione del paziente. “Sono le principali caratteristiche di TrueBeam - spiega Marta Scorsetti, responsabile di Radioterapia e Radiochirurgia in Humanitas - che ci consentirà di curare ancora meglio i pazienti, in mo- do sempre più mirato e con meno effetti collaterali.8 Humanitas - N. 2/2010
  10. 10. RADIOABLAZIONE PER DISTRUGGERE LE CELLULE TUMORALI TrueBeam permette di fare non solo ra- dioterapia e radiochirurgia, ma anche radioablazione, ossia distruggere la le- sione tumorale, inducendo la mor te (necrosi) delle cellule cancerose attra- verso la somministrazione di dosi mol- to elevate in una o poche sedute. “Dal punto di vista clinico, infatti - prosegue la dott.ssa Scorsetti - si accresce l’effi- cacia biologica grazie all’utilizzo di alteGrazie a questo acceleratore lineare riusciremo ad In Humanitas dosi in tempi brevi, soprattutto per i tumori che pre- TrueBeam si aggiungeestendere i benefici della Radioterapia anche a pazien- alla altre sentano una proliferazione cellulare molto rapida”.ti che prima non potevano essere curati con questa apparecchiature di Grazie alla sua versatilità, questo acceleratore linearemetodica. Inoltre potremo implementare tecniche di radioterapia in può essere impiegato per il trattamento di tutte le pa- dotazione, a‘dose-escalation’ cioè di intensificazione della dose, disposizione di una tologie oncologiche anche in concomitanza con laoppure optare per l’‘ipofrazionamento’, riducendo il squadra di circa 30 chemioterapia, come ad esempio nei tumori di testa e professionisti tranumero totale delle sedute e migliorando l’efficacia collo e in quelli primitivi cerebrali. Inoltre è partico- medici, fisici, tecnici,del trattamento”. L’alta precisione di questa tecnolo- infermieri e staff. larmente utile per trattamenti estremamente sofisti-gia ci permette di ridurre ulteriormente la dose ai tes- cati su metastasi addominali, lesioni inoperabili del fe-suti sani circostanti il tumore, così da rendere il trat- gato e del pancreas, carcinomi localmente avanzati,tamento ben tollerabile minimizzando gli effetti colla-terali. Questo tipo di terapia si effettua in regime am-bulatoriale e non richiede nessun tipo di anestesia, LE PRINCIPALI CARATTERISTICHEnon è invasiva e non provoca dolore, per cui può esse- DI TRUEBEAMre ef fettuata anche da pazienti anziani o particolar- imaging ad altissima risoluzione e nel corso della sedutamente fragili. radioterapica TrueBeam contro il cancro irradiazione ad elevatissima precisione e in 4D possibilità di variare l’intensità della dose all’interno della lesione tumorale tumori di testa rapidità del trattamento: 10 minuti in totale per la seduta e collo utilizzo in modalità ricerca, con settaggi diversi dall’uso tumori primitivi cerebrali terapeutico. non operabili, del polmone e mesotelioma pleurico. Inoltre è possibile effettuare anche trattamenti su pa- zienti con recidive di malattia in aree già trattate, gra- zie alla possibilità di ridurre la dose di radiazione ai tessuti sani. Ad esempio in pazienti con metastasi os- see che condizionano una compressione midollare, è possibile irradiare il tumore senza danneggiare il mi- metastasi addominali, dollo spinale, con un notevole miglioramento della lesioni inoperabili sintomatologia”. del fegato e del pancreas carcinomi localmente LE PROSPETTIVE DELLA RICERCA avanzati, TrueBeam inoltre può essere utilizzato in modalità ‘ri- non operabili, cerca’, con settaggi di alcuni parametri diversi dall’uti- del polmone lizzo terapeutico. “Questo - prosegue la dott.ssa Scor- mesotelioma pleurico setti - ci permetterà di attivare studi di ricerca traslazio- metastasi ossee nale e radiobiologici, in collaborazione con i laboratori del prof. Alberto Mantovani, mirati ad approfondire in che modo la Radioterapia influisce sul sistema im- munitario e modifica la biologia del tumore. La speran- za è poter aprire nuovi orizzonti nel campo dei modelli predittivi con l’obiettivo di attivare terapie sempre più personalizzate”. H N. 2/2010 - Humanitas 9
  11. 11. Energia su misuracombattere i tumori con la Medicina Nucleare Grazie alla PET e alla ricerca sui radio farmaci, la Medicina Nucleare offre metodiche diagnostiche e terapeutiche sempre più disegnate sulle caratteristiche biologiche del singolo paziente. ontro il cancro, la PET (tomografia ad emissione di utilizzato è analogo allo zucchero di cui le cellule tumora- C positroni) rappresenta un’arma in più, a livello non solo diagnostico ma anche terapeutico. “La PET ha notevolmente ampliato le nostre potenzialità diagnostiche - li sono avide: lo utilizzano per sostenere il loro tasso di crescita, che è molto più elevato dei tessuti sani. Durante l’esame, le aree dove si concentra l’attività cellulare ano- spiega il dottor Arturo Chiti, responsabile dell’Unità mala, legata ad un maggiore consumo di zucchero, sono Operativa di Medicina Nucleare dell’Istituto Clinico Hu- quelle che hanno un’emissione più intensa di radiazioni manitas di Rozzano e consultant presso le Unità Operati- e, quindi, possono essere ben definite dalla PET”. Il dottor Arturo Chiti ve di Medicina Nucleare di Humanitas Gavazzeni a Ber- fa parte della Società Una delle evoluzioni tecnologiche più recenti è stata gamo e di Humanitas Centro Catanese di Oncologia -. È Europea di Medicina l’integrazione della PET con la TAC: in una sola sessio- Nucleare e ha in grado di mettere in evidenza l’attività metabolica delle contribuito ne di esame è possibile ottenere sia indicazioni sulle cellule segnalando così, con estrema precisione, even- all’elaborazione delle eventuali alterazioni funzionali, sia un’accurata rico- tuali alterazioni funzionali ancor prima che nei tessuti linee guida, pubblicate struzione delle strutture coinvolte. di recente, per l’utilizzo siano visibili danni strutturali”. della PET in ambito Al paziente viene somministrato per via endovenosa un radioterapico. LA PET PER VERIFICARE L’EFFICACIA DELLE CURE radiofarmaco basato su una sostanza che viene metabo- “Un’altra applicazione sempre più importante della lizzata dalle cellule ed emette positroni, la cui presenza PET è la valutazione precoce della risposta del paziente viene rilevata in maniera molto precisa dalla PET. La ra- ad una specifica terapia - prosegue il dottor Chiti -. In al- dioattività di queste sostanze decade in pochissimo tem- cuni casi, sin dall’inizio della cura la PET consente di po rendendo, così, l’esame sicuro per i pazienti e per i mettere in evidenza variazioni anche minime dell’attivi- medici. “In un primo momento, la PET è stata impiegata tà delle cellule tumorali. Questo permette, già dalle pri- in ambito neurologico. Successivamente, con l’evoluzio- me somministrazioni, di sospendere i trattamenti che ne delle tecnologie, ha trovato importantissime applica- si rivelano inefficaci, indirizzando il paziente verso un zioni in campo oncologico - prosegue Chiti -. Consente, altro percorso terapeutico. Oppure, quando la risposta infatti, di individuare lesioni tumorali di dimensioni estre- alla terapia è positiva, consente di modularne in modo mamente ridotte e difficilmente rilevabili con altri metodi mirato e progressivo l’aggressività. Questa metodica di diagnostici. Nella maggior parte dei casi, il radiofarmaco valutazione è in fase di ricerca clinica avanzata per alcu- 10 Humanitas - N. 2/2010
  12. 12. ni linfomi, per il mesotelioma e per i GIST (tumori stro- FDG METmali del tratto gastrointestinale)”.Per la valutazione dell’efficacia terapeutica, l’utilizzodella PET si sta rivelando molto utile anche per i nuovifarmaci anti angiogenetici: “I tumori, per crescere -chiarisce Chiti - spesso favoriscono la nascita di nuovivasi sanguigni destinati ad alimentare le cellule cance-rose. Da qualche anno è disponibile una nuova genera-zione di farmaci biologici, gli anticorpi monoclonali, ingrado di interrompere questo processo, ‘affamando’ iltumore. Questo tipo di terapie, però, dà risultati rilevan- Caratterizzazione mano qui. Stanno per essere messe a punto sostanze inti solo in un numero limitato di pazienti che presentano metabolica di un grado di rilevare tumori che non rispondono in modo tumore polmonareparticolari caratteristiche. Per questo sta diventando bronchioloalveolare. La adeguato ai radiofarmaci tradizionali a base di glucosioestremamente utile l’impiego della PET per valutare il PET con FDG marcato con fluoro, che sono quelli impiegati più comu- (zucchero) è negativa,prima possibile la risposta alla cura. “Il passo successi- mentre quella con nemente. “Ad esempio, il carcinoma della prostata havo - aggiunge Chiti - è riuscire a stabilire prima di inizia- amminoacidi uno scarso metabolismo del glucosio e quindi è difficil-re la cura se le caratteristiche biologiche del paziente (metionina) evidenzia mente rilevabile con il classico esame sugar-PET - pro- la lesione.sono idonee all’impiego di un determinato farmaco”. segue il dottor Chiti -. Invece, risponde molto bene alla colina, una molecola utilizzata per costruire le membra-COLPIRE IL TUMORE ne cellulari. Allo stesso modo, per i tumori neuroendo-Lo studio delle caratteristiche molecolari dei tumori con- crini utilizziamo peptidi radio marcati, mentre per quellitinua ad aprire nuove prospettive diagnostiche e tera- cerebrali si sta rivelando particolarmente utile un ami-peutiche. Oggi è possibile costruire un radiofarmaco noacido, la metionina, marcata con carbonio-11”.sulla base della molecola più adatta ad ‘agganciarsi’ alle Il radiofarmaco,cellule cancerogene: una sorta di ‘lampadina su misura’ IL SUPPORTO ALLA RADIOTERAPIA somministrato alche consente di illuminare con precisione le aree dell’or- Una delle applicazioni più innovative della PET è il suo paziente (per loganismo colpite dalla malattia. “Così possiamo creare ra- utilizzo nell’ambito della radioterapia. “Nei trattamenti più iniettato perdiofarmaci nei quali alla molecola non sia più associata radioterapici, le cellule bersaglio vengono normalmente via endovenosa),una ‘lampadina’ ma una ‘bomba’, ovvero una parte ra- si aggancia alle individuate attraverso la TAC, che fornisce informazionidioattiva in grado di colpire e distruggere le cellule tu- cellule tumorali sugli aspetti morfologici - chiarisce Chiti -. Eseguendo,morali evidenziate - precisa Chiti -. Già da tempo si utiliz- come una sorta di invece, un esame abbinato PET-TAC si possono integra-za in modo analogo lo iodio radioattivo per trattare il tu- lampadina che re gli elementi strutturali con i dati sulle aree più o menomore della tiroide, ma solo oggi abbiamo gli strumenti consente di attive del tumore. In questo modo è possibile concentra-adeguati per creare molecole da impiegare anche in al- illuminare le aree re l’irradiazione in maniera più mirata e limitata, rispar-tre neoplasie. Sono in fase di studio clinico applicazioni dell’organismo miando i tessuti sani ed evitando di colpire inutilmentesu linfomi, tumori neuroendocrini, lesioni cerebrali pri- colpite dal anche zone del tumore ormai inattive. Si ottiene così unamitive e metastasi al cervello, metastasi scheletriche”. tumore. riduzione complessiva delle radiazioni ed una maggioreMa le innovazioni sul fronte dei radiofarmaci non si fer- efficacia terapeutica. Nella terapia del tumore al polmo- ne, ad esempio, con l’integrazione dei dati forniti dalla Radiofarmaci che curano PET il campo da irradiare si modifica in modo significati- Oggi i radiofarmarmaci vengono vo. Altre importanti applicazioni riguardano i tumori ce- utilizzati nella terapia di: lesioni cerebrali primitive rebrali, quelli della prostata e dell’area testa e collo”. e metastasi al cervello* In particolare, per le neoplasie che colpiscono l’area testa e collo è in fase di studio un’ulteriore modalità di applica- zione della PET, che è in grado di mettere in evidenza le aree del tumore meno ossigenate. “Ci sono tumori che tumori della tiroide hanno zone ipossiche, dove cioè arriva poco ossigeno, e resistono maggiormente alla radioterapia - precisa Chiti - . Per questo stiamo predisponendo un radiofarmaco ag- giuntivo e specifico, in grado di individuare con precisio- linfomi* ne queste aree, per poi colpirle con maggiore intensità”. L’Istituto Clinico Humanitas dispone tra l’altro del ciclo- trone, apparecchio fondamentale per la produzione di metastasi scheletriche* radiofarmaci, che consente anche di sviluppare sostan- ze per le applicazioni più innovative. Inoltre, la stretta tumori neuroendocrini* collaborazione con Humanitas Gavazzeni e con il Cen- tro Catanese di Oncologia permettono di garantire ai pazienti in diverse aree di Italia l’alto livello di compe- tenze e conoscenze acquisite. H * in fase di studio clinico nuove molecole da utilizzare N. 2/2010 - Humanitas 11
  13. 13. Tumore del testicolo, batterela malattia e preservare la fertilitàE’ la forma di cancro più frequente negli uomini fra i 20 e i 30 anni. Sintomi e fattori di rischiodi una malattia che si può curare, come dimostra il caso del ciclista Armstrong. tumori del testicolo sono la forma di cancro più fre- litanti, il risultato finaleI quente negli uomini fra i 20 e i 30 anni. Ogni anno nel nostro Paese, secondo i dati diffusi dalla Socie-tà Italiana di Urologia, ne vengono diagnosticati circa è significativo e il pa- ziente torna a condurre una vita assolutamentenuovi 2.000 casi. Si tratta di un tumore per lo più curabi- normale. “Fondamen-le, soprattutto nei centri con un’esperienza specifica, tale, però - spiega Zuca-dove siano presenti tutte le competenze necessarie non li - un approccio di curasolo per la cura della malattia, ma anche per la gestione multidisciplinare e unadelle problematiche ad essa correlate. Prima fra tutte, stretta collaborazionead esempio, la fertilità. tra specialisti diversi:“Negli ultimi anni la prognosi di questi tumori è miglio- oncologo, endocrinolo-rata in modo sensibile - spiega il dottor Paolo Zucali, go, chirurgo, radiotera-capo sezione di Farmacologia Clinica all’interno di Hu- pista, andrologo. Poi-manitas Cancer Center - tanto che oggi le neoplasie del ché il tumore del testi-testicolo sono guaribili nella maggior parte dei casi, e colo insorge per lo piùnon solo quando la diagnosi è precoce”. L’esempio più in pazienti giovani, èfamoso è il ciclista statunitense Lance Armstrong, di- fondamentale ad esem-ventato un vero e proprio simbolo della lotta a questa pio preservare la fertili-malattia, che scoprì di avere in forma già avanzata, con tà prima di iniziare lametastasi, e sconfisse tornando in seguito alle gare e chemioterapia. Percontinuando a collezionare importanti vittorie. questo è importante rivolgersi a strutture adeguate, inNon esiste una prevenzione specifica, ma alcuni sinto- grado di prendersi cura del paziente a 360°: non solomi dovrebbero spingere ad un controllo: ad esempio della malattia, ma anche delle problematiche ad essacambiamento delle dimensioni e della forma del testi- correlate. E’ importante che siano presenti tutte lecolo, dolore nella parte inferiore dell’addome, alterazio- competenze specialistiche necessarie, in modo che ilni del tessuto testicolare o comparsa di tumefazioni lin-fonodali addominali all’ecografia. Non esistono, invece, Il Humanitas dal 2002, FATTORI DI RISCHIOlegami con l’impotenza. Paolo Zucali è capo criptorchidismo (o ‘testicolo ritenuto’, ossia quando i testicoli sezione di Farmacologia Clinica non scendono nello scroto)LA TERAPIA (studi pre-clinici e sindrome di Klinefelter, una malattia congenita causataL’efficacia della terapia farmacologica - cicli di chemio- clinici di fase I per lo sviluppo di nuove da un cromosoma X supplementare che provoca disfunzioneterapia per eliminare le cellule tumorali - è ormai pro- molecole). dei testicolivata: anche se si tratta spesso di terapie ‘pesanti’, debi- storia familiare o personale pregressa di tumore del testicolo anomalia genetica del cromosoma 12 paziente possa effettuare non solo chemioterapia e chemioterapia ad alte dosi (che richiede il trapianto di cellule staminali, procedura riservata ai casi più avan- zati), ma anche eventualmente la radioterapia e la tera- pia chirurgica. In Humanitas il paziente può effettuare l’intero percorso di cura: la presenza di un centro di Medicina della Riproduzione consente inoltre di segui- re tutte le problematiche riguardanti la salvaguardia della fertilità”. Il tumore del testicolo colpisce per lo più in persone di età compresa tra i 18 e i 32 anni. Fondamentale, infine, il ruolo della ricerca. Gli studi in La Germania, la Scandinavia e la Nuova Zelanda corso, infatti, mirano ad identificare fattori prognostici sono i Paesi con la più alta incidenza. con l’obiettivo di personalizzare sempre di più le cure Questa malattia è circa 5 volte più comune nella per questa malattia, in modo da poter mettere a punto razza caucasica che in quella nera. H farmaci più mirati ed efficaci. 12 Humanitas - N. 2/2010

×