Your SlideShare is downloading. ×
0
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici di Giuliana De Francesco. Incontro con i referenti nazionali del progetto (Roma, 30 novembre 2005)

921

Published on

La piattaforma tecnologica, il modello dei dati, le liste terminologiche, la documentazione e i manuali.

La piattaforma tecnologica, il modello dei dati, le liste terminologiche, la documentazione e i manuali.

Published in: Technology, Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
921
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Giuliana De Francesco Il progetto MICHAEL: aspetti tecnici
  • 2. Sommario <ul><li>La piattaforma tecnologica </li></ul><ul><li>Il modello dei dati </li></ul><ul><li>Le liste terminologiche </li></ul><ul><li>Documentazione e manuali </li></ul>
  • 3. La piattaforma tecnologica <ul><li>Alla base, la piattaforma tecnologica del Catalogue des fonds culturels numérisés del francese MCC. </li></ul><ul><ul><li>Componenti open sour ce: </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>Apache, Tomcat, Cocoon </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>Xdepo </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>eXist </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>SDX </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>te cnologie Java </li></ul></ul></ul>
  • 4. La piattaforma tecnologica <ul><li>Piattaforma MICHAEL: </li></ul><ul><ul><li>Production module </li></ul></ul><ul><ul><li>crea e gestisce, tramite l’uso di Web, forms file XML, che vengono gestiti, organizzati ed immagazzinati mediante un sistema di database XML </li></ul></ul><ul><ul><li>Publishing module </li></ul></ul><ul><ul><li>interroga il data base XML </li></ul></ul><ul><li>Sarà rilasciata con una licenza pubblica (open source) </li></ul>
  • 5. La struttura europea
  • 6. Harvesting dei metadati <ul><li>I dati inseriti sulle istanze nazionali saranno resi interrogabili sull’istanza europea tramite l’ Open Ar chive Initiative Protocol for Metadata Harvesting ( OAI-PMH). </li></ul><ul><li>L’OAI-PMH consente lo harvesting di metadati sia nello standard Dublin Core che nel formato MI CHAEL. </li></ul><ul><li>Migrazioni e condivisione di dati con database esistenti : </li></ul><ul><li>è possibile raccogliere nell’istanza MICHAEL e pubblicare insieme record provenienti da sorgenti distribuite, purché in formato compatibile o previa mappatura dei rispettivi schemi di metadati. </li></ul>
  • 7. Il modello dati MICHAEL <ul><li>Modello dati per la resource discovery </li></ul><ul><li>Esigenza di creare servizi di accesso: </li></ul><ul><ul><li>c ondivisi dai diversi settori ( cross domain ) </li></ul></ul><ul><ul><li>non circoscritti a singole aree amministrative </li></ul></ul><ul><ul><li>rivolti al grande pubblico </li></ul></ul><ul><ul><li>utili ai finan z iatori </li></ul></ul>
  • 8. Il modello dati MICHAEL <ul><li>Set di metadati adottato dal progetto MINERVA </li></ul><ul><li>Sviluppato e implementato da MICHAEL </li></ul><ul><li>Cinque entità: </li></ul><ul><ul><li>Collezione digitale </li></ul></ul><ul><ul><li>Servi zio/prodotto </li></ul></ul><ul><ul><li>Institu zione </li></ul></ul><ul><ul><li>Progetto/programma </li></ul></ul><ul><ul><li>Collezione fisi ca </li></ul></ul>
  • 9. Il modello MINERVA Project Digital Collections Institution makes Service / Product n n n n n n creates access Programme <ul><ul><li>Physical collection </li></ul></ul>
  • 10. Cos’è una collezione digitale? <ul><li>Un gruppo o una serie di oggetti digitali o un set di record che li descrivono </li></ul><ul><li>Il termine “collezione” indica che la risorsa digitale è descritta come un insieme, le cui parti possono comunque essere descritte e “navigate” indipendentemente . </li></ul><ul><ul><li>Possono essere collezioni digitali: </li></ul></ul><ul><ul><li>Collezioni di immagini fisse e in movimento, testi, file sonori, modelli 3D etc., o co mposite </li></ul></ul><ul><ul><li>Collezioni di record di metadati (es. c ataloghi, inventari) </li></ul></ul><ul><ul><li>Banche dati </li></ul></ul><ul><ul><li>Risorse multimediali o interattive </li></ul></ul><ul><ul><li>… </li></ul></ul>
  • 11. La collezione digitale <ul><li>E’ al centro del progetto MICHAEL, inventario del patrimonio culturale digitale </li></ul><ul><li>Le altre entità offrono ulteriori informazioni in merito alla collezione digitale, evitando duplicazioni </li></ul>
  • 12. Record Collezione digitale <ul><li>Titolo </li></ul><ul><li>Descrizione </li></ul><ul><li>Lingua </li></ul><ul><li>Formato digitale </li></ul><ul><li>Dimensioni </li></ul><ul><li>Accrescimento </li></ul><ul><li>Diritti </li></ul><ul><li>Restri zioni di a ccesso </li></ul><ul><li>Tema, periodo, area geografica, cultura, personaggi/luoghi/eventi/oggetti famosi </li></ul><ul><li>Illustra z ioni </li></ul>
  • 13. Le relazioni della coll. dig. <ul><li>Una collezione digitale può essere: </li></ul><ul><li>sotto la responsabilità di una istituzione </li></ul><ul><li>creata nel contesto di un progetto o programma </li></ul><ul><li>creata all’interno di una istituzione </li></ul><ul><li>rappresentazione di una collezione fisica </li></ul><ul><li>accessibile attraverso un servizio o prodotto </li></ul><ul><li>parte di una maggiore collezione digitale </li></ul>
  • 14. Cos’è un servizio/prodotto? <ul><li>L’accesso alla collezione digitale è offerto da uno o più servizi o prodotti. </li></ul><ul><li>Può trattarsi di servizi o prodotti online o offline, che diano accesso o presentino per intero o in parte una o più collezioni. </li></ul><ul><ul><li>Esempi: </li></ul></ul><ul><ul><li>siti o portali web che danno accesso a una base dati </li></ul></ul><ul><ul><li>prodotti (cd, dvd) educational o e-learning </li></ul></ul><ul><ul><li>una applicazione che consenta la selezione e ordinazione di copie di una collezione “on demand” </li></ul></ul>
  • 15. Record Servizio/Prodotto <ul><li>Titolo </li></ul><ul><li>Descrizione </li></ul><ul><li>Lingua </li></ul><ul><li>Pubblico di riferimento </li></ul><ul><li>Manuten zione </li></ul><ul><li>Diritti </li></ul><ul><li>Accessibilità </li></ul><ul><li>C ondizioni di accesso </li></ul><ul><li>C anali di accesso </li></ul><ul><li>Requisiti tecnici </li></ul><ul><li>Protocollo </li></ul>
  • 16. Le relazioni del serv./prod. <ul><li>Un servizio o prodotto può: </li></ul><ul><li>dare accesso a una o più collezioni digitali </li></ul><ul><li>essere creato da una istituzione </li></ul><ul><li>essere sotto la responsabilità di una istituzione </li></ul><ul><li>essere creato nel contesto di un progetto </li></ul>
  • 17. Il programma/progetto <ul><li>Un programma o progetto: </li></ul><ul><li>produce direttamente o indirettamente collezioni digitali o servizi/prodotti </li></ul><ul><li>può coinvolgere più istituzioni </li></ul>
  • 18. Record Programma/Progetto <ul><li>Titolo </li></ul><ul><li>Acronimo </li></ul><ul><li>Logo </li></ul><ul><li>Descrizione </li></ul><ul><li>Tipo di finanziamento </li></ul><ul><li>Email/url </li></ul><ul><li>Tempi </li></ul><ul><li>Stato </li></ul><ul><li>Contatti </li></ul>
  • 19. Le relazioni del progr./prog. <ul><li>Un progetto o programma può: </li></ul><ul><li>creare una colle z ione digitale </li></ul><ul><li>creare un servi z io o un prodotto </li></ul><ul><li>essere sotto la responsabilità di una istituzione </li></ul><ul><li>essere creato da una istituzione </li></ul><ul><li>un programma può finanziare un progetto </li></ul><ul><li>un progetto può far parte di un programma </li></ul>
  • 20. Istituzione <ul><li>Una istituzione: </li></ul><ul><li>sviluppa, possiede o gestisce collezioni digitali o fisiche </li></ul><ul><li>finanzia o gestisce progetti di digitalizzazione </li></ul><ul><li>produce ed eroga servizi </li></ul><ul><li>Dunque: archivi, musei, biblioteche, ma anche uffici di tutela, enti finanziatori, istituti di cultura, enti di ricerca, associazioni … altre organizzazioni che operano nell’ambito del patrimonio culturale digitale. </li></ul>
  • 21. Record Istituzione <ul><li>Nome </li></ul><ul><li>A cronimo </li></ul><ul><li>Giurisdizione </li></ul><ul><li>Settore </li></ul><ul><li>Tipo </li></ul><ul><li>Indirizzo </li></ul><ul><li>Regione </li></ul><ul><li>Paese </li></ul><ul><li>Comunicazioni </li></ul><ul><li>Contatti </li></ul>
  • 22. Le relazioni dell’istituzione <ul><li>Una istituzione può: </li></ul><ul><li>essere responsabile di collezioni digitali </li></ul><ul><li>essere responsabile di collezioni fisi che </li></ul><ul><li>gestire o avere un ruolo in un progetto di digitalizzazione </li></ul><ul><li>finanziare un progetto o un programma </li></ul><ul><li>sviluppare o gestire servizi o prodotti informativi </li></ul>
  • 23. La collezione fisica <ul><li>Un insieme di oggetti fisici (una colle z ione di oggetti museali, un fondo archivistico etc.). </li></ul><ul><li>MI CHAEL non c rea un inventario di colle z ioni fisiche . </li></ul><ul><li>Le raccolte vengono messe in rela z ione con le colle z ioni digitali cui hanno dato vita per: </li></ul><ul><ul><li>indentificare quali colle z ioni fisiche sono rappresentate da colle z ioni digitali </li></ul></ul><ul><ul><li>consentire all’utente di identificare la sede presso cui si trovano le colle z ioni digitali zz ate (fini di studio, in centivo al turismo culturale) </li></ul></ul><ul><ul><li>identificare l’insieme delle colle z ioni (fisiche e digitali) gestite da una istitu z ione </li></ul></ul>
  • 24. Record Collezione fisica <ul><li>Titolo </li></ul><ul><li>Des c ri z ione </li></ul><ul><li>Lingua </li></ul><ul><li>Tipo di oggetto fisi c o </li></ul><ul><li>Dimensioni </li></ul><ul><li>Standard </li></ul>
  • 25. Le relazioni della coll. fis. <ul><li>Una colle z ione fisica può: </li></ul><ul><li>essere sotto la responsabilità di una istitu z ione </li></ul><ul><li>essere situata presso una istitu z ione </li></ul><ul><li>essere creata da una istitu z ione </li></ul><ul><li>essere la fonte di parte, di una o di più colle z ioni digitali </li></ul><ul><li>far parte di un’altra colle z ione fisica più ampia </li></ul>
  • 26. Multilinguismo e terminologie <ul><li>MICHAEL adotta standard terminologici per agevolare la ricerca multilingue. </li></ul><ul><li>Standard interna z ionali </li></ul><ul><li>Lingue ( ISO 639 ) </li></ul><ul><li>Paesi ( ISO 3166 ) </li></ul><ul><li>Digital type ( DCMI type ) </li></ul><ul><li>Tema ( UNESCO thesaurus) </li></ul><ul><li>Terminologie MINERVA e MICHAEL </li></ul><ul><li>Digital format </li></ul><ul><li>Institution type </li></ul><ul><li>Project status </li></ul><ul><li>Access type </li></ul><ul><li>Access conditions </li></ul><ul><li>Audience </li></ul><ul><li>Protocol </li></ul>
  • 27. Manuali <ul><li>MICHAEL platform documentation </li></ul><ul><li>Getting started – Per iniziare </li></ul><ul><li>Xdepo. Guida per l’utente </li></ul><ul><li>Xdepo. Guida all’implementazione </li></ul><ul><li>MICHAEL data model Vers. 1.0 </li></ul><ul><li>MICHAEL Collection description manual </li></ul>
  • 28. <ul><li>Vi ringra zio per l’attenzione! </li></ul><ul><li>[email_address] </li></ul>

×