Uploaded on

Introduzione alla decrescita felice a cura del circolo MDF di Firenze (maggio 2012)

Introduzione alla decrescita felice a cura del circolo MDF di Firenze (maggio 2012)

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
911
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
8
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. DE crescita
  • 2. «Non potrai mai avere abbastanza di ciòche non serve per essere felice» Eric Hoffer
  • 3. Viviamo più crisi ?• Crisi ambientale• Crisi economica• Crisi sociale
  • 4. La strategia finora adottataPuntare sempre e comunque sulla crescita economica Possibili soluzioni per continuare a crescere ancora: 1. Cercare nuove risorse in altri pianeti (colonizzazione dello spazio) ; 2. Affidarsi alla scoperta di nuove tecnologie e fonti energetiche dal potenziale illimitato e dagli effetti dannosi inesistenti; 3. Distruggere per poter ricostruire (guerre e catastrofi)
  • 5. Siamo proprio sicuri?• In generale la crescita è oggi data come cura di ogni male: riscaldamento globale, disoccupazione, crisi finanziaria, divario nord/sud, disagi sociali• Green economy• Sviluppo sostenibile ma…
  • 6. … la crescita economica ci rendepiù felici ?? «Several studies suggest that people living in countries with very high energy consumption are often less happy than people living in countries with lower energy use» «Quality of life and energy consumption are strictly correlated during basic economic development of a country, but they are not correlated in affluent nations» Da “Energy for a sustainable world”Estratto da “Manifesto per la felicità” di di Nicola Armaroli, Vincenzo BalzaniStefano Bartolini (2009)
  • 7. …la crescita economica è possibilein un mondo limitato (e delicato)? • Lo strato di atmosfera è sottilissimo (troposfera 12 km, diametro Terra oltre 12000 km); • La Terra è un sistema chiuso (solo radiazioni provenienti dallo spazio e dal Sole)
  • 8. …la scienza e la tecnologia possonorisolvere tutti i problemi? “Una fede cieca nella scienza è incoscienza” L.M.
  • 9. “Chiudere il rubinetto””Quando il vostro bagno è allagato, vi accontentate di asciugare per terra?”chiede Miklos Persanyi, l’ex ministro ungherese dell’Ambiente.“Personalmente, io comincio con il chiudere il rubinetto” La crescita non è la soluzione, ma in realtà è la causa Servono nuovi paradigmi culturali • Abbandonare un sistema economico-sociale basato sull’inseguimento della crescita economica (PIL) • Intraprendere la direzione di una “decrescita felice” come modello economico-sociale alternativo (perché felice?)
  • 10. Cos’è la decrescita ??• Non è solo teoria• Non è crescita negativa (recessione o decrescita “infelice”)• Non è tornare all’età della pietra (no rinuncie ma consapevolezze) A-CRESCITA: abbandonare la fede e la religione della crescita, del progresso e dello sviluppo. → Obiettivo: società in cui si vivrà meglio lavorando e consumando di meno, attraverso nuovi paradigmi culturali
  • 11. Beni e Merci•Bene > soddisfa in bisogno•Merce > transazione monetaria• Diminuzione delle merci che non sono beni• Aumento dei beni che non sono merci
  • 12. I tre pilastri della decrescita felice • Stili di vita • Tecnologie • Politica
  • 13. Stili di vita• Autoproduzione• Scambio e dono• Relazioni di vicinato• Sobrietà• Riusare, riciclare, riparare, recuperare• Tempo libero• Consumare locale
  • 14. TecnologieSviluppo della tecnologia allo scopo di:1)consumare meno energia;2)consumare meno materie prime;3)produrre meno rifiuti.Riduzione degli sprechi, aumento dell’efficienza
  • 15. PoliticaUn cambiamento che parte dal basso fondato sul favorire: 1. l’autosufficienza energetica 2. le tecnologie della decrescita 3. l’attuazione degli stili di vita della decrescita 4. la sovranità alimentare 5. l’autonomia economica e produttiva dei territori (ovvero la rilocalizzazione dell’economia) 6. la de-globalizzazione Destra o sinistra ?!?!
  • 16. Letture sulla decrescita La scommessa Breve trattato sulla della decrescita decrescita serena Serge Latouche Serge Latouche Feltrinelli Bollati Boringhieri La Decrescita Felice Meno e meglio Maurizio Pallante Maurizio Pallente Edizioni per la Bruno Mondadori decrescita
  • 17. Circolo MDF di Firenze 1 aprile 2012 : rinasce il circolo• Gruppo Università del Saper Fare - Recuperare il saper fare, praticare lautoproduzione, riscoprire tecniche e pratiche andate in disuso, riparare, riusare, costruire, creare.• Gruppo Studio- Caffè Filosofico - Approfondimento delle tematiche relative alla decrescita e alla sua filosofia, tramite lo studio, il confronto, il dibattito, lideazione di progetti e di proposte.• Gruppo Transition Town - Come allinterno delle città si possa creare una vita alternativa, costituita da sostenibilità, socialità, convivialità, orti cittadini, risparmio energetico, riduzione rifiuti, uso consapevole delle risorse.• Gruppo Educazione – La decrescita attraverso linsegnamento ai più giovani, leducazione come atto creativo di una nuova cultura. Attività con i più piccoli e i ragazzi delle scuole.
  • 18. I nostri contattiEmail: decrescita.firenze@gmail.comWeb: http:mdf-firenze.it http://decrescitafelice.it/Facebook: http://www.facebook.com/groups/decrescitafelice/Twitter: https://twitter.com/#!/decrescitafi
  • 19. Un pensiero decrescente Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; più comodità, ma meno tempo; più lauree, ma meno buon senso; più conoscenza, ma meno giudizio; più esperti, ma più problemi; più medicine, ma meno salute. Abbiamo fatto tutta la strada fino alla luna e indietro, ma abbiamo problemi ad attraversare la strada per incontrare il nuovo vicino. Costruiamo più computer per contenere più informazioni e produrre più copie che mai, ma abbiamo meno comunicazione. Siamo migliorati sulla quantità, ma peggiorati sulla qualità. Questi sono i tempi dei fast-food e della digestione lenta; dei grandi uomini, ma dai piccoli caratteri; profitti veloci, ma relazioni di poco valore. E’ un tempo in cui c’è molto fuori dalla finestra, ma poco nella stanza. DALAI LAMA
  • 20. Principi Universali• Primo principio della termodinamica analisi quantitativa – conservazione energia• Secondo principio della termodinamica analisi qualitativa – degradazione energetica• Principio di unicità vita e ambiente sono due aspetti della stessa realtà (salvare il pianeta?)