Come creare una relazione con i fan: il caso Starbucks
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Come creare una relazione con i fan: il caso Starbucks

on

  • 930 views

Creare una relazione duratura con i propri fan sui social media non è semplice! Un brand può scegliere la via più “veloce” e comprare i follower su Twitter, ma ciò non significa che ...

Creare una relazione duratura con i propri fan sui social media non è semplice! Un brand può scegliere la via più “veloce” e comprare i follower su Twitter, ma ciò non significa che l’azienda ne otterrà un vero beneficio in termini di immagine e utili. Anzi, la Rete porta quasi sempre ad essere scoperti e a subire una forte perdita di reputazione.
Starbucks ha accettato la sfida cercando di trasformare i propri fan in una fonte di entrate. Come? Capendo che il successo sui social media inizia con l’impegno a creare relazioni forti con i clienti, e non attraverso la vendita a tutti i costi.

Statistics

Views

Total Views
930
Views on SlideShare
930
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
4
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Come creare una relazione con i fan: il caso Starbucks Come creare una relazione con i fan: il caso Starbucks Document Transcript

  • Come Creare una Relazione con i Fan: Il CasoStarbucksCreare una relazione duratura con i propri fan sui social media non èsemplice! Un brand può scegliere la via più “veloce” e comprare i follower suTwitter, ma ciò non significa che l’azienda ne otterrà un vero beneficio in terminidi immagine e utili. Anzi, la Rete porta quasi sempre ad essere scoperti e asubire una forte perdita di reputazione.Starbucks ha accettato la sfida cercando di trasformare i propri fan in unafonte di entrate. Come? Capendo che il successo sui social media inizia conl’impegno a creare relazioni forti con i clienti, e non attraverso la vendita a tuttii costi.NON PERDERE DI VISTA IL VERO OBIETTIVOMolte aziende concentrano gran parte dei loro sforzi di web marketing adottenere il maggior numero di fan possibile, dimenticandosi che il vero valoreaggiunto si ottiene raggiungendo un’interazione profonda e continua con essi.Uno studio di Ad Age ci dice che ogni mese solo l’1% dei fan dei grandibrand interagisce con le loro pagine aziendali su Facebook.Neanche una singola promozione lanciata per sfruttare l’occasione del momento
  • (qualcuno ha detto S. Valentino..?) porta automaticamente a buoni risultati sullungo termine.Un conto è essere opportunisti e dare un “mi piace” per un tornacontoimmediato (sconti, coupon, ecc.), un altro è mantenere un rapporto anche infuturo con il brand.Non ci sono scorciatoie! Per ottenere clienti fedeli bisogna associare unottimo prodotto/servizio a una customer experience impeccabile eripetibile. Ma i social media sono qui anche per questo e possono risultarefondamentali per stimolare l’engagement della propria clientela, anche di quellapotenziale.COSA HA FATTO STARBUCKSStarbucks rappresenta un bell’esempio di azienda che ha trovato il giustoapproccio. In una recente intervista per Adweek, Alexandra Wheeler haaffermato che la social media strategy dell’azienda non è stata una sempliceiniziativa di marketing o di PR ma che si è trattato di creare valore per iconsumatori e, di conseguenza, consolidare una relazione.Starbucks ha fatto proprie le basi del Content Marketing pubblicando un flussocontinuo di storie sul caffè, di fotografie dei propri punti vendita e dei nuoviprodotti che i clienti avrebbero potuto gustare, includendo anche testimonianzefornite direttamente da altri clienti.Ma, soprattutto, Starbucks ha incoraggiato i fan a condividere tutte questenotizie con i propri amici, incrementando la possibilità che quei contenutiapparissero più spesso nei newsfeed.QUALI SONO STATI I RISULTATI Starbucks aggiunge più di 300.000 fan ogni settimana ai suoi oltre 33 milioni su Facebook e ha oltre 3 milioni di follower su Twitter; In base a uno studio congiunto di comScore e Facebook, Starbucks raggiunge, tramite i post sulla propria pagina Facebook, un numero maggiore di non-fanrispetto a quello di fan. Ciò significa che i fan che prendono contatto e condividono i contenuti prodotti dall’azienda, raddoppiano il reach della fanbase dell’azienda;
  •  Lo stesso studio ha dimostrato che l’esposizione ai post di Starbucks comporta un 38% di crescita negli acquisti in-store.COSA PUO’ FARE LA TUA AZIENDAStarbucks non si può effettivamente definire alla stregua di una piccola-mediaazienda tipica dell’imprenditorialità italiana ma, con le dovute proporzioni, iconsigli di cui sopra possono favorire il passaparola e una maggiore visibilitàonline per la tua attività. Non limitarti ad accumulare fan, ma cerca di creare una relazione genuina con loro; Identifica i motivi per i quali i tuoi clienti amano i tuoi prodotti e utilizza i social media per rafforzare i loro punti di forza nella mente dei consumatori; Rendi i tuoi contenuti desiderabili e degni di nota. Sviluppa i contenuti che i tuoi fan vogliono e che possono condividere facilmente con i propri amici. Fotografie evocative, storie sul caffè, sconti esclusivi una tantum sono le modalità che Starbucks ha messo in atto; Utilizza la pagina aziendale come strumento di ascolto. I fan forniscono ottime informazioni con i loro “mi piace”, con i commenti e le condivisioni; Individua i contenuti che ottengono più successo, isolane i punti distintivi e cerca di potenziare la produzione di materiale simile.Se hai bisogno di una mano per creare la tua strategia sui social media ecapire come creare dei contenuti di valore per raggiungere un maggior numerodi fan e contatti, scrivimi una mail.Questo articolo ha preso come spunto il seguentepost: http://www.huffingtonpost.com/ernan-roman/starbucks-social-media-re_b_2426209.html