• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Analisi brand Tupperware
 

Analisi brand Tupperware

on

  • 4,284 views

Breve analisi del brand Tupperware con considerazioni sullo stato attuale e con consigli per un possibile riposizionamento

Breve analisi del brand Tupperware con considerazioni sullo stato attuale e con consigli per un possibile riposizionamento

Statistics

Views

Total Views
4,284
Views on SlideShare
4,162
Embed Views
122

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

4 Embeds 122

http://carlomazzocco.com 115
http://carlomazzoccodotcom.wordpress.com 3
http://www.linkedin.com 3
https://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-ShareAlike LicenseCC Attribution-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Analisi brand Tupperware Analisi brand Tupperware Presentation Transcript

    • Analisi del brande proposte di riposizionamento
    • Identità, risorse e strategiaTupperware  multinazionale americana specializzata nella vendita diretta di contenitori per alimenti in plasticaEnfasi sul canale di vendita diretta, con attenzione continua al core businessBusiness Model basso costo del lavoro prossimità geografica al mercato di riferimento con centri diproduzione dislocati in USA, Europa e Giappone outsourcing con costante attenzione alla qualità e al design diversificazione continua verso utensili da cucina per incontrare leesigenze di mercatoMercati: l’Europa è il mercato più importante, con oltre metà delle vendite, 20% USA, 30% nel resto del mondo
    • SWOT Analysys S WTradizioneInnovazione/ricerca materiali eco sostenibili Descrizione pdt necessariaBuona Brand equity e buona brand awareness Prezzo elevatoDesign accattivante No strategia multichannelPolitica di rottamazione Immaginario old styleAmpio assortimento Scarso controllo rete venditaSostegno al lavoro femminile Mancanza adv e strat. comunicazioneSocializzazione-Condivisione Difficile acquisizione nuovi targetImpegno ambientaleAumento della sensibilità verso lambiente Accesso tardivo ai mercati on-lineCambiamento stile di vita e del consumo Scarso controllo WOM on linedei prodotti alimentari. Avversione verso i materiali plasticiDiffusione del canale e-commerceIncremento fiducia verso acquisto on-line O T
    • Analisi della domandaTecnica di analisiMonitoraggio della rete: consultazione forum di consumatori e siti di vendita on-lineRiscontro1) Ricerca di prodotti per la casa che siano di qualità:• duraturi• dal design accattivante• che conservano bene i cibi/ igiene• pratici e funzionali sia indoor che outdoor2) Basata sul WOM senso di appartenenza, diminuzione del rischio percepito Richiesta info spontanea da chi lo conosce già
    • Analisi della domandaDall’analisi svolta emerge l’esistenza di 2 tipologie differenti di domanda:UNCONVENTIONAL• Il processo di acquisto si basa su parametri di razionalità, funzionalità e di praticità no party spontaneo sviluppo di canali di vendita alternativi a quello istituzionale e non autorizzati ( es: vendite on line )Es:Ciao kiri85,io sono una dimostratrice tupperware ed e vero che per poter conoscere e acquistare gli utilissimi e praticissimi contenitori tupperware occorre ospitare una riunione a casa propria.in realta io raccolgo anche ordini singoli da famigliari,conoscenti e amici,senza per forza fare i party.non tutte amano chiamare gente a casa per le dimostrazioni,quindi perche non accontentare le richieste anche con ordini verbali?!se vuoi ti posso dare il mio recapito telefonico o email per darti senza impegno tutte le informazioni,e spedirti direttamente a casa cio di cui hai bisogno,posso includerti le spese postali e gli omaggi riservati ai clienti!ciao e fammi sapere!Fonte: E:Dove acquistare i prodotti Tupperware - Casa e arredamento - Domande e Risposte.mhtCONVENTIONAL• Manifesta apprezzamento rispetto al party inteso come momento di condivisione, confronto, apprendimento e intrattenimento.
    • Tupperware e la concorrenzaSi è scelto di considerare solo i concorrenti ritenuti diretti in base a : caratteristiche fisiche del prodotto, fascia di prezzo, notorietà del brand, target di consumatori.1) PRODOTTO Tupperware : prodotti di eccellente qualità, design moderno ed elevata affidabilità. Prezzi medio alti. Target: prevalentemente donne dai 25 ai 55 anni, lavoratrici e casalinghe.Gio’ Style: leader del mercato italiano con prodotti di buona qualità, design e affidabilità. Prezzi medio bassi. Target vario: uomini e donne dai 25 ai 55 anni, lavoratori e casalinghe, per lo più per esigenze extra- domestiche.Guzzini: brand equity molto forte nel mercato di oggetti in plastica dal ricercato gusto estetico. Premium price Target: prevalentemente femminile di età compresa fra i 30 ed i 55 anni..
    • f Tupperware e la concorrenza2 ) CANALI DI VENDITA: Tupperware: specializzata nella vendita diretta porta a porta. L’azienda si serve di una fitta una rete di concessionarie e venditrici per l’organizzazione presso le abitazioni dei clienti, dei “Tupperware Parties”. Trattasi di piccoli momenti di aggregazione sociale finalizzati alla esposizione, spiegazione e vendita dei prodotti. Gio’ Style: vendita esclusiva tramite GDO (Metro, Auchan, Carrefour, Mediaworld, Coop, Iper); e-shop in fase di allestimento. Guzzini: vendita esclusiva tramite negozi specializzati; e-commerce assente.
    • Analisi della distribuzioneScelta aziendale vendita a domicilio e comunicazione limitata al passaparola. Tali scelte sono motivate rispettivamente dalla necessità di “comunicare” alla clientela la proposizione di valore basata sul rapporto prezzo/prodotto e dalla volontà di sfruttare le associazioni positive connesse alla dimensione socio-aggregativa• Punti di forza• Forza Vendita formata e competente• Contatto one to one con il cliente• Possibilità di esporre e spiegare il prodotto• Percezione del valore• Giustificazione prezzo elevato• Aumento loyalty• Aumento WOM spontaneo• Punti di debolezza• Assenza HORECA• Processo d’acquisto lungo e complesso• Scarsa capillarità• Scarsa penetrazione del mercato• Assenza ADV moderna ed efficace• Poco controllo sulla loro forza vendita
    • Segmentazione DEMOGRAFICADonne dai 25 ai 55 anni, mediamente istruite, casalinghe, lavoratrici e studentesse, con una disponibilità di spesa medio-alta e variamente dislocate in tutte le parti d’Italia. PSICOGRAFICAMolto impegnate, vorrebbero acquistare Tupperware ma spesso non hanno nè disponibilità di tempo né voglia necessarie all’organizzazione dei tradizionali Tupperware parties.Bisogni• tangibili: qualità, praticità, funzionalità• intangibili  connubio tra tradizione familiare (di madre in figlia) e desiderio di “stare al passo con i tempi”; environement-friendly (rottamazione)• esperienziali: comodità d’acquisto (acquisto on-line), socializzazione e contatto umano (vendita diretta)Valori salute, cura della famiglia, genuinità
    • Segmentazione TECNOGRAFICA• Possibilità di accesso alle tecnologie, competenze informatiche di medio livello, utilizzo del web a scopo informativo e per l’acquisto di prodotti di vario genere• Il tipo di fruizione del web varia in base all’età: le più giovani sono più propense alla messa in comune del proprio bagaglio esperienziale mentre le donne più mature sono più attente alla tutela della privacy.
    • TargetDONNE DI IERI DONNE DI OGGI• Dai 25 ai 60 anni • Dai 25 ai 55 anni• Casalinghe • Casalinghe, Lavoratrici e• Molto tempo libero studentesse• Qualità • Poco tempo libero• Bisogno aggregazione • Qualità + funzionalità• Amanti della casa • Utilizzatrici rete• Driver: cura della casa e della • Pratiche-tuttofare famiglia • Driver: cura nel minor tempo• Amano cucinare per la famiglia possibile• Non conoscono bene il pdt • Pasto fuori casa• Disponibili a fare party a casa • Informate sul pdt • Sensibili alle tematiche socio-ambientali
    • Posizionamento• Fascia medio-alta.• Ampliamento del proprio bacino clienti  apertura verso i mercati on-line.• Consolidamento del canale tradizionale di vendita diretta.• Riproposizione dei valori aziendali tradizionali in chiave attuale  web community, forum di discussione , finestre di contatto diretto fra azienda e cliente.
    • Branding• Sito internet, CRM One to One  interattivo e relazionale per creare una relazione duratura col cliente• E-mail informativa periodica personalizzata volta a pubblicizzare le ultime attività e le nuove proposte commerciali• Eventi collaterali on e off line concorsi, geo- localizzazione
    • Interventi sul sito• Shop on line previa registrazione  storico acquisti• Video esplicativi• Ambientazioni virtuali e 3D• Programma affiliazione  Invita un amico• Promo mensili customizzate• Servizio Delivery gift• Link diretto ai social media
    • Utilizzo del 3D?Lutilizzo di ambientazioni virtuali e di fotografie in 3D è una sceltafinalizzata ad aumentare il coinvolgimento dellutente/consumatore,mostrando in modo più efficace e realistico, le caratteristiche del prodotto.Attraverso lutilizzo del 3D si vuole:-Offrire una descrizione dettagliata del prodotto;-Riprodurre virtualmente lesperienza di “presentazione dal vivo” ;-Proporre, attraverso ambientazioni virtuali, le occasioni e le modalità duso;-Offrire, attraverso un sistema interattivo, la possibilità di scoprire i materiali che compongono i prodotti;
    • Social media• Facebook: fan page  caricare contenuti foto-video , commenti, post, sia da parte degli utenti che dall’azienda. Comunicazione eventi e pubblicazione topics a carattere sociale.• Twitter: scopo di vendita con promozioni temporanee dedicate ai follower. Canale immediato per customer care one to one (immediatezza delle risposte = aumento della fiducia del consumatore verso lazienda).
    • Marketing Mix• Price  invariato. Cambiamento della struttura dei costi: maggiore rigidità. Incentivare forza vendita.• Product  invariato. Punto di forza della lunga tradizione del brand• Place  ON LINE: sito internet più fruibile e che stimoli la curiosità, geolocalizzazione.  OFF LINE: party tupperware, rappresentanti, eventi collegati, sistema logistico distributivo• Promotion  forte investimento sulla comunicazione on-line, e sui social network al fine di incrementando il passaparola e lo scambio di opinioni