Your SlideShare is downloading. ×
Visual storytelling: comunicare l’azienda attraverso le immagini
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Visual storytelling: comunicare l’azienda attraverso le immagini

400
views

Published on

A partire da piattaforme come YouTube, Flickr, Pinterest, Slideshare si è discusso di strategie per la costruzione dell’immagine corporate aziendale, della reputazione e dell’offerta commerciale

A partire da piattaforme come YouTube, Flickr, Pinterest, Slideshare si è discusso di strategie per la costruzione dell’immagine corporate aziendale, della reputazione e dell’offerta commerciale

Published in: Business

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
400
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
34
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. ASSOREL ACADEMY – Seminario del 28 Maggio 2013YouTube, Flickr, Pinterest, Slideshare: visualstorytelling, la nuova frontiera dei canalisocial per comunicare l’aziendaattraverso le immaginiStrategie per il loro utilizzo nella costruzione dell’immaginecorporate aziendale, della reputazione e dell’offertacommercialeRelatore:Joakim LundquistSara RusconiSocietà:
  • 2. • Discussione: Quali problemi e aspettative?• Chi è Lundquist?• Quali sono i canali social media più utilizzati dalle aziendeitaliane? I risultati del Lundquist Social Media Awards• Raccontarsi attraverso le immagini sui social media. Focus suicanali che permettono la condivisione di immagini, video edocumenti: YouTube, Flickr, Pinterest e Slideshare• Discussione: Scambio di esperienze e discussione finale• Nuove tendenze nella comunicazione online: la comunicazionevisuale a supporto del racconto aziendale (digital storytelling)2
  • 3. Lundquist è una società di consulenza strategicaspecializzata nella comunicazione corporate online, conuna forte expertise nella comunicazione dei contenutifinanziari, CSR, employer branding e social media.CHI SIAMOIL NOSTRO OBIETTIVOIl nostro obiettivo è quello di rendere misurabile lacomunicazione online e di guidare le società perraggiungere un cambiamento di cultura al proprio interno,aiutandole a progettare ecosistemi digitali migliori e piùefficaci nel comunicare con i propri stakeholderLA NOSTRA METODOLOGIAAdottiamo una metodologia progettuale consolidata,divisa in tre fasi (measure – manage – change) persupportare le società nella ridefinizione delle propriemodalità di presenza sui canali digitali. Così leaccompagniamo in un processo di evoluzione ecambiamento per affrontare le proprie sfide dicomunicazioneI NOSTRI PRINCIPALI SERVIZI Digital strategy e consulting User experience design in ambito corporate Corporate online communications Online CSR communications Online employer branding Social media strategy ReportingALCUNI NOSTRI CLIENTI (>70 IN EUROPA)LE NOSTRE RICERCHE3
  • 4. KWD WEBRANKING CSR ONLINE AWARDSEMPLOYER BRANDING ONLINE AWARDS SOCIAL MEDIA ONLINE AWARDS• La più importante ricerca europea che valuta lacomunicazione finanziaria ed istituzionale online, daoltre 15 anni valuta le maggiori società quotate a livelloeuropeo (quasi 1000 società ogni anno)• Esigenze degli stakeholder indagate annualmenteattraverso un questionario (500 professionisti)• Pubblicata in Italia su CorrierEconomia• Giunta alla 5° edizione, valuta come lemaggiori società in Europa usano il propriosito per comunicare la sostenibilità e leproprie strategie di CSR• Primo studio europeo che valuta lacomunicazione della CSR• Concetto olistico del reporting non finanziarioe della comunicazione CSR sul web• Pubblicata sul Sole 24 Ore• Laboratorio di ricerca sull’utilizzo dei socialmedia a livello corporate• Ricerca composta da micro-analisi dedicateai canali specifici• Ricerca su Wikipedia pubblicata daEconomy, studio su professional networking(LinkedIn), pubblicato da CorrierEconomia• Prima ricerca europea che valuta come lesocietà comunicano la propria identità e lapropria attrattività a dipendenti attuali epotenziali• Basata su esigenze e aspettative dei realijobseeker (questionario internazionale percostruzione del protocollo di analisi)• Classifica italiana pubblicata suCorrierEconomia4
  • 5. Lundquist Social Media Awards5
  • 6. • Lundquist ha lanciato un nuovo progetto di ricerca per mappare la presenza sui social media dalpunto di vista corporate delle società italiane• Lo studio valuta la presenza delle 100 maggiori società italiane dal punto di vista corporate suiprincipali social media• L’obiettivo è di capire le dinamiche di una presenza di successoWikipedia Quanto è efficiente la comunità degli editori di Wikipedia nelprodurre profili societari completi e rilevanti? Quale ruolo per leaziende?Facebook Il numero di fan è importante, ma l’engagement è la chiave di unafan page aziendale di successoTwitter L’importanza di un approccio personale anche per le aziendeLinkedIn Non è solo una piattaforma di recruiting: Come è possibileutilizzare questo strumento per fare employer branding e attrarrefollower?Top management Quali competenze sui social media hanno i manager italiano?Piattaforme di sharing L’importanza della componente visuale: video ed immagini sonoutilizzati per raccontare le storie dell’azienda?6
  • 7. • Il più importante social network almondo in Italia rimane pocosfruttato dalle aziende per farebranding e costruire reputazione• La ricetta per una presenzacorporate efficace è creare paginelegate a temi specifici ededicarsi alla creazione dicoinvolgimento per i fan• Sono le fanpage legate alleiniziative specifiche a ottenereun più alto numero di fan e unmaggior livello di attività da partedegli utenti (brand engagement)• Tranne pochi esempi, le fanpagecorporate “tuttofare”, cheaggregano una serie di diversicontenuti corporate, hanno menosuccesso e sono tendenzialmentepiù complesse da gestireFonte: Lundquist Social Media Awards - FacebookRicerca pubblicata a gennaio 2013 su CorrierEconomia43Fanpageaziendali legatea iniziative dibranding7
  • 8. 8
  • 9. • In aumento l’utilizzo di Twitterin Italia: più di una societàsu quattro ha una presenzacorporate o di branding• La tendenza è quella dicreare più account dedicatia diverse tematiche, dagliaccount “tuttofare” di gruppo,a quelli verticali per tema(come responsabilità socialeed employer branding), aquelli dedicati ad iniziativespecifiche o di branding• Su Twitter le aziende devonoabbandonare unatteggiamento “push” percomportarsi molto piùcome persone chepartecipano alle discussioni,commentando, rispondendo econdividendo informazioniFonte: Lundquist Social Media Awards - TwitterRicerca pubblicata a febbraio 2013 su CorrierEconomia 9
  • 10. • Twitter si sta spostando sempre più dal testoai contenuti multimediali,• Con l’acquisto da parte di Facebook diInstagram che non ha reso più possibile lacondivisione automatica su Twitter, lapiattaforma di micro-blogging ha creato appdedicate come Vine (video di massimo 6secondi) TwitPic (immagini)• Altre piattaforme come Flickr permettono,invece, preview come quella a lato che rendeil Tweet molto più appealing• Le “Twitter cards” rendono possibilel’integrazione di contenuti multimedialiall’interno dei singoli tweet consentendo untipo di visualizzazione che valorizzamaggiormente il contenuto10
  • 11. • I due terzi delle maggiori 100 società italianenon ha una presenza gestita su LinkedIn, ilpiù importante social network di questo tipo• Questo risultato si contrappone a uncrescente interesse da parte degli utentiLinkedIn di seguire attivamente questeaziende• Un approccio proattivo delle società suLinkedIn si riflette in un significativo aumentodel numero di persone che seguono le pagineaziendali• I social media dedicati al mondo del lavoronon solo permettono di sviluppare l’attività diemployer branding, ma offrono anche lapossibilità all’azienda di accrescere la propriareputazione e sviluppare brand awareness,utile anche in un contesto di contrazioneoccupazionaleLinkedIn è il social media diprofessional networking più utilizzatoal mondo con oltre 160 mln diprofessionisti e 2 mln di pagineaziendali.58 società hanno pagine non gestite12 società non presentano unapagina su LinkedInLe 30 pagine gestite hanno unamedia di oltre 5.300 follower perpaginaAltre piattaforme con caratteristichesimili sono: Xing e ViadeoFonte: Lundquist Social Media Awards - FacebookRicerca pubblicata a settembre 2012 su CorrierEconomia 11
  • 12. • Dal primo monitoraggio sull’utilizzodei social media da parte del topmanagement delle 100 società piùimportanti in Italia emerge che, tra i513 professionisti studiati, solo il 5%usa Twitter, circa la metà sono suLinkedIn e sono in sette a tenereun blog• 513 manager considerati (Presidente,AD, CFO, Responsabile IR, Direttoredella Comunicazione/ Relazioniesterne, Responsabile Ufficiostampa, Responsabile CSR,Responsabile HR)• Buona parte degli account socialmedia, inoltre, risultano incompletio poco aggiornatiFonte: Lundquist Social Media Awards – Top managementRicerca pubblicata a gennaio 2013 su CorrierEconomiaTWITTER38 Profili, di cui 13 non attivi o mai usati, 16 hanno una bio precisae completa che consente di identificare il soggetto senzaambiguità.LINKEDIN245 Profili, di cui il 21% ha meno di 30 contatti, il 12,7% ha unaposizione non aggiornata, il 39% supera i 200 contatti, il 56%aderisce ai gruppi12
  • 13. Ricerca Lundquist sui canali che permettono lacondivisione di immagini, video e documenti: YouTube,Flickr, Pinterest e Slideshare13
  • 14. 14Nasce la moda delle infografiche: i dati si fanno visualiEsplode Pinterest: il bookmarking si fa visualeAcquisto miliardario di Instagram da parte di FBPer le aziende questo significaraccontarsi non solo attraverso parolema anche immagini e, soprattutto, i videoFocus sui canali che permettono lacondivisione di immagini, video edocumenti: YouTube, Flickr, Pinterest eSlideshare e Instagram
  • 15. Attrae l’attenzione delle personeAiuta a comprendere meglio le informazionie a ricordareRende più piacevole la letturaCi aiuta a raccontare storie15
  • 16. YouTube è la principale piattaforma divisualizzazione di video. E’ il terzo sito piùvisitato al mondo dopo Google e Facebook. Dal2006 è proprietà di GoogleSlideshare è il principale sito di condivisione dipresentazioni professionali. A marzo 2012 èstata acquisita da LinkedIn16
  • 17. Flickr è il più importante sito per lacondivisione di fotografie. Dal 2005 è diproprietà di Yahoo!17Fondato nel 2010, Pinterest, ha raggiunto i10 milioni di utenti in soli due anni.Basato sull’idea di creare un catalogo on-linedelle ispirazioni, Pinterest permette agliutenti di creare bacheche per gestire laraccolta di immagini in base a temi predefinitio da loro generati
  • 18. • YouTube è tra i social mediamaggiormente utilizzati dalle societàitaliane: sette su dieci hanno aperto unproprio canale, sebbene questo vengautilizzato principalmente comearchivio• La maggior parte lo usaprincipalmente per pubblicare spotpubblicitari; solo un terzo presentacontenuti corporate, come interviste almanagement, iniziative di responsabilitàsociale, video di branding, ecc.• In questo modo le potenzialità “social”del canale non vengono sfruttate: ècome se le aziende usassero YouTubecome semplice player della propria videogallery• Otto società si distinguono in questocontesto presentando canali altamentepersonalizzati con una molteplicità dicontenuti video181 In queste 10 società non sono stati presi in considerazione canali corporate con l’ultimoaggiornamento risalente ad oltre un anno fa (Luxottica, Intesa Sanpaolo, Brunello Cuccinelli)2 I canali YouTube con contenuti esclusivamente pensato per un pubblico estero non sono stateconsiderate all’interno dell’analisi.Fonte: Lundquist Social Media Awards – Sharing platformsRicerca pubblicata a gennaio 2013 su CorrierEconomia
  • 19. • YouTube è utilizzato solo da una piccola parte delle società per presentarecontenuti corporate (circa un terzo del campione)• Buona parte delle società analizzate usano YouTube come semplicearchivio di materiale già esistente, come la pubblicazione di spotpubblicitari e il classico video istituzionale• Quasi tutte le società considerate (28 su 32) inseriscono il link al sitocorporate sul canale YouTube, 12 segnalano la propria presenza su altrisocial media, mentre solo un terzo lo utilizza come player del sito• Buona parte delle società considerate (23 su 32) scelgono di avere il wallaperto ai commenti e questo rappresenta un elemento importante diapertura da parte delle società che generalmente vedono nell’interazionecon gli utenti la parte più rischiosa dell’approccio ai social media• La maggioranza delle società (25 su 32) presenta video organizzati inplaylist. L’organizzazione dei video è importantissima perché migliora laricercabilità dei contenuti, specie per canali con un numero consistente divideo19
  • 20. 20Banca MPS, Banca BNL, Banca Mediolanum,Edison, Enel, Eni, Siemens, UniCredit58% del totale delle visualizzazionidelle 32 società valutate (52 milioni)calendario editoriale più attivo caricando il maggior numero di video (il 55%dei 8.370 video caricati dal campione valutato)look & feel in linea con l’immagine online della società e un livello massimo dipersonalizzazioneSviluppare un’efficace presenza su YouTube è fondamentale avere una chiarastrategia e la volontà di investire nel canale
  • 21. Il canale YouTubedi Enel integra isocial media in cuila società èpresenteE’ possibile vederegli aggiornamenti daTwitter21
  • 22. Eni, oltre a registrare un numerodi visualizzazione del canale tra ipiù alti all’interno delle 32 societàcon profili misti e istituzionali,rappresenta un buon esempio divarietà della tipologia di videopropostiAl suo interno si possono infattitrovare video di presentazionedella strategia aziendale da partedel top management, oltre cheinterviste e conferenze stampaCi sono inoltre video legati allastoria, come materiale susponsorizzazioni e spot TV22
  • 23. Siemens rappresenta un casointeressante e unico tra le societàincluse in questa ricercaIl canale è gestito a livellointernazionale, ma attraverso unmenù di selezione dei contenuti èpossibile filtrare i video per paesed’interesse (o per tematicaspecifica).Questa scelta permette all’aziendadi riunire in un unico canale glisforzi editoriali, evitando di averediverse presenze, magari gestitedifferentemente tra loro e perl’utente, ottenere una visioneglobale della società che includainformazioni anche a livellointernazionale23
  • 24. 24
  • 25. • Soltanto 17 società su 100 hanno una presenza sulla più importantepiattaforma di condivisione di presentazioni e 5 di queste non presentanoaggiornamenti nel corso del 2012• Nella maggior parte dei casi Slideshare viene usato impropriamente percondividere documenti testuali come bilanci e comunicati stampa• Il vero valore di SlideShare risiede invece nella condivisione di slide che,basandosi su una comunicazione visuale e per punti chiave, rappresentano unaforma di comunicazione più adatta ai social media25
  • 26. 26
  • 27. • Nell’anno dell’esplosione delle infografiche e di Pinterest, le società italianenon sfruttano le opportunità fornite dalle piattaforme di condivisione diimmagini per raccontare la propria realtà aziendale• Solo 14 società su 100, infatti, sono presenti su Flickr e 18 su Pinterest27Branding e viralUtilizzato soprattutto nelsettore fashion e designBookmarking basato sulleimmaginiQualità fotograficaora più socialNuovo layout offre nuoveopportunità soprattutto perla condivisioneBasato su una communitydi appassionati di fotografiaMobile e social orientedPermette di confezionare contenuti diqualità con poco sforzo dacondividereCome Twitter permette l’utilizzo dihashtag e come Facebook permetteil tagging
  • 28. • Solo 14 società sono presenti su Flickr, di queste 6 non hanno aggiornato icontenuti all’interno del proprio profilo nel corso del 2012• La tipologia di contenuti è ampia: dalle foto delle sedi operative e di business, almanagement, alle foto di iniziative specifiche• Flickr negli anni è diventata una piattaforma con un target via via sempre piùmirato agli appassionati di fotografia• Le società che scelgono di investire veramente su questo canale mirano avalorizzare i propri patrimoni fotografici e a “socializzare” le proprie immagini28
  • 29. 29
  • 30. • In Italia solo 18 aziende su 100 possiedono un profilo su Pinterest, perlopiù utilizzato perscopi commerciali da società del settore dei beni di consumo• Dai dati emerge che al momento l’approccio delle società verso Pinterest è ancora in una fasedi sperimentazione, sono pochi i profili che possono vantare un numero consistente difollower e in testa si trovano soprattutto società che producono prodotti a forte baseemozionale, come i brand di moda• A livello internazionale ci sono esempi interessanti di società che riescono a coinvolgere gliutenti con board legati ai temi della ricerca, delle macro tendenze, attraverso schemi edinfografiche30
  • 31. • Alcune società come Poste Italiane e Campari presentano• anche immagini storiche dell’azienda, mentre Vodafone hacreato numerose• board dedicate alla presentazione di eventi e sponsorizzazioni.31
  • 32. 32
  • 33. 33
  • 34. Contenuti Variare la tipologia dei contenuti aiuta araggiungere un audience più ampioContinuità E’ importante avere un solido programmaeditorialeEngagement Fondamentale la scelta dei contenuti per crearedialogo e interazionePersonalizzazione Essenziale inoltre la brandizzazione del canaleIntegrazione Uno degli elementi fondamentali perché i canalifunzionino è l’integrazione e l’interconnessione tratutte le piattaforme online della società34
  • 35. 2013-05-28 | 35
  • 36. • Il 20 maggio Yahoo compra Tumblr, popolare piattaforma di blogging, per 1,1miliardi di dollari.• Tumblr, lanciata nel 2007, è la più popolare piattaforma di tumbleblog• I tumblelog, nati nel 2005, sono una variante del blog e favoriscono unaforma più veloce di condivisione, con piccoli estratti di testo arricchitida link, foto e video36Fonte: danzarrella.com
  • 37. 37
  • 38. 38
  • 39. 39
  • 40. 40
  • 41. Full screen images
  • 42. No words,just scroll42
  • 43. 43Elementipensati perschermitouch
  • 44. 44La tipografiadefinisce lospazio
  • 45. Esplosione delleinfografiche
  • 46. 2013-05-28 | 46Video di alta qualità: la fine del DIY?
  • 47. 47Comunicazionevisuale asupporto delraccontoaziendale
  • 48. 48NON SOLO TESTOVISUAL NON SOLOACCOMPAGNAMENTO MASTRUMENTO DI COMUNICAZIONETAILORED STORYTELLING (PERCANALE)
  • 49. Joakim LundquistJoakim.lundquist@lundquist.itTwitter: @JoakimLundquistSara RusconiSara.rusconi@lundquist.itTwitter: @SaraRusconiVia San Maurilio, 23Milan 20123Website: www.lundquist.it/Blog: www.lundquist.it/blog/LUNDQUIST SRL CONTATTISOCIAL PRESENCELundquist company page@LundquistLundquist pageLundquist channelSlideshare account

×