Your SlideShare is downloading. ×
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
214
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Indice Indice Riferimenti ................................................................................................. 3 Indice foto .............................................................................................................. 5 Introduzione: ....................................................................................................... 10 Capitolo 1 ............................................................................................................. 13 Antico Regno (3200-2160 a.C.): ...................................................................... 18 Primo periodo Intermedio (2160-2055 a.C.): .................................................. 29 Medio Regno (2055-1650 a.C.): ....................................................................... 36 Secondo Periodo Intermedio (1650-1550 a.C.): .............................................. 44 Nuovo Regno (1550-1069 a.C.): ...................................................................... 52 Capitolo 2: ............................................................................................................ 70 Armi d’attacco: ................................................................................................. 73 A 1) Bastone: ................................................................................................. 73 A 2) Mazza: .................................................................................................... 75 A 3) Ascia: ..................................................................................................... 79 A 4) Bastone da lancio: ................................................................................. 88 A 5) Lancia: ................................................................................................... 91 1
  • 2. A 6) Giavellotto: ............................................................................................ 96 A 7) Armi da taglio:....................................................................................... 98 A 8) Arco e freccia: ..................................................................................... 103 Armi di difesa: ................................................................................................ 119 A 9) Scudo: .................................................................................................. 119 A 10) Elmo: .................................................................................................. 123 A 11) Protezioni del corpo: ......................................................................... 125 Armi Tattiche: ................................................................................................. 127 A 12) La Carreria: ...................................................................................... 127 Capitolo 3: .......................................................................................................... 135 Epoca Predinastica (EP): .............................................................................. 138 Antico Regno (AR): ....................................................................................... 152 Medio Regno (MR):....................................................................................... 174 Necropoli di Asyut (MR.At.)........................................................................ 174 Necropoli di el-Bersheh (MR.eB.):.............................................................. 178 Necropoli di Meir (MR.M.): ........................................................................ 181 Necropoli di Beni Hassan (MR.BH.): ......................................................... 188 Necropoli dell’Asasif (MR.AF.): ................................................................. 216 Rappresentazioni varie del Medio Regno (RV) ........................................... 225 Capitolo 4: .......................................................................................................... 229 Bibliografia: ....................................................................................................... 249 2
  • 3. Indice Riferimenti EP. 1) .................................................................................................................. 138 EP. 2) .................................................................................................................. 140 EP. 3) .................................................................................................................. 140 EP. 4) . ................................................................................................................. 144 EP. 5) .................................................................................................................. 148 AR. 1) . ................................................................................................................ 152 AR. 2) ................................................................................................................. 152 AR. 3) ................................................................................................................. 154 AR. 4) . ................................................................................................................ 155 AR. 5) ................................................................................................................. 157 AR. 6) . ................................................................................................................ 165 AR. 7) . ................................................................................................................ 169 MR.At. 1) ........................................................................................................... 174 3
  • 4. MR.At. 2) ........................................................................................................... 176 MR.eB. 1) . .......................................................................................................... 178 MR.eB. 2) ........................................................................................................... 179 MR.M. 1) ............................................................................................................ 181 MR.M. 2) ............................................................................................................ 186 MR.BH. 1) . ......................................................................................................... 188 MR.BH. 2) . ......................................................................................................... 197 MR.BH. 3) . ......................................................................................................... 198 MR.BH. 4) . ......................................................................................................... 211 MR.AF. 1) . ......................................................................................................... 216 RV. 1) . ................................................................................................................ 225 RV. 2) . ................................................................................................................ 226 RV. 3) . ................................................................................................................ 227 RV. 4) . ................................................................................................................ 227 4
  • 5. Indice foto Fig. 1: .................................................................................................................. 20 Fig. 2: .................................................................................................................. 20 Fig. 3: .................................................................................................................. 22 Fig. 4: .................................................................................................................. 22 Fig. 5: .................................................................................................................. 25 Fig. 6: .................................................................................................................. 27 Fig. 7: .................................................................................................................. 27 Fig. 8: .................................................................................................................. 40 Fig. 9: .................................................................................................................. 41 Fig. 10: ................................................................................................................ 42 Fig. 11: ................................................................................................................ 43 Fig. 12: ................................................................................................................ 65 Fig. 13: ................................................................................................................ 65 5
  • 6. Fig. 14: ................................................................................................................ 66 Fig. 15: ................................................................................................................ 67 Fig. 16: ................................................................................................................ 67 Fig. 17: ................................................................................................................ 68 Fig. 18: ................................................................................................................ 76 Fig. 19: . ............................................................................................................... 77 Fig. 20: ................................................................................................................ 82 Fig. 21: ................................................................................................................ 83 Fig. 22: ................................................................................................................ 83 Fig. 23: ................................................................................................................ 84 Fig. 24: ................................................................................................................. 85 Fig. 25: ................................................................................................................ 90 Fig. 26: ................................................................................................................ 93 Fig. 27: ................................................................................................................ 99 Fig. 28: .............................................................................................................. 101 Fig. 29: .............................................................................................................. 109 Fig. 30: .............................................................................................................. 111 Fig. 31: .............................................................................................................. 113 Fig. 32: .............................................................................................................. 115 Fig. 33: .............................................................................................................. 121 Fig. 34: .............................................................................................................. 131 Fig. 35: .............................................................................................................. 132 6
  • 7. Fig. 36: . ............................................................................................................. 132 Fig. 37: .............................................................................................................. 133 Fig. 38: .............................................................................................................. 137 Fig. 39: .............................................................................................................. 139 Fig. 40: .............................................................................................................. 141 Fig. 41: .............................................................................................................. 145 Fig. 42: .............................................................................................................. 149 Fig. 43: .............................................................................................................. 152 Fig. 44: .............................................................................................................. 153 Fig. 45: .............................................................................................................. 153 Fig. 46: .............................................................................................................. 155 Fig. 47: .............................................................................................................. 156 Fig. 48: .............................................................................................................. 157 Fig. 49: .............................................................................................................. 158 Fig. 50: .............................................................................................................. 163 Fig. 51: .............................................................................................................. 164 Fig. 52: .............................................................................................................. 166 Fig. 53: .............................................................................................................. 169 Fig. 54: .............................................................................................................. 174 Fig. 55: .............................................................................................................. 176 Fig. 56: .............................................................................................................. 178 Fig. 57: .............................................................................................................. 180 7
  • 8. Fig. 58: .............................................................................................................. 182 Fig. 59: .............................................................................................................. 185 Fig. 60: .............................................................................................................. 187 Fig. 61: .............................................................................................................. 189 Fig. 62: .............................................................................................................. 191 Fig. 63: .............................................................................................................. 193 Fig. 64: .............................................................................................................. 194 Fig. 65: .............................................................................................................. 197 Fig. 66: .............................................................................................................. 199 Fig. 67: .............................................................................................................. 201 Fig. 68: .............................................................................................................. 202 Fig. 69: .............................................................................................................. 203 Fig. 70: .............................................................................................................. 204 Fig. 71: .............................................................................................................. 207 Fig. 72: .............................................................................................................. 208 Fig. 73: .............................................................................................................. 210 Fig. 74: .............................................................................................................. 213 Fig. 75: .............................................................................................................. 217 Fig. 76: .............................................................................................................. 218 Fig. 77: .............................................................................................................. 225 Fig. 78: .............................................................................................................. 226 Fig. 79: .............................................................................................................. 226 8
  • 9. Fig. 80: .............................................................................................................. 226 Fig. 81: ............................................................................................................... 227 Fig. 82: .............................................................................................................. 228 Fig. 83: .............................................................................................................. 234 Fig. 84: .............................................................................................................. 238 Fig. 85: .............................................................................................................. 239 Fig. 86: .............................................................................................................. 246 9
  • 10. Introduzione: Il lavoro che si vuole presentare in questa tesi si prefigge il compito di analizzare nell’ambito iconografico e materiale l’aspetto bellico/militare del mondo egiziano antico, in modo da poter avere una visione generale sull’argomento, insieme a una visione del panorama rappresentativo. Lo scopo di quest’analisi è finalizzato a rispondere a una precisa domanda, che ritengo fondamentale se si vuole cercare di analizzare, in modo accurato, tutto ciò che possa far riferimento al mondo militare dell’Egitto: “Esiste coerenza tra manufatti rinvenuti e scene figurative?” La risposta a questa domanda, attraverso un confronto morfologico tra gli elementi rinvenuti e quelli effettivamente rappresentati nel panorama iconografico, potrà definire l’attendibilità o meno delle raffigurazioni egiziane, sopperendo a una elevata carenza materiale che, a mio avviso, rende limitato qualsiasi tentativo di analisi approfondita sul materiale bellico. Si è scelto, quindi, di strutturare il lavoro in tre capitoli con lo scopo di definire gli aspetti principali attraverso i quali oggi è possibile affrontare e conoscere i mondo militare egiziano, più un quarto capitolo conclusivo. Il primo capitolo, quindi, sarà incentrato su una sintesi storica dell’antico Egitto, per mezzo non solo la bibliografia disposizione, ma tenendo conto anche delle fonti scritte antiche, in modo da delineare non solo qual era l’approccio bellico dell’Egitto nei confronti dei nemici, ora esterni, ora interni al paese, ma anche la composizione dell’esercito, durante le tre fasi storiche che hanno caratterizzato la storia egiziana: Antico, Medio e Nuovo Regno. 10
  • 11. Il secondo capitolo sarà finalizzato ad analizzare tutte le tipologie di armi rinvenute in Egitto, attraverso l’analisi morfologica e strumentale, cercando di definire, ove possibile, anche i metodi di utilizzo delle armi stesse. Ogni tipologia di arma presenta un numero di catalogo (A), una scheda riassuntiva e un commentario descrittivo, basato su i manufatti rinvenuti. Come vedremo, poi, si è scelto di considerare il carro egiziano come un arma, ma di non considerare le navi e le macchine d’assedio come tali, sebbene siano elementi importanti in ambito militare. Il motivo di questa scelta è legato al metodo di utilizzo delle stesse. Il carro, una volta introdotto in Egitto, sarà fondamentale per truppe di terra, arrivando anche modificare l’approccio tattico militare egiziano, mentre le navi riguardano una tipologia di guerra completamente diversa, legate al mondo marittimo, che meriterebbe un lavoro diverso, rispetto a quello che si prefigge questa tesi. Le motivazioni addotte, invece, all’assenza di un’analisi strutturale delle macchine d’assedio è dovuta alla totale mancanza di reperti e di ricerche finalizzate allo studio di queste ultime. Nel terzo capitolo, infine, saranno analizzate le rappresentazioni e le scene figurative dell’antico Egitto. Inizialmente la tesi era stata impostata in modo da tenere in considerazione i tre grandi periodi in cui la storia egiziana è divisa e i due principali momenti di instabilità che li dividono. Tuttavia, durante la ricerca delle fonti e del materiale bibliografico si è compreso che l’elevato carico di elementi figurativi da analizzare, ascrivibili al Nuovo Regno, necessiterebbe di un lavoro a parte più approfondito. Si è, quindi, scelto di limitare l'analisi iconografica ai primi due periodi della storia egiziana (Antico e Medio Regno), con un accenno alla fase preistorica, cercando di affrontare la maggior parte delle rappresentazioni militari che, fino a oggi, sono state rinvenute in Egitto. Il terzo capitolo, seguendo l’ordine cronologico delle rappresentazioni, sarà impostato mediante l’utilizzo di riferimenti incrociati, inseriti all’inizio della descrizione di ogni rappresentazione, e divisi per periodi storici: EP (Epoca Predinastica), AR (Antico Regno), MR (Medio Regno) e RV (Rappresentazioni varie del Medio Regno). Il Medio Regno, inoltre, sarà suddiviso in base alle necropoli trattate, con la giustapposizione, nel riferimento incrociato, di una terminazione distintiva per ogni necropoli (Es: M per Meir, BH per Beni Hassan, 11
  • 12. etc.); in modo che ogni rappresentazione trattata possa essere facilmente consultata, mediante l’utilizzo di un indice specifico. Questo ha permesso di definire una metodologia di analisi accurata per quanto riguarda le varie rappresentazioni, analizzate in ogni loro componente, in modo da carpirne i dettagli più significativi. Per queste ragioni, tuttavia, il lavoro di analisi risulta storicamente incompleto e ci si riserva la possibilità di concluderlo successivamente, attraverso uno studio accurato, seguendo le stesse metodologie usate, in modo da approfondire e analizzare le rappresentazioni militari del Nuovo Regno e della fase storica subito precedente, completando in questo modo anche un discorso evolutivo dell’aspetto bellico dell’antico Egitto. Infine sarà inserito un breve glossario su alcuni termini utilizzati, tra i quali alcuni neologismi tradotti dall’inglese, necessari per la stesura della tesi. 12
  • 13. Capitolo 1 Concettualmente si potrebbe dire che l’arma è uno strumento attraverso il quale l’uomo riesce a superare le difficoltà legate alla sua inferiorità fisica rispetto a molte altre specie animali1 ed è probabilmente, per esigenze di approvvigionamento, che l’uomo iniziò a usarle e a svilupparle. Tuttavia, come Aristotele insegna2, l’essere umano è principalmente un animale sociale e, proprio come alcuni scimpanzé3, demarca lo spazio personale in modo territoriale. L’espansione di quest’ultimo (come degli altri animali peraltro) ai danni di altri gruppi umani si tramuta in genere in uno scontro. Per guerra, infatti, si intende “lo scontro armato tra stati o coalizioni per la risoluzione di una controversia internazionale, più o meno direttamente motivata da veri o presunti conflitti di interessi ideologici ed economici”4. L’esigenza di difendere il proprio territorio o di conquistarne di nuovi5 spinse l’uomo a utilizzare le armi non solo per cacciare gli animali, ma per colpire i propri simili, trasformando la caccia in guerra. Nel linguaggio moderno il significato di ‘guerra’ viene esteso a concetti più ampi e non per forza ascrivibili a quello di “lotta armata tra stati o coalizioni” ma, 1 L’essere umano, a differenza delle altre specie animali, non ha caratteristiche fisiche che lo proteggano o aiutino a procacciarsi il cibo. Anzi fisicamente risulta essere abbastanza fragile e poco potente, rispetto anche agli animali più prossimi come le scimmie. Tuttavia l’uomo grazie alle sue capacità mentali è riuscito a colmare il gap esistente in natura, sviluppando sia armi d’attacco che di difesa. 2 Aristotele, Politica, a cura di C.A. Viano, Milano 2002 3 John Mitani (2010) 4 Devoto e Oli (1990) 5 I motivi potevano essere molteplici: religione, nomadismo, carestia, ricerca di risorse. 13
  • 14. generalmente, quando utilizziamo questo termine, intendiamo una contrapposizione o uno scontro fisico tra due ben distinte fazioni. Gli studiosi riconoscono la “guerra antica” come uno scontro prolungato nel tempo tra gruppi di numerosi individui, attraverso l’utilizzo di eserciti o milizie, nei tre millenni e mezzo che precedono l’era moderna6. Generalizzando, possiamo suddividere la guerra in due grandi categorie: guerra esterna e guerra interna7. La prima ha diversi sottogruppi attribuibili a due classi principali: guerra contro gruppi elementari (cioè clan, tribù, città-stato, piccoli potentati, piccoli regni), la quale prevede atteggiamenti come la conquista, la razzia e il conflitto di vicinato; e guerra contro gli stati imperialistici, più ampia dal punto di vista militare e della spesa economico-sociale8. Nell’ideologia dei popoli antichi, la guerra e in particolar modo le battaglie, avevano una serie di regole che dovevano essere seguite anche per ottenere reputazione internazionale dagli altri regni o popoli9. Lo scontro armato prevedeva la contrapposizione tra due eserciti10: un attaccante e un difensore. L’attacco doveva essere sempre frontale, spesso presupponeva uno schieramento a cuneo, dell’attaccante, contro una linea orizzontale del difensore. In quest’ottica, di solito, i difensori venivano sempre rappresentati o descritti come cauti e timorosi, in ricerca di ostacoli naturali che potessero agevolarli, mentre gli attaccanti erano impavidi, decisi e propensi al pericolo dettato dall’eventuale ostacolo. Nella tattica bellica, proprio nel caso in cui tra i due schieramenti ci fosse un intralcio, la fanteria difensiva doveva caricare l’avversario, quando quest’ultimo era impegnato a superare l’ostacolo, per avere qualche speranza di vittoria. La battaglia era di due tipologie: campale o d’assedio. La prima prevedeva uno scontro a campo aperto e una possibilità di fuga, rappresentata proprio dallo spazio che circondava i contendenti. La battaglia campale avveniva secondo regole ben definite e rispettate da entrambe le parti: doveva avvenire in un luogo 6 Harmand (1978): pag 7 Per guerra interna si intende uno scontro armato nato all’interno di un territorio precedentemente unito da elementi comuni, come l’origine sociale, linguistica o etnografica. 8 Harmand (1978): pag 13-42 9 Liverani (1994): pag 140 10 Per le considerazioni generali sulla guerra del mondo antico, qui di seguito, ci si riferisce all’opera di Harmand (1978) 7 14
  • 15. adatto allo scontro, conosciuto precedentemente da entrambi gli avversari e che non favorisse l'uno o l'altro grazie alla sua morfologia. L’attacco doveva essere frontale e mai improvviso o a sorpresa, ma concordato a tavolino, attraverso una sfida ufficiale mandata dal sovrano che riteneva di essere stato danneggiato. In tal senso è bene specificare che nell’ideologia egiziana, ma in generale dei popoli antichi, i così detti “barbari” erano considerati tali in quanto non rispettavano queste regole, cercando tutti gli escamotage possibili per vincere una battaglia, già persa in partenza. Secondo quest’idea i barbari, quindi, facevano guerriglia e non guerra. Invece i re che, ben conoscendo le regole, si rifiutavano di seguirle, erano sconfitti proprio per la loro scorrettezza, puniti dal genio militare dell’avversario e soprattutto per ragioni divine. La seconda tipologia di scontro prevedeva un combattimento a campo chiuso con il difensore difeso dalle mura, ben più che un semplice ostacolo, e con l’attaccante impegnato a conquistare una città, facendo attenzione a non morire a causa della sua posizione di svantaggio. La differenza sostanziale però tra assedio e battaglia campale era data dall’impossibilità di fuga del difensore nella prima, mentre per l’attaccante risiedeva nella possibilità di attendere la resa per fame, spesso logorante e prolungata11. La maggior parte dei popoli antichi ha dato origine a forme complesse di stato in seguito a un “invasione” e all’ampliamento del proprio territorio. Per invasione si intende un movimento di grandi popolazioni che, spesso in modo selvaggio, cambiano locazione geografica, creando una commistione di elementi culturali che formino una società ben strutturata. Abbiamo esempi di questo tipo in Mesopotamia, in Grecia, con l’invasione Dorica, in Italia con gli Etruschi, i Greci e i Celti. Gli Egiziani, invece, risultano essere un caso particolare: discendenti da gruppi razziali locali e circondati da due deserti a Est e a Ovest, dal mare al Nord e da popolazioni autoctone e poco propense all’offensiva a Sud, nel corso della loro storia conobbero due periodi ben precisi12 in cui la minaccia esterna fu tanto grande da compromettere momentaneamente la stabilità interna : 1780 a.C. circa 11 12 Liverani (1994): pag 140-161 Grimal (1988): pag 5-30 15
  • 16. con l’invasione riuscita degli Hyksos e intorno al tredicesimo secolo a.C. con invasione respinta13 dei così detti Popoli del Mare14; che influenzarono la società egiziana, senza riuscire modificarla15. Il fervore militare, molto probabilmente nasce in Egitto molti secoli prima la formazione del regno, durante quella fase definita dagli storici moderni Predinastico; in cui gli uomini combattevano per difendere il proprio territorio o per aumentare la propria influenza verso il vicino prossimo, in una sorta di guerra costante16. L’unificazione politica ed economica del regno egiziano, come noto, avviene intorno al 3200 a.C. in seguito a un intensa azione di espansione dell’Alto Egitto verso le culture del nord17. Raggiunta l’unità politica, tuttavia, iniziò un periodo storico con un dinamismo militare che potremmo definire meno intenso, ma comunque diffuso e ben radicato. L’atteggiamento propagandistico egiziano18, infatti, portò i regnanti a fomentare e raccontare19 la grandiosità delle loro spedizioni militari, pure per episodi in realtà sfavorevoli, ma celebrati come importanti vittorie20. Nell’arco dell’Antico e Medio Regno, non esiste un espansionismo indiscriminato e finalizzato espressamente a una volontà di dominio, ma piuttosto diretto all’ottenimento di quelle materie prime che in Egitto mancavano21. La politica 13 Successivamente l’ingresso di popolazione libica porterà, nel Terzo Periodo Intermedio, alla formazione di una dinastia con origini libiche. 14 Successivamente esistono altre “invasioni” perpetuate ad opera di popoli stranieri dal 1100 a.C. in poi. Tuttavia, secondo il sottoscritto, in questo caso il termine “invasione” risulta essere improprio, in quanto quelle del periodo su citato saranno delle dominazioni straniere, piuttosto che delle invasioni di gruppi razziali alloctoni. 15 Le invasioni avvennero in periodi relativamente tardi o comunque quando la struttura culturale e sociale egiziana era già formata e ben radicata nel territorio. 16 Non bisogna, però, cadere nell’errore di pensare a questo periodo come di guerra perenne, tra due o più eserciti ben definiti. Più che altro esisteva un equilibrio instabile, rotto da scontri armati sporadici ma periodici, tra fazioni e potentati per il dominio locale, con eserciti più o meno organizzati e addestrati, costituiti da uomini disposti a difendere la propria terra o fedeli alle mire espansionistiche del proprio signore. 17 Bard (2008): pag 104 18 Questo risulta essere un topos generalmente condiviso con tutti i popoli. 19 Il carico di informazioni però presenta una sproporzione netta dal punto di vista temporale. Infatti la maggior parte delle rappresentazioni e dei testi riguardanti scontri militari, provengono dal Nuovo Regno, benché non manchino attestazioni provenienti dai periodi precedenti. 20 Patridge (2002) pag: 149 21 L’area asiatica era ricca di minerali, olivi e vigneti, mentre la zona nubiana riforniva l’Egitto di oro e vari materiali preziosi, nonché tutti quegli elementi esotici, provenienti dalle vie commerciali africane, che affascinavano la nobiltà egiziana. 16
  • 17. militare egiziana non fu mai sottesa a un’aggressività che andasse oltre la stretta azione bellica22: non si contraddistinse mai per violenza e eccessiva aggressività23, a differenza di altri popoli coevi o successivi. L’approccio nei confronti delle popolazioni straniere fu sempre mirato al controllo intelligente dei territori, finalizzato ad assicurarsi l’approvvigionamento di materie prime o vie d’accesso per quest’ultime, con vincoli economici, legati ai tributi e alla fedeltà politicomilitare24, per le popolazioni conquistate, trattate quindi con un metodo che potremmo definire colonialista25. La storia Egiziana, dopo l’unificazione, si divide in tre grandi periodi26, intervallati da fasi intermedie che caratterizzarono degli momenti di discontinuità politica. 22 Liverani (1994): pag 124-128 Curto (1965): pag 1 24 Di donato (1984): pag 103-104 25 Curto (1965): pag 1 26 Antico, Medio e Nuovo Regno. 23 17
  • 18. Antico Regno (3200-2160 a.C.): L’Antico Regno è contraddistinto da un’attività militare poco nota27 e comunque circoscritta ai territori limitrofi, con azioni mirate essenzialmente al controllo preventivo delle aree a Ovest e a Sud dell’Egitto, e qualche spedizione nell’area Siro-Palestinese28 con lo scopo di raggiungere importanti risorse economiche, anche se, su alcuni oggetti provenienti dalle tombe della seconda dinastia, sono stati rinvenuti alcuni epiteti29 che potrebbero lasciare intendere una volontà espansionistica e di conquista di terre straniere30. Tuttavia abbiamo attestazioni di attività bellica maggiori dalla quarta dinastia in poi, con presidi militari costanti in Nubia e nel Sinai31, con lo scopo di proteggere le spedizioni minerarie32 in territori fondamentali per l’approvvigionamento di risorse necessarie e non presenti in Egitto33. Il governatore Uni, vissuto durante i regni della sesta dinastia di Teti, Pepi I e Merenra34, in uno dei suoi tanti incarichi, racconta della realizzazione di tre zattere e quattro barche, costruite con il legno di Acacia, proveniente a Uauat35, raccontando di come principi di alcuni paesi stranieri della zona nubiana36 avessero contribuito a ottenere quel materiale37. Nell’autobiografia di Herkhuf, invece, un funzionario che visse alle dipendenze di Merenra e Pepi II, si cita una battaglia condotta forse per pacificare una controversia tra due territori nubiani. In questo racconto Herkhuf dichiara che al passaggio dell’esercito egiziano e dei 27 Le poche informazioni provengono dalla pietra di Palermo e da qualche sporadico frammento come raffigurazioni araldiche, poste oltre i confini del regno: un distinto segno di grandezza del sovrano. 28 Harmand (1978): pag 68 29 Come “conquistatore delle terre straniere”. 30 McDermott (2004): pag: 9 31 Ad esempio è riconosciuta una spedizione militare contro i beduini e la prima vera spedizione contro i territori palestinesi sotto il regno di Pepi I. 32 McDermott (2004): pag: 9 33 Patridge (2002) pag: 172 34 Breasted (1906), Volume I: pag 143 35 Uauat è una regione della Bassa Nubia 36 In questo caso non è specificato un ruolo di sudditanza, ma questo testo lascia comunque intendere come i rapporti con la Nubia fossero già proficui e sottesi ad un’intensa attività economica. 37 Bresciani (1990): pag 26-27 18
  • 19. prigionieri di guerra, un principe nubiano38, come forma di riverenza nei confronti del sovrano egizio, donò diversi prodotti locali39. La probabilità che questi doni fossero una forma di tributo, per garantire al principe nubiano la sopravvivenza del suo regno, è alta ed è coerente con l’atteggiamento egiziano nei confronti dei paesi limitrofi. Questo ci fa capire come esistesse già un’organizzazione dell’esercito egiziano con una struttura ben definita40 di unità militari appiedate41. Dal racconto di Uni42, spedito diverse volte a sedare ribellioni, tra le quali anche quella dei Hrjw Saj cioè “i popoli che stanno sulla sabbia”43, la cui collocazione Saj, geografica è ancora materia di discussione tra gli studiosi, l’esercito egiziano è stimato in diverse “decine di migliaia” di soldati44. Il ruolo dell’esercito però non era strettamente legato a fronteggiare altri schieramenti nemici, anzi in questa fase storica veniva spesso utilizzato per il controllo del territorio da attacchi di predoni e nomadi45 o come scorta armata per spedizioni commerciali. Lo stesso Uni, dopo essere stato nominato Governatore del Sud, da Elefantina ad Afroditopoli, sarà poi incaricato di recuperare del materiale utile per la costruzione del sarcofago del faraone Mernera e dell’alabastro per la sua piramide. Il testo tuttavia non parla di una scorta militare, benché fosse usuale che a queste spedizioni venissero assegnate delle guarnigioni, come dimostrano alcune iscrizioni rupestri, tra cui una presente nel Sinai, redatta durante il regno di Pepi II. Quest’ultima tra i vari titoli del re, il nome della regina e il nome del leader della spedizione, presenta una lista di nomi con i ruoli assegnati e tra questi è presente la carica di “capo dell’equipaggio di soldati”46. 38 I due paesi in guerra erano Iam e Temehu, mentre il principe riverente guidava i territori di Ircet, Seciu, Uauat 39 Bresciani (1990): pag 30 40 McDermott (2004): pag: 9 41 Buttery (1974): pag 6 42 Breasted (1906), Volume I: 143 43 Bresciani (1990): pag 24 44 Non sappiamo se questa stima numerica sia attendibile, anche perché nello stesso testo Uni parla di aver ucciso “molte decine di migliaia” di nemici. Questo lascia immaginare come la “formula numerica” fosse un’approssimazione propagandistica di glorificazione, ma dimostra anche come già sotto la sesta dinastia, l’esercito egiziano fosse costituito da un numero sostanzioso di soldati e quindi già ben strutturato. 45 Di donato (1984): pag 104 46 Breasted (1906), Volume I: 157 19
  • 20. Un’ulteriore prova ci è data dall’iscrizione di PepiNakht47, un nobile di Elefantina a cui furono assegnati diversi compiti, tra i quali anche il recupero di un “capo-spedizione”, ucciso in seguito ad un attacco di barbari. In questo testo è presente la frase “lo uccisero insieme alle truppe dell’esercito che erano con lui”, a dimostrazione del fatto che le milizie accompagnassero spesso le spedizioni economiche. L’esercito, come detto, era costituito solo da truppe appiedate48 regolari e un Fig. 1: Ufficiale di fanteria reparto di ausiliari nubiani di prima e seconda linea49. Le truppe erano composte da egiziani ben addestrati50 e sotto la competenza51 degli amministratori regionali del regno52 e ognuna aveva un ufficiale, armato di pugnale e mazza53 (Errore. L'origine riferimento non è stata trovata.). La fanteria, armata prevalentemente con lance e asce, usava come unica protezione corporea uno scudo di legno ricoperto con pelle bovina (Errore. L'autoriferimento non è valido per un segnalibro.), ma erano presenti anche reparti armati con mazze e scudo54. Esistevano, poi, reparti di frombolieri (Fig. 3) e arcieri (Fig. 4) che Fig. 2: Ricostruzione 3d del lanciere dell’Antico Regno, dal sito http://www.the3dstud io.com implementavano la forza dell’esercito grazie alle armi a distanza. 47 Breasted (1906), Volume I: 162 I cavalli verranno introdotti in Egitto solo a partire dal Nuovo Regno. 49 Non bisogna pensare ai nubiani come dei mercenari, nell’accezione medioevale del termine, ma piuttosto a delle truppe straniere fedeli al sovrano. 50 Faulkner (1953): pag 33 51 Buttery (1974): pag 10 52 La macchina amministrativa e burocratica dell’Egitto prevedeva la presenza dei nomoi, cioè quarantadue distretti amministrativi che raggruppavano tutti i territori del regno, ciascuno guidati da un governatore o Nomarca che, tra i vari compiti, aveva anche quello di arruolare, addestrare e guidare, quando il caso lo richiedesse, delle truppe locali. 53 Buttery (1974): pag 18 54 Probabilmente era l’armamento degli ausiliari nubiani. 48 20
  • 21. Nelle battaglie in campo aperto lo schieramento, sfruttando anche la conformazione del territorio e prediligendo posizioni di altura per avere maggiore forza 21
  • 22. d’attacco55, era costituito dalla fanteria e dagli arcieri, i quali avevano un posizionamento variabile tra l’avanguardia, le retrovie o ai lati della fanteria56 e avevano il compito di scoccare frecce con continuità, cercando di rompere o sparpagliare lo schieramento nemico, senza dover per forza mirare a un obbiettivo specifico, ma puntando a colpire al centro dei ranghi serrati dell’esercito avversario. Esiste la possibilità che gli arcieri, Fig. 3: Ricostruzione 3D del fromboliere dell’Antico Regno, dal sito http://www.the3dstudio.com poco prima dello scontro, si posizionassero momentaneamente sull’avanguardia dello schieramento, per poter colpire meglio gli avversari in avvicinamento, evitando così di coinvolgere gli altri reparti del proprio esercito nel fuoco amico. Probabilmente questo reparto si faceva superare dalla fanteria poco prima dell’impatto con le truppe nemiche, continuando a scoccare frecce57. La fanteria, invece, aveva il compito di cercare il contatto con l’esercito avversario58, sfruttando un armamento a corto raggio e da impatto come la lancia e lo scudo. 59 Nel mondo della tattica militare antica , la scelta di attaccare o di aspettare l’assalto Fig. 4: Ricostruzione 3D dell'arciere dell'Antico Regno, dal sito http://www.the3dstudio.com 55 Patridge (2002) pag: 111 Personalmente escludo quest’ultima possibilità: una improvvisa e incontrollata carica dello schieramento nemico poteva mettere in pericolo gli arcieri intenti a scoccare le frecce. Quindi è molto più probabile che gli arcieri fossero posizionati dietro la fanteria, anche per una forma di protezione fisica del reparto. 57 Di donato (1984): 114 58 Buttery (1974): pag 6 56 22
  • 23. dell’avversario spettava sempre al generale60, che doveva valutare di battaglia in battaglia, partendo da alcuni parametri di valore prefissati: la conformità del terreno, la temperatura, il tempo meteorologico, la stanchezza delle proprie truppe e il numero, la forza, l’armamentario del nemico e il suo posizionamento in campo61. Nel teso di Uni, in tal senso, risulta presente un accenno di tattica militare62: il governatore si vanta di come, in una delle spedizioni contro i ribelli asiatici, abbia teso un’imboscata, usando delle navi per velocizzare il trasporto delle sue truppe e colpire di sorpresa l’esercito nemico, mentre era in marcia. L’assedio invece avveniva secondo uno schema diverso, essendo spesso una guerra di logoramento per entrambe le fazioni63. Oltre alla fanteria e agli arcieri erano presenti un gruppo di “picconatori”64 con il compito di smantellare le difese nemiche, attraverso l’asportazione manuale dei mattoni o la perforazione delle mura difensive con arieti65. Gli arcieri negli assedi venivano posizionati a distanza, per colpire gli assediati presenti sulle mura, mentre la fanteria, protetta da grossi scudi, era equipaggiata anche di scale e impegnata a salire sulla cinta difensiva al fine di entrare nell’abitato e occuparlo. Probabilmente66 l’arruolamento in questo periodo67 era obbligatorio per le famiglie con più di un figlio68: il soldato veniva reclutato dall’età di venti anni in poi e probabilmente per un periodo ristretto69, in modo da essere addestrato e 59 La guerra moderna, oramai, non prevede più il confronto tra due schieramenti su un campo di battaglia. 60 Entrambe le scelte prevedono dei vantaggi e dei svantaggi: restare fermi e aspettare l’attacco nemico poteva agevolare il ruolo degli arcieri e della fanteria da impatto che, stando fermi, potevano meglio colpire l’avversario in avvicinamento e sfruttare il muro di scudi per arrestare la carica nemica. Scegliere di attaccare per prima invece poteva incutere terrore nell’avversario e spingerlo alla fuga o a demoralizzarlo, sfruttando le pecche tattiche dello schieramento nemico per poter far breccia e creare disordine. 61 Sun Zu, L’arte della Guerra, a cura di Rossi M., Milano, 2003 62 Bresciani (1990): pag 25 63 Patridge (2002) pag: 118 64 Di donato (1984): 113 65 McDermott (2004): pag 44 66 Patridge (2002) pag: 82 67 Nei periodi successivi era possibile intraprendere una carriera militare ben strutturata. 68 Una cosa molto simile avviene in Egitto nei giorni moderni, attraverso una coscrizione a carico solo delle famiglie con più figli. 69 Non ci sono prove a supporto di questa tesi, ma è probabile che il soldato fosse impegnato nell’arruolamento e nell’addestramento per un tempo limitato, in modo da tornare in famiglia e contribuire al lavoro quotidiano (agricolo e/o artigianale). 23
  • 24. pronto per essere chiamato in caso di guerra o necessità. Tuttavia è chiaro che una tale metodologia di coscrizione, prevedesse la formazione di un esercito costituito non da professionisti, ma da soldati addestrati di volta in volta. Attraverso alcune rappresentazioni tarde rispetto all’Antico Regno, provenienti dalla tomba di Userhet70, è possibile sapere che la recluta al momento dell’arruolamento veniva registrata dagli scribi e veniva sottoposta a un rito molto diffuso anche ai giorni d’oggi: il taglio dei capelli71. Non sappiamo se questo avvenisse anche nell’Antico Regno, ma come vedremo più avanti, parlando della divisione interna dell’esercito, è probabile che questo metodo, una volta sviluppato, sia cambiato poco nel corso dei secoli e quindi non si può escludere, a priori, la sua origine prima o durante l’Antico Regno72. Nelle rappresentazioni militari è spesso presente una sequenza di dieci uomini armati e preceduti da un comandante o ufficiale, chiamato “Comandante dei Dieci”73. Questa organizzazione è coerente con un aspetto che apparentemente non ha nulla a che fare con il mondo militare egizio: la costruzione delle tre Grandi Piramidi della piana di Giza. Per la realizzazione di questa necropoli, infatti, fu impiegata una grossa forza lavoro74, costituita secondo uno schema gerarchico di ‘Equipaggi’, ‘Squadre’, zau75 e divisioni76. Ogni Equipaggio doveva essere ordinato in due Squadre da centosessanta o duecento individui cadauna, composte da quattro Zau di quaranta o cinquanta persone, distribuite in quattro o cinque Divisioni da dieci unità 70 Userhet era il Sovrintendente degli Scribi, Scriba del granaio di Tebe, Sovrintendente del bestiame di Amon, Scriba che conta il pane dell'Alto e Basso Egitto durante il regno di Amenhotep II. 71 Questo rituale, oltre ad avere delle ragioni pratiche sull’igiene, veniva e viene fatto tutt’oggi con lo scopo di eliminare quante più differenze possibili tra ciascun soldato, tendendo a militarizzare il pensiero della recluta ed ottenere disciplina. Questo contribuirebbe alla “de-umanizzazione” dell’individuo, un processo doveroso nell’ambito militare per ottenere un maggiore controllo sul soldato e per abbattere quegli ostacoli psicologici che possono presentarsi in battaglia: a esempio l’uccisione di un altro essere umano. In tutte le culture, antiche o moderne, l’omicidio viene considerato un tabù e un soldato doveva e deve combattere costantemente contro questo divieto socialmente accettato da tutti. 72 Patridge (2002) pag: 84 73 Lehner (2004): pag 14 74 Nell’ambito del Giza Plateau Mapping Project, Mark Lehner ha stimato che la forza lavoro necessaria per la costruzione delle tre piramidi doveva essere di circa quattromila unità al giorno 75 Za (pl: Zau): termine egizio che alcune iscrizioni bilingue, risalenti al periodo Greco-Romano, traducono con la parola: phyle (tribù); E’ da escludere, però, che fosse usata con lo stesso significato, legato al mondo politico, che questo termine aveva in Grecia. 76 Lehner (2004): pag 14 24
  • 25. ciascuna. Quest’organizzazione interna risulta ricalcare, almeno nella parte finale, esattamente quella che traspare da alcune rappresentazioni militari77 successive alla realizzazione della necropoli di Giza: diversi gruppi da dieci persone, guidate da un leader. Questa forte somiglianza può essere una prova che nell’Antico Egitto, quando bisognava impiegare un gran numero lavoratori, si seguisse uno schema prestabilito di suddivisione in squadre da dieci individui e che questa disposizione ricadesse anche nell’organizzazione della macchina bellica78. Le prove esistenti che questa suddivisione continuò a essere usata anche durante il Nuovo Regno, può essere un importante indizio sul fatto che l’organizzazione delle truppe, nel corso dei secoli, non cambiò più di tanto. La fanteria, in questo periodo, era disposta in ‘Divisioni’ da cinquemila soldati e ognuna di queste era guidata da un generale, con il titolo di “Grande sorvegliante della Divisione”. Ogni Divisione era divisa in dieci ‘Schiere’ da cinquecento soldati, divise a loro volta in due ‘Compagnie’ da duecentocinquanta militari ciascuna. Ogni ‘Compagnia’ presentava una divisione piramidale in cinque ‘Plotoni’ (cinquanta soldati) e cinque ‘Squadre’ (dieci soldati)79 (Fig. 5). È evidente la somiglianza con l’organizzazione della forza lavoro durante l’Antico Regno e la presenza costante di squadre da dieci, proprio come nelle Fig. 5: Schema riassuntivo della divisione della forza lavoro, da Lehner (2004) 77 Sono stati rinvenute rappresentazioni militari, che rimandano alla suddivisione in squadre, nella Piramide di Sahure della Quinta Dinastia e in quella Piramide di Amenemhat I, nel Medio Regno. 78 Inoltre è noto che i soldati stessi venivano impiegati per imprese edili e di ingegneria civile, come la realizzazione di pozzi, canali e la costruzione di edifici strategici. È quindi probabile che il passaggio dall’organizzazione militare alla suddivisione della forza lavoro secondo schemi simili, sia stato un percorso quasi ovvio. 79 Patridge (2002) pag: 88 25
  • 26. rappresentazioni dell’Antico e del Medio Regno, dimostrerebbe una prolungata continuità in periodi storici molto distanti tra loro. Non sappiamo se la coscrizione divenisse effettiva attraverso un rituale di iniziazione, ma coerentemente con quanto è il mondo culturale egiziano in tutte le sue sfaccettature sociali, è molto probabile che questo esistesse80, anche se non sappiamo in che modo potesse avvenire81. Senz’altro l’arruolamento e l’addestramento avevano luogo attraverso un allenamento duro, costituito da esercizi fisici, lotta corpo a corpo82 ed esercitazione sull’uso delle armi, attraverso dei surrogati in legno. Come abbiamo visto, la divisione della forza militare prevedeva la presenza di numerosi ufficiali che guidassero i vari gruppi. Seguendo il ragionamento delle similitudini tra i vari periodi storici, anche distanti temporalmente, potremmo presumere che la successione del compito degli ufficiali fosse simile a quella presente durante il Nuovo Regno. Il frazionamento del potere avveniva attraverso una gerarchizzazione dei compiti che comprendeva, in ordine: il Re, il Generale in capo, solitamente il figlio del re, due visir del Nord e del Sud, onnicomprensivi per tutti i nomoi83 e due generali, con titolo di “Grande sorvegliante della Divisione”. A questi due generali facevano riferimento cinque divisioni di scribi84 con i vari ruoli, i Portatori di Stendardi, un Aiutante di Campo e il suo Vice, ma soprattutto sei livelli di ufficiali corrispondenti a: Comandante della Schiera, Ufficiali di combattimento, Capo della Compagnia, Capo del Plotone, Capo delle Truppe e Capo delle Squadre85. La funzione di questi ultimi però non è nota da testi o da rappresentazioni. È probabile che il compito dell’ufficiale fosse quello 80 Patridge avanza questa ipotesi e personalmente la ritengo abbastanza plausibile. Oggi il rito, nella stragrande maggioranza dei casi, è costituito dal giuramento del soldato alla nazione, alla bandiera o al sovrano. In Egitto poteva essere qualcosa di simile o un’offerta a un Dio oppure un rito iniziatico più elaborato. 82 Sono presenti interessanti rappresentazioni in una tomba di Beni Hassan, del Medio Regno. Per un approfondimento consultare il Terzo Capitolo della tesi. 83 Il ruolo di Vicecapo molto probabilmente nell’Antico e nel Medio Regno non esisteva. Sappiamo infatti che, soprattutto nell’Antico Regno e ovviamente nel Periodo Intermedio, gli eserciti erano gestiti dai Nomarchi e da loro guidati in guerra. 84 Gli scribi accompagnavano in gran numero le spedizioni militari, per ragioni burocratiche e di organizzazione interna. Dobbiamo immaginare, infatti, che spostare un esercito di almeno cinquemila unità, richiedesse un dispendio enorme, non solo in termini economici ma anche amministrativi. Era quindi fondamentale una squadra di scribi per la gestione interna del campo militare. 85 Patridge (2002) pag: 91 81 26
  • 27. di controllare e comandare la divisione, rappresentando il tramite tra il generale di tutto l’esercito e le milizie appiedate86. Una gestione del genere potrebbe risultare però macchinosa e probabilmente lenta. Durante una battaglia è impossibile prevedere le esatte mosse dell’avversario ed è inverosimile pensare che, di volta in volta, gli ufficiali comunicassero tra loro, aspettando le decisioni da parte dei loro superiori, in un epoca dove le comunicazioni via radio erano ancora lontane dall’essere scoperte. Fig. 6: Tromba rinvenuta nella tomba di Tutankhamon Si può ipotizzare, quindi, che il ruolo di questi comandanti fosse quello di seguire delle direttive prestabilite e leggere la situazione di volta in volta, con un autonomia decisionale che variasse a seconda del grado: ad esempio ritengo plausibile che l’ufficiale delle divisioni da dieci avesse dei compiti e dei poteri decisionali inferiori rispetto ai comandati degli zau o delle squadre. Interessante sarebbe scoprire come potesse avvenire la comunicazione tra gli ufficiali. L’ipotetico utilizzo di suoni da battaglia, attraverso l’uso di corni o di tamburi, è molto plausibile, benché non provato. Uno dei pochi corni rinvenuti proviene dalla tomba di Tutankhamon e non siamo sicuri del suo utilizzo in guerra, anche se presenta incisa una raffigurazione del faraone con Ra, Fig. 7: Amon e Ptah (Fig. 6), i cui nomi erano spesso usati per definire le Esempio di stendardo, grandi divisioni militari di cui l’esercito era composto nel Nuovo da Buttery Regno87. (1974) Senz’altro un metodo utilizzato dall’esercito Egiziano per mantenere vivo l’assetto tattico era l’utilizzo degli stendardi. Nel mondo militare, 86 Nel testo di Uni, tradotto da Edda Bresciani, durante la guerra contro gli “asiatici che stanno sulla sabbia”, il governatore elenca una serie di governatori alla guida dei reggimenti della Valle, del Delta, dei Castelli e dei Nubiani, mentre lui, che era “alla testa dell’esercito” aveva il compito di “fare per loro i piani”. Molto probabilmente Uni era il generale massimo di tutto l’esercito a cui i vari governatori dovevano fare riferimento per la tattica militare da utilizzare in battaglia. 87 Patridge (2002) pag: 108 27
  • 28. non solo quello egizio, il vessillo aveva molteplici funzioni: infondeva coraggio ai soldati88, era un punto di riferimento visivo importante durante la battaglia e permetteva ai generali di visualizzare la posizione delle loro truppe. In uno scontro armato per un soldato poteva essere facile perdere l’orientamento, circondato da compagni e nemici. Lo stendardo (Fig. 7), essendo composto da un’alta asta e un simbolo89, rappresentava il fulcro del reggimento, risultando di facile individuazione anche durante momenti concitati come poteva essere una battaglia90. Il soldato, quindi, era portato a restare nelle vicinanze del vessillo, mantenendo i ranghi serrati e dando un’importante indicazione visiva ai generali e ufficiali dell’esercito, garantendo loro la possibilità di valutare la posizione dei ranghi e definire le tattiche da usare di volta in volta. 88 Lo stendardo poteva rappresentare una prova tangibile delle ragioni per le quali i soldati lottavano. Un mezzo per aumentare il senso di appartenenza e orgoglio, in modo da fomentare la motivazione delle truppe. 89 Nell’Antico e nel Medio Regno il vessillo era costituito dal simbolo del nomos di cui le truppe facevano parte. Nel Nuovo Regno questo divenne il simbolo del dio che dava il nome alla divisione. 90 Patridge (2002) pag: 91-97 28
  • 29. Primo periodo Intermedio (2160-2055 a.C.): La fine dell’Antico Regno sarà caratterizzata da una lenta ma graduale flessione del potere centrale, principalmente causata dalla capillarizzazione del potere dei funzionari nobili91, da una probabile crisi climatica che piegò l’agricoltura egiziana92, iniziata circa durante la metà dell’Antico Regno93 e dal possibile ingresso di popolazioni asiatiche nel Delta94. Se prima l’amministrazione egiziana risiedeva nella capitale, alle strette dipendenze del Faraone, venendo così tenuta sotto controllo dal sovrano, dalla Quinta Dinastia in poi ogni governatore venne inviato a gestire il proprio nomo direttamente in loco, acquistando maggiore potere, sia laico che religioso e, con il tempo, trasformando la nomina in una carica con discendenza ereditaria ad appannaggio della classe nobiliare egizia95. Questo portò all’accentramento della forza militare nei piccoli centri locali di cui era composto l’Egitto, guidati da leader politici simili ai Baroni medioevali96: destinatari di poteri amministrativi e militari sempre più forti e con accesso diretto alle risorse economiche, ma soprattutto alimentari, dei territori che controllavano. Il Periodo Intermedio durò circa centocinquanta anni e vide il ritorno di quella fondamentale divisione tra Nord e Sud che aveva caratterizzato la fase 91 McDermott (2004): pag: 8 In molti testi del periodo si fa un chiaro accenno ad una profonda carestia e, secondo Grimal, questi testi sembrano avere un riscontro anche da dati scientifici che dimostrano come, alla fine del terzo millennio a.C., l’Africa Orientale abbia attraversato un periodo climatico di tipo “saheliano”, più arido e caratterizzato da precipitazioni meno frequenti, iniziato durante l’Antico Regno e terminato prima della fine del Primo Periodo Intermedio. 93 Personalmente credo che il Primo Periodo Intermedio sia stato causato da una serie di fattori che, sommandosi tra loro, hanno contribuito a peggiorare la stabilità interna e non sia il frutto di una sola e univoca causa. 94 L’invasione asiatica risulta essere più un effetto che una causa della crisi. Il vuoto di potere lasciato dall’amministrazione egiziana, favorì l’ingresso straniero in Africa. La presenza di popolazioni asiatiche nel Delta è ricordata in molti testi del periodo e successivi. 95 Shaw (2002): pag 118 - 121 96 Risulta essere netto il cambio di approccio letterario nelle autobiografie dei Nomarchi di questo periodo. Se durante l’Antico Regno era evidente una marcata sudditanza nei confronti del Sovrano, durante il Periodo Intermedio, i Nomarchi assumono atteggiamenti e talvolta anche titoli che si rifanno direttamente a quel topos letterario egizio che era stato proprio dei sovrani dell’Antico Regno. 92 29
  • 30. predinastica con i nomarchi in costante lotta tra loro97, guidati da due dinastie indipendenti nella seconda parte del secolo e mezzo. Dopo un primo periodo di caos, del quale abbiamo poche notizie certe, il potere regale, che fino a quel momento era stato in mano a famiglie residenti a Menfi, con il passare del tempo e con l’inizio della Nona Dinastia, si spostò a Herakleopolis, forse a causa del movimento del Nilo verso Ovest98, perdendo però il controllo sul Delta e sull’Alto Egitto, che cadde rispettivamente in mano a potentati locali e a una famiglia Tebana, la quale assunse dei titoli reali indipendenti99 da quella Herakleopolitana100. Questo periodo di guerra interna, tuttavia, non minò la società e la cultura egiziana, né tanto meno la sua religiosità e questo è dimostrato dalla presenza di elementi culturalmente simili101 tra Antico e Medio Regno102 e soprattutto dal mantenimento del sistema governativo, che si ripresenterà identico un secolo e mezzo dopo; al momento della riunificazione dell’Egitto103. Questo periodo risulta controverso e talvolta poco chiaro. La decadenza del potere egemonico centrale portò a un’inevitabile dispersione della macchina burocratica egiziana e quindi risulta essere più difficile comprendere i meccanismi, gli equilibri interni e soprattutto l’atteggiamento militare tra i vari luoghi di potere. Senz’altro però, il confronto interno, plausibilmente armato e violento, portò a un processo di crescita e sviluppo militare maggiore rispetto all’Antico Regno. La sostanziale differenza tra Antico Regno e Primo Periodo Intermedio, da un punto di vista strettamente militare, era che gli eserciti egiziani non erano più impegnati a contrastare forze armate nomadi o seminomadi, equipaggiate con armi qualitativamente inferiori e relativamente più deboli rispetto alle milizie egizie 97 Ci sono pervenute delle testimonianze del Nomarca Tefibi, che descrivono la sua vittoria su una coalizione dei Nomi meridionali. 98 Valbelle (1998): pag 99-113 99 Nella suddivisione dinastica, prenderà il nome di “Undicesima dinastia” 100 Shaw (2002): pag 118 101 Per “elementi culturalmente simili” si intende tutti quegli aspetti della società Egiziana del Medio Regno che trovarono una continuità dal punto di vista strutturale, rappresentativo, iconografico e religioso in linea con la cultura Egiziana dell’Antico Regno. Tralasciando l’inevitabile avanzamento ideologico dei vari aspetti sociali, non esiste un punto di rottura netto che dimostri una marcata discontinuità tra Antico e Medio Regno. Sebbene le alte sfere sociali dell’Egitto fossero in lotta tra loro, la cultura egizia continuava a sopravvivere come retaggio tra i livelli inferiori della società, favorendone la sopravvivenza. 102 Shaw (2002): pag 120 103 Grimal (1988): pag 146 30
  • 31. anche dal punto di vista tattico, ma dovevano combattere soldati attrezzati con le stesse armi, addestrate allo stesso modo e con la stessa organizzazione bellica. Concettualmente questo si trasformò in una richiesta di nuove tecnologie104 e armi più efficienti, che fossero in grado di creare quella differenza tecnica necessaria a favorire uno schieramento, piuttosto che un altro. Non è dal confronto con forze belliche inferiori che si creano i presupposti per l’affermazione egemonica militare, ma attraverso lo scontro con forze eguali o superiori che stimoli quell’avanzamento tecnologico necessario e sufficiente a garantirne la supremazia. Il progressivo indebolimento del potere politico centrale porterà, per i primi tempi, il Nord a essere invaso da non precisate popolazioni straniere provenienti dall’Est105, la dinastia Menfita isolata nell’area cittadina106 e i Nomarchi a sostituirsi, anche ideologicamente, alla figura del sovrano, diventando sempre più potenti, come le già citate città di Herakleopolis e di Tebe. L’autonomia dei governatori è evidente dai testi pervenutici, nei quali non è più il monarca a essere il garante della sopravvivenza, ma è il Nomarca stesso ad avere le possibilità di sfamare la popolazione dalla carestia e difenderlo dalle ingiustizie107. Fu questa libertà che portò alla guerra civile o “guerra interna”108 che caratterizzerà un secolo e mezzo della storia egiziana. Il Nomarca possedeva quella potenza, anche militare, e quell’indipendenza decisionale che gli permetteva di muovere guerra e intervenire in prima persona, senza dover dar conto ad un’autorità superiore ben più potente di lui109, governando talvolta anche 104 Non è un caso, a mio parere, che nel Medio Regno sono presenti le prime attestazioni di armature e protezioni corporee. La necessità di difesa era maggiore perché maggiore era l’efficacia e il pericolo derivante dalle armi nemiche. 105 Grimal (1988): pag 148 106 Destinata comunque a sparire con l’avvento della Nona Dinastia di Hierakleopolis. 107 Nel testo di Ankhtifi, un Nomarca del secondo e del terzo nomos dell’Alto Egitto, è evidente quello che sarà un diffuso topos letterario, nel quale è il Nomarca ad ergersi a protettore degli indifesi e l’unico capace di sfamare la sua popolazione mentre tutti gli altri subivano i risultati della carestia, sostenuto da una supremazia intrinseca, che prevedesse una dichiarata forma di indipendenza dal potere centrale. 108 Harmand (1978): pag 37 109 Quest’atteggiamento era agli antipodi rispetto alla struttura gerarchica dell’Antico Regno, nella quale era il Sovrano a impartire definiti ordini al Nomarca, il quale non aveva libertà decisionale autonoma. 31
  • 32. più nomoi110 e di muovere guerra, qualora fosse necessario, verso un altro Nomarca111. In questo denoto una forte somiglianza con l’atteggiamento reale che i Faraoni del Nuovo Regno avevano nei confronti dei re e dei governatori dell’area SiroPalestinese112. Quest’ultimi erano liberi di poter muovere guerra e combattere tra loro, ma erano comunque tenuti a giurare fedeltà al Faraone, continuando a pagare tributo113. È in quest’ottica di libertà e possibilità d’azione che il nomos di Tebe assunse sempre più potere. Il Nomarca tebano, infatti, sarà uno dei primi a ottenere sia la carica di “Grande Feudatario”, cioè di Nomarca, che di “Responsabile dei Sacerdoti”, riunendo nelle sue mani sia i poteri religiosi che quelli amministrativi ed espandendo la sua influenza ben oltre i confini del suo nomos114. Sarà Intef, nato a Ikui115, a dare il via a quella dinastia che poi riuscì a riunire tutto l’Egitto. Questo Nomarca non ottenne titoli reali116, ma i suoi successori se li attribuirono117 dando origine all’Undicesima Dinastia. Senz’altro tra i successori del Nomarca Intef che maggiormente diedero una spinta all’espansione bellica, ci fu Intef II118, il cui regno durò circa cinquanta anni119. Le sue battaglie lo portarono a riunire sotto la sua corona gran parte dei nomoi dell’Alto Egitto, inglobando anche Abydos e il decimo nomo, iniziando così una guerra aperta con 110 Come dimostrano alcune biografie dei Nomarchi, anche precedenti a questo periodo e già presi in considerazione (ad esempio Uni governava, come ho già scritto, “da Elefantina ad Afroditopoli”) durante la Sesta Dinastia, era usuale che più nomoi fossero assegnati dal Faraone ad un solo governatore. Tuttavia solo con il Primo Periodo Intermedio i Nomarchi iniziarono a espandere la propria influenza attraverso azioni militari e senza una dichiarata volontà del faraone. 111 Shaw (2002): pag 121 112 Mario Liverani, Le lettere di Tell El-Amara: Le lettere ai piccoli re, Brescia, 1998 113 Ci sono alcune lettere di lamentazione da parte di regnanti Siro-Palestinesi, in particolare il re di Byblos e di Nuhasse, che richiedono l’intervento egiziano per risolvere una disputa militare con un proprio vicino, anch’esso sotto influenza egizia. Il caso di Nuhasse fu più particolare perché richiedeva aiuto a Amenhotep IV per intervenire contro l’avanzata Hittita, che non era ancora un grande regno, ma era in netta espansione. 114 Shaw (2002): 123 115 Breasted (1906), Volume I: pag 198 116 Come “Horus” e “Signore dell’Alto e Basso Egitto” 117 Breasted (1906), Volume I: pag 200 118 Shaw (2002): 125 119 Sulla successione e la durata regale degli anni ho trovato dati discordanti: in Ancient Records di Breasted il re che visse cinquanta anni fu Intef I e Intef II era suo figlio, mentre in The Oxsford History of Ancient Egypt di Shaw Intef II era il fratello di Intef I e il suo regno era durato cinquanta anni, a fronte dei quindici anni del regno del fratello e del padre, Mentuhotep I. 32
  • 33. la dinastia Hierakleopolitana120. Interessante risulta essere il dato che, con l’avvento dell’Undicesima Dinastia, i nomoi sotto la giurisdizione tebana persero indipendenza e che i governatori, a essi assegnati, mostrarono molta più fedeltà e dedizione al Faraone121. Le informazioni sulle due dinastie Herakleopolitane122 sono invece molto più lacunose rispetto a quella Tebana. Non conosciamo la discendenza reale negli oltre cento anni di regno123, né tanto meno l’organizzazione interna. Da alcune fonti scritte124 siamo a conoscenza del fatto che a differenza della dinastia Tebana, quella settentrionale aveva un atteggiamento più morbido e permissivo nei confronti dei nomoi, anche se potevano comunque contare su una fedeltà maggiore125 rispetto ai sovrani della fase finale dell’Antico Regno126, e mantenevano una spiccata volontà di legarsi alle passate dinastie Menfite127. La situazione storica durante i cinquanta anni del regno di Intef II era di un equilibrio bellico molto instabile, con il Sud riunito sotto un'unica corona e il Medio e Basso Egitto frazionato in diversi nomoi, alcuni alleati in una sorta di confederazione militare che faceva capo alla città di Herakleopolis. Con l’avanzata militare verso Nord, Intef II provocò la reazione dei suoi avversari. Una iscrizione frammentaria, presente in una tomba di un funzionario del nomos di Asyut, ci ragguaglia sulla vittoria del suo nomo contro il Sud, mentre un altro testo128 parla di una riconquista di Abydos129, non prima di aver liberato il Delta 120 Shaw (2002): pag 126 Dai testi rinvenuti, ad esempio quello del tesoriere Thethi, è evidente una spiccata devozione, sottomissione e fedeltà da parte dei governatori e dei funzionari dell’Undicesima Dinastia al faraone e al suo ruolo di leader. 122 La dinastia Nove e la Dieci. 123 Grimal (1988): pag 149 124 Ad esempio sono degni di essere menzionati i testi del Re Merykara e il “Racconto del contadino eloquente”, probabilmente scritti in epoca successiva, forse Medio Regno. In questi tesi, così come “La profezia di Neferti” si parla anche di una probabile invasione di popoli asiatici nel Delta. Non sappiamo se questo dato sia attendibile, sappiamo però che durante il Medio Regno, il Delta sia stato spesso minacciato da invasioni straniere di popoli che premevano sui confini dell’Egitto riunificato e, quindi, la presenza asiatica in questi testi poteva essere legata a ragioni politiche post-eventum. 125 Breasted (1906), Volume I: pag 185 126 Shaw (2002): pag 132 127 Questo dato è evidente dall’analisi dei pochi nomi che conosciamo di questa dinastia e delle loro tombe rinvenute nell’area di Saqqara: necropoli Menfita per antonomasia. 128 “Gli insegnamenti di Merykara, probabilmente del Medio Regno. 129 Shaw (2002): pag 134 121 33
  • 34. dagli stranieri con Kheti III130. Tuttavia questa iniziale avanzata, subì una decisa inversione con l’avvento di Intef III e Mentuhotep II131, che conquistarono Asyut e avanzarono verso Nord. Probabilmente potremmo sbagliare nel credere che ci furono battaglie a ogni offensiva del sovrano tebano, anzi molto probabilmente i governatori dei nomoi minacciati dall’avanzata militare, si dichiararono preventivamente alleati del monarca, trovando una salvezza cautelativa per loro e la propria regione, soprattutto dopo la riunificazione dell’Egitto132. L’inverso probabilmente toccò a Herakleopolis, la cui fine e distruzione non è documentata da alcuna fonte, scritta o archeologica, ma è intuibile dall’analisi della sua necropoli, nella quale sono evidenti tracce di razzia e saccheggio databili ai primi anni del Medio Regno133. Un interessante reperto per questo periodo134 proviene da una tomba di Deir el Bahri, nella quale furono ritrovati circa sessanta corpi di soldati morti in battaglia, alti intorno al metro e settanta, molti di origine nubiana e con un età stimata tra i trenta e i quaranta anni135. Le evidenze riscontrate dall’analisi dei corpi ci mostrano tracce di ferite profonde o di fratture su molti corpi, mentre altri risultano essere stati curati e aver vissuto ancora a lungo, magari come veterani poi morti in campo. Un reperto molto interessante è costituito da un corpo trafitto da una freccia all’altezza della schiena, penetrata così a fondo da fuoriuscire dall’altra parte del busto. Da un analisi più accurata, è stato possibile comprendere come questa freccia fosse stata scoccata da un altezza elevata e che probabilmente questa fosse una vittima di un assedio136 durante la guerra civile tra Nord e Sud o tra nomo e nomo137. 130 Grimal (1988): pag 154 Grimal (1988): pag 155 132 Grimal (1988): pag 153 133 Shaw (2002): pag 134 134 La datazione risale probabilmente a Mentuhotep II 135 McDermott (2004): 50 136 Le evidenze mostrano chiaramente che il soldato era un assediante e non un assediato, altrimenti la direzionalità della freccia sarebbe stata diversa. Il fatto che fosse stato colpito alle spalle, invece indica che probabilmente il soldato stava battendo in ritirata. La forma e il materiale della freccia indica che il proiettile era egiziano e quindi è probabile che si trattasse di una vittima di una battaglia della guerra civile. Il fatto che i corpi siano stati sepolti, e quindi recuperati dai tebani, ci lascia capire come l’assedio, nonostante una iniziale ritirata, vide poi la vittoria dell’esercito tebano. Esistono anche teorie discordanti sulla datazione, sul ruolo dei soldati e sul modo della loro morte, ma personalmente ritengo che la valutazione fatta da Patridge sia la più attendibile, anche se non escludo che l’uomo trafitto possa essere stato colpito in una battaglia 131 34
  • 35. Dal punto di vista archeologico, ma anche se analizziamo le fonti scritte e le rappresentazioni, non possiamo ricostruire l’aspetto e l’organizzazione degli eserciti guidati dai Nomarchi indipendenti o dai sovrani della Nona, Decima o Undicesima dinastia. Tuttavia sarebbe possibile creare una ricostruzione plausibile attraverso l’organizzazione militare del Medio Regno, tentando di realizzare una crasi con gli elementi militari dell’Antico Regno. Non sarebbe una ricostruzione supportata da prove tangibili, ma sarebbe un’ipotesi plausibile pensare che il Primo Periodo Intermedio sia stato caratterizzato da quegli elementi di rinnovamento ed evoluzione, anche da un punto di vista tecnico e tattico, successivamente presenti nell’esercito del Medio Regno138. campale, durante una ritirata o, peggio, da una freccia sparata da un suo compagno, risultando essere una vittima del fuoco amico. 137 Patridge (2002) pag: 123 138 È lecito pensare che una situazione di perenne guerra interna abbia condotto, come ho già accennato, ad un graduale avanzamento tecnologico e che questo abbia favorito la formazione dell’esercito utilizzato durante il Medio Regno, conservando elementi “tradizionali” dell’Antico Regno e introducendo innovazioni importanti. 35
  • 36. Medio Regno (2055-1650 a.C.): Il Medio Regno inizia con la salita al trono di Mentuhotep II nel 2061139, il quale dopo aver sedato una rivolta del nomo tinita, avanzò verso nord impadronendosi Herakleopolis. La conquista delle terre rimanenti non fu semplice e durò fino al suo quarantesimo anno di regno140, il faraone fu dapprima impegnato a fronteggiare i suoi oppositori politici nell’oasi di Dakhla nel deserto occidentale e successivamente a liberare tutte le altre terre. Si impegnò anche a riorganizzare la macchina amministrativa, con la nomina di importanti cariche, quali il Visir141, il Cancelliere e la creazione della carica di Governatore del Nord, portando la capitale di tutto il regno a Tebe142. Mentuhotep II aumentò l’area di influenza verso Sud, riprendendo piede in quei territori nubiani143 che, durante l’Antico Regno, erano caduti sotto l’egemonia egizia144 e si impegnò in nuove spedizioni verso il Sinai145 e nella zona Libica146. Il Medio Regno sarà caratterizzato da due fasi politiche ben distinte147 e da una ritrovata unità nazionale che si contrappose in modo netto e definito al periodo precedente148. Anche i successori di Mentuhotep II dell’Undicesima Dinastia, ritrovata la stabilità interna, iniziarono una fase di espansione verso Sud, al fine di tenere sotto controllo un territorio da sempre anarchico e difficilmente governabile, per 139 Grimal (1988): pag 165 Shaw (2002): 140 141 Con il regno di Sesostri III, della Dodicesima Dinastia, la carica di Visir divenne la seconda carica più importante dell’Egitto. Con Sesostri III la carica di Nomarca e i distretti vengono eliminati e il territorio viene amministrato attraverso l’istituzione di tre ministeri per le tre zone principali dell’Egitto: Sud, Nord e la Bassa Nubia. 142 Grimal (1988): pag 165 143 Il Faraone si spinse fino al territorio del Uauat, garantendo all’Egitto il controllo, ma non l’occupazione, dei territori fino alla seconda cataratta, istituendo anche un presidio militare fisso ad Elefantina. 144 Shaw (2002): 140 145 L’intento del sovrano era quello di scacciare e allontanare il più possibile le popolazioni che erano penetrate in Egitto durante il Primo Periodo Intermedio, spingendosi fino nel Libano meridionale. 146 Grimal (1988): pag 165 147 Il Medio Regno vide regnare due distinte dinastie, l’Undicesima e la Dodicesima. La prima deteneva il potere nell’Alto Egitto, mentre la seconda si concentrò nel Medio Egitto, nelle vicinanze dell’oasi del Fayum, i cui regnanti si impegnarono a bonificare e rendere coltivabile. 148 Shaw (2002): 137 140 36
  • 37. garantirsi l’accesso a rotte commerciali e carovaniere importanti, senza trascurare l’approvvigionamento di risorse minerarie ed economiche. Non mancò un importante consolidamento della linea di difesa dei confini orientali del Delta149. La Dodicesima Dinastia conobbe un iniziale periodo di scontri interni per la successione, vinta da Amenemhat I150, il cui regno fu legittimato da alcuni testi messianici post-eventum151. Il regno di questo sovrano152 sarà importante per due riforme in ambito militare: ristabilì la leva militare obbligatoria per i nomoi e affidò la gestione e soprattutto il comando dell’esercito a Sesostri, figlio primogenito e designato erede al trono d’Egitto153, pratica poi divenuta fondamentale dai faraoni dell’epoca ramesside in poi154. La sua intraprendenza militare sarà definita inizialmente dallo spostamento della capitale nel Fayum, più vicino ai territori interessati dagli interventi militari, e successivamente dalle azioni mirate in Nubia, con la conquista e una politica di colonialismo in quei territori, in Libia e soprattutto nel Vicino Oriente155. Nel testo messianico di “La profezia di Neferti”156, un testo datato ai primi anni di Amenemhat I e ambientato nell’Antico Regno, è presente una predizione del sacerdote di Bastet, Neferti appunto, il quale annuncia al sovrano Snofru l’avvento di Amenemhat I, facendo accenno anche della crisi del Primo Periodo Intermedio. Proprio il sacerdote, raccontando della crisi economica, meteorologica 149 Grimal (1988): pag 167 Non è chiaro come Amenemhat I sia salito al potere, ma una teoria sostenuta anche da Ian Shaw (2002): pag 146, prevede che Amenemhat prima di divenire sovrano, sia stato il Visir alle dipendenze di Mentuhotep IV. Un’iscrizione di un nobile, Khnumhotep I, fa accenno ad una battaglia vittoriosa, a cui lui partecipa, tra Amenemhat e un nemico indefinito, il quale viene cacciato da due regioni dell’Egitto, successivamente sottomesse insieme agli Asiatici e ai “negri”: le popolazioni al sud della prima cataratta. Parafrasando è probabile che i problemi di successione dinastica tra l’Undicesima e la Dodicesima abbiano provocato anche la rivolta di quei popoli che erano stati sottomessi dai faraoni precedenti. Questo è un atteggiamento coerente e in linea con molti popoli sottomessi nella storia dell’umanità, i quali speranzosi dell’inesperienza del nuovo sovrano dominante, si ribellavano cercando indipendenza. In Egitto, soprattutto nel Nuovo Regno, i sovrani appena saliti al potere muovevano guerra contro i vicini, proprio per dare prova a tutti della loro forza e intraprendenza. 151 Bresciani (1990): pag 122-128 152 Le spedizioni di Amenemhat I si concentreranno, come per i suoi predecessori, nell’area Nubiana, con due campagne che condussero fino a Kerma, mentre si annovera una spedizione nel Sinai durante il ventiquattresimo anno di regno per proteggere i minatori dalle scorrerie dei Beduini. 153 Questo secondo un testo scritto da Sesostri dopo la morte del padre; in realtà non abbiamo alcun documento precedente che indichi come Sesostri quale erede designato da Amenemhat I. 154 Grimal (1988): pag 171 155 Shaw (2002): 147 156 Bresciani (1990): 122-128 150 37
  • 38. e politica di quegli anni, pone un marcato accento sulla minaccia Asiatica, descrivendo come le popolazioni dell’Est, penetrate nel Delta, avessero saccheggiato e conquistato il Nord del Paese157. In questo testo, come in quello delle Avventure di Sinuhe, viene nominata un’opera edile di Amenemhat, i “muri del Principe”, eretta con lo scopo di tenere lontane le incursioni dei popoli Asiatici, che premevano sui confini orientali del Delta158. Il sovrano tuttavia morì in seguito a una congiura, come dimostrano alcuni testi159 dell’epoca, e gli successe Sesostri I160, non senza problemi di successione dinastica causati dall’assassinio161. Il sovrano regnò per circa quaranta anni e durante il suo principato si impegnò a pacificare la Nubia162, giungendo fino alla terza cataratta per controllare, ma non dominare il paese di Kush, mentre a Ovest si interessò delle oasi libiche e a est della sicurezza del Sinai, allacciando rapporti commerciali con città lontane come Ugarit163. 157 Ritengo che questa descrizione non sia casuale. Con Amenemhat I si inizierà un programma intensivo di azioni militari contro gli Asiatici dell’area SiroPalestinese. L’atteggiamento dell’autore vuole quindi individuare negli Asiatici dei nemici di vecchia data, legittimando così le decisioni di Amenemhat I di attaccarli e allontanarli dal Delta. 158 A conferma di questo l’iscrizione di Nessumontu, un generale dell’esercito di Amenemhat I, racconta la sua vittoria contro i “popoli che stanno sulla sabbia” e trogloditi asiatici. 159 Non solo “Le Avventure di Sinuhe”, ma anche “L’insegnamento di Amenemhat I al figlio Sesostri” avanza questa ipotesi e anche in quest’opera si nominano gli Asiatici, dipinti come nemici, ma domati come cani fedeli. 160 Nonostante alcuni documenti lo designano come erede, la salita al trono di Sesostri I non fu semplice. Il padre venne assassinato da una congiura dell’harem, mentre il figlio era impegnato in una spedizione in Libia, come ci racconta il romanzo “Le avventure di Sinuhe”. 161 Shaw (2002): 148 162 Furono due le spedizioni che spinsero l’Egitto a riconquistare i territori fino a Buhen, istituendo quei territori dell’Alta Nubia come una provincia dell’Egitto: nel decimo e nel diciottesimo anno del regno. Nell’iscrizione di Amenemhat, principe ereditario della famiglia nobile di Beni Hassan del nomo di Oryx, il protagonista, chiamato anche Ameni, segue il sovrano Sesostri I nelle due spedizioni contro i barbari del Sud. Nella prima sottomettono “la vile Kush” e il sovrano torna sano e salvo in patria. La seconda e nella terza spedizione registrate nell’iscrizione sono dirette verso le miniere di Coptos e Ameni segue il principe ereditario, Amenemhat II, con quattrocento (nella seconda) e seicento (nella terza spedizione) truppe scelte, le quali tornano in patria senza alcuna perdita registrata. Queste due ultime iscrizioni possono essere interessanti, analizzando il ruolo di Amenemhat II. Il principe ereditario del regno è il generale di una spedizione non militare, ma di recupero risorse. Abbiamo accennato precedentemente come Sesostri I, prima di diventare sovrano, sia stato assegnato alla gestione dell’esercito in battaglia per volontà del padre. È probabile che lo stesso Sesostri I, divenuto a sua volta faraone, abbia assegnato dei compiti al figlio, Amenemhat II, quasi fossero delle missioni di apprendistato, meno pericolose di spedizioni militari vere e proprie. 163 Grimal (1988): pag 176 38
  • 39. Con i successori di Sesostri I si registrerà una pace prolungata164, perpetuata attraverso scambi commerciali e rapporti di amicizia con i territori limitrofi165. Quest’atteggiamento aprì le porte dell’Egitto a influenze esterne, soprattutto asiatiche, che con il passare degli anni diverranno sempre più importanti, arrivando fino a minacciare la stabilità interna del paese166, solidità compromessa anche la lunga durata dei regni di Sesostri III167 e di Amenemhat III, che avevano provocato problemi di discendenza dinastica168 fino a condurre all’inizio del Secondo Periodo Intermedio. L’esercito egiziano in questo periodo subì delle profonde trasformazioni rispetto all’Antico Regno. Vennero, infatti, introdotti nuovi reparti, a favore di un’armata costituita da professionisti169 e un equipaggiamento migliore e più variegato aumentò la sua efficienza, mantenendo la stessa suddivisione del Antico Regno: plotoni a ranghi serrati, divisi in diverse squadre da dieci170. La sua grandezza non è stimabile in quantità, ma sappiamo da fonti scritte171 che le unità impiegate per spedizioni commerciali potevano arrivare anche a tremila unità172 e questo può lasciar presumere che i soldati impiegati per le battaglie potevano e probabilmente dovevano superare questa cifra. Una prova ulteriore proviene dalla stele ad Hammamat di Mentuhotep IV, il quale inviò un esercito di diecimila unità, guidato dal visir Amenemhat173, per trasportare un blocco di 164 I regni di Amenemhat II e Sesostri II, Amenemhat III e IV portarono a circa cinquanta anni di pace, interrotta solo dalla parentesi di trenta anni di regno di Sesostri III, figlio di Sesostri II, impegnato a combattere contro infiltrazioni Nubiane oltre la terza cataratta. Tre campagne militari dall’ottavo al sedicesimo anno di regno, pacificarono la zona fino a Semna, la cui area venne rinforzata con diverse fortificazioni. Mentre l’impegno militare in Asia fu circoscritto ad una sola campagna contro i Menciu, nel Libano meridionale. 165 Come era avvenuto per l’Antico Regno l’esercito in questo periodo viene usato come scorta armata per le spedizioni minerarie e di supporto ad imprese commerciali. 166 Grimal (1988): pag 176-183 167 Non siamo certi della lunghezza del regno di Sesostri III, in quanto l’ultimo documento a suo nome porta la data del XIX anno di regno 168 Il successore di Amenemhat non fu un sovrano, ma la regina Neferusobek, il cui regno durò probabilmente solo tre anni. Non si conoscono i dettagli, ma sembra che Neferusobek abbia dato i natali alla Tredicesima Dinastia (attraverso matrimonio o filiazione) ed è con questa che inizia il Secondo Periodo Intermedio. 169 Patridge (2002) pag: 83 170 Buttery (1974): pag 10 171 L’iscrizione del ministro Henenu, alle dipendenze del faraone Mentuhotep III per la spedizione verso la regione di Hammamat e in seguito verso Punt. 172 Breasted (1906), Volume I: pag 209 173 Come detto è probabile che questo visir, dopo la morte del faraone, prenda possesso del trono vacante, divenendo il primo faraone della Dodicesima Dinastia. 39
  • 40. pietra utile alla realizzazione del suo sarcofago174. Per quanto potesse essere importante una spedizione di recupero di materiale per la costruzione di un sarcofago, tuttavia credo sia un numero senz’altro sproporzionato impiegare diecimila soldati come scorta armata175. Le truppe furono così suddivise in diversi reparti con scopi e armamenti specifici: la fanteria pesante, la fanteria leggera, gli arcieri, i soldati armati di ascia lunga e i giavellottisti. • La fanteria pesante (Fig. 8) fu introdotta nel Medio Regno in seguito alla creazione di un’importante falange da impatto. I soldati erano equipaggiati con lance, asce176 ed un grosso scudo, che fosse in grado di proteggere tutto il corpo dalla testa ai piedi177. I ranghi di questo reparto, costituiti da tre compagnie da trecento uomini ciascuna178, dovevano essere serrati per creare un muro di scudi e aumentare Fig. 8: Ricostruzione di un Lanciere pesante, da l’aria di impatto con lo schieramento nemico. Buttery (1974) 174 Breasted (1906), Volume I: pag 213 L’impiego di diecimila unità implicava un dispendio di risorse senz’altro elevato, soprattutto considerando che questa spedizione doveva raggiungere territori fuori i confini classici dell’Egitto. Secondo Patridge l’esercito di Alessando Magno, costituito da diecimila unità e duemila cavalli richiedeva il consumo giornaliero di quattordici tonnellate di grano, diciotto tonnellate di foraggio e novanta mila litri di acqua. C’è quindi da chiedersi se questo numero sia stato propagandisticamente aumentato o se, mascherata da spedizione di recupero, questa missione non abbia nascosto delle mire di conquista o di saccheggio del territorio interessato. Senz’altro, come abbiamo visto per l’Antico Regno, il numero “diecimila” non è casuale e spesso veniva usato per rendere effettiva l’idea di una moltitudine indefinita di individui. Tuttavia credo che questo ragionamento poteva aver senso per una spedizione di guerra, non tanto in una spedizione economica o di approvvigionamento di risorse. La finalità della spedizione, inoltre, è confermata da un’iscrizione del Visir, il quale ci informa che nessun uomo, tra soldati, operai e artisti, è morto. Questo può voler significare, quindi, che non ci siano stati scontri. La spedizione si conclude con l’arrivo del sarcofago in patria, scortato da tremila marinai dei nomoi del Delta. Il dubbio sull’attendibilità di queste stime resta, perché anche quest’ultimo dato si ripresenta nell’iscrizione di Henenu verso l’Hammamat. Probabile che anche “tremila unità” non sia altro che un modo per definire un elevato numero di uomini. 176 Le asce però venivano usate come armi secondarie in caso di combattimento corpo a corpo, così come per la fanteria leggera. 177 Buttery (1974): pag 18 178 Buttery (1974): pag 10 175 40
  • 41. Lo scopo fondamentale della falange, infatti, era quello di essere alla testa dell’esercito e aprire una breccia nello schieramento nemico, spianando la strada al resto della fanteria179. • La fanteria leggera era costituita da soldati equipaggiati di lancia e scudo trapezoidale per il combattimento a medio raggio e un ascia, allacciata al gonnellino, qualora la necessità richiedesse uno scontro corpo a corpo180. • Gli arcieri erano divisi in due categorie: egiziani e nubiani (Fig. 10). I primi erano armati con un arco semplice capace di Fig. 9: Ricostruzione 3D della fanteria leggera, dal sito http://www.the3dstudio.com/ scagliare frecce a lunga distanza181 e colpire i soldati dello schieramento nemico. Non presentavano protezioni corporee, ma un semplice gonnellino di lino che non rendesse difficile la marcia e delle bande di cuoio182 che avvolgevano l’addome e si incrociavano sul petto183. Gli arcieri nubiani, inizialmente nemici dell’Egitto, furono introdotti nell’esercito del regno come truppe ausiliarie ed erano armati con un arco semplice a doppia curvatura184 e vestiti con un semplice gonnellino per agevolare gli spostamenti. Per entrambi i reparti non è presente la faretra per il trasporto di frecce e questo lascia pensare che venissero trasportate a mano, come dimostrano alcune rappresentazioni del periodo185. 179 Buttery (1974): pag 6 Buttery (1974): pag 18 181 Consultare il Secondo Capitolo della tesi per un approfondimento sull’arco semplice (A 8), sulla sua forma, la sua gittata e le caratteristiche delle frecce usate in questo periodo. 182 McDermott (2004): pag: 52 183 Buttery (1974): pag 18 184 Buttery (1974): pag 18 185 Di donato (1984): pag 94 180 41
  • 42. Fig. 10: A - Ricostruzione di Arciere Egiziano del Medio Regno; B - Ricostruzione di Arciere Nubiano del Medio Regno, da http://www.the3dstudio.com/ Questo reparto manteneva la stessa funzione adottata durante l’Antico Regno186, tuttavia venivano usati anche come esploratori187, probabilmente grazie al loro equipaggiamento leggero188, e come guardia reale. • Gli “asciati” (Fig. 11.A) erano un reparto nuovo introdotto nel Medio Regno e presentavano un armamento costituito da uno scudo, un’ascia lunga e un’arma secondaria: una spada corta, o pugnale, in rame189. • I giavellottisti (Fig. 11.B) avevano un abbigliamento simile a quello degli arcieri, il che può lasciare supporre che questo tipo di indumento fosse un simbolo visivo per indicare le truppe con armi a distanza. Avevano uno scudo per la protezione e uno o più giavellotti da lanciare contro i nemici. 186 Gli arcieri erano usati per attaccare a distanza i nemici, alleggerendo i ranghi degli schieramenti avversi per agevolare lo scontro con la fanteria. 187 McDermott (2004): pag: 60 188 Un equipaggiamento leggero e soprattutto l’assenza di uno scudo li rendeva agili e soprattutto veloci. 189 Buttery (1974): pag 18 42
  • 43. Come arma secondaria avevano un bastone da lancio190 attaccato al gonnellino. Fig. 11: A - Ricostruzione degli asciati; B – Ricostruzione dei giavellottisti, da Buttery (1974) 190 Per la funzione del bastone da lancio, consultare il Secondo Capitolo (A 4) di questa tesi. 43
  • 44. Secondo Periodo Intermedio (1650-1550 a.C.): Come accennato all’inizio di questo capitolo, l’Egitto fu soggetto a delle invasioni di popoli stranieri. Particolarmente significativa fu la lenta e pacifica infiltrazione che avvenne in modo graduale graduale alla fine del Medio Regno, durante il regno di Amenemhat III, in seguito alla sua apertura politico-economica nei confronti del Vicino Oriente Antico. I buoni rapporti che si stabilirono con l’area Siro-Palestinese e con tutti i territori limitrofi del Vicino Oriente, favorì l’ingresso di un flusso costante di manodopera asiatica in territorio egiziano, che si stabilì nel Delta del paese191. Con il passare del tempo queste comunità di immigrati, secondo un processo socioculturale storicamente diffuso192 di autodeterminazione, diventarono sempre più forti. La loro coesione interna però non portò a una chiusura netta nei confronti della società egiziana, anzi li spinse ad integrarsi molto bene tanto da entrare nella macchina amministrativa del paese, per poi prenderne possesso. Contestualmente il potere centrale del regno si indebolì progressivamente a partire dal 1785 A.C193. La causa principale può essere legata a dei sovrani poco longevi e con una debole autorità e presa politica sul territorio controllato194. Questo periodo iniziale, però, non si tramutò in guerra interna o in perdita di influenza nei 191 Grimal (1988): pag 197 Nella storia dell’uomo sono numerosi gli esempi di popolazioni che, vivendo in territorio straniero, ricercano nell’iniziale isolamento un tramite di autodeterminazione nei confronti della comunità ospitante, per poi assimilare e utilizzare usi e i costumi autoctoni, creando una commistione tra elementi locali e personali in modo da diventare parte sempre più integrante della società in cui vivono. Basti pensare alla volontà di chiusura delle comunità Ebraiche, sparse per il mondo, nei vai territori che ancora oggi occupano, ma anche esempi più vicini: come le prime comunità italiane in America, o anche i campi Rom o le comunità di Cinesi e Musulmani in Italia. 193 In quest’anno morì la regina Nefrusobek. Abbiamo visto come alla fine del Medio Regno, il potere regale era passato nelle mani di questa regina, probabilmente per mancanza di eredi. Questa regina aveva dato inizio alla tredicesima dinastia, la cui successione monarchica è poco nota e molto confusa. 194 Secondo Grimal i faraoni della tredicesima dinastia si successero con una tale velocità da procedere per elezione, tornando a concentrarsi nella zona di Tebe, mentre la capitale Icitaui, fondata dalla dodicesima dinastia, veniva guidata dal Visir, forse oramai indipendente dalla Corte. A dimostrazione di questo è la presenza a Tebe di molti monumenti con i nomi dei sovrani, ma la titolatura e le sepolture sono in linea con quelle della dodicesima dinastia, come una volontà intrinseca dei sovrani di legarsi ai loro predecessori. 192 44
  • 45. confronti dei domini esterni195, anzi la situazione economica e politica sembrava stabile196 e unitaria, sebbene pronta a degenerare. In questo contesto, alcuni territori del Delta197, afferenti a quelle comunità asiatiche sopra citate, iniziarono a ottenere sempre maggiore potere, fino ad arrivare a un’indipendenza sia economica che militare, durante il regno di Neferhotep I della tredicesima dinastia. Questo sovrano pare essere stato uno dei pochi a mantenere un regno duraturo198, ma è possibile che, proprio durante il suo mandato, la città di Xois del sesto nomo del Basso Egitto abbia raggiunto l’indipendenza, fondando la quattordicesima dinastia199. Poco dopo, nella città di Avaris, un'altra dinastia indipendente, la quindicesima, si sarebbe formata aumentando200 il potere degli Asiatici nel Nord201: gli Hyksos202. Da questo momento l’unità nazionale si frammentò e furono compresenti, per alcuni anni, quattro dinastie parallele203. La quindicesima, alleata della quattordicesima, in cinquanta anni conquistò diverse città del Delta sulla riva orientale del Nilo, fino a raggiungere le vicinanze dell’attuale Cairo204 e scontrarsi con Dedumesiu I, l’ultimo faraone della tredicesima dinastia a essere attestato sui monumenti Tebani. Quest’ultima dinastia sopravvisse fino al 1633, mantenendo un potere debole e circoscritto alla città di Tebe205, per poi essere sostituita dalla sedicesima e diciassettesima dinastia206. Gli Hyksos conquistarono tutto il Delta e parte della valle del Nilo fino alla città di Cusae207, Icitaui compresa208, 195 In questa fase iniziale sono noti i dati provenienti dalle inondazioni a Semna, fortezza nubiana, e diverse prove di presenza egiziana nei territori stranieri, tanto in Nubia quanto in Siria. 196 Grimal (1988): pag 199 197 Le città di Xois e Avaris formarono due dinastie indipendenti e parallele a quella egiziana. 198 Secondo Grimal il suo regno durò circa undici anni. 199 Shaw (2002): pag 177 200 Le fonti che fanno riferimento a questo periodo non sono certe, tuttavia questa ricostruzione sembra, ad oggi, la più plausibile. 201 Grimal (1988): pag 201 202 Il termine Hyksos è greco e deriva dal nome egiziano attribuito a tutti gli abitanti delle terre straniere, dalla Nubia alla Palestina: Heqau-Khasut, governanti stranieri. 203 Shaw (2002): pag 177 204 Le conquiste degli Hyksos si spinsero fino ad una ventina di km da Heliopolis, l’attuale Al Matariyah, nel distretto del Grande Cairo. 205 Grimal (1988): pag 201 206 Shaw (2002): pag 179 207 Si trovava a quaranta km a Sud di Hermopoli e rappresentava il centro principale della zona durante il Medio Regno. 208 Shaw (2002): pag 182 45
  • 46. controllando anche le vie carovaniere del deserto, bypassando l’Alto Egitto, per poter comunicare con i Nubiani, con i quali si allearono209. Gli Hyksos, dopo una iniziale fase di guerra e violenza, governarono con lungimiranza210. Essendo largamente accettati dalla popolazione grazie anche a un intenso programma di costruzioni211, propaganda e rispetto nei confronti della cultura egizia, i sovrani asiatici adottarono e sposarono a pieno le metodologie di governo, utilizzando Menfi come capitale amministrativa212, la religione e la scrittura dei loro predecessori egiziani, senza tuttavia perdere quell’indipendenza sociale propria della loro gente213, tentando di creare un sincretismo culturale tra questi due mondi214. Questa influenza però non fu univoca, anche gli Hyksos infatti apportarono elementi di novità all’interno della cultura egiziana, soprattutto in campo militare. Sarà con gli asiatici, infatti, che l’Egitto conobbe l’addomesticazione del cavallo e la sua efficacia come animale da traino, oltre all’introduzione delle tecnologie belliche provenienti dall’area Asiatica, da sempre ricettiva di nuove scoperte e invenzioni215. Da un punto di vista politico, nell’Alto Egitto, la tredicesima dinastia era stata confinata nei territori compresi tra Elefantina e Abydos216 e, successivamente, da un ramo Tebano della famiglia reale, nacque la sedicesima217 stirpe di sovrani egiziani, che regnò contemporaneamente alla tredicesima, quattordicesima e 209 In Nubia si era ristabilito il regno di Kush, precedentemente distrutto durante il Medio Regno, che, sfruttando il vuoto lasciato dall’Egitto, conquistò i territori dalla prima cataratta fino a Kerma. Questo regno resisterà fino alla fine del Secondo Periodo Intermedio. 210 Numerose tracce archeologiche, come presenza di scarabei, iscrizioni e tracce di diverso tipo dimostrano come Avaris fosse il centro di un regno ricco, che manteneva buoni rapporti con i vicini e che avesse intrapreso una capillare rete di scambi commerciali con i territori asiatici e mediterranei. L’epiteto di Sekerher, il re che forse conquistò Menfi, ci lascia intendere che quelli di Avaris fossero riconosciuti come ‘sovrani dei paesi stranieri’, mantenendo forse un’influenza anche politica sui territori al di là del Delta. 211 Gli Hyksos costruirono templi, statue, realizzarono rilievi e favorirono la diffusione della letteratura egizia. 212 Shaw (2002): pag 183 213 Grimal (1988): pag 203 214 Dagli scavi condotti nelle città del Delta occupate dagli Hyksos sono evidenti forti commistioni di elementi egiziani, come la ceramica, i sigilli, l’amministrazione, e di elementi asiatici, come le tombe interne al suolo cittadino, la forma e la disposizione delle abitazioni etc etc. 215 Non solo il cavallo, ma anche il carro da guerra e l’arco composito, come vedremo meglio nel secondo capitolo, verranno introdotti in Egitto in questo periodo. 216 Grimal (1988): pag 204 217 Shaw (2002): pag 191 46
  • 47. quindicesima dinastia. I primi anni di questa casata furono turbolenti e instabili, con una successione di circa quindici218 re in sessantacinque anni, anche se i rapporti con i vicini Nubiani e Asiatici sembrano fossero pacifici. La fine di quest’ultima dinastia non è nota, ma le fonti pongono solo settantacinque anni tra l’anno dell’abbandono di Icitaui a favore degli Hyksos e il sesto faraone della diciassettesima dinastia: Nebererau I219. Non abbiamo nemmeno molte notizie sulla diciassettesima, se non qualche nome220 fuori cronologia e una successione monarchica di nove sovrani221. Intorno al 1630 sia la tredicesima che la quattordicesima dinastia scomparvero definitivamente, mentre il sovrano Hyksos, Khyan, sembra essere stato a capo di un regno forte e internazionalmente riconosciuto222. Il successore di Khyan fu Apophis I, il cui regno coincise con quello di Antef VII della diciassettesima dinastia, nell’Alto Egitto. Questi due sovrani risultano essere i più noti di questo periodo, grazie alle loro attività. Antef VII è tra i primi regnanti tebani di cui è nota l’attività bellica, che risulta essere intensa contro i Nubiani e gli Asiatici223 e a dimostrazione delle sue mire, lo stesso “faraone” venne sepolto con due archi e sei frecce224. Alcune prove225, tuttavia, lasciano intendere che questo periodo non era attraversato da guerre, ma anzi che tra Tebe e Avaris corresse buon sangue e forse un’alleanza suggellata da un matrimonio226. Questi rapporti furono bruscamente interrotti alla morte di Antef VII227. Il suo successore, infatti, Taa I dichiarò apertamente guerra ad Apophis I, e così anche 218 Le informazioni provenienti da questo periodo, così come le fonti archeologiche, sono discordanti e poco chiare, tanto da rendere difficile se non impossibile una ricostruzione storica. 219 Shaw (2002): pag 190 220 Rahotep, il capostipite della dinastia, Antef VI e suo fratello Antef VII, Sobekemsaf I (forse il padre dei due Antef), Seqenenra Taa I, Seqenenra Taa II e i due più noti: Kamose e Ahmose. 221 Shaw (2002): pag 191 222 Il suo nome è stato rinvenuto a Cnosso, in Palestina e addirittura su un leone di granito a Baghdad. 223 In un blocco del tempio di Min da lui costruito a Coptos è presente una raffigurazione dei nemici Nubiani e Asiatici vinti, anche se questo non indica per forza un attività contro questi nemici. 224 Grimal (1988): pag 206 225 Un vaso Hyksos rinvenuto tra i discendenti della diciassettesima dinastia e alcuni testi presenti in entrambi i regni. 226 Durante il Nuovo Regno la principessa Herit, figlia di Apophis I, viene riconosciuta come antenata della diciottesima dinastia. 227 Grimal (1988): pag 207 47
  • 48. Seqenera Taa II, figlio di Taa I, intraprese guerra contro il Nord, probabilmente perdendo la vita in battaglia228. Il successore di Seqenenra Taa II fu Kamose, la cui titolatura, così come alcune fonti229, dimostrano una chiara volontà guerrafondaia. Il sovrano riconquistò Buhen, sottraendola al regno di Kush, in modo da avere accesso diretto alle risorse minerarie230 della Bassa Nubia e successivamente mosse guerra, anche contro il parere dei suoi consiglieri231, verso Nord, sconfiggendo prima Teti, figlio di Pepi, alleato degli Hyksos, e poi spingendosi verso quattordicesimo nomos del Basso Egitto: Avaris. Qui l’avanzata di Kamose rallentò per conquistare Gebelein e Hermopolis232, mentre le sue truppe bloccarono una missiva di Apophis I al re di Kush, al quale chiedeva aiuto e un pronto intervento in Alto Egitto, mentre delle truppe tebane erano impegnate a combattere il Nord del paese233. A questo punto Kamose ritirò le sue milizie dal Nord e sospese la sua avanzata, impegnandosi a rendere sicuri i nuovi territori conquistati234. Sarà il successore di Kamose, Ahmose a sconfiggere definitivamente gli Hyksos, iniziando la guerra l’undicesimo anno di regno, per poi terminare poco prima del 228 La sua salma, benché trafugata e rinvenuta solo in un secondo momento, presenta tracce di ferite mortali, causate da uno scontro: un profondo taglio sulla fronte causato da un’ascia di tipo Hyksos, uno zigomo fratturato e la calotta cranica con un taglio provocato dalla lama di un pugnale. 229 In particolare è possibile citarne due principali: il racconto “Disputa di Apophis e di Seqenenra” e il resoconto ufficiale del terzo anno di regno di Kamose. 230 Shaw (2002): pag 197 231 Questo diverrà un topos letterario caro ad altri faraoni del Nuovo Regno. La capacità di operare scelte sagge del faraone, nonostante il parere discordante di tutti, glorificava le sue doti militari. I consiglieri, in questo caso, valutano la situazione dell’Egitto come stazionaria. Il Delta era, si, in mano agli Asiatici, ma l’Alto Egitto era sicuro nei suoi confini e per questa ragione era inutile attaccare. Personalmente, leggendo la traduzione di Edda Bresciani, ho la sensazione che i consiglieri non considerassero più il Delta parte dell’Egitto: “Egli (il re nemico) tiene la terra degli Asiatici, noi abbiamo l’Egitto”; e la risposta di Kamose sembra confermare questa personale impressione. Lo sdegno con cui Kamose risponde nella tavoletta Carnavon, lascia trasparire la forza del faraone e la sua volontà di liberare il Delta che lui considera Egitto a tutti gli effetti: “quanto al vostro consiglio, di non attaccare gli asiatici che sono in Egitto, è vile. Ecco, io combatterò con gli Asiatici, verrà il successo. Quando li avrò vinti, la terra intera mi acclamerà, il re potente in Tebe, Kamose il protettore dell’Egitto.” 232 La stele di Kamose a Karnak ci racconta di come, grazie alla sua flotta marittima e al suo esercito di terra, il faraone avesse assediato e distrutto le città asiatiche. 233 Grimal (1988): pag 210 234 Avendo ottenuto il controllo delle vie carovaniere e il XVII nomos, Kamose era riuscito a interrompere la corrispondenza epistolare tra i due sovrani. 48
  • 49. sedicesimo anno235. La sua tattica lo portò a evitare inizialmente Menfi, per conquistare prima Heliopolis. Tre mesi dopo, quando la piena del Nilo era finita e i carri potevano correre sulla piana alluvionale, si spinse verso nord, arrivando fino a Tell el-Habuna, in modo da tagliare fuori i rinforzi Hyksos e potersi impegnare a prendere Avaris236. La battaglia contro la città asiatica è raccontata nel resoconto autobiografico di Ahmose, figlio di Ibana237 e da Manetone238, il quale parla di un lungo assedio di quarantottomila soldati egiziani fuori le alte mura di Avaris. Secondo Manetone l’assedio si concluse senza scontro e con un trattato tra i due schieramenti che sanciva la disfatta degli Hyksos e il successivo esodo pacifico degli asiatici verso la Palestina239. Le ragioni di questa disfatta da parte degli Hyksos fu causata dalla scelta lungimirante di bloccare i rifornimenti al Delta. Questo spinse gli eserciti asiatici a fabbricare armi in rame puro, non potendo più avere l’approvvigionamento di stagno. Gli egizi invece utilizzavano armi di bronzo, molto più efficaci di quelle asiatiche. Un tale vantaggio portò alla vittoria dell’Alto Egitto e la conseguente cacciata degli Hyksos240. Il militare Ahmose, nel suo resoconto, ci informa anche di una successiva spedizione del sovrano in Nubia a cui lui partecipa241, non prima di aver sconfitto gli asiatici presso Sharuhen, ultimo baluardo militare nella Palestina meridionale e 235 Grimal (1988): pag 211 Shaw (2002): pag 201 237 Ahmose figlio di Ibana fu un officiale che operò sotto Ahmose I, Amenhotep I e Thutmosis I. Ahmose ci ha lasciato una dettagliata autobiografia della sua carriera militare e della guerra di riconquista del faraone Ahmose I contro gli Hyksos. Ahmose ci informa di tre battaglie fuori la città di Avaris e di una ribellione di una città del Sud, nelle quali lui ottiene premi per il suo valore dimostrato, prima di prendere la capitale Hyksos. 238 Le versioni del racconto di Manetone sono molteplici e frammentarie. In questo caso si fa riferimento al racconto di Giuseppe Flavio, storico, politico, scrittore e militare romano di origine ebraica, che utilizza Manetone e il suo racconto minuzioso sull’assedio di Avaris. 239 Shaw (2002): pag 201-202 240 Shaw (2002): pag 202 241 Patridge (2002) pag: 190 - 191 236 49
  • 50. aver cacciato gli asiatici il più lontano possibile242, muovendo guerra nella zona Siro-Palestinese243. Dopo aver sconfitto i Nubiani e sedato due rivolte interne, forse causate dal malcontento tra i sostenitori egiziani degli Hyksos, il sovrano fu impegnato in un programma di ricostruzione del paese, al fine di rinforzare sia i confini che i territori interni. Con la morte di Ahmose e la salita del suo successore, Amenhotep I, inizierà il Nuovo Regno e l’apice della cultura egiziana. La ricostruzione dell’esercito per questo periodo è solo ipotetica244, anche se abbiamo alcuni elementi molto interessanti che possono darci un’idea generale sulla sua composizione. Sappiamo che l’esercito egiziano, soprattutto verso la fine della diciassettesima dinastia, utilizzava mercenari Nubiani245, anche se non è chiaro se fossero lì forzatamente o meno. Probabile che il regno di Kush non avesse presa su tutte le tribù che abitavano la Bassa Nubia e che, quindi, qualcuna di queste fosse fedele al principe Tebano246. Inoltre nel Nuovo Regno continua, come precedentemente detto, a essere utilizzato lo schema organizzativo di squadre e zau, usato nell’Antico e nel Medio Regno. Questo può voler dire che anche durante il 242 La campagna in Siria è raccontata in un’altra autobiografia, quella di Ahmose-Pen-Nekhbet, nobile di El-Kab. Il faraone si spinge fino alla città di Zahi, e il nobile Ahmose-Pen-Nekhbet vi cattura un prigioniero e taglia una mano di un nemico morto come prova della sua bravura. Il taglio della mano per la conta dei caduti nemici è un topos letterario presente sin dall’Antico Regno, ma nulla esclude che questo topos, essendo così diffuso e ripetuto nell’iconografia egiziana, fosse un’azione realmente compiuta dall’esercito egiziano. 243 Grimal (1988): pag 232 244 Le ragioni sono le stesse legate al Primo Periodo Intermedio: troppa frammentarietà delle notizie e pochi ritrovamenti di tombe e prove concrete. 245 Alcuni ritrovamenti archeologici ci lasciano presumere che molti nubiani vivessero nella di città Deir el-Ballas a quaranta km a Nord di Tebe. Questa città doveva avere finalità militari, anche perché la sua posizione geografica era distante dai centri di produzione alimentare e da importanti fonti di approvvigionamento. Ricordiamo infatti che l’Alto Egitto era meno fertile del Medio e del Basso Egitto e che non tutto il percorso del Nilo era circondato da terre coltivabili. Non abbiamo prove sulla possibilità che questi mercenari fossero in realtà stati catturati e deportati in Egitto, seguendo uno schema noto ai Babilonesi e agli Assiri, dopo la guerra di Kamose in Nubia, tuttavia è una prova evidente della presenza di Nubiani in Egitto e del loro utilizzo tra le fila dell’esercito. Shaw (2002): pag 198-199 246 Shaw (2002): pag 197 50
  • 51. Secondo Periodo Intermedio l’esercito seguisse la stessa divisione utilizzata nei periodi precedenti. Sappiamo, infatti, che la fanteria era armata con scudi in legno con le insegne regali, lancia lunga e ascia con lama concava247 di bronzo, così come è attestata la presenza di cavalieri con la funzione di messaggeri e/o esploratori, armati con arco e faretra248. Si è detto, inoltre, che gli Hyksos avevano portato con loro l’uso del carro e l’arco composito. L’introduzione di questi elementi nell’esercito egiziano saranno molto più evidenti e meglio strutturati nel Nuovo Regno. Tuttavia è immaginabile pensare che la cattura di carri e cavalli, ma anche la semplice riproduzione, tramite osservazione, abbia spinto gli eserciti egiziani a introdurre questi elementi, con la creazione di ranghi specializzati al loro utilizzo. La conquista dei carri in battaglia, così come degli archi, ma soprattutto lo studio ingegneristico su questi oggetti aveva garantito all’esercito egiziano la possibilità di riprodurre e fabbricare queste armi. Allo stesso modo la cattura di una coppia di cavalli, un maschio e una femmina, poteva magari assicurare la nascita di una prole e quindi il loro largo utilizzo in guerra. Inoltre c’è da dire che i primi anni di dominazione straniera in Egitto non furono caratterizzati da forti scontri armati, ma anzi ci sono prove, anche se modeste, di un possibile rapporto di buon vicinato tra quindicesima (Hyksos) e sedicesima (Tebana) dinastia. È possibile che in questo periodo non furono solo i prodotti commerciali o le opere letterarie a essere scambiate, ma anche bestiame, armi o materiale di costruzione. Non è possibile escludere, quindi, che l’esercito di Kamose fosse già equipaggiato con armi quali il carro e l’arco composito e questo, oltre il già citato utilizzo del bronzo e una astuta tattica di conquista, risultò fondamentale nella vittoria contro gli asiatici. 247 248 Consultare capitolo due per descrizione dell’ascia. Buttery (1974): pag 20 51
  • 52. Nuovo Regno (1550-1069 a.C.): La riorganizzazione del paese, dopo la cacciata degli Asiatici, non fu difficile. Il regno era già florido e, a differenza del Primo, il Secondo Periodo Intermedio non era stato causato da problemi economici o meteorologici, ma da un terremoto esclusivamente politico. Durante tutto il Secondo Periodo Intermedio le colture erano ricche quanto nel Medio Regno e l’economia, laddove possibile249 era florida. Questo agevolò senz’altro la ripresa del paese dopo la guerra, tanto da avviarsi verso un periodo di circa quattrocento anni di pace interna, durante i quali si raggiunse l’apogeo del paese in molti settori della società egiziana, tra cui anche quello militare. L’inizio del Nuovo Regno coincide con l’unificazione di Ahmose e prosegue con la diciottesima dinastia. Questa si dimostrò subito interessata ad aumentare l’influenza verso i vicini popoli250 oltre confine, fino a trasformare il Regno in un vero e proprio Impero. Nonostante i nomi regali di Amenhotep I (“Toro che soggioga i paesi” e “Che ispira grande terrore”), all’erede al trono di Ahmose è attestata una sola spedizione, tra l’altro una incursione251 o più che una campagna di conquista, in Nubia e una spedizione in Libia252. 249 Si è accennato al fatto che l’Alto Egitto, circondato da due potentati ostili, avesse trovato delle difficoltà a poter raggiungere prodotti e materiali alloctoni. 250 A differenza delle altre regioni dell’area vicino orientale, l’organizzazione politica del Levante, territori compresi tra il Sinai e il Sud dell’Anatolia, non era affatto unitaria. Anzi l’area era caratterizzata da numerose città autonome, guidate da monarchie o principati locali, che controllavano territori più o meno vasti, nelle strette vicinanze del centro urbano. A differenza della Nubia, gli Egiziani su questi territori operavano con una forma di controllo e protezione, suggellata da forme di pagamento e retribuzione tributaria a favore del paese africano, lasciando il territorio grossomodo indipendente. Questa forma di libertà aveva un doppio effetto: rendeva sicuri i confini del regno, allontanando sempre di più la minaccia di invasioni, ma di fatto permetteva a questi potentati locali di potersi ribellare facilmente o cambiare “protettore” in modo frequente, costringendo di volta in volta i Faraoni a dover intervenire militarmente per riottenere la supremazia dell’area. 251 Diverse fonti, tra cui anche l’autobiografia di Ahmose, figlio di Ibana, lasciano intendere una battaglia effimera contro Kush che si concluse con il pagamento di oro e una gran quantità di prodotti al re, nell’ottavo anno di regno. In questa battaglia Ahmose dice di essere alla testa delle 52
  • 53. Ben più incisivo fu l’atteggiamento di Thutmosis I nei confronti della Nubia e dei territori palestinesi. Il faraone, forte di una rinnovata sicurezza interna, fu uno dei primi ad allontanarsi dal paese, affidando il governo ai funzionari253. Il sovrano, infatti, fu impegnato in diverse campagne militari: la prima tra il secondo e il terzo anno di regno254, diretta verso Kerma, la capitale del regno di Kush255. La campagna proseguì spingendosi fino alla quarta cataratta, dove il sovrano eresse una stele prima di tornare in patria256. La campagna asiatica invece lo vide protagonista con lo scopo di contrastare la forza dei Mitanni, anche se indirettamente257. Thutmosis I avanzò258 verso Nord fino a raggiungere la città di Niy, nell’attuale Siria259 e raggiungere le sponde dell’Eufrate260. I regni dei successori di Thutmosis I furono tuttavia pacifici261, sebbene legati a problemi cronologici e di discendenza. La regina Hatshepsut, infatti, regnò come faraone in attesa che il figlio di Thutmosis II, allora poco più che bambino, raggiungesse la maggiore età per poter governare262. Fu proprio il regno di T. III263 a raggiungere l’acme militare, con diciassette campagne militari in Asia264, e politico dell’Egitto. Divenuto unico faraone dopo “nostre truppe”, il che potrebbe indicare la possibilità che Ahmose sia diventato generale o ufficiale di rango superiore, tanto da ricevere l’appellativo di “Guerriero del Sovrano” 252 Breasted (1906), Volume II: pag 18. 253 Patridge (2002) pag: 195 254 Shaw (2002): pag 223 255 La battaglia contro i Kushiti si concluse con la costruzione della fortezza di Tombos, vicino la terza cataratta 256 Durante il viaggio di ritorno il faraone ottenne favori e doni dalle popolazioni sottomesse, lasciando appeso sulla prua dell’imbarcazione, sulla quale viaggiava, il corpo di un “arciere” impiccato, probabilmente il re di Kush. 257 I tempi non erano ancora maturi per uno scontro diretto tra i due regni e dovranno passare circa trentasei anni prima che queste due potenze potessero scontrarsi. Per ora l’esercito egiziano si limitava ad arginare l’area di influenza del regno Asiatico, portando dalla sua parte quei sovrani e vassalli che precedentemente erano sotto l’egida dei Mitanni. 258 Ahmose, figlio di Ibana, oramai veterano combatte in Retenu alla guida delle truppe tanto da catturare un carro, con il cavallo e il guidatore ancora vivi. 259 Shaw (2002): pag 223 260 Patridge (2002) pag: 194 261 Thutmosis II sedò una rivolta di Kush mentre Hatshepsut, impegnata nello sfruttamento delle miniere, si interessò di eseguire alcune spedizioni di controllo e pacificazione, riorganizzando l’assetto politico della Nubia con il cambio di viceré. Questi due sovrani si impegnarono anche controllare la zona Siro-Palestinese, proprio come aveva fatto Thutmosis I. 262 La questione sui rapporti tra Hatshepsut e Thutmosis III furono molto più complessi e l’intera questione andrebbe approfondita, ma personalmente credo che non sia pertinente alle finalità della tesi. 263 Da adesso T. III 53
  • 54. la morte o l’allontanamento di Hatshepsut, dovette subito affrontare una rivolta dei principi asiatici sotto il controllo dell’Egitto265. Guidati dal principe di Kadesh e appoggiati dal re dei Mitanni, i principi furono contrastati dagli eserciti egiziani che entrarono in contatto con le milizie asiatiche in diverse occasioni266. La prima avvenne il ventiduesimo anno di regno, il primo senza Hatshepsut: partendo dal Delta orientale, T. III conquistò la città di Megiddo, poi quelle di Tiro, Yenoam, Nuges, Meherenkaru e costruì un forte nel Libano267. Il racconto268 sulla presa di Megiddo è senza dubbio tra i più interessanti che la letteratura egizia ci ha lasciato: per giungere a Megiddo l’esercito egiziano, avendo lasciato la striscia di Gaza alle spalle, avrebbe potuto percorrere tre strade: le due laterali, più lunghe, ma meno pericolose, e una centrale più diretta e soprattutto breve, che si inerpicava, però, in uno stretto passaggio, luogo favorevole per un agguato nemico. Così come era successo al faraone Kamose, i generali egiziani premevano per una decisione sicura, che non avesse comportato rischi, mentre il sovrano, consapevole che i generali nemici non erano probabilmente pronti all’eventualità che il faraone potesse essere avventato, decise di intraprendere la via più rischiosa, anche se questo comportava la possibilità che, quando la testa dell’esercito avrebbe superato il valico, la retrovia fosse ancora impegnata a percorrerlo269. L’esercito affrontò inizialmente un piccolo distaccamento nemico alle porte del passo, presso Aruna, annientandolo, e arrivò dall’altra parte quando era notte, approntando l’accampamento e preparandosi alla battaglia del giorno seguente. Non sappiamo bene cosa successe in questa battaglia, lo scontro non viene infatti raccontato negli Annali, benché ci sia un accenno allo schieramento egiziano270 nel quale il faraone viene posto al centro di una lunga formazione, ma ritengo che questo sia tatticamente improbabile. Dato per scontato che il faraone fosse sul suo carro e alla guida della carreria, una posizione centrale prevedeva uno scontro diretto con la fanteria 264 Patridge (2002) pag: 203 Grimal (1988): pag 232 266 Tutte le imprese del faraone sono pervenute a noi grazie agli Annali che Thutmosis III fece scrivere sulle pareti tempio di Karnak. 267 Breasted (1906), vol II: § 406. 268 Breasted (1906), Volume II: pag 175-189 269 Bresciani (1990): pag 241 270 “L’ala meridionale di questo esercito di Sua Maestà era su una collina, a sud della corrente di Qina, l’ala settentrionale era a nord-ovest di Megiddo, mentre Sua Maestà era nel loro mezzo” 265 54
  • 55. nemica e questo avrebbe potuto essere un suicidio tattico271, a meno che anche nello schieramento nemico la carreria non fosse posizionata al centro, in modo da contrapporre reparti con caratteristiche simili. Questo però prevedeva la divisione in due tronconi delle truppe appiedate: una tattica possibile, ma che non ha riscontri da prove oggettive. Personalmente penso che la posizione centrale, esaltata negli annali, è probabilmente un’invenzione letteraria per dare maggiore lustro e importanza al faraone. Nel resoconto comunque non viene raccontato in che modo l’esercito egiziano sconfisse quello asiatico, che fuggì in preda alla paura272 dentro la città. I soldati egiziani, tuttavia, persero tempo a saccheggiare i carri e le armi abbandonate sul campo dai loro avversari, invece di rincorrere il nemico273. Questa indisciplina da parte dell’esercito costò al faraone la presa immediata della città. Costretto all’accerchiamento, T. III riuscì a prendere Megiddo solo dopo sette mesi d’assedio costante, durante il quale molti militari furono impiegati come contadini delle terre intorno alla città, per il sostentamento alimentare del suo esercito274. Il bottino di questa battaglia fu comunque ricco e gli stessi Annali ci informano sul numero di cavalli catturati275 e di altri beni sottratti ai vinti276. Tra gli anni di regno ventidue e ventiquattro, il sovrano intraprese tre campagne di ispezione e riscossione tributi277 nella zona conquistata precedentemente278. È 271 Le ragioni sono tutto sommato semplici: nella tattica militare, un reparto di lancieri è il modo più efficiente per fermare la cavalleria o una carreria. 272 Probabilmente la battaglia si concluse in questo modo anche grazie alla scelta del faraone di sfruttare il fattore sorpresa, dopo aver valicato il passo. 273 Bresciani (1990): pag 242 274 Patridge (2002) pag: 203-206 275 Thutmosis III parla di almeno duemila cavalli. 276 “340 prigionieri viventi; 83 mani, 2.041 cavalli, 191 puledri, 6 stalloni, giovani, […] totale di 924 carri; […] 200 armature del suo (del nemico) miserabile esercito, 502 archi, […] Ecco, l'esercito di sua maestà ha catturato 1929 grandi bovini, 2.000 piccoli bovini e 20.500 bianchi piccoli bovini.” 277 L’atteggiamento dell’Egitto, come già accennato precedentemente in questa tesi, nei confronti delle città e potentati asiatici era di controllo, ma non di conquista forzata. Le città venivano guidati da sovrani o governatori locali grossomodo liberi, ma soggetti a tributo e controllo dell’Egitto. Per garantirsi la fedeltà di questi sovrani, Thutmosis III portò in Egitto i loro figli (sono stimati in trentasei principi) come ostaggi. Educati alla maniera egizia e cresciuti all’ombra della cultura egiziana, venivano inviati a sostituire i genitori. Questo garantiva maggiore fedeltà al faraone per quei territori. 278 Grimal (1988): pag 232 55
  • 56. interessante notare come tra questi tributi sia nominata persino Assur279, ma possedendo solo la versione egiziana non è possibile sapere se questo pagamento fosse frutto di un imposizione o di un dono di buon vicinato280. La quinta campagna fu indirizzata verso nord, nei confronti di città ribelli: dopo la cattura Zahi e di una città il cui nome è perduto, che era sostenuta dalle truppe di Tunip281, venne catturata la città di Arvad282. La campagna risolutiva contro Kadesh fu la sesta: sfruttando la flotta marittima, pare che gli egiziani siano sbarcati in Siria e successivamente abbiano attaccato Kadesh283, devastandola, e sedando una probabile rivolta di Arvad284. Questa battaglia fu seguita da una nuova campagna, la settima, per sedare una nuova rivolta285 e si concluse con la conquista di tutti i porti fenici286, garantendosi un approvvigionamento costante di prodotti locali per le truppe e l’Egitto, oltre alla sottomissione definitiva dei principi del Retenu287. Dall’anno trentatré, undici anni dopo l’inizio della pacificazione dei territori SiroPalestinesi, il fragile equilibrio di guerra fredda che esisteva tra Egitto e Mitanni288 si ruppe. L’esercito di T. III289 ritornò, quindi in Siria, conquistò Qatna, ad est dell’Oronte, e successivamente superò l’Eufrate, soggiogando prima la città di Karkemish e poi Niya, che divenne il limite settentrionale della zona di influenza egiziana, ottenendo il tributo anche da Babilonia, Assur e Hatti290. 279 Breasted (1906), Volume II: pag 191 I sovrani, spesso, si scambiavano vicendevolmente doni di cortesia, ma altrettanto spesso quel dono veniva propagandisticamente trasformato in tributo nelle iscrizioni interne al paese. 281 Tunip era una città siriana che aveva contribuito alla rivolta dei principi, conclusasi con la presa di Megiddo. 282 Breasted (1906), Volume II: pag 194 283 Nell’autobiografia dell’ufficiale Amenemheb, l’egiziano si vanta di essere stato il primo ad aver fatto breccia nel muro di cinta della città di Kadesh, questo implica un assedio e il possibile uso dei picconatori, piuttosto che l’uso di scale e rampini per superare le mura. 284 Grimal (1988): pag 234 285 Questa volta la città ribellata era Ullaza. 286 Breasted (1906), Volume II: pag 198-199 287 Grimal (1988): pag 234 288 I Mitanni appoggiavano e aiutavano le rivolte dei principi asiatici, ma fino ad allora non erano mai scesi apertamente in campo contro gli Egiziani. 289 Purtroppo gli annali del faraone, da questo momento in poi, si limitano a informarci delle avvenute battaglie e dell’avanzata dell’esercito, senza raccontare i dettagli degli scontri, ma soffermandosi sull’entità dei bottini. 290 Grimal (1988): pag 23-234 280 56
  • 57. A questa seguirono altre nove campagne che il faraone intraprese con lo scopo di indebolire la forza militare e l’area di influenza di Mitanni. Durante questo periodo costrinse altre città a pagare tributo291 fino a riuscire nell’intento di ottenere la supremazia nella zona rispetto a Mitanni292. Thutmosis intraprese anche una campagna nubiana il cinquantesimo anno di regno, spingendo il confine geografico dell’Egitto ben più a Sud della quarta cataratta293. L’impegno militare dell’erede a trono non fu da meno rispetto al padre: Amenhotep II viene spesso dipinto come un sovrano spietato294 e dalla forza fisica senza pari295. Gli impegni militari furono diversi, ma in un numero minore rispetto a T. III296: tre campagne in Siria297 e alcune rivolte in Nubia, causate dal cambio di monarchia298. I successivi anni299 furono caratterizzati da regni tutto sommato pacifici, interrotte solo da sporadiche spedizioni di intimidazione nei confronti di possibili ribelli all’inizio del regno di ciascun faraone e da un trattato di alleanza con i Mitanni, suggellato anche da un paio di matrimoni di comodo tra il faraone Thutmosis IV300 e Amenhotep III con due principesse asiatiche. Il regno di Amenhotep III fu tutto sommato pacifico, anche se durante questo periodo si annovera l’espansionismo Hittita a scapito dei Mitanni e la successiva 291 Breasted (1906), Volume II: pag 205-207 Grimal (1988): pag 235 293 Patridge (2002) pag: 211 294 La sua ferocia pare essere definita da alcuni episodi di dubbio piacere, sicuramente non in linea con l’atteggiamento dei faraoni che lo avevano preceduto e che lo seguiranno: dopo aver sedato una rivolta di principi siriani, nella quale pare abbia ucciso sette sovrani ribelli con la sua mano, appese i loro corpi alle mura di Tebe e di Napata, come monito per chi avesse intenzione di ribellarsi. 295 Fu seppellito con il suo arco e, come vedremo nel secondo capitolo, si narra che fosse l’unico in grado di tendere. 296 Patridge (2002) pag: 215 297 La prima contro i ribelli, la seconda e la terza contro i Mitanni. Queste due ultime battaglie, però, costrinsero l’Egitto a ritirare la propria zona di influenza al di qua dell’Oronte, perdendo molti dei territori conquistati da Thutmosis III. Con Thutmosis IV si suggellò la pace definitiva tra i due regni e la divisione dei territori: all’Egitto la Palestina e i territori dell’entroterra, compreso la Naharina, mentre ai Mitanni spettava la Siria del Nord. 298 Come accennato precedentemente, molti faraoni, al momento della loro salita al potere, erano costretti a intraprendere azioni militari contro dei rivoltosi. Era diffusa, infatti, l’idea che il sovrano, in generale, non fosse ancora pronto e ben allenato alla guerra. Questo bastava, evidentemente, alle popolazioni per ribellarsi al potere costituito. 299 Si intende circa ottanta anni comprendenti i regni di Thutmosis IV, Amenhotep III, Amenhotep IV, Tutankhamon e Ay. 300 Patridge (2002) pag: 218 292 57
  • 58. scomparsa del vecchio nemico e neo alleato egiziano301. La morte del sovrano portò alcuni problemi di successione302 che si conclusero con la salita al potere di Horemheb, generale dell’esercito sotto Tutankhamon303. Il faraone, prima di assumere la doppia corona, aveva guidato una spedizione dimostrativa in Palestina304, per scacciare gli Hittiti, rei di aver violato il confine del territorio egiziano. La risposta fu una campagna che si concluse con la conquista per qualche anno di Kadesh, poi persa in seguito a un attacco di Suppiluliuma, re Hittita305, durante il regno di Thutankamon306. Anche Horemheb, dopo ventisette anni di regno, morì senza successori e designò come erede un altro generale dell’esercito e visir in carica307: Ramses I, fondatore della diciannovesima dinastia. Il torno fu subito associato al figlio Seti I, il quale probabilmente guidò una spedizione militare come generale dell’esercito308 e salì al potere dopo due anni dall’intronizzazione di Ramses I309. Il regno di Seti I vedrà un interesse specifico e reiterato per i rapporti internazionali. La salita al potere dei Ramessidi, ma soprattutto il periodo di crisi dinastica della diciottesima dinastia, aveva provocato un rilassamento degli interessi espansionistici dell’Egitto, tanto da provocare una rivolta di quasi tutte le città310 della Palestina al momento della salita di Sethi I che, sin dal primo anno di regno, si impegnò a sedare311. La prima spedizione fu contro gli Shasu nella Palestina del Sud312 e nelle spedizioni successivamente si impegnò a riportare ordine nella zona del Levante. Partì, quindi, dall’Egitto con il suo esercito e conquistò prima le città di Gaza e 301 Hrouda (1997): pag 38 Ad Amenhotep IV successe Semenkhkara, ma il suo regno durò solo pochi mesi. Il suo posto fu preso da Tutankhamon, il quale morì a diciannove anni senza lasciare eredi. Il trono quindi passò al visir, sposatosi con la moglie di Tutankhamon e, a sua volta lasciò il trono senza eredi. Si scelse quindi, come nuovo faraone, Horemheb. 303 Durante il regno di Tutankhamon non sono attestate spedizioni militari, sebbene alcune rappresentazioni lo raffigurano in posizioni di guerra. Tuttavia non è possibile sapere se queste scene fossero di stampo meramente propagandistiche o ricalcassero azioni realmente compiute. 304 Breasted (1906), Volume III: pag 20 305 Grimal (1988): pag 271 306 Patridge (2002) pag: 240-241 307 Grimal (1988): pag 274-275 308 Patridge (2002) pag: 239 309 Grimal (1988): pag 274-275 310 Eccezion fatta per le città di Megiddo, Reheb e Be San. 311 Patridge (2002) pag: 240 312 Shaw (2002): pag 287 302 58
  • 59. Raphia, per poi dividere in tre tronconi il suo esercito e conquistare le città di Yenoam, con i ranghi afferenti alla divisione Seth313, Harnath con la divisione Amon, mentre la divisione Ra era stata inviata come supporto alla città di Be San contro una coalizione delle città di Hamath e Pella. Dopo aver compiuto il loro dovere, le tre divisioni si riunirono e marciarono verso Nord, conquistando prima le città costiere di Acri e Tiro, per poi indirizzarsi nell’entroterra e sconfiggere Pella314. L’anno seguente una seconda campagna militare spinse l’esercito fino a Kadesh315 e Seti I riuscì a ottenere nuovamente prestigio internazionale, firmando una pace con gli Hittiti che sancisse il confine egiziano poco a Sud di Kadesh316. Il faraone intraprese anche due battaglie contro i Libici e una verso la Nubia, più per una dimostrazione di forza che una vera e propria campagna di conquista. Dopo quattordici anni di regno, però, il faraone morì, lasciando in eredità al figlio Ramses II il trono di un paese ricco e florido, con i confini sicuri e una forza armata di tutto rispetto. Ramses II è uno dei faraoni più conosciuti dell’antico Egitto. La sua fama è dovuta a tante ragioni: il suo regno fu lungo, ricco e la sua attività di costruttore donò al paese un’elevata quantità di monumenti. Tuttavia, una delle ragioni principali è legata alle tante rappresentazioni che il faraone ci ha lasciato di una sua famosa battaglia: Kadesh317. L’attività militare di Ramses fu circoscritta ai primi anni del suo lungo regno e lo vide impegnato non solo in Asia, ma anche in Nubia318 e verso le prime avvisaglie di quei Popoli del Mare319 che, da lì a qualche decennio, avranno invaso tutta l’area Vicino Orientale. 313 L’esercito era gestito con le divisioni divine descritte durante il Medio Regno (cit.) Grimal (1988): pag 278 315 La città fu persa poco dopo: l’azione militare di Seti I fu più simile a una scorreria/razzia che mirata a una conquista effettiva. Il territorio in quel periodo era poco controllato, in quanto gli Hittiti erano impegnati sul fronte Est per contrastare l’esercito Assiro. Infatti poco dopo aver espugnato Kadesh, l’esercito egiziano tornò indietro lasciando campo libero al ritorno degli Hittiti. 316 Grimal (1988): pag 279 317 Raccontata in almeno dieci versioni, disposte in cinque templi costruiti o decorati dal faraone. 318 Si annoverano una spedizione i primi anni di regno e una rivolta nell’anno venti, repressa nel sangue e che comportò la cattura di settemila ribelli. 319 Per Popoli del Mare gli Egiziani definirono tutti quei popoli del Mediterraneo che, a ondate cicliche, tentarono a più riprese di penetrare in Egitto e nel Vicino Oriente. 314 59
  • 60. La prima battaglia avvenne il secondo anno di regno e fu uno scontro navale contro i pirati Shardana, che lui sconfisse e inglobò come mercenari nell’esercito320. Nel quarto anno di regno, invece, iniziò a interessarsi all’Oriente, con una campagna di “ispezione” in Siria in seguito a una rivolta321, nella quale riuscì a ottenere la fedeltà e il pagamento di tributo da parte di Tiro, Biblo, del paese di Amurru e la Fenicia322. L’anno successivo attraverso l’area cananea si spinse a Nord con il suo esercito fino a raggiungere la città di Kumidi, nel moderno Libano. Ottenuta obbedienza anche da questa città, il faraone si spinse verso Kadesh dove si scontrò con gli Hittiti e una federazione di principi avversi al sovrano, nella battaglia più documentata dell’intera storia d’Egitto. L’esercito Hittita era ben addestrato e con un equipaggiamento simile, se non leggermente superiore323 rispetto a quello egiziano324. La preparazione alla battaglia fu minuziosa, così come le risorse impiegate. Ramses inviò preventivamente un’armata di supporto verso la costa palestinese, a percorrere un tragitto diverso rispetto all’esercito generale325, con lo scopo di assicurarsi la fedeltà delle città costiere326. Questa divisione sarà fondamentale per la “riuscita” della spedizione e il fatto che raggiunse le truppe lo stesso giorno dell’arrivo di Ramses II a Kadesh, implica che i contatti con il faraone fossero costanti e le tempistiche ben calcolate327. L’esercito egiziano era composto da quattro divisioni: Amon, Ra, Ptah, Seth; e viaggiavano a qualche ora di distanza l’una dall’altra. Il faraone era alla guida 320 Grimal (1988): pag 283 Patridge (2002) pag: 246 322 Grimal (1988): pag 283 323 Gli hittiti avevano già intrapreso la lavorazione del ferro per la realizzazione di alcune lame. Tuttavia i loro carri erano più pesanti e lenti, a causa della presenza di tre uomini sulla pedana e di armature di bronzo a protezione dei cavalli. 324 Patridge (2002) pag: 247 325 Questa forma preventiva si rivelò una mossa vincente per il faraone. 326 Lo scopo di questa iniziativa doveva essere legata al rifornimento per l’esercito. Probabilmente Ramses doveva aspettarsi un lungo assedio o una guerra logorante per i suoi uomini. Il rifornimento, quindi, doveva essere fondamentale e questo poteva avvenire velocemente solo sfruttando la navigazione marittima. 327 Spalinger (2005): pag 211 321 60
  • 61. della prima divisione e guadato l’Oronte, giunse verso le sei del pomeriggio328 a qualche chilometro a nord-ovest di Kadesh, impostando in sicurezza l’accampamento per accogliere le altre divisioni329 e far riposare e nutrire i cavalli. Tuttavia, mentre la divisione Ra era a otto chilometri dall’accampamento330, circa duemila e cinquecento carri hittiti, nascosti in un campo a est di Kadesh, guadarono l’Oronte a sud della città331 e attaccarono sul fianco destro lo schieramento egiziano in marcia, mentre i soldati non erano pronti per lo scontro332. L’agguato aveva provocato un ingente danno alla divisione Ra, smembrata e demoralizzata. I carri Hittiti, però, invece di completare l’opera di distruzione della divisione, si fiondano all’attacco del campo egiziano. Il faraone, secondo il suo racconto, sale sul suo carro e combatte da solo contro duemila e cinquecento carri Hittiti, sconfiggendoli grazie all’aiuto di Amon333. La battaglia si concluse con un nulla di fatto e il giorno seguente il re hittita inviò una missiva al faraone con la richiesta di una tregua, acclamata a gran voce da tutto l’esercito334. Ramses vittorioso335, almeno secondo la versione egiziana336, lasciò la zona di Kadesh scortato a vista dall’esercito hittita337 e tornò in Egitto per occuparsi di 328 Secondo Spalinger i km tra l’accampamento e Kadesh erano circa sedici e la sua stima in base alla velocità della marcia e dell’avanzamento delle truppe spinge a pensare che la divisione Amon giunse presso Kadesh intorno alle sei del pomeriggio, mentre il sole era in avviata fase calante. 329 Secondo il racconto trasmessoci da Ramses II (in Gardiner 1960, questa sicurezza fu dettata anche dalla collaborazione di due Shasu catturati dagli esploratori, i quali informarono il faraone che l’esercito Hittita era molto più a Nord e che la città era sguarnita. Questa informazione si rivelò falsa e quando Ramses si accorse che in realtà l’esercito nemico era a poca distanza da loro e del grosso pericolo che la divisione di Ra stesse correndo, inviò subito un messaggero per avvertirla. 330 Patridge (2002) pag: 250 331 Bresciani (1990): pag 266 332 Secondo Patridge i carri Hittiti erano in perlustrazione, ma personalmente reputo che duemila e cinquecento carri siano un numero eccessivamente alto per una semplice perlustrazione. È probabile, invece, che fosse stato un agguato premeditato con lo scopo di infliggere un grosso danno all’esercito egiziano, spaccando a metà una intera divisione e isolando il faraone dai rinforzi. 333 Gli egizi celebrarono questa rimonta come una vittoria, ma il faraone fu in grossa polemica con i suoi ufficiali, rei di essersi dimostrati inefficienti e codardi. 334 Bresciani (1990): pag 274 335 Sebbene questa sia la versione egiziana ufficiale dello scontro, la battaglia si svolse in modo chiaramente diverso. La ricostruzione verosimile è presente nel quarto capitolo di questa tesi. 336 In una epigrafe hittita leggiamo: “in quel momento Muwatalli scese in campo contro il re d'Egitto e il paese di Amurru, e dopo aver sconfitto il re d'Egitto e il paese di Amurru, tornò al paese di Apa”. 61
  • 62. altri problemi sul confine occidentale338. Gli Hittiti, sfruttando il vuoto lasciato dall’Egitto, occuparono tutta la Siria e ne resero un baluardo antiegiziano339. Sedici anni dopo questo scontro, dopo uno stallo perpetuo e la consapevolezza reciproca della forza del nemico, Hattusili e Ramses II firmarono un trattato di pace e alleanza che sancisse il confine presso il confine di Kheta e la reciproca collaborazione in caso di necessità340. Nell’anno settimo, però, Ramses dovette tornare a interessarsi della zona palestinese perché dei principi si erano nuovamente ribellati. Sfruttando un doppio esercito, il faraone sconfisse i rivoltosi e pose la sua forza nuovamente a Upi, che aveva precedentemente perso. Il nono anno di regno, Ramses si spinse ancora più a Nord, riprendendo alcuni di quei territori che aveva conquistato con la prima campagna siriana, fino ad arrivare a Tunip, ben più a nord di Kadesh. L’avanzata fu possibile anche grazie ai problemi dinastici interni dell’impero Hittita e alla forza crescente dell’Assiria, la quale aveva corroborato la forza di Hatti. Una nuova campagna il diciottesimo anno del regno di Ramses fu l’ultimo atto egiziano di forza sui territori Palestinesi, che interruppero definitivamente le loro rivolte. Ramses II ebbe un regno duraturo con un territorio sottomesso a tributo dalla quinta cataratta fino alla Siria341 e questo diede ricchezza economica e di prestigio a tutto l’Egitto. Tuttavia, proprio la lunghezza del regno di Ramses provocò problemi di successione, tanto da spingere la diciannovesima dinastia a sparire nell’arco di venticinque anni dopo la sua morte. Il successore di Ramses II fu Merenptah, il cui regno durò circa dieci anni e fu impegnato a sedare rivolte di palestinesi e kushiti, ma soprattutto a frenare l’avanzata sempre più insistente dei Popoli del Mare342, uccidendo e catturando un 337 Patridge (2002) pag: 256 Tornato in patria Ramses costruisce una serie di fortificazioni sul confine occidentale per fermare le incursioni dei Libici. 339 Grimal (1988): pag 288 340 Patridge (2002) pag: 257 341 Il confine fu stabilito all’altezza di Biblo e Damasco 342 Grimal (1988): pag 304 338 62
  • 63. totale di quindicimila soldati nemici, senza riuscire, però, a evitare un iniziale infiltrazione di libici nel Delta343. La morte di Merenptah fu seguita da una serie di lotte interne per la successione al trono, che si conclusero con la nascita della ventesima dinastia, a opera di Sethnakht, che regnò due anni, prima della morte, lasciando il trono a Ramses III, l’ultimo grande faraone del Nuovo Regno. Il regno di Ramses III sotto molti punti di vista assomigliò a quello del suo omonimo predecessore. Sebbene non raggiunse mai la stessa forza economica, politica, militare ma soprattutto di relazioni estere, quello di Ramses III sarà l’ultimo regno che ottenne riconoscimento internazionale e forza bellica tale da poter circoscrivere una regione di influenza ben definita. L’ondata di Libici, che aveva minacciato i confini occidentali del Delta, spinse nuovamente per entrare nel Delta, ma per due volte344 Ramses III fu in grado di sconfiggerli, inglobando nel suo esercito i soldati nemici fatti prigionieri345. Tra queste due ondate, durante l’anno otto del Regno, un’invasione dei Popoli del Mare penetrarono nel Delta e furono sconfitti in una battaglia navale. Ramses III decise di combattere i Popoli del Mare senza allontanare la flotta dalla costa, anche per sfruttare le truppe di arcieri a riva, il cui scopo era quello di colpire le navi nemiche, in modo da appiccare il fuoco attraverso frecce incendiarie346. Ramses III però ebbe anche problemi dal punto di vista della stabilità interna, dovendo affrontare questioni legate all’economia e alla discendenza dinastica. Lo stesso faraone rimase vittima di una congiura dell’harem, lasciando il regno nel caos347 che si concluse con la caduta della casa regnante e la fine del Nuovo Regno348 circa un secolo dopo. 343 Patridge (2002) pag: 262 Nel quinto e nell’undicesimo anno di Regno. 345 I prigionieri fatti in seguito alla seconda ondata vennero marchiati a fuoco e resi schiavi insieme a mogli e figli. Questo favorì la formazione di comunità libiche, seguendo uno schema sociale simile a quello che favorì la formazione delle comunità Hyksos durante il Medio Regno e il Secondo Periodo Intermedio. 346 Patridge (2002) pag: 272-273 347 In meno di un secolo si successero otto sovrani, minando la stabilità interna e la forza dello stato centrale. 348 Grimal (1988): pag 324-329 344 63
  • 64. L’esercito egiziano, in questa lunga fase storica, diventa completamente permanente349 per garantire al regno una forza bellica efficiente, organizzata e ben strutturata. L’armata presenta delle sostanziali differenze dal punto di vista della sua composizione. L’introduzione di nuove armi, sia d’attacco, di difesa e tattiche350, trasformò sostanzialmente l’aspetto dell’esercito, senza intaccarne l’organizzazione, che risulta essere identica a quello utilizzato nei secoli precedenti351. Molto importante fu l’introduzione di un reparto fisso di ausiliari mercenari, composto da truppe provenienti da territori controllati dall’Egitto, come la Nubia352, la zona siro-palestinese e i territori ai confini con i paesi Libici. Pensare a queste truppe come dei veri e propri soldati di professione al soldo dell’Egitto è sbagliato. Molti di questi soldati provenivano dalle fila di eserciti sconfitti dall’Egitto e venivano inglobati nella società egiziana, non schiavizzati, ma resi liberi e arruolati come soldati, pagati dallo Stato in cambio della loro fedeltà353. Vediamo così annoverati tra le fila dell’esercito egiziano, durante tutto l’arco della storia del Nuovo Regno, i già citati Nubiani, i Siriani, i Libici, i Shardana e anche Hittiti354. Il loro ruolo nella tattica militare, probabilmente, era quello di reparti di carica e di disturbatori, avendo nella maggior parte dei casi un armamentario leggero, che favorisse la velocità e la rapidità negli spostamenti. L’esercito355 era quindi diviso in: • Fanteria pesante: (Fig. 12) corazzata da un armatura di lino imbottito fino alle ginocchia, un elmo che proteggeva sia la testa che la nuca e con 349 Patridge (2002) pag: 88 L’introduzione del carro, ovviamente, cambiò in modo fondamentale l’approccio tattico in una battaglia 351 Sia nella battaglia di Kadesh, che in altri citati esempi, è presente la divisione delle unità militari in Amon, Ptah, Ra e Seth 352 La Nubia sarà il principale paese che garantì un afflusso costante di soldati nell’esercito egiziano. I Medjau, ad esempio, ricoprirono compiti importanti all’interno dell’esercito, ma anche per la gestione dell’ordine pubblico in Egitto e come guardia del corpo del faraone. 353 Questa piccola, ma sostanziale differenza risultava essere fondamentale. I mercenari non dovevano combattere per il danaro, come avveniva nel medioevo, ma combattevano per la patria, essendo l’Egitto la loro nuova casa, dove avevano famiglia e impiantato radici. Questo evitava che i mercenari potessero cambiare sponda, risultando così fedeli da entrare anche nel corpo di guardia del faraone, come i già citati Medjau. 354 Patridge (2002) pag 88 355 Buttery (1974): pag 22-34 350 64
  • 65. uno scudo in legno. Il reggimento era diviso in due reparti armati con un equipaggiamento diverso: l’ascia e la mazza. Fig. 12: Fanteria Pesante del Nuovo Regno, da Buttery (1974) • Lancieri pesanti: (Fig. 13) presentavano un elmo di lino e pelle morbida a bande blu e bianche, con un’armatura simile a quella della fanteria pesante. Lo scudo era in legno con borchie di rinforzo in bronzo o metallo e il suo armamento prevedeva una lancia lunga e un khepesh per il combattimento corpo a corpo. • Arciere pesante: (Fig. un’armatura Fig. 13: Lanciere Pesante del Nuovo Regno, da Buttery (1974) di pelle 14.A) difeso da borchiata, che raggiungeva le ginocchia, o con una cotta di maglia in metallo356. L’arco era di tipo Composito e portava una faretra a tracollo per il trasporto di più munizioni. Attaccato alla cinta, poi, trasportava un pugnale o uno spadino dalla lama dritta per la difesa del corpo a corpo. 356 Quest’armatura era usata spesso per gli arcieri sul carro. 65
  • 66. Fig. 14: A - Arciere Pesante del Nuovo Regno; B - Arciere Leggero del Nuovo Regno, da Buttery (1974) • Arciere leggero: (Fig. 14.B) non aveva protezioni corporee, se non attraverso un elmo di lino e pelle morbida. L’armamentario era costituito da un arco composito, talvolta di tipo angolare, una faretra e un ascia con la lama concava accorciata357. • Frombolieri: (Fig. 15.A) non avevano protezione, come gli arcieri leggeri358 e avevano una fionda per il lancio delle pietre e un manganello per il corpo a corpo. • Giavellottisti: (Fig. 15.B) non avevano protezioni corporee, ma portavano uno scudo rettangolare trasportato a tracolla, in caso di esigenza. La faretra trasportava numerosi giavellotti, usati per il lancio a distanza. Probabilmente questo reparto poggiava materialmente la pesante faretra 357 Un armamento così leggero poteva significare che questi arcieri avevano un compito diverso rispetto a quelli pesanti. Probabilmente quest’ultimi mantenevano dei ranghi serrati con gli altri reparti, mentre i primi avevano il compito di spostarsi da una parte all’altra del campo di battaglia, in modo da non dare punti di riferimento al nemico, mentre potevano continuare a scoccare frecce. Non è da escludere che la posizione di questi arcieri fosse in prima linea nello schieramento e servissero come lancio iniziale di frecce, per alleggerire i ranghi nemici. 358 Questo potrebbe indicare una funzione simile nel loro utilizzo. 66
  • 67. per terra e lanciava i giavellotti da fermi, forse protetti dagli scudi. Come arma corpo a corpo usavano una spada khepesh. Fig. 15: A - Frombolieri del Nuovo Regno; B - Giavellottisti del Nuovo Regno, da Buttery (1974) • Carrista: (Fig. 16) era armato di Arco Composito e protetto da una cotta di maglia composta da lamine di bronzo e lo stesso elmo dei lancieri pesanti. Il carro, essendo un veloce mezzo di trasporto, poteva garantire il trasporto di faretre per un elevato numero di munizioni, non solo per le frecce, ma anche per i giavellotti. La posizione del carro (A 12), sarà ai lati delle truppe appiedate con lo scopo di fermare la carreria e di colpire la fanteria nemica, attraverso l’uso di armi a distanza. Fig. 16: Carrista del Nuovo Regno, da Buttery (1974) 67
  • 68. Fig. 17: A - Shardana; B - Arciere Nubiano; C - Fanti Nubiani; D – Karu; E – Amorrei; - F Temehu; G – Tehenu, da Buttery (1974) • Shardana: (Fig. 17.A) erano dei pirati afferenti ai così detti Popoli del Mare359 e furono inglobati nell’esercito egiziano come reparto mercenario. Erano vestiti con un elmetto in bronzo con corna, un pettorale a bande di cuoio e uno scudo di legno, entrambi borchiati con dischi in bronzo. Armati con una lunga spada in bronzo, gli Shardana erano eccellenti per il combattimento corpo a corpo. • Nubiani: erano già da tempo annoverati tra le fila dell’esercito egiziano, tanto da avere dei ranghi con specifiche e differenti mansioni360, il loro armamentario, quindi, variava in base al loro utilizzo. Come già accennato, durante il Medio Regno furono usati come arcieri (Fig. 17.B)361 tuttavia nel Nuovo Regno verranno integrati anche reparti di combattimento a media e corta distanza, armati con un bastone da lancio o una lancia e uno scudo di pelle per la difesa. (Fig. 17.C) 359 Cavillier (2008) Sono riconoscibili Nubiani usati come reparto d’arceria e fanteria. 361 Il loro armamento era identico a quello del Medio Regno, con la sola aggiunta della faretra per il trasporto di più armi. 360 68
  • 69. • Karu: (Fig. 17.D) provenivano dalla Palestina ed erano usati prevalentemente come arcieri, armati di arco composito e faretra. Talvolta sono attestati come lanciatori di giavellotti. • I lancieri Amorrei (Fig. 17.E), provenienti dall’omonima area, avevano un armamento per il combattimento ravvicinato, con una lancia e una spada corta o pugnale • I Temehu e i Tehenu (Fig. 17.F e G) erano libici catturati durante i tentativi di infiltrazione in terra d’Egitto e inglobati nell’esercito egiziano in seguito ad alcune battaglie. Il loro ruolo era prevalentemente quello di lancieri, sprovvisti di scudo e vere e proprie protezioni corporee. 69
  • 70. Capitolo 2: Prima di affrontare il discorso sulle armi, nella sua interezza, credo sia doveroso fare una breve, seppur significativa introduzione sul concetto di “arma”. Secondo il Dizionario della Lingua Italiana, arma è: “Qualsiasi oggetto di cui l’uomo si serve come mezzo materiale di offesa o difesa, ogni strumento fabbricato appositamente per la guerra, la difesa personale o anche per la caccia o per lo sport del tiro a segno”362. Come si arriva, però, a questa definizione? Affidandoci ad un analisi antropologica si potrebbe dire che uno degli aspetti caratteristici dell’uomo è la sua totale incapacità di contrastare la forza della natura selvaggia, basandosi unicamente alle sue caratteristiche fisiche. A differenza degli altri esseri viventi, infatti, l’uomo non possiede peculiarità concrete di difesa o di attacco personale363 e questo, sin dalla preistoria, lo ha reso un facile bersaglio per pericoli esterni. La civilizzazione dell’uomo inizia con la scoperta del fuoco e con la sua successiva dominazione364, ma è solo con il primo approccio alla tecnologia che l’umanità iniziò ad usare utensili come armi. Utilizzare degli oggetti per l’approvvigionamento del cibo non è certo prerogativa umana, basti pensare ad alcune specie di scimmie o di uccelli che utilizzano pietre per spaccare i gusci delle noci o piccoli rami per raggiungere insetti nei tronchi 362 Devoto e Oli (1990) Burton (1884): pag 16 364 Burton (1884): pag 1 363 70
  • 71. degli alberi o colpire prede365, ma è senz’altro prerogativa umana quella di utilizzare utensili, più o meno elaborati, per appianare le differenze fisiche con gli altri animali, prima, e per cibarsi, poi366. L’uomo, per necessità propria, nel corso della sua evoluzione ha imparato due concetti che saranno fondamentali per la sua sopravvivenza: l’imitazione e lo sviluppo. Questi due concetti, uniti a un’altra peculiarità umana, quella del linguaggio, hanno conferito all’uomo un vantaggio non indifferente rispetto alle altre specie animali, che prima di apprendere una tecnica, hanno bisogno di osservazione, apprendimento, pratica e attuazione367 e non è sempre detto che il ricordo venga trasmesso alle generazioni future. L’uomo può, invece, fare affidamento sulla trasmissione delle informazioni attraverso un linguaggio scritto e orale, che ne velocizza l’apprendimento e la possibilità che si diffondano da individuo a individuo368. Non sappiamo come l’uomo abbia potuto inventare il concetto di arma, ma analizzando il comportamento dei primati369, è possibile ipotizzare che proprio grazie alla sua capacità di osservazione, abbia preso in prestito dalla natura elementi già esistenti. L’utilizzo di un bastone potrebbe essere paragonato alla pesante zampata di un animale, oppure un coltello affilato potrebbe essere comparato ad uno stelo di una rosa ricoperto di spine che, se strusciato velocemente sulla pelle, può creare profondi tagli370. Sebbene il concetto di arma sia strettamente legato al concetto di attacco e difesa, si è scelto di includere una descrizione del carro, benché possa risultare una forzatura riconoscerlo come tale. Il carro è un mezzo attraverso il quale l’esercito egiziano combatteva ed è sarebbe quindi giusto definirlo come “mezzo”, come potrebbe essere ad esempio la nave. Tuttavia, a differenza delle imbarcazioni, il carro nel Nuovo Regno risulterà, come abbiamo visto nel primo capitolo, 365 Richard (2007) Burton (1884): pag 4 367 Burton (1884): pag 5 368 Burton (1884): pag 6 369 Mitani (2010) 370 Burton (1884): pag 8 366 71
  • 72. fondamentale dal punto di vista anche tattico, trasformando nella sua ossatura l’assetto militare dell’Egitto. In tal senso è voluta la scelta di non includere, in queste descrizioni, le imbarcazioni, che meriterebbero un lavoro di tesi a parte, incentrando il lavoro solo sugli aspetti militari terrestri. Sono, inoltre, escluse le macchine d’assedio. Per quanto siamo a conoscenza dell’esistenza di meccanismi utilizzati durante gli assedi, come vedremo meglio anche nel terzo capitolo, questi non possono essere considerate armi, né sono, ad oggi, stati rinvenuti esemplari371 che ne chiariscano meglio la forma e il funzionamento. Ritengo quindi sia impossibile un’analisi accurata, al netto di una possibile ricerca, che possa chiarirne gli aspetti principali. Si è, quindi, detto che esistono due tipologie di armi: d’attacco e di difesa372. La prima categoria raggruppa tutte le armi che, anche nel mondo egiziano, venivano utilizzate per ferire o mettere fuori combattimento il nemico, anche se talvolta alcune di queste armi potevano essere utilizzate per la difesa personale. Le armi di difesa propriamente dette sono quegli oggetti utilizzati per difendere il corpo come gli scudi e le armature, ma così come per le armi d’attacco, anche quelle di difesa, talvolta, potevano essere usate come armi d’offesa. Esiste poi un terzo elemento non raggruppabile nelle due categorie precedenti: il carro da guerra, che potremmo considerare un’arma tattica, più che una d’attacco o di difesa. In questo capitolo si cercherà di analizzare le armi per tipologia, in modo da tracciare un quadro generale per ogni categoria. 371 Le macchine d’assedio erano, molto probabilmente, costruite in loco, durante gli assedi con materiale, il legno, reperibile nelle strette vicinanze degli insediamenti e facilmente riutilizzabile in un secondo momento. 372 Burton (1884): pag: 6 72
  • 73. Armi d’attacco: A 1) Bastone: Funzione Arma da combattimento corpo a corpo Materiale Legno, fasci di papiro o bronzo, ma molto raro. Misure Variabili Descrizione L’arma inizialmente era costituita da un lungo bastone dritto, senza né estremità né manici. Con il passare del tempo verrà introdotta talvolta un estremità superiore ricurva e un manico a forcella. Utilizzo Probabilmente quest’arma era usata come un randello per colpire i nemici Tipologia Due tipologie distinguibili: “mazza ditta” o “estremità ricurva”. Epoca Predinastico, Antico, Medio, Nuovo Regno Bibliografia Bridge McDermott, Warfare in ancient Egypt, Sparkford, 2004 sfruttando la superficie circolare e indurita del legno Robert Patridge, Fighting Pharaohs, Weapons and warfare in Ancient Egypt, Mancester, 2002 John Coleman Darnell and Colleen Manassa, Tutankhamun's Armies: Battle and Conquest in Ancient Egypt's Late Eighteenth Dynasty, New Jersey, 2007 Von Wolfgang Helck, Lexikon der Aegyptologie, Wiesbaden : Harrassowitz, 1975 73
  • 74. Commento: Una tra le armi più rudimentali e più facile da trovare in natura già, “pronta per l’uso”, è il bastone, o doga per il combattimento corpo a corpo373. In altre culture, come quella cinese, il bastone se ben usato, risulta essere sia una protezione che utile per l’attacco, capace di disarmare l’avversario, deviare colpi e proteggere da affondi e, contestualmente, mettere fuori combattimento il nemico, sfruttando la solidità dell’asta, per provocare traumi da urto più o meno importanti. Non abbiamo molti esempi fisici del bastone come arma374 e quindi per una sua ricostruzione dobbiamo affidarci soprattutto alle rappresentazioni. Il suo utilizzo è attestato sin dal predinastico con diverse scene di combattimento tra individui con bastoni, alcuni con estremità ricurve375. I bastoni erano generalmente in legno, ma sono stati trovati anche esempi di mazze in bronzo, in fibre vegetali o fasci di papiro legati tra loro376. Come tutte le armi presenta un’evoluzione, seppur minima, almeno basandosi sulle rappresentazioni visibili nel panorama iconografico egiziano. Sono quindi distinguibili i bastoni semplici da quelli con un’impugnatura a forcella oppure con un estremità ricurva. Esiste una rappresentazione risalente al periodo amarniano dove due individui, presumibilmente due soldati egiziani, combattono o si allenano con quattro bastoni e questo ci può dare un idea del loro utilizzo. Probabilmente quest’arma era usata come il moderno manganello, forse come ultima arma di difesa in caso della perdita o rottura delle altre armi in dotazione. Sappiamo per certo che questi bastoni erano utilizzati alle truppe ausiliarie, nella campagna di Horemheb e usati anche dai soldati della guardia del corpo di Akhenaten377. La doga però sarà la base di partenza di molte armi egiziane come il bastone da lancio, il giavellotto e la lancia. Vedremo poi anche come l’ascia possa essere strettamente connessa al bastone attraverso un possibile passaggio intermedio, rappresentato dalla mazza. 373 Patridge (2002): pag: 31 Alcuni esempi provengono dalla tomba di Tutankhamon e nella tomba di Mahu, dove sono presenti dei modellini di soldati armati anche con il bastone. 375 Ad esempio la scena presente su un muro della tomba 100 di Hierakompolis 376 McDermott (2004): pag: 175 377 Darnell and Manassa (2007): pag 75 374 74
  • 75. A 2) Mazza: Funzione Arma da combattimento corpo a corpo. Arma d’attacco ma possibile Materiale Impugnatura in legno. Misure Tra i trenta e i quaranta centimetri Descrizione La peculiarità della mazza è senz’altro la sua estremità in pietra, legata ad utilizzo in difesa. Estremità in pietra: diorite o granito; o in argilla. un manico dritto mediante lacci o strisce di cuoio. La forma della testa di mazza è variabile e Utilizzo Movimento oscillatorio dall’alto verso il basso per provocare fratture o Tipologia Teste di mazza: “rotonde”, “discoidali con sporgenze affilate” o “discoidale Epoca Predinastico, Antico Regno, tracce iconografiche nel Medio e Nuovo Bibliografia Robert Patridge, Fighting Pharaohs, Weapons and warfare in Ancient profondi traumi al bersaglio. con estremità appuntite” Regno Egypt, Mancester, 2002 John Coleman Darnell and Colleen Manassa, Tutankhamun's Armies: Battle and Conquest in Ancient Egypt's Late Eighteenth Dynasty, New Jersey, 2007 Bridge McDermott, Warfare in ancient Egypt, Sparkford, 2004 Von Wolfgang Helck, Lexikon der Aegyptologie, Wiesbaden : Harrassowitz, 1975 75
  • 76. Commento: La mazza, cioè un bastone di legno, lungo tra i trenta e i quaranta centimetri, con una “testa” in pietra incastrata, mediante un foro, o legata, attraverso strisce di cuoio, ad una delle due estremità378, è utilizzata per il combattimento ravvicinato. L’uso di quest’arma è largamente attestato nel predinastico379 e l’estremità in pietra serviva per aumentare la potenza del colpo inferto. L’arma veniva usata, probabilmente, oscillando il bastone e colpendo il bersaglio dall’alto in basso, ottimizzando la forza dell’arma grazie al carico sbilanciato della sua estremità più pesante. La pietra incastrata, in argilla cotta380, diorite o granito381, poteva avere diverse forme a seconda del risultato che si voleva ottenere in combattimento. Una forma rotonda (Fig. 18), ad esempio, aumentava il potere di impatto dell’arma, provocando pesanti traumi Fig. 18: Testa di mazza del Re scorpione. Una discoidale, sporgenze (Fig. interni382. forma con 19), potevano provocare tagli più o meno profondi sull’avversario. In tal senso è lecito pensare che probabilmente questa arma possa essere l’antenato più vicino dell’ascia, arma molto diffusa in Egitto. 378 Patridge (2002) pag: 32 Darnell and Manassa (2007): pag 74 380 McDermott (2004): pag: 36 381 Patridge (2002) pag: 33 382 Come fratture di ossa o frantumazione del cranio 379 76
  • 77. Fig. 19: Testa di mazza con sporgenze. L’ultima forma largamente diffusa risulta essere la testa con delle estremità appuntite383, in modo da aggiungere anche potere penetrante all’arma. L’uso di quest’arma diviene ben presto obsoleto nel corso della storia, resterà tuttavia un elemento fondamentale nella simbologia di rappresentazione regale dell’Antico Egitto384. Divenne ben presto un simbolo anche nel periodo predinastico e non è un caso che siano numerosi i ritrovamenti di teste di mazza, con una superficie decorata con immagini votive, probabilmente per uso cerimoniale385. Esistono, inoltre, alcune rappresentazioni del Nuovo Regno che ci mostrano le classiche forme della mazza, ma con una lama incastrata nella testa in pietra386, forse una fusione tra quest’arma e l’ascia o un evoluzione concettuale della testa 383 Patridge (2002) pag: 33 Sono numerose le rappresentazioni araldiche del faraone, afferenti anche a periodi più recenti della storia Egiziana Antica, intento a colpire i nemici, brandendo una testa di mazza dalla forma arrotondata. 385 McDermott (2004): pag: 81 386 McDermott (2004): pag: 179 384 77
  • 78. di mazza usata, probabilmente, per penetrare le armature sempre più diffuse in quel periodo387. Queste rappresentazioni sono abbastanza tarde per trovare un nesso temporale tra la mazza e l’ascia, tuttavia le basi concettuali delle due armi sono molto simili: entrambe presentano, cioè, uno squilibrio ad una delle due estremità e questo veniva utilizzato per provocare un danno maggiore all’avversario, con un movimento identico per entrambe le armi. È lecito pensare che il passaggio da una pietra ovale o rotonda ad una tagliente, prima, e ad una vera e propria lama, poi, sia stato concettualmente possibile. Un’obiezione legittima a questa ipotesi però si potrebbe fare se osservassimo il largo utilizzo nel mondo antico dell’ascia, presente in molte culture precedenti, coeve e successive all’Egitto. Tuttavia questo non esclude la possibilità di una corrispondenza concettuale tra i due oggetti, che mantengono caratteristiche simili soprattutto dal punto di vista morfologico. 387 Darnell and Manassa (2007): pag 74 78
  • 79. A 3) Ascia: Funzione Arma da combattimento corpo a corpo. Arma in dotazione fissa alla Materiale Impugnatura in legno fanteria. Utilizzo in diversi settori: militare, civile e religioso. Lama in: bronzo, rame, pietra e ferro. Per le asce cerimoniali e le decorazioni era usato l’argento. Misure Variabili e non classificabili. Descrizione L’arma è composta da un manico e una lama posta su una delle due Caratteristica comune: grande leggerezza dell’arma. estremità. Il manico, di lunghezza variabile, spesso si presentava ricurvo, per permettere una migliore impugnatura, propedeutica ad un utilizzo ottimale in battaglia. La lama nel corso di tutta la storia egizia assume forme diversificate a seconda dello scopo e del metodo di utilizzo. È probabile che le varie tipologie, qualora coeve, venissero attribuite a reparti militari differenti. L’aggancio della lama al manico avveniva attraverso dei codoli forati o delle alette, fissate o con chiodi di metallo o bande di cuoio bagnato, successivamente essiccato. L’uso del cuoio permetteva non solo una migliore aderenza al manico ma evitava che il legno potesse spaccarsi e, contestualmente, agevolare eventuali riparazioni o sostituzione dei pezzi necessari all’utilizzo dell’arma. Spesso i manici, soprattutto per le armi di cerimonia, vengono decorati con cartigli e marchi di identificazione. Utilizzo La forma particolare ed ergonomica del manico permetteva al soldato di utilizzare l’arma con semplicità, sfruttando un movimento oscillatorio per una migliore impugnatura ed efficacia nel combattimento. Soprattutto durante l’Antico e il Medio Regno, il soldato, sfruttando la pesantezza dell’arma, poteva utilizzare l’ascia come una pesante mazza, fornita di un’estremità tagliente. Tipologia Esistono diverse varietà di lama. Nell’Antico Regno: “rettangolare”, “arrotondata”, “con alette”. Nel Medio Regno: “lama dritta con alette”, “lama a mezzaluna”, “lama a 79
  • 80. smerlo”, “lama ad accetta”, “lama convessa” Nel Nuovo Regno non sono presenti nuove e differenti forme da quelle precedenti, ma quelle utilizzate presentano delle caratteristiche innovative, come una maggiore lunghezza e simmetria, frutto di secoli di esperienza nel campo bellico, finalizzati ad una migliore resa in combattimento. Epoca Predinastico, Antico, Medio e Nuovo Regno. Bibliografia Bridge McDermott, Warfare in ancient Egypt, Sparkford, 2004 Robert B. Partidge, Fighting Pharaohs - Manchester 2002 Laura Donatelli, Strumenti di misura, utensili e armi – in Civiltà Degli Egizi, La vita quotidiana – Torino 1987 John Coleman Darnell and Colleen Manassa, Tutankhamun's Armies: Battle and Conquest in Ancient Egypt's Late Eighteenth Dynasty, New Jersey, 2007 Flinders Petrie, Weapon and Tools, London, 1917 W. V. Davies, Catalogue of Egyptian antiquities in the British Museum, Tools and Weapons, British Museum, 1968 Von Wolfgang Helck, Lexikon der Aegyptologie, Wiesbaden : Harrassowitz, 1975 80
  • 81. Commento: Nella storia dell’umanità, l’ascia oltre ad essere un’arma bianca a corto raggio per il combattimento corpo a corpo, poteva essere anche utilizzata per lavori quotidiani388 o per ragioni votive389. Non è chiaro, quindi, quale sia il motivo principale che abbia spinto l’uomo ad elaborare un oggetto del genere, anche se personalmente considero più plausibile la richiesta di un’arma efficiente per l’offesa, piuttosto che un oggetto utile per la vita quotidiana390. Quest’arma, comunque, risulta essere ampiamente utilizzata nell’esercito egiziano, tanto da poterla considerare come parte essenziale dell’equipaggiamento base delle fanteria391. Il trasporto dell’arma avveniva allacciandola o infilandola nel gonnellino dei soldati, anche se nel Nuovo Regno si diffonde la pratica di legarla alla spalla392. Prima di procedere alla descrizione dell’arma è però doveroso fare un distinguo, tra “ascia”, “accetta” e “scure”. L’accetta, in antichità come nei tempi moderni, ha una lama che corre parallela al manico393 e la sua funzione è legata strettamente all’uso quotidiano394. L’ascia invece presenta una variegata tipologia di lame ed era, soprattutto nell’antichità, usata prettamente per scopi bellici. La scure, invece, è un’ascia con un manico lungo, utilizzata con due mani per una migliore resa. La scure, soprattutto nel mondo Egiziano, sarà utilizzata Medio Regno, ma avrà una maggiore diffusione e rappresentazione dal punto di vista artistico nel Nuovo Regno395. 388 Patridge (2002) pag: 47 McDermott (2004): pag: 33 390 Questa mia convinzione è dettata dall’osservazione delle più moderne invenzioni in ambito scientifico: il radar, il nucleare, la radio etc. etc. Tutte queste invenzioni, e tante altre, nascono da un esigenza di avanzamento bellico per poi avere un adattamento nella vita quotidiana. Basti pensare alla tecnologia cordless, o al “touch screen” della nuova generazione di cellulari, largamente utilizzate in ambito bellico già diversi anni prima della diffusione per uso quotidiano. 391 Darnell and Manassa (2007): pag 75 392 McDermott (2004): pag 162 393 Petrie (1917): 5 394 Per uso quotidiano si intendono tutte quelle attività per uso domestico e giornaliero come ad esempio abbattere alberi o tagliare legna. 395 McDermott (2004): pag 162 389 81
  • 82. La struttura dell’ascia resterà grossomodo invariata nel corso del tempo dalla preistoria fino a periodo tardo: un bastone di legno con una lama fissata sul bordo dell’asta, attraverso corde o leganti e fori appositamente ricavati sulla lama396. Ovviamente, così come per molte armi egiziane, anche l’ascia avrà una sua evoluzione temporale, causata dall’avanzamento tecnologico. Le variazioni riguarderanno essenzialmente la lama, attraverso diverse forme e materiali di utilizzo. Per quanto riguarda l’Antico Regno e la fase predinastica, sono stati trovati numerosi esempi di asce in rame397 indurito con piccole quantità di arsenico, stagno o bismuto398, ma senza una caratterizzazione che potesse creare una differenza netta tra asce per uso domestico e asce utilizzate con scopo militare399. Grosso modo possiamo definire tre tipologie di ascia: • Rettangolare: cioè una lama con i lati400 piatti e paralleli e il taglio convesso401. • Arrotondata402: (Fig. cioè con una 21) lama parallela al manico e taglio semicircolare. forma dall’inizio si Questa diffonde della prima dinastia403. • Con alette (Fig. 20): una lama di forma varia404 con 396 397 Patridge (2002) pag: 47 Petrie (1917): pag 5 398 Secondo i dati di Petrie questa commistione di elementi avveniva anche nell’Antico Regno, ma si svilupperà fortemente nel Medio Regno, dando inizio all’uso diffuso del bronzo, che è appunto una lega tra stagno e rame. 399 McDermott (2004): pag: 34 Per lati si intende i bordi superiore e inferiore rispetto al taglio. 401 Petrie (1917): pag 5 402 Donatelli (1987): pag 186 Fig. 20: Lama rettangolare con alette 403 Petrie (1917): pag 6 400 404 Ma la maggior parte di queste forme presentavano i lati arrotondati. 82
  • 83. delle sporgenze ad aggetto che favorivano l’aggancio tra manico e lama, attraverso l’uso di elementi leganti come strisce di cuoio o materiale vegetale405. Questo tipo di lama si svilupperà molto nel Medio Regno. Fig. 21: Ascia con lama arrotondata. Queste due forme erano definite essenzialmente dalla forgiatura e dal modo di martellare durante la lavorazione della lama406. Dal Medio Regno la lama continua ad essere lavorata con il rame, ma viene introdotto anche il bronzo, la pietra407 o il ferro408 e presenta diverse forme peculiari409: • Lama dritta con alette: una lama sottile e a tutto tondo con alette o sporgenze sul dorso. Nella gran parte degli esemplari, sulle alette sono presenti tre fori per l’impugnatura. Questa forma deriva da quella usata durante l’Antico Regno, ma invece di avere i lati arrotondati, li presenta dritti. • Lama a mezzaluna (Fig. 22): la forma, a primo sguardo, risulta essere simile alla prima categoria ma presenta delle alette ricurve e una lama segmentata leggermente di forma ricurva, Fig. 22: Lama a mezzaluna assomigliando, appunto, ad 405 Petrie (1917): pag 6 Petrie (1917): pag 5 407 McDermott (2004): pag: 74 408 Le asce in ferro sono però molto rare e molto tarde. Basti pensare che il primo esempio rinvenuto risale ad una tomba della ventesima dinastia. 409 I nomi delle categorie sono una rielaborazione personale. 406 83
  • 84. una luna crescente. Quest’arma diventerà l’arma tradizionale per le battaglie del Medio Regno • Lama a smerlo: Fig. 23 ha una forma molto simile alla lama a mezzaluna, ma presenta il taglio lungo e sottile e un dorso con tre codoli sporgenti410 che si agganciavano su un sostegno o di metallo o di legno del manico, dando visivamente la sensazione di uno “smerlo” ornamentale411. Questa forma si evolverà in un pezzo unico di metallo tagliente, attaccato direttamente al manico, senza codoli a 412 pettine Fig. 23: Lama a smerlo . Le tre categorie sopra citate presentavano una caratteristica comune: tra lama e manico, grazie ai tre punti di aggancio, si venivano a creare due spazi vuoti. È probabile che questa forma fosse ottimizzata dall’utilizzo dell’arma. Gli spazi vuoti, infatti, sarebbero potuti servire come vuoto di impugnatura durante il combattimento, forse per rendere più potente il colpo o per agevolare l’estrazione dall’bersaglio, una volta colpito413. • Lama ad accetta: una barra affilata con taglio simmetrico o asimmetrico. • Lama convessa (Fig. 24): il taglio, sul lato corto, era convesso e i lati lunghi concavi.414 La guancia della lama415 era rialzata per renderla più resistente.416 La lama non presenta buchi di attaccatura e quindi il bastone veniva fissato attraverso diversi giri di strisce di cuoio intorno all’asta e a due alette che sporgevano dal dorso della lama. L’attaccatura veniva resa solida grazie a un processo di essiccazione del cuoio, precedentemente 410 Come se fossero dei denti di un pettine e per questa ragione viene definita “lama a pettine” Petrie (1917): pag 10 412 Patridge (2002) pag: 49 413 Ipotesi personale. 414 Patridge (2002) pag: 47 415 Cioè la parte laterale della lama, solitamente piatta. 416 McDermott (2004): pag: 74 411 84
  • 85. bagnato, dopo averlo avvolto e stretto intorno al bastone e alla lama. Questo permetteva anche una veloce e facile sostituzione in caso di danneggiamento della lama o del manico.417 Fig. 24: Lama convessa del Nuovo Regno Tutte queste varietà sono originarie dell’Egitto, tranne forse la lama con codoli che, data la somiglianza con l’ascia ad ipsilon asiatica potrebbe essere importata418. Un interessante studio condotto da Vivian Davies419 ci dimostra come la percentuale di stagno nel bronzo fosse più alta nelle lame destinate ad uso bellico, rendendole più leggere rispetto a quelle ad uso quotidiano. 417 Patridge (2002) pag: 47 McDermott (2004): pag: 74 419 Davies (1974). 418 85
  • 86. Un’altra tipologia di lama, contestualmente all’introduzione sporadica del ferro420, oltre il rame e il bronzo, si sviluppa nel Nuovo Regno: la lama a “smerlo”, come già accennato, si trasformò in un corpo unico, forgiato in stampi di pietra, mentre la lama era modellata a mano. Dalla diciottesima dinastia si diffuse una forma diversa con alette allungate e lame più sottili per riuscire a contrastare la diffusione, tra gli eserciti nemici, di armature sempre più resistenti. La forma di quest’ascia era più simile a quella classica: una lama rettangolare con lati leggermente concavi e il taglio convesso. La lama era fissata al manico attraverso un foro e un chiodo di bronzo che univa i due elementi. Il punto di aggancio, poi, era avvolto da cinghie di cuoio per evitare che il legno potesse spezzarsi421. La forma stessa della lama con un taglio molto più corto e compatto rispetto alle lame del Medio Regno, favoriva una penetrazione migliore, con ferite quindi più profonde, ma meno ampie422. Il manico varia leggermente nel corso del tempo ma fondamentalmente è possibile definire due categorie: dritto o ricurvo. Nel Medio Regno l’impugnatura veniva rivestita da bende di lino per garantirne una migliore aderenza423. Nel Nuovo Regno le impugnature delle asce assumono una forma peculiare: il bastone di legno è modellato in modo che ci sia un progressivo assottigliamento dall’estremità superiore424, mentre la mazza era più larga all’altezza della presa, anche per favorire una migliore impugnatura. L’estremità inferiore presenta un rigonfiamento tale da superare, talvolta, anche la circonferenza nel suo punto più largo. Il motivo di una tale foggia può essere spiegato per agevolare l’impugnatura ed evitare l’eventuale perdita dell’arma attraverso lo scivolamento. L’arma era utilizzata, come già detto, per il combattimento ravvicinato. E’ giusto ipotizzare che in momenti frenetici, che possono fisiologicamente esserci in un scontro corpo a corpo, sotto il sole, con temperature elevate, quali quelle dell’area Vicino Orientale, la sudorazione corporea delle mani potesse essere elevata a tal punto da bagnare letteralmente il legno, di cui era composta l’impugnatura, 420 Petrie (1917): pag 9 McDermott (2004): pag 162 422 McDermott (2004): pag 162 423 McDermott (2004): pag: 74 424 Cioè dove è presente la lama, legata tramite bande di cuoio e corde. 421 86
  • 87. rendendolo scivoloso. Un’impugnatura con una base larga, quantomeno limitava la possibilità di una perdita dell’arma per scivolamento: un piccolo ma fondamentale accorgimento dovuto probabilmente ad anni di esperienze sul campo militare. È anche possibile, inoltre, che alla base fosse legata una corda, annodata contemporaneamente al polso del soldato, in modo da recuperare facilmente l’arma in caso di caduta. Questo sembra essere coerente anche con il modo di utilizzo di quest’arma: affinché fosse efficiente, infatti, il soldato doveva usare l’ascia con un movimento oscillatorio e fendente, ma proprio per questo il soldato, mentre caricava il colpo, era costretto a scoprire il fianco, diventando vulnerabile ad un affondo nemico425. Per questa ragione, molto probabilmente, fu introdotto lo scudo come difesa per la fanteria, come dimostrano molte rappresentazioni soprattutto del Nuovo Regno. 425 Darnell and Manassa (2007): pag 75 87
  • 88. A 4) Bastone da lancio: Funzione E’ difficile identificare lo scopo militare del bastone da lancio. Nasce come arma di caccia, per catturare o uccidere gli uccelli. In battaglia è ipotizzabile il suo utilizzo finalizzato all’alleggerimento della carica nemica. Materiale Legno (sicomoro) Misure Lunghezza: variabile Avorio e Oro per le decorazioni. Larghezza: circa 5 centimetri Peso: variabile Descrizione L’arma è costituita da un legno ricurvo asimmetrico, la cui forma ricorda molto il boomerang, tuttavia non è provato che la funzione e l’utilizzo fosse lo stesso dell’arma australiana. Utilizzo Il bastone viene lanciato, sfruttando la rotazione per raggiungere distanze maggiori con tiri a parabola. E’ probabile che il bastone venisse lanciato durante la carica (fatta o subita) per alleggerire il numero di nemici da affrontare al momento dell’impatto. Tipologia Non definibile Epoca Medio e Nuovo Regno. Nell’Antico Regno è ipotizzabile il suo utilizzo, ma questo non è dimostrabile a causa dell’assenza di ritrovamenti materiali ed iconografici. Bibliografia Bridge McDermott, Warfare in ancient Egypt, Sparkford, 2004 Robert B. Partidge, Fighting Pharaohs - Manchester 2002 Laura Donatelli, Strumenti di misura, utensili e armi – in Civiltà Degli Egizi, La vita quotidiana – Torino 1987 W. M. Flinders Petrie, Tools and Weapon, London 1917 John Coleman Darnell and Colleen Manassa, Tutankhamun's Armies: Battle and Conquest in Ancient Egypt's Late Eighteenth Dynasty, New Jersey, 2007 Von Wolfgang Helck, Lexikon der Aegyptologie, Wiesbaden : Harrassowitz, 1975 88
  • 89. Commento: Nell’arsenale egiziano esiste un’arma particolare molto simile, per forma e morfologia, al boomerang australiano426. Il così detto bastone da lancio (Fig. 25), largo circa cinque centimetri427 e di lunghezza variabile, è un legno ricurvo biconvesso non simmetrico428, con talvolta una protuberanza ad una delle due estremità, usato soprattutto per la caccia429, come dimostrano diverse rappresentazioni430, tuttavia venne anche impiegato in campo militare431. La sua forma peculiare non bilanciata, a differenza del boomerang australiano432, non permetteva all’oggetto di tornare al tiratore, ma sfruttava comunque un lancio a rotazione per colpire uno o più bersagli433. Il difetto principale di quest’arma risiede nella la sua unicità: un soldato armato di solo bastone da lancio, una volta scagliato, restava completamente disarmato e, se il lancio non era stato preciso o decisivo, lo stesso bastone poteva essere usato dall’avversario. Per questa ragione tendo ad escludere che esistesse un ramo della fanteria egiziana armato solo con questo oggetto, ma che fosse un’arma di supporto a lancieri, ausiliari o fanteria semplice. Ipotizzando una carica frontale tra due schieramenti armati con scudi, spade, asce o lance, il bastone da lancio poteva fungere da elemento di alleggerimento. Il soldato, cioè, poco prima di scontrarsi con lo schieramento avverso, avrebbe potuto lanciare il bastone, colpendo il bersaglio più vicino in modo da ferirlo o ucciderlo, potendosi occupare così di un altro nemico. 426 Un arma simile viene utilizzata oggi da alcune popolazioni del Darfur. Arkell (1939): pag 252267 427 Petrie (1917): 36 428 Donatelli (1987): pag 175 429 Darnell and Manassa (2007): pag 75 430 Come ad esempio una scena di caccia presente nella tomba dello scriba Nebamun o in una delle rappresentazioni del tempio di Hatshepsut. 431 McDermott (2004): pag: 37 432 La curvatura del legno, non sempre centrale, creava uno spostamento del baricentro dell'oggetto a cui corrispondeva una mancanza di equilibrio tra le forze, imprimendo una rotazione completamente diversa rispetto a quella del boomerang. 433 Patridge (2002) pag: 37 89
  • 90. Di questi bastoni da lancio si sono conservati solo pochi esemplari, molti provenienti dalla tomba di Tutankhamon, e che sicuramente non erano stati usati in battaglia434, altri risalenti alla dodicesima dinastia435. Un esemplare ben conservato, risalente al periodo predinastico, ha una lunghezza di circa novanta centimetri ed un peso di trecentocinquanta grammi436. Fig. 25: Bastoni da lancio egiziani 434 Questi bastoni erano finemente intarsiati con ebano e avorio oppure dorati ed è improbabile che fossero stati usati in battaglia. 435 McDermott (2004): pag: 83 436 Donatelli (1987): pag 175 90
  • 91. A 5) Lancia: Funzione La lancia nasce come arma di caccia a breve e medio raggio d’azione, ma poi diventa arma ad uso militare con funzioni sia d’offesa che di difesa. Lo scopo principale dell’arma è quello di infilzare l’obbiettivo (sia fanteria che cavalleria avversaria), ma grazie alla lunghezza del manico, poteva essere usata anche come randello (offesa) o per tenere a distanza il nemico e parare i colpi (difesa). Materiale L’impugnatura era in legno. L’estremità appuntita era in selce, in legno oppure in metallo (rame, bronzo, ferro). Misure In media l’asta dell’arma è lunga tra il metro e mezzo e i due metri. Descrizione L’arma è costituita da una lunga doga di legno con un estremità appuntita costituita da una lama simile ad una foglia appuntita e dai bordi taglienti. Nell’Antico Regno la lama era forata in un punto e legata, presumibilmente con delle corde, all’asta dell’arma. Nel Medio Regno, le lame venivano forgiate con un codolo piatto inserito nell’impugnatura in legno e successivamente legati tra loro con corde o bende di cuoio. A partire dal Nuovo Regno era più usuale che le lame di metallo venissero forgiate con una presa, all’interno della quale veniva inserito il manico. Utilizzo Originariamente la lancia, usata durante la caccia, era destinata ad essere usata con la stessa funzione del giavellotto. Lanciando l’arma contro la preda, il cacciatore aveva modo di recuperarla e riutilizzarla. In una condizione di pericolo come il combattimento militare la lancia, una volta gettata, avrebbe lasciato il soldato privo di difese ed è quindi molto probabile che quest’arma, a differenza del giavellotto, non fosse lanciata, se non in rarissimi casi (ultima possibilità o sicurezza di andare a bersaglio). Tipologia Non è definibile una distinzione tipologica, se non per alcuni esempi di Epoca Predinastico, Antico, Medio e Nuovo Regno. lama a “coda di pesce”. 91
  • 92. Bibliografia Bridge McDermott, Warfare in ancient Egypt, Sparkford, 2004 Robert B. Partidge, Fighting Pharaohs - Manchester 2002 John Coleman Darnell and Colleen Manassa, Tutankhamun's Armies: Battle and Conquest in Ancient Egypt's Late Eighteenth Dynasty, New Jersey, 2007 Flinders Petrie, Weapon and Tools, London, 1917 Von Wolfgang Helck, Lexikon der Aegyptologie, Wiesbaden : Harrassowitz, 1975 92
  • 93. Commento: La lancia, generalmente, è una lunga asta di legno con un’estremità appuntita437. La sua comparsa può essere fatta risalire a settantamila anni fa438 ed è stata utilizzata dall’uomo fino ai giorni moderni439. Nel corso della sua evoluzione l’arma ha subito delle trasformazioni sostanziali, come l’aggiunta di elementi che ne aumentassero l’efficienza o come il materiale che ne componeva la punta affilata: in pietra440, prima, e in metallo poi. Le prime lame in rame presentavano un codolo infilato in una delle due estremità del bastone, in modo da favorire l’aggancio con l’asta in legno, generalmente lunga circa due metri441. Il codolo aumentava la presa ed evitava che il bastone, soggetto a continui stimoli, potesse spezzarsi442. Nel Medio Regno iniziò ad essere utilizzato il bronzo o anche il ferro443, come dimostrano alcune punte di lancia risalenti alla dodicesima dinastia444. Queste punte erano forgiate con una presa forata, nella quale era infilato il bastone445 (Fig. 26). Fig. 26: Punta di lancia con presa forata 437 Ritornando al concetto di bastone, un’altra evoluzione possibile di questi due elementi è proprio la lancia. L’arma veniva utilizzata in modo completamente diverso rispetto alla mazza, avendo un estremità appuntita adatta all’affondo, piuttosto che al colpo da impatto. 438 McDermott (2004): pag: 34 439 Le baionette, ad esempio, erano agganciate ai fucili nei secoli scorsi e ancora oggi, i marines americani, agganciano un coltello all’estremità del loro mitra, per usarlo come se fosse una lancia, soprattutto negli attacchi furtivi. 440 Patridge (2002): pag: 37 441 Patridge (2002): pag: 37 442 McDermott (2004): pag: 78 443 Gli egiziani utilizzavano prevalentemente il ferro meteoritico 444 McDermott (2004): pag: 80 445 Patridge (2002): pag: 37 93
  • 94. La lama si presentava principalmente larga come una foglia, con una punta acuminata. La larghezza della lama era chiaramente ricercata, in quanto una lama affusolata e stretta penetrava più a fondo446, ma era difficile da estrarre. Questo poteva mettere in difficoltà il lanciere che doveva, nello stesso tempo attaccare e difendersi durante il combattimento. Una lama più larga, invece, creava ferite meno profonde, ma più larghe e, contemporaneamente, favoriva l’estrazione veloce dell’arma dal corpo del bersaglio447. Un esempio in tal senso proviene dall’Antico Regno. È stata trovata infatti una lama chiamata dagli archeologi “a coda di pesce”448, con un corpo molto largo a ricalcare la forma, appunto, di una coda dell’animale marino. Secondo alcuni questa testa di lancia doveva avere solo una funzione cerimoniale, ma non è da escludere che fosse abitualmente utilizzata in battaglia. L’unico esempio proveniente dal periodo predinastico, è la lancia rinvenuta nella tomba di Hemaka449 e probabilmente era ad uso cerimoniale, avendo una lama d’avorio infilata in un’asta di legno e fissata con due chiodi di rame450. I soldati della fanteria egiziana sono spesso rappresentati armati di scudo e lancia, lasciandoci intendere che potesse esistere un reparto della fanteria composto da soli lancieri. L’uso della lancia era da intendere come un arma d’attacco, infatti era utilizzata per infilzare il nemico, più o meno in profondità, a seconda del tipo di lama adoperata, ma è possibile che la lancia fosse usata anche come un manganello. Questa personale ipotesi si basa essenzialmente sull’osservazione dell’uso delle armi in altri popoli, come in quello cinese, dove l’alabarda451 viene utilizzata non solo come arma da taglio, ma anche da impatto con evoluzioni particolari. Non ci sono prove per dimostrare questo, ma precedentemente abbiamo parlato della similitudine fisica con il bastone, arma, come visto, utilizzata nell’esercito egiziano. Non è da escludere, quindi, che la lancia potesse essere usata anche come un bastone con una punta acuminata. Questo è confermato dal fatto che la lancia veniva concepita anche come arma di difesa: la 446 Questo concetto lo ritroveremo nella descrizione delle varie tipologie delle punte di freccia Patridge (2002): pag: 39 448 McDermott (2004): pag: 34 449 Un alto ufficiale della prima dinastia. 450 McDermott (2004): pag: 35 451 Un’arma inastata come la lancia 447 94
  • 95. sua lunghezza infatti permetteva al soldato di tenere a distanza il nemico, soprattutto se l’avversario era equipaggiato con armi a corto raggio, evitando così di essere colpito direttamente. Per questa sua caratteristica, nel corso della storia militare dell’uomo, e non solo quella egiziana, la lancia sarà utilizzata per indebolire o sconfiggere la cavalleria nemica. La lunghezza delle aste, infatti, permetteva ai fanti di disarcionare i cavalieri, o ferire i cavalli in corsa, provocandone la caduta o la morte. 95
  • 96. A 6) Giavellotto: Funzione Arma a corto - medio - lungo raggio. Materiale Impugnatura: legno Misure Lunghezza dell’asta: variabile. Descrizione Lunga asta di legno alla cui estremità era fissata una lama a doppio taglio Lama: legno, bronzo o ferro. con punta metallica, affusolata o a doppio filo, con un impugnatura in legno o metallo che bilanciasse il peso per il lancio. Probabilmente il giavellotto nasce da una variazione del progetto iniziale della lancia, ma si differenzia da quest’ultima in diversi aspetti. Utilizzo In battaglia il giavellotto veniva lanciato con forza verso il nemico, la sua gittata era inferiore di molto alle frecce dell’arco, ma poteva alleggerire il numero degli avversari con ferite mortali o meno, ma poteva essere usato anche per il corpo a corpo. Tipologia Lama: metallo o legno. Epoca Medio e Nuovo Regno Bibliografia Laura Donatelli, Strumenti di misura, utensili e armi – in Civiltà Degli Egizi, La vita quotidiana – Torino 1987 Bridge McDermott, Warfare in ancient Egypt, Sparkford, 2004 Von Wolfgang Helck, Lexikon der Aegyptologie, Wiesbaden : Harrassowitz, 1975 96
  • 97. Commento: Il giavellotto è una lancia modificata con una leggera asta in legno, molto più corta rispetto alla lancia, ed un’estremità in legno rastremata, sulla quale era inserita una lunga lama in metallo a doppio filo452. Spesso per bilanciare il peso della lama era inserito un manico in legno o metallo all’altezza dell’altra estremità, in modo da favorire sia l’impugnatura che il bilanciamento dell’arma453. Il suo utilizzo è completamente diverso da quello della lancia. Se infatti quest’ultima veniva impiegata come arma di difesa e d’attacco, saldamente stretta tra le mani del soldato, il giavellotto veniva lanciato per colpire il nemico a distanza, sfruttando l’estremità appuntita. Tuttavia è possibile che il giavellotto, qualora la situazione lo richiedesse, potesse essere usato come una lancia corta, infilzando l’avversario. Il problema sostanziale però è rappresentato dalla sua forma: abbiamo visto come la lancia presentasse una testa appuntita larga, in modo da provocare ferite ampie e poco profonde, favorendo l’estrazione della lama dal corpo. Il giavellotto invece aveva una lama lunga che penetrava a fondo nel corpo dell’avversario, complicandone l’estrazione. Probabilmente, quindi, il giavellotto era usato in questo modo solo in casi rari e strettamente necessari. Ogni soldato era munito di più giavellotti, trasportati in apposite faretre454, in modo da poter garantire un lancio costante ed evitare che restasse disarmato. Troviamo sacche per giavellotti sui carri da guerra egiziani e sarà, infatti, proprio nel Nuovo Regno, che il giavellotto troverà la sua diffusione. I carri, potendo portare con se un gran quantitativo di munizioni, erano equipaggiati non solo con molte frecce, ma anche con molti giavellotti455. 452 Donatelli (1987): pag 186 McDermott (2004): pag: 80 454 McDermott (2004): pag: 80 455 McDermott (2004): pag: 130 453 97
  • 98. A 7) Armi da taglio: Funzione Arma da combattimento corpo a corpo, accoltellamento e/o taglio. Materiale Lama in selce, rame, bronzo e ferro (raro) Misure Variabili in base alla tipologia. Manico in legno o avorio Kepesh normale: lama lunga non oltre i quaranta centimetri. Kepesh grande: lama lunga circa di sessanta centimetri. Descrizione L’arma da taglio, di qualsiasi tipo essa sia, presenta un manico in di solito in legno o a volte in avorio, con una lama a doppio o a singolo taglio. Il manico, soprattutto nel Nuovo Regno presentava un pomello finale per bilanciare il peso dell’arma e renderla più maneggevole. La spada risulta essere, in certi versi, un prodotto derivante dal progressivo allungamento della lama dei pugnali e presenta tutte le simili caratteristiche. Nell’arsenale egiziano è poi presente una spada-sciabola chiamata Kepesh, la cui forma peculiare ricorda la forma di una zampa felina: la lama ha il Forte retto e il Debole arcuato e il Medio triangolare. Utilizzo Le armi da taglio a seconda della tipologia poteva essere usata per Tipologia Pugnale, Spada corta, Spada lunga a doppio taglio, Kepesh e Kepesh Epoca Predinastico e Antico Regno per i coltelli, Medio Regno per le spade corte Bibliografia Bridge McDermott, Warfare in ancient Egypt – Sparkford ??? 2004 pugnalare, tagliare, fratturare o recidere i bersagli. Grande. e Nuovo Regno per il Kepesh Robert B. Partidge, Fighting Pharaohs - Manchester 2002 W. M. Flinders Petrie, Tools and Weapon, London Burton Richard Francis, The book of the sword, London, 1884 Von Wolfgang Helck, Lexikon der Aegyptologie, Wiesbaden : Harrassowitz, 1975 98
  • 99. Commento: I tutte le culture antiche, così come in quelle moderne, esistono oggetti utilizzati per tagliare o per trafiggere. In Egitto, prima del Nuovo Regno, venivano utilizzati soprattutto coltelli o lame corte per il combattimento corpo a corpo. Il materiale utilizzato per la lama era prevalentemente la selce, il rame, il bronzo o, raramente, ferro456 con un manico in legno o avorio457, lavorata in modo da avere un doppio filo e utilizzati prevalentemente per accoltellare l’avversario. Esempi di questo tipo risalgono soprattutto al Predinastico458 e all’Antico Regno, per poi presentare una ovvia e prevedibile evoluzione con l’introduzione della metallurgia. Le prime lame in rame o bronzo avevano un doppio filo, come quelle in selce, per poi trasformarsi in coltelli con una sola linea di taglio, rendendo più resistente la lama459. (Fig. 27) Fig. 27: Pugnale proveniente dalla tomba di Tutankhamon Nel Nuovo Regno, con la diffusione del metallo i coltelli avranno una lama più lunga e un pomello all’altra estremità, in modo da agevolare l’impugnatura, diventando così dei veri e propri pugnali. Quest’arma da taglio era maggiormente equilibrata, in quanto era composta completamente di metallo, dalla punta della lama affilata, fino all’estremità del pomello.460 Il Nuovo Regno però vide anche la diffusione di una tipologia di arma che in Egitto non era mai stata utilizzata se non in sporadici casi461: la spada. Probabilmente fu l’allungamento progressivo della lama dei pugnali a portare alla forgiatura di un arma con un filo sempre più pronunciato, tanto da non poter più essere classificato come pugnale, ma più come spadino o spada. Non è un caso, 456 Petrie (1917). Patridge (2002): pag: 49 458 E’ celebre il pugnale di Gebel el Arak, con un manico finemente decorato. 459 Patridge (2002): pag: 50 460 Patridge (2002): pag: 50 461 Petrie (1917). 457 99
  • 100. infatti, che queste spade presentassero caratteristiche simili a quelle dei pugnali prima citati: doppio taglio e manico pomellato e forgiato insieme alla lama462. Esistono casi di armi da taglio risalenti all’epoca preistorica con elaborati manici in avorio e lame corte463 costituite da sottili foglie di rame, rinvenuti in tombe e probabilmente utilizzate più con funzioni funerarie che militari464. La diffusione della Daga, in tal senso, avviene durante la dodicesima dinastia. A questo periodo fanno riferimento un gran numero di ritrovamenti di armi da taglio con manici pomellati a mezzaluna o discoidali465. Nelle dinastie successive, la lama viene allungata sensibilmente fino a diventare una vera e propria spada466. La forma più particolare467 che la spada assunse in Egitto, venne però introdotta dall’Asia, dopo la dominazione Hyksos468. Chiamata Khepesh dal termine egiziano che indicava la zampa di un felino, in quanto ne ricorda vagamente la forma ricurva, ben presto sostituì nelle immagini araldiche la testa di mazza, diventando simbolo di regalità. Questa spada presenta anche la sua versione ridotta, cioè un pugnale in ferro, con la stessa forma della lama, introdotto dal Mediterraneo tra la diciannovesima e ventesima dinastia469. La spada Khepesh, progettata per infilzare e lacerare, a differenza delle altre armi da taglio coeve, presentava il solo Filo Dritto470 tagliente ed un Dorso piatto. La lama ha una forma unica nel suo genere: il Forte471 è retto, cioè segue la direzione dell’asse centrale dell’arma, definita dall’impuntura. Il Debole472 ha una forma arcuata fino alla punta, mentre il Medio è triangolare e rappresenta la “rottura”, il punto cioè dove si interrompe l’andamento del Forte ed inizia quello del Debole. 462 McDermott (2004): pag: 166 Per questa ragione sarebbe più corretto considerare questo tipo di arma come “daga”, piuttosto che con il termine generico di “spada”. 464 La forma di questi oggetti lascia intendere un difficile utilizzo a causa della loro elaborata forma stilistica. Si presume, infatti, che le armi utilizzate in battaglia fossero quanto più scevre possibile da decorazioni e personalismi ornamentali. 465 Una daga con manico discoidale è attribuita al regno di Sesostri III 466 Petrie (1917) 467 Molto simile ad una scimitarra, piuttosto che una spada semplice. 468 McDermott (2004): pag: 164 469 Petrie (1917): 25 470 Per “filo” si intende la parte esterna della lama, di solito affilata. Il “filo dritto” è quel filo presente sulla stessa traiettoria delle nocche di chi impugna la spada. 471 Per “forte” si intende la parte della lama vicina all’impugnatura. 472 Per “debole” si intende la parte più lontana dalla lama, subito prima la punta 463 100
  • 101. La lama era generalmente in bronzo, ma sono stati trovati anche spade in ferro, anche se molto rare473, e si prolungava poi per formare il manico, con pomello a forma di materiale mezzaluna, ligneo rivestito per con agevolare l’impugnatura. La caratteristica di questa spada è la sua varietà nelle dimensioni. Sono state trovate, infatti, Khepesh di diverse grandezze, tanto da definire due tipologie: Khepesh normale e Grande Khepesh. La prima tipologia era usata in battaglia soprattutto per tagliare e infilzare, sfruttando un filo molto tagliente e affilato Fig. 28: Esempio di Kepesh con una lunghezza della lama che si aggira di media intorno ai quaranta centimetri474. Il Grande Khepesh, invece, di dimensioni maggiori rispetto al precedente475, era usato anche come arma da impatto, per creare fratture tra le armature e profondi traumi al bersaglio. La forma tra le due tipologie è simile, ma è possibile vedere come il Grande Khepesh abbia le estremità più pronunciate, rispetto ad una forma più “morbida” per il Khepesh normale. Nel Grande Khepesh le pieghe della lama, soprattutto sul Dorso e sul Fronte nel punto di “rottura” tra il Forte e il Debole, risultano essere appuntite e questo poteva essere sfruttato in combattimento per creare delle brecce nelle armature, come se fosse un’ascia appuntita. Osservando la morfologia della spada, infatti, il Medio risultava essere la parte più fragile della spada, in quanto in questo punto la lama cambiava direzione e forma. Tuttavia visivamente il Medio si presenta molto 473 McDermott (2004): pag: 167 Darnell and Manassa (2007): pag 77 475 La media si aggira intorno ai sessanta centimetri. 474 101
  • 102. robusto e largo rispetto al resto della lama476, proprio per garantire alla spada forza e resistenza tale da non spezzarsi facilmente. 476 Nel Medio è evidente un leggero ampliamento della lama poco prima che inizi la curva del Debole. 102
  • 103. A 8) Arco e freccia: Funzione Arma utilizzata sia per la caccia che per scopi militari. Arma tattica a distanza con lunga gittata. Un plotone di arcieri poteva scagliare frecce ad un ritmo costante in modo farle cadere sui loro avversari, bloccandone l'avanzata e proteggendo così la propria fanteria dagli attacchi della fanteria o cavalleria nemica. Inoltre infuocando la punta delle frecce, l'arco poteva avere efficacia contro città e navi nemiche. Arco Semplice Materiale Asta di acacia: legno poco flessibile e molto duro (poco adatto per l'utilizzo balistico per l'arco). Tamarisco (un solo caso rinvenuto). La lavorazione del legno avveniva tramite assottigliamento e rastramatura delle estremità (operazione condotta da piccole asce con lama a zappa), partendo dall'impugnatura, in modo che da aumentare al massimo l'elasticità dell'asta, che veniva infine rifinita e lisciata con pietra di arenaria e sabbia ed eventualmente dipinta. Il filo dell'arco era composto di filamenti attorcigliati d'intestino animale. Misure Altezza in centimetri: tra 68 - 197 (archi rinvenuti nella tomba di Tutankhamon, presenti anche esemplari utilizzati da bambini, probabilmente per insegnamento). Potenza: tra i 22 e i 27 kg (50 - 60 libbre). Gittata: 50-60 metri come tiro utile, 160-180 metri per tiro a parabola. Descrizione Gli archi rinvenuti risultano essere tutti ben equilibrati e simmetrici, elementi evidentemente fondamentali per un buon utilizzo. Sono presenti impugnatura al centro e due flettenti circolari all'estremità superiore e inferiore, ai quali veniva avvolta le estremità della corda, senza l'ausilio di tacche, ma con un collante nero (o resina o pece). La morfologia dell'arco a doppia curvatura presenta una corda corta, in modo che l'allungo risulti maggiore. Questo, sfruttando la forma curva dell'asta, permette alla forza impiegata per la trazione di scaricare il peso prima sui flettenti e poi al centro dell'arco, zona di maggiore rigidità e resistenza, con una gradualità costante, senza dover imprimere una forza maggiore nell'ultimo tratto, cosa invece obbligatoria negli archi comuni. La forma curva dell'asta 103
  • 104. opera la sua maggiore efficienza al momento del rilascio della corda: la parte superiore dei due flettenti rilascia l'energia immagazzinata, avendo così un'accelerazione costante che aumenta, poco prima che la freccia esca dall'arco, grazie alla parte inferiore dei flettenti che, essendo riflessa, imprime una maggiore spinta per una traiettoria più tesa e maggiore forza di penetrazione. L'arco comune invece produce un'accelerazione costante. Utilizzo La rigidità del legno di acacia provocava una veloce perdita di elasticità dell'asta e quindi una perdita di potenza e di gittata quando si usava frequentemente. L'arco è un arma che non necessitava di arcieri precisi nel tiro, in quanto veniva utilizzato in formazione serrata, sfruttando il numero di frecce lanciate, piuttosto che la precisione del lancio. Il bersaglio principale degli arcieri era la fanteria nemica che, se aveva i ranghi serrati, risultava essere un bersaglio molto facile. Tipologia Due tipologie: Arco dritto (o comune) e Arco a Doppia Curvatura con riflessione centrale. Come molte rappresentazioni ci mostrano, l'arco a doppia curvatura era originario della Nubia. Epoca Antico, Medio e Nuovo Regno Arco Composito Materiale L'arco è composto da una sottile asta di legno di Frassino unita con altri elementi, di solito sottili lamine di corno di Antilope Orice o di Bufalo sulla fronte (faccia interna rivolta all'arciere) dell'arco, mentre sul dorso (faccia esterna) erano posti strati di tendine animale sui flettenti. I tre materiali: legno, lamine di corno e tendini di animale; erano uniti tra loro, in pochissimo spazio, con una colla di origine animale e chiusi da una fasciatura di corteccia di Betulla o Ciliegio (1 solo caso al Museo di Brooklyn). La fasciatura all’interno risulta essere simile al sughero, mentre all’esterno è impermeabile. Il tirante dei due flettenti, come nel caso dell’Arco Semplice, era ricavato da quattro filamenti attorcigliati di budella di animale, anche se nella tomba di Tutankhamon è stata rinvenuta una corda di lino. Attraverso lo studio delle iscrizioni, è possibile sapere che molti archi venivano recuperati o dai doni di re stranieri o dai bottini di guerra con altri regni oppure composti con materiale di importazione e per questo alcuni presentano materiali non autoctoni. 104
  • 105. Misure Altezza in centimetri: tra i 64 e i 140 (un esemplare è lungo 34 centimetri, ma probabilmente era un giocattolo). Gittata: 80 metri come tiro utile, 200 metri per tiro a parabola. Descrizione L’arco composito prende il nome di “angolare” a causa della sua forma, con un angolo in media di 30°. L’arma presenta una caratteristica curvatura ad angolo proprio all’altezza dell’impugnatura rigida e quando viene armato, i flettenti (costituiti da un nucleo scanalato e stratificati da uno spesso strato di colla e trucioli di legno) si piegano seguendo l’andamento dell’impugnatura angolare, dando all’arco una forma triangolare. Il luogo d'origine di questo arco è asiatico, i primi ritrovamenti provengono dalla Siberia (III millennio). Trentanove esemplari di questo arco fino ad ora rinvenuti, alcuni dei quali in pessime condizioni. La differenza sostanziale dall'Arco Semplice è costituita dalla sua composizione materiale, attraverso la quale garantisce prestazioni migliori. Al momento del tiro, infatti, il corno presente sulla fronte dell'arco si comprime, mentre i tendini animali, presenti sulla faccia si tendono. Il rilascio della corda (agganciata alle estremità dell’arco attraverso alloggiamenti sagomati sui flettenti) comporta una repentina distensione del corno, per tornarne nella sua posizione originale e contemporaneamente i tendini tirano l'arco in avanti per tornare anch'essi nella loro posizione d'origine, ottenendo maggiore forza di chiusura e quindi conferendo maggiore velocità alla freccia. Un'altro vantaggio è nella trazione della corda, mentre l'Arco Semplice la trazione, soprattutto negli ultimi centimetri, richiedeva uno sforzo maggiore, con l'Arco Composito la trazione risulta essere lineare e più graduale. Alcuni archi, come quello di Tutankhamon e di Amenhotep II sono decorati con elementi tipicamente egiziani, come cartigli e geroglifici. Utilizzo L'arco composito, grazie alla sua composizione, garantiva maggiore efficienza ed efficacia. Le frecce venivano scoccate con maggiore velocità unitamente a dimensioni minori, risultando così più maneggevole da usare sul cavallo o sul carro. Il loro utilizzo in guerra era destinato soprattutto a ufficiali e cavalieri. L’arco risulta essere delicato e quindi soggetto più facilmente a logoramento, soprattutto se usato scorrettamente, al clima umido e alla 105
  • 106. prolungata esposizione al sole. Un problema largamente diffuso era il deterioramento interno causato da insetti, che divoravano sia il corno che i tendini. E’ probabile che l’arco venisse utilizzato anche in molte cerimonie religiose. Diversi, infatti, sono i ritrovamenti di archi rotti o depositati in luoghi di fondazione. Tipologia Arco composito normale e angolare. Epoca Introduzione: 1648 a.C. (Hyksos), diffusione nel Nuovo regno; a partire dalla XVIII Freccia Funzione La freccia è un arma da getto, utilizzata mediante l’arco. Materiale Stelo: canna da palustre (Phragmites communis, var. Isiacus) o legno Talvolta usati come amuleti e per cerimonie religiose. (Pino o Acacia). Punte di freccia: selce, osso, ebano, avorio, rame, bronzo, ferro e cristallo (molto raro e probabilmente ad uso solo cerimoniale). Il rame era il materiale ideale per le frecce perché era tanto resistente per penetrare carni e protezioni, ma abbastanza morbido da non riuscire a scalfire le ossa del bersaglio. Misure Lunghezza dell’asta: generalmente un metro, ma spesso anche tra i 500 e Descrizione Il fusto era ricavato da una canna, sfruttando non solo la forma longilinea gli 800 millimetri e rettilinea, ma anche la sua estrema leggerezza, mentre la punta di freccia vi era attaccata mediante un codolo inserito nella canna e mantenuta salda attraverso colla e fili di lino attorcigliate intorno. All’altra estremità dello stelo venivano posizionate dei pezzi di piuma d’uccello (di solito tre a stelo), per migliorare la stabilità e la traiettoria del volo. L’aggancio tra la punta e il fusto, a volte, veniva favorito da un piccolo pezzo di legno legato alla freccia tramite fili e mastice e inserito all’interno della stecca, fungendo da codolo per la punta. La scelta di costruire la freccia in questo modo era chiaramente ricercata e voluta: era infatti comune che il dardo al momento dell’impatto, potesse spezzarsi a causa del peso del fusto, vanificando l’effetto penetrante della freccia, che spesso si staccava dopo la collisione. Inserendo un codolo ligneo tra punta 106
  • 107. e fusto, anche se quest’ultimo si fosse staccato, la punta di freccia con il codolo ligneo penetravano a fondo, senza cadere dopo aver colpito il bersaglio. Nel Nuovo Regno le punte di freccia vengono costruite con codolo, spesso più lungo della punta, e inserito nel fusto, in modo da creare stabilità e compattezza. Molte punte di freccia venivano colorate, forse per distinguere quelle con diverse funzioni, comprese i dardi avvelenati. Era pratica diffusa usare anche il sangue mestruale per provocare infertilità al nemico. Utilizzo Punte di freccia spinate: con lo scopo di non penetrare a fondo nella carne del bersaglio, ma provocare maggiori danni al momento dell’estrazione dal corpo. Punte di freccia larghe: erano indicate per tagliare e lacerare la carne al momento dell’impatto, creando grosse ferite al bersaglio. Punte di freccia strette: penetravano più a fondo nella carne, provocando ferite più profonde, riuscendo anche a superare eventuali protezioni o armature. Punte uncinate: avevano il compito di attaccarsi alla carne, provocando lacerazioni al momento dell’estrazione. Tipologia Archi con punta di freccia spinate, larghe e strette. Epoca Antico, Medio e Nuovo Regno. Bibliografia Robert B. Partidge, Fighting Pharaohs - Manchester 2002 Bridge McDermott, Warfare in ancient Egypt, Sparkford, 2004 Laura Donatelli, Strumenti di misura, utensili e armi, in Civiltà degli Egizi. Vita quotidiana. Milano, 1987 Di donato, Archi e frecce: nell’antico Egitto, Milano 1984 Spalinger Anthony J., War in Ancient Egypt: The New Kingdom, Malden, 2005 Von Wolfgang Helck, Lexikon der Aegyptologie, Wiesbaden : Harrassowitz, 1975 107
  • 108. Commento: L’arco è un arma utilizzata principalmente per colpire nemici attraverso l’uso di frecce scagliate da lunga distanza. L’utilizzo dell’arco è attestato durante tutta la storia egiziana ed era considerato una forma d’arte nell’ambito bellico, mentre gli arcieri egiziani erano una classe elitaria e fondamentale per la tattica militare. Gli arcieri, infatti, venivano usati per diversi compiti, durante le battaglie. Insieme alla fanteria, un plotone di arcieri poteva scagliare frecce ad un ritmo costante sui nemici, in un raggio di cinquanta o sessanta metri477, rallentandone l'avanzata, proteggendo così la propria fanteria dagli attacchi corpo a corpo478, e alleggerendo il numero dei nemici479, in modo da ridurre il carico dell’impatto frontale tra i due schieramenti. Gli arcieri potevano avere anche una funzione di difesa, disposti sui parapetti delle fortezze per colpire a distanza i soldati assedianti oppure avere anche una funzione completamente opposta: colpire il nemico sul parapetto della fortezza assediata, sfruttando le lunghe gittate delle frecce scoccate480. L’arma in questione era formata generalmente da una doga a sezione ellissoide o circolare481, o da più elementi in legno curvati (Acacia482, Sicomoro, legno di Limone483, Tamarisco484 oppure l’osso, ma probabilmente questo materiale era usato solo per gli archi votivi485) con diverse forme486. La doga era più spessa al centro487, in modo da favorire l’impugnatura e, mantenendo una lunghezza variabile488, era rastremata e dentellata alle estremità, chiamate flettenti489. 477 McDermott (2004): pag: 64 Patridge (2002): pag: 40 479 Soprattutto se il plotone viaggiava a ranghi serrati 480 McDermott (2004): pag: 157 481 Donatelli (1987): pag 175 482 Patridge (2002): pag: 40 483 McDermott (2004): pag: 23 484 Di Donato (1984): pag 42 485 Patridge (2002): pag: 41 486 McDermott (2004): pag: 150 487 Donatelli (1987): pag 186 488 Non superiore ai due metri. 489 Chiamati così perchè sono l’elemento cardine dell’arco, in quanto “flettono” la doga di legno e imprimono il primo scatto per il lancio della freccia. 478 108
  • 109. La peculiare forma dei flettenti, maggiormente negli archi più recenti, favoriva il fissaggio della corda, fatta di interiora d’animale490, attraverso una serie di undici491 giri paralleli intorno al flettente492, larga massimo quattro centimetri sul flettente493 e fissata con un nodo finale. La corda è un elemento dell’arco che difficilmente ci è pervenuta intatta, ma uno dei primi ritrovamenti in tal senso è una corda da filamenti di intestino risalente al periodo Badariano494, ma questo materiale continuò ad essere utilizzato anche nelle epoche successive, come dimostrano alcuni frammenti, risalenti al Medio Regno, lunghi circa ventiquattro centimetri e spessi due millimetri495. Molto probabilmente l’arco, durante la marcia, veniva trasportato disarmato496 ed equipaggiato al momento, per preservare l’elasticità della corda497 e dell’asta. L’armamento avveniva poggiando uno dei due flettenti, già annodato alla corda, sul piede sinistro, mentre la gamba destra, poggiata sulla doga di legno, piegava l’arco. La corda veniva progressivamente stesa per sfruttarne a pieno la tensione, mentre il flettente superiore veniva abbassato per permettere di fare un altro nodo498; in tal senso è giusto ipotizzare che l’arciere avesse con se una scorta di corde di ricambio, in caso di rotture impreviste499. L’esercito egiziano nel corso della sua storia utilizza due tipologie di archi: l’arco semplice e l’arco composto (o composito). L’arco semplice, (Fig. 29) i cui primi rinvenimenti risalgono al Primo Periodo Intermedio500, è costituito, come già accennato, da una semplice 501 asta circolare di legno, dritta o a doppia curvata (Fig. 30) con Fig. 29: Arco di tipo semplice 490 Patridge (2002): pag: 40 McDermott (2004): pag:55 492 Donatelli (1987): pag 187 493 Di Donato (1984): pag 42 494 McDermott (2004): pag: 24 495 McDermott (2004): pag: 54 496 Cioè la corda era legata solo ad una delle due estremità. 497 Di Donato (1984): pag 89 498 Di Donato (1984): pag 90 499 McDermott (2004): pag:55 500 Di Donato (1984): pag 45 491 109
  • 110. 501 Oppure “base” 110
  • 111. riflessione centrale, che doveva presentare due fondamentali caratteristiche: essere resistente, ma allo stesso tempo flessibile502. Cronologicamente parlando, il primo tipo di arco ad essere stato inventato fu quello semplice “base”: un’asta, cioè, dritta e curvata da una corda legata alle due estremità. In seguito gli egiziani iniziarono ad usare l’arco a doppia curvatura che garantiva prestazioni migliori503. Il motivo di questo automatico avanzamento tecnologico può essere trovato nel tipo di legno utilizzato in Egitto. Come ho accennato, il legno per il corpo dell’arco doveva presentare resistenza e flessibilità, per prestarsi a continue sollecitazioni. Proprio a causa dei continui stimoli, il legno dopo un certo numero di lanci504 tendeva a perdere elasticità e quindi potenza e gittata. Tuttavia in Egitto, a differenza di altre zone in cui l’arco ebbe modo di svilupparsi, non sono presenti alberi che abbiano le caratteristiche richieste. L’unico tipo di legno che si presta meglio è l’Acacia, anche se risulta essere eccessivamente duro e poco elastico, e questo, probabilmente, spinse i primi arcieri a plasmare il legno, donandogli la forma a doppia curvatura. Questa forma è chiaramente ricercata mediante una lavorazione a caldo con acqua e attrezzi per la piegatura505, perché permette di utilizzare una corda più corta, rispetto a quella utilizzata per gli archi dritti, e di distribuire in modo più uniforme la pressione, causata dalla tensione della corda, su tutta la doga di legno, partendo dai flettenti fino ad arrivare all’impugnatura, la zona più rigida e resistente dell’arco. In questo modo il lancio della freccia risultava essere graduale e Fig. 30: Arco a doppia curvata 502 progressivo, donando maggiore energia alla freccia e quindi Di Donato (1984): pag 36 503 Di Donato (1984): pag 38 Il numero di lanci e la resistenza alla perdita di elasticità varia in base al legno utilizzato. 505 Donatelli (1987): pag 186 504 111
  • 112. maggiore gittata con minore sforzo. Questo era possibile grazie alla peculiare forma dei flettenti: al momento del lancio, infatti, l’elasticità della doga di legno spinge la forza accumulata sulla corda verso la parte superiore dei flettenti, i quali per tornare nella posizione iniziale di stasi506 imprimono un’accelerazione costante alla corda e quindi anche alla freccia. La sostanziale differenza con l’arco semplice, tuttavia, risiede nella riflessione della zona inferiore dei flettenti che, al momento dello scarico, imprimono una seconda accelerazione alla corda, dando origine ad un lancio più teso e potente. Un’altra fondamentale caratteristica dei flettenti riflessi è la capacità di ammortizzare gradualmente il ritorno alla posizione di stasi, prevenendo la perdita di elasticità dell’arma nel tempo.507 Gli archi rinvenuti dagli archeologi in Egitto presentano caratteristiche simili ancora oggi: molti sono in ottimo stato di conservazione, risultano essere maneggevoli, leggeri e simmetrici. La maggior parte provengono dalla tomba di Tutankhamon508 e la loro lunghezza varia tra i sessantotto509 ai centonovantasette centimetri510. Gli esemplari provenienti da altri contesti, però, mantengono delle dimensioni in linea con quelli rinvenuti nella tomba del faraone con una media ponderabile intorno ai centosessanta, centosettanta centimetri. Alcuni autori stimano, in base ad un raffronto etnografico, che la potenza del lancio potesse trasformarsi in una gittata utile di cinquanta, sessanta metri e una parabola massima di cento ottanta metri.511 L’arco composito, un’arma cioè ideata dalla fusione di più elementi e non da una sola doga di legno, viene introdotto nel Nuovo Regno, adottando la tecnologia Hyksos512 dopo il Secondo Periodo Intermedio, così come viene introdotto in questo periodo l’arco angolare: un arco, cioè, che presenta un angolo di trenta gradi tra i flettenti e la corda.513 506 Come succede nell’arco dritto Di Donato (1984): pag 38-40 508 Quattordici esemplari di arco semplice, tutti a doppia curvatura. 509 È lecito pensare che l’arco di sessantotto centimetri fosse utilizzato dal faraone durante la sua infanzia. 510 Di Donato (1984): pag 41 511 Di Donato (1984): pag 43 512 Spalinger (2005): pag 15 513 McDermott (2004): pag: 150 507 112
  • 113. L’arco angolare è una tipologia di arco composito molto peculiare, chiamato così perché assume una forma triangolare quando viene armato514. L’arco presenta questa forma grazie all’impugnatura, cioè la parte più rigida dell’asta, che risulta essere arcuata e quando viene armato, i flettenti si piegano fino a prolungare l’angolo ideale dell’impugnatura, aumentando di molto la loro riflessione. Le origini dell’arco composito sono da ricercare nella zona stepposa dell’Asia, un’area caratterizzata da una forte carenza del materiale ligneo adatto alla costruzione dell’arma e, per questa ragione, le popolazioni dovettero adattarsi con poche risorse a disposizione.515 L’arco composito, di cui sono stati rinvenuti circa trentanove esemplari516 in Egitto, aveva una lunghezza in media di circa un metro e mezzo e presentava dei flettenti sagomati e ricoperti di Fig. 31: Sezione arco composito. uno spesso strato di colla per agevolare il fissaggio della corda517, spessa tra i due e i quattro millimetri e composta di interiora d’animale518, annodata a cappio intorno al corpo ligneo. Il nucleo centrale (Fig. 31) dell’arco composito era una sottile asta di legno di frassino519 unita, attraverso un collante naturale, con tendini d’animale sul dorso520 e piastre sottili di osso di corna di Orice o di Bufalo521 sul fronte522. 514 Di Donato (1984): pag 62 Di Donato (1984): pag 49 516 Di cui ventinove provenienti dalla tomba di Tutankhamon ed uno, detto “Arco dell’Onore” era completamente ricoperto d’oro. Presumibilmente quest’arco era usato solo nelle cerimonie rituali. 517 McDermott (2004): pag: 150 518 Di Donato (1984): pag 63 519 Di Donato (1984): pag 58 520 La parte esterna dell’arco 521 Di Donato (1984): pag 57 522 La parte interna dell’arco, quella rivolta verso l’arciere. 515 113
  • 114. Questi tre elementi erano fasciati523 da una corteccia di Betulla Europea524 che contribuiva a rendere compatta e resistente l’arma.525 L’utilizzo di questi materiali non era certo casuale ed ogni elemento garantiva un surplus rispetto all’arco semplice: il corno, ad esempio, al momento della tensione della corda subiva una compressione, per poi decomprimersi rapidamente al momento del rilascio. Discorso inverso per i tendini, posti sul dorso dell’arco: al momento della trazione i tendini si allungavano, per poi restringersi velocemente, tornando alla loro posizione iniziale526. Questo doppio lavoro combinato imprimeva una maggiore spinta alla freccia, con minore sforzo per la trazione da parte dell’arciere, al pari di una migliore maneggevolezza e dimensioni ridotte527. La commistione di elementi però aveva un lato negativo non presente nell’arco semplice: l’erosione. Essendo incollati tra loro, e quindi non fusi esattamente tra loro, gli elementi tendevano a separarsi, soprattutto in seguito ad un elevato utilizzo dell’arma. L’usura, ma soprattutto il calore, l’umidità, il clima e gli insetti rovinavano l’arco fino a renderlo inutilizzabile. Non è un caso quindi che molti archi che sono sopravvissuti fino ai nostri giorni, sono stati rinvenuti fasciati da bende di lino e riposti in casse di legno per proteggerli da agenti esterni. Abbiamo visto prima come per la realizzazione di questo tipo d’arco fossero utilizzati materiali non egiziani, come ad esempio la Betulla e il Frassino. Per questa ragione si è molto dibattuto sulla possibilità che questi archi non fossero di origine Egiziana, ma importati o ottenuti dai bottini di guerra. È risaputo che molti faraoni, nel loro corredo, avessero fatto inserire armi ottenute in seguito a battaglie e quindi anche archi provenienti dalle popolazioni vicine.528 Ma l’ipotesi maggiormente diffusa tra gli studiosi è che i materiali alloctoni arrivassero in Egitto attraverso regolare tributo o acquisizione mercantile, come 523 Lo stato ottimale di conservazione di alcuni archi ha permesso addirittura di studiarne la sezione: legno, lamine di corno e tendini erano compattati e incollati in pochissimo spazio, con una chiara ed evidente maestria nella costruzione. 524 Di Donato (1984): pag 57 Di Donato (1984): pag 49 526 Di Donato (1984): pag 51 527 Dimensioni ridotte equivalgono ad un più facile utilizzo sul carro da guerra. 528 Sono stati rinvenuti ad esempio archi con dimensioni e fogge differenti tra loro, alcuni archi erano probabilmente Hittiti. 525 114
  • 115. avveniva per molti altri materiali529. Alcuni degli archi rinvenuti nelle tombe presentano delle decorazioni tipicamente egiziane530 e questo fa pensare ad una produzione locale. Quindi è probabile che i materiali fossero importati e gli artigiani egizi li lavorassero per ottenere l’arma531. Risulta accettabile la stima fatta che la gittata di questo arco potesse oscillare tra gli ottanta e i trecento metri anche se per garantire la massima efficienza e precisione, la distanza ideale era intorno ai centoventi metri532. Merita una menzione particolare l’arco di Amenhotep II, rinvenuto nel sarcofago insieme al faraone533. Quest’arma presenta la stessa riflessione dei flettenti dell’arco angolare, ma un impugnatura dritta e non arcuata. Probabilmente questo si trasformava in un maggiore allungo da parte della corda con un relativo aumento della potenza dell’arma. Fig. 32: Esempi di Archi Compositi Semplici e Angolari, provenienti dalla tomba di Tutankhamon 529 Liverani (1998) Di Donato (1984): pag 60 531 In tal senso esiste anche una rappresentazione proveniente dalla tomba del Gran Sacerdote Menkheperraseneb, durante il regno di Thutmose III. In questa raffigurazione si mostra una fabbrica di archi e frecce con una sequenza figurata della costruzione dell’arma. 532 Patridge (2002) pag: 44 533 Di Donato (1984): pag 54 530 115
  • 116. Basandosi sulle iscrizioni egiziane Amenhotep II possedeva un arco che solo lui era in grado di tendere534 e che le sue frecce riuscivano a perforare bersagli di rame spessi anche sette centimetri535. Non sappiamo se questa fosse realtà o un’esagerazione letteraria, tuttavia l’arco rinvenuto nella sua tomba mostra delle caratteristiche tali che confermerebbero, quanto meno, una qualità necessaria per il suo utilizzo: il faraone doveva essere molto forte per riuscire a tendere un arco di tale foggia. Per avere una visione totale dell’arco, però, non possiamo trascurare l’altro elemento cardine dell’arma: la freccia. Le frecce utilizzate erano costituite da una punta in pietra, osso, legno, cristallo (estremamente raro, solo in alcune tombe reali della prima dinastia)536 o metallo537 con codolo, inserito ad incastro538 in un fusto di canna539, il cui nome scientifico è Phragmites communis, var. Isiacus, molto simile al Bambù, per forma e leggerezza del corpo ligneo540, oppure in legno: Acacia, Ebano o Pino541. La diversità di materiale delle punte di freccia implicava non solo un avanzamento tecnologico dal punto di vista strutturale, ma anche una diversificazione ricercata in base alla funzione della freccia. Ad esempio il rame, utilizzato dal Medio Regno in poi, risultava abbastanza resistente per penetrare le carni e portare ferite gravi al nemico542, ben più efficiente della selce o del legno. Nel Nuovo Regno invece iniziò ad essere utilizzato anche il ferro come metallo per le punte di freccia, unitamente a fusti lunghi circa settanta centimetri, cavi all’interno, mentre il codolo delle punte di frecce era mediamente più lungo della testa, per evitare che la pressione dell’impatto potesse dividere il corpo della freccia543. 534 Topos letterario ricorrente nel mondo antico: ripreso anche nel mito di Ulisse. Di Donato (1984): pag 55 536 McDermott (2004): pag: 27 537 Donatelli (1987): pag 187 538 McDermott (2004): pag: 64 539 Materiale usato nella stragrande maggioranza dei casi. 540 Patridge (2002) pag: 41 541 McDermott (2004): pag: 26 542 McDermott (2004): pag: 67 543 McDermott (2004): pag: 157 535 116
  • 117. La forma delle punte di metallo, comprensiva di codolo, veniva ricavata attraverso il martellamento a freddo544 e fissata al fusto attraverso una corda di lino545. In Egitto si utilizzavano diverse forme di punte di freccia a seconda del bersaglio e del risultato che l’arciere voleva ottenere con il lancio: • Dentellata: in modo che la punta restasse impigliata nel bersaglio e provocasse più danni al momento della sua estrazione, che al momento dell’impatto. • Affusolate: per penetrare a fondo, superando le eventuali armature o protezioni • Ampie: per provocare ampie ferite da taglio alle vittime.546 • Uncinate: punta usata molto nel Medio Regno, presenta una curvatura all’estremità con lo scopo di impigliarsi nella carne del bersaglio, rendendone difficile l’estrazione547. • Avvelenate548: il veleno veniva utilizzato per mettere fuori combattimento gli avversari anche dopo la battaglia549, oppure veniva usato sangue mestruale per renderli impotenti550. • Incendiarie: le frecce potevano essere imbevute di una sostanza infiammabile ed essere usate per bruciare le navi oppure appiccare il fuoco in una città assediata551. La cocca, l’altra estremità dell’arco, talvolta, presentava tre piume d’uccello per rendere stabile il volo della freccia e aumentarne la gittata552. Ci è pervenuto un solo caso di conservazione del piumaggio ancora attaccato al corpo della freccia: 544 Donatelli (1987): pag 187 Patridge (2002) pag: 42 546 Patridge (2002) pag: 42 547 McDermott (2004): pag: 66 548 McDermott (2004): pag: 28 549 L’esistenza di punte avvelenate risulta essere, però, solo teorica. Conferme per quest’ipotesi provengono dal raffronto con le armi utilizzate dalle popolazioni indigene africane moderne. Le frecce avvelenate, in quest’ultimo caso, vengono dipinte per distinguerle da quelle normali. In Egitto sono state trovate diverse frecce pigmentate ed è probabile che le ragioni di questa colorazione fosse per creare un distinguo tra varie tipologie di frecce e per contare i nemici uccisi. È impossibile risalire al tipo di veleno utilizzato, ma sappiamo che in Egitto erano noti e facilmente recuperabili le secrezioni velenose di scorpioni e serpenti. 550 Patridge (2002) pag: 67 551 Patridge (2002) pag: 40 552 Patridge (2002) pag: 42 545 117
  • 118. la tomba di un arciere, risalente al Secondo Periodo Intermedio ad Hierakonpolis.553 Il trasporto di queste munizioni varia nel tempo. Esistono alcune rappresentazioni554, infatti, che ci dimostrano come nei periodi più arcaici ogni arciere trasportasse tre frecce nella mano che tendeva la corda555. L’uso della faretra è attestato già dall’epoca predinastica, come è evidenziato da alcune rappresentazioni trattate nel terzo capitolo di questa tesi. 553 Patridge (2002) pag: 42 Di Donato (1984): figura 34 555 Patridge (2002) pag: 45 554 118
  • 119. Armi di difesa: Prima di approfondire l’argomento delle tipologie distinguibili di armi da difesa, è bene dire l’Antico Egitto non è caratterizzato da una vera e propria diffusione del concetto protezione del corpo. Nei primi periodi della storia Egiziana non sono infatti presenti armature e vestiti che garantissero al soldato una possibile protezione, ma anzi il soldato era vestito con un semplice gonnellino di lino, in modo da non impedirne i suoi movimenti556. Con il passare del tempo, l’avanzamento tecnologico e il confronto con popolazioni straniere, armate con strumenti di offesa più efficienti, ci sarà una diffusione delle armature e delle protezioni corporee. L’unico oggetto di difesa accertato, utilizzato sin dall’Antico Regno, è lo scudo. A 9) Scudo: Funzione Protezione esterna, possibile utilizzo d’offesa. Materiale Legno, pelle, cuoio e talvolta metallo. Misure Variabile: tra il metro e il metro e mezzo d’altezza. Descrizione La forma varia in base al periodo di riferimento. Nell’Antico Regno è prevalentemente circolare, ma non mancano le forme rettangolari con estremità o arrotondata o a sesto acuto, come nel Medio Regno. Nel Nuovo Regno lo scudo diventa rettangolare. Utilizzo Sorretto da un solo braccio, lo scudo aveva il compito di proteggere il corpo di chi lo portava da armi a corto, medio, lungo e lunghissimo raggio, ma era una garanzia di difesa anche per i compagni nelle strette vicinanze. 556 Darnell and Manassa (2007): pag 81 119
  • 120. Tipologia Circolare, rettangolare (con estremità variabile) Epoca Antico, Medio e Nuovo Regno Bibliografia John Coleman Darnell and Colleen Manassa, Tutankhamun's Armies: Battle and Conquest in Ancient Egypt's Late Eighteenth Dynasty, New Jersey, 2007 Robert Patridge, Fighting Pharaohs, Weapons and warfare in Ancient Egypt, Mancester, 2002 Alan Buttery, Armies and Enemies of Ancient Egypt and Assyria, 1974 Bridge McDermott, Warfare in ancient Egypt, Sparkford, 2004 Von Wolfgang Helck, Lexikon der Aegyptologie, Wiesbaden : Harrassowitz, 1975 120
  • 121. Commento: Lo scudo ha la funzione principale di difendere l’utilizzatore dagli attacchi nemici, attacchi portati a segno sia da armi a corto-medio raggio557, sia per quelli a lungo o lunghissimo raggio558, ma poteva essere usato anche come arma di spinta al momento dell’impatto tra due schieramenti avversi559. La forma dello scudo varia da periodo a periodo, fino ad arrivare ad una diversificazione dinastica nel Nuovo Regno. La grandezza variava tra il metro e il metro e mezzo di altezza560, e permetteva al soldato una maggiore difesa, senza tuttavia perdere le caratteristiche fondamentali, come la leggerezza e la resistenza561. Se paragonati agli scudi usati nella più recente storia militare, quelli egiziani risultavano comunque più pesanti a causa del materiale usato: il legno. Quest’arma era usata prevalentemente dai lancieri, in quanto il loro armamento d’offesa prevedeva l’uso di una sola mano, lasciando libera l’altra. Lo scudo poteva formare così un muro compatto di difesa, che proteggesse anche gli arcieri, mentre scoccavano le loro frecce562. Fig. 33: Modellino di scudo rettangolare con angolo a sesto acuto. Nell’Antico Regno gli scudi rinvenuti erano di forma grossomodo circolare, con uno scheletro in legno, rivestito da una membrana di pelle animale563 e sorretta da una barra orizzontale nella parte 557 Armi da taglio o da impatto. Giavellotti o Frecce. 559 Darnell and Manassa (2007): pag 83 560 Patridge (2002) pag: 52 561 Lo scopo principale dello scudo è quello, appunto, di garantire al soldato la sopravvivenza il più a lungo possibile in uno scontro. Uno scudo oltremodo pesante poteva rallentare il soldato, ponendolo davanti ad un grave rischio, così come uno scudo poco resistente risultava inutilizzabile dopo pochi minuti di combattimento, a causa dei probabili impatti con le armi avversarie. 562 Patridge (2002)pag:53 563 Buttery (1974): pag 18 558 121
  • 122. posteriore dello scudo, forse con una cinghia di cuoio per il trasporto a spalla, come dimostrano molte rappresentazioni. Nel Medio Regno lo scudo aumenta di dimensioni e prende una forma rettangolare con estremità arrotondata o a sesto acuto (Fig. 33), rivestito sempre da pelle d’animale con decorazioni a bande sul bordo e al centro dello scudo, in modo da aumentarne la resistenza.564 Nel Medio Regno compare anche uno scudo alto più di un metro565, utilizzato dalla falange. Questo scudo copriva gran parte del corpo, garantendo una protezione quasi totale al soldato566. Nel Nuovo Regno lo scudo è multistrato e composto da tre pannelli di legno sovrapposti, dipinti o rivestiti di cuoio567. La sua forma varia da dinastia a dinastia, mantenendo però un profilo pressoché rettangolare con la parte superiore arrotondata e le insegne reali sulla superficie di impatto. Nella Diciannovesima dinastia è documentata anche l’aggiunta di più elementi metallici, come chiodi in bronzo sulla superficie dello scudo, sia migliorarne la resistenza, che per distinguere i vari reparti militari.568 Nel periodo amarniano, invece, è riscontrata la diffusione di uno scudo rotondo con un disco metallico al centro, forse per simboleggiare l’appartenenza al disco solare e al dio Aten569. Nella ventesima si aggiunge uno scudo con al centro un grande borchia di bronzo, assegnato probabilmente alle guardie reali. 564 Buttery (1974): pag 18 McDermott (2004): pag: 53 566 Buttery (1974): pag 18 567 McDermott (2004): pag: 146 568 Buttery (1974): pag 20 569 McDermott (2004): pag: 148 565 122
  • 123. A 10) Elmo: Funzione Protezione del cranio. Materiale Metallo generico, Bronzo Misure Variabili Descrizione Struttura circolare aperta destinata ad avvolgere il cranio e lasciare libero Utilizzo Arma di protezione, probabilmente nel corpo a corpo poteva essere il volto. Talvolta sono presenti delle placche che proteggessero le guance. utilizzato come arma d’offesa in caso di testata, sfruttando la durezza del metallo. Tipologia Differenze di forma in base al rango del soldato. Epoca Nuovo Regno. Bibliografia Bridge McDermott, Warfare in ancient Egypt, Sparkford, 2004 123
  • 124. Commento: Al Medio Regno non sono attribuiti reperti o rappresentazioni che ci dimostrano l’utilizzo di elmi, né in metallo, né in cuoio. Tuttavia è stato notato come molti soldati presentassero una capigliatura folta e forse questo serviva ad agevolare una protezione, seppur minima, del cranio570. I veri e propri elmi verranno introdotti nel Nuovo Regno, anche in bronzo per i ranghi superiori571. Si tratta di elmi aperti, destinati a proteggere solo ed unicamente il cranio e la nuca, lasciando il volto scoperto. Hanno quindi una forma rotondeggiante e probabilmente erano infilati sopra un copricapo di stoffa572. Dal 1300 A.C. i caschi verranno assegnati a tutti i reparti militari, sfruttati al meglio soprattutto negli assedi573, mentre con il regno di Ramses III verranno introdotti degli elementi di protezione per il viso, come placche di metallo per coprire guance e mascelle574. 570 McDermott (2004): pag: 52 McDermott (2004): pag: 138 572 McDermott (2004): pag: 138 573 McDermott (2004): pag: 142 574 McDermott (2004): pag: 142 571 124
  • 125. A 11) Protezioni del corpo: Funzione Protezione del corpo Materiale Cuoio o Metallo. Misure Variabile. Descrizione Nel Medio Regno sono presenti indumenti di cuoio spesso destinato a proteggere l’addome e parte del dorso dei soldati. Nel Nuovo Regno, per l’elite militare, soprattutto la carreria, viene introdotta la cotta di maglia con scaglie in bronzo. Utilizzo Vestiario di protezione, non sono ipotizzabili altri utilizzi. Tipologia Differenze di materiale in base al rango del soldato. Epoca Medio e Nuovo Regno. Bibliografia Bridge McDermott, Warfare in ancient Egypt, Sparkford, 2004 John Coleman Darnell and Colleen Manassa, Tutankhamun's Armies: Battle and Conquest in Ancient Egypt's Late Eighteenth Dynasty, New Jersey, 2007 125
  • 126. Commento: I soldati egiziani del Medio Regno nelle rappresentazioni sono spesso mostrati con protezioni a bande o vere e proprie corazze in cuoio. Questi vestiti avevano la funzione di agevolare la difesa del busto, rallentando o bloccando le frecce o i colpi da taglio delle armi nemiche575. Una difesa minima, certo, ma bisogna anche contestualizzare storicamente il periodo militare dell’Egitto. Durante il Medio Regno il paese attraversa una lunga fase di pace internazionale, interrotta da sporadiche campagne militari di espansione576. Questa situazione vide contrapporsi l’Egitto a popolazioni tecnologicamente non paragonabili alle grandi potenze asiatiche, che verranno in contatto con il paese africano nel Nuovo Regno. Quindi è possibile che lo sviluppo di protezioni in cuoio fosse coerente e in linea con il tipo di armi utilizzate dalle popolazioni nemiche, e che risultasse sufficiente alla difesa del corpo. Durante il Nuovo Regno la diffusione delle protezioni sarà maggiore e la qualità stessa degli indumenti protettivi aumenterà di efficienza. Assistiamo infatti alla nascita di protezioni che ricordano la “cotta di maglia” a scaglie. Questo indumento, talvolta in metallo577, era, così come per i primi caschi in bronzo, destinato all’elite militare e soprattutto per il faraone, proteggendo il corpo non solo dagli urti ma da tagli e pugnalate578. Queste armature potevano essere usate spesso dal corpo d’élite della carreria. Infatti quest’armatura riguardava solo la protezione del tronco, mentre non risultano ritrovamenti archeologici e rilievi che mostrino protezioni per le gambe. Montando sul carro, tuttavia, il soldato aveva le gambe protette dai pannelli del veicolo579, avendo una protezione corporea pressoché totale. 575 McDermott (2004): pag: 52 Nel Medio Regno non viene mai minacciata la stabilità interna dell’Egitto, ma è sempre l’Egitto ad intraprendere iniziative militari. 577 Darnell and Manassa (2007): pag 82 578 McDermott (2004): pag: 143 579 Darnell and Manassa (2007): pag 82 576 126
  • 127. Armi Tattiche: A 12) La Carreria: Funzione Trasporto di un numero variabile di soldati, da un minimo di due ad un Materiale Legno: l’Olmo, la Betulla o il Tamarindo ed elementi di cuoio per la Misure Ruota: 1 metro di diametro massimo di tre. realizzazione della pedana e dei pannelli protettivi. Pedana: larga 1 metro, profonda 0,5 metri Peso: 40 chili Descrizione Una biga bi-ruota con asse posizionata sul retro di una pedana a forma di D. Il carro presentava uno scheletro ligneo composto da un corrimano che copriva il corpo dei passeggeri fino al bacino, offrendo un sostengo ai carristi. Utilizzo Il veicolo rappresentava una buona pedana mobile dalla quale scoccare frecce verso lo schieramento politico, attraverso evoluzioni sul campo di battaglia. Tipologia Non è definibile una distinzione tipologica del carro. Epoca Nuovo Regno. Bibliografia Spalinger Anthony J., War in Ancient Egypt: The New Kingdom, Malden, Variabilità della ruota da quattro a otto raggi. 2005 John Coleman Darnell and Colleen Manassa, Tutankhamun's Armies: Battle and Conquest in Ancient Egypt's Late Eighteenth Dynasty, New Jersey, 2007 Bridge McDermott, Warfare in ancient Egypt, Sparkford, 2004 Robert Patridge, Fighting Pharaohs, Weapons and warfare in Ancient Egypt, Mancester, 2002 127
  • 128. Commento: Nell’ immaginario moderno quando si parla di esercito egiziano, una delle prime rappresentazioni a cui si pensa è quella del Faraone intento a scoccare le frecce su un carro trainato da cavalli. Questa associazione deriva senz’altro dalle tante raffigurazioni che i Faraoni, durante il Nuovo Regno, avevano fatto riprodurre nelle loro tombe e nei loro templi. E’ interessante notare come il cavallo non fosse un animale presente in Egitto prima del Nuovo Regno580 e quanto, con la sua introduzione, fosse radicalmente cambiato l’approccio militare adottato dal regno Nord Africano. Non sono attestati reparti di cavalleria pesante né in Egitto, né tra i popoli del Vicino Oriente Antico fino a quel periodo581, sebbene ci siano diverse rappresentazioni che dimostrano come questi animali già fossero utilizzati al galoppo582. Le motivazioni di questa assenza sono dovute essenzialmente a due fattori: una tecnologia non ancora ben sviluppata e soprattutto le dimensioni ridotte dei cavalli, la cui stazza giocava a sfavore di un reparto militare583 che, nei secoli avvenire, fondava la sua efficienza sulla capacità di impatto contro le truppe appiedate584. Mantenere e addestrare un cavallo richiedeva un dispendio economico elevato, risultando un animale ad appannaggio della classe nobile egiziana585, che andò poi a costituire quell’élite militare che componeva la carreria: un ramo dell’esercito egiziano che divenne fondamentale nel Nuovo Regno per le battaglie campali586. Per queste ragioni il carro assunse ben presto uno spiccato valore di regalità. Dal 580 Non possiamo sapere se prima del Nuovo Regno esistessero già degli esemplari equini in Egitto, ma senz’altro possiamo escludere la possibilità che il cavallo fosse un animale originario di quei territori. A dimostrazione di questo, è evidente l’assenza di una divinità nel Pantheon Egizio con sembianze equine sin dai tempi più antichi e quindi possiamo considerare la presenza di cavalli in Egitto come frutto di scambi commerciali o di doni tra sovrani. 581 Spalinger (2005): pag 10 582 La sellatura, sebbene minima, era senza staffe e costituita da un cuscino o una coperta e riguardava la parte posteriore del cavallo. Questo tipo di galoppo era poco efficiente per il controllo dell’animale in battaglia, ma più avvezzo ad un trasporto singolo e non per scopi bellici. Proprio per questa ragione, la cavalleria era essenzialmente leggera ed utilizzata per i reparti di esplorazione e per velocizzare il trasporto degli emissari e delle missive urgenti. 583 Spalinger (2005): pag 10 584 Dovremo aspettare l’epoca Neo Assira per assistere alla nascita dei primi reparti di Cavalleria Pesante, grazie ad un lungo processo di allevamento selettivo, che portò alla nascita di cavalli più robusti e resistenti. 585 Darnel and Manassa (2007): pag 62 586 La carreria, per contro, non veniva utilizzata negli assedi e ovviamente come supporto nelle battaglie navali. 128
  • 129. momento della sua introduzione nelle forze armate, infatti, divenne subito un elemento bellico rappresentativo di questa nuova élite militare che faceva capo direttamente al faraone, che utilizzava questo veicolo anche durante le sue battute di caccia, come dimostrano diverse rappresentazioni artistiche587. Il carro però non può essere classificato come vera e propria arma, ma più come un mezzo tattico: il veicolo, sfruttando la velocità di due cavalli e grazie ad evoluzioni circolari continue588 sul campo di battaglia ai lati dello schieramento nemico589, garantiva al tiratore scelto, protetto dallo scudo in dotazione all’auriga, la possibilità di colpire i nemici su una pedana mobile. Secondo Spalinger590 l’auriga e l’arciere erano la stessa persona, supportati da un portatore di scudo che proteggeva l’arciere, mentre scoccava le frecce e guidava il carro. Questo ipotizza che il carro, per poter essere efficiente, dovesse necessariamente fermarsi, in modo che l’auriga fosse in grado di scoccare frecce, diventando un bersaglio per arcieri e carri nemici. Bisogna pensare, infatti, che gli obbiettivi delle frecce non erano solo i passeggeri del carro, ma anche gli animali che lo trainavano. Se anche un solo cavallo veniva messo fuori combattimento, il carro risultava inutilizzabile591. Tendo ad escludere, quindi che per scoccare le frecce, bisognasse fermare il veicolo, diventando così un facile bersaglio per frecce e lance nemiche, ma ipotizzo che fosse l’auriga ad essere munito di scudo per proteggere il passeggero, mentre quest’ultimo era impegnato a scoccare frecce. Uno scudo di piccole dimensioni permetteva all’auriga di utilizzare un braccio per guidare il 587 Sono numerose le rappresentazioni in cui il Faraone caccia gli animali grazie all’uso del carro, sebbene il significato di queste scene risulterebbe essere ambivalente: non erano solo una dimostrazione di vita quotidiana, ma anche artifizio per dimostrare la potenza del Faraone e di come lui riuscisse a sconfiggere i suoi nemici: sia animali, che umani. 588 Darnel and Manassa (2007): pag 64 589 Per due ragioni specifiche è da escludere che i carri si frapponessero tra i due schieramenti appiedati, che di solito prima dello scontro si posizionavano l’uno davanti all’altro, seguendo una étiquette militare ben definita. La presenza di carri poteva rendere difficile una eventuale carica frontale della fanteria e, soprattutto, l’auriga e l’arciere sarebbero potuti essere vittime non solo delle frecce nemiche, ma anche del fuoco amico. Non bisogna dimenticare, infatti, che l’introduzione del carro non fece scomparire il reparto di arcieri che, anzi, con l’introduzione dell’Arco Composito, aveva aumentato la loro gittata ed efficienza, continuando ad essere un reparto fondamentale nell’esercito egiziano. 590 Spalinger (2005): pag 18 591 Un cavallo ferito o morto impediva l’avanzamento del carro. Anche se l’animale venisse successivamente staccato dal giogo, (questo comprendeva che uno dei due soldati dovesse scendere dalla pedana, slegare i cappi e risalire sul mezzo, operazione che poteva mettere ulteriormente in pericolo auriga, arciere e l’altro cavallo sopravvissuto), il carro risultava squilibrato verso un lato, diventando di difficile guida e sicuramente più lento. 129
  • 130. carro grazie alle redini, diminuendo la velocità del veicolo592, mentre con l’altro poteva offrire riparo a se stesso e all’arciere. Inoltre, come già visto, sia l’auriga che l’arciere erano coperti da armature e elementi difensivi corporei, quindi lo scudo poteva servire solo in casi di estrema necessità o per proteggere le zone scoperte dei due passeggeri. L’uso di una piattaforma mobile dalla quale scoccare frecce o proiettili a media o lunga distanza593, era fondamentale per alleggerire o rompere i ranghi della formazione avversa594, favorendo così la carica successiva della fanteria da impatto egiziana, continuando ad essere un bersaglio difficile, proprio perché in movimento. Inoltre la combinazione tra l’elevata mobilità e velocità del carro e le armi a media o lunga gittata595, permettevano alla carreria di essere efficiente, pur senza dover caricare le formazioni serrate dei lancieri, naturale contromisura della fanteria nei confronti della cavalleria. Un utilizzo secondario della carreria era quello di favorire lo spostamento delle truppe durante la marcia, ma è attestato anche l’utilizzo del “corridore”: una terza persona, armato di scudo e spada596, che, insieme all’auriga e al tiratore scelto, era sul carro, ed aveva il compito di correre e catturare i carri nemici i cui passeggeri erano stati colpiti o eliminati. In questo modo l’esercito egiziano si garantiva un costante approvvigionamento di cavalli e carri, aumentando il numero a loro disposizione597, senza dover ricorrere per forza a nuovi allevamenti e produzioni. Il veicolo era una biga in legno a due ruote e presentava una piattaforma semicircolare, come base per l’auriga e il passeggero, appoggiata su una singola asse per le ruote. Il peso complessivo del carro non superava i quaranta chili598, risultando molto leggero e maneggevole se trainato da due cavalli. La sostanziale differenza tra il carro egiziano e quello asiatico, con le varie tipologie che quest’ultimo comprendeva a seconda delle popolazioni e dei regni che lo usavano, era costituita 592 Un carro che viaggia a velocità sostenute è meno governabile di uno si muove più lentamente. Bisogna specificare che il carro favoriva il trasporto di numerose munizioni grazie allo spazio a disposizione, un numero senz’altro maggiore rispetto ad un soldato appiedato. 594 McDermott (2004): pag: 130 595 Patridge (2002) pag: 64 596 Darnel and Manassa (2007): pag 64 597 McDermott (2004): pag: 130 598 Patridge (2002) pag: 65 593 130
  • 131. Fig. 34: Carro con ruote a quattro raggi dalla leggerezza e da una elevata flessibilità. Il progetto del carro, sebbene fosse inizialmente un elemento alloctono, congiungendosi con le capacità tecniche egiziane per la lavorazione del legno599, divenne completamente diverso da quello usato nel Vicino Oriente Antico, risultando così un unicum nel panorama militare dell’epoca, sebbene mantenesse delle caratteristiche fondamentalmente straniere. Il materiale ligneo usato, infatti, era l’Olmo, la Betulla o il Tamarindo, alberi asiatici, più che africani600, sicuramente importati dall’estero attraverso scambi commerciali o controllo diretto dei territori di produzione. La sostanziale differenza tra il carro egiziano e quello asiatico si nota nella fabbricazione delle ruote, posizionate sulla parte posteriore del corpo, a differenza dei veicoli asiatici che avevano un’asse centrale601. L’assenza di ammortizzatori602 e la scarsa o nulla conoscenza sulla lavorazione del ferro, richiedevano la costruzione di ruote in legno capaci di sostenere il peso di almeno due persone adulte e l’accelerazione di due cavalli su un terreno nella maggior parte dei casi sconnesso, dovendo resistere all’usura almeno fino alla fine dello scontro, senza tuttavia risultare un elemento ostativo, che limitasse la mobilità del veicolo. 599 Patridge (2002) pag: 65 Spalinger (2005): pag 13 601 McDermott (2004): pag: 131 602 Qui si intende l’ammortizzatore moderno, usato nei mezzi di locomozione con motore artificiale. 600 131
  • 132. Fig. 35: Carro con ruota a sei raggi. Per gli esemplari rivenuti, la misura della ruota, che in tutti i casi e rappresentazioni riscontrate risulta essere a raggi603, non supera il metro di diametro e presenta un numero variabile di tiranti tra quattro (Fig. 34) e otto604, sebbene sembra che il numero ideale, adottato dal regno di T. III in poi, sia stato di sei raggi a ruota605 (Fig. 35). Ogni tirante era costituito da due elementi in legno connessi tra loro in modo complementare: due aste piegate fino ad avere ciascuna una forma parabolica, la cui estremità arrotondata era attaccata al mozzo, il foro nel quale era inserito l’asse immobile, che permetteva la rivoluzione di tutto il corpo rotante606 (Fig. 36). Fig. 36: Questo disegno mostra il modo in cui era costruito il centro della ruota, intorno al mozzo. 603 O tiranti Non sono stati rinvenuti esemplari di ruote ad otto raggi, ma esistono alcune rappresentazioni di carri sostenuti da queste ruote. Secondo Robert Patridge inizialmente gli egiziani usarono il modello di ruota a quattro raggi importato dall’Asia. Con i primi utilizzi, però, gli Egizi dovettero rendersi conto che questo tipo di ruota non era congeniale a terreni accidentati. Per questione di sicurezza quindi rinforzarono la ruota con ulteriori quattro raggi per un totale di otto. Con il passare del tempo, con una maggiore praticità e una continua quanto prevedibile sperimentazione sul campo, iniziarono a costruire le ruote con sei raggi. 605 Spalinger (2005): pag 13 606 Patridge (2002) pag: 66 604 132
  • 133. L’elemento esterno della ruota era composto da due parti tenute insieme da bande, denominate “felly”607. La prima era una circonferenza di legno che univa tutte le estremità superiori dei raggi ed era completamente in legno, la seconda era una forma primitiva di pneumatico: diverse fasce di legno che terminavano con uno strato di pelle non conciato, che aveva lo scopo sia di tenere insieme gli elementi della ruota che di ammortizzare gli eventuali urti causati da un terreno irregolare608( Fig. 37). Fig. 37: Ricostruzione della ruota a sei raggi. Il corpo del carro, a circa mezzo metro da terra609, aveva uno scheletro in legno e una pedana a forma di D o semicircolare, sufficientemente larga da ospitare due610 607 Patridge (2002) pag: 66 Patridge (2002) pag: 66 609 Stima approssimativa calcolata in base alle misure conosciute della ruota: sapendo che il corpo del carro poggiava direttamente sull’asse, inserito al centro della ruota, e sapendo che quest’ultima aveva un diametro di un metro circa, risulta una conseguenza diretta che la pedana del carro fosse sollevata da terra di circa mezzo metro. 610 Patridge (2002) pag: 66 608 133
  • 134. o tre persone611: il lato rettilineo della piattaforma, larga circa un metro e profonda mezzo metro612, era poggiato, mediate una barra stabile di legno, sull’asse delle ruote e mediante una seconda barra, ricurva, completava la struttura portante della pedana, su cui l’auriga e il compagno poggiavano i piedi. Quest’ultima era di lacci di cuoio intrecciati e probabilmente una pavimentazione del genere aiutava a rendere il carro più leggero e agevolava l’ammortizzazione di contraccolpi, causati dalla velocità e dalla difformità del suolo sul campo di battaglia613. Alla base erano agganciate aste in legno ricurve, perpendicolari alla pedana, a cui erano attaccati pannelli in legno o di cuoio con lo scopo di creare una parapetto protettivo per le gambe dei soldati, offrendo anche un elemento di appoggio per le faretre, lance, spade e giavellotti614. Al corpo della biga era poi unito uno spesso palo di legno proiettato in avanti con la funzione di giogo per la coppia di cavalli, guidata dalle redini. Se potessimo paragonare il carro egizio ad una macchina moderna, quest’ultimo elemento sarebbe l’asse centrale che unisce le ruote motrici ed il motore615 alle ruote posteriori. 611 Il corridore non è sempre raffigurato, e questo induce a pensare che la sua presenza non fosse una costante. 612 Spalinger (2005): pag 13 613 Patridge (2002) pag: 66 614 McDermott (2004): pag: 130 615 In questo caso sostituiti dai cavalli. 134
  • 135. Capitolo 3: Ritengo fondamentale, per uno studio completo su qualsiasi aspetto di una società in genere616, trovare riscontri, prove ed elementi d’interesse attraverso l’analisi iconografica delle rappresentazioni che sono sopravvissute. Bisogna infatti entrare nell’ottica che qualsiasi elemento rappresentato, sia esso un arma, un volto, una posizione o un’iscrizione, faccia parte dell’immaginario collettivo della società a cui fa riferimento e che sia, da quella comunità, comunemente riconosciuto. Indipendentemente dalle intenzioni stesse della riproduzione, la rappresentazione di un oggetto, di una persona o di un’astrazione, porta con se un carico informativo non trascurabile e una significativa associazione tra concetti e idee proprie della società a cui fanno riferimento. Questo discorso acquista ancor maggiore valenza nella cultura egiziana, in quanto le figure, siano esse riferibili ai geroglifici617 o rappresentazioni in genere, avevano valenza evocativa. Secondo il modo di pensiero egiziano, qualsiasi elemento riprodotto continuava a esistere grazie all’immagine creata e sopravviveva al passare del tempo, soprattutto se questa era riprodotta su elementi resistenti o poco propensi al deterioramento618. 616 Personalmente considero le rappresentazioni, ma il carico iconografico in genere, il modo principale per comprendere una civiltà, antica o moderna che sia. Attraverso lo studio delle immagini, è possibile risalire alle categorie di pensiero, alla ricostruzione dei nessi logici e soprattutto comprenderne i processi ideologici. 617 La scrittura egizia non si basa su un sistema di simboli arbitrari, come per il nostro sistema, ma attraverso l’uso di simbolismi e figure con significato “mai arbitrario e mai univoco” (cit Barocas 1983). 618 Per un approfondimento sui fondamenti dell’arte egiziana, consultare: Watt (1998) 135
  • 136. Tuttavia è doveroso dire che, per gli Egiziani, l’immagine era fondamentale per trasmettere l’idea, piuttosto che ritrarre realisticamente l’oggetto. Per rappresentare, per esempio, l’uomo bastava definire due gambe, due braccia, un busto e un volto con occhi, naso e bocca, senza ricorrere a quei dettagli fisici che potessero distinguere un individuo da un altro619; era sufficiente accennare visivamente ai lineamenti principali per trasmettere il concetto all’osservatore, il quale a sua volta era in grado di leggerli ed esattamente comprenderli620. Per questa ragione le rappresentazioni egiziane risultano essere di estrema importanza, in quanto ci trasmettono l’elemento essenziale attraverso il quale è possibile rintracciare i concetti o le idee comunemente riconosciuti dagli egiziani621. Per queste ragioni, si terranno conto anche delle scene militari databili alla fase predinastica del regno, in modo da tenere conto del punto di partenza dell’iconografia militare egiziana622. 619 È necessario dire che non sempre ogni elemento veniva rappresentato allo stesso modo, ma esistono categorie che presentano dei sottogruppi: ad esempio, gli uomini stranieri venivano raffigurati in modo diverso rispetto agli egiziani, così come un dio o un faraone avevano caratteristiche proprie distintive (la corona, l’aspetto fisico oppure una grandezza diversa rispetto, a un funzionario o a un soldato). 620 Barocas (1983) 621 Nell’ideologia egiziana bastava scrivere o nominare un oggetto, per donargli vita. La parola era un veicolo di vitalità e la sua potenza magica garantiva la sopravvivenza dell’oggetto, persona o idea nominata. Ricordiamo, però, che la parola per gli egiziani poteva essere riprodotta solo attraverso i geroglifici, cioè dei segni o per meglio dire delle figure che rappresentassero oggetti, animali, individui. Non era, quindi, solo la parola in se a donare vita, ma anche ciò che la componeva: cioè le figure. In quest’ottica, quindi le rappresentazioni erano un mezzo attraverso il quale perpetuare la vita eterna. 622 In quanto possono essere emblematiche di una scienza bellica già ben radicata, o comunque tramandata, nelle comunità che diedero vita al regno egiziano. 136
  • 137. 137 Fig. 38: Tomba di Hierakonpolis. (dal sito internet: http://laliguechretienne.wordpress.com/2013/09/15/hierakonpolis/)
  • 138. Epoca Predinastica (EP): Importanti attestazioni provengono dalla necropoli di Hierakonpolis623, dalle cui tombe provengono testimonianze che ci hanno trasmesso alcune immagini rilevanti e caratteristiche. EP. 1) Un’importante scoperta fu fatta nella così detta Tomba 100 (Fig. 38). Questa sepoltura, datata al periodo di Naqadah IIc/d624, era un ambiente rettangolare di circa quattro metri per due, e scavata nel suolo con una profondità di un metro e mezzo. Il soffitto doveva essere di legno, anche se non esistono tracce evidenti di quest’ultimo, mentre il suolo era costituito da mattoni crudi, lo stesso materiale che componeva un muretto di mattoni, lungo ventitré centimetri, largo undici e posizionato sulla parete nord, che divideva in due parti uguali l’ambiente. La parete Sud di questa tomba è l’unica ricoperta da una serie di pitture frammentarie625, alcune delle quali sono interessanti per i notevoli parallelismi con immagini che vedremo successivamente. L’intera facciata è ricoperta da un giallo ocra, forse usato con l’intento di rappresentare il deserto. Le figure sembrano disposte in modo caotico, con delle grandi barche che tagliano, quasi, il dipinto in due metà, sopra e sotto le quali sono presenti scene di caccia e combattimento. Le imbarcazioni sono ordinate su due registri: quello inferiore mostra quattro barche piene di oggetti, con dei timoni a poppa, alla sinistra dell’osservatore, mentre il registro superiore presenta due barche, una delle quali ha un timone sul lato destro, il che potrebbe indicare un viaggio di andata e ritorno di una spedizione marittima626. È proprio sotto la processione delle barche, del secondo registro, che sono evidenti delle figure molto interessanti dal punto di vista militare. In ordine, da sinistra verso destra, possiamo vedere un individuo627 stante e rivolto verso destra, 623 Hierakonpolis è stato un importante centro abitato durante la fase predinastica, situato nell’Alto Egitto a circa diciassette chilometri a nord-ovest di Edfu. Adams (1977), Band II: pag 1182 624 Davis (1992): pag 128 625 Quibell (1989) Part II: pag 20-21 626 Qui è possibile un forte parallelismo con la rappresentazione della spedizione di Punt, durante il regno di Hatshepsut, circa mille e cinquecento anni dopo. 627 I contorni di questa figura sono definiti da una linea scura, mentre la maggior parte degli individui rappresentati sono colorati con l’ocra rossa, eccezion fatta per alcuni specifici dettagli. 138
  • 139. con il braccio destro sollevato e con un prolungamento, forse una mazza dalla testa ricurva, mentre con l’altra mano stringe i capelli del primo di tre uomini, legati tra loro da una linea nera. La posizione è evidentemente quella del “colpitore”, intento cioè a percuotere un nemico con un oggetto contundente, in questo caso una mazza. Proseguendo verso destra due uomini con una cintura bianca, il primo, e nera il secondo, stringono nella mano destra un bastone con l’estremità ricurva. La funzione di questa piccola rappresentazione non è chiara. Non è possibile, infatti, capire se il ruolo di questi due individui fosse di tipo religioso, votivo o bellico. Le figurazioni successive riguardano l’addomesticamento di belve selvatiche, seguite poi da due scene, forse connesse tra loro: due uomini combattono l’uno davanti l’altro. Il primo, a destra, è armato di due bastoni e presenta una cintura nera e un vestito che ricorda una pelle animale, forse una forma primitiva di armatura di cuoio. Il secondo, con cintura bianca, è inginocchiato e si protegge dietro un oggetto rettangolare, forse uno scudo, fatto con la stessa pelle animale che protegge il busto del primo628. Nella scena successiva, questi due uomini vengono mostrati, il primo, nella stessa o simile posizione della prima scena, mentre il secondo è dipinto a testa in giù con braccia e gambe larghe e piegate, probabilmente per indicare il suo stato di sconfitto o morto. La possibilità che questa doppia scena rappresenti l’inizio e la fine di un combattimento tra due individui è alta, anche se non supportata da ulteriori prove. Fig. 39: Cilindro di L’ultima figura, degna di interesse, è all’estrema Hierakonpolis da Quibell, (1989), destra del dipinto, dove è presente un uomo nella Part I posizione del “colpitore”, con il braccio alto intento a colpire i nemici, che tuttavia non sono evidenti a causa dello stato di degrado del dipinto. 628 La forma dell’oggetto ricorda vagamente un animale, avendo delle protuberanze nei quattro angoli, come fossero degli arti, una sorta di coda nella parte superiore e un triangolo nella parte inferiore, che ricorda vagamente un muso animale. 139
  • 140. EP. 2) Sempre a Hierakonpolis, il ritrovamento di tre cilindri di avorio intarsiati (Fig. 39), databili alla Dinastia 0, ci permette di osservare le immagini di un individuo, presumibilmente un capo o monarca, nella posizione del “colpitore”, intento a bastonare un prigioniero. Quest’ultimo si presenta in piedi, con la barba posticcia e con le braccia legate, dietro la schiena, all’altezza dei gomiti. Il sovrano, il cui corpo è rappresentato in piedi e proporzionalmente più grande del prigioniero, vestito con un gonnellino e con barba posticcia, è intento a tirare per i capelli il suo nemico con una mano, mentre con l’altra stringe una mazza dall’estremità arrotondata629. La scena è ripetuta, seguendo la direzionalità della forma cilindrica, su tre registri ben distinti. La ripetizione tende quasi a creare una scena continuata, tanto che in un caso la gamba posteriore del sovrano si sovrappone a quella del prigioniero posto dietro di lui, creando così un incrocio di arti ben evidente630. EP. 3) Senz’altro più famosa è la così detta tavolozza di Narmer (Fig. 40), coeva ai su citati cilindri, la cui funzione doveva essere legata a processi di preparazione per cerimonie, come la miscelazione631 del trucco per il viso o per il corpo632. La tavolozze usate in Egitto erano delle palette in ardesia o scisto, generalmente alta tra i dieci e i venti centimetri633, e databili al periodo di Naqadah634. L’oggetto in questione, proveniente anche questo da Hierakonpolis635, una paletta di pietra scolpita di circa sessanta centimetri636, è uno dei primi documenti in cui il sovrano, in questo caso Narmer, cinge le due corone: la bianca dell’Alto (sul verso) e la rossa del Basso Egitto (sul recto); le immagini che vi sono rappresentate documenterebbero o evocherebbero la nascita del stato egiziano 629 Quibell, (1989), Part I: pag 7 Personalmente non escluderei che questi individui rappresentati, più che essere lo stesso sovrano ripetuto più volte, siano diversi re o principi alleati che sconfiggono insieme altri principi. 631 McDermott (2004) : pag 14 632 Sul lato posteriore della paletta è presente un incavo, tra due animali dal collo lungo, dentro il quale veniva miscelato l’unguento colorato da applicare sulla pelle. 633 Sono diversi, tuttavia, gli esempi di palette che superavano questo “limite”, come la Paletta di Narmer, la Paletta di Oxford e quella dello Struzzo, che misuravano entrambe circa quaranta centimetri di lunghezza. 634 Davis (1992): pag 71 635 Davis (1992): pag 170 636 David Wengrow (2001): pag 93 630 140
  • 141. politicamente unito e viene datata tra il periodo finale dell’epoca Predinastica e l’inizio della prima dinastia637. Fig. 40: Tavolozza di Narmer da Davis (1992) 637 Swan Hall (1986): pag 5 141
  • 142. La scena di maggiore interesse - per quanto concerne questo lavoro - è presente sul retro della paletta638. Qui il re, rappresentato di proporzioni maggiori rispetto a qualsiasi altra figura della tavolozza639, è vestito con gonnellino rituale, una coda di toro fissata all’altezza del bacino e aderente al polpaccio, e un corpetto monospalla. Raffigurato nella posizione del “colpitore”, proprio come sui cilindri prima citati, la figura qui non è ripetuta, ma unica ed è costituita dal sovrano con corona bianca dell’Alto Egitto stante, con la mano sinistra impegnata a tenere per i capelli il nemico, in ginocchio con le braccia larghe640 mentre è costretto a guardare il sovrano, e con la mano destra in alto, la quale stringe una mazza con l’estremità arrotondata641. La mano alzata è pronta a sferrare il colpo decisivo, che probabilmente è destinato a colpire il lato sinistro del cranio nemico642: un colpo diretto e potente finalizzato a rompere la scatola cranica dell’individuo. Sul recto della tavolozza è presente una scena di processione dove lo stesso Narmer, preceduto da alcuni vessilli, cammina verso dieci corpi legati e decapitati643. Possiamo ipotizzare che il colpo inferto con la testa di mazza causasse il distaccamento del cranio dalla colonna vertebrale, con la conseguente decapitazione? Perché ciò fosse possibile, dobbiamo ipotizzare che la testa di mazza fosse fornita di una lama644. Questo appare coerente anche con il tipo di materiale usato per le lame. Come è stato detto nel secondo capitolo, i materiali utilizzati durante l’Antico Regno645 per le armi da taglio potevano essere la pietra, il rame o il bronzo: materiali soggetti a una facile usura e questo ne comprometteva un uso prolungato. Dover tagliare un materiale duro come l’osso avrebbe sicuramente rovinato qualsiasi tipo di lama ed è per questo che, per preservare il più a lungo l’integrità della lama stessa, la decapitazione poteva 638 Per un approfondimento più accurato su tutte le altre scene della Tavolozza, consultare Davis (1992) 639 Davis (1992): pag 175 640 Una posizione del genere lascia presumere una volontà iconografica di trasmettere arrendevolezza, come se il nemico avesse fisicamente accettato la sconfitta. 641 Quibell, (1989), Part I: pag 10 642 Davis (1992): pag 194 643 La testa degli individui è posta tra le gambe di ciascuno di loro. 644 Il principale ostacolo per il taglio di lama è l’osso, rompere l’osso, significa eliminare quell’ostacolo e permettere alla lama di tagliare solo e unicamente elementi cartilageni e tessuto epiteliale. 645 In questo caso il materiale utilizzato risulta essere un terminus ante quem, che esclude in modo certo l’uso di materiali tecnologicamente più avanzati. 142
  • 143. avvenire dopo aver rotto le vertebre del collo, attraverso un colpo diretto della mazza. La posizione della mano che stringe l’arma, però, risulta essere particolare se paragonata alle rappresentazioni successive646 e spicca in particolar modo, in quanto graficamente potrebbe risultare essere un compromesso tra la forza impiegata per sferrare il colpo e la fatica fatta per sostenere l’arma647. La mazza (A 2) era usata, probabilmente, attraverso movimenti oscillatori per sfruttare il suo peso non equilibrato, favoriti da un impugnatura il più lontano possibile dalla testa di mazza. La posizione della mano, come quella mostrata nella tavolozza di Narmer, rendeva difficile questo gesto, mentre poteva favorire un colpo diretto, comunque potente, ma meno efficace rispetto a un impatto derivante dall’oscillazione, ma probabilmente sufficiente alla rottura delle ossa del collo. La cura con cui sono stati incisi i muscoli del braccio teso in alto e delle gambe del sovrano, lascia intravedere una sottesa intenzione di realismo, ripresa anche nel registro inferiore, nel quale due corpi, di fattezza simile al prigioniero, hanno una posizione da “caduti”648. Questo proposito lascerebbe intendere che l’impugnatura dell’arma non sia casuale, ma ricercata: forse rappresentazione di uno stile di combattimento o di una posizione specifica per sferrare il colpo finale649. 646 In tutte le rappresentazioni simili ma successive, come ad esempio il sovrano Den su una targa d’avorio ad Abydos, Sekhemket a Wadi Maghara (queste rappresentazioni sono trattate successivamente in questa tesi), il faraone tiene stretta l’estremità inferiore dell’arma e non più il centro. C’è da dire che anche nei cilindri d’avorio il sovrano tiene stretta l’arma al centro dell’asta, sebbene in questo caso i dettagli dell’immagine non sono curati come nella Tavolozza di Narmer. 647 Fisicamente risulta essere più efficiente, dal punto di vista della forza d’impatto impressa, un colpo sferrato mediante un’impugnatura sull’estremità, piuttosto che al centro, mentre un’impugnatura più vicina alla massa di squilibrio (in questo caso la testa di mazza) agevola il trasporto dell’arma, rendendola meno gravosa. 648 Due corpi con braccia e gambe piegate e in direzione caotica, mentre il volto di entrambi è rivolto verso sinistra, come a voler guardare il faraone. Questa posizione è molto simile all’iconografia comunemente riconosciuta delle sagome tracciate dalla polizia moderna, durante gli accertamenti in seguito a un omicidio. Questa sagoma non è casuale, ma ricopre spesso le fattezze di un corpo caduto in terra da posizione eretta in seguito a immediata perdita di coscienza. Davis definisce questi due corpi in “corsa” verso la fortezza, rappresentata sul recto della tavolozza, in questo caso come in quello della tavolozza del Campo di Battaglia, non mi sembra un’ipotesi corretta. La posizione degli arti non sembra congruente con l’idea di un uomo in corsa. 649 In tal senso può aiutare l’idea che questa posizione favorisca il trasporto dell’arma, a danno di una migliore resa in combattimento. 143
  • 144. Probabilmente, a combattimento finito, in questo caso il faraone ma generalmente il soldato equipaggiato con quest’arma, lasciava volutamente scivolare l’asta della mazza tra le mani, in modo da avvicinare la stessa alla protuberanza superiore, per poi colpire il nemico al fine di sostenere l’arma con uno sforzo minore. Questa ipotesi però è in contraddizione con le immagini successive in cui il faraone è raffigurato mentre impugna l’arma all’estremità inferiore. È quindi possibile che questa tecnica sia stata utilizzata solo per un periodo limitato, per essere poi modificata tra il periodo tinita e l’inizio dell’Antico Regno, oppure che fosse usata solo se finalizzata alla successiva decapitazione del nemico. EP. 4) Un’altra tavolozza650 la così detta Paletta del Cacciatore (Fig. 41), databile al periodo tra Naqadah IIc o IIIa651, di forma rettangolare con una delle due estremità corte arrotondata652, mostra la rappresentazione di uno scontro tra soldati e animali653: una grande allegoria654 che mette in parallelo la guerra con la caccia655. In tal senso il nemico viene rappresentato non come umano, ma in forma animale. Le figure scolpite in rilievo sono disposte su tre distinti registri: uno centrale, costituito da una fila caotica di animali selvatici, tra cui antilopi, anatre e conigli; e due laterali, con una fila di soldati disposti lungo il lato superiore e inferiore della paletta, che marciano in fila indiana, tutti rivolti verso destra. La loro postura è “canonica”: il busto è rappresentato frontalmente, mentre testa, gambe e talvolta le braccia sono raffigurate di profilo, mentre il loro abbigliamento è costituito da un gonnellino che copre il bacino fino al polpaccio, un copricapo piumato e una barba posticcia656. All’altezza del gonnellino è presente una protuberanza posteriore, che potrebbe essere considerata o un pugnale o una coda d’animale. Osservando l’oggetto infatti, si possono distinguere due elementi: un 650 La tavolozza presenta un largo taglio rettangolare su uno dei due lati lunghi, rendendola incompleta. 651 Davis (1992): pag 93 652 Per convenzione e comodità di interpretazione della Paletta del Cacciatore, da adesso definiremo l’estremità arrotondata come “lato sinistro” e l’estremità rettangolare come “lato destro”. In questo modo saranno delineati anche i margini superiori e inferiori della tavolozza stessa. 653 McDermott (2004): pag 16 654 Davis (1992): pag 93 655 Non era inusuale che l’arte figurativa egiziana fosse pregna di allegorie tra caccia e guerra e questo venne ripreso spesso anche nei secoli successivi. 656 Davis (1992): pag 98 144
  • 145. 145 Fig. 41: Paletta del Cacciatore da Davis (1992)
  • 146. possibile manico con guardia-attaccatura a V e una possibile lama di forma oblunga con dei segni trasversali di seghettatura. Come vedremo nelle rappresentazioni dell’epoca dinastica657, non era inusuale che i soldati venissero raffigurati con armi da taglio legate al gonnellino e potrebbe essere un primordiale esempio di questo tipo di armamento. Tuttavia nella tavolozza di Narmer (Fig. 40) e in altre rappresentazioni predinastiche, come ad esempio la Testa di Mazza del Re Scorpione e come vedremo per le rappresentazioni dell’Antico Regno658, all’altezza del gonnellino è rappresentata una coda, che diventerà un elemento distintivo di regalità. Inoltre questa protuberanza graficamente presenta somiglianze con il geroglifico indicativo di una coda animale (segni geroglifici F27 e 28659) e che, quindi, in realtà si possa trattare di una coda d’animale. I soldati, oltre ad avere questa presunta coda, presentano anche una barba posticcia, come gli esempi già citati del sovrano nella Tavolozza di Narmer e nel cilindro di Hierakonpolis. Si potrebbe, quindi, ipotizzare che, almeno inizialmente, questi elementi non fossero vessilli regali, ma elementi distintivi dell’ambiente militare. Tornando alla Tavoletta, le due file, a destra della tavolozza, vengono introdotte da due portatori di stendardi con due gonfaloni identici, il che ci lascia intendere l’appartenenza a uno stesso gruppo sociale. La marcia, quindi, potrebbe essere di due schieramenti alleati contro un unico nemico660, composti da soldati armati con lance, bastoni da lancio, archi e asce, in modo quasi speculare. Alcuni soldati del registro inferiore sono equipaggiati anche di lazzo661 per catturare le prede 657 La prima temporalmente parlando è l’iscrizione di Sekhemkhet a Wadi Maghara Si fa riferimento a esempio alle iscrizioni a Wadi Maghara, nell’Antico Regno, alle rappresentazioni di Mentuhotep II a Gebelein, nel Medio Regno, ai rilievi di Seti I nella sala Ipostila a Karnak durante il Nuovo Regno, e non mancano esempi legati al periodo Tolemaico o successivi. 659 Allen (2010): pag 432 660 Davis (1992): pag 95 661 Davis afferma che alcuni soldati sul margine inferiore sono armati anche di scudi, ma tenderei a escludere questa possibilità. Ciò che Davis individua come piccoli scudi, secondo il sottoscritto sono la rappresentazione grafica di lazzi arrotolati. A riprova di questo, la prima figura della fila dei soldati, portante uno stendardo, presenta una circonferenza leggermente zigrinata all’altezza della bassa schiena. Zigrinatura evidente nella corda usata dal secondo soldato della fila, che tiene a lazzo un’animale per le corna e dal quarto personaggio da sinistra sul registro superiore, che è mostrato nella posizione di lanciare una corda con cappio rotondo. È evidente, quindi, che questi 658 146
  • 147. presenti nel registro centrale, proprio come il secondo soldato, del registro inferiore, è intento a fare. Il numero dei soldati è di dieci662 per il registro superiore e di sette o otto per l’inferiore663, più due soldati fuori rango, coinvolti nello scontro con un leone664, su un quarto registro, perpendicolare agli altri tre. Oltre i due portatori di stendardi, come già detto, è presente una scena che mostra lo scontro tra un leone, trafitto da due frecce, contro uno o due arcieri. Questa scena si presenta su un piano perpendicolare rispetto a tutte le altre scene e mostra un leone che, accompagnato da un cucciolo e trascurando delle sue solite prede665, aggredisce un soldato mentre l’altro è intento a scoccare una terza freccia666. Il leone difendere la tana e il suo cucciolo667 dall’attacco dei soldati-cacciatori e azzanna uno di questi, rappresentato a testa in giù668 e armato di arco e mazza, mentre gli altri soldati sono intenti a catturare gli animali selvatici del registro centrale. Il soldato è stato, quindi, già mortalmente colpito669 e in sua difesa interviene un arciere, intento a scoccare una freccia, mentre altre due frecce hanno già colpito il felino. Quest’ultimo soldato è probabilmente il leader670 dello schieramento, in quanto è l’unico a essere in piedi lungo l’asse verticale, ed è quello che sicuramente è rappresentato con maggiori dettagli grafici671 oltre ad essere l’unico che affronta il leone. La tavolozza, sull’estremità sinistra, invece mostra il leone, rivolto nella direzione opposta alla processione di soldati, precedentemente colpito da due frecce, ora è soldati non sono equipaggiati con piccoli scudi, ma con delle corde per catturare gli animali presenti nel registro centrale. 662 Come abbiamo visto nel primo capitolo, il numero “dieci” non è casuale, ma è la riproposizione dell’organizzazione militare usata nell’Antico Regno. 663 Non è possibile risalire al numero preciso dei soldati nel registro inferiore, perché la tavolozza è danneggiate e manca un pezzo che possa rendere possibile un conteggio esatto, anche se il numero totale più plausibile sembra essere di sette individui. 664 Davis (1992): pag 99 665 Davis fa espressamente riferimento alla presenza di una gazzella e di una lepre, prede solite del leone, nelle strette vicinanze del felino. 666 Per un maggiore approfondimento sulle altre scene non descritte in questo lavoro, consultare Masking the blow: the scene of representation in late prehistoric Egyptian art, Oxford, 1992 di Davis Whitney : pag 93 - 118 667 Davis (1992): pag 99 668 Davis (1992): pag 95 669 Così come nella Tavolozza di Narmer per quanto riguarda i corpi rappresentati nel registro inferiore, anche qui il corpo vicino al leone sembra avere una posizione da “caduto”: con gli arti riprodotti con una posizione scomposta. 670 Davis (1992): pag 102 671 Oltre agli elementi presenti anche sugli altri soldati, quest’uomo presenta una protuberanza sulla spalla, forse una faretra per le frecce. 147
  • 148. mostrato trafitto da altre tre o quattro frecce. Questo lascia presupporre che la tavolozza potesse avere un senso di lettura circolare672. Personalmente non escluderei che, in realtà, la processione delle due formazioni di soldati possa essere lo stesso schieramento, rappresentato in due tempi figurativi diversi: lo schieramento sul registro superiore si muove verso la zona di caccia, mentre nel registro inferiore la marcia raggiunge la battuta di caccia e inizia a catturare gli animali673, mentre i due soldati combattono contro il leone. È abbastanza evidente come questa scena sia in realtà un’allegoria che rappresenta lo scontro tra due schieramenti militari, probabilmente egiziani. Infatti come già detto, sono presenti molti animali nel registro centrale: ad esempio è rappresentata una lepre, che risulta essere anche emblema del quindicesimo nomo con capitale Hermopolis674, così come uno sciacallo, ascrivibile al diciassettesimo nomo dell’Alto Egitto675. Il leone, come vessillo regale, è largamente diffuso nell’iconografia egiziana676 e questo potrebbe lasciare intendere che in realtà quest’animale possa rappresentare il capo dello schieramento nemico677, forse alla guida di una coalizione di più forze nemiche, raffigurate con gli animali nel registro centrale. Inoltre la processione di soldati è costituita da una squadra di dieci individui, equipaggiati con uno stendardo di appartenenza e un armamento molto variegato, con armi sia da lancio che da taglio: un equipaggiamento eccessivo per una semplice battuta di caccia. EP. 5) L’allegoria tra caccia e guerra viene riproposta anche nella Tavolozza del Campo di Battaglia (Fig. 42): un’altra paletta per il make-up cerimoniale, datata a Naqadah IIIa/b678. Carente di quasi tutta la metà superiore e metà della zona centrale, la paletta ha due facciate: una mostra la presenza di due animali (forse giraffe o gerenuk) nei pressi di una palma679 e l’altra, dove è presente la vaschetta 672 Davis (1992): pag 104 In realtà è solo uno l’animale catturato. Infatti la rappresentazione mostra uno dei soldati tenere al lazo per le corna un’antilope. 674 Vernus (1996) : pag 77 675 Pavan (2005): pag 22 676 Rössler-Köhler (1980), Band III: 1080-1087 677 Sebbene fino a ora non siano conosciute raffigurazioni di leoni che possano rappresentare il leader avversario, ritengo che quest’ipotesi è avanzata da McDermott (2004): pag 16 sia plausibile. 678 Davis (1992): pag 119 679 Probabilmente una rappresentazione idilliaca della pace o di tranquillità. Davis (1992): pag 140 673 148
  • 149. per la cosmesi, con una pluralità di elementi rappresentati. In quest’ultima sono individuabili tre o quattro scene680: la superiore è completamente assente, tranne che per le gambe di due individui sulla sinistra della rappresentazione, che ricordano la posizione canonica dell’uomo senza vita681. Presumibilmente doveva essere presente una scena di lotta tra il sovrano e dei nemici682. La seconda scena presenta, a sinistra dell’incavo colore, la marcia prigionieri683, per di il due accompagnati dai vessilli di riferimento, legati e imprigionati684, mentre sulla destra è presente un prigioniero e un individuo con la tonaca, forse una dea685. La parte superiore del busto di entrambi questi due personaggi è mancante e questo rende impossibile un interpretazione chiara della sequenza figurativa. Il registro inferiore della Tavolozza invece è completo e Fig. 42: Paletta del Campo di Battaglia da Davis (1992) mostra una scena di lotta tra uomini e animali. Qui vengono raffigurati un leone e sei volatili686 sbranare e beccare dei corpi di soldati senza vita, tra cui uno con le braccia legate dietro la schiena. Il significato di questa terza scena potrebbe essere 680 Davis (1992): pag 119 Anche in questo caso la posizione dei corpi è simile a quella del’arciere ucciso nella Paletta del Cacciatore e dei corpi sotto la raffigurazione del Faraone nella Tavolozza di Narmer 682 Davis (1992): pag 124 683 Il loro aspetto è lo stesso dei nemici rappresentati nella Tavolozza di Narmer e nei cilindri di Hierakonpolis e, come vedremo, lo stesso dei corpi rappresentati nella zona figurativa inferiore della stessa Tavolozza del Campo di Battaglia. 684 McDermott (2004): pag 16 685 Davis (1992): pag 126 686 Tre di questi sono sicuramente avvoltoi, due rappresentati in volo con ali spiegate, il terzo a terra, nelle vicinanze della testa di un soldato morto. 681 149
  • 150. temporalmente successiva a un ipotetico scontro armato687, con animali selvatici che si cibano dei soldati caduti688. Tuttavia la presenza del leone, un predatore piuttosto che un necrofago, potrebbe lasciar intendere una volontà di rappresentare uno scontro diretto tra animali e uomini, quest’ultimi succubi dei primi. Il leone è rappresentato con la coda avvolta intorno alla zampa posteriore destra689, mentre quelle anteriori sono rappresentate avanti al nemico, il quale ha le gambe e le braccia dietro al busto inarcato, mentre il leone divora il suo ventre. L’aspetto della vittima è identico a quello degli altri individui, solo proporzionalmente più grande, così come il leone è centrale rispetto agli altri animali. Il parallelismo tra caccia e guerra, qui si ripresenta forte ed evidente. Il leone rappresenta il sovrano690 che, letteralmente, divora il nemico, forse il capo avversario, che è impotente di fronte alla potenza dell’animale. Dietro questa scena un individuo è mostrato con lo sguardo rivolto verso il leone, con la mano in alto e graficamente sembra essere in piedi, rispetto a tutti gli altri corpi caduti691. Interessante è notare poi la presenza dei volatili che “assistono” il leone a vessare i nemici. L’animale rappresentato è l’avvoltoio, un animale necrofago, e potrebbe anche essere evocativo di un elemento militare che, proprio come gli uccelli, fende l’aria: le frecce. Nella rappresentazione, infatti, viene proposta una sequenza di tre avvoltoi raffigurati uno dietro l’altro: due in volo con ali spiegate e uno a terra, intento a beccare il volto di un uomo. Non è da escludere che questa sia la riproduzione dello stesso avvoltoio, rappresentato secondo una sequenza temporale diversa, in modo da mostrare la traiettoria del suo volo. Senz’altro la 687 Come già detto, l’ipotetico scontro armato tra nemici e faraone doveva essere mostrato nel registro superiore, andato perduto. 688 Davis (1992): pag 129-132 689 Questa posizione è sicuramente atipica. Un leone, come detto, è un predatore e come tale preposto all’offensiva. Nel mondo animale, così come nell’ideologia sociale, la coda tra le gambe è sinonimo di paura o insicurezza. È quindi molto probabile che in questo caso la posizione della coda sia dovuta esclusivamente a motivi di spazio nella rappresentazione della tavolozza. 690 Davis (1992): pag 132-136 691 Davis legge questa scena come la fuga dell’uomo e la mano in alto come segno di consapevolezza della forza del leone (pag 136-137). Tuttavia escluderei questa chiave di lettura: il suo corpo non sembra in una posizione di deambulazione. I suoi piedi sono allungati verso il basso, mentre il suo busto è rappresentato troppo in avanti per trasmettere la sensazione della corsa. Proprio i piedi sono simili a quelli dei corpi inermi della stessa scena figurativa e completamente diversi rispetto a quelli dei prigionieri in marcia sul registro superiore (rappresentati paralleli al suolo di marcia, coerentemente con il loro passo), indicano abbastanza chiaramente che questo corpo era steso a terra, proprio come tutti gli altri corpi, forse già privo di vita o comunque inerme. 150
  • 151. scelta del tipo di animale non è casuale: sia che la lettura della raffigurazione sia di una rappresentazione temporalmente successiva a uno scontro692, che una grande allegoria di una battaglia campale in corso: l’avvoltoio è evocativo di una delle voci della titolatura regale dei faraoni durante l’epoca dinastica693 e questa non può essere una coincidenza. 692 Davis (1992): pag 142-144 Nella nomenclatura dei faraoni egiziani, specificatamente nel nome Nebty, è presente la dea Nekhbet, dea di Elkab e di Hierakonpolis (Heerma Van Voss (1982), Band IV: pag 366-367), il cui aspetto è proprio quello dell’avvoltoio ed era l’emblema evocativo dell’Alto Egitto in senso lato. 693 151
  • 152. Antico Regno (AR): AR. 1) Una delle prime attestazioni militari pervenuteci dall’Antico Egitto risale al regno di Den, durante la prima dinastia694. Qui una tavoletta d’avorio rinvenuta ad Abydos (Fig. 43) mostra il faraone nella posa del colpitore, mentre sta per bastonare un nemico in ginocchio. Come nella tavolozza di Narmer, il faraone è vestito con un gonnellino di lino e una coda che sporge dal bacino e scivola lungo la gamba destra, mentre il copricapo non è la corona dell’Alto Egitto ma il khat con ureo. Fig. 43: Tavoletta d’avorio rinvenuta ad Abydos da Swan Hall (1986) L’impugnatura mazza è della diversa rispetto alla Tavolozza di Narmer e coerente con l’uso descritto nel secondo capitolo (A 2): verso l’estremità del bastone, il più lontano possibile dal punto di equilibrio con la testa della mazza. Interessante è l’aspetto del suo nemico: in ginocchio con la gamba destra protesa in avanti, ha il braccio destro alzato, come a voler contrastare o fermare l’imminente colpo che il faraone sta per sferrare, e il sinistro proteso in avanti fino al polpaccio del re. Anche lui è vestito di gonnellino e presenta una pettinatura lunga, tanto che la ciocca che il faraone stringe nella mano si protende oltre il gomito destro del prigioniero695. È poi presente un lungo bastone o lancia che si interpone tra il faraone e il suo bersaglio, forse l’arma del nemico o quella secondaria del nemico. AR. 2) Proprio quest’ultimo elemento è presente in diverse riproduzioni che ritraggono il faraone nella posizione del colpitore a Wadi Maghara nel Sinai, nei 694 695 Kaplony (1975), Band I: pag 1071 Swan Hall (1986): pag 6-7 152
  • 153. pressi di un’importante miniera di turchese696 e databili tra la terza e la quarta dinastia. La prima (Fig. 44) ritraeva il re Sanakht697 con la corona rossa del Basso Egitto, nella posa del colpitore, con il braccio sinistro proteso in avanti a tenere per i capelli il nemico, che doveva Fig. 44: Rappresentazione di Sanakht da Swan Hall (1986) rappresentare la personificazione dei popoli libici. Purtroppo lo stato di conservazione dell’iscrizione è pessimo ed è possibile riconoscere solo il busto superiore del faraone, il suo volto con la corona e il suo braccio sinistro che stringe i capelli del nemico e la sua arma secondaria, mentre il resto è andato perso698. Sempre della terza dinastia è la rappresentazione del re Sekhemkhet (Fig. 45), a Wadi Maghara699, nella quale il faraone è rappresentato tre volte: due volte con la corona dell’Alto e una volta con la corona del Basso Egitto. Il vestito indossato è lo stesso presente nella tavolozza di Narmer, con l’unica eccezione che nella terza figura, partendo da sinistra, è presente un pugnale lungo o una piccola spada legata alla cintura. Nella prima figura sulla faraone Fig. 45: Rappresentazione di Sekhemkhet da Swan Hall (1986) sinistra il è rappresentato nella posizione del colpitore, con il braccio destro alzato e il sinistro a stringere i capelli del nemico e la lancia. Nelle due rappresentazioni successive, il faraone è 696 Per approfondita definizione geografica, consultare Gardiner (1955): pag 23-29 Helck (1984), Band V: pag 375 698 Ziegler (1999): pag 176-177 699 Swan Hall (1986): pag 8 697 153
  • 154. mostrato stante, con il gonnellino rituale e le due corone (prima del Basso Egitto e successivamente dell’Alto Egitto) e ciascuno con entrambe le mani impugnare due armi, una probabile lancia e un bastone o scettro. Questa rappresentazione ha un interessante parallelismo con un immagine già incontrata: nella tomba 100 di Hierakonpolis abbiamo visto che esiste una figura armata di due elementi (il livello di dettaglio non ci permette di definire la natura delle armi) combattere contro un individuo armato di scudo. Non è quindi difficile che un sovrano potesse essere equipaggiato con una doppia arma, per aumentare la sua forza d’offesa. Altra iscrizione di Wadi Maghara, importante per un elemento distintivo, è quella databile alla quarta dinastia e che fa riferimento a Cheope, ora distrutta700. L’iscrizione misurava 117x240 centimetri e il faraone era per la prima volta rappresentato con la doppia corona dell’Alto e del Basso Egitto unita in un solo elemento figurativo. Rappresentato nella posizione del colpitore, il sovrano sta per fendere il colpo sotto gli occhi del dio Thoth. Questa, a ora, risulta essere la prima attestazione conosciuta di un dio del Pantheon egiziano in forma antropomorfa701. AR. 3) Nella cappella della mastaba di Ptah-hotep, un sacerdote702 della quinta dinastia703, la parete est presenta una figurazione (Fig. 46) costituita da due serie di registri a destra e a sinistra di un iscrizione e della rappresentazione proporzionalmente più grande del proprietario della tomba. Il secondo registro a destra dell’iscrizione mostra la celebrazione di una festa in onore del dio Shesemu704, alla fine di questo due ragazzi sono mostrati in piedi, mentre ciascuno stringe tra le mani due bastoni appuntiti. Sebbene questa presente nella tomba di Ptah-hotep non sia una scena militare, è interessante notare la somiglianza con le raffigurazioni presenti sulla rampa d’accesso della piramide di Sahure (Fig. 49). Personalmente riscontro forti somiglianze con un rituale di danza con armi bianche, riproposto ancora oggi tra le popolazioni beja del deserto Orientale705. 700 Gardiner (1955): pag 57 - 58 Swan Hall (1986): pag 9 702 Per i titoli di Ptah-hetep, v. Paget (1898): pag 33-4 703 Martin-Pardey (1982), Band IV: pag 1181 704 Davies De Garis (1900): pag 9 705 W. Wendrich (2008): pag 509-542, in particolare pag 532, Fig. 23.17. 701 154
  • 155. Fig. 46: Parete est della tomba di Ptah-hotep, ricostruzione recuperata dal sito http://gal2.piclab.us/key/ptah%20hotep Nella zona alla destra dell’iscrizione, il primo registro mostra sei coppie di giovani ritratti in un combattimento corpo a corpo706, finalizzato alla cattura dell’avversario, come è evidente nella scena successiva dove sei dei dodici giovani scortano un loro compagno, il settimo, con le braccia legate dietro la schiena, come un prigioniero di guerra. Sembra plausibile ritenere che si tratti di un addestramento militare707. Quest’idea è confermata proprio dall’ultima scena descritta in quanto la posizione del prigioniero è la stessa utilizzata per esempio nella paletta del Campo di Battaglia (v. EP. 4, Fig. 42, supra paga pagina 138) o sul cilindro d’avorio di Hierakonpolis (v. EP. 2, Fig. 39, supraa pagina 140). Il largo uso delle scene di combattimento corpo a corpo, unitamente a scene legate al mondo militare, come assedi (v MR.BH. 1, Fig. 62, MR.BH. 3, Fig. 66, MR.BH. 4, Fig. 73) o addestramento all’uso dell’arco o del bastone (AR. 5, Fig. 49), durante l’Antico Regno, ma soprattutto durante il Medio Regno, a Beni Hassan, come vedremo in questo stesso capitolo, sembrerebbe confermare quest’interpretazione. AR. 4) Numerosi immagini di carattere bellico dell’Antico Regno provengono da Lisht. Qui alcuni blocchi di monumenti più antichi furono riutilizzati per la realizzazione della piramide di Amenemhat I708 (XII dinastia, anni 1991-1962709). 706 Davies De Garis (1900): pag 11 Quest’ipotesi è supportata da Kanawati (2011): pag 9 708 Goedicke (1971): pag 1-7 709 Grimal (1988): pag 169 707 155
  • 156. Tra questi esistono rappresentazioni alcune militari di grande interesse: tra le quali un blocco (Fig. 47) proveniente forse dal muro di cinta della piramide di Cheope o dalla strada rialzata del tempio di Chefren Giza710. a La raffigurazione sebbene molto lacunosa711 è estremamente Fig. 47: Blocco rinvenuto a Lisht e originario di Giza da Arnold (1999) dettagliata e questo ci permette di apprezzare piccoli particolari, utili alla comprensione dell’uso dell’arco in Egitto. Cinque712 soldati, in formazione, sono intenti a incoccare la freccia forse in un assedio contro una città cananea713. Due soldati sono ben riconoscibili da testa e spalle, mentre un terzo è a un livello inferiore, disposto su un registro diverso714, e di lui si intravede solo la calotta cranica, l’occhio sinistro, il braccio sinistro completo e la mano destra, proprio come per il quarto soldato il cui arco, di tipo semplice, è il più completo. Ciò che risulta più interessante da quest’immagine, però, è il livello di dettagli nella gestualità degli arcieri. Le mani sinistre tengono fermo l’arco, attraverso il mignolo, l’anulare e il medio, mentre l’indice e il pollice sostengono l’asta della freccia al tronco dell’arco. La mano destra, posta all’altezza della spalla, tiene stretta la corda tra pollice e indice, mentre la cocca poggiata alla corda è tenuta tra indice e medio. Inoltre la mano destra tiene strette anche due frecce di riserva per un lancio in sequenza. 710 Arnold (1999): pag 265 - 267 Questo frammento doveva appartenere a una rappresentazione probabilmente molto più vasta, forse la prima grande battaglia contro un nemico asiatico, avvenuta durante la quarta o la quinta dinastia. 712 La presenza del quinto soldato è solo intuibile dalla presenza all’estrema destra di una freccia e una mano che la tiene stretta intorno al fusto di un arco, anche se quest’ultimo elemento non è rappresentato. 713 Arnold (1999): pag 265 - 267 714 Secondo Dorothea Arnold l’uomo rappresentato nel secondo livello è in ginocchio. Personalmente, però, ritengo che non sia da escludere che questo facesse parte di una seconda linea di lancio. Tuttavia non è possibile sapere quale delle due ipotesi sia la più attendibile a causa della frammentarietà della raffigurazione 711 156
  • 157. Gli arcieri sono vestiti con due bande di cuoio che si intrecciano al centro del busto e una faretra rettangolare che pende, grazie a una corda715, all’altezza dell’addome716, mentre non è possibile scorgere il gonnellino che probabilmente ricopriva il loro bacino. Proprio la posizione della faretra potrebbe definire l’uso e il metodo di lancio delle frecce con una tecnica precisa: il trasporto delle munizioni avveniva attraverso la faretra, posta avanti al petto e non dietro le spalle, l’arciere al momento del tiro prelevava tre frecce, tenendole strette con la mano destra e con rapidità eseguiva tre lanci in sequenza in modo da garantire il volo di tre proiettili, che sarebbero caduti a poca Fig. 48: Rappresentazione di caccia presente nella tomba di Sahure da Borchardt (1913) distanza l’uno dall’altro, triplicando le probabilità di colpire un bersaglio717. AR. 5) Una forte similitudine è possibile con la rappresentazione (Fig. 48) rinvenuta ad Abusir nella tomba di Sahure, faraone della quinta dinastia718. Qui il faraone è ritratto come arciere in una battuta di caccia719, intento a catturare o colpire degli animali. Per quanto non sia una rappresentazione militare, il faraone è mostrato mentre impugna l’arco - non visibile a causa dello stato di conservazione della scena - con la mano sinistra, mentre con la destra tende l’arco e con il pollice della stessa mano tiene stratte tre frecce rivolte verso il basso720. 715 Nella scena è possibile intravedere un piccolo frammento di corda tesa, sotto il braccio del soldato che sostiene l’arco. 716 Goedicke (1971): pag 74-77 717 Questo probabilmente ovviava anche il problema del gesto di “ricarica”: un momento di lentezza dovuto al movimento del braccio destro per avvicinarsi alla faretra. In tal senso è interessante anche la posizione stessa della faretra. Se la faretra è comunemente posta dietro le spalle degli arcieri, per l’agevolare il trasporto della stessa, questa rappresentazione, dove la faretra è portata a tracolla, illustra un tecnica diversa da parte degli egiziani. Bisogna infatti ricordare che la tensione della corda portava la mano a posizionarsi proprio all’altezza della spalla, pochi centimetri più su della faretra. Una volta scoccate le tre frecce, quindi, all’arciere bastava abbassare di qualche centimetro il braccio, per poter ricaricare e lanciare altre tre frecce. 718 Shaw (2002): pag 100 719 Borchardt (1913): pag 30 - 31 720 Le frecce presentano una cocca piumata e una punta costituita dal fusto della freccia stessa, reso appuntito e finalizzato alla caccia, proprio come l’arco usato dal sovrano. 157
  • 158. Fig. 49: Frammento della decorazione presente sulla rampa d'accesso alla piramide di Sahure da El Awady (2009) Proprio sulla strada rialzata d’accesso alla piramide di questo sovrano721 è stato rinvenuto un blocco figurativo di grande interesse (Fig. 49), soprattutto in relazione ad alcune rappresentazioni già incontrate (v. AR. 4) e altre che tratteremo del Medio Regno. Il rilievo mostra una serie di scene, disposte su cinque registri principali. Tre di questi sono riferibili al mondo militare e incentrati sull’addestramento dei soldati. Il registro I mostra tre o più scene722 di allenamento al tiro con l’arco723 con un arciere e il suo istruttore724 vestiti con un gonnellino, per l’istruttore, e perizoma per l’arciere con tre bande di lino a coprire la parte anteriore del pube, probabilmente dei marinai, in quanto il perizoma usato è stato riconosciuto essere ad appannaggio della marina725. 721 Per un approfondimento sulle strade rialzate consultare El Awady (2009): pag 86 – 120 Il blocco ad oggi risulta incompleto e doveva continuare sia verso destra che verso sinistra. 723 El Awady (2009): pag 206 724 Entrambi hanno una capigliatura corta (due parrucche secondo El Awady). 725 Adela Oppenheim (1999): 320 - 321 722 158
  • 159. Il primo gruppo726 mostra entrambi rivolti verso destra727, con l’istruttore posizionato dietro l’arciere, con le sue mani sulle spalle del soldato728, con lo scopo di mostrare la posizione corretta per il tiro. L’arciere è raffigurato con le gambe aperte, con la sinistra avanti e la destra non è visibile729 a causa dello stato di conservazione non ottimale del blocco. L’allievo con la mano destra tende la corda e mantiene alcune frecce730 come mostrato nelle raffigurazioni precedenti (Fig. 47 e Fig. 48), mentre con la sinistra tiene l’arco dritto e sostiene il dardo pronto a essere scoccato. Davanti ai due è presente un bersaglio, probabilmente in legno, già colpito da tre frecce, di cui una spezzata, forse a causa di un tiro sbagliato. La scena si ripete altre due volte, con delle sostanziali differenze in ciascuna. Nella scena successiva l’istruttore si trova davanti all’arciere, con la testa rivolta verso sinistra, intento a correggere la posizione del gomito e del braccio dell’allievo. L’arciere, invece, poggia con le dita del piede destro per terra e stringe probabilmente tre frecce con la mano destra, mentre una quarta è appoggiata alla corda, tesa, per essere lanciata731. Nella terza scena l’istruttore torna a essere rappresentato dietro al suo allievo e con entrambe le mani posizionate sulle spalle dell’arciere. Il bersaglio davanti ai due ha tre frecce, due delle quali trapassano il bersaglio con la punta. L’arciere ha entrambi i piedi ben piantati per terra e sostiene l’arco e il dardo nello stesso modo degli altri due allievi, con altre tre frecce strette nella mano destra. Queste mostrano i diversi e fondamentali accorgimenti di posizione che un arciere deve mantenere al momento del lancio. Un equilibrio migliore, ovviamente, garantisce tiri migliori e più efficaci, tanto da riuscire a penetrare così a fondo nel bersaglio da fuoriuscire dall’altra parte732. 726 Di seguito la descrizione segue quella presente in El Awady (2009): pag 206 - 211 Per questa rappresentazione si identificherà l’ “est” come “destra” e l’ “ovest” come “sinistra”. 728 La mano destra è rappresentata, mentre la sinistra è nascosta dal corpo dell’arciere. 729 Personalmente, però, ritengo che il piede dovesse essere ben piantato per terra, come viene mostrato nella terza scena, in cui l’istruttore torna a posizionarsi dietro l’arciere. 730 El Awady ne conta due, personalmente ritengo che questa valutazione, per quanto verosimile, possa non essere certa. 731 Il bersaglio, invece, presenta due frecce infilate, invece di tre. 732 Come ricordato nel secondo capitolo, le capacità balistiche di Amenhotep II erano tali da trapassare bersagli di rame spessi sette centimetri, Di Donato (1984): pag 55 727 159
  • 160. Ritengo sia interessante questa sequenza, in quanto potrebbe essere una prova visiva della tecnica di lancio, già ipotizzata precedentemente (v. Fig. 47) sul blocco riutilizzato per la realizzazione della piramide di Amenemhat I a Lisht nel quale sono evidenti due frecce strette nella mano, mentre una terza era pronta ad essere scoccata. La tecnica di lancio, quindi, risulta simile: le frecce sono impuntate nella mano che tende l’arco e le lancia in sequenza. Probabilmente la faretra non è raffigurata proprio per il motivo stesso della rappresentazione: un addestramento, piuttosto che una scena di battaglia. Questo dettaglio ritengo sia fondamentale: se la faretra è importante in battaglia, per garantire una buona scorta di frecce, durante l’allenamento o l’apprendimento delle tecniche di lancio non era indispensabile e, anzi, avrebbe potuto mettere in difficoltà l’allievo, in quanto avrebbe potuto sbilanciare la postura per un apprendista poco pratico. Il secondo registro mostra, invece, la lotta o l’addestramento con i bastoni. Quattro coppie, di cui solo due complete, mostrano alcune posizioni che i lottatori potevano assumere e come dovevano usare le loro doghe durante il combattimento. La prima coppia non è completa e mostra solo l’uomo di destra, vestito con il gonnellino, mantenere il suo bastone sopra la testa, rivolto verso l’alto, come a voler colpire dall’alto verso il basso il suo avversario. Le gambe sono larghe e il piede sinistro poggia con le dita per terra, mentre il tallone è alzato. La presenza dell’individuo a destra è solo intuibile attraverso una porzione della gamba e dal bastone a mezz’altezza, rivolto con l’estremità verso il basso. Tre i due oppositori è evidente un’iscrizione che recita aHA pr.kwi wnj: “Combatti, io ho iniziato. Muoviti733” che indica l’inizio del combattimento. La seconda coppia mostra l’istruttore, rivolto ora verso destra, correggere l’allievo e modificare la posizione delle sue braccia, posizionando le mani sulla spalla e sul gomito sinistro. La scritta tra i due recita kDm jAbt.k: “Gira il tuo lato sinistro”. La scena successiva mostra due allievi, vestiti entrambi con il perizoma, che stanno per iniziare o che hanno già iniziato a combattere. Entrambi stringono il 733 Per traduzione e traslitterazione si fa riferimento a El Awady (2009): pag 206-211 160
  • 161. bastone tra le mani: l’individuo di destra mantiene il bastone alto e rivolto verso il basso, mentre il secondo lo tiene per terra, forse mentre lo solleva o subito dopo aver tentato di colpire l’avversario e averlo mancato. Della quarta coppia è visibile solo l’uomo di sinistra, un istruttore, la cui gamba destra si intreccia con la destra dell’allievo precedente. L’istruttore tiene il bastone in alto, sopra la testa e rivolto verso il basso. Questa rappresentazione, molto probabilmente, doveva mostrare, originariamente, altre scene di coppie impegnate ad addestrarsi nell’uso del bastone, inoltre, è evidente una forte somiglianza con la danza rituale presente nella scena della parete est nella tomba di Ptah-hotep (v AR. 3, Fig. 46). Il registro III, invece, mostra una serie di almeno sei coppie di lottatori, vestiti con perizoma, in contrasto tra loro. La presenza di un uomo vestito con il gonnellino tra la prima e la seconda coppia, potrebbe indicare che questi combattimenti fossero controllati dall’istruttore, forse come arbitro per decretare il vincitore. Anche qui è presente un richiamo alla rappresentazione della tomba di Ptah-hotep (v AR. 3, Fig. 46), in cui abbiamo visto i lottatori, prima rappresentati in combattimento e poi mentre scortano gli sconfitti. La prima coppia non è completa e mostra un tentativo di proiezione734 a opera dell’individuo all’estrema sinistra: la sua gamba sinistra è dietro l’arto inferiore del suo avversario, mentre la sua mano destra è all’altezza del bacino e la sinistra afferra il polso sinistro dell’antagonista. L’allievo a destra, probabilmente, cinge il collo del suo compagno con il braccio destro, per cercare di evitare la proiezione. La seconda coppia mostra un'altra presa, con l’individuo a destra sollevato da terra e sostenuto dalle braccia del suo avversario: una tra le sue gambe e l’altra sotto all’altezza del ginocchio destro, mentre tenta una tecnica di soffocamento su quest’ultimo con entrambe le braccia intorno al suo collo. Nella terza coppia i corpi di entrambi i contendenti sono paralleli al suolo con il più basso che poggia la mano sinistra per terra e la destra intorno al collo 734 Per proiezione si intende qualsiasi tecnica utilizzata nelle arti marziali per spingere il corpo dell’avversario per terra. 161
  • 162. dell’avversario, quest’ultimo invece stringe il busto del primo, nel cercare di immobilizzarlo735. Altra tecnica di immobilizzazione è mostrata nella scena successiva, con due lottatori in piedi e l’uno di fronte l’altro. Uno cerca di afferrare la testa dell’altro, forse inserendo il pollice nell’occhio dell’avversario, mentre l’altro gli stringe il collo o quanto meno il mento con la mano sinistra, mentre il braccio destro è posto sulla spalla destra dell’antagonista. La quinta coppia ritengo sia quella forse quella più interessante tra le sei: l’allievo di destra, è girato verso destra e stringe il collo dell’avversario, mentre questo è rappresentato a testa in giù e sta per cadere di spalle. Quest’ultimo, forse per contrastare la caduta, stringe con la mano lo stinco del primo lottatore, mentre le sue gambe sono in aria e rappresentate piegate. Personalmente trovo una forte somiglianza con la tecnica chiamata “vertical suplex”, usata nel Wrestling moderno, sport di intrattenimento per il pubblico televisivo, basato su molte tecniche usate nel “catch as catch can wrestling” e della lotta libera736. La sesta coppia mostra una presa al collo con un contrasto di arti superiori per liberarsi dalla presa. Altre rappresentazioni (Fig. 50), sempre provenienti dalla piramide di Amenemhat I, mostrano una serie di soldati in marcia o in corsa, armati con un lungo bastone, portare degli appositi contenitori737 poggiati sulla spalla e mantenuti con la mano sinistra. La funzione di quest’ultimo elemento doveva essere quella di astuccio lungo e stretto nel quale inserire uno o più archi. Il trasporto dell’arma doveva quindi avvenire mediante questi contenitori, in cui veniva inserito uno o più archi (nell’immagine si vedono distintamente due archi uno vicino l’altro) con la corda legata all’estremità superiore. La forma dell’astuccio ci lascia presupporre che l’arco non dovesse essere armato, in quanto l’arco armato, soprattutto quello semplice dell’Antico Regno assume una forma con le estremità maggiormente curvate (Fig. 46) rispetto a quanto è osservabile in 735 Questa posizione ricorda quella che vedremo più avanti, in una rappresentazione nella tomba di Senbi, durante il Medio Regno (Fig. 58) 736 Quest’aspetto sarebbe interessante approfondirlo con un confronto diretto tra le tecniche usate nel combattimento della lotta libera e queste rappresentate in Egitto. 737 Goedicke (1971): pag 59 162
  • 163. questa rappresentazione. Quest’ultimo dettaglio a mio avviso non è trascurabile in quanto dimostra che l’arco (A 8), veniva armato poco prima dello scontro, soprattutto per preservare l’elasticità della corda e del fusto. Fig. 50: Blocco riutilizzato proveniente dalla piramide di Amenemhat I a Lisht da Goedicke (1971) Quest’ultima immagine si mostra simile, sotto molti punti di vista, ad altri due blocchi, usati come materiale di costruzione per coprire una trincea, utile alla realizzazione della camera funeraria della piramide di Amenemhat I e appartenuti originariamente al complesso funerario di Userkaf a Saqqara738. I due blocchi sono simili tra loro e mostrano, il primo, tre registri raffiguranti una marcia di diversi individui il cui numero non è precisabile a causa del taglio del blocco. Nel secondo, i registri sono due e la marcia risulta essere completa e costituita da dieci soldati in corsa (Fig. 51) ed equipaggiati con diverse armi, tra cui bastoni, archi in astuccio e forse delle asce. Nel secondo blocco la marcia è seguita da un singolo individuo, forse il comandante del reparto. Il ruolo di questi cinque plotoni non è definibile: potevano far riferimento a un corpo di polizia, indicato dalla presenza di un soldato, nel secondo blocco, con dei fogli di papiro sotto il braccio e non con armi739 oppure erano truppe della marina in marcia verso la loro 738 739 Oppenheim (1999): 318 - 319 Goedicke (1971): pag 68-74 163
  • 164. nave, in quanto il kilt usato740 è stato riconosciuto essere ad appannaggio della marina741. Fig. 51: Blocco riutilizzato proveniente dalla piramide di Amenemhat I a Lisht originario della piramide di Userkaf, da The Metropolitan Museum 1999 740 741 Uno slip inguinale con tre bande di lino a coprire la parte anteriore del bacino. Adela Oppenheim (1999): 320 - 321 164
  • 165. Purtroppo lo stato di conservazione non sempre ottimale e soprattutto la decontestualizzazione delle immagini non ci permettono una sicura interpretazione e questo apre a diverse ipotesi sul ruolo e sullo scopo finale di queste truppe, ipotesi che però non possono essere né confermate né smentite a meno di altri ritrovamenti che aumentino il carico informativo a nostra disposizione. AR. 6) Una rappresentazione senz’altro più dettagliata e più facilmente interpretabile, è quella proveniente da una tomba della quinta742 o della la sesta dinastia743, a Deshasheh, appartenuta al governatore locale e funzionario744 Inti745 (Fig. 52). La figurazione si divide in due distinte scene, a destra e a sinistra di un profondo incavo, scavato successivamente dai Copti, che ne oblitera quindi la parte centrale, per la leggibilità dell’insieme è molto ridotta. A destra è evidente un città protetta da una cinta muraria bastionata, all’interno della quale si distinguono cinque registri, raffiguranti gli asiatici intenti ad arginare l’assedio. Sulla sinistra della cinta muraria una lunga scala, sorretta da alcuni soldati egiziani, vestiti con gonnellino e capigliatura a calotta746, rappresenta un esempio di tattica d’assedio. I soldati qui rappresentati, portano dei bastoni lunghi e forse potrebbero essere nell’atto di picconare, ossia di indebolire le mura per provocarne il crollo. Tuttavia la posizione dei corpi rappresentati potrebbe non essere coerente con quest’ultima interpretazione: i corpi sono rivolti verso sinistra, con le spalle alla fortificazione, mentre uno di questi sembra essere intento a trascinare la scala verso sinistra, come a volerla allontanare dalla fortificazione. Non è, quindi, da escludere che la scena rappresenti l’atto finale dell’assedio, in cui i soldati sono già saliti e le scale vengono smontate747, idea coerente, come vedremo con il quarto registro a sinistra. 742 Petrie (1898): pag 4 Per la datazione di questa tomba ci sono diverse supposizioni: Petrie (1898): pag 4, la data alla quinta dinastia, mentre Baer (1960): pag 58, oppure Schulman (1982), Vol XII – No 4,: pag 165, la datano alla sesta. 744 Piacentini (1987): pag 13 745 McDermott (2004): pag 20-22 746 Wreszinski (1927) Zweiter Teil: Talef 4 747 Piacentini (1987): pag 8 - 9 743 165
  • 166. 166 Fig. 52: Tomba di Inti a Deshasheh da Wreszinski (1927) Zweiter Teil: Talef 4
  • 167. Nella figurazione di sinistra, divisa in quattro registri, c’è una rappresentazione più elaborata: scene di scontri tra soldati egiziani, armati con asce, e asiatici, alcuni trafitti da frecce, i quali subiscono l’avanzata degli avversari. Il registro superiore, tra i quattro, è quello conservato peggio ed è possibile intravedere solo un soldato asiatico, accasciato per terra e trafitto da alcune frecce, e le gambe di altri soldati in marcia. Questi ultimi sono molto probabilmente Egiziani, distinguibili grazie ai loro gonnellini e una sacca a tracolla, probabilmente la faretra per il trasporto delle frecce748. Non abbiamo elementi chiari per definire questi soldati come arcieri, tuttavia nel quarto registro, dove è presente una teoria di prigionieri (legati e seguiti da due soldati egiziani armati di ascia) rivolta verso sinistra749, è evidente un soldato, con tracolla stilisticamente simile a quella portata dai soldati del primo registro e in una posizione che ricorda molto quella di un arciere intento a scoccare una freccia con l’arco. Tuttavia la scena, come già detto, presenta un profondo incavo al centro, proprio all’altezza delle braccia di questo soldato, rendendo impossibile l’identificazione dell’arma usata. La sua posizione comunque ritengo sia chiara: l’uomo ha entrambe le braccia protese in alto, con il destro leggermente piegato, come se stesse tirando qualcosa. Il ruolo di questo soldato, quindi, era di arciere e l’elemento rappresentato a tracolla, probabilmente, era una faretra. Tra il primo e il secondo registro, all’estremità destra, sono presenti due asiatici trafitti da diverse frecce in caduta, forse vittime della marcia degli arcieri del primo registro750 oppure rappresentazione di corpi nella posizione del “caduto”751, presenti nelle già citate tavolozze predinastiche di Narmer, del Cacciatore e del Campo di Battaglia (v EP. 3 e EP. 5). 748 La somiglianza con la faretra della Fig. 47 è evidente, ed è confermata anche dalla posizione della stessa, aderente al petto, piuttosto che portata dietro le spalle. 749 Questa processione ha la stessa direzione dei picconatori prima citati. È probabile che questi individui fossero gli abitanti della fortezza che, una volta conquistata, venivano fatti prigionieri e portati in Egitto. 750 Tendo a escludere che questi corpi stiano cadendo dalle mura della città per alcuni importanti indizi: gli uomini sono rivolti con il corpo verso sinistra, mentre la scala e la città si trovano alle loro spalle, proporzionalmente sono grandi quanto i soldati delle scene a sinistra e, soprattutto, sono asiatici e non egiziani. Essendo un assedio egizio, a cadere dalle scale, se colpiti da frecce, sarebbero dovuti essere egiziani e non certo asiatici. 751 Piacentini (1987): pag 10 167
  • 168. Il secondo presenta una serie di scontri tra egiziani e asiatici, sempre trafitti da frecce, e una scena degna di nota: un egiziano, rivolto verso destra, tiene tra le mani i capelli di un asiatico inginocchiato, mentre un altro egiziano sta per colpirlo con un ascia. È interessante notare la posizione delle gambe dell’asiatico: la destra poggia con il ginocchio per terra, mentre la sinistra è tutta sollevata per aria e proiettata in avanti, come a voler scalciare l’avversario. Proprio a causa di questa posizione particolare, il secondo soldato egiziano rivolto verso sinistra e intento a colpirlo, ha il busto proiettato in avanti con un angolo di quasi quarantacinque gradi, assumendo una posizione decisamente atipica per le rappresentazioni egiziane. Questa posizione è dettata da un evidente volontà di evitare il calcio dell’asiatico. Le braccia del soldato egiziano sono proiettate in avanti, tese e forse sproporzionatamente lunghe. Questa scena potrebbe rappresentare una comune riproduzione di uno scontro tra due fazioni, ma mio avviso pone in risalto un peculiare aspetto, che vedremo successivamente anche nelle rappresentazioni del Nuovo Regno: in uno scontro armato è sempre forte l’idea che la contrapposizione tra due eserciti porti, conseguentemente, a una serie di combattimenti tra singoli soldati, afferenti ai due schieramenti nemici. Secondo quest’idea la battaglia si trasforma, quindi, in individuali scontri tra guerrieri che sono “soli”, seppur circondati da compagni e nemici e destinati a restare tali. In questa rappresentazione, invece, è evidente una situazione di superiorità numerica: due egizi che collaborano contro un asiatico, destinato a essere sconfitto. Personalmente non escludo la possibilità che questa rappresentazione sia una prova che nell’esercito egiziano fosse uso, al fine di avere una migliore protezione, formare un gruppo di due soldati che combattessero spalla a spalla, in modo da aumentare l’efficienza d’attacco e di difesa con movimenti combinati. Il terzo registro presenta altre scene di lotta e di contrapposizione tra egiziani e asiatici che, costantemente trafitti da frecce, vengono rappresentati sempre in posizioni di sottomissione. 168
  • 169. Fig. 53: Rappresentazione proveniente dalla tomba di Khaemheset a Saqqara, da Smith (1946) AR. 7) Un'altra rappresentazione di assedio proviene dalla cappella decorativa della mastaba di Khaemheset (Fig. 53), a Saqqara752, vissuto durante la sesta dinastia753. In questa raffigurazione sono mostrati cinque soldati salire una scala, rappresentata verticalmente, senza che le estremità superiori degli staggi tocchino 752 753 McDermott (2004): pag 34 Smith (1946): pag 205 169
  • 170. il muro di cinta della città, come invece ci potremmo aspettare. I cinque soldati salgono la scala secondo uno schema preciso: tre sono sul lato sinistro e due sul lato destro. Graficamente questo si mostra come una scalata simultanea in modo che i due soldati di destra si trovino con il busto all’altezza del piede dell’individuo che li precede a sinistra e viceversa. È possibile che questa rappresentazione mostri il metodo di scalata delle mura nemiche: la scala era sfruttata non come mezzo da usare per un individuo alla volta ma, ottimizzando gli spazi, due individui alla volta. Bisogna pensare che il momento maggiormente critico durante un assedio era costituito proprio dalla scalata. L’assediante in questo frangente era in una posizione di grande svantaggio per i seguenti motivi: • Era limitato nei movimenti, perché costretto a reggersi sia con i piedi che con le mani alla scala e impegnato a salire in uno spazio ristretto. • Era numericamente isolato e quindi facile bersaglio per frecce, sassi o altri oggetti • Il soldato, soprattutto, si trovava in una posizione inferiore rispetto ai nemici che erano al riparo sulla sommità delle mura. Quindi era necessario, al fine di eliminare questa situazione di svantaggio nel più breve tempo possibile, raggiungere velocemente la sommità delle mura e aprirsi uno spazio per sé e i propri compagni; la scalata, per questo motivo, doveva essere rapita e garantire un afflusso costante di assedianti. La tecnica di salita osservata in questa scena poteva quanto meno limitare lo svantaggio: salendo la scala lateralmente, un soldato lasciava lo spazio necessario a un suo compagno, che lo potesse affiancare nell’arrampicata; una volta raggiunta la sommità, erano due i soldati a combattere contro i nemici arroccati sulle mura e non solo uno. Tornando alla rappresentazione: i primi due soldati sul lato sinistro sono rivolti verso la cinta muraria della città e con un’ascia stretta in mano sembra che la usino come piccozza per tenersi al muro perimetrale della città assediata, al quale il primo dei due tiene poggiato il piede. L’ultimo soldato del lato sinistro, più in basso, a differenza dei primi due, ha entrambe le mani impegnate nella salita ed è rappresentato con il busto rivolto verso destra, mentre porta l’ascia infilata nel gonnellino, proprio come i due soldati sul lato destro, impegnati anche loro a 170
  • 171. salire le scale con tutti e quattro gli arti754. Neanche la posizione dell’ascia sembra essere casuale: nel secondo capitolo è stato detto che, per il trasporto, l’ascia veniva legata al gonnellino o infilata nella cintura dello stesso. Quest’ultima posizione, come è evidente nella rappresentazione della tomba di Khaemheset, risulta essere agevole proprio nella scalata: l’ascia in questa posizione non infastidiva il soldato755, ma soprattutto poteva essere facilmente impugnata ed estratta, in modo da essere velocemente utilizzata. Oltre a questi soldati, altri due vengono rappresentati con dei lunghi bastoni, forse delle zappe, intenti a scavare sotto le mura756, come già abbiamo visto nella tomba di Inti. Un dettaglio non di poco conto, inoltre, è la presenza di due ruote poste alla base della scala. È lecito presumere, che le scale fossero portate a mano o a spalla, ma la presenza di queste ruote potrebbe lasciar intendere che gli egiziani la potessero trasportare a spinta o trascinarla: durante un assedio, come detto in precedenza, l’assediante doveva essere il più rapido possibile, per eliminare quanto prima ogni elemento di svantaggio dovuto alla sua elevata vulnerabilità. Non è da escludere, quindi, che gli egiziani, per ovviare al trasporto di una scala in legno, senza dubbio pesante e che potesse rallentare la manovra d’assedio, avessero aggiunto delle ruote alla scala, in modo da poterla spingere in corsa. Quest’interpretazione la reputo verosimile, sebbene non supportata da altri esempi e prove. La presenza di ruote alla base della scala a ora risulta essere un unicum nel piano rappresentativo egiziano e non solo. Le ruote, per quanto potessero rappresentare un grande vantaggio di trasporto, potevano altresì essere un grande svantaggio: bisogna infatti pensare che il carico della scala, al momento dell’arrampicata, aumentava considerevolmente a causa del peso dei soldati che la usavano, aumentando la spinta verso il basso che gli staggi dovevano reggere e questo avrebbe potuto far scivolare le ruote lontano dalle mura, provocando la caduta della scala e dei suoi utilizzatori. 754 In particolar modo il secondo soldato, quello più in basso, sembra essere letteralmente aggrappato a uno dei due staggi. 755 Un ascia legata al gonnellino avrebbe potuto oscillare e urtare contro la gamba del soldato o del suo compagno sotto di lui, rischiando anche di ferirlo. 756 McDermott (2004): pag 22 171
  • 172. Si potrebbe ipotizzare l’utilizzo di perni e di freni, tuttavia in questa rappresentazione non è evidente alcun elemento frenante. I due uomini con lunghi bastoni, identificati come “picconatori”, forse potevano avere il compito di mantenere la scala, attraverso l’uso di bastoni, ma ritengo che questo potesse risultare dannoso ai fini dell’assedio, in quanto potevano essere un bersaglio facile per gli assediati. Inoltre risulta essere senz’altro poco coerente con l’idea di scala d’assedio, la posizione della stessa nella rappresentazione. Come detto in precedenza, questa è mostrata parallela al muro di cinta della città, senza che le estremità superiori tocchino la parete. Escludendo a priori che la scala fosse utilizzata, in questo modo, tenendola verticalmente senza sfruttare alcun punto d’appoggio757, potremmo pensare che la resa grafica non sia esattamente coerente con il reale metodo di utilizzo o mezzo utilizzato. Abbiamo visto nella tomba di Inti (Fig. 52) che la scala, qui senza ruote, è poggiata obliquamente alla parete della città assediata, secondo l’uso standard, per sfruttare al meglio la stabilità che si viene a creare grazie alla migliore distribuzione del peso. Quindi è possibile elaborare due ipotesi: o l’artista della tomba di Khaemheset ha commesso un errore grafico oppure non voleva rappresentare una semplice scala. Personalmente protendo per la seconda, considerazione supportata da una rappresentazione successiva, risalente al Primo Periodo Intermedio, presente nella tomba di Intef (Fig. 76), che vedremo più avanti. Anche in questa tomba è rappresentata un tipo di scala, posta verticalmente e con delle ruote alla base. Tuttavia in questa rappresentazione la scala è doppia e la resa grafica, anche grazie alla posizione dei soldati che la scalano, interni agli scalini, ricorda molto una torre d’assedio, più che una semplice scala. Probabilmente, quindi, l’autore della scena nella tomba di Khaemheset voleva rappresentare una torre d’assedio, piuttosto che una semplice scala e questo spiegherebbe meglio anche il metodo di scalata dei soldati a cui prima ho fatto riferimento. Tuttavia il carico informativo e iconografico a disposizione è, ad ora 757 Gli svantaggi sarebbero molteplici: la struttura sarebbe poco stabile, l’oscillazione porterebbe ad una scalata difficile e soprattutto sarebbe difficile per i soldati mantenere la scala in questa posizione, mentre altri compagni tentano di salirvi. 172
  • 173. limitato e l’argomento necessiterebbe di un accurata analisi più approfondita anche dal punto di vista archeologico. 173
  • 174. Medio Regno (MR): Il Medio Regno è preceduto da un periodo di circa centocinquanta anni durante il quale ci furono diversi centri di potere758 e di seguito si analizzeranno le rappresentazioni provenienti da alcuni dei più importanti nomoi di questa fase storica, grazie alle quali sarà possibile mettere in evidenza alcune caratteristiche militari coerenti con l’Antico Regno e altre di innovazione. Necropoli di Asyut (MR.At.) Asyut759, capitale del tredicesimo nomo dell’Alto Egitto, fu un punto cruciale di snodo della via carovaniera Darb el-Arba’in760 verso l’oasi di Kharga761. MR.At. 1) Qui la tomba di Kheti II, nomarca del Primo Periodo Intermedio762, presenta sul muro meridionale una processione di soldati (Fig. 54) marciare verso sinistra. La rappresentazione è in pessimo stato di conservazione e non è possibile ricostruirla completamente, né è ipotizzabile il numero esatto di registri, che dovevano essere presenti nella scena. Nonostante il basso grado di conservazione, è comunque possibile contare circa trenta soldati visibili (quaranta ipotizzabili), disposti su tre registri, armati di un grande scudo rettangolare con estremità a sesto acuto e probabilmente un ascia763, trasportata a mano. Fig. 54: Rappresentazione del muro meridionale della tomba di Kheti II, da Orientalia 58 758 McDermott (2004): pag 39 Beinlich (1975), Band I: pag 489-495 760 Baines (2000): pag 122 761 El-Khadragy (2004): pag 233 762 Spanel (1989): pag 302 763 El-Khadragy (2004): pag 241 759 174
  • 175. La definizione dell’arma, un’asta con una lama all’estremità superiore, non è certa. La lunghezza del bastone potrebbe ricordare una lancia, tuttavia la conformazione della lama, convessa su un solo lato, potrebbe rimandare alla forma dell’ascia “a mezza luna”764. Ulteriore prova, che potrebbe confermare questa considerazione, si basa su un ritrovamento di una decina di asce di questo tipo, databili proprio al primo Periodo Intermedio765, che definirebbe l’uso dell’ascia di questa forma già durante questa fase storica. Altro elemento interessante di questa rappresentazione è il modo in cui sono resi i soldati. Fino a ora abbiamo visto soldati sempre raffigurati a torso nudo, talvolta con bande di cuoio incrociate a protezione del petto, con un gonnellino di lino. In questa rappresentazione i soldati, invece, sono graficamente coperti dal grande scudo di forma rettangolare con estremità a sesto acuto: alto quasi quanto i soldati stessi, dei quali è visibile solo parte del petto, con il braccio destro, e dalle caviglie in giù. Personalmente trovo molto interessante questo dettaglio: il corpo del soldato viene volutamente nascosto dietro il grande scudo, mettendo quest’ultimo in risalto. Ritengo interessante, inoltre, il metodo di trasporto del clipeo. Come vedremo più avanti766 lo scudo viene spesso o quasi sempre trasportato con un solo braccio, di solito il sinistro, qui invece lo scudo è rappresentato a sinistra del corpo, ma a sostenerlo è il braccio destro, in quanto la mano sinistra è impegnata a impugnare l’arma. Questa impugnatura, tuttavia, ritengo sia poco realistica767 e potrebbe essere stata ricercata dall’artista della rappresentazione, con l’intento di mettere in risalto il grande scudo, tralasciando volutamente l’accuratezza artistica. Le ragioni della scelta di rappresentare lo scudo in questo modo, ovviamente, non possono essere comprovate, ma non escluderei che questa possa essere stata dettata dalla forma stessa dello scudo. Questa tipologia di arma difensiva (A 9) viene introdotta proprio durante il Medio Regno o forse durante il primo Periodo Intermedio, cioè 764 Spanel (1989): pag 308 Davies, (1987): 38-39 (N. 68-78) 766 Si faccia riferimento ad esempio ai vari combattimenti presenti nelle tombe di Beni Hassan (v. MR.BH. 1, MR.BH. 3, MR.BH. 4), alla rappresentazione dell’assedio nella tomba di Intef (v MR.AF. 1) e al frammento proveniente dal tempio di Mentuhotep II (Fig. 79). 767 Lo scudo, in questo modo, era sostenuto semplicemente dalla mano destra e non da tutto il braccio del soldato e questo poteva comportare innanzitutto un peso maggiore per la mano, l’oscillazione dell’arma di difesa e quindi un maggiore affaticamento. 765 175
  • 176. proprio durante quella fase storica in cui visse Kheti II. La volontà di mettere in risalto questo scudo, forse, fu dettata proprio dal proprietario della tomba, un nomarca e quindi anche generale dell’esercito del suo nomo, che potrebbe essere stato il primo a ideare e a utilizzare questo tipo di scudo in guerra. MR.At. 2) Questa rappresentazione risulta essere simile alla scena presente, sempre ad Asyut, nella “Tomba dei soldati settentrionali”768. L’attribuzione di questa tomba risulta ad oggi essere controversa, sebbene sembrerebbe possibile datarla all’undicesima dinastia, forse durante il regno di Mentuhotep II769. Fig. 55: Rappresentazione presente sul muro meridionale della “Tomba dei soldati settentrionali” da Orientalia 58 In questa tomba, sul muro meridionale, la processione dei soldati (Fig. 55) doveva essere preceduta da un sovrintendente, di cui è rimasta come unica traccia dei frammenti di piede e l’iscrizione in geroglifico, che ne definisse il ruolo: [jmj]r pr (ciambellano, assistente, amministratore, maggiordomo, curatore del patrimonio)770. 768 Per approfondimenti sulla controversia consultare El-Khadragy (2006): pag 147-148 El-Khadragy (2006): pag 154-155 770 Per tutti i significati di [jmj]-r pr consultare Hanning (1995): 55-56 769 176
  • 177. La processione si presenta praticamente identica a quella presente nella tomba di Kheti II, con la sola eccezione che qui i quattro registri sono composti da una marcia di sette soldati ciascuno, i quali sembra che sostengano lo scudo, ricoperto da pelle di animale con il braccio sinistro, mentre la mano destra trasporta un ascia771 con lama a mezzaluna772. Sebbene, quindi, le due rappresentazioni risultino essere pressappoco speculari, nella tomba di Kheti II il trasporto dello scudo risultava graficamente irreale, mentre nella tomba dei Soldati Settentrionali appare coerente con il reale utilizzo. 771 772 El-Khadragy (2006): pag 151 Per definizione “lama a mezzaluna” consultare capitolo 2. 177
  • 178. Necropoli di el-Bersheh (MR.eB.): Un altro importante centro di questa fase storica è Khemenu, capitale del quindicesimo nomo della Lepre nell’Alto Egitto773 e situata nei pressi dell’attuale Mallawi, in Medio Egitto774. A questa città faceva riferimento la necropoli di Deir el-Bersheh775, in una valle chiamata Wadi el-Nakhala776 che, durante il Medio Regno, divenne un importante cimitero dei nomarchi777 del nomo afferente. MR.eB. 1) In questa necropoli, nella tomba N.2, appartenuta al nomarca Tehutihetep, sul muro nord-ovest778 è presente una scena composta da diversi registri figurativi, incentrati sul trasporto di una statua colossale in un tempio e il successivo sacrificio779. Il nomarca, in questa rappresentazione (Fig. 56), è raffigurato proporzionalmente più grande, stante e con uno scettro nella sua mano destra. Dietro la sua figura quattro registri mostrano una piccola processione di assistenti di Tehutihetep, Fig. 56: Rappresentazione del muro nord-ovest della tomba di Tehutihetep da Newberry (1893-1894), Part I 773 Newberry (1893-1894), Part II: pag 1-2 Willems (1989): pag 75 - 82 775 Junge (1975), Band I: pag 711-715 776 Baines (2000): pag 126 777 Willems (1989): pag 77 778 La tomba ha un orientamento nordest- sudovest e tutta la necropoli è stata ricavata sulla riva sinistra del Nilo. Willems (1989): pag 75 779 Newberry (1893-1894), Part I: pag 16-17 774 178
  • 179. alcuni dei quali trasportano una portantina e altri impugnano780 delle armi: due archi, due lance, due asce e uno scudo. Lo scudo rappresentato è simile all’arma presente nella tomba di Kheti II (MR.At. 1), così come nella “Tomba dei soldati settentrionali” (MR.At. 2), tuttavia qui presenta la sua parte superiore con un andamento circolare, piuttosto che a sesto acuto, mantenendo però delle simili proporzioni. Dalla rappresentazione è possibile vedere che la superficie è ricoperta da una colorazione maculata, in modo da riproporre la pelle animale usata per coprire i pannelli degli scudi. Gli archi usati sono di tipo semplice, sono rappresentati armati ma senza la presenza di frecce, anche se l’ultimo individuo del secondo registro porta dietro le spalle un oggetto a forma cilindrica che è a mio avviso è riconoscibile con una faretra781. Registro III: i primi due individui sono armati di lance con lama a forma di foglia782 mentre il primo individuo a destra è armato anche di ascia. Quest’ultima ha la forma dell’ascia con la lama a smerlo. Registro IV: l’ascia qui rappresentata ha una lama arrotondata, già vista nell’assedio nella tomba di Khaemheset (Fig. 53). MR.eB. 2) Nella tomba, sul muro sud-est783, un'altra scena (Fig. 57) presenta, sotto una processione di donne una marcia di alcuni assistenti che, come nella raffigurazione del muro nord-ovest, trasportano una portantina e una serie di armi. Il primo individuo raffigurato stringe una mazza con la mano sinistra e un arco armato con la destra, seguito dai quattro trasportatori della portantina e due altri assistenti. Dietro questi, un uomo armato di scudo, simile per forma a quello rinvenuto sul muro nord-ovest, e ascia con lama a mezzaluna, stretta nella mano destra, è seguito da un individuo vestito con un lungo gonnellino e una mantellina sulle spalle, mentre stringe un ascia di forma che potrebbe ricordare la lama convessa (A 3). La processione termina con due individui, il primo armato con un In questo caso, come vedremo più avanti per alcune rappresentazioni di Mentuhotep II (Fig. 79, Fig. 80), le mani che stringono le armi non sono sempre coerenti con il realismo della rappresentazione: non è inusuale che gli individui rappresentati avessero due mani sinistre o due mani destre, invece di una mano sinistra e una destra. 781 Questa mia supposizione è confermata da una rappresentazione di caccia presente nella tomba di Senbi a Meir (Fig. 58) 782 Consultare il capitolo 2 per la definizione di questa tipologia 783 Newberry (1893-1894), Part I: pag 38-39 780 179
  • 180. lungo bastone stretto nella mano destra, mentre il secondo, non completo a causa del degrado della rappresentazione, con una lancia nella mano sinistra e un arco in quella destra, sebbene quest’ultimo è visibile solo per un frammento del flettente inferiore. Fig. 57: Rappresentazione del muro sud-est della tomba di Tehutihetep da Newberry (18931894), Part I 180
  • 181. Necropoli di Meir (MR.M.): A circa cinquanta - sessanta chilometri a nord di Asyut, la necropoli di Meir, afferente alla città di Cusae784, capitale del quattordicesimo nomo dell’Alto Egitto785, ospita almeno dieci cappelle della quinta dinastia e almeno sei databili al Medio Regno786. MR.M. 1) Tra quelle del Medio Regno, la tomba No.1, di Senbi, nomarca della dodicesima dinastia, vissuto probabilmente durante il regno di Amenemhat I787, è una cappella di sette metri per sette circa788. Nella zona centrale del registro I (Fig. 58) della raffigurazione presente sul muro nord, è mostrata una rappresentazione degli oggetti inumati con il defunto, da utilizzare nell’aldilà789. Tra questi oggetti sono evidenti due grandi scudi, identici per forma a quelli rappresentati alla tomba di Tehutihetep (MR.eB. 1): grandi scudi rettangolari con l’estremità superiore arrotondata, e non a sesto acuto come quelli raffigurati nella tomba di Kheti II (MR.At. 1). Non escluderei che questa differenza non sia casuale, ma forse dovuta alla zona di utilizzo dello scudo stesso. Gli scudi con estremità a sesto acuto è possibile facessero riferimento al tredicesimo nomo, mentre quelli con estremità arrotondata erano presenti nel quindicesimo e del quattordicesimo nomo. Sebbene non ci siano prove a supporto di questa ipotesi, è possibile che ogni nomo avesse una tipologia di scudo, forse caratteristica o che il tredicesimo utilizzasse uno scudo con una forma leggermente diversa rispetto alle altre zone, forse con l’intento di differenziarsi. A destra degli scudi, nella zona superiore è evidente una custodia con almeno tre lance, di cui si intravede una punta a forma di foglia larga. Sotto queste, due archi armati a doppia curvatura precedono due archi di tipo semplice e tre asce: due con lame a smerlo e una con lama a mezzaluna e un cilindro con un’estremità conica, identico all’oggetto rinvenuto sulle spalle dell’ultimo assistente nella tomba di 784 Beinlich (1984), Band V: pag 73-74 Blackman (1914), Vol 1: pag 1 786 Per una breve descrizione delle cappelle, consultare Blackman (1914), Vol 1: pag 7-9 787 Baines (2000): pag 123 788 Blackman (1914), Vol 1: pag 21 789 Blackman (1914), Vol 1: pag 21 785 181
  • 182. 182 Fig. 58: Decorazioni sulla parete nord della tomba di Senbi, da Blackman (1914), Vol 1
  • 183. Tehutihetep (MR.eB. 1)790. Le asce hanno una struttura convenzionale con la lama infilata in un manico corto, che presenta anche una guardia difensiva all’altezza dell’impugnatura. Nel registro inferiore, invece, è evidente una scena di lotta tra tre coppie di individui, concettualmente simile a quella rinvenuta nella tomba di Ptah-hotep (v AR. 3, Fig. 46), a quella riferibile a Sahure (v AR. 5, Fig. 49) e in alcune tombe di Beni Hassan, che tratteremo più avanti. Personalmente ritengo che questa scena rappresenti una sequenza di lotta tra due individui, i quali sono intenti a compiere delle prese, finalizzate a proiettare l’avversario e a immobilizzarlo. Il primo tempo figurativo mostra un combattimento con l’individuo a destra, stante, intento a stringere l’avversario tra le braccia, avendolo afferrato con entrambe le mani sotto l’ascella sinistra. Quest’ultimo ha il busto piegato in avanti con un inclinazione di circa quarantacinque gradi, mentre tiene con la mano destra la gamba destra del primo, leggermente alzata da terra, e poggia la mano sinistra791 all’altezza della cavità poplitea sinistra del suo avversario792. È importante anche notare la posizione delle gambe del combattente di sinistra: la destra è in avanti in modo da dare stabilità al corpo nonostante la posizione avanzata del busto, e la sinistra è indietro, con il tallone sollevato in modo che solo le dita del piede sinistro poggino per terra. A mio avviso questa posizione non è casuale, ma indica un movimento specifico: la gamba sinistra offre stabilità in modo che la spinta del busto faccia cadere l’avversario, il quale ha un unico punto d’appoggio (è stato detto che la sua gamba destra è leggermente sollevata da terra). La spinta, inoltre, è agevolata dal movimento traente degli arti superiori, che provoca una rotazione delle gambe dell’avversario e la caduta. 790 Quest’elemento è presente anche sul muro est di questa tomba, che tratteremo più avanti e molto probabilmente rappresenta una faretra. 791 Il braccio sinistro dell’individuo di sinistra è raffigurato tra alle gambe del suo antagonista. 792 Ritengo che questa posizione non sia casuale, ma finalizzata a proiettare l’avversario. Infatti la mano in quella posizione, unitamente ad un movimento di trazione delle braccia, favorirebbe il piegamento delle gambe e la conseguente perdita d’equilibrio. 183
  • 184. Nella seconda scena vediamo il lottatore di destra con il bacino e il braccio sinistro per terra, mentre il suo avversario è posizionato sopra di lui. Questo potrebbe rappresentare l’esito positivo della proiezione prima descritta. La posizione del secondo lottatore è interessante: la sua gamba sinistra, con il piede che poggia per terra, è intrecciata alla destra dell’avversario, la quale è sollevata e sostenuta dalla mano destra del secondo lottatore. La mano sinistra ha lasciato cavità poplitea della gamba sinistra avversaria, per poggiare sul busto dell’avversario, mentre il gomito preme all’altezza del pomo d’Adamo del primo lottatore. La posizione del gomito sinistro è evidentemente finalizzata a immobilizzare il combattente di destra con un possibile gesto di soffocamento. Nella terza scena, quest’ultimo riesce liberarsi, girando la parte posteriore del bacino verso l’alto e poggiando la gamba sinistra per terra, mentre la mano sinistra è a terra. A causa di questo movimento, entrambe le gambe del secondo lottatore sono sollevate da terra793. In questo caso, quindi, ritengo che la rappresentazione mostri una tipologia precisa di presa, seguita da un metodo di immobilizzazione dell’avversario e il procedimento per liberarsi da quest’ultimo. Sul muro est della stessa tomba (Fig. 59) è presente una scena di caccia in cui Senbi, seguito da un'altra persona, forse suo figlio794, tende la corda di un arco semplice con la mano, mentre stringe nella stessa altre tre frecce. La parte interessante di questa rappresentazione è sicuramente il compagno di Senbi. Lui impugna nella mano sinistra un’ascia con lama a smerlo e un pugnale inserito nella cintura. Inoltre, appeso al braccio sinistro, è evidente una cinghia che lega lo stesso oggetto cilindrico rinvenuto nella tomba di Tehutihetep (MR.eB. 1) e sul muro sud della stessa tomba di Senbi. È in questa rappresentazione che diventa evidente come l’oggetto in questione sia una faretra, in quanto presenta delle frecce che fuoriescono dalla parte superiore 793 Avendo le gambe sollevate da terra, il lottatore perde aderenza e quindi forza ed efficacia nella presa. Questo è evidenziato anche dalla posizione della sua gamba sinistra. Nella scena precedente quest’ultima era intrecciata all’arto inferiore destro dell’avversario, ma poggiava il piede per terra, definendo una posizione di stabilità. In questa scena invece la gamba è letteralmente intrecciata al quella dell’avversario. Questo implica la perdita del punto d’appoggio per terra, rendendo inutile la sua posizione. 794 Blackman (1914), Vol 1: pag 31 184
  • 185. 185 Fig. 59: Frammento della rappresentazione presente sul muro Ovest della tomba di Senbi, da Blackman (1914), Vol 1
  • 186. del cilindro, strette tra le mani del compagno di Senbi, intento forse a impugnarle per poterle passare al nomarca. Per quanto si tratti di una scena di caccia, che nulla ha a che fare con gli aspetti bellici trattati in questa tesi, la presenza della faretra con questa forma risulta essere interessante, in quanto è facile immaginare che quelle usate in guerra avessero una forma simile. Inoltre, in questa rappresentazione, l’aiutante di Senbi stringe un’ascia con lama a smerlo e questo potrebbe lasciar intendere che, come abbiamo visto per alcune opere databili al predinastico, questa scena possa essere un allegoria di una battaglia o quanto meno una prova della forza militare del nomarca. MR.M. 2) Nelle strette vicinanze della tomba di Senbi, la tomba No.2 apparteneva a suo figlio Ukh-hotp anch’egli normarca. La struttura era di forma rettangolare di circa dieci metri di lunghezza e sette di larghezza795 e presenta altre rappresentazioni in alcuni casi simili a quelle presenti nella tomba del padre. Sul muro nord è presente una rappresentazione divisibile in tre scene figurative796. All’estrema sinistra, ad est, sono evidenti tre registri, preceduti dalle gigantografie di Ukh-hotp e sua moglie. Il primo registro (Fig. 60) presenta una scena di lotta corpo a corpo che originariamente doveva prevedere almeno quattro coppie di lottatori, tuttavia lo stato di degrado della rappresentazione non ci permette di ricostruirla completamente, ma possiamo solo valutare la prima coppia e in parte la seconda, di cui è visibile solo il busto di uno dei due soldati, con testa all’ingiù e le gambe del suo antagonista. La prima coppia, invece, è la rappresentazione di una proiezione nell’attimo di massima altezza. Il combattente rivolto verso destra, stringe la testa del suo avversario tra il braccio destro e il torace, mentre il corpo di quest’ultimo è sollevato da terra e sotto sopra, come se stesse per essere gettato con la schiena per terra. Qui è evidente una forte somiglianza con la proiezione riconosciuta in un blocco della rampa d’accesso alla piramide di Sahure, analizzata precedentemente (v AR. 5, Fig. 49). 795 796 Blackman (1915), Vol 2: pag 9 La zona ovest, la zona centrale e la zona est. 186
  • 187. Fig. 60: Rappresentazione sul muro nord della tomba di Ukh-hotp, da Blackman (1915) 187
  • 188. Necropoli di Beni Hassan (MR.BH.): La necropoli di Beni Hassan797, situata nel sedicesimo nomo dell’Alto Egitto798, è una tra le province più ricche di tutta la valle del Nilo, posizionata tra quello della Lepre (il quindicesimo nomo) e quello dello Sciacallo (il diciassettesimo nomo)799 a circa venti km a sud di el-Minya800. La necropoli, collocata su due terrazze della riva ovest del Nilo, è scavata nella roccia e presenta circa trentanove tombe,801 databili all’Antico802 e al Medio Regno. MR.BH. 1) Tra queste, ci sono alcune che mostrano rappresentazioni803 di grande interesse dal punto di vista militare. La prima è la tomba No. 2, posizionata nella terrazza settentrionale e appartenuta al nomarca Amenemhat, chiamato anche Ameni804 e vissuto durante il regno di Sesostri I805. Sulla parete d’entrata, a est, e su quella di fondo, a ovest, sono presenti una serie di rappresentazioni disposte su più registri e interrotte solo dal vano della porta. Parete Ovest: Nella sezione settentrionale del muro ovest, la raffigurazione ( 797 Junge (1975), Band I: pag 695-698 Pirelli (1999): pag 169-170 799 Kanawati (2011): pag 5-8 800 La distanza è approssimativa perché le fonti sono discordanti. Per Baines (2000) sono ventitre chilometri e per Kanawati (2010) sono venticinque. Si è scelto, quindi, di lasciare una distanza approssimativa. 801 Kanawati (2010): pag 6 802 Alcune delle tombe più antiche furono, in seguito, riusate durante il Medio Regno. Kanawati (2010): pag 5 803 E’ molto probabile che ciascuna scena di ogni tomba sia stata elaborata da più di un solo artista. Kanawati (2010): pag 69 804 Newberry (1893): pag 11 805 Newberry (1893): pag 24 798 188
  • 189. ) è divisa in sette registri. Nei primi due registri è raffigurata un’officina nella quale si lavora alla realizzazione di coltelli e sandali (I registro), archi, frecce, cesti e vasi806 (II registro). All’estremità sinistra del II registro si osserva il metodo di lavorazione e piegatura degli archi: di otto doghe, quattro risultano dritte, mentre le altre 806 Newberry (1893): pag 31 189
  • 190. Fig. 61: Dettaglio della parete ovest, nella tomba di Amenemhat a Beni Hassan, da Newberry (1893) quattro807 presentano la doppia curvatura. Sotto le otto doghe, in una doppia scena, sono rappresentate prima la levigatura dei flettenti e poi la piegatura. Un uomo accovacciato stringe una delle due estremità della doga e posiziona l’altra su un oggetto di forma trapezoidale, probabilmente un piano d’appoggio per iniziare la levigazione. Successivamente l’arco viene passato attraverso un oggetto parabolico, sfruttato per piegare la doga e conferirgli la forma tipica dell’arco. Parete Est808 La parete presenta diverse scene militari, realizzate sia a destra che a sinistra della porta che permetteva l’accesso alla tomba. Nei registri superiori della metà nord (Fig. 62), centrale e sud (Fig. 64) sono raffigurate cinquantanove scene di combattimento corpo a corpo, a mani nude, paragonabili a quelli delle tombe di Ptah-hotep (Fig. 46), di Senbi (Fig. 58) e di Ukh-hotp (Fig. 60), e a quelle della rampa d’accesso alla piramide di Sahure (Fig. 49), mentre nell’ultimo registro è presente una raffigurazione marittima con un iscrizione. A differenza della rappresentazione rinvenuta nella tomba di Senbi, ma analogamente alle altre analizzate, qui sembra non esserci una sequenza tra una proiezione e l’altra. Questo lascerebbe intendere che non ci sia una successione temporale tra una scena e quella seguente, ma che siano semplicemente degli esempi di combattimento corpo a corpo, forse finalizzati alla trasmissione 807 808 Due posizionati sopra le quattro doghe dritte e due sotto. Kanawati (2010): pag 23 190
  • 191. dell’idea di lotta, piuttosto che a una progressione dimostrativa, come ipotizzato per la tomba di Senbi809. Nei registri IV e V, sia a nord che a sud della porta, abbiamo una rappresentazione militare. Fig. 62: Particolare nord della parete est della tomba di Amenemhat a Beni Hassan, da Newberry (1893) A nord (Fig. 62) è una scena di assedio, con la fortezza assediata rappresentata al centro, che occupa in altezza entrambi i registri. La fortezza ha una forma rettangolare, con una base trapezoidale e merlature ondulate sulla sommità; quest’ultima presenta lungo gli orli una serie di elementi aggettanti dai quali si sporgono cinque o forse sei soldati, armati con scudo, archi e probabilmente delle pietre (il primo soldato da destra, il terzo e il quinto): munizioni facilmente 809 A causa dell’elevato numero di individui rappresentati, per l’elevata somiglianza con le scene di combattimento fino a ora analizzate e per non essere dispersivi, si sceglie di non descrivere singolarmente ogni coppia presente. 191
  • 192. reperibili ovunque e utilizzabili anche in un assedio810. A differenza della fortezza della tomba di Inti (Fig. 52), questa è mostrata chiusa, senza registri figurativi interni. Registro IV: a sinistra della fortezza, sono raffigurati tre arcieri, due intenti a tendere l’arco, mentre il centrale lo sta armando811. Davanti ai due arcieri è una doppia serie di quattro frecce infilate nel terreno e incrociate tra loro, in modo da poter essere facilmente prese ed utilizzate. Da notare è l’assenza della faretra, che nelle altre scene di combattimento è raffigurata a tracolla del soldato. In un assedio, invece, gli arcieri agivano come reparto fisso, a differenza della fanteria, e per questa ragione è probabile che le frecce venissero posizionate per terra, in modo da agevolarne l’utilizzo Tuttavia, come vedremo più avanti, nella tomba No. 15 di Beni Hassan (Fig. 66) e di Intef (Fig. 76) l’uso di faretre negli assedi è attestato e sono poggiate a terra davanti agli arcieri. Nel registro IV della tomba di Ameni, il secondo dei soldati porta una piuma in testa, elemento che richiama l’iconografia dei nubiani812. Si potrebbe forse ipotizzare che i soldati qui rappresentati appartenessero ad un reparto ausiliario o di mercenari e che questi corpi militari non usassero trasportare le frecce in faretre. Allo stato attuale, tuttavia, non abbiamo elementi sufficienti per suffragare questa ipotesi. A destra della fortezza è raffigurata una marcia di quattro soldati armati con uno scudo rettangolare con estremità arrotondata, ascia a smerlo e archi. I primi due portano due archi: il primo tende l’arma, mentre il secondo ne trasporta una con la mano sinistra, mentre tiene nella destra un astuccio, forse una faretra813. 810 Curto (1965): pag 7 Qui è evidente la tecnica utilizzata per armare un arco: poggiando il flettente a terra o sul uno dei due piedi, con il ginocchio si imprimeva una forza sulla toga in modo da piegarla e agevolare la tensione verso il basso della corda. Il fatto che il primo e il terzo arciere siano intenti a scagliare frecce, potrebbe lasciar pensare che l’armamento di quest’arco non sia in preparazione della battaglia, ma sia avvenuto proprio durante la stessa. E’ stato detto nel secondo capitolo che la corta era di un materiale organico e che facilmente poteva rompersi, a causa delle continue tensioni a cui era sottoposta. Quindi è probabile che questa rappresentazione mostri, appunto, un esempio di sostituzione della corda di un arco durante un assedio. 812 Wildung (1997): pag 143-157, in particolare pag 153; Per approfondimento sull’aspetto etnografico e iconografico degli egiziani nei confronti degli stranieri e in particolar modo con i Nubiani, consultare Smith (2003). 813 È possibile una somiglianza con la scena di caccia presente nella tomba di Ukh-hotp (Fig. 59). Non è da escludere che il secondo personaggio, qui rappresentato, avesse la stessa funzione dell’aiutante presente nella raffigurazione della tomba di Ukh-hotp. In questo caso, l’assistente, 811 192
  • 193. Registro V: un cane precede la marcia di quattro soldati. I primi due a sinistra sono armati con un’ascia dalla lama a smerlo e un’asta814, il terzo con uno scudo rettangolare con estremità arrotondata, ricoperto con pelle animale, e un ascia con lama a smerlo, mentre il quarto è armato con arco ed è intento a scoccare una freccia. A destra della fortezza la marcia è composta da due arcieri alle due estremità, mentre al centro è un elemento che ritroveremo anche in altre rappresentazioni di Beni Hassan: due soldati all’interno di una struttura che, nella raffigurazione bidimensionale, appare scudiforme; si tratta probabilmente di una “macchina da guerra” abbastanza grande da contenere due soldati o più soldati815, utilizzata durante l’assedio per coprirsi dalle frecce. I due, raffigurati in questa rappresentazione, dovevano cooperare per manovrare una grande asta che raggiungesse la sommità della fortezza assediata. Quest’elemento potrebbe rappresentare una lunga lancia, usata per colpire i nemici arroccati sulla sommità delle mura. La presenza della lancia induce a ipotizzare che la cupola presentasse dei fori o delle aperture, attraverso le quali manovrare l’arma. Questa considerazione è supportata da Fig. 63: Particolare della raffigurazione presente nel tempio di Ramses III a Medinet Abu, da Wresziski (1927) Zweiter Teil: Talef 4 alcuni elementi simili, rappresentati nel tempio di Ramses III a Medinet Abu, alla base di una fortezza asiatica assediata816 (Fig. 63). Nella metà sud della parete (Fig. 64), i primi tre registri sono occupati da scene di lotta corpo a corpo (v. supra nota811), mentre gli ultimi due presentano scene di marcia militare e scontri armati. trasporterebbe un arco di riserva e una faretra con le frecce, per l’uomo alla sua sinistra, intento a tendere l’arma. 814 Impossibile definire il tipo di arma: se toga, lancia o giavellotto. 815 Badawy (1990): pag 179 816 Wreszinski (1927), Zweiter Teil: Talef 109 193
  • 194. Registro IV: da dodici soldati, contrapposti in due schieramenti. Fig. 64: Dettaglio della metà meridionale della parete est della tomba di Amenemhat a Beni Hassan, da Newberry (1893) Il primo gruppo di sette soldati marcia verso destra ed è composto da cinque fanti, armati di ascia a smerlo, lance e bastoni ricurvi, che si alternano a due arcieri in posizione di tiro. L’ultimo del gruppo, vestito con un gonnellino lungo fino al ginocchio, presenta anche un corpetto addominale sotto le bande incrociate all’altezza del petto. Questo soldato è nella posizione del colpitore, armato di ascia a smerlo e scudo rettangolare con estremità arrotondata, ricoperto di pelle d’animale. Interessante notare la presenza di una coda, che abbiamo già visto essere un elemento distintivo di regalità. È possibile che l’uomo rappresentato sia 194
  • 195. il titolare della tomba e che abbia voluto utilizzare un emblema di potere come la coda817. A quest’ultimo si contrappone un individuo armato di lancia e seguito da un altro fante, anch’egli rivolto verso sinistra, equipaggiato con scudo grande e ascia a smerlo, nella stessa posizione del settimo soldato della rappresentazione, seguito da due lancieri e un arciere; la sua figura non si è conservata completamente per cui l’arma non è visibile, ma solo ipotizzabile per la presenza della faretra stretta nella sua mano destra. La scena del Registro V presenta altri dodici individui. I primi due sono rivolti verso destra: un fante, armato di ascia a smerlo, pugnale legato alla vita e scudo, in posizione del colpitore, e un arciere con arco teso. Il terzo soldato è armato di lancia, pugnale in vita e bastone con estremità ricurva, anch’egli nella posizione del colpitore; con l’altra mano, invece, spinge la lancia nel fianco del suo antagonista, posizionato davanti a lui; quest’ultimo ha lo stesso armamentario del suo avversario, ma il suo braccio è parallelo al fianco; con la mano sinistra stringe il bastone, mentre con la destra stringe una lancia e, come il suo nemico, tenta di colpirlo con l’arma. Segue un soldato equipaggiato con lancia, ascia e pugnale, posizionato dietro ad un arciere che tende l’arco verso i nemici. Qui sono rappresentate due frecce in volo verso i due uomini alla sua destra. Questi elementi decorativi sono molto importanti: a differenza delle altre rappresentazioni fino ad ora incontrate, per la prima volta, viene trasmessa dalla scena una percezione di movimento: unita all’interazione dei personaggi e delle loro posizioni, sì statiche, ma finalizzate a un gesto implicito. I due individui posti davanti all’arciere sono rivolti verso sinistra. La scena che trasmettono, tuttavia, è particolare e la troveremo riproposta, simile, nella tomba No. 15 (Fig. 66): un uomo è carponi, e il soldato dietro di lui è piegato in avanti con la sua arma, un bastone ricurvo, poggiata sulla schiena del primo dei due. Qui ritengo sia possibile interpretare la scena con due verosimili spiegazioni: • L’uomo in piedi e rivolto verso sinistra è un nemico del primo soldato. Interviene in soccorso dell’individuo carponi. La posizione della sua arma 817 Ad ora, però, questo elemento non è altrimenti attestato in nessun altra raffigurazione del Medio Regno. 195
  • 196. è solo casuale e indica che il combattimento con il suo avversario è ancora in svolgimento. • Il soldato inginocchiato è un traditore e viene, quindi, colpito alle spalle durante la lotta e, in risposta, l’arciere interviene in soccorso di quest’ultimo, scagliando due frecce verso chi lo ha colpito alle spalle818. Seguono, infine, tre soldati rivolti verso sinistra e rappresentati secondo una grafica diversa rispetto agli altri fino ad ora descritti: capelli neri lunghi, colorazione più chiara e un gonnellino con decorazione ad onde orizzontali. L’iconografia con cui sono rappresentati lascia intendere che si tratti di asiatici, impiegati in questo caso ausiliari dell’esercito e armati con bastoni e lance per gli ultimi due e un ascia, per il primo. La presenza di questi soldati, implicherebbe, l’uso di mercenari o alleati non egiziani per lo scontro. Provando, quindi, la collaborazione con altri popoli per lo scontro bellico. Il VI registro presenta una scena marittima e un iscrizione simile per entrambe le sezioni della parete. Interessante notare che l’iscrizione sulla porzione nord descrive un viaggio verso sud819 (da sinistra verso destra, controcorrente rispetto all’andamento del Nilo, come dimostrano le vele spiegate), e i registri superiori mostrano un assedio, coerentemente con la presenza di soldati nubiani (Fig. 62), mentre sulla sezione sud viene descritto un viaggio verso nord820 (con le imbarcazioni con le vele chiuse, seguendo il corso del fiume) e una rappresentazione di uno scontro armato contro dei nemici, aiutati da alleati asiatici (Fig. 64). Le fonti a disposizione sono limitate, ma è possibile che queste rappresentazioni mostrino delle battaglie realmente avvenute sia contro dei nemici meridionali che contro nemici settentrionali. A supporto di quest’ipotesi, nella biografia di Ameni, viene raccontato che il nomarca partecipò a tre spedizioni militari verso la Nubia, 818 Sarebbe possibile una terza interpretazione, che tuttavia ritengo non essere verosimile: l’uomo inginocchiato è stato colpito alle spalle dal soldato in piedi, rivolto verso sinistra, e il colpo sarebbe graficamente ancora visibile con l’arma sulla schiena del soldato a terra. Questo implicherebbe che i due soldati in piedi abbiano collaborato per combattere l’avversario; una scena simile, quindi, a quella messa in evidenza nella tomba di Inti (v. AR. 6, Fig. 52), dove due soldati combattono contro un unico avversario. Tuttavia le frecce scagliate verso il fante ritengo possano evidenziare l’infondatezza di questa possibile interpretazione. 819 “Viaggiamo verso nord per portare i beni di Busiris al principe governatore […] Amenemhat” 820 “Viaggiamo verso sud per portare i beni di Abydos, al principe governatore […] Amenemhat” 196
  • 197. nelle quali impiegò almeno mille uomini821 provenienti dal sedicesimo nomo, così come è mostrato sulla sezione nord della parete est, mentre nella bibliografia non viene fatto alcun riferimento a scontri militari verso nord, in contraddizione con le scene militari presenti nella sezione sud della parete est. Fig. 65: Rappresentazione mutila e frammentaria della tomba No. 14 di Beni Hassan MR.BH. 2) Sul muro est della quattordicesima tomba è presente una rappresentazione mutila e frammentaria822 (Fig. 65). Purtroppo lo stato di conservazione di questa scena rende impossibile una ricostruzione anche teorica dei vari registri che conteneva823, tuttavia gli elementi che sono sopravvissuti risultano essere interessanti: alla destra di uno dei frammenti della rappresentazione è presente un altro esempio di soldato intento ad armare l’arco, così come nella sezione nord della tomba No. 2 (Fig. 62). Nella fattispecie si nota un soldato, rivolto verso sinistra, poggiare il flettente inferiore sotto al piede e con entrambe le mani operare vicino al cappio superiore, in modo che tiri la corda, tenuta stretta nella mano destra; inoltre è preceduto da un arciere con arco armato in corsa e il braccio alzato. La sua postura, tuttavia, risulta essere particolare e 821 Dalla sua biografia sappiamo che furono impiegati quattrocento uomini per la seconda spedizione e seicento per la terza, mentre per la prima non è presente il numero di soldati impiegati. Newberry (1893): pag 25 - 26 822 Newberry (1893): pag 85 823 Newberry ipotizza l’esistenza originaria di sei registri, ma in mancanza di una foto o di una prova tangibile, non è possibile provare quest’affermazione. 197
  • 198. come vedremo in altre rappresentazioni (v. MR.BH. 3, Fig. 69 e Fig. 70) sono presenti altri arcieri ritratti in una posa simile. Un altro frammento mostra un gruppo di soldati armati di asce a smerlo, mentre marciano verso sinistra. Un terzo frammento mostra due soldati, armati con ascia a smerlo e uno scudo rettangolare con l’estremità superiore arrotondata. A differenza della scena precedente, questi soldati non sono solo armati anche di scudo, ma presentano delle bande, probabilmente di cuoio, sul busto824 e un pugnale stretto in vita. Il primo di questi due soldati è nella posizione del colpitore, quindi è lecito pensare che sia rivolto verso un avversario che, originariamente, doveva essere presente nella raffigurazione. Sulla parete sono presenti anche degli stranieri, armati con archi e ascia, e raffigurati in marcia davanti ad un arciere egiziano e questo potrebbe indicare il loro status di “alleati” tra le fila egiziane. Un altro frammento ci mostra quattro corpi rappresentati orizzontali al suolo, probabilmente dei caduti, e un arciere piegato verso di loro, seguito da un soldato armato di scudo, decorato con pelle animale, e ascia rivolta verso il basso. Questa scena potrebbe rappresentare la conta dei caduti e l’ascia, rivolta verso il basso, ritengo possa essere un segno di riverenza o lutto. MR.BH. 3) Nella tomba No.15, appartenuta al governatore Baqet III825, su tutta la parete est della camera principale è presente una grande raffigurazione (Fig. 66) con nove registri, tutti riguardanti il mondo militare826. I primi sei registri mostrano una serie di combattimenti corpo a corpo tra diverse coppie827 di individui. Come abbiamo visto già per altri esempi, anche qui in 824 A differenza delle rappresentazioni fino a ora analizzate, queste bande non si incrociano, ma corrono quasi parallele verso l’addome, quasi fossero delle bretelle, e si agganciano ad una cintura addominale orizzontale. 825 Per la sua titolatura consultare Newberry (1894): pag 43 826 Qui è necessaria una doverosa premessa: la bibliografia a disposizione su questa rappresentazione è limitata a Newberry (1894) e Kanawati (2001) e in entrambi i testi non è presente una foto in dettaglio del muro Est della tomba, ma solo una ricostruzione disegnata di Newberry che, per quanto dettagliata, non mette in risalto alcuni dettagli che potrebbero essere importanti. 827 Per il primo registro sono contate trentacinque coppie di individui, trentotto per il secondo, quarantadue per il terzo, quarantatre per il quarto, trentuno per il quinto e trentuno per il sesto, per un totale di duecentoventi coppie e, quindi, quattrocentoquaranta individui rappresentati, nessuna delle quali sembrerebbe essere la ripetizione di un’altra. 198
  • 199. 199 Fig. 66: Raffigurazione presente sulla parete est della tomba No. 15 di Beni Hassan, da Newberry (1894)
  • 200. alcuni casi è evidente una sovrapposizione di arti tra due o più coppie828 e questo potrebbe suggerire che la finalità di queste scene sia legata alla trasposizione di diverse di tecniche di combattimento, idea supportata anche dall’analisi individuale delle coppie. Infatti, sebbene le prime due coppie del primo registro sembrino indicare un momento di inizio alla lotta e di preparazione alla stessa, le altre non presentano una coerenza sequenziale, ma piuttosto sembrano essere scene singole di un momento specifico del combattimento, indipendente dalla coppia che la precede e/o la segue. Personalmente ritengo che questa raffigurazione mostri circa duecentoventi possibilità di prese, finalizzate alla proiezione, ciascuna riferibile a una sola tipologia di lotta, coerente con un determinato stile di combattimento, a noi sconosciuto829. È lecito pensare che tra queste numerose prese esistano evidenti similitudini grafiche, come ad esempio tra la coppia sette e la coppia dieci del primo registro, ma questo potrebbe definire semplicemente una possibile variante della stessa tipologia di presa830. La quantità di esempi presenti in questa rappresentazione, ma anche gli altri che abbiamo fin ora incontrato (v. AR. 3, AR. 4, MR.M. 1, MR.M. 2 e MR.BH. 1) e le altri presenti a Beni Hassan che tratteremo in seguito, indicherebbe, appunto, l’elevata capacità di adattamento di questo presunto stile di combattimento e quindi un ipotizzabile largo utilizzo nell’ambito militare e non solo per l’addestramento dei soldati. I registri VII e VIII mostrano l’assedio a una fortezza nemica, molto simile alla rappresentazione rinvenuta nella tomba No. 2 (v MR.BH. 1), anche se molto più ampia e dettagliata. Come nella Fig. 62, anche qui la fortezza occupa entrambi i registri e ogni individuo rappresentato, sia fuori che sulla sommità della fortezza, è vestito allo stesso modo: con gonnellino da guerra e una colorazione della pelle rossa e capelli neri, tranne per alcuni individui rappresentati con gonnellini e una colorazione diversa rispetto a quelli usati per gli egiziani. 828 Si fa riferimento alla seconda e alla terza coppia, presente nel terzo registro, partendo da destra oppure alla sesta e settima coppia del quarto registro, sempre partendo da destra. 829 Personalmente ritengo che sarebbe molto interessante, basandoci su queste rappresentazioni, poter ricostruire in modo generale una possibile arte marziale propria degli egiziani. 830 Bisogna infatti pensare che in un combattimento corpo a corpo, oggi come allora, usare delle prese standard, senza riuscire ad adattarle alle esigenze che la lotta stessa possa richiedere, risulti controproducente. 200
  • 201. La sua forma della fortezza è simile a quella rinvenuta sul muro est della tomba di Ameni (Fig. 62): rettangolare con basi sporgenti e bastioni ondulati o merlati. Sulla sua sommità sono presenti circa nove soldati, alcuni armati di arco. Lo stato di conservazione della rappresentazione non ci permette una chiara ricostruzione di tutti questi soldati, ma così come per la tomba di Ameni, è possibile che il nono individuo da sinistra sia rappresentato nell’atto di scagliare una pietra. Nel registro VII, partendo da sinistra, è presente un cane831, precedere un arciere chino a prendere delle frecce da una faretra o a poggiare la stessa per terra. Seguono quattro arcieri: il primo, il terzo e il quarto in posizione di tiro, l’ultimo inginocchiato. Il secondo arciere, invece, poggia il ginocchio sull’asta per armarlo832. Avanti alle sue gambe, così come avanti al primo arciere del gruppo, sono presenti due fasci di frecce incrociati e infilate nel suolo, proprio come è evidente nella tomba No. 2 (Fig. 62). Fig. 67: Dettaglio 1 della tomba No. 15 di Beni Hassan Alla destra della fortezza, l’interruzione viene ripresa con una nuova marcia di diciassette soldati, tutti rivolti verso sinistra, in direzione proprio della fortezza. Un arciere è intento a scoccare la freccia, seguito da sei soldati (Fig. 67), divisi in due gruppi da tre, il cui aspetto è completamente diverso rispetto agli individui rappresentati in questa parete e presentano un gonnellino con decorazione simile a quelli indossati dai tre soldati asiatici ausiliari presenti nella tomba di Ameni. 831 Come abbiamo visto, Il cane è presente anche nella tomba di Ameni (Fig. 62) In questo caso l’arco risulta già armato e questo potrebbe indicare che l’arciere sia ritratto ad armamento avvenuto, nell’istante in cui sta levando il ginocchio dal corpo dell’arco. Come vedremo nell’ottavo registro è possibile che esista un passaggio successivo alla tensione della corda. Quest’ultima, una volta agganciata a entrambi i flettenti, andava annodata con diversi giri, come descritto nel secondo capitolo. Questo passaggio, probabilmente, viene mostrato due volte proprio in questa rappresentazione. 832 201
  • 202. Il primo è armato con un bastone da lancio e un arco, mentre il secondo e il terzo presentano una sorta di lazzo tra le mani, probabilmente delle frombole. Il secondo gruppo è guidato da un soldato il cui braccio sinistro non è conservato ed è quindi impossibile definire la sua arma, mentre il secondo è armato con una mazza con l’estremità arrotondata e un oggetto stretto nella mano sinistra e poggiato sulla spalla, forse un’altra frombola. Il sesto tra questi soldati ha un armamento simile a quello usato dagli egiziani: scudo rettangolare con estremità arrotondata e ascia con lama arrotondata. Fig. 68: Dettaglio 2 della tomba No. 15 di Beni Hassan A questi due gruppi segue una marcia di cinque arcieri e un fante armato di scudo e bastone (Fig. 67). I primi due arcieri sono intenti ad armare l’arco: il primo poggia l’arma per terra e spinge con il ginocchio sull’asta, per agevolare la piega, mentre il secondo è intento a completare il nodo della corda sul flettente. Entrambi gli arcieri, davanti ai loro piedi, hanno due faretre incrociate, nella stessa posizione delle frecce rappresentate nella prima metà del settimo registro. Qui è evidente quella differenza a cui ho accennato precedentemente per quanto concerne la rappresentazione dell’assedio, trattato con la tomba No. 2 (Fig. 62). Quattro faretre sono rappresentate nella stessa posizione delle frecce infilate nel terreno. La differenza, probabilmente, era legata al tipo di arciere rappresentato, probabilmente un soldato ausiliario, il cui equipaggiamento non prevedeva il trasporto delle frecce in faretra. Il fante armato di scudo e bastone è seguito da tre soldati con delle grosse e lunghe faretre sulle spalle, mentre nell’altra mano stringono un asta. Ritengo che la grandezza di questa faretra, alta quasi quanto gli individui stessi contengano dei giavellotti o lance, piuttosto che delle frecce. L’evidente differenza di grandezza tra le faretre, precedentemente descritte, non più alte del ginocchio e queste ultime, ritengo possa essere una prova sufficiente a definire la differente funzione tra queste due tipologie di faretre. 202
  • 203. Il registro VIII, a sinistra della fortezza, presenta una marcia di otto soldati composti da tre arcieri, quatto fanti e un lanciere con scudo. Il primo degli otto è un arciere, stante, con l’arco rivolto verso il basso. La posizione del soldato è simile a quella incontrata nel VII registro e risulta sicuramente particolare, in quanto stringe nella mano sinistra qualcosa, di difficile identificazione. Personalmente ritengo che sia intento a completare il nodo, in modo da legare la corda al flettente dell’arco, ultimo passaggio prima di poter utilizzare l’arma. Fig. 69: Dettaglio 3 della tomba No. 15 di Beni Hassan All’arciere seguono due soldati il cui armamento è mazza con estremità ricurva o forse una testa di mazza oppure ascia con lama arrotondata, graficamente riprodotta male. Avanti a quest’ultimi, segue una coppia di militari armati con scudi rettangolari ed estremità superiore arrotondata, ricoperti di pelle d’animale. Oltre allo scudo il primo soldato è equipaggiato con una lancia e il secondo con un bastone ricurvo, o ascia. Il gruppo successivo è composto da tre individui, due arcieri e un soldato di fanteria, armato con ascia o mazza con estremità arrotondata, stretta nella mano destra. L’ultimo arciere tende l’arco verso la fortezza, proprio come l’ultimo arciere presente nel registro VII, mentre il primo dei tre soldati è con il braccio destro alzato e stringe una faretra nella mano e un arco nella sinistra. Il suo corpo è mostrato leggermente sollevato da terra, con la gamba destra completamente piegata e la sinistra leggermente inarcata, come se stesse compiendo un salto. Questa postura è ripetuta anche alla destra della fortezza, da un gruppo di tre arcieri, ciascuno in una posizione leggermente diversa. Il registro VII, dopo l’interruzione della fortezza, mostra un arciere inginocchiato che tende l’arco. Alle spalle dell’arciere è presente, così come nella tomba No. 2, la riproduzione di un grande scudo o cupola con all’interno dei soldati, mentre manovrano una grande lancia che arriva fino alla sommità della fortezza. La sua 203
  • 204. funzione, come detto, non è chiara, né provata da ritrovamenti archeologici. Tuttavia il fatto che sia presente sia nella tomba No. 2, che in questa, ma anche nella tomba No. 17 (Fig. 73), indica un utilizzo continuato di questa macchina d’assedio. Fig. 70: Dettaglio 4 della tomba No. 15 di Beni Hassan Dietro la cupola, dieci arcieri sono raffigurati in diverse posizioni: i primi due mantengono tendono l’arco verso l’alto. Seguono i tre arcieri a cui si faceva precedentemente riferimento, la cui postura poco chiara. Il primo è rappresentato con la gamba sinistra leggermente flessa e con la destra completamente piegata, mentre la mano sinistra tiene l’arco e il braccio destro è alzato e la mano stringe una piccola faretra. L’arciere successivo, invece, è in ginocchio, con l’arco, stretto nella mano sinistra, quasi poggiato per terra e il braccio destro in alto, come l’arciere che lo precede e lo segue. La postura di quest’ultimo è ancora più particolare: le sue gambe sono entrambe leggermente arcuate, di cui la destra è sollevata da terra, mentre la sinistra poggia sul suolo solo tramite la punta del piede. Il suo busto è proteso leggermente in avanti e presenta una piuma sulla testa, mentre l’arco è tenuto con la mano sinistra, rivolto verso terra. Personalmente ritengo che, se visti in sequenza, questi tre arcieri, sembra quasi stiano compiendo una danza, forse, propiziatoria e beneaugurate per l’inizio dell’assedio, tuttavia non esistono fonti al riguardo né sembra esistano delle iscrizioni egiziane che possano confermare o confutare quest’ipotesi. Questo gruppo di tre arcieri ne precede altri cinque, di cui gli ultimi tre in marcia. Il primo dei cinque è intento ad annodare la corda intorno al flettente, mentre il secondo tende la corda verso il basso, ma senza freccia. Quest’ultimo potrebbe rappresentare il tiro di prova dopo aver annodato la corda, per verificare la correttezza dell’armamento avvenuto. La marcia dei dieci arcieri è chiusa da un fante, armato di ascia con lama arrotondata e scudo, identico per forma agli altri incontrati in questa rappresentazione. 204
  • 205. Così come per il registro superiore, anche in questa parte della scena, sono presenti tre trasportatori di faretre grandi. Ulteriore prova della mia ipotesi sullo scopo di queste faretre, usate per trasportare giavellotti o lance, piuttosto che frecce è data dal secondo di questi tre “trasportatori”. Questo soldato, infatti, oltre a portare la faretra, poggiandola sulla spalla sinistra, come i suoi compagni, nella mano sinistra impugna un arco e almeno due coppie di frecce. Quest’individuo è rappresentato mentre trasporta, verso il luogo d’assedio, due tipologie di armi: l’arco con le frecce e le lance o i giavellotti. La sua funzione e quella degli individui che lo precedono, forse, era quella di rifornire gli assedianti. Proseguendo verso destra, per entrambi i registri, è presente la raffigurazione di due (per il registro VII) e cinque (per il registro VIII) cadaveri stesi per terra. (Fig. 66) Il primo del settimo registro presenta una freccia infilata all’altezza del collo e un arciere sul corpo piegato, forse intento a recuperarla, mentre il secondo cadavere presenta una freccia, o l’asta di una lancia, sporgere dalla testa e un altro soldato è intento a recuperarla. Nell’ottavo registro i copri sono ammassati senza uno schema preciso e sembrano non essere evidenti tracce di armi che ne hanno provocato la morte, forse già recuperate o vittime di armi da taglio. Per entrambi i registri, poi, seguono una serie di scene di combattimento tra diversi soldati che, probabilmente non sono strettamente legate all’assedio fino a ora descritto. Nel VII registro La prima coppia è composta da un individuo che tiene per i capelli un soggetto, proporzionalmente più piccolo, mentre con l’altra mano stringe un pugnale. La scena successiva non è chiara, a causa di un frammento mancante, ma mostra un uomo in piedi, con le braccia protese in avanti e leggermente ricurvo su un uomo inginocchiato, la cui posizione del busto non è ricostruibile. La terza coppia rappresenta la contrapposizione di due soldati armati di bastone, con il soldato sinistro colpito alla fronte dal soldato destro, mentre quest’ultimo non è conservato a causa di un altro pezzo mancante. 205
  • 206. L’ultima delle quattro coppie presenta un egiziano, vestito con gonnellino e bande di cuoio incrociate, mentre sta colpendo con un pugnale il volto uno straniero, vestito con lo stesso gonnellino dei soldati precedentemente descritti (Fig. 67), che cerca di evitare il colpo, poggiando la mano sinistra sul braccio dell’egiziano. L’ottavo registro mostra scene più concitate e complesse. Escludendo la prima coppia, che vede contrapporsi due soldati con uno armato di bastone o lancia e l’altro intendo a difendersi, sono presenti due gruppi composti da tre o più individui. Il secondo insieme vede contrapporsi un soldato rivolto verso sinistra e due rivolti verso destra, con il primo che colpisce con una lancia uno dei due nemici, raffigurato mentre sta cadendo per terra, e il secondo, nella posizione del colpitore, stringe l’asta della lancia usata dal suo avversario con la mano libera. Il terzo gruppo è ancora più elaborato ed è composto da cinque individui, due rivolti verso destra e gli altri verso sinistra. Il primo è armato con una lancia lunga, preceduto da un suo compagno nella posizione del colpitore, mentre stringe con la mano destra l’arma, forse un ascia o un bastone, e con l’altra i capelli di uno dei tre avversari, rappresentato in ginocchio e con il braccio sinistro alzato. Alla destra dell’uomo inginocchiato, sono presenti due soldati rivolti verso sinistra. Il primo è anch’egli nella posizione del colpitore, armato di scudo, e seguito da un altro soldato, in avvicinamento, equipaggiato con ascia o bastone e scudo. Il IX e ultimo registro presenta quarantanove individui, tutti rappresentati con un colore rosso scuro, ad eccezione di cinque soldati, rappresentati con una colorazione più chiara, tutti vestiti con lo stesso gonnellino e la stessa capigliatura ma un armamentario variegato. La rappresentazione mostra una serie di combattimenti e alcuni soldati in marcia, sia verso destra che verso sinistra (Fig. 71). I primi quattro, partendo da sinistra, sono rivolti verso lo scontro presente alla loro destra tra tre individui. Questi quattro soldati sono armati tutti di lancia, ma è la loro arma secondaria a variare: i primi due hanno un’ascia/bastone con estremità 206
  • 207. arrotondata, il terzo uno scudo e il quarto mantiene con entrambe le mani l’asta della lancia. Fig. 71: Dettaglio 5 della tomba No. 15 di Beni Hassan Segue, come detto, un gruppo di tre soldati, contrapposti. Il primo, da destra, è rivolto verso sinistra e brandisce un bastone, inclinato leggermente verso il basso, in una posizione già incontrata nella rappresentazione rinvenuta sulla rampa d’accesso per la piramide di Sahure (Fig. 49). Questa posizione potrebbe essere spiegata con due possibili ipotesi: • E’ una posizione di guardia. Ha quindi lo scopo di deviare i colpi dell’avversario, partendo da una posizione di difesa favorevole. • È una posizione di fine attacco. Abbiamo visto nella Fig. 49, ma anche in altre rappresentazioni, qual ora quest’arma sia un’ascia e non un bastone, che l’arma veniva usata con un movimento rotatorio dall’alto verso il basso (Fig. 52Fig. 52). Questa posizione sarebbe, quindi, il risultato di un attacco avvenuto e andato a segno. Alla destra del soldato, ci sono due figure, simili a quelle presenti nella tomba No. 2 (Fig. 64): una, rivolta verso sinistra, inginocchiata e l’altra in piedi, sempre rivolta verso sinistra, con l’arma abbassata e graficamente “poggiata” sulla schiena dell’uomo in ginocchio. Dietro questo trittico, sette coppie di soldati sono mostrati in lotta tra loro. La prima mostra il soldato di sinistra caricare il colpo del bastone dietro la testa, nella canonica posizione del “colpitore”, mentre il secondo si appresta a pararlo portando la sua arma davanti al volto. La seconda coppia presenta il soldato di sinistra brandire il colpo, tenendo la sua arma, un ascia833, sopra la testa e usare l’altro braccio per fermare il bastone del suo avversario. Quest’ultimo, appunto, è armato di bastone e scudo, ricoperto di 833 Graficamente l’arma risulta, in questo caso, essere chiaramente un’ascia, a differenza di tutte le altre rappresentate e fino ad ora incontrate, le cui forme non sono chiare. Il mio personale dubbio che queste armi siano asce e non bastoni è dettato dalla coppia di soldati successiva, in cui l’arma, brandita allo stesso modo dell’ascia appena incontrata, torna ad avere una forma non chiaramente definita. 207
  • 208. pelle bovina e rappresentato in alto, come a voler coprire il viso, con lo scopo di parare il colpo che sta per essere inferto. Nella terza coppia la posizione del primo soldato è simile a quella assunta dal primo della coppia precedente: la sua arma, un ascia o un bastone, è sorretta da una sola mano ed è sopra la testa, mentre con l’altra mano impugna uno scudo, che protegge il suo busto dall’attacco del nemico: posizionatogli di fronte e, armato di lancia, intento a colpirlo. Le armi della quarta coppia, invece, non sono chiare, a causa della loro posizione. Rappresentati in posizione di combattimento, i due soldati hanno entrambi le mani in alto, ma le loro armi combaciano con la linea di demarcazione superiore del nono registro, rendendo difficile la valutazione. La quinta e la sesta coppia di soldati presentano un armamentario simile: in entrambe i soldati sono armati di bastoni, ma le loro posizioni sono differenti. Nella prima delle due coppie il soldato di sinistra ha il bastone in posizione frontale, rivolto verso l’alto, mentre il secondo carica il colpo dietro la testa, con entrambe le mani, come se volesse usare l’arma con un movimento rotatorio e parallelo al suolo. La seconda delle due coppie, invece, vede la contrapposizione di entrambi i soldati che stringono il bastone dell’avversario con la loro mano libera. Fig. 72: Dettaglio 6 della tomba No. 15 di Beni Hassan La settima e ultima coppia vede contrapporsi un soldato, a sinistra, vestito anche con bande incrociate sul petto, nella posizione del “colpitore”834 contro un avversario, vestito anch’esso con le bande incrociate sul petto e armato di scudo, ricoperto di pelle bovina, e bastone. Segue, poi, una marcia di dodici o tredici individui, il cui armamentario è variegato ed è composto da due asce835, due bastoni, una lancia, due scudi e tre 834 L’arma che brandisce, però, non è visibile perché, anche in questo caso, la sua mano si sovrappone alla linea di demarcazione del registro. 835 Il soldato numero nove (oppure otto, nel caso i soldati siano dodici) ritengo sia armato di ascia, in quanto trasporta l’arma, che apparentemente si mostra come un bastone, come se fosse tale. 208
  • 209. faretre di giavellotti. Lo stato di conservazione della rappresentazione, su alcuni di questi soldati, non permette di ricostruire il loro equipaggiamento. Questa marcia è proseguita da cinque soldati stranieri ausiliari o mercenari o simili ai soldati presenti sul VII registro di questa tomba e nella sezione meridionale della tomba di Ameni (v. MR.BH. 1, Fig. 64). Il loro armamentario è variegato, in quanto il primo trasporta un ascia con lama arrotondata, il secondo un bastone da lancio e un arco nella mano sinistra, il terzo una mazza con estremità arrotondata e un arco, il quarto un arco, stretto nella mano destra e perpendicolare al suolo, e forse un pugnale nella mano sinistra836, mentre il quarto ha un bastone da lancio837. La marcia si conclude con un gruppo di undici soldati, alcuni vestiti anche con bande di cuoio a protezione del corpo, equipaggiati di lancia, per alcuni, e di bastoni per altri. Queste scene probabilmente riguardano le fasi della battaglia tra le opposte fazioni, con i contendenti impegnati a sconfiggere i loro avversari. Ciò che attira l’attenzione però è il modo di rappresentare dei contendenti. A differenza di altre rappresentazioni, come quella di Intef (v. MR.AF. 1, Fig. 76) o nella tomba di Inti (v. AR. 6, Fig. 52) e Khaemheset (v. AR. 7, Fig. 53), in tutte le tombe di Beni Hassan gli avversari non hanno un abbigliamento differente, ma presentano la stessa tipologia di gonnellino, la stessa capigliatura e la stessa colorazione della pelle. Non si tratta, quindi, di una battaglia contro un popolo straniero, ma contro un altro esercito egiziano. Facendo riferimento alla titolatura di Baqet III838, possiamo leggere “portatore dei sigilli del re del Basso Egitto839 e amico confidente del re”. Abbiamo visto, inoltre, che nel primo capitolo, durante una fase delle guerre interne del Primo Periodo Intermedio, il Medio Egitto aveva alcuni nomoi alleati con il sovrano del Basso Egitto e al suo fianco combattevano contro il sovrano dell’Alto Egitto. 836 La ricostruzione di quest’oggetto non è chiaro. La forma ricorda vagamente un pugnale, ma non ci sono prove al riguardo. 837 La sua mano sinistra non è presente a causa di un frammento mancante. 838 Newberry (1894): pag 43 839 La parola utilizzata da Newberry per tradurre saHu è “tesoriere”. Secondo Faulkner (1962): pag 258, la traduzione più corretta sarebbe “portatore di sigilli”. 209
  • 210. 210 Fig. 73: Rappresentazione della parete est della tomba No. 17 di Beni Hassan, da Newberry (1894)
  • 211. Assunto il titolo di Baqet III, come amico e tesoriere del re del Basso Egitto, e visionata la battaglia presente sulla parete est della camera principale della sua tomba, con contendenti vestiti alla stessa maniera, abbiamo una evidente e ritengo inconfutabile prova del racconto di una battaglia tra Alto e Basso Egitto, con l’esercito alleato dell’Alto Egitto vittima dell’assedio. MR.BH. 4) Una rappresentazione identica, nello stile e nei contenuti, a quella rinvenuta sulla parete est della tomba di Baqet III è presente sulla parete est della camera principale della tomba No. 17, appartenuta a Khety, figlio di Baqet III, anch’egli portatore di sigilli e amico consigliere del re del Basso Egitto840. La rappresentazione (Fig. 73) conta cento ventidue gruppi841 di lottatori disposti sui primi cinque registri, in diverse pose di lotta corpo a corpo, e circa un centinaio di soldati disposti sugli ultimi tre registri della parete impegnati in una marcia verso una fortezza assediata. A differenza della tomba del padre, quella di Khety risulta avere una qualità del dettaglio più elevata, sebbene anche in questa raffigurazione siano presenti aree mancanti a causa di uno stato di conservazione non ottimale. Così come per le tombe precedenti di Beni Hassan, anche in questa rappresentazione d’assedio, la fortezza occupa entrambi i registri e la sua forma è rettangolare con base allargata rispetto alla sommità. Quest’ultima presenta una merlatura e degli elementi di aggetto. I dieci soldati rappresentati sulle mura della fortezza, a differenza della tomba No. 15, sono ben conservati. Alcuni sono armati di arco e freccia, altri di lancia o pietre Interessante notare la presenza di due soldati, alle estremità della fortezza, armati di scudo e con il busto protratto in avanti, quasi paralleli al suolo, con il braccio destro alzato, mentre stringono una pietra nella mano alzata. Questa posizione, ritengo, non sia per nulla casuale. Bisogna immaginare, infatti, che durante un assedio la parte più affollata fuori le mura dovesse essere proprio alla base delle stesse842. 840 Newberry (1894): pag 53 Newberry (1894): pag 60 842 Un reparto militare impegnato a gettare pietre dall’altro, si presume da un’altezza ragguardevole, poteva senz’altro essere efficiente tanto quanto gli arcieri o gli altri soldati. 841 211
  • 212. Altro elemento di interesse, ritengo, sia l’ultimo arciere a destra sulla destra. Questo soldato tende l’arco e ha due frecce infilate sull’asta dell’arma. La protuberanza presente sull’estremità destra di entrambe le frecce, a mio avviso, è l’impennaggio sulla cocca e questo potrebbe indicare che quei dardi siano stati scagliati dall’arciere posto a destra della fortezza, sul sesto registro. Il registro VI mostra un cane che segue la marcia verso sinistra di cinque arcieri, impegnati nei preparativi dell’assedio. La prima differenza che si può notare rispetto alle altre rappresentazioni rinvenute nella tomba No. 2 (MR.BH. 1) e No. 15 (MR.BH. 3) è l’assenza di faretre incrociate davanti ai soldati. Questa volta le singole faretre, strette e lunghe, sono poggiate per terra, ma adagiate su un fianco: forse segno di una preparazione all’assedio. Il primo dei cinque arcieri marcia con l’arco nella mano sinistra e la faretra nella destra, seguito da un compagno intento ad annodare la corda intorno al flettente superiore. I due arcieri successivi presentano una piuma in testa, il primo dei quali è chinato in avanti, forse con l’intento di poggiare la faretra o raccoglierne una freccia, mentre il secondo probabilmente controlla la corda dell’arma. La sostanziale differenza, rispetto alle rappresentazioni precedenti, è legata all’ultimo soldato della fila. Se il corrispettivo arciere nelle tombe No. 2 e No. 15, era rappresentato in posizione di tiro, con l’arco in tensione, qui è nella posizione che, precedentemente, ho ipotizzato poter essere legata a una danza propiziatoria: gambe piegate in avanti, arco stretto nella mano sinistra e faretra nella destra, tenuta in alto sopra la testa. Il sesto registro si interrompe, a causa della presenza della fortezza nemica, per poi riprendere alla destra della stessa e continua con un arciere, rappresentato nella posizione di scagliare una freccia, preceduto da una faretra poggiata per terra. Sulla doga suo arco è infilata una freccia con l’impennaggio a sinistra, scagliata quindi dalla fortezza, mentre un'altra freccia anch’essa con l’impennaggio a sinistra, è rappresentata a mezz’altezza in direzione dell’arciere del registro VI. Alle sue spalle sono raffigurati un altro arciere e dieci soldati equipaggiati con un armamentario vario (Fig. 74), composto di pugnali, bastoni da lancio, una frombola, asce e scudi. Questo gruppo è costituito da nove stranieri, rappresentati 212
  • 213. con un colore della pelle chiaro e un gonnellino con decorazioni a onde orizzontali e un soldato, armato di frombola, la cui sagoma è tuttavia particolare, in quanto è più alto e apparentemente più muscoloso degli altri soldati, difforme da qualsiasi soldato fino a ora rappresentato. Fig. 74: Dettaglio della tomba No. 17 Gli scudi dei soldati stranieri, probabilmente asiatici, hanno una forma diversa rispetto a quelli egiziani: sono rettangolari e presentano due rientranze ad angolo acuto, simile per forma, agli scudi rappresentato nella tomba di Intef (v .MR.AF. 1, Fig. 76). Il registro si conclude con un gruppo di cinque soldati egiziani in marcia, equipaggiati tutti con scudo rettangolare ed estremità arrotondata e di bastone con estremità ricurva. Il registro VII, alla sinistra della fortezza, presenta una marcia di sei soldati: due arcieri e quattro fanti. I due arcieri presentano, oltre al classico gonnellino, due bande di cuoio intrecciate sul petto e un corpetto all’altezza dell’addome, forse un ulteriore protezione, probabilmente in cuoio. Non è da escludere che questa sia una delle prime attestazioni di armatura di difesa per il corpo. I primi due fanti, che seguono gli arcieri, sono armati di ascia e scudo con pelle maculata, mentre gli ultimi probabilmente erano stranieri, supposizione rafforzata da due elementi grafici: le decorazioni del loro scudo non sono come quella dei due soldati che li precedono, ma presentano un rombo al centro del pannello e il loro gonnellino corto ha delle decorazioni a onde orizzontali, come le onde utilizzate per decorare i nove asiatici della Fig. 74. Il settimo registro, alla destra della fortezza, presenta il grande scudo/cupola già rinvenuto nella tomba No. 2 (v. MR.BH. 1, Fig. 62) e No. 15 (v. MR.BH. 3, Fig. 66), qui composta tre soldati che manovrano un lungo bastone, diretto verso la fortezza. 213
  • 214. Seguono tre arcieri, due impegnati a tendere l’arco e il secondo, tra i tre, in posizione “danzante”, scortati da una marcia di nove fanti, armati tutti con scudo, a eccezione del primo, e bastoni ricurvi, asce e lance. La marcia si conclude con un gruppo di sei arcieri, con arco nella mano sinistra e faretra nella mano destra, tutti rivolti verso la fortezza, alla loro sinistra. Il registro VII è composto da trentotto individui, la maggior parte in marcia, mentre alcuni in combattimento. I primi diciassette soldati, equipaggiati con scudo e un armamentario variabile (asce, bastoni ricurvi e lance) sono tutti rivolti verso destra e marciano verso lo scontro di due coppie. La similitudine con la tomba di Baqet III (v. MR.BH. 3, Fig. 71 e Fig. 72) è evidente e anche qui è presente il combattimento tra soldati vestiti con indumenti simili. La prima coppia è rappresentata da due soldati, contrapposti, entrambi vestiti con gonnellino, due bande di cuoio incrociate all’altezza del petto e un corpetto che copre l’addome. Entrambi sono equipaggiati con uno scudo rettangolare ad estremità arrotondata e con un bastone dall’estremità ricurva. Le due armi d’attacco sono rappresentate alzate sopra le teste dei soldati nella posizione del “colpitore”. La seconda coppia ha un equipaggiamento diverso: il primo, in posizione del “colpitore” e rivolto verso destra, è armato con scudo e bastone, mentre il suo antagonista, rivolto verso sinistra, impugna una lancia e cerca di colpire il primo. Graficamente dietro lo scontro di questi quattro soldati, sono presenti almeno otto corpi di individui, probabilmente soldati, morti e rappresentati, quindi, parallelamente al suolo. La scena prosegue con altri due corpi, stesi per terra, e due soldati piegati sui primi843. Seguono due scene di assassinio dell’avversario, forse prigionieri di guerra. La prima è composta da due soldati: uno rivolto verso destra, che stringe una lancia e trafigge il nemico, rivolto anch’egli verso destra e con il busto piegato in avanti. Il secondo soldato, invece, è rivolto verso sinistra e tiene le mani del prigioniero, 843 Questo tipo di posizione è presente anche nella tomba di Baqet III e in quel caso era evidente che i soldati stessero recuperando le armi, ma in questo caso è possibile che siano intenti a controllare l’effettiva morte del nemico, in quanto il secondo dei due sembra colpire il corpo disteso per terra con la sua arma. 214
  • 215. mentre stringe nell’altra mano quello che sembrerebbe essere una benda per sorreggere il corpo del malcapitato844. La seconda scena presenta due individui: il primo è rivolto verso destra e tiene per i capelli il nemico, armato di scudo, mentre lo trafigge all’altezza del collo. Il registro si conclude con una marcia di dieci soldati, vestiti con gonnellino, corpetto addominale e bande di cuoio incrociate, rivolti verso sinistra, ed equipaggiati con grandi faretre, simili a quelle presenti nella tomba No. 15 (v. MR.BH. 3, Fig. 70), con lance e bastoni ricurvi. 844 Non escluderei la possibilità che in questo caso non si tratti dell’uccisione del prigioniero, ma di un operazione di recupero dell’arma, incastrata nel corpo del soldato rappresentato. 215
  • 216. Necropoli dell’Asasif845 (MR.AF.): MR.AF. 1) Nella necropoli dell’Asasif, nell’Alto Egitto, è presente la tomba No. 386846, appartenuta ad Intef, un cancelliere reale847 della undicesima dinastia, vissuto durante il regno di Mentuhotep II. Sul lato ovest del primo pilastro, da nord, del colonnato di ingresso alla tomba, è rappresentata una scena848 (), elaborata su tre registri. Le tre imbarcazioni sono basse, quasi a filo d’acqua849 e presentano tutte un timone all’estrema destra. L’assenza di vele, così come la direzione dell’acqua, indica che il viaggio è a favore di corrente, quindi verso nord. Registro I: l’imbarcazione è spinta da almeno sette rematori, seduti sulle travi della nave, raffigurati nell’atto di vogare. I primi due tre presentano una taglio di capelli corto con un elemento allungato verso l’alto, probabilmente una capigliatura specifica e una fascia che la stringe, mentre il quarto e il quinto850 hanno un taglio lungo, fino alle spalle, con una benda che cinge la testa. Sull’imbarcazione sono rappresentati, inoltre, quattro arcieri in piedi, vestiti con (Fig. 75) gonnellino e le bande di cuoio pettorali: i primi due851 e il quarto tendono l’arco verso sinistra, mentre il terzo lo impugna senza tenderlo, mentre con l’altra mano tiene delle frecce, probabilmente legate da un filo. Sia gli arcieri che i rematori sono rappresentati con un colore rosso scuro. Questo probabilmente indica che gli individui raffigurati siano nubiani, ad eccezione del loro comandante, raffigurato in piedi e alla fine dell’imbarcazione, tinteggiato con un colore più chiaro, a indicare probabilmente le sue origini egiziane852. Registro II: l’imbarcazione sembra essere leggermente diversa, in quanto la prua e la poppa risultano essere lievemente più incurvate. I rematori sono cinque, 845 Per informazioni su Asasif, consultare Tiradritti (1994): 459-460 Jaros-Deckert (1984): pag 15 847 Tiradritti (1994): 459 848 Per la descrizione della raffigurazione si fa riferimento a Jaros-Deckert (1984): pag 27 - 30 849 L’acqua è resa, graficamente, attraverso l’utilizzo del geroglifico mw, (N35 in Allen (2000) pag 437), che rappresenta, appunto, il determinativo dell’ACQUA. 850 Gli ultimi due rematori sono visibili solo dal bacino in giù a causa di un frammento mancante. 851 Il primo presenta la stessa capigliatura particolare dei primi tre vogatori. 852 Settgast (1969): pag 136 - 138 846 216
  • 217. Fig. 75: Rappresentazione su primo pilastro nord del colonnato della tomba di Intef rappresentati in piedi, mentre vogano. La loro capigliatura è corta e il gonnellino arriva alle ginocchia. Così come nel primo registro, anche qui sono presenti dei soldati, in piedi, armati di ascia853 e scudo, per i primi tre, e di arco, teso, con freccia per il quarto. Registro III: la rappresentazione è molto simile al primo registro ed è spinta da nove vogatori, seduti, così come nel primo registro. I quattro soldati trasportati, così come per il primo registro, sono tutti arcieri: il primo, con gonnellino e bende pettorali, è posto sulla prua dell’imbarcazione, mentre stringe con una mano un arco, che sembra essere a doppia curvatura, e nell’altra delle frecce legate; a causa di un frammento mancante, il secondo arciere è visibile solo per una porzione dell’arco teso e la mano sinistra che sostiene la doga e la freccia; il terzo arciere, 853 Le asce rappresentate sono dei tre tipologie: la prima con lama a smerlo, la seconda con lama a mezzaluna e la terza con lama arrotondata. 217
  • 218. vestito con bende pettorali e gonnellino, tiene l’arco, rivolto con la doga verso il basso, mentre la mano sinistra è tenuta alzata, probabilmente stringendo delle frecce854. Il quarto arciere tiene l’arco con la mano sinistra, ma in una posizione che, per ora, non trova eguali in altre rappresentazioni: l’arco, armato, è poggiato per terra, con la corda in avanti, mentre è tenuto dall’arciere con la mano sinistra, che stringe il flettente superiore855. Il soldato è vestito, come per gli altri due, con bende pettorali e un gonnellino. Sul secondo pilastro nord di questa tomba è mostrato un assedio (Fig. 76) da parte degli egiziani nei confronti di un nemico asiatico856, arroccato dietro le mura della propria fortezza857. Fig. 76 Particolare della rappresentazione di Intef, da Jaros-Deckert (1984) 854 Anche qui la rappresentazione risulta essere danneggiata e non è possibile vedere con certezza cosa stringesse. 855 La sua mano destra non è visibile a causa di un frammento mancante. 856 Jaros-Deckert (1984): pag 44 857 Seguirà una descrizione che fa riferimento a Jaros-Deckert (1984): pag 37-44 218
  • 219. Divisa in cinque registri paralleli, nel registro inferiore858 la scena mostra Intef, proporzionalmente più grande rispetto alle altre figure, rivolto verso destra e con un arco semplice stretto nella mano sinistra e delle frecce raggruppate e strette nella mano destra, vestito di gonnellino e doppie bande incrociate sul busto. Alla destra di Intef sono presenti due registri di processione, nei quali sono rappresentati alcuni egiziani, armati con arco o ascia, mentre trascinano o accompagnano i prigionieri di guerra, sia maschi che femmine, vestiti con gonnellini o abiti decorati con fantasie diverse. Nel registro III, il centrale, la scena si ripete, sebbene qui le figure rappresentate siano unicamente maschili, alcune delle quali risultano legate o colpite da frecce. Almeno due egiziani sono armati di ascia, mentre uno è intento a usare l’arco. Sono presenti, inoltre, tre scudi non trasportati da nessun soldato: due quadrati con i lati ricurvi verso l’interno, che potremmo definire “a stella” e uno di tipo egiziano (rettangolare con estremità superiore arrotondata). Questa tipologia di scudi, per forma, è riproposta nell’ultimo registro, impugnato da un assediato, mentre cerca di contrastare gli egiziani ed è, quindi, un arma straniera. Il registro centrale inizia, a sinistra, con una marcia di tre prigionieri, asiatici859, legati tra loro e scortati da un soldato egiziano, rappresentato con un colore della pelle rosso, più acceso rispetto a quello usato per rappresentare i prigionieri. Segue un gruppo di tre individui: il primo, egiziano, in piedi, mentre stringe il manico di un arma, non identificabile a causa dell’imperfetto stato di conservazione della pittura; il secondo, straniero, completamente sdraiato per terra, presumibilmente morto, e il terzo inginocchiato, mentre l’egiziano lo sta colpendo con l’arma. A destra di questo trittico è presente un altro gruppo di tre soldati: un arciere, in posizione di tiro, un prigioniero e un terzo individuo che tiene fermo il prigioniero per i capelli860. 858 La scelta di descrivere prima i registri inferiori è dettata dalla complessità dei primi due, che meritano un elaborato approfondimento 859 Il loro aspetto è identico a quello usato per rappresentare gli assediati della fortezza nei primi due registri. 860 Il braccio destro di quest’ultimo è l’intero corpo dalle spalle in giù dello straniero non sono però conservati. 219
  • 220. L’ultimo gruppo è composto da sette soldati, di cui uno solo egiziano, di cui la maggior parte sono rivolti con il corpo verso destra. L’egiziano è nella classica posizione del “colpitore”, mentre tiene per il collo un avversario, l’unico con il corpo rivolto verso sinistra. All’altezza del bacino di quest’ultimo, è rappresentato un altro straniero, fuori dai ranghi della marcia, in una posizione particolare: le sue gambe sono divaricate, come a voler marciare o mantenere un equilibrio stabile, mentre il suo corpo è completamente piegato in avanti, con le braccia in avanti e con una freccia conficcata nella bassa schiena e un'altra nella coscia. Il braccio proteso in avanti è tenuto da un altro soldato, suo compagno, che marcia verso destra, ma ha la testa rivolta indietro, come a voler vedere cosa stesse avvenendo alle sue spalle. Gli ultimi tre soldati, asiatici, marciano (anche se forse sarebbe meglio dire “fuggono”) verso destra, allontanandosi dalle scene di battaglia. Il loro abbigliamento è costituito da un gonnellino decorato con diverse bande orizzontali ed equipaggiati ciascuno con una lancia e uno scudo, “a stella”. I primi due registri sono quelli che mostrano più elementi di interesse dal punto di vista militare. In entrambi è presente la marcia di nove soldati, muniti di un variegato equipaggiamento. Nel registro I, da sinistra verso destra, i primi tre soldati, vestiti con gonnellino e fasce incrociate sul busto, hanno un’ascia a smerlo, un bastone con estremità ricurva e un'altra ascia a smerlo. Il terzo soldato, oltre quest’arma, stringe nell’altra mano un pugnale con lama corta861. Dopo quest’ultimo è presente un arciere, con una colorazione di pelle più scura, mentre tende l’arco. Questo soldato è probabilmente un nubiano862, e questo giustificherebbe il colore della sua pelle. Davanti alle sue gambe è una faretra, poggiata per terra con diverse frecce al suo interno, così come abbiamo già visto per le rappresentazioni di Beni Hassan (v MR.BH. 1, MR.BH. 3, MR.BH. 4)863. 861 I soldati che lo precedono hanno tutti il braccio sinistro coperto dal corpo dell’individuo che è davanti. 862 Jaros-Deckert (1984): pag 38 863 A differenza delle rappresentazioni di Beni Hassan il nubiano è equipaggiato con una faretra e non con delle frecce infilate nel terreno. Questa differenza potrebbe essere legata a una scelta artistica dell’autore della rappresentazione oppure all’esercito a cui faceva riferimento. A differenza delle tombe di Beni Hassan, infatti, questa rappresentazione mostra un esercito guidato da un nomarca dell’Alto Egitto e non possiamo escludere che i metodi di equipaggiamento fossero diversi rispetto agli eserciti del Medio e Basso Egitto. 220
  • 221. Proseguendo la descrizione della scena, nel primo registro, dopo l’arciere, sono presenti due uomini di fanteria: il primo armato di ascia con lama arrotondata e scudo di forma rettangolare con sommità arrotondata, sorretto con la mano sinistra grazie a un sostegno, in questa scena visibile all’osservatore, e il secondo è equipaggiato con un bastone con estremità ricurva, simile all’arma rappresentata nel primo gruppo di soldati, e un pugnale stretto nella mano. Questi due soldati si trovano tra l’arciere prima descritto e un altro arciere, stilisticamente e graficamente identico al primo. Ci si potrebbe interrogare sul perché questa coppia sia stata inserita tra due arcieri, mentre nel secondo registro gli arcieri sono rappresentati vicini. Il motivo non è possibile rintracciarlo, ma potrebbe far riferimento ad un dettaglio incontrato nella tomba di Inti (v. AR. 6, Fig. 52). Come abbiamo visto, nel secondo registro a sinistra della scala d’assedio, è evidente una scena di lotta tra due egiziani contro un nemico. Ho già accennato alla possibilità che questo comporti un tipo di combattimento combinato tra due o più soldati in modo che si aiutino a vicenda. Ritengo possibile che questo tipo di soldati facesse riferimento a un reparto specializzato864. Nel caso della tomba di Intef l’equipaggiamento dei due soldati è differente, ma complementare: un soldato ha lo scudo e un ascia, un’arma a medio e corto raggio, mente l’altro ha un bastone ricurvo e un pugnale, armi a cortissimo raggio. L’integrazione tra queste quattro armi, in generale, avrebbe potuto comportare un buon risultato in combattimento, con entrambi i soldati che potevano proteggersi dietro uno scudo e impegnati a combattere usando armi a lungo, medio, corto e cortissimo raggio. Il registro II presenta altri nove soldati con un equipaggiamento leggermente diverso. Il primi due soldati, fanno parte di un gruppo di tre individui, e sono equipaggiati entrambi con una lancia, mentre il secondo trasporta anche uno scudo rettangolare Così come esistevano gli arcieri, i lancieri o la fanteria armata di ascia, allo stesso modo è possibile che esistesse un reparto specializzato nel combattimento a coppia. Quest’ipotesi potrebbe essere confermata dai soldati presenti nel registro I della raffigurazione di Intef, raffigurati avanti l’arciere alla destra della coppia, in quanto l’equipaggiamento di quest’ultimi è costituito, per entrambi, da armi simili (scudo e asce per entrambi). 864 221
  • 222. con estremità arrotondata e decorato con pelle animale. Il terzo soldato presenta lo stesso scudo del secondo e un ascia a smerlo. A questi seguono un gruppo di due arcieri, simili a quelli presenti sul primo registro, con faretre posizionate per terra. C’è da dire che queste ultime risultano leggermente più strette e lunghe delle faretre rappresentate nel primo registro, ma ritengo che sia solo una questione stilistica. Agli arcieri seguono due soldati, rappresentati solo a metà a causa di un frammento mancante. Il primo dei due è armato con ascia a smerlo e probabilmente impugnava uno scudo nell’altra mano, in quanto si intravede dietro la testa del secondo soldato. Quest’ultimo è armato di arco, sebbene non siano evidenti né faretre né frecce di riserva. A differenza di tutti gli altri arcieri rappresentati, il colore della pelle di quest’ultimo è uguale a quello usato per rappresentare i fanti e non gli altri arcieri. Inoltre quest’ultimo non tende l’arco, ma lo trasporta semplicemente, mentre non possiamo sapere cosa impugnasse originariamente nell’altra mano, ma presumibilmente avrebbe potuto trasportare delle frecce o una faretra. Avanti quest’ultimo soldato, è rappresentato un altro arciere, questa volta con pelle scura, mentre tende l’arco. A differenza degli altri, a lui simili, quest’ultimo presenta una piuma in testa e punta l’arco verso l’alto, come a mirare la città assediata, scena simile a quella descritta nella tomba di Inti (v. AR. 6, Fig. 52). L’ultimo individuo dei nove è un soldato con uno scudo simile a quelli precedenti, con decorazione in cuoio d’animale, e un ascia arrotondata. A differenza di tutti gli altri soldati, quest’ultimo presenta un gonnellino leggermente diverso e dei capelli più lunghi. A destra dei due registri è presente la città degli assediati, di forma pressappoco quadrata, con una merlatura arrotondata sulla sommità. Sia qui che sul lato sinistro sono presenti i nemici degli egiziani, alcuni intenti a combattere, altri in caduta libera dalle mura865. 865 Anche nella tomba di Inti (Fig. 52) in cui sono mostrati alcuni asiatici in caduta, anche se non dalle mura. 222
  • 223. Tra la città degli assediati e la marcia degli egiziani sui due registri, è presente una struttura che, probabilmente, è la prima attestazione graficamente chiara di una torre d’assedio. La struttura presenta due staggi laterali, uniti da sette o otto gradini orizzontali e tagliati da uno staggio centrale, probabilmente con la funzione di sostegno. La torre d’assedio presenta una ruota sul lato sinistro, mentre non è evidente sul lato destro, forse stilisticamente coperta dalla testa di un asiatico caduto dalle mura della fortezza. La sua forma sembra essere simile alla ruota rappresentata alla base della scala nella tomba di Khaemheset (v. AR. 7, Fig. 53). Sulla sua sommità della torre d’assedio è presente un soldato, proporzionalmente più grande degli altri, ritratto in piedi su uno dei gradini orizzontali della torre, armato di scudo, ascia arrotondata e pugnale infilato nel gonnellino. Tra gli scalini della torre sono raffigurati quattro egiziani intenti a salire, con le asce legate ai gonnellini, come nella tomba di Khaemheset (v. AR. 7, Fig. 53). La similitudine tra le due scene è evidente e le somiglianze troppo forti per non tenere in considerazione la possibilità che in entrambi i casi si tratti di torri d’assedio usate per la presa delle città. Tuttavia l’assenza di altre scene simili e di materiali fisici, che possano confermare il suo utilizzo, non permette di definire con certezza la possibilità che gli egiziani usassero delle torri durante gli assedi sin dall’Antico Regno. Bisogna inoltre valutare che qualsiasi elemento utilizzato durante le guerre, come accennato nel primo capitolo, era costruito sul luogo e principalmente in legno, un materiale troppo deperibile per sopravvivere al tempo, soprattutto se riutilizzato per altri scopi. Sebbene esistano diversi esempi di modellini, di vario genere, rinvenuti in Egitto, tra cui anche soldati e imbarcazioni866, ad ora non è stata rinvenuta alcuna riproduzione di una torre d’assedio o di materiale assediante in genere che possa gettare ulteriore luce sull’argomento. Ritengo, tuttavia, che questi due esempi, da soli, possano bastare per accertare l’esistenza di un approccio bellico incisivo anche nei confronti degli assedi. L’esistenza di torri d’assedio presumeva l’esistenza di fortezze militari con mura difensive da superare e quindi una volontà definita di conquista o quanto meno saccheggio. 866 Baines (2000): pag 120 e 122 223
  • 224. Seguendo questo ragionamento, si potrebbe delineare la possibilità che l’approccio bellico nell’Antico e Medio Regno non sia, come comunemente si pensa, finalizzato al semplice controllo dei confini o dei popoli confinanti, ma una volontà già ben radicata di conquista ed espansione, per quanto molto limitata, rispetto alla fase imperialistica del Nuovo Regno. 224
  • 225. Rappresentazioni varie del Medio Regno (RV) RV. 1) Durante il Medio Regno sono attestati due esempi867, provenienti entrambi da Gebelein868 nell’Alto Egitto e riferibili a Mentuhotep II, del sovrano nella posizione del colpitore, per mezzo di una mazza con estremità arrotondata. Nel primo dei due (Fig. 77) il monarca è rappresentato nella posizione del “colpitore”, con il busto proteso leggermente in avanti, con il tallone della gamba sinistra alzato, e il braccio destro in alto, mentre stringe la mazza, che passa dietro la corona bianca dell’Alto Egitto, all’estremità inferiore. In questa rappresentazione è possibile notare un particolare grafico che non è inusuale nell’arte figurativa egiziana869: il braccio sinistro, che stringe i capelli del nemico inginocchiato o quasi steso per terra e con il busto sollevato, termina con una mano destra, rivolta con le dita verso lo spettatore e non con il dorso come ci si potrebbe aspettare. Fig. 77: Mentuhotep II nella posizione del “colpitore” a Gebelein, da Smith (1946) 867 Si faccia riferimento a Swan Hall (1986): pag 12 - 16 Wildung (1977), Band II: pag 447-449 869 Smith (1946): pag 273-332 868 225
  • 226. Il secondo esempio (Fig. 78) è identico al primo, ma con le mani degli arti invertite: braccio destro, che impugna la mazza, ha una mano sinistra e il braccio sinistro ha mano sinistra, che stringe i capelli del nemico. Fig. 78: Mentuhotep II nella posizione del “colpitore” a Gebelein, da Smith (1946) RV. 2) Alcuni frammenti di guerra, invece, provengono dal basso colonnato a sud (Fig. 79 e Fig. 80) della tomba di Mentuhotep II a Deir el-Bahari, i quali rappresentano una guerra contro gli Aamu, un popolo straniero che pare abbia vissuto nella penisola del Sinai870. Fig. 79: Frammenti provenienti da Deir el Bahari 870 Fig. 80: Frammenti provenienti da Deir el Bahari Naville (1907), Part I: pag 5 226
  • 227. Per quanto lacunosi, alcuni di questi frammenti mostrano elementi di interesse. Un soldato (Fig. 80), probabilmente in marcia, è armato di ascia a lama arrotondata ed è preceduto da un altro individuo, non conservato, che impugna uno scudo: rettangolare con estremità superiore arrotondata. Due arcieri (Fig. 79), con piume in testa, tendono l’arco con una freccia, tuttavia non è possibile intravedere la presenza di una faretra e sembrano non avere tra le mani le frecce di riserva. Come nel caso della tomba di Intef, potrebbe essere possibile che la faretra, originariamente, dovesse essere posizionata per terra e che si possa trattare di una rappresentazione di un assedio, sebbene non ci siano prove evidenti al riguardo. In tal senso, un altro frammento (Fig. 80) mostra dei corpi trafitti da frecce nei pressi di un elemento obliquo con un elemento orizzontale, la cui forma ritengo possa essere riconosciuta come un frammento di scala, simile alla scala rappresentata in Inti (v. AR. 6, Fig. 52). RV. 3) Una rappresentazione militare doveva essere presente anche nel tempio Sud del complesso piramidale di Sesostri III, di cui si sono conservati solo pochi frammenti, tra cui (Fig. 81) è evidente un frammento con un arciere nubiano e un altro con il busto del sovrano che probabilmente doveva essere nella posizione del “colpitore”871. RV. 4) Il terzo esempio tra quelli che mostrano il faraone nella particolare, posizione proviene dal del “colpitore”, pettorale del più re Amenemhat III872 (Errore. L'origine riferimento non Fig. 81:Frammento dal complesso piramidale di Sesostri III è stata trovata.), rinvenuto nella tomba della regina Mereret a Dahshur873. Qui il faraone è ripreso nella canonica posizione del colpitore, tuttavia la mazza, oltre l’estremità superiore arrotondata, presenta una lama incastrata nella testa di mazza. Questo risulta, ad ora, essere il primo esempio grafico di questo tipo di 871 Arnold (2002): pag 143 Cyril (1950): 53 873 Swan Hall (1986): pag 15 872 227
  • 228. arma, usato più frequentemente nelle rappresentazioni del Nuovo Regno. A mio avviso la presenza di quest’arma potrebbe essere finalizzata, più che a uso militare, a ragioni strettamente religiose e/o ideologiche. L’assenza di questo tipo di arma, in tutte le rappresentazioni analizzate, e la sua comparsa apparentemente “improvvisa” potrebbero far pensare che il suo impiego fosse legato a manifestazioni di rappresentanza. Abbiamo visto come, ad esempio, la testa di mazza, raffigurata anche nel Medio Regno, abbia assunto un elevato valore simbolico, legato alla regalità. In tal senso un arma simile con l’aggiunta di una lama, a mio avviso, aumenterebbe il valore simbolico dell’oggetto stesso, conferendo un maggiore potere alla figura del sovrano: un sovrano sempre più proteso all’affermazione egemonica della sua immagine dal punto di vista militare, affermazione che vedrà la sua totale diffusione nel Nuovo Regno. Fig. 82: Pettorale di Amenemhat III, da Swan Hall (1986) 228
  • 229. Capitolo 4: Come detto nell’introduzione al lavoro presentato, uno dei fini che questa tesi si prefiggeva era quello di definire una corrispondenza tra le rappresentazioni iconografiche e i manufatti rinvenuti, a fronte di una elevata carenza materiale, causata non solo dal tempo ma anche dalle razzie che hanno coinvolto, durante le varie fasi storiche dell’Egitto, tombe e monumenti874. Attraverso l’analisi sulla morfologia delle armi, compiuta nel secondo capitolo della tesi, congiuntamente alla ricerca realizzata nel terzo capitolo sulle rappresentazioni militari durante i periodi dell’Antico e Medio Regno, è stato possibile mettere in evidenza una visibile fedeltà rappresentativa tra le armi usate dagli eserciti egiziani e quelle presenti nelle varie scene prese in considerazione. Si può, in tal senso, riportare875 la presenza della mazza (A 2) con l’estremità arrotondata, non solo in ambito di scene regali e funerarie, come poteva essere la tavolozza di Narmer (v EP. 3, Fig. 40), o sulle teste di mazza scolpite di epoca predinastica, ma anche in scene di lotta tra il sovrano e il nemico di Wadi Maghara (v AR. 2, Fig. 45) e di Mentuhotep I a Gebelein (RV. 1) oppure di militari con i loro avversari a Beni Hassan (v. MR.BH. 1, MR.BH. 3, MR.BH. 4) o nella Tavolozza del Cacciatore (v. EP. 4, Fig. 41), usata da soldati in marcia. Tra queste rappresentazioni e i ritrovamenti dell’arma si denota un’assoluta somiglianza, che non può lasciare adito a dubbi riguardo l’accuratezza e il 874 875 Störk (1984): pag 78 – 83 e Lutz (1937) Di seguito, per ragioni di praticità, si citeranno solo alcuni tra i più significativi esempi. 229
  • 230. realismo delle scene mostrate, ripresi, ad esempio, nelle riproduzioni delle asce. L’ascia (A 3) con lama arrotondata, usata spesso nell’Antico Regno, e le lame a smerlo e a mezzaluna, entrambe rinvenute in tombe del Medio Regno. I ritrovamenti di queste armi sono, altresì, coerenti con alcune delle rappresentazioni trattate: l’ascia della lama arrotondata è presente, con diversi esemplari, in una scena d’assedio dell’Antico Regno, nella tomba di Khaemheset (v. AR. 7, Fig. 53), nella tomba di Intef (v. MR.AF. 1, Fig. 76), nel tempio di Mentuhotep II (v. RV. 1) e in una delle due tombe di Asyut trattate (v. MR.At. 2), così come l’ascia dalla lama a mezzaluna è evidente sempre ad Asyut nella tomba di Kheti II (v. MR.At. 1) o nella tomba di Tehutihetep a el-Bersheh (v. MR.eB. 1) o nella necropoli di Meir (v. MR.M. 1, Fig. 58). Proprio in quest’ultima necropoli, nella tomba di Senbi, è presente una rappresentazione di un deposito di armi, tra cui, oltre ad archi, scudi e faretre di diversa forma, è rappresentata un’ascia con lama a smerlo, raffigurata anche nella scena di caccia nella stessa tomba, sul muro est (Fig. 59). Quest’arma, inoltre, è riprodotta spesso nelle tomba di Beni Hassan (v. MR.BH. 1, MR.BH. 3 e MR.BH. 4) e nell’assedio della tomba di Intef (v. MR.AF. 1, Fig. 76). Da queste rappresentazioni, risulta evidente un largo utilizzo dell’ascia nell’ambito militare, come arma in dotazione dei reparti di fanteria. Inoltre risulta anche esistere una corrispondenza temporale tra le tipologie di lame e le rappresentazioni trattate: la lama arrotondata (A 3) viene attestata dall’Antico Regno e, in questo periodo, esistono esclusivamente scene con questo tipo di lama, fatta eccezione per la tomba di Inti, il cui stato di conservazione, a mio avviso, non permette una chiara definizione delle asce usate. Per contro, le lame a mezzaluna e a smerlo sono rinvenute nelle tombe dei nomarchi durante il Medio Regno876 e iniziano a essere rappresentate nelle tombe proprio durante il Primo Periodo Intermedio e nel Medio Regno. Esiste, quindi anche in questo, una corrispondenza non soltanto stilistica, ma anche temporale tra elementi rappresentati e quelli rinvenuti, anche se l’ascia con la lama 876 Come detto nel primo capitolo, il discorso dell’introduzione di nuove armi nell’esercito del Medio Regno è strettamente legato alle battaglie avvenute durante il Primo Periodo Intermedio. I due periodi, sotto questo punto di vista, sono strettamente connessi e quindi possono essere considerati, dal punto di vista militare, un’unica fase “tecnologica”. 230
  • 231. arrotondata continua a essere usata durante il Medio Regno, parallelamente alle altre tipologie citate. Discorso molto simile può essere fatto per l’arco, i cui primi ritrovamenti sono attestati nel Primo Periodo Intermedio877. Per l’Antico Regno sono note due forme dell’arco di tipo semplice: con asta dritta o a doppia curvatura. Il primo è largamente attestato in molte rappresentazioni prese in considerazione nel terzo capitolo878, mentre il secondo è presente solo nelle raffigurazioni provenienti dalla tomba di Senbi (v. MR.M. 1, Fig. 58), dalla tomba No. 2 di Beni Hassan (v. MR.BH. 1) e, soprattutto, nella marcia dei guerrieri presente sulla Paletta del Cacciatore (v. EP. 4)879. Questi tre esempi definiscono una corrispondenza biunivoca tra le armi rinvenute e quelle presenti nelle scene militari egiziane, secondo la quale le armi “reali” erano usate come modello rappresentativo per le raffigurazioni. Questo può avere una doppia valenza: se il ritrovamento di un arma può essere considerato una prova che ne attesti il suo utilizzo, risulterà implicitamente vero che alla rappresentazione di un’arma in una scena figurativa egiziana possa corrispondere il modello dell’arma a cui l’artista ha fatto riferimento e quindi, implicitamente, la sua esistenza. La biunivocità così dimostrata pone un problema fondamentale: se tutte le armi usate nelle rappresentazioni si inspiravano a modelli realmente utilizzati dai soldati nell’esercito e in battaglia, si può anche sostenere che gli elementi rappresentati nelle tombe, escludendo quegli elementi artistici non reali880, possano fare riferimento a modelli realmente esistiti. 877 Di Donato (1984): pag 45 Si tratta del blocco riusato nella piramide di Amenemhat I, proveniente quasi sicuramente da Giza (Fig. 47), dell’addestramento raffigurato sulla rampa d’accesso al complesso funerario di Sahure (Fig. 49) oppure alla raffigurazione del deposito di armi e della battuta di caccia nella tomba di Senbi (Fig. 58 e Fig. 59) e dei vari arcieri rappresentati nelle tombe di Beni Hassan (v. MR.BH. 1, MR.BH. 3, MR.BH. 4), oppure in quella di Intef ad Asasif (Fig. 76) e nel tempio a dei el-Bahari di Mentuhotep II (RV. 2). 879 Si nota che in entrambe le prime due rappresentazioni l’arma è mostrata non impugnata da nessun arciere, ma come elemento a se stante in due depositi. Ritengo, però, che non ci siano ragioni per dubitare che quest’arma potesse e fosse regolarmente usata in battaglia, anche per le stime balistiche descritte nel secondo capitolo. 880 Si escludono quindi le sproporzionate misure dei personaggi principali, come sovrani e normarchi, oppure gli arti con lo stesso verso (come ad esempio abbiamo visto nella raffigurazione 878 231
  • 232. Questo permette, alle varie rappresentazioni, di essere considerate fonti attendibili di valutazione non solo dal punto di vista ideologico, ma anche grafico, per quanto concerne gli oggetti mostrati. Partendo da questa premessa e concentrandoci, a esempio, sulla mazza dall’estremità arrotondata, così come sulle armi da taglio come l’ascia, possiamo ricostruire e confermare la ricostruzione dell’utilizzo dell’arma: un movimento dall’alto verso il basso, attraverso la rotazione del braccio per imprimere maggiore forza d’impatto. Questo gesto che viene rappresentato attraverso una scena quasi standard: l’individuo equipaggiato con quest’arma è mostrato, mentre la utilizza contro un nemico, con il braccio alzato sopra la testa, come per esempio nel caso dei cilindri di Hierakonpolis (v. EP. 2, Fig. 39), o sulla tavolozza di Narmer (v. EP. 3, Fig. 40), così come in alcune scene delle tombe di Beni Hassan (v. MR.BH. 1, Fig. 64 e MR.BH. 4, Fig. 73), nella tomba di Intef (v.MR.AF. 1) e le altre trattate nel terzo capitolo. Nel caso della mazza con estremità arrotondata, è chiaro che lo scopo del colpo fosse finalizzato a creare fratture o rompere il cranio dell’avversario, come è evidente dal ritrovamento di un individuo con il cranio fratturato, morto probabilmente in seguito a questo colpo881: l’impatto aumentava di potenza grazie alla massa di squilibrio presente sull’estremità, sfruttando non solo l’energia impiegata dal soldato, ma anche la forza d’accelerazione e la gravità che appesantiva maggiormente la testa dell’arma. In tal senso nella tomba di Inti (v. AR. 6) sono presenti diverse scene di soldati, equipaggiati con ascia, mentre combattono contro dei nemici. In questa rappresentazione l’ascia è impugnata con due mani, in posizione apparentemente diversa rispetto a quella standard, ma comunque coerente con un movimento dall’alto verso il basso. Forse i soldati sono ritratti in un tempo figurativo successivo alla posizione del “colpitore” e la presenza delle due mani, che impugnano l’arma, potrebbe indicare la volontà di aggiungere maggiore forza al movimento, per provocare ferite maggiori882. di Mentuhotep II a Gebelein) o animali che combattono contro e/o al fianco degli esseri umani etc etc. 881 Patridge (2002): pag 121 – 126 882 Non si conoscono stime e misurazioni sulle capacità di taglio delle asce egiziane, ma ritengo sia possibile che un colpo dato con una buona dose di forza e con un movimento corretto potesse portare anche a tagliare o rompere un osso, ad esempio di un braccio. 232
  • 233. Nella tomba di Intef (v.MR.AF. 1) nell’ Asasif, a esempio, oppure nelle tombe No. 2 e 17 a Beni Hassan (v. MR.BH. 1, Fig. 64 e MR.BH. 4, Fig. 73), è presente un arma che potrebbe ricordare un lungo bastone ricurvo, troppo lungo per essere considerato un bastone da lancio e troppo corto per essere considerato un bastone semplice: è possibile che quest’arma avesse la funzione simile a quella di un moderno randello, dalla forma volutamente ricurva. La sua forma, senz’altro ricercata, poteva favorire un colpo rapido ma al tempo stesso efficace: una volta colpito il bersaglio, la forma ricurva dell’arma poteva favorire lo scivolamento della stessa sull’obbiettivo, in modo da accompagnare il movimento del braccio di chi la usava e poter essere usata nuovamente con velocità. Inoltre si potrebbe ipotizzare che il materiale utilizzato sia un legno più morbido, come quelli utilizzati per la realizzazione dell’arco883, in modo da sfruttare la sua flessibilità e essere usato come un frustino corto. In molti casi quest’arma presenta un leggero ispessimento sull’estremità superiore e questo potrebbe aggiungere maggiore forza di impatto in caso di un colpo di frusta con la punta, magari acuminata o affilata. Se così fosse, la forma stessa dell’arma, favorirebbe un movimento ancora più veloce finalizzato a provocare ferite superficiali, probabilmente molto dolorose nell’immediato colpo, agli avversari. A Beni Hassan, nella tomba No. 2, databile al Medio Regno, è evidente nel quinto registro della parete est (v. MR.BH. 1, Fig. 64) la presenza di due soldati, contrapposti, armati di un bastone lungo o una lancia e quest’arma ricurva. I soldati sono raffigurati in combattimento in cui l’arma corta serviva per colpire superficialmente e l’arma lunga per ferire a morte l’avversario. In altre tombe, storicamente precedenti alla No. 2, sono presenti altre scene di lotta tra due soldati, in cui però l’arma ricurva è accostata all’utilizzo di uno scudo. Questo potrebbe voler implicitamente significare che il bastone ricurvo potesse essere sufficientemente efficace da essere usato come arma principale, per eliminare un nemico, e richiedere l’uso di uno scudo per difendersi dallo stesso. 883 Nel secondo capitolo si è detto che il legno più morbido presente in Egitto è l’Acacia, sebbene risulti comunque più duro rispetto a un legno ottimale. Quindi è possibile che quest’arma fosse ricavata da rami di Acacia. 233
  • 234. Seguendo il ragionamento dell’attendibilità grafica delle rappresentazioni, possiamo far riferimento alla scena presente nella tomba di Inti a Deshasheh (v. AR. 6). Qui, nel secondo registro a sinistra, è mostrata una scena particolare, se paragonata a tutte le altre trattate in questa tesi: due egiziani, rivolti verso un unico nemico, collaborano per sconfiggerlo. La scena mostra l’istante precedente il colpo finale, in cui il soldato a destra sta per colpire mortalmente l’asiatico, tenuto per i capelli da un soldato alla sua sinistra e graficamente alle sue spalle. Questa scena si presenta, simile, anche all’estrema sinistra del terzo registro in cui un egiziano tiene per i capelli il nemico, mentre lo colpisce con l’ascia stretta nella mano destra. Alle spalle del nemico, un altro egiziano è intento a colpirlo con un arma, la cui forma non è chiara a causa dello stato di conservazione della rappresentazione. Per quanto possa risultare un particolare singolare e unico, questo potrebbe lasciar trasparire un dettaglio che, personalmente, ritengo verosimile e confermato anche nel primo registro della rappresentazione di Intef (v.MR.AF. 1) e da diverse rappresentazioni, come ad esempio la rappresentazione della battaglia di Kadesh, presente nel tempio di Fig. 83: Frammento della rappresentazione della battaglia di Kadesh, nel tempio di Karnak, da Wreszinski (1925) Karnak, in cui sono mostrati soldati in marcia. Ogni soldato è equipaggiato con scudo e un arma d’attacco. In questa marcia è evidente una costante successione di un soldato armato con un’ascia e un soldato armato con un arma differente, spesso variabile in base alla rappresentazione (lancia, bastone o kepesh). Questa caratteristica è presente anche nella tomba di Intef (v.MR.AF. 1) nell’Assasif: nel primo registro della rappresentazione si registra una coppia di soldati, posizionati tra due arcieri, equipaggiati con un armamentario diverso: uno con scudo e ascia e l’altro con pugnale e bastone ricurvo. Nel primo capitolo è stata descritta la divisione dell’esercito egiziano secondo una scala gerarchica di ‘Equipaggi’, ‘Squadre’ e ‘Zau’, composti da trecento venti o 234
  • 235. quattrocento soldati, disposti secondo una ripartizione interna di cui l’ultimo stadio era costituito da diverse squadre da dieci individui, guidati da un comandante. La ripartizione così strutturata aveva la principale finalità di controllare al meglio le truppe e i loro movimenti. Ritengo, tuttavia, sebbene non ci siano altre prove a confermare questa ipotesi, che potesse esistere un ulteriore livello di suddivisione, magari circoscritto a uno specifico reparto, costituito dalla ‘Coppia’: al soldato era affiancato un suo compagno per un combattimento fianco a fianco, ognuno con il proprio equipaggiamento, in modo da aumentare l’efficacia d’attacco. Un soldato poteva essere, quindi, munito di arma a mediolungo raggio, come la lancia o il giavellotto, e l’altro con armi a corto raggio come l’ascia e il pugnale. La presenza dello scudo non è definibile, sebbene ritengo che sia prevedibile il suo utilizzo, magari come equipaggiamento a favore del soldato con armi a medio-lungo raggio884. Dall’analisi dettagliata delle raffigurazioni con scene di combattimento, è stato inoltre possibile confermare l’uso della faretra sin dall’Antico Regno,885 sia in rappresentazioni nella tomba di Inti a Deshasheh (v. AR. 6), che immagini di arcieri su un blocco (probabilmente della IV dinastia) riutilizzato nella tomba di Amenemhat I a Lisht (v. AR. 4, Fig. 47), è evidente la presenza di una faretra, portata a tracolla o dietro la schiena. Sebbene non sia possibile avere una certezza oggettiva, in quanto sia la rappresentazione tomba di Deshasheh che quella rinvenuta a Lisht mostrano faretre prive di frecce al loro interno, ritengo che queste rappresentazioni possano essere considerate prove sufficienti. La prova è data, fondamentalmente, dalla tipologia di soldato che le trasportava. Sebbene, nella tomba di Inti, non si abbia la certezza visiva, a causa del pessimo stato di conservazione della rappresentazione, che i soldati equipaggiati con quest’astuccio a tracolla siano arcieri886, la sua posizione è coerente con quella 884 Allo stato attuale delle nostre conoscenze, non siamo comunque in grado di apportare ulteriori prove a conforto di quest’ipotesi. 885 MCDermott (2004): pag 31 - 33 afferma che le faretre sono raffigurate, nel panorama egiziano, dal predinastico, mentre Di Donato (1984) ne sostiene l’apparizione solo dal Medio Regno (p. 80); Patridge (2002) e Shaw (1991) invece non affrontano la questione. 886 È bene dire che nel terzo capitolo è stata compiuta una ricostruzione, in base anche a un ragionamento logico, sul compito di questi soldati. 235
  • 236. mostrata nel frammento proveniente da Lisht, in cui è evidente che i soldati rappresentati siano arcieri. In quest’ultima, tuttavia, è solo intuibile la presenza di un oggetto posizionato all’altezza dell’addome dei soldati, la cui forma risulta essere assolutamente simile a quella rappresentata nella tomba di Inti. In questa rappresentazione, inoltre, è evidente che gli arcieri stringessero tre frecce durante la tensione della corda. Sebbene si ipotizzi887 che questo modo di rappresentare le frecce indicasse un metodo di trasporto, in concomitanza con l’assenza di faretre, io protendo per il definire questo come una metodologia di tiro. Ritengo, infatti, sia non realistico pensare che, in una battaglia, gli arcieri potessero essere muniti esclusivamente di tre o quattro frecce, in quanto sarebbe eccessivamente limitante per un reparto così importante dal punto di vista tattico. Come detto nel primo capitolo, gli arcieri potevano essere posizionati in prima linea, in seconda o ai lati della fanteria, garantendo l’utilizzo di armi a lunga gittata. Limitare il lancio a poche frecce, per un arciere, significava limitare un intero reparto armato e, di fatto, indebolire tutto l’esercito. Lo scopo principale dell’arciere, infatti, era quello di fiaccare i reparti dell’esercito nemico, cercando di colpire gli avversari, in modo che questi ultimi non fossero più fisicamente pronti per il combattimento a medio e corto raggio, agevolando così il compito dei propri reparti di fanteria. Sarebbe, quindi, da definire il motivo delle frecce così raffigurate in questa rappresentazione. Tenendo conto anche della posizione della faretra (v. AR. 4, Fig. 47) non dietro le spalle, ma portata a tracolla, si potrebbe ipotizzare che queste frecce siano in quella posizione per essere lanciate in uno specifico modo. Il metodo di lancio di una freccia è unico e non presenta molte varianti nel corso della storia: l’arco viene impugnato con una mano, mentre l’altra tende la corda e tiene la cocca della freccia che deve essere scagliata, mentre l’asta di quest’ultima viene poggiata sul corpo dell’arco. Ritengo, quindi, che questo modo di impugnare le frecce sia finalizzato a un lancio in successione, in modo da rendere più veloce la ricarica delle munizioni e garantire un fuoco quasi costante di dardi contro un bersaglio. Quest’idea può 887 Di Donato (1984): pag 80 236
  • 237. essere confermata anche dalla rappresentazione mostrata sulla rampa d’accesso alla piramide di Sahure (v. AR. 4, Fig. 49), in cui gli arcieri sono raffigurati mentre stringono nella mano destra delle frecce e caricano il tiro con l’arco, verso un bersaglio già colpito da un numero variabile di proiettili. Stringere nella mano due, tre o più frecce, nel limite delle possibilità prensili della stessa, potrebbe implicare, inoltre, il risparmio non trascurabile di energie in quanto l’arciere aveva tre munizioni senza essere costretto a dover fisicamente prendere la freccia dalla faretra: un movimento che richiedeva una gestualità più complessa rispetto a quella che si potrebbe avere nel posizionare una freccia, già stretta nella mano, sulla corda. Stringere quindi tre frecce in una mano significava eliminare per due volte il gesto della ricarica dalla faretra, risparmiando tempo, energia e garantendo, un lancio rapido di tre proiettili con il minimo sforzo e il massimo dell’efficienza. Un lancio in successione infatti avrebbe aumentato le probabilità di andare a bersaglio, in quanto la traiettoria di tre o più frecce, scagliate a pochi secondi l’una dall’altra, aveva sicuramente più possibilità di colpire un bersaglio in movimento, nel caso di una battaglia campale. Bisogna inoltre aggiungere che l’arciere era parte di un reparto composto da numerosi soldati, i quali scoccando tutti alla stessa maniera, potevano garantire un afflusso costante di proiettili, lasciando poche possibilità di fuga agli avversari. L’uso di faretre, inoltre, è dimostrato anche durante gli assedi, come mostrato nelle varie rappresentazioni di Beni Hassan. Qui possiamo notare, innanzitutto, che le faretre avevano una forma diversa, in quanto più grandi e più capienti, e sempre posizionate per terra. Ritengo che questa differenza sia dovuta proprio al metodo di battaglia che si stava rappresentando. L’assedio, come già detto nel primo capitolo, era una guerra di logoramento, statica per definizione e per questo richiedeva un numero maggiore di munizioni, che avrebbero appesantito la faretra e, quindi, stancato inutilmente l’arciere. Inoltre si denota la presenza di fasci di frecce davanti ad alcuni arcieri, come se i proiettili fossero infilati nel terreno. Questo, secondo me, potrebbe indicare che alcuni reparti tra gli arcieri non erano provvisti di faretra, forse per ragioni di classe gerarchica o perché truppe ausiliarie o mercenarie. 237
  • 238. Ciò che risulta evidente dalle rappresentazioni d’assedio è una differenza grafica tra le fortezze mostrate a Beni Hassan e quella presente nell’Asasif e nella tomba di Khaemheset a Saqqara. Le prime hanno una forma rettangolare con una base trapezoidale, mentre le fortezze rappresentate ad Asasif e a Saqqara sono mostrate solo parzialmente, con una sola parete laterale, che tuttavia risulta essere perpendicolare e dritta fino al suolo. Questa differenza credo non sia casuale, in quanto potrebbe definire graficamente due tipologie di fortezze, appartenenti a due popolazioni diverse. Le scene presenti ad Asasif e a Saqqara mostrano un assedio nei confronti di popolazioni asiatiche, i cui soldati sono mostrati con capelli lunghi e barba, con abiti lunghi, secondo un iconografia rintracciabile anche in altre rappresentazioni, come quelle a Gebelein e a Wadi Maghara o nella tomba di Inti, mentre in quelle presenti nelle varie tombe di Beni Hassan sono raffigurati soldati la cui resa grafica risulta essere simile a quella utilizzata per gli egiziani assedianti. Si tratta, quindi, di assedi verso popolazioni diverse, di cui la prima tipologia riguarda popolazioni asiatiche, mentre la seconda verso popolazioni probabilmente egiziane. Questo permette di capire che la struttura delle fortezze asiatiche potesse avere delle mura perimetrali nell’assedio con della garitte, tomba come di mostrato Inti, ma perpendicolari al suolo, rendendo agevoli di fatto l’utilizzo di scale e torri d’assedio, le quali sono attestate sin dall’Antico Regno. Ipotizzando che le fortezze di Beni Hassan fortezze fossero egiziane, ho ritenuto necessario Fig. 84: Ricostruzione dell'ingresso confrontare queste scene con le strutture della fortezza di Buhen, si può notare al lato un elemendo obliquo. conosciute che avessero una funzione simile. In Emery (1987) Egitto, tuttavia, non sono state rinvenute 238
  • 239. fortezze di alcun tipo, sebbene siamo a conoscenza di fortificazioni del periodo arcaico a Hierakonpolis e ad Abydos888, mentre esistono delle strutture simili in Nubia, chiamate mnw889, costruite proprio dagli egiziani durante il Medio Regno, con lo scopo di fornire dei presidi stabili per controllare il territorio e garantire supporto logistico e militare alle spedizioni minerarie oltre della prima cataratta890. La forma di queste fortezze era variabile e si adattava alle esigenze del territorio, spesso roccioso, rinforzando la struttura attraverso la creazione di fossati e doppi muri perimetrali891. Tuttavia molte di queste avevano dei contrafforti aggettanti (Fig. 84, Fig. 85), la cui funzione non è ancora stata definita892, graficamente simili a quelli mostrati nelle tombe di Beni Hassan. Fig. 85: Ricostruzione delle mura perimetrali della fortezza di Aniba, da Vogel (2010) Quindi risulta molto probabile che le fortezze rappresentate nelle tombe di Beni Hassan (v. MR.BH. 1, MR.BH. 3 e MR.BH. 4) siano egiziane e che si tratti di assedi avvenuti durante il Primo Periodo Intermedio, in quanto fanno riferimento a tombe di nomarchi vissuti durante questa fase. 888 Badawy (1990): pag 46 Badawy (1966): pag 198 890 Bunson (2001): pag 140-141 891 Vogel (2010): pag 27 892 Vogel non attribuisce a questi elementi un valore difensivo valido. Cit Vogel (2010): pag 21 889 239
  • 240. Il motivo di questa forma potrebbe essere ricercato nell’esistenza delle torri d’assedio in queste rappresentazioni. Come è evidente dalla scena visibile nella tomba di Intef, ad Asasif, così come nella tomba di Khaemheset a Saqqara, gli egiziani usavano le torri d’assedio sin dall’Antico Regno, sebbene quella mostrata nella tomba di Khaemheset assomigli più a una scala che a una torre. Il fatto che gli egiziani conoscessero e usassero le torri d’assedio, probabilmente li spinse a costruire strutture che potessero contrastare il loro utilizzo. Una torre d’assedio così come le scale, per poter essere efficace, deve avere la possibilità di raggiungere le mura e dare la possibilità, a chi è impegnato nella salita, di conquistare il più rapidamente possibile i bastioni. La costruzione di eventuali elementi ad aggetto, fossati e muri di intermezzo poteva, di fatto, rendere inutilizzabili le torri d’assedio e le scale ed è probabilmente per questo che non sono rappresentati nelle scene di Beni Hassan893. Come già detto, risulta evidente come in Egitto siano state usate, sin dai tempi più antichi, macchine d’assedio, quali scale, raffigurate nella tomba di Inti, e torri d’assedio, come è evidente nella tomba di Intef. Nella tomba di Khaemheset (v. AR. 7) è presente un elemento particolare che risulta essere una forma ibrida tra una scala e una torre d’assedio, avendo l’aspetto di una scala, ma con delle ruote alla sua base, identiche a quelle presenti alla base della torre d’assedio nella tomba di Intef. Ciò che risulta ancora più particolare è la posizione dell’attrezzo: rappresentato parallelamente al muro, senza che gli staggi tocchino il perimetro della città assediata. Nel terzo capitolo si è ipotizzato che questa scala, in realtà, fosse un primordiale tentativo di rappresentare una torre d’assedio ma che, forse per un errore dell’artista, non venne resa graficamente simile a quella presente nella tomba di Intef. Inoltre ritengo verosimile l’esistenza di un'altra macchina (Fig. 63), usata negli assedi sicuramente nel Nuovo Regno, ma che trovano una corrispondenza anche nelle scene d’assedio mostrate sulle pareti di Beni Hassan: una cupola, probabilmente di legno, usata da due o tre soldati con lo scopo di raggiungere la base della fortezza e colpire, mediante una lunga lancia, gli assedianti presenti sui 893 Ritengo sia possibile che la conquista di queste fortezze avvenisse attraverso la tecnica del logoramento, spingendo gli assediati alla fame e quindi alla resa. 240
  • 241. bastioni. Graficamente, nelle tombe di Beni Hassan, queste cupole risultano avere la forma di un grande scudo, dentro il quale si proteggevano i soldati, tuttavia ritengo che questo potesse essere solo un espediente grafico per mostrare l’interno della cupola894. L’assenza di altre rappresentazioni, così come la totale mancanza di reperti che possano chiarire la forma esatta di queste macchine, limitano un eventuale approfondimento, che tuttavia potrebbe essere compiuto attraverso uno studio specifico per quanto riguarda la storia evolutiva di questi attrezzi. Per queste ragioni potrebbe essere interessante cercare di approfondire questo tema, con uno studio successivo, prendendo in considerazione non solo le epoche successive dell’Egitto, ma cercando anche possibili somiglianze con tecniche d’assedio di popolazioni coeve, in modo da avere una visione generale, ma al tempo stesso chiara, su quello che potevano essere gli approcci bellici negli assedi e quali macchine potevano essere usate. Nella tomba di Ameni, governatore del sedicesimo nomo durante il regno di Sesostri I (v. MR.BH. 1, Fig. 62), è stata messa in evidenza una rappresentazione d’assedio a una fortezza, mostrata con le stesse caratteristiche delle fortificazioni raffigurate nelle tombe No. 15 e No. 17 (v. MR.BH. 3, Fig. 66 e MR.BH. 4 Fig. 73), in una fase storica lontana dal Primo Periodo Intermedio e dalle lotte interne che la caratterizzarono. Questa fortezza è rappresentata sulla sezione nord della parete est, insieme alla scena di una spedizione marittima verso sud895. Le possibili interpretazioni, a mio avviso, sono due. • Interpretazione I: La rappresentazione mostra la scena di una battaglia realmente avvenuta, di cui però non sappiamo né il nome del nemico, né il luogo dello scontro. Sappiamo, infatti, dalla biografia di Ameni che il nomarca fu impiegato per alcune battaglie nell’ambito di spedizioni 894 Allo stesso modo potremmo ipotizzare che la torre d’assedio mostrata nella tomba di Intef, il cui aspetto risulta comunque essere “aperto”, in quanto è possibile visivamente osservare i soldati arrampicarsi dentro la struttura, fosse in realtà chiusa all’esterno e che, solo per ragioni artistiche, sia rappresentata con le pareti esterne trasparenti. 895 Nella sezione meridionale (v. MR.BH. 1, Fig. 64) è invece una spedizione marittima verso nord, contestualmente a scene di battaglia, nei registri superiori, in cui sono rappresentati alcuni soldati asiatici. 241
  • 242. compiute da Sesostri I per la conquista dei territori Nubiani896, sebbene non venga specificata alcuna località precisa, a eccezione della prima, rivolta verso Kush897. Non è, quindi, possibile escludere che la scena rappresenti una battaglia realmente avvenuta a sud, probabilmente in territorio nubiano898 o in una zona di confine tra l’Egitto e la Nubia. Il nemico rappresentato in questa fortezza, così come è stato messo in evidenza per le scene nelle tombe No. 15 e No.17, ha lo stesso aspetto e le stesse armi degli assedianti e questo potrebbe indicare che gli avversari fossero riconosciuti, dagli egiziani, come loro simili. A conferma di questo durante la fase finale dell’Antico Regno e soprattutto durante il Primo Periodo Intermedio899, i territori nubiani furono abitati da popolazioni locali900 che, sfruttando il vuoto lasciato dagli egiziani, avevano occupato i territori della Bassa Nubia. Tra questi erano presenti non solo i discendenti degli egiziani che si erano stabiliti in questi territori nei secoli precedenti, ma anche tutti quei nubiani che avevano subito l’influenza straniera e che vivevano di fatto come egiziani901, favorendo la sopravvivenza di elementi culturali dell’Egitto in Nubia durante il Primo Periodo Intermedio e quindi anche durante il Medio Regno. Questo potrebbe provare che la fortezza, riprodotta nella tomba di Ameni, potesse essere una mnw902 egiziana in Nubia. • Interpretazione II: La rappresentazione mostra uno scontro armato non reale, seguendo schemi artistici forse canonici per il sedicesimo nomo, prendendo come modello di riferimento le rappresentazioni delle tombe No. 15 e No. 17. Questa ipotesi potrebbe essere confermata dallo schema 896 Nella biografia del nomarca è citato anche il nome del figlio di Sesostri I, che probabilmente aveva il ruolo di coreggente. Newberry (1893): 25-26 897 Newberry (1893): 25 898 In MR.BH. 1 è stata messa in evidenza la presenza di nubiani che collaboravano con l'esercito assediante.. 899 Torok (2009): capitoli VI e V 900 L’identificazione di queste popolazioni, il Gruppo C, è ancora materia di dibattito tra gli studiosi, sebbene diversi indizi sembrerebbero confermare che fossero i discendenti delle popolazioni originarie della Bassa Nubia, il Gruppo A, allontanatesi in seguito alla conquista egiziana. Torok (2009): pag 53 - 58 901 Torok (2009): pag 75-78 902 Tuttavia non siamo a conoscenza di fortezze nubiane precedenti al regno di Sesostri I. L’unico insediamento egiziano conosciuto in Nubia era la città di Buhen, costruita nell’Antico Regno, che, però, non aveva le caratteristiche di una fortezza. 242
  • 243. rappresentativo usato, identico rispetto alle tombe citate: primi registri composti da scene di lotta corpo a corpo e per gli ultimi registri scene di assedio e combattimento con armi. Ritengo che questa seconda ipotesi sia la più verosimile, in quanto è probabile che questa rappresentazione, insieme a quella presente sulla zona meridionale della parete est (v. MR.BH. 1, Fig. 64), non faccia riferimento a battaglie specifiche, ma un a topos artistico, basato su schemi iconografici già utilizzati nelle tombe precedenti della necropoli. Il topos così definito sarebbe finalizzato a mostrare il ruolo militare del nomarca nell’ambito di spedizioni militari verso sud e per il consolidamento dei confini settentrionali903 in modo generale e non nello specifico di battaglie che, come detto precedentemente, sono almeno per il territorio nubiano. Sebbene, per l’Antico Regno, non siamo a conoscenza di vere e proprie campagne militari d’espansione, a differenza di quanto avvenne durante il Nuovo Regno, nel primo capitolo è stato messo in evidenza come si conoscano delle battaglie contro i così detti “popoli che stanno sulla sabbia”, Hrjw Sa904, chiamati anche beduini905, popolazioni considerate nomadi906 o seminomadi. Le uniche rappresentazioni che conosciamo di battaglie rivolte contro popolazioni asiatiche sono assedi contro fortezze (nella tomba di Inti, Khaemheset e Intef) e non di battaglie campali (v. AR. 6, AR. 7, MR.AF. 1). Sebbene sia logico prevedere l’esistenza di scontri militari in campo aperto contro popolazioni nomadi, ritengo possa essere un controsenso ammettere l’esistenza di assedi contro quest’ultimi, in quanto popolazioni nomadi, per definizione, non vivevano in abitati fortificati. Le possibili soluzioni quindi sono due: • Le scene nelle tombe mostrano assedi che non sono realmente avvenuti 903 Nel panorama ideologico egiziano, soprattutto nel Nuovo Regno, il sovrano, al momento della sua incoronazione, viene abitualmente definito come “colui che ripristina l’ordine” dei confini del regno, sconfiggendo i nemici, spesso raffigurati come ribelli. Le rappresentazioni sulla parete est di Ameni, a Beni Hassan, probabilmente fanno riferimento a questo metodo di definizione del potere, in cui il nomarca è partecipe della vittoria sul caos. 904 Hannig (2003): pag 874 905 Diversi autori utilizzano questo termine per indicare “gli abitanti che stanno sulla sabbia”: Bunson (2001): pag 67, Wildung (1975) Band I: 677, Bresciani (1990): pag 20, Breasted (1906): pag 142 – 143, Roccati (1982): pag 189 e Goedicke (1963): pag 189-190 906 Wildung (1975), Band I: 677, Bresciani (1990): pag 20 243
  • 244. • I Hrjw sa non facevano parte di una popolazione nomade. sa Personalmente protendo per quest’ultima ipotesi, in quanto è possibile che la formula “popoli che stavano sulla sabbia” si riferisse a una popolazione sedentaria, di cui si sono perse le tracce. Nel primo capitolo si è citato il testo di Uni, nomarca della sesta dinasta, in cui si parla dell’esercito egiziano, composto da “molte decine di migliaia” di soldati, così come è presente un elenco di soldati, probabilmente ausiliari907, provenienti dalla Nubia: gli abitanti di Ircet, di Iam, di Uauat e di Kaau, i Megiai, ma anche soldati provenienti “dal paese dei Libi”908. Un tale dispiegamento di mercenari insieme a un esercito regolare egiziano, costituito da soldati provenienti sia dall’Alto Egitto che dal Delta, contro un nemico plausibilmente non molto pericoloso come poteva essere un popolo nomade o seminomade o di ribelli, risulta essere pretestuoso e probabilmente irreale. Tuttavia ci sarebbe da ricercare il motivo di una tale novizia di particolari nell’elencare la provenienza dei soldati, se questi dati non fossero stati reali. Forse abbiamo a che fare con una stima di “molte decina di migliaia” realistica o quanto meno plausibile? Perché un tale dispiego di forze se il nemico era un pericolo relativo? È possibile che i beduini fossero tutt’altro che una minaccia di poco conto e che questa battaglia sia stata risolutiva contro un importante pericolo nei confronti dell’Egitto? Bisogna aggiungere, inoltre, che nell’inno di glorificazione, lo stesso Uni parla di aver distrutto fortificazioni, case, le viti e i fichi dei beduini e in questo troviamo una corrispondenza nelle scene trattate nelle tombe di Inti e Khaemheset (v. AR. 6, AR. 7), rappresentazioni che potrebbero essere coeve909. È possibile quindi che i Hrjw Sa fossero sedentari o che, nel corso degli anni, avessero adottato qualche forma di sedentarietà910. Inoltre lo stesso Uni, dopo la prima campagna vittoriosa, nel suo testo utilizza il termine “ribellione” e ci racconta che il suo intervento fu richiesto del faraone stesso per sedare cinque distinte ribellioni di questo popolo. Questo potrebbe significare che i Hrjw Sa fossero stati conquistati precedentemente Sa da Uni e che le loro rivolte dovessero essere sedate con la forza. 907 Faulkner (1953): pag 32 Bresciani (1990): pag 24 909 Nel terzo capitolo è stato detto che la datazione di queste tombe non è certa e potrebbero risalire sia alla quinta dinastia, che alla sesta. 910 Roccati (1982): pag 189, Goedicke (1963): pag 190 908 244
  • 245. Sebbene queste prove ritengo possano essere sufficienti a definire l’esistenza di una vera e propria guerra verso un popolo straniero, di cui si sono perdute le tracce e la cui esistenza può essere solo teorizzata, potrebbe essere interessante un’indagine conoscitiva, anche con ricerche archeologiche per individuare tracce fisiche dell’esistenza di questo popolo, la cui collocazione geografica è ancora materia di dibattito tra gli studiosi. In tal senso il termine utilizzato dagli egiziani Sa, Hrjw Sa “popoli che stanno sopra la sabbia”, potrebbe rappresentare un importante indizio nella possibile ricerca. Escludendo a priori le aree fertili, sarebbero da individuare le aree desertiche, vicino l’Egitto, in cui i Beduini possono aver vissuto: il deserto a occidente del Nilo, il deserto a orientale, il Sinai e la bassa Palestina. Personalmente tenderei a escludere le aree desertiche africane, in quanto si potrebbe trattare di popolazioni asiatiche911, con cui sono noti contatti sin dalla fase predinastica912, e l’area che avrebbe potuto ospitare questa popolazione potrebbe essere il Sinai, penisola in cui sono state rinvenute tracce di frequentazione egiziana, tra cui le rappresentazioni a Wadi Maghara (v. AR. 2) nelle vicinanze di una miniera di turchese, usata dagli egiziani durante l’Antico Regno. Un altro territorio potrebbe essere la Palestina meridionale, in quanto in una campagna successiva, Uni viene inviato a sedare una rivolta nel paese del “Naso della Gazzella (m Srt [---])”913, la cui collocazione non è certa914. Tuttavia per m [-----] questa battaglia il comandante dell’esercito racconta di aver utilizzato delle barche per attaccare da nord i ribelli, “sbarcando dietro le alture della montagna915, a nord del territorio dei Hrjw-Sa Hrjw-Sa. Personalmente ritengo che la collocazione geografica più realistica dei “popoli che abitano sulla sabbia” sia la zona che si estende dal lago Bardawil fino al limite inferiore della Palestina, nella moderna striscia di Gaza916, in quanto nel racconto 911 Diversi autori definiscono le campagne di Uni rivolte contro una popolazione asiatica: Faulkner (1953): pag 32, Bresciani (1990): pag 21, Lichtheim (1975): pag 19 e altri autori, come Patridge (2002): 83, Roccati (1982): 189 e Beker (2001): pag 39-40 specificano che il territorio è quello palestinese o tra il Sinai e il Canaan meridionale: Hamblin (2006): 337 e 912 Wilkinson (1999): pag 127-129, Scharff (1941), Vandier (1954) e Yadin (1955): pag 1 - 16 913 La traduzione di questo nome non è certa. Autori come la Bresciani (1990), Breasted (1906) e Roccati (1982) traducono questo nome con “terra del Naso di Gazzella” 914 Bresciani (1990): pag 21 e Lichtheim (1975): pag 22, nota 7 915 Bresciani (1990): pag 21 916 Maspero (1883): pag 62-78 245
  • 246. di Uni, come è stato detto, è presente un dettaglio descrittivo sul territorio circostante che ritengo essere chiaro: montagne, che potrebbero essere le montagne che fanno riferimento alla catena montuosa del “Monte Carmelo”, e delle alture, che potrebbero comprendere tutte le terre della zona che si estende dalla Galilea fino alla bassa Giudea, a nord del territorio dei Hrjw-Sa, il quale Hrjw-Sa doveva essere, per definizione, sabbioso e che potrebbe comprendere, quindi, parte del Negev per arrivare fino al lago Bardawil. Fig. 86: Foto satellitare della zona. In rosso sono segnate le catene montuose, in Blu le alture e in Verde l'area in cui potrebbero aver vissuto gli HrJw Sa Un altro aspetto che viene evidenziato in questo lavoro è il largo utilizzo nelle rappresentazioni della lotta corpo a corpo, presente sia nell’Antico Regno, nella tomba di Ptah-hotep (v. AR. 3, Fig. 46) o sulla rampa d’accesso alla piramide di Sahure (v. AR. 4, Fig. 49), sia nel Medio Regno, nelle tombe di Beni Hassan (v. MR.BH. 1, MR.BH. 3, MR.BH. 4) e in quella di Senbi e Ukh-hotp a Meir (v MR.M. 1, MR.M. 2). Nelle tombe di Beni Hassan, su tutti i muri est delle stanze principali delle tombe prese in considerazione, sono presenti delle rappresentazioni simili per disposizione delle immagini: sui primi registri sono 246
  • 247. evidenti una serie di atleti, contendersi delle prese di lotta, mentre negli ultimi è sempre evidente una scena di battaglia, finalizzata all’assedio. La diffusione delle immagini di lotta, spesso presenti sulle stesse pareti con scene di guerra lascerebbero intendere un’associazione logica tra queste rappresentazioni e il mondo militare. Osservando e analizzando molte delle scene di lotta, inoltre, ravvedo delle forti analogie con stili di lotta sportiva moderna e antica, come la lotta greco-romana917. Come detto nel primo capitolo e come è evidente dal frammento proveniente dal complesso di Sahure (Fig. 49), i soldati erano soggetti a un addestramento concentrato sull’utilizzo delle armi, ma anche sul combattimento corpo a corpo. Inoltre nella tomba di Ptah-hotep è evidente che a combattere potessero essere anche giovani egiziani e questo dettaglio potrebbe aprire a un’ulteriore chiave di lettura: è possibile che ogni cittadino egiziano, o almeno alcune categorie sociali, fossero addestrate e portate alla formazione militare, attraverso un metodo di coscrizione in base all’età e forse alla posizione sociale, in modo da avere una popolazione fisicamente pronta in caso di necessità918. Le rappresentazioni di queste tombe lasciano trasparire un senso di indipendenza, soprattutto militare919, dei nomarchi durante il Primo Periodo Intermedio. Grazie a questa libertà, i nomarchi assunsero un potere non solo amministrativo, ma anche religioso e soprattutto militare, probabilmente garantito, oltre che per le ragioni già accennate nel primo capitolo, anche da un sistema militare ben strutturato già nell’Antico Regno, che potesse assicurare loro una popolazione addestrata e pronta alla combattimento, dando quindi il via a quella fase di battaglie interne, risolte solo con la riunificazione conseguita da Mentuhotep II. Ciò che, a mio avviso, risulta chiaro è che l’avanzamento tecnologico militare, evidente nel Medio Regno con l’introduzione di nuove tipologie di armi, sia stato supportato e favorito da un’evidente attenzione, ben radicata, all’aspetto bellico per tutto l’Antico Regno. Questo sarà, inoltre, il preludio su cui si baseranno le 917 Le evidenti somiglianze potrebbero essere determinate da una forma di evoluzione continuativa tra gli stili di combattimenti egiziani e quelli usati in questo sport, definendone forse un possibile antesignano. Per ora, tuttavia, questa resta solo un ipotesi, che necessiterebbe di un accurato lavoro di approfondimento e studio di fonti sia archeologiche che epigrafiche, riguardanti sia il mondo egiziano che quello greco. 918 Patridge (2002): pag 83 919 Kanawati (2011): pag 9 247
  • 248. rappresentazioni militari del Nuovo Regno, in cui il sovrano sarà visto non solo come faraone, ma anche come eroe920, rafforzando ed elaborando l’icona del sovrano che sconfigge da solo i nemici, presente in Egitto sin dal predinastico. 920 Per un approfondimento consultare Spalinger (1982): capitoli 5 e 6 248
  • 249. Bibliografia • Adams Barbara, Hierakonpolis, in Lexikon der Äegyptologie, Band II, Wiesbaden, 1977 • Allan James P., Middle Egyptian: An Introduction to the Language and Culture of Hieroglyphs, Cambridge, 2010 • Allen James P., Middle Egyptian, an Introduction to the Language and Culture of Hieroglyphs, Cambridge, 2000 • Aristotele, Politica, a cura di C.A. Viano, Milano 2002 • Arkell A. J., Throwing-sticks and Throwing-knifes in Darfur, in Sudan Notes & Records, Vol. 22, Part.II, Khartoum, 1939 • Arnold Dieter, The Pyramid Complex of Senworset III ad Dahsur, Architectural Studies, New York, 2002 249
  • 250. • Arnold Dorothea, Group of Archers, in Egyptian Art in the Age of the Pyramids, New York, 1999 • Badawy Alexander, A History of Egyptian Architecture, from the Earliest times to the end of the Old Kingdom, London, 1990 • Badawy Alexander, A History of Egyptian Architecture: The First Intermediate Period, the Middle Kingdom, and the Second Intermediate Period, Los Angles, 1966 • Baer Klaus, Rank and Title in the Old Kingdom, Chicago 1960 • Baines John, and Jaromir Malek. Cultural Atlas Of Ancient Egypt. New York, 2000 • Baker Rosalie F., Ancient Egyptians: People of the Pyramids, Oxford, 2001 • Bard A. Kathryn, An Introduction to the Archeology of Ancient Egypt, Oxford, 2008 • Barocas Claudio, La scrittura geroglifica Egiziana, in Scrittura e Scritture, seminario interdisciplinare su teoria e prassi della scrittura, Napoli, 1983 250
  • 251. • Beinlich Horst, Assiut, in Lexikon der Äegyptologie, Band I, Wiesbaden, 1975 • Beinlich Horst, Qusae, in Lexikon der Äegyptologie, Band V, Wiesbaden, 1984 • Blackman Aylward, The rock tombs of Meir, Part I, Londra, 1914 • Blackman Aylward, The rock tombs of Meir, Part II, Londra, 1915 • Borchardt Ludwig, Das Grabdenkmal des Königs Sahu-Re, Band II: Die Wandbilder, Leipzig, 1913 • Breasted James Henry, Ancient Records of Egypt, Historical Documents, New York, 1906, Volume I • Breasted James Henry, Ancient Records of Egypt, Historical Documents, New York, 1906, Volume II • Breasted James Henry, Ancient Records of Egypt, Historical Documents, New York, 1906, Volume III • Breasted James Henry, Ancient Records of Egypt, Historical Documents, New York, 1906, Volume IV 251
  • 252. • Bresciani Edda, Letteratura e poesia dell’antico Egitto, Torino, 1990 • Bunson R. Margaret, Encyclopedia of ancient Egypt, Revised Edition, 2001 • Burton Richard Francis, The book of the sword, Londra, 1884 • Buttery Alan, Armies and Enemies of Ancient Egypt And Assyria, 1974. • Byrne Richard W., Animal Cognition: Bring Me My Spear, University of St Andrews, Scotland, 2007 • Cavillier Giacomo, Gli Shardana nell'Egitto ramesside, Oxford, 2008 • Clausewitz Carl, On War, Princeton, 1989 • Cottrell Leonard, Warrior Pharaohs, Londra, 1968 • Curto Silvio, L’arte militare presso gli antichi egizi, Quaderno n.3, in Museo egizio di Torino, Quaderno 1 – 6, Torino, 1965-70 • Cyril Alfred, Middle Kingdom art in Ancient Egypt, Londra, 1950 • Darnell John Coleman and Manassa Colleen, Tutankhamun's Armies: Battle and Conquest in Ancient Egypt's Late Eighteenth Dynasty, New Jersey, 2007 252
  • 253. • Davies De Garis Nina, The chapel of Ptahhetep and hieroglyphs, The mastaba of Ptahhetep and Akhethetep at Saqqareh, Part I, Londra, 1900 • Davies W.V., An Inscribed Axe Belonging to the Ashmolean Museum, Oxford in Journal of Egyptian Archaeology, Vol.60, 1974. • Davis Whitney, Masking the blow: the scene of representation in late prehistoric Egyptian art, Oxford, 1992 • Dessoudeix Michael, Chronique de l’Egypte ancienne, Les Pharaons, leur regne, leurs contemporains, 2008 • Devoto Giacomo e Oli Gian Carlo, Il Dizionario della lingua italiana, Firenze,1990 • Di donato, Archi e frecce: nell’antico Egitto, Milano 1984 • Donatelli Laura, Strumenti di misura, utensili e armi, in Civiltà degli Egizi. Vita quotidiana. Milano, 1987 • Eisner Will, Theory of Comics and Sequential Art, USA,1985 • El Khadragy Mohamed and Kahl Jochem, The First Intermediate Period Tombs at Asyut Revisited, in Studien Zur Altägyptische Kultur 32, Heidelberg, 2004 253
  • 254. • El Awady Tarek, Sahure - The pyramid causeway, History and decoration program in the old kingdom, Praga, 2009 • El-Khadragy Mohamed, The Northern Soldiers – Tomb at Asyut, in Studien Zur Altägyptische Kultur 35, Heidelberg, 2006 • Emery Walter B., Smith Harry S., and Millard Alan, The fortress of Buhen, Archeological Report, Londra, 1987 • Emery Walter B., Editorial Foreword, in The Journal of Egyptian Archaeology, Vol 48, Oxford, 1962 • Faulkner Raymond O, Egyptian Military Standards, in The Journal of Egyptian Archeology Vol 27, Londra, 1941 • Faulkner Raymond O., A concise dictionary of Middle Egyptian, Oxford, 1962 • Faulkner Raymond O., Egyptian Military Organization, in The journal of Egyptian Archeology, Vol 38, London, 1953 • Fischer Henry, The archer as represented in the first intermediate period, in Journal of Near Eastern Studies, Vol 21, 1962 • Gardiner Alan e Peet Eric, The inscriptions of Sinai, Londra, 1955 254
  • 255. • Gardiner Alan, Egyptian Grammar, Being an introduction to the study of hieroglyphs, Oxford, 1957 • Gardiner Alan, The inscription of Sinai - Part II, Londra, 1955 • Gardiner Alan, The Kadesh inscription of Ramesses II, Oxford, 1960 • Gardiner H. Alan, The ancient military road between Egypt and Palestine, in The Journal of Egyptian Archeology Vol VI, Londra, 1920 • Giacomo Cavallier, L’arte militare e le armi nell’Antico Egitto, in Il Carro e le armi del museo egizio di Firenze, Firenze, 2002 • Goedicke Hans, Re-Used block from the pyramid of Amenemhet I at Lisht, New York, 1971 • Goedicke Hans, The alleged military campaign in Southern Palestine in the reign of Pepi I (VI Dynasty), in Rivista Studi Orientali Vol 38, Roma, 1963 • Gomaà Farouk, Herakleopolis Magna, in Lexikon der Äegyptologie, Band II, Wiesbaden, 1977 • Grimal, Storia dell’antico Egitto (Historie de L’Egypte ancienne), Parigi, 1988 255
  • 256. • Groenewegen-Frankfort, Arrest and Movement, An Essay on Space and Time in the Representational Art of the Ancient Near East, Cambridge, 1987 • Haas Jonathan, The anthropology of war, Cambridge, 1990 • Hamblin William, Warfare in the Ancient Near East to 1600 BC, New York, 2006 • Hannig Rainer, Agyptisches Worterbuch I. : Altes Reich und Erste Zwischenzeit, Mainz, 2003 • Hannig Rainer, Die Sprache der Pharaonen. Großes Handwörterbuch Ägyptisch-Deutsch. (2800-950 v. Chr.), Mainz, 1995 • Heerma van Voss Matthieu, Nechbet, in Lexikon der Äegyptologie, Band IV, Wiesbaden, 1982 • Helck Wolfgang, Sanacht, in Lexikon der Äegyptologie, Band V, Wiesbaden, 1984 • Hrouda Barnel, La Mesopotamia (Mesopotamien. Die Antiken Kulturen zwischen Euphrat und Tigris), Monaco, 1997 256
  • 257. • Jaros-Deckert, Das Grab des Jnj-jtj.f, in Grabung im Asasif, Band V, Mainz, 1984 • Junge Friedrich, Beni Hassan, in Lexikon der Äegyptologie, Band I, Wiesbaden, 1975 • Junge Friedrich, El-Berscheh, in Lexikon der Äegyptologie, Band I, Wiesbaden, 1975 • Kanawati Naguib and Woods Alexandra, Beni Hassan, art and daily life in an Egyptian province, Cairo, 2011 • Kaplony Peter, Dewen, in Lexikon der Äegyptologie, Band I, Wiesbaden, 1975 • Keegan John, A History of Warfare, New York, 1994 • Kemp Barry J., Ancient Egypt, anatomy of a civilization, Londra, 1989 • Lehner Mark, Of Gangs and Graffiti: How Ancient Egyptians Organized their Labor Force, in AERAGRAM 7.1, Cambridge, 2004 • Lichtheim Miriam, Ancient Egyptian Literature, Vol I: The Old and Middle Kingdoms, Los Angeles, 1975 257
  • 258. • Lichtheim Miriam, Ancient Egyptian Literature: Volume I: The Old and Middle Kingdoms, 1973 • Liverani Mario, Guerra e Diplomazia nell’Antico Oriente 1600-1100 a.C., Roma, 1994 • Liverani Mario, Le lettere di Tell El-Amara: Le lettere ai piccoli re, Brescia, 1998 • Lutz Henry F., The alleged robbers' guild in Ancient Egypt, Berkeley, 1937 • Lutz Henry F., The alleged robbers' guild in Ancient Egypt, Berkeley, 1937 • Martin-Pardey Eva, Ptahhotep, in Lexikon der Äegyptologie, Band IV, Wiesbaden, 1982 • Maspero, Notes sur quelques points de Grammaire et d’Histoire, Zeitschrift für ägyptische Sprache und Altertumskunde, Leipzig, 1883 • McCloud Scott, Understanding Comics - The invisibile art, New York, 1993 • McDermott Bridge, Warfare in ancient Egypt, Sparkford, 2004 258
  • 259. • McLeod, Self Bows and other archery tackle from the tomb of Thutakamun, Oxford, 1982 • Mitani John, Lethal intergroup aggression leads to territorial expansion in wild chimpanzee, in Current Biology, Volume 20, Issue 12, Michigan, 2010 • Mokhtar Mohamed, Injasya El-Medina (Hierakleopolis Magna), Its importance and its role in pharaonic history, IFAO, 1983 • Neville Edouard, The XIth dynasty temple at Deir el-Bahari, Part II, Londra, 1907 • Neville Edouard, The XIth dynasty temple at Deir El-Bhari, Part II, London, 1907 • Newberry Percy and Griffith, el-Bersheh, Part II, Londra, 1894 • Newberry Percy E. Beni Hasan, Part 1. London, 1893 • Newberry Percy E. Beni Hasan, Part 2. London, 1894 • Newberry Percy, el-Bersheh, Part I, Londra, 1893 259
  • 260. • Oppenheim Adela, Cast of a block with running troops and an inscription with the names and titles of king Userkaf, in Egyptian Art in the Age of the Pyramids, New York, 1999 • Paget and Pirie, Tomb of Ptah-hotep, in The Ramesseum, Londra 1898 • Patridge Robert, Fighting Pharaohs, Weapons and warfare in Ancient Egypt, Mancester, 2002 • Petrie Flinders and Bruton Guy, Sedment, Vol 1 e 2, Londra, 1924 • Petrie Flinders, Deshashe, Londra 1898 • Petrie Flinders, Tools and Weapon, Londra 1917 • Piacentini Patrizia, Egiziani e Asiatici su un rilievo della VI dinastia a Deshasheh, in Studi di Egittologia e di Antichità puniche, Pisa, 1987 • Pirelli Rosanna, Beni Hasan, in Encyclopedia of Archaeology of Ancient Egypt, New York, 1999 • Porter and Moss, Topographical Bibliography of Ancient Egyptian Hieroglyphic Texts, Reliefs and Paintings, Lower and Middle Egypt : (Delta and cairo to Asyut), Oxford, 1934 260
  • 261. • Porter and Moss, Topographical Bibliography of Ancient Egyptian Hieroglyphic Texts, Reliefs and Paintings, Nubia, the deserts, and outside Egypt, Oxford, 1951 • Porter and Moss, Topographical Bibliography of Ancient Egyptian Hieroglyphic Texts, Reliefs and Paintings, Upper Egypt : Sites, Oxford, 1962 • Porter and Moss, Topographical Bibliography of Ancient Egyptian Hieroglyphic Texts, Reliefs and Paintings, The Theban necropolis. Part II. Royal tombs and smaller necropolis, Oxford, 1964 • Porter and Moss, Topographical Bibliography of Ancient Egyptian Hieroglyphic Texts, Reliefs and Paintings, Memphis. Part 2. : Saqqara to Dahshur, Oxford, 1978-1981 • Porter and Moss, Topographical Bibliography of Ancient Egyptian Hieroglyphic Texts, Reliefs and Paintings, The Theban necropolis. Part I. Private tombs, Oxford, 1989 • Quibell J.E, The Ramesseum, Londra 1898 261
  • 262. • Quibell J.E., Hierakonpolis – Part I, in Egyptian Research Account, Londra, 1989 • Quibell J.E., Hierakonpolis – Part II, in Egyptian Research Account, Londra, 1989 • Roccati Alessandro, La littérature historique sous l'ancien empire egyptien, Parigi, 1982 • Rössler-Köhler Ursula, Löwe, L.-Köfe, L.Statuen, in Lexikon der Äegyptologie, Band III, Wiesbaden, 1980 • Russo Pavan Ada, Iniziazione ai culti egizi, Roma, 2005 • Scharff Alexander, Die Frühkulturen Ägyptens und Mesopotamiens (Der Alte Orient, Band 41), Leipzig, 1941 • Schulman Alan, The battle scenes of the middle kingodom, in The society for study of Egyptian antiquities, Vol XII – No 4, Toronto, 1982 • Shaw Ian, Egyptian Warfare and Weapons, Buckinghamshire, 1991 • Shaw Ian, The Oxford History of Ancient Egypt, Oxford, 2002 262
  • 263. • Smith S. William, A history of Egyptian sculpture and painting in the old kingdom, Oxford, 1946 • Smith Stuart Tyson, Wreched Kush, Londra, 2003 • Spalinger Anthony Jeffrey, War in Ancient Egypt: The New Kingdom, Malden, 2005 • Spalinger Antony Jeffrey, Aspect of Military Document of the Ancient Egyptians, London, 1982 • Spancer Antony Jeffrey, Catalogue of Egyptian antiquities in the British museum, Londra, 1980 • Spancer Antony Jeffrey., Brick architecture in Ancient Egypt, Warminster 1979 • Spanel Donald, The Heraklopolitan Tombs of Kheti I, Jt(.j)ib(.j), and Kheti II at Asyut, in Orientalia 58, Roma, 1989 • Störk Lothar, Räuber, in Lexikon der Äegyptologie, Band V, Wiesbaden, 1984 • Störk Lothar, Räuber, in Lexikon der Äegyptologie, Band V, Wiesbaden, 1984 263
  • 264. • Sun Zu, L’arte della Guerra, a cura di Rossi M., Milano, 2003 • Swan Hall Emma, The Pharaoh smites his enemies, Berlino, 1986 • The Metropolitan Museum of Art, Egyptian Art in the Age of the Pyramids, New York, 1999, catalogo dell’omonima mostra tenuta a New York • Tiradritti Francesco, Asasif, in Enciclopedia dell’arte antica, classica e orientale, Secondo Supplemento 1971-1994, Roma, 1994 • Torok Laszlo, Between Two Worlds, The frontier region between ancient Nubia and Egypt 3700 BC – 500 AD, Boston, 2009 • Valbelle Dominique, Histoire de l'Etat pharaonique, Parigi, 1998 • Vandier Jacques, Manuel d’archéologie égyptienne, Parigi, 1954 • Vernus Pascal, Dizionario dei Faraoni, (Dictionnaire des Pharaons), Parigi, 1996 • Vogel Carola, The Fortifications of Ancient Egypt 3000-1780 BC, Oxford, 2010 264
  • 265. • Von Wolfgang Helck Herausgegeben, Lexikon der Aegyptologie, Wiesbaden : Harrassowitz, 1975 • Watts Edith, The Art of Ancient Egypt: A Resource for Educators, New York, 1998 • Wendrich W., From Objects to Agents. The Ababda Nomads and the Interpretation of the Past, in The Archaeology of Mobility. Old World and New World Nomadism, Los Angeles 2008 • Wengrow David, Rethinking ‘Cattle Cults’ in Early Egypt: Towards a Prehistoric Perspective on the Narmer Palette, in Cambridge Archeological Journal 11, vol 1, Cambridge, Aprile 2001 • Wildung Dieter, The Image of the Nubian in Egyptian Art, Sudan. Ancient Kingdoms of the Nile, Paris-New York, 1997 • Wildung Dieter, Beduinen, in Lexikon der Äegyptologie, Band I, Wiesbaden, 1975 • Wildung Dieter, Gebelein, in Lexikon der Äegyptologie, Band II, Wiesbaden, 1977 • Wilkinson Toby, Early Dynastic Egypt, Londra, 1999 265
  • 266. • Willems Harco, Deir El-Bersheh – Preliminary Report, in Göttinger Miszellen, Beiträge zur ägyptologischen Diskussion, Heft 110, Göttingen, 1989 • Wreszinski Walter, Atlas zur Altaegyptishen Kulturgeschichte, Zweiter Teil, Parigi, 1925 • Yadin Yigael, The Earliest Record of Egypt’s Military Penetration In Asia? Some Aspects of the Narmer Palette, the ‘Desert Kites’ and Mesopotamian Seal Cylindres, in Israel Exploration Journal, Vol. 5, Gerusalemme, 1955 • Yadin, The Art of Warfare in Biblical Lands, Londra 1963 • Ziegler Christiane, Stela of King Zanakht, in Egyptian Art in the Age of the Pyramids, New York, 1999 266

×