Luciano Mariani - La motivazione ad apprendere: La voce degli studenti

2,825 views
2,670 views

Published on

La motivazione ad apprendere come competenza da costruire: il continuum intrinseco-estrinseco, le aspettative di successo, il valore motivante dei compiti di apprendimento, le strategie per motivare e motivarsi

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,825
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
43
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Walking on a rope
  • Luciano Mariani - La motivazione ad apprendere: La voce degli studenti

    1. 1. La motivazione ad apprendere come competenza da costruire: La voce degli studenti Luciano Mariani
    2. 2. E la motivazione? Sì, ma la motivazione … Sì, sì, tutto bello, però se manca la motivazione …
    3. 3. <ul><li>Gli elementi che definiscono il processo di apprendimento/insegnamento sono i seguenti: </li></ul><ul><li>esposizione … alla lingua oggetto di studio; </li></ul><ul><li>opportunità d’uso linguistico …; </li></ul><ul><li>motivazione a rispondere alle due condizioni precedenti. </li></ul>(C. Brumfit)
    4. 4. Il trasferimento della competenza da una lingua ad un’altra avviene a condizione che ci sia un’esposizione adeguata alla lingua e una motivazione adeguata ad apprenderla. (J. Cummins)
    5. 5. … data la motivazione , è inevitabile che un essere umano apprenda una seconda lingua se è esposto ai dati linguistici. P. Corder
    6. 6. … ma supponendo che l’ interesse non diminuisca e che gli studenti continuino ad avere un’esposizione fruttuosa alla lingua, le cose si muovono e di solito si appianano … D. Larsen-Freeman
    7. 7. La galassia “motivazione” costrutto multidimensionale e dinamico risultato di “ valore x aspettativa ” continuum tra intrinseco ed estrinseco
    8. 8. La voce degli studenti … I dati citati in questa presentazione provengono da una ricerca condotta in Istituti secondari di secondo grado: per una descrizione dettagliata della ricerca e dei risultati vai a: www.learningpaths.org/motivazione
    9. 9. Un’esperienza particolare e positiva posso dire di viverla attualmente in questa classe grazie ai compagni e al rendimento scolastico. In particolar modo i compagni perché è grazie a loro che ogni mattina trovo la carica e la motivazione per alzarmi dal letto e venire a scuola, dove ogni giorno è una festa insieme a loro. (Barbara, 17 anni) Un costrutto multidimensionale
    10. 10. La voglia di essere felice. Non si può essere felice andando sempre male a scuola, prima per (forse) la presa di mira dei professori, poi per i rimproveri a casa … (Enrica, 15 anni) Un costrutto multidimensionale
    11. 11. Bisogna lavorare in un buon ambiente, instaurare rapporti con gli insegnanti e essere sostenuto e spronato in famiglia. (Mario, 17 anni) Un costrutto multidimensionale
    12. 12. Quello che mi spinge a studiare è … soprattutto il fatto che osservando il mondo del lavoro al giorno d’oggi, lo vedo duro e faticoso e lontano da me. Per questo cerco di studiare al meglio per ottenere buoni risultati e chissà mai una buona posizione nella vita futura. Lo studio mi apre a prospettive migliori. (Francesco, 17 anni) Un costrutto multidimensionale
    13. 13. Mi spinge a impegnarmi nello studio la consapevolezza che da adulto avrò bisogno di un buon lavoro e se sarò un lavoratore dipendente mi prenderanno solo se avrò un buon curriculum e una buona preparazione, in caso contrario dovrò accontentarmi di un lavoro più faticoso e meno retribuito perchè la concorrenza mi avrà superato. (Emilio, 15anni) Un costrutto multidimensionale
    14. 14. scuola famiglie – comunità - società classe
    15. 15. Sì, all’inizio non mi piaceva latino, poi però facendo sempre i compiti ha incominciato a piacermi. (Gisella, 16 anni) Un processo dinamico
    16. 16. Nessuno può veramente diventare istruito senza aver fatto qualche studio per cui non ha provato alcun interesse. (T.S. Eliot)
    17. 17. La cosa che più mi meraviglia è che malgrado tutta la matematica che ho imparato a scuola, io abbia potuto conservare l’amore per la matematica. (… Albert Einstein!)
    18. 18. CHE SENSO HA FARE QUALCOSA SE NON SI VINCE NIENTE? DAVVERO? NON VINCO NIENTE! CAV0LI … SE VERAMENTE IMPARI A SUONARLE TUTTE, CHE COSA VINCI? STO TENTANDO DI IMPARARE A SUONARE TUTTE LE SONATE DI BEETHOVEN. Il continuum estrinseco-intrinseco
    19. 19. La mamma, la voglia di essere promossa, ricevere il cellulare, poter realizzare il sogno di diventare veterinaria. (Serena, 13 anni) Il continuum estrinseco-intrinseco estrinseca | intrinseca >--------------------------  --------------------  ------------------------------  regolazione interiorizzazione identificazione integrazione | esterna | -----------  |------------------  |---------------  |--------------  |---------- 
    20. 20. La soddisfazione di avere voti alti, conoscere cose che mi permettono di capire e apprezzare le cose che mi circondano. Finché vado bene a scuola posso impegnarmi anche in altre attività che mi piacciono (questo mi spinge ad impegnarmi nello studio, in modo da studiare per il minor tempo possibile). (Enrico, 17 anni) Il continuum estrinseco-intrinseco estrinseca | intrinseca >--------------------------  --------------------  ------------------------------  regolazione interiorizzazione identificazione integrazione | esterna | -----------  |------------------  |---------------  |--------------  |---------- 
    21. 21. Sinceramente studio e mi impegno di più quando so di avere uno scopo, per esempio andare in vacanza con le amiche. Ma pensandoci bene poi penso anche al mio futuro come sarà senza un titolo di studio. (Camilla, 15 anni) Il continuum estrinseco-intrinseco estrinseca | intrinseca >--------------------------  --------------------  ------------------------------  regolazione interiorizzazione identificazione integrazione | esterna | -----------  |------------------  |---------------  |--------------  |---------- 
    22. 22. Personalmente, mi impegno nello studio perché vorrei cambiare/rendere la mia vita diversa dagli altri. Nel senso avere un buon lavoro, una vita normale in futuro, e così nessuno mi tratterà male. (Emanuele, 15 anni) Il continuum estrinseco-intrinseco estrinseca | intrinseca >--------------------------  --------------------  ------------------------------  regolazione interiorizzazione identificazione integrazione | esterna | -----------  |------------------  |---------------  |--------------  |---------- 
    23. 23. Il continuum estrinseco-intrinseco L2 / LS motivazione  --------------  motivazione | strumentale integrativa | intrinseca avere buone opportunità per trovare un lavoro ben pagato imparare a pensare e anche a comportarsi come uno straniero fare un puzzle passare l’anno motivazione estrinseca | intrinseca >------------  -------------------  --------------------  Sapere una lingua straniera per me significa …
    24. 24. Profili motivazionali
    25. 25. Quanto sono motivato? Come sono motivato?
    26. 26. Il continuum estrinseco-intrinseco autonomia competenza relazionalità estrinseca | intrinseca >--------------------------  --------------------  ------------------------------  regolazione interiorizzazione identificazione integrazione | esterna | -----------  |------------------  |---------------  |--------------  |---------- 
    27. 27. La motivazione ad apprendere “ Gli studenti possono essere motivati ad apprendere da una lezione o da un’attività indipendentemente dal fatto che trovino il suo contenuto interessante o i suoi processi piacevoli” (J. Brophy)
    28. 28. Normalmente, a scuola mi sento motivato a lavorare in situazioni non tanto divertenti (come si crederebbe subito) ma piuttosto appassionanti. Tali situazioni possono comprendere l’uso di macchinari sofisticati o la realizzazione di esperimenti importanti, per quanto difficili e/o faticosi. (Giulio, 16 anni) valore x aspettativa
    29. 29. Mi spinge il fatto di raggiungere buoni risultati in tutte le materie. Questo mi dà un senso di piacere e mi rende contento perché è una sfida che riesco tranquillamente a vincere. (Pierpaolo, 18 anni) valore x aspettativa
    30. 30. La motivazione ad apprendere valore x aspettativa
    31. 31. Un miracolo. (Luca, 14 anni) Le attribuzioni causali
    32. 32. Sicuramente al primissimo posto c’è la “fortuna” di avere un buon insegnante! O ci sono quelli incompetenti, o quelli che esercitano “tirannie”! Tutto dipende da come è l’insegnante, l’ho notato dai miei risultati scolastici! (Patrizia, 17 anni) Le attribuzioni causali
    33. 33. Un giorno la professoressa era di buon umore e non ha tenuto conto di alcuni errori nell’esposizione dell’argomento trattato. (Massimo, 16 anni) Le attribuzioni causali
    34. 34. La fortuna è un’illusione fallace, anche se incide sull’esito delle cose; occorre ottimizzare la preparazione, i risultati vengono da soli, come i funghi. (Giancarlo, 16 anni) Alcune verifiche sono basate soprattutto sulle capacità personali dove l’impegno nello studio conta poco. (Marta, 17 anni) Intelligenza e capacità personali influenzano il metodo di studio e l’interesse, perché una persona, pur impegnandosi, ma non intelligente, non può ottenere buoni risultati. (Tiziano, 16 anni) Le attribuzioni causali
    35. 35. instabili sforzo fortuna interne esterne abilità contesto stabili Le attribuzioni causali
    36. 36. Sono intelligente? Sono capace? Sono portato?
    37. 37. verbale linguistica logico-matematica musicale ritmica intra-personale inter-personale fisico-cinestetica visivo-spaziale naturalistica
    38. 38. Le attribuzioni causali abilità e strategie impegno e sforzo
    39. 39. “ Il genio è per il dieci per cento ispirazione e per il novanta per cento perspirazione” Victor Hugo “ Quando l’ispirazione non arriva, le vado incontro a metà strada.” Sigmund Freud
    40. 40. La motivazione ad apprendere valore x aspettativa
    41. 41. Ricordo con gioia un bellissimo progetto fatto in 1a, era chiamato “Progetto Cartabianca”. Un gruppo di ragazzi scriveva articoli di vario genere che raccoglieva e completava con immagini e pubblicità un giornale quotidiano. Partecipare a questo era stato entusiasmante e istruttivo, l’affiatamento del nostro gruppo era stato grande ed eravamo riusciti a fare un ottimo lavoro che era stato poi mandato a un concorso. (Rosanna, 17 anni) Il valore motivante dei compiti rilevanza
    42. 42. Un bel ricordo mi è rimasto dagli stage dell’anno scorso all’Hotel. Lavoravo in cucina alle preparazioni fredde e la cosa che mi piaceva di più è che vedevo tutte le guarnizioni che facevano e sono riuscito a memorizzare cose che tuttora faccio a casa quando ci sono ospiti a pranzo. (Vittorio, 17 anni) Il valore motivante dei compiti rilevanza
    43. 43. “ Il miglior modo per creare interesse per un argomento è renderlo meritevole di essere conosciuto, il che significa rendere la conoscenza così ottenuta riutilizzabile nella propria mente, al di là della situazione in cui è avvenuto l’apprendimento.” (J.S. Bruner)
    44. 44. Mi aiuta il fatto che trovo la storia come un libro giallo, piena di misteri e intrighi. (Gloria, 13 anni) Il valore motivante dei compiti attenzione coinvolgimento
    45. 45. Il valore motivante dei compiti Mi sento motivata in quelle materie o in quei progetti in cui non basta studiare, ma in cui bisogna saper usare la propria testa e la propria creatività, magari collaborando con altre persone. Insomma in attività che combinano discipline diverse ed esperienze personali. (Mara, 17 anni) attenzione coinvolgimento
    46. 46. Il valore motivante dei compiti Una delle esperienze più belle è stata senz’altro la visita guidata ad Aosta perché, oltre ad aver perso ore di lezione, ogni studente ha dovuto presentare un monumento agli altri studenti. (Massimo, 14 anni) attenzione coinvolgimento
    47. 47. Il valore motivante dei compiti Mi è piaciuto fare un lavoro di inglese su un autore americano perché, partendo da un libro letto in classe, dovevamo fare una specie di lezione per spiegare a coloro che non avevano letto il libro perché il libro in questione era tanto importante. Mi è piaciuto farlo perchè ho potuto dimostrare che sono in grado di spiegarmi in un modo semplice ma esauriente senza l’aiuto di un professore o di un compagno. (Lorenzo, 18 anni) sfida sostegno
    48. 48. Il valore motivante dei compiti Mi sento motivata … quando si mette in pratica ciò che si è studiato solo teoricamente, e facendo esercizi in classe, guidati dall’insegnante, in modo da poter poi accorgersi se quell’esercizio saremmo stati in grado di svolgerlo altrettanto bene da soli. (Roberta, 17 anni) sfida sostegno
    49. 49. Il valore motivante dei compiti Per esempio, in questo periodo, a gruppi, dobbiamo esporre e spiegare ai nostri compagni argomenti che dobbiamo studiare e capire a casa. Credo che questo sia utile e dia prova di grande maturità (per chi ci riesce). (Andrea, 14 anni) sfida sostegno
    50. 50. sfida : difficoltà del compito sostegno allo studente facilitazione autonomia
    51. 51. Il valore motivante dei compiti Stare più attento quando c’è letteratura invece di addormentarmi sul banco. (Domenico, 14 anni) Copiare il più possibile. Copiare, copiare e copiare ancora. (Martino, 15 anni) (Antonio, 15 anni)
    52. 52. Il valore motivante dei compiti Leggere ai pupazzi facendo finta di parlare ai propri alunni. Per attività noiose, farle subito in modo da poter uscire senza il pensiero dei compiti. (Ines, 12 anni) Io, se l’argomento non mi piace, studio a memoria senza capire niente. Se una materia è noiosa, a volte, anche se provo a studiare, non capisco niente. (Marisa, 16anni)
    53. 53. Il valore motivante dei compiti Sì, ho trovato un modo per studiare più facile e divertente che è quello di studiare con un amico o con più amici perché studiando in questo modo ci si diverte e spesso, dopo, nel compito in classe ci si ricorda di una battuta fatta e grazie a quello si ricordano le cose. (Simone, 16 anni)
    54. 54. Il valore motivante dei compiti Io leggo molte volte poi quasi ad ogni punto riassumo a fianco. E’ un lavoraccio che non mi porta nessun risultato decente. Però lo devo fare … (Giuseppe, 14 anni)
    55. 55. strategie “ Sapere cosa fare quando non si sa cosa fare”
    56. 56. un compito stimola l’uso di strategie le strategie vengono autovalutate il successo è attribuito all’impegno e all’efficacia delle strategie questo apprendimento “strategico” genera aspettative positive nei confronti di se stessi ( autostima ) e dei prossimi compiti ( autoefficacia ) autoregolazione strategica
    57. 57. Giocare a un gioco di cui non so le regole Attraversare la Manica a nuoto con una mascherina da nuoto … Imparare qualcosa che è fisicamente, mentalmente … e chimicamente impossibile (Simone, 16 anni) Per me imparare una lingua straniera è come …
    58. 58. giocare a un gioco di cui non so le regole attraversare la Manica a nuoto con una mascherina da nuoto … imparare qualcosa che è fisicamente, mentalmente … e chimicamente impossibile (Mauro, 14 anni) (Gino, 15 anni) (Claudio, 14 anni) Per me imparare una lingua straniera è come …
    59. 59. Ora conosco le regole del gioco. Posso sforzarmi, giocare meglio e magari vincere.
    60. 60.   Learning Paths Tante Vie Per Imparare     www.learningpaths.org/motivazione   [email_address]  

    ×