Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
18 lm our-communplanning_ws2014
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

18 lm our-communplanning_ws2014

  • 47 views
Published

Per l'urbanistica oltrepassare la soglia è uscire dal riduzionismo, passare dal fatto al diritto. …

Per l'urbanistica oltrepassare la soglia è uscire dal riduzionismo, passare dal fatto al diritto.
Per l'urbanistica si tratta di riconoscere gli ambiti in cui finora è stata confinata: ambiti chiusi entro il fatto -in quanto scelta discrezionale dell'uso del suolo nella maggior parte dei casi- e il riduzionismo -in quanto mero strumento amministrativo della politica, tecnica senza scienza, cioè senza processi conoscitivi in grado di interpretare gli impatti e le conseguenze delle scelte e in grado di fare e trasmettere conoscenza.
Oltrepassare la soglia è affrontare in termine di scienza la disciplina, di collocarla nell'ambito dell'ecologia e di derivarne appropriate tecnologie attraverso il diritto, quindi attraverso un processo governabile di scelte e attuazioni.
Le tecnologie di processo e le tecnologie di prodotto nella produzione del territorio antropico sono inquadrate nel contesto disciplinare dell’ecologia applicata all’urbanistica. Come l'apparato definitorio della sostenibilità influenza teoria e prassi dell'urbanistica non solo rispetto a questioni generali come la capacità di carico e sostenibilità, il metabolismo urbano, l’impronta ecologica e la qualità dell'ambiente costruito, ma anche nello specifico dei principali aspetti geologici e fisici dei terremoti. Alcune osservazioni sul terremoto del 6 aprile 2009 a L'Aquila serviranno a mostrare l’interazione con la geologia in situazioni dei grandi fenomeni naturali (i terremoti), mentre in altri casi studio si illustreranno le questioni legati alla stabilità dei versanti e più in generale al concetto di vulnerabilità fisica e sistemica nella valutazione dei rischi naturali a supporto di scelte urbanistiche finalizzate alla prevenzione.
Lo scopo, a partire dalle responsabilità e competenze nel governo del territorio, indaga le potenzialità dell’urbanistica nella protezione ambientale e nella sostenibilità delle trasformazioni territoriali, evidenziando come il territorio e l’ambiente costituiscano un sistemi con specifiche proprietà sistemiche: da qui scaturiscono i diversi ruoli della ricerca, della politica e dell'amministrazione nel governare gli effetti.

Le responsabilità della disciplina urbanistica e della politica a fronte di cambiamenti globali. L'importanza della conoscenza quantitativa, di infrastrutture dei dati territoriali, di protocolli standard e delle certificazioni nell'uso dei dati. Il ruolo delle tecnologie dell'informazione e della conoscenza nelle trasformazioni degli usi del suolo.

The responsibilities of the discipline of urban planning and policy in the face of global change. The importance of quantitative knowledge, spatial data infrastructure, protocol standards and certification in the use of data. The role of information technology and knowledge in the transformation of land uses.

Published in Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
47
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
2
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. 7 marzo 2014 - 18 2014 Workshop Conoscenza e tecnologie appropriate per la sostenibilità e la resilienza in urbanistica Knowledge and Appropriate Technologies for Sustainability and Resilience in Planning Funda Atun, Maria Pia Boni, Annapaola Canevari, Massimo Compagnoni, Luca Marescotti, Maria Mascione, Ouejdane Mejri, Scira Menoni, Floriana Pergalani
  • 2. LAUREA MAGISTRALE DELLA SCUOLA DI ARCHITETTURA E SOCIETÀ Laboratorio organizzato da Luca Marescotti
  • 3. PAROLE CHIAVE – KEY WORDS ….................... cambiamento globale, cambiamento climatico globale, capitale fisso sociale, capacità adattiva, capacità adattiva sociale, carta del rischio, cartografia, colamento, compensazione, conoscenza, crollo, danno, dati, deterministico, Disaster Risk Reduction DRR, disciplina, ecologia, effetto cumulativo, effetto sistemico, EMAS III, emergenza, energia incorporata, erosione, esposizione, eventi dinamici/non-eventi dinamici, eventi sistemici, frana, franosità, geologia, Geomorfologia, Geographical Information System GIS, impatti, informazioni, Information and Communication Technology ICT, interdisciplinarità, transdisciplinarità, ISO, lavori pubblici, Life Cycle Assessment LCA, lineare/non-lineare, locale/globale, mitigazione, modello, modello digitale del terreno, opere pubbliche, paesaggio, patrimonio (culturale/archeologico/architettonico/ambientale), pianificazione dei trasporti, prevedibile/imprevedibile, qualitativo/quantitativo, resilienza, riduzione dei rischi, rischio, servizi ambientali, servizi ecosistemici, sicurezza, sismologia, sistemi, stabile-instabile, standard urbanistici, standard, sviluppo, trasporti (rete/sistema), urbanistica, uso del suolo, valutazione di impatto ambientale VIA, valutazione strategica ambientale VAS, vulcanologia, vulnerabilità, ….................................. 3 2
  • 4. Cover 2014 Workshop Conoscenza e tecnologie appropriate per la sostenibilità e la resilienza in urbanistica - Knowledge and Appropriate Technologies for Sustainability and Resilience in Planning 7 marzo 2014 Luca Marescotti L'urbanistica e il nostro comune futuro – Urban Region Planning and Our Common Future.
  • 5. L'urbanistica, oggi, e il nostro comune futuro. Perchè rimodulare discipline, competenze e formazione. GOVERNARE AZIONI DI LUNGA DURATA GOVERNARE AZIONI DI LUNGA DURATA PER COSTRUIRE Pianificare il nostro comune futuro città, quartieri, case,industrie o capannoni (?), chiese, scuole, ospedali, biblioteche, parcheggi, parchi e parchetti, … “routine emergencies” “crises” threats never before encountered, oppure ….............. Luca Marescotti PER SAPER RISPONDERE A 5 / 40 modifying our wellknown environment
  • 6. Emergency, Indirect and Cumulative Impacts European Commission/ L. J. Walker, J. Johnston, Guidelines for the Assessment of Indirect and Cumulative Impacts as well as Impact Interactions. May 1999, Luxembourg, Office for Official Publications of the European Communities, 2001 Luca Marescotti 6 / 40
  • 7. Emergency, Indirect and Cumulative Impacts Luca Marescotti 7 / 40
  • 8. Emergency, Indirect and Cumulative Impacts Luca Marescotti 8 / 40
  • 9. Emergency, Indirect and Cumulative Impacts Luca Marescotti 9 / 40
  • 10. L'urbanistica, oggi, e il nostro comune futuro. Perchè rimodulare discipline, competenze e formazione. Nuove prospettive per l'urbanistica (scienza e tecnica). Lawrence J. Vale, Thomas J. Campanella (a cura di), The Resilient City: How Modern Cities Recover from Disaster, Oxford University Press, Oxford-New York, 2005. Alan Randall, Risk and Precaution, Cambridge Press, Anne Whiston Spirn, “Ecological Urbanism: A Framework For The Design Of Resilient Cities”, in: Steward T. A. Pickett, Mary L. Cadenasso, and Brian P. McGrathn (a cura di), Resilience in Ecology and Urban Design, Springer Verlag, 2013. Luca Marescotti 10 / 40
  • 11. Resilience as the capability to rise from the destruction. Lawrence J. Vale, Thomas J. Campanella (a cura di), The Resilient City: How Modern Cities Recover from Disaster, Oxford University Press, Oxford-New York, 2005. In 1871, the city of Chicago was almost entirely destroyed by what became known as The Great Fire. Thirty-five years later, San Francisco lay in smoldering ruins after the catastrophic earthquake of 1906. Or consider the case of the Jerusalem, the greatest site of physical destruction and renewal in history, which, over three millennia, has suffered wars, earthquakes, fires, twenty sieges, eighteen reconstructions, and at least eleven transitions from one religious faith to another. Yet this ancient city has regenerated itself time and again, and still endures. Throughout history, cities have been sacked, burned, torched, bombed, flooded, besieged, and leveled. And yet they almost always rise from the ashes to rebuild. Viewing a wide array of urban disasters in global historical perspective, The Resilient City traces the aftermath of such cataclysms as: --the British invasion of Washington in 1814 --the devastation wrought on Berlin, Warsaw, and Tokyo during World War II --the late-20th century earthquakes that shattered Mexico City and the Chinese city of Tangshan --Los Angeles after the 1992 riots --the Oklahoma City bombing --the destruction of the World Trade Center Luca Marescotti 11 / 40
  • 12. Resilience as the capability to adopt the precautionary principle to prevent hazards Alan Randall, Risk and Precaution, Cambridge University Press, Cambridge, 2011. Uncertainty about harmful consequences does not justify failure to take precautionary action (Bergen Declaration 1990). ➢ Plausible but uncertain harm justifies precautionary intervention (UNESCO 2005). ➢ Uncertain harm requires intervention, and the burden of proof is shifted to the proponent of the proposed risky action (Wingspread Statement).1 ➢ Luca Marescotti 12 / 40
  • 13. Ecology Urbanisme as new approach to planning Anne Whiston Spirn, “Ecological Urbanism: A Framework For The Design Of Resilient Cities”, in: Steward T. A. Pickett, Mary L. Cadenasso, and Brian P. McGrathn (a cura di), Resilience in Ecology and Urban Design, Springer Verlag, 2013. “Humans’ survival as a species depends upon adapting ourselves and our… settlements in new, life-sustaining ways, shaping contexts that acknowledge connections to air, earth, water, life, and to each other, and that help us feel and understand these connections, landscapes that are functional, sustainable, meaningful, and artful” (Spirn 1998, 26). Ecological urbanism aims to advance this goal. It weds the theory and practice of city design and planning, as a means of adaptation, with the insights of ecology – the study of the relationships between living organisms and their environment and the processes that shape both – and other environmental disciplines, such as climatology, hydrology, geography, psychology, history, and art. Ecological urbanism has an aesthetic dimension, but it is not a style; the works of its practitioners may be radically different in appearance even though based on the same principles. Luca Marescotti 13 / 40
  • 14. La strada da fare …. un problema politico generale RIO+20 from an european point of view European Environment Agency, Urban adaptation to climate change in Europe. Challenges and opportunities for cities together with supportive national and European policies, EEA, 2012 Luca Marescotti 14 / 40
  • 15. La strada da fare …. un problema politico generale RIO+20 from an european point of view Climate change — the risk to cities and Europe Climate change is happening, projected to continue and poses serious challenges for cities. Extreme weather events resulting in hazards such as heatwaves, floods and droughts are expected to happen more frequently in many parts of Europe. … Urbanisation, population ageing and other socio-economic trends interact with climate change Climate change is strongly intertwined with other socio-economic changes. Demographic trends such as on-going urbanisation and competing demand for water from the public and sectors such as industry and agriculture leads to regional water scarcity. An ageing population increases the share of people vulnerable to heatwaves. Urbanisation also reduces the area available for natural flood management or increases the number of homes and businesses actually in flood-prone areas. …. Cities face specific climate change challenges … Three quarters of the population of Europe live in urban areas and this is where climate change will be most apparent in everyday life. Luca Marescotti 15 / 40
  • 16. La strada da fare …. un problema politico generale RIO+20 from an european point of view … and depend highly on other regions in Europe and beyond Cities depend heavily on other cities and regions to provide them with indispensable services such as food, water and energy and the infrastructure to deliver them. Ecosystem services from surrounding regions provide fresh air, store or drain flood water as well as drinking water. … Climate change challenges: from risk management to opportunity seizing . Acting now ensures adaptation in time and at lower cost. Maintaining the functioning of urban infrastructure requires massive investments. Investment goes beyond 'grey' infrastructure. Urban adaptation relies on action beyond cities' borders. Support from a national and European framework is crucial in assisting cities to adapt. Europe's future depends on strong and resilient cities — towards a joint, multi ‑level approach to cope with climate change. Luca Marescotti 16 / 40
  • 17. L'urbanistica, oggi. Perchè rimodulare discipline, competenze e formazione. Urban Resilience Young Researchers Network (URBNet) Young researchers community with interest in multidisciplinary perspectives on urban resilience. Our interest fields cover ecosystem services, sustainability transitions, social adaptive capacity, sustainable planning, climate change adaptation and mitigation, urban infrastructural network safety... La complessità della resilienza rispecchia la complessità dell'urbanistica Luca Marescotti 17 / 40
  • 18. L'urbanistica, oggi. Perchè rimodulare discipline, competenze e formazione. Luca Marescotti 18 / 40
  • 19. L'urbanistica, oggi. Perchè rimodulare discipline, competenze e formazione. Temporal scale of urban resilience. This figure represents the encompassed processes of urban development following a shock. Urban resilience is a multidisciplinary framework to explore the reactive, recovery and adaptive capacities and also the transformability of (and within) urban systems. This is achieved by making punctual or progressive adjustments to the urban system (or subsystems) at operational or structural levels. Furthermore, the figure attempts to encapsulate the timeline of resilience definitions framed in two areas of research: socio-ecological systems (SESs) and sociotechnical systems (STSs). Luca Marescotti 19 / 40
  • 20. L'urbanistica, oggi, e il nostro comune futuro. Perchè rimodulare discipline, competenze e formazione.
  • 21. L'urbanistica, oggi. Perchè rimodulare discipline, competenze e formazione. Pianificare città e territori in funzione dei possibili rischi (stati di emergenza o di crisi) Progettare edifici spazi infrastrutture in funzione dei possibili rischi (stati di emergenza o di crisi)) “routine emergencies” “crises” threats never before encountered Luca Marescotti 21 / 40
  • 22. L'urbanistica, oggi. Perchè rimodulare discipline, competenze e formazione. GOVERNARE AZIONI DI LUNGA DURATA usando (ma quali? e come?) dati, informazioni, conoscenze Luca Marescotti 22 / 40
  • 23. PIANIFICAZIONE E PROGETTAZIONE dati e informazioni mondo delle entità di informazione Rappresentazione IT / GIS SUPPORTO ALLE DECISIONI (POLITICHE) mondo degli oggetti empirici REGIONE URBANA ABITARE SULLA TERRA 20.000-25.000 kmq SOTTO IL CIELO
  • 24. PIANIFICAZIONE E PROGETTAZIONE SCENARI & ALTERNATIVE dati e informazioni (veri?) mondo delle entità di informazione Rappresentazione IT / GIS REGIONE URBANA SUPPORTO ALLE DECISIONI (POLITICHE) ABITARE NELLA popolazione e risorse umane/sociali degli oggetti QUALITÀ DELL'AMBIENTE E empirici DELLA VITA patrimonio esistente risorse materiali biodiversità attività agrarie mondo Sicurezza e salubrità Educazione Sanità
  • 25. PIANIFICAZIONE E PROGETTAZIONE dati e informazioni: veri SCENARI & ALTERNATIVE (significativi, certificati, autorevoli, autoritativi, aggiornati, ...) Rappresentazione IT / GIS mondo delle entità di informazione mondo SUPPORTO ALLE DECISIONI (POLITICHE) degli oggetti empirici regioni bioproduttive REGIONE URBANA 20.000-25.000 kmq limiti planetari ABITARE NELLA QUALITÀ DELL'AMBIENTE E DELLA VITA ecoservizi e rigenerazione sistemi ambientali rischi naturali eruzioni sismi siccità
  • 26. L'urbanistica, oggi, e il nostro comune futuro.
  • 27. L'urbanistica, oggi. Perchè rimodulare discipline, competenze e formazione. Luca Marescotti 27 / 40
  • 28. ? flussi informativi infrastrutture di dati modellizzazione ?
  • 29. Quanto è grande l'impronta ecologica di Londra? Veramente? Un interessante caso studio: le analisi Diversi protocolli e diversi risultati confermano comunque una situazione drammatica, che fa sospettare che l'insieme delle città globali stia risucchiando tutte le regioni bioproduttive. Questo non potrebbe essere uno sviluppo di quanto Malthus intuiva e che nel suo tempo non poteva esprimere (1798)? Herbert Girardet nel 1995: impronta ecologica pari a 125 volte la sua superficie [Fonte: Girardet, Herbert. 1996. “Getting London in Shape”. London First. Il documento è difficilmente rintracciabile, ma citato in: Girardet, Herbert, and Miguel Mendonca. 2009. A Renewable World: Energy, Ecology, Equality : A Report for the World Future Council. Green Books.p.177, p.245]. Luca Marescotti 29 / 40
  • 30. Quanto è grande l'impronta ecologica di Londra? Veramente? Un interessante caso studio: le analisi Environment Agency e GLA Greater London Administration: 293 volte [Chartered Institution of Wastes Management Environmental Body; Best Foot Forward Ltd. 2002. City Limits: A Resource Flow and Ecological Footprint Analysis of Greater London. Oxford: Best Foot Forward Ltd.; Goode, David, and Ian Yarham. 2003. Green Capital. The Mayor’s State of the Environment Report for London. Mayor of London. London: Greater London Authority, City Hall, The Queen’s Walk.]. Environment Agency con il modello messo a punto dallo Stockholm Environment Center: 200 volte (*) (Environment Agency. “Environment Agency - London’s Ecological Footprint - Indicator Three.” ), (*) Anche se oggi (febbraio 2014) il documento è difficilmente rintracciabile e pare in corso la rimozione delle pagine connesse. Luca Marescotti 30 / 40
  • 31. Quanto è grande l'impronta ecologica di Londra? Veramente? Un interessante caso studio: le analisi Luca Marescotti 31 / 40
  • 32. Quanto è grande l'impronta ecologica di Londra? Veramente? Un interessante caso studio: le analisi RAPPORTO UFFICIALE 2002 49 milioni di ettari globali (gha), cioè a 42 volte la sua biocapacità, oppure 293 volte la sua dimensione geografica (il doppio di quello disponibile nel Regno Unito). Londra è città turistica: 2,4 milioni gha, TOTALE EF = 51,4 milioni di ettari globali (6,94 gha/ab). EF media mondiale alla stessa data: 2,18 ettari globali per abitanti (gha/ab), EF media inglese: 6,3 gha/ab Programma di riduzione progressiva: 35% entro il 2020 80% entro il 2050. Luca Marescotti 32 / 40
  • 33. Quanto è grande l'impronta ecologica di Londra? Veramente? Un interessante caso studio: le risposte L'impianto logico della politica poneva allora la questione ineludibile e in due studi si trovano i tentativi di risposta con l'impostazione di scenari operativi possibili per ridurre a un quarto l'impronta ecologica entro il 2030: Lyndhurst, Brook. 2003. London’s Ecological Footprint A Review. June 2003. London: Greater London Authority, City Hall, The Queen’s Walk, London SE1 2AA. Girardet, Herbert, 2006. “Urban Metabolism: London Sustainability Scenarios.” In IABSE Henderson Colloquium. Cambridge. Luca Marescotti 33 / 40
  • 34. Quanto è grande l'impronta ecologica di Londra? Veramente? Un interessante caso studio: le risposte L'impianto logico della politica poneva allora la questione ineludibile e in due studi si trovano i tentativi di risposta con l'impostazione di scenari operativi possibili per ridurre a un quarto l'impronta ecologica entro il 2030: Lyndhurst, Brook. 2003. London’s Ecological Footprint A Review. June 2003. London: Greater London Authority, City Hall, The Queen’s Walk, London SE1 2AA. Girardet, Herbert, 2006. “Urban Metabolism: London Sustainability Scenarios.” In IABSE Henderson Colloquium. Cambridge. Luca Marescotti 34 / 40
  • 35. Quanto è grande l'impronta ecologica di Londra? Veramente? Un interessante caso studio: le risposte Il legame tra metabolismo urbano e impronta ecologica Luca Marescotti 35 / 40
  • 36. Quanto è grande l'impronta ecologica di Londra? Veramente? Un interessante caso studio: le risposte Il legame tra metabolismo urbano e impronta ecologica nella proposta di Girardet. Luca Marescotti 36 / 40
  • 37. Quanto è grande l'impronta ecologica di Londra? Veramente? Un interessante caso studio: le risposte London Plan 2008 di Ken Livingston Presentazione della bozza del nuovo London Plan 2010 di Boris Johnson per la partecipazione e la legittimazione London Plan 2011 approvazione non esiste più l'impronta ecologica, ma solo la sostenibilità come qualità della vita della città finanziaria globale. Luca Marescotti 37 / 40
  • 38. Protocolli standard Compresenza di dati cloud e dati autoritativi flussi informativi infrastrutture di dati modellizzazione
  • 39. L'urbanistica, oggi. Perchè rimodulare discipline, competenze e formazione. Luca Marescotti 39 / 40
  • 40. L'urbanistica, oggi, e il nostro comune futuro. Capacità di pianificazione programmazione e intervento. saper amministrare l'urbanistica sfide disciplinari e sfide gestionali