Your SlideShare is downloading. ×
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
04 lm quantities-measurements ws 2014
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

04 lm quantities-measurements ws 2014

100

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
100
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. 3 marzo 2014 - 04 2014 Workshop Conoscenza e tecnologie appropriate per la sostenibilità e la resilienza in urbanistica Knowledge and Appropriate Technologies for Sustainability and Resilience in Planning Funda Atun, Maria Pia Boni, Annapaola Canevari, Massimo Compagnoni, Luca Marescotti, Maria Mascione, Ouejdane Mejri, Scira Menoni, Floriana Pergalani Luca Marescotti 1 / 98
  • 2. Conoscenza e tecnologie appropriate per la sostenibilità e la resilienza in urbanistica Knowledge and Appropriate Technologies for Sustainability and Resilience in Planning LAUREA MAGISTRALE DELLA SCUOLA DI ARCHITETTURA E SOCIETÀ Laboratorio organizzato da Luca Marescotti Luca Marescotti 2 / 98
  • 3. Cover 2014 Workshop Conoscenza e tecnologie appropriate per la sostenibilità e la resilienza in urbanistica - Knowledge and Appropriate Technologies for Sustainability and Resilience in Planning 3 marzo 2014 Luca Marescotti Grandezze e misurazioni - Quantities and Measurements aula U1
  • 4. GRANDEZZE E MISURE L'importanza della misura: definire grandezze e individuare misure significative. La misurazione è alla base dei processi di pianificazione, programmazione progettazione e costruzione (aspetti e criteri operativi). Luca Marescotti 4 / 98
  • 5. GRANDEZZE E MISURE Luca Marescotti 5 / 98
  • 6. GRANDEZZE E MISURE LA REGISTRAZIONE DELLE PROPRIETÀ (NUMERAZIONE E MISURAZIONE) È LA PRIMA FORMA DI SCRITTURA E COMPARE CON LA RIVOLUZIONE URBANE (5500-5000 ANNI FA) Luca Marescotti 6 / 98
  • 7. Luca Marescotti 7 / 98
  • 8. GRANDEZZE E MISURE ALLE ORIGINI le costruzioni si realizzavano attraverso prove ed errori, si tramandavano le regole dell'arte a voce (di padre in figlio). l'esperienza si trasmetteva alle maestranze e agli allievi. ESPERIENZA E INFORMAZIONE TRASFERIMENTO DELLE REGOLE DELL'ARTE NELLA MANUALISTICA Luca Marescotti 8 / 98
  • 9. Luca Marescotti 9 / 98
  • 10. Dal progetto al cantiere La misura serve per rappresentare un modello della realtà su cui lavorare per trasformare la realtà. Scala di rappresentazione Precisione e misurazione in funzione dell'oggetto da realizzare Scelta dello strumento di misurazione Luca Marescotti 10 / 98
  • 11. rule, ruler, meter, distance meter righe, righelli, metri, distanziometri Luca Marescotti 11 / 98
  • 12. Luca Marescotti 12 / 98
  • 13. LANDSAT and SPOT for Corine Land Cover l Luca Marescotti 13 / 98
  • 14. GRANDEZZE E MISURE Luca Marescotti 14 / 98
  • 15. GRANDEZZE E MISURE: COME HANNO FATTO A COSTRUIRE LE CITTÀ? Luca Marescotti 15 / 98
  • 16. GRANDEZZE E MISURE CONDIZIONI PER PASSARE DALLO SCHEMA α ALLO SCHEMA β-γ-δ: •capacità di trasferimento dall’esperienza al mondo di informazioni; •imparare dall'esperienza; •ripetitività dell’esperienza (almeno per buona parte) per garantire i risultati e possibilità del controllo del processo e del prodotto; •interattività tra i due mondi: riconoscere innovazioni, introdurre innovazioni. Luca Marescotti 16 / 98
  • 17. GRANDEZZE E MISURE Luca Marescotti 17 / 98
  • 18. GRANDEZZE E MISURE Cambia il processo: il progettare passa attraverso il mondo delle entità di informazione, se ne può discutere prima. PIANIFICAZIONE PROGRAMMAZIONE PROGETTAZIONE VAS - VIA Luca Marescotti 18 / 98
  • 19. Nella transizione dal progetto al costruire … Misure geometriche Indicazioni qualitative (materiali) Valutazioni (preventive & consuntive) economiche Luca Marescotti 19 / 98
  • 20. Sostenibilità e catastrofi naturali: il problema delle misurazioni Della sostenibilità ci si chiede la quantità di risorse disponibili, la durata in funzione delle tecnologie (di estrazione e di consumo, o in generale di efficienza e dei costi dei processi, …), l'entità degli impatti umani rispetto alle dinamiche naturali, ... Delle catastrofi cosiddette naturali, prima ci si interroga sul dove e sul quando, poi sull'entità delle forze e dei danni ... impatti ambientali, sostenibilità, metabolismo urbano, impronta ecologica, rischio, probabilità, danno.... come? dove? quanto? quando? problemi di misurazione occorrono definizioni fisiche per la loro misurabilità Luca Marescotti 20 / 98
  • 21. Sostenibilità e catastrofi naturali: il problema delle misurazioni Ma questi termini hanno definizioni “comunemente” accettate? Luca Marescotti 21 / 98
  • 22. Sostenibilità e catastrofi naturali: il problema delle misurazioni WARNING «In questo saggio, ‘scienza normale’ significa una ricerca stabilmente fondata su uno o su più risultati raggiunti dalla scienza del passato, ai quali una particolare comunità scientifica, per un certo periodo di tempo, riconosce la capacità di costituire il fondamento della sua prassi ulteriore. Oggi tali punti fermi sono elencati, seppure raramente nella loro forma originale, dai manuali scientifici sia elementari che superiori.(…)» Kuhn Thomas, La struttura delle rivoluzioni scientifiche. Come mutano le idee nella scienza, Einaudi, Torino, 1969 (1962) pp.29. Luca Marescotti 22 / 98
  • 23. Sostenibilità e catastrofi naturali: il problema delle misurazioni Metabolismo urbano: Abel Wolman 1965 Impatti: Studio e valutazione degli impatti: USA Nepa 1969 Sostenibilità: Stoccolma Convegno sull'ambiente umano 1972 Onu Istituzione della WCED World Commission on Environment and Development (direttore Gro Harlem Brundtland) 1983, il cui rapporto Our Common Future è adottato dalle Nazioni Unite nel 1987 http://www.unicef.org/sowc06/pdfs/map_future.pdf Impronta ecologica: William Rees 1992 Agenda Locale 21: Conferenza su Ambiente e sviluppo a Rio de Janeiro 1992 Osservate le date e tenete conto del passare degli anni... Luca Marescotti 23 / 98
  • 24. È POSSIBILE MISURARE LA QUANTITÀ DI RISORSE DISPONIBILI? Commercio La terra emersa disponibile per abitante è sempre Prodotto interno meno. lordo Le innovazioni tecnologiche applicate all'agricoltura Emissioni di CO2 possono aumentare la resa per unità di superficie (le dimensioni delle pannocchie di mais). L'applicazione alle coltivazioni diagricolo Prodotto tecnologie industriale può ridurre la resa per unità di superficie (resa negli USA a confronto con la resa delle coltivazioni contadine del nord Africa). Luca Marescotti 24 / 98
  • 25. Non solo il petrolio è una risorsa limitata e non rinnovabile, lo è anche il suolo, le risorse alimentari, i minerali, Luca Marescotti 25 / 98 , Jonathan Foley , Gretchen C. Daily , Robert Howarth , David A. Vaccari Adele C. Morris , Eric F. Lambin , Scott C. Doney , Peter H. Gleick and David W. Fahey, “Boundaries for a Healthy Planet”, Scientific American Magazine, 10 marzo 2010. È POSSIBILE MISURARE LA QUANTITÀ DI RISORSE DISPONIBILI?
  • 26. Sostenibilità e catastrofi naturali: il problema delle misurazioni Quali aspetti quantitativi della biosfera sono essenziali? in quali attività dei processi decisionali compaiono? che difficoltà comportano? Luca Marescotti 26 / 98
  • 27. Manipolare concetti qualitativi & definire grandezze misurabili, ma non tutto è misurabile 1.Sostenibilità Senz’altro un caso tipico è il concetto di“sostenibilità” di cui va specificato il significato originale, i limiti dell’usabilità metaforica, i contesti di validità e la sua trasmissibilità sistemica (quando sistemi composti da entità sostenibili sono essi stessi sostenibili?). Luca Marescotti 27 / 98
  • 28. Manipolare concetti qualitativi & definire grandezze misurabili, ma non tutto è misurabile 2. Misurabilità Che cosa è misurabile. Quando qualcosa non è misurabile. Strategie da adottare. Luca Marescotti 28 / 98
  • 29. Manipolare concetti qualitativi & definire grandezze misurabili, ma non tutto è misurabile 3. Indici e rating Che cosa aspettarsi dagli indici. Limiti di significatività degli indici e contesti concettuali di validità. 4. Simulazioni e dimostrazione Limiti concettuali delle simulazioni. Dimostrare e uso delle simulazioni. Come usarle. 5. Generalizzazione Come effettuare generalizzazioni teoricamente consistenti. Individuazione dei limiti e metodi. e contesti concettuali di validità. Luca Marescotti 29 / 98
  • 30. Manipolare concetti qualitativi & definire grandezze misurabili, ma non tutto è misurabile 6. Modelli Che cosa sono i modelli, perché farli, che cosa aspettarsi e come usarli. 7. Coerenza Introdurre il concetto di acquisizione di proprietà (emergenza) in sistemi. Tali proprietà vanno eventualmente modellate e rappresentate come emergenti per poterle rappresentare ed avere strategie per agire su di esse, come morfologia, paesaggio, sicurezza e induzione di comportamento in chi le abita. Luca Marescotti 30 / 98
  • 31. Manipolare concetti qualitativi & definire grandezze misurabili, ma non tutto è misurabile 8. Consenso Discutere tale tematica che non riguarda solo il consenso assembleare come somma di consensi individuali, ma emergente da consensi su altre tematiche implicanti. Come evitare manipolazione e riduzionismi (es. opere d’arte restaurate e non accessibili). 9. Vincolo, variabile, gradi di libertà Definire la differenza in contesti dinamici. 10.Rapporto tra microscopico livello Effetti singoli ed effetti cumulativi. Luca Marescotti 31 / 98 macroscopico e
  • 32. Manipolare concetti qualitativi & definire grandezze misurabili, ma non tutto è misurabile riflessioni scientifico non vuol dire esatto, ... come il concetto di sostenibilità, così altri concetti costituiscono le sfondo di una cultura politecnica ... grandezze, misure, sistemi ... Luca Marescotti 32 / 98
  • 33. RACCOGLIERE ORGANIZZARE TRASFERIRE LA CONOSCENZA Luca Marescotti 33 / 98
  • 34. Per inciso: conoscete Henry Labruste? Luca Marescotti 34 / 98
  • 35. International Bureau of Weights and Measures Bureau international des poids et mesures BIPM Luca Marescotti 35 / 98
  • 36. Quantities and Measurements The International Bureau of Weights and Measures (French: Bureau International des Poids et Mesures - BIPM), is an international standards organisation, one of three such organisations established to maintain the International System of Units - SI under the terms of the Metre Convention (Convention du Mètre). The organisation is usually referred to by its French initialism, BIPM. Download pdf: The International System of Units (SI), NIST Luca Marescotti 36 / 98
  • 37. Quantities and Measurements The other organisations that maintain the SI system are General Conference on Weights and Measures-Conférence générale des poids et mesures - CGPM and International Committee for Weights and Measures-Comité international des poids et mesures - CIPM. Luca Marescotti 37 / 98
  • 38. Quantities and Measurements GRANDEZZE E MISURE VIM Vocabolario Internazionale di Metrologia (2a edizione, 1993 e 3a edizione, 2007) [1993] la grandezza è “la proprietà di un fenomeno, corpo o sostanza, che si può essere distinta qualitativamente e determinata quantitativamente”. [2007] una grandezza è la proprietà di un fenomeno, corpo o sostanza, che può essere espressa quantitativamente mediante un numero e un riferimento [2007] la misurazione non può essere applicata alle proprietà nominali, le quali non possono pertanto essere definite "grandezze" Luca Marescotti 38 / 98
  • 39. GRANDEZZA Grandezza (misurabile): Per esempio: la superficie di un lotto edificabile, il volume e l'altezza di un edificio, la massa di un container, la frequenza di un segnale, la velocità di scorrimento o la densità di un fluido. Per “misurando” si intende la grandezza sotto misura (con tutte le specifiche e le condizioni del problema). Le Grandezze sono omogenee quando sono della stessa natura e quindi direttamente confrontabili tra loro, cioè si esprimono con la stessa unità di misura Luca Marescotti 39 / 98
  • 40. GRANDEZZE? o qualità? La bellezza di un paesaggio, la simpatia di una persona, la felicità delle persone, il gusto di un cibo, la serenità che infonde un paesaggio possono essere considerate grandezze misurabili? PRIMA REGOLA: USARE GRANDEZZE E INDICATORI MISURABILI SECONDA REGOLA: CERTIFICARE LE MISURE CERTIFICANDO I PROCESSI DI MISURAZIONE Luca Marescotti 40 / 98
  • 41. Quantities and Measurements (quoted from wikipedia) A physical quantity is a physical property that can be quantified by measurement. Measurement is the process or the result of determining the magnitude of a quantity, such as length or mass, relative to a unit of measurement, such as a meter or a kilogram. The science of measurement is also called the field of metrology. A unit of measurement is a definite magnitude of a physical quantity. Luca Marescotti 41 / 98
  • 42. Quantities and Measurements (quoted from VIM) Quantity: property of a phenomenon, body, or substance, where the property has a magnitude that can be expressed as a number and a reference. A reference can be a measurement unit, a measurement procedure, a reference material, or a combination of such. Grandeur: propriété d'un phénomène, d'un corps ou d'une substance, que l'on peut exprimer quantitativement sous forme d'un nombre et d'une référence. Luca Marescotti 42 / 98
  • 43. Quantities and Measurements (quoted from VIM) The objective of measurement in the Uncertainty Approach is not to determine a true value as closely as possible. Rather, it is assumed that the information from measurement only permits assignment of an interval of reasonable values to the measurand, based on the assumption that no mistakes have been made in performing the measurement. L'objectif des mesurages dans l'approche « incertitude » n'est pas de déterminer une valeur vraie le mieux possible. On suppose plutôt que l'information obtenue lors d'un mesurage permet seulement d'attribuer au mesurande un intervalle de valeurs raisonnables, en supposant que le mesurage a été effectué correctement. Luca Marescotti 43 / 98
  • 44. QUALI SONO LE VARIABILI DI CONTROLLO? QUALI GRANDEZZE SONO SIGNIFICATIVE? QUALI SONO LE RELAZIONI TRA LE PARTI? Luca Marescotti 44 / 98 Gianfranco Minati, Teoria Generale dei Sistemi, Sistemica, Emergenza: per un’introduzione. - Progettare e Processi Emergenti: Frattura o Connubio l’Architettura?, Polimetrica, Milano, 2004. come Lucia Urbani Ulivi (a cura di), Strutture di mondo. Il pensiero sistemico specchio di una realtà complessa, Il Mulino, Bologna, 2010. E SI AGISSIMO IN UN SISTEMA?
  • 45. SISTEMA? si dice “il tutto è maggiore della somma della sue parti” ma è vero? se non fosse “vero”, cambierebbe tutto? ALLORA CAMBIA TUTTO! Luca Marescotti 45 / 98
  • 46. SISTEMA? insieme di elementi ≠ sistema di elementi gli stessi elementi di un insieme, in un sistema sono interagenti proprietà non-sistemiche peso, età, misurazioni geometriche, posizione spaziale e velocità in fisica classica, proprietà numeriche in analisi. proprietà sistemiche adattività, apprendimento, apertura-chiusura, autonomia, autoorganizzazione, complessità, dissipatività, … vita. Luca Marescotti 46 / 98
  • 47. Implicazioni di un approccio sistemico Inter- e Trans-disciplinarietà Luca Marescotti 47 / 98
  • 48. Implicazioni di un approccio sistemico INTERDISCIPLINARITÀ [fonte: Gianfranco Minati] problemi e approcci di una disciplina sono usati per un’altra. cambiando il significato delle variabili pur mantenendo: relazioni e interazioni e usualmente gli stessi modelli matematici (p.e.: fisica-biologia, fisica-economia, economia-sociologia) oppure con le stesse rappresentazioni concettuali (sempre in contesti disciplinari diversi). Luca Marescotti 48 / 98
  • 49. Implicazioni di un approccio sistemico INTERDISCIPLINARITÀ [fonte: elaborazione da G. Minati] Disci---A---plina Disci---P---plina Disci---E---plina Disci---R---plina Disci---T---plina Disci---U---plina Disci---R---plina Disci---A---plina Luca Marescotti a b c d e f g h L’apertura è una (come archeologia) proprietà (come biologia) sistemica considerata (come ecologia) in differenti campi (come economia) disciplinari, ricercando (come geologia) corrispondenze, analogie, (come architettura) stessa modellizzazione e (come ingegneria) simulazione (come sociologia) (inter-disciplinarità) 49 / 98
  • 50. APERTURA DI SISTEMI [fonte: Gianfranco Minati] architettura - oltre alle funzionalità aspetti di integrazione culturale, aspetti di forma, aspetti di effetti su chi abita la struttura, ambientali; ingegneria - capacità di adattamento processando input dall’ambiente (perturbazioni termiche o sismiche) ....altro? Luca Marescotti 50 / 98
  • 51. APERTURA DI SISTEMI Altri esempi [fonte Gianfranco Minati] Fisica termodinamica, scambio di materia-energia con l’ambiente e tra sistemi. Biologia - necessaria per supportare processi quali il metabolismo cellulare. Chimica - in reazioni e trasformazioni. Economia - assenza di vincoli all’import-export. Psicologia -nell’apprendimento si considerano simultaneamente i modelli cognitivi di chi insegna e apprende, il linguaggio. Musica - ruolo dell’esecutore, ad es. con il basso continuo nella musica barocca. Luca Marescotti 51 / 98
  • 52. Implicazioni di un approccio sistemico INTERDISCIPLINARITÀ [fonte: elaborazione da G. Minati] Disci---C---plina a Disci---O---plina b Disci---E---plina c Disci---R---plina d Disci---E---plina e Disci---N---plina f Disci---Z---plina g Disci---A---plina h Luca Marescotti La complessità è una (come archeologi) proprietà (come biologia) sistemica considerata (come ecologia) in differenti campi (come economia) disciplinari, ricercando (come geologia) corrispondenze, analogie, (come architettura) stessa modellizzazione e (come ingegneria) simulazione (come sociologia) (inter-disciplinarità) 52 / 98
  • 53. Implicazioni di un approccio sistemico TRANS-DISCIPLINARITÀ [fonte: Gianfranco Minati] Proprietà sistemiche non riferiti a specifici contesti disciplinari (Sistemica per eccellenza: p.e: teoria dell’emergenza e dell’autoorganizzazione) Problematiche transdisciplinari: come indurre o regolare proprietà sistemiche? come misurare proprietà sistemiche? come rappresentare proprietà sistemiche? quali relazioni tra proprietà sistemiche e come influenzarle? Come costruire sistemi artificiali capaci di apprendere, di adattarsi, di assumere proprietà simili al vivente (biologia sintetica)? Luca Marescotti 53 / 98
  • 54. COERENZA DI SISTEMI [fonte Gianfranco Minati] Architettura - mantenere omogeneità, per esempio: OMOGENEITÀ TECNOLOGICHE di forma, di funzionalità e di morfologia del costruito con l’ambiente, con proprietà sociali [quali: migliorare sicurezza, indurre aggregazione, modificare spostamenti, comportamento energetico, indurre usi del territorio, controllare l'inquinamento] a proposito degli ultimi esempi allora si parla di … urbanistica… ma che cos'è l'urbanistica? Luca Marescotti 54 / 98 54
  • 55. COERENZA DI SISTEMI Altri esempi [fonte Gianfranco Minati] Fisica - quando un sistema, a fronte di variazioni ambientali e proprie, mantiene la stessa proprietà acquisita nel tempo (diverso da possedere uno stato, quale solido o liquido, e proprietà, quali conduttività o flessibilità ). Biologia - capacità di mantenere proprietà come il metabolismo cellulare. Chimica - capacità di mantenere proprietà come oscillazioni cromatiche nella famosa oscillazione chimica detta reazione di Belousov-Zhabotinsky. Economia - capacità di mantenere processi di sviluppo nel tempo intesi. Ad es., come proporzionalità tra crescite. Psicologia - capacità di mantenere regolari proprietà comportamentali in individui o gruppi. Linguistica - capacità di mantenere bilanciamento tra sintassi e semantica creando nuovi significati e rappresentazioni costruttivistiche. Musica - l’uso delle dissonanze per generare successiva coerenza e cioè consonanza. Luca Marescotti 55 / 98 55
  • 56. TRANS-DISCIPLINARITÀ [fonte Gianfranco Minati] Le proprietà sistemiche sono considerate in generale, cercando di individuare a livello teorico reciproche relazioni Luca Marescotti 56 / 98
  • 57. TRANS-DISCIPLINARITÀ Le trasformazioni della biosfera non sono lineari, non sono deterministiche né prevedibili. Le sue proprietà sono sistemiche. Ora sospinte con forza sempre maggiore dagli impatti delle azioni umane. Luca Marescotti 57 / 98
  • 58. L'ambiente costruito: le città soltanto? ... l'ultimo tema dovrebbe riportare in effetti l'attenzione sui processi di pianificazione urbana e territoriale (urbanistica?), quindi sulla rilevanza delle piccole trasformazioni e dei loro grandi effetti cumulativi ... possibilità e capacità di governare sistemi territoriali e ambientali … pensiamoci Luca Marescotti 58 / 98
  • 59. L'ambiente costruito: le città soltanto? The built environment can be defined, observed and studied as an ecosystem where a species prevails: the human species. This assumption is now internationally acknowledged and leads to a systemic approach to the studies of the built environment as a complex systemic entity, where processes of emergence occur, investigated with interdisciplinary theories and methodologies based on Science of Complexity and Systemics. Architecture represents one of the most ancient and meaningful interests among all human activities. It represents a complex social product as well as the peculiar, artificial main part of the ecosystem where the human species lives and develops. Architecture+Design+Art in the Human Sciences ADAHS Project. Luca Marescotti 59 / 98
  • 60. E QUALI INFORMAZIONI? Per costruire l’oggetto “casa” bisogna conoscere il sito, la meccanica del suolo, il materiale costruttivo e i desiderata di chi ci abiterà. BISOGNA PREVEDERNE GLI IMPATTI sull'ambiente e sulle reti infrastrutturali. Luca Marescotti 60 / 98
  • 61. Misura, rilievo, rappresentazione Rappresentazioni del mondo • Un rilievo di architettura • Una cartografia di una città, di una regione di un paese • Una base di dati di un'azienda Luca Marescotti 61 / 98
  • 62. Luca Marescotti 62 / 98
  • 63. Luca Marescotti 63 / 98
  • 64. Misura, rilievo, rappresentazione Ogni rappresentazione può essere letta da più punti di vista e può essere integrata da altri punti di vista Luca Marescotti 64 / 98
  • 65. Grandezze, misure, indicatori DEFINIZIONI Per misurare occorre definire Prima le grandezze e poi le unità di misura. ESEMPIO: Si supponga che siano di interesse per la sostenibilità i cambiamenti climatici e il consumo di suolo, allora per prima cosa si deve definire il clima e il suolo per essere in grado di effettuare misure. Luca Marescotti 65 / 98
  • 66. Grandezze, misure, indicatori DEFINIZIONI CLIMA Luca Marescotti 66 / 98
  • 67. CLASSIFICAZIONE DEI CLIMI prime classificazione • analisi della distribuzione geografica delle principali formazioni vegetali eseguita alla fine dell'Ottocento; • le misure erano effettuate da poche stazioni meteorologiche (stazioni locali e non una rete di stazioni), pertanto si disponeva di dati poco affidabili e non comparabili. Dal 1918: classificazione tramite temperatura e piovosità dei tipi di clima (Wladimir Köppen). Luca Marescotti 67 / 98
  • 68. CLASSIFICAZIONE DEI CLIMI A=climi umidi della zona intertropicale, tutti i mesi con temperatura t > +18° B =climi aridi con varie condizioni, evaporazione>precipitazione C =climi temperati o mesotermici umidi temperatura del mese più freddo compresa fra -3°< t < + 18° D =climi microtermici boreali con temperatura del mese più freddo inferiore a t < -3° e con temperatura di mese più caldo t > + 10° E = climi polari con temperatura media del mese più caldo con t < + 10° Luca Marescotti 68 / 98
  • 69. AFFINAMENTO DI KÖPPEN del sistema di classificazione con l’esistenza di una stagione arida • • • f (da fehlt = manca): assenza di una stagione arida s (da sommer = estate): la stagione arida cade nell'estate w (da winter = inverno): la stagione arida cade nell'inverno con un'indicazione sul grado di aridità • S = Steppe • W = Wüste, deserto • T = Tundre • F = Frost, gelo Luca Marescotti 69 / 98
  • 70. ATTUALE CLASSIFICAZIONE DEI CLIMI FORMULA CLIMATICA Af Aw BS BW Cf Cs Cw Df DW ET EF Luca Marescotti 70 / 98 DEFINIZIONE clima tropicale senza stagione secca clima tropicale con inverno secco clima secco della steppa clima secco del deserto clima temperato senza stagione secca clima temperato con estate secca clima temperato con inverno secco clima boreale senza stagione secca clima boreale con inverno secco clima freddo della tundra clima freddo del gelo perenne
  • 71. Distribuzione del clima sul pianeta Il clima del pianeta è articolato in tre classi (categorie concettuali / zone) –macroclima: si intendono le zone climatiche, fondamento nell’ecologia per la distribuzione dei diversi tipi di popolazioni (zonobiomi) –mesoclima: all’interno di una zona macroclimatica si studiano quelle zone in cui usi estensivi del territorio comportano mutamenti climatici –microclima: luoghi in cui le particolarità fisiche comportano condizioni locali (chioma di un albero, area di traffico, edificio). Luca Marescotti 71 / 98
  • 72. Luca Marescotti 72 / 98
  • 73. Fonte: FAO Luca Marescotti 73 / 98
  • 74. SUOLO SUOLO: UN CORPO NATURALE? Luca Marescotti 74 / 98
  • 75. SUOLO: UN CORPO NATURALE caratterizzato da leggi proprie, riconosciuto e codificato come tale da V. V. Dokuchaev (1883 scuola russa) derivato dalla roccia attraverso l'azione disgregatrice l' del clima e degli organismi viventi, le influenze del sito (la topografia) e del tempo (successione di caldo freddo secco umido bagnato ghiacciato) Luca Marescotti 75 / 98
  • 76. SUOLO - osservazione della natura, formazione dei concetti, teorie, ipotesi e attività sul campo 100% 0% limo argilla 0% 100% 100% Luca Marescotti sabbia 76 / 98 0%
  • 77. ARGILLA Argilloso limoso Argilloso sabbioso SABBIA Luca Marescotti Franco 77 / 98 LIMO
  • 78. CLASSIFICAZIONI DEI SUOLI I suoli sono composti da una combinazione di sabbia limo argilla. Possono avere classificazioni in funzione di fattori climatici (scuola russa) o di caratteristiche intrinseche (genetiche) pedologiche. Luca Marescotti 78 / 98
  • 79. Lavorare nel mondo delle entità delle informazioni per ridurre gli impatti Dal mondo degli oggetti empirici al mondo delle entità di informazione L'elaborazione di queste grandezze, attraverso misure, modifica la conoscenza operativa degli urbanisti e degli architetti. Luca Marescotti 79 / 98
  • 80. MISURAZIONE E RAPPRESENTAZIONE RAPPRESENTAZIONE DELLA SOSTENIBILITÀ ATTRAVERSO IL MONDO DELLE ENTITÀ DI INFORMAZIONE Luca Marescotti 80 / 98
  • 81. MISURAZIONE E RAPPRESENTAZIONE QUALI SONO LE INFORMAZIONI SIGNIFICATIVE, COME SI MISURANO E COME SI ELABORANO? Luca Marescotti 81 / 98
  • 82. MISURAZIONE E RAPPRESENTAZIONE Eseguibile, anche economicamente, rispetto agli obiettivi e all'uso; Significativa (descrive compiutamente la caratteristica rispetto allo scopo); Affidabile (livello di precisione adeguato allo scopo); Ufficiale o certificata (chi l’ha fatta, quando, con che strumenti). Luca Marescotti 82 / 98
  • 83. MISURAZIONE E RAPPRESENTAZIONE Problematica della misura e riferimenti alla teoria della misura (da Rossi 2006) “1. come rappresentare le proprietà di oggetti o eventi con numeri in modo da riprodurre le relazioni empiriche nel dominio dei numeri; 2. come descrivere il ruolo del sistema di misurazione e come descrivere in termini generali il suo comportamento.” Luca Marescotti 83 / 98
  • 84. MISURAZIONE E RAPPRESENTAZIONE Problematica della misura e riferimenti alla teoria della misura (da Rossi 2006) “Il primo problema è considerato nell’approccio alla rappresentazione e indirizza alle questioni fondamentali di che cosa possiamo misurare (misurabilità) e di qual è il significato della misurazione; il secondo problema deve essere considerato, secondo noi, anche rispetto ala costruzione di una teoria maggiormente soddisfacente, in quanto indirizza alla questione fondamentale di come possiamo misurare qualche cosa.” Luca Marescotti 84 / 98
  • 85. PER CONCLUDERE alla base degli “archivi delle misure” ● ● ● Interoperabilità dei dati: costruire un formato generale dei dati che permetta a differenti sistemi la loro condivisione Interoperabilità dei programmi: mandare una richiesta di servizio, in un formato noto, e ottenere risposta; ottenere un servizio in un formato noto Interoperabilità delle informazioni o interoperabilità semantica: aiutare un sistema a “capire” che due elementi con differenti nomi rappresentano lo stesso oggetto nel mondo reale; decifrare le equivalenze e sfumare le differenze Luca Marescotti 85 / 98
  • 86. Ambiente e sostenibilità Misure ambientali Obiettivi Politiche Pianificazione programmazione Attuazione Luca Marescotti 86 / 98
  • 87. AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ Obiettivi Misure ambientali Politiche Pianificazione programmazione Attuazione Gli obiettivi vengono prima o dopo? Gli obiettivi nascono dalla conoscenza e richiedono approfondimenti “mirati”. Luca Marescotti 87 / 98
  • 88. AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ In conclusione: che cosa stiamo studiando? PER ESEMPIO L'AGENZIA EUROPEA PER L'AMBIENTE COME STUDIA LE CITTÀ? Luca Marescotti 88 / 98
  • 89. AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ DOVREMMO AFFRONTARE ALTRI TEMI COME IL CLIMA E LE ANOMALIE CLIMATICHE, COME IL SUOLO E I CONSUMI DI SUOLO, COME I RISCHI IDROGEOLOGICI E LA PREVENZIONE, COME LA GESTIONE DELLE EMERGENZE, COME …., Luca Marescotti 89 / 98
  • 90. per esempio: “clima” e “suolo” L'IMPOSTAZIONE CORRETTA DEL PROBLEMA DA AFFRONTARE: definire le grandezze Le definizioni di “clima e di “suolo” comportano il trattamento di “grandezze” complesse (reciprocamente interconnesse). Da queste dipendono criteri e unità di misura. Aspetti qualitativi e quantitativi per disporre di dati affidabili e comparabili. Luca Marescotti 90 / 98
  • 91. Misurare la sostenibilità: l'esempio della EEA per le EGC European Environment Agency The selection of a city to be awarded the European Green Capital for 2014 will be assessed on the basis of twelve environmental indicators: • • • • • • • • • • • • Luca Marescotti Local contribution to global climate change Local transport Green urban areas incorporating sustainable land use Nature and biodiversity Quality of local ambient air Noise pollution Waste production and management Water consumption Waste water treatment Eco innovation and sustainable employment Environmental management of the local authority Energy performance 91 / 98
  • 92. Misurare la sostenibilità: l'esempio della EEA per le EGC Information to be provided by the applicant cities: In the application, cities are asked to provide the following information for 12 indicator areas. The information requested is based on the Environmental Management Systems (EMS) principles PLAN, DO, CHECK AND ACT. Plan: Present details of the original and / or most recent Action Plan, including any relevant disadvantages resulting from historical and / or geographical factors which may have influenced this indicator area negatively. Do & Check: Details of those targets achieved or not, to date (within the last 5–10 years). Provide a review of how both situations occurred and lessons learned. Act: Plans to meet or revise key targets for the future and proposed approach to achieve these. Luca Marescotti 92 / 98
  • 93. AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ Dal mondo degli oggetti empirici al mondo delle entità di informazione: DOBBIAMO GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI Luca Marescotti 93 / 98
  • 94. AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ ....dunque PER MISURARE LE CARATTERISTICHE FISICHE relative alla SOSTENIBILITÀ occorrerà.. Luca Marescotti 94 / 98
  • 95. AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ ...occorrerà... definire grandezze, unità di misura e ... integrazione interdisciplinare per giungere a standard (VIM, ISO, …) e a certificazioni delle misure Luca Marescotti 95 / 98
  • 96. AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ BIBLIOGRAFIA Marescotti Luca, “Limiti dello sviluppo: verso un pianeta urbano”, in Urbanistica. Fondamenti e teoria, Maggioli, Santarcangelo di Romagna, 2008, pp. 349-386. Mari Luca, Fondamenti della misurazione, Università Cattaneo, LIUC (Libero Istituto Universitario Carlo Cattaneo), Facoltà di ingegneria, materiale del corso 2005/2006. Minati Gianfranco, Teoria Generale dei Sistemi, Sistemica, Emergenza: un’introduzione. - Progettare e Processi Emergenti: Frattura o Connubio per l’Architettura?, Polimetrica, Milano, 2004. Rossi Giovan Battista, “A Probabilistic Theory of Measurement”, in Measurement, 39, 2006, pp.34-50. Luca Marescotti 96 / 98
  • 97. AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ Politica e urbanistica: un accenno a Londra da Herbert Girarded, da Ken Livngston a Boris Johnson. Luca Marescotti 97 / 98
  • 98. AMBIENTE E SOSTENIBILITÀ BIBLIOGRAFIA Marescotti Luca, “Limiti dello sviluppo: verso un pianeta urbano”, in Urbanistica. Fondamenti e teoria, Maggioli, Santarcangelo di Romagna, 2008, pp. 349-386. Mari Luca, Fondamenti della misurazione, Università Cattaneo, LIUC (Libero Istituto Universitario Carlo Cattaneo), Facoltà di ingegneria, materiale del corso 2005/2006. Minati Gianfranco, Teoria Generale dei Sistemi, Sistemica, Emergenza: un’introduzione. - Progettare e Processi Emergenti: Frattura o Connubio per l’Architettura?, Polimetrica, Milano, 2004. Rossi Giovan Battista, “A Probabilistic Theory of Measurement”, in Measurement, 39, 2006, pp.34-50. Luca Marescotti 98 / 98

×