Benefici Del Project Management

1,723 views
1,648 views

Published on

Introduzione sui benefici del project management

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,723
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Benefici Del Project Management

  1. 1. Massimizzare i benefici del Project Management Introduzione Autore: Luca Leonardini
  2. 2. “Fallire la pianificazione significa pianificare il fallimento!”
  3. 3. In realtà NON pianificare ha un suo vantaggio: il fallimento del progetto anziché essere preceduto da una fase di problemi e difficoltà oggettive, sarà una sorpresa.
  4. 4. Costo approccio Plan Plan “orientale” Do Plan 1/2 costo Plan Re-Plan Plan Re-Do Do Re-Plan Re-Do 1/2 tempo approccio “tipico” Re-Plan buono dopo Re-Do “buono alla “n” tentativi prima” Tempo
  5. 5. Project Management oggi Il PM è un fattore a sostegno della redditività d’impresa in quanto consente di eseguire più lavoro, in minor tempo, con minori risorse. Il PM aumenta l’efficacia e l’efficienza dell’azienda. Il PM offre strumenti per la soluzione dei problemi. Il PM consente di lavorare a stretto contatto con i clienti.
  6. 6. Project Management oggi Il PM migliora la qualità e di conseguenza la competitività dell’azienda. Il PM risolve concretamente i problemi offrendo soluzioni ai clienti. Oggi si può dire che il PM si è evoluto grazie al contributo offerto negli anni, dalle Best Practice (BP).
  7. 7. Project Management oggi Gran parte dei business oggi sono gestiti per progetti ed il PM si sviluppa sempre più nella direzione di un processo di business. La metodologia dell’Enterprise Project Management (EPM) contiene processi di business che consentono di sviluppare Best Practice (BP) di PM e di processi a sostegno del business development.
  8. 8. Best practice nel PM Sviluppare e creare nuove Best Practice è un’esigenza primaria, non è un’opzione. Lo sviluppo di Best Practices è un’arma efficace per incrementare e consolidare la competitività.
  9. 9. Best practice nel PM L’implementazione di Best Practice in azienda porta inevitabilmente verso una maggiore: Efficienza Efficacia Standardizzazione Coerenza
  10. 10. Cosa sono le Best Practice? Best Practice sono tutte le azioni intraprese da un’azienda che forniscono e creano Valore per i clienti e che generano un vantaggio competitivo per il business aziendale.
  11. 11. Perché le Best Practice? Per assicurare: il miglioramento continuo, il potenziamento dell’immagine del marchio e della sua reputazione, l’espansione in nuove aree di mercato, la sopravvivenza dell’azienda.
  12. 12. L’uso delle Best Practice Informare i clienti attraverso: una raccolta di Best Practice brochure Knowledge transfer interno e condivisione attraverso: un sito intranet, seminari, case study dei modelli di documenti
  13. 13. L’uso delle Best Practice Il successo delle Best Practice e delle lessons learned (insegnamenti appresi) in un’organizzazione deve essere oggetto di un importante sforzo di comunicazione dell’azienda. La gestione efficace della comunicazione è una componente di base nel successo delle Best Practice.
  14. 14. Come valutare l’Eccellenza? L’Eccellenza si valuta attraverso il livello di integrazione tra ogni singolo componente di un processo ed attraverso il livello di comprensione di tutte le interconnessioni e interdipendenze esistenti capaci di generare valore per il business.
  15. 15. Componenti dell’Eccellenza Metodologia ben definita e riconosciuta. Input deve provenire dalla direzione. Obbiettivi chiari. Una chiara visione strategica sostenuta dalla direzione.
  16. 16. Componenti dell’Eccellenza Identificazione delle aspettative. Direzione, senior management coinvolti nei processi di sviluppo. Definizione accurata del problema. Impiego del PMBoK come punto di partenza per lo sviluppo di un’adeguata metodologia PM.
  17. 17. Il percorso verso l’Eccellenza Il percorso per la maturità del PM: 1. Conoscenza di base: da linguaggio comune a processo comune 2. Definizione di processo: da processo comune a metodo unico 3. Controllo di processo: da metodo unico a benchmarking 4. Miglioramento dei processi: da benchmarking a miglioramento continuo
  18. 18. Il percorso verso l’Eccellenza Fasi dello sviluppo del PM in azienda: Fase embrionale o iniziale Si riconoscono bisogno, benefici e impiego Sostegno del top management Volontà esplicita di cambiamento, supporto e coinvolgimento nelle attività di PM
  19. 19. Il percorso verso l’Eccellenza Fasi dello sviluppo del PM in azienda: Riconoscimento da parte dei quadri Impegno, sostegno e formazione quadri intermedi Crescita Sviluppo metodologia e impegno di pianificazione Maturità Sviluppo di programmi di formazione e sistemi integrati di controllo dei costi e dei tempi
  20. 20. L’esagono dell’Eccellenza Processi integrati Cultura Supporto del top management Formazione PM informale Eccellenza
  21. 21. L’esagono dell’Eccellenza Processi integrati Gestione della catena del valore Processi di business Studi di fattibilità Analisi ROI Preparazione budget
  22. 22. L’Ufficio del PMO Un’organizzazione specifica dedicata al miglioramento continuo dei processi di PM per: la formazione e preparazione di nuovi PM. condividere esperienze, idee e lessons learned. offrire una “hot line” per la soluzione di problemi senza coinvolgere il senior management.
  23. 23. L’Ufficio del PMO Un ufficio per: il controllo centralizzato dei costi e delle performance dei progetti, assicurare il collegamento con le HR per sviluppare formazione di PM ad hoc, la valutazione dei rischi e per la pianificazione di disaster ricovery, identificare e promuovere le Best Practice.
  24. 24. L’Ufficio del PMO IMPORTANTE: Il PMO non decide i progetti da sviluppare. Il suo ruolo è di “board advisor”, di formulare “raccomandazioni” per la Direzione. Il PMO è coinvolto in progetti ad alto rischio come l’implementazione di nuove piattaforme aziendali o di soluzioni con un impatto sul business. Il PMO è responsabile delle strategie di miglioramento del business.
  25. 25. Le funzioni del PMO Processi Assegnazione priorità Avvio Delivery chiave e Pianificazione Avvio progetto, Verifica preliminare Ambito e Pianificazione controllo e chiusura Sotto Sviluppo Business processi Approvazione Reporting Case Programmazione e Change control Approvazione Assegnaz. Risorse Benefici Assegnazione e gestione risorse Gestione programmazione Processi Benefici per il business di Gestione del rischio supporto Comunicazione e report Gestione qualità Change leadership
  26. 26. Conculsione L’auspicio di questa presentazione è quello di riuscire a stimolare l’interesse sul tema del Project Management e ad un successivo ulteriore approfondimento. Nelle prossime presentazioni - ancora in fase di preparazione - saranno approfonditi in verticale argomenti quali la Pianificazione, il Six Sigma e il PMO, il Project Manager.
  27. 27. www.lucaleonardini.com

×