La documentazione educativaLa documentazione educativaattraverso la voce dei partecipanti
Cosa emerge: testimonianzeStrumenti per documentareElementi di trasferibilità
Provocazioni…“Pochi insegnanti, nella mia scuola, documentano illavoro svolto con la classe, i motivi possono essere ipiù ...
Cosa emerge: la DE• No significato condiviso: prassi burocratica Vs.documentazione didattica (vedi slide successiva)• È ne...
Testimonianza 1“A livello generale di scuola è una prassi consolidata laraccolta sistematica di dati attraverso la documen...
Testimonianza 2La documentazione a scuola è un obbligo formale, se intesacome redazione e della programmazione annuale, de...
Quale significato?In molte testimonianze:DOCUMENTARE -> coincide con -> VALUTAREsimilitudini nel processoex ante in itiner...
Ideare, progettare, monitorare, documentare,valutare sono processi fortemente interconnessie caratterizzano ogni progettua...
StrumentiRileviamo, in qualche caso, una confusioneterminologica tra strumenti di monitoraggio (es. degliapprendimenti: re...
Le vostre vociStrumenti differenti:- Creati su iniziativa individuale- Ministeriali (es: GOLD, L4ALL)- EuropeiCosa documen...
Esempio“Per ogni esperienza didattica i documenti riguardanola struttura del progetto, le fasi di elaborazione ilprodotto ...
strumentiMultimedialità come elemento ricorrente di supporto epotenziamento alla documentazione:- Blog, sito della classe-...
Alcuni elementi critici1) DE di tipo "implementativo" e non di tipo "addizionale“2) DE concepita per non essere condivisa ...
Aspetti trasferibili• Solitamente gli aspetti facilmente documentabili e trasferibili ad un’altraesperienza sono quelli re...
• la narrazione delle proprie esperienze didattiche interessa davvero poco i colleghi equindi, penso che gli aspetti più f...
Un insegnante *…+ può ripartire da “unipertesto” (esperienza) di un altro collega mapuò farlo crescere al suo interno, svi...
Consapevolezza e competenzapedagogica“Le scelte tecniche, procedurali e tecnologiche derivano dascelte culturali e pedagog...
RaccomandazioniSmascherare e dichiarare come operazioneetica la ideologia che sta dietro a un racconto,ad una storia (rico...
Per concludere• Il tema della documentazione costituisce un tasselloimportante della progettualità educativa e rappresenta...
Una cosa che mi ha particolarmente colpitonei video *…+ è quando si parla didocumentazione come qualche cosa che sipuò imp...
Documentare nella scuola è importante per:– lasciare tracce di lavoro;– rendere evidente il percorso;– raccontare e diffon...
GRAZIE!!!
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Documentazione educativa_le voci degli insegnanti

448
-1

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
448
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Documentazione educativa_le voci degli insegnanti

  1. 1. La documentazione educativaLa documentazione educativaattraverso la voce dei partecipanti
  2. 2. Cosa emerge: testimonianzeStrumenti per documentareElementi di trasferibilità
  3. 3. Provocazioni…“Pochi insegnanti, nella mia scuola, documentano illavoro svolto con la classe, i motivi possono essere ipiù svariati, dalla mancanza di tempo, al ritenerepoco valido il confronto con altri insegnanti, alcunecolleghe poi hanno una sorta di timore nelraccontare esperienze proposte alla classe, è veroche spesso le risposte ai tentativi di documentazionesono di carattere pessimistico”
  4. 4. Cosa emerge: la DE• No significato condiviso: prassi burocratica Vs.documentazione didattica (vedi slide successiva)• È nella maggioranza dei casi una prassiconsolidata;• È vissuta come un arricchimento personale ecollegiale quando non viene esercitata comeattività burocratica;• È vissuta come valore aggiunto quando vienepraticata in modalità partecipative (esperienze diPolicultura)
  5. 5. Testimonianza 1“A livello generale di scuola è una prassi consolidata laraccolta sistematica di dati attraverso la documentazioneistituzionale (verbali dei consigli classe, dei dipartimenti,del collegio docenti e del consiglio di istituto – piani dilavoro e relazioni finali – tabulazione assenze, ore perse,numero e tipologia di verifiche, progetti everifica/valutazione degli stessi, ecc.).Spesso tali dati sono finalizzati alla soddisfazione di compitiburocratici e non alla ricerca di benefici didattici. Sidistingue, invece, la documentazione didattica all’internodel corso: meno istituzionale consente di condividere concolleghi e allievi contenuti didattici di vario tipo (letture,percorsi didattici, compiti in classe o domestici, lezioni,aggiornamenti, progetti, …).”
  6. 6. Testimonianza 2La documentazione a scuola è un obbligo formale, se intesacome redazione e della programmazione annuale, dellerelazioni finali, nonché di registri e verbali con ladescrizione dettagliata di argomenti svolti, valutazioniassegnate, decisioni prese, progetti condivisi.Questo tipo di documentazione è prassi consolidata, ma hauna ricaduta pressoché nulla sulla didattica: capita di radoche si confronti il proprio registro personale con quello diun collega per riflettere sui criteri di valutazione adottati osullo sviluppo di progetti comuni; lo si fa talvolta masolitamente a spanne, senza elaborazione di dati oggettivialla mano, senza “leggere” la documentazione redatta neglianni, che mantiene il suo status di dovere burocratico,“scartoffie”.
  7. 7. Quale significato?In molte testimonianze:DOCUMENTARE -> coincide con -> VALUTAREsimilitudini nel processoex ante in itinere ex postRiflessione e Rielaborazione della esperienzanon nello scopo e nei risultatiEs. Raccogliere Giudicare, rielaborare, ecc.Sistematizzare, ecc.
  8. 8. Ideare, progettare, monitorare, documentare,valutare sono processi fortemente interconnessie caratterizzano ogni progettualità educativarealizzata con un certo livello di consapevolezza ecompetenzaA volte i confini tra gli step sono moltoapprossimativi  confusione terminologica eoperativa
  9. 9. StrumentiRileviamo, in qualche caso, una confusioneterminologica tra strumenti di monitoraggio (es. degliapprendimenti: registro elettronico) e strumenti per ladocumentazione dell’esperienza educativa (es. ciò cheposso fare attraverso il digital storytelling:documentare il processo oppure il prodotto)---• Processo: il percorso, gli strumenti, l’impostazione delsetting, i modelli di lavoro con gli alunni…• Prodotto: il contenuto specifico prodotto (quello cheho fatto)
  10. 10. Le vostre vociStrumenti differenti:- Creati su iniziativa individuale- Ministeriali (es: GOLD, L4ALL)- EuropeiCosa documentano:- Il progetto o l’azione progettuale nella sua globalità- Il percorso, nelle sue varie tappe…- La attività specificaCome:Individualmente e/o collegialmenteTutto questo attraverso 
  11. 11. Esempio“Per ogni esperienza didattica i documenti riguardanola struttura del progetto, le fasi di elaborazione ilprodotto finale, le verifiche somministrate agli alunni,la scheda di valutazione, l’elaborazione di questionarisomministrati agli alunni per avere un riscontrosull’attività svolta, che non sempre, però, sono adisposizione di tutti. ( molto spesso rimangono negliarchivi della scuola). Personalmente, da due anni misono creato un blog: “Esperienze didattiche …” dovepuntualmente documento, insieme agli alunni, ogninostra esperienza didattica vissuta”.
  12. 12. strumentiMultimedialità come elemento ricorrente di supporto epotenziamento alla documentazione:- Blog, sito della classe- On line Community- Ambienti eLearning- Repository e portali- Cloud computing- Archivi digitali personali (off line)- Video e foto- PodcastAttenzione a non confondere lo strumento con il contenuto
  13. 13. Alcuni elementi critici1) DE di tipo "implementativo" e non di tipo "addizionale“2) DE concepita per non essere condivisa e, quindi, non è facilmente fruibile da altridocenti:“Ritengo che il problema di utilizzare format condivisi sia fondamentale: ogniscuola elabora i suoi moduli e i suoi format di documentazione di attività oelaborazione progetti o certificazione delle competenze, ma in alcuni casi latrasferibilità, lesaustività e lefficacia di questi "modelli" sono scarse; sarebbe amio parere opportuno che venissero costruiti (dal MIUR o chi per esso) formatcomuni, sintetici ma significativi, nonché portali che possano funzionare darepository delle esperienze ma anche da spazi di confronto nellottica dellacomunità di pratiche. Un po comè il Learning4all, ma con la possibilità dicomunicare tra insegnanti secondo le modalità del web 2.0. Il diario di bordoresta uno strumento valido per auto valutarsi, ma in modo autoreferenziale; peressere condiviso deve usare un linguaggio e dei riferimenti analoghi a quelli cheusano i colleghi.
  14. 14. Aspetti trasferibili• Solitamente gli aspetti facilmente documentabili e trasferibili ad un’altraesperienza sono quelli relativi alla pratica: “Ti faccio vedere come si fa...• Gli aspetti o variabili più facilmente trasferibili sono quelle circostanze chepermettono a ogni singolo bambino di maturare in autonomia, in identità di sé e inacquisizione di competenze.• Gli aspetti più facilmente trasferibili sono le linee guida del progetto didattico chesi va a realizzare: obiettivi, metodo, tecniche, materiali, fonti ecc• Dipende. In alcuni casi quella che si prende è solo lidea ( ad esempio unparticolare approccio ad un argomento), in altri una particolare metodologia , inaltri gli strumenti didattici presentati, risparmiandosi parte del lavoro di rielaborarliex novo. La presenza di strumenti didattici non è da sottovalutare in realtà e sonoun elemento importante anche nel mio modo di documentare, ma sono solo unelemento, è lanalisi dellesperienza che permette poi di rielaborarli.• Modalità di progettazione, Metodo di lavoro, Documentazione esperienza nel web.• Gli aspetti più facilmente trasferibili sono le fasi progettuali, il diario di bordo e ilprodotto finale, utili per una “replicabilità” dell’esperienza da adeguare al propriocontesto.
  15. 15. • la narrazione delle proprie esperienze didattiche interessa davvero poco i colleghi equindi, penso che gli aspetti più facilmente trasferibili, almeno nel contesto scolastico incui lavoro, siano i materiali prodotti per le attività sia in cartaceo che in formatoelettronico.• ritengo che gli aspetti più facilmente trasferibili di una buona esperienza didattica sianol’argomento generale, le tecnologie e i materiali utilizzati per svilupparlo, uno schemadi diario di bordo dell’attività o uno schema delle attività di monitoraggiodell’esperienza (apertura, svolgimento, chiusura)• gli aspetti più facilmente trasferibili siano appunto quelli metodologici e comunicativi,poiché i contenuti possono cambiare nel tempo, anche all’interno della stessadisciplina; le “tipologie” di lavoro proposte; le “tipologie” di lavoro proposte.• Innanzitutto il lavoro collegiale, la condivisione di obiettivi, di moduli trasversali, ladefinizione di contenuti disciplinari essenziali e l’elaborazione di prove di verifica; sonoinoltre trasferibili le strategie e le metodologie adottate per far fronte ad unaparticolare difficoltà, il materiale prodotto per le attività sia in cartaceo che in formatoelettronico, le schede di customer satisfaction dei progetti• trovo più facilmente trasferibili gli aspetti che suggeriscono l’organizzazione delleattività, eventuali difficoltà incontrate e soluzioni possibili, dinamiche relazionali ebenefici didattici ed educativi emersi.
  16. 16. Un insegnante *…+ può ripartire da “unipertesto” (esperienza) di un altro collega mapuò farlo crescere al suo interno, svilupparlo,ed integrarlo dando vita a qualcosa di nuovo.
  17. 17. Consapevolezza e competenzapedagogica“Le scelte tecniche, procedurali e tecnologiche derivano dascelte culturali e pedagogiche. Pertanto, una selezionedocumentaria di dati dell’attività educativa può essere unprezioso supporto al miglioramento dell’attività. Per nonripartire sempre da zero.È da considerare che con la documentazione la conoscenzaprodotta può diventare sapere collettivo. Con larielaborazione e la riflessione condivisa dell’esperienza sicontribuisce al miglioramento dell’offerta formativa, alrinnovamento della regia educativa e quindi globalmentealla qualità dell’intero sistema educativo”.
  18. 18. RaccomandazioniSmascherare e dichiarare come operazioneetica la ideologia che sta dietro a un racconto,ad una storia (riconoscere che stiamoguardano quel fenomeno con un determinatotipo di occhiali)
  19. 19. Per concludere• Il tema della documentazione costituisce un tasselloimportante della progettualità educativa e rappresentalo strumento più efficace non solo per testimoniare iprocessi necessari alla definizione dellazione educativastessa, ma anche il mezzo più idoneo per restituire aiprotagonisti del processo educativo la memoria delpercorso compiuto.• Documentare significa, in ambito educativo, consentirela costruzione di un processo di auto consapevolezzalungo il tragitto del fare e del pensare che caratterizzalazione educativa e formativa.
  20. 20. Una cosa che mi ha particolarmente colpitonei video *…+ è quando si parla didocumentazione come qualche cosa che sipuò implementare, in realtà è così che lavedo, come una qualche cosa in un certosenso viva, su cui ritornare, in cui aggiungere,rielaborare, modificare, una base di partenzae non un punto di arrivo.
  21. 21. Documentare nella scuola è importante per:– lasciare tracce di lavoro;– rendere evidente il percorso;– raccontare e diffondere;– verificare, osservare e ricostruire;– individuare cambiamenti;– confrontarsi e riflettere;– coinvolgere.
  22. 22. GRAZIE!!!
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×