Pionieri
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Pionieri

on

  • 4,284 views

 

Statistics

Views

Total Views
4,284
Views on SlideShare
4,284
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
66
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Pionieri Pionieri Document Transcript

  • Una coperta di pezze per la terapia familiare Salvador MinuchinCome si diventa pionieri? Fondamentale è essere nato in una famiglia.Primo genito in una famiglia giudea in un paese antisemita. Durante l’università, da giudeo inizia adesser argentino.Nelle diagnosi psichiatriche inizialmente non teneva conto della cultura, ad Harem capisce di dovercambiare, qui il fattore culturale era importante. Cosi Salvador Minuchin diventa terapeuta dellafamiglia.Bateson era preoccupato a riguardo dell’intervento attivo. Il rischio era quello di fare confusione conla cultura altrui e di imporre quella dell’osservatore. Utilizzando la tecnica batesoniana vengonolimitati gli interventi del terapeuta. Il linguaggio batesoniano orienta i terapeuti alla descrizione e nonalla prescrizione, alle idee e non alle persone e alle loro emozioni. Crea distanza tra il terapeuta e lafamiglia, sottolinea le caratteristiche dei sistemi e dei pattern ripetitivi.Nathan Ackerman era un uomo piccolo, rotondo e vicino alle persone. Sposta lentamente il suoasse di interesse dai concetti psicoanalitici e dal lavoro con gli individui alle interazioni degli individuitra loro. Sottolineava che non è possibile vedere i pensieri e le emozioni, ma come le personemettono in pratica la loro vita interiore nell’interazione con gli altri. Era vicino alla vita emotiva deisuoi pazienti, e usava se stesso come provocatore per sollecitare le difese dei membri della famiglia.Conservava della sua esperienza di psicanalista, la visione del se del terapeuta come strumento utilee positivo, e il controtransfert come un’apertura verso le dinamiche familiari.Whitaker, (con Minuchin e Satir ) porta l’attenzione in terapia sull’individuo come parte del sistemafamiliare. Aveva lavorato come psichiatra con gli schizofrenici, e da questa esperienza porta con sé ilrispetto per la componente irrazionale delle emozioni, e la convinzione che si possono aiutare lepersone a uscire dalla rigidità dei ruoli loro assegnati. Il ruolo del terapeuta è quello di usare sestesso contro le ristrettezze delle vedute umane.Come terapeuta si poneva in posizione centrale e costruiva relazioni tra i membri della famiglia inmodo che tutti si sentissero collegati e influenti l’uno sull’altro. Durante le sedute esplorava conflitti ecreava crisi senza la responsabilità di dover aiutare a risolverla, sperando che la crisi avesse elementidi guarigione e che i membri della famiglia avessero sufficienti risorse per affrontare la situazione.Virginia Satir credeva nella capacità del terapeuta di guarire. Era inizialmente concentrataesclusivamente sulla comunicazione, segno distintivo del modello di Palo Alto. Lasciò Palo Alto e siavvicinò all’approccio dello psicologo Maslow centrato sul potenziale umano. Passò dall’interesse perla comunicazione all’interesse per le emozioni positive, al prendersi cura delle persone e creareconnessioni tra loro, e per l’autostima come fattore che promuove la crescita. Univa misticismo etecniche concrete: era convinta che la terapia familiare fosse uno strumento per migliorare il mondo,e comunque usava il linguaggio della gestalt, tecniche di rilassamento. Simboleggiava legami emotivie il potere dell’amore legando con una corda i membri di una famiglia e chiedeva ai coniugi dimettere in atto una scultura, tecnica da lei stessa inventata. Usava le tecniche al servizio dei suoiobiettivi che miravano a incrementare le emozioni positive e l’autostima. OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it
  • Jay Haley era un pensatore indipendente influenzato da Bateson e da Erickson. Da Palo Alto e dallavoro con Erickson porta tecniche focalizzate sugli obiettivi del terapeuta e sui passi sequenziali cheaiutano le famiglie a cambiare senza pensare al significato del cambiamento. Rispettoso dellepersone e molto generoso del suo tempo. Era un supervisore incredibile. Aveva velocissimi insightsulle dinamiche familiari e la capacità di immaginare il risultato finale.Murray Bowen con la sua teoria della differenziazione individuale era, come Freud, ancorataall’infanzia. La famiglia d’origine era sempre più importante della famiglia attuale. Fu il primoterapeuta a ipotizzare la possibilità di ricoverare le famiglie dei pazienti schizofrenici. La terapia dell’impatto emozionale di Nathan AckermanAckerman scrive nel 1937 il primo articolo in cui veniva proposta la terapia della famiglia, in cuiprospettava la famiglia come unità sociale ed emotiva.Fu ammesso all’American Psychoanalytic Association nel 1943 ma risentiva delle limitazioni impostedall’ortodossia psicoanalitica, che costringeva la necessaria emotività del terapeuta.Le emozioni e il sé del terapeutaLa lotta contro gli stereotipi della psicoanalisi ortodossa non spinse Ackerman a tradire lo spirito delmovimento psicoanalitico. Anzi integra la sua formazione analitica con profondi riferimenti sociali.Trovò nella psicologia della famiglia lo spazio giusto per il suo bisogno deliberare la psicoterapia davincoli formali e il terapeuta dalla proibizione di essere se stesso.Sosteneva che l’analista non svolge un ruolo reale nei confronti del paziente, il quale è lasciatoall’oscuro delle reali qualità del terapeuta. L’analisi, quindi, non offre un’esperienza sociale reale.La terapia familiare, il cui fondamento è l’interazione sociale, consente uno scambio emotivo al qualeil terapeuta può partecipare dando un contributo personale che non può essere tenuto fuori dalrapporto terapeutico.Non solo è importante che il terapeuta conosca le emozioni del paziente, ma anche che il pazienteconosca le emozioni del terapeuta. “Un buon terapeuta deve filtrare le proprie emozioni e immettereselettivamente nel rapporto quelle che il paziente ha bisogno di sperimentare per arrivare a starebene.È stato il terapeuta che ha saputo ridurre la distanza tra se e i componenti della famiglia. Il terapeutaassume un ruolo parentale, che sviluppa mediante interessamento genuino, lealtà e sostegno.La rivoluzione del settingAckerman vedeva i suoi pazienti in modo irregolare. La sua pratica clinica rispecchiava i suoi principi,secondo i quali la parte più importante della sua terapia è essere se stesso e non lasciarsicondizionare dagli stereotipi professionali. Per ridurre le distanze con la famiglia usa l’espediente dichiamare i membri per nome.La terapia dell’impatto emozionale OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it
  • Ackerman disponeva d una chiara visione del processo terapeutico:1. nel momento iniziale della terapia il terapeuta deve creare un rapporto basato su empatia e comunicazione. È un momento cruciale; quando il terapeuta entra nella famiglia, ne riceve ed esercita su di essa una serie di effetti multipli e circolari. Il terapeuta deve portarsi in modo rapido e attivo nello spazio vitale del gruppo familiare, all’interno del quale potrà suscitare e accrescere uno scambio emotivo significativo. Nella raccolta iniziale dei dati è importante evitare di raccogliere un’anamnesi in senso tradizionale, ma è preferibile dare inizio al processo in modo spontaneo e genuino;2. a questo punto il terapeuta usa il rapporto che è riuscito a creare per l’espressione di conflitti importanti e dei modi di affrontarli. Chiarifica il conflitto dissolvendo barriere, mascheramenti difensivi, confusioni e incomprensioni. Cerca di dare alla famiglia una comprensione reciproca e più approfondita di cosa realmente vada male. È stato accettato come componente della famiglia, quindi può attuare i primi movimenti che gli permettono di aumentare il livello di consapevolezza della famiglia. combatte le negazioni inadeguate trasforma conflitti interpersonali latenti in interazioni manifeste porta il conflitto intrapersonale nascosto a livello di interazione interpersonale neutralizza la creazione di capri espiatori Quando si identificano e si portano alla luce i conflitti familiari, ne risultano evidenti anche i ruoli dei componenti, e il terapeuta può allearsi con il componente che impersona il ruolo del guaritore del conflitto. Un altro mezzo è quello di “stuzzicare le difese”, cioè cogliere di sorpresa i membri della famiglia, mostrando in modo drammatico le discrepanze tra i loro modi di giustificarsi. Utilizza inoltre il linguaggio corporeo per evidenziare il significato delle espressioni somatiche ed eventuali contraddizioni con il linguaggio verbale.3. consapevolezza del conflitto e minaccia di cambiamento suscitano angoscia. Adesso il terapeuta deve assumere il ruolo di vera figura parentale, per controllare i pericoli che la famiglia avverte e per dare sostegno affettivo. Deve inoltre immagini di relazioni che la famiglia non ha mai usato4. per attuare il cambiamento definitivo il terapeuta si serve del confronto dell’interpretazione5. il terapeuta si offre come strumento di esame della realtà, nel momento in cui la famiglia sta ristrutturando i propri ruoli per ricomporsi secondo nuove regole e nuovi modelli interattivi. Ogni componente della famiglia può avere una nuova visione dell’altro e del terapeuta. Viene quindi il rispetto per le diversità individuali e si stabilisce un nuovo equilibrio nel quale le somiglianze e le differenze, come l’unione e la tendenza a differenziarsi, vengono perfettamente tollerate. La Family System Theory di Murray BowenLa terapia familiare nasce negli anni ’50, ma viene riconosciuta ufficialmente solo negli anni ’70.Bowen creò nella clinica in cui lavorava un reparto per ricoverare madri e figli, e nel 1952 introdussenello studio anche i padri. Questo è considerato il primo passo verso la terapia con la famiglia. Bowenha il posto di maggior rilievo per quanto riguarda le esperienze cliniche e di insegnamento dellaterapia familiare, e per lungo tempo è riconosciuto come uno dei fondatori della terapia familiare. Alui e alla sua scuola si deve, infatti, l’elaborazione della Family System Theory. OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it View slide
  • I concetti fondamentali di Bowen per una teoria evolutiva della famigliaIl processo della differenziazione del séBowen studia il processo di progressiva autonomia individuale come risultante della modalità in cui cisi separa dalla famiglia di origine. A lui si deve l’idea della massa indifferenziata dell’io familiare, unostato fusionale gruppale che egli chiama identità emotiva conglomerata, dove comincia il sé dell’unoe inizia quello dell’altro. L’individuo per differenziare il suo sé deve contrapporsi alle forze emotiveche tendono a mantenere uno stato eccessivo di coesione familiare. Se sufficientemente differenziatopotrà acquisire la Posizione Io, che gli permette di sentirsi persona capace di affermare ciò che pensae ciò in cui crede. Si tratta di acquisire un Io responsabile anche della propria felicità e del propriobenessere, senza però colpevolizzare gli altri dei propri insuccessi. Bisogna imparare a stabilirerelazioni da persona a persona con ciascuno dei propri genitori e con più membri possibili dellafamiglia. bowen pensa che i processi di triangolazione emotiva sono il risultato dell’incapacità diaffrontare i problemi della vita in modo autonomo e con un Io sufficientemente maturo. A questoproposito Bowen descrive una scala di differenziazione del sé che va da 0 a 100: da uno stato piùindifferenziato di fusione estrema alla completa differenziazione;chi si colloca all’estremo più bassovive in un mondo di sentimenti non suoi, dipende da quelli che gli altri provano nei suoi confronti,dall’altro lato della scala si colloca chi ha raggiunto una maturità emotiva completa e che persegue ipropri principi.Il taglio emotivoDall’estremo opposto dell’indifferenziazione del sé c’è la condizione di non-appartenenza che bowendescrive come taglio emotivo. Si manifesta come diniego dell’intensità dell’attaccamento emotivo nonrisolto ai propri genitori. Si tratta di una rottura traumatica di quei processi di appartenenzaessenziali per la costruzione della propria identità. Il paradosso sta nel fatto che colui che soffre di untaglio emotivo ha estremo bisogno della vicinanza emotiva, ma ne è allo stesso tempo allergico, e sene va di casa illudendosi di poter conquistare l’indipendnza. Più è netto il taglio con i genitori più èprevedibile che si ripeta lo stesso modello nelle relazioni future.La trasmissione intergenerazionale dei processi di immaturitàBowen intuisce che il sistema di relazioni orizzontali (con il coniuge, con i fratelli), è condizionato dalmodo in cui funziona il sistema di relazioni verticali, ovvero da come avviene la trasmissioneintergenerazionale del livello di differenziazione del sé raggiunto dai membri della famiglia, esoprattutto da ciascun genitore. La famiglia è un po’ come la scuola, e i modelli di apprendimentofamiliare sono fondamentali e si trasmettono inevitabilmente di generazione in generazione.Williamson , influenzato dalla F. S. T. sviluppa il concetto di Autorità Personale che parte dallaposizione Io di Bowen e definisce meglio come si raggiunge la maturità emotiva, una volta superatal’intimidazione intergenerazionale. Se questo salto evolutivo non avviene, il giovane adulto nondifferenziato vivrà assoggettato ai propri genitori e non impossibilitato a vivere in modo autonomo ea costruirsi relazioni intime. Ispirato da questi studi, Andolfi descrive la situazione di figlio cronico,cioè la condizione dell’adulto che non riesce a superare i vincoli di dipendenza e immaturità neiconfronti dei propri genitori, restando figlio anche nelle tappe successive del suo ciclo di sviluppo,impedendosi di vivere una autentica autorità personale.Il genogramma familiare e il viaggio di ritorno a casa OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it View slide
  • Bowen era convinto che per risolvere il problema qui e ora bisognasse andare lì e allora. La sua ideadi viaggio di ritorno a casa è un progetto concreto e programmato che un adulto deve realizzare perriconnettersi al suo mondo familiare e ritrovare i legami affettivi interrotti nel corso degli anni. Aveval’abitudine di far costruire un genogramma familiare ai suoi pazienti per poi rimandarli a casa persuperare incomprensioni, tagli emotivi, distacchi traumatici… Tornare indietro non ha solo un effettoriconciliatorio tra una generazione e l’altra, ma permette di andare avanti nei propri rapporti con piùmaturità del proprio sé.Bowen è un precursore della terapia individuale sistemicaB. è il primo che ha pensato di lavorare sulla famiglia attraverso l’individuo. Egli supera la dicotomiatra individuale e relazionale mettendo al centro dello studio della famiglia l’individuo e il suo processodi differenziazione. Il metodo relazionale serve a Bowen per una comprensione dell’uomo e del suociclo evolutivo. Definisce inoltre l’agire terapeutico come una sorta di allenamento. La sua funzione diallenatore permette ai componenti della famiglia di sentirsi protetti e di ricercare attivamente ilcambiamento. La terapia diventa una palestra in cui si programmano esercizi per diventare espertinella conoscenza del proprio sé e dove ci si allena per saperli applicare all’occorrenza; si tratta di unaterapia apprendimento che porta il cliente a verificare quanto ha appreso.Thinking, not feelingSecondo Bowen due coniugi in una situazione di grave stress non sanno più interagire, mareagiscono in modo automatico alle posizioni dell’altro, sprecando energie emozionali. Egli si collocaquindi come elemento di discontinuità: solo lui farà le domande evitando scambio diretto tra i due.Vietando scambi emotivi in seduta, favorisce una ricerca mentale individuale; sposta i coniugi da unaposizione reattiva di scontro a una di ascolto attivo dell’altro. Sostituisce la parola feeling con laparola thinking. Sollecita i coniugi a ricercare la propria collocazione nella famiglia di origine. Dopo lostudio del genogramma familiare i coniugi sono mandati a casa per riconnettersi al gruppo originario,per apprendere come separarsene e come risolvere il taglio emotivo. Per Bowen quindi, leproblematiche di coppia vanno congelate in attesa che ogni coniuge torni con maggioreconsapevolezza dalla famiglia d’origine per riprendere il discorso di coppia con una miglioredifferenziazione del proprio sé individuale. Virginia Satir: un approccio umanistico integratoIl modello di terapia familiare di Virginia Satir esprime per l’unicità di ogni individuo. Cominciavaspesso i suoi seminari con una meditazione per apprezzare le diverse esperienze di ogni individuo;un contatto consapevole con il nostro io interno facilita le connessioni Io-Tu.La Satir definisce in le nascite della coscienza: 1. la prima nascita è il momento dell’unione tra lo sperma e l’uovo; 2. la seconda è il momento in cui il bambino esce dal grembo; 3. le terza è il processo di evoluzione che porta alla capacità di fare scelte proprie, è il tempo in cui riconosciamo che siamo il centro del nostro universo.Punto centrale del lavoro della Satir sono le interazioni di sé, altro e contesto. Inoltre il suo lavoro siè evoluto fino ad includere una quarta nascita: la spiritualità, che legava l’interno e l’esterno OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it
  • dell’inclinazione umanitaria alla crescita e all’armonia. “la quarta nascita avviene quando unoriconosce che la vita è una”.Il percorso di Virginia Satir verso l’unione delle dicotomieNel suo primo lavoro, come insegnante elementare, recava visita alle famiglie degli alunni. Questevisite le fecero le fecero conoscere molteplici problemi che la portarono ad iscriversi ad unprogramma di attività sociale. Lavorò in un orfanotrofio dove si rese conto che la psicoanalisi erainefficace quando si trattava di affrontare i problemi di questi bambini. Iniziò così il lavoro conproblemi preverbali e dell’attaccamento. L’abbraccio si rivelò più efficace di ore di colloquio. Virginiasentiva che il livello interno di autostima era importante nel conflitto tra comunicazione congrua ecomunicazione incongrua.Lavorava con il corpo e con l’affetto. Quando i bambini e gli adulti non hanno risposte personali pergestire circostanze difficoltose, sviluppano meccanismi di sopravvivenza primitivi per gestire la crisi.Le paure vengono represse dalla consapevolezza conscia, e divenute inconsce guidano in manierariflessiva le reazioni. Queste reazioni erano il modo migliore a conoscenza del protagonista peraffrontare problemi impegnativi, e si riproponevano in modo simile per problemi simili. “il problemanon è il problema ma il modo di affrontarlo”. Virginia rivisitava gli avvenimenti del passato in cuierano emersi i meccanismi di sopravvivenza in modo che i clienti potessero vedere la situazione conocchi nuovi. L’obiettivo era far apprezzare la reazione che è in noi alla paura, e adeguare nuovepossibili reazioni a eventi stressanti. Realizzava tutto questo attraverso la scultura, lo psicodramma,la metafora e molti altri metodi, perché credeva che un approccio multisensoriale facilitava larieducazione. Il suo obiettivo era creare contesti che promuovessero la conoscenza su comediventare più interamente umani.Ha creato una tecnica chiamata Ricostruzione Familiare: uno psicodramma che ripercorre i momentinodali transgenerazionali. Questo processo promuoveva la differenziazione: • identificando copioni causati da eventi stressanti familiari ed esterni, • aumentando la comprensione e l’empatia per i propri genitori, • rielaborando esperienze negative del passato, per vivere la vita più pienamente nel presente.Virginia credeva che lo strumento per il cambiamento è dentro ogni persona, quindi il suo training ela sua terapia davano risalto allo sviluppo empirico.Guidava l’incontro terapeutico seguendo le parole dette, le parole inespresse e le reazioni interne.Riusciva a incontrare i bambini a livello profondo attraverso il contatto fisico e visivo, usando sestessa come strumento terapeutico primario. Ha sperimentato un nuovo modo di creare contatto:invitava ripetutamente ogni diade genitore-figlio a vivere la sensazione delle mani che racchiudono ilviso, che permetteva una nuova possibilità di rapporto interpersonale profondo.Pace dentro, pace tra gli individuiUna sintesi del lavoro di Virginia Satir: accrescere l’autostima di ogni individuo promuove individui,famiglie, nazioni…più in salute. Pace Dentro, Pace tra gli Individui colma la distanza tra l’individuo e ilsistema. Il linguaggio delle emozioni: Virginia Satir e la sua concezione della terapiaLa sofferenza psichicaIl nucleo fondamentale dello sviluppo dell’individuo è la “stima di sé”, essa implica: OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it
  • consapevolezza e accettazione di sé, essere in contatto con la propria verità emozionale e avere la capacità di esprimerla.La sofferenza psichica nasce, secondo la Satir, da una bassa autostima, e si collega a sistemifamiliari con regole rigide o confusive, che non permettono individuazioni dei singoli membri, dimodo che le esigenze di conservazione dell’equilibrio del sistema entrano in contrasto con i bisognidi crescita dell’individuo. Virginia Satir per regole familiari non intende solo le regole interattive, chedefiniscono funzioni, compiti e ruoli, ma soprattutto le regole emozionali, spesso coperte e nondette, che provocano inibizioni, divieti e producono sofferenza.Le regole emozionali si formano nell’arco di un percorso storico che rimanda alla famiglia d’origine.Quindi per comprendere la genesi e il significato della sofferenza è essenziale la ricostruzione dellastoria familiare.La relazione terapeuticaSecondo Virginia Satir la relazione terapeutica si fonda sul contatto empatico, le competenzetecniche non possono sostituire l’importanza della partecipazione emotiva. Dato che la sofferenzapsichica nasce da una bassa autostima, favorita dalle influenze di contesto, Virginia sapevasostenere, gratificare, confermare gli individui nella loro singolarità e valorizzava le differenze,quelle per le quali a volte si rischia l’emarginazione familiare. Attraverso il canale dell’empatia,sapeva attivare le risorse dei pazienti e delle famiglie, mobilitava la ricerca di soluzioni nuove e lepotenzialità di cambiamento. La disponibilità a dare un aiuto empatico si accompagna sempre allafiducia nelle risorse delle persone, e al rispetto delle loro possibilità di scelta. Da sottolineare che ilterapeuta non ha verità da insegnare, ma attiva un processo in cui paziente e famiglia possanoritrovare le proprie soluzioni e risorse. La Satir, inoltre valorizzò molto le reazioni emotive delterapeuta, considerandoli indici per la comprensione e la condivisione dell’ atmosfera affettiva dellafamiglia. il terapeuta non è mai osservatore esterno e neutrale, ma parte integrante del suo campodi intervento. Le risonanze emozionali del terapeuta sono considerate non un handicap, ma comerisorsa.Il linguaggio analogico e non-verbalePer favorire nuove possibilità di incontro reciproco tra i membri della famiglia, Virginia Satir utilizza ilcorpo e lo spazio, attraverso modalità analogiche, metaforiche e non-verbali. Due delle modalità concui amava lavorare erano:1. la scultura familiare, rappresentazione della famiglia, in cui invitava i membri a riprodurre le abituali modalità di interazione reciproche. Lasciava sviluppare la drammatizzazione per far emergere parole ed emozioni, come espressione dei vissuti personali di ciascuno. Virginia aveva un ruolo attivo e sosteneva che questa esperienza favoriva la capacità di sentire ed essere ascoltati, elevava la stima di sé e avviava movimenti di trasformazione del sistema2. la ricostruzione familiare, consiste nel ripercorrere la storia familiare su tre generazioni, il che consentiva di vedere vecchie situazioni con occhi nuovi.Vedere vecchie situazioni con occhi nuovi, è il principio che ispira i metodi narrativi della terapiafamiliare.Il linguaggio analogico tocca direttamente i livelli emotivi più profondi. Panta rei: la filosofia del divenire di Carl WhitacherProcess not progress OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it
  • Ognuno appartiene alla sua famiglia, alle sue radici storiche e la sua fiducia nelle risorse dell’uomo loguidano nelle aree più private dell’individuo. Quella di Whitacher è una ricerca dell’adulto come unprogetto infantile, dove creatività, fantasia e gioco mettono in folle il pensiero cosciente, per esserepiù disponibili alle libere associazioni.Le manifestazioni sintomatiche non hanno rilevanza per W., che è alla ricerca della persona e nondei comportamenti che essa agisce. Amplia inoltre l’unità di osservazione alla famigliatrigenerazionale, sia in senso verticale che in senso orizzontale.La battaglia per la struttura terapeuticaPer creare un contesto realmente terapeutico è necessario che il terapeuta non si faccia manipolaredai giochi familiari, non deve accettare la delega della famiglia, e arrivava ad affermare che non erautile fare nessun piano strategico di intervento. Carl temeva che prendersi troppa cura potessepassivizzare la famiglia e portare a un suo eccessivo coinvolgimento emotivo. Era solito mandare acasa le famiglie che non si presentavano al completo; il vuoto di uno era più significativo dellapresenza di molti, per comprendere l’organizzazione affettiva della famiglia. E’ possibile creare lapresenza attraverso l’uso di oggetti metaforici, una sedia vuota, o attraverso il linguaggio come se,o si può giocare con il telefono e far chiamare, realmente o metaforicamente, il membro assente oresistente, per farlo sentire incluso in ciò che sta avvenendo in seduta. L’importante è: non antagonizzare nessun membro della famiglia non imporre schemi di trattamento il terapeuta deve essere una guida del processo terapeutico, evitando atteggiamenti giudicanti e moralistici Dove è la resistenza? Nelle cose o nella testa del terapeuta? Se con il resistenza si intende forza contro, allora questo concetto non esiste nel vocabolario di Whiticher, a questo punto lo sforzo del terapeuta è quello di tramutare il contro in in-contro. Di conseguenza il No della famiglia non è un rifiuto ma una informazione ricca di significati. Dalla compressione all’espansione dello spirito: l’anti DSM IV delle relazioni umane Quello di Whitacher è un approccio simbolico-esperienziale che, affrontando difficoltà reali, permette di entrare in contatto con parti di sé nascoste in schemi relazionali ripetitivi e improduttivi che non lasciano spazio alla creatività e alla crescita. La tensione verso gli stati più alti dell’individuo permette, durante le sedute, il processo di normalizzazione, dove si perde il confine del disturbo mentale per cercare nella storia della famiglia gli elementi di comprensione del mondo interiore di ciascuno. Il sintomo come opportunità Ogni disturbo mentale o relazionale non va considerato come tale, ma va considerato come un’opportunità per comprendere l’altro e per insegnare al paziente modi più costruttivi per esprimere la propria energia. Inoltre il sintomo individuale è una metafora per la famiglia, e il terapeuta deve apprezzarlo, valorizzarlo e cercare un significato relazionale. Il baricentro del terapeuta: per aiutare gli altri bisogna prima prendersi cura di se stessi OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it
  • Whitacher prediligeva una posizione periferica, si sedeva all’estremità esterna del gruppo per evitare il contatto visivo con i membri della famiglia e avere una prospettiva a grande angolare. Per evitare di essere divorati dalla famiglia preferiva lavorare in coterapia. La costruzione del linguaggio attraverso salti temporali e l’uso di metafore permette di creare pause e situazioni di discontinuità. La capacità di giocare insieme Il gioco è un punto centrale della terapia di W. , usa l’umorismo per entrare in contatto con la famiglia. Riesce a cogliere la soglia tra il tragico e il comico negli eventi della seduta. L’umorismo è come un’anestesia generale per attutire il dolore, e inoltre uno spiraglio di cambiamento. Importante per giocare con il mondo interno delle famiglie è la presenza dei bambini, che hanno la capacità di passare dal dato concreto a quello simbolico. Giocare in terapia non vuol dire mancare di rispetto alle famiglie, ciò che invece fa un atteggiamento stereotipato di professionalità e rispetto formale. James Framo, la sua opera, la sua vita Tre eventi importanti segnano la vita di Framo: l’esperienza della seconda guerra mondiale, si arruolò come volontario, la morte dei due figli maschi la separazione dalla prima moglie. Nella sua terapia utilizza la famiglia di origine come risorsa. Le difficoltà che una persona nel presente ha nella vita di coppia, nella famiglia o con se stessa, possono essere visti come forzi riparativi, che hanno lo scopo di correggere, elaborare o cancellare antichi paradigmi relazionali che provengono dalla famiglia di origine. Nelle relazioni intime che scegliamo, cerchiamo di trovare una risoluzione interpersonale per i nostri conflitti intrapsichici. Direzioni positive nel campo della terapia familiare Il pensiero di Framo: Condivido il movimento che si allontana dalla patologizzazione dei comportamenti; abbiamo rimpiazzato l’individuo patologico con la famiglia patologica. La tecnica più importante usata dai terapeuti familiari è la ridefinizione, la più efficace per produrre cambiamenti; offrendo un modo di vedere gli eventi sotto una luce diversa, molti comportamenti cristallizzati possono modificarsi durevolmente. Lavorando su unità familiari non tradizionali si riflette sui cambiamenti della società. Il femminismo ha avuto un profondo impatto sulla cultura, cambiando i ruoli di uomini e donne. Il genere sessuale è stato introdotto come una grande riformulazione delle dinamiche familiari. Direzioni negative nel campo della terapia familiare La mia prima critica Nella terapia familiare c’è una tendenza a vedere ogni cosa che viene prima come superata; il nuovo non si integra e non ha continuità con tutto quanto detto prima. Questi approcci non devono OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it
  • cancellare la comprensione delle dinamiche familiari nei suoi principi basici contestuali e sistemici. Il settore è andato avanti e si è discostato dai problemi reali della vita familiare. Ora sul genere sessuale Un aspetto dannoso del movimento femminista sono le femministe fondamentaliste, che fanno dell’uomo un nemico, colpevolizzandolo e ridicolizzandolo. Consigli per una terapia efficace Cose che ho imparato nel tempo e consigli ai terapeuti che cominciano: I terapeuti non possono relazionarsi con tutti i clienti; possono accadere degli errori durante la terapia, l’importante è confessarli al paziente. La terapia è un affare complicato. Quando una famiglia viene in terapia è importante farsi una domanda: perché si viene adesso in terapia, se il problema esiste già da tempo? I metodi terapeutici che ignorano il passato e la storia sono destinati a fallire. Un sentimento naturale verso i genitori è di ambivalenza, che si trasmette a livello affettivo sul partner e sui figli. Il terapeuta deve lavorare sulla sua unità piuttosto che sulla tecnica; la cosa più difficile è ascoltare i clienti senza pensare alle proprie idee o teorie. Per essere un buon terapeuta è importante essere un Uomo. La gente cambia in terapia quando non ha alternative. Bisogna convertire il problema individuale in un caso familiare, per ottenere cambiamenti. Con le famiglie bisogna essere consapevole della psicologia familiare, l’intrapsichico non può essere ignorato. Uomini e donne pensano diversamente, per ovviare ai pregiudizi è utile lavorare in coterapia maschio/femmina. La perdita o la minaccia di perdita di una relazione è una delle più grandi fonti di sintomi; il lutto abortito può dare, anni dopo, problemi nell’intimità e difficoltà sessuali. Il lavoro politico con i sistemi sociali: il modello strutturale di Salvador Minuchin Due caratteristiche hanno da sempre organizzato il lavoro di Minuchin: l’attenzione all’influenza dei fattori sociali sulla vita quotidiana, e la focalizzazione su gruppi di utenti emarginati e a basso reddito. Sperimenta il limite del modello psicoanalitico dominante che non tiene conto delle ridondanze relazionali che regolano il comportamento. Ipotizza che il comportamento dei singoli membri del sistema familiare sia riconducibile a schemi predeterminati che danno luogo a reazioni prevedibili. Lavorando con famiglie disorganizzate, nascono le prime tecniche strutturali: scambiarsi di posto, poter parlare solo quando alla persona viene passato un oggetto in mano. Non da attenzione all’introspezione, quindi rende lo spazio una metafora delle regole familiari. La teoria sociologica che organizza il pensiero del tempo, è organizzata sui ruoli, le gerarchie e le funzioni, in un mondo che si immagina debba funzionare in maniera ordinata. Il contesto sociale influenza le famiglie che a loro volta organizzano e danno l’imprinting ai comportamenti dei singoli OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it
  • individui. La famiglia è considerata la matrice dell’identità. Un modello per il buon funzionamento di ogni famiglia implica confini ben chiari e definiti. Altro concetto interessante è quello di blueprint intesa come la tendenza da parte del sistema di ripetere in situazioni nuove interazioni usuali e conosciute. Nel modello strutturale propone una terapia basata sul qui e ora, attenta ai comportamenti comunicativi. All’attenzione privilegiata alle famiglie e al contesto osservato, si aggiunge una maggiore focalizzazione sulla terapia e sul trattamento. Due sono le categorie per descrivere le famiglie: 1. le famiglie disimpegnate, che mostrano connessioni poco strutturate, legami deboli e pochi rapporti; 2. le famiglie invischiate, che mostrano un’alta interconnessione e risonanza tra gli individui. Manca la differenziazione tra gli individui. Compito del clinico non sono le interpretazioni, né le spiegazioni; la terapia agisce sulla base dell’abilità nel bloccare le usuali modalità di funzionamento perché la famiglia possa trovare alternative, suggerire proposte in seduta ed evolvere verso un nuovo livello di organizzazione. Clinico attento alle azioni non verbali Che si mette in gioco in prima persona Clinico scenografo e regista delle interazioni familiari. Il modello clinico prevede la necessità di far precipitare una crisi nel sistema in modo da destrutturate la famiglia perché diventi più disponibile a introdurre novità. Quindi de-strutturate per ri-strutturare. In una seduta strutturale si interviene sul sintomo e sulla struttura. Il clinico deve acquisire la capacità di avvicinarsi molto agli individui, e poterli sfidare con forza o accoglierli con calore. Il joining è la tecnica per collegarsi alla famiglia. I contributi più importanti di Salvador Minuchin Quali sono i suoi contributi più importanti? 1. Lo sviluppo della teoria della terapia familiare strutturale, che si riferisce alle complessità delle interazioni tra gli esseri umani e la loro famiglia. 2. La sua preoccupazione per la giustizia sociale e l’interesse per la famiglie povere che vivono ai margini della società. 3. La sua dedizione per la formazione. 4. Aver scritto tanti libri. Non ha bisogno di parlare per spiegarsi, mette direttamente in pratica il suo pensiero, diceva sempre: “pensa in modo complesso e agisci in modo semplice”. Attraverso quello che lui chiama viaggio di trasformazione, si è evoluto da terapeuta individuale a terapeuta familiare; ha sempre sentito una grande responsabilità nei confronti dei bambini. Lavorando con i delinquenti minorenni cominciò a mettere a fuoco le sue idee sulle famiglie e i sistemi. Cominciò a vedere ogni comportamento come azione, ma anche come reazione. OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it
  • L’enfasi dell’approccio strutturale è posto sulla disponibilità delle persone, la lealtà e l’impegno reciproco. Noi siamo responsabili dell’altro. L’obiettivo della terapia è la trasformazione nelle relazioni e l’espansione della capacità del noi per superare le difficoltà ed essere uniti. I pensieri alla base dell’etica collettivistica: Siamo tutti legati gli uni agli altri in relazioni. In quanto esseri umani abbiamo molte capacità, tesori nascosti. In quanto persone siamo competitivi, abbiamo abilità. La famiglie sono tutte uguali e allo stesso tempo uniche. Questa etica riguarda anche il terapeuta, il cui ruolo è essere promotore del cambiamento. La terapia familiare Strutturale vede la terapia come l’incontro di due culture, quella della famiglia e quella del terapeuta. Il cambiamento avviene nel legame che si forma tra queste persone. la terapia è un lungo viaggio nella scoperta. Il terapeuta non immette nulla di nuovo, deve solo tirare fuori quello che è già presente. Il terapeuta è un provocatore. I membri della famiglia sono incoraggiati a interagire l’uno con l’altro La tecnica delle prescrizioni è il nocciolo di questa teoria. Con le prescrizioni raggiungiamo la famiglia al livello delle emozioni e dei rapporti. Ascoltiamo la storia e guardiamo le interazioni. Le mille vite di Jay Haley: un percorso polifonico Due persone hanno influenzato il suo modo di pensare, Bateson e Erickson, con i quali lavora in gruppo. Si occupa della comunicazione all’interno di un sistema con un membro schizofrenico. E propone il concetto di double bind, doppio legame, inteso come una comunicazione in cui ci sia una ingiunzione, una seconda ingiunzione in conflitto con la prima, e una terza che proibisca di abbandonare il campo. Viene elaborato un modello per descrivere le relazioni e per differenziare le famiglie con un membro schizofrenico dalle altre, e propone la schizofrenia come modalità adattiva all’interno di quei sistemi familiari regolati da particolari interazioni comunicative. Prende forma l’idea del paziente designato, lo psicotico dichiarato, si sacrifica per il gruppo; si inizia a ipotizzare sui miti familiari; si immaginano le famiglie organizzate dalla tendenza a mantenere lo status quo. La collaborazione tra Haley e Bateson si interrompe sull’idea di potere: H. identifica la quantità di potere che una persona permette ad un’altra di avere su di lei come il problema centrale dell’esistenza umana; per B. non esiste nelle persone questo bisogno di controllo. Secondo Haley la famiglia è organizzata gerarchicamente, i membri lottano l’uno contro l’altro e chi controlla acquista una posizione centrale e fondamentale nel dettare regole. Da Erickson ha mediato l’idea del terapeuta come provocatore e catalizzatore di cambiamento. Quella di Erickson appare una terapia legata al problema presentato, in cui si presta attenzione alle risorse del singolo, e si tenta di interrompere il pattern usuale di comportamento; una terapia interessata alle resistenze e a come aggirarle. In terapia si utilizzano tecniche diverse per problemi diversi. Il terapeuta strategico interviene sui problemi non sulla famiglia, non sul sistema. OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it
  • Considera la famiglia come unità essenziale in analisi; la sua idea di triangolo trova in terapia, si occupa infatti dell’interazione tra tre persone: la coalizione tra due persone con posizione gerarchica diversa contro una terza in una posizione relazionale in cui questa coalizione viene negata. Propone le teoria del problem solving. Un modello che fa da ponte tra il modello strutturale e quello strategico. Insiste sulla necessità di identificare le sequenze comportamentali triadiche più usuali e di prestare attenzione al rispetto dei confini gerarchici come garanzia del buon funzionamento familiare. Nelle famiglie patologiche esistono due gerarchie, una ufficiale e un’altra che squalifica la prima. Il pensiero haleiano: Il terapeuta è incluso nella diagnosi, e determina con la definizione del problema, la possibilità o meno di rendere una situazione evolutiva; è responsabilità del clinico definire il problema in modo che possa essere risolto; Il processo terapeutico include un’indagine sul problema presentato e sui cambiamenti desiderati; Il clinico ha il compito di dare direttive chiare e precise e di ottenere che le persone si comportino nella maniera desiderata; I sintomi sono una metafora di problemi e conflitti di potere, non si sviluppano a caso ma sempre nei momenti di crisi che coincidono con il passaggio della famiglia da uno stadio all’altro del ciclo vitale. Haley propone una terapia direttiva, come la supervisione che lui opera: il supervisore è in controllo e determina ciò che accadrà nella stanza, ha l’ultima parola rispetto alle tattiche e alle strategie; il modo in cui il supervisore si comporta con il clinico lo influenzerà in terapia e così via nella scala gerarchica della famiglia, con una modalità a cascata. Sposa Cloè Madanes, che lo influenzerà: viene introdotta la tecnica teatrale; e la fantasia e la creatività per costruire realtà alternative. Il contributo di Milton Erickson alla psicoterapia della famigliaL’uso limitato della teoria e l’approccio efficaceLa terapia di Erickson era pratica e improntata a raggiungere risultati tangibili. Ha sempre enfatizzatoil ruolo della efficacia dell’intervento: è soprattutto il risultato a indirizzare il terapeuta, piuttosto chela teoria.L’attenzione al contestoEra sensibile al contesto di appartenenza dei pazienti. Si trovava pronto a riconoscere le matricisociali e culturali del disagio individuale e ne teneva conto nella progettazione delle strategieterapeutiche, che venivano calibrate non solo sul singolo, ma anche sul contesto sociale più esteso.L’osservazione responsivaLa prima parte dell’intervento è un’accurata osservazione, che accompagna comunque l’interoprocesso terapeutico. L’osservazione è un processo attivo che modifica l’individuo o il contestofamiliare. Viene definita responsiva in quanto capace di dar luogo alla risposta del terapeuta che è OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it
  • sinergica con i dati dell’osservazione, si tratta cioè della coerenza del terapeuta che orienta il suocomportamento in relazione ai dati che coglie nell’osservazione.La visione positiva della causalità lineareErickson era convinto del valore positivo delle motivazioni dell’individuo. Un individuo o una famiglia,per quanto disturbati, conservano capacità e risorse che svolgono un ruolo fondamentale neldeterminare l’efficacia dell’intervento terapeutico.Aspetti che vengono valutati positivamente: Forza positiva dell’inconscio Risorse dell’individuo e della sua famiglia La tendenza di individui e famiglie a produrre cambiamenti costruttivi anche tramite cambiamenti sintomatici Le potenzialità terapeutiche della famiglia L’utilizzazione da parte del terapeuta dei pattern individuali e familiari L’utilizzazione È necessario che il terapeuta dimostri di credere in ciò che afferma. Quando il terapeuta ridefinisce in positivo un comportamento che la famiglia ha sempre ritenuto negativo, può dare dimostrazione di buona fede se riesce a utilizzare quello specifico comportamento. L’utilizzazione contiene un implicito riconoscimento del valore positivo di ciò che viene utilizzato, questa implicazione viene affermata e dimostrata dalle vantaggiose conseguenze che l’utilizzazione abitualmente comporta. Quando un sintomo è utilizzato non può più essere considerato tale, perché finisce per trasformarsi in uno strumento utile per ottenere un risultato terapeuticamente valido. L’utilizzazione dei sintomi e delle resistenze ridimensiona la loro disfunzionalità e permette di riconoscerne le potenzialità. L’atteggiamento paradossale Importante riconoscere l’atteggiamento paradossale del terapeuta, che consente di evitare gli eccessi delle strategie. L’atteggiamento paradossale è fondato soprattutto sulla conferma dei pattern familiari, sulla convinzione che siano questi gli strumenti stessi del cambiamento. I livelli multipli Il terapeuta deve tener conto dei livelli differenti, sul piano logico, comunicativo e comportamentale, che si determinano nel corso del processo terapeutico. Principi dei livelli multipli di osservazione e di intervento: 1. la realtà e i punti di vista degli individui, della famiglia e del terapeuta non hanno valore assoluto ma possono mutare nel tempo. 2. le affermazioni in seduta non sono mai né del tutto vere, né del tutto false; il terapeuta non deve ottenere la “verità”,ogni informazione può contenere significati rilevanti oppure no. 3. l’intervento deve rispettare le molteplicità di significati della comunicazione. 4. il linguaggio del terapeuta deve contenere semplicità e complessità: semplice per essere compreso, complesso perché deve rispondere a molti interrogativi. 5. la richiesta di cambiamento non è totale. OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it
  • 6. il terapeuta non svolge la funzione di determinare il cambiamento della famiglia, ma ne crea semplicemente l’opportunità. Il linguaggio indiretto Il terapeuta accetta le comunicazioni non esplicite o ambigue e ne rispetta la complessità, rispondendo con comunicazioni altrettanto complesse, come quelle del linguaggio indiretto (metafore, aneddoti, storie…). Il terapeuta deve comunque saper usare in modo corretto anche il linguaggio diretto ed essere esplicito e chiaro quando le famiglie lo richiedono. L’importanza della relazione terapeutica Rapport: stato in cui il soggetto risponde solo all’ipnotista, e sembra incapace di fare qualsiasi cosa a meno che non ne riceva ordine. La concentrazione e le consapevolezza del soggetto sono dirette sull’ipnotista. Il rapport è il prototipo della relazione terapeutica ideale, una relazione che esalta la responsività reciproca tra soggetto e ipnotista. Erickson ha sempre sottolineato la bilateralità del rapport: non è solo il soggetto a sviluppare una relazione verso l’ipnotista, ma anche quest’ultimo a sviluppare una relazione altrettanto specifica e selettiva verso il soggetto. Mara Palazzoli Selvini: un’emblematica storia di resilenza In psicologia i resilenti sono quegli individui che sopravvivono ad eventi fortemente stressanti e traumatici. Questi eventi vengono collegati a successive tragedie, delineando tragiche catene intergenerazionali di trasmissione della sofferenza. I resilenti sono l’eccezione a questa regola, pur avendo subito traumi, vivono sereni. Quali fattori consentono ai resilenti di sopravvivere o addirittura di prosperare? Mara è resilente in quanto rifiutata e dimenticata dai genitori. È l’allieva più brava della scuola; ma si rifugia nello studio per fuggire dalla realtà familiare. La salva la capacità di non essere passiva, di non sentirsi vittima impotente. Ha la capacità di lottare non solo per l’affermazione personale, ma anche per farsi rispettare nelle relazioni più importanti. Una base sicura è la salvezza. Questo è il primo fattore di resilenza. E chi non ne ha potuto fruire con la madre biologica, disperatamente lo ricercherà altrove per tutta la vita. Aver conosciuto l’amore incondizionato di una madre è un primo fattore di resilenza, mai sentirsi vittima è il secondo, ma la capacità autocritica di un genitore ne è un terzo. Il resilente è un individuo che fatica a trovare un punto di equilibrio; rischia di oscillare da un eccesso di dipendenza quando sente di aver trovato l’amore, e un eccesso di autarchia (autonomia) quando teme di dover contare solo sulle proprie forze. Il resilente ha vissuto sulla propria pelle la constatazione che non solo l’amore lo rende protagonista, anche la rabbia, l’odio, la sfida, hanno fatto di lui quello che è. OPsonline.it: la Web Community italiana per studenti, laureandi e laureati in PsicologiaAppunti d’esame, statino on line, forum di discussione, chat, simulazione d’esame, valutaprof, minisiti web di facoltà, servizi di orientamento e tutoring e molto altro ancora… http://www.opsonline.it