• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Galleria Nazionale d'Arte Antica presso Palazzo Barberini
 

Galleria Nazionale d'Arte Antica presso Palazzo Barberini

on

  • 1,595 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,595
Views on SlideShare
1,595
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft Word

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Galleria Nazionale d'Arte Antica presso Palazzo Barberini Galleria Nazionale d'Arte Antica presso Palazzo Barberini Document Transcript

    • Galleria Nazionale d’Arte Antica presso Palazzo Barberini Palazzo Barberini Nel 1623 salì al soglio pontificio, con il nome di Urbano VIII, il cardinale Commissione Maffeo Barberini, che volle costruire come sede di rappresentanza una residenza fastosa e degna delle più prestigiose famiglie romane. Progetto e I lavori di costruzione del palazzo, su progetto di Carlo realizzazione Maderno, ebbero inizio nel 1627. Alla sua morte, avvenuta nel 1629, subentrò alla direzione dei lavori Gan Lorenzo Bernini, allora appena trentunenne. Presentazione del La maestosa facciata congiunge le due ali aggettanti contenitore del palazzo: sulla destra si apre la famosa scala elicoidale progettata da Francesco Borromini, uno dei capolavori architettonici dell’età barocca. Galleria Nazionale d’Arte Antica Acquisto Palazzo Barberini fu acquistato nel 1949, quale nuova sede della Galleria Nazionale d’Arte Antica. Manutenzione e Attualmente il percorso storico-artistico del palazzo è restauro del solo in parte fruibile in quanto interessato da contenitore consistenti lavori di restauro che porteranno ad un museo esposto sui tre piani dell’ala Nord dell’edificio. Al momento è visitabile il primo piano. L’edificio che lo ospita è storico e trasformato per diventare sede museale Ubicazione Via delle Quattro Fontane, 13 00184 Roma
    • Orari di apertura e Da Martedì a Domenica, dalle ore 8.30 alle 19.30 chiusura Chiuso il Lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio La biglietteria chiude mezz'ora prima della chiusura della Galleria Informazioni e prenotazione biglietti: tel. +39 06 32810 Prenotazione biglietti per gruppi: fax +39 06 32651329 Servizio informazioni e prenotazione biglietti Visite guidate per gruppi: fax +39 06 8555952 email tour@gebart.it Gli tel. +39 06 4814591 appartamenti tel. +39 06 4824184 del Settecento sono visitabili su prenotazione per gruppi non superiori alle 25 persone La biglietteria è ubicata al primo piano del Palazzo. Intero € 5,00 (+ € 1,00 come diritto di prenotazione) Ridotto € 2,50 (+ € 1,00 come diritto di prenotazione) - Cittadini dell'Unione Europea tra 18 e 25 anni - Insegnanti di ruolo nelle scuole statali Gratuito € 0,00 (+ € 1,00 come diritto di prenotazione) - Cittadini dell'Unione Europea di età inferiore ai 18 anni - Cittadini dell'Unione Europea di età superiore ai 65 anni - Studenti e docenti dell'Unione Europea delle Facoltà di Architettura, di Lettere (indirizzo Archeologico o Storico-Artistico), di Conservazione dei Beni Culturali e di Scienze della Formazione, mediante esibizione del certificato di iscrizione per l'anno Biglietti accademico in corso - Docenti e studenti dell'Unione Europea iscritti alle Accademie di Belle Arti, mediante esibizione del certificato di iscrizione per l'anno accademico in corso - Dipendenti MBAC - Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Guide turistiche dell'Unione Europea nell'esercizio della propria attività professionale, mediante esibizione di valida licenza rilasciata dalla competente autorità - Interpreti turistici dell'Unione Europea quando occorra la loro opera a fianco della guida, mediante esibizione di valida licenza rilasciata dalla competente autorità - Appartenenti all'I.C.O.M. (International Council of Museums) - Gruppi scolastici (NO UNIVERSITARI) dell'Unione Europea (previa prenotazione) con accompagnatore - Portatori di handicap dell'Unione Europea e un loro accompagnatore - Giornalisti con tesserino dell'ordine Riduzioni valide solo per i cittadini dell’Unione Europea previa esibizione di un documento valido
    • Visite guidate per gruppi Per disposizione della direzione del museo, i gruppi (min 10 persone) – solo su guidati (sia con guida interna sia con guida esterna) prenotazione non possono superare le 25 unita' per ogni guida. Solo dopo aver avuto la conferma della prenotazione dei biglietti di ingresso si può richiedere la guida. L’identità giuridica è statale. La responsabilità della conservazione è affidata a: Soprintendenza Speciale Soprintendente: dott.ssa Rossella Vodret per il patrimonio storico, La Soprintendenza speciale per il patrimonio storico, artistico ed artistico ed etnoantropologico e per il polo museale etnoantropologico e per della città di Roma svolge funzioni e compiti in il polo museale della città di Roma materia di tutela e valorizzazione dei beni storico- artistici relativa all’ambito territoriale del comune di Roma. La Soprintendenza speciale gestisce e controlla i musei afferenti al polo museale romano: • Galleria Borghese; • Galleria Nazionale di Arte Antica in Palazzo Barberini; • Galleria Corsini; • Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo; • Galleria Spada; • Museo di Palazzo Venezia. La prima sala è quella della "Fornarina" con tre dipinti di Giulio Romano allievo ed erede di Raffaello fra cui una "raffinatissima" "Madonna col Bambino". Sul caminetto è l'ultimo arrivato, Perin del Vaga, importante per valutare i collegamenti dei più diretti allievi con il maestro. La seconda sala è quella dei raffaelleschi fra cui si distingue la tavola del Francia. In fondo è l'unica scultura, un piccolo gruppo con Eros e Anteos di Pierino da Vinci. Vale la pena guardarli da vicino perché così si scopre un minuscolo bagno privato (poi trasformato in "alcovetta") con bellissimi marmi colorati e dai forti contrasti. Sul pavimento tre api Barberini. Si prosegue con la "sala dei fiorentini" con al centro la "Maddalena" dell'eccentrico Piero di Cosimo, la "Sacra Famiglia" capolavoro di Andrea del Sarto. E la "sala dei senesi e leonardeschi" in cui spicca la "grandiosa tavola delle 'Tre Parché di Marco Bigio, scenografica allegoria della vita umana". Una delle opere della galleria che più attirano i visitatori. "Il ratto delle Sabine" del Sodoma. Quindi la "sala del Garofalo" con cinque grandi dipinti che "documentano il garbato e narrativo diffondersi dello stile di Raffaello". Nella "sala dei veneti" è uno dei capolavori di Lorenzo Lotto (firmato e datato 1524) dalla viva tavolozza: ha due titoli "Sacra conversazione" e "Nozze mistiche di Santa Caterina". Una parete è dominata dal grande Tiziano: Venere che tenta di trattenere Adone dall'andare alla caccia mortale. Poi il ritrovato Palma il Giovane con la "Strage degli innocenti" senza sangue. E il cupo, chiuso Tintoretto con "Cristo e l'adultera" e "San Girolamo
    • penitente". La successiva è la "sala dei ritratti" sotto al soffitto affrescato da Andrea Sacchi con la "Divina sapienza" e un enorme globo terrestre. Enrico VIII si ritrova fra cardinali, condottieri dei Colonna (Bronzino), gentiluomini (del raro Bartolomeo Veneto), gentildonne (Jacopo Zucchi). L'ultima sala è quella dei manieristi con dipinti meno noti al pubblico, spesso sorprendenti. Come la "Deposizione di Cristo nel sepolcro" di Jacopino del Conte: una tavola imbarcata da far paura, ma stabile, decisamente ispirata da Michelangelo e dopo il Pontormo, ma che irradia luminosità. Accanto, in una teca condizionata perché si tratta di una "tavola sottilissima, delicatissima", è il "Compianto sul Cristo morto" del Maestro della Madonna di Manchester. Ancora, il "Cristo sorretto da un angelo" di Jacob de Becker. Due bozzetti verticali di El Greco, scuri con lampi bianchi.