• Like
Doshi & Levien - History of nowaday designers
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Doshi & Levien - History of nowaday designers

  • 458 views
Uploaded on

 

More in: Design
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
458
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
5
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. “Il nostro sogno è creare un lavoro che celebri loscambio equo e la pluralità di valori relativi alle differenti società, ai diversi materiali e culture visive.” Nipa Doshi, indiana, e Jonathan Levien, scozzese, sono una coppia di designer nel lavoro e nella vita. Il loro approccio al design è complementare: lei, fortemente influenzata dalla cultura indiana, dai colori e dal senso della materia. Lui dal disegno industriale, geometrico e razionale. Assieme suscitano curiosità e apertura a nuovi stimoli, una fusione culturale che si arricchisce nella diversità e nel confronto. La loro collaborazione è naturale, incentrata sulla condivisione di valori e di conoscenza, nella ricerca di un punto d’equilibrio tra produzione seriale e cura artigianale.
  • 2. 1971 Nata a Bombay.1989 A 17 anni, le fu offerto un posto all’Istituto Nazionaledi Design ad Ahmedabad, dopo si specializzònell’arredamento. Ottenne la laurea nel 1994.Il “design”, a meno che con l’aggettivo di “fashion” o“interior”, continuava a non essere sentito come un seriopercorso di carriera da seguire in India. Nonostante ciò, igenitori continuarono a incoraggiarla perché seguisse il suoistinto. Fu al NID di Ahmedabad che Nipa scoprì unprofondo apprezzamento per l’artigianato indiano,soprattutto tessile, tanto da esplorare la connessione tra arti,design e identità culturale.1994 Durante una visita a Londra, conobbe JasperMorrison che la incoraggiò a seguire il corso MastersDegree course in design d’arredamento al Royal College ofArt.1995 Ottenne una borsa di studio valida per tutta la duratadel suo corso al RCA.1997 Appena ottenuta la laurea presso il Royale College ofArt, ritornò in India per scoprire l’artigianato locale.1998 Ritornò a London e lavorò per SCP e DavidChipperfield poco prima di fondare la Doshi Levien con conil marito Jonathan Levien.
  • 3. 1972 Nato ad Elgin, in Scozia.1988 A 16 anni, Jonathan frequentò il corso diebanista e più tardi seguì il programma di Barchelorof Arts design presso il Bucks College in HighWycombe.1995 Jonathan entrò a far parte del Royal College ofArt per il corso Master of Arts in designd’arredamento. Qui conobbe Nipa.1997 Ottenne la laurea presso il RCA e progettò deiservizi di posate per Dansk in New York.1997 Lavorò nello studio di Ross Lovegrove per treanni.
  • 4. E’un ufficio di design di Londra, fondato nel2000 da Nipa Doshi e Jonathan Levien.Ibrido, incontro di culture, tecnologia,racconti, design industriale e fine artigianato:sono questi i temi di pensiero e lavoro. Laraffinata e astuta visualità di Nipa è combinatacon la precisione e la tenacia di Jonathan comeindustrail designer. Doshi Levien lavoranoincontrando discipline industrie diverse, fannole proprie regole attraverso cui estraggonotutta la ricchezza delle loro idee. Lo studio dà preziosi e attenti consigli a brandmondiali su visioni culturali e sociali, facendoda guida alle nuove opportunità del design.Doshi Levien lavora per una vasta gamma diclienti tra cui Intel, Swarovski, Nokia,Authentics, Cappellini e Moroso.
  • 5. “La globalizzazione èsolitamente vista come una distruttrice della culturalocale. A noi piace vederla come un modo per valorizzare la diversità esconvolgere l’omogeneità: uno scambio equo traculture, accedendo ad altre parti del mondo.” Nipa Doshi, intervista di Kavita Rayirath Il servizio “Mosaic Range” per l’azienda francese Tefal, specializzata in strumenti per la cucina e piccoli elettrodomestici, nasce dopo un viaggio di ricerca in India nel 2010. Furono gli stessi designer a contattare la ditta e a proporre il loro progetto: un pentolame incentrato sulla cultura culinaria locale. Ogni pezzo esprime una forte identità culturale attraverso il colore dei materiali e la variante del marchio Tefal. Pentole e padelle presentano sul fondo motivi affascinanti della tradizione indiana.
  • 6. “Il linguaggio che mi interessa è quello dell’ibrido: il linguaggiovisivo che non può essere collocato o definito, il linguaggio che parla della pluralità di culture ed idee.” Nipa Doshi, intervista di Kavita RayirathDal 2000, Doshi Levien hanno visto le loro idee prendere forma nei campi più disparati: dai servizi da tavolaal mobilio, dalla moda al pentolame.In qualunque ambito, i due designer hanno lasciato la loro firma nei colori brillanti, nel richiamo allatradizione, nello stile modernissimo ma mai distaccato. Parte della loro installazione “Miti e Materiali”, questi specchi da parete furono prodotti e presentati da Moroso al Salone del Mobile ’09. La loro possibile combinazione permette di riempire in modo differente qualunque muro. Con motivi che ricordano le trame tessili dei loro stessi arredamenti, gli specchi ritrovano la loro origine nell’ artigianato rurale dell’India, come oggetti contro il malocchio.
  • 7. Design per Moroso e presentato al Salone 08 a Milano, questo divano letto composto da molti sottilimaterassi trae spunto dalla favola di Hans Christian Anderson della Principessa sul Pisello. Questapanca moderna risente di contaminazioni indiane unite a tradizioni europee. La rigidità del basamentonero e scultoreo, si contrappone alla vivacità e alla morbidezza delle sedute. La sovrapposizione serialedi sottili materassini colorati lo rende un oggetto astratto dall’aspetto precario. “ Abbiamo disegnato un nuovo daybed chiamato Principessa, formato da molti materassi sovrapposti. Quello più in alto mostra sulla sua superficie una composizione di oggetti che, proprio perché ispirati ad una principessa contemporanea, vengono ricamati in oro e argento.”
  • 8. I materassi sovrapposti, 6 o 11 a secondadelle versioni, sono rivestiti con tessutidai vari motivi geometrici, dove quellosuperiore è una tessitura jacquard sumisura. Quest’ultimo presenta unacomposizione grafica di oggetti che unaprincipessa moderna dovrebbe usareprima di dormire. Questo ecletticoassortimento di oggetti, di glamour e diutilità, includono un asciugacapelli, unombrello, una collana e un bicchiere dacocktail. I primi tre materassi sono«sciolti» e possono essere gettati sulpavimento come tappeti per ospiti inattesio per praticare lo yoga.
  • 9. Azienda: MorosoVarianti: Disponibile nella versione con 6 o 11 materassiniMisure: -L 203 cm-P 100 cm-H 55/75 cm (6 o 11 materassini)Prezzo al pubblico: a partire da euro 6.090 riferita alla versione a 6 materassi, 9.260 euro riferita alla versione a 11 materassi. 1. Basamento in faggio massello laccato nero lucido RAL 9005 2. Piedi in faggio massello laccato nero lucido RAL 9005 3. Materassini sovrapposti in poliuretano espanso, non sfoderabili.
  • 10. My Beautiful Backside è una collezione disedute disegnata per Moroso e lanciata duranteil Salone 08 a Milan. I divani, disponibili inquattro dimensioni, hanno una composizione dicuscini ricercati nella forma e nel colore. DoshiLevien usano una combinazione di lana efeltro, reminescienze di un fine lavoro disartoria inglese e ,allo stesso tempo, delvestiario indiano con fili d’oro e d’argento.
  • 11. “ Abbiamo usato un nuovo tessuto dilana disegnata da Giulio Ridolfo per Kvadrat e lo abbiamo abbinato al feltro. La combinazione ci ricorda i vestiti antichi con i rigidi colletti inamidati. ” Nessun dettaglio è lasciato al caso. A partire dalle stoffe utilizzate fino al particolare dei bottoni oversize disposti sul retro, per comporre messaggi e personalizzare il proprio divano. I cuscini coloratissimi, impreziositi dai tessuti ricamati a mano, sono mobili e si moltiplicano a seconda delle dimensioni della seduta. I grandi cuscini agganciati alla struttura, come nella seduta tradizionale indiana, che fungono da schienale danno armonia e rendono naturale l’insieme.
  • 12. Sul retro dello schienale invece compaiono motivi altamente decorativi, ricamati a mano in tonilaminati, che rendono questi divani belli da qualunque parte si osservino. Un estetico equilibrio daogni angolazione lo si guardi, scardinando l’idea di un divano con le spalle al muro o irrilevante seosservato da dietro. I cuscini coloratissimi, impreziositi dai tessuti ricamati a mano, sono mobili e simoltiplicano a seconda delle dimensioni della seduta che va da due a tre posti.Sicuramente caratterizzerà il vostro soggiorno dando un tocco particolare a tratti orientaleggiante.
  • 13. Azienda: Moroso Varianti: Esistono altre tre varianti di My Beautiful Backside. Una più piccola (lunghezza 160 cm) e due più grandi (lunghezza 261 cm e 307 cm). Misure: 261x89x99 Prezzo al pubblico: euro 6.6561. Struttura interna in legno2. Seduta in poliuretano espanso indeformabile a densità differenziate3. Fibra poliestere4. Schienali in espanso schiumato a freddo ignifugo5. Schienali con struttura interna in acciaio6. Piedi in noce naturale7. Sottopiedi in metallo ottonato .L’imbottitura dei cuscini è in piuma d’oca.
  • 14. Progetto per Moroso, questa sedia nasce dalla progettazione di un tessuto ispirato alla cartamillimetrata, spazio ortogonale da sovrapporre ad una forma tridimensionale.Funzionalità pratica e simbolica, forme derivate dal piegare e appuntire la carta utilizzata perrealizzare il primo prototipo. La forma della seduta deriva dalla geometria del modello grafico deltessuto che, fondendosi con la struttura, ne disegna la traccia per il taglio.
  • 15. Oggetto apparentemente immediato ma dal carattere autorevole, Paper Planes racchiude una molteplicità diriferimenti concettuali, incrocio di culture diverse per geografia e storia. Una poltrona sottile e leggera, un guscioleggermente inclinato adagiato su un telaio in metallo, essenziale e geometrico. Due le versioni proposte, una altacon poggiatesta, una bassa a ricreare una sorta di divano disgiunto, in un rapporto simbiotico che ne esaltal’individualità e il continuo visivo.L’aereo di carta - paper plane - è la forma più comune e semplice di origami, l’antica arte di piegare la carta.Costruirlo permette a tutti di giocare con la geometria dello spazio, piegando il foglio lungo assi simmetriche,esplorando forme e strutture, producendo angoli, linee, poligoni.
  • 16. “ L’apparente semplicità richiede una magistrale abilità di sartoria. ”Lo stampo del guscio, anima in acciaio rivestita da espanso schiumato a freddo, deriva dalle pieghe eseguiteseguendo le linee stampate sul tessuto, disegno ispirato alla griglia della carta millimetrata. Durante la fase diimbastitura le righe del decoro, data la particolarità geometrica della seduta, impongono una perfettaconvergenza, non lasciando il minimo margine d’errore.
  • 17. Azienda: MorosoVarianti: disponibile in tela frescolana stampata caratterizzata dall’applicazione manuale (tramite termosaldatura) di piccoli cristalli Swaroski; in tessuto jacquard di lana, cotone e seta personalizzato con il pattern geometrico disegnato su misura; in tessuto unito, in panno o in tela di lana.Misure: L 119 cm-P 72 cm-H 36/89 cmPrezzo al pubblico: a partire da 2.930 (dipende dai tessuti) 1. Espanso schiumato a freddo ignifugo 2. Struttura interna in acciaio 3. Basamento in acciaio verniciato opaco 4. Puntali in acciaio cromato o in ottone
  • 18. La sedia per esterno Impossible Wood si presentacome una delle novità Moroso più interessanti einnovative. Ispirata alle classiche sedie in legnopiegato, è realizzata con una particolare fibrasintetica a base vegetale riciclabile e bio-degradabile: il Liquid Wood. Questo unisce allaproprietà tattili e materiche del legno la duttilitàdel materiale plastico. Il risultato è una scoccaflessibile, avvolgente e formalmente raffinata,che offre tutta la naturale piacevolezza del legnoin un prodotto stampato.
  • 19. “ Abbiamo scoperto un materiale,il "legno liquido" che ha proprietà molto diverse da ogni altra plastica industriale. ” Un nuovo riciclabile, materiale biodegradabile realizzato interamente di origine vegetale fibre e additivi. È un composto costituito dall80% di fibra di legno e dal 20% di polipropilene che può essere usato con i normali stampi a iniezione. Con la pressione e il calore rilascia lumidità della fibra di legno che si brucia in superficie a contatto con lalluminio dello stampo, creando un effetto casuale di pelle invecchiata. Ispirati dalle caratteristiche del materiale, i due designer hanno deciso di creare una sedia che riprende quel genere di sedie leggere, graziose di legno curvato la cui forma sarebbe impossibile da fare se non con uno stampo a iniezione, da qui il nome "legno impossibile’’.
  • 20. “ Eravamo intrigati dallintensità edalla texture del legno liquido che èlopposto della superficie liscia,lucida e omogenea che si usa per lamaggior parte delle sedie stampate. ” Il legno liquido ha un aspetto grezzo e come di usato, una qualità terrigna e senza tempo più naturale. Ha anche lodore del legno. Doshi Levien hanno guardato al lavoro Cedar Lodge del 1977 di Martin Puryear, uno scultore afro-americano. Linstallazione è costruita con sottili assi di legno sovrapposte tenute insieme da anelli orizzontali. Il loro primo prototipo di "Impossible wood" a partire da quella installazione, improvvisando ma allo stesso tempo usando un linguaggio strutturato per sfuggire al processo controllato e fluido abitualmente applicato per generare forme in plastica.
  • 21. Azienda: MorosoVarianti: Disponibile in più varianti cromaticheMisure: L 65 cm-P 53 cm-H 75 cmPrezzo al pubblico: 338,40 1.Scocca in fibra sintetica di origine vegetale 2. Gambe in tubolare d’acciaio
  • 22. Risultato della primacollaborazione tra Doshi Leviene Cappellini, Capo è unapoltrona dalla forma esile doveuno schienale alto e ampipoggiabraccia avvolgono chi siaccomoda in un idealeabbraccio. La sua forma ematerialità provienedall’immagine di un elegantecappello a cilindro in feltro.
  • 23. Disponibile in differenti materiali(pelle, ecopelle, panno, feltro eAlcantara) e colorazioni, esiste laversione con fronte e retrodiversamente rivestiti. L’immagineaccogliente ed elegante ne fa unoggetto adattabile ad ogni ambiente,domestico o lavorativo. “ Come suggerisce il nome, Capo con lebraccia larghe a sbalzo e bavero rovesciato, trasforma il soggetto in un boss. ”
  • 24. Azienda: CappelliniVarianti: disponibile in un unico materiale o in due materiali differenti tra fronte e retro. Pelle, ecopelle, panno, feltro e Alcantara.Misure: L 119 cm-P 72 cm-H 36/89 cmPrezzo al pubblico: a partire da 2.930 , a seconda dei tessuti 1 / 2. Fronte e retro in diversi materiali 3. Gambe in tubolare d’acciaio