Regione SicilianaDipartimento regionale della famiglia, delle politiche                sociali e delle autonomie locali   ...
Nota introduttiva         La valutazione dell’Accordo di Programma Quadro “Recupero della MarginalitàSociale e Pari opport...
INDICE        NOTA INTRODUTTIVA .................................................................................... 2    ...
11   L’ARCHITETTURA DELL’APQ. QUALE NESSO TRA STRATEGIE,OBIETTIVI E STRUTTURA DEL PROGRAMMA? ................................
Di seguito si espone brevemente la                                                            struttura e la logica del ra...
organizzazioni coinvolti      direttamente     e    12. Angela Scibilia Dipartimento Serviziindirettamente.               ...
I SEZIONE: Il programma e il disegno di              valutazione                                          7
8                                                                   - Priorità C: Sostegno a minori e                     ...
9connettono determinate azioni e misure a                       riappropriazione degli stessi da parte deidei cambiamenti ...
10elementari di convivenza incentivino il                   tale azione non era prevista) hanno previstodisimpegno, l’estr...
11Nella tabella successiva si elencano gli                      presidente della Regione e da esperti delelementi che cara...
12ottenuto un finanziamento superiore che                           Tab. 1 Popolazione residente nel 2004 da 10 a         ...
13      Un secondo indice utilizzabile per                           Sembra quindi esserci, se rapportiamocapire l’adeguat...
14                                                              progetti che ha interessato un campione di    Metodologia ...
15tramite di esse si innescano in dati specifici                   Questa seconda fase della valutazionecontesti (e non in...
16paragrafo      nell’Allegato       del   presente      1.4    Selezione dei casi di studio                   erapporto. ...
17uno schema del GAO26 proposto nella                        indicazioni tratte dalla letteratura di settoretabella,   il ...
18  scambio di materiale). E’ stata inoltre               valutazione; inoltre il fatto stesso che  raccolta, e nei mesi s...
19dalla ricerca prescindendo parzialmentedalle griglie interpretative del ricercatore.Nella terza sezione si indicano degl...
20II SEZIONE: L’ANALISI DEI CASI                                 20
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Apq Sicilia Analisi Casi 2007

3,274 views

Published on

Valutazione dell\'APQ Accordo di Programma Quadro Regione Siciliana- Marginalità sociale e Pari Opportunità

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
3,274
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Apq Sicilia Analisi Casi 2007

  1. 1. Regione SicilianaDipartimento regionale della famiglia, delle politiche sociali e delle autonomie locali A c c or d o d i P r og r a m m a Q u a d r o “Recupero della Marginalità Sociale e Pari Opportunità”II Report di valutazione: Analisi di alcuni casi eccellenti Contrasto della marginalità sociale e riqualificazione degli spazi. Viaggio tra la Lapara della poesia, i ceci di Enna e i microcrediti Ge n n a i o 2 0 0 7Scaricabile:http://www.cevas.it/casi/index.htm 1
  2. 2. Nota introduttiva La valutazione dell’Accordo di Programma Quadro “Recupero della MarginalitàSociale e Pari opportunità è stata frutto di un lavoro condotto per oltre un anno daesperti di Sviluppo Italia S.p.A. e Sviluppo Italia Sicilia S.p.A., con il contributo didirigenti e funzionari delle strutture regionali e con il supporto di alcuni esperti disettore, nell’ambito delle attività di supporto previste dal Programma OperativoSupporto alle Regioni per il miglioramento della capacità e della qualità dellaCommittenza Pubblica, finanziato con delibera CIPE n. 62/03, gestito dal MEF-DPS. Il “II Report di valutazione: Analisi di alcuni casi eccellenti. Contrasto dellamarginalità sociale e riqualificazione degli spazi. Viaggio tra la lapara della poesia, i ceci di Enna e i microcrediti” è stato svolto grazie al lavoro della dott.ssa Liliana Leone1, autrice del rapporto e coordinatrice della ricerca valutativa.1 Consulente e valutatrice di programmi, progetti e servizi nell’ambito delle politiche sociali e sociosanitarie. 2
  3. 3. INDICE NOTA INTRODUTTIVA .................................................................................... 2 PREMESSA...................................................................................................... 5 I SEZIONE: IL PROGRAMMA E IL DISEGNO DI VALUTAZIONE.................. 7 1 LA TEORIA DEL PROGRAMMA SOTTESA ALL’APQ ............................ 8 1.1 Gli strumenti amministrativi e le risorse economiche .................................................................. 11 1.2 Equità nell’allocazione delle risorse: bisogni territoriali e distribuzione dei progetti .............. 12 1.3 Descrizione dei quesiti di valutazione........................................................................................... 16 1.4 Selezione dei casi di studio e tecniche di analisi dei casi............................................................16 II SEZIONE: L’ANALISI DEI CASI ................................................................ 20 2 CASO: VIVERE PALERMO. DAL MEDITERRANEO A BORGONUOVO 21 2.1 Descrizione del caso........................................................................................................................ 21 2.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale........................................................................... 23 2.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ....................................... 29 3 CASO: ALFABETI DI COMUNITA’. CERCANDO BELLEZZA ELIBERAZIONE ........................................................................................................ 36 3.1 Descrizione del caso........................................................................................................................ 36 3.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale........................................................................... 44 3.3 Il sotto progetto di Gela: l’adozione sociale delle famiglie .......................................................... 46 3.4 Il sottoprogetto di Enna: i ceci del terreno confiscato ................................................................. 49 3.5 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ....................................... 52 4 CASO: TERRE DI FRONTIERA .............................................................. 57 4.1 Descrizione del caso........................................................................................................................ 57 4.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale........................................................................... 60 4.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ....................................... 64 5 CASO: UN POSTO AL SOLE.................................................................. 69 5.1 Descrizione del caso........................................................................................................................ 69 5.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale........................................................................... 73 5.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ....................................... 77 6 CASO: RADICI......................................................................................... 82 6.1 1.1 Descrizione del caso.................................................................................................................. 82 6.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale........................................................................... 85 6.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ....................................... 88 7 CASO: GIOVANI INSIEME ...................................................................... 90 7.1 Descrizione del caso........................................................................................................................ 90 7.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale........................................................................... 91 7.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ....................................... 95 8 CASO: PERCORSI DI INTEGRAZIONE COMUNE DI GELA ................. 98 8.1 Descrizione del caso........................................................................................................................ 98 8.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale......................................................................... 100 8.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ..................................... 103 III SEZIONE: CONCLUSIONI E LEZIONI .................................................... 108 9 PREMESSA ........................................................................................... 109 10 SPECIFICITÀ DELLO STRUMENTO E INNOVATIVITÀ DELL’APQ. 110 3
  4. 4. 11 L’ARCHITETTURA DELL’APQ. QUALE NESSO TRA STRATEGIE,OBIETTIVI E STRUTTURA DEL PROGRAMMA? ............................................... 111 11.1 Quali leve si garantiscono per orientare le strategie degli attuatori? ....................................... 111 11.2 Modalità di assistenza e accompagnamento a livello Regionale e locale ................................ 113 11.3 Disegno del programma e punti forti ........................................................................................... 113 11.4 Aspetti da supportare nell’impianto dell’APQ ............................................................................. 114 12 ANALISI DELLE STRATEGIE E DEI MECCANISMI ATTIVATI NEICASI DI SUCCESSO ............................................................................................ 116 12.1 Riqualificazione degli spazi e senso di appartenenza ............................................................... 117 12.2 Guadagnarsi la fiducia del territorio............................................................................................. 119 12.3 Dalla conoscenza delle proprie radici storiche all’apertura nei confronti di altre culture....... 119 12.4 Riqualificazione dei territori e forme espressive: arti visive, poesia, musica e teatro ......... 120 12.5 Coinvolgimento dei giovani e processi partecipativi: come innescare il desiderio................ 120 12.6 Lo scambio inter-generazionale: il ruolo degli adulti ‘esperti’................................................... 121 12.7 Politiche ‘soft’ per la transizione al lavoro ..................................................................................121 12.8 I progetti personalizzati per l’inserimento lavorativo: la borse lavoro come “dote” ............... 122 12.9 La contaminazione tra politiche per innovare i modelli di welfare ............................................ 124 12.10 Partenariati e ruolo dell’Ente locale ............................................................................................. 126 13 LEZIONI TRATTE DAI CASI .............................................................. 128 13.1 Fattori comuni ai casi di successo............................................................................................... 128 ALLEGATI .................................................................................................... 131 14 RACCOMANDAZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DEI PROGETTINELL’AREA PROGETTI CON DONNE VITTIME DI VIOLENZA ......................... 132 4
  5. 5. Di seguito si espone brevemente la struttura e la logica del rapporto. Premessa Nella I sezione si ricostruisce la teoria del programma e cioè si illustrano i nessi tra Il II Report di valutazione intermedia le diverse decisioni formulate daldell’Accordo di Programma Quadro programmatore regionale durante il ciclo del“Recupero della marginalità sociale e pari programma e le ipotesi di cambiamento allaopportunità” (da ora in avanti anche solo base del disegno del programma. Si illustraAPQ) è frutto dell’attività di assistenza inoltre il disegno di ricerca valutativa che èsviluppata da Sviluppo Italia, su richiesta stato adottato, la metodologia adottata nelladella Regione Siciliana, nell’ambito del case analysis e ed i quesiti valutativi a cuiProgramma Operativo “Supporto alle Regioni esso intendeva rispondere.per il miglioramento della capacità e dellaqualità della committenza pubblica” Nella II sezione del rapporto vengono(Delibera CIPE n. 62/2002), per valutare riportati sette casi di studio. Ogni caso vienel’efficacia e l’impatto delle azioni finanziate presentato tramite una struttura similare:dall’APQ. Tale approfondimento è stato presentazione del caso e del contestosvolto da Liliana Leone2 che ha curato tutte d’attuazione, ruolo dell’APQ, attività ele fasi della ricerca valutativa ed è autrice risultati intermedi, strategie d’azione edel rapporto. meccanismi di intervento ipotizzati dagli Questo lavoro rappresenta la attuatori ed in opera.prosecuzione logica e l’approfondimento diun primo rapporto di valutazione sullo Nella III e ultima sezione si sviluppastesso APQ presentato e discusso in una riflessione conclusiva relativamente aiseminari locali nel giugno 20063. Si è punti forti ed alle aree di debolezza delcercato in questo secondo report di processo programmatorio e si esaminano, inrealizzare un approfondimento consapevole modo trasversale, alcuni risultati emersidel fatto che “siamo a metà dell’opera” e dall’analisi dei diversi casi e si individuanoche trattandosi di una valutazione “in alcune ‘lezioni’ trasferibili.itinere” abbiamo potuto scorgere le strategiein azione e alcuni risultati più che gli effetti Prima di proseguire vorrei ricordarefinali dell’APQ. Di contro sapendo che alcune che il lavoro realizzato nel corso dellastrategie sono in atto da lungo tempo, e non valutazione ha beneficiato del preziosonascono tout court con un nuovo contributo di molte persone: si tratta diprogramma, nella ricostruzione dei casi testimoni chiave e stakeholder che tramitepotremo osservare alcuni meccanismi colloqui, interviste, scambi epistolari e dioperanti sui territori da periodi medio-lunghi documentazione, hanno permesso di(circa 10 anni). ricostruire le premesse, la storia e le attuazioni presenti nell’APQ e talvolta hanno collaborato anche allo sviluppo degli stessi strumenti di rilevazione utilizzati nella prima2 Esperta di valutazione nell’ambito delle politiche di fase della ricerca valutativa. Di moltiwelfare, responsabile di Studio Cevas di Roma e contributi e suggerimenti rimane solo unadocente a contratto presso la Facoltà di Sociologia traccia in questi scritti perché si sonodell’Università di Roma ‘La Sapienza’, E mailleone@cevas.it sviluppati nei diversi seminari di restituzione e discussione dei risultati dell’APQ (n. 5 da3 Leone L., Report di valutazione intermedia dellA.P.Q. dicembre 2005 a novembre 2006)"Recupero della marginalità sociale e pari opportunità", organizzati dalla Regione Siciliana e daSviluppo Italia- Regione Siciliana, Luglio 2006 (Prelevafile in Word -IT Sviluppo Italia a Palermo e Catania. Sarebbehttp://www.regione.sicilia.it/famiglia/Content/Norme/2 tuttavia miope non sottolineare l’importanza006/Report_VALUT_INTER_APQ.doc) Si tratta del di tali momenti perché è ferma convinzioneprimo report di valutazione intermedia dellaccordo di di chi scrive che l’anima di un processo diprogramma quadro (APQ) stipulato dal Ministerodell’Economia, dal Dipartimento Pari opportunità della valutazione non consiste nel supportoPresidenza Consiglio dei Ministri e dalla Regione cartaceo identificabile in un report ma neiSiciliana. processi di scambio e apprendimento che si sviluppano tra le persone e i reticoli di 5
  6. 6. organizzazioni coinvolti direttamente e 12. Angela Scibilia Dipartimento Serviziindirettamente. Sociali referente APQ, Comune di Messina Un particolare ringraziamento va a 13. Sindaco Rosario Crocetta, Comune diLicia Guastella4 del Dipartimento per la GelaFamiglia, a Licia Masi ed Emanuele Villa5 del 14. Dirigente Maria Morinello, Comune diDipartimento Programmazione della Regione GelaSiciliana: sono stati committenti lungimiranti 15. Gabriella Rinzivillo, Referente APQche auguro ad ogni valutatore. Ringrazio servizio sociale del Comune di GelaGianluca Micarelli, Viviana Melis e Paola 16. Dirigente Isabella Mastropasqua,Boffo di Sviluppo Italia (Sede di Roma) che Ministero della Giustizia –Dipartimentohanno sostenuto e accompagnato la Giustizia Minorile ROMAsperimentazione di un ‘esercizio valutativo’ 17. Rosalba Salierno Referente APQ Perabbastanza impegnativo e innovativo. Centro Giustizia Minorile 4 direttrice USM Palermo Uff serv soc minorenni Oltre a tutti i referenti dei progetti e i complesso Malaspinapartner coinvolti nei focus group, e citati in 18. Marianna Malara - Scuole formazionenota in ciascuno dei casi presentati nella II personale Dipartimento Giustizia MinorileSezione del presente report, ringrazio altre di Messinapersone che hanno rilasciato delle intervisteed hanno offerto la loro preziosacollaborazione: Gennaio 20071. Salvatore Cernigliaro, Referente Liliana Leone regionale APQ Sicurezza per lo sviluppo "Carlo Alberto Dalla Chiesa”, Dipartimento Programmazione2. Maria Rosi Lotti, Le Onde Onlus Palermo3. Luciano D’Angelo, Consorzio Ulisse, Palermo4. Gaetano Giunta, Ecosmed Messina5. Francesco Di Giovanni, Associazione Inventare Insieme Palermo6. Fabrizio Sigona, Consorzio Il Nodo Catania7. Antonello Faraci, coop. sociale Prospettiva, Catania8. Assessore Cettina Bonomolo, Comune di Palermo9. Assessore alla promozione sociale Stefania Gulino, Comune di Catania10. Claudio Saita, referente APQ al comune di Catania11. Filippo Alessi, Dipartimento Servizi Sociali-Comune di Messina – referente amministrativo APQ4 Referente APQ Marginalità sociale e PariOpportunità -Servizio IV Programmazione Socio-assistenziale e socio-sanitaria Regione Sicilia5 Capo servizio Servizio programmazione ecoordinamento dellattuazione degli interventiriguardanti risorse umane, ricerca, politichetrasversali. Dipartimento ProgrammazioneRegione Sicilia 6
  7. 7. I SEZIONE: Il programma e il disegno di valutazione 7
  8. 8. 8 - Priorità C: Sostegno a minori e giovani privi di supporto familiare, in1 La teoria del programma condizioni di disagio sociale, a rischio di devianza o già entrati nel circuito penale ai sottesa all’APQ fini del reinserimento sociale; accoglienza e supporto per minori e donne vittime di Le premesse su cui si basa il violenza e maltrattamento familiare.8programma riguardano: Tra le motivazioni e i bisogni individuati ina) la connessione tra fenomeni di fase di disegno del programma troviamo: marginalità sociale e competitività complessiva (in termini strutturali e non • La segnalazione di una preoccupante congiunturali) delle economie locali crescita del disagio e della devianza dovuta all’elevato costo di tali fenomeni minorile e giovanile; in particolari laddove si coniugano con • la constatazione che l’azione di contrasto alti tassi di disoccupazione; alla illegalità e, più in generale, alla culturab) l’inefficacia di misure a carattere mafiosa, ha maggiore respiro e può formativo e di riqualificazione delle raggiungere esiti positivi a lungo termine ‘risorse umane’ avulse da “un quadro se parte da un intervento preventivo più generale di interventi tesi ad rivolto alle fasce più giovani; affrontare le tematiche della marginalità • la convinzione che l’alto tasso di minori e e dei meccanismi di esclusione sociale, giovani devianti o a rischio imponga una considerando anche le implicazioni di strategia di recupero basata su un’azione contesto complessivo quali la crescita di ampia mobilitazione delle famiglie, degli sociale delle comunità locali”. operatori, dell’associazionismo e delle Ricordiamo succintamente che le istituzioni.priorità programmatiche indicate nel testo Sottese al ‘disegno’ dell’APQ possiamodell’Accordo di Programma Quadro chiaramente identificare alcune ipotesi che‘Marginalità sociale e pari opportunità’ dellaRegione Siciliana (anche solo APQ)6 sono: - Priorità A: Riqualificazione delle 4. miglioramento dell’interfaccia tra la polizia municipale ed i cittadini, attraverso iniziative formativearee urbane in condizioni di degrado e campagne di sensibilizzazione rivolte in particolare aiambientale ed economico con manifestazioni temi della legalità e delle pari opportunità. 8di disagio sociale, al fine di promuovere il Le azioni di riferimento della priorità C) erano:senso di appartenenza alla comunità in 1. Comunità di tipo familiare per l’accoglienzaparticolare per le fasce giovanili. 7 temporanea; 2. Progetti di inserimento socio-lavorativo rivolti a minori e giovani che a completamento del percorso educativo in comunità alloggio hanno raggiunto 6 una maturità ed un idoneo grado di autonomia, ma Accordo di Programma Quadro Recupero poiché privi di idoneo supporto familiare, necessitano didella marginalità sociale e pari opportunità tra il interventi di accoglienza residenziale (gruppi-Dipartimento per le Pari Opportunità della appartamento) a sostegno di una vita indipendente;Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero 3. Definizione di percorsi di autonomia, attraversodell economia e delle finanze e la Regione azioni di orientamento-formazione e accompagnamentosiciliana, 23/12/2003, p.22. al lavoro, concordati tra Ente locale, azienda USL, organismi rappresentativi del mondo del lavoro e7 Ricordiamo che le linee di intervento previste per la delle realtà cooperativistiche;priorità A) erano: 4. Accompagnamento educativo personalizzato di 1. animazione territoriale, anche attraverso il adolescenti e giovani entrati nel circuito penale, volto acoinvolgimento di risorse umane attive nel territorio, contrastare l’utilizzo dell’atto illecito come strumento divolto a sostenere e valorizzare le potenzialità educative identificazione nel gruppo di “pari” e nel contesto socio-presenti nelle comunità locali; familiare; 2. attivazione di centri polivalenti intesi come 5. Servizio filtro rivolto a minori e donne in difficoltà inspazi “laboratorio” con presenze istituzionali del grado di offrire una prima accoglienza telefonica eterritorio mirati a favorire la socializzazione, prese in carico integrate tra i diversi servizi e risorse,l’acquisizione e il rispetto delle regole di convivenza anche del Terzo Settore (ad es. costituzione di gruppi dicivile, la tolleranza; auto-aiuto); 3. supporto ai gruppi giovanili, espressione del 6. Creazione di “case-rifugio” ad indirizzo segreto perterritorio, volto alla promozione di un associazionismo minori e donne che hanno subito violenza.locale, anche attraverso l’affidamento di spazi comuni(strutture, aree verdi, spazi condominiali); 8
  9. 9. 9connettono determinate azioni e misure a riappropriazione degli stessi da parte deidei cambiamenti attesi9. Nel corso del primo giovani, dovrebbero promuovere il senso dianno di negoziazione del programma alcune appartenenza dei giovani alle comunità. Inpriorità emergono ed altre possibili finalità e questa ottica la prevenzione e il contrasto disinergie, viceversa, si indeboliscono o situazioni di rischio di esclusione sociale sidecadono, tuttavia permangono alcune realizza promuovendo la cultura dellascelte strategiche e le idee guida dell’APQ normalità, valorizzando il capitale umano eche possono essere così sintetizzate: mettendo in rete le risorse dei singoli e delle organizzazioni attive nelle comunità locali.1. nella fase iniziale di programmazione 4. Il privato sociale nelle sue diverseè presente una connessione tra politiche a forme associazionismo e cooperazionefavore della legalità e politiche di contrasto sociale, viene ritenuto un attore chiave ealla marginalità sociale ed alla devianza destinatario, diretto o indiretto (es. acquistominorile. È a partire, infatti, dall’APQ di servizi formativi previsti nei progetti), diSicurezza e Legalità per lo sviluppo ‘Carlo quasi la totalità delle risorse dell’APQ: inAlberto Dalla Chiesa che si inizia nel 2002 a ambo le priorità gli organismi del privatoragionare sulla opportunità di sviluppare sociale sono gli attori centrali a cui vienealcune azioni che confluiranno, in una fase affidata l’implementazione del programma.successiva, in un autonomo APQ. Tale Il volontariato è inteso come attoreconnessione iniziale, esplicitata all’articolo 2 propulsore della società civile e in fase didell’Accordo di Programma10, in fase di bando rappresenta un attore ‘vincolante’ laimplementazione viene recuperata da parte cui assenza, o la mancata iscrizione aldi alcuni attuatori locali. registro regionale, spiega la maggior parte2. Si cerca di sostenere e privilegiare dei progetti giudicati non ammissibili.esperienze in grado di produrre sinergie tra Sempre dal bando ricaviamo l’importanzadiverse progettualità presenti sul territorio, del volontariato e, nella prima fase, deglidi integrare risorse e fonti finanziarie stessi Centri servizi per il volontariato (3 indiverse ( es: si veda nel formulario il tutta la Regione) a cui viene affidata eriferimento alle L. 285/97, L. 328/00, DPR riconosciuta una funzione di assistenza309/90). tecnica.3. In particolare nella priorità A) si L’APQ ha una idea base ambiziosa: ilsostengono e promuovono azioni che si tema della prevenzione della devianzainquadrano in un approccio di sviluppo di minorile e della legalità viene connesso allacomunità come: valorizzazione del ruolo riqualificazione di spazi urbani, in particolaredegli operatori comuni con potenzialità alla riappropriazione di spazi verdi da parteeducative, supporto ai gruppi giovanili e di gruppi di giovani, ed allo sviluppo delpromozione di un associazionismo locale, tessuto connettivo delle comunità locali.affidamento di spazi comuni, Secondo il decisore regionale lesensibilizzazione della polizia municipale. Le situazioni di degrado urbano vengono inazioni di riqualificazione di spazi urbani e genere affrontate dai comuni con delle politiche abbastanza tradizionali non in9 grado di rispondere al senso di estraneità La ricostruzione della “teoria del programma” è statacondotta grazie ad una serie di interviste realizzate che vivono i minori. Si presume chedalla valutatrice Liliana Leone nel corso del 2006 con interventi di ‘riqualificazione dei contestialcuni interlocutori chiave della Regione Siciliana urbani’ e la promozione del senso diimpegnati nella fase di predisposizione dell’APQ. Si appartenenza alle comunità possano ridurreringraziano in particolare: il Dott. Emanuele Villa e laDott.ssa Licia Masi del Dipartimento programmazione, il fenomeni devianza e marginalità sociale, chedirigente Dott.ssa Licia Guastella responsabile dell’APQ strategie di coinvolgimento attivo eper l’Assessorato alla famiglia ed alla e politiche sociali. attivazione non solo delle diverse risorse10 Tratto da APQ Art.2 Finalità generali- Ad integrazione territoriali ma degli stessi giovani, possanodi quanto già definito in sede di Accordo di Programma rappresentare delle chiavi di successo. Si èQuadro Sicurezza e legalità per lo sviluppo, (…) ilpresente Accordo di Programma Quadro è finalizzato a convinti che la percezione di abbandono ocontribuire, (…), alla promozione dell’inclusione sociale estraneità degli spazi in cui si vive, di nondei minori e dei giovani attraverso azioni di prevenzione appartenenza alla comunità come lae recupero della marginalità sociale, nel rispetto del mancanza continua del rispetto delle regoleprincipio delle pari opportunità. 9
  10. 10. 10elementari di convivenza incentivino il tale azione non era prevista) hanno previstodisimpegno, l’estraneità, la rinuncia al la riqualificazione di alcuni spazi. Sappiamocambiamento, indeboliscano il confine tra inoltre, dai risultati della prima fase dilegale e illegale tra diritto/dovere e valutazione (I° Report 2006)12, che taleconcessione di favore, peggiorando la intento si è tradotto in effettive attività diqualità stessa della vita. recupero degli spazi, che parte di questi spazi sono beni confiscati alla mafia ma che Attraverso la riqualificazione, e la solo una minima parte dei progetti hagestione da parte anche dei giovani, di destinato tali spazi ai giovani. Accanto adeterminati spazi urbani si tenta di questa idea ‘forte’ il programma intende consviluppare forme di appartenenza alla la priorità C), gestita direttamente dalcomunità di tipo alternativo a quelle basate privato sociale:sui clan e sulla cultura mafiosa favorendo lapossibilità di progettarsi un futuro • rafforzare il sistema d’offerta rivolto a(personale e lavorativo) diverso al di là di target ritenuti a rischio di marginalitàconfini e regole fortemente predefinite. sociale. I target maggiormente attenzionatiPer quanto riguarda l’intervento più in questa priorità –anche se non esclusivi- sono le donne vittime di violenzapropriamente sociale volto alla prevenzionee al recupero della marginalità sociale in intrafamiliare e con esse i minori e i giovaniuna logica di pari opportunità, l’APQ si coinvolti nel circuito penale minorile o inpropone di porre al centro dell’attenzione la strutture residenziali per minori che, avendocondizione minorile e giovanile ed in raggiunto la maggiore età, devono in pocoparticolare la problematica del disagio e tempo ‘sganciarsi dal sistema dei servizi’ edella devianza minorile e giovanile. avviare percorsi di inserimento lavorativo ed autonomia abitativa. Si tratta di strategie di intervento eipotesi certamente consolidate in alcuni • Rafforzare, attraverso un disegnoambienti e settori (si pensi a iniziative di complessivo di crescita dell’associazionismo,sviluppo locale, alle sperimentazioni il sistema di welfare mix, di partenariato traeffettuate in alcuni progetti del PIC Urban o pubblico e privato sociale, ritenuto uniniziative di riqualificazione urbana promosse sistema ancora debole.da contratti di quartiere ed altri strumenti) • Supportare la rete dell’economiache tuttavia appaiono in questa sede, per sociale e la sua capacità di promuovereuna serie di ragioni, di estremo interesse e forme di inclusione sociolavorativa.particolarmente innovative. Non è cosacomune nell’ambito delle politiche sociali Queste ultime finalità si evincono(ambito a cui ricordiamo appartiene questo maggiormente dal tipo di progetti selezionatiAPQ) trovare in fase di programmazione nella valenza detta CR cioé in quelli cheesplicite connessioni con programmi a operano su diverse province.favore della legalità - l’APQ Sicurezza dellaRegione siciliana11- né tanto meno è pratica Priorità territorio Criterio Promo Rendiconcomune sostenere il coinvolgimento della allocazione risorse tore tazione epolizia municipale in iniziative di sviluppo di controllocomunità e prevedere esplicitamente azioni A Circoscrizioni o N° Progetti Comu Comunidi recupero e affido di spazi urbani. quartieri dei comuni con oltre 30.000 predefiniti + criteri selezione progetti ne ab. Si tratta di indicazioni che hannoinfluenzato in modo significativo le C Ambito locale ma preferibilmente Criteri selezione progetti Bando Privato sociale Regioneprogettualità locali, almeno sul piano degli sovra provincialeintenti dichiarati dai progettisti: sappiamo, CR territori di più Criteri selezione Privato Regioneinfatti, che ben il 54% dei progetti della Province progetti Bando socialepriorità A) e alcuni casi anche della prioritàC (n.b. si noti che nel bando della priorità C 12 Regione Siciliana, I° Report di valutazione11 “Parimenti le suddette azioni risultano sinergiche intermedia, APQ Marginalità Sociale e PPOO, giugnorispetto agli interventi previsti dall’APQ Sicurezza e 2006 Scaricabile dal sito dell’Assessorato alla famigliaLegalità per lo sviluppo ‘Carlo Alberto Dalla Chiesa’”. http://www.regione.sicilia.it/famiglia/Content/NormeTratto da testo APQ del 23/12/2003 pag.7 /2006/Report_VALUT_INTER_APQ.doc 10
  11. 11. 11Nella tabella successiva si elencano gli presidente della Regione e da esperti delelementi che caratterizzano l’approccio e che Nucleo di Valutazione.rappresentano dei punti forti del Nel maggio 2003 la Giunta Regionaleprogramma. approva il documento programmatico relativo all’APQ ed il riparto delle risorseElementi che caratterizzano l’approccio e punti finanziarie tra le priorità A e C;forti Nel giugno 2003 (GURS. N. 26Rispetto alla programmazione ordinaria si osserva per 6.06.2003) la Regione Siciliana pubblica duela prima volta in Italia una destinazione di risorse avvisi per la presentazione di proposteCIPE, risorse classicamente destinate a interventiinfrastrutturali, per misure connesse a interventi di progettuali (v. www.euroinfosicilia.it);inclusione sociale e attivazione di servizi alle persone. Nel novembre 2003 si concludono iSistema di allocazione delle risorse attento ad una equa lavori di analisi e assessment delle propostesuddivisione in funzione della numerosità degli abitanti progettuali da parte della Commissionee della concentrazione degli interventi su aree urbanemaggiormente problematiche. interdipartimentale e a fine novembre si pubblicano gli elenchi delle proposteTentativo di integrazione delle politiche con coerenza progettuali.del programmatore rispetto a strategie di interventosviluppate con altri strumenti: Piani di zona, Misure Nel dicembre (23/12/2003) vienePOR, APQ e PON stipulato l’accordo di programma quadroSi richiede ai progetti di raccordarsi con altri interventi (APQ) da parte del Ministero dell’Economia,in termini di programmazione ordinaria e straordinaria. del Dipartimento Pari opportunità dellaSi cerca di incentivare e sostenere la cooperazione, il Presidenza Consiglio dei Ministri e dellapartenariato tra pubblico e privato sociale ed il Regione Siciliana. Nell’accordo vienerafforzamento di un sistema di Welfare Mix definita la destinazione delle risorse CIPEIl principio delle PPOO è diventato un elemento di (pari a 34 milioni di euro con delibera n.valutazione. 142/’99) e la ripartizione della somma nellaViene prevista sin dall’inizio una struttura-sistema di misura di 18 milioni di euro per i progetti diruoli –incardinata in un Dipartimento della Regione e riqualificazione urbana, a caratterenon esternalizzata- che segue l’implementazione delprogramma, cura l’implementazione di un sistema di integrato, in territori particolarmentemonitoraggio e della valutazione intermedia. degradati (priorità A) e di 16 milioni di euroEmergenza di una concezione non riparatoria delle per i progetti di prevenzione e contrastomarginalità sociale (es: collegamento politiche per la della devianza minorile e giovanile e disicurezza e la legalità, riqualificazione urbana, supporto alla donna (priorità C), di cui 5inclusione lavorativa..). milioni di euro per progetti a valenzaVi sono già una serie di interventi sui minori e giovani regionale. Poiché i Comuni contribuisconoin corso di attuazione che possono essere potenziati, con un cofinanziamento aggiuntivo pari alvalorizzati e messi in rete. Tutto ciò è strettamente 20% le risorse complessive dell’APQ sonocoerente anche con gli obiettivi individuati dall’Agendasociale europea approvata a Nizza nel novembre 2000 pari a circa 40 Meuro. Le risorse dell’APQper la promozione dell’inclusione sociale nel rispetto del (coincidenti con le sole risorse CIPE) per laprincipio delle pari opportunità. priorità A) vengono dalla Regione destinate ai territori con comuni di oltre 30.000 abitanti in modo proporzionale alla popolazione residente. Si indicano quindi in1.1 Gli strumenti amministrativi e le fase di bando il numero massimo di progetti risorse economiche a cui ciascuna città ha diritto in relazione Nell’ottobre del 2002 viene costituito alla fascia a cui appartiene (Fascia A. maxun gruppo tecnico interdipartimentale per la 10 progetti. Fascia B. max 5 progetti etc.)..definizione dell’Accordo di Programma Sono stati ammessi e attivati n. 118Quadro “Recupero della marginalità sociale e progetti di cui 67 per la Priorità A) e 7 dellapari opportunità”. Il gruppo tecnico era priorità C) a valenza “regionale” (da ora incomposto da funzionari del Dipartimento poi CR) perché interessano più territoriProgrammazione, degli Assessorati Famiglia, provinciali. In genere ciascun progetto ha unPubblica Istruzione, Formazione budget compreso tra i 250 e i 300 mila EuroProfessionale, Sanità, dell’Unità Operativa a cui va ad aggiungersi, nel caso dellaPari Opportunità, dell’Ufficio di Gabinetto del priorità A), il 20% di cofinanziamento dei Comuni; i sette progetti regionali hanno 11
  12. 12. 12ottenuto un finanziamento superiore che Tab. 1 Popolazione residente nel 2004 da 10 a 25 anni e progetti dell’APQoscilla intorno a 1 milione, 1 milione emezzo di euro. Province Popolazione % Pop % Scarto 10-25 anni Progetti N°Progetti Finanziamento Fondi Cipe PA 262481 25,4 +2 27,1 TP 84265 8,2 +3A 67 da € 250.00013 a 18 Meuro 11,0 €300.000 + 20% co ME 127278 12,3 +3 finanziamento Comuni 15,3 AG 93827 9,1 -0.5 8,5C 44 circa € 250.000 11 Meuro CL 58779 5,7 -0.5 5,1CR 7 da 1 a 1 ½ Meuro 5 Meuro EN 35463 3,4 -1.5 1,7Tot 118 34 Meuro CT 228177 22,1 -4 17,8 Tra l’agosto 2004 e ottobre 2004 la RG 61052 5,9 8,5 +2.5Regione fa una serie di comunicazioni sui SR 80609 7,8 +3 5,1risultati relativi ai progetti ammessi afinanziamento e tra la fine del 2004 ed il 1031931 100primo trimestre del 2005 si avviano i Fonte: Dati Istat 2004 e dati monitoraggio APQprogetti ammessi a finanziamento. del 2005 15 Ai fini del coordinamento e della Fonte: Dati Istat 2004vigilanza sull’attuazione dell’APQ si individuaquale soggetto responsabile il Dipartimentodella Famiglia, delle Politiche sociali e delleAutonomie locali e viene investita diresponsabilità un’unità organizzativa direttada Licia Guastella, che segue il programmain modo continuativo nelle sue diverse fasi.1.2 Equità nell’allocazione delle risorse: bisogni territoriali e distribuzione dei progetti Nel grafico successivo (Tab. 1) sipopone una comparazione tra percentuale 37.4-104.63della popolazione da 10-25 presente nelle 104.63-170.26diverse province siciliane e distribuzione deiprogetti dell’APQ presenti nel primo report 170.26-257.07sullo stato di attuazione dell’APQ (RegioneSiciliana, p. 18, 2005)14. In tal modopotremo ricavare un grossolano indice di In proporzione alla concentrazioneequità relativo alla distribuzione delle risorse della popolazione dai 14 e i 25 anni, che ined alla capacità delle diverse parte coincide con il target del programma,Amministrazioni di attrarre risorse grazie osserviamo una ridotta presenza di progettialle proposte progettuali. nelle province di Catania e di Enna. Si consideri tuttavia, che il dato è in minima parte viziato dal fatto che durante il monitoraggio realizzato nel 2005 i sette progetti a valenza regionale della priorità CR non sono stati attribuiti ai territori su cui andavano a impattare ma solo sui territori13 In un solo caso, il progetto della priorità A) di dell’organismo promotore.Palermo “Vivere Palermo dal Mediterraneo a BorgoNuovo”, il finanziamento richiesto è stato fortementeinferiore a questi importi e pari a € 160.100. Si veda ilprimo caso i oggetto di valutazione di questo report. 15 Fonte ISTAT 200414 http://www.regione.sicilia.it/famiglia/ http://demo.istat.it/pop2004/index2.html 12
  13. 13. 13 Un secondo indice utilizzabile per Sembra quindi esserci, se rapportiamocapire l’adeguatezza nella distribuzione delle questi dati alla tabella II relativa al totalerisorse riguarda la presenza di forme di dei delitti denunciato nella regione, indisagio minorile. proporzione alla popolazione residente una concentrazione di delitti commessi da minori I minorenni denunciati per delitti e registrati nelle province di Siracusa ecommessi nella regione sono nel 2003 pari Caltanisetta, mentre Palermo e Cataniaa n. 4817 compresi gli stranieri (di cui 4650 risultano essere le province con i datiitaliani e solo il 12% di ragazze). La assoluti più alti relativamente allaproporzione dei minorenni stranieri sul delittuosità degli adulti.totale dei minorenni denunciati èmediamente bassa, e pari al 3,5 nella Osserviamo ora i dati sulla delittuositàregione Sicilia, con l’eccezione della adulta relativi anch’essi all’annualità delprovincia di Agrigento dove raggiunge il 2004 e commentiamo più analiticamente13% del totale (Fonte: Ministero Giustizia)16. quelli relativi al 2003. Rispetto la delittuositàA Enna abbiamo un quoziente molto alto di adulta ed al dato relativo al numerodelitti per violenze sessuali, quasi il triplo complessivo di delitti denunciati (Annodella media regionale (40 contro 15), 2004) osserviamo una forte concentrazionecommessi da minori (n.b Il dato è riferito al di delitti (in proporzione alla popolazioneN° di casi su 100.000 residenti da 0 a 17 residente nel 2004) nella provincia dianni), a Caltanisetta invece per minacce e Catania.violenze personali (quoziente 171 contro Per la delittuosità adulta registriamo,media regionale 65) per produzione e come in quella dei minori, una leggeraspaccio stupefacenti (668 contro media 252) predominanza di violenze sessuali ad Ennae reati connessi ad associazione mafiosa (Quoziente ogni 100.000 residenti pari a 5(Quoziente 59), a Palermo, infine, per contro la media regionale di 4), ad Agrigentoomicidio (5.5 contro 2.6 regionale). A osserviamo, invece, la maggiorSiracusa troviamo invece alte percentuali di concentrazione di delitti di sfruttamento edelitti contro la persona e il più alto favoreggiamento della prostituzionequoziente per produzione e spaccio di (quoziente 5,5 contro media regionale delstupefacenti (971,6 contro la media di 252) 2,3). Il quoziente più alto di furti e rapine lo(Fonte: Ministero Giustizia).17 Se volessimo registra la provincia di Catania a cui seguefare una generica graduatoria avremmo ai Palermo. Messina emerge per i delittiprimi posti come quoziente complessivo di connessi a produzione e commerciodelittuosità minorile la provincia di Siracusa stupefacenti (104,6 contro media del 56),e Caltanisetta (circa 2 casi ogni 100 minori osserviamo infine una concentrazione diresidenti!), a cui seguirebbe Messina. omicidi a stampo mafioso nelle province Tab. 2 Delittuosità complessiva minorile Agrigento ed Enna. Il confronto tra i due tipiSicilia di delitti è tuttavia solo parziale perché le(quoziente pop 100.000 residenti 0-17 anni) categorie per l’elaborazione dei dati Trapani 967,8 utilizzate dal Ministero sono diverse per Palermo 908,6 adulti e minori. Messina 1555,2 Relativamente alla questione Agrigento 845,5 occupazionale in questa sede ci si limita a Caltanissetta 1838,5 segnalare un dato rilevante rispetto la Enna 1033 dimensione delle pari opportunità: la Sicilia Catania 1068,2 nel 2003 registrava in assoluto in Italia il Ragusa 721,7 divario maggiore tra tasso di occupazione Siracusa 2011,4 femminile e maschile con un tasso di Totale 1153,5 occupazione femminile pari al 29.07% contro una media del 37,93% a livello nazionale.16 http://giustiziaincifre.istat.it/Nemesis/excel/dwpl02000501943.xls17 http://giustiziaincifre.istat.it/Nemesis/excel/dwpl12000501943.xls 13
  14. 14. 14 progetti che ha interessato un campione di Metodologia adottata 89 progetti su 118 avviati nel programma.nell’analisi dei casi La seconda fase di ricerca, a cui si riferisce questo rapporto, ha rappresentato un approfondimento su un numero circoscritto Scopo generale della valutazione di ‘casi’ ed è stata condottadell’Accordo di Programma Quadro prevalentemente tramite interviste e focus‘Marginalità sociale e pari opportunità’ della group sul campo realizzate da giugno aRegione Siciliana (da ora in poi anche solo settembre 2006. La coerenza e continuitàAPQ)18 è stato quello di far emergere “quali tra i due momenti valutativi viene favoritaaspetti” del programma funzionano, tramite dal fatto che entrambi gli studi, come pure iquali meccanismi-strategie e “in quali Rapporti di valutazione, sono stati realizzaticontesti”. Il focus dell’analisi è stato posto dalla stessa figura21.sulla rispondenza tra alcune ipotesi dei L’obiettivo principale di questa seconda faseprogrammatori e strategie di intervento alla della valutazione, basata sull’analisi dibase degli interventi promossi dalle due “buoni casi” dell’Accordo di Programmalinee di intervento (A e C)19 ed effettivi Quadro Marginalità sociale e Pariprocessi di attuazione.” (Regione Siciliana, Opportunità (da ora in avanti anche APQ),2005, 39).20 In tal modo si intendevano consisteva nella individuazione, messa fuocosviluppare possibili indicazioni per la e sistematizzazione delle “teorie impliciteprogrammazione di politiche di contrasto oltre che esplicite del programma”. In altridella marginalità e della devianza minorile, termini si intendeva far emergere leper l’innovazione delle politiche di welfare e, strategie di intervento alla base di alcuniin ultimo, per l’utilizzazione dello strumento casi di successo e sviluppare unaAPQ nel prossimo periodo di comprensione dei meccanismi diprogrammazione 2007-2013. cambiamento sociale sottostanti. La valutazione intermedia è stata In particolare sono state individuate erealizzata nel corso del 2006, ad un anno analizzate:dall’avvio di tutti i progetti approvati o azioni di contrasto alla marginalitàdall’APQ, ed è stata strutturata in due sociale dei giovani basate sull’attivazionedistinte attività di ricerca. Tutti i progetti delle comunità locali;dell’APQ hanno una durata in genere o iniziative caratterizzate da un altotriennale e termineranno nel 2007. La prima livello di innovazione delle politiche difase di ricerca valutativa è stata realizzata welfare e da una forte integrazione tranel primo semestre del 2006 ed è consistita risorse territoriali e finanziarie;in una survey con interviste dirette ai o iniziative di riqualificazione di spazicoordinatori del privato sociale coinvolto nei urbani e di beni confiscati nella cui gestione venivano coinvolti attivamente gli stessi giovani; 18 Accordo di Programma Quadro Recupero o iniziative di recupero di formedella marginalità sociale e pari opportunità tra il conclamate o meno di devianza minorile (v.Dipartimento per le Pari Opportunità della Area penale minorile, percorsi di inclusionePresidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero socio lavorativo in contesti fortemente adell economia e delle finanze e la Regionesiciliana, 23/12/2003 rischio…). 19 Si veda il secondo paragrafo “Finalità generali, L’attenzione quindi, si è spostata dallepriorità programmatiche, linee d’intervento” attività realizzate e dall’analisi meticolosadell’Accordo di Programma Quadro Recupero della degli out put di tutti i progetti realizzatamarginalità sociale e pari opportunità – DocumentoProgrammatico aprile 2003 mediante il sistema di monitoraggio, alle strategie sviluppate dagli attuatori ed agli 20 Si veda l’ultimo paragrafo “Prospettive esiti di singoli casi. Poiché non sono lefuture: dal monitoraggio alla valutazione” di LilianaLeone. Regione Siciliana Dipartimento regionale della attività dei programmi di per sé a causare ifamiglia, delle politiche sociali e delle autonomie locali, cambiamenti osservati ma i meccanismi cheAccordo di Programma Quadro “Recupero dellaMarginalità Sociale e Pari Opportunità” 2004-2007Primo report sullo stato di attuazione al 30 Giugno 212005, Realizzato con il supporto di Sviluppo Italia Liliana Leone in qualità di esperta per laS.p.A. In: www.regione.sicilia.it/famiglia/ valutazione. 14
  15. 15. 15tramite di esse si innescano in dati specifici Questa seconda fase della valutazionecontesti (e non in altri), si è cercato di è consistita in un’analisi di casi inizialmentericostruire “il programma in azione” selezionati come ‘buoni progetti’ e si ècercando di far emergere le connessioni tra focalizzata sulla rispondenza tra alcuneContesto -Meccanismi- Outcome, in altri ipotesi iniziali del programmatore regionaletermini le configurazioni che spiegano il e alcuni meccanismi di implementazionesuccesso di determinati interventi del sviluppati nei progetti. Si è cercato diprogramma. Il contesto di attuazione di un individuare e delineare le strategie diprogetto è connotato anche da elementi che intervento adottate da coloro che riuscivanoattengono alla storia precedente, alle reti di ad ottenere determinati risultati e difiducia, ai successi o insuccessi di interventi confrontare i meccanismi attivati da progettiprecedenti, ai sistemi di relazione oltre che che operano in territori, contesti ed obiettivial tipo di letture dei fenomeni e dei problemi diversificati con le ipotesi e le ‘teorie’ allaoggetto di attenzione. base del programma. Nel tentativo di far emergere gli effettivi processi di attuazionePer tale ovvia ragione si è dedicato tempo di questo genere di iniziative tra il campionealla ricostruzione di tali “storie”. Ciò è più di progetti interessati alla prima indagineevidente nel caso in cui il peso della “storia” valutativa è stato selezionato, sulla base diera più forte perché forti erano gli una serie di criteri in seguito indicati, unorientamenti di tipo trasformativo e la numero ridotto di casi (n. 8) che sono statisedimentazione e sistematizzazione di oggetto di una analisi più approfondita (casemodelli teorici (teorie dell’azione) analysis). Così come previsto dal disegno didell’agenzia proponente (es: nei casi di Arci valutazione (si veda paragrafo del I reportRagazzi a Borgo Nuovo, di Terre di Frontiera di valutazione dell’APQ) la valutazionea Palermo e con Ecos Med per il progetto a intendeva “avere una triplice finalità: dilivello regionale “Alfabeti di comunità”). orientamento in fase di implementazioneTale scelta è stata inoltre compiuta alla luce dello stesso programma, di identificazionedi alcune altre considerazioni. delle strategie di intervento più efficaci a livello locale e di innovazione delle strategieI programmatori disegnano i programmi di intervento regionali nell’areapresupponendo dati meccanismi di dell’inclusione sociale. Vista la pluralità deifunzionamento e gli utilizzatori, di contro, settori di intervento, degli obiettivi delutilizzano le risorse messe a disposizione programma e dei target beneficiari si è(finanziarie, di legittimità etc.) in funzione scelto, d’accordo con il programmatoredelle proprie strategie di azione, regionale, di focalizzare l’approfondimentoriconvertendo solo parzialmente ciò che realizzato nella seconda fase di valutazioneavrebbero comunque fatto anche grazie ad (giugno-dicembre 2006) sul tema dellaaltri programmi e linee di finanziamento. prevenzione della marginalità sociale, dellaE’ quindi utile nella valutazione degli esiti devianza e della criminalità minorile. Si notispostare il focus dagli intenti dichiarati ai che questa ampia tematica tagliacomportamenti agiti, risultati di fatto trasversalmente la maggior parte deiemersi, ai cambiamenti sociali prodotti da progetti finanziati nelle priorità A), C) e C)questo mix di intenzionalità. Il paradigma regionali. In questo secondo rapporto nonutilizzato per l’analisi dei casi non è stato abbiamo quindi ulteriormente approfonditoquindi quello dell’approccio classico(v. la conoscenza dei progetti che operano aApproccio sperimentale positivista come favore di donne vittime di violenza (inidentificato da Nicoletta Stame) della genere tramite la Priorità C del programmavalutazione centrato sulla congruenza tra APQ). A tale area del programma è stato,obiettivi dichiarati e risultati (Stame tuttavia, dedicato un apposto seminario di 222001) . studio23 le cui conclusioni sono poste in un22 Stame Nicoletta, 2001, “Tre approcci principali alla 23valutazione: distinguere e combinare, in Mauro Al seminario hanno partecipato circa 40Palumbo, Il processo di valutazione. Decidere, rappresentanti degli organismi attuatori delle priorità Aprogrammare, valutare, Milano, Angeli, 2001, pp. 21- e C dell’APQ e gestori di interventi a favore di donne46. vittime di violenza e la Dott.ssa Guastella della Regione Sicilia. Palermo, sede di Sviluppo Italia Sicilia, 17 ottobre 2006. 15
  16. 16. 16paragrafo nell’Allegato del presente 1.4 Selezione dei casi di studio erapporto. tecniche di analisi dei casi I criteri adottati per la selezione dei casi1.3 Descrizione dei quesiti di sono stati i seguenti: valutazione o Presenza di strategia di recupero e Il metodo dell’analisi di caso implica riqualificazione di spazi urbani: Progetti inuna analisi in profondità dei fenomeni cui era stata prevista un’attività di recuperoconsiderati nel loro setting naturale e di spazi e in cui tale attività a distanza di 12analizzati da una pluralità di prospettive ove mesi è stata effettivamente realizzata;vi è più di un singolo focus od unità dianalisi.24 I quesiti valutativi a cui si intende o Presenza di strategia dirispondere nel rapporto cercano quindi di coinvolgimento attivo dei giovani: progettitestare alcune delle ipotesi centrali che nello svolgere attività di recupero diformulate nell’APQ e sono: spazi urbani ne realizzano una messa a disposizione ai giovani.1. Che strategie hanno adottato e che o Target prevalente giovani 14-18caratteristiche - anche di contesto- hanno anni, congruente quindi con le indicazioniquei progetti in cui si è riusciti a realizzare poste nel documento di programmazioneiniziative di riqualificazione delle aree urbane APQ.in condizioni di degrado ambientale, o Presenza di punteggio medio alto ineconomico e sociale e che adottano fase di assessment del progetto da parteadeguate strategie di attivazione dei giovani della commissione esaminatrice regionalee della comunità locale? o Strategie di intervento adottate dal2. Che ruolo hanno avuto le attività di progetto hanno ottenuto un punteggiorecupero e affido ai giovani di spazi comuni medio alto rispetto l’indicatore sintetico di(strutture, aree verdi, spazi condominiali)? “adeguatezza” dato a seguito della primaCosa ha reso possibile l’utilizzo di beni fase di valutazione intermedia.25confiscati alla mafia all’interno dei progetti o Localizzazione. Aree dove sidell’APQ e che valenza hanno avuto rispetto concentrano problemi di devianza minorilegli obiettivi dello stesso? con selezione delle tre maggiori aree urbane, di un caso della priorità a situato3. Grazie a quali meccanismi degli solo nel Comune di Gela e di un caso CRinterventi di ‘recupero degli spazi’ regionale che si realizza anche a Gela.potrebbero avere degli impatti nel ridurreprocessi di marginalità e devianza giovanile? o Priorità differenziate del programma APQ: presenza di progetti delle diverse4. Che ruolo ha avuto la polizia municipale priorità (A, C, CR), quindi promossi danegli interventi finalizzati a promuovere una attori diversi e soggetti a diversicultura della legalità? procedimenti amministrativi (es: soggetti a rendicontazione controllata direttamente5. Quali sono i fattori che possono favorire, alla Regione nel caso della priorità C e CR eo viceversa ostacolare, tali risultati sia a rendicontazione ai Comuni promotori nellivello microlocale che regionale nelle caso della priorità A).diverse fasi del ciclo del programma (v. La tecnica della case analysis in ambitoanche modalità di costruzione del bando e di valutativo può procedere ad un tipo diallocazione delle risorse dell’APQ)? selezione dei casi diversificata in funzione della tipologia di quesiti cui si intende rispondere. Nel nostro caso, riprendendo24 Yin R.K. (1994), Case Study Research - Design and 25Methods, 2nd ed. Newbury Park, Sage Publications I° Report di Valutazione dell’APQ, Leone L, SviluppoComplete guide to the case study technique Italia, Giugno 2006 16
  17. 17. 17uno schema del GAO26 proposto nella indicazioni tratte dalla letteratura di settoretabella, il valutatore ha inizialmente e, laddove presenti, in linee guida (es: nelselezionato alcuni casi ‘migliori’, quelli che caso dei servizi per donne vittime dierano riusciti ad attuare come previsto in violenza)27, sia tramite suggerimenti efase progettuale interventi di riqualificazione confronti con testimoni e professionistidegli spazi urbani e che adottavano ‘esperti’ per ciascuna area di interventoadeguate strategie di intervento. In un (area penale minorile e inclusione socio-secondo momento il valutatore ha lavorativa, interventi a favore di donneselezionato dal precedente campione dei vittime di violenza familiare, iniziative dicasi ‘particolari’ e cioè dei casi che si sviluppo di comunità e di prevenzione dellarealizzavano in alcune circostante ritenute devianza) a livello nazionale e locale.rilevanti per il programma: contesti urbani L’analisi dei casi è stata realizzatadi grandi città o contesti a forte rischio di tramite l’utilizzo di diverse tecniche didevianza e marginalità sociale. raccolta dei dati: osservazione sul campo, Tab. 3 interviste, focus group, analisi della documentazione e di dati secondari. SonoA quali quesiti di valutazione Tipo di selezione stati inoltre, utilizzati i risultati della surveyintendevamo rispondere? dei casi e i dati grezzi delle interviste realizzate con i I migliori casi coordinatori degli 8 progetti (v. riferimento Cosa spiega il successo di unprogetto? al numero di Scheda inserita del software In queste specifiche Casi particolari Datastat per l’elaborazione dei dati),circostanze cosa accade, come e realizzata nella prima fase di valutazione.perché? Nel periodo 14-30 giugno 2006 ad ogni caso si sono dedicate 1-2 giornate di lavoro in(Adattamento da GAO, 1990, p. 23) ‘loco’ e si sono realizzate delle visite con osservazioni dei diversi siti e contesti Ricordiamo che trattandosi di un territoriali in cui si realizzano gli interventi.secondo step di valutazione, di questi casi Le foto realizzate durante le diverse visiteerano state in precedenza raccolte una serie vengono integralmente riportate neldi informazioni connesse alle seguenti rapporto.dimensioni: Per ciascun caso sono state realizzate delle• Caratteristiche strutturali degli attuatori; interviste semistrutturate con le figure di• Composizione e adeguatezza dei coordinamento, con gli operatori e con i partenariati sviluppati nei progetti; referenti delle Amministrazioni locali• Ruolo dei Comuni e livello di responsabili dei progetti della priorità A). coinvolgimento nelle diverse fasi Sono stati inoltre organizzati dei focus group progettuali; per ogni caso (n. 3 per Alfabeti di Comunità• Modalità di integrazione tra diverse Priorità CR) a cui hanno partecipato tutti i risorse e fonti finanziarie; partner, istituzionali e non, e parte degli• Congruenza tra indicazioni del operatori coinvolti nella fase di programmatore regionale ed azioni implementazione del progetto (circa 10-15 attivate tramite l’APQ; persone). Tutte le interviste e i focus group• Modalità di utilizzo degli spazi pubblici sono stati integralmente registrati e previste e realizzate; parzialmente sbobinati.• Adeguatezza delle strategie di intervento adottate nelle tre diverse aree (Area Tutto il lavoro di raccolta dei dati era stato minori, penale minorile, donne vittime di predisposto in precedenza tramite una serie violenza). di contatti e scambi tra valutatrice e coordinatori dei progetti (v. griglia conIl giudizio di ‘adeguatezza’ delle strategie di obiettivi dell’intervista e del focus group,intervento era stato costruito sulla base di 27 Disegnala il manuale La violenza verso le donne e le26 United States GAO General Accounting Office, professioni di aiuto. Strumenti. Linee Guida perTransfer Paper 10.1.9 Program Evaluation and operatori/opertatrici sanitari/e, Ed Anteprima, 2004,Methodology-Division Case Study Evaluations, p.23, Palermo. Finanziato da POR Sicilia Misura 6.08November 1990 Sottomisura A Progetto n.1999/IT Altri materiali in:http://archive.gao.gov/f0202/143145.pdf “Fare Reti” www.leonde.org 17
  18. 18. 18 scambio di materiale). E’ stata inoltre valutazione; inoltre il fatto stesso che raccolta, e nei mesi successivi (luglio- obiettivo dello studio fosse l’emersione e dicembre 2006) analizzata, la valorizzazione di fattori di ‘successo’ del documentazione relativa al formulario del programma ha ridotto possibili progetto, ai dati di monitoraggio e ai report atteggiamenti difensivi degli organismi in itinere. I dati necessari all’analisi dei coinvolti. L’intento era quello di individuare i contesti territoriali spesso sono stati meccanismi sviluppati in dati contesti e fare autonomamente tratti ed elaborati a partire emergere le strategie adottate dai casi che da statistiche ufficiali (v. Cista, Osservatori ottenevano buoni risultati. I diversi attori si comunali, Ministero della Giustizia...). Prima sono raccontati in modo molto onesto della stesura definitiva del rapporto i evidenziando con chiarezza anche difficoltà e coordinatori dei progetti hanno ricevuto limiti; il lettore non troverà nel rapporto copia del documento ed hanno potuto alcuna graduatoria di ‘buoni casi’ né condividere con la valutatrice l’analisi standard, né ricette (n.b. buone pratiche) effettuata e aggiungere o precisare alcune avulse da concreti contesti attuativi. Talvolta informazioni carenti. i dialoghi degli attuatori vengono riportati in Di seguito si elencano i casi selezionati (Tab. 4). Tab. 4 Caratteristiche dei casi analizzati in relazione ai criteri a. Vivere Palermo: dal Mediterraneo a Criteri di c) Un posto al g) Percorsi di b) Alfabeti di Palermo: … integrazione d) Terre di e) Giovani Borgo Nuovo - Ass.ne di Volontariato Circolo Comunità a) Vivere Frontiera f) Radici Insieme sole Arciragazzi, Palermo IV Circoscrizione AO64-PA. Selezione b. Alfabeti di Comunità. Cercando bellezza e liberazione - Ecos-Med Piccola Società Cooperativa Sociale a r. l.. Il progetto opera a Riqualificazione Messina, Enna, nell’area Marsala-Mazara-Salemi, spazi a Gela e nel distretto territoriale Modica-Scicli 0 2 0 0 0 0 Riqualificazione del ragusano. CR05-ME Costo totale beni confiscati 0 1.100.360,00, Finanziato € 749,808,00. Integrazione tra c. Un posto al sole - Associazione Inventare risorse e Insieme Onlus Palermo, C 31PA (69 scheda) politiche d. Terre di Frontiera - Consorzio S.A.L.I.; Strategia di Molto Media Alta Alta Bass Medi Medi Palermo I Circoscrizione zona Vucciria AO55-PA coinvolgimento Alta a a a e. Giovani Insieme - II Municipalità Catania attivo dei A33CT (Scheda 4) Coop.Soc. Santa Maria degli giovani Raggiungimento Alto Medio Alto Alto Medi Medi Medi Angeli target 14-18 o o o f. Radici - Cooperativa Santa Maria della anni Strada, (Messina) A 16ME (Scheda 11) Punteggio 64,5 74,88 82,5 65,8 75,6 64,2 50,1 g. Percorsi di integrazione - Coop Millenium, medio alto 8 3 5 3 Comune di Gela A47CL. (Scheda 74) progetto Adeguatezza Media _ Alta _ _ _ _ h. Volano- Futura 89 Coop.Soc. del consorzio il strategie area Nodo, Catania C03-CT. penale minorile Legenda: Adeguatezza Alta Alta Alta Alta Alta Alta Alta = debole; = Abbastanza, = Molto; = delle strategie aMoltissimo livello di comunità Luogo PA ME PA PA CT ME Gela L’ultimo progetto, ‘Volano’, non EN compare nella tabella e nel resto del (Gela) Priorità APQ A CR C A A A A rapporto perché a studio avviato si è potuto Sigla A64 CR05 C31 A55 A33 A16 A47 verificare che i ritardi registrati nell’avvio e PA ME PA PA CT ME GL start up del progetto (n.b. avvio di un B&B in locali dati in affitto da un privato) erano modo integrale in virgolettato restituendo in troppo significativi e non avevamo sufficienti tal modo la bellezza delle esperienze, ma dati per trattare il caso. anche ‘la retorica’ e gli assunti valoriali e culturali che guidano l’azione. In tal modo il La forte collaborazione registrata in lettore potrà se incuriosito approfondire ogni fase del lavoro, e in tutti i casi autonomamente la conoscenza delle presentati, é in parte motivata dal clima di esperienze proposte o rielaborare a modo fiducia instaurato nella precedente fase di proprio gli insegnamenti che si ricavano 18
  19. 19. 19dalla ricerca prescindendo parzialmentedalle griglie interpretative del ricercatore.Nella terza sezione si indicano degli elementiricorrenti tra le strategie adottate dagliattuatori, si individuano dei meccanismi chesembrano attivare i cambiamenti auspicatinelle comunità locali e nei ragazzi e sicercano di estrarre delle lezioni perl’innovazione e il rafforzamento di politichedi contrasto della marginalità sociale.In alcune fasi del lavoro, osservando,ascoltando o descrivendo le esperienze hoprovato rispetto, stupore e gratitudine perl’impegno, la serietà e la creatività con cuimolte persone operano ed ho ripensato difrequente al concetto di ‘benedizioninascoste’ utilizzato per indicare gli esitiimprevisti positivi dei programmi. (Hirschman1991, Tendler 1992)28.Bene, in questo rapporto si cerca di darespazio anche a queste ‘benedizioninascoste’.28 Hirschman Albert (1991), Retorichedell’intransigenza. Il Mulino, Bologna. Tendler J. (1992), Progetti ed effetti. Ilmestiere di valutatore. Liguori Editore. 19
  20. 20. 20II SEZIONE: L’ANALISI DEI CASI 20

×