Apq Sicilia Analisi Casi 2007
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Apq Sicilia Analisi Casi 2007

on

  • 3,326 views

Valutazione dell\'APQ Accordo di Programma Quadro Regione Siciliana- Marginalità sociale e Pari Opportunità

Valutazione dell\'APQ Accordo di Programma Quadro Regione Siciliana- Marginalità sociale e Pari Opportunità

Statistics

Views

Total Views
3,326
Views on SlideShare
3,325
Embed Views
1

Actions

Likes
1
Downloads
5
Comments
0

1 Embed 1

http://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Apq Sicilia Analisi Casi 2007 Apq Sicilia Analisi Casi 2007 Document Transcript

  • Regione SicilianaDipartimento regionale della famiglia, delle politiche sociali e delle autonomie locali A c c or d o d i P r og r a m m a Q u a d r o “Recupero della Marginalità Sociale e Pari Opportunità”II Report di valutazione: Analisi di alcuni casi eccellenti Contrasto della marginalità sociale e riqualificazione degli spazi. Viaggio tra la Lapara della poesia, i ceci di Enna e i microcrediti Ge n n a i o 2 0 0 7Scaricabile:http://www.cevas.it/casi/index.htm 1
  • Nota introduttiva La valutazione dell’Accordo di Programma Quadro “Recupero della MarginalitàSociale e Pari opportunità è stata frutto di un lavoro condotto per oltre un anno daesperti di Sviluppo Italia S.p.A. e Sviluppo Italia Sicilia S.p.A., con il contributo didirigenti e funzionari delle strutture regionali e con il supporto di alcuni esperti disettore, nell’ambito delle attività di supporto previste dal Programma OperativoSupporto alle Regioni per il miglioramento della capacità e della qualità dellaCommittenza Pubblica, finanziato con delibera CIPE n. 62/03, gestito dal MEF-DPS. Il “II Report di valutazione: Analisi di alcuni casi eccellenti. Contrasto dellamarginalità sociale e riqualificazione degli spazi. Viaggio tra la lapara della poesia, i ceci di Enna e i microcrediti” è stato svolto grazie al lavoro della dott.ssa Liliana Leone1, autrice del rapporto e coordinatrice della ricerca valutativa.1 Consulente e valutatrice di programmi, progetti e servizi nell’ambito delle politiche sociali e sociosanitarie. 2
  • INDICE NOTA INTRODUTTIVA .................................................................................... 2 PREMESSA...................................................................................................... 5 I SEZIONE: IL PROGRAMMA E IL DISEGNO DI VALUTAZIONE.................. 7 1 LA TEORIA DEL PROGRAMMA SOTTESA ALL’APQ ............................ 8 1.1 Gli strumenti amministrativi e le risorse economiche .................................................................. 11 1.2 Equità nell’allocazione delle risorse: bisogni territoriali e distribuzione dei progetti .............. 12 1.3 Descrizione dei quesiti di valutazione........................................................................................... 16 1.4 Selezione dei casi di studio e tecniche di analisi dei casi............................................................16 II SEZIONE: L’ANALISI DEI CASI ................................................................ 20 2 CASO: VIVERE PALERMO. DAL MEDITERRANEO A BORGONUOVO 21 2.1 Descrizione del caso........................................................................................................................ 21 2.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale........................................................................... 23 2.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ....................................... 29 3 CASO: ALFABETI DI COMUNITA’. CERCANDO BELLEZZA ELIBERAZIONE ........................................................................................................ 36 3.1 Descrizione del caso........................................................................................................................ 36 3.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale........................................................................... 44 3.3 Il sotto progetto di Gela: l’adozione sociale delle famiglie .......................................................... 46 3.4 Il sottoprogetto di Enna: i ceci del terreno confiscato ................................................................. 49 3.5 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ....................................... 52 4 CASO: TERRE DI FRONTIERA .............................................................. 57 4.1 Descrizione del caso........................................................................................................................ 57 4.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale........................................................................... 60 4.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ....................................... 64 5 CASO: UN POSTO AL SOLE.................................................................. 69 5.1 Descrizione del caso........................................................................................................................ 69 5.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale........................................................................... 73 5.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ....................................... 77 6 CASO: RADICI......................................................................................... 82 6.1 1.1 Descrizione del caso.................................................................................................................. 82 6.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale........................................................................... 85 6.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ....................................... 88 7 CASO: GIOVANI INSIEME ...................................................................... 90 7.1 Descrizione del caso........................................................................................................................ 90 7.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale........................................................................... 91 7.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ....................................... 95 8 CASO: PERCORSI DI INTEGRAZIONE COMUNE DI GELA ................. 98 8.1 Descrizione del caso........................................................................................................................ 98 8.2 Il ruolo del programma APQ Marginalità sociale......................................................................... 100 8.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati ..................................... 103 III SEZIONE: CONCLUSIONI E LEZIONI .................................................... 108 9 PREMESSA ........................................................................................... 109 10 SPECIFICITÀ DELLO STRUMENTO E INNOVATIVITÀ DELL’APQ. 110 3 View slide
  • 11 L’ARCHITETTURA DELL’APQ. QUALE NESSO TRA STRATEGIE,OBIETTIVI E STRUTTURA DEL PROGRAMMA? ............................................... 111 11.1 Quali leve si garantiscono per orientare le strategie degli attuatori? ....................................... 111 11.2 Modalità di assistenza e accompagnamento a livello Regionale e locale ................................ 113 11.3 Disegno del programma e punti forti ........................................................................................... 113 11.4 Aspetti da supportare nell’impianto dell’APQ ............................................................................. 114 12 ANALISI DELLE STRATEGIE E DEI MECCANISMI ATTIVATI NEICASI DI SUCCESSO ............................................................................................ 116 12.1 Riqualificazione degli spazi e senso di appartenenza ............................................................... 117 12.2 Guadagnarsi la fiducia del territorio............................................................................................. 119 12.3 Dalla conoscenza delle proprie radici storiche all’apertura nei confronti di altre culture....... 119 12.4 Riqualificazione dei territori e forme espressive: arti visive, poesia, musica e teatro ......... 120 12.5 Coinvolgimento dei giovani e processi partecipativi: come innescare il desiderio................ 120 12.6 Lo scambio inter-generazionale: il ruolo degli adulti ‘esperti’................................................... 121 12.7 Politiche ‘soft’ per la transizione al lavoro ..................................................................................121 12.8 I progetti personalizzati per l’inserimento lavorativo: la borse lavoro come “dote” ............... 122 12.9 La contaminazione tra politiche per innovare i modelli di welfare ............................................ 124 12.10 Partenariati e ruolo dell’Ente locale ............................................................................................. 126 13 LEZIONI TRATTE DAI CASI .............................................................. 128 13.1 Fattori comuni ai casi di successo............................................................................................... 128 ALLEGATI .................................................................................................... 131 14 RACCOMANDAZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DEI PROGETTINELL’AREA PROGETTI CON DONNE VITTIME DI VIOLENZA ......................... 132 4 View slide
  • Di seguito si espone brevemente la struttura e la logica del rapporto. Premessa Nella I sezione si ricostruisce la teoria del programma e cioè si illustrano i nessi tra Il II Report di valutazione intermedia le diverse decisioni formulate daldell’Accordo di Programma Quadro programmatore regionale durante il ciclo del“Recupero della marginalità sociale e pari programma e le ipotesi di cambiamento allaopportunità” (da ora in avanti anche solo base del disegno del programma. Si illustraAPQ) è frutto dell’attività di assistenza inoltre il disegno di ricerca valutativa che èsviluppata da Sviluppo Italia, su richiesta stato adottato, la metodologia adottata nelladella Regione Siciliana, nell’ambito del case analysis e ed i quesiti valutativi a cuiProgramma Operativo “Supporto alle Regioni esso intendeva rispondere.per il miglioramento della capacità e dellaqualità della committenza pubblica” Nella II sezione del rapporto vengono(Delibera CIPE n. 62/2002), per valutare riportati sette casi di studio. Ogni caso vienel’efficacia e l’impatto delle azioni finanziate presentato tramite una struttura similare:dall’APQ. Tale approfondimento è stato presentazione del caso e del contestosvolto da Liliana Leone2 che ha curato tutte d’attuazione, ruolo dell’APQ, attività ele fasi della ricerca valutativa ed è autrice risultati intermedi, strategie d’azione edel rapporto. meccanismi di intervento ipotizzati dagli Questo lavoro rappresenta la attuatori ed in opera.prosecuzione logica e l’approfondimento diun primo rapporto di valutazione sullo Nella III e ultima sezione si sviluppastesso APQ presentato e discusso in una riflessione conclusiva relativamente aiseminari locali nel giugno 20063. Si è punti forti ed alle aree di debolezza delcercato in questo secondo report di processo programmatorio e si esaminano, inrealizzare un approfondimento consapevole modo trasversale, alcuni risultati emersidel fatto che “siamo a metà dell’opera” e dall’analisi dei diversi casi e si individuanoche trattandosi di una valutazione “in alcune ‘lezioni’ trasferibili.itinere” abbiamo potuto scorgere le strategiein azione e alcuni risultati più che gli effetti Prima di proseguire vorrei ricordarefinali dell’APQ. Di contro sapendo che alcune che il lavoro realizzato nel corso dellastrategie sono in atto da lungo tempo, e non valutazione ha beneficiato del preziosonascono tout court con un nuovo contributo di molte persone: si tratta diprogramma, nella ricostruzione dei casi testimoni chiave e stakeholder che tramitepotremo osservare alcuni meccanismi colloqui, interviste, scambi epistolari e dioperanti sui territori da periodi medio-lunghi documentazione, hanno permesso di(circa 10 anni). ricostruire le premesse, la storia e le attuazioni presenti nell’APQ e talvolta hanno collaborato anche allo sviluppo degli stessi strumenti di rilevazione utilizzati nella prima2 Esperta di valutazione nell’ambito delle politiche di fase della ricerca valutativa. Di moltiwelfare, responsabile di Studio Cevas di Roma e contributi e suggerimenti rimane solo unadocente a contratto presso la Facoltà di Sociologia traccia in questi scritti perché si sonodell’Università di Roma ‘La Sapienza’, E mailleone@cevas.it sviluppati nei diversi seminari di restituzione e discussione dei risultati dell’APQ (n. 5 da3 Leone L., Report di valutazione intermedia dellA.P.Q. dicembre 2005 a novembre 2006)"Recupero della marginalità sociale e pari opportunità", organizzati dalla Regione Siciliana e daSviluppo Italia- Regione Siciliana, Luglio 2006 (Prelevafile in Word -IT Sviluppo Italia a Palermo e Catania. Sarebbehttp://www.regione.sicilia.it/famiglia/Content/Norme/2 tuttavia miope non sottolineare l’importanza006/Report_VALUT_INTER_APQ.doc) Si tratta del di tali momenti perché è ferma convinzioneprimo report di valutazione intermedia dellaccordo di di chi scrive che l’anima di un processo diprogramma quadro (APQ) stipulato dal Ministerodell’Economia, dal Dipartimento Pari opportunità della valutazione non consiste nel supportoPresidenza Consiglio dei Ministri e dalla Regione cartaceo identificabile in un report ma neiSiciliana. processi di scambio e apprendimento che si sviluppano tra le persone e i reticoli di 5
  • organizzazioni coinvolti direttamente e 12. Angela Scibilia Dipartimento Serviziindirettamente. Sociali referente APQ, Comune di Messina Un particolare ringraziamento va a 13. Sindaco Rosario Crocetta, Comune diLicia Guastella4 del Dipartimento per la GelaFamiglia, a Licia Masi ed Emanuele Villa5 del 14. Dirigente Maria Morinello, Comune diDipartimento Programmazione della Regione GelaSiciliana: sono stati committenti lungimiranti 15. Gabriella Rinzivillo, Referente APQche auguro ad ogni valutatore. Ringrazio servizio sociale del Comune di GelaGianluca Micarelli, Viviana Melis e Paola 16. Dirigente Isabella Mastropasqua,Boffo di Sviluppo Italia (Sede di Roma) che Ministero della Giustizia –Dipartimentohanno sostenuto e accompagnato la Giustizia Minorile ROMAsperimentazione di un ‘esercizio valutativo’ 17. Rosalba Salierno Referente APQ Perabbastanza impegnativo e innovativo. Centro Giustizia Minorile 4 direttrice USM Palermo Uff serv soc minorenni Oltre a tutti i referenti dei progetti e i complesso Malaspinapartner coinvolti nei focus group, e citati in 18. Marianna Malara - Scuole formazionenota in ciascuno dei casi presentati nella II personale Dipartimento Giustizia MinorileSezione del presente report, ringrazio altre di Messinapersone che hanno rilasciato delle intervisteed hanno offerto la loro preziosacollaborazione: Gennaio 20071. Salvatore Cernigliaro, Referente Liliana Leone regionale APQ Sicurezza per lo sviluppo "Carlo Alberto Dalla Chiesa”, Dipartimento Programmazione2. Maria Rosi Lotti, Le Onde Onlus Palermo3. Luciano D’Angelo, Consorzio Ulisse, Palermo4. Gaetano Giunta, Ecosmed Messina5. Francesco Di Giovanni, Associazione Inventare Insieme Palermo6. Fabrizio Sigona, Consorzio Il Nodo Catania7. Antonello Faraci, coop. sociale Prospettiva, Catania8. Assessore Cettina Bonomolo, Comune di Palermo9. Assessore alla promozione sociale Stefania Gulino, Comune di Catania10. Claudio Saita, referente APQ al comune di Catania11. Filippo Alessi, Dipartimento Servizi Sociali-Comune di Messina – referente amministrativo APQ4 Referente APQ Marginalità sociale e PariOpportunità -Servizio IV Programmazione Socio-assistenziale e socio-sanitaria Regione Sicilia5 Capo servizio Servizio programmazione ecoordinamento dellattuazione degli interventiriguardanti risorse umane, ricerca, politichetrasversali. Dipartimento ProgrammazioneRegione Sicilia 6
  • I SEZIONE: Il programma e il disegno di valutazione 7
  • 8 - Priorità C: Sostegno a minori e giovani privi di supporto familiare, in1 La teoria del programma condizioni di disagio sociale, a rischio di devianza o già entrati nel circuito penale ai sottesa all’APQ fini del reinserimento sociale; accoglienza e supporto per minori e donne vittime di Le premesse su cui si basa il violenza e maltrattamento familiare.8programma riguardano: Tra le motivazioni e i bisogni individuati ina) la connessione tra fenomeni di fase di disegno del programma troviamo: marginalità sociale e competitività complessiva (in termini strutturali e non • La segnalazione di una preoccupante congiunturali) delle economie locali crescita del disagio e della devianza dovuta all’elevato costo di tali fenomeni minorile e giovanile; in particolari laddove si coniugano con • la constatazione che l’azione di contrasto alti tassi di disoccupazione; alla illegalità e, più in generale, alla culturab) l’inefficacia di misure a carattere mafiosa, ha maggiore respiro e può formativo e di riqualificazione delle raggiungere esiti positivi a lungo termine ‘risorse umane’ avulse da “un quadro se parte da un intervento preventivo più generale di interventi tesi ad rivolto alle fasce più giovani; affrontare le tematiche della marginalità • la convinzione che l’alto tasso di minori e e dei meccanismi di esclusione sociale, giovani devianti o a rischio imponga una considerando anche le implicazioni di strategia di recupero basata su un’azione contesto complessivo quali la crescita di ampia mobilitazione delle famiglie, degli sociale delle comunità locali”. operatori, dell’associazionismo e delle Ricordiamo succintamente che le istituzioni.priorità programmatiche indicate nel testo Sottese al ‘disegno’ dell’APQ possiamodell’Accordo di Programma Quadro chiaramente identificare alcune ipotesi che‘Marginalità sociale e pari opportunità’ dellaRegione Siciliana (anche solo APQ)6 sono: - Priorità A: Riqualificazione delle 4. miglioramento dell’interfaccia tra la polizia municipale ed i cittadini, attraverso iniziative formativearee urbane in condizioni di degrado e campagne di sensibilizzazione rivolte in particolare aiambientale ed economico con manifestazioni temi della legalità e delle pari opportunità. 8di disagio sociale, al fine di promuovere il Le azioni di riferimento della priorità C) erano:senso di appartenenza alla comunità in 1. Comunità di tipo familiare per l’accoglienzaparticolare per le fasce giovanili. 7 temporanea; 2. Progetti di inserimento socio-lavorativo rivolti a minori e giovani che a completamento del percorso educativo in comunità alloggio hanno raggiunto 6 una maturità ed un idoneo grado di autonomia, ma Accordo di Programma Quadro Recupero poiché privi di idoneo supporto familiare, necessitano didella marginalità sociale e pari opportunità tra il interventi di accoglienza residenziale (gruppi-Dipartimento per le Pari Opportunità della appartamento) a sostegno di una vita indipendente;Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero 3. Definizione di percorsi di autonomia, attraversodell economia e delle finanze e la Regione azioni di orientamento-formazione e accompagnamentosiciliana, 23/12/2003, p.22. al lavoro, concordati tra Ente locale, azienda USL, organismi rappresentativi del mondo del lavoro e7 Ricordiamo che le linee di intervento previste per la delle realtà cooperativistiche;priorità A) erano: 4. Accompagnamento educativo personalizzato di 1. animazione territoriale, anche attraverso il adolescenti e giovani entrati nel circuito penale, volto acoinvolgimento di risorse umane attive nel territorio, contrastare l’utilizzo dell’atto illecito come strumento divolto a sostenere e valorizzare le potenzialità educative identificazione nel gruppo di “pari” e nel contesto socio-presenti nelle comunità locali; familiare; 2. attivazione di centri polivalenti intesi come 5. Servizio filtro rivolto a minori e donne in difficoltà inspazi “laboratorio” con presenze istituzionali del grado di offrire una prima accoglienza telefonica eterritorio mirati a favorire la socializzazione, prese in carico integrate tra i diversi servizi e risorse,l’acquisizione e il rispetto delle regole di convivenza anche del Terzo Settore (ad es. costituzione di gruppi dicivile, la tolleranza; auto-aiuto); 3. supporto ai gruppi giovanili, espressione del 6. Creazione di “case-rifugio” ad indirizzo segreto perterritorio, volto alla promozione di un associazionismo minori e donne che hanno subito violenza.locale, anche attraverso l’affidamento di spazi comuni(strutture, aree verdi, spazi condominiali); 8
  • 9connettono determinate azioni e misure a riappropriazione degli stessi da parte deidei cambiamenti attesi9. Nel corso del primo giovani, dovrebbero promuovere il senso dianno di negoziazione del programma alcune appartenenza dei giovani alle comunità. Inpriorità emergono ed altre possibili finalità e questa ottica la prevenzione e il contrasto disinergie, viceversa, si indeboliscono o situazioni di rischio di esclusione sociale sidecadono, tuttavia permangono alcune realizza promuovendo la cultura dellascelte strategiche e le idee guida dell’APQ normalità, valorizzando il capitale umano eche possono essere così sintetizzate: mettendo in rete le risorse dei singoli e delle organizzazioni attive nelle comunità locali.1. nella fase iniziale di programmazione 4. Il privato sociale nelle sue diverseè presente una connessione tra politiche a forme associazionismo e cooperazionefavore della legalità e politiche di contrasto sociale, viene ritenuto un attore chiave ealla marginalità sociale ed alla devianza destinatario, diretto o indiretto (es. acquistominorile. È a partire, infatti, dall’APQ di servizi formativi previsti nei progetti), diSicurezza e Legalità per lo sviluppo ‘Carlo quasi la totalità delle risorse dell’APQ: inAlberto Dalla Chiesa che si inizia nel 2002 a ambo le priorità gli organismi del privatoragionare sulla opportunità di sviluppare sociale sono gli attori centrali a cui vienealcune azioni che confluiranno, in una fase affidata l’implementazione del programma.successiva, in un autonomo APQ. Tale Il volontariato è inteso come attoreconnessione iniziale, esplicitata all’articolo 2 propulsore della società civile e in fase didell’Accordo di Programma10, in fase di bando rappresenta un attore ‘vincolante’ laimplementazione viene recuperata da parte cui assenza, o la mancata iscrizione aldi alcuni attuatori locali. registro regionale, spiega la maggior parte2. Si cerca di sostenere e privilegiare dei progetti giudicati non ammissibili.esperienze in grado di produrre sinergie tra Sempre dal bando ricaviamo l’importanzadiverse progettualità presenti sul territorio, del volontariato e, nella prima fase, deglidi integrare risorse e fonti finanziarie stessi Centri servizi per il volontariato (3 indiverse ( es: si veda nel formulario il tutta la Regione) a cui viene affidata eriferimento alle L. 285/97, L. 328/00, DPR riconosciuta una funzione di assistenza309/90). tecnica.3. In particolare nella priorità A) si L’APQ ha una idea base ambiziosa: ilsostengono e promuovono azioni che si tema della prevenzione della devianzainquadrano in un approccio di sviluppo di minorile e della legalità viene connesso allacomunità come: valorizzazione del ruolo riqualificazione di spazi urbani, in particolaredegli operatori comuni con potenzialità alla riappropriazione di spazi verdi da parteeducative, supporto ai gruppi giovanili e di gruppi di giovani, ed allo sviluppo delpromozione di un associazionismo locale, tessuto connettivo delle comunità locali.affidamento di spazi comuni, Secondo il decisore regionale lesensibilizzazione della polizia municipale. Le situazioni di degrado urbano vengono inazioni di riqualificazione di spazi urbani e genere affrontate dai comuni con delle politiche abbastanza tradizionali non in9 grado di rispondere al senso di estraneità La ricostruzione della “teoria del programma” è statacondotta grazie ad una serie di interviste realizzate che vivono i minori. Si presume chedalla valutatrice Liliana Leone nel corso del 2006 con interventi di ‘riqualificazione dei contestialcuni interlocutori chiave della Regione Siciliana urbani’ e la promozione del senso diimpegnati nella fase di predisposizione dell’APQ. Si appartenenza alle comunità possano ridurreringraziano in particolare: il Dott. Emanuele Villa e laDott.ssa Licia Masi del Dipartimento programmazione, il fenomeni devianza e marginalità sociale, chedirigente Dott.ssa Licia Guastella responsabile dell’APQ strategie di coinvolgimento attivo eper l’Assessorato alla famiglia ed alla e politiche sociali. attivazione non solo delle diverse risorse10 Tratto da APQ Art.2 Finalità generali- Ad integrazione territoriali ma degli stessi giovani, possanodi quanto già definito in sede di Accordo di Programma rappresentare delle chiavi di successo. Si èQuadro Sicurezza e legalità per lo sviluppo, (…) ilpresente Accordo di Programma Quadro è finalizzato a convinti che la percezione di abbandono ocontribuire, (…), alla promozione dell’inclusione sociale estraneità degli spazi in cui si vive, di nondei minori e dei giovani attraverso azioni di prevenzione appartenenza alla comunità come lae recupero della marginalità sociale, nel rispetto del mancanza continua del rispetto delle regoleprincipio delle pari opportunità. 9
  • 10elementari di convivenza incentivino il tale azione non era prevista) hanno previstodisimpegno, l’estraneità, la rinuncia al la riqualificazione di alcuni spazi. Sappiamocambiamento, indeboliscano il confine tra inoltre, dai risultati della prima fase dilegale e illegale tra diritto/dovere e valutazione (I° Report 2006)12, che taleconcessione di favore, peggiorando la intento si è tradotto in effettive attività diqualità stessa della vita. recupero degli spazi, che parte di questi spazi sono beni confiscati alla mafia ma che Attraverso la riqualificazione, e la solo una minima parte dei progetti hagestione da parte anche dei giovani, di destinato tali spazi ai giovani. Accanto adeterminati spazi urbani si tenta di questa idea ‘forte’ il programma intende consviluppare forme di appartenenza alla la priorità C), gestita direttamente dalcomunità di tipo alternativo a quelle basate privato sociale:sui clan e sulla cultura mafiosa favorendo lapossibilità di progettarsi un futuro • rafforzare il sistema d’offerta rivolto a(personale e lavorativo) diverso al di là di target ritenuti a rischio di marginalitàconfini e regole fortemente predefinite. sociale. I target maggiormente attenzionatiPer quanto riguarda l’intervento più in questa priorità –anche se non esclusivi- sono le donne vittime di violenzapropriamente sociale volto alla prevenzionee al recupero della marginalità sociale in intrafamiliare e con esse i minori e i giovaniuna logica di pari opportunità, l’APQ si coinvolti nel circuito penale minorile o inpropone di porre al centro dell’attenzione la strutture residenziali per minori che, avendocondizione minorile e giovanile ed in raggiunto la maggiore età, devono in pocoparticolare la problematica del disagio e tempo ‘sganciarsi dal sistema dei servizi’ edella devianza minorile e giovanile. avviare percorsi di inserimento lavorativo ed autonomia abitativa. Si tratta di strategie di intervento eipotesi certamente consolidate in alcuni • Rafforzare, attraverso un disegnoambienti e settori (si pensi a iniziative di complessivo di crescita dell’associazionismo,sviluppo locale, alle sperimentazioni il sistema di welfare mix, di partenariato traeffettuate in alcuni progetti del PIC Urban o pubblico e privato sociale, ritenuto uniniziative di riqualificazione urbana promosse sistema ancora debole.da contratti di quartiere ed altri strumenti) • Supportare la rete dell’economiache tuttavia appaiono in questa sede, per sociale e la sua capacità di promuovereuna serie di ragioni, di estremo interesse e forme di inclusione sociolavorativa.particolarmente innovative. Non è cosacomune nell’ambito delle politiche sociali Queste ultime finalità si evincono(ambito a cui ricordiamo appartiene questo maggiormente dal tipo di progetti selezionatiAPQ) trovare in fase di programmazione nella valenza detta CR cioé in quelli cheesplicite connessioni con programmi a operano su diverse province.favore della legalità - l’APQ Sicurezza dellaRegione siciliana11- né tanto meno è pratica Priorità territorio Criterio Promo Rendiconcomune sostenere il coinvolgimento della allocazione risorse tore tazione epolizia municipale in iniziative di sviluppo di controllocomunità e prevedere esplicitamente azioni A Circoscrizioni o N° Progetti Comu Comunidi recupero e affido di spazi urbani. quartieri dei comuni con oltre 30.000 predefiniti + criteri selezione progetti ne ab. Si tratta di indicazioni che hannoinfluenzato in modo significativo le C Ambito locale ma preferibilmente Criteri selezione progetti Bando Privato sociale Regioneprogettualità locali, almeno sul piano degli sovra provincialeintenti dichiarati dai progettisti: sappiamo, CR territori di più Criteri selezione Privato Regioneinfatti, che ben il 54% dei progetti della Province progetti Bando socialepriorità A) e alcuni casi anche della prioritàC (n.b. si noti che nel bando della priorità C 12 Regione Siciliana, I° Report di valutazione11 “Parimenti le suddette azioni risultano sinergiche intermedia, APQ Marginalità Sociale e PPOO, giugnorispetto agli interventi previsti dall’APQ Sicurezza e 2006 Scaricabile dal sito dell’Assessorato alla famigliaLegalità per lo sviluppo ‘Carlo Alberto Dalla Chiesa’”. http://www.regione.sicilia.it/famiglia/Content/NormeTratto da testo APQ del 23/12/2003 pag.7 /2006/Report_VALUT_INTER_APQ.doc 10
  • 11Nella tabella successiva si elencano gli presidente della Regione e da esperti delelementi che caratterizzano l’approccio e che Nucleo di Valutazione.rappresentano dei punti forti del Nel maggio 2003 la Giunta Regionaleprogramma. approva il documento programmatico relativo all’APQ ed il riparto delle risorseElementi che caratterizzano l’approccio e punti finanziarie tra le priorità A e C;forti Nel giugno 2003 (GURS. N. 26Rispetto alla programmazione ordinaria si osserva per 6.06.2003) la Regione Siciliana pubblica duela prima volta in Italia una destinazione di risorse avvisi per la presentazione di proposteCIPE, risorse classicamente destinate a interventiinfrastrutturali, per misure connesse a interventi di progettuali (v. www.euroinfosicilia.it);inclusione sociale e attivazione di servizi alle persone. Nel novembre 2003 si concludono iSistema di allocazione delle risorse attento ad una equa lavori di analisi e assessment delle propostesuddivisione in funzione della numerosità degli abitanti progettuali da parte della Commissionee della concentrazione degli interventi su aree urbanemaggiormente problematiche. interdipartimentale e a fine novembre si pubblicano gli elenchi delle proposteTentativo di integrazione delle politiche con coerenza progettuali.del programmatore rispetto a strategie di interventosviluppate con altri strumenti: Piani di zona, Misure Nel dicembre (23/12/2003) vienePOR, APQ e PON stipulato l’accordo di programma quadroSi richiede ai progetti di raccordarsi con altri interventi (APQ) da parte del Ministero dell’Economia,in termini di programmazione ordinaria e straordinaria. del Dipartimento Pari opportunità dellaSi cerca di incentivare e sostenere la cooperazione, il Presidenza Consiglio dei Ministri e dellapartenariato tra pubblico e privato sociale ed il Regione Siciliana. Nell’accordo vienerafforzamento di un sistema di Welfare Mix definita la destinazione delle risorse CIPEIl principio delle PPOO è diventato un elemento di (pari a 34 milioni di euro con delibera n.valutazione. 142/’99) e la ripartizione della somma nellaViene prevista sin dall’inizio una struttura-sistema di misura di 18 milioni di euro per i progetti diruoli –incardinata in un Dipartimento della Regione e riqualificazione urbana, a caratterenon esternalizzata- che segue l’implementazione delprogramma, cura l’implementazione di un sistema di integrato, in territori particolarmentemonitoraggio e della valutazione intermedia. degradati (priorità A) e di 16 milioni di euroEmergenza di una concezione non riparatoria delle per i progetti di prevenzione e contrastomarginalità sociale (es: collegamento politiche per la della devianza minorile e giovanile e disicurezza e la legalità, riqualificazione urbana, supporto alla donna (priorità C), di cui 5inclusione lavorativa..). milioni di euro per progetti a valenzaVi sono già una serie di interventi sui minori e giovani regionale. Poiché i Comuni contribuisconoin corso di attuazione che possono essere potenziati, con un cofinanziamento aggiuntivo pari alvalorizzati e messi in rete. Tutto ciò è strettamente 20% le risorse complessive dell’APQ sonocoerente anche con gli obiettivi individuati dall’Agendasociale europea approvata a Nizza nel novembre 2000 pari a circa 40 Meuro. Le risorse dell’APQper la promozione dell’inclusione sociale nel rispetto del (coincidenti con le sole risorse CIPE) per laprincipio delle pari opportunità. priorità A) vengono dalla Regione destinate ai territori con comuni di oltre 30.000 abitanti in modo proporzionale alla popolazione residente. Si indicano quindi in1.1 Gli strumenti amministrativi e le fase di bando il numero massimo di progetti risorse economiche a cui ciascuna città ha diritto in relazione Nell’ottobre del 2002 viene costituito alla fascia a cui appartiene (Fascia A. maxun gruppo tecnico interdipartimentale per la 10 progetti. Fascia B. max 5 progetti etc.)..definizione dell’Accordo di Programma Sono stati ammessi e attivati n. 118Quadro “Recupero della marginalità sociale e progetti di cui 67 per la Priorità A) e 7 dellapari opportunità”. Il gruppo tecnico era priorità C) a valenza “regionale” (da ora incomposto da funzionari del Dipartimento poi CR) perché interessano più territoriProgrammazione, degli Assessorati Famiglia, provinciali. In genere ciascun progetto ha unPubblica Istruzione, Formazione budget compreso tra i 250 e i 300 mila EuroProfessionale, Sanità, dell’Unità Operativa a cui va ad aggiungersi, nel caso dellaPari Opportunità, dell’Ufficio di Gabinetto del priorità A), il 20% di cofinanziamento dei Comuni; i sette progetti regionali hanno 11
  • 12ottenuto un finanziamento superiore che Tab. 1 Popolazione residente nel 2004 da 10 a 25 anni e progetti dell’APQoscilla intorno a 1 milione, 1 milione emezzo di euro. Province Popolazione % Pop % Scarto 10-25 anni Progetti N°Progetti Finanziamento Fondi Cipe PA 262481 25,4 +2 27,1 TP 84265 8,2 +3A 67 da € 250.00013 a 18 Meuro 11,0 €300.000 + 20% co ME 127278 12,3 +3 finanziamento Comuni 15,3 AG 93827 9,1 -0.5 8,5C 44 circa € 250.000 11 Meuro CL 58779 5,7 -0.5 5,1CR 7 da 1 a 1 ½ Meuro 5 Meuro EN 35463 3,4 -1.5 1,7Tot 118 34 Meuro CT 228177 22,1 -4 17,8 Tra l’agosto 2004 e ottobre 2004 la RG 61052 5,9 8,5 +2.5Regione fa una serie di comunicazioni sui SR 80609 7,8 +3 5,1risultati relativi ai progetti ammessi afinanziamento e tra la fine del 2004 ed il 1031931 100primo trimestre del 2005 si avviano i Fonte: Dati Istat 2004 e dati monitoraggio APQprogetti ammessi a finanziamento. del 2005 15 Ai fini del coordinamento e della Fonte: Dati Istat 2004vigilanza sull’attuazione dell’APQ si individuaquale soggetto responsabile il Dipartimentodella Famiglia, delle Politiche sociali e delleAutonomie locali e viene investita diresponsabilità un’unità organizzativa direttada Licia Guastella, che segue il programmain modo continuativo nelle sue diverse fasi.1.2 Equità nell’allocazione delle risorse: bisogni territoriali e distribuzione dei progetti Nel grafico successivo (Tab. 1) sipopone una comparazione tra percentuale 37.4-104.63della popolazione da 10-25 presente nelle 104.63-170.26diverse province siciliane e distribuzione deiprogetti dell’APQ presenti nel primo report 170.26-257.07sullo stato di attuazione dell’APQ (RegioneSiciliana, p. 18, 2005)14. In tal modopotremo ricavare un grossolano indice di In proporzione alla concentrazioneequità relativo alla distribuzione delle risorse della popolazione dai 14 e i 25 anni, che ined alla capacità delle diverse parte coincide con il target del programma,Amministrazioni di attrarre risorse grazie osserviamo una ridotta presenza di progettialle proposte progettuali. nelle province di Catania e di Enna. Si consideri tuttavia, che il dato è in minima parte viziato dal fatto che durante il monitoraggio realizzato nel 2005 i sette progetti a valenza regionale della priorità CR non sono stati attribuiti ai territori su cui andavano a impattare ma solo sui territori13 In un solo caso, il progetto della priorità A) di dell’organismo promotore.Palermo “Vivere Palermo dal Mediterraneo a BorgoNuovo”, il finanziamento richiesto è stato fortementeinferiore a questi importi e pari a € 160.100. Si veda ilprimo caso i oggetto di valutazione di questo report. 15 Fonte ISTAT 200414 http://www.regione.sicilia.it/famiglia/ http://demo.istat.it/pop2004/index2.html 12
  • 13 Un secondo indice utilizzabile per Sembra quindi esserci, se rapportiamocapire l’adeguatezza nella distribuzione delle questi dati alla tabella II relativa al totalerisorse riguarda la presenza di forme di dei delitti denunciato nella regione, indisagio minorile. proporzione alla popolazione residente una concentrazione di delitti commessi da minori I minorenni denunciati per delitti e registrati nelle province di Siracusa ecommessi nella regione sono nel 2003 pari Caltanisetta, mentre Palermo e Cataniaa n. 4817 compresi gli stranieri (di cui 4650 risultano essere le province con i datiitaliani e solo il 12% di ragazze). La assoluti più alti relativamente allaproporzione dei minorenni stranieri sul delittuosità degli adulti.totale dei minorenni denunciati èmediamente bassa, e pari al 3,5 nella Osserviamo ora i dati sulla delittuositàregione Sicilia, con l’eccezione della adulta relativi anch’essi all’annualità delprovincia di Agrigento dove raggiunge il 2004 e commentiamo più analiticamente13% del totale (Fonte: Ministero Giustizia)16. quelli relativi al 2003. Rispetto la delittuositàA Enna abbiamo un quoziente molto alto di adulta ed al dato relativo al numerodelitti per violenze sessuali, quasi il triplo complessivo di delitti denunciati (Annodella media regionale (40 contro 15), 2004) osserviamo una forte concentrazionecommessi da minori (n.b Il dato è riferito al di delitti (in proporzione alla popolazioneN° di casi su 100.000 residenti da 0 a 17 residente nel 2004) nella provincia dianni), a Caltanisetta invece per minacce e Catania.violenze personali (quoziente 171 contro Per la delittuosità adulta registriamo,media regionale 65) per produzione e come in quella dei minori, una leggeraspaccio stupefacenti (668 contro media 252) predominanza di violenze sessuali ad Ennae reati connessi ad associazione mafiosa (Quoziente ogni 100.000 residenti pari a 5(Quoziente 59), a Palermo, infine, per contro la media regionale di 4), ad Agrigentoomicidio (5.5 contro 2.6 regionale). A osserviamo, invece, la maggiorSiracusa troviamo invece alte percentuali di concentrazione di delitti di sfruttamento edelitti contro la persona e il più alto favoreggiamento della prostituzionequoziente per produzione e spaccio di (quoziente 5,5 contro media regionale delstupefacenti (971,6 contro la media di 252) 2,3). Il quoziente più alto di furti e rapine lo(Fonte: Ministero Giustizia).17 Se volessimo registra la provincia di Catania a cui seguefare una generica graduatoria avremmo ai Palermo. Messina emerge per i delittiprimi posti come quoziente complessivo di connessi a produzione e commerciodelittuosità minorile la provincia di Siracusa stupefacenti (104,6 contro media del 56),e Caltanisetta (circa 2 casi ogni 100 minori osserviamo infine una concentrazione diresidenti!), a cui seguirebbe Messina. omicidi a stampo mafioso nelle province Tab. 2 Delittuosità complessiva minorile Agrigento ed Enna. Il confronto tra i due tipiSicilia di delitti è tuttavia solo parziale perché le(quoziente pop 100.000 residenti 0-17 anni) categorie per l’elaborazione dei dati Trapani 967,8 utilizzate dal Ministero sono diverse per Palermo 908,6 adulti e minori. Messina 1555,2 Relativamente alla questione Agrigento 845,5 occupazionale in questa sede ci si limita a Caltanissetta 1838,5 segnalare un dato rilevante rispetto la Enna 1033 dimensione delle pari opportunità: la Sicilia Catania 1068,2 nel 2003 registrava in assoluto in Italia il Ragusa 721,7 divario maggiore tra tasso di occupazione Siracusa 2011,4 femminile e maschile con un tasso di Totale 1153,5 occupazione femminile pari al 29.07% contro una media del 37,93% a livello nazionale.16 http://giustiziaincifre.istat.it/Nemesis/excel/dwpl02000501943.xls17 http://giustiziaincifre.istat.it/Nemesis/excel/dwpl12000501943.xls 13
  • 14 progetti che ha interessato un campione di Metodologia adottata 89 progetti su 118 avviati nel programma.nell’analisi dei casi La seconda fase di ricerca, a cui si riferisce questo rapporto, ha rappresentato un approfondimento su un numero circoscritto Scopo generale della valutazione di ‘casi’ ed è stata condottadell’Accordo di Programma Quadro prevalentemente tramite interviste e focus‘Marginalità sociale e pari opportunità’ della group sul campo realizzate da giugno aRegione Siciliana (da ora in poi anche solo settembre 2006. La coerenza e continuitàAPQ)18 è stato quello di far emergere “quali tra i due momenti valutativi viene favoritaaspetti” del programma funzionano, tramite dal fatto che entrambi gli studi, come pure iquali meccanismi-strategie e “in quali Rapporti di valutazione, sono stati realizzaticontesti”. Il focus dell’analisi è stato posto dalla stessa figura21.sulla rispondenza tra alcune ipotesi dei L’obiettivo principale di questa seconda faseprogrammatori e strategie di intervento alla della valutazione, basata sull’analisi dibase degli interventi promossi dalle due “buoni casi” dell’Accordo di Programmalinee di intervento (A e C)19 ed effettivi Quadro Marginalità sociale e Pariprocessi di attuazione.” (Regione Siciliana, Opportunità (da ora in avanti anche APQ),2005, 39).20 In tal modo si intendevano consisteva nella individuazione, messa fuocosviluppare possibili indicazioni per la e sistematizzazione delle “teorie impliciteprogrammazione di politiche di contrasto oltre che esplicite del programma”. In altridella marginalità e della devianza minorile, termini si intendeva far emergere leper l’innovazione delle politiche di welfare e, strategie di intervento alla base di alcuniin ultimo, per l’utilizzazione dello strumento casi di successo e sviluppare unaAPQ nel prossimo periodo di comprensione dei meccanismi diprogrammazione 2007-2013. cambiamento sociale sottostanti. La valutazione intermedia è stata In particolare sono state individuate erealizzata nel corso del 2006, ad un anno analizzate:dall’avvio di tutti i progetti approvati o azioni di contrasto alla marginalitàdall’APQ, ed è stata strutturata in due sociale dei giovani basate sull’attivazionedistinte attività di ricerca. Tutti i progetti delle comunità locali;dell’APQ hanno una durata in genere o iniziative caratterizzate da un altotriennale e termineranno nel 2007. La prima livello di innovazione delle politiche difase di ricerca valutativa è stata realizzata welfare e da una forte integrazione tranel primo semestre del 2006 ed è consistita risorse territoriali e finanziarie;in una survey con interviste dirette ai o iniziative di riqualificazione di spazicoordinatori del privato sociale coinvolto nei urbani e di beni confiscati nella cui gestione venivano coinvolti attivamente gli stessi giovani; 18 Accordo di Programma Quadro Recupero o iniziative di recupero di formedella marginalità sociale e pari opportunità tra il conclamate o meno di devianza minorile (v.Dipartimento per le Pari Opportunità della Area penale minorile, percorsi di inclusionePresidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero socio lavorativo in contesti fortemente adell economia e delle finanze e la Regionesiciliana, 23/12/2003 rischio…). 19 Si veda il secondo paragrafo “Finalità generali, L’attenzione quindi, si è spostata dallepriorità programmatiche, linee d’intervento” attività realizzate e dall’analisi meticolosadell’Accordo di Programma Quadro Recupero della degli out put di tutti i progetti realizzatamarginalità sociale e pari opportunità – DocumentoProgrammatico aprile 2003 mediante il sistema di monitoraggio, alle strategie sviluppate dagli attuatori ed agli 20 Si veda l’ultimo paragrafo “Prospettive esiti di singoli casi. Poiché non sono lefuture: dal monitoraggio alla valutazione” di LilianaLeone. Regione Siciliana Dipartimento regionale della attività dei programmi di per sé a causare ifamiglia, delle politiche sociali e delle autonomie locali, cambiamenti osservati ma i meccanismi cheAccordo di Programma Quadro “Recupero dellaMarginalità Sociale e Pari Opportunità” 2004-2007Primo report sullo stato di attuazione al 30 Giugno 212005, Realizzato con il supporto di Sviluppo Italia Liliana Leone in qualità di esperta per laS.p.A. In: www.regione.sicilia.it/famiglia/ valutazione. 14
  • 15tramite di esse si innescano in dati specifici Questa seconda fase della valutazionecontesti (e non in altri), si è cercato di è consistita in un’analisi di casi inizialmentericostruire “il programma in azione” selezionati come ‘buoni progetti’ e si ècercando di far emergere le connessioni tra focalizzata sulla rispondenza tra alcuneContesto -Meccanismi- Outcome, in altri ipotesi iniziali del programmatore regionaletermini le configurazioni che spiegano il e alcuni meccanismi di implementazionesuccesso di determinati interventi del sviluppati nei progetti. Si è cercato diprogramma. Il contesto di attuazione di un individuare e delineare le strategie diprogetto è connotato anche da elementi che intervento adottate da coloro che riuscivanoattengono alla storia precedente, alle reti di ad ottenere determinati risultati e difiducia, ai successi o insuccessi di interventi confrontare i meccanismi attivati da progettiprecedenti, ai sistemi di relazione oltre che che operano in territori, contesti ed obiettivial tipo di letture dei fenomeni e dei problemi diversificati con le ipotesi e le ‘teorie’ allaoggetto di attenzione. base del programma. Nel tentativo di far emergere gli effettivi processi di attuazionePer tale ovvia ragione si è dedicato tempo di questo genere di iniziative tra il campionealla ricostruzione di tali “storie”. Ciò è più di progetti interessati alla prima indagineevidente nel caso in cui il peso della “storia” valutativa è stato selezionato, sulla base diera più forte perché forti erano gli una serie di criteri in seguito indicati, unorientamenti di tipo trasformativo e la numero ridotto di casi (n. 8) che sono statisedimentazione e sistematizzazione di oggetto di una analisi più approfondita (casemodelli teorici (teorie dell’azione) analysis). Così come previsto dal disegno didell’agenzia proponente (es: nei casi di Arci valutazione (si veda paragrafo del I reportRagazzi a Borgo Nuovo, di Terre di Frontiera di valutazione dell’APQ) la valutazionea Palermo e con Ecos Med per il progetto a intendeva “avere una triplice finalità: dilivello regionale “Alfabeti di comunità”). orientamento in fase di implementazioneTale scelta è stata inoltre compiuta alla luce dello stesso programma, di identificazionedi alcune altre considerazioni. delle strategie di intervento più efficaci a livello locale e di innovazione delle strategieI programmatori disegnano i programmi di intervento regionali nell’areapresupponendo dati meccanismi di dell’inclusione sociale. Vista la pluralità deifunzionamento e gli utilizzatori, di contro, settori di intervento, degli obiettivi delutilizzano le risorse messe a disposizione programma e dei target beneficiari si è(finanziarie, di legittimità etc.) in funzione scelto, d’accordo con il programmatoredelle proprie strategie di azione, regionale, di focalizzare l’approfondimentoriconvertendo solo parzialmente ciò che realizzato nella seconda fase di valutazioneavrebbero comunque fatto anche grazie ad (giugno-dicembre 2006) sul tema dellaaltri programmi e linee di finanziamento. prevenzione della marginalità sociale, dellaE’ quindi utile nella valutazione degli esiti devianza e della criminalità minorile. Si notispostare il focus dagli intenti dichiarati ai che questa ampia tematica tagliacomportamenti agiti, risultati di fatto trasversalmente la maggior parte deiemersi, ai cambiamenti sociali prodotti da progetti finanziati nelle priorità A), C) e C)questo mix di intenzionalità. Il paradigma regionali. In questo secondo rapporto nonutilizzato per l’analisi dei casi non è stato abbiamo quindi ulteriormente approfonditoquindi quello dell’approccio classico(v. la conoscenza dei progetti che operano aApproccio sperimentale positivista come favore di donne vittime di violenza (inidentificato da Nicoletta Stame) della genere tramite la Priorità C del programmavalutazione centrato sulla congruenza tra APQ). A tale area del programma è stato,obiettivi dichiarati e risultati (Stame tuttavia, dedicato un apposto seminario di 222001) . studio23 le cui conclusioni sono poste in un22 Stame Nicoletta, 2001, “Tre approcci principali alla 23valutazione: distinguere e combinare, in Mauro Al seminario hanno partecipato circa 40Palumbo, Il processo di valutazione. Decidere, rappresentanti degli organismi attuatori delle priorità Aprogrammare, valutare, Milano, Angeli, 2001, pp. 21- e C dell’APQ e gestori di interventi a favore di donne46. vittime di violenza e la Dott.ssa Guastella della Regione Sicilia. Palermo, sede di Sviluppo Italia Sicilia, 17 ottobre 2006. 15
  • 16paragrafo nell’Allegato del presente 1.4 Selezione dei casi di studio erapporto. tecniche di analisi dei casi I criteri adottati per la selezione dei casi1.3 Descrizione dei quesiti di sono stati i seguenti: valutazione o Presenza di strategia di recupero e Il metodo dell’analisi di caso implica riqualificazione di spazi urbani: Progetti inuna analisi in profondità dei fenomeni cui era stata prevista un’attività di recuperoconsiderati nel loro setting naturale e di spazi e in cui tale attività a distanza di 12analizzati da una pluralità di prospettive ove mesi è stata effettivamente realizzata;vi è più di un singolo focus od unità dianalisi.24 I quesiti valutativi a cui si intende o Presenza di strategia dirispondere nel rapporto cercano quindi di coinvolgimento attivo dei giovani: progettitestare alcune delle ipotesi centrali che nello svolgere attività di recupero diformulate nell’APQ e sono: spazi urbani ne realizzano una messa a disposizione ai giovani.1. Che strategie hanno adottato e che o Target prevalente giovani 14-18caratteristiche - anche di contesto- hanno anni, congruente quindi con le indicazioniquei progetti in cui si è riusciti a realizzare poste nel documento di programmazioneiniziative di riqualificazione delle aree urbane APQ.in condizioni di degrado ambientale, o Presenza di punteggio medio alto ineconomico e sociale e che adottano fase di assessment del progetto da parteadeguate strategie di attivazione dei giovani della commissione esaminatrice regionalee della comunità locale? o Strategie di intervento adottate dal2. Che ruolo hanno avuto le attività di progetto hanno ottenuto un punteggiorecupero e affido ai giovani di spazi comuni medio alto rispetto l’indicatore sintetico di(strutture, aree verdi, spazi condominiali)? “adeguatezza” dato a seguito della primaCosa ha reso possibile l’utilizzo di beni fase di valutazione intermedia.25confiscati alla mafia all’interno dei progetti o Localizzazione. Aree dove sidell’APQ e che valenza hanno avuto rispetto concentrano problemi di devianza minorilegli obiettivi dello stesso? con selezione delle tre maggiori aree urbane, di un caso della priorità a situato3. Grazie a quali meccanismi degli solo nel Comune di Gela e di un caso CRinterventi di ‘recupero degli spazi’ regionale che si realizza anche a Gela.potrebbero avere degli impatti nel ridurreprocessi di marginalità e devianza giovanile? o Priorità differenziate del programma APQ: presenza di progetti delle diverse4. Che ruolo ha avuto la polizia municipale priorità (A, C, CR), quindi promossi danegli interventi finalizzati a promuovere una attori diversi e soggetti a diversicultura della legalità? procedimenti amministrativi (es: soggetti a rendicontazione controllata direttamente5. Quali sono i fattori che possono favorire, alla Regione nel caso della priorità C e CR eo viceversa ostacolare, tali risultati sia a rendicontazione ai Comuni promotori nellivello microlocale che regionale nelle caso della priorità A).diverse fasi del ciclo del programma (v. La tecnica della case analysis in ambitoanche modalità di costruzione del bando e di valutativo può procedere ad un tipo diallocazione delle risorse dell’APQ)? selezione dei casi diversificata in funzione della tipologia di quesiti cui si intende rispondere. Nel nostro caso, riprendendo24 Yin R.K. (1994), Case Study Research - Design and 25Methods, 2nd ed. Newbury Park, Sage Publications I° Report di Valutazione dell’APQ, Leone L, SviluppoComplete guide to the case study technique Italia, Giugno 2006 16
  • 17uno schema del GAO26 proposto nella indicazioni tratte dalla letteratura di settoretabella, il valutatore ha inizialmente e, laddove presenti, in linee guida (es: nelselezionato alcuni casi ‘migliori’, quelli che caso dei servizi per donne vittime dierano riusciti ad attuare come previsto in violenza)27, sia tramite suggerimenti efase progettuale interventi di riqualificazione confronti con testimoni e professionistidegli spazi urbani e che adottavano ‘esperti’ per ciascuna area di interventoadeguate strategie di intervento. In un (area penale minorile e inclusione socio-secondo momento il valutatore ha lavorativa, interventi a favore di donneselezionato dal precedente campione dei vittime di violenza familiare, iniziative dicasi ‘particolari’ e cioè dei casi che si sviluppo di comunità e di prevenzione dellarealizzavano in alcune circostante ritenute devianza) a livello nazionale e locale.rilevanti per il programma: contesti urbani L’analisi dei casi è stata realizzatadi grandi città o contesti a forte rischio di tramite l’utilizzo di diverse tecniche didevianza e marginalità sociale. raccolta dei dati: osservazione sul campo, Tab. 3 interviste, focus group, analisi della documentazione e di dati secondari. SonoA quali quesiti di valutazione Tipo di selezione stati inoltre, utilizzati i risultati della surveyintendevamo rispondere? dei casi e i dati grezzi delle interviste realizzate con i I migliori casi coordinatori degli 8 progetti (v. riferimento Cosa spiega il successo di unprogetto? al numero di Scheda inserita del software In queste specifiche Casi particolari Datastat per l’elaborazione dei dati),circostanze cosa accade, come e realizzata nella prima fase di valutazione.perché? Nel periodo 14-30 giugno 2006 ad ogni caso si sono dedicate 1-2 giornate di lavoro in(Adattamento da GAO, 1990, p. 23) ‘loco’ e si sono realizzate delle visite con osservazioni dei diversi siti e contesti Ricordiamo che trattandosi di un territoriali in cui si realizzano gli interventi.secondo step di valutazione, di questi casi Le foto realizzate durante le diverse visiteerano state in precedenza raccolte una serie vengono integralmente riportate neldi informazioni connesse alle seguenti rapporto.dimensioni: Per ciascun caso sono state realizzate delle• Caratteristiche strutturali degli attuatori; interviste semistrutturate con le figure di• Composizione e adeguatezza dei coordinamento, con gli operatori e con i partenariati sviluppati nei progetti; referenti delle Amministrazioni locali• Ruolo dei Comuni e livello di responsabili dei progetti della priorità A). coinvolgimento nelle diverse fasi Sono stati inoltre organizzati dei focus group progettuali; per ogni caso (n. 3 per Alfabeti di Comunità• Modalità di integrazione tra diverse Priorità CR) a cui hanno partecipato tutti i risorse e fonti finanziarie; partner, istituzionali e non, e parte degli• Congruenza tra indicazioni del operatori coinvolti nella fase di programmatore regionale ed azioni implementazione del progetto (circa 10-15 attivate tramite l’APQ; persone). Tutte le interviste e i focus group• Modalità di utilizzo degli spazi pubblici sono stati integralmente registrati e previste e realizzate; parzialmente sbobinati.• Adeguatezza delle strategie di intervento adottate nelle tre diverse aree (Area Tutto il lavoro di raccolta dei dati era stato minori, penale minorile, donne vittime di predisposto in precedenza tramite una serie violenza). di contatti e scambi tra valutatrice e coordinatori dei progetti (v. griglia conIl giudizio di ‘adeguatezza’ delle strategie di obiettivi dell’intervista e del focus group,intervento era stato costruito sulla base di 27 Disegnala il manuale La violenza verso le donne e le26 United States GAO General Accounting Office, professioni di aiuto. Strumenti. Linee Guida perTransfer Paper 10.1.9 Program Evaluation and operatori/opertatrici sanitari/e, Ed Anteprima, 2004,Methodology-Division Case Study Evaluations, p.23, Palermo. Finanziato da POR Sicilia Misura 6.08November 1990 Sottomisura A Progetto n.1999/IT Altri materiali in:http://archive.gao.gov/f0202/143145.pdf “Fare Reti” www.leonde.org 17
  • 18 scambio di materiale). E’ stata inoltre valutazione; inoltre il fatto stesso che raccolta, e nei mesi successivi (luglio- obiettivo dello studio fosse l’emersione e dicembre 2006) analizzata, la valorizzazione di fattori di ‘successo’ del documentazione relativa al formulario del programma ha ridotto possibili progetto, ai dati di monitoraggio e ai report atteggiamenti difensivi degli organismi in itinere. I dati necessari all’analisi dei coinvolti. L’intento era quello di individuare i contesti territoriali spesso sono stati meccanismi sviluppati in dati contesti e fare autonomamente tratti ed elaborati a partire emergere le strategie adottate dai casi che da statistiche ufficiali (v. Cista, Osservatori ottenevano buoni risultati. I diversi attori si comunali, Ministero della Giustizia...). Prima sono raccontati in modo molto onesto della stesura definitiva del rapporto i evidenziando con chiarezza anche difficoltà e coordinatori dei progetti hanno ricevuto limiti; il lettore non troverà nel rapporto copia del documento ed hanno potuto alcuna graduatoria di ‘buoni casi’ né condividere con la valutatrice l’analisi standard, né ricette (n.b. buone pratiche) effettuata e aggiungere o precisare alcune avulse da concreti contesti attuativi. Talvolta informazioni carenti. i dialoghi degli attuatori vengono riportati in Di seguito si elencano i casi selezionati (Tab. 4). Tab. 4 Caratteristiche dei casi analizzati in relazione ai criteri a. Vivere Palermo: dal Mediterraneo a Criteri di c) Un posto al g) Percorsi di b) Alfabeti di Palermo: … integrazione d) Terre di e) Giovani Borgo Nuovo - Ass.ne di Volontariato Circolo Comunità a) Vivere Frontiera f) Radici Insieme sole Arciragazzi, Palermo IV Circoscrizione AO64-PA. Selezione b. Alfabeti di Comunità. Cercando bellezza e liberazione - Ecos-Med Piccola Società Cooperativa Sociale a r. l.. Il progetto opera a Riqualificazione Messina, Enna, nell’area Marsala-Mazara-Salemi, spazi a Gela e nel distretto territoriale Modica-Scicli 0 2 0 0 0 0 Riqualificazione del ragusano. CR05-ME Costo totale beni confiscati 0 1.100.360,00, Finanziato € 749,808,00. Integrazione tra c. Un posto al sole - Associazione Inventare risorse e Insieme Onlus Palermo, C 31PA (69 scheda) politiche d. Terre di Frontiera - Consorzio S.A.L.I.; Strategia di Molto Media Alta Alta Bass Medi Medi Palermo I Circoscrizione zona Vucciria AO55-PA coinvolgimento Alta a a a e. Giovani Insieme - II Municipalità Catania attivo dei A33CT (Scheda 4) Coop.Soc. Santa Maria degli giovani Raggiungimento Alto Medio Alto Alto Medi Medi Medi Angeli target 14-18 o o o f. Radici - Cooperativa Santa Maria della anni Strada, (Messina) A 16ME (Scheda 11) Punteggio 64,5 74,88 82,5 65,8 75,6 64,2 50,1 g. Percorsi di integrazione - Coop Millenium, medio alto 8 3 5 3 Comune di Gela A47CL. (Scheda 74) progetto Adeguatezza Media _ Alta _ _ _ _ h. Volano- Futura 89 Coop.Soc. del consorzio il strategie area Nodo, Catania C03-CT. penale minorile Legenda: Adeguatezza Alta Alta Alta Alta Alta Alta Alta = debole; = Abbastanza, = Molto; = delle strategie aMoltissimo livello di comunità Luogo PA ME PA PA CT ME Gela L’ultimo progetto, ‘Volano’, non EN compare nella tabella e nel resto del (Gela) Priorità APQ A CR C A A A A rapporto perché a studio avviato si è potuto Sigla A64 CR05 C31 A55 A33 A16 A47 verificare che i ritardi registrati nell’avvio e PA ME PA PA CT ME GL start up del progetto (n.b. avvio di un B&B in locali dati in affitto da un privato) erano modo integrale in virgolettato restituendo in troppo significativi e non avevamo sufficienti tal modo la bellezza delle esperienze, ma dati per trattare il caso. anche ‘la retorica’ e gli assunti valoriali e culturali che guidano l’azione. In tal modo il La forte collaborazione registrata in lettore potrà se incuriosito approfondire ogni fase del lavoro, e in tutti i casi autonomamente la conoscenza delle presentati, é in parte motivata dal clima di esperienze proposte o rielaborare a modo fiducia instaurato nella precedente fase di proprio gli insegnamenti che si ricavano 18
  • 19dalla ricerca prescindendo parzialmentedalle griglie interpretative del ricercatore.Nella terza sezione si indicano degli elementiricorrenti tra le strategie adottate dagliattuatori, si individuano dei meccanismi chesembrano attivare i cambiamenti auspicatinelle comunità locali e nei ragazzi e sicercano di estrarre delle lezioni perl’innovazione e il rafforzamento di politichedi contrasto della marginalità sociale.In alcune fasi del lavoro, osservando,ascoltando o descrivendo le esperienze hoprovato rispetto, stupore e gratitudine perl’impegno, la serietà e la creatività con cuimolte persone operano ed ho ripensato difrequente al concetto di ‘benedizioninascoste’ utilizzato per indicare gli esitiimprevisti positivi dei programmi. (Hirschman1991, Tendler 1992)28.Bene, in questo rapporto si cerca di darespazio anche a queste ‘benedizioninascoste’.28 Hirschman Albert (1991), Retorichedell’intransigenza. Il Mulino, Bologna. Tendler J. (1992), Progetti ed effetti. Ilmestiere di valutatore. Liguori Editore. 19
  • 20II SEZIONE: L’ANALISI DEI CASI 20
  • 212 CASO: VIVERE PALERMO. giovani, il target come fascia d’età congruente con quello indicato DAL MEDITERRANEO A prioritariamente dall’APQ (14-18 anni), BORGONUOVO collaborazione con altri progetti nell’area della promozione della legalità, collaborazione con la polizia municipale, presenza di un valore “alto” dell’indice di2.1 Descrizione del caso sintesi relativo all’adeguatezza delle strategie di intervento. In questo progetto Motivazione della scelta del caso emerge in modo rilevante il tema delIl progetto29 “Vivere Palermo: dal recupero degli spazi urbani e, in particolare,Mediterraneo a Borgo Nuovo” è uno dei dieci quello dell’affido di suddetti spazi a gruppiprogetti dell’APQ priorità A) che si realizza giovanili attraverso l’utilizzo di approccinel territorio della Città di Palermo ed è fortemente partecipativi e di metodologie digestito da un partenariato in cui educazione informale.l’associazione Arciragazzi ha il ruolo di Il progetto, infine, viene segnalato da alcunecapofila. referenti dell’amministrazione comunaleI seguenti elementi raccolti nella precedente come “caso” di particolare interesse perfase di valutazione (v. I° Report di quanto attiene la capacità di promozione diValutazione dell’APQ, Leone L, Sviluppo processi partecipativi tramite anche l’utilizzoItalia, Giugno 2006) hanno concorso alla di metodologie di peer education.scelta di questo caso: l’avvenutarealizzazione di attività previste di recuperodi spazi e la loro messa a disposizione dei Breve storia e contesto Il Circolo Arciragazzi Palermo, facente parte 29 Caso AO64-PA (scheda n.7) Vivere Palermo: dell’associazione Arciragazzi a carattere dal Mediterraneo a Borgo Nuovo Ass.ne di nazionale, è da anni impegnato nella Volontariato Circolo Arciragazzi Sito: promozione dei diritti dei minori e della www.arciragazzipa.191.it/ arciragazzipal@tin.it partecipazione dei giovani in attività E mail coordinamento.apq@arciragazzipa.191.it Viale Michelangelo, 2200 Palermo culturali. L’attività a Palermo inizia formalmente nel 1991 con un gruppo di Soggetti intervistati (Interviste 30/06/06) 1. Marcella Silvestre – Coordinatrice di persone che decidono di promuovere cultura progetto Arciragazzi nelle piazze e in tutti i posti dove sia 2. Lino D’Andrea – Presidente Arciragazzi possibile farlo, in seguito alla decisione di Palermo Responsabile di progetto lavorare con ragazzi del carcere minorile del 3. Giovanna Gaballo - Psicologa referente per monitoraggio e valutazione del progetto, Malaspina si costituisce l’Associazione Arciragazzi Arciragazzi. Il primo intervento fu realizzato 4. Patrizia Opipari – contabile, Socia tramite i finanziamenti della Legge Arciragazzi e responsabile B&B 216/1991 che tramite il ministero degli 5. Pippo Lo Cascio, Ass.Mirto Verde 6. Franca Fortezza- Ass Sociale Comune di Interni finanziava “Misure in favore dei Palermo minori a rischio di coinvolgimento in attività 7. Vincenzo D’Amico ( Giovane volontario di 20 criminose”. anni -Arci ragazzi) Coordinatore comitato di gestione Nel 1993 Arciragazzi riesce ad ottenere dal 8. Alberto Castiglione – Regista Asssoc Stone Comune l’utilizzo dei locali nel quartiere di theatre Borgo Nuovo (Uno dei 4 quartieri della V° 9. Alessandra (Giovane 19enne volontaria Responsabile Ludoteca) Circoscrizione). Successivamente tali locali 10. Gabriella Vigevano – Daymon Kebernetes furono dati in gestione al Centro anziani e 11. Michela Urso- Facilitatrice- Giovane solo dopo continui sforzi, e un opera di “fuoriuscita” dal primo livello di target mediazione con gli stessi anziani del ragazzi 12. Francesca Di Maria Centro Giustizia Minorile quartiere, sono risusciti a ottenere 13. Rosa Lazzara CSA Centro servizio sociale nuovamente lo spazio della ludoteca. Adulti 14. Nicola Pecoraro- Partner Coop 25 aprile Tra i momenti salienti dello sviluppo culturale di questo gruppo si ricordano negli anni ’90: 21
  • 221. l’organizzazione con Carlo Paglierini di un della città e di sviluppare “una coscienza Seminario Internazionale al quale lavorativa nuova che partisse dal proprio parteciparono l’Egitto, la Tunisia, il desiderio di autodeterminazione per Marocco, l’Algeria, la Francia, la realizzarsi nel proprio contesto di vita”. Palestina, Israele, la Spagna. Il progetto, viene in seguito studiato come2. L’incontro con Roger Hart, esperto in caso di eccellenza nell’ambito di un progetto Partecipazione e Cesare La Rocca, triennale di ricerca transnazionale, responsabile del progetto AXE in Brasile denominato YOYO,30 dal Dipartimento di che praticava la Pedagogia del Desiderio. Scienze della Formazione dell’Università di Dal confronto con questo approccio Bologna. pedagogico si sviluppa il modello di Quest’ultimo progetto sviluppa un approccio intervento in seguito descritto. estremamente articolato ed interessante che3. la realizzazione nel periodo 1995 del ritroviamo anche nel progetto dell’APQ e che progetto “ Contro la mafia io penso a si snoda attraverso tre percorsi che colori”. interessano: i diritti, il territorio e l’imprenditorialità. Nel rapporto di ricerca del 2004 del Dipartimento dell’università di Bisogna si afferma: “The project (…) focuses on the enhancement of entrepreneurship. The goal is to facilitate the fulfilment of entrepreneurial trajectories based on youth’s skills and wishes experimented and ‘reinforced’ through play. Experiences of self-entrepreneurship have led to the creation of ‘animation and training factories’ (…)” (Lenzi et Al. 2004)31. Si sviluppa quindi in quegli anni la rete di associazioni e imprese sociali che successivamente rappresenterà un ulteriore punto di forza per sostenere percorsi di educazione al lavoro e sperimentazione di inserimenti lavorativi dei giovani. La cooperativa ‘I Sicaliani’, ad esempio, che opera nel settore dell’animazione teatrale, nasce da tali spinte, collabora ancora con l’Arciragazzi e consorziandosi con altre associazioni gestisce ora a Palermo un altro APQ A) (n.b. Terre di frontiera nel mandamento della “Vucciria” in I° Foto 1 Poster di Arciragazzi PalermoLa stessa Arciragazzi indica nel 1999 l’annoin cui si realizza una parziale modificazionedelle strategie di intervento. L’associazione, 30 Il titolo complete del progetto finanziato nell’ambitoa seguito un Laboratorio su “Mafia e del V° Programma Quadro di ricerca dalla CE è: “YouthLegalità”, attivato con Arciragazzi di Bologna Policy and Participation. Potentials of participation and informal learning in young people’s transitions to thein diverse città italiane, constata labour market. A comparative analysis in 10 Europeannuovamente alcune difficoltà connesse alla regions”. (November 2004) Web site http://www.iris-scarsa partecipazione dei giovani alla vita egris.de/yoyo/della città alla carenza di opportunità che 31 G.Lenzi, Morena Cuconato, C. Laasch and L.facilitassero la proiezione nel futuro e decide Minguzzi, Case study report on participation and non-di “cambiare direzione”. formal education in the support for young people in transitions to work in Italy (Work Package 6- YOYO –Nasce, così, il progetto “Con i giovani nel III Youth Policy and Participation funded by the EC’s 5thmillennio per pensare a colori", un Framework Programme), Dipartimento di ScienzeLaboratorio in cui si cerca di stimolare tra i dell’Educazione Università degli Studi di Bologna,ragazzi la partecipazione attiva alla vita February 2004 http://www.iris- egris.de/yoyo/pdf/Italy.pdf 22
  • 23Circoscrizione è uno dei casi oggetto diquesto lavoro di ricerca). Area territoriale di interventoL’area territoriale in cui si concentrano lamaggior parte delle azioni del progetto è ilquartiere di Borgo Nuovo in cui vivono circa15.000 abitanti, situato nella V circoscrizioneche si dirama sino alla periferia ad ovest delcentro di Palermo (Abitanti 119.220)32;alcune attività sono comunque rivolte allapopolazione giovanile di altri quartieri dellacittà e alcuni scambi coinvolgono nellediverse fasi anche partner a livello nazionaleo comunitari. Foto 2 Veduta aerea di Borgo Nuovo (tratto da Google) Gli operatori dell’Arciragazzi segnalano quale problema specifico di questo territorio la presenza di molti spazi (cortili, aree verdi abbandonate, portici, piazze) poco utilizzi a scopo sociale e quindi soggetti a fenomeni di degrado (v. in particolare spaccio e consumo di sostanze). “Diverse volte, in occasione di manifestazioni, ci siamo trovati a dover ripulire parco Robinson (nei pressi della ludoteca del Mediterraneo), dalle siringhe”. (Documento sintesi, Arci 7-06) Quello che viene indicato come criticità del territorio si traduce in questa esperienza in una originale e interessante forma di Borgo Nuovo è un quartiere di edilizia “riappropriazione” del territorio da parte deipopolare sorto negli anni ’50 che è stato giovani del quartiere.occupato dagli sfrattati del centro storico,bombardato durante la seconda guerramondiale. E’ circondato da alture, in una 2.2 Il ruolo del programma APQdelle quali si trova la discarica pubblica di Marginalità socialeBellolampo. Struttura del progettoViene descritto come quartiere dormitorio, L’intervento è stato strutturato attraversocon una basso tasso di scolarizzazione, non diverse macroazioni e tipologie di attività:particolarmente carente dal punto di vistadella viabilità e dei servizi ma privo di a) Offerta di servizi informativi e attivitàattrattive culturali e punti di aggregazione aggregative rivolte a ragazzi/e del quartiereper i giovani, con scarsi collegamenti del di Borgo nuovo e dintorni;sistema di trasporti pubblici, in orario serale, b) supporto e consulenza all’auto-con il centro della città dove si svolgono la organizzazione dei ragazzi ed allo sviluppo dimaggior parte delle iniziative culturali. Gruppi di interessi parzialmente autogestiti; c) interventi di sensibilizzazione della32 comunità locale adulta e di promozione di Comune Settore Statistica e Censimenti 2001http://www.osservatoriopalermo.it/BANCA_DATI/5_res reti educative informali;PA_2005_def.pdf d) promozione dell’associazionismo giovanile e di forme organizzate di impegno nel 23
  • 24sociale (es: Tutela ambientale, Volontariato diventando responsabili di specifiche areea favore dei minori, Politica…): (Es: area computer).e) realizzazione di scambi culturali (es:tramite scambi giovanili tra Paesi UE) econfronto con culture di Paesi terzi (areaMediterraneo);f) promozione dell’autoimprenditoralità deiragazzi e supporto a percorsi di transizionescuola –lavoro tramite l’educazioneinformale.Osserviamo di seguito, in modo piùdettagliato, queste diverse azioni.o Il primo intervento è un centrodenominato “Dammuso Mediterrameneo”, Foto 4 Interno Centro Dammusosito nei locali adiacenti i magazzini dellaCOOP, che funziona come Centro polivalentedi documentazione e formazione. o Una seconda azione riguarda la sensibilizzazione degli adulti del quartiere di Borgo Nuovo attraverso la realizzazione delle APT (Agenzie di Promozione Territoriale): negozianti e semplici cittadini diventano all’inizio degli informatori, ed i negozi luoghi d’informazione per i giovani. In seguito potrebbero diventare dei veri e propri ‘educatori territoriali’, e qualora ne mostrassero il desiderio, l’associazione si prenderà il carico della strutturazione di percorsi formativi a loro rivolti. nel corso Foto 3 Scaffali Centro Dammuso dell’APQ sono stati coinvolti con il ruolo di ‘informatori’ o circa n. 3 adulti, commercianti della V Circoscrizione. “I ragazzi hanno l’opportunità diconfrontarsi e sviluppare contenuti e o Il terzo livello consiste nella gestioneprogetti sui temi ambientali, sulla salute, sul diretta dei gruppi giovanili di alcuni spazi ecommercio equosolidale, sulle coltivazioni strutture del quartiere ed in particolare: labiologiche, sulla globalizzazione, su storia e Ludoteca del mediterraneo attiva dal 1993 etradizioni del Mediterraneo, aiutati da la manutenzione del Parco Robinson. Questespecifiche competenze (associazioni) per diverse attività i connettono anche allapoi sperimentare delle azioni pratiche nel promozione dell’associazionismo e allaquartiere. Si tratta in sostanza della crescita personale dei ragazzi.creazione di un ‘Osservatorio Esterno’ al Dei volontari molto giovani da anniquartiere.” (Tratto da Documento gestiscono le attività della Ludoteca delArciragazzi, luglio 2006) Mediterraneo (n.b. Nella foto V. la coordinatrice del centro di 19 anni). NellaI ragazzi organizzati in sottogruppi di ludoteca si realizzano attività di animazioneinteresse utilizzano con molta autonomia e e aggregazione 4 pomeriggi a settimana aresponsabilità (n.b. hanno le chiavi delle favore di circa 50 ragazzi e bambini (dai 5 aidiverse stanze) gli spazi di questo centro 14 anni). 24
  • 25 La rete dei partner I partner del progetto dell’APQ sono: o Assoc. Circolo Arci Ragazzi Palermo e Arci servizio civile. o Servizio Sociale del Comune di Palermo o Gestori di cooperative sociale fondate da membri ed ex volontari (es: il B&B Soleluna)33. o Centro Giustizia Minorile Uffici servizi sociale minorile. o CSA Centro servizio sociale Adulti- Foto 5 Volontaria Ludoteca Ministero Giustizia -Uffici area penale Sin dal 1992 l’associazione ha esterna.sviluppato iniziative di riqualificazione o COOP 25 aprile, Grande distribuzione.urbana e recupero di spazi basate sul La COOP, che fa parte rete distributivacoinvolgimento e la partecipazione dei nazionale, ha concesso in comodatogiovani e delle famiglie del quartiere. d’uso gratuito i locali per un valore diOgni anno da metà luglio in avanti, ad circa € 25.000,00 annui. L’investimentoesempio, il gruppo dei giovani che gestisce come cofinanziamento del progettola Ludoteca, con il supporto del gruppo viene ricavato in gran parte dal valoremanutenzione, uno dei gruppi di interesse dei locali. Con la COOP si realizzanocostituitosi presso il Dammuso del iniziative di educazioneMediterraneo, di età compresa tra i 15 e i 18 all’alimentazione.anni, si attrezza con rastrelli, pennelli e o Coop. Stone Theatre - produzioni audiopittura e cura la pulizia e la manutenzione video; Associazione Mirto Verde -ordinaria del parco Robinson (giardini, Ambiente e Diritti, Paelermo,panchine, muretti...) un’area verde promozione e recupero sitiadiacente alla Piazza Santa Cristina luogo archeologici; Coop. Punto esclamativo;dove sorge la Ludoteca. A questa esperienza Naso Blu Diving Club Palermo che sidi recupero, ogni due anni, collaborano occupa di ambiente marino;anche dei ragazzi stranieri coinvolti negli Associazione Dymon kibernates.scambi internazionali con un campo dilavoro autofinanziato in parte dagli stessi La rete più forte è costituita da realtàragazzi che vengono ospitati dalla rete associative locali specializzate in diversidell’Arci ragazzi di Palermo. settori che danno il proprio contributo nel momento in cui si attivano dei gruppi di interesse dei giovani su teatro (Dymon Kibernates con Gabriella Da Vigevano), cinematografia, recupero e conoscenza dei (Assoc Mirto Verde con Pippo Lo Cascio) reperti e dei siti archeologici e dell’ambiente marino (v. Naso Blù) del territorio palermitano. L’Associazione Naso Blu si occupa, ad esempio, di ambiente marino e organizza in collaborazione con Arci ragazzi 33 http://www.solelunabedandbreakfast.org/ Via Vincenzo Riolo 7 -90139 Palermo 25
  • 26varie attività: immersioni, seminari formativi E’ formato da: rappresentanti Arciragazzi,sul pronto soccorso rivolti ai ragazzi di Borgo esperti, giovani, Università Palermo (Nuovo, giornate di pulizia del mare e tirocinanti ), Università Bologna ( consulenzagiornata del “battesimo del mare” . esterna ) e si occupa della valutazione periodica del progetto.Con le cooperative Punto esclamativo e conla COOP 25 Aprile, presso i cui locali risiedeil centro del progetto, si costruiscono Target del progettopercorsi di inserimenti lavorativo di alcunigiovani. I ragazzi che hanno partecipato complessivamente alle attività promosseLa rete dei partner istituzionali è invece più grazie all’APQ sono circa 200 di cui il 30%-debole. Il Comune e i servizi per la giustizia 40% provenienti dal quartiere di Borgonel settore degli adulti (CSA) e del penale Nuovo; gli altri si spostano autonomamenteminorile (USSM) seguono con costanza (v. ! con i motorini e vengono da altri parti dellariunione mensile in cui sono presenti) le città (es Brancaccio). In 1 anno sono circaattività di Arci ragazzi sul progetto APQ a 200 dall’inizio del progetto. L’utenza diBorgo Nuovo ma sul piano operativo hanno questo progetto viene suddivisa in tre fasceuna minor interazione. connotate dalle attività sviluppate maSul piano organizzativo e gestionale essenzialmente dal grado di partecipazione eArciragazzi distingue diversi piani di lavoro e coinvolgimento all’interno della strutturastruttura diversi livelli di coordinamento: stessa del progetto.o Livello Istituzionale A) Nella prima fascia si trovano gli utenti di primo approccio. Si avvicinano al progettoSono qui inclusi i partner promotori del tramite l’organizzazione di campagneprogetto APQ, il Comune e Arciragazzi aggregative, di feste, la distribuzione diPalermo). volantini. I ragazzi, la cui età varia dai 15 ai 29 anni, “usufruiscono delle attività delo Livello di coordinamento ‘politico’ progetto di attività progettate da altri e nonE’ costituito da tutta la rete di hanno dimestichezza con attività diimplementazione, dal partenariato che progettazione”. (Coordinatrice progetto).operativamente segue e collabora al Con il termine “primo contatto” si intendeprogetto almeno la compilazione della schedao Livello di coordinamento operativo ingresso e non solo il semplice contatto cheA questo livello partecipano solo i giovani può interessare circa 5000 ragazzi.che sono organizzati attraverso tre diverse Tra i ragazzi che partecipano alle attività delforme. progetto realizzate nel periodo di attuazione- Assemblea dei giovani (si riunisce ogni 3 dell’APQ (ultimi 18 mesi) in questa fascia omesi con funzioni decisionali rispetto i nella fascia B) si segnalano anche n. 3progetti da approvare nel trimestre. giovani di età compresa tra 15 ed i 18 anni - Comitato giovanile a cui partecipano i che sono stati segnalati dai servizi sociali del responsabili dei gruppi di interesse Comune e n. 2 segnalati dall’USSM. rappresentati dei gruppi di interesse (Circa 9 ragazzi/e) con funzione di: rappresentare i giovani del progetto presso il Coordinamento istituzionale; raccogliere i progetti dei singoli gruppi per predisporre e gestire l’assemblea dei giovani- - Gruppi di interesse che si riuniscono periodicamente (1-2 volte a settimana) attorno a specifici interessi ed attività progettuali (es: musica, teatro, etc.)o Livello scientifico Foto 6 I giovani volontari 26
  • 27 (Tratta da sito Arciragazzi Palermo) dell’azione. Si segnala la presenza di unUtenti di fascia B) terzo target di ragazzi che stanno pensando di investirsi nel futuro con esigenze di tipoQuesta fascia di utenti rappresenta la fascia formativo e lavorativo che vanno oltre daintermedia in grado di promuovere e quelle previste inizialmente nel progetto.attivare proprie progettualità. Si tratta di “Questi giovani escono, macirca 30 ragazzi di cui 40 % di Borgo Nuovo contemporaneamente rimangono nelche si sono suddivisi in gruppi di progetto. progetto”. I ragazzi assumeranno unaQuando è iniziato il progetto APQ c’era già maggiore responsabilità pur facendo iun gruppo di ragazzi che facevano i facilitatori dei gruppi di progetto faranno unfacilitatori della fascia B). salto uscendo dal gruppo degli ‘utenti’; non parteciperanno alle assemblea ragazzi né a “Nei 3-4 anni precedenti con il laboratorio decisioni sui ‘crediti’ e questo permetterà adei ragazzi e delle ragazze monitorata dall’ una decina di loro di fare i tre passaggi.Università di Bologna, tramite il progettoricerca Yo Yo, si era creato uno zoccolo duro Ci sono poi degli utenti indiretti, come idi ragazzi in grado di attivare percorsi basati bambini tra i 5 e 12 anni, che frequentano lasulla peer education, di facilitazione degli ludoteca gestita dai ragazzi volontari piùaltri giovani ad attivare delle cose.” grandi con ruolo di animatori.(Coordinarice progetto)Poiché il progetto prevede l’attivazione di Giovani segnalati dall’area penaletutto un percorso che va dalla aggregazione, minorilealla informazione ed alla partecipazione verae propria, alcuni ragazzi possono Tra le risorse indirettamente fruite daldesiderare di fare parte di un gruppo di progetto dell’Arciragazzi occorre inserireinteresse od anche di proporne l’attivazione quelle di alcune Borse lavoro di ragazzidi uno di loro interesse. Possono così inviati da CSA Centro per la Giustizia Adultiscegliere di diventare, a loro volta, dei (n. 7 tra inizio 2005 e giugno 2006). Sifacilitatori e gestire le attività in prima tratta di persone sottoposte a misurapersona. alternativa alla detenzione attraverso una modalità di lavoro o partecipazione a volontariato o stipula di borsa lavoro di qualche mese, rinnovabili fino a 1 anno, con fondi del Ministero della Giustizia. La maggior parte sono tossicodipendenti seguiti dal SerT. L’esperienza delle borse lavoro presso l’Associazione Arciragazzi di Palermo viene considerata dagli operatori del Ministero della Giustizia, dell’associazione e dai ragazzi volontari particolarmente positiva. Delle ricadute positive sembrano emergere non solo per i destinatari diretti, i giovani con borsa lavoro, ma in alcuni casi anche per i figli degli stessi. “La valutazione che facciamo come ufficio è che bene o male la misura di chi passa dall’Arci ha avuto un andamento positivo Foto 7 Interno Ludoteca del Mediterraneo anche perché vengono stimolati da processiRagazzi fascia C): il terzo passaggio (circa di partecipazione e democrazia, da modelli10 ragazzi) di comportamento diversi” (Intervista CSA)Il terzo passaggio non era stato in Si tratta di un percorso e di una relazioneprecedenza previsto nel progetto e che per alcuni (circa 3).rappresenta una sperimentazione che si è “I ragazzi che passano di qui comunquesviluppata spontaneamente nel corso rimangono e mantengono il punto di 27
  • 28riferimento, tornano a trovarci un percorso 5. Gruppo teatrale…che non si conclude con la conclusione della “… ogni gruppo presenta i progettipena. (…) C’è il coinvolgimento anche dei all’assemblea momento in cui ci sono tutti ifigli che continuano a frequentare i centri gruppi. Abbiamo 900 crediti all’annodell’Arci anche dopo che il padre termina la distribuiti su 12 mesi (n.b. Ad ogni creditomisura alternativa, un discorso di corrispondono circa € 5); si vanno adprevenzione estremamente importante.” analizzare i singoli progetti e si capisce(Coordinatrice Progetto APQ) quanto è giusto approvarlo. I crediti servonoSecondo L’Arciragazzi con i soggetti per incentivare i ragazzo a fare volontariatosegnalati dal CSA si sono sviluppati e non doverci mettere dei soldi di tascacomplicità, ragionamenti, confronti che propria” (Ragazzo APQ)hanno aiutato i ragazzi offrendo una A queste assemblee partecipano da unaesperienza che li ha responsabilizzati. ventina ad un massimo di 40 ragazzi tuttiEmerge una forte sensibilità dei ragazzi (i iscritti all’APQ.giovani dell’Arciragazzi) capaci di accogliere, Le regole di funzionamento e i processinon stigmatizzare e valorizzare le decisionali si adattano e trasformano incompetenze dei giovani segnalati dall’area funzione delle necessità e dell’esperienzapenale. maturata da Arciragazzi. In precedenza i“Uscire fuori e non avere il nulla noi ragazzi andavano direttamente in assembleaabbiamo bisogno di loro... diventano e ciò comportava il rischio che approvasseroindispensabili per delle loro capacità: ad progetti per diverse ragioni non sostenibiliesempio dipingere il cancello. Il fatto di economicamente o non fattibili.integrarsi è importante … chi ha fatto il “Abbiamo apportato delle modifiche (…). Ilfalegname chi ha fatto le pareti, anche il comitato di gestione passa da gruppo disentirsi utili”. (Ragazzo Arciragazzi) staff prima di andare in assemblea” che verifica la disponibilità di determinate attrezzature, “se ad esempio chiedono il Metodologia di lavoro e approccio pulman, la sega elettrica e magari ci vuolepartecipativo l’autorizzazione, se i materiali si possonoI gruppi di interesse autogestiti dai ragazzi acquistare...”. (Arciragazzi Presidente)si strutturano attorno ad obiettivi comunidegli stessi per tale ragione possonotrasformarsi negli anni. Attualmente Utilizzo delle risorse economicheall’interno del Centro Dammuso operano Il finanziamento è pari a € 160.100,0034 a cuiregolarmente n- 8 Gruppi che aggregano va ad aggiungersi il cofinaziamento del Comune dicirca N.80 ragazzi dai 15 – 18 anni attorno a Palermo (€ 60.000 euro); si noti che tra i 10progetti della durata media di n. 2 mesi. progetti dell’APQ approvati nel Comune di 1. Gruppo musicale Palermo è quello che ha ottenuto il finanziamento consistentemente più 2. Gruppo scientifico che si occupa di modesto (n.b. definito in relazione alla gestire un centro di documentazione, graduatoria). di organizzare incontri informativi in base alle richieste dei gruppi di L’analisi delle voci di costo ci indica in modo interesse, di supportare ed essere da assai convincente alcune caratteristiche di tramite per il monitoraggio del questa esperienza. I costi per il personale progetto a tale gruppo partecipano solitamente superiori o pari al 70% per giovani di età 18 /24, la maggior questo genere di interventi (es: APQ A. Gela parte hanno concluso un percorso ‘Percorsi di integrazione e recupero sociale’) universitario o lo stanno terminando e sono Interessati a fare 34 un’esperienza che li possa aiutare in Accordo di Programma Quadro “Recupero della un percorso lavorativo. marginalità sociale e pari opportunità” – Priorità A Elenco Progetti ammessi a finanziamento 3. Gruppo manutenzione (D.D.G. n.65 del 12 febbraio 2004 – Dipartimento Programmazione) All. 1 al D.A. n. 2440/S.7 del 4/08/04 4. Gruppo ricreativo (Cultura e cinema) 28
  • 29in questo caso scende sotto il 30% mentre I ragazzi “fanno delle indagini di mercato eaumenta in modo esponenziale la arrivano con i preventivi. Il nostro problemaproporzione di risorse che va direttamente è di liquidità, abbiamo preso 25.000 euroa beneficio dei giovani o da essi controllata. dall’APQ e ne abbiamo spesi 70.000 e il problema è capire se ci fanno i crediti, e nonL’impegno del volontariato di adulti e giovani di 1 mese, non possiamo del resto bloccareè in questo progetto consistente: “solo nel l’attività!” (Coordinatrice APQ)2005 (…) abbiamo fatto 7000 ore divolontariato con circa 43 volontari di cui più I Gruppi di interesse per ottenere i crediti edi 1000 realizzate dal responsabile” le altre risorse necessarie alla realizzazione(Presidente). I ragazzi tramite i ‘crediti’ di determinati interventi periodicamentegestiscono direttamente circa il 6% delle (trimestralmente) redigono e presentano deirisorse economiche del progetto APQ e se microprogetti che sono formulati secondo leconsideriamo anche le voci “scambi voci e la struttura logica di un classicointernazionali” (pari all’11.7%) e spese per progetto: soggetto proponente, obiettivi,attrezzature (27%) possiamo dedurne che i attività, destinatari, tempi, risorse umane edragazzi contribuiscono complessivamente a economiche necessarie.definire circa il 50% delle risorse impegnatenel progetto. Tab. 5 Budget progetto Tipologia delle TOT % Valorizza Costi risorse zione reali RISORSE 74300 25,6 UMANE PROFESSIONALI 22700,00 51600,00 ALTRE 10800 3,73 RISORSE UMANE 0,00 10800,00 SPESE 78400 27,07 PER LOCALI ED ATTREZZATURE 28800,00 49600,00 SPESE 69500 24 PER GESTIONE E VARIE 19000,00 50500,00FORMAZIONE 5900 2,04 1000,00 4900,00CREDITI RAGAZZI 16800 5,8 16800,00 Foto 8 Progetti scritti dai ragazziSCAMBI 34000 11,73INTERNAZIONALI 34000,00 TOTALE 289700 71500,00 218200,00 2.3 La teoria del programma:“Loro gestiscono 5500 euro mediamente strategie d’azione e meccanismiall’anno solo di crediti ma gestiscono anche i ipotizzatimateriali perché chiedono pullman Motivare: innescare il desiderio ecancelleria; noi controlliamo solo la innestarsi sul desideriofattibilità”. (Arciragazzi) I ragazzi (più che le ragazze) cheI ragazzi tramite il metodo dei crediti, che hanno sperimentato esperienze difunziona dal 2001, gestiscono direttamente insuccesso con il sistema formaleparte delle risorse economiche e imparano a dell’istruzione dimostrano in genere unaprogettare, imparano a ottimizzare i costi scarsa capacità di mantenere alto il livello diimparano, infine, a decidere in modo motivazione. Focalizzarsi – come accade indemocratico alcune priorità e confrontarsi questo caso- sui sentimenti di auto efficaciacon i propri pari sulla base della credibilità e e favorire percorsi di partecipazione attivafattibilità delle proposte. sembrano rappresentare dei fattore chiave rispetto il livello di motivazione e di auto“Noi crediamo sia uno strumento che determinazione del giovane.incentiva la partecipazione: si tratta diragazzi di 15 anni” (Ragazzo 19 enne) Come si sarà ampiamente notato uno dei termini e dei temi che ricorre con maggiore 29
  • 30frequenza negli scritti e nei dialoghi svolti presupposto da cui parte è che “nessunodurante le interviste tra gli operatori di può inserire nessuno, ciò che si deve creareArciragazzi, i ragazzi stessi e la valutatrice è è una struttura permanente per i bambini equello del desiderio inteso come elemento gli adolescenti con un’esperienza di stradache scatena e sostiene la motivazione a alle spalle, è stimolarli continuamente, consperimentare il cambiamento e a prendersi strumenti pedagogici adeguati, percarico dei problemi percepiti come ‘propri’. sollecitarli a sognare e a desiderare. Il desiderio è l’unica prova che una persona è“(…) Il principio che sta alla base di questo viva.”processo è appunto la motivazione; ibambini e i ragazzi possono affrontare e I bambini seguiti da Axé vomitavano sul visorisolvere problemi complessi se sono degli educatori questa terribile frase: “ iomotivati e se li ritengono “loro”.”(Dispensa non ho nulla da perdere”. Si sviluppa alloraL.D’Andrea) una comprensione più profonda del ruolo del desiderio per l’essere umano e grazie anche ai contributi della psicanalisi si cerca diIl metodo da loro utilizzato rielabora contributo offrire agli educatori tramite la formazionedella ‘pedagogia del desiderio, un approccio gli strumenti “per stimolare questi bambini apedagogico basato sull’attivazione e rimotivazione sognare e desiderare”.dei ragazzi (Cesare Florio La Rocca35), conmetodologie partecipative (Roger Hart 1992)36. In L’educazione all’Arte diventa in questoalcuni stralci si offre un quadro delle difficoltà approccio il più utile supporto dellaesistenti per chi opera sui temi dei processi diempowerment nel contesto palermitano e siciliano. Pedagogia del Desidero. Si lavora inoltre sulle reti di supporto primarie e secondarie: “In una città come Palermo a queste difficoltà si “ Se vogliamo che il bambino sia un essereaggiunge quelle derivanti dalla Cultura Mafiosa sempre desiderante afferma nell’intervista(…) che incentiva stili di vita improntati al De Florio la Rocca- , gli educatori, i familiari,pessimismo, al nichilismo, al “meglio non fare i professori, i tutori che ne tutelano gliniente perché tanto non cambia niente”, al vivere interessi devono essere, a loro volta, essialla giornata accontentandosi di quel che “passa il stessi persone costantemente desideranti.”convento”. In questa città, purtroppo, la “risposta” (Tratto da: La rivista “Bons Conselhos” )Politica a questo fenomeno è stata e continua adessere l’Assistenzialismo. Questo comporta che iragazzi, che crescono sugli ESEMPI EDUCATIVI La relazione con i ragazzi è basata su unadei grandi, rischiano di essere dei CITTADINI costante valorizzazione dei ‘desideri’ chesenza capacità, degli adulti senza autostima, vengono intercettati e sostenuti, laddovesenza consapevolezza ne desiderio di possibile, per costruire percorsi di crescita:CITTADINANZA attiva”37.(D’Andrea 2004) La Pedagogia del Desiderio è un o per aiutarli a organizzare gruppi diconcetto, o meglio una costruzione teorica, interesse e scambi con altri giovani aformulato da Cesare De Florio La Rocca livello UE;nell’ambito del progetto Axé che opera in o per rimotivarli a terminare percorsiBrasile con bambini e giovani che hanno scolastici interrotti;vissuto l’esperienza della vita di strada. Il o per aiutarli a sviluppare la microimpresa ‘per la raccolta dei pinoli’.35 Sito progetto Axé in cui si parla di “Pedagogia del “Proprio durante questi anni abbiamodesiderio” http://www.axeitalia.org/ maturato l’idea che per attivare dei36 Roger Hart è uno psicologo consulente dell’UNICEF cambiamenti territoriali un elementohttp://web.gc.cuny.edu/che/cerg/research_team/roger fondamentale è il coinvolgimento attivo dei_hart_index.htm Tra le pubblicazione indichiamo unpaper doownload: Roger Hart Childrens Participation: giovani. Per fare ciò è necessario che iFrom Tokenism to Citizenship 46pp Published by giovani possano esprimere, realizzare edUNICEF Innocenti Essays, No. 4, UNICEF/International avere consapevolezza dei propri DESIDERI,Child Development Centre, Florence, Italy, 1992 di avere ESEMPI di coerenza ed onestà chewww.unicef-icdc.org/publications/pdf/digest1e.pdf .[PDF] provengano dagli adulti, ma anche e37 soprattutto da parte di altri giovani.” (…) Dispensa percorso formatorio Cesvop curata da “Attraverso, infatti, la storia e la conoscenzaPasquale D’Andrea, Partecipazione, dicembre 2004 30
  • 31della città, attraverso esempi positivi risorse, confronto e presa di decisioni conquotidiani, abbiamo stimolato nei ragazzi e diversi livelli di responsabilità.nelle ragazze il Desiderio di colorare e vivere “La competenza nei processi partecipativi siquesta nostra Palermo. Abbiamo tentato di acquisisce (…) gradualmente attraverso laeliminare dal vocabolario quotidiano la pratica, non può essere insegnata (comeparola Mafia; ma soprattutto di superare i invece spesso accade) come un’astrazione.vincoli alle possibilità di pensiero che questa Non basta “insegnare” la democrazia e laaveva posto negli anni.” partecipazione in modo pedante nelle classi“I processi di impresa che si sono attivati (si veda l’educazione civica), spesse voltehanno sempre sostenuto il metodo della anch’esse veri e propri modellipedagogia del desiderio, secondo la quale la autocratici.”(Dispensa L.D’Andrea)possibilità di autodeterminazione è L‘educazione alla ‘partecipazione’ non sisicuramente maggiore se, chi decide di limita alla definizione di un sistema diintraprendere un percorso lavorativo può regole democraticamente condivisopartire dal proprio desiderio e, quindi, all’interno dell’associazione o del Centro disperimentarsi con altri ragazzi e ragazze aggregazione, ma riguarda il contesoutilizzando il gioco come strumento di cittadino in cui si opera. I ragazzi vengonorelazione privilegiato.” (Arciragazzi, spinti a interagire anche con il mondo deglidocumento di sintesi 7/06 ) adulti, il consiglio circoscrizionale, le istituzioni, l’amministrazione comunale. Coinvolgimento dei giovani eprocessi partecipativi Il rapporto di ricerca del già citato progetto YO YO39 sottolineava i vantaggi La questione della partecipazione dei dell’educazione informale rispetto percorsi digiovani e del ruolo dell’associazionismo transizione al lavoro dei giovani, inrappresenta uno dei temi di riflessione particolare in riferimento a targetinterna all’associazione nazionale svantaggiati a rischio di devianza, conArciragazzi38 come pure dell’Arciragazzi di problemi di marginalità sociale conPalermo che hanno coniugato la riflessione esperienze di insuccesso nell’istruzionesviluppata in ambiti diversi nella formale e con le istituzioni.cooperazione allo sviluppo e in contesti Alcuni delle pratiche raccomandate da talecaratterizzati da forte marginalità e povertà studio sono basate su approcci partecipativiestreme come le periferie di grandi basati sullo sviluppo di capacità di autometropoli, con contestualizzazioni e determinazione; tali pratiche sono operativeriflessioni mirate sul proprio contesto ed evidenti (v. interviste e osservazione)socioculturale. anche all’interno di Arciragazzi Palermo.Le pratiche partecipative in questo caso non Osserviamo in particolare:sono enunciati e dichiarazione di intenti ma • la possibilità di scegliere su basesi traducono in prassi e regole condivise, in volontaria di entrare nel progetto e neiconcrete modalità di attribuzione delle diversi Gruppi di interesse assumendo o meno un ruolo attivo; • la flessibilità nell’adattare il progetto a necessità e interessi dei ragazzi;38 “Per esperienza diretta, la partecipazione dei ragazzi • la relazione di fiducia con gli operatori delpoggia su alcuni pilastri concettuali quali: progetto;• Comprensione del compito a cui lavorano, degli • la possibilità di mantenere l’apertura circa iobiettivi da raggiungere e della fattibilità degli stessi,soprattutto relativamente ai tempi; • Condivisione di diversi possibili orientamenti delle personesenso del compito stesso; • Capacità di lavorare in (n.b. un bilancio di competenze senzagruppo attraverso la strategia della mediazione e del alcuna previsione di percorsi formativiconsenso; • Sentirsi liberi di esprimersi e capaci di orientati rigidamente dall’offerta);ascolto dell’ espressione degli altri; • Prenderecoscienza del fatto che i diritti sono un dato ontico delladimensione umana, preesistenti all’istituzione che li 39accerta, ci sono alla nascita di ogni persona. (…)” New Perspectives for Learning - Briefing Paper 51Calzoni Daniela, Associazionismo e Partecipazione, Active Participation and Informal Learning in YoungDocumento tratto da ( 3 agosto 2006 ultimo accesso) People’s Transitions to the Labour Market, Dic 2004http://www.camina.it/archivio/opinioni/associazionismo http://www.iris-_e_partecipazione.pdf egris.de/yoyo/pdf/Yoyo_Briefing_paper.pdf 31
  • 32 • proporre e stimolare attività che sono Il tema dello spazio interessarilevanti, che interessano e al tempo stesso trasversalmente la ricostruzione di questosono socialmente riconosciute (v. caso: abbiamo raccolto la storia dei localimanutenzione parco Robinson); della ludoteca ottenuti in gestione a seguito• presenza di spazi per attività auto di forti appoggi e mediazioni con la comunitàdeterminate e scelte da soli. Costruzione di locale e di pressioni, confronti e scontri congruppi con apprendimento tra pari (v. l’Amministrazione, abbiamo osservato ilGruppi di interesse nel Centro Dammuso); modo in cui si promuovono iniziative di• contesti formativi informali (es: corso riqualificazione dei giardini (Parcopronto soccorso, corso sulla storia della Robinson).Sicilia, corso su tutela dell’ambiente);• Rispetto e riconoscimento delle scelte easpirazioni delle persone.Tuttavia lo stesso documento mette inguardia circa possibili rischi di pratichepartecipative limitate alle sole politiche ‘soft’e privi di adeguata rete di supporto conistituzioni, servizi per l’Impiego, centri diformazione professionale deputati a gestirepolitiche attive del lavoro.Si noti che ad una conclusione simile eragiunta la review di Ray Pawson sulMentoring: anche in quel caso si osservavache esiti connessi all’inserimento lavorativoe a qualifiche professionali, posti su unascala di complessità più alta, venivanoraggiunti con maggior difficoltà e solo sel’attività veniva incanalata in programmi piùvasti in cui si attivavano reti e agenziemultiple (volontariato, istituzioni,formazione, servizi sociali..) (Pawson, p149,2006). Senso di appartenenza e utilizzo Foto 9 Scorcio dei giardini di Parcodegli spazi: la strada e i giovani Robinson L’uso, il riutilizzo e la riqualificazione Si opera nel massimo dell’informalitàdegli spazi pubblici da parte del progetto e – assenza di permessi ufficiali- ma al tempodei ragazzi di Arciragazzi si connette stesso con scambi e interazione a livellodirettamente alle riflessioni sull’approccio cittadino e internazionale (v. si organizzanopartecipativo, alla costruzione di percorsi di scambi tra giovani volontari a livello UE checittadinanza attiva, all’educazione alla collaborano alla manutenzione del Parco).legalità. La dimensione della riqualificazione e gestione degli spazi si affianca allo sviluppo “La promozione dei diritti di bambini e di scambi e connessioni tra gruppi di diversibambine, ragazzi e ragazze si è sviluppata quartieri evitando così di rafforzareattraverso lo stimolo a costruire percorsi di fenomeni di isolamento tra gruppi giovanilicittadinanza attiva partendo dalla che potrebbero rafforzare percorsi divalorizzazione del contesto sociale e devianza e marginalità piuttosto che favorireculturale di appartenenza. (…) La vita di percorsi di inclusione.bambini e bambine, ragazzi e ragazze aPalermo si svolge per la maggior parte del Gli spazi utilizzati e dati in gestione aglitempo in strada. Proprio con loro si sono stessi giovani sono spazi pubblici ma ancheavviate iniziative per ricolorare e rendere spazi di privati, i magazzini della COOP, chefruibili alcuni spazi della città in maniera vengono dati in usufrutto gratuitocontinua e progettuale”. (Arciragazzi, all’Arciragazzi e rappresentano unadocumento di sintesi 7/06 ) 32
  • 33interessante connessione con il sistema della “Nel progetto è forte l’elemento delgrande impresa. Mediterraneo e abbiamo fatto diverse escursioni in città per conoscere la città inParafrasando Giovanni Laino40 potremmo maniera diversa, per rivedere i territori indire che anche l’Arciragazzi di Palermo – funzione del patrimonio culturale checome altre agenzie del terzo settore nel esiste.” (Coord progetto)quartiere Scampia di Napoli- a Borgo Nuovo Nel 2010 nella Zona di Libero Scambioin questi ultimi 15 anni ha rappresentato un (ZLS) verranno eliminati dazi e tasse per‘centro propulsore’ dello sviluppo locale, un quasi tutti i prodotti industriali, provenienti‘vivaio di iniziative’ che con continuità hanno sia dai paesi europei che da quelli terzicontribuito alla fertilizzazione del territorio mediterranei. Il partenariatosostenendo “processi di costruzione di euromediterraneo nasce nel novembre 1995opportunità di cittadinanza attiva”. in seguito alla Dichiarazione di Barcellona, Infatti, gli ultimi 15 anni di attività a adottata dagli allora quindici paesiBorgo Nuovo sono serviti per recuperare dellUnione Europea e da dodici paesi dellamolti spazi tra cui il Centro sociale dove oggi riva Sud ed Est del Mediterraneo (Marocco,a sede la ludoteca Arciragazzi e il centro Algeria, Tunisia, Malta, Egitto, Israele,anziani, il Centro Giovani , il Parco Robinson, Giordania, Siria, Turchia, Cipro, Libano ecortili scolastici ed altri spazi, inoltre sono Autorità Palestinese)41.serviti da stimolo per fa sviluppare diverse E’ importante fondamentalmente per duerealtà associative tra cui L’ Agesci. Il motivi:recupero degli spazi è servito da stimolo aicittadini per poter riappropriarsi dei propri 1) perché nel 2010 ci sarà la liberalizzazioneluoghi di partecipazione democratica e poter e la Sicilia si troverà ad un croceviarivendicare i propri diritti. La continuità importante “e si spera che la liberalizzazionedell’intervento, inoltre, ha prodotto un altro economica possa portare alla liberalizzazionerisultato: dove la cultura imperante è quella umana con la possibilità di movimento tramafiosa, e dove non si ha fiducia nelle popoli”.istituzioni, il permanere per tutto questo 2) “ …i ragazzi con scambi internazionalitempo di un’associazione che in un certo sono abituati a confrontarsi ma la difficoltàqual modo rappresenta un collegamento con del confronto spesso è data dalla mancanzale istituzioni promuovendo la legalità, ha di conoscenza della propria realtà e cultura edato ai cittadini la consapevolezza dei propri attivare un processo di conoscenza delladiritti e doveri. propria realtà significa valorizzare il territorio e, perché no, diventare una opportunità: di lavoro è uno degli obiettivi Dalla conoscenza delle proprie attesi” (v. dal gioco al lavoro).radici all’apertura nei confronti di altreculture Lo scambio inter-generazionale: il ruolo degli adulti ‘esperti’ Lo spazio va inteso non solo comeimmobili, giardini, parchi ma anche come Lo Cascio è un uomo di mezza età‘spazio urbano’ da esplorare e conoscere. che si occupa di storia ed archeologia, fa la guida turistica e rappresenta una delle guideLo spazio è veicolo di cultura e di identità e adulte ‘esperte’ dell’Arciragazzi.viene rivisitato con i ragazzi per favorire lariscoperta di proprie radici rafforzando al Le funzioni svolte dalla figura dell’adultocontempo un senso di appartenenza alla esperto sono moto simili a quelle delpropria città ed una maggior capacità di ‘mentore’ che si trovano nella letteratura sulrelazionarsi ad altre culture. mentoring42 anche se in questo caso si 41 R. Pepicelli, 2010: un nuovo ordine mediterraneo?, Mesogea, Messina 2004, pp. 16940 Laino G., De Leo D., Le politiche pubbliche per il http://www.tsd.unifi.it/jg/it/index.htm?books/pepicell.hquartiere Scampia a Napoli, Giu 2002, Paper Progetto tm 42NEHOM Neighbourhood Housing Models - Improving the Pawson R., Mentoring relationships: an explanatoryquality of urban life, EU 5th Framework Programme Review, Working Paper 21 October 2004: ESRC UKContract no. EVK4-CT-2000-00027 Centre for Evidence Based Policy and Practice 33
  • 34rafforza la dimensione della trasmissione Ma perché - si chiedeva ai ragazzi-culturale e l’inteso rapporto tipico del partecipavano alle gite organizzate con lorapporto duale si diluisce. Il fatto che gli storico, perché ci andavano?adulti di riferimento provengono da contesti, “Perché li organizzavo io, non sapevo cheesperienze e status sociali non erano così tanti i chilometri! Facevo parteeccessivamente differenti secondo la del gruppo ricreativo. Pensavamo fosseroletteratura (Pawson 2004) rappresenta un gite …chiedevamo l’aiuto di un esperto. Perfattore vantaggioso per la relazione. Gli questo c’era all’inizio questo odio-amore,adulti di riferimento hanno competenze dicevamo a Lino: di a Pippo- l’esperto didiversificate e non determinano storia- di parlare di meno, non puònecessariamente i contenuti culturali alla essere!(grandi risate)” (Ragazzo Arci APQ)base di gruppi di interesse ma svolge unruolo di ‘esperto a domanda’ all’interno di Ecco come si innesca la motivazione e lapercorsi progettati dai ragazzi. In tal modo possibilità di sviluppare interessi‘seduce’ e favorisce la scoperta e la culturali…sono i ragazzi responsabiliriappropriazione da parte dei ragazzi delle dell’organizzazione di determinate iniziative.radici culturali. La storia della Sicilia viene Politiche ‘soft’ per la transizione alinizialmente conosciuta attraverso percorsi lavoropoco scolastici: con la visita alle torri deipirati ad esempio. Arciragazzi da alcuni anni, anche nelUn ruolo simile viene agito anche da altri progetto dell’APQ, sta sperimentando degliadulti ‘esperti’ (es: il regista), adulti che interventi finalizzati alla transizione dallarappresentano un modello di scuola al lavoro dei giovani con particolarecomportamento per i ragazzi. attenzione a bassa scolarità ed in contesti di disagio socio economico.A questo livello viene curata l’identificazionepositiva con ruoli adulti in cui anche la Le raccomandazioni riguardanti tali politichedimensione di genere è importante: ci sono suggeriscono di (v. raccomandazioniuomini, donne e coppie che non riproducono liberamente tratte dalla stessa Ricerca Yomodelli di potere stereotipati (n.b. la Yo) 43:coordinatrice è donna ed aspetta un 1. Mettere i giovani al centro delle politichebambino come pure una delle responsabili che li riguardano e dargli potere negoziale;delle cooperative, la responsabile della 2. Piuttosto che considerare la ‘mancanza diludoteca è una ragazza). motivazione come risultato di un ‘deficit individuale’ offrire ai giovani l’accesso a percorsi di carriera significativi e“Inizialmente mi hanno seguito nelle strade, comprensibili e permetter loro di aumentarenelle grotte…. Mi sono occupato della il controllo sul raggiungimento di questiformazione culturale di questi giovani che obiettivi;sono passati da forme di odio profondo ad 3. superare i limiti strutturali traattaccamento profondo; … si diventa il punto apprendimento formale e non formale (es:di riferimento non solo per un singolo educazione al lavoro, politiche formative..);settore.” (esperto) 4. dare continuità alle iniziative progettuali; 5. offrire ai giovani contesti in cui sianoAnche lui fa riferimento all’apertura dei presenti risorse “hard” (qualificazionemercati dell’area mediterranea previsto per professionale, lavoro, retribuzione..) eil 2010 ed ai futuri scambi ed è convinto che “soft” in cui sia possibile:il successo può venire dal movimento o scegliere percorsi di carrieraculturale sottolineando l’importanza della appropriati;storia: lo scambio è possibile se un siciliano o sviluppare fiducia , senso dinon conosce la propria storia. Sootlinea appartenenza auto-stima;infine, la ricchezza reciproca degli scambi o vi sia spazio per la sperimentazione;che si sono sviluppati con i ragazzi in questianni. 43 New Perspectives for Learning December 2004 3Annex 12: Briefing paper 51 http://www.iris-egris.de/yoyo/ 34
  • 35 o opzioni di scelta al di là dei tradizionali si intrecciano con attività culturali ed ruoli (es: di genere); educazione alla cittadinanza attiva. Si o prendersi la responsabilità dei propri accompagnano gli interessi dei giovani ci si progetti pur avendo su richiesta il innesta su motivazioni e desiderio di supporto necessario. impegnarsi attivamente. Questi 10 ragazzi hanno maturato e capitoPremetto che non si tratta di un progetto di che il progetto è una risorsa che li stasistema nell’ambito di politiche per la aiutando a crescere 2-3 stanno anchetransizione scuola-lavoro in quanto vi è una facendo un percorso politico capiscono cos’èpresenza debolissima o nulla delle istituzioni un consiglio comunale, una legge stannodeputate a sviluppare e gestire politiche utilizzando questa esperienza in questaattive del lavoro per i giovani riguardanti la direzione.(Presidente Arciragazzi)transizione scuola-lavoro.Eppure sul versante dell’educazione I responsabili di Arciragazzi considerano leinformale questo caso sembra ricalcare tutte potenzialità e favoriscono, sostengono ile raccomandazioni che erano emerse nella ragazzi nello sviluppo di micro esperienzericerca a livello UE per favorire percorsi di imprenditoriali.inserimento lavorativo e transizione dei Si sta cercando di organizzare una piccolagiovani a rischio di esclusione dal mercato impresa giovanile per la raccolta e la venditadel lavoro. dei pinoli e sono stati realizzati con la collaborazione dei ragazzi alcuni interventiAi percorsi di educazione informale formativi nelle scuole finalizzati asviluppati nei laboratori organizzati con la promuovere un consumo responsabile dicollaborazione attiva degli stessi ragazzi si alcolici: da esperienze del genere possonoaffiancano percorsi di supporto all’auto nascere progettualità personali dei ragazziorganizzazione ed all’auto imprenditorialità stessi.dove si utilizzano ‘strumenti’ più ‘hard’ (es:il bilancio di competenze). “C’è V. che sa che vuole fare l’avvocato da grande ci vorranno 7 anni di studi e staNegli anni precedenti la coordinatrice del pensando di sperimentarsi -nel frattempo-progetto si era occupata presso il centro come facilitatore nelle scuole superiori e diimpiego di Venezia negli sportelli Labor ed è proporsi come animatore; ora abbiamo fattospecializzata in bilancio di competenza. un progettino sull’educazione all’alcol …..All’interno del progetto dell’APQ è stato scatta il meccanismo: perché non faccio ilattivato con 4-5 ragazzi una sorta di faclitatore nelle scuole, un percorso chepercorso di autodeterminazione per capire permetterebbe di essere autonomo neicosa volevano fare da grandi in questo prossimi anni.” (Presidente Arci)percorso viene realizzato un bilancio dicompetenza. Sono quindi continuamente realizzate micro sperimentazioni che, laddove funzionano,“Finito il bilancio di competenze che dura 3 diventano anche strumenti per ri-orientare imesi attraverso un percorso abbiamo progetti in corso.attivato con alcune cooperative natedall’associazione di volontariato (n.b. ARCI “Abbiamo pensato da settembre 2006 diRagazzi) o con altri soggetti, un percorso di fare una sperimentazione in cui i ragazzilavoro per sviluppare le competenze che non della fascia C) escono e dovrebbero megliohanno, una sorta di tirocinio in cui sono stati osservare il percorso degli altri guardare iinseriti questi 4 -5 ragazzi dai 21 ai 25 limiti e insieme identificare delle ricette eanni.” (Coord Progetto) delle prassi se no il rischio era che l’ultimo passaggio lo facevamo solo noi (n.b. gliNon c’è una netta divisione dei percorsi adulti)”.educativi e gli interessi riguardanti il lavoro 35
  • reti di relazione (n.b. Ecos Med parla di “infrastrutturazione sociale”), si innescano3 CASO: ALFABETI DI gli intereventi di inserimento lavorativo. Nei prossimi paragrafi emergeranno diverse COMUNITA’. Cercando esperienze positive di inserimento lavorativo bellezza e liberazione di soggetti svantaggiati (v. giovani fuoriusciti dal circuito penale dell’OPG, ex carcerati, ex tossicodipendenti, persone con problemi psichiatrici, donne vittime di3.1 Descrizione del caso violenza o di tratta etc.) Per ricostruire il contesto, la storia ed il network di relazioniIl caso riguarda uno dei sette progetti che hanno reso possibile i risultati osservatisviluppati su tutto il territorio regionale nel progetto APQ faremo iniziare ladell’APQ Marginalità sociale e pari descrizione del caso nel 2001, anno di avvioopportunità nella priorità CR). del Parco Orca Horcynus attualmente gestito Si tratta di un’esperienza esemplare gestita da una omonima fondazione in cui il ruoloda un ampio partenariato e promossa da propulsore è gestito proprio da Ecos Med.Ecos Med di Messina sui seguenti 5 territoriprovinciali: Messina, Modica-Scicli nelRagusano, Enna, Mazara del Vallo, Marsala eSalemi nel Trapanese, Gela nella proivinciadi Caltanisetta.44Il progetto è stato selezionato tra i casipresentati nel rapporto e viene segnalatoper una serie di ragioni. In unottica diriqualificazione sociale ed economica delterritorio esso rappresenta una delle rareesperienze nell’ambito dell’APQ di utilizzo dispazi, terreni e beni confiscati e/o sottrattialla mafia (n.b. Forte Petrazza a Messina eun terreno in contrada Cuticchio ad Enna).In questo caso le connessioni ideali delprogramma con l’APQ Sicurezza e Legalitàdel decisore regionale si traducono inconcrete ed efficaci strategie di intervento.Il tema portante presente in tutto l’APQ delrecupero e uso dello spazio, della suariqualificazione e messa a disposizione acittadini e giovani, si traduce qui inriappropriazione e riqualificazione di areeverdi protette, di beni storici (n.b. unfortino), di terreni di mafiosi riutilizzati perproduzioni agricole organiche, tipiche eremunerative gestire da imprese giovanili.Sul tema del recupero degli “spazi” sotto idiversi profili, della sua riqualificazione fisicama anche dello sviluppo di cittadinanza e Il Parco ha svolto e continua a svolgere il 44 Soggetto proponente: Coop. Sociale ruolo di coagulo di altre iniziative e a questaEcos-Med Codice progetto e titolo: CR05-ME prima esperienza possiamo innestare ancheAlfabeti di comunità. Cercando bellezza e alcuni interventi del progetto Alfabeti diliberazione. Referente: Gaetano Giunta. Indirizzo: Comunità.Ecos-Med Casella Postale 43 - Succ. 10, Via LaFarina, 263 CAP 98124 MESSINA (ME), Tel.090 Le esperienze che ruotano da 6-7 anni325236 -090 53167 g.giunta@ecosmed.it attorno ad Ecos-Med sono finalizzate alwww.ecosmed.it sostegno di una economia improntata alla 36
  • legalità ed allo sviluppo di percorsi di territori socialmente responsabili sviluppatocontrasto alla marginalità tramite anche la insieme alla rete REVES45 per esprimere ilcreazione di occupazione per persone che modello di sviluppo a cui tendono.fanno parte di fasce deboli del mercato del Per ricostruire il caso all’interno del quale silavoro. Quest’ultimo punto viene realizzato colloca il progetto “Alfabeti di comunità” ètramite il supporto di reti dell’economia stato necessario intervistare46 singolarmentesociale, il sostegno allo start up di imprese o in gruppo oltre una ventina di persone siafemminili, giovanili e sociali ed in particolare perché si trattava di un progetto delladi cooperative sociali plurime o di tipo b). priorità CR che ( diversamente dagli altriIn ultimo, questo caso presenta una casi) opera su più territori provinciali, siafortissima sinergia tra diversi strumenti perché si tratta di un caso caratterizzatoprogrammatori e finanziari, strategia da sviluppo e coinvolgimento di unafortemente raccomandata in sede di disegno molteplicità di network.dell’Accoro di programma e qui non limitata In nota47 si riporta l’elenco completo delleall’utilizzo di canali e risorse interni ad un persone che hanno contributo allasingolo settore di policy (es: politiche socioassistenziali per minori e giovani). Sin daiprimi paragrafi emergerà in modosconcertante la pluralità degli ambiti di 45 E’ un network creato ufficialmente nel 1997intervento - intesi come ambiti di policy, come associazione internazionale no profit, da un gruppo di città tra cui Östersund (Sweden) eambiti disciplinari, segmenti delle Reggio Calabria (IT) in collaborazione con ilamministrazioni e settori di mercato - che CECOP la confederazione europea dellehanno caratterizzato lo sviluppo del caso cooperative. www.revesnetwork.netnegli ultimi anni. 46 Intervista 27/06/06 a Messina e Barcellona e 28/06/06 a Gela ed EnnaSembrano profilarsi strategie di sviluppo 47 Soggetti intervistati Progetto CR Alfabeti dilocale ed innovazione delle politiche di Comunità- Ecosmed:welfare che riescono a far convergereinteressi di sviluppo economico e creazione Gela - Sottoprogetto affidodi occupazione e supporto all’inserimento 1. Gueli Elia Staff Direzione Generale Azienda Ospedaliera Responsabile – Gela - URPlavorativo di giovani e di soggetti deboli, 2. Anna Casano – Ass Sociale Comune Gelaprevenzione di fenomeni di usura e 3. Cocchiara Cristoforo- rapprsentante pediatriacontrasto alla criminalità organizzata (v. di base ASL Gelabeni confiscati alla mafia, proposte educativi 4. Giusi Occhipinti – Ass Sociale Comune Gelasulla legalità..) e coinvolgimento del sistema 5. Padre Giugno Direttore della Caritascreditizio, promozione culturale, tutela diocesana Piazza Armerina, che comprende idell’ambiente con ricerca e sviluppo territori di Gela ed Ennatecnologico. In questo sistema di relazione 6. Nicola De Luca Presidente della Coop Socialeconvergono risorse hard e soft, patrimoni di Nuovi Percorsi e Responsabile ACLI“capitale sociale e relazioni di fiducia”, Messina Sottoprogetto Messina e rafforzamentocompetenze tecnico- specialistiche e Parco Orca Horcynusdisponibilità finanziarie. 1. Gaetano Giunta – Presidente coop. soc. Ecos Il progetto esaminato rappresenta un Med 2. Salvatore Politi - Ref Amministrativo ecaso esemplare di “progettualità integrata coordinamento progetto - Ecos-Medfinalizzato allo sviluppo economico e 3. Silvia Gheza – attivatore territoriale econtrasto alla marginalità sociale. Il modello responsabile Banca Dati IRIS – Ecos-Meddi sviluppo perseguito è basato su codici 4. Gaspare Motta – AUSL 5 Messina –etici e solidaristici condivisi tra i partner e al Responsabile DSM Psichiatracontempo fortemente improntato alla 5. Nando Centorrino - Vicepresidentelegalità ed alla rottura di quegli equilibri su Fondazione Antiusura P. Pino Puglisi–cui si basa una economia definita 6. Vincenzo Marino- operatore Fondazione Pino“predatoria” (v. fenomeno del racket, Puglisi 7. Lino Monteleone – Coordinatorealterazione della concorrenza dovuto a amministrativo Fondazione Horcynus Orcaproventi illegali immessi sul mercato etc.), 8. Maria Palella e Maria Baronello Assitentiimprontata a modelli di controllo del sociali USSM - Dipartimento Giustizia Minorile MEterritorio e dominio culturale. Non a caso gli 9. Gianfranco Bagozzi, Presidente Coop. Socialeattuatori si riferiscono al concetto di TSR B Esosfera (gestione diving) 37
  • ricostruzione del caso con il riferimento al Il bacino d’intervento del progetto è l’interaruolo formalmente giocato all’interno del Regione Siciliana e più specificatamente:progetto stesso e all’organismo di “un’area metropolitana e la sua Provinciaappartenenza. (Messina), il territorio più significativo dell’area triste (Enna); il territorio arabo Area territoriale di intervento (l’area Marsala-Mazara-Salemi); il casoIl progetto parte da una dettagliata analisi Gela; il territorio che più connotadei sistemi economici territoriali (v. anche culturalmente ed economicamente l’isolaEcos Med, 2005)48 delle diverse Province nell’Isola (il ragusano, e piùsiciliane sotto il profilo demografico, specificatamente il distretto territorialeeconomico ed occupazionale dalla quale Modica-Scicli)”.emerge una forte differenziazione Tale diversificazione dei contesti diterritoriale. intervento è motivata dalla volontà diIl profilo demografico della Sicilia è a “sperimentare il sistema di interventi inmacchia di leopardo con alcune Province contesti socio-economici e culturalitristi (Palermo, Messina, Enna, Agrigento, profondamente differenti e per questoCaltanissetta, Siracusa), che raggiungono ad paradigmatici. Valutazioni comparativeEnna un forte saldo negativo (-2,4), ed altre sull’efficacia del modello permetteranno dicon andamenti positivi (Catania, Ragusa). estrapolare criteri di riferimento, contenuti eRagusa, in particolare, raggiunge indicatori metodologie di interesse generale,quantitativamente vicini a quelli del nord- significative nella prospettiva di innovareest. politiche sociali e politiche attive del lavoro a livello regionale e nazionale. Il progetto siAnche il mercato del lavoro presenta sul prefigge, quindi anche, di dare utiliterritorio regionale forti differenziazioni. In indicazioni per le programmazioni regionali econdizioni critiche si trovano le Province di distrettuali previste dalla legge 328/2000.”Agrigento, Enna, Siracusa, Palermo in cui si (Tratto da Progetto esecutivo)registra una variazione negativa dell’indicedi occupazione nel periodo ’93-99 tra il Breve storia e contesto3,2% e il 13,9%. All’estremo opposto, con Per comprendere e inquadrare il casoperformance estremamente positive, Alfabeti di Comunità occorre risalire al 2001,troviamo le Province di Ragusa (20,2) e di anno in cui Ecos-Med, con una vasta rete diTrapani (6,0%). partenariato locale, avvia il progetto del ‘Parco Horcynus Orca’: si tratta di un10. Giuseppe Intersimone, Architetto Presidente progetto finanziato dalla CommissioneCoop. Soc. B ASTU Europea tramite la Sovvenzione Globale11. Aurora Arena - Presidente Coop Sociale B Parchi Letterari, che darà il via all’omonimaEteria Fondazione. Il parco interessa l’area dello12. Giuseppina Sindoni - Architetta Presidente stretto e quindi comprende Reggio CalabriaConsorzio Sol.E. e co-referente progetto Alfabeti (Scilla) e Messina (sulla sponda di Cariddi)di Strada – APQ (Priorità A) in zona Torre Faro sull’estremità nord-est.13. Rosario Ceraolo – Direttore CeSV di Messina(uno dei 3 Centri Servizio Volontariato dellaSicilia)Enna Sottoprogetto Terreno confiscato inContrada Cuticchio1. Franz Scavezzo - Agronomo Coop Soc.Plurima Nuovi Percorsi2. Barrotta Gianluca, giovane titolare di unprogetto pesonalizzato di inclusione - ex carcerato48http://www.progettoforce.it/report_finale_short.doc Report finale: L’analisi quantitativa. ropostaper una strategia di sostegno e sviluppo delleimprese sociali nelle Regioni Obiettivo 1, EcosMed– marzo 2005 38
  • • Promozione di ricerca, scambio e contaminazione tra i diversi linguaggi artistici e organizzazione di incontri, laboratori, seminari multidisciplinari (Tratto da Sito) “ m.cicala, Il Venerdì di Repubblica 11/2/05 locandina Parco Orca Horcynus Foto 10 Veduta aerea stretto di MessinaTratto da GoogleIl parco prende il nome dall’omonimofamoso romanzo, edito per la prima voltanel 1975, di Stefano D’Arrigo49. Foto 12 InstallazioneSin dall’inizio il parco ha intesorappresentare un crogiolo di iniziative • recupero e valorizzazione di beniconnesse a diverse discipline ed un “punto archeologici e storico-architettonici: ind’incontro di esperienze culturali, un’officina particolare il complesso monumentale didi saperi in cui si combinano i segni del Capo Peloro;passato con le sfide del futuro.” • sviluppo di una piattaforma per laIl progetto del parco comprende una sperimentazione di sistemi di produzione dipluralità di azioni e percorsi attinenti a: energia dalle correnti marine (v. Foto turbina Kobold);• organizzazione di eventi culturali e di unfestival biennale di arte contemporaneadedicato alle arti performative nelmediterraneo e installazioni video teatrali(nel 2005 il Festival ha interessato artisti delsud-est del Mediterraneo) Foto 13 Area monumentale a Capo Peloro • attività di educazione ambientale eFoto 11 Logo del parco turismo ecosostenibile, organizzazione di visite, immersioni ed escursioni nell’area dello stretto. Milano,49 Stefano D’Arrigo, Horcynus Orca,Mondadori, 1a ediz. gennaio 1975 39
  • • creazione sale per dirette subacquee • supporto allo sviluppo di attivitàe breve percorso museale con esposizione di produttive, n. 4 imprese giovanili e/opesci “abissali” – pesci che vivono nei femminili profit e n. 6 imprese sociali,fondali a 1 km. di profondità - solitamente correlate alle attività di gestione del parcorari ma presenti nell’area dello stretto dove Horcynus Orca e del Parco Sociale di Fortespiaggiano a causa della rottura della Petrazza. HO Servizi s.r.l. gestisce il lido delvescica natatoria dovuta alle correnti che li Parco e avvierà entro il 2006 lo spaziospingono superficie; degustazione del Parco; Mediabeta s.r.l. gestisce i servizi tecnologici del Parco; Sunmeetings s.n.c. gestisce l’Organizzazione dei grandi eventi e dei convegni; Sciara s.r.l. gestisce i servizi di grafica ed i laboratori di fumetti e cartoni animati; la Coop. Soc. Ecosfera gestisce il Diving; la Coop. Soc. Astu ha collaborato alla produzione dei mobili da ufficio e di tutti gli elementi di arredo interni ed esterni; la coop soc. Eteria sarà invece responsabile della gestione del bar e della ristorazione nella sede di forte Petrazza; la coop. soc. Nuova Idea gestisce la pulizia, la manutenzione e la foresteria dei due Parchi tematici; il Consorzio Sol.E. e la Fondazione Horcynus Orca sono i due cluster che mettono in rete le azioni di marketing, di finanza e di ricerca e sviluppo. I network coinvolti Sono sin qui quindi (a partire dal periodo 1999) contemporaneamente coinvolti in modo sinergico una serie di network attivi in settori assai diversi: o Imprese sociali e profit con funzioni di ricerca e sviluppo (Ecos-Med, IDS Informatica, Ponte di Archimede - ME) e ONG che operano nella cooperazione allo sviluppo (CRIC di Reggio calabria); • riqualificazione di strutture e di un o Università e Istituti di ricerca per l’areaterritorio in precedenza degradato o sotto oceanografica, economico-sociale, delleutilizzato e di spiaggia ad alto valore telecomunicazioni, delle energie rinnovabili,ambientale (n.b. adibito, negli anni ’60, a del ciclo dell’idrogeno, della realtà virtualetiro al volo, poi abbandonato e occupato ed aumentata;dalla criminalità per lo spaccio di droghe); o agenzie ed esperti di arte contemporanea; o imprese e istituti a livello internazionale (UNIDO/ONU)50 per lo sfruttamento 50 A tale proposito si ricorda che come esito del convegno del settembre 2005 l’UNIDO ha deciso di avviare a Messina, in collaborazione con la Fondazione Horcynus Orca, il Centro internazionale di documentazione, ricerca e trasferimento nei paesi in via di sviluppo dei saperi e delle tecnologie legate al mare. Si ricorda altresì che nel luglio 2006 la FondazioneFoto 14 Sala percorso attrezzato – Complesso Horcynus Orca ha promosso insieme al Comunemonumentale di Capo Pelor ed a Istituzioni della ricerca scientifica il Sistema Ambientale dell’Innovazione Tecnologica 40
  • dell’energia proveniente dalle correnti Ideale e svolge il ruolo di coordinamentomarine; formativo per le Province di Enna, Caltanissetta, Ragusa e Messina relativamente al Progetto Force. Entrambi i progetti sono finanziati sul PON Nazionale Sicurezza e Legalità 2000-2006.Foto 15 La piattaforma Kobold in funzione (Foto tratta da Sito Fondazione Horcynus Orca)o reti internazionali, nazionali e localiespressioni dell’economia sociale (Reves,EMES, CGM nazionale, Coppem). Sin dal 1999 Ecos-Med svolge unruolo di primissimo piano nel settore dellepolitiche sociali e sanitarie della Siciliaorientale realizzando una serie di Foto 16 Reception Parco Horcynus Orca-sperimentazioni innovative di politiche di 6/06welfare e di welfare di comunità . Le Fondazioni Horcynus Orca, PinoLa rete delle Caritas di Sicilia, la delegazione Puglisi e S. Vito da tempo collaborano con iregionale, ha dato vita dal 2001 ad un forum Comuni coinvolti nel progetto; con la retedi ricerca-intervento sulle politiche sociali delle Caritas (co-fondatrici della prima egestito da Ecos-Med. In questi anni di della terza), con Ecos-Med e con l’Arciattività si sono effettuate ricerche ed analisi regionale (co-fondatori delle prime due). Sisul contesto socio-economico, sui modelli di sviluppano, inoltre, collaborazione trawelfare attuati sul territorio dai Comuni e si organismo espressione di network del terzosono promosse piccole sperimentazioni settore a livello nazionale ed europeo: Ecosinnovative, nei territori oggi coinvolti nel Med, Arci, Agesci, CGM, REVES e Bancaprogetto (Modica e Scicli; Messina, Enna e Etica.Gela - per la lotta all’usura -). Il Dipartimento di Salute mentale Alcuni dei comuni coinvolti (Modica, (DSM) della ASL 5 di Messina inScicli, Gela) hanno lavorato insieme per due collaborazione con le persone che poianni (2000-2001) sul programma europeo fonderanno Ecos-Med, il Comune di MessinaFalcone, coordinati dal centro studi di Ecos- etc. avvia nel 1995, con notevoli ritardi, iMed e dal CENSIS di Roma. Nell’ultimo anno processi che porteranno alla chiusuradell’iniziativa Falcone la rete ha elaborato, dell’Ospedale Psichiatrico di Messina euno studio considerato dall’Unione Europea successivamente, anche con Ecos-Med ed istudio modello sui sistemi di prevenzione suoi partner l’avvio di un progetto unico neldalla criminalità organizzata. Due dei tre suo genere: la creazione di soluzionecomuni sopra citati (Modica e Scicli), anche abitative alternative alle comunitàsulla base della ricerca europea, hanno terapeutiche per pazienti psichiatriciinsieme ad Ecos-Med riprogrammato le attraverso l’esperienza delle “15 Ville”.proprie politiche sociali. Ecos-Med svolge un ruolo di ricerca esviluppo, finalizzato alla promozione diTerritori Socialmente Responsabili neiComuni di Scordia, Grammichele, S. Micheledi Ganzaria e S. Cono nel progetto La Città 41
  • Foto 17 La Villa, Progetto DSM ASL 5ME in zonaRocca Valdina –6/06 Foto 19 OPG di Barcellona (ME)- 6/06 Foto 18 Veduta delle Eolie dalla VillaSi tratta di una soluzione altamenteinnovativa, efficiente (costi inferiori alle Foto 20 Laboratorio lavorazione legno Coopnormali reti presenti a livello regionale e Soc. Astu, 6/06riconosciute da altre ASL) ed efficace sul Si noti che in Italia esistono solo 5 OPG epiano sanitario basata sulla gestione di unità che anche questa per molti aspettiabitative molto belle ubicate nelle campagne rappresenta una esperienza di rilievo. Ladella provincia di Messina destinate a piccoli cooperativa sociale ASTU sorta nel 2002gruppi di ex pazienti psichiatrici (6 persone). attualmente impegna 3 soci architetti eAlla ASL verrà, quindi, affidato il compito di design 2 artigiani e n. 5 giovani internati oattivare e accompagnare le AUSL degli altri ex internati dell’OPG, che stanno scontandoterritori coinvolti nel progetto Alfabeti di pene alternative al carcere. La cooperativaComunità. produce una linea originale di mobili perSempre sul tema dell’inserimento lavorativo casa e ufficio. La stessa cooperativa, inper persone con problemi psichiatrici si pone un’ottica di strategia sinergica del networkl’esperienza della falegnameria che opera di imprese sviluppato attorno a questo caso,nei locali adiacenti all’OPG Ospedale ha prodotto i mobili che appaiono nelle fotoPsichiatrico Giudiziario di Barcellona utilizzati per arredare gli uffici del parco(Messina). Orca Horcynus e Forte Petrazza. Nel 2003 si completa la bonifica del lido adiacente l’ingresso al Parco che viene dato in gestione ad una nuova impresa giovanile, la HO Servizi s.r.l.. 42
  • avente originariamente la funzione di roccaforte protettiva.Anche in questo caso la struttura mobileattrezzata montata sulla spiaggia è opera di Foto 23 Zona Camaro superiore- ME, 2/06ASTU. In realtà non è stata mai utilizzata a tale scopo e durante la seconda guerra mondiale fu adibita ad area di ricovero di mezzi cingolati. In seguito la zona è andata incontro ad abbandono e degrado ed è stata utilizzata per attività di spaccio di droga, quale discarica abusiva e presumibilmente per nascondere latitanti e per i combattimenti dei cani. Foto 21 Spiaggia attrezzata ParcoHorcynus OrcaNel 2001 viene dato in concessione alConsorzio Sol.E., appositamente promossoda Ecos-Med, Forte Petrazza e grazie alprogramma OASIS, poi integrato da unprogetto finanziato all’interno delprogramma Fertilità, si avvia la suaristrutturazione e allestimento dei locali. Foto 24 Ingresso Forte Petrazza con vetro lesionato Foto 22 Forte Petrazza cortile, 2/2006 Non sono mancati gli atti vandalici eSi tratta di una imponente struttura di circa intimidazioni per ostacolare i lavori di2.000 Mq., denominata Forte Petrazza e ristrutturazione (es: vetri rotti, impiantocostruita nella seconda metà dell’ottocento, elettrico sfilato, gatti sgozzati, proiettili,posta su una collina in zona Camaro ecc.) che tuttavia sono attualmente conclusi.superiore a sud di Messina e distante circa 9 Nell’aprile del 2006 è stata ultimata laKm. dalla zona del Parco Horcynus Orca e ristrutturazione e nell’agosto si avvia la sua 43
  • piena utilizzazione come sede di imprese o Start up di alcune delle imprese socialisociali e spazio per attività animative e create in precedenza o in altri casiculturali rivolte anche agli abitanti del supporto allo sviluppo delle stessequartiere adiacente della città di Messina (v. tramite attività di networking chein seguito APQ A) Alfabeti di strada). favorisce la commercializzazione dei prodotti. Due delle 6 imprese sociali che si stanno accompagnando nascono all’interno dei progetti personalizzati3.2 Il ruolo del programma APQ avviati con il DSM dell’ASL 5ME: ASTU Marginalità sociale che opera nei locali OPG e Nuova IdeaDopo aver accennato ad alcune progettualità che offre servizi alberghieri e di pulizia edprecedentemente sviluppate da Ecos-Med e i opera, con il Consorzio Sol.E. comesuoi partner spostiamo l’attenzione sul general contractor, per l’E.R.S.U. nellaprogetto dell’APQ oggetto specifico di questo gestione della Casa dello Studente e delcaso. Ecos-Med gestisce un progetto Servizio Socio-Culturale.finanziati dall’APQ Marginalità Sociale: o Nuovi inserimenti lavorativi di giovani o Per la priorità C) gestisce Alfabeti di realizzati grazie al network di imprese Comunità (CR 05ME). Il costo del sociali e imprese profit in precedenza progetto per le annualità 2005-2007 sviluppato. è pari a €. 1.100.360,00 ed il o L’aspetto tuttavia più significativo finanziamento dell’APQ pari a riguarda la continuità e coerenza delle €.749.808,00. Circa ¼ del budget strategie di sviluppo perseguite e il è destinato ad interventi per l’area di mantenimento e rafforzamento di reti di Messina. fiducia all’interno del nucleo centrale delE collabora in qualità di socio del Consorzio partenariato (es: rete delle Caritas,Sol.E. all’attuazione di: Fondazione antiusura padre Puglisi, Fondazione Horcynus Orca, Consorzio o Per la priorità A) Alfabeti di Strada Sol.E., Piattaforma dell’Economia Sociale (MS-A019-ME) in collaborazione con dell’Area dello Stretto). il Comune di Messina (cofinanziato da fondi APQ – totale costo progetto € 360.000). L’idea di mettere in rete i diversi partner,Il progetto Alfabeti di Comunità, in particolar del privato sociale, privati e istituzionali, e imodo nella realtà messine, si pone per diversi canali finanziari in una prospettiva didiversi aspetti in continuità con il Parco economie di rete nasce con la FondazioneHorcynus Orca precedentemente descritto e Parco Orca Horcynus; la proposta originariacon le diverse esperienze di sviluppo del 1999 era, infatti, di mettere a sistema didell’economia sociale. In questo caso non è diversi finanziamenti. Di fatto tale processostato facile distinguere dove inizia e dove in modo più compiuto è stato implementatofinisce un progetto, cosa rappresenta una e messo a regime proprio tramite risorsecausa e cosa un effetto, definire dei confini dell’APQ grazie al quale:formali attraverso cui analizzare l’oggetto di “…….si è concretizzata la possibilità divalutazione. trovare risorse ad hoc che un po assecondano il nostro modo di lavorareLa continuità riguarda diversi profili: mentre in passato si è lavorato su pezzi dio completamento della fase di progetti. Finalmente all’interno di una unica risanamento sociale della riserva naturale partnership e ‘casa progettule’ abbiamo di Capo Peloro e dei beni monumentali potuto assecondare il nostro modo di limitrofi avviata con il parco. lavorare. Un’altra linea di finanziamento che si muoveva in modo simile per certi aspettio Utilizzo e valorizzazione di aree, è stato il programma Equal.” (Presidente strutture e servizi del parco per attività di Ecos Med) educazione ambientale con le scuole. Si noti che nel solo secondo trimestre del Il Parco e Alfabeti di comunità agiscono in 2006 sono stati raggiunti circa 60 gruppi modo complementare con il secondo scolastici. progetto, quello della priorità A su Messina denominato Alfabeti di strada. Questo 44
  • secondo progetto realizza attività di d) Sperimentare modelli innovativi dieducativa di strada ed animazione della welfare comunitario;comunità locale e gestisce il Laboratorio e) Promuovere piattaforme di economiaTerritoriale del Cambiamento sul territorio sociale eticamente orientate nei diversimessinese sottostante all’area di Forte territori in cui si svolgono le azioni delPetrazza. progetto e favorirne la messa in rete.La finalità principale del progetto CR Alfabetidi Comunità è quella di rafforzare processi disviluppo locale basati sulla coesione sociale Il partenariato del progetto ee l’inclusione sociolavorativa di giovani e di caratteristiche della rete disoggetti appartenenti a fasce deboli. implementazioneSi punta sull’attivazione di forme di Il progetto nasce dal riannodarsi di piùeconomia sociale in grado di costituire percorsi che hanno visto, quali protagonisti inuove forme di lotta al controllo mafioso del partner di Alfabeti di Comunità:territorio e nuovi modelli di inclusione dei o La rete della Caritas: Caritas diocesanagiovani anche nei contesti economici così di Messina (coordinatrice regionale diarretrati. turno), di Piazza Armerina (della diocesi di Piazza fanno parte il Comune di Enna“L’idea è quella di proporre sistemi di e quello di Gela); di Mazara del Vallosoggetti e reti di sistemi quale alternativa (Comuni di Mazara e Marsala), di Noto-concreta possibile ad uno sviluppo Modica (ne fanno parte Modica e Scicli).polarizzato dove i grandi attrattori economici o I Comuni di Messina, Enna, Mazara delsvolgono spesso un ruolo disgregante e Vallo, Salemi.depauperatore della comunità e del o I Comuni di Modica, Scicli dove esistonoterritorio. Il progetto intende storie pregresse di programmazionepromuovere in modo interdipendente partecipata;“sistemi socio-economici etici (….) o Il Comune Gela con lo sportello antiusuracontestualmente all’attuazione di progetti promosso dalla Fondazione Pino Puglisi.personalizzati di inclusione (secondo gli assi o La AUSL 5 di Messina con il DSM ed indi intervento dell’abitare, della particolare le diverse progettualità persocializzazione, della formazione l’inserimento lavorativo.permanente e dell’inserimento lavorativo).” o L’Associazione di Volontariato Don Puglisi“In questo senso l’integrazione non è più il o L’Associazione di Volontariato Unaprolungarsi d’interventi assistenziali, ma Famiglia per Amicopiuttosto la capacità della comunità di o L’Associazione di Volontariato CEPASricucire lien social (legami sociali) intorno a (ME).idee condivise e partecipate di sviluppo o Il CeSV Centro Servizi per ilanche economico.” (Tratto da progetto) Volontariato di Messina. o La Fondazione Horcynus OrcaIl progetto utilizzando un approccio di (www.horcynusorca.it)ricerca-intervento intende sperimentare i 5 o La Fondazione San Vito (TP) che operadiversi territori modelli di Welfare a Mazara con adolescenti e giovanicomunitario utilizzabili in futuro dagli ambiti immigrate (progetto finanziato con ie dai Comuni in sede di programmazione fondi 8x1000 di Caritas Italiana)della legge 328. o La Fondazione Antiusura Padre PinoIn definitiva gli obiettivi dichiarati del Puglisi sorta nel 2001 e presieduta dalprogetto fra loro interdipendenti sono: direttore della Caritas di Messina. Nel 2003 sottoscrive una convenzione con a) Sostenere minori e giovani privi di il Banco di Sicilia valida su tutto il supporto familiare; territorio regionale per supportare le b) Promuovere autonomie personali famiglie in un’ottica di prevenzione familiari e di comunità; dell’usura. o L’Oratorio D. Savio di Messina c) Promuovere culture e prassi di vita di o Il Ministero della Giustizia - USSM legalità; La fitta mappa delle relazioni ha rappresentato una garanzia della buona 45
  • riuscita dell’iniziativa che aveva “fra i suoi meridionale della Sicilia, cioè a Gela, aobiettivi principali quello di creare sistemi Vittoria, ad Agrigento”socio-economici territoriali e reti di sistemi, Si può dire che la Stidda è la parente poveracome unica alternativa locale possibile ad di Cosa nostra, ed è però molto agguerrita.uno sviluppo sterile e non inclusivo, specie Allinizio degli anni novanta scoppiò a Gelarispetto alle giovani generazioni.” la famosa guerra tra Cosa nostra e Stidda per il controllo dei grandi appalti che si stavano per aggiudicare e delle tangenti a questi connesse. Attualmente esistono forti3.3 Il sotto progetto di Gela: accordi per il controllo del territorio e lel’adozione sociale delle famiglie estorsioni rappresentano un fenomenoGela51 è considerato il territorio invasivo dettato dalla necessità per le duemaggiormente a rischio in Sicilia per quanto organizzazioni di recuperare le risorseriguarda il coinvolgimento dei minori in necessarie a pagare familiari e avvocatiattività criminose e fenomeni di disagio degli affiliati che sono in galera.socioeconomico in senso lato delle famiglie. “..queste due organizzazioni criminali oggi si muovono a braccetto per compiere leGela è una “città che vive le contraddizioni estorsioni criminali, nel senso che undella presenza scomoda del Polo rappresentante di Cosa nostra e uno dellapetrolchimico Eni, portatore di sviluppo Stidda vanno insieme a visitare i negoziantieconomico e di occupazione ma allo stesso taglieggiati per prendere ogni mese il pizzo.”tempo di profondo degrado ambientale; una (Audizione del 1999)città che ha subito la violenta guerra per il Vi è poi la questione relativa alcontrollo del territorio tra Cosa Nostra e la coinvolgimento dei minorenni in reati diStidda, l’organizzazione criminale che infetta criminalità organizzata: un fenomeno che hala provincia di Caltanissetta”.(Assoc. Libera, interessato Gela dall’inizio alla fine degli22.3.2004) anni 90.Gela secondo il capo della procura “Quasi lottanta per cento del miodistrettuale antimafia di Caltanissetta52 “è lavoro – afferma il Procuratore dellacaratterizzata dallesistenza di due grosse Repubblica presso il tribunale per icompagini di criminalità organizzata, le quali minorenni di Caltanissetta- proviene da Gelaa volte si fronteggiano, altre lavorano e mi sono resa conto che nella città ci sonoassieme: la Stidda e Cosa nostra. (…)La interi quartieri (Settefarine, Scavone) neiStidda è invece unaltra organizzazione quali il contesto è di totale degradocriminale, non così diffusa sul territorio ambientale, culturale, economico: lillegalitàregionale e nazionale, ma che comunque ha generalizzata e diffusa è lunica regola diuna sua consistenza soprattutto nella fascia vita. Sono quartieri nei quali in ogni famiglia cè un padre, uno zio, un fratello maggiore, un nonno che sono in carcere o vi sono già stati; molti componenti della famiglia non hanno unoccupazione o lhanno51 Comune di Gela (CL) 77.245 Abitanti al 31.12.2005- estremamente saltuaria, quindi lunico modoDati ISTAT. Numero medio componenti per famiglia paria 3,2: superiore alla media delle province della Sicilia. per sopravvivere è commettere reati.”Il tasso di delittuosità minorile (quoziente pop 100.000 (C.Chinnici, Seduta del 10/11/1999 Cameraresidenti 0-17 anni) della provincia di Caltanissetta è il dei Deputati)più alto della Sicilia (1.838 contro 1.153) e a questocontribuisce fortemente il dato di Gela. Partner iniziali del progetto nella Provincia di Gela sono stati il Comune e la Caritas52 Tratto da: Audizione del dottor Giovanni Tinebra, diocesana. Dopo circa un anno di tentativi poco produttivi di avviare una progettualitàcapo della procura distrettuale antimafia di basata sull’ipotesi di gestione di alcuni beniCaltanissetta. confiscati dati in concessione dall’Anmmministrazione Provinciale nellahttp://www.camera.it/_dati/leg13/lavori/stenbic/36/19 zona lido i partner del progetto su Gela99/1012/s010.htm Seduta del 12/10/1999 hanno deciso di comune accordo di avviare 46
  • una esperienza di “Adozione sociale delneonato e delle famiglie”. Si tratta di un programma di tipopreventivo sperimentato dall’ACPAssociazione nazionale culturale dei pediatrinei quartieri di Scandicci e Scandia aNapoli, e parallelamente per un certoperiodo anche a Messina (nel periodo in cuiG.Giunta era assessore comunale) a partiredalla metà degli anni ’90 (Cirillo, Siani,Tamburlini 1996).Nel contributo al piano dazione del GovernoItaliano per linfanzia e ladolescenza53 l’ACPraccomanda l’adozione di questo programma“È possibile operare in senso preventivo con Foto 25 Riunione presso URP dell’Ospedale di Gela: pediatra, Comune, Coop.Socprogrammi di "accompagnamento" dellafamiglia dopo la nascita. Si veda in tal sensolesperienza già citata di "adozione sociale" Il servizio sociale dell’Ospedale che operasperimentata a Napoli e in corso di nel reparto di ginecologia e ostetricia ha ilattuazione a Messina.” (Quaderni acp vol.5, compito di fare la segnalazione agli operatori1998) del comune quando si identificano determinati fattori di rischio familiare.Il progetto consiste nell’individuare al A seguito di tali segnalazioni due educatorimomento della nascita (nel reparto di della Coop. Soc. Nuovi Percorsi, tramiteostetricia), sulla base di alcuni indicatori di visite domiciliari, cercheranno di favorirerischio sociale, quei minori che con maggior l’accessibilità dei servizi sociosanitari daprobabilità avranno problemi di salute, di parte delle famiglie e attivare i fattoriricoveri ripetuti, di inadeguatezza delle cure protettivi interni alle reti familiari.parentali, di dispersione scolastica e I servizi potranno laddove necessariodevianza, di disagio sociale ed economico. intervenire in tempo utile tramite“Lidea era elementare: affrontare il disagio l’attivazione di una presa in carico globalesociale sul nascere (cioè proprio alla nascita) del nucleo familiare e la predisposizione di(…) L"utopia" era il voler sottrarre alcuni di interventi ad hoc. In tal modo si avvia unquesti bambini a un destino che sembrava rapporto precoce (v. per controlligià segnato alla nascita: nascere con un programmati del neonato, supportobasso peso, ammalarsi di più, ricoverarsi di l’allattamento al seno, cicli vaccinazioni…)più, vaccinarsi di meno, evadere la scuola, tra pediatra di base e famiglia un rapportoinserirsi con difficoltà nel mondo del lavoro; basato sulla consapevolezza e ilper alcuni non evitare la strada della riconoscimento dei diritti del bambino e delladevianza.” (Siani et Al., 2003)54 madre ed al contempo dei doveri. “dalle nostre parti c’è il concetto che se siamo amici o di una certa posizione sociale,L’intento è quello di introdurre con questo sia dal punto di vista della professione, siaintervento degli elementi strutturali di della delinquenza, si pretende di noninnovazione delle politiche di welfare. aspettare nell’ambulatorio. Per principio abbiamo posto delle regole a cui tutti dobbiamo sottostare… anche mia sorella. Ha un significato importante l’attesa del proprio turno” (Pediatra) Il vantaggio di un progetto del genere è53 Quaderni acp - volume 5 - numero: 5.1 Febbraio triplice:1998 54 Siani Paolo, Esposito Salvatore, Attademo o è un progetto inizialmente a basso Giovanni, Giacci Olindo, Cirillo Giuseppe, Il costo poiché di fatto in gran parte consiste Progetto "adozione sociale" a Napoli: tra illusioni nel favorire l’accessibilità ai servizi e delusioni Quaderni acp - 2003; 10(3) (v.segretariato sociale, educativa di strada) abbassando la soglia di accesso 47
  • per i target più a rischio e solitamente “Adozione sociale del neonato” la nascita di meno propensi ai rivolgersi alle istituzioni una cooperativa sociale, Nuovi Percorsi, nata sanitarie e sociali. nel marzo 2006 e presieduta da un referenteo Funziona mettendo in crisi il sistema e dell’ACLI regionale favorisce di fatto il ripensamento di La decisione di sostenere la nascita di una politiche più eque: costringendo le impresa sociale di dimensione diocesana, istituzioni a muoversi verso i target più attiva nei sottoprogetti dell’APQ su Enna e esclusi ad accorgersi chi non va ai servizi su Gela (Caltanissetta), espressione di una facendo emergere così i buchi del sistema forte volontà e vicinanza della Caritas dei servizi. diocesana di Piazza Armerina, deriva ancheo Agisce ad un livello strutturale dalla constatazione di alcune debolezze del interessando oltre il 90% dei nuovi nati contesto e dalla necessità di potenziare le del territorio e impattando sulla rete dei risorse presenti nella rete locale servizi socio sanitari e noi su singoli legittimando, e al contempo proteggendo, il segmenti. nuovo soggetto imprenditoriale. La cooperativa viene da subito intesa qualeSi è curata la sostenibilità del progetto, il “nuovo contenitore” sul quale innestareComune, infatti, si è impegnato a precedenti percorsi. Essa a è dotata di unproseguire le attività progettuali dandogli comitato etico presieduto dal vescovo checontinuità all’interno del Piano di zona e dei serve da garanzia della qualità etica perchéfondi della l.328/00. possa continuare ad essere affidabile e credibile. La diocesi e la Caritas svolgono unTra i possibili punti di criticità che ruolo centrale sia nel catalizzarepotrebbero emergere in futuro si segnalano progettualità e risorse sia quali garanti deldue aspetti emersi nell’esperienza percorso.napoletana e riportati dagli stessi ideatori “Tante attività trovano – grazie alladel programma: la professionalità e la forte cooperativa- il treno giusto per partire (…)legittimazione all’interno del sistema dei Quello che non manca è la volontà diservizi dei visitatori domiciliari e la incrementare quanto di positivo e di metterepossibilità e volontà delle istituzione e dei in rete quanto di valido c’è a tutti i livelli” Ciservizi socioassistenziali di far fronte ai sono tanti spunti…Che questo possa esserenuovi bisogni e alle nuove segnalazioni. un catalizzatore dei segni di vita mi pare sia“Altre funzioni, e altre professionalità il segno più promettente e positivo di questaoccorrono quale perno di una politica di esperienza. Posso garantire per me chesupporto alla genitorialità. Penso in passi indietro non ce ne sono ….da qui in poiparticolare a "health visitors" con una si va avanti” (Caritas Diocesi piazzarobusta cultura sociale e psicologica più che Armerina).igienistica-sanitaria.” (Tamburlini, 2001)55 Su Gela nel giugno 2006 la Caritas, la“Il personale sociale non riusciva a Diocesi, Ecos Med la Fondazione antiusuraintervenire tempestivamente su quelle di Messina, la cooperativa Nuove Rispostefamiglie che non avevano un problema già stanno collaborando per la realizzazione dichiaro e conclamato e si concentrava, una casa di accoglienza per 10 minori; sigiustamente, sui casi più a rischio e più tratta di un progetto per il quale una serie diurgenti.” (Siani et Al, Quaderni acp 10(3), imprenditori hanno già donato gli arredi.2003)Come risultato del progetto APQ si segnala,oltre all’attivazione del sottoprogetto 55 Tamburlini G. Supporto alla funzione genitoriale e promozione della salute mentale in età evolutiva, Quaderni ACP – Bimestrale online dell’Associaz Culturale Pediatri volume 8 - numero: 8.2 Aprile 2001. Intervento "Conferenza Nazionale sulla Salute Mentale" Roma 10 -1-2001 48
  • l’amministrazione comunale: la rete istituzionale ha seguito e sostenuto tutti i diversi passaggi ed è intervenuta prontamente laddove sono emersi episodi di ricatto e minaccia nei confronti degli operatori. Anche in questa situazione la credibilità degli attori in campo e le reti fiduciari hanno permesso il successo dell’iniziativa “Il trucco sta nel funzionamento della rete intesa come rete di relazioni” (Fondazione antiusura). “Questo progetto stava andando inmodo autonomo con il responsabilediocesano della pastorale giovanile aabbiamo voluto includerlo perché abbiamopensato fosse importante per coordinare almeglio e avere maggiori benefici e maggioreenergia. I ragazzi su Gela della cooperativasaranno impegnati anche su questa attività.Il punto di forza di quest’ avventura, graziealle azioni dell’APQ, è stato il fatto che sistanno innestando una serie di buone prassie progetti: la convenzione con il parcoMontelungo, la casa famiglia e il terrenoconfiscato ed altre azioni a cascato chestanno dando forza (…) c’è anche un altroprogetto della Caritas con 4 sportelli afavore di azioni per immigrati”.(Presidentecooperativa)3.4 Il sottoprogetto di Enna: i ceci del terreno confiscato La Fondazione antiusura di Messina ha Nel 2005 si è sostituita una ATS svolto un ruolo importante nel supportareAssociazione Temporanea di Scopo tra Ecos- anche tutte le iniziative di economia socialeMed, l’Associazione Libera, una coop. soc. di attraverso il supporto finanziario:Palermo del circuito di libera-terra “Lavoro enon solo” con la Fondazione Antiusura Padre “ci siamo intestati una funzione diPino Puglisi capofila. alla quale nel 2005 è promozione di un attività finanziaria chestato affidato un terreno agricolo nel fosse connotata e servisse a promuovere eComune di Assoro (EN) di 13 ettari. creasse opportunità di inclusione nell’accesso ai finanziamenti. Abbiamo Grazie all’aiuto della curia sono riusciti inteso la nostra attività di prevenzione nelloa formare una cooperativa sociale (Nuovi svolgimento della funzione diPercorsi) che ora ha messo a disposizione intermediazione di fondi pubblici, l’abbiamodue persone – di cui una è un ex detenuto- interpretato in modo attivo sostenendoper la coltivazione del terreno. iniziative che servissero a stabilizzare Questo sottoprogetto è fondato su un esperienze connotate economicamente inrapporto molto intenso tra Ecos-Med, la una certa maniera ma anche che partisseroprefettura, la questura di Enna e dal basso operando in un territorio molto 49
  • povero…” (Fondazione Antiusura Me,Centorrino) Questo terreno di scarso valoreeconomico (circa €.12.000,00), a causaanche della cronica carenza di acqua dellazona, rappresenta il primo bene confiscatoalla mafia dato in gestione nella Provincia diEnna. Nel corso dei primi mesi del 2006 ipartner del progetto hanno dovutofronteggiare una serie difficoltà connesse aminacce aperte del precedente proprietarioe impossibilità di reperire localmentepersonale specializzato e attrezzature. Perevitare il coinvolgimento di persone delposto colluse con la mafia hanno, infine,deciso di rinunciare per l’anno in corso alla Rpiantagione di grano rosso, più Risultati del progetto APQremunerativa, e di optare per la messa a Ricapitoliamo in sintesi i principalicoltura di 6 ettari di terreno a ceci con risultati sviluppati ad un 1 e ½ dall’avvio delalcune piccoli tentativi sperimentali di piante progetto Alfabeti di comunità. In una primada erboristeria (es. Anice stellata, parte del paragrafo si riporteranno i risultatiCumino…). Il valore sociale di questa prima “tangibili” mentre in una seconda siesperienza è notevole e assolutamente non svilupperà un ragionamento anche su effettimisurabile attraverso il solo valore intangibili e strategie sviluppate da questoeconomico del raccolto per l’anno in corso. progetto. Tra i risultati si ricordano:Su di essa si stanno sviluppando diversealtre iniziative connesse alla gestione di 1) Allestimento di zona bar, arredamento diterreni confiscati. L’esperienza dei “ceci di n. 6 uffici e n. 4 stanze di foresteria, dacontrada Cuticchio” si colloca all’interno di adibire in zona Forte Petrazza a sedi diun percorso di sviluppo di una filiera imprese sociali.alimentare, basata sulla produzione diprodotti agricoli biologici in terreni confiscatialla mafia e coltivati da soggettidell’economia sociale, con il marchio e lacommercializzazione sul territorio nazionalea cura del progetto Libera Terra (http://www.liberaterra.it ). Foto 27 Locale interno forte Petrazza attrezzato ad ufficio 2) Accompagnamento tecnico e finanziario Foto 26 La prima raccolta di ceci verdi in per il completamento del piano degliContrada Cuticchio investimenti di HO Servizi finalizzato 50
  • 4) Allestimento di una sezione del percorsoall’allestimento di locali da adibire alla “museale” sull’ecosistema dello Stretto e suiristorazione in zona Parco Orca Horcynus pesci abissali interno alla struttura Torre(primo piano reception). degli Inglesi. Sono circa 3.500 i ragazzi ed i giovani che hanno usufruito dei servizi educativi del Parco Horcynus Orca. 5) Supporto tramite consulenza su diversi aspetti (rafforzamento rete commerciale, informazione su aspetti legali e finanziari, accesso a crediti agevolati) per lo sviluppo o la creazione di imprese sociali in grado di sostenere economie legali. IL CSF ha realizzato attività di informazione e consulenza rivolte a 4 imprese giovanili e/o femminili profit e 6 imprese non profit. Presso la Casa accoglienza a Modica per minori e donne in difficoltà sono state 6) Percorso di presa in carico personalizzati di n. 17 persone. 7) Al 31.12.2005 sono state 90 le persone, per la maggior parte di cittadinanza Tunisina, che hanno usufruito dei servizi di mediazione sociale e culturale del laboratorio territoriale di Mazara del Vallo. 8) Supporto alla nascita della cooperativa sociale Nuovi Percorsi a livello di diocesi di Piazza Armerina (Gela-Enna) e coop. sociale Pino Puglisi a ModicaAvvio tramite protocollo di intesa con Azienda Ospedaliera di Gela (delle divisioni di Pediatria e di Ostetricia e Ginecologia), Comune di Gela (Servizio Sociale), Caritas della diocesi Piazza Armerina, Cooperativa Nuovi Percorsi di un progetto per la presa in carico precoce di minori e famiglie a rischio. Foto 28 Pesci abissali3) Supporto alla creazione di un sistemarete in grado di gestire e introdurre in uncircuito produttivo (n.b Circuito distributivoe marchio di Qualità Totale Etica)l’assegnazione alla coop. soc. Nuovi Percorsidi un terreno confiscato (n.b. estensione di12 ettari sito in contrada Cuticchio a circa 30KM dal Comune di Enna). Coltivazione perl’anno in corso di 6 ettari di tale terreno aceci con inserimento lavorativo di n. 2giovani e di una persona appartenente afasce svantaggiate ex carcerato. Foto 29 Terreno seminato a ceci di Contrada Cuticchio 51
  • (n.b. molte piccolissime imprese con forte Il budget complessivo per le cinque differenziazione produttiva talvolta in fase diaree destinato in modo diretto allo start up start up da diversi anni), alla creazione didelle imprese sociali è stato di € forme consortili e alla differenziazione dei120.000,00. “contenitori”, concepiti come soggetti attivi in cluster specifici di determinate nicchie di mercato. La ricerca dell’autonomia e al contempo della capacità di tenuta sui3.5 La teoria del programma: mercati locali spinge a ricercare alleanze e strategie d’azione e meccanismi canali di scambio con partner di rilievo, ipotizzati istituzionali e dell’economia sociale, a livello Il progetto Alfabeti di Comunità è nazionale e UE.centrato sull’economia sociale e partivadall’idea che le borse lavoro non fossero un I meccanismi che funzionanomodello vincente in termini di inserimento I progetti personalizzati per l’inserimentolavorativo stabile: occorreva spostare il lavorativo: le borse lavoro come “dote”focus dallo strumento della borsa lavoro, adesempio (es: per di giovani coinvolti nel Iniziamo a illustrare le strategiecircuito penale minorile) alla logica della sviluppate e adottate esplicitamente insostenibilità delle imprese in grado di “stare questo caso a partire dal modo in cui vienesul mercato” e produrre occupazione. concepito e gestito, anche all’interno delL’obiettivo si sposta sulla creazione di un progetto finanziato dall’APQ, l’inserimentosistema economico all’interno del quale sia lavorativo di persone svantaggiate (es:possibile realizzare condizioni di accoglienza pazienti psichiatrici, donne vittime di tratta,dei soggetti deboli. Si ritiene che l’unica, o la ex tossicodipendenti, ex carcerati).migliore, alternativa locale possibile ad uno La ASL ME5 negli anni scorsi ha realizzatosviluppo sterile e non inclusivo, specie un albo per la cogestione dei progettirispetto alle giovani generazioni, sia quella personalizzati, a tale albo si sono iscritte ledi creare sistemi socio-economici territoriali imprese sociali a cui sono state chiestee reti di sistemi socialmente responsabili occasioni per inserire persone segnalate(TSR). dalla stessa ASL, tramite anche un piano di La prima fase diventa quindi quella impresa. In tal modo sono state avviatedella “infra strutturazione socio economica”, diverse imprese tra cui un ristorante e unalo sviluppo di un sistema socio ed economico bottega a Barcellona del circuito equo eche “stesse in piedi da solo” ed alternativo a solidale che utilizza un bene confiscato allasistemi di interessi e culture conniventi con mafia. Si è chiesto al gruppo di partnerla mafia. quale fossero a loro avviso i meccanismi che avevano permesso di realizzare diversiLa dimensione valoriale rappresenta il inserimenti lavorativi produttivi nell’arco dinucleo centrale del modello, l’elemento di pochi anni.coesione e cooptazione dei nuovi e deivecchi partner tramite cui si sviluppano e “La scommessa è stata di personalizzarerafforzano reti fiduciarie. l’intervento, di non finanziare strutture, ma finanziare progetti personalizzati per leLo sviluppo e la sedimentazione di scambi persone lo start up in realtà è una dotecollaborativi tra partner che condividono economica che si trascina il socio. Questacomuni intenti rispetto al rafforzamento di permette di rendere le personeuneconomia legale e obiettivi di sviluppo di maggiormente protagoniste all’interno delleeconomie solidali rappresenta la forza di cooperative dove hanno lo stesso tipo diquesto caso. La nozione di “capitale sociale contratto di lavoro degli altri soci. Per cuiassai citata dalla letteratura sullo sviluppo non c’è più la differenza tra i soci. Illocale sembra diventare particolarmente meccanismo che funziona in tutta Italia è otangibile osservando il modo in cui network vengono rifinanziate le borse lavoro per cuidi attori sviluppano determinati interventi in diventa uno strumento assistenziale, oterritori “difficili”. vengono date forme di appalti che però In tal senso si comprende la forte spinta hanno una durata quasi illimitata, in talalla nascita di grappoli di imprese sociali modo la persona può restare 9 anni in borsa 52
  • lavoro. (…)Si è utilizzato il contributo valenza economica dell’iniziativa” “…valenzapubblico per avviare l’attività rendendola poi economica dell’iniziativa; le personesostenibile in modo autonomo...” (ASL DSM) acquisiscono anche una propria dignità e vi danno significato perché non è assistita e Nel caso di ASTU, ad esempio, nei queste attività devono dimostrare di essereprimi 3 anni di attività con le borse lavoro spendibili sul mercato.” (DSM ASL)della ASL si sono finanziati i lavoratoriinseriti; il 40% dei ricavi era costituito da Sviluppo e sostenibilità delle impresequesti apporti finanziari. Da marzo-aprile sociali e degli inserimenti2005 la coop. non ha ricevuto più contributi Come è possibile in areesignificativi, infatti, i contributi a sostegno economicamente deboli perseguire obiettividelle persone inserite con disabilità psichica di creazione d’occupazione e di inserimentosono passati da € 40.701,00 a € 9.516,00, socio lavorativo di soggetti esclusi dalmentre i ricavi dovuti a vendite sono passati mercato del lavoro tramite lo sviluppoda € 62.597,00 del 2004 a € 138.932 del imprenditoriale dell’economia sociale?2005 ad un previsionale di € 200.000 nel Come riescono le organizzazioni e le persone2006. Attualmente vi lavorano 4 persone a a coalizzarsi attorno all’idea dei partenariatitempo pieno, 6 a part time, di questi 5 sono sociali forti?internati ed ex internati dell’OPG. L’impresa Abbiamo osservato in precedenza che ilsociale doveva avere questo tipo di innesco progetto Alfabeti di Comunità, tramite ilma doveva poi procedere autonomamente Centro servizi di Ecos-Med, ha sostenutograzie anche all’apporto ed alla disponibilità e/o completato il processo d’avvio di duedei diversi partner istituzionali: la ASL, il cluster (la Fondazione Horcynus Orca ed ilMinistero della Giustizia, l’amministrazione Consorzio Sol.E.), di quattro imprese socialipenitenziaria che ha consentito di avviare nate negli ultimi tre anni (Ecosfera, Nuoval’impresa all’interno della struttura adiacente Idea, ASTU, Eteria) ed ha sostenuto laall’OPG. nascita di nuove imprese sociali nelleLa ASL ed Ecos Med sono piuttosto critiche province di Enna-Gela e del ragusano (rispetto all’abuso dello strumento borse Nuove Percorsi e la coop. soc. Pino Puglisi).lavoro inteso come azione centrale In che misura questo tipo di operazionidell’inserimento lavorativo dei giovani e dei possono essere considerate sostenibilisoggetti segnalati dall’USSM: esso viene, economicamente?infatti, ritenuto uno strumento debole, Osserviamo ora alcune strategie utilizzateparziale, raramente efficace e non privo di per favorire la sostenibilità di questoimpatti controproduttivi. modello di economia sociale. “Da noi è molto complicato anche se non o Si avvia il processo intercettandoescludo che vi siano casi in cui – la borsa delle micro nicchie di mercato in cui avviarelavoro- può risultare utile”. “La borsa lavoro e sviluppare imprese, quasi sempre impresein Sicilia intercetta il fatto che in gran parte sociali di piccolissime dimensioni, in unala popolazione, poco secolarizzata e in logica di filiera. Si cercano in questa fase dicondizioni di disagio economico la “legge” evitare dinamiche competitive interne allacome contributo economico che dà il filiera di impresa o tra nuove imprese ecomune alla famiglia. Si tratta di pura partenariato. Come abbiamo potuto inclientela perché non solo non risolvi il precedenza constatare ciascuna impresa haproblema con una soluzione relativa al occupato un settore di mercato proprioreddito ma non ha nessun valore semmai complementare a quello delle altremoltiplicatore di tipo emancipatorio quella in termini di pacchetto di servizi (es: lepolitica”. (presidente di Ecos Med) uniche due imprese coinvolte nel networkIl gruppo durante l’intervista confronta la messinese che operano nello stesso settore,propria esperienza di inserimento lavorativo i servizi informatici - IDS SrL e Mediabetacon alcuni casi simili conosciuti in Francia s.r.l., di fatto hanno dimensioni e mercatidove di privilegiava l’attività pedagogica talmente diversi da porsi in un rapporto dirispetto la valenza economica. sub contractor). o Un secondo elemento è dato in fase“… nel caso nostro abbiamo utilizzatol’intervento pubblico per sostenere lo start iniziale dalla creazione di dinamiche tipiche di “gruppi di acquisto” che riduconoup di soggetti e progetti poi abbiamo cercatola sostenibilità all’esterno per enfatizzare la notevolmente i costi di transazione e 53
  • permettono di contenere i prezzi per nodi del turismo sociale di alcune delle piùl’acquirente finale e al contempo importanti reti dell’economia sociale. Taliriconoscono al produttore una serie di prospettive si confrontano con il fatto che ilvantaggi economici. I soggetti coinvolti nel sistema territoriale locale è nel suonetwork anche per esperienza diretta o complesso molto debole, offre limitati serviziindiretta sembrano aver mutuato pratiche sul piano delle infrastrutture turistiche,di intervento e filosofie d’azione del culturali e dei trasporti ed occorrecommercio equo e solidale. I mobili di ASTU posizionarsi con “prodotti di nicchia”.sono stati, infatti, commissionati e “...potrebbe diventare l’agenzia di tutto ilacquistati, non solo per arredare le strutture sistema portando qui gente da fuori.sviluppate nei diversi programmi cofinanziati L’obiettivo è di sviluppare servizi collegati ada fondi pubblici, ma dagli stessi partner del livello internazionale e nazionale in cui ciprogetto per uso familiare. sono ulteriori potenzialità. (…). Hai bisogno“Abbiamo due clienti principali: da un lato le di avere contatti con tour operator chefamiglie del distretto economico tra Porto chiedono unagenzia turistica locale poi ciRosa Falcone Messina nella parte Nord della sono le reti vicine a noi come Reves, la reteprovincia di Messina e una parte è costituita CGM, il WWF, tutto un mondo associativodagli stessi attori della rete” (…) “se noi disponibile a fare attività da noi a confine tradobbiamo acquistare i mobili perché non cultura, ambiente e legalità…”dobbiamo rivolerci ad ASTU?” (partner La cooperativa Esosfera che gestisce ilprogetto) Diving sta per ottenere la licenza di touro In una seconda fase si adottano operator; questa aprirebbe prospettive diinvece vere e proprie strategie di ricerca di sviluppo molto interessanti e possibilità dimarketing privilegiando sempre i canali offrire servizi nel settore turistico. Per averesviluppati nel settore dell’economia sociale a la licenza hanno previsto un Direttorelivello nazionale. tecnico che ha competenze specifiche (un“Entro un paio di anni il centro servizi (Ecos ragazzo laureato in marketing turistico) eMed) dovrebbe aiutare la cooperativa ad stanno terminando una serie di accertamentiindividuare una propria tipologia di prodotto della CCIAA.svolgendo al contempo un lavoro di rete,sviluppo aziendale di progetti personalizzati “Il Tour operetor commerciale specializzatocon la messa in comune di fondi privati e del mondo profit nel turismo educativo nellepubblici...sempre intorno all’idea di scuole lo utilizzerei. Cosa diversa èpartenariati sociali forti. Sempre un lavoro a consegnare le proprie reti relazionali che cipiù livelli: aziendale di rete di progetti andrebbero mal volentieri e preferirebberopersonalizzati….” Tutta una serie di affidarsi a Tour operetor interno al sistemainterazioni che costituiscono questo capitale dell’economia sociale.” (Ecos Med)sociale”. (operatore Ecos Med). Quest’ultimo passaggio sembraProgettualità e nuovi sviluppi nelle reti indicare la presenza di un altro meccanismodell’economia sociale e non presente in questo caso che spiegherebbe Il Centro servizi di Ecos Med si alcune pratiche e modi di fare network eoccupa del collegamento tra progetti di partenariato.impresa cercando di connetterli dove Si cerca consapevolmente di favorire ilpossibile in modo funzionale e capire le rafforzamento di processi di identificazioneprospettive di sviluppo possibile per gli in una “mission comune” e in un sistema diinserimenti lavorativi. Ad esempio si sta valori condiviso. Alcuni networkragionando sull’idea di taxi collettivi dell’economia sociale sono percepiti comedall’aeroporto Fontanarossa di Catania; un maggiormente adatti a sviluppare alleanze eservizio per il quale non sarebbero innescare meccanismi di “fiducia enecessarie competenze elevatissime. affidabilità per contiguità”. Presupponendo filosofie di azione parzialmente comuni,Il settore turistico è certamente uno dei più anche se non sovrapponibili almenoinnovativi e interessanti in termini di compatibili, e sistemi di valori affini, alcuneprospettive di sviluppo anche per le imprese transazioni sono facilitate.sociali ed Ecos Med si aspetta di diventare in I rapporti tra partner e tra organizzazionifuturo con il Parco Horcynus Orca uno dei sono concepiti come “proprie reti”, come 54
  • patrimonio da curare, come capitale agevolata e delle fondazioni bancarie, lasostenuto e rafforzato da canali fiduciari e creazione di contesti e network di supportocontinui scambi tra alcuni nodi. in grado di prevenire possibili forme di racket o altre pressioni illegali.La contaminazione tra politiche per innovarei modelli di welfare Unapprofondita analisi socioeconomica del contesto regionale è alla Un obiettivo esplicito formulato in base del progetto di Ecos-Med Alfabeti difase progettuale nel progetto ‘Alfabeti di comunità e spiega i forti nessi presenti nelcomunità’ era proprio quello di progetto tra: azioni a favore della legalità,sperimentare possibili innovazioni nelle iniziative di inclusione socio lavorativa epolitiche di welfare regionali e locali in promozione dell’economia sociale. Alcunerelazione alle diverse caratteristiche ricerche curate da collaboratori di Ecos-Medsocioeconomiche di cinque aree territoriali e (D.Marino) dimostrano, infatti, una fortedi sviluppare elementi utili ai decisori correlazione tra sottosviluppo economico edregionali e locali per lo sviluppo dei Piani di occupazionale, iniqua distribuzione dellazona e della L.328/00. Il caso appena ricchezza, presenza strutturale sul territoriodescritto offre notevoli indicazioni per di organizzazioni criminali di stampo mafiosol’innovazione delle politiche di welfare ed esclusione sociale.sebbene sia per molti versi difficilmenteassimilabile a modelli tipici di gestione dellepolitiche di welfare e dell’inclusione sociale. “La pervasività dei fenomeni criminali eUna sua caratteristica peculiare è, infatti, la l’enorme potere economico in mano di pochicompleta mancanza di interventi a carattere finiscono (…) con l’ostacolare l’attivitàsocioassistenziale più consolidati. economica legale, ne influenzano il mercato,Nel progetto ‘Alfabeti di comunità’ le alterano gli equilibri e le regole dellapolitiche in senso lato ‘sociali’ vengono agite concorrenza. La filiera racket/usura divieneattraverso una pluralità di azioni ascrivibili, spesso un meccanismo violento perin un logica di distinzione degli interventi di impossessarsi di unità produttive. Non ditipo burocratico-amministrativa, a: rado, le organizzazioni criminali tendono a o politiche attive per il lavoro e costruire collegamenti con livelli vari di l’inserimento lavorativo delle fasce gestione della cosa pubblica. (…). I facili deboli, di creazione di impresa; investimenti infine degli ingenti proventi o di ricerca e innovazione tecnologica; degli affari criminali in attività produttive, in o di sviluppo dell’economia sociale, commercio all’ingrosso, in grandi politiche culturali; insediamenti turistici, ecc. alterano o di contrasto alla criminalità chiaramente sul territorio criteri di pari organizzata; opportunità d’accesso al fare impresa.” o di promozione della salute nella (Tratto da Progetto Alfabeti di Comunità, primissima infanzia (n.b. sottoprogetto Ecos-Med) di Gela); Ed ancora: “Alla radice di una o di tutela dell’ambiente marino e di debolezza strutturale si colloca la sviluppo ecosostenibile; caratterizzazione del settore produttivo (…), o di sviluppo locale. costituita da imprese di dimensione “piccola” o “piccolissima” in un contesto dominatoLa promozione della legalità viene, ad spesso (certamente in alcune aree) da fortiesempio, intesa non tanto come intervento a polarità di ricchezza anche proveniente daisé stante, nè tanto meno come input mercati illeciti e/o “protetti” e/o criminali.formativo specialistico e di tipo informativo (….) è necessario che le imprese sappianoda inserire in curricula scolastici, quanto operare secondo criteri di innovazione epiuttosto come pratica trasversale, processi sappiano realizzare tra esse una rete dieducativi agiti, ad esempio,grazie al connessioni, di circolazione di informazioni,recupero di beni ambientali e strutture di relazioni di tipo cooperativo tale da creareconfiscate alla mafia. Tale obiettivo è insito all’interno del settore produttivo economie dinelle strategie di sviluppo di un economia scala, conferendo nel contempo al fattolocale ‘sana’ ed è perseguito attraverso la produttivo una caratteristica di flessibilità edscelta accurata dei partner, il rafforzamento adattabilità alle esigenze (quanti-qualitative)di legami con il settore della finanza 55
  • del mercato”. (Tratto da Progetto Alfabeti diComunità, Ecos-Med) Gli interventi presentati, chericordiamo rappresentano solo una parte diquelli realizzati da Alfabeti di Comunità, siinnestano a partire da unanalisi dellecarenze strutturali e intendono, in fortecontrasto con una logica riparativa dellepolitiche socio-assistenziali, sviluppareazioni finalizzate a contrastare la marginalitàsociale tramite strumenti di sviluppo diuneconomia sociale. Il focus è quindispostato sullo sviluppo dei territori, sullamodificazione di microcontestisocioeconomici territoriali e sulrafforzamento di network sociali edeconomici di supporto. Le strategie sonocomuni mentre le singole azioni eprogettualità locali sono fortementediversificate e solo all’interno di questeultime, si innescano interventi diinserimento lavorativo di soggettiappartenenti a fasce deboli. 56
  • o Si rileva una ‘Alta’ integrazione dell’intervento con altre risorse finanziarie a4 CASO: Terre di Frontiera valere sia su fondi strutturali, sia su leggi di settore sia su finanziamenti privati di fondazioni.4.1 Descrizione del caso Di questo caso si segnalano alcuni aspetti innovativi connessi alla capacità di Motivazione della scelta del caso coniugare e integrare in modo innovativo Il progetto “Terre di Frontiera” della azioni di animazione territoriale, interventi apriorità A) ‘Terre di frontiera’56 è promosso carattere socio-educativo e culturale,dal consorzio SALI Onlus. Insieme all’altro animazione e teatro di strada con azioni dicaso analizzato nel presente rapporto, riqualificazione urbana, di marketingVivere Palermo dal Mediterraneo a Borgo territoriale, di recupero archeologico, diNuovo, è uno dei dieci progetti dell’APQ promozione di servizi turistici e sviluppo dipriorità A) che si realizza nel territorio della microinterventi di regolarizzazione diCittà di Palermo; questo si realizza in Ia imprese sommerse. Sebbene tra i partnerCircoscrizione in due quartieri-mandamenti del consorzio non compaiano associazioni di(n.b. mandamenti Tribunali e urbanisti il taglio adottato nel progettoCastellammare- Circoscrizione I) del centro “Terre di Frontiera” testimonia unastorico, nella zona del vecchio porto e della significativa contaminazione culturaleVucciria. sviluppata tra ambiti di policy, spesso pocoI seguenti elementi raccolti nella precedente sinergici tra loro (politiche sociali e politichefase di valutazione57 hanno concorso alla urbanistiche), derivata dal connubioscelta di questo caso: realizzato negli anni passati tra professionalità diverse (v. attori di strada,o Il progetto ha ottenuto in fase di architetti, psicologi, scenografi,assessment della Regione un punteggio educatori...).‘Alto’. Come, e forse più che nell’altro caso dellao Ha previsto e si stanno conducendo priorità A) di Palermo citato in premessa,attività di recupero degli spazi urbani in anche in questa occasione troviamo unquartieri caratterizzati da forte presenza di organismo fortemente radicato sul propriofenomeni di disagio sociale e devianza. In territorio, soggetti che operano in modopassato hanno sviluppato interventi di continuativo e quasi in maniera esclusiva darecupero degli spazi e loro messa a diversi anni in alcuni quartieri della cittàdisposizione a giovani del quartiere. caratterizzati da forti fenomeni di marginalità e devianza minorile.o Si prevedono interventi volti amigliorare l’interfaccia tra cittadini e poliziamunicipale. Breve storia e contestoo Ottiene un punteggio ‘Alto’ L’esperienza delrelativamente all’indice di adeguatezza delle consorzio S.A.L.I.strategie di intervento nella comunità Onlus si avvia nel 2001 a partire dalle esperienze dei soci di56 alcune associazioni e Codice AO55-PA (Scheda 66) - Consorzio S.A.L.I. Via cooperative socialiCassari 33- Palermo. www.consorziosali.orginfo@consorziosali.org, Tel 091 6090310 - Massimiliano tutte attive dagli anniPipi coordinamento. Interviste del 20 giugno 06: 1995 -1996 sulla I Circoscrizione ed 1. Resga Romolo Presidente consorzio SALI impegnate nel sociale: 2. Regine Leontine, Presidente Associazione Laboratori riuniti e vicepresidente consorzio SALI 1) Acunamatata che gestisce il Centro si è occupata del corso di formazione per ragazzi sociale di Tavola Tonda; 3. Sergio Lo Verde teatro di ricerca ed attore – Associazione Acunamatata 2) Laboratori Riuniti Altrove ONLUS che si 4. n. 2 Giovani animatori occupa di visite mussali e turismo solidale;57 Leone Liliana, I° Report di Valutazione dell’APQMarginalità sociale e PPOO, Sviluppo Italia, Giugno 3) ‘Immaginaria’ che gestisce la biblioteca2006 per i ragazzi; 57
  • 4) Cooperativa sociale I SICALIANI che ha capacità di progettazione, non solo del giocosempre gestito la ludoteca di Piazza Marina. ma anche della vita. Attraverso esperienzeA queste cui si aggiungono, in rete e per ludico-didattiche (es: il Museo) si offrivanospecifiche fasi progettuali, nel tempo la alternative alla strada, “un luogo dove poterpiccola cooperativa “Mediterraneo” e la essere attori di comportamenti che siAssociazione Ziggurat (ex Circolo E/O). discostassero dai modelli di sopruso ed aggressività (…). Scopo dei laboratori, oltre Esaurita nel dicembre 2000 la fase l’apprendimento, è stato quello di offriredel I intervento del PIC URBAN, gli delle chiavi di lettura che potessero aiutarli aorganismi che hanno seguito il progetto sentirsi parte integrante di un tessutocostituiscono il consorzio e decidono di urbano che normalmente li emarginacontinuare ad impegnarsi nella prosecuzione negando spazi di incontro e di gioco.” (Dadell’intervento di riqualificazione del sito Consorzio SALI)territorio, identificabile come intervento di • Il progetto AL-BAB58: una nuovariqualificazione urbana partecipata, rivolto ai porta alla città (Al bab= Porta, in arabo)ragazzi a rischio e agli adulti che vivono in offre Servizi d’Accoglienza d’Area finalizzatisituazioni di degrado ambientale e morale. al Turismo Culturale; l’obiettivo centrale è il “Ci siamo concentrati soprattutto sulla miglioramento della fruizione dell’area archeologica degli Schiavoni e del Castello ariqualificazione ambientale e sulla possibilitàdi inserimento lavorativo per i ragazzi. Mare tramite la dotazione di servizi utili aiQuesti avevano 8, 9 , 10 anni quando li visitatori del centro storico. Viene previstaabbiamo presi, ora ne hanno 18- 21” l’attivazione di servizi per la fruizione(intervista 06/06) dell’area archeologica (v. attività di bonifica e pulizia; strutture e attrezzature; La partecipazione al progetto Urban di comunicazione integrate) e servizi perPalermo ha segnato fortemente i metodi di l’accoglienza (v. struttura di accoglienzalavoro e l’approccio anche successivo del turistica. Tra le attività previste dal progettoconsorzio nel settore delle politiche sociali in AL BAB59 vi sono: noleggio di bicicletteparte mutuato da approcci di pianificazione elettriche, punto vendita di gadget,urbanistica partecipata e da approcci di pubblicazioni, artigianato, info point,animazione di strada. biglietteria, card convenzionate, attività “…facevamo una “lettura del territorio” culturali per le scuole, laboratori didattici perfatta con dei designers o degli architetti che le scuole in visita. L’attivazione di talepartecipavano ai nostri progetti, rivolti ai struttura prevede la formazione di operatoriragazzi di architettura e dell’accademia, di in grado di gestirne le attività. Il complessoPalermo. Come “Laboratori riuniti” progettuale è stato finanziato dallaorganizzavamo varie iniziative … questo è il Fondazione Cariplo (con € 203.000), dalnostro background. Raccontavamo la città, o Comune di Palermo con un finanziamentoattraverso un oggetto, o attraverso del centro aggregativo (per circa €. 151.000un’espressione artistica. Ci rivolgevamo a nel biennio 2005-2006, vedi sotto progettopersone di livello culturale e istruzione “Terre a cielo aperto”) ed in parte anchediversa. Poi abbiamo cominciato a lavorare a dallo stesso APQ Marginalità sociale e PPOO.URBAN e l’esperienza acquisita abbiamocominciato ad applicarla ad altri progetti. Tra i progetti sviluppati dal consorzio 58e/o dai soci ricordiamo: Il progetto nasce nell’ambito del Bando• Progetto all’interno del PIC URBAN C.R.A.I. “Sviluppo Sud” – Regione Sicilia e dalla(misura 3) Q.U.O.T.A. attivato nel 1997 interazione del Consorzio SALI con il “Progetto CUT”.dallAssessorato Diritti dei Minori, allinterno 59 Tale intervento rientra nell’ambito deldei mandamenti "Castellammare -Tribunali" finanziamento sul bando ACRI sviluppo Sud 2003di Palermo. Obiettivo del sottoprogetto è (progetto “Al Bab) e sul progetto “Terre a cielostato quello di favorire tra ragazzi dai 9 ai aperto” – Area Verde Legge 285/97 - Comune di14 anni atteggiamenti responsabili verso sè Palermo Per Al-Bab s’intende il complesso dellestessi e gli altri, dando loro la possibilità progettualità di Sali, del quale fa parte la misurareale di essere proponenti e non solo utenti APQ-Adelle attività del progetto, favorendone le 58
  • • Progetto per lo sviluppo del distretto Castellammare (Via tavola Tonda, nellaculturale e il recupero dell’area archeologico ludoteca del Giardino Garibaldi e nelladella chiesa di San Giorgio dei genovesi Stecca di Sant’ Alessandro).(Terre a cielo aperto).Foto 30 Chiesa di San Giorgio dei Genovesi in I° Fig. 1 I° Circoscrizione Comune di Palermo 60Circoscrizione Il mandamento di Castellamare, nella I• Programma E.P.A. “International Youth Circoscrizione di Palermo, rappresenta unaExchange” grazie a cui promuovono dal tra le aree del centro storico più dense di1999 scambi giovanili internazionali offrendo storia e al contempo dense di problemi: inuna possibilità di incontro fra giovani questa area la cosiddetta zona degliprovenienti da Paesi diversi; “quest’anno Schiavoni, era nel passato “una delle piùarrivano una settantina di giovani da tutta attive e vitali della città antiche, la estremaeuropa” (Il Consorzio è Ente di invio S.V.E.). parte settentrionale, l’ingresso più agevole• Il progetto R.I.A.D. “Il quartiere come alla città antica per chi vi sbarcava dal vicinolaboratorio” che prosegue parzialmente, con porto del Molo.fondi della L.285/90, l’esperienza dellerealizzazioni progettuali condotte nell’ambito Era dunque una zona di locande,del PIC URBAN, spostando l’attenzione sugli taverne, botteghe e trattorie”61, che comealtri due quartieri della I Circoscrizione. tute le aree portuali favoriva la contaminazione tra culture diverse. Foto 31 Sede del Consorzio SALI in Via Cassari Area territoriale di intervento 60 Tratto da Sito www.consorziosali.org 61 Il progetto Terre di Frontiera si Tratto da Descrizione Analitica del Progetto Allegato II, Bando C.R.A.I. “Sviluppo Sud” – Regionesviluppa nei territori della I Circoscrizione e Sicilia- Una nuova porta alla città. Servizi d’Accoglienzain particolare nei mandamenti Tribunali e d’Area finalizzati al Turismo Culturale, Consorzio SALI 2003, p.4 59
  • perpetuare una catena ripetitiva di La Zona dei mercati storici è la zona di emarginazione sociale” (Idem, 3)maggior degrado anche se negli ultimi annila “moda” di acquistare casa nel centrostorico ha fatto apprezzare notevolmente gliimmobili nell’area di riferimento, favorendolo sviluppo di attività di risanamento.Graf. 1 Devianza minorile a Palermo e in I Circ. Minori in caricoMedia Palermo all’USSM per tipologia di reo e circoscrizione di residenza 2004 Indice dispersione I Circ scolastica nelle Foto 32 Vista installazione in P.zza del Garaffaello scuole medie anni 2000-2005 0 0,5 1 1,5 2 2,5 3 Gli indici di dispersione scolastica nellescuole elementari e nelle scuole medie negliultimi cinque anni (2000-2005), come ancheil quoziente di minori in carico all’USSM,della I Circoscrizione sono (v. anche datiriportati nel Caso Un posto al sole) inassoluto i più alti di tutta Palermo. Lapercentuale dei minori in I circoscrizione incarico all’USSM nel corso del 2004 è oltre ildoppio della media cittadina ed è pari a circa7 ragazzi su 1000 residenti (43 su 5789minori residenti cioè il 0.74%), mentre lapercentuale della dispersione scolastica nellescuole medie raggiunge livelli 4-5 voltesuperiori ad altre circoscrizioni (es: V, VI,VIII) ed è pari al 2,5% contro una mediacittadina del 0,95% (Elaborazione da DatiProvveditorato agli studi di Palermo)62.Questa area, come gran parte di quelledell’antico centro storico, restano ancoraoggi “confinate in una sorta di buco nero conintorno un ‘ring’ o anello di marginalità,esclusione sociale e povertà vecchie e nuoveanche estreme, caratterizzato, (…) da gravi Foto 33 Giardino zona retrostante Tavola Tondacarenze socio-culturali e di servizi, alto tassodi disoccupazione, lavoro nero, 4.2 Il ruolo del programma APQmicrocriminalità(…) alto tasso di dispersione, Marginalità socialeabbandono e insuccesso scolastico, a Come accennato in precedenza c’è una forte sinergia tra azioni del progetto APQ ed 62 Elaborazione dei dati dellOsservatorio Provinciale il complesso progettuale “Al bab”; le azionisulla Dispersione Scolastica - Provveditorato agli Studi di formazione dei ragazzi relative alla figuradi Palermowww.osservatoriopalermo.it/BANCA_DATI/5_dispersione0105.pdf 60
  • dell’informatore, la gestione deirapporti con le famiglie ed il territorio el’animazione della comunità sono, infatti, ‘acarico’ dell’APQ. L’obiettivo progettuale intermedio (subprogetto collegato all’APQ) è quello direcuperare e utilizzare delle aree da tempoabbandonate con destinazione ad usosociale e culturale, da destinare, dopo unmedio periodo di “incubazione d’impresa” astrutture cooperativistiche di ragazzi deiluoghi stessi. In particolare, con il progettoin esame, si pensa di intervenire con operedi urbanizzazione e con l’inserimento dinuovi arredi urbani e allestimenti a verde,parcheggi, aree per il gioco e per lo svago,ma anche attività produttive, autonome, aduso del quartiere, della cittadinanza e delturismo. Larea individuata è la zonaarcheologica degli Schiavoni, nei pressi dellachiesa di S. Giorgio dei Genovesi; in questospazio si intende realizzare un piccolo parcoattrezzato con una valenza sia piùspecificamente ludica sia di accoglienzaturistica. Foto 34 Ludoteca Tavola Tonda del Giardino Queste ultime azioni, nello specifico, Garibaldirientrano nel sottoprogetto “Terre a cielo o Viene in seguito realizzato a favore diaperto”, finanziato dal Comune di Palermo 8 ragazzi tra i 16 anni ed i 24 anni un corsoex L. 285/97 per un biennio e per € di formazione di n. 400 ore (oltre il tirocinio203.000,00. pratico di 100 ore in 3 mesi) per informatori Struttura del progetto “Terre di turistici (non “guide turistiche”, perchéfrontiera” questo avrebbe richiesto il possesso della laurea). E’ stata prevista una piccolao Il primo anno parte del finanziamento retribuzione (borsa lavoro) per far faredell’APQ è stato utilizzato per realizzare una un’esperienza di lavoro a quattro ragazzimappatura del territorio denominata studio impegnati nelle sedi del Consorzio edel “camminante”. soprattutto in ludoteca. “Imparano a essere Questa mappatura è stata realizzata costanti in un lavoro, ad essere puntuali, addella figura del ‘camminante’ (un attore di avere dei ruoli…Sono ragazzi di 16, 18, 20,strada, un animatore e una sorta di clown) 24 anni…Se la cavano come animatori.” Altriin collaborazione con una psicologa ed un 4 ragazzi lavorano in segreteria.architetto. “Un personaggio ludico che gira. Tutti e otto parteciperanno a unIl centro storico ha una particolarità: ci sono incontro internazionale, che si svolgerà peri cortili dove si svolge la vita sociale del 8 giorni a Palermo e per 8 giorni a Scodelloterritorio. Attraverso la vita dell’artista, il (TP). Dovranno provare, anche a mettere in‘camminante’, abbiamo scandagliato il pratica quello che hanno studiato sulterritorio e fatto una mappa di qualsiasi turismo… Gli abbiamo dato dei rudimenti diattività” (servizi e attività commerciali), in inglese…Ma ci saranno anche spagnoli e altricontemporanea si entrava in relazione con le stranieri. Abbiamo preparato un video, sullefamiglie e si rafforzava la presenza delle cui immagini prepareranno delleassociazioni sul territorio. presentazioni…” I ragazzi secondo il progetto dovranno essere coinvolti, con l’inizio del 2007 e cioè dall’avvio delle azioni ed attività del progetto 61
  • “Al Bab”, nell’erogazione di specifici servizi la prima volta, è stato attivato un servizio(per es. noleggio biciclette elettriche) informativo per i giovani.all’interno della struttura prevista nello “I ragazzi dovranno conoscere, allaspazio recuperato (access point o porta di fine del percorso che stanno facendo, qualiaccesso alla città) limitrofo alla chiesa di S. altre sono le realtà che li circondano eGiorgio. maturare una consapevolezza delle loro “Si occuperanno, all’interno della potenzialità creative. Si fanno, per esempio,struttura, di fare gli informatori turistici; il interscambi culturali. Si favoriscono ancheconcetto è quello di rendere la struttura una esperienze di mobilità internazionale“porta della città”: i turisti o i ragazzi che utilizzando il Programma Gioventù (v.verranno a visitare questa parte della città scambi con associazione EPAC, di Amburgo).entreranno da questa ‘porta’, trovando Altre iniziative realizzate nel corso delun’accoglienza, animazione per i bambini. biennio sono state la Convention siciliana diDa qui fino al Teatro Massimo ci sarà un giocoleria, terza edizione ed un ‘Percorso dinuovo modo di vedere tutta questa parte di solidarietà sociale’ in cui i ragazzi realizzanocentro storico, gestita direttamente dai una esperienza di animazione e solidarietàragazzi. (…). Abbiamo anche un parcheggio all’interno degli ospedali e delle carceri. E’che intendiamo trasformare in un campo di importante il fatto che varchino la sogliacalcio, con il criterio di coinvolgere chi anche della casa circondariale, comeattualmente lavora nel parcheggio per “divulgatori di solidarietà”.gestire, piuttosto, il campo di calcio: allamattina andrà alle scuole e alla sera sarà a Analisi del lavoro svolto e risultatidisposizione delle associazioni locali e gli ottenuti nel periodo Gennaio 2005stessi che oggi sono parcheggiatori potranno Ottobre 2006beneficiare degli introiti che nederiveranno.”(intervista 06/06) Nell’ambito delle attività svolte nel progetto “Terre di frontiera” APQ/A nelo L’altro segmento del progetto è primo anno e mezzo di vita, la prima Fase,rivolto alle scuole del mandamento e da gennaio a giugno 2005, si è concentrataprevede laboratori manipolativi e visite sull’attività di ricerca, analisi del territorio eguidate. dei bisogni inespressi ed è stata finalizzata “Poi ci sarà una sala in cui verranno alla identificazione del problema. Attraversoproiettate immagini tridimensionali l’osservazione di un camminante ed unriguardanti la zona e le sue caratteristiche, operatore sociale sono stati identificati,poi ci sarà un’altra sala dedicata categorizzati e registrati all’interno delall’artigianato e alla vendita di gadget. Ci mandamento Castellammare, tutti quei datisarà del personale qualificato che seguirà i relativi alla vita sociale dei 6 rioni. Sono statilaboratori.” raccolti dati relativi ai poli aggregativi primari (associazioni, enti, servizi pubblici e “Allo svolgimento delle diverse attività privati, parrocchie), al sistema scolastico econtribuiranno le persone del luogo: il socio – sanitario (poliambulatori econsorzio provvederà al risanamento della consultori) ed alla vita sociale dei rioni delstruttura, successivamente lo restituirà alla Mandamento, prestando attenzione a tuttipopolazione locale con la prospettiva che quei punti aggregativi dove adulti e minoripossano gestirla e trarre da essa anche un tendono in modo naturale a riunirsi (piazzeguadagno. Si ritiene che sia il modo più popolari, negozi storici, taverne, muretti,giusto di affrontare il problema della centri sociali ecc.). L’utilizzo dell’animazioneriqualificazione del territorio, poiché i da strada (n.b. la giocoleria) hacittadini del quartiere hanno l’attitudine di rappresentato il metodo per agganciare ifare affidamento sull’assistenzialismo. E’ ragazzi in strada e socializzare anche con gligiusto, al contrario, dare loro delle adulti.prospettive positive e degli stimoli adimpegnarsi e a lavorare attivamente.” Nel periodo successivo si è dato avvio ad una serie di laboratori (P.za Tavolao L’altra misura che è stata attivata tonda, Scuola media “S. D’Acquisto” e D.D.nell’ambito del progetto finanziato dagli APQ “Ferrara” plesso Valverde) . Nello specificoè lo sportello “Informa – Sport”, in cui, per sono nati: 62
  • • il laboratorio sportivo, l’animazione report di monitoraggio del progetto, loterritoriale; sportello di Segretariato sociale, ha visto coinvolti tra minori ed adulti• la biblioteca ludico – didattico. complessivamente n ° 300 utenti.Laboratori attivato a P.za Tavola tonda epresso la Ludoteca di Villa Garibaldi - (fascia Tra le attività progettuali è statodi età coinvolta 6-12 anni, con attività di realizzato un corso di formazionerisistemazione degli spazi, l costruzione delle professionale di 400 ore, collegato anche almaschere, tabulazione e multimedialità di progetto al bab: una nuova porta alla città,base, ludoteca, l alfabetizzazione; iniziato a Ottobre 2005, che adempie ad una doppia funzione: la formazione di operatori• il supporto scolastico63 (Plesso Valverde, in qualità di professionisti del settore esede decentrata dell’Istituto Cascino della l’inserimento lavorativo di giovani delD.D. Ferrara.); territorio.• il laboratorio di segretariato sociale (Pre- Sono stati selezionati, con avviso pubblico n.esistente nel territorio); 8 giovani di età compresa tra i 17 ed i 25• in seguito è stato aggiunto il laboratorio anni (n.b. si è data preferenza ai residentidi officina dell’arte il cui obiettivo è stato presso la zona degli “Schiavoni” e giàl’incentivazione delle capacità di osservare e interessati nelle precedenti attività delpercepire attraverso una migliore progetto europeo “Urban”, Progetti “inpadronanza “di segni, codici e sistemi atti a Q.U.O.T.A.” e “Magnolie”).comprendere l’opera d’arte e in genere il Il corso per “accompagnatore turistico” ereperto”.64 Il percorso è stato sviluppato sia “Informatica” (a.s. 2005-2006) è statocon gli allievi frequentanti le classi terze curato dalla “Associazione Formedia-della Scuola superiore di 1° grado “B. Formazione e Servizi”. Circa 18 ragazziD’Acquisto”, sia con i giovani frequentanti il si sono iscritti al corso e 10 di loro, oltre adCentro Aggregativo. Le attività svolte a avere conseguito una qualifica di operatorescuola hanno permesso ai giovani di nell’accoglienza turistica, hanno conseguitoraggiungere, alla fine del percorso, la patente europea di computer (ECDL conl’acquisizione di una conoscenza del valore 200 ore di informatica).storico e sociale dei monumenti del passato, Secondo i responsabili del progetto “ie principalmente la capacità di bambini che hanno frequentato il laboratorioindividuazione degli animali fantastici nei durante il corso dell’anno hanno evidenziatodipinti e nelle opere di palazzo Abatellis. un vistoso miglioramento del rendimentoAi laboratori hanno preso parte scolastico attestato anche dall’evidenteannualmente, mediamente, n° 100 tra soddisfazione delle insegnanti per il serviziobambini e ragazzi (area scuola e laboratori) erogato, e dalla richiesta delle stesse e deie frequentemente sono state coinvolte genitori degli alunni della scuola Valverde dianche le loro famiglie (allargate), gli poter ampliare tale servizio in modo dainsegnanti delle Scuole della Circoscrizione poter prendere in carico un maggior numeroed i ragazzi universitari frequentanti il corso di utenti(…)”.di laurea in Architettura e vari volontari, inturni. Sempre secondo quanto riportato dal Le difficoltà incontrate Il consorzio registra anche alcune63 difficoltà tra cui: un certo ritardo rispetto i Attività rivolte al superamento dei gap cognitivi ed tempi di attuazione previsti dal progetto,educativi dei ragazzi iscritti alle scuole del quartiere enecessarie non solo a colmare le lacune strettamente difficoltà connesse all’ottenimento deiscolastiche, ma teso anche all’acquisizione di una permessi da parte dell’Assessorato al centromaggiore tolleranza e capacità di adattamento. storico del Comune relativi all’allocazione sul64 suolo pubblico della tecnostruttura (v. Al laboratorio didattico nel 2006 hanno preso partegli studenti della facoltà del corso di Laurea in padiglione); il prevalere nelle istituzioniPianificazione Territoriale urbanistica e Ambientale committenti di visioni e logiche in cui è lacondotto dal Prof. Francesco Lo Piccolo insieme ad dimensione amministrativa a dominare aalcuni rappresentanti di Agenda 21 locale ed ha avuto scapito di un attenzione ai risultati per idue sezioni di lavoro, una ”L’uso della città, i bisogni, idesideri” e l’altra “Pratiche partecipative nella beneficiari.costruzione di Agenda 21 locali” 63
  • “Siamo un po’ in ritardo perché parliamo del lavoro del “camminante”.abbiamo avuto problemi giganteschi con Abbiamo immaginato un personaggioalcuni settori del Comune di Palermo (…), “ludico”. Poiché in questo territorio ci sono italmente gravi che a un certo punto “cortili”, che sono delle “unità minime”temevamo di perdere il finanziamento territoriali, abbiamo approfondito un lavoroperché non riuscivamo ad avere certezze sul “porta a porta”, durato 6 mesi, per capirefatto di avere i permessi per fare certe cose. che attività commerciali, artigianali,Ora la sovrintendenza (questa è anche una economiche ci fossero sul territorio.”zona archeologica) ci ha dato tutti i (Intervista)permessi. La zona degli Schiavoni si trova difronte al mercato ittico. Nella zona 4.3 La teoria del programma: strategie“sinistra”, andando verso Mondello, è d’azione e meccanismi ipotizzatipossibile vedere un generale abbandono.(…) Scontiamo il fatto di non avere una rete Guadagnarsi la fiducia delistituzionale che ci sostiene e non riusciamo territorioa lavorare bene come vorremmo.” (…) “In Il territorio di cui stiamo parlando anniURBAN si aveva la sensazione che ciò che si addietro era fortemente controllato dafaceva era di interesse per le istituzioni alcune famiglie mafiose ma attualmente ilfinanziatrici…”. (Intervista) controllo delle organizzazioni criminali si è La difficoltà più volte segnalata, da fortemente indebolito a causa di numerosiquesto come da altri progetti dell’APQ, arresti ed anche di un indebolimento dellariguarda la solitudine, il vissuto di cultura mafiosa. Come è avvenuto – ciabbandono da parte delle istituzioni chiediamo- l’aggancio iniziale con lepubbliche. Sebbene si tratti di una famiglie, come sono entrati nel quartiere?percezione diffusa a e in parte L’aggancio avviene grazie ad alleanze per lacomprensibile, il dato comunque rivela tutela dei diritti degli abitanti del quartiere,l’impossibilità di operare sui temi della in altri termini grazie ad una strategia diriqualificazione urbana senza un forte e “advocacy” a favore di fasce marginali, diconstante interazione con gli Amministratori famiglie in cui le istituzioni registranoe gli uffici tecnici (Ufficio del Centro Storico, fenomeni di devianza.Patrimonio, Ville e Giardini ed Aziende “Ci siamo impegnati tanto anche perchéMunicipalizzate……) del Comune. gli abitanti che occupavano le case Proposte per il miglioramento del precedentemente ottenessero le caseprogramma popolari.” “Abbiamo fatto una specie di“Ci vorrebbe una maggiore snellezza dal scambio: “Se voi aiutate noi, noi aiutiamopunto di vista burocratico (…).Per esempio, voi…”. “Inizialmente siamo andati adil giornale elettronico ci ha costretto a occupare con il centro sociale le case deglidedicare una risorsa solo all’utilizzo del sfrattati; eravamo gli invasori, poi io sonoDiario allontanandola dal lavoro sul nato a Pavia. Il centro di Tavola Tonda è ilterritorio. Una maggiore snellezza centro sociale zona Vucciria in Piazza Tavolaburocratica soprattutto da parte del tonda. Abbiamo coinvolto bambini e adulti inComune. Siamo gli unici a Palermo che uno spazio adibito a parcheggio abusivo conabbiamo avuto la prima fatturazione pagata, un allevamento di cani pitbull che servivama previo anticipo da parte nostra di tutta la per combattimenti nel frattempo hannosomma.” lottato per avere le case popolari. Abbiamo fatto una specie di scambio: se voi aiutate Lo stesso impianto dell’APQ potrebbe noi voi aiutate noi. Gli scambi sono statisecondo i coordinatori del progetto essere finalizzati sempre all’obiettivo. Chiunquemigliorato dando delle indicazioni avesse una visione istituzionale era vistometodologiche più precise a chi fa i progetti. come sbirro ora l’assistente sociale è vistaAlcune attengono ad esempio all’analisi dei come risorsa e li abbiamo aiutati a cambiarebisogni del contesto che potrebbero modo di vedere diversamente”.diventare oggetto di momenti formativicongiunti tra progetti aventi obiettivi simili. Ovviamente una chiave di aggancio rilevante è la capacità di rispondere, anche “Ad esempio, noi abbiamo dedicato il se in minima parte, al bisogno occupazionaleprimo anno allo studio del territorio: degli abitanti, in particolare proprio di quelli 64
  • che maggiormente potrebbero essere fedeli delle nuove generazioni in territorie collusi con interessi e con una cultura fortemente degradati sia dal punto di vistamafiosa. architettonico che umano. “Abbiamo una convenzione con il • creazione di una strutturaMinistero della Giustizia. Abbiamo 6 adulti (architettura partecipata) in una zona adche lavorano con noi, perché stanno alto degrado (Quartiere degli Schiavoni) dascontando una pena alternativa. 3 di loro la adibire a campo sportivo e luogo di ritrovo per i giovani del Quartiere che è oggisera rientrano in carcere e la mattinavengono da noi. Sono persone molto totalmente privo di strutture sportive o di aggregazione.cordiali. Questo ci ha portato ad esserebenvisti all’interno del quartiere (…). Ci • attività di aggregazione minorilevedono come una “risorsa”…Noi rimarchiamo (nuove generazioni nate o cresciute dopo ilche ci sono determinate regole che devono 1° Urban) e sostegno alle famiglie delessere rispettate: non ci deve essere lo territorio (con attenzione a quelle migranti,spaccio, bisogna essere puntuali…etc.”. Ad oggi molto numerose nella zona anche per laoggi i membri del consorzio non denunciano vicinanza con il territorio della VIII e della Vritorsioni per il proprio lavoro e segnalano Circoscrizione ove vi sono le maggiorisolo piccoli danneggiamenti.65 Secondo gli presenze cittadine di immigrati dai PVS).operatori la relazione con le famiglie basata Nelle foto seguenti si illustra l’areasugli ‘scambi’ non ha sviluppato collusioni nelle fasi pre e post intervento. L’areapoco gestibili “ perché gli scambi sono all’inizio dell’intervento, presentava ancorasempre finalizzati all’obiettivo, non sono fini vasti sommovimenti della spianata dovutia sé stessi. Vogliamo arrivare lì…Se ci alla sua mancata sistemazione, sin dalla fineaiutate a farlo otterrete questo vantaggio e della seconda guerra mondiale (l’interoquest’altro…La parola “scambio” non va “fronte del porto” e la zona in particolareconsiderata con una connotazione negativa.” risente ancora degli effetti delle bombe cadute durante la guerra e dei ritardi per la In precedenza chiunque avesse una definizione progettuale della zonafunzione istituzionale era considerato uno archeologica limitrofa e del “Castello a mare.‘sbirro’ (per esempio gli stessi assistentisociali). “Noi abbiamo contribuito a far Pre-interventoapprezzare loro quei soggetti istituzionaliche potessero aiutarli a migliorare le lorocondizioni di vita. Per scambio si intendequindi il fatto di spiegare loro i propri dirittie i propri doveri.” (Intervista) Integrazione tra strategie di riqualificazione urbana e attività di aggregazione minorile I promotori di questo progettonell’enunciare la propria filosofia diintervento dichiarano di promuovere un Post-interventointegrazione tra politiche di riqualificazioneurbana e politiche di contrasto allamarginalità ed in particolare tra :• interventi nell’ottica di unariqualificazione urbana sostenibile (conattenzione ai temi della Convenzione diArrahus – Agenda locale 21), attenta siaall’uomo che al suo territorio ed al suoambiente di vita e creatore di sviluppo edinserimento sociale e lavorativo soprattutto65 Come altri organismi del terzo settore anchel’associazione “I siciliani” gestisce un terreno confiscatoalla mafia (nel “mandarineto di Ciaculli”). 65
  • • i benefici economici che derivano dal movimento turistico culturale sono Forte utilizzazione di esperti maggiori rispetto ai viaggi con motivazioniesterni e di architetti di altro genere;Un tratto caratteristico degli organismi che • la valorizzazione dellofferta culturalegestiscono questo progetto è la forte in chiave turistica può contribuire apropensione a sviluppare scambi e correggere il fenomeno della marcatarichiedere consulenze professionali ad stagionalità della domanda turistica inesperti di politiche di riqualificazione urbana, Sicilia”. (Tratto da progetto)psicologi, esperti di architettura partecipata La presa in carico della comunitàe di giardini zen, docente di architetturapartecipata. “Il meccanismo che funziona di più è quello per cui si lavora con gli utenti come Hanno lavorato molto con gli architetti: se si stesse prendendo in carico una“per esempio con Maurizio Russo di famiglia. Prendendo in carico un ragazzino diNapoli…e anche con Clair, unarchitetta 9 anni, non ci si deve limitare a fargliinglese che si è occupata delle piante. passare il tempo libero o a dargli delleQuando abbiamo fatto il giardino della nozioni di legalità, ma bisogna offrirgli unaTavola Tonda volevamo capire ‘il perché’. prospettiva di vita, costituendo una serie diCome fosse il territorio, come si istituzioni di riferimento. Il nostro approcciochiamassero i vicoli…Al tempo la piazza era è stato quindi sempre quello di avere unchiamata “Tavola Tonda” perché era il punto obiettivo…un’utopia finale, non lavorandodi contatto con il porto, con la cala, dove ‘tanto per…’, ma offrendo davvero delletutti si scambiavano le merci, le opportunità ai ragazzi, alle famiglie,conoscenze.”(LV) coinvolgendo anche gli anziani (…) ‘siamo Gli stessi operatori del consorzio SALI trasversali’ a quello che succede. Lo sforzohanno un background professionale molto che abbiamo fatto è stato davvero quello divariegato che fa riferimento a discipline avvicinare le istituzioni ai cittadini.”quali l’architettura e le arti espressive. Secondo alcuni operatori del consorzio “Noi tutti abbiamo una “infarinatura” di si è lasciati soli dal committente istituzionaletipo socio-assistenziale, ma educatori no… Io e si sconta l’incapacità della strutturasono laureata al DAMS”. pubblica di intervenire su alcune tematiche; le carenze nel supporto attesa dalla reteRiqualificazione del territorio e turismo istituzionale spiegherebbero “il fatto checulturale dopo 30 mesi si è ancora in ballo per avere i Oltre ai motivi esposti nella sezione permessi necessari per l’intervento nel“analisi del bisogno”, le considerazioni che centro storico, per cose banali (per es.hanno convinto il consorzio della necessità di l’occupazione di suolo pubblico…).”dotarsi strutture per l’accoglienza turisticariguardano alcuni fattori connotanti ilmercato turistico che convergono Riqualificazione dei territori enellattribuire alla risorsa culturale il ruolo di forme espressive: la poesia e il teatrofattore endogeno delle sviluppo locale. Nell’APQ è stato sviluppato unCome segnala il Consorzio SALI: sottoprogetto molto interessante • “tra le tipologie di turismo per le denominato “La Lapa della poesia” quali si prevede una più marcata dinamica (Lapa=Lambretta). di crescita occupano i primi posti il turismo “Il concetto è antico l’ape è un sistema culturale e il turismo che si rivolge ad un di comunicazione sociale dal basso, con essa mix di prodotti legati al territorio (cultura si sposta tutto.” E’ stato organizzato un + natura + enogastronomia ecc.); partenariato con Fiumara d’Arte (CT), • la domanda turistico - culturale un’associazione promossa dall’imprenditore comincia ora a diffondersi sul territorio presentando una re-distribuzione dei flussi a favore dei beni minori (dal grande al piccolo museo, dal grande al piccolo centro,); 66
  • poesie. (…) E’ un percorso culturale, autosostenuto dalle istituzioni private che vi hanno partecipato. E’ stato un percorso di denunzia del degrado che si è concluso di recente. Il progetto è consistito nel divulgare il problema del degrado in tutto il territorio, far scrivere delle poesie sul fiume Oreto con i poeti, far scrivere nei petali di fiori poesie…creare il mezzo di comunicazione, che è diventato “una Lapa” e andare nelle scuole pubbliche a divulgare queste poesie.” I fiori erano fiori di carta creati dai ragazzi, su cui ognuno di loro scriveva la sua poesia, che successivamente veniva scambiata con quelle dei ragazzi delle altre scuole. Anche l’APQ intercetta questo progetto, perché un laboratorio si è Foto 35 Particolare: ali di cartapesta della sviluppato in questa direzione “divulgativa”.Lapa della Poesia realizzate da ragazzi Sei ragazzi hanno creato la Lapa della Poesia, l’hanno progettata e addobbata (come un carro di carnevale) e hanno iniziato a portare in giro nei quartieri le poesie. Qual è la connessione tra tali azioni e gli obiettivi del progetto? “Sappiamo che la grettezza culturale di questi ragazzi, che non hanno frequentato la scuola, perché non hanno potuto o voluto, li porta a osservare la realtà da un solo punto di vista, in base a quelli che sono i bisogni economici e d’uso… ‘Mi dai qualcosa? Se mi dai qualcosa io ti faccio questo…Se non mi dai qualcosa io mi prendo anche quello che tu non mi dai’ (e si arriva all’illegalità). Peredile Antonio Presti, che ha realizzato il far sì che questa visione muti, l’esperienzaprogetto un “Museo nel Fiume”, e l’Albergo a laboratoriale in senso stretto legata alS.Stefano di Camastra, in cui ogni stanza è progetto, a un certo percorso e alle tecnichededicata a un artista, che lavora sulla poesia non basta. Se li inseriamo in un certo tipo die sulla bellezza. percorsi di solidarietà sociale e di “A Palermo abbiamo un fiume partecipazione alla società civile e alnascosto…C’è un discorso culturale per cui la mutamento culturale, partecipando comemafia nascerebbe dal controllo dell’acqua, attori, il loro punto di vista critico, il loro…fino a diventare struttura organizzativa a punto di vista progettuale, si dilata.” (SLV)‘cupola’. (…) Si è iniziata una battaglia percreare un campo urbano per il fiume Oreto.Come? Con i poeti! Un poeta, Koen, ha fatto Riappropriarsi delle radiciuna prima indagine sul degrado del fiume storiche per un diverso senso diOreto, alla periferia di Palermo. Nel fiume comunitàOreto confluiscono altri 3 fiumi: Chemonia, In questi interventi che cambiamenti siPapireto e Danisinni (navigabili ai tempi di osservano tra i ragazzi?Panormus)… Gli arabi poi hanno fatto tuttala struttura dei Qanat. Quindi sono scesi 60 Cambia “il loro punto di vista prospettico-poeti da gennaio a ora, hanno visitato le progettuale. E in più loro fanno qualcosa chescuole di Palermo, hanno creato delle riguarda il loro territorio, le acque, gli ospedali, i luoghi di bisogno (…). Si tratta di 67
  • luoghi in cui vivono i loro conoscenti e Il coordinamento dei progetti APQcompagni e dei quali hanno sentito parlare a livello cittadino e regionaledai loro nonni, che, però, descrivevano il “L’unica alternativa è unirli in progettifiume e le acque del posto come balenabili e che “rompano l’appartenenza ai“vivibili”. Oggi lo scenario è mutato e quegli microterritori”, senza distruggere la basestessi luoghi sono in stato di abbandono, culturale!!! Un centro creativo non vuoledelle fogne a cielo aperto in cui confluiscono rimanere isola nel territorio in cui lavora.i residui di Palermo e della Conca d’oro: il Deve avere collegamenti sistematici di retefiume Oreto è un letamaio vero e proprio…La con le varie realtà. L’APQ crea questetrasformazione di questo letamaio in un connessioni sul territorio: c’è unparco urbano porta anche a confrontarsi con coordinamento dell’APQ da parte delil problema culturale di base. Le acque del comune e richiesto dai responsabili deifiume Oreto sono diventate private, perché progetti a gran voce.”le separazioni delle varie sorgenti chealimentavano i diversi “KANAT” arabi Sembra quindi essere presente un(canali) ha creato “le famiglie di influenza”: tentativo di collegamento anche trail guardiano della chiusa est territorio è esperienze di progetti APQ sviluppati in altrediventato la “famiglia Giaculli”, l’altra porta province, come ad esempio il progetto chedi chiusa è della famiglia opera nel quartiere Librino67 di Catania e aBadalamenti…ecc…ecc. cui collabora anche l’associazione Fiumara d’arte. Prima erano guardiani, perché gli arabiavevano dato all’arcivescovado di Monreale “Perciò abbiamo avviato lo stessoil controllo di quei territori. Le chiuse progetto. Abbiamo collaborato con lavennero bloccate, suddivise, con la cooperativa Marinella Garcia, ed è statoseparazione dei collegamenti (…). In questa molto interessante, anche se non siamofase nasce la cultura del possesso del riusciti, alla fine, a portare la Lapara aterritorio, quella che hanno gli stessi Catania. Infatti abbiamo fatto dei percorsiragazzi: “il cortile è mio”, “il quartiere è lievemente differenziati….” (SLV)mio”…Nei poli principali (come le scuole) iragazzi comunicano…Fuori no! C’è unaframmentazione culturale”. Gli operatori dell’APQ riferendosi allapropria strategia parlano di ‘Genius Loci’,che indica la spinta a ricollegarsi allamemoria storica del territorio, al riemergeredella ‘prima memoria’, con attenzione allestrategie di recupero delle attivitàeconomiche e lavorative proprie delletradizioni locali, anche al fine di unaemersione del lavoro sommerso e dicontrasto a processi di marginalizzazionesociale ed economica.6666 Si segnala, in tal senso, che le azioni e le attivitàdell’intero complesso progettuale, ivi incluse le azioni di“Terre di frontiera” ed “Al Bab”, sono state peraltrofatte proprie dal Comune di Palermo e presentate, conpositivo riscontro, come “case study”, dai consulenti efunzionari dell’Assessorato Attività Sociali del citatoComune nell’aprile 2006 a Leicester (UK) nella annualeriunione operativa del progetto comunitario “UrbAct” – 67sottoprogetto “Regenerando” (Capofila europeo del http://www.librino.org/web1/obiettivi.htmsotto – progetto è il Comune di Reggio Calabria)http://urbact.eu/projects/regenerando/home.html . 68
  • Area territoriale di intervento L’area territoriale su cui insiste il5 CASO: UN POSTO AL SOLE progetto è quella del Comune di Palermo ed in particolare nei seguenti quartieri: quartieri Tribunali Castellammare e Albergheria in I circoscrizione, Oreto5.1 Descrizione del caso Stazione in III, Zisa e Noce in V, CEP in VI, Motivazione della scelta del caso Il progetto della Priorità C ‘Un Posto alSole’68 si realizza nella città di Palermo e sipropone di agire in favore di ragazzi di etàcompresa tra i 15 ed i 21 anni entrati nelcircuito penale minorile, sottoposti a misurelimitative di libertà personale e/o a rischio dicoinvolgimento in attività criminose.Come precedentemente indicato nel primocapitolo del rapporto, questo caso è statoindividuato per le seguenti ragioni: si trattadi un progetto che opera nella priorità Cdell’APQ a favore di un target di minori tra i14 e i 18 anni coinvolti nel circuito penaleminorile e di un progetto che risulta avereun indice di alta adeguatezza in relazionealle metodologie di intervento adottate sianel lavoro di comunità sia nello specifico ZEN in VII e Montepellegrino in VIIIintervento nell’area del penale minorile; si circoscrizione.segnalava, inoltre, la presenza di interventidi recupero e affido di spazi comuni ai Foto 36 Vista aerea sede progetto da sito Googlegiovani. Il progetto in fase di assessmentrisultava aver ottenuto un ottimo giudizio Il territorio di Palermo e provincia(4° in graduatoria per la priorità C). rappresenta un osservatorio significativo della condizione giovanile in Sicilia: nel 2004 un giovane su quattro di età compresa tra i 10 e i 25 anni (262481 persone) risiedeva nella provincia di Palermo (Dati Istat 2004). Sebbene il quoziente di reati commessi da 68 C 31PA (69 scheda) Un posto al sole – minori nella provincia non sia tra i più alti(Interviste focus group 02/06 e 21/06/06) Associazione della regione il numero assoluto di minori inInventare Insieme Onlus; via dei Cipressi,9 - 90134- carico all’USSM Ufficio di servizio SocialePalermo unpostoalsole@mediatau.it Finanziamento Minori del Dipartimento Giustizia minorile èconcesso dall’APQ pari a € 264.000 con durata di 30mesi. Soggetti intervistati: piuttosto alto; nel 2004 era pari a n.469 1. Francesco Di Giovanni – Resp progetto e ragazzi. Coordinatore Generale Associazione Insieme Tab. 1 Delittuosità complessiva minorile in Sicilia 2. Ambra Agnello Referente dell’USSM Palermo 2004 (quoziente pop 100.000 residenti 0-17 anni) per progetto APQ 3. Valentina Morello tutor junior progetto APQ Media regionale 1153,5 4. Valentina Tartamella Coordinamente Rete dei Centri di aggregazione di Palermo Palermo 908,6 5. Emilio Vergani- Coordinatore attività formativa per il progetto 6. Elio Lo Cascio operatore SISL 7. Giuseppa Grazia(Pina) Lipari coordinamento Tuttavia se analizziamo in modo più del CAG TAU di Zisa Noce analitico la provenienza e la residenza dei 8. Rosalba Salierno Direttrice USSM Palermo – giovani in carico all’USSM di Palermo (Carcere minorile Malaspina) osserviamo una forte disomogeneità rispetto alla provenienza dei ragazzi: si rileva una concentrazione dei fenomeni di devianza 69
  • minorile nelle circoscrizioni I, II, III, VI e Graf. 2 La devianza minorile nelle circoscrizioni di Palermo 2000-2005 VII. La devianza minorile tende a concentrarsi in alcuni quartieri della città: nella I° circoscrizione, ad esempio, il quoziente di minori in carico all’USSM (il quoziente è stato calcolato rapportando il n° di minori in carico all’USSM al numero di minori residenti e questo spiega i diversi commenti espressi in analisi realizzate da altri autori) è quasi 4 volte superiore a quello dell’VIII circoscrizione e anche l’indice di dispersione scolastica è il più alto della città pari cioè a 23.7% contro 9.5% nell’VIII. 69 Tab. 2 Minori in carico all’USSM per tipologia di reo Elaborazione nostra e circoscrizione di residenzaResidenz Quozie Osservando il trend dei dati disponibili sulla Primario Recidivo Tot Minoria residenti nte* dispersione scolastica nell’arco di 5 anni, dalI circ. 0,74 2000 al 2005, emerge un andamento 26 17 43 5789 costante: le aree del centro storico ( il moloII circ. 0,33 37 22 59 17854 antico e la zona che costeggia verso est ilIII circ. 39 25 64 17056 0,38 lungomare) della I e II circoscrizione sonoIV circ. 0,23 quelle che segnalano sempre gli indici più 37 18 55 23649 alti di dispersione mentre la VI, la V e l’VIIIV circ. 0,28 42 30 72 25440 circoscrizione quelli inferiori.VI circ. 0,39 46 12 58 14987 Graf. 3 Trend 2000-2005 dispersioneVII circ. 0,40 scolastica nelle circoscrizioni del Comune di 44 28 72 18129 PalermoVIIIcirc 0,20 29 17 46 22697 TOT 0,32 300 169 469 145601 Elaborazione nostra da dati del Comune Palermo 2004 e USSM 2004 Nel grafico seguente è possibile osservare simultaneamente due indici connessi alla devianza minorile e riferiti a ciascuna circoscrizione: nella colonna più scura (blu) si riporta il quoziente di minori in carico all’USSM per il 2004 e nella colonna più chiara (rosa) il quoziente sintetico di dispersione scolastica nelle scuole medie inferiori riferito al periodo 2000 al 2005. Nell’analisi dei fabbisogni e del sistema d’offerta, realizzata da Inventare Insieme, si segnala un divario tra quello che è il bisogno 69 Elaborazione nostra da dati Osservatorio sulla Condizione sociale della Città di Palermo- La dispersione scolastica negli anni 2000-2005 Abbiamo calcolato il quoziente riferito a 1000 alunni delle medie inferiori nel corso di 5 anni scolastici in modo da ricavare un dato attendibile e meno soggetto a fluttuazioni occasionali. http://www.osservatoriopalermo.it/BANCA_DATI/5_dis persione0105.pdf 70
  • dell’USSM di inserire i ragazzi che hanno in giovani sottoposti a procedimento giudiziariocarico e la disomogenea presenza sul minorile e/o a rischio di devianza.territorio di servizi utili e funzionali Nell’ottobre del 2006 è stato sottoscritto unall’inserimento sociale e lavorativo dei accordo tra il Comune, l’AUSL n.6, ilminori (ES: corsi di Formazione Ministero della Giustizia - Centro per laProfessionale, Sportelli Multifunzionali e Giustizia Minorile e l’Ufficio di ServizioCentri EDA). I Centri di aggregazione Sociale per i minorenni, Ufficio Esecuzionegiovanile sono distribuiti più o meno Penale Esterna di Palermo e molti degliequamente nelle varie Circoscrizioni ma non organismi coinvolti in ‘Un posto al sole’ pertutti offrono servizi di orientamento al lavoro dare continuità al progetto Equal SOLEo laddove tale attività esiste, essa non è nell’ambito del progetto ‘Rise’. Il fine èsupportata da una rete informativa. quello dell’inserimento dei cittadini svantaggiati all’interno della propria comunità. Lo scopo del progetto è quello di creare un sistema permanente di inclusione sociale e lavorativa finalizzato al recupero e all’inserimento lavorativo delle fasce più discriminate nella città di Palermo: adulti in espiazione di pena, giovani sottoposti a provvedimenti dell’autorità giudiziaria minorile e/o a rischio di coinvolgimento in attività criminose, tossicodipendenti e donne vittime di violenza e di abusi. 70 Il progetto ‘Un posto al sole’ nasce dall’ impalcatura strategica sperimentata nel precedente progetto PIC Occupazione Youthstart- Pollicino71 ulteriormente sviluppata nel progetto EQUAL-Sole72 Foto 37 Quartiere Zisa in Via Imperatrice Costanza (partnership geografica) che è statoa Palermo realizzato nel periodo dicembre 2003 - Breve storia e contesto giugno 2005. In quest’ultimo progetto si avviano dei servizi per l’inclusione sociale e L’associazione promotore Inventare lavorativa per le fasce sociali piùInsieme (onlus) dal 1990 opera, attraverso il discriminate (detenuti ed ex-detenuti, minoricentro TAU, nella zona Cipressi – Ingastone a rischio, tossicodipendenti, disabili psichici- Danisinni (quartiere di Zisa Noce nella VCircoscrizione) di Palermo con attività diaccoglienza e sostegno per le famiglie e dianimazione per i minori svantaggiati e per il 70 Tratto da sito del Dipartimento diterritorio. La stessa associazione gestisce un Giustizia Minorile: 27 ottobre 2006 Palermo,secondo progetto APQ della priorità C a sottoscrizione accordo per il progetto RISEcarattere regionale (CR); si tratta del http://www.giustiziaminorile.it/public/news/2006progetto “La Rete di Pollicino” che interessa /CGM-PA-progetto-RISE-bis.doc Il progetto RISEanche il comune di Palermo e collabora vuole realizzare nuove modalità di intervento e cooperazione tra istituzioni con finalità uguali,nella realizzazione del progetto “Zisa – rivolte a target diversificati. Il partenariato delNoce: condivisione, solidarietà, privato sociale è composto da: Ass.Inventareappartenenza” finanziato anch’esso dall’APQ Insieme, EISS, CRESM, Al Azis Coop. Soc. a.r.l.,nell’ambito della Priorità A). Arci palermo, Le Onde – Centro Accoglienza e Casa delle Moire, Coop Soc. Azzurra a r.l., forum Inventare Insieme si è distinta in questi degli Assessorati, Associazione Le Onde.ultimi 10 anni per le numerose iniziative a 71carattere sia locale sia nazionale a favore Il progetto premiato nell’ambito della IVdei minori con problemi di devianza; edizione del premio “Cento progetti al servizio deiattraverso il partenariato con il Centro per la cittadini” dal Dipartimento della Funzione Pubblica e dal Formez 10/05/2002Giustizia Minorile ha realizzato diversi 72interventi volti a favorire processi di Il Progetto S.O.L.E. (Sistema di Orientamentoinclusione sociale e lavorativa a favore di Lavoro Esclusi), finanziato dal PIC EQUAL, con capofila la Provincia Regionale di Palermo 71
  • e donne che subiscono violenza) delle areeurbane e rurali della provincia di Palermo.Tra tali servizi si avvia il SISL (Servizio diInclusione Socio Lavorativa), serviziofinalizzato ad accogliere le segnalazioneprioritariamente degli assistenti socialidell’USSM e sviluppare in manieracongiunta progetti educativi personalizzati.Obiettivo prioritario del servizio è statoquello di trovare strategie di intervento emetodologie di lavoro in grado di aiutare igiovani a concludere con esito positivo iprocedimenti giudiziari a loro carico.Fondamentale nell’azione di presa in caricodel minore è stata la possibilità disperimentarsi in percorsi di inserimentosociale e lavorativa tramite l’utilizzo delle • Da dicembre 2002 l’Associazioneborse lavoro per la durata complessiva di 1 Inventare Insieme (Onlus) è impegnataanno. Il lavoro avviato presso la sede nella gestione del Progetto “Centrodell’USSM ha avuto da subito un buon livello Polivalente educativo Aggregativo perdi coinvolgimento, di adesione e di ragazzi dai 13 ai 18 anni della V°condivisione del progetto. Il numero dei Circoscrizione di Palermo”, finanziato dalragazzi segnalati è diventato subito Piano territoriale L.285/97.consistente: in meno di 2 anni si sonoregistrati 213 ragazzi segnalati al SISL, cifrapari al 26% - 28% dei ragazzi presi incarico dall’USSM di Palermo (n.b. definiticome ‘fascicoli aperti’).Tra i precedenti progetti realizzati inpartenariato con il Centro per la GiustiziaMinorile si ricordano inoltre:• Il Progetto “Pollicino – CentriPolivalenti in Rete”, finanziato dalla RegioneSiciliana Misura 6.08.A del POR Sicilia 2000– 2006. Il progetto prevedeva l’attivazionedi quattro Centri polivalenti per l’inclusionesocio lavorativa di giovani coinvolti inattività criminose o a rischio di devianzanelle province di Palermo, Catania e Foto 38 Il Centro di aggregazioneMessina, oltre che l’attivazione di 4 percorsiformativi per il conseguimento di una • Dall’ ottobre 2004 gestisce, comequalifica professionale spendibile nel ente capofila di un’ATS, il Progetto “I.S.I.S.mercato del lavoro e il conseguimento del - Information Society per l’Inclusionediploma di licenza media per quei giovani Sociale“, affidato dal Ministero della Giustiziaprivi del titolo. In particolare quest’ultima Dipartimento Giustizia Minorile. Le attivitàazione ha previsto l’attivazione di un del progetto rientrano tra quelle previste dalpercorso sperimentale in alternanza scuola Piano Operativo Nazionale (PON) “Sicurezzaformazione lavoro con il Centro Eda A.UGO per lo sviluppo del Mezzogiorno d’Italia” deldi Palermo. Ministero dell’Interno73.• Dal 1991 al 2000 con il progetto L.216/91 “Primi interventi a favore di minori a 73rischio di coinvolgimento in attività L’11/05/2005, il Progetto ISIS è risultato vincitorecriminose” si attiva il Centro TAU – Centro della III edizione del Premio promosso da Forum PA, Ministro per lInnovazione, CNIPA “PubblicaPolivalente educativo aggregativo nel Amministrazione Aperta 2005 – Premio alle miglioriquartiere Zisa per adolescenti e giovani della azioni per rendere accessibili le amministrazioni e idai 12 ai 18 anni. servizi ai disabili ed alle fasce deboli ” nella sezione: 72
  • Le attività centrali che si rivolgono ai ragazzi e al ‘sistema rete’ consistono in: o Servizio di accompagnamento educativo formativo personalizzato rivolte a 8 giovani (adolescenti e giovani entrati nel circuito penale e/o a rischi di esclusione sociale) per ciascun CRT (anche CAG), finalizzato all’assolvimento del diritto/ dovere alla formazione, l’inserimento in tirocinio formativo e/o in apprendistato. E’ prevista inoltre l’attività di intermediazione sociale rivolta alla famiglia, alle agenzie sociali ed educative del territorio. o Definizione di percorsi di autonomia e Foto 39 Aula informatica nel centro TAU di percorsi integrati di inserimento /reinserimento sociale e lavorativo (raggiungimento dellobbligo scolastico, orientamento, formazione al lavoro,5.2 Il ruolo del programma APQ formazione sul lavoro, apprendistato, Marginalità sociale attività educative, sostegni alla famiglia). Struttura del progetto o Animazione giovanile e del territorio; Il progetto prevede azioni di sistema o Sviluppo di competenze progettuali evolte a rafforzare la messa in rete dei 6 di analisi dei fabbisogni comuni alla reteCentri di Aggregazione Giovanile, gestiti dai dei partner.6 partner, ridefiniti come Centri RisorseTerritoriali (CRT) e le competenze o Rafforzamento dei processi diprofessionali degli operatori della ‘rete’ coordinamento tra diversi CAG e traterritoriale. Esso implementa le attività questi e SIL ed enti di formazionepreviste nell’ambito dell’attuazione del professionale.precedente progetto Equal “SOLE”, per il PartenariatoCentro d’Iniziativa finalizzato all’inclusionedei giovani presi in carico dai servizi della Il presupposto per colmare le diversegiustizia minorile. carenze segnalate nel territorio in termini di disomogeneità e debolezza della dell’offerta, La strategia adottata dal progetto mira ed anche di disomogenea distribuzione deiessenzialmente a rafforzare le “partnership fenomeni di devianza minorile, è neglitra le diverse categorie che compongono il intenti di questo progetto quello di crearequadro delle politiche rivolte allinserimento una progettualità comune ed una maggioreoccupazionale dei minori e sviluppare sinergia fra servizi presenti su tutto ill’incontro, il matching, tra domanda e territorio cittadino a partire dalla rete deiofferta. CAG e dalla collaborazione con l’USSM diNel grafico successivo si identificano otto dei Palermo. La costruzione della rete delprogetti in corso coinvolti nello sviluppo di progetto APQ è quindi costituita da n.6 CAGun sistema integrato di inclusione socio- centri aggregazione giovanile gestiti alavorativa dei minori coinvolti nell’area livello circoscrizionale da diversi partnerpenale o a rischio e la relazione tra gli organismi del privato sociale che operanostessi. Si tratta di azioni finanziate sia con i ragazzi di 13-18 anni (attivati con ladall’APQ sia da altri fonti (POR Sicilia, L.285/97 e coinvolti in tutte le circoscrizioniL.285/97, PIC Equal..) su base sia regionale ad eccezione della 2° e la 6° e da un centroe sia locale. Eda di formazione professionale74 . 74 Partner: Centro per la Giustizia Minorile per la“Azioni finalizzate all’integrazione sociale delle categorie Sicilia; Caritas Diocesana di Palermo; (O.P.C.E.R.svantaggiate attraverso le tecnologie ITC” - Opera Pia Cardinale Ernesto Ruffini); 73
  • Il modello di intervento per differenza tra i centri (Afipres quasi 3l’inserimento sociolavorativo di ragazzi a mesi e ½, Caritas 5 mesi e mezzo mentrerischio di devianza o segnalati dall’area Al Azis –centro Tau oltre 9 mesi);penale minorile è lo stesso sperimentato con tuttavia non si osserva alcunasuccesso nei 5-6 anni precedenti. Un correlazione statisticamente significativamodello basato su progetti individualizzati di tra durata della presa in carico eaccompagnamento educativo all’interno di raggiungimento degli obiettivi progettualipercorsi di presa in carico ‘integrata’ da così come codificati dagli stessi enti.parte dei diversi attori della comunità locale:le scuole, alcuni enti di formazioni, i centri di • n.13 su 44 progetti conclusi non hanno raggiunto gli obiettivi che si eranoaggregazione giovanile del proprio territorio. dati mentre in altri 15 casi si dichiara di aver raggiunto in parte gli obiettivi. Target e risultati raggiunti dal • n. 11 sono i progetti educativi inprogetto corso nel mese di ottobre 2006; I beneficiari previsti erano 48 giovani • sono stati coinvolti complessivamentedai 15 ai 21 anni (8 giovani per ciascun 13 operatori con finzioni di tutoraggiocentro) italiani e stranieri sottoposti a educativo;procedimento giudiziario e/o a rischio dicoinvolgimento in attività criminose e con un • Gli invii sono stati realizzatibasso livello di scolarità. Il progetto viene dall’USSM/SIL e in alcuni casi dagli stessiimmediatamente implementato anche centri (13 ragazzi), dalla Parrocchia (3perché come evidenziato in precedenza la ragazzi) o dalla scuola (2 casi).rete dei partner era già operativa su tutti i Tab. 3 Minori seguiti dal progetto nel Iterritori. semestre 2006 e risultati Nel corso dei due anni di vita del Diocesan A.F.I.Pre Insieme Persone Caritas Rivolteprogetto APQ (ottobre 2004- fine settembre Al Azis Azioni Cuore Apriti Alle2006): Zen a . c.1 N° ? 3 3 2 3* • sono stati presi in carico Accompagnam complessivamente dai Centri di ento educativo Aggregazione n. 55 ragazzi (15 da personalizzato c.1 N° 4 1 1 Ass.Apriti cuore, 13 dall’Associazione di Terminano volontariato "Laboratorio Zen Insieme", percorso c.2 N° Percorsi 1 1 0 0 1 12 da Centro Tau coop Al Azis, 8 da di formazione Afipres “Marco Saura Onlus”, 7 dalla c.2 N° minori 0 0 0 0 0 con qualifica Abband Abband Caritas, da ); c.3 Minori 2 1 3 • n.16 progetti educativi su 44 conclusi senza lic.media (pari al 36%), secondo i dati inviati dalle c.3 0 0 0 Conseguim. 1 iscritto 1 a stesse agenzie- partner del progetto, si Licenza Media centro percorso sono conclusi con esiti positivi; Eda concluso c.4 N° minori 8 1 3 2 5 • la durata media dei progetti è di poco inseriti in CAG superiore ai 7 mesi (7,2) con delle * (2 solo per 15 gg) oscillazioni che vanno da 1-2 mesi A parte questi dati, che sono già frutto di minimo a 14-13 mesi massimo (1 solo una notevole sistematicità nel monitoraggio caso). Relativamente alla durata della dei progetti educativi, sulla base delle presa in carico osserviamo una certa informazioni disponibili non si è purtroppo in grado di comprendere meglio ed indicareAssociazione Apriti Cuore (onlus); Al Azis Coop. quasi sono i meccanismi e i fattori diSoc. A r.l.; Villaggio del Fanciullo Opera Don contesto e personali che si associanoOrione; E.N.D.O.F.A.P. (Ente Nazionale Don all’efficacia degli interventi educativi rivolti aOrione Formazione e Aggiornamento giovani coinvolti nell’area del penaleProfessionale); A.F.I.Pre.S. Associazione Famiglie minorile. Occorrerebbe per tale scopoItaliane Prevenzione Suicidio onlus; Associazione sviluppare una ricerca valutativa ad hoc condi volontariato Zen Insieme; IstitutoComprensivo Statale “Antonio Ugo” tempi congrui. 74
  • Da ottobre 2004 a settembre 2006 N. 19 appartenenti ai diversi enti coinvolti nelgiovani hanno conseguito la Licenza Media progetto.(n. 8 dell’Ass. Apriti cuore; N. 4 dell’Ass. Il percorso è stato rivolto, oltre cheLaboratorio zEn Insieme; n. 1 dell’A.F. I. agli operatori degli enti partner del Progetto,Pre. S Marco Saura Onlus; n. 6 della coop. anche ad enti pubblici e privati della I, IV, V,Al Azis)75. Nel primo semestre del progetto VI e VII circoscrizione della città di Palermo.sono stati iscritti n. 10 minori presso l’ICS In particolare sono stati coinvolti enti quali“A. Ugo” e di questi n.4 hanno conseguito per la Giustizia: l’UEPE (Ufficio Esecuzionela licenza media; n 4 minori sono stati Penale Esterna); per la AUSL 6 i SER.T;inseriti presso la scuola “Falcone” e di questi scuole, sportelli multifunzionali; per iln. 3 hanno conseguito la licenza media; i Comune i Servizi sociali professionali – areadocenti hanno manifestato un buon livello di minori; per il Privato sociale: Associazioni,coinvolgimento. n. 4 minori, infine, Centri di aggregazione giovanile,frequentano corsi di formazione cooperative sociali.professionale (n. 2 presso l’AssociazioneEnzo Tortora; n. 2 presso Endofap Don I seminari formativi hanno consentito,Orione); n 2 hanno conseguito una qualifica secondo l’associazione Inventare Insieme, aprofessionale. diversi operatori sociali impegnati nella gestione del lavoro, in aree diverse della “E’ importante rilevare quanto il città di riflettere insieme sulle problematiche Progetto funga anche da sostegno per le giovanili e sulle metodologie di presa in attività svolte dai Centri di aggregazione carico individualizzate oltre che sulle giovanile della città, in quanto sono stati strategie di inserimento socio lavorativo dei coinvolti nelle attività del Progetto giovani sottoposti a provvedimenti giudiziari, giovani seguiti da tempo (in periodi sulla condizione delle politiche giovanili a precedenti all’inizio del progetto) dai Palermo e gli strumenti utili per la Centri di Aggregazione”.(FDG) progettazione sociale. Inoltre, dal confronto Al fine di rafforzare le competenze del e dal lavoro comune tra gli operatori si ègruppo in una logica di rete sono stati avuto modo di riflettere sui loro bisogniorganizzati due percorsi di formazione. Il formativi.primo percorso di formazione è stato curatodall’USSM ed si è centrato sul processoeducativo, il lavoro in rete e il progetto Metodologia di lavoroeducativo. Da gennaio 2006 è stato attivato Laddove il SISL (o l’USSM) effettuano delleil secondo percorso, centrato sulla segnalazioni di ragazzi, i tutori di riferimentoprogettazione sociale partecipata dal titolo diventano alcune figure dei diversi centri di“Cantieri urbani per l’inclusione sociale”; aggregazione. Ai centri di aggregazionenell’ambito di tale percorso sono stati questo progetto da una risorsa umana pari aorganizzati n. 7 seminari formativi che 10 ore a settimana che rappresenta il tradehanno riscontrato un buon livello di adesione union tra CAG, USSM, Servizi sociali, centrie di partecipazione e hanno registrato la di formazione etc., per seguire internamentepartecipazione di n. 57 operatori ai centri di aggregazione le attività di accompagnamento educativo formativo o professionale oltre che gli inserimenti75 Rispetto ai Centri EDA (Educazione degli Adulti) che lavorativi seguiti da altri organismi tramitehanno collaborato attivamente con i partner dell’APQ altre iniziative progettuali. “All’internoricordiamo, soprattutto attraverso la sottoscrizione del dell’Associazione è stata costituita unaProtocollo d’Intesa che prevede la realizzazione dipercorsi integrati istruzione e formazione professionale, banca dati di aziende disponibili adricordiamo: accogliere i giovani in attività di tirocinio o diil CTP “I. Florio” (giovani provenienti dall’Ass. Zen stage secondo modalità educativamenteInsieme); valide e condivise; tale banca dati vieneil CTP “A. Ugo” (giovani provenienti da Ass. Apriticuore, Afipres, Coop. Al Azis) ; aggiornata periodicamente; nel caso in cuiil CTP “Federico II” (giovaniprovenienti da Ass. Apriti debba realizzarsi un’attività di inserimento,cuore); partendo dalle caratteristiche personali delil CTP “P. Impastato” (giovani provenienti dal Centro ragazzo e dalla tipologia di lavoro si procedeTAU). all’inserimento; l’accoppiamento ragazzo azienda, quindi viene fatto ad hoc. Nel 75
  • progetto Un posto al sole, il sistema è Il centro di aggregazione TAU,decentrato a ciascun CAG dietro dell’Associazione Inventare Insieme, hasegnalazione del SISL. Il CAG individua i rappresentato il ‘modello di riferimento’ e siprogetti da portare avanti avendo come è trasformato in centro polivalente graziestrumento principale l’attività di all’inserimento di alcune figure professionaliorientamento finalizzata all’inserimento nel finalizzate all’accompagnamento educativomondo del lavoro, anche attraverso la borsa ed alle attività di orientamento. I giovanilavoro, quando disponibile; non avendo a non segnalati per il Progetto “un posto aldisposizione strumenti di sostegno sole” sono stati supportati, dal servizio diall’inserimento lavorativo si sono utilizzati orientamento “SOLE – Giovani” e daglianche altri strumenti come i percorsi operatori dei Centri Risorse Territoriali”,formativi.” (FDG) nella definizione di percorsi finalizzati allassolvimento del diritto/dovere alla Si tratta di un progetto di supporto al formazione attraverso la proposta di diversesistema che non comprende e compensa in opportunità educative e formative (centrimodo parziale l’operatività diretta ai ragazzi polivalenti, corsi di formazione professionali,sviluppata grazie ad altre azioni collaterali. stages, tirocini formativi, apprendistato eOgni Centro di aggregazione partner di altre iniziative formative e di istruzione perquesto progetto per svolgere la funzione di adulti).accompagnamento educativo ha un budgetdi €. 12.500 annue che comprende anche la Vengono inoltre organizzate attività diquota di cofinanziamento. Il coordinatore del animazione comune (v.Festa di Natale-donprogetto € 2.550,00 annue compreso il Orione) per i giovani dei diversi Centri dicofinanziamento. aggregazione ed alcune gite (a Piano Battaglia e Marinella di Selinunte). Una delle difficoltà di governo diquesto tipo di progetti, che operano come lebamboline russe, incastrando uno dentrol’altra le diverse progettualità, è quelladovuta alla gestione delle incertezzeconnesse allo slittamento dei tempi di avviodi ciascun segmento. “Per noi era un investimento disistema, un valore aggiunto su altreprogettualità e purtroppo c’è stato unoscollamento con l’altro progetto che è partitoin ritardo”. (…) “Tale importo di fatto dovevarappresentare un supporto al progettoEqual; poiché vi sono stati dei problemi dislittamento e l’Equal è terminato nel giugno2005 si era prevista una continuità con ilprogetto inserito nel piano di zona L328/00.Abbiamo avuto un buco di 1 anno rispetto alfinanziamento del SISL che sarebbetransitato sulla 328/00 con il progetto RISEda un anno in fase di firma dellaconvenzione. L’area adulti UEPE, Ufficioesecuzione penale esterna, ha richiesto –nel frattempo- di replicare nel settore degli Foto 40 Vista interna dal Centro Tauadulti sul progetto RISE il modellosperimentato con i minori poiché abbiamouna fascia di sovrapposizione dei giovani tra Diverse sono le considerazioni che hannoi 18 e i 21 anni (seguiti da entrambi servizi). indotto i diversi partner del progetto aConsiderato che i bisogni di questa fascia ricercare metodologie specifiche capaci disono pressoché simili si sta cercando di fare favorire lingresso nel mercato del lavorouna sperimentazione integrata.” (Intervista dellutenza dei servizi della giustizia6/06) minorile: tra queste il dato che i giovani 76
  • entrati nel circuito penale minorile sono segmento di una strategia di intervento piùspesso soggetti a forte rischio di esclusione vasta che sedimenta e supporta alcunidal mercato del lavoro e la constatazione risultati positivi ottenuti nellache lo stesso ingresso nel circuito penale sperimentazione del progetto Equal-Sole.costituisce un pesante ostacolo sul piano Questo progetto viene finanziato perdella loro occupabilità. La stessa legislazione un importo medio di circa €.12.500 annuepenale minorile,76 riconoscendo la specificità per ciascun partner-CAG (Centro didella condizione dei minorenni, consente la Aggregazione giovanile). Si tratterebbe direalizzazione di progetti educativi tesi al risorse davvero irrisorie e inadeguate se nonreinserimento sociale e lavorativo (Tratto da fossero connesse a progettualità piùprogetto Un posto al sole). complessive! Costruzione di reti sinergiche tra attori territoriali: partire da risultati positivi precedenti Un aspetto, ritenuto dagli stessi promotori ‘prodigioso’, ottenuto nel precedente Equal-Sole consiste nel fatto che i servizi sociali abbiano segnalato i ragazzi al SISL e che le stesse assistenti sociali abbiano espresso un giudizio positivo circa l’esperienza realizzata dagli stessi. Lo sviluppo di adeguati canali di interfaccia e la definizione di procedure concordate hanno giocato un ruolo significativo: all’inizio c’erano conflittualità accese sulla titolarità dei casi, su modalità di rendicontazione dei progetti, su chi doveva parlare con la famiglia o con le aziende, di chi era la presa in carico, chi doveva parlare con le aziende o con la famiglia, anche perché essendo casi multiproblematici intervengono più servizi ed occorre che siano chiari i ruoli di5.3 La teoria del programma: strategie ciascuno. “Il punto più problematico è stato d’azione e meccanismi ipotizzati passare ad un concetto in cui la rete è Strategie integrate e utilizzo di più autopoietica e ciascun pezzo funziona infonti di finanziamento funzione dell’altro in modo tale che sia difficile per il soggetto finale distinguere Il primo dato che emerge in questo quale parte è seguita dall’uno o dall’altrocaso, così come in diversi altri casi dell’APQ, ente. Entrando così in una progettualitàè che l’operatività locale si basa educativa in cui c’è il ragazzo come punto disull’integrazione di molteplici risorse, fonti riferimento principale.” (….) “probabilmentefinanziarie e sovvenzioni (L.285/97, siamo riusciti a costruire degli strumentil.328/00, PIC Occupazione e in seguito adatti a questo target, strumenti rispondentiEqual, POR Sicilia,PON Sicurezza) nazionali, alle loro capacità cognitive”. (Intervistaregionali e locali e che le strategie 6/06)sviluppate localmente rimarrebberoabbastanza oscure se non si ricostruisse la Occorre ricordare che in questo casomappa complessiva delle progettualità in quando si fa riferimento alla presa in caricocorso. Il progetto APQ rappresenta un di un progetto educativo, particolarmente nell’area del penale minorile, non si prevede necessariamente l’inserimento lavorativo: l’orientamento può confluire in76 Ci si riferisce al codice di procedura penale un percorso di formazione professionale ominorile, DPR 448/88, ed al sistema dei servizi nell’ingresso in un centro di aggregazione.della giustizia minorile 77
  • Uno dei punti forti più volte segnalato dai “Ad oltre dieci anni dall’iniziopartner di “Un posto al sole”, istituzionali e dell’attività del centro TAU nel territorio èdel privato sociale, riguarda il fatto di essere possibile affermare che molti ragazzi eriusciti a sviluppare “un rapporto sinergico ragazze e alcune famiglie intere, hannocon gli operatori dell’USSM e aver creato un ritenuto possibile il cambiamento personalecollegamento con il territorio a partire e della comunità. Oggi infatti tra i volontaridall’esperienza del centro d’aggregazione”. Il e gli operatori del Centro, ci sono diversiDipartimento di Giustizia Minorile e in primis giovani e alcune mamme coinvolti nel lavorol’USSM è il nodo che a livello territoriale di socializzazione del territorio promossosvolge una funzione di interfaccia tra minori dall’associazione.” (Intervista Coordcoinvolti a vario titolo in reati ed agenzie progetto) “La Comunità solidale, quindi, èeducative territoriali deputate al reingresso diventata un nuovo modello culturaledel minore e/o allo sviluppo di percorsi centrato sull’autosviluppo della persona,educativi. Nelle esperienze sin qui riportate l’auto progettualità della comunità, illa forte alleanza su obiettivi comuni da parte potenziamento della creatività, la ricerca didell’USSM e di alcuni attori del privato nuove forme di comunicazione, la proiezionesociale ha rappresentato il nucleo stabile verso l’intraprenditorialità e l’impresaattorno a cui negli anni si è rafforzata la sociale, centrate sull’interesse collettivo epresa in carico del minore coinvolto nel sullo sviluppo globale della comunità.”77sistema penale minorile a livello di comunitàlocale. La borsa lavoro come strumento Tra i punti deboli segnalati a livello di compensativorete dei servizi occorre invece menzionare, Ad un primo nucleo ‘forte’ si sono viaalmeno nella prima annualità del progetto via aggregati altri attori rilevanti anche se“Un posto al sole”, un certo scollamento con ancora debole o assente appare nell’attività del SISL e con altre progettualità palermitano (v. anche caso Priorità A) Dal(Progetto RISE l.328/00) dovuto anche allo mediterraneo a Borgo Nuovo) il ruolo deislittamento di alcune iniziative ed incertezze Servizi per l’Impiego78, del sistema dellacirca l’effettivo finanziamento di alcune formazione professionale, delle associazioniazioni concepite inizialmente come datoriali, delle parti sociali. Le politichesinergiche. attive del lavoro faticano a svilupparsi in Lavoro di attivazione della particolare nei settori più svantaggiati ecomunità e uso degli spazi di delicati come quello del penale minorile.aggregazione: il meccanismo del “Non ci sono in Sicilia politiche attiveradicamento del lavoro. Gli sportelli Multifunzionali La storia di questo caso ruota nei dovrebbero essere luoghi diracconti e nelle testimonianze scritte attorno intermediazione, nella pianta organica c’èagli spazi del centro Tau. Il centro in realtà una figura, ‘l’integratore’, che dovrebbeconsta di circa 250 mq al piano terra ed al I avere come obiettivo il lavoro sulle fascepiano di un edificio in Via dei Cipressi in deboli. Il progettista dovrebbe esserezona Zisa. Si tratta di una normale palazzinache da oltre 10 anni ospita nei locali del 77 Tratto dal Sito di Inventare Insiemecentro decine e decine di ragazzi di diverse www.mediatau.it/alazis/età. Tornando ad uno dei focus della 78 In Sicilia ci sono sportelli multifunzionali, di cuivalutazione, non ritroviamo in questa circa 30 a Palermo, gestiti direttamente dallaesperienza alcun “recupero di nuovi spazi Regione e finanziati dall’Agenzia per l’Impiego. Siurbani”. E pur tuttavia il lavoro realizzato in tratta di servizi e personale dipendente dallaquesto quartiere a partire dagli spazi del regione e non dalle Province poiché qui lecentro Tau, come anche riconosciuto dagli competenze sono rimaste in carico alla Regionestessi promotori, può identificarsi con una Siciliana. La legge cita: “I servizi per l’impiegoazione di rivitalizzazione urbana e di decentrati organizzano, per le funzioni di propria competenza, l’anagrafe regionale dei soggetti chesviluppo ‘globale della comunità’ e dimostra hanno adempiuto o assolto l’obbligo scolastico equanto sia cruciale il radicamento all’interno predispongono le relative iniziative didei territori e l’assunzione di strategie di orientamento”. Legge del 17 maggio 1999 n.empowerment e di sviluppo a medio lungo 144 articolo 68 ‘Obbligo di frequenza di attivitàtermine. formative’ comma 3. 78
  • l’operatore di rete che con altre agenzie del rileva, infine, uneccessiva rigidità dellaterritorio costruisce i progetti di sviluppo.” proposta dei CFP e una carenza nelle(Intervista 6/2006) funzioni di turoraggio e supporto educativo: su questo fronte sono emersi alcuni limiti Una delle debolezze che emergeva dai che riguardano anche la carenza di risorseprogetti APQ che operano per il deputate a tale funzione.reinserimento sociale e lavorativo di giovanicoinvolti nell’area penale minorile consiste “La formazione riesce a rispondere solo sinonella carenza qualitativa e quantitativa degli a un certo punto anche perché non sonostrumenti utilizzati per promuovere e abbastanza flessibili e il personale non èsostenere gli interventi. Da una prima analisi adeguatamente preparato. Con alcuni corsisembrava emergere un uso quasi esclusivo abbiamo ottenuto la deroga al requisito deldelle borse lavoro - uso che non corrisponde possesso della licenza media ealla disponibilità delle stesse- mentre altri contemporaneamente il ragazzo attestava lastrumenti come l’apprendistato o la partecipazione a percorsi serali per ottenereformazione professionale sono scarsamente la terza media. In questo modo il ragazzoutilizzati. Osserviamo alcuni fattori emersi in risparmiava un anno.” (Intervista giugnoquesto caso che testimoniano le difficoltà 2006)affrontate dagli operatori. Anche rispetto all’acquisizione della licenza L’adempimento dell’obbligo/diritto media i ragazzi hanno notevoli difficoltà aall’istruzione, così come previsto dai prendere parte ai moduli delle scuole serali.cambiamenti normativi79 degli ultimi 6-7 Su questo aspetto il progetto “Un posto alanni, trova seri ostacoli dovuti in parte al sole” è riuscito comunque a sperimentarepermanere di un assetto formativo e soluzioni alternative.scolastico rigido che non favorisce la Da quanto rilevato dalle intervistepartecipazione di giovani espulsi anni sembrerebbe che in Sicilia le domande diaddietro dallo stesso sistema scolastico, in apprendistato presentate dalle aziendeparte alle carenze dei contenuti dell’offerta vengono accettate in funzione della data diformativa ed in parte alla scarsa offerta di presentazione e non di priorità connesseapprendistati. Tra lo stesso target del anche al target. Sui contratti di formazione eprogetto osserviamo che i 5 ragazzi inviati apprendistato sono in genere le aziende adurante il biennio all’Endofap hanno segnalare all’agenzia per l’impiego iabbandonato il percorso formativo dopo nominativi inoltre nonostante l’esistenza dil’iscrizione e che l’ente ha dovuto restituire un regolamento sugli apprendistati chele risorse non spese rimettendole a dovrebbe avvantaggiare le fascedisposizione del progetto. Tra i punti deboli svantaggiate domina il principio della data didel sistema della formazione professionale presentazione delle domande e i primirispetto alle esigenze di minori coinvolti nel hanno diritto a utilizzare le scarse risorse.sistema penale emersi in questo casotroviamo anche fattori attinenti alla struttura “I primi che arrivano prendono tutti ie ai tempi della proposta formativa ed agli finanziamenti. Abbiamo chiesto alla Regionestessi contenuti. di riservare un pacchetto di apprendistato per queste fasce ma non ci siamo riusciti.” La durata dei corsi di formazione è (Intervista Inventare Insieme 6/2006)inadeguata: hanno una durata triennale equesti ragazzi non riescono a proiettarsi per L’unico strumento consolidato e strutturatotempi così lunghi. La data di avvio dei corsi attualmente esistente è la borsa lavoro e(v. spesso non cominciamo a settembre e solo in alcuni casi a termine della stessa sialcuni iniziano a luglio) non corrisponde né sono attivati alcuni apprendistati.ai tempi giudiziari, né alle esigenze dei Se da un lato la borsa lavoro risponde aragazzi. Tutte le alternative di messa alla bisogni di carattere economico di ragazzi cheprova mancano quindi di contenuto. Si provengono molto spesso da famiglie in stato di povertà od economicamente svantaggiate, dall’altro continua a riprodurre79 Legge 20/1/99, n. 9, ‘Lelevamento meccanismi di tipo assistenziale e vienedellobbligo’ utilizzato per agganciare le imprese in una logica viziata e compensativa e circuiti del 79
  • mercato del lavoro caratterizzati, tuttavia, aziende (abbiamo richieste fatte a 1-2 annida forti fenomeni di sommerso. di distanza). Sul progetto Pollicino 1 questo sistema ha funzionato almeno a distanza diSebbene questo progetto sia una evoluzione un anno. I ragazzi hanno ritenuto che tra ledi metodologie considerate a livello competenze acquisite vi fosse quella dinazionale delle best practices dobbiamo riuscire a organizzarsi per contrattare laconsiderare anche le debolezze a livello di posizione lavorativa successiva.” (Intervista)sistema e ricordare che in termini di esiti suiragazzi beneficiari nel 30% dei casil’ingresso nel mercato del lavoro è Osservazioni conclusivecaratterizzato da lavoro nero. Leggiamo,infatti, che su 16 ragazzi presi in carico dal Come indicato in numerosi studi, iprogetto Pollicino, “5 sono in collaborazione percorsi di inclusione sociale e(lavoro nero) presso alcune aziende trovate accompagnamento educativo di adolescentida soli o con l’ausilio dell’associazione” ( drop out o che hanno avuto problemi con laStudio di caso sulle best practices II Fase giustizia, non possono risolversi in interventiPIC Occupazione, ATI ISMERI_IRS 2001) segmentati ma debbono accompagnare il ragazzo e “permeare l’intero processo di transizione e concretizzarsi in azioni che Il meccanismo del ‘doppio o triplo facilitino il più possibile l’interazione tra ilcolpo’ e l’accompagnamento educativo destinatario e l’ambiente che lo circonda. Inpersonalizzato particolare creare le condizioni che agevolino questo percorso significa agire sia In considerazione delle precedenti sull’individuo sia sull’ambiente che lodebolezze del mercato del lavoro locale, del circonda” (Isfol, 2001).80sistema deputato all’inserimento lavorativodelle fasce deboli ma anche alle Chiaramente vanno rispettate alcunecaratteristiche di vulnerabilità dei ragazzi precondizioni affinché si sviluppino percorsiche sono entrati in rapporto con l’area del di accompagnamento educativo ed inpenale minorile, sono stati negli anni particolare:sviluppati alcuni meccanismi ritenuti efficacidagli stessi attuatori. Il meccanismo che è • che i diversi attori della rete si riconoscano come reciproche risorse e sistato implementato con il progetto Pollicino sviluppino delle procedura in grado diviene denominato dai promotori il ‘doppio o garantire la correttezza degli invii e latriplo colpo’ e consiste in un percorso con coerenza del processo di lavoro con ilobiettivi intermedi adattati a ciascuna singolo caso;situazione e non necessariamente perseguiticon ciascun caso o in modo sempre • che vengano svolte in modo continuativo‘ascendente’ (dalla formazione funzioni di back per sostenere ilall’inserimento in azienda): coordinamento, l’innovazione, la ricerca, l’aggiornamento, la progettualità a• il primo ‘colpo’ è nell’area della livello di sistema rete oltre che deiformazione al lavoro. Non è importante che singoli segmenti;acquisisca competenze specifiche, serve cheentri nel contenitore azienda, ne capisca le • che sia svolto parallelamente un lavoro aregole, le modalità di relazione con i livello territoriale di attivazione,compagni, i processi operativi cosa significa animazione, promozione rivolto aiavere un rapporto di lavoro. giovani e agli adulti.• La seconda fase è caratterizzata dalla Senza il lavoro svolto nei quartieri dai centriformazione sul lavoro e dal cominciare a sociali, da centri di aggregazione (v. centroinvestire su date competenze. A quel punto Tau) non si sarebbe in grado di attivare lesi ipotizza l’immissione sul mercato del capacità auto risolutive e le risorse dellelavoro o nella stessa azienda della comunità e delle famiglie, verrebbero asuccessiva fase. “Lo sviluppo di capacità di presentarsialle aziende consente al giovane di 80 Modelli e strumenti per l’integrazionepresentarsi eventualmente anche in altre lavorativa, Rapporto di monitoraggio PIC Occupazione II Fase, Isfol, febbraio 2001 80
  • mancare le connessioni con la società (v.altre agenzie educative, imprese, CFP), tralavoro ‘specialistico educativo’ con i ragazzie loro inserimento in gruppi di pari nondevianti.In gran parte queste condizioni sono emerseanche dall’analisi di questo caso esembrerebbe motivare la capacità dipermanenza e sostenibilità negli anni delmodello. 81
  • Ambito di intervento L’ambito territoriale interessato dal6 Caso: Radici progetto ricade nella I Circoscrizione del Comune di Messina, ed in particolare in quattro piccoli paesi-Villaggi. La zona del Quartiere individuata quale area di6.1 1.1 Descrizione del caso intervento per il presente progetto Motivazione della scelta del caso comprende i Villaggi di Briga, Giampilieri Marina, Giampilieri Superiore, Molino ed Il progetto ‘Radici’ è uno dei progetti Altolia. L’intera zona si estende all’estremodella priorità A) approvati per la città di confine Sud del Comune di Messina, nelleMessina che viene gestito dall’ Associazione adiacenze del vicino Comune di Scaletta. Ildi volontariato “S. Maria della Strada”81 e da territorio preso in esame, è quello che,alcuni altri soggetti tra cui la Coop Sociale sviluppandosi lungo il Torrente Altolia,nata dall’Associazione “S. Maria della partendo dalla S.S. 114, con i Paesi di BrigaStrada, le parrocchie di quattro piccoli e Giampilieri Marina, si inerpica“villaggi-paesi” limitrofi alla città di Messina gradualmente sul territorio collinare, verso ie la Scuola di formazione del Dipartimento Peloritani, con i Paesi di Molino ed Altolia, adi Giustizia minorile. circa 350 m sul livello del mare.Questo caso è stato scelto per una serie dicaratteristiche. Si tratta di uno dei progettidella priorità A) promosse dal Comune diMessina che ha realizzato interventi diriqualificazione degli spazi utilizzati a favoredelle attività con i giovani recuperando unlocale di proprietà della parrocchia, unterreno abbandonato dietro una chiesa edun sentiero vicino al torrente Altolia.Si tratta inoltre di un progetto che raggiungeil target previsto dall’APQ come fascia d’età(14-18 anni).L’anomalia di questo caso è che non sirealizza in un contesto fortementeurbanizzato, come nei casi di Palermo eMessina, ma in 4 piccole frazioni- dettevillaggi- a sud del comune di Messinainerpicate lungo la valle del torrente Altolia. Foto 41 Veduta aerea della periferia di Messina tratta da sito Google Si tratta di aree fortemente emarginate con insediamenti urbani di scarse dimensioni (3-4 KM quadrati) caratterizzate da forte isolamento, carenze 81 Associazione di volontariato “S. Maria della del sistema dei trasporti con la limitrofa areastrada” Sede legale: Via Comunale, 1, Villaggio Galati urbana di Messina e del sistema dei serviziS. Anna, 98134 Messina. Soggetti intervistati(Interviste e focus group del 26/06/06) nel caso A16ME pubblici nel suo complesso (palestre, scuole,(scheda 11- SI progetto) Progetto Radici : servizi sanitari..), concentrazione elevata di 1. Gulletta Salvatore – Responsabile progetto forme di disagio sociale e presenza di piccoli Assoc S.M.della strada agglomerati urbani che nel periodo invernale 2. Francesca Giorgiani – Psicologa coordinatrice progetto non raggiungono i 6000 abitanti 3. Mione Nadia – operatrice (considerando l’intero ex primo quartiere 4. Simona Urso- operatrice che comprendeva, oltre i 4 villaggi in 5. Tomaselli Giovanna – operatrice progetto, anche altri 3 villaggi limitrofi). 6. Padre Freni- Parroco 7. Paolo Restuccia – Associazione Risvegli 82
  • ricadono soprattutto nella zona di Giampilieri Superiore, dove vige ancora oggi una cultura molto chiusa nei confronti dell’esterno; le segnalazioni che da più parti arrivano riguardano essenzialmente casi di maternità precoce, maltrattamenti e violenze intramurarie, casi di dispersione scolastica e disagi abitativi. Foto 42 Giampilieri (ME) La popolazione del ‘villaggio diGiampilieri’, ad esempio, raddoppia inestate, quando vengono aperte le secondecase estive poste sul lungomare.“La popolazione minorile di questa areaammonta a circa 1200 unità, suddivisa in:227 bambini tra 0 e 3 anni (129 maschi e98 femmine); 548 bambini tra 4 ed 11 anni Dalle statistiche redatte dall’Ufficio di(278 maschi e 270 femmine); 182 minori servizio Sociale per i Minorenni,tra 12 e 14 anni (97 maschi e 85 femmine); relativamente ai minori denunciati e per i249 minori tra 15 e 18 anni (129 maschi e quali l’autorità giudiziaria minorile ha120 femmine)”. (Tratto da progetto82) richiesto l’intervento dell’USSM, ai sensi dell’art. 9 del DPR 448/88, risulta un Gli ultimi paesi, quindi, pur non numero molto esiguo di soggetti coinvolti inrisultando posti molto in alto rispetto al reati e residenti nella zona in oggetto. Perlivello del mare, si trovano abbastanza contro, diversi sono gli episodi problematicidistanti dalla S.S. 114, rendendoli a tratti (legati anche al consumo di droghe o achiusi ed isolati. Inoltre, trovandoci in una comportamenti inadeguati) che arrivanozona di “confine”, a causa anche della all’attenzione dei vari “operatori informali”“lontananza” dei Servizi Comunali presenti sul territorio (parroci, insegnanti,centralizzati, risulta molto marcata la ecc.), denotando ancora di più la scarsasensazione dell’abbandono dalle Istituzioni. attitudine della popolazione a rivolgersi alle Le varie attività organizzate Istituzione pubbliche competenti.dall’Amministrazione Comunale, soprattutto Relativamente alla dispersioneai sensi della L. 285/97, pur ricadendo nel scolastica, i casi segnalati, dalle Istituzioniterritorio del I Quartiere, presso le Scuole di scolastiche, per l’anno 2001-2002, sonoPonte Schiavo sulla S.S. 114, non riescono stati 126 per la zona Sud del Comune dia coinvolgere adeguatamente tutti i paesini Messina, di cui circa il 60% risolti, mentre glicollinari. Le problematiche evidenziate altri sono rimasti in carico al Servizio Sociale di Dispersione Scolastica del Comune di Messina. In particolare, per l’anno scolastico82 2002/2003, sono state segnalati 5 casi di I dati provengono dall’ufficio anagrafico delcomune di Messina e si riferiscono a quello che dispersione scolastica dall’Istituto “L. daera definito “Primo Quartiere”; oggi si è operata Vinci” di Ponte Schiavo, che ha anche unauna nuova distribuzione del territorio e alcuni sede distaccata nel Villaggio Molino, e chequartieri, tra cui anche il primo, sono stati ha un’utenza proveniente principalmente dalinglobati in altri. 83
  • territorio in esame. famiglia “Casa Canonica” di Molino, per donne e minori in difficoltà; casa famiglia Da una lettura del fenomeno, si è per donne e minori “Madre Veronica” dirilevato che le cause maggiori che hanno Giampilieri Marina.determinato l’inadempienza all’obbligoscolastico non sono solo da imputare aldisagio socio-economico, ma anche ad un Dal quadro sopra riportato si evincedisagio di tipo ambientale e culturale. che uno dei bisogni primari è quello della Inoltre, una volta preso in carico il rottura di sistemi di appartenenzaminore segnalato, sono emersi altri fattori, eccessivamente coesi e chiusi in se stessi eattinenti, non solo alle tipiche problematiche di rafforzamento degli scambi tra comunitàadolescenziali ma anche a disgregazioni e tra la frazione e la limitrofa area urbanafamiliari ed alla scarsa qualità dei rapporti. attraverso cui offrire ai giovani opportunità educative e di crescita. Breve storia e contesto “Gli amici sono quelli prevalentemente In un’area ben delimitata di Giampilieri conosciuti a scuola e nel paese, in unsi sono trasferite – secondo quanto contesto, il più delle volte, molto chiuso eriportato dai responsabili del progetto- riservato. Il basso livello di istruzione deialcune famiglie di Messina che hanno una genitori e la scarsa tendenza al confrontoserie di problemi tra cui l’insufficienza con realtà e sistemi alternativi, condizionamentale. Non trattandosi di pochi casi è negativamente il rapporto dei figli con lastata difficile l’integrazione. scuola. Molte volte il giovane si sente Dall’analisi realizzata dalla stessa estraneo alla scuola ed è attratto da attivitàassociazione (v. Formulario progetto Radici lavorative in età precoce, (…) . Tale precoceAPQ ), come pure dalla documentazione e precaria immissione nel mondo del lavoro,raccolta e dalle interviste in loco risultano in non solo pregiudica il suo futuro lavorativo,sintesi le seguenti caratteristiche rendendo problematica la ricerca ed ilterritoriali: mantenimento di un’adeguata occupazione retribuita e professionalmente valida, ma gli forte carenza di strutture sportive impedisce, di fatto, di vivere con comunali/provinciali: Esiste una spensieratezza le varie fasi della sua crescita struttura sportiva della provincia che e maturità. “I ragazzi del territorio non risulta abbandonata e mai attivata a hanno strutture centri, non hanno niente (…) causa di problemi connessi alla Giampilieri offre solo la piazza della chiesa concessione di idoneità. La struttura è come luogo di incontro, null’altro.” stata costruita con un finanziamento pubblico dalla Provincia Regionale di Padre Francesco Pati, presidente e Messina ma non è stata mai consegnata fondatore dell’Associazione e della per mancanza di autorizzazioni. Cooperativa sociale, è stato parroco dei Villaggi di Altolia e Molino per circa 18 anni, scarsità delle risorse istituzionali sino al 2004, pertanto il territorio in presenti sul territorio del I Quartiere: questione era molto conosciuto dal gruppo, sono presenti solo le scuole (Materne ed in quanto la maggior parte dei volontari elementari; la scuola Media è presente a provenivano da quelle zone. Inoltre, alcuni Molino e Giampilieri Superiore), la operatori della Cooperativa, chiesa con Parrocchie in ciascuna rappresentavano già dei punti di riferimento frazione ed alcuni istituti religiosi . per i ragazzi della zona. forte concentrazione di popolazione soggetta a processi e fattori di Nel villaggio di Molino, limitrofo a Briga, esclusione sociale. Giamplieri superiore e Altolia, l’associazione e la cooperativa operano attraverso la Rispetto al sistema dei servizi sociali è struttura residenziale dal 1997.tuttavia da segnalare la presenza di alcune L’associazione di volontariato si è costituitacase di accoglienza gestite sempre dalla nel 1991 e da allora è presente sulstessa associazione /cooperativa sociale territorio messinese. A distanza di pochiche- come potremo osservare meglio in anni si costituisce anche una cooperativaseguito- rappresentano una risorsa locale sociale di tipo a) che dai primi anni ’90anche per il resto della comunità: casa 84
  • gestisce prevalentemente servizi fece fu quella di coinvolgere tutti i ragazzi residenziali (n.8 Casa d’Accoglienza per la bonifica del torrente, per pulirlo e Residenziale o comunità alloggio) nel abbellirlo…Inoltre, aveva due parrocchie e territorio messinese per donne e minori e due canoniche…Col tempo ha trasformato per senza fissa dimora o servizi a bassa queste ultime in strutture di accoglienza, per soglia per senza fissa dimora. Tra questi soggetti disagiati, i più disparati, dai ricordiamo tossicodipendenti alle ragazze madri,• La casa di prima Accoglienza “Aurelio” e coinvolgendo anche i ragazzi del luogo, chela Casa d’Accoglienza residenziale a bassa facevano la notte, i turni di giorno….(…) E’soglia “Jeanne Jugan” per senza fissa dimora stata fatta, su iniziativa di Padre Francesco,inaugurata nel 1992 anche un’attività di sensibilizzazione del• Gestione del progetto “emergenza territorio, sulla comunità locale, che è statafreddo”, attivato ai sensi del DPCM del coinvolta e sensibilizzata”.21/01/00, del “piano di interventi coordinati L’esperienza personale dei dueper l’accoglienza e l’assistenza dei senza coordinatori del progetto non era difissa dimora” e di un “Sistema Integrato per volontariato nei territori interessati dalsenza fissa dimora”; progetto ma nasceva nella casa per senza• Gestione nell’anno ’99, di un progetto per dimora.i senza fissa dimora, nell’ambito dei progettisocialmente utili e rilevanti promossi 6.2 Il ruolo del programma APQdall’Amministrazione Comunale; Marginalità sociale• Gestione della Casa d’AccoglienzaResidenziale femminile “Madre Veronica” (a Struttura del progettoMolino) e della Casa d’Accoglienza “S. Maria Il progetto è stato avviato neldella Strada”, nel Villaggio di Galati S. Anna, novembre 2004 e si concluderà nell’agostoaperta nel 1991, per minori affidati del 2007.direttamente dall’USSM con offerta di servizidi accoglienza diurna per una fascia ampia di Le risorse impegnate sono: n. 4persone con problemi di solitudine o operatori ‘giovani’ con qualifica di operatoriemarginazione. La comunità alloggio per per circa n° 22 ore settimanali;minori sita a Panarea, isole Eolie, Messina, unassistente sociale, per 12 ore settimanaligià autorizzata al funzionamento dalla e n. 2 operatori adulti con funzioni diRegione siciliana ed un’altra comunità coordiamento (la psicologa Francescaalloggio per minori sita a Messina, in attesa Giorgiani) e di responsabile di progettodi autorizzazione al funzionamento. (Salvatore Gulletta). Partenariato• Negli anni passati l’associazione è stata,inoltre, coinvolta nella gestione di alcuni In questo caso, diversamente da moltiprogetti ( nell’ambito della L. 216/91 o della altri sviluppati nell’APQ, un’associazione diL. 296/97, il Fondo nazionale per il volontariato ha ricoperto un ruolo siavolontariato DAS) per l’accoglienza, propulsore che di coordinamento e gestionel’assistenza, il reinserimento socio-lavorativo degli interventi. Si tratta dell’Associazione died il recupero scolastico, di minori a rischio volontariato “S. Maria della strada”.conclamato di coinvolgimento in attività Il partenariato è piuttosto ridotto ecriminose, di donne e di minori in difficoltà ( poco differenziato in termini di funzioni ev. progetto socialmente utile) e di altri appartenenze istituzionali e fondamentale èsoggetti che presentano varie situazioni di rappresentato dalla chiesa locale,disagio (v. “Le case di accoglienza e la (parrocchie) dal volontariato e dal privatofattoria didattica”) sociale di matrice cattolica. “Il progetto “Radici” è un po’ il“succo” delle grandi esperienze che abbiamo Tra i partner principali83, oltre naturalmentefatto sul territorio, perché Padre Francescoha istituito in parrocchia la prima biblioteca,una biblioteca “regionale”. Lo stesso Padre 83 Sono stati coinvolti tra i partner anche:Francesco appena arrivato, ha anche svolto l’Istituto suore cappuccine del sacro cuore –delle piccole iniziative di riqualificazione del Giampilieri Marina, Messina; la Cooperativaterritorio: una delle primissime cose che sociale “la voce del cuore” – Camaro, Messina, 85
  • allo stesso Comune che necessariamente Giampilieri Superiore e poi di Briga ecompare quale promotore e presentatore del Giampilieri Marina.progetto come di tutti gli altri progetti della Inoltre sono state coinvolte le famigliepriorità A) dell’APQ, troviamo: e gli adulti nelle varie attività di a) la Coop. Sociale “S. MARIA DELLA aggregazione e di promozione. STRADA” le cui figure apicali e non e la stessa sede coincidono in buona parte Partecipano al progetto vari gruppi con quelle dell’associazione di target, tra 8-13 anni, un gruppo dai 14 ai 18 volontariato; anni ed uno composto da giovani di oltre 19 b) n.5 Parrocchie “S. Nicolò” – Giampilieri, anni. I primi ovviamente sono più propensi a S. Paolo e S. Nicolò in Briga Marina, sviluppare delle attività in sede strutturate. “S. Maria la scala” nel Villaggio Molino, Per valorizzare i piccoli manufatti fatti “S. Biagio” del Villaggio Altolia, Messina con i bambini nei diversi laboratori, gli e “S. Mauro” del Villaggio Giampilieri operatori del progetto cercano di inserire le Marina. attività in una azione di valorizzazione dei c) Il Ministero di Grazia E Giustizia - lavori artigianali tipici del luogo e Scuola di Formazione del Personale organizzano iniziative di vendita degli della Giustizia Minorile – Messina che ha oggetti attraverso il coinvolgimento degli avuto un ruolo significativo in adulti ed in particolare delle madri. particolare per gli aspetti concernenti le attività di formazione e aggiornamento Tra le attività realizzate si ricordano: di tutti gli operatori coinvolti nei 1. Nelle estati del 2005 e del 2006 una progetti della priorità A) a Messina. mostra mercato itinerante nelle piazzeLa relativa debolezza delle presenze principali dei vari paesi;istituzionali di questo partenariato è data in 2. una mostra fotografica dal titoloparte da due fattori contingenti che occorre “Radiclick - scorci e bellezze del primoricordare: quartiere” - estate 2005;• le vicende dell’amministrazione 3. attività di animazione e aggregazione incomunale di Messina nel periodo in cui la occasione del carnevale 2005 e 2006,Regione ha emesso i bandi APQ (n.b. il promuovendo l’apertura verso i gruppi degliComune come vedremo meglio in seguito è altri centri (il progetto radici ha avuto anchestato commissariato per circa 2 anni e una targa di riconoscimento quale migliormancavano completamente indirizzi politici); gruppo mascherato, dall’Associazione che• la marginalità di questi piccoli ‘villaggi’ ormai da anni organizza il carnevale ache pur essendo parte del terzo comune Giampilieri superiore);della Sicilia per n° di abitanti, nei fatti percaratteristiche orografiche rappresentanodelle inurbazioni ‘semi montane’ diridottissime dimensioni. Attività e target Sino a Giugno 2006, sono staticoinvolti in maniera stabile 125 ragazzi dietà così ripartita: 49 da 8 a 13 anni; 32 da14 a 18 anni; 44 oltre i 18 anni. La maggiorparte dei ragazzi, inizialmente, provenivadai territori di Altolia e Molino, siti “storici”dove l’associazione era già presenteattraverso p. Francesco, poi, attraverso illavoro degli operatori e la collaborazione deiparroci, si sono inseriti anche i ragazzi di l’A.G.E.S.C.I. Sicilia – zona dello stretto - Messina 86
  • Metodologia di lavoro4. attività di animazione del paese di Altolia Il progetto APQ ha dato moltain occasione delle festività Natalizie 2005 e importanza alla creazione di una rete sociale2006 in collaborazione con la parrocchia (v. che potesse stimolare la costruzione dianche contatto di tutti i bambini realtà nuove all’interno di un territorio moltodirettamente presso le famiglie); degradato.5. torneo di beach volley, estate 2005 e2006, con il coinvolgimento delle squadre La metodologia si è diversificata indei vari paesi del progetto; relazione alle diverse fasi del progetto e ai6. realizzazione di spettacoli itineranti con il feed back registrati dagli operatori. “Ilcoinvolgimento di tutti i ragazzi (spettacolo progetto è stato costantemente rimodulatomusicale estate 2005 e 2006; recita estate lungo il percorso in funzione di follow-up che2006; inaugurazione centro Koinè novembre l’equipe ha usato per valutare l’adesione di2005, ecc.); manifestazione “giochi senza modelli sociali alternativi”.quartiere”, estate 2006, Nei primi sei mesi l’attenzione è stata7. coinvolgimento delle mamme in attività rivolta alla lettura del territorio, sia da undi ballo, grazie al coinvolgimento di persone punto di vista strumentale, sia psicosociale.esperte del territorio a titolo gratuito, al fine Infatti, gli operatori hanno identificato glidi favorire la conoscenza del progetto e il attori sociali di ogni paesino per poterraggiungimento di un buon livello di creare, tramite loro, possibilità di aggancio.“fiducia”. La fase ‘dell’aggancio’, secondo i coordinatori del progetto, è stata sempre caratterizzata da grande rispetto ad ascolto Gli operatori segnalano alcuni dell’altro, con l’eventuale proposta di modelliproblemi dovuti a scarsa accettazione di alternativi e mai direttivi.alcuni ragazzi più emarginati da parte anchedi figure adulte locali. Tuttavia i volontari Nella seconda fase ci si è occupatidell’associazione si sono fortemente della ristrutturazione e attivazione di dueimpegnati affinché alle attività del progetto centri polivalenti grazie anche alpartecipassero i ragazzi meno integrati e coinvolgimento degli stessi ragazzi (n.b. glicoinvolti nelle proposte della Parrocchia, i operatori hanno insieme a loro scelto lemeno “bravi” quelli che provengono da attività, l’arredamento, la tinteggiatura, ilfamiglie più disagiate. Il centro secondo i nome, ecc.). Dopo qualche periodo, sonocoordinatori non viene identificato con la state organizzate attività allargate perparrocchia e riesce a coinvolgere anche i favorire l’integrazione tra i piccoli paesi. Loragazzi maggiormente a rischio di strumento usato in questo caso è stato lamarginalità. Circa il 30% dei ragazzi inseriti costruzione di un questionario che l’equipepresenta, secondo l’Associazione S.M. della del progetto ha somministrato sia per lastrada, delle forme di disagio familiare e scelta di ogni attività sia per la valutazione.sociale. Tutto ciò ha favorito lo sviluppo del senso di empowerment dei gruppi di giovani e dei “Si organizzano 1 o 2 volte a singoli (l’acquisizione del senso di potere)settimana delle attività in ciascun paesino all’interno delle loro realtà sociali.(circa 5 Km di distanza l’uno dall’altro)mentre saltuariamente, per occasioni Lo sviluppo di eventi allargati haparticolari e per le festività, vengono favorito la conoscenza e l’accettazione delsviluppate attività (mostre tornei festa di progetto all’interno dei paesi, la promozionecarnevale...) che permettono l’interazione di gruppi anche informali e la valorizzazionetra ragazzi e adulti di diversi paesi.” delle risorse delle comunità. Nel corso dell’azione si sono identificati alcuni Il rapporto con i genitori di ragazzi operatori grezzi che hanno portato avantipreadolescenti è presente “solo ad Altolia e attività da loro stessi proposte (feste, carriqualcuno a Molino ma i genitori dei ragazzi carnevaleschi, scuola di danza, ecc.).più grandi li conosciamo poco; a Giampilierisuperiore non conosciamo nessuno ancheperché hanno molti problemi mentre con ilgruppo dei più piccoli i genitori vengono eabbiamo più opportunità di vederli”. 87
  • 6.3 La teoria del programma: strategie organizzare dei momenti di confronto tra di d’azione e meccanismi ipotizzati loro, per appianare le tensioni e…. Inoltre c’è stato un notevole investimento nelle attività La sfida: nuovi operatori esterni al di formazione, per esempio nell’ambito dellagruppo originario in nuovi territori giustizia minorile…” Pur avendo una storia di servizi a “Anche per me l’impegno, comecarattere ventennale e consolidato per la coordinatrice, è stato tanto (…) E’ difficileprima volta l’associazione ha utilizzato in diffondere la cultura della “mediazione”.modo massiccio degli operatori che non Quando dovevamo organizzare i giochifacevano parte del proprio background senza quartiere abbiamo fatto una riunionestorico e culturale in un progetto in parte fino alle 2 di notte, per spiegare la rilevanza‘nuovo’ perché caratterizzato da interventi di delle nostre motivazioni e di determinatiattivazione della comunità e di animazione comportamenti, come fare a negoziare tragiovanile piuttosto che centrato su interventi bisogni diversi, esperienze che loro nona carattere residenziale e semiresidenzale. hanno…” (F)In questo senso si è trattata di unaesperienza innovativa per questi attori oltre Riqualificazione e utilizzo degliche per i territori interessati più spazidirettamente al progetto. “Questo è il campetto che “Diciamo che era la prima volta che ci inaugureremo tra un po’ a Briga inferiore.“sperimentavamo” in maniera così (…) Dietro alla Chiesa c’era un pezzo diorganizzata in un progetto così inserito nel terreno di 800 mt. C’era una palude, poiterritorio”. abbiamo bonificato il terreno, nell’ambito del progetto Radici, abbiamo fatto il Gli operatori selezionati e formati campetto…L’idea di fare delle struttureappositamente per questo progetto non stabili già nel progetto viene realizzata nelsono ragazzi del posto in modo da rafforzare tempo, insieme a loro. Ad Altolia sono stati iil messaggio legato alla promozione del ragazzi a costruire il centro, l’hannoconfronto tra ragazzi di diversa provenienza, pitturato e sistemato” (SG) In precedenzasolamente per alcune attività vengono erano stati ospiti della parrocchia nei localiutilizzati operatori dell’associazione che della diocesi, ora i locali del centro diprovengono dai territori dove si interviene. aggregazione sono situati accanto alla “mettere degli operatori di Altolia con i comunità dei minori gestita dalla stessaragazzi di Giampilieri avrebbe potuto avere associazione.un effetto negativo, perché i ragazziavrebbero potuto dire: “quella è lacooperativa dove c’è X…” (SG) Questa è stata la ragione per cui ireferenti storici dell’associazione divolontariato si sono coinvolti in primapersona nel progetto “Radici” investendovipiù risorse del previsto e dedicando molteenergie alle funzioni di coordinamento, allacostituzione di un gruppo di lavoro affiatatoed allo sviluppo di metodologie di lavorobasate su riferimenti condivisi. “La nostra presenza nel progetto, inqualità di coordinatori, è giustificata dal fattoche crediamo in queste attività…” “Ci siamomessi noi”, - a fare i coordinatori-pensavamo bastasse. Non è facile secondome il lavoro sul territorio e questo aspetto èstato sottovalutato all’inizio…Questioperatori sulla carta (selezionati sulla basedei CV) sapevano fare molte cose… (…)Continuiamo a perdere molto tempo ad Foto 43 Piccola area verde bonificata 88
  • Dall’apertura alle comunità promuove integrazione tra paesi, capacità dilimitrofe alle promozione di maggiori autorganizzazione dei giovani eopportunità per i giovani associazionismo locale, …). Il meccanismo che stanno cercando di “Ogni anno per tradizione a carnevaleattivare è quello della rottura di forme di l’associazione di volontari…faceva i “Carri”coesione sociale rigide e difensive tra (Circa 30 volontari di Giampilieri dai 30 ai 50singole frazioni e la promozione di processi anni). Su stimolo del progetto per la primadi integrazione tra territori e gruppi volta “sono scesi” cioé hanno portato i carrigiovanili. in altri Paesi.” (…)“non è facile continuare…Una seconda iniziativa è stata “Se andasse a parlare con l’assessore chiamata giochi senza frontiere in cui tutti ie gli chiedesse quali sono le aree degradate paesi giocheranno parteciperanno e la gentedel Comune di Messina, sicuramente non le deve spostarsi da un paesino all’altro. (..) Ilindicherebbe Altolia (…) però sono paesini tentativo è quello di aprirsi anche ad altriarretrati, poco aperti verso l’esterno…C’è stimoli oltre che ad altri paesi cogliendocompetizione tra i giovani di un Paese e un anche proposte di sviluppo che provengonoaltro: ecco perché il progetto lavora dall’amministrazione regionale per sosteneresull’integrazione.” (SG) l’imprenditoria giovanile del posto. Non è “Per spostarsi c’è il treno che va a facile, occorre cercare nella gazzetta ufficialeMessina, domenica si incontrano nelle loro etc. Abbiamo fatto un incontro sullapiazze o in pizzeria. C’è una palestra della coltivazione delle serre ma i giovani nonprovincia ma non ha mai avuto l’agibilità c’è partecipano molto.” (intervista adpoi un campetto completato ma i lavori sono associazione di Giamplieri)stati bloccati perché non c’era la possibilitàdi avere l’agibilità.”(…) “I ragazzi non sipossono vedere (n.b. nel senso che non si Riconoscimento di risorse locali esopportano) da un paese all’altro anche se sviluppo di alleanze virtuosevanno nella stessa scuola” Ritornano per un momento al Adesso invece la mobilità dei ragazzi paragrafo precedente evidenziando che,tra diverse frazioni sembra essere oltre al meccanismo dell’apertura delle microleggermente superiore ed anche la comunità, possiamo osservare sul nasceretolleranza tra i diversi sottogruppi giovanili: lo sviluppo di un meccanismo virtuoso tra“un paese scende nell’altro”(…) “Uno dei attori dell’associazionismo a carattereprogetti che abbiamo fatto insieme si sociale e turistico-culturale che sichiama “giochi senza quartiere” e quattro sostengono a vicenda a vantaggio deglipaesi questa estate faranno giochi in obiettivi progettuali.piazza….Si porta avanti questa cultura dello Nello stesso progetto ‘Radici’ si èstare insieme…Il primo anno è stato più sviluppata un’altra alleanza virtuosa in partedifficile…E in questo ultimo anno, nonostante prevista in fase progettuale. Abbiamo vistole difficoltà, siamo riusciti a farlo.” (v. sottoparagrafo sui ‘Partner’) che come Il progetto ha sviluppato una partner collabora al progetto padre Frenicollaborazione molto produttiva con che dal 1971 opera a Giampilieri. Con ilun’associazione di volontariato del luogo che parroco Freni si é sviluppata un’intensada 3 anni si occupa di animazione dei relazione di confronto, caratterizzata anchequartieri di Giampilieri. Tale associazione in diversi momenti da divergenze, che halocale partendo da semplici attività di avuto delle ricadute molto positive per ilanimazione durante le festività sta tentando progetto e per la comunità dei giovani. E’di sviluppare anche opportunità stato, infatti, il parroco che, collaborandooccupazionali e imprenditive per i propri con i volontari dell’associazione, ha messo agiovani. Si noti che il presidente disposizione delle stanze adibite a centrodell’associazione di Giampilieri è anche un giovanile di proprietà della parrocchiagestore di un locale e che in tal modo, di ospitando il progetto per circa 1 anno.fatto, riesce a fare interagire una pluralità diinteressi (n.b. porta avanti la propria attivitàcommerciale, offre a basso costo spazi diaggregazione e incontro per i ragazzi, 89
  • “La seconda Municipalità comprende tutta la costa a nord del porto, e si estende a sud-7 Caso: Giovani Insieme ovest fino a P.zza Verga, sull’asse dei viali; a nord-est oltrepassa la circonvallazione comprendendo il villaggio Dusmet fino a giungere ai confini comunali con Nizzeti. I7.1 Descrizione del caso nuclei originari dell’area sono da ricercare Motivazione della scelta del caso nei due sobborghi che danno il nome alla Municipalità: "Ognina" e "Picanello". Oggi Il caso Giovani Insieme84 è uno dei questa Municipalità è, tra le dieci, la menon.5 progetti della Priorità A) dell’APQ che si omogenea da un punto di vista strutturale:realizzano nel Comune di Catania. E’ stato mentre la parte a sud di via G. Leopardi (…)individuato in accordo con l’amministrazione presenta caratteristiche tipiche di areecomunale perché rappresenta uno dei “centrali” in termini socio-economicitentativi realizzati a Catania di (residenze e attività commerciali diriqualificazione di spazi urbani (giardini e prestigio, funzioni pregiate come banche epiazze di una zona del II Municipio di sedi di rappresentanza di società), benCatania) e utilizzazione degli stessi per diversa è la condizione di quella parte dellaattività aggregative a favore dei giovani. Si Municipalità delimitata a ovest da vialetratta inoltre di un’esperienza che, da Vittorio Veneto e a sud da via G. Leopardi.quanto emerso nella prima fase della Qui il paesaggio urbano mantiene ancoravalutazione, mostrava di adottare strategie quel carattere di frammistione di elementidi intervento nella comunità locale adeguate suburbani con elementi urbani realizzati ine si rivolgeva al target di età compresa tra i epoche e con logiche diverse. Le piazze e i14 e i 18 anni. larghi (largo Bordighera, ben più vasto di qualunque altro spazio pubblico di Picanello,Ambito di intervento non è mai stato promosso a piazza) per la Il progetto si realizza nel territorio del II maggior parte sono trattate con sistemiMunicipio e in particolare i quartieri di banali di arredo urbano, quando non semi‘Picanello’ e ‘villaggio Dusmet’. I progetti abbandonate per la parte a verde e invaseAPQ hanno interessato solo 5 degli 8 senza regole dalle automobiliMunicipi del Comune. parcheggiate…” (Tratto da Formulario Progetto e ripreso in parte da materiale sul sito del Comune CT) Questo Municipio dal punto84 Titolo: Giovani Insieme, MS-A033-CT, demografico è caratterizzato da forteCoop.Villa S.Maria degli Angeli, Via Nuovalucello presenza di anziani (v. l’indicatore di21 Catania, 095/7336238, FAX 095/7335000 e- vecchiaia nel 2003 era il più alto tra tutte lemail: villasamarangeli@tiscali.it municipalità del Comune).Intervistati:Coordinatrice Grazia Isgrò della Coop.Villa Nel villaggio Dusmet anche con laS.Maria degli Angeli; Rosaria Spicuzza, Psicologa L.285/97 si erano attivate nel passatosportello sostegno genitorialità; Due educatrici e precedenti esperienze sul territorio diun operatore, le Coordinatrici dell’Associazione di animazione proprio a causa dellavolontariato. concentrazione di forme di disagio minorile eIntervista telefonica: Don Giuseppe Fallico,coordinatore del progetto per l’Ispettoria dove è stato più semplice operare proprioSalesiana Sicula – Istituto San Filippo Neri” Tel. grazie alle precedenti attività.095.431649 Giuseppe.fallico@tin.itMarisa Sanginisi cooperatrice salesiana –segue laparte amministrativa 90
  • Di seguito di indicano i diversi partner ufficiali del progetto. Il Consorzio Il Nodo viene costituito nel 2000 da 12 cooperative sociali operanti nella provincia di Catania e fornisce alle proprie associate una serie di servizi. In questo caso si è occupato della progettazione per conto della coop. S.M.degli Angeli che in seguito ha assunto il ruolo formale di coordinamento del progetto. La Cooperativa “Villa Santa Maria degli Angeli”, sita nel territorio della II Municipalità, è stata costituita nel 1999 allo scopo di continuare il lavoro svolto dalle Foto 44 Veduta Aerea II Municipalità Suore della Congregazione del Buon PastoreCatania- Sito Google operante a Catania già dal 1965. Attualmente gestisce n° 2 comunità per7.2 Il ruolo del programma APQ madri in difficoltà e figli (max 8-10 posti) ed Marginalità sociale una scuola materna sita nella stessa sede. Il partenariato Per questo organismo questa rappresenta la prima esperienza di gestione di un servizio Il partneriato di questo caso si sul territorio a carattere non residenziale.costruisce a seguito dell’indicazione delComune di far associare alcuni organismi L’Istituto San Filippo Neripresenti su questa Municipalità che pur non dell’Ispettoria salesiana sicula (dei DSB) edrappresentando una delle aree su cui si è presente nel campo educativo dei minoriconcentrano processi di marginalità sociale dal 1974 con attività educative, scolasticheviene indicata come ambito di attuazione di e legate al tempo. Nel corso del triennioun progetto APQ. Sempre su indicazione del 1999-2002 ha gestito un Centro di IncontroComune entra nel partenariato un per minori affidato dal Comune di Catania edipartimento dell’Università dei Catania a cui finanziato con la legge nazionale 285/97.viene dato l’incarico di assistere il Comune Università degli Studi di Catania –nelle attività iniziali di affiancamento alla Facoltà di Scienze Politiche che, per conto efase di predisposizione dei progetti e poi di su committenza del Comune di Catania,monitoraggio. Questo rappresenta l’unico gestisce come Laboratorio Lapis delcaso in tutto il programma APQ in cui un dipartimento le azioni di monitoraggio eComune ha inserito trasversalmente in tutti i valutazione del progetto.progetti un partner e in cui è stata svoltauna funzione di monitoraggio aggiuntiva a Associazione di volontariato Casa dellaquella predisposta dalla Regione. Speranza che svolge attività di volontariato in ambito sanitario. Struttura del progetto Gli obiettivi dichiarati nel progetto originario erano: a) riqualificare l’ambiente urbano qui inteso come spazio dove cercare di recuperare la funzione aggregativa delle strade e delle piazze del quartiere; b)favorire la ricostruzione del senso di appartenenza al territorio; c) creare occasioni di sviluppo economico e sociale; d) potenziamento delle pratiche di interazione sociale; 91
  • e) formazione di reti di solidarietà in favore si era costruito un ottimo rapporto con ledei soggetti più deboli. famiglie e la proposta iniziale dell’Ispettoria salesiana era di riproporre integralmente e Il progetto prevedeva tutte le quattro ampliare il progetto e ripresentarlo alle azioni della priorità A) ma si è concentrato comune per l’APQ. L’Ispettoria lamenta laprevalentemente su attività di sostegno ‘decurtazione’ del budget avvenuta a seguitoscolastico, animazione di strada, supporto della nuova progettazione e dell’ingresso deialla continuità di laboratori, oratori e centri due partner: il Consorzio il Nodo e lapolivalenti e non si sono sviluppate azioni Coop.S.M. degli Angeli.che abbiano riguardato in modo significativopolizia municipale o l’affidamento di spazi Relativamente ai finanziamenti segnalacomuni. ritardi di quasi un anno, hanno creato non pochi problemi nella gestione del Progetto. “L’obiettivo principale era distrarli dallastrada – i minori- perché il quartiere era già Gli organismi destinatari dei finanziamentidotato di molte attività offerte nel sono stati prevalentemente la Coop S.M.quartiere”. (Intervista con Coop S.M della degli Angeli e l’Istituto dei Salesiani e aStrada) questi seguono il dipartimento dell’Università di Catania e il Consorzio il Le attività portate avanti dalla Nodo.Ispettoria Salesiana costituiscono di fatto unsegmento progettuale del tutto autonomo enon connesso con l’altro segmento gestito Tipologia delle TOTALE %dalla cooperativa S.M.degli Angeli. risorse da impiegareNell’Ispettoria Salesiana si sviluppano le Risorse umane 271.000,00 75%seguenti due attività: professionali (1)• recupero scolastico di un gruppo di 11 e Altre risorse umane 20.000,00 5,6% 14 anni (Scuola Media Giacomo Leopardi Spese per locali e 45.000,00 12,5% c’è un insegnante che invia i ragazzi ed è attrezzature attenta alla prevenzione dell’abbandono Spese gestione e varie 9.000,00 2,8% scolastico tra ragazzi che provengono da Formazione 15.000,00 4,1% ambienti più marginali). E’ stato fatto un volantinaggio iniziale per coinvolgere TOTALE 360.000,00 100% altri ragazzi. Nonostante i volantini si sono dati in tutte le scuole le altre non hanno mostrato interesse.; I locali sono quelli messi a disposizione ai partner o dalle scuole – ma• attività sportiva per una ventina di non per la messa a disposizione dei locali nel ragazzi. I ragazzi risiedono periodo pomeridiano.- mentre e sulle strade principalmente nella zona di Picanello. si è utilizzato un pulmino itinerante per Non si tratta di interventi sviluppati in organizzare l’animazione di strada.una logica di servizio ‘a bassa soglia’. Al Lo scambio con le scuole si è costruito (es:primo incontro, infatti, si richiede la con la scuola Gino Capponi) sulla necessitàpresenza della famiglia, in assenza della di queste ultime di trovare qualcuno che sifamiglia l’Ispettoria Salesiana prevede che occupasse dei figli dei genitori da essisia l’istituzione scolastica a presentare il invitati a partecipare a iniziative riguardantiragazzo. Quattro volontari si occupano del il supporto alla genitorialità.recupero scolastico e secondo il coordinatoredel progetto mancano le risorse esenziali peril coinvolgimento di altre figureprofessionali. E’ poi formalmente retribuital’attività di don Fallico che svolgeformalmente la funzione di coordinatore delprogetto e di mediatore con le famiglie. Il progetto era nato sulla basedell’esperienza avviata con la l.285/’97 cheera durata 4 anni. In quella sperimentazione 92
  • professionali messe a disposizione dai fondi dell’APQ ha indebolito il rigetto nel suo complesso. Dall’analisi dei dati di monitoraggio aggiornati ad ottobre 200685 rileviamo che la tipologia d’offerta prevalente dei centri di aggregazioni proposti dai due partner ‘Ispettoria salesiana’ e ‘Villa S.M. degli Angeli’, riguarda il ‘doposcuola’ (v. supporto e sostegno a svolgimento compiti scolastici che interessa circa 25 ragazzi/e ) a questa seguono (v. Ispettoria salesiana) le attività di animazione e ricreative tipiche anche Foto 45 Locali scuola quartiere Picanello dell’oratorio (v. organizzazione di partite, organizzazione di una festa).Risultati Le altre attività hanno attratto un Questo Progetto APQ a Catania sembra numero molto ridotto di ragazzi, in genereavere il merito di aver fatto il primo non più di 5 per centro e riguardano latentativo di riunire realtà diverse del Terzo partecipazione a gruppi di discussione oSettore, del Volontariato, dell’Università e laboratorio musicale.della Amministrazione Comunale. “…posso dire che mi sembra una bella N° Utenti per ciascuna attivitàesperienza in un campo minato e ciò non Gio rnata al mareriguardo all’utenza, che già per definizione è Ispettoria P artita Partner 4 Salesianproblematica, quanto agli attori del a-Istituto Festa Centro -chiusuraProgetto. Questi, infatti, rappresentano S.Filippo A ttività manualirealtà che, pur avendo operato seriamente e Nericon professionalità sul territorio, sono forse Co llo qui di grupporimasti per troppo tempo a rimirare i Coop. Discussio ne a tema Villarisultati del proprio lavoro, senza osservare Partner 3 Labo rato rio musicale Santaquello che avveniva attorno”. Maria A ttività espressive degli Il giudizio complessivo dell’altro Angeli A llenamentopartner, L’ispettoria Salesiana, Lezio nerelativamente ai risultati del progetto ed 0 10 20 30 Do po scuo laall’esperienza di partenariato sviluppatanell’APQ è ancora più severo: Dati di monitoraggio ottobre 2006 “..abbiamo operatori che si alternano La popolazione raggiunta dal progetto,aiutando i ragazzi nelle loro scelte e si minori e adulti, è complessivamente pari apreoccupano del rapporto con le famiglie ma 137 unità; quello di giovani tra i 10 e i 19il passo successivo diventa difficoltoso, oltre anni seguiti con attività a carattereai rapporti tenuti da don Pippo (n.b. Don individuale e di cui sono stati specificateFallico) non si riesce ad andare.” caratteristiche quali età e sesso è pari, è(Cooperatrice salesiana) pari a 40 unità. Dal grafico successivo si evince che il target del progetto non è “….Lavoriamo ognuno per conto particolarmente ampio ed è costituitoproprio e ciò non avvantaggia il progetto.” prevalentemente da ragazzini maschi (28(Fallico, Ispettoria Salesiana) sono ragazzini maschi dai 10 ai 14 anni) Si lamenta la completa assenza di probabilmente maggiormente attratti dafigure professionali e la difficoltà a prendersicarico dei bisogni dei minori che non silimitino a problemi di ‘recupero scolastico’.La mancata collaborazione tra i due partner 85e la mancata integrazione delle figure Dati raccolti e aggiornati dal Laboratorio Laposs Università di Catania 93
  • alcune attività a carattere oratoriale (n.b.partite). N° Utenza raggiunta, età e sesso 100 90 80 70 52 60 F 50 40 M 9 30 20 39 31 10 0 Età 10-19 Età 20 e oltre Relativamente ai rapporti tra partner,si segnalano delle criticità interne agliorganismi del privato sociale ed Universitàmentre sembra essersi avviato un confrontocollaborativi con l’Università, “nonostante iprimi approcci siano apparsi problematiciprobabilmente a causa dei linguaggi diversidei due mondi”. Secondo la Coop. Santa Maria degliAngeli, l’azione più innovativa è statal’animazione e l’informazione itinerante “cheha di fatto creato un appuntamento che,sfruttando i luoghi di aggregazionespontanea, riusciva ad offrire nuovilinguaggi “espressivi” e “comunicativi” qualiil gioco, la composizione grafica, il ballo”.L’azione che sta dando più risultati è propriol’animazione di strada che si realizza neicentri di aggregazione naturale, le piazze e “L’incontro sulla genitorialità non hale strade, proprio perché i ragazzi con funzionato. E’ stata un’occasione mancatamaggiori difficoltà rifiutano di andare nei coordinato in questa maniera con la l.285 incentri. Hanno agganciato a tale intervento passato funzionava molto meglio ..”uno sportello itinerante in particolare le (G.F.Ispettoria Salesiana)madri casalinghe: si spiegano le possibilitàdi informazione e i corsi di formazione Anche la Coop.S.M. degli Angeli haprofessionali. incontrato serie difficoltà nel tentativo di convincere i genitori, a parere della L’azione di educativa genitoriale, psicologa con evidenti difficoltà nel rapportoconsiderata centrale per l’Amministrazione con i figli, ad avvicinarsi allo Sportello diComunale (v.Intervista Saita Comune Sostegno alla Genitorialità; questa difficoltàCatania) non ha riscosso secondo entrambe è persistita anche quando la psicologa e lai partner attuatori di questo progetto, dei pedagogista dal Centro polivalente si sonobuoni risultati né delle adesioni. spostate all’esterno con l’animazione itinerante. Il tentativo di organizzare un Corso per Genitori Efficaci basato sembra abbia raccolto qualche adesione ma non stato ancora sperimentato. La formula dello sportello per genitori in questo come in moltissimi altri casi non sembra adeguata, 94
  • attira poche persone e attira il targetsbagliato quello con forme di disagio menosignificative. Foto 47 Edifici piazzetta villaggio Dusmet 7.3 La teoria del programma: strategie d’azione e meccanismi ipotizzati Foto 46 Vista quartiere Picanello Riguardo allo Sportello delle Istanze Separatezze e coerenzadei Cittadini, “si è instaurato un buon progettualedialogo fra gli Operatori e la gente, che haportato a delle richieste che dovrebbero Un elemento che emerge in questoadesso essere prese in considerazione caso è la separatezza e la scarsa interazionedall’Amministrazione Comunale, al fine di tra funzioni e fasi del progetto: tranon perdere credibilità”. (Testo di …) progettazione e concreta responsabilità attuativa del progetto, tra individuazione Relativamente all’animazione di strada in formale delle strategie e sostanziale messaalcune piazze di Picanello si sono dovuti in opera di interventi e scelte progettuali,chiamare i vigili urbani perché sono entrati tra decisioni attinenti al partenariato ein conflitto con altri soggetti “a cui venivano concreta volontà e possibilità di svilupparetolti degli spazi sul territorio per realizzare processi di scambio e integrazione, traattività illecite: spaccio, corse di motorini; visoni e mandato del ricercatore che favolevano tagliare le gomme al pulmino”. monitoraggio e pratiche di lavoro degli organismi. Queste separatezze emergono all’avvio del progetto e costringono gli operatori a ricucirle con fatica riappropriandosi di parti del progetto e ridefinendolo nel corso dell’azione. I rapporti in fase progettuale sono stati tenuti dal referente del Consorzio il Nodo e dal Comune che poi ha indicato le realtà da coinvolgere nella progettualità. “Chi ha ‘scritto il progetto è N.P…del consorzio Il Nodo. Noi l’abbiamo ricevuto, non abbiamo visto il bando. Ci sono stati problemi con l’Università per questo discorso che i progetti non l’avevamo fatto direttamente noi, la difficoltà con l’Università era che si prende ciò che era scritto …pensando che riflettesse la realtà, invece l’esperienza è molto diversa”. (Coop S.M. della strada) 95
  • “…. la dinamica di come hanno scelto i impegnata nelle attività scolastiche ci sonogruppi non la conosco, tuttavia non c’è stata parecchie progetti nella scuola con il POR.molta interazione …Quando abbiamo ripreso (…)Ci hanno dato degli schemi ci dicevano diil progetto l’abbiamo trovato completamente lavorare con giovani a rischio di devianzamodificato rispetto la formulazione ma nelle piazze era un dato difficile daoriginaria: sono venuti a mancare le figure rilevare.”specializzate della psicologa e dell’assistente “Nel modulo dovevamo scrivere nomesociale. L’ipotesi era quella di organizzarsi e cognome dei ragazzi perché avevanoutilizzando risorse messe a disposizione paura che inventavamo i dati però noidalla cooperativa S.M. degli Angeli e dal abbiamo scritto solo le iniziali per motivi diComune ma all’atto pratico tale figura deve privacy”.essere sul luogo è perché organizzare ilcontatto è risultata una cosa difficile. I con “Ci siamo ritrovati con altridavano quando loro erano disponibili non responsabili di progetti su una linea comunec’erano i ragazzi e viceversa”. (Fallico, che differenzia chi lavora sul campo e chiIspettoria Salesiana) sui libri, abbiamo fatto tanti incontri tutti insieme, circa una decina”. Il progetto cartaceo è piuttostoastratto, riporta stralci molto interessantiprodotti dal comune in cui si descrive Le funzioni di coordinamento:l’evoluzione storica degli insediamenti come sedimentare le esperienze quandourbanistici del Municipio a partire dai piani si opera con nuovi organismiregolatori degli anni ’30- ’50. Si tratta diun’analisi di alcuni aspetti della comunità ma L’aspetto di innovatività che si puònon di un’analisi dei bisogni basata sul reale evincere da questo caso non riguarda lecontatto con il territorio che però viene in metodologie utilizzate né il fatto che siparte recuperata nel primo anno di attività realizza in un contesto territoriale estraneo adall’equipe di giovani animatrici che operano precedenti simili esperienze; innovativonell’animazione di strada. semmai è il fatto che si pongano in uno stesso contenitore progettuale organismi Dall’analisi dei dati monitoraggio (v. che non hanno mai lavorato assieme insottoparagrafo risultati) si evince una precedenza e che una struttura a caratterefocalizzazione del progetto su interventi a residenziale sviluppi la capacità di operarecarattere animativo- ricreativo abbastanza sul territorio con interventi di tipo animativo.classici (l’oratorio, il doposcuola, le partire dicalcetto..) e, ad eccezione dell’esperienza di Il Progetto “Giovani Insieme” purl’animazione di strada sviluppata nel puntando su 3 realtà molto radicate sulquartiere di Picanello, non particolarmente territorio, quali “Consorzio Il Nodo”,rivolti a strategie di riqualificazione di spazi “Ispettoria Salesiana” e “Cooperativa Villaurbani o allo sviluppo della comunità locale. Santa Maria degli Angeli”, sperimenta una collaborazione non intrapresa prima ed ha Non abbiamo tuttavia rilevazioni incontrato serie difficoltà nel conciliare leattendibili legate alla mappatura e diverse aspettative di ciascuno organismo.monitoraggio del lavoro di animazione di “Probabilmente tale rapporto più che da unstrada tramite cui rilevare qualità e partner del gruppo stesso, poteva esseredimensioni del coinvolgimento dei gruppi maggiormente gestito da un soggetto terzo,giovanili (n.b. a causa di un sistema di magari l’Amministrazione Comunale”.monitoraggio focalizzato sull’unità di misura (Coop.S.M. Angeli)relativa al singolo ragazzo e non all’unità‘gruppo’) Le attività portate avanti dalla Ispettoria Salesiana costituiscono di fatto un “L’Università ci chiedeva dei numeri... segmento progettuale del tutto autonomo eci hanno dato un target dagli 11 a 20 anni non connesso con l’altro segmento gestitoma quando nella piazza il target è dai 7 ai dalla cooperativa S.M. degli Angeli.20 anni che fai? I corsi che avevamoorganizzato erano per i più grandi (corsi per “….non c’è stata molta interazione checomputer) e la fascia di età è diventata sarebbe stata di auspicio. Lavoriamo ognunogenerale: i corsi li facciamo ai grandi e non per conto proprio e ciò non avvantaggia ilai ragazzi”. “La fascia sotto i 20 anni è già progetto.” (Fallico, Ispettoria Salesiana) 96
  • Emerge chiaramente la mancanza di non frequentano spazi strutturati e perfunzioni di raccordo e coordinamento agganciare genitori e in particolari le donne.complessivo del progetto. Tale mancanzarischia di far perdere delle occasioniinteressanti di apprendimento e sviluppo dicompetenze: la Coop S M della strada è allaprese con strategie di intervento maisperimentate prima ( mentre è moltoesperta per quanto riguarda la gestione diservizi residenziali) ed ha un team dioperatori molto giovani anch’essi nuovi aqueste metodologie di intervento. Mancandoanche i rapporti tra i partner o conorganismi esterni ‘esperti’ viene a indebolirsila crescita e il confronto e la possibilità disedimentare e valorizzare in modoappropriato quanto stanno sperimentandosul territorio. Entrare nel territorio e farsiriconoscere C’è un’assistente sociale nel gruppodell’animazione territoriale che non deverilevare di essere assistente socialealtrimenti si creano problemi c’è timore cheintervenga il Tribunale dei minori, “c’èsempre una reticenza ed una paura”. Era previsto uno sportello peraccogliere le istanze e le proposte deicittadini – in una sede dei servizi sociali-hanno preparato i moduli ma i cittadini “nonfanno le istanze”, non ci sono segnalazioni. “Non pensavano fosse così marcata laseparazione tra utente e servizio sociale” Nella piazzetta adiacente a un camposcuola nel quartiere Picanello hannoottenuto il supporto di alcune madri che lihanno incoraggiati a rimanere e nonrinunciare alle attività di animazione. “I ragazzi non ci conoscevano comeAPQ e l’università nelle piazze chiedeva‘conoscete l’APQ?’ Loro ci conosco comeGiovani Insieme, l’abbiamo già detto chenon ci ritroviamo in quei dati”. Riguardo al recupero degli spazipossiamo segnalare un importante utilizzodelle strade e delle piazze che non diventanoin senso stretto riqualificate o date ingestione diretta ai giovani, ma vengonocertamente ‘abitate’ e vissute. L’animazionedi strada (n.b. non si parla mai di educativaterritoriale) diventa sicuramente la chiavepiù importante per agganciare giovani che 97
  • negli anni passati risultava essere totalizzante, il fenomeno delle cosche8 Caso: Percorsi di mafiose emergenti, la ‘stidda’, che spiega l’inusuale forte coinvolgimento di minori in Integrazione Comune di attività criminose, il fenomeno del declino Gela industriale connesso al fallimento degli investimenti sul polo petrolchimico e a questo correlato il fenomeno dell’inquinamento ambientale e dei danni8.1 Descrizione del caso sanitari correlati Motivazione della scelta del caso Ambito di intervento Il progetto interviene su tre quartieri:Il caso Percorsi di integrazione 86 è uno dei 3 Scavone, Marchitello e Machitella.progetti di priorità A) che si è realizzato nel Machitella è un ex quartiere di ediliziaComune di Gela. popolare e residenziale Eni voluto da EnricoLe motivazioni alla base della scelta di Mattei per i dipendenti dell’Eni. L’Eni haquesto caso sono: venduto gli appartamenti agli ex dipendenti• si realizza in uno dei contesti territoriali e solo in parte sono state rivenduti. Scavone più problematici della Regione; è un quartiere di case popolari sorto una• si tratta di un caso della proprietà A); ventina di anni fa e quasi completamente• si segnalano esperienze di utilizzazione privo di servizi che presenta i maggiori degli spazi urbani e di messa a problemi. Dagli anni ’70 sono presenti alcuni disposizione degli stessi a gruppi scheletri di edifici abusivi mai terminati e giovanili. sono del tutto carenti i servizi commerciali. E’ un quartiere ad alto rischioGela è indicata come area ‘triste’ da coloro delinquenziale, con molti abitanti con bassache si occupano di politiche locali di sviluppo scolarità in cui si è registrata nel decennioed è tristemente famosa per diverse ragioni: scorso la concentrazione più alta a livelloil fenomeno delle estorsione che come nazionale di coinvolgimento di minori inrilevato anche da audizioni parlamentari attività criminose connesso al controllo del territorio da parte di nuove cosche mafiose87. Si tratta di un quartiere 86 caratterizzato da illegalità diffusa e da una Comune di Gela (CL), Priorità A) Percorsi diintegrazione, MS-A047-CL, turco.mas@tiscali.it forte frammentazione dei legami socialiIntervistati il 19 giugno 2006 diversamente da quartieri storici di altre • Coordinatore del progetto per l’Associazione città siciliane. Millenium Massimiliano Turco • Sindaco Comune di Gela Rosario Crocetta • Zanone Patrizia Dirigente settore servizi sociali, • Gabriella Rinzivillo, pedagogista responsabile 87 Verbali commissione parlamentare antimafia - del procedimento del programma APQ Marginalità sociale Seduta 13- pp.450-451 Audizione Del Dottor • Maria Morinello Dirigente settore Servizi Sociali G.Tinebra, Procuratore della Repubblica di • Rinciani Maria Rosa pedagogista referente Caltanissetta- Presidenza del Presidente Luciano tecnica del progetto Violante XI legislatura, “… la prova di questo armistizio • Emanale Tuccio- Uff Tecnico Comune di Gela nel fenomeno delle estorsioni che a Gela è totalizzante Architetto settore riqualificazione urbana (credo che ne sia soggetto l80, 90 per cento dei • Cettina Gallo API CL Associazione Piccole e commercianti). Nel maggio di questo anno, nella medie Imprese- Responsabile del monitoraggio contrada Scavone (il cosiddetto Bronx di Gela) durante del progetto 0933 908436 una perquisizione sono state trovate armi e apicaltanisetta@yahoo.it stupefacenti e, ancor più interessante, un libro mastro • Claudia Napoli si occupa della 1° Azione Centri (…). Da questo libro risulta che esattori appartenenti di aggregazione ad entrambe le cosche, con cadenza mensile, si • Scicolone Liboria -2° azione su legalità e PPOO recavano presso lesercizio commerciale e ritiravano il • Carmelo Romano Agesci Responsabile Azione cosiddetto pizzo.” 3° laboratorio educazione ambientale http://www.liberliber.it/biblioteca/i/italia/verbali_della_ promozione associazionismo giovanile, commissione_parlamentare_antimafia/html/violante01/ laboratorio musicale 13_00.htm 98
  • La scuola, istituto comprensivo G. necessarie a pagare familiari e avvocatiVerga, raccoglie ragazzi di entrambi i degli affiliati che sono in galera.quartieri. Dalla fine degli anni ‘90 questa è “..queste due organizzazioni criminali oggi sistata una delle zone privilegiate dai servizi muovono a braccetto per compiere lesociali del comune che hanno attivato centri estorsioni criminali, nel senso che undi aggregazione e laboratori per i giovani rappresentante di Cosa nostra e uno della(con finanziamenti della L.216 prima e della Stidda vanno insieme a visitare i negoziantiLegge 285/97 poi). Marchitello è invece un taglieggiati per prendere ogni mese il pizzo.”nuovo quartiere caratterizzato da edilizia (Audizione del 1999)residenziale privo di servizi. Vi è poi la questione relativa al coinvolgimento dei minorenni in reati di criminalità organizzata: un fenomeno che ha Breve storia e contesto interessato Gela dall’inizio (al tempo della cosiddetta strage della sala giochi) alla fineGela è una “città che vive le contraddizioni degli anni ‘90. Secondo il Procuratore delladella presenza scomoda del Polo Repubblica presso il tribunale per ipetrolchimico Eni, portatore di sviluppo minorenni di Caltanissetta, nellambito deleconomico e di occupazione ma allo stesso suo distretto tale fenomeno è isolato allatempo di profondo degrado ambientale; una città di Gela e rappresenta un fenomeno incittà che ha subito la violenta guerra per il qualche modo unico nella realtà nazionalecontrollo del territorio tra Cosa Nostra e la per le peculiari modalità con le quali siStidda, l’organizzazione criminale che infetta verifica. Si è parlato di scuola dellala provincia di Caltanissetta”.(Assoc. Libera, criminalità, e di coinvolgimento di minori22.3.2004) anche in reati come gli omicidi.Gela secondo il capo della procura “Quasi lottanta per cento del miodistrettuale antimafia di Caltanissetta88 “è lavoro – afferma il Procuratore dellacaratterizzata dallesistenza di due grosse Repubblica presso il tribunale per icompagini di criminalità organizzata, le quali minorenni di Caltanissetta- proviene da Gelaa volte si fronteggiano, altre lavorano e mi sono resa conto che nella città ci sonoassieme: la Stidda e Cosa nostra. (…)La interi quartieri (Settefarine, Scavone) neiStidda è invece unaltra organizzazione quali il contesto è di totale degradocriminale, non così diffusa sul territorio ambientale, culturale, economico: lillegalitàregionale e nazionale, ma che comunque ha generalizzata e diffusa è lunica regola diuna sua consistenza soprattutto nella fascia vita. Sono quartieri nei quali in ogni famigliameridionale della Sicilia, cioè a Gela, a cè un padre, uno zio, un fratello maggiore,Vittoria, ad Agrigento” un nonno che sono in carcere o vi sono giàSi può dire che la Stidda è la parente povera stati; molti componenti della famiglia nondi Cosa nostra, ed è però molto agguerrita. hanno unoccupazione o lhannoAllinizio degli anni novanta scoppiò a Gela estremamente saltuaria, quindi lunico modola famosa guerra tra Cosa nostra e Stidda per sopravvivere è commettere reati.”per il controllo dei grandi appalti che si (C.Chinnici, Seduta del 10/11/1999 Camerastavano per aggiudicare e delle tangenti a dei Deputati)questi connesse. Attualmente esistono fortiaccordi per il controllo del territorio e leestorsioni rappresentano un fenomenoinvasivo dettato dalla necessità per le dueorganizzazioni di recuperare le risorse88 Tratto da: Audizione del dottor Giovanni Tinebra,capo della procura distrettuale antimafia diCaltanissetta.http://www.camera.it/_dati/leg13/lavori/stenbic/36/1999/1012/s010.htm Seduta del 12/10/1999 99
  • Servizi Sociali) con funzione di promotore del progetto dai seguenti organismi del provato sociale: • la Cooperativa sociale Millenium; • API Associazione Piccola e Media Impresa di Caltanissetta per lo svolgimento delle attività di formazione e di monitoraggio; • l’associazione Agesci di Gela; • La cooperativa Arca di Noè; • La cooperativa Cantieri Sociali con sede a Catania per la realizzazione di attività di animazione di strada che tuttavia non si sono realizzate. Foto 48 Vista Quartiere Baracche Il partenariato in questo progetto è piuttosto ridotto. A parte alcuni scambi con la realtà di Vittoria gli operatori dichiarano di non aver mai lavorato o sviluppato confronti con altre grandi città siciliane o altri progetti che si occupano del tema della legalità. Si segnalano inoltre carenze di contatti con la polizia municipale e con la ASL ritenuta del tutto assente. Il ruolo del Comune Il servizio sociale nasce negli anni 80 come equipe psicopedagogiche dislocate nelle scuole, intorno al 1995-2000 parte del personale viene riassegnato al comune; Foto 49 Servizi commerciali contradaScavone attualmente il personale operativo nel servizio sociale (Tra le figure tecniche troviamo prevalentemente pedagogiste e assistenti sociali) è pari a circa 50 unità. In carico ai servizi sociali del Comune nel giugno 2006 risultano circa 100 minori. I quartieri da cui provengono tali minori sono considerati quelli a più alto rischio perché vi sono state concentrate famiglie con situazione di disagio e problemi con la giustizia. Nel comune di Gela, in questo come negli altri casi, sono stati i soggetti del privato sociale a gestire la fase di progettazione ed il Settore dei servizi Sociali tra le diverse proposte pervenute ne ha selezionate 3 che sono state inviate alla Foto 50 Edifici contrada Scavone Regione e di seguito ammesse a finanziamento.8.2 Il ruolo del programma APQ “Il privato sociale di Gela è molto Marginalità sociale attento e loro ci hanno proposto dei progetti Il partenariato e la progettazione è stata fatta da loro. (…) Erano pervenuti una decina di progetti, tra Il partenariato del progetto è costituito questi il Settore Servizi Sociali del Comuneoltre che dal Comune di Gela (Settore ne ha individuati 3 (li ha vagliati il dirigente 100
  • precedente insieme all’attuale responsabile partecipazione attiva ed interessata deglidel procedimento del programma APQ) che utenti cui è rivolto, ad accezione di alcunisono stati approvati dalla Giunta che si è adolescenti, di età compresa tra i 14 ed 21impegnata anche per il cofinanziamento anni, che mostrano una certa ostilitàpari a € 60.000,00 per ciascun progetto. nellaccettare le regole stabiliteSono stati approvati con determina del dallorganizzazione.dirigente per impegnare le risorse Obiettivo prevalente ad un anno eeconomiche e in seguito sono stati inviati mezzo dall’avvio del progetto, è, pertanto,alla Regione che ha approvato i tre progetti quello “di analizzare le differenti realtà diindicati dal Comune.” disagio giovanile, individuarne e curarne, Il progetto ‘Percorsi di integrazione e laddove possibile, le cause al fine di dar vitarecupero sociale’ è stato considerato valido ad un percorso comune nellambito del quale“…perché era prevista l’animazione di strada ogni giovane possa ritrovare se stesso, lacon ludobus in, sembrava innovativo. (…) propria personalità e, soprattutto, la giusta“Avevano lavorato con noi nella legge 285 dimensione di vita”. (Tratto da documento)sia l’Arci che la cooperativa Millenium Il coinvolgimento delle Istituzioni Locali(…).Come operatori vanno bene sono e, soprattutto, delle scuole delle areepreparati e il problema deriva dal fatto che bersaglio ha notevolmente agevolato, inl’associazione che doveva gestire i laboratori seguito, laccettazione degli operatori evorrebbe fare autonomamente e non laccoglienza favorevole delle iniziative dariconosce il coordinamento.” (Comune) loro proposte. Il Comune svolge un’attività dicontrollo e verifica sulle attività realizzatedall’APQ: mensilmente dei funzionari delservizio sociale fanno verifiche sul posto(n.b. realizzate dalla dott.ssa Rinciani MariaRosa nel centro Borsellino localizzato nellascuola Verga). Struttura del progettoLe azioni prevalenti previste nel progettoerano:- Aggregazionismo Foto 51 Sede laboratori nel parco Montelungo- Promozione associazionismo giovanile,- Sportello informativo per le Pari Non sono stati raccolti dati diOpportunità monitoraggio ma secondo gli attuatori stessi- Laboratori di educazione ambientale e le attività implementate hanno avuto unmusicale. impatto positivo in termini di accrescimento dellautostima e della motivazione; recupero Il presupposto su cui nasceva il positivo del rapporto alunno-scuola;progetto era che l’Ente locale ha il dovere di riduzione dellaggressività e dellaconsentire un sano sviluppo di crescita, la prepotenza; recupero del rispetto di se,socializzazione, lo stare insieme ad altri dellaltro e del bene collettivo;ragazzi della propria età impegnati in attività coinvolgimento degli utenti (preadolescenti,che mirano a incentivare attività, dando adolescenti e genitori) nellorganizzazionerisposte a sani bisogni di crescita così come delle iniziative proposte dagli operatoriprevisto da tutto l’impianto della legge sociali. Parte delle attività sono state285/97. realizzate presso il parco provinciale di Risultati Montelungo, una specie di parco urbano che offre anche una struttura adibita a centro di Il progetto, secondo quanto riportato aggregazione e sala musicale. Presso taledagli attuatori89 sta vedendo la sede sono stati organizzati degli incontri per le scuole sull’educazione ambientale che 89 Relazione di monitoraggio di C.Gallo, 29dicembre 2006 101
  • hanno visto un’affluenza maggiore da partedelle scuole elementari. “E’ stato sviluppato un lavoro su 4tematiche.. si sono portati via gerani salviae rosmarino e c’è il buco della zolla. L’ideaera quella più che dare nozioni tecniche difascinare i ragazzi ospiti sulla scoperta dellanatura ed è una cosa che ha funzionato ereso felici bambini e maestre semprepresenti (tutti i lunedì per tre mesi).”(Intervista) Foto 53 Attrezzatura sala musicale nella sala del Parco di Montelungo L’utilizzo degli spazi pubblici: la questione dei locali Le carenze delle sedi in cui realizzare parti delle attività hanno influenzato tutti i progetti realizzati a gela. “Dopo i decreti da parte della Regione abbiamo avuto delle difficoltà. C’erano dei termini entro cui cominciare ma nei primi Foto 52 Vista area parco Montelungo tempi abbiamo avuto dei problemi in termini di sede. Ad esempio appartengo a Gela “Abbiamo da subito portato avanti il doveva svolgersi in una scuola che halaboratorio musicale con i giovani, è stato dovuto utilizzare i locali; sono sorti quindipiù che altro un’esca per i giovani che problemi di disponibilità della sede. L’Arci havengono da tutte le parti, c’è un ragazzo avuto assegnati dei locali da parte delche si fa a piedi 8 km per venire. E’ l’unico Comune per il progetto; però dopo alcuniservizio del genere gratuito e vi sono mesi sono stati ripresi locali. C’è stata un po’almeno 30 gruppi musicali con circa 5 di vacatio…si era fatta già un’utenza e c’ècomponenti per gruppo. Abbiamo previsto stata un’interruzione”.dei turni in 4 pomeriggi a settimana. Nonhanno rubato la strumentazione ed anzi “Prima c’era una ludoteca presso lasiccome l’amplificatore ha problemi Chiesa dei cappuccini poi sono stati toltivolevano tassarsi.” (Intervista Agisci, giugno perché la chiesa ha reciso il contratto. Da2006) quel momento l’Arci ha chiesto sempre i locali definitivi per la propria associazione Ora sono stati assegnati dei locali in Via Ascoli dal Comune ma la consegna non è avvenuta pur essendo liberi i locali …è molto battagliera la presidente dell’Arci. E’ arrivata una comunicazione dell’ufficio patrimonio che il Comune ha requisito degli appartamenti che non sono ancora stati assegnati al privato sociale. ‘Appartengo a Gela’ è andata in una sede momentanea della Cureon così pure l’Arci. Ancora adesso il Comune non ha dato i locali all’Arci che pure sono stati assegnati con delibera di 102
  • Giunta dell’inizio 2006. L’unico che non ha vediamo, infatti, che a distanza di 6 mesiavuto problemi è quello di Millennium perché dalle interviste realizzate ai fini della ricercac’era un locale in un’area attrezzata da parte valutativa si sono sviluppate nuove soluzionidella provincia regionale di Caltanisetta (Dicembre 2006, Intervista con C.Gallonella zona di Montelungo. Siccome veniva dell’API CL).utilizzata da uno dei partner che era l’Agesci 1) Il Centro di aggregazione (con 25è stata messa a disposizione per il progetto. iscritti) non è più presso i locali del CentroMolte azioni poi vengono fatte nelle scuole.” Sociale Paolo Borsellino ma è stato spostato(Intervista 19 Giugno 2006) in Piazza Eleusi c/o il Centro Diogene. Si Riguardo le azioni sulle PPOO si tratta di locali di proprietà dell’Istitutoafferma che era prevista l’apertura di uno autonomo case popolari IACP nel quartieresportello informativo orientativo per le Baracche (limitrofo a sede centrale deidonne sui temi dell’imprenditoria servizi sociali comunali) dati in gestione alfemminile… ma che non si sono trovati i progetto.locali. 2) Il centro presso cui era stata realizzata la sala musicale nel parco di Montelungo, a seguito di un furto dei diversi Le strutture strumenti che ha subito, è stato trasferito in Anche l’acquisto di alcune strutture un locale di proprietà del Comune dato inritenute centrali per il progetto sembra comodato d’uso ad Agisci Gela 4, per laessere stato rinviato o accantonato per durata del progetto in Via Palazzi, 95. Ilproblemi di liquidità e non di mancanza di centro continua, comunque, a funzionare edrisorse; ad esempio il ludo bus doveva esser è frequentato da gruppi musicali compostiacquistato e attrezzato ma non sono riusciti da giovani che vogliono esprimere le loroad acquistarlo e le risorse non utilizzate abilità musicali e metterle a disposizione dirischiano di essere restituite alla Regione. Il altri giovani.problema sussiste ancora a fine dicembre 3) Per quanto riguarda l’avvio2006. Il coordinatore del progetto spiega dell’azione Pari Opportunità lo Sportellocosì la ragione per cui non si è acquistato il informativo e di consulenza non è statomezzo: ancora avviato in data dicembre 2006 e si “Il motivo per cui non è stato sta cercando una sede idonea. E’ stataacquistato il ludobus è dato dal fatto che la realizzata un’analisi del sistema di offerta incoop. Millenium non ha €. 20.000 da ambito sanitario, della consulenza familiareanticipare per poi richiedere al Comune il e degli strumenti legislativi voltirimborso da accreditare tramite fattura. all’incentivazione dell’imprenditoriaAbbiamo un contratto che prevede la femminile. Come in altre esperienze dell’APQrendicontazione anticipata prima del (v. il caso di Catania) gli sportelli informativirimborso.” “Non ci abbiamo pensato allo a favore di donne vittime di violenza o menospostamento di altre finanze….. era la prima faticano ad essere attivati e sembrano nonvolta che era stato previsto.” (MT Coord. rappresentare delle tipologie di interventodel progetto) rispondenti alle reali esigenze della popolazione. Come suggerisce la stessaresponsabile del procedimentoamministrativo sarebbe però possibile‘trovare un escamotage per acquistarlo!’ 8.3 La teoria del programma: strategierisolvendo la questione dei tempi tecnici. d’azione e meccanismi ipotizzati Questa azione doveva essererealizzata da Cantieri Sociali un’associazione Le strategie adottate: promuoveredi Catania che invece non ha mai lavorato l’aggregazionismo e promuovereper il progetto anche se formalmente opportunità di partecipazionecompare ancora cpme partner. Il progetto si colloca in forte continuitàNel corso del tempo il Comune ha con gli interventi sviluppati negli annicontribuito a trovare delle risposte al precedenti dalla L.285/97 sull’Infanzia eproblema della carenza di sedi e spazi; adolescenza in termini sia di target d’età che 103
  • di tipologia di interventi promossi (es: il Risultati nelle scuolesostegno nel doposcuola) anche se vengono Il progetto doveva rappresentarerealizzate attività sul territorio in precedenza un’opportunità per realizzare interventiassenti. L’aggregazione dei giovani svolge mirati in dati quartieri per fare trascorrere ilun ruolo centrale in questo caso ed è intesa tempo libero ai giovani e promuoveredal coordinatore di progetto quale mezzo l’aggregazionismo.“per arrivare a inculcare …la legalità.” “Noi dell’Azione legalità e PPOO Nell’esperienza dell’Agesci – che cura abbiamo iniziato nelle scuole Quasimodo (6maggiormente le attività di animazione sul classi) e Verga (3 classi). I nostri interventiterritorio legate all’educazione ambientale e erano basati sul far riconoscere tra loro faralla promozione di gruppi musicali- i giovani legare di più il gruppo classe e darehanno risposto positivamente quando nel indicazione sulle regole, sulle norme perprogetto gli è stata data l’opportunità di convivere bene nella società tipo rispettopartecipare attivamente alla gestione della reciproco nella famiglie, educazione‘cosa pubblica’. nell’ambiente le varie regole per interagire “… ne abbiamo testimonianza con la tra loro anche durante le lezioni. Oltre lesala prova da novembre 2005 che e’ regole si insegnano ai bambini i diritti deldiventata operativa immediatamente…ci bambino …”sono passato pure io dagli scantinati. “Doveva servire ad attirare i ragazzi(…)Abbiamo fatto in modo che i giovani per offrire interventi di aggregazione sanapotessero avere quello che io non ho avuto. distogliendoli dal “rischio della strada” cioèStiamo cercando di tirar fuori non essere reclutati dalla malavitaun’associazione musicale da questi stessi organizzata.” (…) “Abbiamo avuto unragazzi, alcuni di loro hanno cercato di percorso sulla legalità nelle scuole medieprodurre CD improvvisandosi come con il coinvolgimento dei genitori. Ci sonocantautori. In questi mesi ci sono state state giornate di studio fatte con i ragazzi,manifestazioni pubbliche a cui abbiamo degli interventi fatti da giudici giovani delcollaborato. Il Cesvop centro servizi tribunale di Gela; hanno avuto degli incontrivolontariato di Palermo ha organizzato una sviluppati anche tramite il gioco congiornata per tutte le associazioni di cartelloni. Siccome da noi di cronaca nera cevolontariato e i nostri ragazzi hanno curato n’è tanta, a scuola fanno lettura dei giornalil’animazione musicale nel maggio 2006. e i ragazzi devono essere guidati aNell’interno della struttura c’è un saloncino discernere i comportamenti. C’era unin cui hanno organizzato loro stessi la referente nella scuola per questo progetto.comunicazione all’esterno e una serata Hanno avuto anche incontri con la polizia dimusicale invitando parenti e amici. Da stato ed un modo di avvicinarsi allequeste due esperienze è nata l’esigenza di istituzioni pubbliche .…i ragazzi parlano diripeterle domani avremo nel piazzale sbirri. Penso sia stato utile. Ha partecipatoesterno delle serate che saranno in seguito anche il nostro assessore.”ripetute”. “A volte non hanno regole precise L’obiettivo è diventato quindi quello di nella famiglia occorre far capire che laistituire un’associazione giovanile per la famiglia esiste, interagiamo con il gioco perpromozione della musica. “Alcuni si far capire il rispetto per i genitori. La privacyoccupano di testi, altri suonano, altri si è non leggere i messaggini del cellulare...occupano di visual art (range età da 16 a far capire che è loro diritto aver la privacy.25); suonano anche gruppi di ragazze ( Abbiamo visto che i ragazzi ricevevano“Shining”). Si può presumere che i ragazzi rimproveri eccessivi perché non capivanocon problemi di devianza si avvicinino meno che se il genitore guarda il messaggino lo faa queste iniziative artistiche. Ma anche il per aiutare. L’anno prossimo cercheremo diragazzino di fascia sociale diversa….viene sensibilizzare anche i genitori. Abbiamocoinvolto dal fascino della natura. ..serve trovato tante lamentele anche sui genitori…capire di far parte di una visione più grande, perché i ragazzi si fidavano di noi.”anche il piccolo gesto di buttare la cartacciafa parte di un disegno più grande che si può “Nelle classi in un incontro c’erachiamare ecologia o creato” (Operatore l’elezione del sindaco, il fatto di non rubaredell’Agesci). le cose altrui. Un bambino involontariamente 104
  • aveva portato via il cellulare di un compagno essere influenti fornendo informazioni chedopo alcuni giorni ha avuto degli scrupoli possono esser importanti per la concessioneaveva dei timori a dirlo ma se ne è pentito e dell’idoneità per la concessione deisi è rivolto al genitore facendo recuperare il contributi90. Se un genitore fa presente lacellulare.” (Operatrice progetto) propria situazione di disagio economico viene, infatti, ‘più attenzionato’”.(MT coord Progetto) Questo è un lungo stralcio diunintervista realizzata con unoperatrice chedopo la maturità magistrale ha preso la Integrazioni mancate e possibili:qualifica biennale di assistenza per settore della riqualificazione urbanahandicappati. Da quest’anno è stata inserita I servizi sociali del Comune sonoin questo gruppo, in precedenza si occupava particolarmente coinvolti nell’Apq, edi recupero scolastico e di oratori. collaborano al progetto i partner API e Agisci Occorrerebbe un approfondimento su e le scuole; rimane da sperimentare laquesta tipologia di azioni che ad una prima possibilità di una maggiore integrazione conanalisi non offrono un quadro a chiari e altri settori e politiche del comune, con altrescuri: se da un lato la tematica ‘legalità’ risorse e con altri strumenti dipare essere apprezzata nelle scuola il programmazione.rischio è che venga trattata appunto come “Sabato scorso c’ stato un convegnotematica e disciplina su cui sviluppare di riqualificazione urbana e sono statimoduli tematici, magari con l’intervento di approntati 27 progetti architetto Tuccioautorità. Non emerge una rielaborazione assessorato ai lavori pubblici per un totale disignificativa delle pratiche educative 53 milioni di Euro. Ora a Scavone si staquotidianamente sviluppate nel rapporto tra costruendo la chiesa che sarà un punto discuola, alunni, genitori e comunità né pare aggregazione importante. Gli abitanti divengano tematizzate problematiche anche di Scavone non vanno a Machitello ma vannocollusione con dinamiche adolescenziali (v. dove abitavano prima; tra questi duecome si posizione rispetto alle regole quartieri non c’è integrazione. Scavone èfamiliari) che richiederebbe un supporto stato denominato ‘il bronx’.”professionale di tipo diverso e non possonoessere trattate nel medesimo modo con cui “Vi sono 27 progetti presentativengono trattate da animatori degli oratori recentemente che riguardano diversi ambitio volontari che si occupano del doposcuola. della città- ma non Scalone- per azioni di riqualificazione urbana a Gela. Prevedono interventi sui sotto sistemi di rete (idrica Diritto all’informazione e fognaria) di, riqualificazione urbana comeall’accesso? l’adeguamento dell’illuminazione o la ri progettazione degli spazi urbani.” Spesso gli organismi del privatosociale, grazie alla propria collocazione di Riferendosi a scalone e al motivo perinterfaccia tra fasce di popolazione cui questo problematico quartiere non èsvantaggiate e le istituzioni, svolgono una oggetto di attenzione dei progetti difunzione sostitutiva o supportiva di link riqualificazione urbana, l’Architetto Tucciosimile a quella degli sportello d’ascolto o dei afferma che uno degli errori è stato “… cheservizi pubblici di segretariato sociale, si concentrano nello stesso spazio personeoffrendo informazioni ai cittadini più con questioni problematiche analoghe chedisagiati e rafforzando le funzioni di accessoal sistema a rete dei servizi. Occorre tuttaviafare in modo che tale normale funzione di 90raccordo con il sistema formale di aiuto non Siccome il RMI - la sperimentazione sul reddito Minimo di Inserimento -non è statoassuma le forme tipiche del privilegio e della rifinanziato hanno ottenuto dalla Regione Sicilia iconcessione del favore e che i servizi sociali “cantieri sociali” che utilizza lavoro (ex LSUpubblici non rinuncino ad una presenza trasformati in Ghelas 49% Italia lavoro e 51%attiva sul territorio. Comune gela c.130 persone di cui 70 assunti ultimamente dal Comune. “Gli assistenti sociali del Comunecollaborano molto con noi e riusciamo a 105
  • finiscono per essere causa di degrado, è lostesso errore dello zoning, lafunzionalizzazione per aree non è unasoluzione perché la città nella sua tradizionemigliore è l’insieme di queste cose e non laseparazione. Scavone per noi oggirappresenta ancora un problema più cheurbanistico sociale. Bisogna ancheprogettare servizi mancano dal bar alsupermercatp ad un posto di aggregazionesociale, negozi.. c’è un’attenzione rilevanteper quella zona ma probabilmente dovrannodedicarci più attenzione dal punto di vistadella riqualificazione urbana. Ci sono statidegli interventi scissi a Gela tra serviziosociale e Ufficio tecnico dell’assessorato ai Foto 54 Quartiere Scalone visto da parco dilabori pubblici, è un problema anche di Montelungocultura nostra, si pensa sia poco utile Rispetto le prospettive e le possibilità didialogare.” (T. Intervista Uff Tecnico maggiori integrazioni intraistituzionali inComune) futuro l’architetto Tuccio mostra un forte Lo stesso Parco di Montelungo, in cui si interesse e offre alcuni suggerimenti esono sviluppati gli interventi più rilevanti del riflessioni circa possibili fattori da valorizzareprogetto, presenta alcuni limiti o problemi a gela e nello stesso quartiere di Scavone.che riducono la fruizione dei servizi attivati “L’architettura non risolve i probleminel progetto stesso e che richiederebbero, esistenziali delle persone ma …lo farei conper essere risolti, la collaborazione di più piacere e molto interesse e andrebbesettori dell’Amministrazione. richiesto e previsto dal committente”. “Il difetto di questo parco è che siamoscollegati dalla città, c’è un tubo in asse conla Via Porta Maggiore, basterebbe aprirequesto varco e il parco diventerebbe … laconclusione naturale del sistema urbano diMacchitella: attualmente il cittadino deveuscire dal quartiere e venire qua. E’ lapercezione dell’uscire fuori che taglia fuori lazona. Alcune parti sono proprietà dell’Agipci sarebbero problemi da risolvere…”(Intervista coordinatore progetto) “ Foto 55 Zona Scavone Occorrerebbe valorizzare almeno il vantaggio dato dalla posizione di Scalone si tratta di un posizionamento vicino al mare ed al quartiere più infrastrutturato di Marchitella. “Tra le risorse presenti occorre ricordare che a Gela vi è il più alto livello di irraggiamento di Italia per metro quadro (dati Dipartimento ingegneria ambientale di Palermo) a Belluno dove vi è il 30% (….) no, noi abbiamo la materia prima e loro no”. “Pensare allo sviluppo turistico su Gela a 106
  • oggi sarebbe poco competitivo se pensiamo assemblee di quartiere, manifestazioniche si opera in con contesto complessivo in teatrale etc.cui confinano con aree come Siracusa e “Se ci fosse nel bando la previsione diAgrigento. Il settore petrolchimico (Oggi la locali da ristrutturare, container, cose chesocietà del Gruppo ENI si chiama Ra.G.) possono permettere di creareoperano ancora circa 3500 persone e immediatamente un luogo di aggregazionel’industria con l’edilizia sono ancora settori perché spesso è il luogo che crea l’evento”.trainanti”. (Intervista Sindaco) In questo genere di programmioccorrerebbe pensare – secondo il SindacoRosario Crocetta- anche a strutture mobilicome le tende sperimentate in un progettoattualmente in corso a Gela. Il progettoMarchitello in progress (non tra quellidell’APQ) avviato da 4 anni, è ritenuto dalsindaco uno dei progetti più interessanti mairealizzati per la prevenzione della devianzaminorile. Un aspetto interessante consiste asuo avviso nel fatto che prevede piccolestrutture non stabili (una tenda) che favormomenti di aggregazione e in cui si tengono 107
  • III Sezione: Conclusioni e lezioni 108
  • hanno partecipato una ventina di organismi che, operando nell’ambito dell’APQ,9 Premessa realizzano interventi a favore di donne vittime di violenza. Il documento si rivolge all’amministrazione regionale, agli Enti locali ed agli organismi attuatori dei progetti e In questa terza e ultima sezione del sintetizza efficacemente indicazionirapporto si propone una sintesi dei principali programmatiche e suggerimentielementi osservati nell’APQ: il ragionamento metodologici emersi durante la restituzioneproposto procede da aspetti connessi alla dei risultati della valutazione nellastruttura ed alle caratteristiche dello discussione di gruppo. Il focus dell’analisistrumento APQ, alla ricostruzione delle valutativa, che ricordiamo si è sviluppata inipotesi sottese al disegno del programma ed due distinte fasi e tramite metodi di ricercaall’identificazione di punti forti e criticità del tutto diversificati93, è stato posto sulladell’APQ considerato nel suo complesso. Si rispondenza tra le ipotesi iniziali deiprocede con una sintetica descrizione delle programmatori ed i meccanismi distrategie adottate in alcuni casi di successo implementazione del programma;e dei meccanismi in opera negli interventi sull’adeguatezza delle strategie di interventoche hanno sviluppato interventi di contrasto alla base degli interventi promossi dalle duedella marginalità sociale tramite anche lo linee di intervento (A e C);94 ed, infine, sullasviluppo di azioni di riqualificazione urbana. analisi degli effettivi processi di attuazione,(Leone 2006, pp.1-13). 91 Nei diversi delle strategie adottate dagli attuatori e deiparagrafi si fa costantemente riferimento a risultati intermedi per i beneficiari finali. Siconcreti elementi emersi nella case analysis, ricorda che la valutazione della II Fase èma suggeriamo man mano di ritornare alle stata guidata da alcuni quesiti valutativi cheesperienze originali ed alla versione riguardavano le strategie di riqualificazioneintegrale dei casi per cogliere appieno la degli spazi urbani; in particolare ci siricchezza delle esperienze. chiedeva: In allegato viene riproposto, in a. Che strategie hanno adottato e cheversione integrale, un documento elaborato caratteristiche - anche di contesto- hannoa seguito di uno dei seminari di restituzione quei progetti in cui si è riusciti a realizzaredella I fase di valutazione intermedia92 a cui iniziative di riqualificazione delle aree urbane in condizioni di degrado ambientale, economico e sociale? b. Grazie a quali meccanismi degli 91 Parte del capitolo è tratto da un interventi di ‘recupero degli spazi’precedente scritto: Leone L., Riflessioni sulla potrebbero avere degli impatti nel ridurrevalutazione di un Accordo di Programma Quadro: processi di marginalità e devianza giovanile?nessi tra contrasto della marginalità, politiche di Cosa ha reso possibile l’utilizzo di beniriqualificazione urbana e politiche locali di confiscati alla mafia all’interno dei progettisviluppo, Settembre 2006. Si tratta di un papergrigio che ha rappresentato la traccia di due dell’APQ?relazioni tenute dall’autrice in un seminario diformazione nel progetto NUVAL Formez DPSMinistero dell’Economia rivolto ai Nuclei divalutazione di Regioni e Ministeri e di unseminario organizzato dal Dipartimento Palermo e sintetizza alcuni elementi emersi nelProgrammazione della Regione Siciliana il 28-11- seminario regionale del 17 ottobre 2006 tenutosi2006 a Palermo. a Palermo.92 Durante il seminario si sono ripresi in modo 93 Una survey alla base del I° Report didettagliato i risultati presentati nella III° sezione valutazione intermedia e la Case Analysis alladel documento: Leone L. (2006), I° Rapporto di base del presente rapporto.valutazione Intermedia dell’APQ Marginalità 94sociale e Pari opportunità della Regione Siciliana: Si veda il secondo paragrafo “Finalità generali,http://www.regione.sicilia.it/famiglia/Content/No priorità programmatiche, linee d’intervento”rme/2006/Report_VALUT_INTER_APQ.doc . dell’Accordo di Programma Quadro RecuperoIl documento predisposto da M.R.Lotti della marginalità sociale e pari opportunità –responsabile dell’Associazione Le Onde di Documento Programmatico aprile 2003 109
  • La riflessione sui meccanismi in opera nel caso, forse per la prima volta in Italia, èprogramma necessariamente in parte si stato utilizzato per supportare politiche ‘soft’discosta dalla logica di osservazione dello a carattere sociale e non per interventi discarto tra risultato atteso e programmato tipo infrastrutturale o per l’innovazione neltipica di un approccio valutativo che settore della ricerca. Le amministrazioniconsidera i programmi come delle black centrali firmatarie dell’APQ della Regionebox. Entrando nel programma e vedendo Siciliana ‘Marginalità sociale e PPOO’97 sonocosa si sviluppa sul campo - ribadiamo che state il Ministero dell’economia e ilsi tratta di una formative evaluation di un Dipartimento PPOO questo ultimoprogramma a metà percorso realizzata in un interessato ad un solo segmento – nonarco di tempo estremamente ridotto95- si prioritario - dell’intero programma.sono ricostruite le logiche d’azione e lestrategie di intervento di alcuni network o Nel giugno del 2003 la Regionesingoli attori e si sono rintracciati ed Siciliana pubblica (GURS.n.26 6.06.2003)evidenziati alcuni ‘meccanismi’ due avvisi per la presentazione di propostenell’accezione che ne da Ray Pawson progettuali nell’ambito dell’APQ Recupero(Pawson 2006, Pawson 2002). della marginalità sociale e pari opportunità; vengono previste due diverse priorità (la A e la C). L’APQ ha una pluralità di obiettivi e scopo prioritario è quello di porre al centro10 Specificità dello strumento e dell’attenzione la condizione minorile e giovanile ed in particolare la problematica innovatività dell’APQ della prevenzione del disagio e devianza minorile. Tra le motivazioni e i bisogni “L’Accordo di Programma Quadro individuati in fase di programmazionerappresenta uno dei principali strumenti troviamo:adottati per il finanziamento delle politichedi sviluppo e un vero e proprio strumento dicooperazione tra soggetti istituzionali che,sinergicamente, collaborano per giungere al d67143ac1256cc20033bec3/717893888931b8f0criequilibrio economico e sociale tra le 1257124004b63ff?OpenDocumentdiverse aree del Paese. Si tratta – come 97indicato dal DPS Dipartimento politiche di Il 23/12/2003 viene stipulato l’accordoSviluppo- di uno strumento che fornisce alle di programma quadro (APQ) da parte del Ministero dell’Economia, del Dipartimento PariAmministrazioni coinvolte la possibilità di far opportunità della Presidenza Consiglio dei Ministriconvergere verso un unico obiettivo e della Regione Siciliana. In questa fase vienedifferenti fonti di finanziamento quali: le prevista la ripartizione della somma nella misurarisorse ordinarie di stato, regioni o altri enti di 18 milioni di euro per i progetti dipubblici, le risorse comunitarie, le risorse riqualificazione urbana, a carattere integrato, innazionali per le aree "sottoutilizzate" e le territori particolarmente degradati (priorità A) erisorse private96. Tale strumento in questo di 16 milioni di euro per i progetti di prevenzione e contrasto della devianza minorile e giovanile e di supporto alla donna (priorità C), di cui 5 milioni di euro per progetti a valenza regionale. Tra l’agosto 2004 e ottobre 2004 la Regione fa 95 L’incarico di valutazione relativo a una serie di comunicazioni sui risultati relativi aiquesto studio ha interessato il secondo semestre progetti ammessi a finanziamento e tra la finedel 2006 d ha necessariamente condizionato del 2004 ed il primo trimestre del 2005 siscelte metodologiche e obiettivi della avviano i progetti ammessi a finanziamento.valutazione. Sono stati ammessi e attivati n.118 progetti di 96 cui 67 per la Priorità A) e 51 della priorità C), tra LAPQ è lo strumento ordinario per quest’ultimi 7 vengono definiti a valenzaprogrammare e spendere le risorse per “regionale” (da ora in poi CR) perché interessanointerventi, in gran parte infrastrutturali, più territori provinciali. In genere ciascunassegnate annualmente al Fondo per le aree progetto ha un budget compreso tra i 250 e i 300sotto utilizzate dalla Legge Finanziaria con mila Euro; i sette progetti regionali hannodelibera Cipe ottenuto un finanziamento superiore che oscillahttp://www.dps.mef.gov.it/intese_apq_risorse.as intorno a 1 milione, 1 milione e mezzo di euro.p V. anchehttp://db.formez.it/ArchivioNews.nsf/735b92612 110
  • • la segnalazione di una preoccupante “teoria del programma” alla base dell’APQ; crescita del disagio e della devianza minorile sulla base della documentazione ufficiale e e giovanile; di alcune interviste realizzate con alcuni• la constatazione che l’azione di contrasto decisori regionali si è ricostruita ex post la alla illegalità e, più in generale, alla cultura connessione tra ipotesi di funzionamento del mafiosa, ha maggiore respiro e può programma e meccanismi di raggiungere esiti positivi a lungo termine se implementazione, tra obiettivi, azioni e parte da un intervento preventivo rivolto procedure (v.Sezione I del presente alle fasce più giovani; Report). Tale sforzo iniziale di rilettura dei• la convinzione che l’alto tasso di minori e processi programmatori da un lato ha giovani devianti o a rischio imponga una portato ad una maggiore consapevolezza strategia di recupero basata su un’azione di degli obiettivi latenti e dall’altro ha ampia mobilitazione delle famiglie, degli permesso di mettere fuoco quesiti rilevanti operatori, dell’associazionismo e delle per la valutazione del programma stesso. istituzioni”. (Leone, 2006, 2) 11.1 Quali leve si garantiscono per I progetti che si occupano in entrambe orientare le strategie degli le priorità di prevenzione e contrasto della attuatori? devianza minorile vedono sui territori un Il decisore regionale nel disegnare ruolo attivo dell’USSM98 che nei fatti è l’APQ e nei vari testi deliberativi ha diventato un partner rilevante in fase sia adottato una ‘saggia vaghezza’ che non ha attuativa, sia progettuale. Tenendo conto vincolato il processo decisionale a precise delle finalità dell’APQ sarebbe in futuro realizzazioni evitando impostazioni opportuno (n.b. l’atteggiamento possibilista dirigistiche che avrebbero predeterminato dipende dal fatto che sul piano della rigidamente le possibili linee di condotta. praticabilità intese istituzionali snelle Gli attuatori locali hanno potuto possono dare maggior garanzia di successo) ampiamente interpretare le indicazioni ipotizzare il coinvolgimento di alcuni attori offerte nel bando regionale e ciò ha istituzionali rilevanti in fase di definizione di rappresentato un vantaggio che ha un accordo di programma quadro, quali: il permesso ai reticoli locali di intercettare Ministero della solidarietà sociale DG FNPS, reali interessi e sviluppare iniziative il Dipartimento per la Giustizia Minorile del fortemente sinergiche con altre Ministero Grazia e Giustizia, il Ministero progettualità e linee di finanziamento. dell’istruzione. Questo ultimo punto potrebbe essere rilevante sul piano della Un altro elemento di flessibilità, funzionale sostenibilità e continuità di alcune iniziative all’aderenza dei progetti ai fabbisogni locali, e su quello della diffusione dei processi è dato dal fatto che la Regione ha favorito, e innovativi innescati dall’APQ. talvolta richiesto nelle primissime fasi di avvio del programma, delle riprogettazioni operative: tali momenti hanno permesso di riorientare alcuni interventi che sarebbero altrimenti risultati ridondanti o inadeguati 11 L’architettura dell’APQ. Quale rispetto ai fabbisogni del territorio (es: nesso tra strategie, obiettivi e eccesso di strutture residenziali per minori) struttura del programma? o di orientare il target verso la fascia di età dai 14 a 18 anni ritenuta maggiormente Nella prima fase del percorso di scoperta. In alcuni contesti più deboli, di valutazione vi è stata la ricostruzione della contro, le indicazioni del programmatore sono state colte solo laddove permettevano di riproporre iniziative più consolidate e 98 Ufficio di Servio Sociale per i Minori del limitate, spesso, alle più comuni attività di dipartimento di Giustizia Minorile. In 1/3 dei aggregazione dei gruppi giovanili. progetti della priorità A) la collaborazione I modi con cui il bando regionale dei con l’USSM è abbastanza o molto forte tre grandi Comuni è stato accolto, si come pure in 13 progetti su 15 che si differenziano molto. In alcuni contesti occupano di devianza minorile e recupero territoriali (es: Catania, Palermo…) non è nella priorità C). 111
  • stato possibile realizzare una vera selezione punteggio dei progetti in fase di assessmentdei progetti della Priorità A); venendo a è stato ottenuto dai progetti presentati daimancare una competizione tra più proposte Comuni di Messina e Catania in cui solo ilprogettuali sono stati ammessi a 46% dei progetti ha un punteggio inferiorefinanziamento tutti i progetti presentati che al valore preso come riferimento di 71.73.corrispondevano al numero esatto di quelliammissibili. La priorità nella quale si sonoregistrati sostanziali meccanismi di Tab. 6 Rapporto tra progetti pervenuti, ammessi a finanziamento e punteggiocompetizione nell’accesso alle risorse è laCR ed in parte la C). Priorità Presentati Finanziati % Punteggio La tabella successiva illustra in e valutati Ammessi Basso*sintesi alcuni aspetti relativi alla selezione e CR) 33 7 21% 0% regioai meccanismi di competizione sviluppati in nalefase di accesso al bando e selezione dei C) 115 44 38,2% 59%progetti. Utilizzando come parametro dimisura il punteggio dato dalla commissione A) 79 67 84,8% 83,6%regionale in fase di assessment si osservacon chiarezza un decadere della qualità dei * Inferiore a 71.63 che rappresenta il valore piùprogetti passando dalla priorità basso nella Priorità CR)maggiormente governata dal privato socialee dalla Regione a quelle governata dagli Enti Osserviamo a titolo esemplificativo glilocali ( dalla CR alla C ed alla A). stili gestionali dei tre maggiori comuni siciliani: Messina, Palermo e Catania. UnComparando i due valori, quello della primo comune (all’epoca commissariato)percentuale dei progetti ammessi a governa molto debolmente l’APQ e lasciafinanziamento e quello relativo al numero di l’iniziativa in mano al privato sociale, unprogetti pervenuti ed esaminati, si osserva secondo assume un governo rispetto agliuna progressiva riduzione di competizione- attori che possono accedere alle reti dicioè una percentuale di ammessi sempre più partenariato101 e non rispetto ai contenutielevata- passando dalla priorità CR alla C) (con indicazione in ciascuna circoscrizioneed alla A). Si noti, nella quarta colonna da dei soggetti da coinvolgere per lasinistra della tabella sottostante, che esiste presentazione di un progetto), il terzouna connessione tra percentuale dei progetti governa sia i processi sia i contenuti:ammessi a finanziamento e punteggi degli privilegia azioni a favore della genitorialità estessi: dove ne viene ammessa un’alta in continuità con la L.285/97 e indica quantipercentuale in proporzione al numero di e quali soggetti coinvolgere; inoltre richiedeprogetti pervenuti troviamo una ridottaqualità progettuale! Questi due fenomenipaiono strettamente correlati. La minorcompetizione in fase di accesso al bando 100%; fascia D Comuni compresi fra 50 mila eriduce fortemente l’adeguatezza formale dei 70 mila ab 94%; fascia E Comuni compresi fra 30 mila e 50 mila ab. 83%.progetti99. Mentre nessuno dei sette progetti 101 Nel Comune di Palermo l’impianto degli APQ èfinanziati nella priorità C Regionale (CR) ha stato predefinito centralmente (l’interfaccia inottenuto un punteggio inferiore al valore quella fase è stato un consulente del Sindaco); il71.63, il 59% di quelli della priorità C) e Comune ha chiesto ad ogni circoscrizione diaddirittura l’83,6% di quelli della priorità A) presentare un progetto. Ogni servizio socialehanno un punteggio inferiore a tale territoriale ha attivato i partner del privatovalore100. Il migliore risultato in termini di sociale presenti sul proprio territorio per preparare le proposte da finanziare con l’APQ, in seguito poi il ‘livello centrale’ ha deciso quali99 erano gli enti da coinvolgere in qualità di Mi limito a dire che riduce l’adeguatezza’ capofila. In due circoscrizioni, la V° e la VII°,progettuale dal punto di vista formale perché è hanno doppiato i progetti; ‘Un posto al sole’,solo una valutazione in itinere o ex post che infatti, rappresenta il secondo progetto dellapotrebbe indicare una parallela riduzione circoscrizione V° ed è stato in seguito accorpatodell’efficacia dei progetti stessi.100 con quello presentato dalla Compagnia delle Priorità A) fascia A –Comune di Palermo Opere.100%; fascia B Messina Catania 46%; fascia CComuni compresi fra 70 mila e 200 mila ab. 112
  • sin dall’inizio che sia presente in ciascun determinate predefinite tipologie specificipartenariato anche l’Università con un suo target e misure ed una dotazioneLaboratorio al fine di affiancare decisamente non scarsa di risorse umane 102l’elaborazione dei progetti e lo sviluppo di . Forte è la richiesta da parte deiun sistema di monitoraggio. coordinatori dei progetti dell’APQ di rafforzare collegamenti sistematici di rete Paradossalmente non è detto che ad tra le varie agenzie sia livello locale sia aun’Amministrazione Comunale attiva, che livello interprovinciale.coordina le modalità di partecipazione albando regionale senza assunzione passiva diproposte progettuali elaborate dal privato 11.3 Disegno del programma e puntisociale, corrispondano necessariamente fortianche progetti di qualità superiore o La logica del programmaesperienze di innovazione delle politiche di Punto forte dell’APQ, sul piano teorico econtrasto alla marginalità. Uno dei problemi metodologico, è l’esplicita connessione traemersi riguarda le modalità con cui si politiche per la legalità, azioni disviluppano e inducono i partenariati: nel riqualificazione delle aree territoriali concaso ‘Giovani Insieme’ abbiamo rilevato che messa a disposizione dei giovani degli spazientrambi i partner coinvolti nell’attuazione ‘riqualificati’ (talvolta si tratta di benilamentano una completa mancanza di confiscati), interventi in senso lato diinterazione tra i due segmenti del progetto sviluppo delle comunità, interventi didovuta a loro avviso al fatto che gli si è prevenzione e recupero della devianzaconsegnato un progetto di fatto poco minorile.condiviso con gli attuatori e scarsamente “L’APQ ha un’idea base ambiziosa: il temapraticabile. Si ribadisce quindi che una della legalità è fortemente connesso albuona formulazione di progetti cartacei non tessuto locale, alla riqualificazione deirappresenta assolutamente una garanzia di territori. Attraverso la riqualificazione esuccesso o di buona qualità sostanziale e gestione da parte dei giovani di determinatiche sono necessari sostanziali processi di spazi urbani si tenta di sviluppare forme dicondivisione e coprogettazione tra gli attori appartenenza alla comunità di tipocoinvolti. alternativo a quelle basate sui clan e cultura mafiosa favorendo la possibilità di11.2 Modalità di assistenza e progettarsi un futuro (personale e accompagnamento a livello Regionale e locale Durante il secondo anno di 102attuazione dell’APQ si sono sperimentati in Percorsi regionali per il governo delle politichemodo positivo alcuni momenti di sociali: scelte organizzative a confronto, Formez p.130, Gennaio 2006 Sulla base dei dati forniti da recenti studirestituzione e condivisione dei risultati della sull’assetto istituzionale e i percorsi di governo regionale dellevalutazione che hanno favorito lo sviluppo di politiche sociali (Formez, 2006) possiamo affermare che lareti più coese e lo scambio di esperienze. dotazione di risorse umane della Regione siciliana relativamente al comparto sociale, escludendo quindi la quotaTali momenti di riflessione condivisa di personale degli assessorati alla sanità non assegnati aldovrebbero in futuro raggiungere altri settore delle politiche sociosanitarie integrate (v. casorilevanti destinatari: i comuni promotori in Toscana con 311 unità del Direzione generale Diritto alla salute e politiche di solidarietà ,di cui solo il 33% assegnata ai settoriprimis ma anche gli altri partner istituzionali che costituiscono l’area di coordinamento politiche socialicontribuendo a rafforzare in tal modo le integrate), con circa 240 unità di personale (Dipartimentopratiche di community planning. Il governo Famiglia, politiche sociali ed autonomie locali) è nettamentedelle politiche sociali in Sicilia è fortemente superiore a quella di a quella delle altre Regioni italiane e nelle Province Autonome, ed è pari al 260% in più della Campaniacaratterizzato da una suddivisione (94 unità di personale del Settore Assistenza Sociale), aldell’amministrazione regionale in numerosi 170% in più della Regione Lombardia (142 unità di personale -servizi che governano direttamente la DG Famiglia e Solidarietà) ed al 340% in più del Lazio (72 unità di personale -Direzione Servizio Sociale).gestione e l’erogazione di fondi per distintecompetenze (es: area disabili, servizi http://db.formez.it/FontiNor.nsf/b966f27599017389c125 6c5200300e09/4DCB98631A04CD0AC125711C00478E6B/$filresidenziali minori, servizio piani di zona...) e/Percorsi%20regionali%20I.pdfed una suddivisione delle competenzeamministrative in relazione alla gestione dispecifiche risorse da destinare a 113
  • lavorativo) diverso da confini e regole I processi di assessment efortemente predefinite.” (Ibidem, p.3-4). selezione dei progetti adottati dalla Si è trattato di uno strumento che Regionenon ponendo eccessivi vincoli di utilizzo I criteri e i processi di selezione dei progettidelle risorse ha supportato in modo valido da parte della commissione regionale sonointerventi differenziati di inclusione sociale risultati correlati- quindi congruenti- con la(v. donne e minori vittime di violenza) e valutazione dei progetti. I progetti chestrategie complesse di riqualificazione dei seguivano strategie e metodologie diterritori. Si tratta inoltre di un programma intervento ‘adeguate’ (n.b. cioè rispondentiche in fase di definizione dell’Accordo a ad orientamenti espressi da linee guidalivello nazionale coinvolge, di fatto solo, il internazionale, studi sulle evidenze diMinistero dell’economia e il dipartimento efficacia o esperienza di peer esperti) sonoPPOO e che probabilmente grazie a ciò ha risultati essere quelli che con maggiorpotuto mantenere una forte identità probabilità avevano ottenuto ‘punteggi alti’.”evitando lo sviluppo di intenti e obiettivi (Ibidem).troppo diversificati. Ruolo della Regione Integrazione Il Dipartimento programmazione ha L’obiettivo dell’integrazione a livellopromosso e coordinato in fase di costruzione locale tra risorse e fonti diverse, leggi didell’APQ una programmazione congiunta tra settore e finanziamenti comunitari, è statodiversi settori dell’amministrazione raggiunto. Un dato che emerge in modoregionale103 e nel corso prepotente dall’analisi dei casi,105 e dai datidell’implementazione ha seguito e presentati nel I Rapporto intermedio disupportato il processo di valutazione. A valutazione dell’APQ, è l’integrazione diseguito della sottoscrizione degli accordi vi è molteplici risorse, fonti finanziarie estata una ‘consegna’ dell’APQ da parte del sovvenzioni (L.285/97, l.328/00, PICDipartimento Programmazione al Occupazione e in seguito Equal, POR Sicilia,Dipartimento famiglia con una PON Sicurezza) nazionali, regionali e locali.individuazione immediata e chiara di un In genere si è realizzata una forte sinergiaresponsabile ed una task force che ne hanno tra le azioni del progetto ed altre iniziativecurato i processi di implementazione. Al finanziati tramite diverse fonti: troviamo uncontempo si osserva l’assenza di processi di debole livello di integrazione solamente neldelega totale e abbandono: l’APQ viene 20% dei casi nella priorità in C) e nel 30%‘attenzionato e manutenuto’ nelle fasi nella A). Le strategie sviluppate localmenterilevanti e diventa comunque oggetto di rimarrebbero abbastanza oscure se non simomenti di auto riflessione ricostruisse la mappa complessiva delledell’Amministrazione regionale con indirette progettualità in corso. Il progetto APQricadute anche su pratiche di verifica in altri rappresenta spesso un segmento di unaassessorati e dipartimenti della Regione104. strategia di intervento più ampia cheIn questa occasione si è verificato quanto sedimenta e supporta alcuni risultati positivisuggerito ampiamente dalla letteratura sullo o diffonde ad altri territori metodi e progettisviluppo locale che ribadisce l’importanza di sperimentati in precedenza con successo‘organismi all’interno dell’amministrazione’ tramite altri finanziamenti.dedicati a seguire e supportarel’implementazione del programma. Tale 11.4 Aspetti da supportareorganismo ha mantenuto alta l’attenzione nell’impianto dell’APQsul programma in fase diaccompagnamento. Integrazione tra politiche e partner istituzionali dell’Accordo a livello regionale Le politiche per l’inclusione sociale e il contrasto della devianza minorile non si103 Assessorati alla Sanità, Formazione professionale, fanno con i soli interventi dei servizi sociali;Famiglia, Istruzione, dipartimento Pari opportunità.104 Nel dicembre 2006 l’Assessorato alla formazione haparzialmente utilizzato per la propria attività di verifica 105lo strumento di rilevazione allegato al I° Report di v. in particolare ‘Alfabeti di Comunità’, ‘Terrevalutazione intermedia dell’APQ di Frontiera’ e ‘Un posto al sole’ 114
  • viste le finalità di questo APQ occorrerebbe dei ritardi dei pagamenti che si sono tradottiprevedere un maggior coinvolgimento in in ritardi nei pagamenti degli operatori.fase di definizione dell’Accordo del Nei progetti della priorità C) si èDipartimento di Giustizia minorile del registrato, come prevedibile, unMinistero di grazia e giustizia o almeno a partenariato più debole conlivello regionale degli USSM e un maggiore l’Amministrazione comunale che talvoltacoinvolgimento del settore dell’istruzione, percepisce come estranei i progetti e nondata l’assoluta rilevanza della problematica sostiene le strutture residenziali finanziatedella dispersione scolastica, e dei Servizi per dall’APQ106.l’impiego (v. si veda oltre la questionecritica degli apprendistati e l’utilizzo quasiesclusivo dello strumento della borsa lavoro I processi di coprogettazioneper giovani coinvolti nel circuito penale localeminorile). Le ASL sono invece partner Complessivamente i processi dirilevanti nell’area degli interventi a favore di concertazione e pianificazione partecipatadonne vittime violenza. nell’APQ sono un po’ deboli e dipendono fortemente dal grado di maturità dei Curare il coinvolgimento delle contesti locali (come prevedibile). EssiAmministrazioni Comunali potrebbero essere maggiormente governati Nella maggior parte delle situazioni, dalla Regione o sostenuti dall’impiantoprobabilmente a causa delle caratteristiche dell’APQ e da processi di assistenza indello strumento programmatorio APQ del itinere. Date le caratteristiche strutturalitutto inedite nel contesto delle politiche dell’APQ come strumento disociali, gli amministratori locali hanno programmazione congiunta e discarsamente condiviso, compreso (v. nel innovazione, data la debolezza di pratiche disenso talvolta di mera conoscenza) e community building e pianificazionesostenuto le intuizioni e i suggerimenti partecipata dimostrata dai comuni e data laprogettuali posti alla base dello stesso scarsissima presenza di dati condivisi suiprogramma e ciò spiegherebbe anche la fenomeni e di analisi adeguate dei bisogni,quasi assoluta assenza di azioni progettuali sarebbe opportuno:basate sul coinvolgimento della polizia • sviluppare processi di assistenza in fasemunicipale. Sarebbe auspicabile che progettuale e di accompagnamento dandol’Amministrazione regionale ponesse una maggiore enfasi alla cura dei processi dicura maggiore nel coinvolgimento degli costruzione partecipata del problema-EELL (es: attività di diffusione delle linee fenomeno oggetto di intervento (v.programmatiche, tempi più dilatati e misure rilevanza del cosiddetto problem setting),di accompagnamento in fase progettuale..) allo sviluppo in itinere di strategiein particolare laddove si vogliano supportare maggiormente condivise all’interno dellepolitiche innovative e laddove si rilevano Amministrazioni comunali e tra istituzionidebolezze strutturali delle stesse rilevanti (USSM, ASL…) ed ai processi diAmministrazioni. Da alcune province, ad implementazione;esempio Enna, sono pervenute pochissime • Andrebbero maggiormente sviluppateproposte progettuali ed alcune sinergie con gli accordi sulle aree urbane e iAmministrazioni Comunali, ad esempio piani strategici che prevedono laMessina, sono state commissariate per destinazione in aree urbane di fabbricati perlunghi periodi e non hanno dato contributi uso sociale.significativi nella fase del bando e di messaa punto delle proposte. Costruzione di competenze e Le procedure di rendicontazione diffusione di buone prassiadottate dai Comuni nella priorità A) sonorisultate molto più farraginose di quelleadottate dalla Regione nella priorità C). 106 In 2 progetti su 12 si registrano graviOccorre puntare sul miglioramento criticità dovute alla carenza di utenti chedell’efficienza amministrativa dei Comuni. In non vengono, secondo i coordinatori dei7 casi su 10 nei progetti della Priorità A) progetti, inviati dai Servizi sociali pubblici;gli attuatori del privato sociale lamentano in 7 su 12 si registra nel 2005 un n° ridotto di utenza. 115
  • Le azioni di riqualificazione urbana non sono Report). Nella tabella successiva siprassi consolidata nell’ambito delle politiche riassumono alcune considerazioni relative alsociali e degli interventi di prevenzione del funzionamento dei progetti nelle diversedisagio minorile, occorre quindi supportarle priorità del programma.e affiancarle in modo ancora più deciso. Nel22% dei casi, infatti, (in C raggiunge il28%) si afferma che non vi è stataun’attività di recupero degli spazi perché “si 12 Analisi delle strategie e deitratta di interventi su cui non si hanno meccanismi attivati nei casi dispecifiche esperienze”. In questo ultimo successopunto andrebbe valorizzato e recuperatol’iniziale aggancio con i progetti Se uno degli obiettivi dell’APQ fosseesplicitamente destinati alla questione della stato unicamente la sperimentazione dipromozione della legalità per favorire iniziative e di pratiche innovative ed‘contaminazioni’ culturali ed evitare dannosi eccellenti si potrebbe affermare, sulla basesettorialismi. Come ampiamente motivato della case analysis, che tale scopo è statonel precedente rapporto anche in altre aree raggiunto appieno e andrebbe solo colto,fortemente ‘specialistiche, come quella degli letto e valorizzato. Se adottassimo,interventi a favore di donne vittime di viceversa, quale criterio di successo delviolenza107, occorre rafforzare le programma l’innalzamento del livello mediocompetenze degli attori territoriali di operatività nell’ambito delle politichefavorendo la diffusione di adeguate sociali e la diffusione di determinatemetodologie di intervento e lo sviluppo di metodologie di intervento innovative ireti di coordinamento sovra provinciali. Si commenti sarebbero meno entusiasti.suggerisce quindi si considerare conattenzione i suggerimenti che provengono In ogni caso i risultati ottenuti dada un network promosso dagli organismi diversi casi in precedenza analizzati nonmaggiormente esperti e rappresentativi che possono essere compresi a partire daloperano da decenni su tali tematiche segmento temporale angusto come quello(Rimando il lettore all’Allegato del presente che caratterizza singoli finanziamenti di un programma. Laddove si sono ottenuti maggiori risultati abbiamo potuto osservare che si trattava di territori in cui si 107 Tratto da: Leone L. (2006), I° Rapporto di coglievano anche i ‘frutti di seminevalutazione Intermedia dell’APQ Marginalità sociale e precedenti’. I buoni risultati si sedimentanoPPO della Regione Siciliana:http://www.regione.sicilia.it/famiglia/Content/Norme/2 producendo maggior affiatamento e fiducia006/Report_VALUT_INTER_APQ.doc tra i membri di un partenariato108, accrescendo le competenze interne ai singoli“Osserviamo innanzitutto che nell’APQ è l’area dei organismi ma anche dei reticoli nel loroprogetti a favore di donne vittime di violenza quella in insieme109 e favorendo l’emersione o ilcui occorre segnalare maggiori difficoltà rispetto le riconoscimento di nuove risorse locali. Imetodologie di intervento: solo 4 progetti su 18risultano aver adottato delle strategie di intervento buoni risultati producono una legittimazioneadeguate, hanno cioè un Indice compreso tra 17e 27 che via via favorisce anche laavendo risposto in modo corretto ad almeno 2/3 degli contaminazione delle esperienze innovativeitems proposti”. (p.54) in altri territori. Questa è banalmente una “Solo in 8 casi si afferma che esiste un buon delle ragioni per cui i diversi attoricoordinamento con altri progetti dell’APQ C): questo dovrebbero riconoscere, valorizzare easpetto potrebbe essere nel prossimo annomaggiormente considerato nei percorsi di assistenza premiare i risultati migliori: per crearetecnica al programma in particolare perché parte degli circoli virtuosi e favorire lo sviluppo diorganismi attuatori, (…) hanno una scarsa esperienza soggetti competenti.nel settore e potrebbero beneficiare di confronti escambi con altri esperti del settore. Durante i dueseminari di restituzione del presente rapporto divalutazione tenuti a Palermo e Catania il 7 e l’ 8 giugno2006, i referenti degli organismi del privato sociale cheoperano nell’APQ nel settore delle donne vittime diviolenza hanno ripetutamente sottolineato l’interesse e 109l’importanza di promuovere a livello regionale momenti Gli attori del sistema di inserimento sociodi confronto e scambio sui progetti in corso.” (p.56) lavorativo di giovani coinvolti nel circuito penale 116
  • In tutti i casi presentati, in misura più o meno accentuata, abbiamo potuto12.1 Riqualificazione degli spazi e osservare interventi, in territori fortemente senso di appartenenza degradati sia dal punto di vista architettonico che umano volti a Coloro che sapevano ‘far bene’ in promuovere un integrazione tra politiche diprecedenza colgono l’occasione e realizzano riqualificazione urbana e politiche diesperienze di eccellenza, tuttavia, coloro contrasto alla marginalità. Si sono sviluppatiche non avevano consolidate expertice interventi nell’ottica di una riqualificazionerispetto pratiche di riqualificazione urbana, urbana sostenibile, con attenzione ai temidi programmi di sviluppo locale o di della Agenda locale 21 o in continuità congestione di progetti complessi basati su PIC Urban che hanno permesso:approcci di sviluppo di comunità, a causadelle difficoltà incontrate spesso rinunciano • la creazione di strutture e servizi inalle azioni più innovative. Dai risultati del I zone ad alto degrado o limitrofe a territoriReport di valutazione emergeva, infatti, che degradati110 da adibire a campo sportivo,in 3 casi su 4 la riqualificazione degli spazi centro di aggregazione e luogo di ritrovonon viene realizzata anche se era stata per i giovani di quartieri privi di struttureprevista. L’attività di recupero degli spazi sportive o di aggregazione111.viene formalmente prevista nell’APQ dalla • La bonifica di alcuni terrenimetà (26 pari al 54% del campione) dei inutilizzati.112progetti della priorità A) e anche in 2 della • La riqualificazione e messa apriorità C (n.b. i noti che nel bando della disposizione della comunità e degli stessipriorità C tale azione non era prevista). In giovani di infrastrutture e beni confiscati alla¼ dei casi tale azione si è tradotta in mafia.113effettive attività di recupero degli spazi • La gestione da parte degli stessiurbani. Solo 6 progetti, tuttavia, mettono a giovani di centri di aggregazione attivati indisposizione dei giovani gli spazi recuperati(pari a ¼ degli spazi recuperati) o, comeauspicato dal decisore regionale, li affidanoalla loro gestione. In un progetto su 5 puravendo previsto azioni di recupero degli 110spazi, secondo gli attuatori, non è stato Quartiere degli Schiavoni e quartiere Borgopossibile realizzare gli interventi a causa di Nuovo a Palermo, Parco Montelungo a Gelauna carenza di impegno da parte delle 111 Si vedano i casi ‘Terre di Frontiera’ nella I°istituzioni locali. Municipalità a Palermo, ‘Percorsi di Integrazione’ a Gela e ‘Radici’ ad Altolia frazione di Messina. Nel 6% dei progetti è stato previsto 112 Ad esempio il greto del torrente Altolia e ill’utilizzo di beni confiscati e nella metà terreno di 800 mt ‘bonificato’ dai volontari deldei casi tale recupero è avvenuto nel corso progetto Radici o il terreno adibito a parcheggiodella prima fase di attuazione dell’APQ. Si abusivo adiacente la Chiesa di San Giorgio nellaregistra inoltre una certa innovazione dei I° Circ. di Palermo, la spiaggia di Capo Peloro ametodi in intervento in 4 casi su 10; nei Messina.restanti casi gli attuatori realizzavano già inprecedenza, sugli stessi territori, interventi 113 Il caso di Ecos-Med ci offre un importantesimili a quelli realizzati tramite il nuovo esempio di riqualificazione e utilizzazione a scopiprogramma. Come previsto dal sociali di beni confiscati alla mafia: grazie ancheprogrammatore regionale esistono strascichi all’APQ è stato recuperato e reso produttivo uninerziali che rendono più lento l’ingresso di terreno confiscato in contrada Cuticchio ad Enna e i locali di Forte Petrazza a Messina sono statipratiche di lavoro innovative e che ripristinati113. Sempre nell’ambito dello stessoimpediscono il passaggio da azioni di caso a valenza regionale, nel sotto progetto diaggregazione giovanile a pratiche meno Gela, abbiamo osservato la nascita di unaconsolidate come quelle delle azioni di cooperativa sociale a cui viene affidata lacomunità e di riqualificazione degli spazi. gestione del progetto di ‘Adozione sociale dei minori’ e la gestione del terreno confiscato di Enna. 117
  • locali dati a disposizione da enti pubblici e Tra i possibili suggerimenti perda privati.114 progettisti e Amministratori si ricorda quello• Lo sviluppo di interventi di di un sindaco secondo cui sarebbe utile chemanutenzione periodica di alcuni spazi “… ci fosse nel bando la previsione di localipubblici e giardini115 a cura di gruppi di da ristrutturare, container, cose cheragazzi volontari. possono permettere di creare• Lo sviluppo di interventi di immediatamente un luogo di aggregazioneinserimento sociale e lavorativo dei giovani perché spesso è il luogo che crea l’evento”.con attenzione anche a giovani coinvolti nel (Sindaco Comune di Gela R.Crocetta)circuito penale minorile e segnalati dagliUSSM del Dipartimento di Giustizia L’uso, il riutilizzo e la riqualificazioneMinorile.116 degli spazi pubblici si connette direttamente• La realizzazione di animazione alle riflessioni sull’approccio partecipativo,territoriale realizzate nelle piazze e nei alla costruzione di percorsi di cittadinanzaquartieri più marginali. attiva, all’educazione alla legalità. Difficoltà nell’attivazione di azioni “La promozione dei diritti di bambini edi riqualificazione degli spazi: la bambine, ragazzi e ragazze si è sviluppataquestione dei locali e integrazioni attraverso lo stimolo a costruire percorsi dimancate cittadinanza attiva partendo dalla valorizzazione del contesto sociale e Le carenze delle sedi in cui realizzare culturale di appartenenza. (…) La vita diparti delle attività hanno influenzato bambini e bambine, ragazzi e ragazze anegativamente alcuni progetti tra cui nel Palermo si svolge per la maggior parte delprimo biennio quelli di priorità A) realizzati a tempo in strada. Proprio con loro si sonoGela o quello di priorità C) realizzato a avviate iniziative per ricolorare e rendereCatania. Alcuni fattori che spiegano fruibili alcuni spazi della città in manierainsuccessi e ritardi di un numero continua e progettuale”. (Arciragazzi,significativo di interventi di riqualificazione documento di sintesi 7/06 )urbana dipendono da difficoltà dovute allamancanza di permessi di agibilità delle La dimensione della riqualificazionestrutture o di utilizzo del suolo pubblico: si e gestione degli spazi si affianca in generetratta di questioni complesse e di non allo sviluppo di scambi e connessioni traimmediata soluzione che richiederebbero gruppi di diversi quartieri in modo dauna maggiore interazione tra diversi settori contrastare fenomeni di isolamento tradelle Amministrazioni comunali, tra politiche gruppi giovanili e favorire percorsi didi riqualificazione urbana e politiche sociali, inclusione sociale. Parafrasando Giovannie tra diverse Amministrazioni. In questo Laino, che si riferiva a quartieri difficili comegenere di programmi occorrerebbe pensare Scampia a Napoli, 117 potremmo dire che i– secondo il Sindaco Rosario Crocetta- tre casi di Palermo e quello di Ecosmed aanche a strutture mobili come le tende livello Regionale in questi ultimi anni hannosperimentate in un progetto attualmente in rappresentato dei ‘centri propulsori’ dellocorso a Gela. sviluppo locale, un ‘vivaio di iniziative’ che con continuità hanno contribuito alla fertilizzazione dei territori sostenendo “processi di costruzione di opportunità di cittadinanza attiva”. Anche il caso114 palermitano gestito dall’Associazione I magazzini della COOP nel quartiere Borgo Giovani Insieme pur non presentandoNuovo di Palermo che vengono dati in usufrutto azioni di “recupero di nuovi spazi urbani”,gratuito ad Arciragazzi e rappresentano unainteressante connessione con il sistema dellagrande impresa. I locali dello IACP a Gela. 117 Laino G., De Leo D., Le politiche pubbliche115 I giardini Robinson nel IV Municipio di per il quartiere Scampia a Napoli, Giu 2002,Palermo Paper Progetto NEHOM Neighbourhood Housing Models - Improving the quality of urban life, EU116 Il caso di Arciragazzi o del Consorzio SALI a 5th Framework Programme Contract no. EVK4-Palermo CT-2000-00027 118
  • può identificarsi con una azione di parte, a bisogni e diritti rilevanti connessirivitalizzazione urbana che a partire dai alla casa ed al lavoro, contribuendo in tallocali di uno storico centro di aggregazione, modo a incrinare dei modelli culturali eil centro Tau, promuove azioni di ‘sviluppo sviluppare una visione diversa delledella comunità’ e dimostra quanto sia istituzioni pubbliche.cruciale il radicamento all’interno deiterritori e l’assunzione di strategie di 12.3 Dalla conoscenza delle proprieempowerment e di sviluppo a medio lungo radici storiche all’apertura neitermine. confronti di altre culture I casi esaminati ci offrono anche Riappropriarsi delle radici storicheesempi in cui la strategia adottata mira non rappresenta in alcuni casi119 un passaggioal rafforzamento ma alla rottura e intermedio per lo sviluppo di un diversoridefinizione di forme di coesione senso di comunità. Lo spazio va inteso nonconsiderate troppo rigide e dannose. Nel solo come immobili, giardini, parchi maprogetto ‘Radici’ di Messina l’associazione ha anche come ‘spazio urbano’ da esplorare eutilizzato in modo massiccio dei giovani conoscere. Lo spazio è veicolo di cultura e dioperatori estranei sia all’associazione di identità e viene rivisitato con i ragazzi pervolontariato che alle piccole frazioni della favorire la riscoperta di proprie radiciperiferia in cui si andava a intervenire. Il rafforzando al contempo un senso dimeccanismo che si cercava di attivare era appartenenza alla propria città, laquello della rottura di forme di coesione conoscenza della storia rappresenta la basesociale rigide e difensive tra singole frazioni o l’incentivo per lo sviluppo di un senso die la promozione di processi di integrazione identità locale ed una maggior capacità ditra territori e gruppi giovanili. relazionarsi ad altre culture. La valorizzazione delle radici e del patrimonio12.2 Guadagnarsi la fiducia del culturale del proprio territorio può tradursi territorio in alcuni casi in creazione di nuove opportunità di inserimento lavorativo degli Una delle fasi più delicate degli stessi giovani120. Gli operatori dell’APQinterventi di contrasto alla marginalità riferendosi alla propria strategia parlano direalizzati nell’APQ riguarda la fase di ‘Genius Loci’, che indica la spinta a‘aggancio’ con i gruppi di ragazzi e con la ricollegarsi alla memoria storica delcomunità. Gli organismi e gli operatori in territorio, al riemergere della ‘primadiversi modi hanno dovuto instaurare delle memoria’, con attenzione alle strategie direlazioni con famiglie e gruppi giovanili e recupero delle attività economiche esviluppare delle reti di fiducia intercettando lavorative proprie delle tradizioni locali,interessi e bisogni della comunità. Nei casi anche al fine di una emersione del lavoroesaminati tutti i contesti territoriali in sommerso e di contrasto a processi dimisura maggiore o minore sono marginalizzazione sociale ed economica.121caratterizzati da fenomeni di degradosociale e ambientale e in passato alcunierano controllati da organizzazionimafiose.118 Come è avvenuto – ci 119 Si vedano in particolare le esperienze dichiediamo- l’aggancio iniziale con le i Arciragazzi Palermo con il progetto ‘Vivereragazzi e le famiglie, gli organismi attuatori Palermo’ e del Consorzio SALI con ‘Terre dicome sono entrati nel quartiere? L’aggancio Frontiera’.spesso si realizza grazie ad alleanze per la 120 Si veda la figura dell’informatore turistico deltutela dei diritti degli abitanti del quartiere, progetto Terre di Frontiera o le ideein altri termini grazie ad una strategia di imprenditoriali dei giovani di Arciragazzi a“advocacy” a favore delle fasce marginali. Palermo.Una chiave di aggancio importante è la 121 Si segnala, in tal senso, che le azioni e lecapacità di rispondere, anche se in minima attività dell’intero complesso progettuale, ivi incluse le azioni di “Terre di frontiera” ed “Al Bab”, sono state peraltro fatte proprie dal118 Ad esempio il Mandamento Vucciria a Comune di Palermo e presentate, con positivoPalermo o il quartiere Scavone a Gela. riscontro, come “case study”, dai consulenti e 119
  • 12.4 Riqualificazione dei territori e che ha coniugato la proposta sviluppata forme espressive: arti visive, dalla ‘pedagogia del desiderio’ nell’ambito poesia, musica e teatro della cooperazione allo sviluppo123 con riflessioni mirate al proprio contesto Tra le strategie di riqualificazione dei socioculturale. Il meccanismo che vaterritori adottate da alcuni casi esemplari, attivato per coinvolgere i giovani è laun ruolo significativo viene giocato da motivazione, il che significa ‘innescare ilinterventi a carattere culturale basati desiderio’ e innestarsi sul desiderio senzasull’organizzazione di eventi, festival, predefinire a monte contenuti di azionimostre, concorsi. Ecos-Med a Messina, progettuali. I ragazzi (più che le ragazze)come Fondazione Horcynus Orca, promuove che hanno sperimentato esperienze dila ricerca, lo scambio e la contaminazione insuccesso con il sistema formaletra i diversi linguaggi artistici e organizza dell’istruzione dimostrano in genere unaincontri, laboratori, seminari, eventi culturali scarsa capacità di mantenere alto il livello died un festival biennale di arte motivazione. Focalizzarsi sui sentimenti dicontemporanea dedicato alle arti auto efficacia e promuovere percorsi diperformative nel mediterraneo con partecipazione attiva sembrano favorire altiinstallazioni video teatrali. In Terre di livelli di motivazione e le capacità di autoFrontiera osserviamo la realizzazione di determinazione del giovane. La relazioneinterventi di animazione territoriale in cui si con i ragazzi è basata su una costanterealizza un concorso di poesia per ragazzi valorizzazione dei ‘desideri’ che vengono“La Lapa della poesia” e lo sviluppo di un intercettati e sostenuti, laddove possibile,partenariato con Fiumara d’Arte una nota per costruire percorsi di crescita favorendorealtà catanese che promuove l’espressione l’organizzazione di gruppi di interesse eartistica. In diversi altri casi osserviamo il scambi con altri giovani a livello locale e UE.coinvolgimento dei gruppi giovanili I ragazzi sono motivati a terminare percorsinell’organizzazione di eventi musicali o nella scolastici interrotti e aiutati a svilupparepartecipazione a concorsi di carattere percorsi di sviluppo ed eventualmente ideenazionale. imprenditoriali. Le pratiche partecipative in questo caso non sono enunciati e12.5 Coinvolgimento dei giovani e dichiarazione di intenti ma si traducono in processi partecipativi: come prassi e regole condivise con i ragazzi, in innescare il desiderio concrete modalità di attribuzione delle La questione della partecipazione deigiovani e del ruolo dell’associazionismo dell’ espressione degli altri; • Prendere coscienzarappresenta uno dei temi di riflessione in del fatto che i diritti sono un dato ontico dellatutti i casi presentati nel Report ed è dimensione umana, preesistenti all’istituzione che li accerta, ci sono alla nascita di ogniparticolarmente rilevante nelle metodologie persona. (…)” Calzoni Daniela, Associazionismodi intervento e nell’elaborazione sviluppata e Partecipazione, Documento tratto da ( 3 agostodall’associazione Arciragazzi122 di Palermo 2006 ultimo accesso) http://www.camina.it/archivio/opinioni/associazionismo _e_partecipazione.pdffunzionari dell’Assessorato Attività Sociali del 123citato Comune nell’aprile 2006 a Leicester (UK) Il questo caso il metodo utilizzatonella annuale riunione operativa del progetto rielabora alcuni contributi della ‘pedagogiacomunitario “UrbAct” – sottoprogetto del desiderio, un approccio pedagogico“Regenerando” (Capofila europeo del sotto – basato sull’attivazione e rimotivazione deiprogetto è il Comune di Reggio Calabria) ragazzi, con metodologie partecipativehttp://urbact.eu/projects/regenerando/home.html . sviluppate da Roger Hart, uno psicologo122 “Per esperienza diretta, la partecipazione dei consulente dell’UNICEFragazzi poggia su alcuni pilastri concettuali quali: http://web.gc.cuny.edu/che/cerg/research_team/roger• Comprensione del compito a cui lavorano, degli _hart_index.htm Tra le pubblicazione: Roger Hartobiettivi da raggiungere e della fattibilità degli Childrens Participation: From Tokenism to Citizenshipstessi, soprattutto relativamente ai tempi; • 46pp Published by UNICEF Innocenti Essays, No. 4, UNICEF/International Child Development Centre,Condivisione di senso del compito stesso; • Florence, Italy, 1992 www.unicef-Capacità di lavorare in gruppo attraverso la icdc.org/publications/pdf/digest1e.pdf . [PDF]strategia della mediazione e del consenso; •Sentirsi liberi di esprimersi e capaci di ascolto 120
  • risorse, e presa di decisioni con assunzione l’opportunità di partecipare attivamente alladi livelli diversificati e crescenti di gestione della ‘cosa pubblica’ rispondendo aresponsabilità. L‘educazione alla bisogni e interessi degli stessi non si‘partecipazione’ non si limita alla definizione verificano atti vandalici e si riducono i furti.di un sistema di regole democraticamente Lo stesso meccanismo lo ritroviamo in modocondiviso all’interno dell’associazione o del più massiccio a Palermo nel CentroCentro di aggregazione, ma riguarda il Dammuso dove i ragazzi volontari di 15-19conteso cittadino in cui si opera. I ragazzi anni gestiscono l’accesso stesso agli spazivengono spinti a interagire anche con il del centro oltre che le attrezzature e lemondo degli adulti, il consiglio attività.circoscrizionale, le altre istituzioni. 12.6 Lo scambio inter-generazionale: il Nel caso ‘Vivere Palermo’, come pure ruolo degli adulti ‘esperti’in ‘Un posto al sole’, emergono con Le funzioni svolte dalla figurachiarezza i possibili vantaggi dell’adulto esperto sono moto simili a quelledell’educazione informale nei percorsi di del ‘mentore’ che si trovano nella letteraturatransizione al lavoro dei giovani svantaggiati sul mentoring125 anche se in questo caso sio con esperienze di insuccesso rafforza la dimensione della trasmissionenell’istruzione formale. Osserviamo in culturale e l’inteso rapporto tipico delparticolare: rapporto duale si diluisce. Il fatto che gli adulti ‘esperti’ talvolta provengano da• la possibilità per il/la singolo/a contesti, esperienze o status sociali nonragazzo/a di scegliere su base volontaria di eccessivamente differenti secondo laentrare o meno nel progetto e nei diversi letteratura (Pawson 2004) rappresenta unGruppi di interesse con livelli diversi di fattore vantaggioso per la relazione. Glicoinvolgimento e corresponsabilità, adulti di riferimento hanno competenzeassumendo o meno un ruolo attivo; diversificate e non determinano• la flessibilità nell’adattare il progetto necessariamente i contenuti culturali allaalle necessità ed agli interessi dei ragazzi, il base di gruppi di interesse ma svolgono unrispetto e riconoscimento delle scelte e ruolo di ‘esperto a domanda’ all’interno diaspirazioni delle persone; percorsi progettati dai ragazzi. E’ in questo• la possibilità di mantenere l’apertura modo che, ad esempio, lo storico ‘seduce’ ecirca i diversi possibili orientamenti delle favorisce la scoperta e la riappropriazionepersone senza alcuna previsione di percorsi da parte dei ragazzi delle proprie radiciformativi orientati rigidamente dall’offerta; culturali. Il ruolo di ‘adulto esperto’ viene agito anche da altri adulti coinvolti come• la capacità di proporre e stimolare operatori o volontari nei progetti (es: ilattività che sono rilevanti, che interessano e regista, il musicista, ..) e che possonoal tempo stesso sono socialmente fungere da modello identificatorioriconosciute (v. manutenzione parco alternativo per i ragazzi. A questo livelloRobinson); anche la dimensione di genere è• la presenza di risorse e spazi per importante, sono, infatti, proposti ruoli diattività auto determinate e scelte da soli. La uomini, donne e coppie che non riproduconopossibilità di far parte di gruppi in cui si modelli di potere stereotipati.sviluppa e sperimenta l’apprendimento trapari124;• l’offerta di esperienze formative 12.7 Politiche ‘soft’ per la transizione alinformali (es: corso pronto soccorso, corso lavorosulla storia della Sicilia.., corso su tutela In diversi casi da alcuni anni sidell’ambiente). stanno sperimentando degli interventi finalizzati alla transizione dalla scuola al Più volte si è osservato che quando airagazzi vene effettivamente data 125 Pawson R., Mentoring relationships: an explanatory Review, Working Paper 21 October 2004: ESRC UK124 Centre for Evidence Based Policy and Practice Si vedano i Gruppi di interesse nel CentroDammuso di ‘Vivere Palermo’. 121
  • lavoro dei giovani con particolare attenzione raccomandazioni riguardanti tali politiche ea bassa scolarità ed in contesti di disagio suggeriscono tra l’altro di: 127socio economico. 1. Mettere i giovani al centro delle politiche Come indicato in numerosi studi, i che li riguardano e dargli potere negoziale.percorsi di inclusione sociale eaccompagnamento educativo di adolescenti 2. Piuttosto che considerare la ‘mancanza didrop out o che hanno avuto problemi con la motivazione come risultato di un ‘deficitgiustizia, non possono risolversi in interventi individuale’ offrire ai giovani l’accesso asegmentati ma debbono accompagnare il percorsi di carriera significativi eragazzo e “permeare l’intero processo di comprensibili e permetter loro di aumentaretransizione e concretizzarsi in azioni che il controllo sul raggiungimento di questifacilitino il più possibile l’interazione tra il obiettivi.destinatario e l’ambiente che lo circonda. Inparticolare creare le condizioni che 3. Superare i limiti strutturali tra educazioneagevolino questo percorso significa agire sia formale e informale (es: educazione alsull’individuo sia sull’ambiente che lo lavoro, politiche formative). Ai percorsi dicirconda” (Isfol, 2001).126 educazione informale sviluppati nei laboratori organizzati con la collaborazioneChiaramente vanno rispettate alcune attiva degli stessi ragazzi si affiancanoprecondizioni affinché si sviluppino percorsi percorsi di supporto all’auto organizzazionedi accompagnamento educativo ed in ed all’auto imprenditorialità e si utilizzanoparticolare: ‘strumenti’ come il bilancio di competenze.• che i diversi attori della rete si Non c’è una netta divisione dei percorsiriconoscano come reciproche risorse e si educativi e gli interessi riguardanti il lavorosviluppino delle procedura in grado di si intrecciano con attività culturali edgarantire la correttezza degli invii e la educazione alla cittadinanza attiva.coerenza del processo di lavoro con ilsingolo caso; 4. Dare continuità alle iniziative progettuali.• che vengano svolte in modocontinuativo funzioni di back per sostenere il 5. Offrire ai giovani contesti in cui sianocoordinamento, l’innovazione, la ricerca, presenti risorse “hard” come lal’aggiornamento, la progettualità a livello di qualificazione professionale e “soft”, in cuisistema rete oltre che dei singoli segmenti; sia possibile sviluppare fiducia, senso di• che sia svolto parallelamente un lavoro appartenenza auto-stima, sperimentarea livello territoriale di attivazione, piccoli successi, superare i tradizionali ruolianimazione, promozione rivolto ai giovani e (es: di genere), prendersi la responsabilitàagli adulti. dei propri progetti pur avendo su richiesta il supporto necessario.Il lavoro svolto nei quartieri dai centrisociali, da centri di aggregazione (v. in 12.8 I progetti personalizzati per l’inserimento lavorativo: la borseparticolare il caso Un posto al sole con il lavoro come “dote”coinvolgimento dei CAG Centri diAggregazione Giovanile di Palermo) puòessere letto come lavoro di supporto e In questo paragrafo analizziamoprecondizione per la realizzazione di l’utilizzo dello strumento borsa lavoro apercorsi di inserimento socio lavorativo dei partire dall’esperienza decennale di duegiovani. Le esperienze migliori analizzate nel casi. Secondo i coordinatori e responsabilireport sembrano coerenti con le dei progetti, le politiche attive del lavoro siciliane faticano a svilupparsi in particolare nei settori più svantaggiati e delicati come 127 New Perspectives for Learning December126 2004 3Annex 12: Briefing paper 51 Modelli e strumenti per l’integrazione http://www.iris-egris.de/yoyo/lavorativa, Rapporto di monitoraggio PICOccupazione II Fase, Isfol, febbraio 2001 122
  • quello del penale minorile, settore in cui lo lavoro in Sicilia intercetta il fatto che in granstrumento ‘borsa lavoro’ sembra talvolta parte la popolazione, poco secolarizzata e inessere utilizzato come strumento condizioni di disagio economico la “legge”compensativo. Una delle debolezze che come contributo economico che da ilemerge dai progetti APQ che operano per il comune alla famiglia. Si tratta di purareinserimento sociale e lavorativo di giovani clientela perché non solo non risolvi ilcoinvolti nell’area penale minorile consiste problema con una soluzione relativa alnella scarsa utilizzazione di strumenti come reddito ma non ha nessun valorel’apprendistato o la formazione moltiplicatore di tipo emancipatorio quellaprofessionale e nella debole integrazione politica”. (presidente di Ecos Med)dei diversi strumenti utilizzabili perpromuovere e sostenere percorsi intergrati La testimonianza raccolta in undi inclusione socio lavorativa. secondo caso, ‘Un Posto al Sole’, indica preoccupazioni simili. L’adempimento Un tentativo di superamento dei dell’obbligo/diritto all’istruzione, così comelimiti della borsa lavoro per inserimento previsto dai cambiamenti normativi128 deglilavorativo di persone svantaggiate (es: ultimi 6-7 anni, trova seri ostacoli dovuti inpazienti psichiatrici, donne vittime di tratta, parte al permanere di un assetto formativoex tossicodipendenti, ex carcerati) ci viene e scolastico rigido che non favorisce laofferto dal caso ‘Alfabeti di Comunità’. partecipazione di giovani espulsi anniAbbiamo constatato che la ASL ME5 ha da addietro dallo stesso sistema scolastico, inalcuni anni realizzato un albo per la parte alle carenze dei contenuti dell’offertacogestione dei progetti personalizzati, a tale formativa ed in parte alla scarsa offerta dialbo si sono iscritte le imprese sociali a cui apprendistati. Tra i punti deboli del sistemasono state richieste ‘occasioni’ per inserire della formazione professionale rispetto allepersone segnalate dalla stessa ASL. esigenze di minori coinvolti nel sistemaL’innovazione consiste nel fatto che in tale penale emersi nel caso palermitanomodello non vengono più finanziate le troviamo:strutture ma solo i progetti personalizzati.Per le persone coinvolte lo start up • Durata eccessivamente lunga deirappresenta una dote economica che si corsi di formazione: hanno una duratatrascina in qualità di socio delle imprese triennale e i ragazzi dell’area penalecooperative. Questa soluzione minorile non riescono a proiettarsi per tempipermetterebbe, secondo i responsabili della così lunghi.ASL, accanto al lavoro di rafforzamento • Data di avvio dei corsi: i corsi noncomplessivo dell’economia sociale sul cominciamo a settembre e alcuni iniziano aterritorio, di rendere le persone luglio, non corrispondono né ai tempimaggiormente protagoniste all’interno delle giudiziari, né alle esigenze dei ragazzi. Tuttecooperative sociali. La soluzione adottata le alternative di messa alla prova mancanointendeva superare l’uso della borsa lavoro quindi di contenuto.quale mero strumento assistenziale • Rigidità della proposta dei CFP eevitando formule distorte di appalto dei deboli funzioni di turoraggio e supportoservizi dalla durata illimitata; in tal modo il educativo: su questo fronte sono emersicontributo pubblico sarebbe maggiormente alcuni limiti che riguardano anche la carenzafinalizzato all’avvio ed alla sostenibilità di risorse deputate a tale funzione. “Ladelle attività. La ASL ed Ecos Med sono formazione riesce a rispondere solo sino apiuttosto critiche rispetto l’abuso dello un certo punto anche perché non sonostrumento borse lavoro inteso come azione abbastanza flessibili e il personale non ècentrale dell’inserimento lavorativo dei adeguatamente preparato. Con alcuni corsigiovani e dei soggetti segnalati dalll’USSM; abbiamo ottenuto la deroga al requisito delesso viene, infatti, ritenuto uno strumento possesso della licenza media eraramente efficace e non privo di impatticontroproduttivi. 128 “Da noi è molto complicato anche se Legge 20/1/99, n. 9, ‘Lelevamentonon escludo che vi siano casi in cui – la dellobbligo’borsa lavoro- può risultare utile”. “La borsa 123
  • contemporaneamente il ragazzo attestava la quasi completa mancanza di interventi apartecipazione a percorsi serali per ottenere carattere socio assistenziale più consolidati.la terza media. In questo modo il ragazzo Le politiche in senso lato ‘sociali’ nel corsorisparmiava un anno.” (Intervista giugno dell’implementazione dell’APQ vengono2006) agite attraverso una pluralità di azioni• Anche rispetto all’acquisizione della ascrivibili, in un logica di distinzione deglilicenza media i ragazzi hanno notevoli interventi di tipo burocratico-difficoltà a prendere parte ai moduli delle amministrativa, a diverse politiche:scuole serali. Su questo aspetto il progetto“Un posto al sole” è riuscito comunque a o Politiche attive per il lavoro esperimentare soluzioni alternative. l’inserimento socio lavorativo delle fasce deboli. I tre casi di Palermo e ‘Alfabeti di L’unico strumento consolidato e comunità’ hanno realizzato interventi distrutturato attualmente esistente sembra inserimento socio lavorativo rivolti a giovaniessere la borsa lavoro e solo in alcuni casi a coinvolti nel circuito penale minorile o adtermine della stessa si sono attivati alcuni altre fasce deboli. In alcune esperienze taliapprendistati. Se da un lato la borsa lavoro interventi assumono un carattere dirisponde a bisogni di carattere economico di sistematicità e si intrecciano con programmiragazzi che provengono molto spesso da a supporto dello sviluppo locale e sviluppanofamiglie in stato di povertà od interventi di creazione di impresa e sviluppoeconomicamente svantaggiate, dall’altro dell’economia sociale129.continua a riprodurre meccanismi di tipo o Politiche di riqualificazione urbana. Ilassistenziale e viene utilizzato per caso Terre di frontiera rappresenta unaagganciare le imprese un una logica viziata parziale prosecuzione ed evoluzione del PICe compensativa e circuiti del mercato del Urban realizzato negli anni precedenti alavoro caratterizzati, tuttavia, da forti Palermo e nello stesso quartiere continua afenomeni di sommerso. Sebbene il caso ‘Un sviluppare interventi di riqualificazione130; inposto al sole’ progetto sia una evoluzione di questa esperienza sono anche esplicite lemetodologie considerate a livello nazionale finalità di emersione del lavoro sommerso edelle best practices dobbiamo considerare del lavoro nero che caratterizzano molteanche le debolezze a livello di sistema e attività terziarie dell’area (v. gestionericordare che in termini di esiti sui ragazzi parcheggi, chiosco semimobile).beneficiari nel 30% dei casi l’ingresso nelmercato del lavoro è caratterizzato da o Politiche di promozione della legalità.lavoro nero. ( Studio di caso sulle best Si segnala a tal proposito l’azione dipractices II Fase PIC Occupazione, ATI recupero e utilizzazione da parte del CasoISMERI_IRS 2001) ‘Alfabeti di comunità’ (EcosMed-Messina) dei due beni confiscati alla mafia di Enna e di12.9 La contaminazione tra politiche Messina ma anche gli interventi di per innovare i modelli di welfare promozione dei cittadinanza attiva realizzati dagli organismi del privato sociale Un obiettivo esplicito formulato in fortemente radicati nei propri territori. Lafase progettuale in alcuni casi era proprio promozione della legalità viene intesa nonquello di sperimentare possibili innovazioni tanto come intervento a sé stante, ne tantonelle politiche di welfare regionali e locali in meno come input formativo specialistico e direlazione alle diverse caratteristiche tipo informativo da inserire in curricolasocioeconomiche delle aree territoriali e di scolastici, quanto piuttosto come praticasviluppare elementi utili ai decisori regionali trasversale agita nei quotidiani processie locali per lo sviluppo dei Piani di zona e educativi o grazie al recupero di benidella L.328/00. I casi presentati nella ambientali e strutture confiscate alla mafia eseconda sezione del rapporto offrononotevolissime indicazioni per l’innovazione 129delle politiche di welfare sebbene si tratti, Si veda il riferimento ai Territori Socialmenteper molti versi, di iniziative difficilmente Responsabili nel caso CR Alfabeti di Comunità diassimilabile a modelli tipici di gestione delle EcosMedpolitiche di welfare e dell’inclusione sociale. 130 Zona antistante chiesa San Giorgio in I°Una caratteristica peculiare è, infatti, la Circoscrizione. 124
  • al valore simbolico e di comunicazione strutturale divisioni ospedaliere e servizisociale che questi stessi atti assumono per territoriali di base.le comunità. Tale obiettivo è insito nelle o Politiche per la tutela dell’ambiente estrategie di sviluppo di un economia locale lo sviluppo ecosostenibile. La tutela‘sana’ ed è perseguito attraverso la scelta ambientale è uno dei contenuti degliaccurata dei partner, il rafforzamento di interventi educativi a favore delle fascelegami con il settore della finanza agevolata minorili promosso da diversi casi133.e delle fondazioni bancarie, la creazione dicontesti e network di supporto in grado di o Politiche per la promozione ed ilprevenire possibili forme di racket o altre rafforzamento dell’economia sociale. Comepressioni illegali. è possibile in aree economicamente deboli perseguire obiettivi di creazioneo Politiche per le PPOO. Il tema delle d’occupazione e di inserimento sociopari opportunità rappresentava in questo lavorativo di soggetti esclusi dal mercato delprogramma una priorità trasversale e al lavoro tramite lo sviluppo imprenditorialecontempo interessava in modo specifico dell’economia sociale? Come riescono leparte dei progetti della priorità C) (v. organizzazioni e le persone a coalizzarsiAllegato) non oggetto di approfondimento in attorno all’idea dei partenariati sociali forti?questa case analysis. Tuttavia dall’analisi di In che misura questo tipo di operazionidue casi della prorità A) di Catania e di Gela possono essere considerate sostenibiliè emerso che gli sportelli informativi a economicamente? Il caso di EcosMedfavore di donne faticano ad essere attivati e ‘Alfabeti di comunità’, anche grazie al fattosembrano non rappresentare delle tipologie che riguarda un’esperienza sviluppata indi intervento rispondenti alle reali esigenze cinque territori della regione, ci hadella popolazione. Tra le ragioni di tale permesso di rintracciare alcune strategieinsuccesso si sottolinea il fatto che si tratta utilizzate per favorire la sostenibilità neldi azioni in un certo senso ‘aggiuntive’, non modello di economia sociale promosso daglistrutturate in un disegno progettuale attuatori. Si avvia il processo intercettandoorganico e non supportate da specifiche delle micro nicchie di mercato in cui avviarecompetenze degli organismi promotori nel e sviluppare imprese, quasi sempre impresesettore dell’imprenditoria femminile o nel sociali di piccolissime dimensioni, in unasettore degli interventi a favore di donne logica di filiera. Si cercano in questa fase divittime di violenza. evitare dinamiche competitive interne allao Politiche per la ricerca e l’innovazione filiera di impresa o tra nuove imprese etecnologica. Si veda, sempre nel precedente partenariato ed anzi si ricercano dinamichecaso, l’esperienza di sviluppo di sistemi di tipiche dei “gruppi di acquisto” chesfruttamento131 dell’energia prodotta dalle riducendo i costi di transazione permettonocorrenti marine dello stretto. di sviluppare dei vantaggi sia per il produttore, sia per il consumatore. In unao Politiche culturali e giovanili. Parte seconda fase si adottano invece vere edelle iniziative di aggregazione giovanile si proprie strategie di ricerca di marketingconnettono anche a interventi a carattere privilegiando sempre i canali sviluppati nelculturale: festival musicali, arti visive, etc. settore dell’economia sociale a livelloo Politiche di promozione della salute nazionale. Il settore turistico, con lanella primissima infanzia. Si tratta di un valorizzazione dellofferta culturale in chiavesingolo caso132 meritevole di attenzione turistica, viene considerato uno dei piùproprio per la forte valenza preventiva e interessanti in termini di prospettive diintegratoria: esso coinvolge in modo sviluppo anche per le imprese sociali partecipanti all’APQ e viene da queste ritenuto un importante fattore endogeno di131 Si veda il brevetto delle turbine Kobold e ilprotocollo con l’UNIDO per la sperimentazione eesportazione dell’innovazione. 133 Vi lavora l’Agesci a gela con percorsi di132 Si fa riferimento al sottoprogetto di EcosMed Integrazione, EcosMed nella sede del Parcoa Gela con il protocollo di intesa tra Horcynus Orca a capo Peloro, Arciragazzi al’Amministrazione comunale, la ASL e pediatria di Palermo tramite iniziative gestite da gruppi dibase. interesse di ragazzi. 125
  • sviluppo (Ecosmed, Consorzio SALI, Parlando del ruolo dei Comuni occorreArciragazzi). ricordare che le connessioni in fase progettuale o in fase attuativa con i Piani di Gli interventi presentati intendono, in zona L.328/00 sono state piuttosto carenti;forte contrasto con una logica riparativa, queste erano citate solo dal 27.8% deisviluppare azioni finalizzate a contrastare la progetti. Il forte slittamento dei tempi dimarginalità sociale tramite strumenti avvio regionale della l.328/00, dellainnovativi. Il focus è spostato sullo sviluppo costituzione di tavoli tematici o d’area, delladi capacità di auto organizzazione dei predisposizione degli atti d’indirizzo e deigiovani, sulla modificazione di microcontesti piani di zona ha, infatti, ostacolatosocioeconomici territoriali e sul l’elaborazione congiunta dei piani di zonarafforzamento di network sociali ed con le proposte progettuali per l’APQ.economici di supporto. Avevamo osservato nel I Report di12.10 Partenariati e ruolo dell’Ente valutazione che in entrambe le priorità vi locale sono “… troppi progetti - dal 20 al 25% - che sono stati ideati senza alcun confronto Il funzionamento del partenariato nei preliminare con l’amministrazione comunaleprogetti dell’APQ era stato analizzato in un sui bisogni effettivi del territorio. Questoapposito capitolo del precedente rapporto di dato potrebbe indicare una certa tendenzavalutazione intermedia, ricordiamo iniziale a delegare al privato sociale lasolamente alcuni aspetti che ci permettono progettazione, tendenza alla delega che perdi contestualizzare meglio i nuovi risultati: i quanto riguarda la priorità A) verrebbe inpartner previsti in fase di progettazione corso d’opera in parte recuperata graziesono nell’83% dei progetti effettivamente all’intensificazione di momenti dipresenti in fase di implementazione e in 3 programmazione comune delle attivitàcasi su 10 mancano, secondo i responsabili (incontri presenti nel 66% dei casi)”. (p.24,dei progetti, partner rilevanti per il progetto. 2006)Sembrava emergere in un 1/3 solamentedei casi un certo ‘spezzettamento’134 delle Nell’APQ si configurano partenariati inazioni progettuali frutto di forme progettuali cui i “canali di scambio privilegiati” vengonobasate sull’attribuzione di risorse e attivati anche in funzione del direttoresponsabilità a ciascun organismo e di un controllore delle risorse finanziarie. Glidebole processo di coprogettazione. organismi del privato sociale con minorPossiamo quindi affermare che in 2-3 casi esperienza di settore dichiarano che vi è unsu 10 esiste un problema concernente il alto coinvolgimento dell’Amministrazionepartenariato e un debole coinvolgimento di comunale, mentre quelli con maggiorepartner rilevanti. esperienza e abituati a partecipare e bandi regionali sviluppano una collaborazione più intensa con la Regione (v. Leone, I° Report Valutazione intermedia, p.23, 2006) La stretta interazione con l’Ente Locale 134 “Una forma di coordinamento scelto da pare comportare vantaggi ma anche,1/3 dei progetti (…) è stato quello di suddividere paradossalmente, svantaggi. Ale azioni progettuali per ambito di competenza dimostrazione del fatto chetra diversi attuatori. La scelta di “spezzettare” le l’Amministrazione locale gioca un ruoloazioni progettuali tra diversi attuatori, nel caso centrale nel favorire le partnership locali,dell’APQ, non dipende dalla numerosità dei osserviamo che l’ampiezza della rete135partner coinvolti nel progetto o da altri fattori di coinvolta in modo valido nella realizzazionetipo strutturale (…) ma viene probabilmenteutilizzata perché evita lo sviluppo di conflitti dei progetti è strettamente interconnessaparalizzanti pur determinando, di contro, una (ChiQ 14.93) al grado di coinvolgimentoscarsa sinergia e integrazione sostanziale”. dello stesso Comune e ad una percezione da(Leone, I° Report intermedio di Valutazione,p.18, 2006) 135 var.179 “Coinvolgimento del Comune” incrociata con INDICE 218 126
  • parte del privato sociale di buon finanziaria che possono inficiare i risultatiraggiungimento dei risultati. Tuttavia, un del progetto, modificando ad esempioalto livello di interazione con il Comune, così alcune procedure. Nel progetto Priorità dicome percepito e dichiarato dagli Gela, ad esempio, l’acquisto di alcuneattuatori136, viene riportato dagli organismi strutture ritenute centrali per il progettoche hanno minor esperienza di gestione di sembra essere stato rinviato o accantonatoprogetti complessi, che dimostrano una per problemi di liquidità e non di mancanzaminor appropriatezza delle strategie di di risorse; il ludo bus doveva esserintervento con i minori e che probabilmente acquistato e attrezzato ma non sono riuscitia seguito di tali ‘debolezze’ rafforzano o ad acquistarlo perché la cooperativa nonenfatizzano il legami con l’amministrazione anticipa la somma necessaria e le risorselocale: ciò starebbe a indicare la validità non utilizzate rischiano di essere restituitedella scelta della Regione che tramite la alla Regione (n.b. il contratto che prevede laprevisione della misura CR ha cercato di rendicontazione anticipata prima delsostenere iniziative locali e sovra provinciali rimborso). Come suggeriva durantepromosse dall’associazionismo e dalla l’intervista la stessa responsabile comunalecooperazione sociale e in parte sganciate del procedimento sarebbe però possibiledall’approvazione dei singoli comuni. Il ‘trovare un escamotage per acquistare ilalcuni Comuni l’Amministrazione ha ludobus risolvendo la questione dei tempiorientato o vincolati i partenariati dei tecnici.progetti di priorità A) che intendevaassumere e presentare alla Regione. “In questo genere di iniziative laQuesto tipo di operazione, quando capacità predittiva non è altissima e occorresconnessa da sostanziali accordi sulle impostare i bilanci in modo tale che sia instrategie di intervento o realizzata da attori seguito possibile modificare quote di spesa,diversi da quelli realmente responsabili contenuti delle azioni, previsione di tempidell’attuazione (v. Caso Giovani Insieme), per garantire la fattibilità degli interventiha prodotto partenariati formali che hanno programmati e massimizzare i flussi diridotto l’efficacia e l’innovatività dei progetti. cassa. Si tratta spesso di sovvertire un atteggiamento mentale agito da La scarsa assunzione di rischi connessi amministratori e funzionari con basso gradoa decisioni relative alla fase di di imprenditorialità pubblica che tendono arendicontazione od all’anticipazione dei gestire i flussi finanziari e interpretare lefinanziamenti, anche a monte di garanzie, norme in modo difensivo” (Ibidem).ha in alcuni comuni ostacolato o comportatola semiparalisi di diversi progetti dell’APQ. Si osserva, infine, che in alcuni casi èIn alcuni sono emerse delle difficoltà in fase stata realizzata un’attività di formazione edi rendicontazione connesse all’innovazione aggiornamento rivolta a tutta la rete diproposta dall’APQ: laddove i progetti partner e non gestita da un singolo‘mettono a sistema’ e fanno interagire organismo138 per i propri operatori nérisorse provenienti da diversi fonti e agenzie gestita in tempi ridotti nella fase di avvio delfinanziatrici o utilizzano le risorse in modo progetto. Questa esperienza si è rilevata‘anomale’ rafforzando le capacità progettuali molto utile nel favorire lo sviluppo e ildei gruppi giovanili137, come auspicato dal confronto di competenze tra i diversiprogramma stesso, gli apparati partner. Si suggerisce pertanto in futuro:amministrativi mal sopportano le a) di promuovere interventi dicomplessità che si presentano od esprimono aggiornamento e formazione degli operatoridiffidenza. Talvolta all’Ente locale viene pubblici e del provato sociale non vincolaterichiesto di risolvere problemi di liquidità al periodo di avvio dei progetti;136 Rapporti collaborativi con il Servizi sociali,incontri periodici di programmazione, interesse 138verso i risultati del progetto, scambi in fase di Si vedano i casi di ‘Un posto al sole’ aavvio per l’analisi dei bisogni etc. Palermo e di ‘Radici’ con la Scuola di formazione del Dipartimento di Giustizia minorile di Messina137 Si fa riferimento al sistema dei crediti per i che ha costruito in collaborazione con i progettimicropogetti del Caso di Arciragazzi Palermo. della priorità A) un’offerta formativa congiunta. 127
  • b) premiare progetti che utilizzano la strategie, presenza di ‘vision’ cheformazione per supportare reti e catalizzano dei gruppi di supporto locali. Inpartenariati con le istituzioni del territorio e diversi casi si sono sviluppate delle pratichetra i diversi progetti dell’APQ (Scuole, autoriflessive che hanno condotto allaGiustizia minorile, Scuola di formazione del produzione e diffusione di articoli, materialiDipartimento di Giustizia Minorile, ASL, di divulgazione, ricerche, buone prassiFFOO etc..); utilizzate anche a livello nazionale ed c) sostenere esperienze congiunte di europeo139.formazione tra progetti APQ locali o • “La competenza del planner animatore,regionali e tra questi e i partner istituzionali attivista, reticulist, consulente e progettista,e di spalmare tale attività in modo tale da si esprime nell’attenzione alle reti, alleaccompagnare l’implementazione del gerarchie, ai ruoli, alle asimmetrie alleprogramma e cogliere i bisogni che in corso inerzie ed alle casualità che connotano id’opera emergono. reticoli sociali, anche alla piccola scala” (Laino 2001). “Oltre a svolgere ruoli di dinamizzatori, agenti di sviluppo locale, mediatori, promotori di co-progettazione,13 Lezioni tratte dai casi costruttori di scenari possibili e galvanizzatori dei contesti locali, questi Per cogliere le ricadute del programma soggetti (il professionista attivista ee comprendere i progetti realizzati sui riflessivo) rappresentano dei pivot deiterritori occorre spostare il livello di processi che vigilano con costanza i processiosservazione dal singolo segmento di di attuazione del progetto operando senzaintervento a reticoli e tempi più dilatati enfatizzare i profitti personali (v. ientro cui si inserisce l’operatività di ciascun responsabili dei casi di successo …)” (Leoneprogetto. Questa è stata logica con cui si è 2006). Si tratta di persone in grado dicercato di individuare i meccanismi attivati mobilitare risorse ed energie in virtù di undai progetti individuati nell’analisi dei casi: impegno continuativo sui territori e delle retisi è cercato di fare emergere e di fiducia che rafforzano la legittimità dellecomprendere le strategie intenzionali e le proposte. Le reti fiduciarie sembranoteorie implicite ed esplicite adottate dagli rappresentare una chiave importante perattori coinvolti prima nella programmazione, comprendere la capacità di attivazione dipoi nella progettazione locale e nella network funzionali al successo dei progetti.gestione di casi di successo. I progetti, in • Questi soggetti particolarmenterealtà, quasi mai ‘nascono’ in una data ‘imprenditivi’ spesso impegnati (siaprecisa a seguito di un bando e di un parzialmente sia a tempo pieno) neglifinanziamento (l’APQ in questo caso) e organismi del terzo settore promotori deiladdove ciò accade e non si innescano in progetti a svolgere un ruolo diprogettualità precedenti possiamo ‘fertilizzazione’ dei territori.presumere si tratti di azioni strumentalidagli esiti dubbi. Il come: l’approccio e gli aspetti metodologici • Integrazione tra strumenti di policy e risorse. I finanziamenti pubblici diventano13.1 Fattori comuni ai casi di successo addirittura ‘strumentali’ a piani di sviluppo locale a lungo termine e obiettivi Di seguito riassumo le condizioni di trasformativi dell’organismo attuatore.efficacia e i fattori di successo evidenziati Questi casi ci indicano che le politiche dinella Case analysis. Si noterà che molti inclusione sociale si fanno in modo integratopunti sono del tutto sovrapponibili a quelli con percorsi personalizzati multiattore,evidenziati nella letteratura sulla perchè multidimensionali, e non si fannoriqualificazione nell’ottica dello sviluppolocale (Becattini 1998, Laino 2001). Il Chi 139 Si vedano i casi di Ecosmed- Messina,• Chiarezza di orientamenti e capacità di dell’Associazione Inventare Insieme, disistematizzazione e codifica delle proprie Arciragazzi e del Consorzio S.A.L.I. di Palermo 128
  • con gli strumenti ‘classici’ delle politiche Amministratori, FFOO, chiesa, fondazioni,sociali. associazioni e all’utilizzo e riqualificazione di beni confiscati riescono a promuovere• Gruppi e reticoli in grado di imprenditorialità giovanile.intercettare movimenti e processi disviluppo. In particolare nei territori più • La dimensione progettuale, etica edeboli e con minor risorse o maggiormente trasformativa dell’organismo promotore. Neicaratterizzati da processi di devianza e casi che hanno ottenuto maggiori risultati imarginalità, osserviamo la compresenza e promotori hanno elaborato una propriala sinergia tra stimoli innescati da attori mission relativamente allo sviluppo deiesterni attivazione di reticoli e partenariati territori di tipo pedagocico efortemente radicati sui territori. trasformativo141.L’innovazione e il cambiamento vienesupportato da reti di supporto e catalizzatori • Anche in questa esperienza l’efficacia diesterni (es: ruolo di Ecosmed a Gela) e si questa tipologia di azioni sembra essereavvale di alleanze e scambi con partner a associata alla mobilitazione di gruppilivello sovra provinciale e nazionale. Al dell’Amministrazione pubblicacontempo deve intercettare movimenti e specificatamente assegnati e impegnati nelfavorire l’emersione di risorse locali. Come tutelare la mission: nel caso dell’APQ taleosservato da altri a proposito dei processi di ruolo è stato svolto dalla regione esviluppo locale, vi sono, infatti, delle dall’ufficio predisposto alla gestione dell’APQdifferenza tra territori ‘tristi’, che richiedono che ha accompagnato le diverse fasi diuna campagna di promozione e gestione del programma ed ha goduto divalorizzazione delle risorse locali, e territori una significativa legittimazione.‘fertilizzati’ che possono invece contare surisorse endogene ed ‘ecologie localizzate’. Il dove In quali contesti e condizioni, ci si chiedeRiprendendo il pensiero di Becattini si ora, si sviluppano le esperienze diricorda che “ il combustibile del movimento successo?(accelera fattori non li crea) non è dato dalleidee, più o meno brillanti o dalle risorse • In network con forte radicamentofinanziarie più o meno consistenti, del locale e con reti di lungo raggio. IlProgetto, ma dalla convergenza tra le radicamento delle azioni a livello locale, loaspettative le speranze degli uomini in sviluppo di ‘reti corte’, rappresenta uncarne e ossa ….. movimento che esiste in innegabile fattore di successo in particolareembrione secondandolo correggendolo laddove si combina con lo sviluppo di retiorientandolo e in questo senso aiutandolo , ‘lunghe’. I partenariati dei casi cheil successo è più probabile” (Becattini registrano risultati più significativi hanno1998)140 una configurazione mista: combinano ‘reti corte’ e ‘reti lunghe’, sviluppano network• Forte orientamento valoriale e supporto territoriali stabili e coesi e al contempo sonoall’economia sociale. L’educazione dei molto propensi a sviluppare appartenenze agiovani alla legalità e la promozione di partenariati tematici o network conpolitiche di contrasto alla marginalità ed alla istituzioni od organismi a livellodevianza si intrecciano e si agiscono grazie sovraterritoriale, nazionale o internazionale.ad interventi di sviluppo dell’economia L’efficacia delle inziative di sviluppo èsociale in opposizione a logiche mafiose chedrogano i mercati alterano i meccanismi dicompetizione. Questi network condividono 141 Si citano, a titolo esemplificativo, i TSRuna dimensione etica dell’economia e grazie Territori Socialmente Responsabili in Ecosmed laalla mobilitazione forte di istituzioni, pedagogia del desiderio in Arciragazzi di Palermo, il Genius Loci nel Consorzio SALI, la ricerca del bello e il ruolo dell’arte come fattori di sviluppo e riscatto della comunità locale nelle140 esperienze di Palermo in Terre di Frontiera e a G.Becattini (1998), Distretti industriali e Borgo Nuovo, nel parco Horcynus Orca, nelle villemade in Italy, Bollati Boringhieri del DSM, nella cooperativa sociale Astu che opera con l’OPG di Barcellona. 129
  • spesso associata a gradi diversi di aperturadel processo decisionale in una o più fasi:identificazione del problema, elaborazionedelle decisioni o iter attuativo delladecisione.• In partenariati dove è presente unaforte interdisciplinareità, pluralismo delleprofessionalità e delle competenzeimpegnate: psicologi, architetti, dirigenti omanager di imprese sociali e non, registi,attori di strada, formatori.• In network in grado di muoversi conprofessionalità in diversi ambiti di policy.I migliori interventi di politica sociale inquesto APQ non si fanno con i servizi socialima grazie anche all’integrazione distrumenti e misure proprie di altri ambiti:politiche formative, politiche attive dellavoro, politiche di promozione della salutenella primissima infanzia, politiche diriqualificazione urbana e riqualificazioneambientale, politiche giovanili e politicheculturali, politiche locali di sviluppo,promozione dell’economia sociale, politicheper la legalità.• Dove si è accumulata negli anni unabuona esperienza di gestione di programmicomplessi o in rete con organismi a livellonazionale e UE. La capacità di promuovereazioni innovative con riqualificazione dispazi urbani e contrasto della marginalità, diadottare strategie di sviluppo di comunità edi realizzare progetti in aree fortementespecialistiche (es: area interventi a favore didonne vittime di violenza familiare) risultanoessere patrimonio prevalente di coloro chenegli anni precedenti hanno operato a lungoconfrontandosi in determinati settori su cuisviluppano eccellenze con programmicomplessi e iniziative comunitarie. Le ‘reticompetenti’ non si improvvisano e vannocoltivate con cura.• Dove vi sono amministratori,funzionari e tecnici degli enti locali motivatie impegnati in processi di innovazioneamministrativa in grado di trattaresituazioni di incertezza e di rottura dischemi e procedure consolidate. E’ emerso ilruolo di supporto e cruciale giocato dagliAmministratori locali e dai tecnici. 130
  • ALLEGATI 131
  • i progetti come risorsa del territorio,14 Raccomandazioni per il non partecipano attivamente agli miglioramento dei progetti stessi e nel caso delle case rifugio nell’Area Progetti con donne non intendono corrispondere alcuna vittime di violenza integrazione economica per la gestione delle situazioni, a volte di M.R. Lotti142 anche in presenza di decreto giudiziario per i minori, in qualsiasi caso restano totalmente “scoperte” le Durante il confronto143 emerso tra giovani donne (tranne se conpartecipanti, committente regionale e decreto) raggiunta la maggiore età evalutatore, sui progetti si sono evidenziate le donne adulte senza figli/e.alcune questioni e sono emersi alcuni • Nel territorio non vi sono interventisuggerimenti come di seguito elencati: specifici rivolti ai maltrattanti. • Le azioni progettuali che si realizzano • Carenza di formazione adeguata nei comuni di piccola dimensione (conoscenza del fenomeno e delle rilevano difficoltà di contesto tali da metodologie) e di supervisione non permettere l’emersione del metodologica per chi opera nei fenomeno da parte delle donne progetti stessi e necessità di vittime di violenza. Si è reso costituire équipe multidisciplinari. necessario per alcuni interventi • Alcune case rifugio hanno avuto strutturare attività correlate che (ad difficoltà a divenire attive nel es.) riguardano i minori per potere territorio (n.b. a causa di problemi ad poi “agganciare” le donne (mamme), entrare in contatto con il target) ed a oppure connesse all’orientamento o sviluppare interventi condivisi con gli all’informazione. Strategie di altri servizi presenti (n.b. si segnala intervento che hanno permesso di un utilizzo delle strutture per un entrare in relazione con il target, target non corrispondente). dichiarato dalla maggioranza dei • Mancanza di informazione e di progetti come difficilmente sensibilizzazione. raggiungibile. • Carenza di formazione specifica da parte degli operatori dei comuni (in Suggerimenti particolare ma non solo), ragion per Priorità assolute sono quelle che cui gli interventi fortemente integrati riguardano con i servizi comunali, o istituzionali, 1. la sensibilizzazione (rivolta sia alle non riescono ad attivare azioni per il donne ed agli uomini, che agli target, essendo questo non “rilevato” operatori sociali, sanitari, della forze dai comuni. dell’ordine, ecc.) e la messa in atto • Le reti locali sono di difficile di una campagna informativa costituzione e non riescono ad (fenomeno, metodologie e servizi). integrarsi tanto da produrre azioni Vanno diffusi dati, ed indicatori così condivise e programmate di comune come costruiti dalla letteratura in accordo. argomento (prodotti UE – ONU – • I Piani di Zona non recepiscono le OMS – ISTAT - Centri antiviolenza – azioni svolte e ciò non permette di Governo italiano); costruire la sostenibilità futura dei 2. l’inquadramento della azioni e del progetti. programma regionale nel contesto • Rapporto complesso e difficile coi internazionale di intervento sul comuni, che pur avendo riconosciuto fenomeno della violenza di genere, mettendo a punto un piano generale di azione che dettagli le politiche 142 Documento di M.R. Lotti, Associazione regionali sul tema e di conseguenzaLe Onde, Palermo. Dicembre 2006 gli interventi finanziati;143 3. la definizione degli indicatori per la Seminario del 17-10-2006 tenuto a progettazione e per la gestione degliPalermo presso la sede di Sviluppo Italia 132
  • interventi (genere e fenomeno), così punto di partenza, cioè il concetto di che si possa costruire un’esperienza violenza di genere) e ciò che ne consegue. sulla base di una maggiore chiarezza metodologica e con finalità precise e condivise dalla regione con gli enti locali, determinando anche le condizioni per un inserimento nei Piani di Zona (linee guida regionali) 4. agire una maggiore “regia” regionale sugli interventi e mettere a punto un’offerta formativa specifica sul tema e sulle metodologie di lavoro con le donne vittime di violenza, fruendo della produzione già disponibile e della letteratura sull’argomento; 5. integrazione con le altre misure regionali disponibili (POR – L.R sulla famiglia – L. 328/2000) e con le attività a regia nazionale o comunitaria. Emerge un chiaro disorientamentodegli enti che attuano, e che applicano leloro metodologie, che va corretto attraversoun processo di riorientamento dei progettied il chiarimento del quadro in cui sirealizzano. Vanno definite le condizioni diprogettazione e di realizzazione sulla basedelle indicazioni internazionali e nazionali,verificandone gli indicatori e operando coniniziative pilota e sperimentali da supportaretecnicamente in itinere. Occorre assumere abase le indicazioni internazionali ed operaredi conseguenza, anche rispetto allemetodologie ed alle attività da sviluppare.Le operatrici di questi servizi debbono avereun’adeguata base formativa che consideri laspecificità dell’intervento che stannointraprendendo, misurandolo sulla base dialtre esperienze e adottando modelliorientati al genere ed alla valorizzazionedella differenza sessuale, oltre cheacquisendo competenze sull’avvio esull’implementazione delle reti locali multiprofessionali ed interistituzionali. La delicatezza degli interventi non puòbasare le azioni sull’empatia esull’emergenza, con il rischio di realizzareazioni di assistenza che non permettono lareale consapevolezza da parte delle donnesul problema vissuto e la costruzione diprogetti di vita differenti per sé e per i figli.La Regione deve dare il quadro di lavoro edeve farlo in base alla letteratura sul temaed ai modelli proposti dai programmiinternazionali o nazionali (adottando il 133