Your SlideShare is downloading. ×
0
Stile Gotico in Francia
Stile Gotico in Francia
Stile Gotico in Francia
Stile Gotico in Francia
Stile Gotico in Francia
Stile Gotico in Francia
Stile Gotico in Francia
Stile Gotico in Francia
Stile Gotico in Francia
Stile Gotico in Francia
Stile Gotico in Francia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Stile Gotico in Francia

2,096

Published on

Gentile Luca …

Gentile Luca
III°F
2005/2006

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,096
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. G o t ic o In F r a n c ia Il piacere della scoperta Prof. Luca Gentile e Piero Angela
  • 2. Il Gotico Francese Larchitettura gotica nasce nel nord della Francia, nellÎle-de-France, e da qui si diffonde in tutta europa. Questo stile e questa tecnica sono stati praticati per secoli, ed in Francia è possibile identificare delle fasi di sviluppo e delle tendenze differenziate rispetto a quelle degli altri paesi, anche se larchitettura di questo paese è stato un modello per i paesi confinanti. In Francia si possono identificare dei caratteri regionali: il gotico del nord si differenzia da quello del sud, e si possono collegare alcune modalità costruttive alla storia politica, in particolare allaffermazione della monarchia capetingia come fattore di diffusione per il gotico originario dellIle de France. Fra le varianti regionali francesi, un peso particolare nellorigine del gotico ha anche larchitettura normanna, le cui tecniche costruttive verrano riprese nella ricostruzione di Saint Denis, labbazia che è diventata il primo edificio consapevolmente gotico. Gli edifici gotici sono contrassegnati dalluso della volta a crociera ad arco acuto, su campate prevalentemente rettangolari; di costoloni (o nervature) a sostegno della vela; archi rampanti innestati su contrafforti, e dalluso di pilastri a fascio.
  • 3. Cattedrale di Saint Chapelle a Parigi
  • 4. Architettura Gotica Lestetica medievale, che trova nellarchitettura gotica una delle sue maggiori realizzazioni, ha fondamento nella matematica e nella geometria. Le proporzioni delledificio sacro non sono casuali e non sono nemmeno determinate dalla ricerca di effetti spettacolari, ma derivano da una visione dellarte come scienza, nella ricerca dei rapporti geometrici che stanno alla base del cosmo e che sono ritenuti di origine divina. Si tratta degli stessi rapporti che governano il mondo della musica, le cui regole armoniche non sono fatti meramente naturali, ma riflessi delle armonie celesti. I primi edifici gotici sono costruiti in base a rapporti numerici analoghi agli intervalli perfetti dellarmonia musicale, cioè ottava, quinta e quarta e unisono, come nel rapporto fra le dimensioni della campata o del transetto rispetto alla navata. In questo modo ledificio sacro viene ad avere gli stessi rapporti armonici che ha il creato e la musica, poichè è Dio, il grande architetto delluniverso, ad avere stabilito in principio queste divine proporzioni, decifrabili dal libro della natura e anche dal libro della rivelazione. Lo stesso tempio di Salomone, stando alla descrizione che ne fa la Scrittura, ha delle proporzioni numeriche perfette.
  • 5. Architettura Gotica SantAgostino, nel trattato De Musica, enuncia questa estetica come riflesso delle perfezioni divine che hanno nella musica ( e nella armonia musicale) la sua espressione più compiuta. Larchitettura, la più astratta delle arti e basata, come larmonia musicale, dalla consonanza delle varie parti e costruita come sviluppo e fioritura di figure geometriche perfette, è la forma darte maggiore che permette un contatto diretto con Dio, perché condivide le stesse regole che ha seguito il creatore quando diede forma alluniverso. In un certo senso si può affermare che in occidente larchitettura ha lo stesso ruolo di tramite che in oriente hanno le icone, ma mentre limmagine si ferma al sensibile e allapparente, nellarchitettura si va oltre, potendo cogliere lessenza divina attraverso lintelletto, poichè Dio ha creato ogni cosa come numero, peso e misura, come riportato nel libro della Sapienza di Salomone. Questo spiega anche lavversione per le immagini sensibili in SantAgostino e anche nei teologi medievali, in particolare in Bernardo da Chiaravalle, il quale proibì ogni forma di arte figurativa nelle chiese del suo ordine cistercense promuovendo, per gli edifici di questo ordine monastico, una architettura pura e silenziosa, dove le pietre - finemente squadrate e lavorate - e le stereometrie degli spazi geometricamente perfetti erano più eloquenti riguardo ai misteri divini delle ridicole difformità o delle grossolane raffigurazioni che adornavano le chiese romaniche.
  • 6. Cattedrale di Saint-Denis  Labbazia di Saint Denis o di San Dionigi è situata nellomonimo quartiere della periferia di Parigi.San Dionigi fu il patrono di Francia e, secondo la leggenda, il primo vescovo di Parigi. Sul suo luogo di sepoltura venne inizialmente eretto un piccolo santuario, finché Dagoberto I, re dei Franchi dal 628 al 637, fondò labbazia di Saint Denis, come monastero benedettino. La basilica è una pietra miliare dellarchitettura gotica, ed è il primo edificio costruito in questo stile. La struttura gotica di San Denis fu iniziata nel 1136, nel coro, deambulatorio e nella facciata, mentre le navate e la ricostruzione della parte superiore del coro fu compiuta nel XIII. L’abbazia contiene anche alcuni notevoli esempi di monumenti sepolcrali. Durante la Rivoluzione francese le tombe vennero profanate e i resti dei re gettati in fosse comuni.
  • 7. Cattedrale di Saint-Denis  Napoleone Bonaparte fece riaprire la chiesa nel 1806. Con il primo esilio di Napoleone, i Borboni, ritornati al potere, ordinarono di ricercare i resti di Luigi XVI e Maria Antonietta, che furono ritrovati il 21 gennaio 1815 e vennero inumati nella cripta della basilica. Nel 1817 fu riaperta la fossa comune dove erano sepolti i re di Francia, ma fu impossibile distinguere i singoli resti, che furono pertanto raccolti in un ossario nella cripta, con due lastre di marmo che ricordano i nomi dei monarchi inumati.  Luigi XVIII, alla sua morte nel 1824, fu sepolto al centro della cripta, vicino alla tomba di Luigi XVI e Maria Antonietta. Venne infine trasportato nella cripta anche il corpo del re Luigi VII che era stato sepolto prima nellabbazia di Saint-Pont e la cui tomba non era stata distrutta dai rivoluzionari.
  • 8. Cattedrale di Notre-Dame  La costruzione della Cattedrale di Notre- Dame de Paris ebbe inizio nel 1163. Luigi VII e il vescovo Maurice de Sully vollero costruire sullIle-de-la-Cité una chiesa che potesse rivaleggiare in bellezza con labbazia gotica di Saint Denis, iniziata nel 1136. Per la costruzione di Notre-Dame furono necessari oltre 150 anni. Durante questo periodo lintera evoluzione del gotico condizionò lo stile della cattedrale; per tale motivo sono visibili influssi architettonici già presenti nella cattedrale di Chartres, in quella di Reims e in quella di Amiens. In gotico classico sono il coro e la navata centrale. Il passaggio al gotico maturo si evidenzia sulla facciata principale e rivela influenze anche su nuovi apporti nella navata centrale.
  • 9. Cattedrale di Notre-Dame  In gotico classico sono anche i transetti. Durante la Rivoluzione la Cattedrale rischiò di essere abbattuta. Tra il 1844 e il 1864, il grande restauratore del XIX secolo Viollet-le-Duc si adoperò per una imponente opera di recupero. Sotto il piazzale sono custoditi importanti tesori del passato. Dal 1980 è infatti visitabile sotto il Parvis la cripta archeologica lunga 117 metri. Visibili resti di abitazioni del XVI e XVII secolo, nonché della chiesa merovingia di Saint-Etienne e di costruzioni di epoca gallo-romana, venuti alla luce durante gli scavi. La targa bronzea al centro del piazzale sta ad indicare il centro amministrativo e geografica della città di Parigi: da questo punto sono calcolate tutte le distanze chilometriche e si dipartono simbolicamente tutte le strade di Francia.
  • 10. Cattedrale di Notre-Dame Oltre alle numerose tombe, statue, al pulpito e allaltare val la pena di ammirare anche: una visione dinsieme dellinterno suggestivamente illuminato, il grande rosone della facciata nord della navata trasversale con le 80 raffigurazioni dellantico testamento, il grande rosone della facciata sud e la statua di Notre-Dame de Paris, famosa immagine di culto della patrona della cattedrale. Merita particolare attenzione anche il tesoro di Notre-Dame. Oltre alle grandi reliquie (un chiodo e un pezzo della croce di Gesù nonché una spina della corona di spine per custodire le quali Luigi IX fece costruire la Sainte- Chapelle) nel tesoro sono visibili anche cimeli sacri (croci e calici) ed il mantello dellincoronazione di Napoleone I.
  • 11. Riconoscimenti Ebbene sì, siamo giunti alla conclusione di questa interessantissima visita guidata nel mondo del Gotico Francese…Eh sì caro Piero… è stato un piacerelavorare con te! Ci rivediamo la prossimavolta con una nuova presentazione! (sperodi essere già morto).

×