Arte Contemporanea

652 views
529 views

Published on

Liceo Darwin Rivoli, TO

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
652
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Arte Contemporanea

  1. 1. DALLA RICOSTRUZIONE AL SESSANTOTTO
  2. 2. A causa delle diversità politiche,economiche e sociali venutesi acreare dopo la II guerra mondiale,l‟arte assume forme imprevedibili ediversificate.L‟America diventa il puntodi riferimento della nuovaarte.Gli artisti estendono le lororicerche in tutte le direzioni, allevolte, divenendoCaoticiContraddittoriI linguaggi dell‟arte tentanonuove sperimentazioni, aprendo ipropri campi d‟indagine alletecniche.fotografichecinematografichetelevisiveInformatichemultimedialiHanno dato vita a diverse tendenzeartistiche che non permettono laformazione di scuole e di movimenti otendenzeIl suo fine è di divertire, sbalordire, farriflettere, contestare , irritare escandalizzare
  3. 3. ‘50•Arte informale•Espressionismoastratto•Espressionismofigurativo americano‘60•Color field•Computer art•Arte concettuale•Fluxus•Happenings•Neo-Dada•New York School•Nouveau Réalisme•Op Art•Performance art•Pop Art•Arte Povera‘70•ASCII Art•Bad Painting•Body art•Fotorealismo oIperrealismo•Installazione•Land Art•Videoarte•Funk art‘80•Culture jamming•Demoscene•Arte elettronica•Graffitismo•Live art•Mail art•Transavanguardia•Neoespressionismo•Architettura postmoderna•Videoinstallazione‘90•Arte digitale•Massimalismo•Software art•Young BritishArtists2000•Arte relazionale•Arte di strada•Stucchismo•Videogame art•Video jockey•Virtual art•Immagine & poesia•Esasperatismo•Cardboard Art•Pop Surrealism•Lowbrow
  4. 4. Arte informaleNasce tra gli anni „50 e „60 inEuropa. Non è un movimentoomogeneo.In polemica con tutto ciò cheè riconducibile a una formaNega la conoscenzarazionaleLe passioni, tensioni e disagidevono essere espressi nelmodo più libero e spontaneoIl materiale impiegato ha unavalore diverso, non sono più unsemplice mezzo ma diventano iveri protagonisti dell‟operaLa materia viene resa in tuttii possibili accostamenti.L‟arte diventa soprattutto scelta.Tutto può diventare arte, cosìcome è possibile che nulla lo sia.Artisti informali- Jackson Pollock- Willem de Kooning- Emilio Vedova- Alberto Burri- Ferruccio Bortoluzzi- Jean Dubuffet- Lucio Fontana- Antoni Tàpies- Dieter Borst- Giuseppe Capogrossi- Giovanni Frangi- Emilio Scanavino- Domino- Domenico Dotti
  5. 5. New DadaNasce negli USA neglianni „60Non privilegia soluzioni raffinatema si rivolge a quotidiano conmateriali di recupero, oggetti prividi valore esteticoGli oggetti impiegati sono quelli reclamizzatidai cartelloni pubblicitari, dalla radio, dallafotografia, dai rotocalchi, dai quotidiani e dallatelevisione.A questi valori si ispireràanche la POP-ARTArtisti neo dadaisti- Lee Bontecou- Joseph Beuys- George Maciunas- Antonio Bueno- John Chamberlain- Bruce Conner- Mark Divo- Fumagall- Richard Hamilton- Allan Kaprow- Jasper Johns- Edward Kienholz- Wolf Vostell- Robert Morris- Robert Rauschenberg- Nam June Paik- Pino Pascali- Piero Manzoni- Giovanni Korallo- Doppiosenso Unico
  6. 6. ARTPop art è il nome di unacorrente artistica degli anni„60 che deriva dalla parola inglese"popular art" ovvero artepopolare.Con sfumature diverse, gli artistiriprendono le immagini dei mezzi dicomunicazione di massa. La Pop Art usalo stesso linguaggio della pubblicità erisulta omogenea alla società deiconsumi che lha prodotta.Lartista non trova più spazio per alcunaesperienza soggettiva e ciò lo configuraquale puro manipolatore di immagini,oggetti e simboli già fabbricati a scopoindustriale, pubblicitario o economicoI temi raffigurati sono estremamentevari: prodotti di largo consumo, oggettidi uso comune, personaggi del cinema edella televisione, immagini dei cartellonipubblicitari, insegne, foto di giornali,riviste.Artisti Pop-Art- Jasper Johns- Robert Rauschenberg- James Rosenquist- Andy Warhol- Roy Lichtenstein
  7. 7. Arte concettualeÈ una forma di comunicazionevolutamente e prepotentementeantiartistica, nella quale gli oggettidiventano idee.Gli artisti concettuali cercano di metterein risalto l‟idea, rispetto all‟oggetto.Polemizzano contro la politica e imodelli di sviluppo proposti dalcapitalismo.Artisti arte concettuale- Bill Viola- Robert Barry- Guy Bleus- Alighiero Boetti- Joseph Beuys- Joan Brossa- Stanley Brouwn- Geoff Bunn- Daniel Buren- Gino De Dominicis- Genco Gulan- Riccardo Gusmaroli- Jan Dibbets- Peter Downsbrough- Marcel Duchamp- Mona Hatoum- Félix González-Torres- Hans Haacke- Jenny Holzer- Douglas Huebler- On Kawara- Yves Klein- Joseph Kosuth- Sol LeWitt- Piero Manzoni- Robert Morris- Charlotte Moorman- Yoko Ono- Nam June Paik- Bernar Venet- Bas Jan Ader- Wolf Vostell- Lawrence Weiner
  8. 8. Arte PoveraArtisti poveristi- Alberto Burri- Carla Accardi- Giovanni Anselmo- Alighiero Boetti- Mario Ceroli- Luciano Fabro- Brajo Fuso- Piero Gilardi- Jannis Kounellis- Luigi Mainolfi- Piero Manzoni- Mario Merz- Giulio Paolini- Pino Pascali- Giuseppe Penone- Michelangelo Pistoletto- Ferruccio Bortoluzzi- Gilberto Zorio- Junk ArtNasce il settembre del 1967.Vuole revisionare il rapporto tra spazio emateria.L‟appellativo di povera assume duediversi significati.L‟artista poverista tenta di sottrarsi allostrapotere economico della società deiconsumi e del profitto.Riferimento agli oggettiimpiegatiHa una valenza piùdirettamente politica
  9. 9. Architettura postmodernaSi ispira al Razionalismo e per effetto disvariati fattori economici lo “aggiorna”.Emergono alcune linee caratteristiche ericonoscibili come il calcestruzzo a vistae mediante le tecnologie costruttive si fauso delle tensostrutture.Nascono diverse prospettive di ricerca alfine di trovare nuovi orientamenti perl‟architettura.Architetti postmoderni- Charles Jencks- Robert Venturi- Charles Willard Moore- Michael Graves- Ricardo Bofill- Paolo Portoghesi- Louis Kahn- Oscar Niemeyer- James Stirling- Aldo Rossi- Philip Johnson

×