ICT e qualità della vita deglianziani: buone prassi europee          Laura Pucci - Solco Brescia
1. Come sono state mappate le buone prassi: il progetto     Silhouette2. Presentazione delle prassi3. Alcune considerazion...
Silhouette              Mini programma CreatorProgramma Interreg                - Environment & risk prevention           ...
Mini - programma CreatorAmbito geografico specifico• Contea del Vasterbotten –  Svezia• Città di Hame – Finlandia         ...
Mini - programma Creator in sintesi• Gennaio 2010 - dicembre 2013       • Ambito d’azione: politiche e                    ...
ObiettiviSviluppare politiche regionali che creino opportunità di   sviluppo economico legate al tema dellinvecchiamento  ...
“Utilizzare le nuove tecnologie                              dell’informazione e comunicazione per                        ...
Che cosa abbiamo fatto e che cosa faremoAnalisi comparata delle normative e strategie per la cura degli  anziani, ricerca ...
2. Esempi di buone prassi
Criteri di analisiICT per:o salute e sicurezzao nuove modalità di comunicazioneo supporto nelle attività fuori casa.Presen...
Come sono utilizzate le ICT individuateIn caso di fragilità fisica/malattiaA supporto dei care givers (anche professionali...
CORSI DI ALFABETIZZAZIONE ICTPromossi da organizzazioni  non profit con il supporto  dell’ente pubblicoApproccio didattico...
TELECENTERS E CENTRI SOCIALI PER LA E-INCLUSIONFinalizzati ad aumentare laconsapevolezza ICT delle personee a facilitare l...
SENIORNETAssociazione che promuovel’uso delle ICT tra i seniorsFondata nel 1997 con ilsupporto del Governo SvedeseE’ anche...
SOUND VITAMINSStrumento audio, che può essere connesso ad un monitor,che permette di esercitare memoria, capacità cognitiv...
INTERACTIVE CARING TV SOLUTIONS   ]E’ un software che può essere utilizzato per:   Comunicare con i familiari e gli operat...
AGNESSistema collocato in casaMappa il benessere (umore ed attività)Permette di comunicare tramite unsistema social networ...
MODERN FAMILIESSocial network sicuro per icontatti con i familiariIntegrato con il sistema AGNESGià presente una versione ...
RETEMANCOSI / TELEGEAFornito da un consorzio misto pubblico -privatoCentro di coordinamento, pianificazionee gestione dei ...
3. Alcune considerazioniPrevalgono le applicazioni per “cura e sicurezza”Minore attenzione alle ICT come strumento per “ag...
Possiede un computer?Asturias   Häme Lorraine North-Hungary Vasterbotten   VSS   Wielkopolska 51%       59%     41%       ...
Ha frequentato un corso di base in informatica?Asturias   Häme Lorraine North-Hungary Vasterbotten   VSS   Wielkopolska 51...
4. Cosa possiamo imparare• Che servono politiche, strategie e investimenti pubblici• Che è utile il confronto con altri, l...
Contatti     laura.pucci@solcobrescia.itSito: www.silhouette-project.eu
Ict Qualità della vita e buone prassi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Ict Qualità della vita e buone prassi

831

Published on

Risultati e riflessioni dal progetto Silhouette

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
831
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ict Qualità della vita e buone prassi

  1. 1. ICT e qualità della vita deglianziani: buone prassi europee Laura Pucci - Solco Brescia
  2. 2. 1. Come sono state mappate le buone prassi: il progetto Silhouette2. Presentazione delle prassi3. Alcune considerazioni4. Cosa possiamo imparare
  3. 3. Silhouette Mini programma CreatorProgramma Interreg - Environment & risk prevention - Innovation & knowledge economy
  4. 4. Mini - programma CreatorAmbito geografico specifico• Contea del Vasterbotten – Svezia• Città di Hame – Finlandia QuickTimeª e un• Regione delle Asturie – Spagna decompressore sono necessari per visualizzare questimmagine.• Regione Lorena – Francia• Wielkopolska – Polonia• Nord Ungheria – Ungheria• Provincia di Brescia - Italia
  5. 5. Mini - programma Creator in sintesi• Gennaio 2010 - dicembre 2013 • Ambito d’azione: politiche e servizi per gli anziani• Budget totale di 4.926.000 euro, (3.010.000 per i progetti) • Capofila e partner solo enti pubblici• 714.000 euro alla Provincia di Brescia (430.000 per i progetti) Parola chiave: scambio di buone• 7 progetti finanziati prassi
  6. 6. ObiettiviSviluppare politiche regionali che creino opportunità di sviluppo economico legate al tema dellinvecchiamento della popolazioneIndagare e valutare le sfide derivanti dallinvecchiamento della popolazioneScambiare esperienze e approfondimento in merito ai processi di adeguamento e diversificazione dei servizi di cura portando a strategie, politiche e strumenti che ne permettano un miglioramento.Scambiare esperienze e approfondimento sull’innovazione di processo/PMI a tecnologia intensiva e sviluppo di prodotti/ servizi che soddisfino le esigenze di una popolazione sempre più anziana.
  7. 7. “Utilizzare le nuove tecnologie dell’informazione e comunicazione per supportare la partecipazione attiva degli anziani alla società dell’informazione”Partner• Poznań Supercomputing and Networking Center (Wielkopolska) - capofila• Umeå University (Västerbotten)• FUNDACION CTIC – Technological Center (Asturias) QuickTimeª e un• Innopark Programmes Ltd. decompressore sono necessari per visualizzare questimmagine. (Häme)• University of Metz (Lorraine)• University of Miskolc (North Hungary)• Valle Sabbia Solidale (Brescia)
  8. 8. Che cosa abbiamo fatto e che cosa faremoAnalisi comparata delle normative e strategie per la cura degli anziani, ricerca e valutazione delle buone prassi locali di utilizzo delle ICT, indagine sui senior, interviste agli attori locali, visite on site… sperimentazione di trasferimento di tecnologia, elaborazione di raccomandazioni per le politiche regionali.Prodotti:- Report sulla normativa e le buone prassi- Trasferimento di tecnologia- Report finale con raccomandazioni per le politiche regionali.
  9. 9. 2. Esempi di buone prassi
  10. 10. Criteri di analisiICT per:o salute e sicurezzao nuove modalità di comunicazioneo supporto nelle attività fuori casa.Presenti nel territorio dei partnerin fase prototipo, sperimentale o già in uso.
  11. 11. Come sono utilizzate le ICT individuateIn caso di fragilità fisica/malattiaA supporto dei care givers (anche professionali)Nella prevenzione dei rischi (cadute, incendi)Per ridurre gli effetti avversi dell’isolamento geografico e della lontananza dei familiariPer mantenere le capacità intellettive/cognitive Migliorare la qualità e ridurre i costi dei servizi di cura Permettere una vita autonoma e di buona qualità presso la propria dimora anche in condizioni di fragilità psico-fisiche o di condizioni geografiche avverse
  12. 12. CORSI DI ALFABETIZZAZIONE ICTPromossi da organizzazioni non profit con il supporto dell’ente pubblicoApproccio didattico adeguato all’utenzaBassi costi (fatta salva la disponibilità di aule informatiche)(Francia) In Polonia organizzati da un’associazione di studenti della Facoltà di Informatica
  13. 13. TELECENTERS E CENTRI SOCIALI PER LA E-INCLUSIONFinalizzati ad aumentare laconsapevolezza ICT delle personee a facilitare la formazione el’apprendimento degli strumenti etecnologie ICT.Accesso gratuitoFornitori: pubbliche amministrazioniregionali (councils)Disponibile già da alcuni anni(Spagna, Polonia)
  14. 14. SENIORNETAssociazione che promuovel’uso delle ICT tra i seniorsFondata nel 1997 con ilsupporto del Governo SvedeseE’ anche un forum in cui glianziani possono essere incontatto con altri anziani. E’possibile chattare e scrivereFornisce anche corsi perprincipianti e corsi avanzati.59 club locali edun’organizzazione nazionaleCosta 25 € all’anno
  15. 15. SOUND VITAMINSStrumento audio, che può essere connesso ad un monitor,che permette di esercitare memoria, capacità cognitive ecc..Ha un archivio di programmi (storie, quiz, canzoni, video,programmi spirituali, esercizi)Facile da utilizzare, permette anchel’interazione in gruppoPuò essere aggiornato da un server(Finlandia)
  16. 16. INTERACTIVE CARING TV SOLUTIONS ]E’ un software che può essere utilizzato per: Comunicare con i familiari e gli operatori dei servizi Leggere le notizie Navigare in internet Trascorrere del tempo con i programmi disponibili (informazioni, giochi…)Può essere utilizzato come TV o telefono.Necessita di una connessione internet.(Finlandia)
  17. 17. AGNESSistema collocato in casaMappa il benessere (umore ed attività)Permette di comunicare tramite unsistema social network (operatori efamiliari)Sviluppato dall’Università di Umeå e altri9 partner in Svezia, Austria, Germania,Spagna, GreciaE’ un prototipo, il prodotto è previstoentro due anniLe nuove caratteristiche includono: untelefono cellulare, un tablet comedisplay(Svezia)
  18. 18. MODERN FAMILIESSocial network sicuro per icontatti con i familiariIntegrato con il sistema AGNESGià presente una versione sulmercato, in sperimentazione laversione per gli anzianiVersioni inglese, tedesca,spagnola e greca disponibili alcosto di 7 Euro annui(Svezia)
  19. 19. RETEMANCOSI / TELEGEAFornito da un consorzio misto pubblico -privatoCentro di coordinamento, pianificazionee gestione dei servizi di curaVideoconferenza con gli utentiFase sperimentale in conclusione a fine2012(Spagna)
  20. 20. 3. Alcune considerazioniPrevalgono le applicazioni per “cura e sicurezza”Minore attenzione alle ICT come strumento per “agio”, prevenzione e socializzazioneGap tra l’enorme diffusione delle ICT nella nostra vita quotidiana e specifiche strategie pubblicheTema poco studiato?Manca un “pensiero” sul tema?Iniziative pilota potrebbero scontrarsi con la scarsa alfabetizzazione informatica delle attuali generazioni (di anziani)
  21. 21. Possiede un computer?Asturias Häme Lorraine North-Hungary Vasterbotten VSS Wielkopolska 51% 59% 41% 20% 73% 17% 35%
  22. 22. Ha frequentato un corso di base in informatica?Asturias Häme Lorraine North-Hungary Vasterbotten VSS Wielkopolska 51% 43% 37% 10% 62% 19% 35%
  23. 23. 4. Cosa possiamo imparare• Che servono politiche, strategie e investimenti pubblici• Che è utile il confronto con altri, la conoscenza di buone prassi nel paese e all’estero• Che serve conoscere il contesto (fattibilità) e i bisogni (qual è il problema?)
  24. 24. Contatti laura.pucci@solcobrescia.itSito: www.silhouette-project.eu
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×