• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Cannes winners
 

Cannes winners

on

  • 1,799 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,799
Views on SlideShare
1,799
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
12
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Cannes winners Cannes winners Presentation Transcript

    • CANNES WINNER Le migliori idee creative degli ultimi 20anni premiate al festival dell’advertising di Cannes
    • CANNES LIONS• Il festival della pubblicità di Cannes è il maggiore e più importante del mondo• E’ nato negli anni 40 come una costola del Film Festival• Pensare che fino al 1984 veniva tenuto a Venezia!• http://www.canneslions.com/about/history.cfm
    • CATEGORIE• Lions are awarded in a number of categories, including cinema/television, print marketing, outdoor advertising and direct marketing.• The festival introduced an award category for online media in 1998, known as the "Cyber Lion".• Curiously, the festival only created a category for radio advertising in 2005.• In 2006 "Promo Lions" were added and in 2007 "Integrated Lions" will be added.
    • CANNES LIONS - NUMERI• 9,000 registered delegates• 85 countries• 26,000 pieces of work,• 45 seminars• 20 workshops,• four awards ceremonies,• two vast beach galas.
    • • Durante la settimana del festival, agenzie, case di produzione, librerie digitali, editori, concessionarie si scatenano in eventi e feste• Lungo la Croisette e negli hotel di lusso – Martinez e Carlton in testa – ci sono frotte di pubblicitari che si fanno veder in giro
    • CANNES LIONS
    • Grand Prix• Questa è la ricostruzione degli ultimi anni• I filmati sono da vedere, se sono belli si ricordano senza sforzo• Negli ultimi anni, non è più la categoria TV e Cinema la più prestigiosa
    • GRAND PRIX WINNERS1990 – into the valley – maxell tapes1991 – le lion e la lionne - perrier1992 – nun - rubber cement1993 – hungry - nissin cup noodles1994 – jeep cherokee bozell northamerica1995 – eggs fund raising abbott mead wickers1996 – rolos nestlè1997 – diesel1998 – nike goodby silverstein1999 – litany (http://www.youtube.com/watch?v=EoASyac_F1Q)2000 - wassup2001 – fox sports / tobacco executive2002 – tag2003 – lamp2004 – mountains2005 – grr2006 – Guinness2007 – dove evolution2008 – Cadbury Gorilla – Halo 3 xbox2009 – Philips Carousel/the best job/whopper sacr/obama/eco drive2010 – Old Spice /the fun theory/chalkbot/replay/twelpforce/showroom/auditorium
    • 1991- PERRIER LION• http://www.youtube.com/watch?v=cMqRxNOFNvU• Inaspettata, differente, memorabile. La donna che si scontra con il leone, simbolo della virilità, per il possesso della bottiglia di Perrier, simbolo fallico, e ne esce vincente è raccontata in modo straordinariamente efficace. Una volta visto non si dimentica più.• Agency: Ogilvy & Mather Tagline: Water, air, life Original Tagline: Leau, lair, la vie Creative Director: Christian Reuilly Director: Jean-Paul Goud VFX: BUF Production: La Pac
    • 1992 - Nun per Rubber CementNel 1992 vince una gag: le suore che si accorgono di un danno alla statuetta di Gesù Bambino. Ma nonnhanno il coraggio di ripararlo perché…Perché ha vinto? Per l’eleganza dell’idea, in bilico tra la malizia e la volgarità, l’ambientazione, la regia, la musica.Agenzia. Casadevall Pedreno & SPRUn vincitore che ha suscitato molte polemiche perché il filmato è un ‘fake’, detto anche ‘scam ad’ o ‘ghost ad’, cioè non un vero commercial creato per un cliente e poi programmato in tv, ma un esercizio creativo dell’agenzia per un prodotto che non esiste.Sui fake, vedere qui http://blab2.blogspot.com/2009/12/fake-people.html‘In 1992 a commercial  by Spanish hotshop Casadevall Pedreno & SPR for Dutch rubber cement brand Talens won the Grand Prix. The agency proved the ad had aired somewhere, but nobody ever established that the brand existed.Such scam or ghost ads are not victimless. They rob an award from someone else who created an ad and sweated and fought to get it approved by the client.’Per vedere il film: http://www.youtube.com/watch?v=CHX-4cKEQH4
    • 1993 - NISSIN CUP NOODLES• http://www.youtube.com/watch?v=Rw4UCM0WYZg• http://www.youtube.com/watch?v=ZxtZHOE4ScY• Nel 93 vince a sorpresa una campagna giapponese, Nissin Cup Noodles.• Realizzata in animazione 3d, è centrata sul concetto di ‘fame’ primordiale• L’orda dei primitivi che insegue il cibo, ma viene sempre beffata da animali particolarmente intelligenti• Il claim, molto semplice e immediato: Hungry?• Campagna divertente, stralunata, molto diversa da ogni altra ha conquistato le giurie• Advertising Agency: HAKUHODO • Country: Japan 
    • 1996 – ROLOS NESTLE• http://www.youtube.com/watch?v=mR6xvzXpEVo• La vendetta di un elefante contro un bambino cattivo, per Rolos• Un Grand Prix minore: il commercial è bello e divertente, molto ben realizzato, ma non si può certo parlare di una creatività innovativa, o di un tema che va oltre il prodotto• Award: Grand Prix Year: 1996 Country: NETHERLANDS Advertiser: NESTLE Product or Service: ROLOS Title: ELEPHANT Agency: AMMIRATI PURIS LINTAS
    • 1997 – DIESEL MONO VILLAGEhttp://www.youtube.com/watch?v=kicKqsgml84Si è parlato di ‘oddvertising’, di autoironia pubblicitaria,di metalinguaggio, di citazione cinefilaQuesto filmato, nell’ambito della campagna ‘Forsuccesful living’ , mette insieme una serie di generi e liparodizzaUn po’ villaggio vacanze, un po’ campo diaddestramento, il Mono Village è un luogo assurdo,Niente a che vedere con i luoghi finti della pubblicità,ma un luogo dichiaratamente falso, con una storiatrashL’agenzia è la svedese ParadisetIl regista è in realtà collettivo, Traktor, di scuolanordica
    • 1998 – NIKE SKATEBOARDER• http://www.youtube.com/watch?v=GplUshckhn0• Raffinato concetto creativo per Nike: What if?• La messa in scena dell’ipotesi: e se i tennisti, i golfisti, i runners venissero trattati come skateboarder?• Crea il mito della tribù degli skateboarder, irrisi, multati, perseguitati• Senza farli vedere, ma mostrando altri sportivi• Agenzia GOODBY SILVERSTEIN & PARTNERS
    • 1999 - LITANY• http://www.youtube.com/watch?v=EoASyac_F1Q&feature=player_embedded• Splendido concetto creativo per l’Indipendent: una sequenza senza respiro di divieti, per arrivare al don’t read.• Tutto quello che non puoi fare, tutta la libertà che ti viene tolta, tutto quello che non viene ammesso per ipocrisia, paura, conformismo• "Dont talk. Dont touch. Dont walk. Dont walk at night. Dont walk on the right. Dont drink. Dont think. Dont smoke. Dont do drugs. Dont do beef. Dont do junk. Dont be fat. Dont be thin. Dont chew. Dont spit. Dont swim. Dont breathe. Dont cry. Dont bleed. Dont kill. Dont experiment. Dont exist…• Su immagini in bianco e nero intense e inquietanti di Rob Sanders• Agenzia Lowe Howard-Spink, London
    • 2000 - WHASSUP• Campagna famosa a cui abbiamo già dedicato una lezione• A Cannes nel 2000 riceve la più incredibile standing ovation nella storia del premio• E’ l’inizio del fenomeno delle campagne virali
    • 2001 – FOX SPORTS http://www.youtube.com/watch?v=4-QNEwhFZvQ http://www.youtube.com/watch?v=Q-n6zI3lm6U• Il canale sportivo della televisione americana Fox vince nel 2001 con questa strepitosa campagna• La tecnica è il ‘mockumentary’: un finto documentario• Vengono illustrati, con grande verosomiglianza di riprese e di casting, sport assurdi di regioni lontane• Tuffo da una rupe senza acqua, taglio di alberi enormi, gara di schiaffi, eccetera• Il claim: Regional sport report. Sport News from the only region you care about. Yours.• Agenzia: Cliff Freeman & Partners
    • 2002 – NIKE TAG• http://www.youtube.com/watch?v=fpyhpisoWf4• Dal 9 settembre 2001, il mondo cambia• Anche il festival della pubblicità di Cannes, pochi mesi dopo, respira l’aria di inquietudine del dopo attentato• Viene premiata di nuovo Nike, con un filmato che sta in bilico tra il gioco e il dramma• Tag è un gioco da bambini, che però trasferito a Manhattan si trasforma in una metafora della paura«Un innocente gioco infantile si trasforma in una sottile e tremenda allegoria da day after. Nella metropoli in cui tutti, nessuno escluso, sono coinvolti nel gioco “io ti tocco, tu scappi”,si avverte un’atmosfera da post-11-settembre, anche se non vi è alcun cenno che alludaa quella o ad altre catastrofi. Solo, nei volti di chi insegue e chi è inseguito si leggeun’angoscia personale e collettiva, una sindrome da caccia all’untore che va ben oltrel’innocua contagiosità del gioco.» P. Barbella• Agenzia Wieden & Kennedy
    • 2003 – IKEA LAMP http://www.youtube.com/watch?v=I07xDdFMdgw http://www.duncans.tv/2005/ikea-lamp• Uno dei Grand Prix più controversi degli ultimi anni• Sembra una versione ‘oggettuale’ del racconto emotivo dell’abbandono: la povera vecchia lampada che viene sostituita da una nuova, e portata tra i rifiuti in strada al freddo, mentre dentro la casa ci sono luce e calore.• E invece, il finale cambia completamente il senso della storia: e il filmato diventa improvvisamente una specie di riflessione sull’ipocrisia dei consumatori, che si nutrono di buoni sentimenti ma sono pronti ad abbandonare il vecchio per il nuovo senza rimpianti• Regia di Spike Jonze• Agenzia: Crispin Porter & Bogusky - USA
    • 2004 – PLAYSTATION MOUNTAIN http://www.youtube.com/watch?v=hzM5KtL4GHk • Forse il filmato più evocativo e apocalittico dei tutti gli anni 2000. • L’agenzia TBWA Londra e il regista Frank Budgen mettono in scena una corsa folle tra le vie di Rio per costruire una incredibile montagna umana • Dal senso di inquieta attesa iniziale si passa alla follia collettiva, a una piramide umana colossale sui cui ognuno sale per un secondo e poi precipitare giùhttp://analogik.com/article_ps2.asp
    • • Con l’accompagnamento della vocina infantile di Shirley Temple che canta Get on board, assistiamo a una scena ancora una volta a metà tra il gioco e il dramma• Metafora della società del successo effimero, rappresentazione dell’atmosfera multietnica di una città sospesa tra l’opulenza e il terzo mondo, iperbole del concetto di computer game, The Mountain è quanto di più inatteso si è visto a Cannes• The Mountain è la più impressionante espressione di una pubblicità che va molto oltre il suo compito di promuovere un prodotto per diventare una visione del nostro tempo e del nostro immaginario
    • LA MUSICA - GET ON BOARDhttp://www.youtube.com/watch?v=qpHqGJiQNes&eurl=http://analogik.co
    • LA REALIZZAZIONE - THE MILL• According to the 22-strong judging panel, "Mountain" was rewarded with the top prize in recognition of "simplicity of idea and magnitude of execution."• The Mill helped such "magnitude of execution" by creating 146,000 digital people to form the eponymous - and now famous - mountain.• "The ads success stems from a strong team," says TBWAs TV producer, Kate Hitchings. "Everyone from client, agency, production company and facility house gave it their all. The Mill was an integral part of the production; the end result wouldnt have been the same without them."•
    • • Barnsley from The Mill attended the six-day shoot in Brazil where five carefully placed cameras were used to film over 500 extras strategically choragraphered climbing buildings and running through the streets of Rio.• The end shot shows what seems like thousands of people at the top of a very tall building.
    • • The software, which only The Mill and Weta in New Zealand have a licence to use, gives each individual digital character a brain to determine how they react. In the biggest shot Jordi created 146,000 digital people that had unique vision, sound and touch- based artificial intelligence giving them realistic individual behaviour.• During the shoot 50 stuntmen and acrobats were filmed from a helicopter rolling and running up a 20ft cone that was fitted to the top of Brazils highest skyscraper. Barnsley then used this as a basis to extend down to create various shots, including the stunning end shot that looks like thousands of people forming a very tall building.•
    • Credits• Título: Mountain Agência: TBWA, London País: Inglaterra Ano: 2003 Duração: 60 segundos Produtora: Gorgeous Enterprises, Zohar Cinema E Communicação Anunciante: Sony Produto: Playstation 2 Tagline: fun anyone?• Música: Get on Board Little Children Diretor Criativo: Trevor Beatie Diretor Arte: Paula Marcantonio, Tony McTear Redator: Paula Marcantonio, Tony McTear• Diretor: Frank Budgen
    • I PREMI• The Mountain è uno dei filmati pubblicitari più premiati di tutti i tempi
    • • Cannes Lions - International Advertising Festival, 2004 (Grand Prix) for Entertainment & Leisure• CLIO Awards, 2004 (Gold) for Technique: Visual Effects• British Television Craft Awards, 2004 (AFM Lighting Award) for Best Crafted Commercial of the Year• British Television Advertising Awards (BTAA), 2004 (Gold) for Toys & Games• British Television Advertising Awards (BTAA), 2004 (Gold) for Computer Hardware• British Television Advertising Awards (BTAA), 2004 (Gold) for European• British Television Advertising Awards (BTAA), 2004 (Silver) for Commercials (also ran on TV)• Advertising Creative Circle Awards, 2004 (Gold) for Best Direction• Advertising Creative Circle Awards, 2004 (Gold) for Best Special Effects or Computer Graphics• Advertising Creative Circle Awards, 2004 (Gold) for Best Cinematography• Advertising Creative Circle Awards, 2004 (Gold) for Best Use of Music• Advertising Creative Circle Awards, 2004 (Silver) for Best International Commercial• Advertising Creative Circle Awards, 2004 (Silver) for Best Editing• Advertising Creative Circle Awards, 2004 (Bronze) for Best Idea in 60 Seconds or Over• Advertising Creative Circle Awards, 2004 (Bronze) for Best Film Art Direction• International Andy Awards, 2004 (Silver) for Best Use of Existing Music• International Andy Awards, 2004 (Silver) for Toys, Games & Sports• The One Show, 2004 (Silver) for Consumer TV Over :30 Single• D&AD Awards, 2004 (Silver Award) for TV & Cinema Advertising Crafts: Direction• D&AD Awards, 2004 (Silver Award) for TV & Cinema Advertising Crafts: Cinematography• D&AD Awards, 2004 (Silver Award) for TV & Cinema Advertising Crafts: Use of Music•
    • • D&AD Awards, 2004 (Silver Award) for TV & Cinema Advertising Crafts: Special Effects• Art Directors Club of Europe Awards, 2004 (Gold) for TV Commercial• British Television Craft Awards, 2004 (Winner) for Camera Operator• British Television Craft Awards, 2004 (Shortlist) for Cinematography• British Television Craft Awards, 2004 (Shortlist) for Computer Animation• British Television Craft Awards, 2004 (Winner) for Direction• British Television Craft Awards, 2004 (Shortlist) for Editing• British Television Craft Awards, 2004 (Shortlist) for Production Design• British Television Craft Awards, 2004 (Winner) for Use of Recorded Music• British Television Craft Awards, 2004 (Winner) for Stunts• British Television Craft Awards, 2004 (Winner) for Video Post Production• Kinsale - International Advertising Festival of Ireland, 2004 (Gold) for Leisure• Kinsale - International Advertising Festival of Ireland, 2004 (Grand Prix Cinema)• Kinsale - International Advertising Festival of Ireland, 2004 (Gold) for Cinema• Kinsale - International Advertising Festival of Ireland, 2004 (Best Direction) for Craft Awards• Kinsale - International Advertising Festival of Ireland, 2004 (Best Use of Music) for Craft Awards• Kinsale - International Advertising Festival of Ireland, 2004 (Best Post Production) for Craft Awards• London International Advertising Awards - LIAA, 2004 (Grand Prize) for Television/Cinema• London International Advertising Awards - LIAA, 2004 (Winner) for Television/Cinema: Animation - Computer• London International Advertising Awards - LIAA, 2004 (Winner) for Television/Cinema: Home Entertainment Equipment•
    • • Epica, 2004 for Audiovisual Equipment & Accessories• The New York Festivals - TV Cinema & Radio Advertising Awards, 2005 (Gold World Medal) for Consumer Product & Service: Toys & Games• The New York Festivals - TV Cinema & Radio Advertising Awards, 2005 (Gold World Medal) for Craft & Technique: Best Direction• The New York Festivals - TV Cinema & Radio Advertising Awards, 2005 (Gold World Medal) for Craft & Technique: Best New Arrangement Of Popular Theme• The New York Festivals - TV Cinema & Radio Advertising Awards, 2005 (Grand Award) for Best Creative/Production Achievement
    • 2005 – HONDA GRR http://www.youtube.com/watch?v=4MUUhnDj5Ws•Agenzia: Wieden + Kennedy, London.•Animation by Nexus Productions.•Song composed by Michael Russoff.•Completamente diverso il film Honda del 2005•Il concetto creativo è molto raffinato: l’odio è ilsentimento che cambia le cose•Una animazione che sembra infantile, con unacanzoncina che entra dritta nel cervello per parlare delnuovo motore diesel Honda che non sporca•Ancora una volta, a Cannes vince un filmato inatteso,soprendente, nuovo, memorabile
    • HONDA GRR• Heres a song for anyone whos ever hated... in the key of Grrr... Can hate be good? Can hate be great? Can hate be good? Can hate be great? Can hate be something we dont hate? Wed like to know... why it is so. That certain diesels must be slow and thwack and thrum... and pong and hum and clatter-clat Hate something. Change something. Hate something, change something, make something better-r-r-r Ohh isnt it just bliss... when a diesel goes like this? Hate something. Change something. Hate something, change something, make something better-r-r-r... (less)
    • 2006 – GUINNES NOITULOVE http://www.youtube.com/watch?v=EoLwfkRvLfk•La campagna Guinness da anni si regge sul famosoclaim ‘Good things come to those who wait’ ( neabbiamo parlato nella lezione sulla USP)•Questo filmato rappresenta la versione più radicale delconcetto•Tre amici che ordinano una Guinness al bar sonotrasportati a ritroso nel tempo, con effetti visivistupefacenti, fino all’epoca dei pesci rettili• I quali, assaggiando l’acqua , pronunciano un sonoro‘Bleahh!’•Milioni di anni di attesa per una Evolution al contrario,Noitulove, che ha conquistato il pubblico e I giurati diCannes nel 2006•Agenzia: AMV/BBDO, London•Regia: Daniel Kleinman
    • DOVE EVOLUTION• http://www.youtube.com/watch?v=hibyAJOSW8U• Ne abbiamo parlato nella lezione su ‘Brand spirit’• Il filmato che, dopo Whassup, cambia le regole dei premi a Cannes• E’ un filmato non trasmesso in tv che ha avuto all’inizio solo diffusione virale, raggiungendo milioni di utenti in pochi giorno grazie a youtube• Ha vinto prima il Cyber e poi il Grand prix• Ancora una volta, da un semplice prodotto si passa ad un tema forte: la manipolazione della bellezza• Con un film semplice ma molto incisivo e memorabile, il creativo Tim Piper della Ogilvy di Toronto racconta come un volto possa essere completamente rifatto grazie alla tecnica fotografica e digitale• Questo film ha fatto non solo il giro del mondo via youtube, ma è uno dei soggetti più studiati da università e corsi di comunicazione•
    • 2007 – DOVE EVOLUTION
    • 2008 – CADBURY GORILLA• Anche di Gorilla abbiamo parlato in un’altra lezione• L’idea è del creativo argentino Juan Cabral, dell’agenzia Fallon UK, già famoso per Bouncin Ball di Sony Bravia, anche se qualcuno afferma che abbia copiato un’idea precedente ( http://www.mediabistro.com/agencyspy/fallon/juan_cabral_and_his_inspiration_for_the_cadbury_gor )• Possiamo dire che la sua vittori aa Cannes nel 2008, a pari merito con Halo 3, ha suscitato reazioni diverse nel mondo della pubblicità• Da una parte chi lo ha trovato del tutto nuovo, virale, divertente, di puro intrattenimento, senza alcun riferimento al prodotto, una modalità nuova di fare brand engagment• Dall’altra, i puristi della brand advertising lo hanno considerato solo una gag, forse anche copiata, che poteva andare bene per mille prodotti, senza specificità• Come si legge nell’articolo linkato, infatti, il video era stato proposto ad altri brand, senza successo
    • 2008 – XBOX HALO 3Believe• http://it.youtube.com/watch?v=3PGpn4c96ZU
    • Halo 3• The Cannes Grand Prix winners 2008:• Xbox Halo 3s "Believe" by T.A.G./McCann Worldgroup, San Francisco.• http://www.tagsf.com/ 44
    • • "The variety of the work they produced was so surprising and so new and so engaging," ha detto il presidente della giuria• "It is breathtakingly beautiful in its craft, thinking, its execution and the way it connected with people. Its game-changing in its thinking." 45
    • • The winning Halo 3 campaign, from T.A.G/McCann Worldgroup, San Francisco, included three-minute online executions -- "Enemy Weapon," "Gravesite," "John 117/Monument" and "Combat" -- that delved into the story of the legendary battle between humanity and aliens using documentary-style interviews set 500 years in the future. 46
    • • Another commercial in the campaign, "Diorama," also received a gold and a bronze Lion.• The jury praised its unique approach in the category and the deep level of the storytelling. 47
    • ENEMY WEAPONS• http://it.youtube.com/watch?v=Rz_7WWO8lXE• A former Halo Marine inadvertently rekindles his fear of Covenant weapons.• TESTO:• http://halo.wikia.com/wiki/Enemy_Weapon 48
    • • Enemy Weapon[1] is a live-action TV trailer that was a part of the Believe advertisement campaign for Halo 3.• It takes place in the Museum of Humanity and concerns an interview with a pair of retired UNSC soldiers who fought The Covenant. They interview Roland Huffman and Tomas Navarro.• In the trailer an interviewer questions the retired soldiers, whilst they walk through the museum, looking at the various captured Covenant weapons, a Brute Chieftains head-dress with a single bullet hole in it, human weapons and a few human vehicles, including a Warthog and a Scorpion.• They talk to the two soldiers about their weapons and duties, cutting to them and their effects during the clip. The interviewer then asks about the Brute Spiker on the display stand in front of them. Huffman describes it and picks it up, causing the weapon to activate, along with blue lights on the weapon also activating. Huffman then expresses discomfort at holding an enemys weapon, and puts it down.• After that he talks to Navarro about how he never believed they would survive, and that the only reason they did is because of the Chief. 49
    • GRAVESITE• http://it.youtube.com/watch?v=pOLR4WjJqIs• Gravesite is the last video featured in the Halo 3 Believe advertising campaign. With a release date of October 1st, 2007 the video follows the rest of the series including Hunted, Museum and Enemy Weapon. It was told from the viewpoint of Lieutenant Niraj Shah. 50
    • GRAVESITE TEXT• Narrator: "For the first time in 43 years, Lieutenant Shah returns to the site of the battle."• Narrator: "What is that?"• Lt. Shah: "A shell from a sniper rifle."• Narrator: "Its amazing theres still so many remnants out here... Wheres Master Chiefs grave?"• Lt. Shah: "I dont think anyone really knows. There was a ceremony five years ago, over there, just as a symbolic gesture. The coffin was empty."• Narrator: "Why was the coffin empty?"• Lt. Shah: "No Spartan could be listed as KIA. They can only be listed as MIA, missing, so it could be said that no Spartan was ever killed in combat. So the ceremony was a tribute, more than a burial."• Narrator: "It doesnt look like much."• Lt. Shah: "Chief told me once, that no soldier should be honored for doing what is expected."• Narrator: "Do you believe that?"• Lt. Shah: "I did. And I still do." 51
    • JOHN 117 MONUMENT• Il diorama è la ricostruzione accurata di un momento chiave di una battaglia climatica combattuta nell’universo Halo.• Il plastico creato dai realizzatori di modelli di Los Angeles (gli stessi di Alien e Jurassic Park) è molto grande: esteso su un’area di oltre 120 mq, ad un’altezza di circa 4 metri da terra e con le riproduzioni dei soldati alte 20cm.• http://it.youtube.com/watch?v=lKlKdnwaPYQ 52
    • 53
    • MUSEUM• Museum[1] is a live-action TV trailer that was part of the Believe advertisement campaign for Halo 3. It was the first video released in the Believe campaign, beginning the only authorized real world Halo 3 live action film series to date other than the Halo Shorts.• It takes place in the Museum of Humanity and concerns an interview with a retired UNSC soldier who fought in the Second Battle of Earth. The soldier in question is Major Pawel Czernek who served from 2551-2581.• In the trailer an unknown voice questions the retired soldier, whilst he views a miniature representation of a battle between UNSC and Covenant forces. This representation turns out to be the Diorama, and was later available for fans to take a closer look at on Halo3.com• The text "Next Halo 3 Video Premiere: 9/14/07 9 A.M. PT" appears at the end of the video.• http://it.youtube.com/watch?v=Zq2akuhFaB0 54
    • MUSEUM• Interviewer: Can you tell us what you remember about the battle?• Czernek: Wed been fighting for a while. On the seventh day we ran out of ammo. We had to scavenge all we could from the weapons that had been left behind. Pistols, shotgun rounds, a handful of grenades...• Interviewer: Do you remember where you were?• Czernek: When Master Chief armed his grenade, I was in the back of an overturned Warthog, firing an M41.• Interviewer: How did you manage to keep it together?• Czernek: We knew Master Chief was still in the fight. He gave us hope.• (Czernek sees the figure in the diorama representing himself, and is silent in thought. Fade to black. Tagline "BELIEVE" fades in) 55
    • HUNTED• http://www.youtube.com/watch?v=d1zWeaVZpsM• Hunted is a TV ad, part of the Believe series and follows one Marines story of fighting and hiding from Covenant forces. First aired on September 22, 2007, the video later appeared on the John-117 Monument flash site at Halo3.com on September 25, 2007. Synopsis 56
    • HUNTED• In the video, an unnamed former UNSC Marine describes a harrowing night he and his unit spent out in a group of woods, as he walks through them several years later.• Pausing to point out plasma scoring on a tree trunk caused by a Plasma Rifle, he then approaches a clearing where he and his unit hid throughout the night and described how they hid from the group of Covenant soldiers who were hunting them. The interviewer turns the lights of the scene off with the Marines permission, and he describes the sounds of the Covenant forces moving through the woods.• He concludes the interview saying that during that night, his unit had no choice but to be still and quiet in the clearing, "and wait for Master Chief." After seven hours of hiding, the Chief finally showed up to rescue them. 57
    • BELIEVE• Il regista Rupert Sanders e la sua troupe hanno lavorato 4 giorni interi; il video racconta le storie personali dei soldati mentre la telecamera sorvola e abbraccia l’intero paesaggio per fermarsi infine sulla cima della montagna, dove Master Chief viene ripreso nell’atto di combattere contro i nemici Covenant. 58
    • “BELIEVE” Lo spot, dell’agenzia TAG McCann di San Francisco, è stato interamente realizzato in 3d, ponendo così l’universo di Halo sotto una veste “reale”. La versione da 90 è giunta sugli schermi televisivi europei il 16 Settembre 2007 e si rivolge ad un pubblico più ampio dei soli videogamers.Infatti, è incentrata sui temi e sui valori di fondo che caratterizzano la trilogia di Halo, ossia il senso del dovere, il sacrificio e soprattutto l’eroismo.http://it.youtube.com/watch?v=zKG1nvV1Wnc 59
    • BELIEVE• http://it.youtube.com/watch?v=3PGpn4c96ZU• Sito• http://halo3.com/believe/shell.html 60
    • DIORAMA 61
    • 62
    • “ E’ stupefacente vedere il leggendario mondo di Haloprendere vita in modo così creativo attraverso lapreparazione e i filmati di questo spot. Sono certo chele riprese epiche e le scene drammatiche di questovideo emozioneranno sia i fan di Halo, sia coloro che siavvicinano per la prima volta alla saga, dando loro unassaggio di ciò che devono aspettarsi quano il giocouscirà”.(Chris Lewis, Regional Vice President dell’Entertainment and Devices Division di Microsoft) 63
    • BELIEVE“A hero is more than a person, a hero is a belief. A belief that, against impossible odds, the world can be saved - and that the world is still worth saving. Heroes inspire that belief in us. They renew our faith and give us that most precious of all gifts – hope. The world needs heroes. That’s why, when a true hero arrives, the world will honor him.” (tratto dal sito Xbox.com) 64
    • HALO 3• ENEMY WEAPONS• http://it.youtube.com/watch?v=Rz_7WWO8lXE• GRAVESITE• http://it.youtube.com/watch?v=pOLR4WjJqIs• JOHN 117 MONUMENT• http://it.youtube.com/watch?v=lKlKdnwaPYQ• COMBAT• T.a.g.: http://it.youtube.com/watch?v=L6T1xjotIGE• Bungie:• http://it.youtube.com/watch?v=IpwYmMIO94Q• http://it.youtube.com/watch?v=OeLW914vGhQ• Migliore risoluzione: http://creativity-online.com/work/view?seed=73ee0758 65
    • 2009 – PHILIPS CAROUSEL• Il film:• http://www.youtube.com/watch?v=lQ3D4CqHbJM• Il sito• http://www.cinema.philips.com/?ls=gb_en• Anche nel 2009 il vincitore del Grand Prix non è un commercial• televisivo, ma un webfilm interattivo• Agenzia: TRIBAL DDB Amsterdam• Produzione: Stink Digital, London.• Diretto da Adam Berg• Il filmato, di 2 minuti e 19 secondi, oltre che essere una stupefacente ‘demo’ del prodotto, uno schermo che ha le stesse proporzioni del cinema, è un fantastico piano sequenza di una rapina, con una costruzione narrativa circolare: l’inizio e la fine sono la stessa scena, la fine spiega l’inizio• Impressionante la tecnica di ripresa, che si può vedere sul making of• http://www.youtube.com/watch?v=teoSDTJDjF4&fmt=18•
    • 2009 – BEST JOB IN THE WORLD• http://www.youtube.com/watch?v=SI-rsong4xs• Il vero vincitore del 2009, secondo molti esperti, è stato questa campagna integrata dell’Ente del turismo del Queensland, Australia• Ha vinto i premi per le PR, il Direct e anche il Cyber• Cyber Lion Grand Prix – Interactive Campaigns PR Lion Grand Prix – Best international PR Campaign Direct Lion Grand Prix – Best Integrated Campaign led by Direct Marketing http://www.guardian.co.uk/media/2009/jun/25/best-job-in-world-cannes• La giuria ha apprezzato non solo l’idea e la sua flessibilità, ma anche la sua efficacia globale con un budget molto ridotto• Agenzia Nitro, Brisbane•
    • “The Best Job in the World” - case study -• YouTube - The best job in the world - case study#at=292
    • “The Best Job in the World” - case study -• La sfida: sebbene la Grande Barriera Corallina del Queensland in Australia sia un patrimonio mondiale dichiarato una meraviglia naturale, le isole della regione sono ancora relativamente sconosciute.• Obiettivo: creare consapevolezza, notorietà delle isole della Grande Barriera Corallina in tutto il mondo.• L’idea: offrire qualcosa di inestimabile, impagabile, un premio in grado di catturare l’immaginazione delle persone di tutto il mondo. Un premio che non è un premio ... è un lavoro …• … è il “THE BEST JOB IN THE WORLD”.
    • L’idea creativa• La strategia: l’Ente del Turismo del Queensland si è rivolto all’agenzia SapientNitro di Brisbane, chiedendo di lanciare un nuovo brand, le Isole della Grande Barriera Corallina, attraverso i principali mercati internazionali. La SapientNitro ha accettato la sfida con un’idea innovativa che ha attirato l’interesse di milioni di persone; ha predisposto un sito accattivante per la visualizzazione degli annunci e per gli elenchi di reclutamento on- line. L’agenzia ha raccolto tutta la soddisfazione progressivamente manifestata dagli utenti ed ha sostenuto la campagna interattiva, con una forte presenza su siti di social network.• Esecuzione e uso dei media: la SapientNitro ha creato “The Best Job in the World”, un posto di lavoro, un’occupazione troppo bella per essere vera, ma una reale possibilità offerta dal Tourism Queensland. L’aspetto migliore e più attraente è la posizione, il luogo di tale occupazione: le isole della Grande Barriera Corallina.
    • “The Best Job in the World” ?Qual è il lavoro più bello del mondo?Certamente fare il guardiano (island caretaker) dell’isola di Hamilton, nella Grande Barriera Corallina del Queensland, in Australia;Gli incarichi e le responsabilità sono: Esplorare lisola, fare immersioni, snorkeling e compiere escursioni Dare da mangiare ai pesci e alle tartarughe dell’oceano Osservare le balene di passaggio Pulire la piscina Provvedere alla consegna della posta che arriva per via aerea Aggiornare settimanalmente un blog con testi, foto e video.
    • “The Best Job in the World” ?Il compenso/salario: 150˙000 dollari australiani, (circa 78˙000 €) comprensivo di un alloggio di lusso in una villa, vista mare, con tre camere da letto, due bagni, centro benessere privato, cucina super equipaggiata e dotazione tecnologica full-optional; lalloggio comprende la presenza di un computer, collegamento ad internet, video camera e macchina fotografica digitale ed unassicurazione di viaggio.Durata dell’incarico: contratto di 6 mesi, 72 ore lavorative (12 ore al mese).
    • “The Best Job in the World” ?
    • Il video della campagna pubblicitaria• http://www.youtube.com/watch?v=iTUUWOV4Vns
    • Gli aspiranti al “The Best Job in the World”• I candidati erano 34.684; la distribuzione geografica era molto variegata, erano rappresentati tutti i continenti e le professionalità erano varie (istruttori di danza, fisioterapisti, cuochi, DJ radiofonici, scienziati, attori, ed altre categorie, inclusi interpreti, avventurieri, studenti, giornalisti televisivi e fotografi).• Gli interessati potevano navigare direttamente sul sito, http://www.islandreefjob.com/#/shortlisted-applicants, accedere ai video di presentazione di ciascun candidato, partecipare alla votazione degli aspiranti e rilevare la classifica costantemente aggiornata. Era possibile votare fino al 24 marzo e nei primi giorni di aprile veniva finalmente pubblicata la lista degli ultimi finalisti. Dei 1.310 italiani che si erano proposti, nessuno era presente nellelenco di questi possibili superfortunati.
    • I finalisti• I sedici finalisti sono stati scelti dal comitato organizzatore, eccetto una ragazza coreana, che partecipava grazie alle votazioni su internet che l‘avevano incoronata come vincitrice “popolare”.• I sedici finalisti, dal 3 al 6 maggio, si sono contesi la vittoria direttamente sul suolo australiano: sono stati sottoposti ad una dura sfida con test e prove di selezione sulle spiagge dellisola di Hamilton.I finalisti prescelti erano: 1) Anjaan RJ-India, 2) Ben Henry-Francia, 3) Ben Southall-Regno Unito, 4) Cali Lewis-Usa, 5) Chiara Wang- Taiwan, 6) Clarke Gayford-Nuova Zelanda, 7) Erik Rolfsen-Canada, 8) George Karellas-Irlanda, 9) Greg Reynen-Singapore, 10) Hailey Turner-Australia, 11) James Hill-Australia, 12) Juweon Kim-Corea, 13) Magali Heuberger-Paesi Bassi, 14) Mieko Kobayashi-Giappone, 15) Mirjam Novak-Germania, 16) Yi Yao-Cina.• Lunico continente non rappresentato era lAfrica.
    • Il vincitore• Dopo mesi di votazioni, il 6 maggio 2009, lEnte del Turismo del Queensland ha annunciato che il fortunato vincitore del concorso “The Best Job in the World” è linglese Ben Southall.• Ben, 34 anni, viene dal Hampshire, Sud dellInghilterra, dal primo luglio è il fortunato custode dellisola corallina di Hamilton. Ben ha stracciato tutta la concorrenza, aggiudicandosi “il lavoro più bello del mondo". Ecco il video con cui si è candidato.
    • Il custode dell’isola di Hamilton• Ben, per sei mesi, è stato il guardiano ed unico abitante dell’incantevole isolotto nel Queensland, l’Isola di Hamilton. Ha vissuto in una villa di tre stanze con vista sul mare e piscina.• I suoi compiti: prendere il sole, aggirarsi per boschi e piccole valli ombreggiate, esplorare i fondali marini, alimentare le tartarughe e i pesci, osservare e fotografare le balene che incrociano al largo, esplorare le isole della grande barriera corallina, ricevere la posta, tenere aggiornato l‘Ente per il Turismo del Queensland e il resto del mondo attraverso un blog (una volta alla settimana), un diario virtuale corredato di fotografie, aggiornamenti video e interviste.
    • Ben Southall Blog• Island Caretaker Blog
    • L’idea creativaRisultati: alcune misure quantificabili che illustrano limpatto dell’idea creativa includono:• la copertura mediatica globale (stima media del valore di 150 milioni dollari) ha consentito alla campagna pubblicitaria di raggiungere un pubblico di circa 5.000.000.000 di persone;• statistiche Web di 8.001.900 visite (6.800.046 visitatori unici al mese), 53.889.455 pagine viste con una media di 8,25 minuti per quanto riguarda il tempo di utilizzo.• una ricerca su Google rileva che “il lavoro più bello del mondo” realizza circa 43.603 annunci di notizie e genera 231.355 blog.• 34.800 circa minuti di video allegati alle proposte di candidatura provenienti da 197 paesi; ciò significa che almeno una persona da ogni paese del mondo si è offerta per il “The Best Job in the World”;• la campagna si è classificata all’8° posto nel “World’s top 50 PR stunts” di tutti i tempi da parte della società internazionale di relazioni pubbliche Taylor Herring;
    • I premi• SapientNitro, l’agenzia che ha ideato "The Best Job in the World" per l’Ente del Turismo del Queensland, ha annunciato nell’ottobre 2009 che la campagna, iniziata nel gennaio 2009, ha vinto più di 25 premi, compresi il Cyber Lion Grand Prix, PR e Direct a Cannes (56° International Advertising Festival, 21-27 giugno 2009) e il Best in Show al One Awards Show; ha inoltre ottenuto la più alta onorificenza, il Best in Show, e quattro premi doro al quinto Awards MIXX annuale tenutosi il 22 settembre, a New York City dal Interactive Advertising Bureau (IAB).• Nel 2009, il successo della campagna è stato riconosciuto con premi molto ambiti:• 2009 MIXX Awards Best in Show Social Marketing – Gold Direct Response and Lead Generation - Gold International - Gold Cross Media Integration - Gold
    • I premi• 2009 Cannes Lions International Advertising Festival Cyber Lion Grand Prix – Interactive Campaigns PR Lion Grand Prix – Best international PR Campaign Direct Lion Grand Prix – Best Integrated Campaign led by Direct Marketing PR Lion – Travel, Tourism & Leisure PR Lion – Best use of the Internet, Digital Media & Social Media Direct Lion Gold – Traffic Building Direct Lion Gold – Travel, Entertainment & Leisure Media Lion Gold – Travel, Entertainment & Leisure• 2009 New York Festivals Grand Trophy - Digital and Interactive Avant-Garde Gold World Medal – Word of Mouth/Buzz Mixed Media Gold World Medal - Transportation/Travel/Tourism Interactive Gold World Medal – Transportation/Travel/Tourism
    • 2010 – OLD SPICE• http://www.youtube.com/watch?v=CmjghN7qSHE&feature=relatedOLD SPICE•
    • OLD SPICE• La campagna The Man Your Man Could Smell Like è stato il caso dell’anno nel 2010. Non solo ha rivitalizzato un vecchio brand, vinto il Grand Prix per Tv e Film a Cannes, reso popolare il protagonista come una star, ma anche generato un buzz straordinario.  • Old Spice è una linea da bagno della P&G un po’ vecchiotta e oscurata dalla popolarità di Axe, dello storico nemico Unilever. Con uno spot di un umorismo surreale* creato da Wieden + Kennedy e pianificato durante il Superbowl, Old Spice è riuscito ad ottenere un effetto virale clamoroso: il protagonista, un ex giocatore di football americano, Isaiah Mustafa , è diventato una assoluta star in poche settimane e anche il nuovo sex symbol delle giovani donne americane. Il suo mezzobusto muscoloso ha invaso tv, giornali, youtube, blogs, facebook.
    • OLD SPICE• “Salve ragazze. Guardate il vostro uomo, ora guardate me, ora ancora il vostro uomo, ora di nuovo me. Sfortunatamente, lui non è me. Ma se smettete di usare il solito bagnoschiuma ed iniziate ad usare Old Spice, lui potrebbe profumare come fosse me. Guardate in basso, ora in alto: dove vi trovate? Su una barca, con l’uomo a cui il vostro uomo potrebbe somigliare di profumare. Guardate le vostre mani, ora di nuovo me: è un’ostrica con due biglietti per quel che amate. Guardate ancora: i biglietti sono ora diamanti! Ogni cosa è possibile quando il vostro uomo profuma come Old Spice. Sì, sono su un cavallo”.
    • 2010I - NIKE LIVESTRONG CHALKBOTDeveloped in partnership with DeepLocal andStandardRobot, the Chalkbot in appearance issimilar to an ink jet printer, except at a muchlarger scale. The trailer mounted device is fullyself-contained and pneumatically spray outeither messages or graphics. The device willdebut at the 2nd Stage of 2009 Tour de Franceon July 5th. • http://www.nike.com/nikeos/p/lives trong/en_US/chalk_messages • http://www.youtube.com/watch? v=5Jb-KT4r6NY 87
    • 2010 - IKEA FACEBOOK SHOWROOM KEA spread the word on the opening of their Malmö store in Sweden with the creation of an online showroom hosted on Facebook. The campaign was focused on tagged photographs on, facebook.com/ikeagordon, the specially created profile of Gordon Gustavsson, the new store’s manager. Over a two week period,12 different pictures of showrooms from the new store were uploaded to the profile page. Facebook members who had requested Gordon as a friend could then tag themselves to a specific item in each photo and in doing so, win that particular Ikea product. The campaign won a Gold Cyber Lion at Cannes International Advertising Festival. http://www.youtube.com/watch? v=0TYy_3786bo
    • 2010 - THE FUN THEORY.We believe that the easiest way tochange peoples behaviour for thebetter is by making it fun to do. We callit The fun theory.• http://www.youtube.com/watch? v=2lXh2n0aPyw• http://www.youtube.com/watch? v=cbEKAwCoCKw 89
    • CANNES 2011 • Promo & Activation: American Rom • http://youtu.be/Tt9NBtW4sbAIl primo Grand Prix, doppio perchè per Promo & Activation e Direct, va alla Romania,con questo progetto che hanno chiamato American Rom. Anche quando la bandierasembra in crisi, cambiarla può provocare conseguenze sorprendenti. Bello.Come ha detto Brown, il presidente della giuria, è quello che più risponde ai 4 criteriche si sono dati: idea, strategia, esecuzione, risultati. Bisogna dire che il direct è moltocambiato, dalla busta e coupon di dieci anni fa allarticolazione tra web video, materialisul punto vendita, e-mail boost, viralità sui social media, in questo caso addirittura flashmob. Agenzia BV MCcann Erickson Bucarest.
    • CANNES 2011 • Outdoor • Jay –Z decoded http://blab2.blogspot.it/2011/06/cannes-2011-outdoor-jay-z- decoded.htmlSplendido il progetto di Droga 5 per lautobiografia del rapper Jay-z che ha vinto il GrandPrix outdoor. Pagine del libro, in diversi formati, materiali e consistenze, sono statenascoste per 13 città in insegne, piscine, panchine, tovaglioli, involucri di cibo, fodere digiacche, interni di automobili, tetti, biliardi. Per ogni pagina cera un riferimentogeografico preciso ai luoghi.Chi trovava la pagina poteva, attraverso Bing, vincere due biglietti per tutti i concerti diJay-Z per sempre.
    • CANNES 2011• Cyber• Old Spice responses• Wilderness Downtown• Pay with a tweet http://blab2.blogspot.it/2011/06/cannes-2011-cyber-grand-prix-old- spice.html
    • CANNES 2011• TV• Nike. Write the future http://blab2.blogspot.it/2011/06/cannes-2011-cyber-grand-prix- old-spice.html