• Like
  • Save
  Alla scoperta dei sentieri della fede
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Alla scoperta dei sentieri della fede

on

  • 824 views

Ricerca effettuata dai ragazzi della classe prima G nell'anno scolastico 2011-2012

Ricerca effettuata dai ragazzi della classe prima G nell'anno scolastico 2011-2012

Statistics

Views

Total Views
824
Views on SlideShare
824
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
7
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

      Alla scoperta dei sentieri della fede Alla scoperta dei sentieri della fede Document Transcript

    • Comunità Montana di Valle Trompia II Edizione Concorso Storie dalla Valle La nostra Valle dal sentiero che conduce al Monte Guglielmo ……..per una Valle di Storie
    • Tradizioni religiose e devozione popolare in ValtrompiaParticolare dell’interno del Santuario gardonese di S.Rocco : “Pax”………… ……….. a tutta la gente valtrumplina
    • Alla scoperta dei Sentieri della FedeAlbini Luna, Belleri Giulia, Benini Gabriele, Bertuzzi Silvia, Boschetti Davide, Boventi Angelo,Burghele Eduard, Cattaneo Alessandro, Cotelli Veronica, Dieng Mouhamed R., Guerini Roberto,Lodi Matteo, Marziale Marco, Muhammod Ahmed, Pedersoli Paolo, Peli Andrea, Perini Barbara, Popa Enes, Tononi Camilla, Toscani Davide, Zambelli Michela, Zubani Francesca. a.s. 2011/12 Classe 1^ sez. G
    • Scuola Secondaria di primo grado “Giorgio La Pira” SarezzoPresentazione : “Siamo anche noi parte di questa storia..”Il percorso didattico programmato per quest’anno scolastico in Religione Cattolica prevedeva ,all’interno della Storia della Religione e della Fede Ebraico-Cristiana, per le classi prime, un lavorodi approfondimento sulla Montagna e sui Luoghi Privilegiati dell’incontro con il Divino fin dai tempiantichi.Per questa ragione e per far comprendere il valore del nostro territorio, per far nascere nei nostrialunni, o coltivare in essi, uno spirito di appartenenza e di legame con le loro radici culturali,religiose, storiche e ambientali abbiamo deciso di partecipare al Concorso proposto dalla ComunitàMontana di Valle Trompia e dall’Associazione Storico Culturale “Valtrompia storica”.
    • Come dire : è un’opportunità che non possiamo perdere perché i nostri ragazzi hanno un granbisogno di sentire che questa Valle,nella quale stanno crescendo è la “loro Valle”, questi sentieri,queste montagne questa gente, questa storia, queste strade, queste chiese, questafede..appartengono anche a loro.La scuola deve essere sapere, vita ed educazione attraverso l’esperienza.Abbiamo scelto la classe 1^G dell’Istituto e da subito l’iniziativa ha riscosso un grande successo .Dopo una consultazione di gruppo, che ha visto emergere fantasia e desiderio di scoperta, conentusiasmo ed impegno i ragazzi , durante le vacanze natalizie, si sono dati da fare cercandoimmagini ed informazioni relative ad alcuni Santuari che ancora oggi testimoniano la devozionereligiosa valtrumplina.Tenendo conto dell’ampio bacino di utenza della nostra scuola e ritenendo educativamenteimprescindibile il coinvolgimento di tutti, le attività si sono concentrate in particolare su treSantuari : Cristo Re in Ponte Zanano, S.Rocco in Gardone V.T e S.Emiliano in Sarezzo .La classe ha compiuto interviste, scattato fotografie, reperito conoscenze storico- religiose e filmatiche sono stati poi raccolti e ordinati a scuola.Il lavoro, il linguaggio, la narrazione storica sono stati elaborati e presentati nel rispetto delleconoscenze, delle capacità, della sensibilità degli alunni di un primo anno di scuola secondaria diprimo grado. “Che bello far suonare le campane di S.Rocco” !!!!! “Quante storie conosce questo saggio maestro Simoni “?L’elaborazione di riflessioni e pensieri dei ragazzi ha arricchito e dato significato al lavoro cosicchèquando “volgeranno lo sguardo verso l’alto, verso quei monti e verso quel cielo”, quandoparleranno della loro Valle con le sue tradizioni e la sua devozione sapranno di avercontribuito,anche se in piccola parte, con la spensieratezza, l’allegria e il desiderio di sapere deiloro incantevoli dodici anni, alla costruzione di un pezzo di storia di questa comunità. Alla fine di questa fatica saremo felici di quello che abbiamo fatto Michela Zambelli
    • ●● Le Fotografie sono state fatte dagli alunni di 1G , dalla loro Prof.ssa Alessandra Plebani e, perquanto riguarda S.Emiliano, dal signor Albero Contessi che ne ha autorizzato l’utilizzo.●● Testi consultati :-Antonio Fappani, Carlo Sabatti, Francesco Trovati .“Gardone di Valle Trompia. Vicende storiche e patrimoni d’arte. Ed. Grafo 1984-Francesco trovati“La Madonna del Popolo di Gardone V.T.Storia di un dipinto e di un voto” 1980-Gruppo Scout. Novizito Esodo. “El casù dela pora. Storie e Leggende Valtrumpline”I Quaderni del Sistema Bibliotecario Alta Valtrompia. Vannini 1987-La Sacra Bibbia-Comune di Sarezzo. “Sarezzo nella Storia” . 2008-Roberto Simoni“Don Agostino Quaranta”. Istituto di cultura “G.De Luca” per la storia del prete●● I testi in blu sono i pensieri degli alunni Prof.ssa Alessandra Plebani docente di Religione Cattolica Prof.ssa Lucia Pelizzari docente di Lettere Prof.ssa Laura Carlini docente di Tecnologia
    • Il Percorso seguito 1- La Montagna : luogo abitato da Dio2- Le Montagne sacre della Tradizione ebraico-cristiana 3- Il Santuario : espressione della Presenza di Dio 4- Le nostre Montagne : il Monte Guglielmo 5- Il Santuario di Cristo Re in Ponte Zanano 6- Il Santuario di S.Rocco a Gardone V.T. 7- Il Santuario di S.Emiliano a Sarezzo
    • Le radici della fede 1- La Montagna : luogo abitato da DioTra tutti i fenomeni della natura, la montagna per la sua altezza e per il mistero che la circonda, hasempre affascinato gli uomini e fin dall’antichità le è stato attribuito un significato sacro : essa è ilpunto in cui il cielo incontra la terra, è il luogo delle ierofanie, cioè delle manifestazioni del sacro, èil luogo in cui prende dimora Dio.Fin dai tempi più remoti, in quasi tutte le religioni e in tutte le civiltà si credeva infatti chel’altitudine potesse consacrare.Tutto quello che più si avvicinava al cielo, partecipava con intensità alla trascendenza. L’altitudine(monti, cime, colline) veniva assimilata al trascendente, al sovrumano, alla presenza del sacro erappresentava la tensione dell’uomo verso Dio, la sua fatica, il suo cammino, la sua salita versol’Altissimo.Nella Bibbia, testo sacro della fede ebraico-cristiana, le montagne hanno un compito importantenelle vicende del popolo d’Israele, il popolo di Dio che, proprio sulle alture vive alcune tra le sueesperienze più importanti di fede e d’incontro con Dio.Le montagne bibliche non vengono citate solo come luoghi geografici, ma assumono anche ungrande valore simbolico: sono piene di sacralità, producono determinati effetti religiosi, diventanoluoghi di culto.Luoghi dai quali si rende gloria a Dio.Monti abitazione di Dio. 2- Le Montagne sacre della Tradizione ebraico-cristianaI monti Ararat,Sinai, Ermon, Carmelo, Tabor, Garizim, Sion appartengono al Dio biblico .Dal monte Ararat, sulla cui cima l’arca di Noé, si arenò dopo il diluvio, Noé uomo che si salva evive perché è giusto davanti a Dio, offrì olocausti (sacrifici) al Signore.“Nel settimo mese, il diciassette del mese, l’arca si posò sui monti dell’Ararat..allora Noè edificò un altare al Signore..e offrì olocausti sull’altare. Il Signore ne odorò la soave fragranza (Genesi 8, 4; 20-21)
    • Il monte Sinai, rappresenta ed è veramente il cuore di tutta la vicenda del popolo ebraiconarrata nel secondo libro della Bibbia, l’Esodo. È il monte della rivelazione di Dio e dell’alleanza conil suo popolo attraverso il dono dei Comandamenti, è il monte Oreb della tradizione.“Mosè arrivò al Monte di Dio l’Oreb.L’Angelo del Signore gli apparve in una fiamma di fuoco inmezzo ad un roveto,che non si consumava..Il Signore vide che si era avvicinato per vedere e lochiamò..Mosè non avvicinarti, togliti i sandali perché il luogo sul quale tu stai è una terra santa” (Esodo 3, 1-5 ).“Quando Mosè scese dal Monte Sinai, non sapeva che la pelle del suo viso era diventata raggiante, poiché aveva conversato con Lui” ( Esodo 34,29 ). Il Monte SinaiSul Monte Sion sorge la città di Dio, Gerusalemme, la città che Re David scelse come sua dimorae dove vi fece portare l’Arca dell’Alleanza con le Tavole della Legge.In Sion era la città di Dio, che dava sicurezza al suo popolo; era il monte santo, la dimora di Dio.
    • “Chi salirà il Monte del Signore, chi starà nel suo luogo santo ? Chi ha mani innocenti e cuore puro, chi non pronuncia menzogna, chi non giura a danno del suo prossimo. Otterrà benedizione dal Signore..” (Sal 23) . “Camminare è benedizione e pace” Dieng Gerusalemme sul Monte SionI Monti sono il luogo delle manifestazioni di Dio anche nel Nuovo Testamento.C’è il Monte delle Tentazioni di Gesù (Mt 4,8-10 ; Lc 3,5-8),con la forza di Gesù che supera ilmale,quello delle Beatitudini (Mt 5,1-12 ; Lc 6,20-23 ) che offrono valori per la vita dell’uomo,della Trasfigurazione ( il Tabor o forse l’Ermon per qualcuno) con la luce e il mistero di Cristo.
    • Infine il Monte degli Ulivi, il Monte Calvario o Golgota centrali per la fede cristiana cheaprono al grande mistero della Resurrezione. Il Monte delle Beatitudini 3- Il Santuario : espressione della Presenza di DioChe cos’è un Santuario ?Per comprendere la devozione religiosa verso il Santuario, che è il luogo dove i fedelitrovano e danno senso alla loro esistenza, dobbiamo ricordare che la Religione presentatre caratteristiche fondamentali : -la fede, cioè credere in Qualcuno distinto dalla sfera umana, Dio, l’infinitamente Altro -il legame personale, profondo, interiore che si viene a creare tra l’uomo e Dio
    • -un modo pratico di vivere questo vincolo con riti,cerimonie,preghiere, invocazioni..che esprimono questo sentimento umano di religiosità.Ebbene il Santuario è una delle espressioni con cui l’uomo concretizza nella sua esistenzaquesta presenza divina, un luogo che da molto tempo accompagna la devozione umana.Ci ricorda, infatti, la Bibbia con le parole che JHWH rivolge a Mosè: “Essi mi faranno un Santuario e io abiterò in mezzo a loro” Esodo 25,8Mosè fissa nel deserto, una Tenda per Dio, il Santuario, con l’Arca dell’Alleanza, una cassain cui sono contenute le Tavole della Legge, i Comandamenti, la Legge di Dio che si devecustodire e rispettare, segno della presenza di JHWH in mezzo ad Israele suo popolo.Quando il popolo si stabilisce nella Terra Promessa Re David porta L’Arca a Gerusalemme,collocandola sul monte Sion.“Introdussero l’Arca del Signore e la collocarono al suo posto, in mezzo alla Tenda cheDavide aveva piantata per essa e Davide offrì olocausti e sacrifici di comunione davanti alSignore e benedisse il popolo” 2 Samuele 17-18Il figlio Salomone fa erigere il primo grande Tempio in onore di JHWH a Gerusalemme : ilcuore di questo straordinario Santuario, la parte più sacra, è Il Santo dei Santi, luogo dellapresenza di Dio.Nonostante le vicissitudini storiche e le distruzioni di questo Santuario, ancora oggirappresenta uno dei luoghi più sacri della terra.
    • Il Muro del pianto di quello che fu il Tempio di Gerusalemme
    • Dalle radici della fede alla devozione della gente della nostra terraPer il credente i Santuari sono segni di rivelazione divina,della sua potenza, del suo incontro e della sua benedizioneCosì la fede cristiana con la sua Comunità, la Chiesa, fin dalle origini ha avuto numerosi luoghi venerati che da sempre e ancora oggi, toccano lo spirito e il corpo. 4 – Le nostre Montagne : verso il Monte Guglielmo
    • La Devozione al “Redentore” sul Monte GuglielmoAlcuni Santuari sono in montagna e per arrivarci c’è da faticare, però quando sei arrivato puoi incontrare Dio..e quindi sei felice Roberto Guerini Camminare in montagna per andare verso l’alto, per andare verso il tuo pensiero, per andare verso i tuoi sogni , per andare verso Dio Alessandro Cattaneo Camminando si arriva per forza da qualche parte Veronica Cotelli
    • “Questo mondo nel quale viviamo ha bisogno di bellezza per non sprofondare nelladisperazione. La bellezza, come la verità, è ciò che infonde gioia al cuore degli uomini,è quel frutto prezioso che resiste al logorio del tempo, che unisce le generazioni e le fa comunicare nell’ammirazione” Dal messaggio di Papa Paolo VI agli Artisti a conclusione del concilio Ecumenico Vaticano II 8 dicembre 1965Molti santuari portano con loro delle bellezze incalcolabili e danno la forza alle persone di compiere cose belle di cui andar fieri” Barbara Perini Io credo che l’ “incontro fra cielo e terra” significhi l’ ”incontro tra Dio e l’uomo” Giulia Belleri
    • 5 – Il Santuario di Cristo Re in Ponte ZananoA – Fotografie dell’esterno e dell’interno del Santuario effettuatedagli alunni nel dicembre 2011 con un insolito cielo azzurroinvernale
    • “Nel Santuario si crea un legameSi crede nel senso del mistero e non solo ai fatti” Matteo Lodi
    • “Spesso la gente quando un familiare era malato o c’erano problemi in famiglia, andava a pregare per cercare un sostegno. E’ una prova di fede in Cristo.. Io penso che questo incontro tra Dio e l’uomo sia speciale” Luna Albini “Nel Santuario si prega, si chiede aiuto, ci si avvicina a Dio” Silvia Bertuzzi
    • “Il divino e la fede meritano tutto questo” Francesca Zubani
    • B - Intervista al Maestro Simoni che illustra la storia del Santuario(il video dell’intervista è nel file audio in cartella) Il Maestro Simoni con Silvia Bertuzzi, Veronica Cotelli, Roberto Guerini, Matteo Lodi, Giulia Belleri6 – Il Santuario di S.Rocco a Gardone Valtrompia con la devozionealla Madonna del PopoloIntroduzione La devozione mariana valtrumplinaC’è un profondo legame tra la Valtrompia e la devozione verso la Madonna, prova ne èche, nella organizzazione della Diocesi di Brescia, a cui appartiene sia l’Alta Valle, territoriocomprendente le Chiese e dunque le Parrocchie da S,Colombano a Marcheno (zona
    • pastorale n° XX ), sia la Bassa Valle da Magno di GardoneV.T. sino a Cailina (zonapastorale n° XXI ), siano intitolate alla Madonna . Alla“Madonna della Misericordia” si affidano i credenti dell’Alta ValleBovegno in Valtrompia. Santuario S. Maria della Misericordia, sagrestia, "La Madonna dellapparizione e iReggenti della Valtrompia", tela votiva donata nel 1705. (“La pittura del ‘600 in Valtrompia”; Villa Carcinaott.-dic.1994, catalogo della mostra a cura di Carlo Sabatti. Comunità Montana della Valle Trompia –Comune di Villa Carcina) "La Valtrompia armata in preghiera davanti alla Madonna della Misericordia", Santuario di S. Maria dellaMisericordia, 1705 (dipinto votivo ad olio su tela) di Domenico Voltolini: si noti lo stemma della Valtrompia,appeso al collo della figura allegorica dotata di elmo con pennacchio doro e rosso. (Carlo Sabatti.Miscellanea Araldica in Famiglie e Stemmi di Valtrompia. Zanetti Editore, 2008) La gente più a valle chiede la protezione a “S.Maria degli Angeli” Chiesa di S.Maria degli Angeli. Affresco di Maestro bresciano ( 1502 )
    • La Storia del Santuario di S.Rocco La salita è stata faticosa, ma molto bella. Quando siamo arrivati a S.Rocco abbiamo visto uno spettacolo. Un Santuario Rosa in un Bosco Verde Isolato dalla Strada E la bellezza continuava ad aumentare Paolo PedersoliLa Chiesa di S.Rocco o Santuario della Madonna del Popolo, ha avuto sempre una grandeimportanza per i gardonesi che le portano secolare devozione.La Storia colloca la sua origine nel 1578 ed è stata innalzata a compimento di un voto fatto inoccasione della pestilenza del 1575-1577.Nel 1738, il 17 agosto, giorno successivo alla festa di S.Rocco,venne trasportata nella chiesettauna preziosa reliquia del Santo.S.Rocco di Montpellier , pellegrino francese del XIV secolo ,fu uno dei santi medievali più invocatiper la protezione dalla peste.E’ notoriamente raffigurato con un abito da pellegrino ( comprendente un cappello a tesa larga e ilbastone ) , la piaga della peste su una gamba e con un cane ai suoi piedi con in bocca un pezzo dipane.Si racconta, infatti, che mentre assisteva gli appestati venne contagiato e per non mettere arischio altre persone si rifugiò in una grotta vicino a Piacenza sulla Via Francigena. Fu qui che uncane lo aiutò nella guarigione portandogli ogni giorno un pezzo di pane sottratto alla mensa delsuo padrone.
    • La bellissima statua di S.Rocco che troviamo all’interno del Santuario
    • La Madonna del PopoloE’ nel 1768, il 27 aprile, che padre Antonio Beccalossi fa trasportare l’affresco seicentesco che sitrova sotto le due arcate della Loggetta di Gardone e dunque conosciuto con il titolo di “Madonnadella Loggetta”, nella chiesetta di S.Rocco in una cornice sopra l’altare ordinando di decorare astucco la volta e il presbiterio.Diventerà così il Santuario della Madonna del Popolo, titolo datogli dallo stesso Beccalossi adimitazione di quello dell’immagine mariana della Cattedrale di Verona, a cui il sacerdote era legato,con una festa solenne e devoto entusiasmo da parte dei gardonesi.Si deciderà di celebrare la S.Messa nel giorno dedicato a S.Rocco e nella festa della Madonna delPopolo, ma anche Messe votive per le necessità dei cittadini. L’altare di S.Rocco con la Madonna del Popolo
    • Successivamente nel XIX secolo si apriranno le due cappelle laterali e il portico a colonneDurante la prima guerra mondiale venne usato dai soldati e si decise di restaurarlo con unringraziamento alla Madonna per la protezione durante il periodo bellico. Dopo il 1919, si interverrànuovamente in seguito ad una promessa votiva fatta dal popolo guidato dal parroco FrancescoRossi nel 1943.
    • Nel 1944 costruzione della gradinata d’accesso e il rifacimento della facciata. La Montagna è un posto speciale dove pregare in armonia Gabriele Benini Silvia, Paolo, Gabriele, Giulia, CamillaIl 26 luglio del 1947 si inaugurarono i restauri del Santuario con la presenza del Cardinale divenezia Adeodato Piazza che pone sul Capo della Vergine una corona d’oro offerta dalle madrigardonesi come si può leggere nell’iscrizione posta all’interno della Chiesa
    • L’ultimo intervento venne fatto nel 1980 dal Prevosto Mons.Giuseppe Borra con una sistemazionegenerale dell’esterno e dell’interno del Santuario compreso il campanile.
    • Il Campanile di S.Rocco che tutti, dal paese e dalla strada statale della Valtrompia possonoscorgere alzando lo sguardo verso la… Montagna
    • Il Ricordo di quel giorno a S.RoccoInizialmente la giornata S.Rocco è iniziata solo con la voglia di vittoria …Ma poi qualcosa è cambiato : noi, uniti, con la voglia di fare fotografie , filmini ( anche se malriusciti ) e scoprire dopo il sentiero percorso, questo Santuario.Il custode Aldo, gentil guida, con la sua cagnolina, ci ha portato indietro nel tempo .Una giornata fredda ma calda nei nostri ricordi..Alunni di 1 G con il custode del Santuario, Sig. Poli, alle prese con…le corde delle “campane diS.Rocco” che la gente di Gardone è abituata a sentire soprattutto nel mese di Maggio quando ilSantuario viene aperto settimanalmente in occasione della tradizionale “Preghiera del mese dellaMadonna”.
    • S.ROCCO ,meta di numerose passeggiate ma, anche questa chiesa ,come tutte le cose antiche hail suo alone di mistero ……UN MISTERIOSO PASSAGGIO SEGRETO (RACCONTANO I NOSTRI NONNI….)Dalla chiesetta parte un cunicolo sotterraneo che sbocca per alcuni vicino alla sede del Municipiodi Gardone V.T.e per altri sotto Villa Mutti-Bernardelli sede della biblioteca oppure addirittura allaBasilica di Santa Maria Degli Angeli..Nel 1985 la squadra di protezione civile dell’Agesci, in collaborazione con il GEGP (escursionisti espeleologi ) di Magno ha compiuto alcune ricerche che dovevano portare alla presuntaindividuazione dell’entrata del cunicolo, posta sulla parete sinistra dell’abitazione del custode sulretro della Chiesa. Ottenuti tutti i permessi, il muro venne abbattuto, ma del passaggio segretonon venne trovata traccia. Nel 1986 si chiese l’aiuto di una sensitiva di Milano la quale portatasidietro la casa del custode, seguendo una forcella metallica, presa da brividi di freddo, dichiarò dipercepire la presenza di una stanza a circa 16 metri sotto il campanile e di vedere 3 scheletri , unadonna, un uomo e un bambino..che piangeva.. probabilmente sepolti vivi dopo una frana.Cosa sia accaduto realmente tempo fa forse non lo sapremo mai, ma..il mistero del cunicolo diS.Rocco rimane un fatto insoluto..che a noi ha colpito molto..
    • 7 – Il Santuario di S.Emiliano a Sarezzo La Storia del Santuario di S.Emiliano Fotografia Archivio Alberto ContessiIl culto tributato dagli abitanti di Sarezzo a S.Emiliano, da sempre legato a quello per S.Tirso eSanta Cecilia è rappresentato dall’antico Santuario che sorge sull’omonimo monte.A questo culto ed alla sua antica tradizione è legata anche la storia di S.Cecilia che si vorrebbeidentificare con una fanciulla cristiana sfuggita all’inseguimento dei soldati romani e giunta fino alMonte di S.Emiliano dove avrebbe trovato rifugio in una grotta, che porta il suo nome, mentre isoldati precipitavano nella “corna dei pagani”. Si sarebbe anche fermata a pregare all’ombra di unalbero che poi verrà chiamato “Il fo(faggio) del pater”.La festa di S.Cecilia si celebra il 22 novembre con i Santi Emiliano e Tirso.L’edificazione del santuario risalirebbe al XIII secolo con fornaci di calce produzione tipica saretinaderivante da cave situate proprio alle pendici del Monte.
    • Fotografia Archivio Alberto Contessi Quanta fatica per costruire un Santuario lassù ..ma tutto verrà ricompensato Angelo Boventi e Marco MarzialeIl Santuario è appartenuto al Monastero di S.Giulia o di S.Eufemia e poi all’Ordine monastico degliUmiliati. Nel XVI passa nelle mani del comune che lo affida ad un “eremita” e poi a “sindaci” chene amministrano i beni.Ai Santi Emilino e Tirso si ricorreva per invocare la pioggia e per “aver serenitò”. L’interesse per ilSantuario continua anche nel XIX secolo con modifiche e opere di restauro.Per giungere ai giorni nostri ci furono interventi negli anni ’60 e nel 1982 il Gruppo Alpini diSarezzo portò a S.Emiliano una campana di 104 chili, dedicata ai caduti di Sarezzo con le figure inrilievo di S.Maurizio e della Madonna.
    • La devozione alla Madonna del Soldato, Madre del Buon RitornoUna tradizione che da oltre sessant’anni vede protagonista questo Santuario è legataindissolubilmente ai tragici eventi della Seconda Guerra Mondiale e alla Statua della Madonna delSoldato qui custodita.L’Italia si trovava in condizioni precarie sotto tutti i punti di vista, da quello economico a quellopolitico, soprattutto dopo l’armistizio dell’ 8 settembre del 1943.In mezzo a questa tragica situazione storica le mamme, le figlie e le sorelle dei soldati che avevanolasciato il paese per recarsi al fronte fecero un voto alla Madonna: avrebbero comperato unastatua a lei dedicata quando i congiunti avessero fatto ritorno a casa; per dare maggior vigore alloro voto, avevano raggiunto a piedi nudi il Santuario, inerpicandosi nella salita non certo agevole.Nei giorni immediatamente precedenti la Liberazione, si decise di raccogliere il denaro, sotto ladirezione di don Angelo Pozzi, per l’acquisto della statua votiva della Madonna.Seguendo lo stile caro alla devozione popolare, la statua è in legno e raffigura la Madonna chesorregge il Bambino, posta sopra una nuvola con volti di angeli, adorna di una aureola stellata edella corona del Rosario.Una volta terminata la guerra, il 26 Maggio del 1946, un gruppo di uomini, sotto la pioggiabattente, come se il tempo volesse mettere a dura prova la loro devozione, caricarono in spalla lastatua e la trasportarono fino al Santuario, dove venne accolta dalla folla numerosa e festeggiatacon una Santa Messa.La Madonna è stata collocata tra le Statue dei Santi Emiliano e Tirso.In una custodia a forma di cuore appesa al braccio della Madonna furono posti i nomi dei 297saretini chiamati alle armi durante la guerra.Dal 1946, ogni cinque anni, la statua viene portata nella Chiesa Parrocchiale del paese, facendotappa nella Chiesetta di Valle di Sarezzo, con una suggestiva processione ancora oggi moltofrequentata e sentita dai saretini.Viene ricollocata nel Santuario dopo la Festa dell’Immacolata, l’8 dicembre.
    • Le madri saretine ringraziano la Madonna per il ritorno dei loro figli dalla Guerra Ecco la loro preghiera-In allegato file audio con la preghiera e la narrazione storicaregistrata dagli alunni-In allegato le Fotografie del Gruppo Alpini di Sarezzo ( da ArchivioAlberto Contessi ) con la Processione della Statua della Madonna
    • Il Campanile del Santuario di S.Emiliano Fotografia Archivio Alberto Contessi Il mio don dice che quando su una Montagna c’è il silenzio …..passano gli angeli Davide Boschetti
    • Il Portico del Santuario di S.Emiliano Fotografia Archivio Alberto Contessi Un luogo misterioso con uno strano orizzonte dove cielo e terra riescono a toccarsi dove tutto è possibile Davide Toscani