Psicologia e comunicazione sociale 6
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Psicologia e comunicazione sociale 6

on

  • 963 views

 

Statistics

Views

Total Views
963
Views on SlideShare
943
Embed Views
20

Actions

Likes
0
Downloads
26
Comments
0

1 Embed 20

http://www.slideshare.net 20

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Psicologia e comunicazione sociale 6 Presentation Transcript

  • 1. Psicologia e comunicazione sociale Lezione 6 22 aprile 2010
  • 2. La biopolitica del XXI secolo
      • Molecolarizzazione 
      • Ottimizzazione 
      • Soggettivazione
      • Competenza
      • Bioeconomia
  • 3. Tecnologie di ottimizzazione
      •   XIX biologia del profondo = leggi organiche che regolano i sistemi viventi chiusi che ne determinano il funzionamento
    •  
      • Oggi i circuiti sono APERTI (biologia dei sistemi che prevede sistemi di ingengneria inversa e dati metabolici e genera predizioni; es. progetto genoma umano)
  • 4. Progetto Genoma
  • 5. Biologia sintetica e biologia molecolare
    •  
      • Biologia sintetica cerca di progettare organismi partendo dai modelli mentre la biologia molecolare mira alla simulazione di sistemi aperti, complessi e dinamici partendo da dati eterogenei per predire stati vitali futuri e agire su quello presente
      • ogni elemento è libero dalla sua origine e quindi può essere ricombinato
  • 6. Rigenerazione della vitalità
    • Ian Wilmut parla di "controllo biologico":
    •  
    • "Ciò significa che non possiamo più partire dall'assunto che il sè biologico imporrà limiti alle ambizioni umane. Pertanto gli umani debbono accettare una responsabilità molto maggiore verso il regno del biologico, il quale in un certo senso, è diventato una condizione assolutamente contingente"  
    • (Franklin, 2003)
  • 7. Tecnologia come insieme di relazioni
    • Le attrezzature e le tecniche sono solo un elemento nell'assemblaggio delle relazioni umane.
    •  
    • "La tecnologia si riferisce a qualsiasi insieme strutturato di razionalità pratica governata da un obiettivo più o meno conscio... assemblaggi ibridi di conoscenze, strumenti, persone, sistemi di giudizio, costruzioni e spazi, sorretti a livello programmatico da certi presupposti e assunti riguardo agli esseri umani"
    •  
    • (Rose, 1996 cit. in Rose, 2007 pag. 25)
  • 8. Es. Trapianto di Organi
    • E' un trionfo di tecniche chirurgiche, ma richiede anche 
    • nuovi sistemi di rapporti sociali capaci di tenere nel tempo e nello spazio donatori e beneficiari e implica:
    •  
      • nuove idee sul fine della vita
      • nuovo senso di proprietà del corpo
      • e del diritto alla cura
      • relazioni finanziarie e istituzionali che rendono possibile la cura
    •  
    • Le tecnologie non sono solo tecnologie di salute, 
    • ma di vita
  • 9. Prima la medicina...
    • ...si proponeva di arrestare l'anormalità e ristabilire la norma vitale naturale e la normatività del corpo che la supportavano
    • ma è intervenuto un cambiamento
    • " la biotecnologia cambia cosa significa essere biologici"
    • LE VECCHIE LINEE DI CONFINE TRA CURA, CORREZIONE E POTENZIAMENTO NON POSSONO TENERE
  • 10. Suscettibilità e potenziamento
    • Suscettibilità = tentativi di identificare e curare le persone nel presente in relazione alle malattia che si prevede dovranno soffrire in futuro
    • "sorveglianza molecolare" - categorizzazione degli individui in sani Vs patologici
    • Due categorie: predisposizione Vs rischio       pericolosità sociale in chiave di degenerazione
    • Predisposizione = legittima il movimento eugenetico nella prima metà del XX secolo
  • 11. Il rischio
    • L'uso delle scale del rischio per valutare le probabilità che un individuo sviluppi un disturbo.
    •  
    • Il sogno della diagnostica contemporanea della suscettibilità è l'esattezze molecolare, ovvero l'opportunità di identificare le origini del disturbo e prevenirle per
    • OTTIMIZZARE LE CHANCE DI VITA DI UN INDIVIDUO
  • 12. Il potenziamento
    • E' orientato (come la suscettibilità) al futuro e opera sia a livello corporeo che cognitivo.
    • L'inquietudine scaturisce dal passaggio "dalla normalizzazione alla personalizzazione" (Clarke et al 2003).
    • Chi chiede un potenziamento si caratterizza come un consumatore, ovvero sceglie in base a desideri che possono apparire banali, narcisistici o irrazionali, senza attinenza medica. 
    • L'obiettivo non è diventare un cyborg ma un umano ancora più biologico
  • 13. Sè neurochimico, neuropolitica e neuroetica
    • Il corpo ha smesso di essere un dato naturale, ma attraverso il potenziamento stiamo diventando sempre più cartesiani. 
    • Possiamo "dopare" il nostro cervello come il nostro corpo, ma è necessario rendersi conto delle implicazioni di questa scelta.
  • 14. La biopolitica del XXI secolo
      • Molecolarizzazione 
      • Ottimizzazione 
      • Soggettivazione
      • Competenza
      • Bioeconomia
  • 15. Salute come valore etico
    • Non siamo "pazienti" ovvero meramente recettori passivi della competenza medica.
    • Siamo consumatori capaci di scegliere in prima persona e di usare la medicina, le bioscienze, i farmaci e la medicina alternativa allo scopo di massimizzare e potenziare la nostra vitalità.
  • 16. Biosocialità
    • Termine coniato da Rabinow (1996) per caratterizzare le nuove forme di identificazione collettiva che stanno prendendo forma nell'era della genomica.
    • Questi gruppi si incontrano per condividere e capire il loro destino. 
  • 17. Thin di Lauren Greenfield
    • http://www.youtube.com/watch?v=IS4dMX65ZF0
  • 18.  
    •