I contributi della medicina tradizionale cinese

1,279 views
1,088 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,279
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
420
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Il riso cresce nell’acqua ed è un alimento molto ricco poiché riceve acqua, sole, terr
  • I contributi della medicina tradizionale cinese

    1. 1. I contributi della medicina tradizionale cinese per una lettura integrata dei significati dell’alimentazione
    2. 2. Introduzione alla dietetica cinese • La nascita della medicina, a Oriente e a Occidente, ha nell’uso dei cibi il suo elemento fondante. L’antico ideogramma cinese Yi, che indica medicina, è composto, in alto, dall’immagine di un uomo malato e, in basso, dal carattere jiu, che vuol dire vino, laddove con il vino si intende l’uso degli alimenti, anche modificati dal medico, come medicina. “di tutti i farmaci il vino è il più importante”Storia degli Han
    3. 3. La medicina nasce con l’uso del cibo • Nel Huang Di Nei Jing, il classico che fonda la medicina cinese, la cui redazione è coeva a buona parte dei testi del Corpus hippocraticum (V sec a.C.), la centralità del cibo viene così sintetizzata: “Cura con i farmaci, guarisci con i cibi”. • Ancor oggi, la dietetica, che nei secoli in Cina è stata organizzata in un sistema complesso, occupa un posto centrale nel sistema medico conosciuto con il nome di Medicina Tradizionale Cinese, che larga diffusione sta avendo anche tra i medici e le popolazioni occidentali.
    4. 4. Storia della dietetica cinese • Huang di Neijing (classico di medicina dell’imperatore giallo)dice”la parte finale di una malattia deve essere trattata con una dieta adeguata,perché un eccessivo uso di farmaci può portare a risultati deleteri” • Nel Suwen specifica”i 5 cereali sono il nutrimento, i 5 frutti sono utili, le 5 carni sono benefiche e le 5 verdure sono il complemento”
    5. 5. Dinastia Han Orientali • Nel Jin Gui Yao Lue di Zhang Zhongjing II° sec d.C. dice:“Cibi e bevande beneficano la salute solo se consumati in modo appropriato,… • possono diventare nocivi. • L’alimentazione infatti,può far recuperare la salute o peggiorare la situazione di un ammalato”
    6. 6. Il cibo è la nostra medicina gli alimenti i nostri farmaci • “Mangiare senza giudizio quando si è sani,significa costruire la propria malattia • Mangiare senza giudizio quando si è ammalati significa nutrire la propria malattia” • Ippocrate • (460/370 • a.C.)
    7. 7. Duemila e cinquecento anni di prescrizioni dietetiche • Per duemila e cinquecento anni, possiamo dire fino alla prima metà del XX secolo, in Occidente, il medico pratico ha prescritto regimi dietetici come parte integrante della terapia, passando dalla centralità dell’orzo di ippocratica memoria alla centralità ottonovecentesca della triade brodo di carne, pane bianco e vino rosso. • Poi, con il trionfo della chimica in medicina, il cibo e le piante, i due strumenti fondamentali nelle mani del medico, si sono trasformati in contenitori di “principi attivi” da cui produrre farmaci. • A questo punto, il regime dietetico non serve più, scompare dall’orizzonte culturale e dalla penna del medico; la sua prescrizione è riservata alle malattie metaboliche o al paziente che segue determinate terapie farmacologiche. In questo caso però, la prescrizione diventa proscrizione: niente zuccheri per i diabetici (oggi divieto rivisto), ecc.
    8. 8. La cultura medica degli anni ’60-70 declassifica l’alimentazione • Negli anni ’60 e ’70, anni del trionfo di massa della biologia riduzionista e della medicina, il cibo come modulatore della bilancia salute-malattia sembrava davvero un ferrovecchio, lo strumento di un sapere antiquato e di una medicina prescientifica, destinato a scomparire definitivamente dal paesaggio medico moderno. • In realtà, gli ultimi due decenni hanno riservato sorprese di portata generale. • Nel 1981, due scienziati inglesi, Richard Doll e Richard Peto, pubblicarono un libro sulle cause del cancro che ha segnato una svolta nell’identificazione dei principali fattori di rischio. Secondo Doll e Peto, oltre un terzo dei tumori ha cause alimentari e quasi un altro terzo è causato dal fumo di sigaretta.
    9. 9. OMS: la dieta ha forti effetti, positivi e negativi, sulla salute • Il punto di approdo di questo recupero della centralità del cibo nella prevenzione, può essere simbolicamente rappresentato dal documento diffuso nel 2003 dalla Organizzazione Mondiale della Sanità su “Dieta, nutrizione e prevenzione delle malattie croniche” • “La nutrizione – si legge nel documento- è venuta alla ribalta come un’importante, modificabile, causa determinante di malattie croniche (cancro, malattie cardiovascolari, diabete, obesità ecc). C’è una crescente evidenza scientifica che dimostra che modificazioni dietetiche hanno forti effetti, positivi e negativi, sulla salute nell’arco della vita.”
    10. 10. Medicina occidentale e MTC Yangsheng fa,ovvero l’arte di nutrire la vita Raccomandazioni WCRF 2007 Stile di vita per la prevenzione dei tumori
    11. 11. • L’esercizio facilita l’assorbimento delle sostanze essenziali dei cibi,promuove la circolazione del cibo e previene le malattie” (Hua Tuo II°sec.D.C.) •Tratta prima con la dieta, solo se ciò non funziona, allora usa le medicine." Sun Simiao, 581-682, Qianjin yaofang (Prescrizioni che valgono mille once d’oro)
    12. 12. DIETETICA • Dieta, dal greco “diaita “modo di vita in latino regimen= governo /condotta e diaeta = tenore di vita • In italiano regola di alimentazione per individui sani o malati che prescrive quantità e qualità degli alimenti • Il corso di laurea in Medicina Chirurgia,in Italia non contempla la “nutrizione umana” nell’ordine degli studi • Il personale medico nell’antica Cina (Dinastia Zhou(1123 - 221 a.C.) era diviso in 4 categorie : • Shi Yi = medici degli alimenti • Yi Yi = medici delle malattie(internisti) • Yang Yi=medici delle piaghe (i chirurghi e traumatologi) • Yi Shi medici maestri
    13. 13. REGOLE Equilibrio tra alimenti tonici(cereali e carni)e alimenti sazianti(verdure o legumi),il cambiamento di alimentazione a seconda della stagione,dello costituzione,l’età,dello stato psicofisico e dello stato di salute o di malattia. • -
    14. 14. CAUSE DI MALATTIA – costituzione • fattori climatici (cause esterne): vento, freddo, calore (estivo), umidità, secchezza • emozioni (cause interne): collera, euforia, preoccupazione e rimuginazione, tristezza, paura e shock • stile di vita (cause né interne né esterne): alimentazione, vita sessuale, attività psicofisica, sonno.
    15. 15. Tecniche terapeutiche • • • • • Agopuntura, coppettazione, moxibustione Dietetica Farmacoterapia Massaggio Tuina Qi gong, tai chi chuan
    16. 16. DIETETICA • Oggi la dietoterapia (shí liào ) fa parte della formazione di ogni medico di MTC(medicina tradizionale cinese) • La dietoterapia in Cina viene applicata il più delle volte sotto forma di dieta medicata (yào shàn) • - ha il fine di curare oltre a quello di prevenire le malattie
    17. 17. DIETETICA • Secondo la MTC il cibo possiede tre scopi ben distinti: • - nutrimento ponderale del corpo costituito da sostanze utili al mantenimento della propria forza fisica e quindi perfettamente sovrapponibile al concetto occidentale • - fornire il qi (l’energia) all’organismo, al fine di permettere il normale svolgimento delle sue funzioni. • - è nutrimento per lo Shen (mentale).
    18. 18. DIETETICA : I PRINCIPI • La dietetica cinese non è basata sulla biochimica né sullo studio delle molecole alimentari ma sulla emanazione energetica degli alimenti:sapori ed odori, elementi impalpabili ma insiti nel cibo,elementi che parlano delle proprietà nascoste nell’alimento, e che nel concetto della medicina tradizionale cinese sono l’energia qi che si libera dalla forma xing. • Ogni alimento si distingue per forma (Xing), qualità (Jing), natura(Qi), sapore(Wei), odore(Qi wei), tendenza direzionale (Shan), meridiani destinatari (Gui Jing)
    19. 19. Dolce Neutra SP – ST LU - tonifica la milza - nutre lo stomaco - regola l'attività di tutti gli organi zang - favorisce la discesa del qi - seda l'irrequietezza - seda la sete IL RISO – JING MI - Astenia, inappetenza, debilitazione, convalescenza - Vomito, diarrea, dissenteria - Sete, bocca secca da lesione dello yin di stomaco o calore - Diabete Immergere in acqua 30-60 gr di riso e cuocere fino ad ottenere una zuppa densa e cremosa. «Bere una tazza di questa zuppa ogni mattina a stomaco vuoto per tonificare lo stomaco e regolarizzare l'intestino.» Dal “Compendio di Materia Medica” [Ben Cao Gang Mu]
    20. 20. XING=materialità,corporeità • Forma • Colore • Consistenza
    21. 21. JING Fattori che influenzano il jing(vitalità,energia pura ) dell’alimento: • • • • • Luogo di provenienza Allevamento Serre Transgenia Conservazione(il jing è più presente nel prodotto fresco) • Concimi(culture biologiche)
    22. 22. NATURA (SI QI-4 ENERGIE): potenzialità racchiusa nel cibo di alterare la temperatura del corpo • La natura di un cibo è la potenzialità racchiusa in esso di alterare l’equilibrio corporeo in senso caldo e freddo (letteralmente si qi,quattro energie o nature). • Quando si parla della natura di un alimento ,si intende sempre la natura che quel prodotto ha quando è crudo
    23. 23. NATURA (SI QI-4 ENERGIE) : potenzialità racchiusa nel cibo di alterare la temperatura del corpo • RE-Calda (Peperoncino, Pepe, Cannella, Carne di agnello, grappa) • WEN-Tiepida (farro, carne di manzo, Pollo, Aglio, Basilico, Pesca, Ciliegia, Noce, Castagna, Gamberetti, Trota, Porro e finocchio) • PING-Neutra (Riso, Mais, Uovo, Zafferano, Uva, Fico, Lamponi, More, Latte, Piselli, Ceci, soia rossa. Mandorla, Sesamo, Olio d’oliva, Carpa ,Seppia, Carota, Patata, Cavolo) • LIANG-Fresca (Frumento, Orzo, Miglio, Carne di maiale, Coniglio, Origano, Salvia, Arancia, Mela, Pera, Fragola, Yogurt, Soia verde, Melanzana, Sedano, Spinaci, Carciofo, Insalata) • HAN-fredda (Anguria, Melone, Banana, Kiwi, Limone, Tofu, Vongole, Alghe marine, Pomodoro, Cetriolo, Sale )
    24. 24. Caffè,cannella,pepe,peperoncino natura calda
    25. 25. Farro-cozze-aglio-basilico zenzero natura tiepida
    26. 26. Riso,cavolobroccolo-cavolozafferano neutra
    27. 27. Alimenti di natura neutra liquerizia - soia rossa seppia- grano saraceno
    28. 28. Miglio menta mela,melanzana.carciofo fresca
    29. 29. Alga – Pomodoro – caco-kiwi Natura fredda
    30. 30. • Qualità percettibile di un alimento, sua componente sottile, capace di produrre modificazioni fondamentali in tutti i distretti corporei. • Il sapore suan,acido-aspro è legato al fegato(se sapore accessorio),il sapore ku è legato al cuore,il sapore gan è legato alla milza(dan sapore accessorio),xin è legato al polmone e xian al rene SAPORE (WEI); HT SP AMARO DOLCE LR LU ACIDO-ASPRO PICCANTE KI SALATO
    31. 31. SAPORE (wu wei) • I sapori della dietetica cinese sono molto tenui,in Occidente siamo abituati a sapori estremizzati che per i cinesi sono tossici Tossico, non vuol dire che fa male sempre,ma che è un sapore non naturale e non adatto all’organismo Non si dovrebbe usare il sapore tossico normalmente, ma potrebbe essere necessario per un periodo, per una data situazione
    32. 32. Sapori Tossici Più una sostanza è potente, sapore estremo, più facilmente produce effetti collaterali da prevenire o bilanciare . Più gravi sono gli effetti più l’alimento è definito “tossico”. Dolce è il sapore del cibo corrisponde al riso,mentre lo zucchero ,che non è dolce naturale è un dolce eccessivo e produce effetti eccessivi e viene classificato come “tossico”
    33. 33. Sapori d’intensità eccessiva che entrano nei prodotti di consumo frequente Acido: aceto e suoi derivati,limone in grande quantità(cibi sotto aceto) Amaro: caffè, tabacco,cioccolato, prodotti torrefatti Dolce: zucchero bianco e suoi derivati Piccante : alcool in tutte le sue preparazioni, peperoncino rosso , pepe Salato: tutti i prodotti conservati con il sale, sale eccessivo. Nella nostra società circolo vizioso di eccessi ” la gente beve caffè…si eccita e ha bisogno di fumare, poi di bere alcolici …e poi di prendere un altro caffè…. Intossicazione di sapori eccessivi…
    34. 34. GUI JING- tropismo, meridiani bersaglio Ogni alimento è in grado di trasmettere il proprio qi a specifici organi e strutture corporee,dirige la propria azione verso uno o più meridiani e,attraverso questi, agli organi corrispondenti,es: Sesamo e pinoli al KI Yin Noci e pistacchi al KI Yang Mandorle dolci per il LU Arachidi per SP e LU Semi di girasole al LR
    35. 35. Alimentazione nell’infanzia • Alimentazione sapore dolce naturale,cereali,debolmente rinfrescante e leggermente aspro come la frutta • • Preferire cibi cotti e tiepidi Eliminare alimenti di temperatura fredda (inverno) Limitare il più possibili sapori tossici, es . dolce dello zucchero,il piccante e il salato Tranquillità durante il pasto(no televisione,alzarsi o telefonare continuamente ) Preferire cibi freschi e di stagione,provenienti dalla zona in cui si vive, allevati naturalmente ecc… • • • •
    36. 36. L’ALIMENTAZIONE La preparazione dei cibi: abbinare bene cibi e sapori
    37. 37. • • • • • • • Tradizionalmente ci si orienta con l’aiuto dei colori degli alimenti: alimenti verdi si dirigono spesso a LR (carciofo, sedano, spinaci, tarassaco, germogli in generale). alimenti rossi si dirigono spesso a HT (barbabietola rossa, anguria, peperoncino). alimenti gialli si dirigono spesso a SP (carota, zucca). alimenti bianchi si dirigono spesso a LU (cipolla, rafano, latte). alimenti neri si dirigono spesso a KI (soia nera, sesamo nero, ribes nero L’uso smisurato di cibi di un unico sapore, colore… o la stessa preparazione possono causare malattia(Yin Shan Zheng Yao ,Principi per una dieta corretta) Hui Sihui)
    38. 38. La cottura dei cibi
    39. 39. L’ALIMENTAZIONE osservare i giusti orari
    40. 40. Cronobiologia ed l’alimentazione mangiare molto a colazione, molto a pranzo e meno possibile a cena (mangiare a colazione come un imperatore, a pranzo come un conte e a cena come un mendicante) cenare minimo 4 ore prima di coricarsi evitare di consumare cibi pesanti per cena(regola Zi/Wu mezzogiorno e mezzanotte)
    41. 41. • Zhou Li(Libro dei riti degli Zhou,XI-256 a.C.):ogni Dietetica stagione richiede sapori diversi:più acido in primavera,più amaro in estate,più piccante in autunno e salato in inverno. I sapori neutri e dolci vanno usati per armonizzare e bilanciare i gusti forti … • Ji Kang Ji : “i sapori troppo forti e le cucine elaborate tormentano gli organi interni” cinese
    42. 42. Primavera CHUAN, risveglio, rinascita,movimento d’inizio Fisiologia • Dosare l’acido che astringe e che può bloccare il fegato, dosare gli alimenti freddi contrari al movimento che nasce, favorire il piccante in dosi fisiologiche,che superficializza e tonifica il fegato. Aumentare gradatamente il salato. Occorre depurare il fegato affinchè sia depurato il sangue (il Fegato è il magazzino del sangue). E’ bene consumare verdure depuranti come cicoria, scarola, indivia, spinaci, tarassaco asparagi, ravanelli che sono di stagione. Si mangia più leggero che in inverno e si riduce la quantità di legumi, cereali, grassi, carni. Preferire i vegetali alle carni e assumere carote, bietole, carciofi, piselli, fave fresche, porri:carni fresche
    43. 43. “ Ciò che non è ancora apparso si previene facilmente . Agisci prima che qualcosa sia, crea l’ordine prima del disordine” Dao Te Ching (Cap LXIV), Lao Tze
    44. 44. E.B.M • Meat,fish ovarian cancer risk;results from 2 Australian case control studies,a systematic review,and meta-analysis • Fariba Kolahdooz,and all • Am.J.Nutr.2010;91:1752-63 • “Our results suggest that low consumption of processed meat and higher of poultry anf fish may reduce the risk of ovarian cancer” • Cancer prevention and diet.opportunities in Europe • Riboli E.,Norat T. • Public Health Nutr.2001 April;4(2B):475- 84 • Unit of Nutrition and Cancer , International Agency for Research on cancer,Lyon France • “…it is generally agreed that an increase in the consumption of vegetables and fruits and a decrease in the intake of read meat processed meat,alcoholic beverages,salt and salt preserved food should contribute to a reduction in the incidence of cancers of the digestive and respiratory tract
    45. 45. Giuseppe Di Mauro, presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale, • congresso nazionale 2010 della Sipps “abbiamo il poco invidiabile primato europeo dei bambini obesi (in Campania, per esempio, un bambino di otto anni su due è sovrappeso od obeso), si accumulano studi scientifici secondo cui il diabete di tipo due fa capolino sempre più spesso alla scuola media o giù di lì, si moltiplicano gli ipertesi che non hanno ancora la patente…”
    46. 46. LATTE • LATTE vaccino: “. Si tratta di un latte iperproteico, e l'eccesso di proteine fa male ai bimbi: incrementa infatti la secrezione di insulina e fattori di crescita che potenziano l'appetito e sono correlati a un maggior rischio di problemi metabolici e di accumulo di grasso corporeo”.
    47. 47. Progetto della Sipps «Mi voglio bene», • studio che coinvolgerà 180 pediatri italiani e 5400 neonati più un identico gruppo di controllo. «Vogliamo verificare se l'adozione di 10 semplici azioni preventive dell'obesità può ridurne il rischio a 6 anni», racconta Di Mauro.
    48. 48. Dieci azioni • • • • • • • • • favorire l'allattamento al seno l'introduzione di cibi complementari (frutta, biscotti), oltre il sesto mese apporto controllato di proteine entro i primi due anni l'esclusione di tè, succhi, bevande zuccherate fino a 6 anni la sospensione del biberon entro i due anni (prolungarne l'uso infatti favorisce il consumo di calorie di troppo) la spinta ad attività ludiche di movimento adatte all'età la valutazione da parte del pediatra di un eventuale incremento dell'indice di massa corporea prima dei sei anni, indicativo di un maggior rischio di obesità successiva sì alla TV ma solo dopo i due anni e per un massimo di 8 ore alla settimana l'uso di un atlante fotografico degli alimenti per la valutazione delle porzioni adatte all'età. «Seguiremo i bimbi a intervalli regolari nei primi 6 anni di vita, educando i genitori e verificando se e quanto seguiranno le indicazioni; l'obiettivo è farne adottare correttamente almeno 7, così da incidere positivamente sul rischio di obesità futura», conclude Di Mauro.

    ×