• Save
6. La civilta' minoico micenea (Creta e Micene)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

6. La civilta' minoico micenea (Creta e Micene)

on

  • 4,154 views

 

Statistics

Views

Total Views
4,154
Views on SlideShare
4,070
Embed Views
84

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
1

5 Embeds 84

http://lacittadellefrottole-q2.blogspot.it 71
http://lacittadellefrottole-q12.blogspot.it 7
http://lacittadellefrottole-q2.blogspot.com 3
http://lacittadellefrottole-q2.blogspot.com.es 2
http://lacittadellefrottole-q2.blogspot.ch 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • Ecco la domanda!
    Esistito o no l'iscrizione sulla La Porta dei Leoni , di Micene, che circolava su internet?

    http://www.unexplained-mysteries.com/gallery/images/10379/the-inscription-of-mycenae-lions-gate

    https://skydrive.live.com/?mkt=el-GR#!/view.aspx?cid=E39B50D7D9EA3235&resid=E39B50D7D9EA3235!132&app=WordPdf
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

6. La civilta' minoico micenea (Creta e Micene) 6. La civilta' minoico micenea (Creta e Micene) Document Transcript

  • LA PENISOLA GRECA E LE ISOLE DELL’EGEOSono indicate le principali località con ritrovamenti di età minoico-miceneao collegate ai più antichi miti greci. Isola di Creta: civiltà minoica Micene Micene sulla penisola greca: civiltà micenea
  • LA CIVILTA’ MINOICA SULL’ISOLA DI CRETALa civiltà minoica, attiva nell’età del bronzo nell’isola diCreta, fu la prima civiltà urbana del Mediterraneo a crearecittà dotate di strutture ben definite e con residenze simili aipalazzi mesopotamici.I palazzi cretesi erano costruiti con tecniche edilizieparticolari, diverse da quelle usate nelle case comuni: i muriperimetrali, per esempio, erano costituiti da grossi blocchi dipietra, invece che da comuni mattoni.Come i palazzi mesopotamici, anche questi palazzi eranoorganizzati attorno ad ampi cortili centrali, lungo il perimetrodei quali si disponevano gli altri ambienti. Erano rpivi dimura difensive, avevano più accessi, non seguivano principidi rigorosa assialità e simmetria, non ripetevano più volte glistessi elementi architettonici.
  • LEGENDA PIANTA DEL PALAZZO DI CNOSSO1) Gradinate e area del teatro; 14) Cortile del canale di pietra;2) Magazzini; 15) Sala dei colonnati;3) Cortile; 16) Sala delle doppie asce;4) Vestibolo; 17) Mégaron della regina;5) Corridoio con laffresco della 18) Bagno della regina;processione; 19) Rampe di scale;6) Ingressi e atri; 20) Cripte a pilastri;7) Propilei meridionali; 21) Sala della lustrazione;8) Santuario tripartito; 22) Portico;9) Vestibolo; 23) Case del periodo del palazzo;10) Sala del trono; 24) Area del palazzo con rovine di case posteriori;11) Sala settentrionale a pilastri; 25) Edifici anteriori del palazzo.12) Magazzini degli alti phithoi;13) Bastioni;
  • Tavolette in maiolica dipinta, ritrovate nell’area archeologica delPalazzo dia Cnosso, riproducono le facciate di case borghesiche sorgevano a Cnosso. Le case erano a più piani e, particolarerilevante, i locali prendevano luce da finestre.
  • PALAZZO DI CNOSSO
  • PALAZZO DI CNOSSO. Veduta del Palazzo con i restaurirealizzati dall’archeologo Arthur John Evans a fine XIX secolo.
  • FESTOFESTO. PLANIMETRIA DEL PALAZZO.Il Palazzo presentava un cortile centrale, intorno al quale ruotava la vitadel palazzo. Esso costituiva il luogo di ritrovo e di passeggio degli abitanti,e vi confluivano le derrate che venivano poi collocate nei magazzini.Centro di smistamento in ogni direzione, il Cortile centrale aveva intornoa sé i vari quartieri, divisi ma nello stesso tempo uniti tra di loro per mezzodi corridoi, ideati in funzione di scopi determinati; comunicanti, ma ancheindipendenti: questo problema della comunicazione e insieme dellaautonomia delle varie parti del Palazzo era stato genialmente risolto dagliarchitetti con un sapiente sfruttamento del cortile centrale.
  • LA CIVILTA’ MICENEA SULLA PENISOLA GRECALe principali città della civiltà micenea - Micene, Tebe, Atene –sorgevano su alture, in posizioni facilemnte difendibili, ed eranoprotette da mura monumentali costruite con blocchi di pietrasquadrati.All’interno delle cinte fortificate si trovavano edifici pubblici eprivati nonché i palazzi dei sovrani, organizzati intorno alla salaprincipale, il mégaron. Questo ambiente di forma rettangolare,conteneva il trono e un grande focolare centrale di forma rotonda,spesso circondato da quattro colonne disposte a quadrato, dototoprobabilmente di funzioni culturali.Attorno al mègaron si disponevano sale minori, residenziali e diservizio, spesso ornate di affreschi: vi si accedeva tramitevestiboli e cortili, spessoporticati.I palazzi micenei pur riprendendo alcune caratteristichearchitettoniche cretesi, come i porticati, si distinguevanonettamente dai palazzi minoici, che erano rpivi di fortificazioni,facilmente accessibili, molto più grandi e ricchi e conun’organizzazione molto meno rigida e ordinata.
  • PLANIMETRIA CITTA’ DI MICENE
  • MICENE, PORTA DEI LEONI.Costituisce l’ingressomonumentale alla cittadelladove sorgeva il Palazzo.L’enorme architrave monoliticomisura 4,50m di lunghezza,2m di spessore e 1m di altezzaed sormontato dal rilievo con idue leoni affiancati ad unacolonna. Le teste degli animali,ora mancanti, erano rivolteverso chi entrava a monito eminaccia per gli eventualiaggressori.
  • MICENE. IL TESORO DI ATREO. E’ la più grande di tutte le tombe atholos conosciute. La facciata in origine era riccamente decorata.