• Save
4. Egitto - Piramidi - prima parte
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

4. Egitto - Piramidi - prima parte

on

  • 1,246 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,246
Views on SlideShare
1,246
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

4. Egitto - Piramidi - prima parte 4. Egitto - Piramidi - prima parte Document Transcript

  • ANTICO EGITTOTerritorio attuale dell’Egitto
  • Territorio dell’antico Egitto
  • Impianto villaggio dell’antico EgittoEGITTO. INTORNI DELLA PIRAMIDE DI ZOSER (2700 a.C.circa).Un tracciato ortogonale regolava le aree costruite, tanto ilrecinto sacro quanto il villaggio degli schiavi addetti allacostruzione delle piramidi, o il quartiere riservato ai sacerdoti.
  • LA CIVILTA’ EGIZIAPRINCIPALI TIPOLOGIE COSTRUTTIVE: PIRAMIDE E TEMPIOLa civiltà egizia si sviluppò in un lunghissimo arco di tempo, ma conservò immutatenei secoli alcune caratteristiche fondamentali, anche per la scarsa disponibilità adaccogliere le influenze esterne.1. Nella società egizia il culto dei morti rivestiva un’importa fondamentale, al puntoche l’attività edilizia monumentale nell’Antico e Medio Regno riguardò principalmentel’architettura funeraria, destinata a celebrare la memoria e il prestigio dei defuntiillustri.Alle tradizionali sepolture a mastaba (parola derivata da un termine arabo chesignifica “panca”) si aggiunsero, a partire dall’Antico Regno, le piramidi, i monumentifunerari più grandiosi costruiti in Egitto.2. L’altra costruzione ricorrente e importante fu quella del tempio, cioè la casa delDio: una volta elaborato lo schema architettonico ritenuto migliore, questo simantenne inalterato anche durante il periodo greco e romano sino all’affermazionedel cristianesimo, senza riuscire tutta via mai a diffondersi fuori dell’Egitto.
  • MASTABA E PIRAMIDE IN EGITTOLe sepolture a mastaba erano costruite su due livelli:su quello superiore si ergeva un edificio a formatroncopiramidale, simile a un palazzo; da questo,attraverso un pozzo, si raggiungeva il livello inferiore ,che ospitava la camera funeraria.Le piramidi, come le mastabe, ospitavano la tomba inuna camera sotterranea, ma avevano dimensionicolossali e sorgevano in aree desertiche adibite anecropoli, rigidamente separate dalle città e dalla terradei vivi.Le piramidi simboleggiavano il potere personale delfaraone, ma nell’ultima fase del regno (Nuovo Regno) ifaraoni preferirono sepolture più modeste come tombesotterranee scavate nella roccia, impiegando semprepiù spesso le risorse dello Stato nella costruzione ditempli grandiosi, piuttosto che nell’edificazione delproprio sepolcro.
  • PIRAMIDE DI SAQQARA (2660 a.C. ca.) 1) Mastaba primitivo; 2) prima piramide a 4 gradoni; 3) piramide definitiva a 6 gradoni; 4) pozzo; 5) camera funeraria; 6) seconda cameraIl passaggio dalla mastaba alla piramide fu graduale e iniziò quandoDjoser commissionò la costruzione di una piramide a gradoni nell’anticanecropoli di Saqqara all’architetto Imhotep.Quest’ultimo ingrandì una mastaba già esistente, trasformandola in unapiramide prima a quattro poi a sei gradoni, raggiungendo così i 62 m dialtezza e le dimensioni di 121x106 m nella base.Il materiale utilizzato – blocchi di calcare squadrato – sostituiva i consuetimattoni crudi, facilmente deperibili: nasceva così l’architetturamonumentale in pietra, costruita per durare alungo nel tempo; in seguitofurono usate anche pietre pregiate come il granito.La piramide di Saqqara faceva parte di un complesso architettonicocomposto da templi, porticati, magazzini e circondato da un muro alto 10m.
  • Piramide di Snefru a Meidum
  • Interno di una piramide PIRAMIDE DI CHEOPE
  • Piramidi di Giza, IV dinastia, 2550-2500 circa a. C.Nella foto:in primo piano Piramide di Micerino," "La Piramide Divina", alta 65,5 m.,al centro quella di Chefren, "La Grande Piramide", 143,5 m.,poi quella di Cheope, "La Piramide che è il luogo dellalba del tramonto".La grande piramide di Cheope (Kufu ) si erge in tutti i suoi 146,6metri di maestosità perfetta nella pendenza (la cuspide misura76°), incredibilmente allineata con i quattro punti cardinali (loscarto è di appena 00°03’33"!), custode di conoscenza di altolivello: ad esempio, l’apertura di entrata, sulla facciata Nord,sprofonda all’interno con un’inclinazione di 26°18’10", pendenzache, alla latitudine del luogo, corrisponde esattamente all’altezzaa cui si trovava la stella Thuban, l’alpha Draconis (la "Coda delDrago"), che nel 2830 a.C. (IV dinastia) rappresentava la StellaPolare.