• Save
30. Donato Bramante - Michelangelo Buonarroti
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,749
On Slideshare
1,749
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
3
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. DONATO BRAMANTE
  • 2. IL TEMPIETTO DI S. PIETRO IN MONTORIO A ROMA (1502)DONATO BRAMANTE (1444-1514)Piccola opera darchitettura ma grande espresione del linguaggio classico rinascimentale.Il Tempietto fu costruito nel cortile quadrangolare della chiesa omonima. Nel progetto originale pure talecortile doveva essere circolare, poi non fu mai completato.Edificio a pianta centrale, quindi martiryum secondo le regole classiche delle tipologie architettonichecristiane risalenti al Paleocristiano e da qui al Romano, quì la tradizione vuole sia stato crocefisso S.Pietro. E i martiria avevano sempre pianta centrale.Il Tempietto in alzato consiste in due cilindri: peristilio (colonnato) e cella, in pianta è una serie di cerchiconcentrici, a partire dalle gradinate, al peristilio eIl peristilio, basso e largo, è composto da sedici colonne di granito di riporto (ossia prese da altri siti) diordine tuscanico: la scelta dellordine architettonico nn è casuale. Era regola dallantichità classica greca eromana che il tipo di ordine architettoncio scelto dovesse rappresentare la divinità per la quale il tempioveniva costruito: se per una divinità femminile si usava il corinzio, se per una divinità maschilepreferibilmente il dorico, che i Romani hanno evoluto in un successivo ordine detto tuscanico.La differenza degli ordini architettonici è soprattuto riconducibile al tipo di capitello usato per il sistemadella colonna, ed ha forme diversissime a seconda che sia dorico, ionico, corinzio, tuscanico, ecc....Qui Bramante usa il tuscanico perchè è adatto alla figura e al carattere di S. Pietro...Le colonne sorreggono una trabeazione classica decorata da metope e triglifi (tavolette lisce o scanalate)chiusa da una balaustra. Sulle metope sono rappresentati oggetti liturgici.La cella alta è organizzata in due ordini, della stessa proporzione sia in altezza sia in larghezza, ed écostituita da un corpo cilindrico a tamburo con nicchie e finestre divise da pilastri, sormontato da unampia cupola emisferica sia internamente che esternamente.Laltezza della cella, fino allattacco della cupola, è identico al diametro del peristilio: tutto è impostatosecondo regole precise di proporzione, che a eco sono presenti in tutte le parti dellopera.Tutto è condizionato dal desiderio di Bramante di ricreare forme antiche da porre al servizio delleesigenze cristiane del suo tempo, ed il risultato è unopera che diventa pietra di paragone per tutte le altrefuture.Nonostante le sue minuscole dimensioni, tra laltro, il Tempietto contiene il germe dei successivigrandiosi progetti di questo architetto per la ricostruzione della Basilica di S. Pietro: è al Bramante che sideve la posa in opera dei quattro pilastri che, ingranditi e resi più solidi da Michelangelo successivamente,reggeranno la cupola progettata da Michelangelo della Basilica di S. Pietro a Roma, e al centro dei qualifu collocato il famoso Baldacchino, opera seicentesca del Bernini e Borromini....ma di questo magari neparlerò più in avanti...alla cella.
  • 3. Il Tempietto, a pianta circolare, fu costruito nel cortile quadrangolare della chiesa omonima.Nel progetto originale anche tale cortile doveva essere circolare, poi non fu mai completato.
  • 4. Il Tempietto, a pianta circolare, fu costruito nel cortile quadrangolare della chiesa omonima.Nel progetto originale anche tale cortile doveva essere circolare, poi non fu mai completato.
  • 5. MICHELANGELO BUONARROTI
  • 6. FIRENZE, CHIESA DI S. LORENZO. SACRESTIA NUOVA
  • 7. CHIESA DI S. LORENZO. SACRESTIA NUOVA
  • 8. CHIESA DI S. LORENZO. SACRESTIA NUOVA
  • 9. CHIESA DI S. LORENZO. SACRESTIA NUOVA: TOMBA DI GIULIANO DE’ MEDICIStatua di Giuliano de’ Medici sovrastante la tomba sulla quale sono collocate le statue in marmocosiddette del “Giorno” e della “Notte”.
  • 10. CHIESA DI S. LORENZO. SACRESTIA NUOVA: TOMBA DI LORENZO DE’ MEDICI DUCA DIURBINO.La statua di Lorenzo de’ Medici è alta 1.78 m, quella del Crepuscolo è lunga 1.95 m e quelladell’Aurora 2.03 m.
  • 11. BIBLIOTECA LAURENZIANA: VEDUTA DEL VESTIBOLO CON LO SCALONEESEGUITO DA B. AMMANATI SU PROGETTO DI MICHELANGELO.
  • 12. BIBLIOTECA LAURENZIANA: VEDUTE DEL VESTIBOLO
  • 13. BIBLIOTECA LAURENZIANA. IL VESTIBOLOBIBLIOTECA LAURENZIANA. SALA LETTURA
  • 14. PIAZZA DEL CAMPIDOGLIOVEDUTA DELLA PIAZZA IN UNA STAMPA STORICA
  • 15. PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO PRIMA DELL’INTERVENTO DI MICHELANGELO PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO DOPO L’INTERVENTO DI MICHELANGELO
  • 16. PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO. PROGETTO DI MICHELANGELO
  • 17. PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO A ROMA. PIANTA E VEDUTE AEREE
  • 18. PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO. PALAZZO SENATORIO
  • 19. PIAZZA DEL CAMPIDOGLI. PALAZZO DEI CONSERVATORIPIAZZA DEL CAMPIDOGLIO A ROMA. MUSEI CAPITOLINI
  • 20. PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO A ROMA. MUSEI CAPITOLINI, Sezione
  • 21. PIAZZA DEL CAMPIDOGLIO. STATUA DELL’IMPERATORE ROMANO MARCO AURELIO ALCENTRO DELLA PIAZZA
  • 22. NUOVA BASILICA DI SAN PIETRO A ROMA PIANTA Progetto di Michelangelo