Progetto ricerca - Cooperativa Ceramica d'Imola

  • 899 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
899
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1.  Luisa Meloni
  • 2. Progetto di ricerca per l’analisi del clima organizzativo Luisa Meloni  1. Descrizione del caso1.1 Profilo AziendaStoriaIl  22  giugno  1874  Giuseppe  Bucci  cede  ai  suoi  operai  la  propria  fabbrica  di  stoviglie  e  maioliche,  risalente  alla   metà   del   Settecento,   con   la   volontà   di   contribuire   “al   progresso   dell’industria   e   al   miglioramento  economico  dei  suoi  lavoratori”.    Il   credo   del   padre   fondatore,   dichiarato   nel   Patto   di   Fratellanza   sottoscritto   dai   soci   storici,   è   da   allora  divenuto  lo  stile  dell’azienda:  salvaguardare  e  promuovere  il  lavoro  come  bene  fondamentale  dell’individuo  e  della  società,  come  necessità  primaria  in  grado  di  trasformare  non  solo  la  realtà,  ma  l’uomo  stesso.    Con   questi   nobili   presupposti   nasce   la   Cooperativa   Ceramica   d’Imola,  la   più   antica   Cooperativa   di  Produzione  e  Lavoro  d’Italia,  che  da  oltre  un  secolo  unisce  storia  e  cultura.    Verso   la   fine   del   ‘800   apre   la   Sezione  Artistica  e   la   partecipazione   all’Esposizione   di   Torino   dà   il   via  all’ingresso  ufficiale  dell’azienda  Imolese  nel  mercato  internazionale.  Qualità  materica,  freschezza  dei  colori  e  dei  decori  diventano  da  subito  il  marchio  di  fabbrica  di  Cooperativa,  che  nel  900  si  afferma  come  assoluta  protagonista   nella   produzione   di   piastrelle.   Avanguardie   storiche,   nuove   istanze   estetiche,   artigianali   e  tecnologiche   vanno   ad   integrarsi   ed   arricchire   la   gamma   dei   prodotti,   portando   all’inevitabile   ampliamento  degli   stabilimenti:   una   vetreria   di   fine   ‘800   verrà   convertita,   grazie   ad   un   grande   progetto   di   recupero  architettonico,  in  nuovo  stabilimento  di  produzione  ceramica;  oggi  questo  edificio  è  un  esempio  mirabile  di  archeologia  industriale,  sede  attuale  del  Museo,  della  Sala  Mostra  e  della  Bottega.    Anche   il   Re   d’Italia   Vittorio   Emanuele   III   visiterà   Cooperativa   Ceramica   d’Imola,   testimoniando   -­‐   come   in  seguito   faranno   molte   altre   figure   istituzionali   e   del   mondo   dell’arte   -­‐   la   raggiunta   notorietà   nazionale  dell’Azienda  Imolese.  La   fusione   di   sensibilità   artistica   e   innovativo   spirito   imprenditoriale   contraddistingue   i   traguardi   ottenuti  sin  dai  primi  anni  ’90,  periodo  segnato  da  altri  significativi  sviluppi:  il  varo  della  nuova  sede  caratterizzata  dalla   volontà   di   unire   tradizione   ed   innovazione   e  l’acquisizione   di   due   nuove   società,   Ceramica   LaFaenza  nel  1991  e  Leonardo  1502  nel  1993.    Cooperativa  Ceramica  d’Imola  raggiunge  negli  anni  2000  i  vertici  del  settore,  diventando  in  pochi  anni  un  punto   di   riferimento   internazionale   nella   ceramica   innovativa   di   alta   qualità:   dalla   tradizionale   bicottura,  l’azienda  amplia  la  propria  gamma,  spaziando  dalla  monocottura  alla  bicottura  rapida,  dal  gres  porcellanato  smaltato   al   più   moderno   gres   porcellanato   a   tutto   spessore,   fino   ai   pezzi   speciali,   al   decorato   e   al   terzo  fuoco.  Oggi   nei   suoi   stabilimenti   vengono   progettate   e   prodotte   nuove   sofisticate   soluzioni  per   l’edilizia  come   i   grandi   formati,   ma   anche   soluzioni   rivolte   al   settore   domestico,   urbano   e   industriale,   vengono  brevettate   ed   applicate   tecniche   innovative   di   stampa   digitale   come   il   Colour   Definition   System,   vengono  rispettate  -­‐  attraverso  sistemi  certificati  di  gestione  qualitativa  -­‐  le  norme  ambientali,  nonché  avviati  nuovi  processi  ecologici.  Divenuto  uno  dei  più  grandi  Gruppi  internazionali  di  settore,  simbolo  del  più  sofisticato  Made  in  Italy  nel  mondo,  Cooperativa  Ceramica  d’Imola  sa  ispirarsi  ancora  oggi  alla  stessa  filosofia  che  ha  segnato   la   sua   nascita:  salvaguardare   e   promuovere   il   lavoro   ed   il   progresso   come   beni   fondamentali  dell’individuo.     1  
  • 3. Progetto di ricerca per l’analisi del clima organizzativo Luisa Meloni aIl gruppoArte   e   Industria   solo   le   due   anime   che   si   fondono   in   questa   grande   realtà   produttiva.   È   da   questo   connubio  esclusivo   che   nasce   il   successo   internazionale   di   Cooperativa   Ceramica   d’Imola.   4   marchi   presenti   sul  mercato  -­‐   ImolaCeramica,   LaFaenzaCeramica,   LeonardoCeramica,   ClipTile   -­‐  7   stabilimenti  in   cui   lavorano  più   di  1.900   dipendenti,   una   capacità   produttiva   di  oltre  25.000.000   mq  destinati   all’edilizia   residenziale   e  non,  un  fatturato  consolidato  di  oltre  300.000.000  Euro,  e  un  livello  di  esportazioni  attestato  sul  70%  della  sua  produzione  di  piastrelle  industriali.  Numeri  che  evidenziano  un  impegno  costante  nel  raggiungimento  di  standard  qualitativi  sempre  più  elevati:  innovazione  tecnologica  e  ricerca  nel  design  come  mission  e  priorità  Aziendali,   confermate   da   investimenti   che   nel   triennio   2006/2008   hanno   superato   i  130.000.000   di   Euro.  Numeri  e  risultati  che  però  non  prescindono  mai  dal  forte  radicamento  del  Gruppo  con  il  suo  territorio,  con  i  suoi  136  anni  di  storia  e  di  traguardi.  Dietro  la  forza  dei  numeri  c’è  la  ricchezza  degli  uomini  che  lavorano  in  Azienda,  dei  valori  e  delle  esperienze  che  sono  in  grado  di  trasmettere.    Arte   e   Industria   quindi,   ma   anche   Industria   e   Valori   Umani   sono   da   sempre   il   punto   di   forza   del   Gruppo:   gli  ingredienti   esclusivi   che   hanno   affascinato   e   continuano   ad   affascinare   chi   entra   in   contatto   con   la   sua  realtà.   Risorse   in   cui   Cooperativa   Ceramica   d’Imola   continua   a   credere   e   a   riconoscersi,   valori   su   cui  investire  per  raggiungere  futuri  primati  industriali.     Ampia   gamma   progettata   per   soddisfare   ogni   esigenza   di   arredo.   Ideale   nel   coniugare   armonicamente   estetica   e   praticità.   Perfetta   nella   capacità   di   vestire   gli   spazi   residenziali   e   ricca  di  soluzioni  pensate  per  architetti,  designers,  progettisti  e  per  le  grandi  opere  di  edilizia     moderna.   La   materia   esprime   una   nuova   eleganza   nelle   avanzate   soluzioni   di   design.   Decori   dal   gioco   prezioso,  innovativi  effetti  di  supeficie,  smalti  di  qualità  ed  impatto  estetico,  una  ricca  gamma   di  moderne  gradazioni  cromatiche  ideali  per  progetti  di  alto  livello  ceramico.  Un’innata  ricerca   estetica  e  tecnologica  che  si  traduce  in  collezioni  perfette  per  le  ambientazioni  più  ricercate.     La  ricerca  di  nuovi  e  più  avanzati  materiali  ceramici  ha  portato  alla  registrazione  di  brevetti  di   nuovi   sistemi   di   produzione   e   alla   continua   evoluzione   di   un   prodotto   esclusivo   per   le   caratteristiche   tecniche   e   qualità   estetiche.   ClipTile   è   un   sistema   in   gres   porcellanato   che,     grazie   al   telaio   plastico   con   aggancio   automatico,   permette   una   posa   in   opera   con   pochi   e   semplici  passaggi.   La  perfezione  sta  nell’equilibrio  fra  stile  e  tecnologia,  che  nella  loro  sintesi  disegnano  i  contorni   della  creatività.  Dalla  progettazione  rigorosa,  rispettosa  dell’uomo  e  delle  sue  regole  abitative,   nasce   Leonardo   Ceramica.   Geometria   e   armonia   domestica,   tecnologia   e   living   design   per     un’arte  che  diventa  industria:  impronte,  colori,  luci  che  si  ispirano  alla  natura  per  raggiungerne   l’essenza  più  minimale.   La  divisione  di  servizio  di  Cooperativa  Ceramica  d’Imola  nata  per  fornire  ai  progettisti  risposte   puntuali,  garantite  da  un  prodotto  e  da  un  servizio  inimitabile.  La  sicurezza  di  un  solo  grande   interlocutore  per  le  grandi  opere:  dalla  stesura  del  progetto  all’assistenza  tecnica  e  alla  messa   in   posa   dei   materiali.   Dalle   soluzioni   tecnologiche   delle   pareti   ventilate   alle   innovative   pavimentazioni  sopraelevate.  Un  servizio  completo,  altamente  personalizzato  su  ogni  esigenza   progettuale.     2  
  • 4. Progetto di ricerca per l’analisi del clima organizzativo Luisa Meloni  LaFaenza: La tradizione ceramica guarda al futuroE’  all’inizio  degli  anni  ’60,  in  un  periodo  di  rinnovamento  culturale,  che  l’Azienda  Ceramica  LaFaenza  inizia  il  suo  percorso  produttivo.  Una  storia  in  cui  fin  da  subito  fu  percepibile  l’abilità  dei  suoi  soci  fondatori  di  unire  la  tradizione  ceramica  faentina  con  le  suggestioni  creative  che  ispirarono  quegli  anni.    Un’attitudine   progettuale   inaugurata   dalla   firma   prestigiosa   di   Carlo   Zauli,   Direttore   Artistico   e   Designer  aziendale   fino   ai   primi   anni   ’90   -­‐   autore   di   piastrelle   esclusive   di   marchio   LaFaenza   tutt’ora   esposte   nel  Victoria  &  Albert  Museum  di  Londra     -­‐  artefice  per  l’azienda  di  un  percorso  improntato  sull’interpretazione  della  superficie  ceramica  e  la  ricerca    dell’eleganza  più  raffinata.  Fu   proprio   Zauli   l’anima   propulsiva   di   un   rinascimento   materico   che   diede   vita   al   connubio   perfetto   di  design  e  produzione  industriale:  una  sinergia  che  divenne  immediatamente  marchio  di  fabbrica  LaFaenza.    Uno  stile  ed  una  visione  di  design  che  ha  introdotto  l’arte  nella  vita  di  tutti  i  giorni  e  che  ancora  oggi  ispira  le  collezioni  firmate  LaFaenza,  rendendole  protagoniste  raffinate  nel  mercato  della  ceramica.  L’unicità  delle  materie  prime  accuratamente  selezionate,  della  più  elevata  tecnologia  di  lavorazione,  della  costante   ricerca   di   soluzioni   estetiche   sempre   inedite,   di   lastre   in   grande   formato,   fanno   di   LaFaenza   un  marchio   leader   internazionale   per   capacità   produttiva,   un   vero   e   proprio   interprete   dei   nuovi   bisogni   del  mercato.   Tradizione   e   innovazione   come   sinergia   tra   competenza   tecnica   e   creatività:   l’unicità   dell’arte  ceramica  LaFaenza.  1.2 Delimitazione dell’oggettoA  seguito  dell’entrata  nel  gruppo  Cooperativa  Ceramica  d’Imola,  si  è  rilevata  una  tensione  crescente  tra  gli  operatori  di  Azienda  Ceramica  LaFaenza.  La  ricerca  intende,  innanzitutto,  capire  come  è  stato  percepito  il  cambiamento  dovuto  all’entrata  nel  Gruppo.      Delineamo  i  cambiamenti  effettivamente  avvenuti:    − sostituzione  del  vecchio  Team  Management  con  uno  nuovo  imposto  dalla  Cooperativa    − cambiamento  dellimmagine  coordinata  − modifiche  estetiche  alla  sede  − riorganizzazione  ambienti  relax  e  aree  comuni    − introduzione  di  nuovi  macchinari  nel  processo  produttivo    − nuovi  orari  di  lavoro    − tagli  ai  premi  di  produzione      In   breve,   si   è   verificata   una   centralizzazione   della   governance   nella   casa   madre,   con   l’imposizione   di   un  nuovo   Team   Management.   Sebbene   si   sia   scelto   di   mantenere   le   sedi   e   i   marchi   (diversificandone   la  mission),   i   dipendenti   di   LaFaenza   hanno   vissuto   in   modo   traumatico   l’adozione   di   una   nuova   immagine  coordinata,   che   ha   comportato   inoltre   un   forte   cambiamento   estetico   della   sede   (dal   bianco/blu   al  nero/giallo).  A   ciò   si   aggiungono   le   critiche   alle   scelte   organizzative   del   nuovo   Team   Management,   considerate  svantaggiose.  Viene  avvertita  una  netta  discontinuità  tra  vecchia  e  nuova  cultura  organizzativa.    Al  momento  non  sono  stati  riscontrati  cali  di  produttività,  ma  è  ciò  che  si  teme.     3  
  • 5. Progetto di ricerca per l’analisi del clima organizzativo Luisa Meloni a2. Impostazione teorica della ricercaPer  quanto  riguarda  l’approccio  teorico  utilizzato,  particolarmente  appropriato  al  nostro  caso  è  il  concetto  di  cultura  organizzativa  proposto  da  Schein:  studiare  unorganizzazione  equivale  a  studiare  la  sua  cultura.    La   cultura   organizzativa   è   linsieme   coerente   di   assunti   fondamentali   che   un   dato   gruppo   ha   sviluppato  nell’affrontare   i   problemi   di   adattamento   esterno   e   di   integrazione   interna.   Questi,   avendo   funzionato   in  situazioni  critiche,  sono  ritenuti  validi,  e,  in  quanto  tali,  possono  essere  trasmessi  ai  nuovi  membri.    La   conoscenza   di   una   cultura   organizzativa   procede   attraverso   unanalisi   che   si   sviluppa   a   diversi   livelli   di  profondità:  1. ARTEFATTI:   sono   i   prodotti   immediatamente   osservabili   di   una   data   organizzazione.   L’osservazione   attenta  degli  artefatti  è  il  primo  passo  della  nostra  analisi.    2. VALORI   ESPLICITI:   si   tratta   della   sfera   dei   discorsi   manifesti,   spesso   creati   e   messi   in   circolare   dal   Management,  con  lintento  di  rafforzare  il  senso  di  appartenenza  e  solidarietà,  di  individuare  i  pericoli  e   i  nemici  esterni,  di  chiarire  e  legittimare  le  scelte  dellorganizzazione,  di  creare  consenso  tra  i  membri.      3. ASSUNTI   DI   BASE:   sono   le   convinzioni   profonde   e   inespresse,   date   talmente   per   scontate   da   non   attrarre   lattenzione   e   di   cui   spesso   i   membri   non   sono   nemmeno   del   tutto   consapevoli.   Si   tratta   del   livello   più   importante   per   capire   lanima   dellorganizzazione,   le   motivazioni   profonde   delle   azioni   dei   suoi  membri  e  il  modo  in  cui  questi  sono  stati  selezionati  e  plasmati.  Questi  assunti  riguardano  i  campi   universali   dellesperienza   umana,   come   il   rapporto   con   la   natura,   la   percezione   del   tempo,   la   natura   delluomo,  le  attività  umane  e  le  relazioni  tra  le  persone.  La   cultura   ha   origine   nel   gruppo,   persone   che   sono   state   insieme   il   tempo   sufficiente   per   aver   condiviso  problemi   significativi,   averli   affrontati,   aver   osservato   gli   effetti   delle   soluzioni   e   aver   trasmesso   quelle  soluzioni  ai  nuovi  arrivati.  Il  gruppo  è  tanto  più  forte  quanto  più  condivide  esperienze  comuni.    La   cultura   organizzativa   non   è   fatta   quindi   di   idee   astratte,   ma   di   risposte   a   problemi   concreti.   Risposte  valide   riducono   lansia   dei   dipendenti,   ossia   quello   stato   d’animo   che   nasce   in   ambienti   sconosciuti   o   ostili,  quando  non  si  riesce  a  percepire  un  ordine  o  una  coerenza  interna.    Schein  distingue  in  due  grandi  categorie  di  problemi:    1. Adattamento   del   gruppo   allambiente   esterno:   riguardano   gli   obiettivi,   le   strategie   e   i   mezzi   per   realizzare  obiettivi  e  valutazioni  delle  prestazioni.    2. Adattamento  del  gruppo  allambiente  interno:  riguardano  la  capacità  dellorganizzazione  di  funzionare   come   gruppo.   È   necessario   riflettere   sui   criteri   di   inclusione,   distribuzione   del   potere,   gestione   di   amicizia,   confidenza   e   affetto,   premi   e   punizioni.   Occorre   consenso   sullideologia,   sul   sistema   dei   discorsi  con  cui  attribuire  significato  e  ridurre  lansia  dei  membri  di  fronte  a  eventi  traumatici.  Per   affrontare   questi   problemi,   lorganizzazione   sviluppa   degli   assunti  che   per   essere   considerati   validi  devono   funzionare   bene.   Il   patrimonio   di   assunti   formatisi   con   lesperienza   costtuiscono   la   cultura  dellorganizzazione,  che  deve  essere  costantemente  verificata  e  adattata  alle  nuove  esigenze.    La   trasmissione   della   cultura   aziendale   ai   nuovi   membri   è  facile   se   si   ha   a   che   fare   con   persone   giovani   non  ancora  formate,  più  complicata  se  i  nuovi  membri  entrano  con  idee  ed  esperienze  proprie.  Lo  studio  delle  culture   organizzative   deve   estendersi   ai   processi   di   socializzazione   dei   nuovi   membri   (come   la   cultura   viene  trasmessa  recepita  e  adattata),  alle  risposte  date  ad  eventi  critici  (che  formano  il  patrimonio  di  ricordi  che  concorrono  a  formare  lidentità  collettiva  dellorganizzazione)  e  alle  anomalie.     4  
  • 6. Progetto di ricerca per l’analisi del clima organizzativo Luisa Meloni  3. Obiettivi della ricercaObiettivi:        -­‐    conoscenza  dell’attuale  clima  organizzativo              -­‐    raccolta  e  sistematizzazione  di  informazioni  utili  a  rilevare  criticità  e  predisporre  interventi  mirati              -­‐    effetti  motivanti  e  di  coesione              -­‐    misurazioni  ripetibili  nel  tempo  delle  conseguenze  delle  azioni  intraprese  L’analisi  del  clima  organizzativo  intende  essere  innanzitutto  una  fotografia  della  situazione  esistente,  fase  preliminare  del  progetto,  i  cui  obiettivi  saranno  proprio  quelli  di  rivelare  criticità  e  raccogliere  informazioni  per   mirare   gli   interventi   delle   fasi   successive.   Sulla   base   dei   dati   emersi   e   delle   conseguenti   riflessioni,   è  possibile  pianificare  interventi  che  possono  essere  formativi,  strutturali  o  relazionali.  Lanalisi   sul   clima   è   il   primo,   valido   intervento   cui   lorganizzazione   può   ricorrere:   infatti,   latto   stesso   di  effettuare   unanalisi   ha   di   per   sé   effetti   motivanti   e   di   coesione;   assume   spesso   un   ruolo   motivante   per  l’interesse   concreto   dimostrato   verso   i   lavoratori,   la   responsabilizzazione   ed   il   contributo   a   cui   tutti   sono  chiamati.   Allo   stesso   tempo   può   favorire   l’aumento   di   coesione   poiché   l’obiettivo   è   comune   a   tutti   ed   è  consuetudine  condividere,  con  i  partecipanti,  le  varie  fasi  ed  i  risultati  in  riunioni  ed  incontri  di  gruppo.  A  tale  riguardo  bisogna  porre  attenzione  all’eventuale  rilevazione  delle  aspettative  che,  qualora  l’azienda  non  fosse   in   grado   di   soddisfare   né   di   spiegare   i   motivi   dell’impossibilità   di   concretizzare   le   esigenze  manifestate,  potrebbe  produrre  un  effetto  altamente  demotivante.    Sempre  auspicabile  è  la  rimisurazione  a  distanza  di  tempo  del  clima  o  di  alcune  variabili  individuate  per  il  loro  rilievo.  In  questo  modo  è  possibile  studiare  gli  effetti  delle  azioni  intraprese  e  misurare  i  cambiamenti  intervenuti  confrontando  i  dati  delle  diverse  analisi.  Similmente   a   un   check-­‐up   diagnostico,   si   misurano   vari   indicatori   allo   scopo   di   ottenere   un   quadro   della  situazione.  Abbiamo  deciso  di  analizzare  le  seguenti  dimensioni:  - Coinvolgimento:   partecipazione   alla   vita   organizzativa   che   consente   una   misurazione   del   coinvolgimento   nei   risultati   dellimpresa,   della   presenza   della   sensazione   di   ricoprire   un   ruolo   importante  ed,  infine,  della  motivazione  al  lavoro.  - Coesione:   spirito   di   gruppo   e   di   squadra,   elemento   fondamentale   per   raggiungere   standard   elevati.   Assicura   supporto   nei   momenti   di   tensione   e   porta   a   considerare   i   colleghi   fruitori   delloperato   di   ognuno.  - Sostegno:  percezione  dellambiente  relazionale  e  in  particolare  del  supporto  offerto  dai  superiori.  Può   consentire  anche  una  misura  della  fiducia  del  personale  nei  colleghi  e  nella  direzione  dellazienda.  - Autonomia:   grado   di   indipendenza   esperito   nel   svolgere   i   compiti   ed   attuare   scelte   lavorative.   Indici   bassi   di   autonomia   associati   ad   indici   elevati   di   pressione   lavorativa   o   di   bassa   presenza   di   supporto   emotivo   vengono   considerati   degli   indicatori   di   possibili   condizioni   sfavorevoli   per   la   sicurezza   lavorativa;  - Orientamento   al   compito:   importanza   attribuita   al   raggiungimento   degli   obiettivi   lavorativi   e   della   presenza   di   efficienza   nel   contesto.   Influisce   sulla   motivazione   lavorativa   e   determina,   assieme   ad   altre   dimensioni,  la  qualità  della  prestazione  lavorativa.  - Pressione  lavorativa:  livello  di  stress  esperito  dalle  persone  in  rapporto  al  proprio  lavoro.     5  
  • 7. Progetto di ricerca per l’analisi del clima organizzativo Luisa Meloni a- Chiarezza  dei  compiti  e  ruoli:  grado  di  chiarezza  dei  lavoratori  in  relazione  a  quanto  devono  fare,  a  chi   devono  rivolgersi  e  quali  sono  le  competenze  che  in  gioco  nella  loro  posizione;  sono  potenti  indicatori   del  grado  di  organizzazione  di  un’azienda  e  su  possibili  conflitti  e  disservizi  alla  clientela.  - Comfort:  percezione  della  sicurezza  nei  luoghi  di  lavoro.  Vengono  considerati,  in  particolare,  i  seguenti   fattori:  condizioni  igieniche,  rumorosità,  temperature,  dotazione  di  strumenti  e  macchine.  - Fluidità  e  disponibilità  delle  informazioni:  percezione  esperita  dai  lavoratori  sulla  possibilità  di  essere  a   conoscenza  di  vari  aspetti  lavorativi,  di  comprendere  le  politiche  aziendali,  di  chiarire  eventuali  dubbi,   di  operare  secondo  le  modalità  stabilite  e  di  essere  consapevoli  dei  rischi  lavorativi.  - Equità:  vissuto  dei  lavoratori  rispetto  al  conferimento  di  incarichi,  livelli  e  mansioni  affidate  e  che  può   essere  messa  in  relazione  con  la  motivazione.    4. MetodologiaLanalisi   del   clima   organizzativo   è   condotta   seguendo   il   metodo   della   ricerca-­‐intervento:   si   raccolgono   e  analizzano  dati  allo  scopo  di  intervenire  sul  sistema  osservato.  Al   fine   di   raccogliere   informazioni   per   predisporre   gli   strumenti   più   adeguati,   formulare   ipotesi   e  concordare   i   passaggi   delle   analisi   con   il   cliente,   saranno   necessari   diversi   incontri   e   riunioni.   Sarà  fondamentale   coinvolgere   attivamente   tutti   i   lavoratori.   Passaggi   molto   delicati   sono   gli   incontri   con   i  sindacati  e  la  diffusione  delle  informazioni  a  tutti  gli  addetti,  durante  tutta  la  durata  dell’attività.  Predisposizione dell’indagine:§ Luoghi  di  ricerca:     ambienti  comuni    § Tempi  di  ricerca:     orario  di  lavoro  § Strumenti  di  ricerca:   − riunioni  e  interviste  in  profondità  con  il  Team  Management   − questionario  costruito  ad  hoc  da  compilare  in  forma  anonima;  il  questionario,  da  somministrare  a   tutti  i  dipendenti,  è  stato  predisposto  facendo  riferimento  alle  dimensioni  sopra  elencate     − focus  group  su  campioni  di  dipensenti  di  ogni  settore   − incontri  con  i  rappresentanti  dei  Sindacati   − scambi  informativi  con  i  quadri   − Intervista  semi-­‐strutturata   − osservazioni     6  
  • 8. Progetto di ricerca per l’analisi del clima organizzativo Luisa Meloni  5. ConclusioniIpotesi generaleLa   sostituzione   del   vecchio   e   familiare   Team   Management   e   la   rivoluzione   estetica   della   sede   sono   state  vissute   in   modo   traumatico   dai   dipendenti.   È   venuta   improvvisamente   a   mancare   l’identificazione   con  l’azienda  e  questo  spaesamento  ha  portato  i  dipendenti  a  rapportarsi  al  luogo  di  lavoro  in  modo  freddo  e  impersonale.   Come   conseguenza   di   queste   tensioni   latenti,   in   modo   preventivo,   tutti   i   cambiamenti  apportati   dal   nuovo   Team   Management   non   sono   stati   percepiti   come   elementi   di   reale   innovazione   e  miglioramento  della  condizione  lavorativa.    Risulta  fondamentale  ripristinare  il  senso  di  appartenenza  e  identità,  sottolineando  la  continuità  tra  vecchia  e   nuova   gestione,   facendo   appello   alla   lunga   storia   e   tradizione   che   accomuna   LaFaenza   e   il   gruppo  Cooperativa  Ceramica  d’Imola.    È  necessario  puntare  sugli  aspetti  impliciti,  informali,  simbolici,  per  valorizzare  e  dare  dignità  al  lavoro  come  fonte  di  soddisfazione  e  benessere,  come  strumento  atto  a  migliorare  la  qualità  della  vita.  Deve  essere  costantemente  rimarcato  come  l’uomo  e  la  dimensione  umana  sia  -­‐  storicamente  -­‐  la  forza  del  gruppo,  valorizzando  quindi  la  relazione  tra  organizzazione  e  persone.    Lazienda  deve  prendersi  cura  del  dipendente,  renderlo  partecipe  dello  sviluppo  dellazienda.   Fondamentali  in   tal   senso   risultano   comunicazione   e   scambio   di   informazioni,   strumenti   utili   per   la   condivisione   delle  innovazioni   tecniche,   obiettivi,   momenti   critici   e   traguardi   raggiunti,   insomma   della   cultura   aziendale   in  genere.   Si   passerà   così   da   unottica   di   diffidenza   a   una   di   vera   collaborazione,   nella   quale   linteresse  dell’azienda  ha  valore  perché  va  nella  stessa  direzione  di  quella  del  dipendente.  Ipotesi operativeÈ   necessario   sottolineare   come   tutte   le   proposte   operative   mirano   a   migliorare   la   comunicazione   interna  e/o  esterna,  si  tratti  di  attivare  strumenti,  sviluppare  servizi  già  esistenti,  creare  ambienti  e  situazioni.   Investire  sulla  comunicazione  identitaria  del  gruppo  attraverso  l’ideazione  e  la  condivisione  del  nuovo   pay  off  e  dei  suoi  significati.   Modificare   lo   stile   di   leadership   adottato   dai   dirigenti,   puntando   su   presenza   in   sede   e   familiarizzazione  con  i  dipendenti.   Migliorare   le   aree   comune   e   le   zone   relax,   predisponendole   in   modo   tale   da   favorire   l’incontro   e   il   dialogo  tra  dipendenti  e  nuovo  Team  Management.   Creazione  di  un  museo,  per  custodire  e  trasmettere  la  memoria  storica  dell’arte  ceramica.   Investire   nella   Sezione   Artistica,   testimonianza   della   sintesi   di   ricerca   tecnologica,   arte   e   cultura   propria  di  Cooperativa  Ceramica  d’Imola.     7  
  • 9. Progetto di ricerca per l’analisi del clima organizzativo Luisa Meloni a Allestire   una   mostra   fotografica,   possibilmente   all’ingresso   della   fabbrica,   che   mostri   le   varie   tappe   della  storia  aziendale,  in  modo  tale  da  tener  salda  l’identità  aziendale  ed  evidenziare  la  continuità  con   il  passato.   Uso  mirato  della  formazione,  per  risolvere  alcune  carenze.   Sviluppare   una   comunicazione   adeguata   in   materia   di   tecnologie,   qualità   e   ambiente:   obiettivi   e   eccellenze   aziendali   devono   essere   consapevolmente   condivise   e   motivo   di   orgoglio   per   tutti   i   dipendenti.   Lavorare   (all’interno   e   all’esterno   dell’azienda)   alla   comunicazione   e   allo   scambio   di   informazioni   attraverso  la  creazione  di  blog,  pagine  Facebook  ed  eventi.  Sviluppiamo  di  seguito  alcune  delle  proposte  operative:  Il pay offNasce  l’esigenza  per  Cooperativa  Ceramica  d’Imola  di  mostrarsi  al  mercato  con  un’immagine  coordinata  di  gruppo.   Per   enfatizzare   l’appartenenza   “al   gruppo”   è   stato   pertanto   eseguito   un   completo   restyling   degli  strumenti   utilizzati   da   ciascun   marchio   di   Cooperativa   Ceramica   d’Imola   per   le   proprie   relazioni   con  l’esterno.    A   livello   grafico   e   concettuale   si   è   operato   con   l’intento   di   individuare   elementi   capaci   di   mostrare  simultaneamente  omogeneità  e  peculiarità  di  ciascun  brand.    A  livello  testuale  è  stato  sviluppato  il  nuovo  pay  off,  con  l’intento  di  identificare  e  rimarcare  le  competenze,  le   esperienze,   la   storia,   le   aspirazioni,   le   idealità,   le   individualità   che   convivono   in   Cooperativa   Ceramica  d’Imola.  LAPE:   animale   puro,   altamente   sociale,   che   agisce   in   funzione   dell’utile   e   del   bene   comune.   L’ape   di  Cooperativa  Ceramica  d’Imola  rappresenta  dal  1874  un  simbolo  di  unità,  ma  anche  di  distinzione.  Coniuga  storia  e  novità.  E’  il  segno,  emotivo  e  razionale,  di  un’identità.  Cooperativa  Ceramica  d’Imola  è  un  gruppo  con  diverse  civitas,  che  convivono  in  un  gruppo,  uniformandosi  nella  qualità  del  lavoro  espresso.      BEE   ITALIAN:   Progettualità,   Creatività,   Operosità,   Arte,   Industria,   Storia,   Tradizione,   Cultura,   Territorio,  Design,   Cooperazione,   Ricerca,   Valori,   Tecnologia,   Continuità,   Successo   si   integrano   sinergicamente   in  Cooperativa   Ceramica   d’Imola.   Un   insieme   di   elementi   fortemente   umani   ed   esclusivamente   italiani,   che,  nei  prodotti,  diventano  il  valore  aggiunto  di  uno  stile,  di  un  gusto  e  di  una  qualità  unica  ed  inimitabile.    1874:   recupero   forte   della   dimensione   storica,   della   tradizione,   del   senso   di   appartenenza   a   Cooperativa  Ceramica   d’Imola   attraverso   una   valorizzazione   della   data   di   fondazione   che   diventa   elemento  caratterizzante  del  pay  off.    Cooperativa   Ceramica   d’Imola   esprime   la   sintesi   più   concreta,   felice,   virtuosa   tra   storia,   valori   umani,  tradizione,  cultura,  produzione.     8  
  • 10. Progetto di ricerca per l’analisi del clima organizzativo Luisa Meloni  Il Museo: la memoria storica dell’arte ceramica  Non  sarà  solo  una  prestigiosa  esposizione,  ma  un  percorso  storico  attraverso  i  secoli,  documentato  da  pezzi  unici  fatti  a  mano,  fotografie  d’epoca,  certificati  autentici  di  partecipazione  alle  Mostre  più  importanti.  Ma  sarà   anche   la   testimonianza   della   capacità   unica   di   fondere   arte   e   industria.   Oltre   un   secolo   di  collaborazioni   tra   Cooperativa   Ceramica   d’Imola   e   gli   artisti   più   significativi   del   ‘900   sarà   in   mostra   presso   il  “Museo-­‐Centro   di   Documentazione   Storico-­‐Artistica   G.Bucci”.  Collezioni   d’autore   e   importanti   consulenze  aziendali,   dal   1874   ai   giorni   nostri,   faranno   del   museo   un’esposizione   unica   al   mondo,   testimonianza   del  ricco  patrimonio  della  nostra  arte  ceramica.  Sezione artistica IMOLARTE Già   a   fine   Ottocento,   in   piena   Bella   Epoque,   i   prodotti   di   Cooperativa   Ceramica   d’Imola   si   imponevano   per   la   freschezza   dei   colori   e   dei   decori,   ottenendo   premi   e   riconoscimenti   in   numerosi   concorsi   e   fiere,   che   furono   veicolo  per  destare  l’interesse  del  mercato  nazionale  e  internazionale  verso  i   ceramisti   imolesi.   Anche   quando   nel   1913   fu   avviata   la   produzione   di   piastrelle   da   rivestimento   la   Sezione   Artistica   continuò   ad   operare   e   a   custodire  la  preziosa  eredità  artistica  della  Società.  Lungo  il  corso  dei  decenni,   la   produzione   industriale   ha   preso   il   sopravvento,   ma   è   indubbio   che   al   suo   successo   ha   contribuito   la   felice   sintesi   di   ricerca   tecnologica,   arte   e   cultura   che  solo  un’azienda  così  ricca  di  storia  può  vantare.  Tecnologia, Qualita’ e AmbienteDalla   tradizionale   bicottura,   alla   monocottura   e   bicottura   rapida.   Dal   gres   porcellanato   smaltato  all’innovativo   gres   porcellanato   5   mm.   Pezzi   speciali,   decori,   prodotti   innovativi   per   le   grandi   opere   edili.  Negli  stabilimenti  di  Cooperativa  Ceramica  d’Imola  vengono  ricercate  quotidianamente  le  soluzioni  tecniche  ed   estetiche   più   performanti   per   l’architettura   contemporanea.   Ne   sono   un   esempio   il  concentrato   di  innovazione   e   potenzialità   racchiuso   nei   soli  5mm   di   spessore   del   grès   porcellanato   e   il   Colour   Definition  System:   un   innovativo   sistema   in   grado   di   offrire   un   mondo   di   inesauribili   possibilità   estetiche   e   di   alta  definizione  grafica,  nitidezza  cromatica  e  qualità  tecnologica.  La  natura  e  la  tecnologia  si  fondono  per  dar  vita  a  un  nuovo  concetto  di  ceramica,  che  si  fonda  sul  rapporto  tra   l’uomo   e   l’ambiente.   Cooperativa   sostiene   fortemente   i   principi   di   eco-­‐efficienza   aziendale   ed   eco-­‐compatibilità  ambientale  ed  ha  ottenuto  importanti  riconoscimenti,  come  la  Certificazione  Ambientale  ISO  14001,  la  Registrazione  Emas,  la  produzione  di  prodotti  ceramici  marchiati  Biogres  e  il  progetto  Life.      Salvaguardia  dell’ambiente  e  delle  risorse  naturali,  politica  energetica  efficace  ed  efficiente  e  rispetto  per  l’ecosistema  sono  i  principi  che  vanno  di  pari  passo  con  gli  obiettivi  di  produzione  industriale.  Cooperativa  Ceramica  dImola,  attuando  una  precisa  politica  aziendale  di  sviluppo  sostenibile,  ha  ottenuto  la   Registrazione   Eco-­‐management   and   Audit   Scheme   (EMAS),   un   importante   riconoscimento   a   livello     9  
  • 11. Progetto di ricerca per l’analisi del clima organizzativo Luisa Meloni aeuropeo,   relativo   ai   siti   produttivi,   volto   al   continuo   miglioramento   degli   standard   produttivi   e   alla  sensibilizzazione  di  tutto  il  personale  sotto  il  profilo  della  salvaguardia  ambientale.      L’implementazione  del  Sistema  di  Qualità  ha  i  seguenti  obiettivi:      • Perseguire,   attraverso   un’adeguata   gestione   delle   risorse   tecniche   e   impiantistiche,   il   continuo   miglioramento  dei  processi  produttivi;      • Garantire  il   corretto   impiego,   l’efficienza,   l’attendibilità   e   affidabilità   dei   risultati   di   misure   e   prove,   attraverso   la   pianificazione   della   manutenzione   ed   il   controllo   di   impianti,   apparecchiature   e   strumentazioni;      • Contribuire  al   miglioramento   del   contesto   sociale   di   cui   è   parte,   nel   rispetto   delle   persone   e   dell’ambiente  in  cui  è  integrata.   Il blogAppartenere   alla   realtà   di  Cooperativa   Ceramica   d’Imola  significa   in   primo   luogo   arricchirsi   di   esperienze  formative,   input   artistici   e   culturali   che   inevitabilmente   necessitano   di   trovare   un   naturale   momento   di  elaborazione.  Beelog   nasce   dalla   volontà   di   trovare  un   terreno   comune   di   dialogo  e   sospensione   dalla   vita   lavorativa,   uno  spazio   in   cui   parlare   liberamente  di   temi   che   quotidianamente   vengono   affrontati   con   piglio   formale.  Beelog  è  la  dimostrazione  di  come  Cooperativa  Ceramica  d’Imola,  sebbene  dotata  di  lontane  radici  storiche,  intenda  dimostrare  una  visione  sempre  orientata  al  futuro.  Questo  diario  di  bordo  si  focalizza  essenzialmente  su  quattro  principali  macroaree:  1. Around  the  World:   le  novità  ceramiche  reperite  in  giro  per  il  mondo,  oggetti  interessanti  e  particolari.  2. Arte  Discovery:  le  opere  esposte  nel  Museo  G.  Bucci,  santuario  ricco  di  tesori  antichi  e  contemporanei,                  animato  dalla  presenza  di  grandi  artisti.    3. Eventi:  le  grandi  fiere  di  settore,  mostre  ed  esposizioni  internazionali.  In  questo  spazio  tutti  i  retroscena                degli  eventi  cui  prendiamo  parte,  le  indiscrezioni  e  le  curiosità.    4. Walk  on:  i  progetti  in  corso  di  Cooperativa  Ceramica  d’Imola.    Concorso  Internazionale  promosso  da  Cooperativa  Ceramica  d’Imola  e  dedicato  agli  utilizzi  innovativi  della  ceramica,   riletti   in   chiave   urbana.   Obiettivo   del   Concorso   è   sviluppare   nuovi   criteri   per   l’utilizzo   del  materiale  ceramico  nel  segno  dell’innovazione  tecnologica.  La   prima   edizione   sarà   dedicata   ai  “non   luoghi”   che   stanno   tra   gli   edifici,   nelle   strade,   alle   superfici   verticali  non   curate,   a   tutti   quegli   spazi   che   sfuggono   alla   progettazione.   La   cura   dedicata   agli   interstizi   urbani   è  spesso   rappresentativa   della   qualità   urbana   complessiva,   della   piacevolezza   e   vivibilità   delle   città.   Spesso  teatro   di   episodi   di   delinquenza,   nella   migliore   delle   ipotesi   sono   luoghi   di   aggregazione   giovanile   o   per  l’espressione  di  arte  da  strada.  In  molti  casi  questi  “non  luoghi”  devono  essere  resi  più  sicuri  e  vivibili;  in  altri,  portati  alla  ribalta  come  luoghi  destinabili  all’identità  culturale  di  una  comunità.    Le  nuove  tecnologie  per  la  produzione  del  materiale  ceramico  aprono  nuove  possibilità  per  la  realizzazione  di   rivestimenti   e   prodotti   di   arredo   urbano   riconoscibili   (fenomeno   dei   Landmark  -­‐   statuaria   cittadina   -­‐   che,     10  
  • 12. Progetto di ricerca per l’analisi del clima organizzativo Luisa Meloni  oltre   ad   essere   un   aiuto   per   l’orientamento,   trasmettono   l’idea   di   una   presenza   guida,   a   tutela   dello   spaziourbano).  Un’attenzione  particolare  è  dedicata  alla  sostenibilità:  progetti  di  riqualificazione  urbana,  aumento  delle  superfici  filtranti  e  delle  aree  verdi,  riciclabilità  e  riutilizzo  dei  materiali.  Talent   for   Tiles   si   rivolge   agli   studenti   delle   scuole   di   design   e   architettura   internazionali,   con   l’intento  produrre   progetti   per   le   città   future,   allargando   il   campo   d’azione   della   ceramica   all’arredo   urbano,   in  contaminazione  con  altri  materiali.       11