Ventesimo Capitolo                        So wrong, it’s right         Minho guarda il letto vuoto del leader, inizia a pe...
– Perché quella faccia sorpresa, Choi? – Chiede Key mentre iniziaa mettere a tavola le prime cose, ancora con Jong legato ...
– Tu resta qui, io preparo la colazione. – Finalmente sola, laragazza si rotola fra le coperte con un sorriso felice, si r...
è costretta ad aiutarsi con le mani e quando viene sente lo spermacaldo dentro di sé. – Forse dovremmo smetterla – dice On...
– Sei strana ultimamente, Tae, cosa succede? Stai avendo deiripensamenti su di noi? Stai vedendo unaltra persona? Anche se...
prima o poi ti lascerà, altrimenti finisce che, dubitando di tutto ciòche fa laltro, la relazione finisca a priori. Sì, es...
sorride, gli bacia il petto e lo rassicura con parole dolci. Decidono dialzarsi quando ormai il sole coperto dalle nuvole ...
intelligenti, io sono una persona normale. Guarda per esempio leGirls’ Generation: sono bellissime, divertenti, hanno tutt...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Ventesimo capitolo

269 views
223 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
269
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ventesimo capitolo

  1. 1. Ventesimo Capitolo So wrong, it’s right Minho guarda il letto vuoto del leader, inizia a pensare acosa stanno facendo sua sorella e Jinki e poiché le immagini chegli saltano in testa non sono un bel vedere cerca di concentrarsisolo sulla stanza e su Taemin che dorme tra le sue braccia.Durante la notte il maknae era venuto ad accoccolarsi in quellospazio strettissimo, nel silenzio dei sospiri degli altri due si eranobaciati e toccati, cercando di fare meno rumore possibile, e si eranoaddormentanti di nuovo. Minho guarda il ragazzo dormire conun’espressione imbronciata, gli accarezza i capelli ma questo gestolo sveglia. – Buon giorno… – Mi dispiace, stavi dormendo così bene. – Non fa niente – si porta una mano allo stomaco. – Mi stavenendo fame. – Ti preparo la colazione se vuoi. – Andiamo insieme. – Si alzano e vanno in cucina. Kibum stapreparando la colazione e Jonghyun tiene il compagno da dietro,posando le mani sui suoi fianchi. – Umma in azione! – Esclama Jong quando si accorge di Minho eTaemin; i due si siedono a tavola, Key si gira e sorride, Jong neapprofitta per dargli un bacio. – Giusto in tempo! Stavo preparando anche per voi, avevo detto aJonghyun di svegliarvi, ma a quanto pare è innamorato del miolato B… Forse perché non glielo do mai. – Minho ride, Taeminarrossisce. – Vorresti dire che sei tu l’attivo?
  2. 2. – Perché quella faccia sorpresa, Choi? – Chiede Key mentre iniziaa mettere a tavola le prime cose, ancora con Jong legato a sé. Minhoalza le spalle. – Non mi sembravi un tipo attivo… – Mi stai sfidando? – Jong ride. – In realtà spesso ci scambiamo, ma diciamo che è più lui l’attivo. – Io non mi sorprenderei se Taemin fosse quello che te lo infila – ilmaknae abbassa lo sguardo ancora più imbarazzato. – Kibum, non essere così volgare – Jong gli stuzzica la pancia egli dà un bacio sulla guancia. – Non ci pensate, ha le sue cose! – Parlando di cose importanti, chissà come sta andando tra Jinkie Sung. – Preferisco non pensarci – Key ridacchia. – Beata Sung che ha quel bel boccone tutto per sé! – Kibum! – Tutti e tre i ragazzi lo guardando male, il ragazzoalza le mani. – Che c’è? – Minho si passa una mano sul viso, disperato, Jongfulmina il proprio ragazzo con lo sguardo. – Alla fine quale regalo ha scelto hyung? – Chiede Taemin, checome al solito deve cercare di rivolgere i discorsi verso argomentinormali. – Un braccialetto. – Ma secondo te Jinki le ha parlato di Hyoyeon? – Chiede ancora ilmaknae pensieroso, rivolto a nessuno in particolare. – Non so, spero di no, anche se preferirei che glielo dicesse luipiuttosto che se lo scoprisse da fonti indirette – risponde Minho. – Ci possiamo solo fidare di lui – conclude Key.Il risveglio è il più piacevole tra quelli fido ad ora provati, da partedi tutti e due. I corpi nudi si stringono tiepidamente, le carezzesembrano più dolci nella nebulosità della mattina, i muscoli sonorilassati. – Vorrei restare così per sempre! – Esclama Sung, stiracchiandosi,Onew labbraccia con tenerezza, poi si alza.
  3. 3. – Tu resta qui, io preparo la colazione. – Finalmente sola, laragazza si rotola fra le coperte con un sorriso felice, si rannicchianella parte del letto dove ha dormito Jinki e respira a pieni polmoniil suo profumo. Quasi non ci crede di essere in quel letto, sembraun sogno bellissimo. Ride quando vede tornare Onew con lacolazione in mano, completamente nudo. – Potevi anche vestirti! – Vuol dire che ti dispiace? – Sung si lecca le labbra, si alza,prende il vassoio dalle mani dell’altro e lo mette via, abbraccia ilragazzo e si rilassa con il tepore del suo corpo. – Come potrebbe mai dispiacermi? – Ah, non lo dire, altrimenti non sarò più padrone delle mieazioni. – Sung accarezza piano la nuca dellaltro, si avvicina allesue labbra, le sfiora, poi passa al collo, Onew sospira e chiude gliocchi. Sente la bocca della ragazza succhiare la pelle, morderla epoi leccarla piano, come per scusarsi per il morso. Il ragazzocontinua a sospirare, sperando che il momento in cui Sung iniziad agire arrivi presto, ma laltra continua con movimenti lenti estrazianti. Quando sente che sta iniziando ad indurirsi, ilragazzo mugola, mentre la mano della ragazza inizia a scendere.Jinki trattiene il respiro, mugola di nuovo, questa volta più forte,quando sente la mano stringerlo. Sung la muove avanti e dietro,sente lerezione crescere, sorride maliziosamente al compagno, cheinizia a baciarla con vigore. Progressivamente la velocità dellamano aumenta, Onew cerca di trattenersi, ma un po di spermaesce. Sung si ferma e va verso il letto, il ragazzo non ci pensa duevolte a raggiungerla, prima le bacia tutto il corpo, poi inizia amasturbarla. Infila lentamente un dito, poi un altro, la ragazzasente la testa completamente vuota, si aggrappa alle lenzuola; unterzo dito le fa dischiudere la bocca e produrre un urlo soffocato, ilquarto la fa esplodere. Jinki toglie le dita; anche se è ancora nelpieno del piacere, Sung fa girare Jinki e finisce di occuparsi dellasua erezione con la bocca. Non credeva che avrebbe mai avuto ilcoraggio di fare sesso orale fino in fondo, per far godere il ragazzo
  4. 4. è costretta ad aiutarsi con le mani e quando viene sente lo spermacaldo dentro di sé. – Forse dovremmo smetterla – dice Onew ridendo. Si stupiscequando sente la ragazza rannicchiarsi al suo fianco, ha gli occhichiusi e il viso sembra serio. – Hey, è successo qualcosa? – Scuotela testa, il ragazzo le accarezza i capelli – Dai, facciamo colazione!– La stringe tra le sue braccia, le bacia la testa, inizia a cullarla,Sung scoppia a piangere. – Jinki... Sono così felice di stare con te. Non ferirmi, ti prego. – Non lo farò, te lo prometto. – Sono tornato appena ho potuto! – Ciao, comè andato il viaggio? – Taehyo aiuta Andrea a prenderei bagagli e a metterli in macchina. – Lungo, come al solito, per questo lidea di trasferirci non eramale – la ragazza fa una smorfia che dovrebbe essere un sorriso. – Pensiamo a tornare a casa, sarai stanchissimo. – È normale quando viaggio in aereo. – Salgono in macchina edarrivano in appartamento, Taehyo aspetta che Andrea si sia fattouna doccia rilassante per parlargli. Gli prepara un pasto veloce ecaldo e si siede al tavolo da pranzo con lui. – Sai che sono contenta di essermi riappacificata con te, ma vorreichiarire che ho sempre più dubbi su questa storia, non so cosavoglio da te e non so cosa scegliere per me stessa. – Se parli di trasferirci, va bene, cioè, sono disposto a viaggiare pervederti, andrò in America solo nel caso in cui ci sono problemigravi come questultimo, poi farò tutto tramite computer. – No – Taehyo sospira – sto cercando di dirti che ho bisogno ditempo. – Sono tornato per sentirmi dire questo? – Non volevo dirtelo per telefono, mi sembrava il modo sbagliato,mi dispiace. Non voglio che ci lasciamo, voglio solo capire, avere leidee chiare.
  5. 5. – Sei strana ultimamente, Tae, cosa succede? Stai avendo deiripensamenti su di noi? Stai vedendo unaltra persona? Anche sefosse così non ti fare problemi a parlarmene, ti do tutto il tempo chevuoi per capire cosa, o magari chi vuoi. – Andrea guarda laragazza intensamente; che fare? Dire o non dire la verità? Taehyosi gratta nervosamente il braccio e fa un mezzo sorriso di scuse. – In effetti cè unaltra persona, ma non credo di amarla; tu mipiaci, Andrea, sei il mio migliore amico e anche il mio amante,non riesco a pensare che un giorno non entrerai più da quella portao che non mi abbraccerai più mentre sto dormendo, laltra persona èuno sfizio, una storia che è iniziata ancor prima di decidere distare con te seriamente. – Lo capisco, facciamo così: sto qui per tutta la settimana, poiriparto e non mi vedrai per un po, anzi dimmi stesso tu quandovuoi che io torni, però per favore fatti sentire ogni tanto, dimmialmeno se sei felice, io cercherò di pensare solo al lavoro e proverò adimenticarti per un po. – Taehyo inizia a piangere, si sente incolpa, perché ha voluto parlare? Andrea labbraccia – Va tutto bene,non essere triste – le dice mentre le accarezza i capelli. Tra sospirispezzati dal pianto, la ragazza si riprende, si scusa abbassando latesta, Andrea le sorride, ma dentro sta morendo – Allora, come staandando il programma? – Bene... – Sì? Sono contento per te! – Le accarezza il viso e cerca di nonfarle sentire che è imbarazzato, deluso, arrabbiato. Non la perderà,a costo di soffrire.Il problema fondamentale da affrontare quando una relazionediventa seria sono le paure, che stranamente si triplicano. Unarelazione più stabile dovrebbe darti sicurezza, invece spesso ti portaa porti delle domande le cui risposte sono più impegnative.Tuttavia la felicità, il senso di protezione di un sentimentosicuramente provato da entrambe le parti riescono a calmarti e arassicurarti; non occorre avere la convinzione che laltra persona
  6. 6. prima o poi ti lascerà, altrimenti finisce che, dubitando di tutto ciòche fa laltro, la relazione finisca a priori. Sì, essere una coppia èfaticoso, è impegnativo, non puoi pensare di essere felice sempre eche tutto venga facile, è come se la vita volesse mettere alla prova illegame creatosi tra le due persone. Ma se viviamo nel terrore diamare, non saremo mai completi. Sung Young sta iniziando acapirlo mentre le braccia forti di Onew la avvolgono. Fuori dallafinestra si sente il brusio delle foglie mosse dal vento, la giornata èuggiosa, ma il tempo l’aiuta solo a sentirsi maggiormente in pacecon se stessa. Ascolta i respiri del ragazzo, si lascia cullare daimovimenti del suo petto, poi alza la testa per farsi baciare. Jinki laguarda negli occhi prima di baciarla con dolcezza. – Chissà quando riusciremo a ritrovare quest’intimità quandotorneremo a Seul. – Dice Sung, sospirando, l’altro le accarezza lespalle. – Se non abitassi ad Incheon sarebbe meglio, magari un giornoavrai un appartamento tutto tuo a Seul. – Devo prima iniziare l’Università e trovarmi un lavoro. Per ora lasoluzione di stare da Taehyo va bene. – A me importa solo che stiamo insieme, che tu sia ad Incheon, aSeul o in Italia. – Io non andrò da nessuna parte. Se mia madre riuscirà ad avereil trasferimento resterò qui, in caso contrario mi dividerò tra Coreae Italia, ma non abbandonerò mai questo posto. No, non andròproprio da nessuna parte… – Sung guarda Jinki, che però tenta dinon incrociare i suoi occhi, aggrotta la sopracciglia – Forse tu tiriferivi anche a te stesso… Non posso aspettarmi che tu stia semprequi. – Credo che la SM stia preparando il nostro primo tour ufficiale. – Non mi guardare con quello sguardo adorabile da cagnolino,sono contenta per voi. Non posso sempre averti con me, lo so… –Onew sospira. – È per questo che non ho mai voluto iniziare una relazione! – Laragazza gli posa delicatamente una mano sulla guancia e gli
  7. 7. sorride, gli bacia il petto e lo rassicura con parole dolci. Decidono dialzarsi quando ormai il sole coperto dalle nuvole è alto. Anche se iltempo non è dei migliori, camminano mano nella mano nelladistesa di prato verde, dimentichi del tempo, di chi sono e di cosa liaspetta dopo. Sono stesi sul prato, con l’erba che gli fa solletico aipiedi, quando improvvisamente inizia a piovere. Ridendo, tornanoin casa, Jinki suona il pianoforte e canta per Sung Young, cheogni volta si stupisce della perfezione di quella voce, la suaprofondità e dolcezza è come una mano ricoperta di un guanto dipura seta che ti percorre la colonna vertebrale. Puoi solo rabbrividiree provare piacere. – Abbiamo scoperto che sai cucinare molto bene e che te la cavianche a cantare, ma sei sicura di non avere qualche altro talentonascosto? Accennava tuo fratello al disegno… Parlava di corsi didanza. – Sung sente una punta di stizza che le fa irrigidire imuscoli della schiena, agita la testa. – No, la danza no… Non più ormai. Il disegno ogni tanto, ma nonsono particolarmente portata. – Dicevi lo stesso per la cucina, in realtà sei una cuoca bravissima.Quando parli delle tue doti non capisco mai se dici sul serio oppureno! – Notando che quell’argomento non le piace, Onew si avvicinaa Sung, le prende le mani e cerca di scherzarci su – Per caso vuoiavere sempre un alone di mistero intorno a te? – Finalmente riescea strapparle un sorriso, seppure sforzato. – Non sono una persona interessante o talentuosa, tutto qui. – Invece secondo me sei speciale. – Sì, come un chicco di riso – Onew ride, la bacia. – Mi è sembrato strano non vedere ancora Minho con un fucile inmano entrare da quella porta! – No, Taemin lo sta tenendo occupato! – Per fortuna, aggiungerei! – Perché hai scelto me? – La domanda inaspettata di Sungprende alla sprovvista il ragazzo. – Insomma, hai tante ragazzeintorno, molto più belle di me, probabilmente anche più
  8. 8. intelligenti, io sono una persona normale. Guarda per esempio leGirls’ Generation: sono bellissime, divertenti, hanno tutto più dime… Allora perché hai scelto me? – Non lo so, non decidi mica tu di chi innamorarti. Penso che siaproprio perché tu sei timida, perché non ti ritieni perfetta, questo inte crea un fascino molto più attraente della bellezza frivola dellealtre ragazze. Non è vero che hanno tutto più di te, anzi penso chetu abbia molto più di loro, sia nel cuore, sia nel cervello. E poi noncapisco come fai a non renderti conto di essere stupenda! Forse tiguardo con gli occhi dell’amore… – Jinki ha un’espressione cosìtenera in quel momento che, pur non essendo d’accordo con le sueparole, Sung non riesce a replicare. – Non so come fai, ma mi fai innamorare ogni secondo di più dite.

×