VALDAOSTA
FILETTO A LA “CARBONADE”
Ingredienti per 4 persone:
4 porzioni di filetto
1 carota
1 cipolla
1 gambo di sedano
B...
CENNI SULL’ORIGINE DEL PIATTO
“La carbonade” è un piatto molto antico, originario delle Alpi occidentali e molto
diffuso a...
EVENTI ENOGASTRONOMICI, SAGRE E FIERE

E’ inutile soffermarsi sulla maestosità delle Montagne della Valle d’Aosta, che
acc...
EVENTI ENOGASTRONOMICI, SAGRE E FIERE

La comba di Vertosan: la ”bataille des reines”, alpeggi e sapori
tradizonali
La lus...
L’OGGETTO
Grolla

Vino rosso caldo e spezie si miscelano nella " Grolla" - il caratteristico
contenitore di legno della Va...
ITINERARI (IN) CONSUETI
IL FORTE DI BARD

Localizzato nell’omonimo paese di Bard, il complesso è uno dei migliori e
meglio...
CARATTERISTICHE ENOGASTRONOMICHE E PRODOTTI TIPICI

La cultura enogastronomica della Valle d’Aosta è fortemente influenzat...
EVENTI ENOGASTRONOMICI, SAGRE E FIERE
Saint Nicolas - Festa di San Nicola
Nus - Festival du Vin de Nus
Verres (AO) - Fo...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Valdaosta

58

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
58
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Valdaosta

  1. 1. VALDAOSTA FILETTO A LA “CARBONADE” Ingredienti per 4 persone: 4 porzioni di filetto 1 carota 1 cipolla 1 gambo di sedano Burro Vino rosso Sale Pepe Preparazione Bollire il vino con tutti gli ingredienti, ridurlo a una salsa morbida e trasparente. Saltare in padella il filetto con rosmarino, aglio, sale e pepe, unire la salsa al vino. Lasciare per un attimo che la carne di impregni della salsa al vino, dopo averla separata dalla salsa mantecate la medesima con dadini di burro. Adagiare sul piatto un disco di polenta leggermente più largo del filetto stesso (la polenta naturalmente preparata in anticipo), adagiarvi sopra il filetto, ricoprire il tutto con la salsa al vino rosso e sulla parte superiore della carne aggiungere una crema di cipolla frullata.
  2. 2. CENNI SULL’ORIGINE DEL PIATTO “La carbonade” è un piatto molto antico, originario delle Alpi occidentali e molto diffuso anche nel sud est della Francia; originariamente veniva preparata utilizzando carne bovina salata, oggi quasi introvabile. Tipica della Valle d’Aosta, è una ricetta comune anche nella cucina fiamminga e non è dato sapere quale delle due tradizioni culinarie può vantarne la paternità. Con tutta probabilità, lo scambio gastronomico si è verificato durante le lunghe soste a cui erano costretti i viaggiatori per transitare dal Gran San Bernardo che, un tempo, metteva in comunicazione l’Italia al nord Europa. DOVE ASSAGGIARLA La Clusaz
  3. 3. EVENTI ENOGASTRONOMICI, SAGRE E FIERE E’ inutile soffermarsi sulla maestosità delle Montagne della Valle d’Aosta, che accoglie la cime più alte dell’intero arco alpino. Meta privilegiata degli amanti dell’escursionismo, del trekking e degli sport invernali, riesce a deliziare e sorprendere il visitatore con i suoi borghi rurali, le antiche miniere abbandonate e geositi suggestivi e di grande interesse. L’orrido e le terme di Pré-Saint-Didier: Uno spettacolo grandioso ed emozionate è quello offerto dall’“orrido” di PréSaint-Didier (Valle Valdigne): una cascata di selvaggia bellezza, ripida e incastonata tra pareti di roccia, strette, anguste e quasi verticali. Una vera e propria celebrazione della forza della natura. A piedi dello strapiombo, in una grotta, sgorgano le acque dalle proprietà rilassanti, ricostituenti e antireumatiche, che vanno ad alimentare le vicine terme. Il centro termale, aperto nel 1838 e meta privilegiata della famiglia reale, è un luogo ricco di storia e di nobile eleganza. La sua riapertura, dopo trent’anni di inattività, costituisce senz’altro un importante elemento di valore aggiunto per l’attrazione turistica dell’area. San Marcel : Borghi rurali, Archeologia industriale e natura incontaminata Una vecchia mulattiera lastricata si inerpica in secolari boschi di castagni e collega villaggi collinari che conservano intatte le caratteristiche tipiche degli antichi borghi rurali. In particolare, negli abitati di Enchasaz e Seissogne è possibile ammirare abitazioni in pietra, mulini e granai, anche risalenti al 1400. Gli appassionati di archeologia industriale non possono non concedersi una visita alle miniere abbandonate di pirite e manganese; gallerie, forni, depositi di scorie e baracche dei minatori, benché danneggiate, evidenziano elementi di grande suggestione. Stupefacente il contrasto tra le strutture dismesse, orgogliose superstiti dell’eterna faida tra l’uomo e la natura, e l’incredibile e selvaggia bellezza del paesaggio della valle.
  4. 4. EVENTI ENOGASTRONOMICI, SAGRE E FIERE La comba di Vertosan: la ”bataille des reines”, alpeggi e sapori tradizonali La lussureggiante valle di Vertosan, nel Comune di Avise, è una meta ideale per gli amanti dell’escursionismo e della mountain bike; salendo alla Court de Bard, un promontorio affacciato sulla valle, è possibile bearsi di una veduta superlativa del Monte Bianco e delle valli del Gran Paradiso. La zona, prettamente agricola, è ricca di alpeggi nascosti tra i boschi di larici, ed è teatro di una delle più tradizionali “bataille des reines” (battaglia delle regine) tornei di lotta tra femmine adulte di razza bovina, volti a stabilire la superiorità gerarchica nell’ambito della mandria. Per rendere anche “gustosa” una già memorabile escursione, è immancabile una sosta a “lo Grand Baou”, a Jovençan, trattoria con cucina tipica valdostana, dove è possibile assaggiare piatti di antica tradizione, realizzati con i prodotti della valle (aperto solo a luglio e agosto).
  5. 5. L’OGGETTO Grolla Vino rosso caldo e spezie si miscelano nella " Grolla" - il caratteristico contenitore di legno della Val d'Aosta - e a tutti si augura < salu e que bien vo fasse > letteralmente < salute e che vi faccia del bene! > In particolare e' in occasione della Festa di S.Orso, in gennaio, che la Grolla viene utilizzata per offrire da bere e scambiarsi questo augurio. Da non confondersi con la Coppa dell'Amicizia, di forma più panciuta, impiegata per il caffè ( con grappa ) valdostano. La Grolla e' invece un calice per vino con coperchio divenuto col tempo anche soprammobile o portagioie.
  6. 6. ITINERARI (IN) CONSUETI IL FORTE DI BARD Localizzato nell’omonimo paese di Bard, il complesso è uno dei migliori e meglio conservati esempi di fortezza di sbarramento di primo ottocento. Oggetto di una importante opera di recupero e valorizzazione, il forte è stato riaperto al pubblico nel 2006. Nel rispetto della tradizione e del contesto naturalistico in cui è inserito, il forte è divenuto un importante centro di promozione della cultura alpina, il cui centro è rappresentato dal museo multimediale e interattivo delle Alpi. Oggi, il forte di Bard è considerato il nuovo polo culturale delle Alpi occidentali e ospita eventi, manifestazioni e mostre permanenti e temporanee.
  7. 7. CARATTERISTICHE ENOGASTRONOMICHE E PRODOTTI TIPICI La cultura enogastronomica della Valle d’Aosta è fortemente influenzata dall’utilizzo esclusivo di prodotti locali, dovuto ai limitatissimi scambi con l’esterno. A differenza delle altre regioni italiane, che risentono dell’influenza delle reciproche culture gastronomiche, la cucina valdostana ha, di contro, grande affinità con le tradizioni culinarie delle regioni transalpine confinanti: Savoia, Alta Savoia e Vallese. I prodotti agroalimentari della tradizione locale sono rappresentati dai cereali di montagna, dalle verdure (rape, patate, cipolle e porri) da mele, pere e castagne, oltre che dalla carne bovina, suina (rinomatissimo il lardo d’Arnad) e dalla selvaggina. La carne viene impiegata prevalentemente per “umidi”, preparati con sughi elaborati, arricchiti di panna e formaggi; notevole la scelta di salumi e insaccati, assolutamente da assaggiare il prosciutto di Bosses. Irrinunciabile è anche la polenta, che accompagna sempre i primi piatti. La produzione casearia è piuttosto varia, sopratutto per quanto riguarda i formaggi a pasta morbida, tra cui la fontina, protagonista dei pochi piatti che hanno superato i confini regionali: la fonduta, fontina sciolta con latte, burro e tuorli d’uovo e la polenta concia. Totalmente assente è la coltivazione del frumento, tanto è vero che si utilizza il pane di segale e la pasta non compare del tutto nei menù tradizionali; anche l’olio extravergine di oliva è scarsamente utilizzato ed è sostituito, nella preparazione delle pietanze, dal burro o da altri grassi, sia di origine vegetale, che animale. Anche le zuppe sono molto diffuse, tra tutte, quelle di più antica tradizione sono la zuppa di Valpelline e la seupetta de Cogne. La presenza della Alpi che proteggono la regione dalle correnti fredde e umide provenienti da nord e da ovest ha, già dai tempi dei romani, contribuito a creare condizioni favorevoli per la coltivazione della vite. La possibilità di effettuare coltivazione ad altitudini e pendenze diverse, ha inoltre consentito ai “vignerons” locali, di utilizzare una svariata quantità di vitigni e di produrre vini di ottima qualità, sia rossi, che bianchi. Tra i più noti, e tra i primi ad ottenere la denominazione di origine controllata: l’Enfer e il Donnas, ma è possibile anche degustare Muller Thrugau, Pinot Grigio e Chardonnay di grande pregio. Di pari passo con quella del vino, naturalmente di grande qualità, anche la produzione di grappa.
  8. 8. EVENTI ENOGASTRONOMICI, SAGRE E FIERE Saint Nicolas - Festa di San Nicola Nus - Festival du Vin de Nus Verres (AO) - Folklore ed enogastronomia a Verres Gressoney Saint Jean - Festa di San Giovanni Fenis - Sagra della Frutta Avise - Sagra della Fiocca Roisan - Sagra del Gran Combin Courmayeur - Festa di San Pantaleone Arnad - Veillà en Veulla Sain Nicolas - Festa della Selvaggina Champorcher - Festa del Pane Nero Avise - Betaille de Reines Saint Oyen - Sagra del Jambon alla Brace - 1° settimana di Agosto Gaby - Sagra della Polenta Valtournenche - Festa delle Stelle Rhemes Saint Georges - Fiha di Sangliè Allein - Festa di Trifolle Arnad - Sagra del Lardo Aosta - Foire d'Etz Neus - Notte delle Tradizioni Oyace - Sagra della Fontina Quart - Formage Festival del Castello di Quart Chambave - Sagra dell'Uva Etroubles - Sagra della Fontina Gressan - Festa delle Mele Donnas - Sagra dell'Uva Lillianes - Castagnata Fenis - Castagna Arnad - Sagra della Castagna Antey Saint Andrè - Festa delle Mele Chatillon - Festa della Castagna, Concorso Gastronomico e Sagra dell'Uva Perloz - Bataille des Chevres Saint-Vincent - Sagra dell'Uva Morgex - Castagnata Courmayeur - Festa di Capodanno

×