• Save
Val più-la-pratica
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Val più-la-pratica

on

  • 1,159 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,159
Views on SlideShare
1,085
Embed Views
74

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

3 Embeds 74

http://cefis.sk 72
http://translate.googleusercontent.com 1
http://webcache.googleusercontent.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Val più-la-pratica Presentation Transcript

  • 1. Massimo Arcangeli L’italiano del terzo millennio. Val più la pratica o la grammatica?
  • 2. 1. L’italiano dell’“abuso medio”
  • 3. Italiano tendenziale, dell’uso medio o neostandard?
    • Pensavo che stavi meglio
    • Non l’ho ancora pagata la bolletta / La bolletta non l’ho ancora pagata
    • Gli ho detto [ = ‘Ho detto loro’]
    • Gli ho detto [ = ‘Le ho detto’]
    • Dante è nato a Firenze nel 1265. È lui il più grande poeta italiano (cfr. Dante è nato a Firenze nel 1265. È il più grande poeta italiano / Dante è nato a Firenze nel 1265. Egli è il più grande poeta italiano )
  • 4. 2. Gli “attributi” dell’italiano
  • 5. a. L’italiano latente
    • <Orozar Altapietra> Ave Pertugas.
    • <Pertugas> ke fate????
    • <Memento> ciaps
    • <Flailing Blade> aspettiamo un amico sta per scatenarsi il pandemonio qui
    • <Pertugas> un po di sano pvp?
    • <Memento> sì ce l’ha ordinato il dottore
    • <Orozar Altapietra> Dicono che un pvp al giorno tolga il medico di torno.
    • <Pertugas> XD
    • <Memento> e i mooood... :D
    • <Flailing Blade> brb
    • <Memento> orozar ma stavo pensando
    • <Memento> è proprio necessario sto pvp
    • <Memento> non ho voglia di farmi ressare
    • <Orozar Altapietra> Dove bindi?
    • <Memento> lontano
    • <Memento> il problema è quello
    • <Pertugas> asdadasadadas ke fai parti già sconfitto?
    • <Orozar Altapietra> Non fare la mammoletta.
    • <Memento> -.-
    • <Memento> qlcuno mi può buffare?
    • <Pertugas> cosa?
    • <Orozar Altpietra> io sono oom
    • <Memento> lol
    • <Memento sei oom e vuoi fare pvp?
  • 6. b. L’italiano “corrente”
    • aerobica
    • body building
    • danza baby (ass.)
    • funk (ass.; c’è solo l’accezione musicale)
    • gag (ass.; c’è solo ‘battuta comica’)
    • ginnastica dolce (ass.)
    • ginnastica generale (ass.)
    • gym music (ass.)
    • spinning
    • step
  • 7. c. L’italiano montante
    • 6TT LA MIA VITA TI AMO B. [sembra la tag di un writer]
    • FEDE TI AMO By MA…
    • ALESSANDRO E FEDERIKA
  • 8. d. L’italiano morente
    • Il giorno 15 marzo 2010 veniva a mancare all’affetto dei suoi cari   MARIAGRAZIA PARLATO   ANNI 68   Ne danno il triste annuncio il marito e parenti tutti. Le esequie avranno luogo il giorno 17 marzo alle ore 15 Nella Parrocchia Regina Pacis La famiglia ringrazia anticipatamente  
  • 9. e. L’italiano da salvare
    • abulico
    • alacre
    • beffardo
    • blandire
    • canuto
    • coacervo
    • corrusco
    • egregio
    • foriero
    • giubilo
    • immoto
    • indolente
    • Inebriante
    • irretire
    • lepido
    • mentore
    • morigerato
    • ondivago
    • pelago
    • pervicace
    • risibile
    • rorido
    • sardonico
    • sussiego
    • tralignare
    • visibilio
  • 10. 3. Motivazioni
  • 11. a. Plasticità, funzionalità, utilità, espressività...
    • iattanza : “rende bene l’idea del disprezzo”
    • blaterare: “incisivo e sintetico per questo tempi”
    • scabro: necessita alla fisica “per parlare dell’attrito”
    • prole: come si può pensare, altrimenti, di “spiegare il concetto di proletariato”?
  • 12. b. Splendore, raffinatezza, piacevolezza, icasticità, purezza, leggerezza...
    • miro : “l’idea di mirare, ammirare e meravigliarsi mi sembra bellissima”
    • tampoco : “[c]osì barocca, così preziosa…”
    • rorido : “l’eleganza del sudore”;
    • terso : “pulizia e serenità: ci si specchia”
    • ghirigoro : “nobilita lo scarabocchio”
  • 13. c. Dolcezza, corporeità, musicalità, lucentezza, fascino, simbolismo sonoro
    • atro : “la durezza delle lettere anticipa fonicamente l’inquietante assenza di luce di latina memoria”,
    • bailamme : “descr[i]ve il caos in modo onomatopeico”
    • smargiasso: “trasuda esagerazione rumorosa”
    • roco: “simula la voce che esce arrotata e rumorosa dalle corde vocali”
    • rasposo : è così “concreta” che “[g]rattugia la bocca”
    • groviglio :“richiama i rovi nel suono e nel significato”
    • angusto : “evoca […] una “strettezza [….] angosciante”
    • ansima : “sentiamo il […] respiro nel momento in cui la pronunciamo”
    • spifferare è “come lo sbuffo di un vento pettegolone..”
    • aulente : “Parola dal suono così dolcemente evocativo che meriterebbe di essere salvata anche se non significasse nulla…”
  • 14. d. Insostituibilità, unicità, perfezione, assolutezza
    • screzio : dice “meno di un litigio e più di un malinteso”
    • stucchevole : dice “più di sdolcinato e lezioso”
    • lauto : con riferimento a “certi pranzi”, non esiste alternativa “che unisca l’abbondanza alla qualità”
    • verecondo : dà l’“idea di una persona riverente, riservata, timorosa per pudore, riguardosa…”
  • 15. e. Potere di evocazione di versi e prose letterarie, ambienti e atmosfere culturali, miti e immagini classiche
    • celia: “‘un po’ per celia, un po’ per non morir” canta Butterfly”
    • Laido : “appropriato per riferire delle percezioni dei grandi del decadentismo
    • ineffabile : “indispensabile per spiegare la poesia d’amore del Duecento”
    • brama : di “sapore medievale”
    • occaso : “ricorda certi pomeriggi autunnali in compagnia del poco compreso Carducci”
    • clangore : fa riandare alle “battaglie del passato, quelle combattute con le spade…”
    • artefice : “testimonia l’homo faber”
    • tedio : “la noia esistenziale – che va da Leopardi a Sartre – è una condizione connaturata con l’uomo”.
  • 16. f. Memoria del dialetto, delle tradizioni locali, delle proprie radici, dei bei tempi andati, ecc.
    • stilla : è “la goccia e la lacrima che in siciliano si dice ‘stizza’”
    • raffermo : “Come faremmo noi poeri toscani senza lo pane raffermo e sciapo?”
    • vespertino : “ci parla […] del ritmo lento del passato” o rammenta la gioventù, “quando il Parroco, leggendo l’orario delle Sante Messe, menzionava la messa vespertina”
    • opimo : “Mi ricordo di aver riso molto per averla sentita usare, nella mia giovinezza, da un amico ingrassato che battendosi i fianchi li definì ‘opimi’”
    • agiato : “Ah, quando il bon ton imponeva ai ricchi di definirsi agiati ….”
  • 17. f. Memoria di libri, film, canzoni della propria infanzia, adolescenza, giovinezza
    • brama : “Specchio, specchio delle mie brame…”
    • tiritera : “Tira la tiritera / di giorno di sera” [ Il dito in bocca ]
    • contrito: “Adesso uscite! E non tornate mai più, almeno fino a che non sarete contriti, pentiti e redenti” [ The Blues Brothers ]
    • adunco : senza il quale “le fiabe avrebbero streghe meno efficaci”;
  • 18. g. Finestre sul presente
    • canuto : “Mi ricorda il ‘vecchierel’ che incontro e vedo in mio padre e che tra alcuni anni sarò anch’io”
    • bizza : “per significare il capriccio e la caparbietà” dei propri figli
    • ciangottare : come fa la “nipotina di un anno” di chi scrive
    • intonso : “Oggi non ci sono più libri intonsi perché non ci sono più pagine da tagliare”
    • accozzaglia : “In un tempo in cui, al posto delle parole, prevalgono segni e gesti, vorrei che resistesse un termine per definire un insieme inarticolato di comunicazione confusa nelle ‘mani’ di molti distratti esecutori verbali”
  • 19. 4. Dove va l’italiano? Alcune parole chiave
  • 20.   a. Concisione e semplificazione  
  • 21. c. Espressività e brillantezza
  • 22.  
  • 23.  
  • 24.  
  • 25.  
  • 26.  
  • 27.  
  • 28.  
  • 29. c. Condivisione e compartecipazione
  • 30. d. Neotribalizzazione e denormativizzazione
  • 31.  
  • 32.  
  • 33.  
  • 34.
    • Gli Avatar si sono risvegliati ed ognuno reclama per se le terre che un tempo erano dei draghi.
    • Attorno a loro hanno riunito potenti eserciti pieni di mostri, maghi, eroi e campioni provenienti da ogni parte del mondo e ora sono pronti ad affrontarsi nello scontro più incredibile che sia mai stato narrato dalla penna di un bardo.
    •  
    •  Sei campi fortificati
    •  Battaglie campali, gioco di ruolo e tornei d'arme
    •  Oltre 70 ore di gioco senza interruzioni
    •  Un’atmosfera unica
    •  
    • Vuoi partecipare anche tu?
  • 35.  
  • 36.  
  • 37.  
  • 38.  
  • 39.
    • ADD Un -> MOB che si aggiunga al combattimento al di là della volontà dei giocatori.
    • ADDARE Combattere con nemici indesiderati.
    • AFK (per Away From Keyboard , lett. “lontano dalla tastiera”). Sigla indicante un giocatore momentaneamente non davanti al computer.
    • AGGRARE Attaccare i giocatori, detto di un -> MOB .
    • ALT (abbreviazione di alternative ). Con riferimento a uno dei personaggi di un giocatore che non sia quello principale, detto -> MAIN .
    • AOE (per Area Of Effect , lett. “area d’effetto”). Sigla che si applica a magie, armi o effetti che hanno come bersaglio una zona più o meno ampia invece che un bersaglio specifico.
    • ASD Onomatopea che indica una risata. È più spesso usata dai niubbi (-> NIUBBO ) e dai lamers (-> LAMER ).
    • AVATAR Scarsamente utilizzato, è sinonimo di -> PG .
  • 40.
    • DV 6? MMM, 6 TT PM (“Dove sei? Mi manchi molto, sei tutto per me”)
    •  
    • IF U CN RED THS, UR DOIN GR8 (“If you can read this, you are doing great”)
  • 41.
    • 2DA = today
    • LOL = laughing outLloud (‘rido a crepapelle’)
    • 3-DO = tremendo
    • MORF? = male or female?
    • AA = all after (‘tutto quanto segue’)
    • MUSM/MMM = miss you so much / mi manchi molto
    • AB = all befor (‘tutto quanto precede’)
    • NP = no problem
    • ADS = address
    • OTOH = on the other hand
    • ASL? (o A/S/L? ) = age sex location?
    • PL = please
    • B4 = before
    • ROL = raffing out loud (‘me la sto ridendo’)
    • BK = break
    • ROTFL = rolling on the floor laughing (‘mi sto rotolando a terra dalle risate’)
    • EOD = end of discussion
    • SOMY? = sick of me yet?
    • EOM = end of message
    • TAFN = that’s all for now
    • GB = good bye
    • THX/TU = thanks/thank you
    • IAC/IAE = in any Case/in any event
    • TIA = thanks in advance
    • IC = I see (‘lo vedo’ o ‘sono d’accordo’)
    • TTFN = ta-ta for now (‘a risentirci’)
    • TLK2UL8R/TTYL/TTUL = talk to you later
    • KWIM? = know what I mean?
    • IM(H)O = in my (humble) opinion
    • UW = you’re welcome
    •   TMW = tomorrow
    • L8R = later  
    • JAM = just a minute
    • WTGP? = want to go private? (‘ci trasferiamo in privato’?)
  • 42.
    • c’è qualke fan dei beatles?x me sn mitici!e ricord la musica è 1forma d’arte pura,xciò s devon accett tt le sue sfum,anke se nn piaccion!w I gd!risp laura91
    •  
    • Ciao Val3cool sn StefyBillyJoe mi stai molto simpa,t va d fare amicizia cn me?ank’io ho 16 anni xò vengo dalla Sicilia..vorrei saxe qnt anni ha all ages
    •  
    • al-gg mand xf,snsnz?è imp.Xilaryan90:si,m va inc, ma t disp se l pò t copio?Xk frs porto 1 magl knDUNK!Rx! Xstefy:av scrittoA meXpadova? Se s m vaDinc!Rx!lleDunk
  • 43.
    • toi -> twa
    •  
    • de ma Ferrari -> dma ferrari
  • 44.
    • <niceclare> ciao!!!mi piace 1 mio compagno di classe k xò è amato da tnt xk è bellissimo e dolcissimo...le mie compagne mi kiedono sx se mi piaccia ma sl 1 lo sa...xk io rx sx di no...xò qd c salutiamo via msn m dice sx tvb o tvttttttttb...spero k lui nn senta tt ciò k dicono in classe xk sn convinte k ne sia cotta e lui nn mi parli+ rx
    • <coccinella2> ti consiglio di scrivere in maniera più chiara..perchè io non è che abbia capito molto..ti piace uno che viene nella tua classe però chi lo sa? e cosa hai intanzione di fare?
    • <hime> Ti dispiacerebbe modificare il messaggio scrivendolo un po’ meno in linguaggio SMS? Io personalmente ho capito poco o niente di quello che c’è scritto ^^“” Sei su internet, non hai un limite di caratteri...
    • <Jessy92> Concordo pienamente con te!!!
    • <toto92> provaci tu..o faglielo capire in modo ke si faccia avanti!
    • <niceclare> scusatemi...allora:mi piace 1 mio compagno, il quale piace a tnt k xò cm me nn confessano il proprio amore...io ho confessato il ftt k mi piace ad 1 mia compagna,xò ora tt in classe e nelle altre prime della scuola mi kiedono se mi piaccia o meno e io poikè mi vergogno dico di no.ora xò ho paura k lui possa aver capito qlk e mi consideri 1 stupida k gli va dietro...xò quando c parliamo su msn,lui è sempre dolce e carino cn me...e mi dice sempre tvttttb o tvb...xò in classe nn è k faccia federe qst nostra intesa...cioè andiamo d’accordo xò nn mi dice mai tvb...voi k ne pensatE:lo fa sl xk fa piacere k qlk1 t venga dietro o xk mi trova simpatica?
    • <niceclare> scusatemi ancora...xò cercate ank di capire k sn italo-inglese sorry...xxxc
    • <hime> Cavolo, se uno è italo-inglese a maggior ragione scriverebbe italiano più “sciolto”
  • 45. 5. Epilogo
    • «Sei su internet, non hai un limite di caratteri...», è il rimprovero di hime a niceclare. Tiene ben distinti i due modelli di scrittura che adopera, hime. È consapevole, a suo modo, che un sms e un turno di chat richiedono prestazioni espressive diverse, che sono varietà dell’italiano, non sono la lingua italiana; e tanti giovanissimi come lui, alla domanda se il futuro dell’italiano passerà per la lingua degli sms, rispondono senz’altro di no. Le due circostanze, apparentemente in grado di farci ben sperare, fugano i tanti equivoci a proposito del decisivo influsso, sulla lingua dei giovani “barbari”, di presunte ragioni che prevarrebbero ogni volta su quella indotta dal mezzo. È vero, possiamo oggi comporre “messaggini” ben più lunghi che in passato, ma se decidiamo di oltrepassare il limite di “pagina” fissato dai vari operatori telefonici ne paghiamo le conseguenze (economiche); e se tardiamo troppo a rispondere cresce irrefrenabile l’ansia del nostro interlocutore a distanza: “Ci sei?”, “Perché non mi rispondi?”, “Non mi ami più?”.