Lidia Leonelli - Il corpo, questo sconosciuto
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Lidia Leonelli - Il corpo, questo sconosciuto

on

  • 1,836 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,836
Views on SlideShare
533
Embed Views
1,303

Actions

Likes
1
Downloads
4
Comments
0

2 Embeds 1,303

http://www.minotauro.it 1302
http://131.253.14.98 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Lidia Leonelli - Il corpo, questo sconosciuto Lidia Leonelli - Il corpo, questo sconosciuto Document Transcript

    • Lidia LeonelliIl corpo, questo sconosciuto
    • “Chi sono io?” Questa è la domanda che si pone, prima o poi, ogni adolescente; e noi possiamoimmaginarcelo, mentre si guarda allo specchio, intento, trasognato, stralunato. Scruta il suo viso,studia le espressioni che può assumere il suo volto.Il volto prima di tutto e soprattutto, ma non solo quello.Prima o poi ogni adolescente, maschio o femmina che sia, pone lo sguardo sul proprio corpo, unosguardo spesso schivo e sfuggente all’inizio, come per prendere un primo rapido contatto con unarealtà percepita confusamente e non ancora del tutto fatta propria. Uno sguardo poi più attento,spesso deluso e severo, mentre mette a fuoco la propria immagine che emerge dallo sfondo delleidealizzazioni infantili e si accorge che se ne differenzia irrimediabilmente. Solo alla fine puòguardarsi con uno sguardo benevolo, orgoglioso e compiaciuto, può piacersi ed essere contento dicome è, e ciò avviene solo molto tempo dopo l’inizio delle prime trasformazioni.Il corpo, irreversibilmente diverso da quello dell’infanzia, rimane a lungo come uno sconosciuto,nei confronti del quale si prova curiosità, ma anche timore e vergogna, desiderio di entrare inintimità ma anche diffidenza, simpatia ma anche fastidio e ribrezzo, e soprattutto impaccio. Chepena sentirsi così impacciato e ingombrante, come se quel corpo non fosse il tuo, tu che vorrestiessere solo muscoli e testa, e ti trovi invece tutto gambe e braccia, e pelo e brufoli e ormoni. E tuche ti senti solo cuore, tutta palpitante di un sentimento nuovo, e ti ritrovi proprio quel sedere, equel seno e quei fianchi e non ti senti mai apposto.Ogni adolescente si guarda, si studia, si odia, si maltratta, e solo alla fine si piace e si compiace delcambiamento che è subentrato in lui con la pubertà.Il corpo questo sconosciuto: Fornari diceva che co-noscere è co-nascere 1. Questa condizione chevale tutta la vita, e che fa sì che ci sia chiesto e dato di nascere sempre di nuovo, assume formeparticolarmente evidenti al momento della pubertà, quando il ragazzo, attraverso il suo corpo nuovoe la progressiva conoscenza attraverso di esso di se stesso e del mondo, nasce gradualmente alladimensione della sessualità. Per poter conoscere il suo corpo e con lui nascere a questa nuovapossibilità, deve però saper rinunciare a ciò che è stato e lasciare senza troppi rimpianti le fantasierelative al corpo e alla sessualità che si era costruito durante l’infanzia. Come la farfalla perdispiegare le ali lascia la sua crisalide e non rimpiange di non essere più bruco, così, alla fine dellungo percorso dell’adolescenza, quando finalmente sa e può volare, ormai giovane adulto pronto aspiccare il volo, l’ex adolescente lascia senza rimpianto alle spalle il corpo dell’infanzia attraversocui si è formato e le fantasie che lo riguardano. Chiude una porta per aprirne un’altra.Ma ciò che pare avvenire tutto d’un colpo al momento del primo rapporto amoroso, ha in realtàbisogno di un lungo periodo di preparazione, che attraversa tutta l’infanzia, la pubertà el’adolescenza, durante le quali viene intessuto quel bozzolo fatto da una parte di una gradualeappropriazione del proprio corpo, dall’altra di confronto tra questa realtà fisica e le fantasie che siinnescano su di essa, a partire dal quale diverrà possibile entrare nel mondo dello scambio amoroso2 . E’ a partire da una saldo ancoraggio di base dentro il proprio corpo, costruito pazientemente nelleprime fasi dell’infanzia attraverso il rispecchiamento attento della madre, del padre e dell’ambiente,che vengono poste le basi per sentirsi bene anche nel proprio corpo sessuato.Leggiamo assieme come Carlo Collodi termina il suo libro, bellissimo racconto delle avventurosevicende attraverso le quali Pinocchio trova se stesso, dopo essere stato tante volte sul punto diperdersi. Questo racconto, che ha affascinato non solo generazioni di bambini e di adulti, ma anchetanti studiosi ed è stato oggetto di letture attente ed approfondite3, mi sembra poter essere utilizzatoanche da noi come spunto per fare un discorso relativo al modo in cui il bambino prima, ilpreadolescente e l’adolescente poi, si impadroniscono progressivamente del proprio corpo.1 F. Fornari. (1984) La riscoperta dell’anima. Laterza, Bari2 L. Leonelli Langer, (1997) La porta chiusa. L’identità sessuale tra corpo e affetti, Franco Angeli, Milano.3 A. Gagliardi, (1980) Il burattino e il labirinto. Tirrenia Stampatori, Torino offre una lettura appassionante edapprofondita del racconto, passo per passo.
    • “A questo punto il sogno finì, e Pinocchio si svegliò con tanto d’occhi spalancati…..…andò a guardarsi allo specchio, e gli parve d’essere un altro. Non vide più riflessa la solitaimmagine della marionetta di legno, ma vide l’immagine vispa e intelligente di un bel fanciullo coicapelli castagni, cogli occhi celesti e con un’aria allegra e festosa come una pasqua di rose.…Pinocchio non sapeva più nemmeno lui se era desto davvero o se sognava sempre ad occhi aperti.……- E il vecchio Pinocchio di legno dove si sarà nascosto?- Eccolo là,- rispose Geppetto: e gli accennò un grosso burattino appoggiato a una seggiola, col capo girato sur una parte, con le braccia ciondoloni e con le gambe incrocicchiate e ripiegate a mezzo, da parere un miracolo se stava ritto.- Pinocchio si voltò a guardarlo; e dopo che l’ebbe guardato un poco, disse dentro di sé con grandissima compiacenza:- -Com’ero buffo, quand’ero un burattino! E come ora son contento di essere diventato un ragazzino perbene!…-Ogni volta che leggo questo libro, vi trovo descritto in modo magistrale e ironico quell’aspettodell’adolescenza di cui mi sto occupando.In passato ho utilizzato questa lettura come traccia attraverso la quale provare a descrivere e acomprendere alcuni aspetti salienti del rapporto affettivo che intercorre tra un adolescente e suopadre4, ma possiamo prendere spunto da essa anche per parlare delle trasformazioni che avvengononel corpo e che fanno dell’adolescenza un’età del tutto speciale, un po’ trasognata e stralunata.Possiamo ipotizzare che il burattino abbandonato sulla seggiola sia la crisalide che Pinocchio puòfinalmente lasciare, ora che ormai è padrone del suo corpo.Da gran conoscitore dell’animo dei ragazzi, Collodi ci presenta un Pinocchio che si sveglia come daun sogno. E forse davvero si è trattato di un lungo sogno, eccitante ed angoscioso nello stessotempo, attraverso il quale è riuscito a diventare se stesso, mentre diventava padrone del suo corpo.Tutti noi conosciamo l’affascinante condizione del sognare, il piacere del sogno dentro il quale tuttopuò accadere, anche di essere contemporaneamente se stessi e diversi e di trovarsi in più posti allostesso tempo. Tutti facciamo esperienza, ogni volta che sognamo, di un mondo indistinto, daiconfini labili, dentro il quale è lecito vivere ciò che da svegli non è permesso, e che, per questo suocarattere di libertà e di indeterminatezza, può offrire esaltanti sensazioni, ma anche provocareinesprimibili angosce. Dentro il sogno, abitiamo il corpo in modo diverso: le sensazioni esterne cigiungono ovattate e distorte, quelle interne sono ingigantite, deformate e danno origine ad immaginiche ci catturano. Conosciamo anche quel momento di passaggio, quando, nella fase del risveglio,capiamo che si è trattato di un sogno e ricordiamo, a volte con sollievo altre con rammarico, chisiamo, dove, con chi, che ore sono, abbandonando gradualmente le sensazioni che ancora ciavviluppano e riprendendo contatto con la realtà della veglia.Utilizzando la nostra esperienza, possiamo provare ad immaginare che il neonato viva nei confrontidel suo corpo e degli stimoli che gli giungono dall’esterno una condizione simile quella che noiviviamo nel sogno, dove tutto tende a mescolarsi, confondersi, sovrapporsi, dando origine a stati diestremo benessere o di inesprimibile tensione ed angoscia. Possiamo anche ipotizzare che ilprocesso di crescita e di conoscenza del mondo da parte del bambino parta da questa condizioneindistinta e vada verso la distinzione, passando attraverso un continuo progressivo sognare erisvegliarsi, attraverso il quale egli si impadronisce del mondo mentre diventa padrone del propriocorpo.Collodi ci presenta un burattino di legno, e noi possiamo pensare ad un bambino che, pur essendoincarnato fin dalla nascita in un corpo caldo e vivo, non lo conosce, non sa dare ancora unsignificato ed un nome a ciò che gli accade, ha continuamente bisogno di essere pensato da una4 L. Leonelli Langer, (1990) Le emozionanti avventure di Pinocchio (e di suo padre Geppetto). in (a cura di)G.Pietropolli Chsrmet, L’adolescente nella società senza padri, Unicopli.
    • madre e da un padre che lo aiutino a trovare il senso di ciò che sente, perché la sua mente non saancora formulare e contenere pensieri, come se avesse davvero la testa di legno.E come Pinocchio per diventare ragazzo ha dovuto essere burattino, ma ha anche dovuto superarequesta condizione, così per potersi riconoscere in un corpo da ragazzo, in un corpo cioè quasi daadulto, ogni adolescente ha dovuto essere bambino, ha dovuto stare immerso in una condizione diindeterminatezza e ha dovuto riuscire ad emergerne.Sono molto belle le sequenze nelle quali Collodi descrive Pinocchio alle prese con le sensazioniprovenienti dal proprio corpo. Le vicende della sua fame, che non sa ancora chiamare per nome, mache diventa sempre più prepotente e della sua incapacità a placarla, dei suoi tentativi maldestri diarrangiarsi a farsi da mamma da solo, della sua rabbia e della sua impotenza si svolgono nell’arco diuna notte. Ma in esse noi possiamo vedere il lungo cammino, percorso come a tentoni di notte, cheil bambino fa alla scoperta del proprio corpo, attraverso il quale conoscere e vivere la vita.Prima Pinocchio vede una pentola, ma si accorge che era solo dipinta (e noi sappiamo come unneonato ed un bambino incorrano nella stessa delusione quando si rendono conto che il succhiarsiil dito non placa la fame, e come questa delusione sia necessaria per distinguere l’illusione dallarealtà). Poi scova un uovo nel monte della spazzatura, e crede quasi che sia un sogno…e resta abocca asciutta perché ne esce un pulcino. L’immagine dell’uovo, per come viene deposto, per ilfatto che possa essere mangiato e nello stesso tempo essere il luogo della nascita, esprime moltobene in modo condensato la confusione del bambino circa le parti del corpo (bocca, ano, genitali) ele loro funzioni. E noi sappiamo, Fornari lo ha messo molto bene in evidenza5, come il bambino sitrovi in un universo dove regna la confusione e sappiamo anche quanto il cammino per uscirne sialungo, faticoso e tortuoso, ma assolutamente necessario per uscire dall’illusione, crescere ediventare davvero padrone del proprio corpo.Alla fine di questa nottata, Pinocchio si addormenta vicino al fuoco, solo, infreddolito, affamato espaventato e si brucia i piedi nel tentativo di riscaldarsi. Sappiamo che al mattino, mentre “ avevasempre gli occhi fra il sonno” – e mi sembra importante questo sottolineare che il tutto avvienesenza che il protagonista sia completamente sveglio - si ritrova senza piedi ed è forse solo grazie alfatto di riconoscere questa sua misera condizione che permette finalmente a Geppetto di prendersicura di lui.Attraverso questa sequenza abbiamo visto in modo estremamente condensato sia i passaggi piùprecoci delle vicissitudini del bambino alle prese con il suo corpo, sia le fantasie attraverso le qualiesprime il suo desiderio di non avere bisogno di nessuno, di fare tutto da solo e di essersi perfinofatto da solo, lui che in realtà dipende così tanto dagli altri. I piedi bruciati ci dicono che questefantasie non hanno piedi e che se il bambino rimanesse sempre all’interno di esse non potrebbenemmeno sopravvivere. Da qui la necessità di continui risvegli e riconoscimenti.Noi sappiamo che queste fantasie riguardano anche il modo in cui nascono i bambini e le differenzetra i sessi, realtà non facile da comprendere per un essere dai genitali non ancora sviluppati, e quindiimpotente, come un burattino asessuato.E’ necessario attraversare e superare tutto questo per crescere, ma ciò non avviene una volta pertutte e con un unico passaggio, bensì attraverso un continuo andirivieni tra sogno e veglia, traconfuse fantasie e ricognizioni allo specchio per appropriarsi della realtà.Alla fine di questo andirivieni Pinocchio si ritrova ragazzino in carne ed ossa, lui che era di legno.Eppure, prima di questa trasformazione definitiva, ne aveva già vissuto un’altra, di cui sembraormai dimentico: è diventato ed è stato per un periodo “ciuco”. Questa trasformazione temporanea,che avviene in questo primo incarnarsi, seppure in un corpo da somaro, viene condivisa con ilcompagno Lucignolo e con tutti gli altri ragazzi del Paese dei Balocchi.Vediamo come viene descritta:“… svegliandosi, gli venne fatto naturalmente di grattarsi il capo; e nel grattarsi il capo …Siaccorse con sua grandissima meraviglia che gli orecchi gli erano cresciuti più di un palmo. Voi5 F. Fornari , (1975) Genitalità e cultura. Feltrinelli, Milano.
    • sapete che il burattino, fin dalla nascita, aveva gli orecchi piccini piccini: tanto piccini che, a occhionudo, non si vedevano neppure!….Andò subito alla ricerca di uno specchio, per potersi vedere: ma non trovando uno specchio,empì d’acqua la catinella del lavamano e, specchiandovisi dentro, vide quel che non avrebbe maivoluto vedere… Lascio pensare a voi il dolore, la vergogna e la disperazione…”.Si tratta di nuovo di un risveglio, uno di quei momenti in cui ci si districa a fatica dalle fantasie delsogno e si prende contatto con una nuova realtà, quello in cui Pinocchio, attraverso un toccarsiquasi immemore, avverte i primi segnali di una trasformazione che si è preparata a sua insaputa nelcorpo, e si trova diverso.Possiamo pensare al turbamento del ragazzo o della ragazza pubere, cui accade di avvertireconfusamente le prime avvisaglie della trasformazione, che suscitano uno stato di allerta, e lo fannomettere in ascolto del corpo, (le orecchie nuove possono rappresentare sia le trasformazioni, sia lanuova attenzione ai segnali del corpo).Rispetto a queste nuove sensazioni, non è più possibile ora, nel momento della pubertà, utilizzaredirettamente il rispecchiamento da parte della madre o del padre, come è avvenuto invece finora pertutte le altre tappe di sviluppo. Un nuovo pudore, funzionale alla crescita autonoma e aldisinvestimento dei genitori in preparazione dell’uscita dalla famiglia al momento della sceltadell’oggetto d’amore e d’accoppiamento, fa sì che l’adolescente sperimenti una nuova solitudine.Egli cerca quindi di arrangiarsi come meglio può, per potersi vedere e per poter riuscire a costruirsiuna nuova immagine di sé, nella quale inserire gli elementi che lo sviluppo continuamenteaggiunge, per non rischiare di continuare a pensarsi in un modo, mentre ormai è completamentediverso. Potremmo ipotizzare che certi momenti di ritiro, durante i quali il preadolescente sembraun po’ assorto e assente, siano momenti nei quali egli cerca di distinguere i contorni della propriaimmagine che emerge ancora confusa delle nebbie delle fantasie infantili.È vero che la prima reazione di fronte alla scoperta del proprio corpo sessuato può essere di dolore.È vero che per certi versi i preadolescenti non vorrebbero vedere il cambiamento, perché ciò licostringe alla rinuncia definitiva e dolorosa dell’illusione di poter diventare tutto e ogni cosa. Ognipossibilità che prende corpo corrisponde infatti al dover constatare che altre infinite possibilità nonsi realizzeranno più. È anche vero che spesso il primo moto dell’animo è quello di un senso divergogna, come se l’immagine riflessa, non potendo corrispondere alla perfezione sognata durantel’infanzia, fosse davvero quella di un somaro, di cui non si può fare altro che vergognarsi. Però èpur anche vero che il cambiamento è stato atteso, e che c’è in qualche angolo del proprio cuore unareazione di giubilo che aspetta solo di poter esplodere. E questo giubilo può manifestarsi piùfacilmente quando le impressioni legate alle trasformazioni del corpo vengono condivise con altri,con quei compagni cui sta accadendo la stessa medesima cosa.Vediamo che Pinocchio si copre come meglio può con un berretto quelle orecchie di cui ancora sivergogna, e va alla ricerca dell’amico. Quando finalmente lo trova, vede che porta anche lui un granberretto di cotone sulla testa. “Che l’amico sia malato della mia medesima malattia?”“…quando si videro colpiti tutti due della medesima disgrazia, invece di restare mortificati edolenti, cominciarono ad ammiccarsi i loro orecchi smisuratamente cresciuti, e dopo millesguaiataggini finirono col dare in una bella risata……E risero, risero, risero da doversi reggere ilcorpo.”In questa circostanza sembra proprio vero il detto “mal comune mezzo gaudio” e ben lo sanno gliinsegnanti, quotidianamente confrontati con la prorompente vitalità fisica e sessuale dei lorogiovanissimi allievi, sempre pronti a cogliere ogni occasione per dare sfogo alla voglia matta diessere e di sentirsi gioiosamente maschi e femmine. Anzi, il male comune si trasforma, attraverso ilconfronto con i compagni e l’appartenenza al gruppo monosessuale, in un bene accettato econdiviso, di cui poter in certi momenti andar fieri e vantarsi.Ma vediamo che per Pinocchio e l’amico la risata non dura per sempre, perché la trasformazione liincalza e non concede loro tregua, facendoli turbinare incontro al “momento più brutto e piùumiliante …quando sentirono spuntarsi di dietro la coda ” e la voce si trasformò in un ragliare.
    • Questo momento può essere brutto dal punto di vista di un ragazzino che, perso nel suo paese deibalocchi e incurante della realtà, si sia illuso di poter per sempre seguire solo il principio di piacere.Egli può allora pensare che questa trasformazione si riveli una punizione umiliante e ingiusta, chelo costringerà ad entrare nel mondo degli adulti, nel quale sarà obbligato a lavorare duramente e adaccettare tutto pur di sopravvivere, abbandonando per sempre la capacità di ridere. Oppure puòessere umiliante per il ragazzo che pensa di dover ora esibire le sue nuove capacità fisiche o chedesidera farlo e allo stesso tempo teme di fallire, e comunque si sente sempre come in mezzo allapista di un circo, con tutti gli occhi puntati addosso. E in quanti momenti si sente così ,unadolescente…In fondo questo Pinocchio ciuchino, al quale viene chiesto molto più di quanto nonsia in grado di fare, ci suscita un moto di simpatia. Lo vediamo, mentre si sente costretto ad esibirsi,ma in cuor suo invoca la fatina, con i lucciconi agli occhi, e ci fa pensare alle nostre ragazze ainostri ragazzi a volte così provocatoriamente spavaldi nei loro corpi nuovi, con i quali pensano didover fare grandi cose, e nello stesso tempo così trepidi e pieni di nostalgia di un passato ancora alleporte.Pur con il sostegno del gruppo dei coetanei appartenenti allo stesso sesso, ogni adolescente devefare anche un percorso di crescita che lo vede solo, impegnato in prima persona. Ad un certomomento anche le storie di Lucignolo e di Pinocchio si dividono e ciascuno deve percorrere da solola sua strada.Pinocchio, che già una volta aveva perso i piedi, resta di nuovo azzoppato e stavolta, sembra, inmodo definitivo: gli viene infatti annunciato che rimarrà zoppo tutta la vita. Possiamo ipotizzare cheil riconoscimento da parte dell’adolescente dell’impossibilità di continuare a galoppare le fantasieinfantili, il rendersi conto del loro avere le gambe non solo corte come le bugie, ma anche rotte,riconoscimento che avviene proprio durante il periodo delle esibizioni e delle prove durante le qualipuò ancora immaginarsi bravo come un saltimbanco o magico come un mago in grado di fare tutto,sia accompagnato da un senso di dolore e di perdita, che può farlo sentire davvero impotente.Noi sappiamo che il nostro ciuchino zoppo viene legato e gettato in mare perché muoia annegato.Potrebbe sembrare la fine, tragica e poco dignitosa, di un percorso di crescita interrotto. MaPinocchio viene ripescato ed è di nuovo un burattino.Una morte ed una rinascita, immagini forti per parlare di un’esperienza forte, attraverso la qualeogni adolescente deve passare. Ci possiamo domandare il significato di questo ritrovarsi burattino.Potrebbe trattarsi di un momentaneo percorso a ritroso, un momento di nostalgico ritorno ad unacondizione precedente, un tornare ad essere il bambino della mamma o il burattino della fatina. Maè proprio l’intervento della fatina che salva il ciuchino dall’annegamento e permette lacontinuazione della storia, che altrimenti finirebbe tragicamente. Potremmo allora ipotizzare checerti momenti di apparente regressione, che così frequentemente ritroviamo nei nostri adolescenti,attraverso i quali sembrano dichiararsi ancora bambini bisognosi di attenzioni materne, siano lacondizione attraverso cui riescono a mantenersi a galla e a riprendere fiato, in funzione diun’ulteriore trasformazione. Attraverso un continuo andirivieni tra la condizione di ciuchino equella di burattino, essi si riappropriano dei propri bisogni infantili di relazione, che avevano avutola tentazione di negare e che sono invece necessari per fondare il rapporto amoroso.Il fatto che il nostro burattino trovi finalmente il padre dentro la pancia del pescecane da cui vienemangiato quando si getta in mare per scappare, fa capire come questi momenti di passaggio, diritorno alla madre, possano trasformarsi in passi avanti verso la crescita e l’appropriazione delproprio corpo sessuato solo grazie all’intervento della funzione paterna6, che aiuta a distinguere leproprie fantasie onnipotenti riguardo al corpo, dalla realtà. Sappiamo che è proprio salvando ilpadre, che Pinocchio salva se stesso…fino a diventare finalmente un ragazzo in carne ed ossa, felice“come una pasqua di rose”. Anche in questa metafora ritroviamo il concetto della morte e dellarinascita, che ribadisce la necessità della rinuncia nei confronti dei desideri onnipotenti riguardo alcorpo per poter accedere alla capacità di usare il corpo nello scambio amoroso. Possiamo6 G. Pietropolli Charmet, (1995) Un nuovo padre. Il rapporto padre-figlio nell’adolescenza, Arnaldo MondadoriEditore, Milano
    • immaginare che quando Pinocchio si risveglia ragazzo, si accorge che gli manca qualcosa per esserefelice e si mette alla ricerca della sua Pinocchia, a cui non avrebbe mai potuto pensare e che nonavrebbe mai potuto trovare finché era solo un burattino o un asino.Qui si introduce il discorso della necessità del tempo per permettere che il processo si compia, dellanecessità della pazienza quando può sembrare che il tempo non passi mai e della necessità per ogniadolescente di contare sull’aiuto di una fatina e di un Geppetto, che pur accettando di uscire discena e quasi di scomparire, rimangono tenacemente dietro le quinte, come testimoni e garanti dellapossibilità di crescere.