Your SlideShare is downloading. ×
Elena Rosci - La Maternità Ambivalente
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Elena Rosci - La Maternità Ambivalente

394
views

Published on

Published in: Health & Medicine

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
394
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. 1La maternità ambivalenteElena RosciProbabilmente il titolo della mia relazione ha fatto emergere in voi un’aspettativa che non sarà soddisfatta.Quando si parla di ambivalenza materna infatti vengono alla mente le complesse vicissitudini affettive checaratterizzano la relazione fra madre e figlio e la sua lunga storia.Oggi, INVECE, vi presenterò il tema da un altro punto di vista che riassume il significato e i risultati dellaricerca clinica che ho sviluppato negli ultimi anni. Vi parlerò dell’ambivalenza della donna di fronte alprogetto, ALLA SOLA IDEA, di diventare madre.La mia pratica clinica si è imperniata sull’ascolto di donne di tutte le età. Nell’ultimo decennio mi è risultatosempre più evidente ciò che avevo intuito confusamente già molti anni fa.E’ stato ampiamente descritto come la madre percepisca in modo nuovo se stessa e il figlio, in quanto oggigli elementi narcisistici investono profondamente la relazione educativa arrivando a porre in secondo pianola dimensione della regola e della colpa.Fedele alla tradizione psicoanalitica mi sono mossa da qui non per andare avanti ma per percorrere uncammino a ritroso e ho posto la mia attenzione sullo stato mentale della donna PRIMA, quando è alle presenon con il figlio ma con la decisione stessa di diventare madre.Già Freud all’inizio del secolo scorso aveva acutamente rilevato che l’assenza del ciclo mestruale, qualesegno di una gravidanza in corso, poteva esse colto non solo con giubilo ma anche con sgomento e ansietà equindi in modo ambivalente.Fino agli Settanta del secolo scorso, in assenza di contraccettivi sicuri e in presenza di una forte sudditanzasociale delle donne, la maternità era da considerarsi un destino e non una scelta.Poche donne infatti si sottraevano al destino materno. Quelle che dicevano no appartenevano a due categorie:le sterili e le donne che non si sposavano. Fra queste emergono le religiose, le zitelle che vivono in famigliae le intellettuali che, come Rita Levi Montalcini o Simone de Beauvoir, volevano sperimentare l’eccellenza ela solitudine dei numeri primi rimanendo senza figli per creare in altri ambiti. In queste biografie femminilid’eccellenza è evidente che, se il matrimonio senza figli non è pensabile, chi vuole essere e fare altro decidedi rinunciare al matrimonio stesso.Negli ultimi trent’anni, è cambiato tutto.La maternità non è più un destino, non è più l’effetto secondario e scontato del matrimonio ma divienepiuttosto oggetto di una scelta personale e di coppia nella quale ogni donna si interroga sul giusto esull’ingiusto, sull’opportuno e sull’inopportuno in modo personale cercando un punto di equilibrio instabilefra codice femminile e codice materno.Un equilibrio tutt’altro che prevedibile e quindi l’effetto della riflessione diviene aleatorio. E’così che allachiamata materna non tutte rispondono con un si, A VOLTE compare il No deciso ma più spesso il FORSE,e SOPRATTUTTO IL DOPO.
  • 2. 2Nella cultura tradizionale, quella della maternità come destino, la donna aveva una presenza sociale debole esecondaria, non aveva autonomia economica e il suo codice femminile seduttivo era saggiamente rivolto adassicurarsi il migliore dei partner possibili, un buon partito, capace proteggere lei stessa e il figlio dai rigoridi un mondo esterno vissuto come estraneo e pericoloso. Il marito doveva muoversi nel mondo per procurarsiun reddito, la moglie all’interno della casa proteggeva il nido, lo faceva bello, portava il decoro, la modestia,il buon senso oltre alla propensione inesausta di ripianare i conflitti all’interno della famiglia. Presto, dopo ilmatrimonio la donna aveva un bambino e lo porgeva al marito come un dono. Era la sua realizzazionecompiuta di donna adulta, ciò in cui doveva brillare, il suo orgoglio e la sua felicità.Per la madre identificarsi con gli aspetti dipendenti e deboli del figlio poteva essere relativamente facile,anche lei infatti era debole e dipendente, almeno da un punto di vista sociale e il marito-padre dovevasupportarla dove era meno competente, aiutando il figlio ad affrontare i cimenti del mondo esterno edistogliendolo dalla madre con la quale si supponeva esistesse una relazione a forte rischio di simbiosi.In questo quadro la relazione coniugale non è paritetica ma è complementare, lui e lei si completano, simuovono su terreni diversi e possono essere grati l’uno all’altra oppure trascorrere una vita infelicecaratterizzata dalla certezza di aver scelto il partner sbagliato. Nessuno infatti pensava che il matrimonio,nella sua versione ottocentesca e romantica, fosse abitato da contraddizioni e conflitti dirompenti ma siriteneva piuttosto che l’infelicità fosse da collegarsi prevalentemente con la sfortuna di un amore infelice oimpossibile. A ciò sembravano credere tutti nonostante questa ipotesi fosse contraddetta in modo evidentedal fatto che il partner giusto non lo trovava quasi nessuno.Questo quadro fa parte del passato e non del presente e del futuro.Vi spiego perché.Già negli anni Settanta nelle famiglie colte le figlie cominciano a essere educate alla luce di valori nuovi,totalmente divergenti rispetto al destino femminile e materno tradizionale.La pazienza, la castità, la generosità, l’attesa e la prudenza per non dire della modestia non sono più al centrodell’educazione femminile anzi sono valori attivamente contrastati. Le giovani donne ora non devono piùtrovarsi un buon marito ma anzi hanno l’onere e l’onore di cercare innanzitutto se stesse. Pensare alla propriacarriera professionale e sperimentare una sessualità sempre più libera e disgiunta da vincoli coniugali diventaun luogo comune dell’educazione femminile tanto che chi educa la figlia ai vecchi valori è considerato unretrogrado oppure uno che si situa ai limiti del maltrattamento.La CULTURA DEL NARCISISMO, intesa non come patologia ma come valorizzazione della realizzazionedi sé, ha investito l’educazione maschile e femminile in egual misura e ci ha collocato di fronte alla fine diun’epoca.In seguito a ciò il codice femminile si è trasforma differenziandosi in due parti.
  • 3. 3Un livello è quello del successo sociale dove le donne fanno l’esperienza di poter essere ammirate e dipiacere a qualsiasi età grazie alle loro virtù sociali. Se in passato ogni donna perbene poteva piacere a unosolo, il marito, ora può sperimentare l’inebriante possibilità di piacere a tutti in quanto competente,intelligente, simpatica e così via.L’impegno sociale delle donne porta con sé l’acquisizione di due prerogative tradizionalmente paterne:l’indipendenza economica e la competenza sociale.Questa nuova collocazione femminile modifica radicalmente il secondo livello, quello seduttivo del codicefemminile, che un tempo era l’unico. La donna non cerca più in un uomo capace di proteggere lei e il futurobambino dalle insidie del mondo esterno, cerca invece un partner col quale instaurare una relazione pariteticache può eventualmente prevedere la protezione, ora condivisa, del piccolo.Lei la competenza sociale ora ce l’ha di suo e il mondo esterno non la spaventa più come un tempo. Laseduzione ha ora un obiettivo più espressivo, libero in quanto slegato dal bisogno e al tempo stessonarcisistico. I due devono trovarsi bene, rispecchiarsi e ammirarsi reciprocamente e avere anche un’ottimaintesa sessuale e sentimentale. Se questa intesa decade, infatti, spesso la coppia si separa anche se lui è unottimo padre.Le ragazze di oggi, fin dall’adolescenza, e anche in età adulta, spesso non intravedono nel partner il futuropadre del loro bambino quanto piuttosto un compagno di vita che sappia rendere l’avventura amorosaelettrizzante, appagante e niente affatto noiosa e prevedibile.L’orizzonte che ho delineato spiega la trasformazione radicale del codice femminile negli ultimi trent’anni,un codice che si divarica profondamente dal codice materno spesso non è più al suo servizio.MA…alla nostra rappresentazione culturale del codice materno che cosa è successo nel frattempo? Larisposta è semplice: non è successo nulla.E’ rimasto fermo, immutabile, naturalistico, statico, romantico, ottocentesco, oblativo, soccorrevole egeneroso. Nella rappresentazione comune non si è modificato affatto….. tanto che se una donna non siadegua ad esso è considerata una cattiva madre.Ciò produce una cronica incertezza della donne di fronte al progetto di avere un figlio che, semprerimandata, spesso non realizza.D’altra parte la politica nei paesi di area mediterranea si muove come se all’interno della famiglia ci fosseancora una donna tradizionale alla quale delegare in toto le funzioni di cura. I servizi per l’infanzia sonopochi e anche quelli destinati agli adolescenti e ai giovani adulti sono pressoché inesistenti in quanto sisuppone che ci sia una madre all’interno della casa che non aspetta altro se non di prendersi cura di tutti ibisogni degli altri. Irresponsabilmente la nostra politica considera il bambino alla stregua del piccolino dellasua mamma e non come un soggetto con diritti e doveri, che è nell’interesse pubblico investire sulla suacrescita.
  • 4. 4Paradossalmente tanto più l’educazione delle donne avversa il masochismo femminile tanto più i bisogni delbambino sono enfatizzati, indagati, amplificati con la lente d’ingrandimento e presentati da discorsipseudoscientifici non solo come ineludibili ma anche come ascrivibili a un solo soggetto: la madre.E’ così che un numero sempre più elevato di donne risponde alla chiamata materna non con il rifiuto ma conla tendenza a procrastinare sine die un’esperienza che appare irreversibile e monolitica, molto difficile daintegrare con una identità femminile duttile, sociale e costruita all’insegna dell’intermittenza e dellareversibilità sia in ambito sociale sia sentimentale.Una donna su cinque in Italia non ha figli. Il numero sta crescendo velocemente. In alcune zone del NordItalia fra le laureate si arriva una donna su due, il 50%, di donne senza figli.Siamo di fronte a un cambiamento epocale, a una modificazione antropologica che rischia di proiettarcinell’orizzonte triste e senza futuro di un paese per vecchi.Il codice femminile rinnovato e quello materno inteso in modo tradizionale si divaricano e si incontrano consempre maggiore difficoltà come mostra il lavoro clinico con le donne alle quali l’idea della maternitàproduce uno stato caratteristico di angoscia invece di una trepidante attesa. Anche la clinica dellafecondazione assistita e della depressione post parto evidenzia lo stesso ostacolo insormontabile: femminile ematerno faticano ad integrarsi.Di fronte a un cambiamento di queste dimensioni la psicoanalisi non deve assumere il ruolo sterile di unapsicologia morale che si sostituisce alla religione per difendere l’etica di un tipo di famiglia ormai alcrepuscolo. Deve invece comprendere il cambiamento in corso nelle sue caratteristiche più fini perconsentire di riorganizzare la speranza su nuove basi etiche e politiche oltre che cliniche.La mia speranza personale è che si possa realizzare una rivisitazione della figura della madre, e unarisimbolizzazione del suo ruolo. E’ un compito immane ma possiamo realizzarlo.I paesi del Nord Europa si sono già avviati su questa strada. La funzione materna è suddivisa fra più soggettifra i quali spiccano la madre, il padre e lo stato. Gli eccessi narcisistici del bambino idoleggiato non sonosconfitti ma sono temperati dal valore della solidarietà sociale. I risultati sono parziali ma confortanti, infattila bilancia fra nascite e morti è in pareggio. Le società che hanno colto l’enorme dimensione delcambiamento non stanno invecchiando.Che dire per concludere? La fine della madre romantica non è la fine del mondo, è solo la fine di un’epoca.Qualcuno di noi può reagire al tramonto di questo ideale con rimpianto, altri con sollievo.D’altra parte la psicoanalisi ci insegna che rimuovere la verità o non accettarla produce dolore e sofferenza.Per guardare al futuro con uno sguardo fiducioso il cambiamento dobbiamo accettarlo e magari cercare digovernarlo come fanno le donne che si rivolgono a noi quando cercano, con angoscia, una rispostaindividuale a problemi la cui portata epocale dovrebbe apparire evidente a tutti.