Alfio Maggiolini - I sogni tipici degli adolescenti ricerca sui sogni dei ragazzi dagli 11 ai 18 anni
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Alfio Maggiolini - I sogni tipici degli adolescenti ricerca sui sogni dei ragazzi dagli 11 ai 18 anni

on

  • 3,273 views

 

Statistics

Views

Total Views
3,273
Views on SlideShare
1,986
Embed Views
1,287

Actions

Likes
0
Downloads
11
Comments
0

2 Embeds 1,287

http://www.minotauro.it 1286
http://131.253.14.98 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Alfio Maggiolini - I sogni tipici degli adolescenti ricerca sui sogni dei ragazzi dagli 11 ai 18 anni Alfio Maggiolini - I sogni tipici degli adolescenti ricerca sui sogni dei ragazzi dagli 11 ai 18 anni Document Transcript

  • Alfio MaggioliniI sogni tipici degli adolescenti Ricerca sui sogni dei ragazzi dagli 11 ai 18 anni
  • Recenti teorie e ricerche sui sogni Abbiamo raccolto i sogni di maschi e femmine dagli undici ai diciotto anni e ne abbiamoanalizzato il linguaggio e alcuni contenuti. La ricerca è stata in parte finanziata con un contributo dell’Istituto di psicologia della Facoltà diLettere e Filosofia e condotta in collaborazione con Katia Provantini e Daniele Viganò, PaoloAzzone e Salvatore Freni della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli studi diMilano. Le attuali concezioni del sogno, dei suoi meccanismi e delle sue funzioni, si sono moltoallontanate dalle originarie ipotesi freudiane. Già Franco Fornari aveva radicalmente criticato laconcezione freudiana del sogno come espressione mascherata di un desiderio infantile e avevaconsiderato i sogni come prodotti di un sistema affettivo di simbolizzazione, di un modo di pensareuniversale, filogeneticamente determinato, vicino al corpo e alle emozioni, con la fondamentalefunzione di aiutare il soggetto a valutare gli eventi diurni non dal punto di vista della loro realtà (inquanto veri o falsi), ma del loro valore in rapporto alla sopravvivenza dell’individuo e della specie(in quanto buoni o cattivi). Queste idee sono in sintonia con i più recenti orientamenti sul sogno, che lo concepiscono comeun modo di pensare della mente notturna e di tentare di risolvere problemi affettivi. Anche in ambitopsicoanalitico è cresciuta l’attenzione al testo manifesto del sogno, al di là del ricorso alleassociazioni libere, considerando il sogno manifesto significativo in sé (Palombo, 1984;Morgenthaler, 1985; Greenberg, Pearlman,1978). I sogni sono necessari per l’integrazione di nuoveesperienze nella memoria dei mammiferi e per la risoluzione di problemi. L’unità di base per lacomprensione del sogno è quindi il problema, l’espressione di un sentimento negativo, o di unasituazione che richiede un adattamento. Invece di essere concepito come il luogo in cui si celano i desideri sessuali rimossi, il sogno èvisto come il momento in cui la mente inconscia trasmette all’individuo il sapere della specie,riorganizzando nella memoria le sue esperienze diurne e rivalutandole in funzione dei compitispecifici fondamentali. Non realizzazione di desideri nascosti e inconfessati, quindi, ma riflessionesulle proprie esperienze dal punto di vista di un sapere sovraindividuale, una concezione per certiaspetti più vicina al punto di vista di Jung che a quello di Freud. Indizi di questa funzione elaborativa si incontrano nei sogni ricorrenti, la cui diminuzione ècorrelata ad un aumento del benessere della persona e nei sogni nei disturbi posttraumatici, chemostrano in modo impressionante il lavoro progressivo del sogno sul contenuto del trauma, che conil passare del tempo diventa sempre più simbolico e si lega alle preoccupazioni della vita quotidiana(Barrett, 1996). Da diverse punti di vista teorici il sogno è visto come sentinella del sonno, come oblio (serve acancellare tracce mnestiche), come collegamento tra emisfero destro e sinistro, come epifenomenosenza interesse, o come evento che trasforma la memoria a breve termine in memoria a lungotermine.
  • In questo momento è tuttora vivo il dibattito tra una concezione funzionalista del sogno e unateoria del sogno come evento privo di significato (come nella teoria neurofisiologica di Hobson eMcCarley dell’attivazione sintesi, che tende a considerare i sogni senza senso, l’effetto di unbombardamento notturno casuale della corteccia). Per Crick e Mitchison (teoria del reverselearning), sognare è un modo per ripulire il sistema e secondo Evans il sogno rappresenta il cervellooff-line che riprocessa l’informazione raccolta durante il girono precedente. Si sa che il sogno nasce da attività di parti del cervello biologicamente antiche (Jouvet, Winson).E’ stato dimostrato (van derWolf,1969) che gli animali hanno ritmi theta tipici dell’ippocampodurante il sonno e hanno gli stessi ritmi quando agiscono nel giorno comportamenti utili allasopravvienza (per esempio nel gatto il comportamento predatorio). Il ritmo theta riflette un processoin cui informazioni essenziali alla sopravvivenza della specie raccolte durante il giorno sonoriprocessate nella memoria durante il sonno REM. Il sogno sarebbe un selective processing device,che confronta nuovi dati e vecchi dati per valutare che cosa è importante per la specie. Le più recenti ricerche mostrano comunque che il sogno non è limitato alla fase REM enemmeno al sonno: è uno stato mentale che può apparire anche in una situazione di privazione distimoli esterni e vi sono sogni, anche se meno completi durante le fasi non-REM (Bosinelli,Cicogna, 1991). I sogni in età evolutiva I sogni dei bambini sono stati studiati in modo sistematico da un punto di vista cognitivo. Dai treai sei anni i bambini riportano pochi sogni quando vengono svegliati dallo stato REM; i sogni daitre ai cinque anni mancano di storia (o plot) e contengono pochi personaggi umani e più animali.Tra sette e nove anni i sogni incominciano a manifestare una maggiore self-reference (Foulkes,1990). A undici e dodici anni incominciano ad assomigliare a quelli adulti con una vera e proprianarrativa del sogno (Westerlund, Johnson 1989). Nei bambini gli incubi sono comuni tra i quattro ecinque anni. Nel 65% dei sogni ricorrenti di bambini il sognatore è in pericolo (mentre lo è nel 45%dei sogni ricorrenti degli adulti). I bambini nei sogni d’attacco sono minacciati per l’86% da mostri,animali, streghe o creature fantastiche, mentre lo sono il 19% degli adulti negli stessi sogni. Negliadulti è nove volte più probabile che il sogno contenga fallimenti, che derivano da inadeguatezza,problemi di competenza personale, di quanto non accada nell’infanzia. Hall and Van de Castle (1966) hanno proposto un metodo di analisi del contenuto dei sogni,ripreso poi da Domhoff (1996), elaborando alcune categorie di contenuto (ambienti, oggetti,personaggi, interazioni, attività, esito delle attività, emozioni, elementi modificatori). Analisi condotte su molti sogni secondo queste categorie hanno mostrato che: - i sogni delle ragazze sono più lunghi (dell’8% in media); - i maschi sognano due volte più spesso di altri maschi che di donne; - gli uomini hanno più interazioni aggressive: - i protagonisti sono molto più spesso vittime che aggressori (sia uomini che donne); - le emozioni riportate nei sogni sono per lo più negative; - tra gli oggetti gli uomini sognano più spesso di armi o strumenti mentre le donne di abiti;
  • - i maschi hanno più sogni sessuali delle donne; - le donne sognano allo stesso modo di altri uomini e donne; - prevalenza di spazi chiusi nelle donne e di spazi aperti nei maschi; - prevalenza d’oggetti d’abbigliamento nelle donne e di oggetti di divertimento nei maschi; - gli animali sono più frequenti nei maschi; - la presenza di personaggi non reali diminuisce con l’età; - vi sono più omicidi nei maschi; - rare le interazioni sessuali in entrambi i sessi. - poche differenze d’età, con un declino delle interazioni aggressive. - negli adolescenti più interazioni amichevoli. - dai quindici anni in poi scarse sono le differenze con i sogni dei giovani adulti. La nostra ricerca I sogni sono stati raccolti in scuole medie inferiori e superiori di Milano e provincia. Il campioneè equilibrato dal punto di vista dell’indice di status. Ai ragazzi in classe è stato spiegato che perscopi di ricerca si raccoglievano sogni e che il ricercatore sarebbe tornato la settimana successiva,per ascoltare chi aveva uno o più sogni da raccontare. I sogni avrebbero dovuto essere il piùpossibile recenti e raccontati in dettaglio. La partecipazione era libera. L’ascolto del racconto delsogno avveniva fuori dalla classe. Il sogno era registrato e poi trascritto secondo una particolareprocedura di trascrizione che conserva il più possibile pause e toni espressivi (Mergenthaler,Stinson, 1992). 328 adolescenti e preadolescenti (più dell’80% degli studenti delle classi) hanno accettato diraccontare uno o più sogni. In genere ogni ragazzo ha raccontato uno o due sogni (media 1,8). SOGGETTI PREADOLESCENTI ADOLESCENTI 11-14 15-19 MASCHI 74 80 FEMMINE 71 103 TOTALE 145 183 SOGNI PREADOLESCENTI ADOLESCENTI 11-14 15-19 MASCHI 133 132 FEMMINE 147 184 TOTALE 280 316 L’analisi delle parole La ricerca in psicoterapia utilizza da tempo sistemi d’analisi computerizzata del testo dellesedute. Le sedute sono trascritte secondo specifiche regole e vengono effettuati calcoli sulle parole
  • del paziente e del terapeuta. Una prima analisi è costituita dal calcolo delle parole più frequenti, sianegli interventi del terapeuta sia del paziente. Altre analisi sono basate sul raggruppamento delleparole per categorie (che esprimono emozioni e affetti o descrivono dati di realtà o pensieri delsoggetto). Abbiamo cercato di verificare le differenze per sesso e per età nell’uso delle parole nei sogni. Differenze per sesso Amico e macchina sono più frequenti nei maschi che nelle femmine, nelle quali è più frequente(comparativamente) l’uso di madre e cavallo. Nei maschi prevale l’uso di verbi come sognare, svegliarsi, andare e uccidere e ricordare. Nellefemmine invece dovere,entrare e mettere. Differenze per età Con l’età nei maschi cosa, professore e macchina aumentano, mentre madre, porta e animale epersona diminuiscono. Nei preadolescenti maschi è più frequente l’uso di verbi come stare e volere,andare e uccidere e dire. Solo ricordare aumenta con l’età. Tra gli aggettivi solo è più usato daipreadolescenti maschi e veloce dai più grandi. Nelle femmine diminuiscono professore, padre, madre e cavallo e tra i verbi andare, mettere efare, mentre ricordare aumenta. Tra gli aggettivi aumenta bello e lungo. I sogni tipici Anche se l’esistenza dei sogni tipici (o sogni comuni o sogni universali) è stata riconosciuta datempo, l’interpretazione dei sogni ha considerato il linguaggio del sogno da un punto di vistaprevalentemente individuale, come una forma molto privata di rappresentazione. In psicoanalisi è stato posto l’accento sulla singolarità del sogno, più che sulla sua universalità,sia interpretandolo come la realizzazione di un desiderio infantile, sia considerandolo comel’elaborazione di un problema della vita quotidiana (Alston, Calogeras, Deserno, 1993; Haesler,1994). Da un punto di vista cognitivista la somiglianza tra pensieri diurni e notturni ha distoltol’attenzione dagli aspetti tipici del sogno (Cavallero, Foulkes, 1993). Anche le categorie di Hall andVan de Castle non sono basate sugli aspetti tipici dei sogni e possono essere adatte per ogni tipo ditesto (Domhoff, 1996). Molti sono i sogni riconosciuti come tipici. Freud ne ha indicati alcuni (Grinstein, 1983): a- Sogni tipici con significato costante - di imbarazzo per la propria nudità; - di morte di persone care; - di esame; - di perdere il treno. b- Sogni con significato variabile: - di volare;
  • - di cadere (nascita, o cedere all’erotismo o ripetizione di caduta dalle braccia del genitore); - di salvataggio (nascita); - di osservazione (scena primaria); - da stimolo dentario; - di punizione; - di incapacità a raggiungere qualcuno (le aspirazioni); - di riconciliazione (con persone con le quali i rapporti si sono spenti da tempo). La teoria dell’interpretazione dei sogni tipici è ancora da definire. Prendiamo per esempio i sognidi caduta. Freud è incerto se attribuire ai sogni di caduta un significato costante o se considerarlicome una funzione narrativa: “Queste sensazioni - quella di cadere, di essere librati, di essereimpediti - rappresentano per noi un materiale sempre pronto, di cui il lavoro onirico si serve peresprimere i pensieri del sogno, ogniqualvolta ve ne sia la necessità” (p. 537). I sogni di caduta possono avere molti significati: - la sensazione di cadere addormentato; - la trasformazione di un reale rischio di caduta dal letto; - la ripetizione di esperienze traumatiche - sensazioni di caduta dalle braccia dei genitori nell’infanzia; - il desiderio di lasciarsi andare agli impulsi sessuali; - l’erezione e la perdita d’erezione nella masturbazione; - il Sé grandioso in situazioni pericolose; - l’ambizione; - la perdita di equilibrio mentale, di autocontrollo; - la rinuncia agli sforzi e alle responsabilità; l’intensità della caduta è indice dell’intensità dellarinuncia dell’individuo; - la nascita; - alcune esperienze emozionanti come il volo aereo. Forse più in generale esprimono una sensazione di esaltazione/abbattimento, che può essereapplicata a diverse aree relazionali, sessuali o narcisistiche. Altri autori hanno proposto altre classificazioni (Ward, Beck, Rascoe, 1961) in partesovrapponibili a quella di Freud - Oggetto danneggiato - Caduta - Essere inseguito, attaccato, perseguitato - Acqua o nuotare - Di cibo, mangiare - Trovare soldi - Perdersi - Fuoco - Essere nudo o poco vestito
  • - Qualcosa capita ai denti - Volare - Esame - Perdere oggetti - Perdere un treno o simili - Essere salvato - Spazi stretti - Cantine Altri autori hanno proposto altri elenchi (Delaney, 1997; Stevens, 1995, Garfield 1999). I tre sogni più frequenti sono quelli d’attacco, di oggetto danneggiato e di volare (Saul, Curtis,1967; Griffith, Miyago, Tago, 1958). Saul and Curtis sostengono che i sogni di caduta sono sognatidal 53% al 88% delle persone nella loro vita. In studenti universitari Griffith ha trovato che i sognipiù frequenti sono quelli d’attacco (83.5%) e caduta (78.9%). Secondo Domhoff dal 40% al 50%dai maschi e delle femmine dicono di avere sogni di nudità e tre quarti degli uomini e 55% delledonne in un campione (e 59% e 53% in un altro campione) hanno riportato di aver avuto sogni divolo (Domhoff, 1996, 205). Anche se la maggior parte delle persone ricorda dei sogni tipici non è chiaro quanto sianoveramente diffusi. Secondo Domhoff, non sono molto frequenti. In una ricerca su 983 sogni da un diario di duesettimane di 126 studenti nessuno dei dieci più comuni sogni è capitato più di poche anche se quasitutti gli studenti avevano detto di aver fatto quei sogni almeno una volta (1996). Barrett ha trovato isogni di volo nel 1.2% di un campione di sogni di 17 soggetti (1996). Per questo secondo Domhoffquesti sogni non sono in realtà molto importanti (1996: 198). Anche se l’esistenza dei sogni tipici èstata riconosciuta fin dall’antica Grecia (Guidorizzi, 1988), non abbiamo una lista dei sogni tipiciattendibile, frutto di una ricerca empirica. La griglia di classificazione dei sogni tipici Distinguiamo il sogno tipico (TD) e il contenuto tipico (TC). In un TD la rappresentazione del contenuto è stereotipata (per esempio un sogno in cui unsoggetto affronta un esame). Ma in molti sogni possiamo trovare TC simili ai TD: - Come combinazione di TC (per esempio un sogno in cui il protagonista è attaccato e poi vola e cade da un burrone) - Come variazione dello stesso contenuto (per esempio, non un esame scolastico, ma una prova in una competizione atletica) Possiamo definire TC perché: - Diverse narrative possono avere qualcosa in comune, rappresentato da un TC: per esempio, il TC di essere attaccato da un nemico può avere diverse rappresentazioni o varianti (essere attaccato da ladri, o inseguito dalla polizia). Queste varianti possono variare in
  • rapporto all’età, al sesso, alla cultura e alle esperienze individuali. Poiché comunque queste situazioni hanno in comune una relazione con un nemico rappresentano una categoria. - Differenti TD possono essere raggruppati in una categoria: volare, cadere, nuotare, salire o scendere dalle scale o da un ascensore o cadere da un burrone condividono una stessa relazione con una dimensione di gravità. Abbiamo proposto la seguente classificazione dei TC.CATEGORIA TCGravità Volare, cadere, sogni d’ascensori e scale, nuotare, salite e discese (movimenti in senso verticale)Disorientamento Passare attraverso spazi stretti; porte e finestre; labirinti; buio e luce;spaziale gallerie; cantine e sotterranei; trovare nuove stanze in casa; terremoto; (l’ambiente è imprevedibilmente modificato o sconvolto)Attacco e salvataggio Essere inseguito, perseguitato, rapito, attaccato; essere ucciso; sogni di ladri e polizia, di fuga; di animali predatori; uno è salvato da un pericolo (il protagonista è in relazione con un nemico)Esame Fare un esame, una prova, partecipare ad una competizione, ad un gioco in cui si vince o perde (il protagonista è esaminato e deve dimostrare le sue capacità a qualcuno)Impedimento Essere impedito nei movimenti; non essere capace di fare qualcosa dopo molti tentativi; incapacità a raggiungere qualcuno o qualcosa; essere incapace di chiamare aiuto; non poter correre (difficoltà a controllare mezzi e strumenti)Perdita e Una persona amata è in pericolo o morta; perdita o ritrovamento diritrovamento oggetti; abbandono, separazione, riconciliazione; impossibilità a trovare qualcuno; perdita di un oggetto come il portafoglio; mancare ad un appuntamento; perdere qualcuno; trovare soldi; perdere l’aereo o il treno (separazione e perdita di qualcosa o qualcuno)Nascita e Sogni di gravidanza, parto e nascita, del soggetto o altri, ancheaccudimento animali; occuparsi di piccoli o cuccioli: vedere bambini maltrattati o trascurati (il protagonista si occupa di un bambino)Relazioni Gelosia, atti sessuali, corteggiamento, violenza sessuale, averesentimentali o rapporti con una persona sconosciuta o famosa (problemi nellesessuali relazioni sessuali o sentimentali)Mutilazione o Perdita dei denti, capelli, modificazione degli organi sessuali,trasformazione del trasformazione del corpo (qualcosa di strano accade al corpo)corpoBisogni fisiologici Sogni di mangiare, bere, urinare, defecare (bisogni fisiologici)
  • Nudità e imbarazzo Essere nudo in pubblico o poco vestito; essere in imbarazzo per l’abbigliamento; importanza dei vestiti (relazione tra intimità e pubblico, tra persone familiari ed estranee) In questa classificazione prendiamo in relazione la relazione del soggetto con un oggetto(un’azione o un sentimento) e non solo la presenza di un certo oggetto (acqua o macchina, ecc.). Dinorma il protagonista si confronta con una preoccupazione o un problema. E’ possibile trovare in ogni sogno più categorie. Se troviamo due o più contenuti della stessacategoria in un sogno lo classifichiamo una sola volta. In tutti i sogni il riferimento deve essereevidente e non derivare da un’interpretazione. Abbiamo una nascita se qualcuno o qualcosa nasce(anche un vegetale) e non se il protagonista esce da uno spazio stretto ed è accecato da una forteluce. In questo caso classifichiamo il contenuto in una categoria spaziale. ESEMPIO TC Sognavo di essere assieme ai miei compagni di fare una, una gita inbicicletta. Eravamo, sul lago di Como e c’era una lunghissima discesa e io gravitàho fatto una volata! ho superato tutti i miei amici insomma, e pedalavo,pedalavo fortissimo; andavo su mediamente settantacinque all’ora! nonsapevo neanche il perché andavo così veloce! e niente andavo le miegambe non le controllo più, andavano veloci, veloci, veloci e, a un certo impedimentopunto, io cercavo di frenare per rallentare, solo che non riuscivo a frenare.Niente, alla curva sono uscito, sono andato giù in un burrone e vedevo i gravitàmiei amici che mi salutavano, però io non sapevo il motivo. E poi mi sonosvegliato basta. AFFIDABILITA’ Abbiamo verificato l’attendibilità della griglia per 50 sogni tra due giudici indipendenti. AFFIDABILITA’ K ATTACCO .877 GRAVITA’ .726 PERDITA .703 SPAZIO .718 IMPEDIMENTO .634 SESSO .908 ESAME 1 CORPO 729 BISOGNI 1 NASCITA .729
  • NUDITA’ .778 I risultati Abbiamo esaminato tutti i sogni con la griglia dei TC. Abbiamo trovato i TC in quasi tutti i sogni(solo 2% dei sogni non avevano TC). La media della lunghezza dei sogni era di 171 parole per imaschi e di 197 parole per le femmine (p al t-test .O38) e la lunghezza dei testi dei sogni aumentain, modo significativo con l’età (p .OOO). La lunghezza è positivamente correlata con la presenza diTC e la media di TC per sogno era di1,5. CONTENUTI TIPICI IN TUTTI I SOGNI ATTACCO 42,6% GRAVITA’ 23,8% PERDITA 22,7% SPAZIO 16,5% IMPEDIMENTO 12,4% SESSO 11,6% ESAME 6,2% CORPO 5,9% BISOGNI 3,2% ACCUDIMENTO 3,0% NUDITA’ 2,9% Solo la nascita e l’accudimento sono più frequenti nelle ragazze che nei maschi (chiquadro,p<.01). Non vi sono altre differenze significative nei TC dei maschi e delle femmine. I sogni diimpedimento (p<.01) e di sesso (p<.000) aumentano, mentre quelli d’attacco (p<.000) e di gravità(p<.000) diminuiscono con l’età (con un’analisi della varianza controllata anche in rapporto allalunghezza del testo dei sogni). Conclusioni In ogni sogno possiamo trovare uno o più contenuti tipici nel contenuto manifesto, senzainterpretazione. I contenuti tipici sono la stoffa di cui i sogni sono fatti. I contenuti tipici possonoessere ancora più frequenti, perché espressi con un linguaggio molto personale. Per esempio, lavisita ad un monastero tibetano ricorda al sognatore la frase buddista “l’attaccamento è la fonted’ogni sofferenza” (Globus, 1993), un contenuto che si collega al tema dell’attaccamento e dellaperdita. Questa analisi del contenuto focalizza alcuni temi che possono essere espressione di funzioni dibase del sogno. In questa classificazione il sogno può essere un tentativo di trattare conpreoccupazioni come: disorientamento, attacchi, incapacità, perdite, problemi sessuali esentimentali come la gelosia, malattie, e preoccupazioni sull’immagine sociale.
  • Categoria Funzione Gravità Mantenere il controllo del corpo Disorientamento spaziale Orientarsi nell’ambiente Attacco Difendersi dai nemici Esame Acquisire capacità Impedimento Controllare strumenti e mezzi Perdita Mantenere l’attaccamento Accudimento Occuparsi dei piccoli Relazioni sessuali Avere relazioni sessuali Trasformazioni del corpo Mantenere l’integrità del corpo Bisogni fisiologici Soddisfare i bisogni fisiologici Nudità Distinguere familiari ed estraneiL’elenco dei contenuti tipici dei sogni propone tra gli oggetti affettivi di base non solo le relazionierotiche o parentali, ma anche l’ambiente (nei sogni di gravità e di disorientamento spaziale),l’estraneo (nei sogni di nudità), il nemico (nei sogni d’attacco), le proprie capacità (nei sognid’esame e d’impedimento), e il corpo non erotico (nei sogni di trasformazione del corpo e di bisognifisiologici).Bibliografia Alston T.M., Calogeras R.C., Deserno H. (eds.) (1993)Dream reader: Psychoanalytic articles ondreams. Intern. Univ. Press, Inc, Madison. Barrett D. (ed.) (1996) Trauma and dreams, Harvard University Press, London. Bosinelli M., Cicogna P. (a cura di) (1991) Sogni: figli di un cervello ozioso, Bollati Boringhieri,Torino. Casonato M. Pani R. (1995) Il sogno. Da Freud ai giorni nostri, Moretti&Vitali, Bergamo Cavallero, Foulkes (1993) Dreaming as cognition, Harvester Wheatsheaf. Curtis H., Sachs D.M. (reporters) (1976) Dialogue on ‘The changing use of dreams inPsychoanalytic practice’, Int. J. Psycho-anal., 57. DeLaney G.M. (1997) In your dreams: falling, flying and other dreams themes. Harper&Collins,New York. Domhoff G.W. (1996) Finding meaning in dreams. A quantitative approach. Plenum Publ.Corp., New York. Feldman S. (1943) Contributions to the interpretation of a typical dream: finding money,Psychiat. Quat., 27: 423. Flanders S. (1993) The Dream Discourse Today, Routledge, London. Fornari (1979) I fondamenti di una teoria psicoanalitica del linguaggio, Boringhieri, Torino. Fornari (1981) Il codice vivente. femminilità e maternità nei sogni delle madri in gravidanza,Boringhieri, Torino. Foulkes D. (1978) A grammar of dreams, Basic Books, N.Y. French T.M., Fromm E. (1970) I sogni: problemi di interpretazione, Astrolabio, Roma. Greenberg R., Pearlman C. (1978) If Freud only knew: a reconsideration of psychoanaliticdream theory, International Review of Psycho-analysis, 5.
  • Greenberg R., Pearlman C. (1991) A research-based reconsideration of the psychoanalitic theoryof dreaming, Journal of the Am. Psychoan. Ass. Griffith R., Miyago O, Tago A. (1958) The universality of typical dreams: Japanese vsAmericans. American Antropologist, 60: 1173-1179. Grinstein A. (1983) Freud’s rules of dream interpretation, Int. Univ. Press, Madison. Guidorizzi (1988) Il sogno in Grecia, Laterza, Bari Haesler L. (1994) Le rôle du rêve dans la pratique psychanalytique aujourdhui, Psychanalyse enEurope, 43: 6-31. Hall C.S., Van de Castle R.L. (1966) The content analysis of dreams, New York, Appleton-Century-Crofts Harris I.D. (1957) The dream of the object endangered, Psychiatry, 20:151-161. Harris I.D. (1960) Typical anxiety dreams and objects relations, Int. J. Psycho-anal., 41. Jouvet M. (1992) Le sommeil e le rêve, Editions Odile Jacob, Paris. Lakoff G. Come la metafora struttura i sogni, Psicoterapia, 4, 1996, pp.9-33. Lansky M.R. (ed.) (1992) Essential papers on dreams, New York Univ. Press, New York Lorand S., Feldman S. (1955) The symbolism of teeth in dreams, Int. J. of Psycho-anal., 36,145-161. Mancia M. (1996) Sonno & sogno, Editori Laterza, Bari. Mergenthaler E., Stinson C.H. (1992) Psychotherapy transcriptions standards,Psychotherapy Research, 2:125-142 Morgenthaler F. (1985) Diagnostica del sogno. Il significato dei punti di vista formali estrutturali, Psicoterapia e scienze umane, 1. Myers W.A. (1989), The traumatic element in the typical dream of feeling embarrassed at beingnaked, Journal of the American Psychoanalytic Association, 37:117-130. Palombo S.R. (1984) Deconstructing the manifest dream, J. Amer. Psychoanal. Assn., 32, 405-420 Pulver S.E. (1987) “The manifest dream in psychoanalysis: a clarification”, Journal of theAmerican Psychoanalitic Association, 10. Roccioletti G., Zulli A.M., Bertini M. (1983) Il sogno nell’età evolutiva. Una ricerca sulcontenuto manifesto, Bulzoni, Roma. Saul L.J. (1966) Embarrassment dreams of nakedness, Intern. J. of Psychoan., 48:552-558. Saul L.J., & Curtis G.C. (1967) Dream form and strength of impulse in dreams of falling andother dreams of descent, Intern. J. of Psychoan., 48:281-287. States B.O. (1993) Dreaming and storytelling, Cornell Univ. Press, Ithaca. Stevens A. (1995) Private myths. Dreams and dreaming. Hamish Hamilton. London. Ward C.H., Beck A.T., & Rascoe E., (1961) Typical dreams, Arch. Gen. Psych., 5:116-125. Webb W.B., Cartwright R.D. (1978) Sleep and dreams, Ann. Rev. Psychol., 29: 223-52)