• Like

Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Uploaded on

 

More in: Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
345
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
2
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. EUROSOCIALNETWORK Approccio integrato alla persona con Disabilità Intellettiva Dott.ssa Chiara Del Furia Letizia Pironi Claudia Pieri
  • 2. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 3. EUROSOCIALNETWORK TITOLO Approccio Integrato Biologico Psicologico Sociale Sviluppo
  • 4. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
    • TRATTAMENTO INTEGRATO
    • Dimensione dello sviluppo : andare incontro alla persona al livello del suo sviluppo emozionale interagendo con lui/lei in accordo alle sue necessità emozionali di base.
    • Dimensione sociale : informare ed educare l’ambiente al fine di permettere un adattamento ottimale di interazioni in accordo con i bisogni della persona.
    • Dimensione psicologica: con il training o la psicoterapia aiutare la persona ad attivare la sua capacità di risolvere i problemi e ad adattarsi alle circostanze ambientali.
    • Dimensione biologica: farmaci psicotropi diretti all’obiettivo se necessari come supporto ai tentativi di trattamento sulle altre dimensioni.
    • (Dosen, 2006)
  • 5. DOPPIA DIAGNOSI La prevalenza di disturbi psichiatrici nella popolazione con Disabilità Intellettiva (DI) è molto più alta di quella della popolazione generale. La prevalenza di disturbi psichiatrici nella popolazione adulta con DI riportata in letteratura varia ampiamente fra il 10% e il 39% (Bertelli M., 2004) EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 6. DOPPIA DIAGNOSI La diagnosi psichiatrica, già complessa nella popolazione generale, diviene di ancor più difficile attuazione nella persona con DI, soprattutto nei gradi grave e gravissimo. Nelle persone con DI i problemi psichiatrici e comportamentali possono essere causa di gravi ostacoli al processo di integrazione sociale OBIETTIVO Migliorare la qualità della cura fornita alle persone con disabilità intellettiva e problemi di salute mentale EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 7. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
    • VINELAND
    • CARS
    • OSSERVAZIONE LOGOPEDICA
    • VINELAND
    • CARS
    • VINELAND
    • ANALISI ABC
    • VINELAND
    • SAED
    • OSSERVAZIONE PSICOLOGICA
    • DASH II
    • VALUTAZIONE FISIATRICA
    OSSERVAZIONE SISTEMATICA PROFILO FUNZIONALE
    • Anamnesi
    • Esame obiettivo
    • Esami ematochimici
    • Accertamenti strumentali
    • Consulenze specialistiche
    • Definizione protocolli monitoraggio
    • Parametri fisiologici di base
  • 8.
    • METODO BIO-PISCO-SOCIALE E DELLO SVILUPPO
    • Finalità
    • Evitare una prospettiva limitata in cui determinati comportamenti problema o psicopatologie sono interpretati soltanto come caratteristiche relative alla persona
    • Estendere le strategie di intervento modificando i fattori ambientali
    • Migliorare le procedure diagnostiche in quanto permette di comprendere l’evoluzione delle modalità di coping del soggetto, le sue motivazioni e necessità emozionali.
    EUROSOCIALNETWORK
  • 9. IL MODELLO INTEGRATO L'impostazione metodologica e organizzativa intende riferirsi a modelli di tipo cognitivo – emotivo – comportamentale, secondo i criteri più attuali in materia di trattamento dei Disturbi dello Spettro Autistico e Disabilità Intellettiva. Questo modello si integra, nel nostro caso già da anni, al modello sulla Qualità di Vita con un approccio al trattamento ecologico. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 10. Qualità di Vita Dare al nostro ospite l’opportunità di poter scegliere quale attività sia per lui importante e significativa da svolgere per la propria soddisfazione personale. Il modo più completo ed efficace di valutare la Qualità di Vita è costituito dalla relazione tra la percezione individuale dell’importanza attribuita a determinati ambiti di vita e la percezione individuale della soddisfazione provata negli stessi. EUROSOCIALNETWORK
  • 11. Qualità di Vita EUROSOCIALNETWORK TITOLO
    • partecipazione
    • identità
    • abitare
    • lavoro
    • valutazione
    • diagnosi
    • trattamento
    (La Malfa,2008) Promozione della salute Vulnerabilità Supporti Lavoro sulle complicazioni
  • 12. Programma complessivo di presa in carico V iene costruito sulla base delle caratteristiche individuali del soggetto, dell’età, tenendo conto delle variabili familiari. Deve prevedere anche un’integrazione con le risorse presenti nel territorio (scuole, palestre, ludoteche, ecc). Responsabile del Programma è il Medico Neuropsichiatria Infantile o lo Psichiatra EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 13.
    • Programma complessivo di presa in carico : Elementi essenziali
    • Individua gli operatori professionali coinvolti nel progetto;
    • Individua altri operatori, agenzie educative e le risorse del territorio da coinvolgere nel progetto
    • Considera in maniera globale i bisogni, le disabilità e soprattutto i punti di forza;
    • Definisce le modalità di frequenza al centro;
    • Definisce gli esiti desiderati esplicitando gli obiettivi a breve e lungo termine e le modalità di attuazione;
    • E’ di riferimento per ogni intervento svolto dall’equipe riabilitativa;
    • E’ condiviso dalla famiglia dell’ospite e i servizi territoriali.
    EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 14. Piano ri-abilitativo Alla costruzione del piano abilitativo/riabilitativo individuale partecipano tutti gli operatori del centro, ciascuno per la parte di propria competenza. La nostra caratteristica principale risiede nella possibilità di proporre alle famiglie, ai servizi e alle persone con disabilità intellettiva una vasta gamma di realtà di vita abitativa, ricreativa, educativa e riabilitativa, grazie alle risorse del territorio e del Gruppo CTE. Responsabile del PRI è lo psicologo coordinatore insieme allo Psichiatra o Neuropsichiatra Infantile EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 15. EUROSOCIALNETWORK Servizi e Famiglie Colloquio e Valutazione Multidisciplinare RSD DIURNO DIURNO SOCIALE APPARTAMENTO SOCIALE INSERIMENTO LAVORATIVO RSD (alta intensità)
  • 16.
    • Percorso Alta intensità
    • Prevede l’accoglienza di utenti con scompenso comportamentale e/o comorbilità psichiatrica (provenienti da famiglie, Centri e Ospedale) supportata da un progetto individuale condiviso tra Dipartimento di Salute Mentale famiglia e l’equipe medico-psico-pedagogica del C.T.E.
    • Il progetto prevede una valutazione iniziale dell’utente, incontri con cadenza regolare tra i vari attori del progetto, un supporto intensivo sia sull’utente che sulla famiglia
    • La famiglia è supportata dal servizio di psicologia interno al C.T.E e gli incontri sono fissati con cadenza mensile.
    EUROSOCIALNETWORK
  • 17.
    • Percorso Alta intensità
    • Il supporto emotivo-terapeutico all’utente è garantito da personale formato e in formazione continua, ed è composto da: psicologi, educatori, logopedista, fisioterapista, infermieri, OSS-S.
    • Attraverso l’analisi funzionale ABC, viene monitorizzato il comportamento adattivo/disadattivo dell’utente e gli eventuali sintomi psichiatrici presenti.
    • Per ogni ospite inserito nel percorso ad alta intensità sono previste due figure di supporto individuali (tutors formati) nella giornata, supervisionati dal care manager.
    EUROSOCIALNETWORK
  • 18.
    • Percorso Bassa intensità
    • Prevede l’accoglienza di utenti con Disabilità Intellettiva Medio-Lieve, con bassa frequenza e intesità di comportamenti problema e se necessario, compensati farmacologicamente riguardo alla comorbidità con disturbi psichiatrici
    • Il progetto prevede una valutazione iniziale dell’utente, incontri con cadenza regolare tra i vari attori del progetto
    • La famiglia è supportata dal servizio di psicologia interno al C.T.E e gli incontri sono fissati con cadenza mensile.
    EUROSOCIALNETWORK
  • 19. Percorso FARM Diurno Residenziale: criteri essenziali Qualità di vita con la promozione della partecipazione, dell’attività lavorativa e dell’abitare. Promuovere attività reali concrete con una produzione tangibile , anche commestibile o artigianale che hanno significato per la vita collettiva riveste un grande valore esperienziale e simbolico per i nostri ospiti . EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 20. Percorso FARM Diurno Residenziale: Obiettivo Generale L’obiettivo generale è il raggiungimento di un livello di autonomia che permetta il parziale inserimento o reinserimento sociale dei soggetti in cura o un miglioramento generalizzato della loro qualità di vita EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 21. Percorso FARM Diurno Residenziale: Attività Le attività manuali e creative di vario genere sono articolate in laboratori, quali il laboratorio di vimini, quello di decorazione, quello di giardinaggio, orticoltura quello di cura degli animali da fattoria e di negozio, laboratorio di falegnameria, tessitura e mosaico, attività sociali, ed anche integrazione con il territorio EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 22.
    • CONTATTO CON LE FAMIGLIE
    • E’ previsto per tutta la durata del progetto un counseling di sostegno alla funzione genitoriale con incontri periodici con lo Psicologo del CTE
    • Obiettivo degli incontri sarà:
    • valutazione e promozione della Qualità di Vita all’interno del nucleo familiare;
    • coinvolgimento dei familiari nel percorso e scambio di informazioni;
    • ripristinare delle dinamiche accettabili ed utili per tutti i componenti del nucleo familiare;
    • verifica delle strategie, degli obiettivi e dei risultati
    EUROSOCIALNETWORK
  • 23.
    • LA FORMAZIONE E L’INSERIMENTO LAVORATIVO
    • Promuovere formazione e inserimento lavorativo tramite training in accordo con altre istituzioni e enti come scuola e Provincia:
    • in ambito agricolo per soggetti con DI
    • in ambito sanitario assistenziale per soggetti neurotipici
    EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 24. LA FORMAZIONE DEL PERSONALE In linea con gli interventi del CTE e con le richieste effettuate dalle normative previste per riconoscimento dell’accreditamento da parte della ASL, il personale del CTE è costantemente invitato a svolgere formazione, sia offerta dalla struttura stessa che all’esterno, per esempio con facilitazioni degli orari e con permessi. Dal 2002 a tutt’oggi il CTE è provider ECM. All’interno dei corsi già effettuati sono sempre stati trattati argomenti relativi alla disabilità, e in specifico alla sindrome autistica. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 25. OUTCOME Modello interno di rete flessibile e individualizzato che comprende diversi livelli di intensità di trattamento e supporto. EUROSOCIALNETWORK TITOLO Identità Partecipazione sociale Lavoro Abitare