Your SlideShare is downloading. ×
0
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Ecn BENEDETTI
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Ecn BENEDETTI

232

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
232
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Comune di Calenzano Ass. Soc. Rossella Benedetti EUROSOCIALNETWORK L’Esternalizzazione dei Servizi Sociali
  • 2. EUROSOCIALNETWORK TITOLO Di cosa si parla? L’esternalizzazione dei servizi è una forma di privatizzazione definita “parziale”, in quanto punta esclusivamente o prevalentemente alla privatizzazione della funzione di produzione di beni o servizi di welfare, dove lo Stato conserva un ruolo centrale nella programmazione e indirizzo delle politiche sociali (gli consente di mantenere la titolarità del servizio e di sancire il diritto di ogni cittadino a ricevere il servizio rispondendone indirettamente anche per la qualità).
  • 3. EUROSOCIALNETWORK TITOLO Premessa e contesto italiano in cui si inserisce · - Il problema economico è fra i principali motivi che ha spinto i paesi occidentali ad attivare una politica di servizi di interesse sociale su base privata. - nasce negli anni 90 in conseguenza a fenomeni sociali e economici che hanno comportato cambiamenti demografici (l’aumento della popolazione anziana e il tasso di natalità quasi pari a zero, i flussi immigratori) e le relative conseguenze socio-sanitarie, difficoltà finanziarie e di bilancio, crisi di legittimità.
  • 4. EUROSOCIALNETWORK TITOLO La riforma dello stato sociale è caratterizzata da diverse dimensioni istituzionali tra loro correlate. In Italia la riforma segue percorsi differenziati sia per settore sia per territorio.
  • 5. EUROSOCIALNETWORK TITOLO Riferimenti normativi Con la riforma del titolo V della Costituzione (potere legislativo alle Regioni) si è realizzata una discontinuità rispetto al pur rilevante processo di decentramento. I processi di decentramento verticale, attraverso cui un numero sempre crescente di competenze viene attribuita in via originaria a comuni, provincie e regioni, producono effetti significativi sulle modalità di finanziamento e di gestione ai servizi alla persona ed alla comunità.
  • 6. EUROSOCIALNETWORK TITOLO - In conseguenza del decentramento si verifica un processo di articolazione territoriale, potenzialmente in grado di condurre ad una rilevante differenziazione dei modelli organizzativi operanti a livello comunale, - Il decentramento più significativo riguarda la gestione, mentre la programmazione e il coordinamento vengono compiuti a livello regionale e di zona.
  • 7. EUROSOCIALNETWORK TITOLO la legge 328/ 2000 (legge quadro sui Servizi Sociali) fa riferimento alla programmazione: art. 1. Le modifiche concernenti i modelli di governo delle politiche sociali e sanitarie sono dettate da esigenze diverse, relative all’aumento della domanda di servizi, alla natura del servizio erogato, alle modalità di fruizione dello stesso, all’esigenza di rendere più efficiente la gestione e qualitativamente migliori le prestazioni, a quella di ridurre i costi organizzativi e quelli di produzione, alla necessità di dotarsi di modelli flessibili che siano a basso tasso di investimenti irreversibili.
  • 8. EUROSOCIALNETWORK TITOLO - nel settore dell’assistenza la riforma ha individuato nel terzo settore un attore privilegiato per la costruzione di modelli cooperativi - nel settore sanitario lo strumento di selezione dei soggetti privati che possano partecipare sia al servizio sanitario nazionale che al sistema integrato degli interventi dei servizi sociali è costituito dall’accreditamento e dalle autorizzazioni.
  • 9. EUROSOCIALNETWORK TITOLO - accanto alle politiche dell’offerta, si sviluppano politiche della domanda volte a promuovere la libertà di scelta, ad esempio attraverso gli assegni/ servizio, i bonus o i titoli di acquisto (L 328/2000) - La fissazione dei livelli essenziali e la definizione della qualità dei servizi viene realizzata a livello del governo centrale, sancendo così la garanzia dei diritti ai cittadini.
  • 10. EUROSOCIALNETWORK TITOLO Più in dettaglio: che cosa è in concreto l’esternalizzazione? - Con questo termine si fa riferimento a tutte le ipotesi in cui un ente pubblico, rinuncia totalmente o parzialmente alla gestione diretta di un servizio, i cui beneficiari finali siano soggetti diversi dall’amministrazione, affidi ad un’organizzazione separata, di natura privata o mista, il compito di svolgere una o più funzioni.
  • 11. EUROSOCIALNETWORK TITOLO L’obiettivo di lungo periodo è quello di creare modelli di governo a struttura cooperativa pubblico – privato, compatibili con la pluralità dell’offerta, la libertà di scelta del beneficiario ed un sufficiente grado di concorrenzialità.
  • 12. EUROSOCIALNETWORK TITOLO Il processo di contrattualizzazione ha una funzione regolamentare; può dunque essere letto come una modalità consensuale di regolamentazione “sostitutiva di” o “ completamente a” quella gerarchica. Essa viene generalmente associata all’introduzione di sistemi concorrenziali riguardanti la selezione del gestore, imposti dalla legge nazionale/o comunitaria o volontariamente promossi dall’amministrazione che decide l’esternalizzazione.
  • 13. EUROSOCIALNETWORK TITOLO l'esternalizzazione dei servizi si basa essenzialmente sulla capacità dell’ente pubblico di mettere in competizione tra loro i diversi potenziali fornitori, ottenendo perciò le migliori condizioni di qualità e di prezzo del servizio stesso.
  • 14. EUROSOCIALNETWORK TITOLO Caratteristiche in breve massimizzazione della qualità e una minimizzazione dei costi, attraverso: - concorrenza, - sostituzione della logica del profitto con la massimizzazione dei budget, - economie di scala, - ridurre gli alti costi di personale, - maggiore flessibilità di personale, di strumenti, ecc.
  • 15. EUROSOCIALNETWORK TITOLO è necessario: - pluralità di soggetti - soggetti = selezione di imprese - controllo (costi, prestazioni e efficienza)
  • 16. EUROSOCIALNETWORK TITOLO problemi e limiti: - dipendenza tra il pubblico e il contraente; - conflitti di interesse, corruzione, tangenti, - numero limitato di potenziali fornitori, - non profit, - problema politico: capacità di rendere conto del proprio operato nel P.A. - frammentazione dei servizi,
  • 17. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 18. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 19. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  • 20. EUROSOCIALNETWORK TITOLO

×