Your SlideShare is downloading. ×
0
Cipro: Dove il sole sorge sull'Europa
Cipro: Dove il sole sorge sull'Europa
Cipro: Dove il sole sorge sull'Europa
Cipro: Dove il sole sorge sull'Europa
Cipro: Dove il sole sorge sull'Europa
Cipro: Dove il sole sorge sull'Europa
Cipro: Dove il sole sorge sull'Europa
Cipro: Dove il sole sorge sull'Europa
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Cipro: Dove il sole sorge sull'Europa

519

Published on

Power Point Presentation on Cyprus that was presented at the plenary session of the Comenius Program "Identità e Cittadinanza nel dialogo interculturale" on November 5th 2008 in Novara, Italy

Power Point Presentation on Cyprus that was presented at the plenary session of the Comenius Program "Identità e Cittadinanza nel dialogo interculturale" on November 5th 2008 in Novara, Italy

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
519
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • L'isola di Cipro si trova nel Mar Mediterraneo orientale, all’est dell’isola di Rodi, sotto la Turchia, sopra di Egitto, e a ovest di Libano e Israele. La capitale si chiama Nicosia, situata nel centro dell’isola. Nell'isola si snodano due vaste catene montuose, separate dalla piana di Mesaoria: Pentadaktylos al nord e il massiccio del Troödos all’ovest. Molte specie cipriote, in particolare le piante, non si trovano in nessun'altra parte del mondo. Ci sono tre zone principali sull'isola: le catene montuose, le pianure costiere e le terre coltivate. Le pianure costiere, a tratti trasformate in agrumeti, sono percorse da corsi d'acqua stagionali. La flora e la fauna locali sono state in gran parte danneggiate dal turismo; le zone dove sono più tutelate sono le montagne e la penisola di Akamas (che, pur non essendo un parco nazionale, viene gestita nell'interesse dell'ambiente). Il clima è tipicamente mediterraneo, con estati molto caldi (soprattutto in luglio e agosto), ed è secco per quasi tutto l'anno, con piogge imprevedibili a dicembre, gennaio e febbraio. La siccità è un problema che si ripresenta regolarmente e l'acqua è un bene raro che viene spesso razionato. Altre città d’interesse sono Pafos all’ovest dell’isola ed è stata dichiarata dall’UNESCO Patrimonio Culturale dell’Umanità. Lemesos e Larnaca si trovano lungo il mare al sud. Due piccoli paesi, Agia Napa e Protaras, note per le loro bellissime spiagge si trovano all’est nella zona di Cavo Greco. La nostra scuola, il liceo “Idaliou”si trova nel villagio antico di Dali, 20 chilometri a sud della capitale.
  • L’ultima regina di Cipro Caterina Cornaro moglie del Re Giacomo II e sorella del nobile veneziano Andrea Cornaro, cedette l’isola a Venezia nel 1489 e per I seguenti 82 anni fu parte della Serenissima Repubblica. Il prinicipale obbiettivo di Venezia era di mantenere un forte controllo su Cipro per la sua posizione all’apice dei tre continenti: Europa, Asia ed Africa a causa della potenza mercantile di Venezia in quell’epoca. I principali prodotti che l’isola esportava erano frumento, orzo, zucchero, cotone, vino e olio d’oliva. Il tessile era divenuto il principale settore della “lavorazione a domicilio”, mentre nel villagio di Lefcara si iniziavaa produrre il pizzo. La maggior parte parte delle espotazioni partiva dal porto di Famagosta. Verso la fine del periodo veneziano Larnaka divenne il porto più noto dal quale si esportava il sale. Anche il porto di Lemesos iniziò a svilluparsi in quest’epoca. I veneziani non possono essere considerati invasori visto che fecero molti contributi notevoli durante l’epoca veneziana i quali divennero simboli dell’eredità culturale di Cipro. I veneziani incominciarano a costruire lei mura di fortificazione intorno a Nicosia nel 1522 e finirono i castelli a Kyrenia e a Famagosta. Il piano della città di Nicosia fu influenzato anche dai veneziani con piazze e strade principali che si portano a grande porte per far uscire dalle mura. Anche in questo periodo, i noti cartografi di Venezia fecero le prime carte geografiche di Cipro che furono illustrate e stampate a Venezia. Apparirono le città con i nomi italiani sulle carte gergrafiche. Così, sin dall’epoca dei veneziani, la capitale di Cipro si chiama Nicosia quantunque il suo nome in greco sia Lefcosia.
  • Nella città di Dali si trova il sito archeologico di Idalion, una delle antiche città-stato di Cipro. La posizione strategica dell’area, la presenza di acqua e di terra fertile furono fattori determinanti per la prosperità di questa zona tra l’VIII (ottavo) ed il V (quinto) secolo a.C. (avanti Cristo). Secondo la leggenda, Dali è il luogo in cui Adone, l’amante di Afrodite, fu ucciso dal geloso marito della Dea, Ares, l’olimpico Dio della guerra. Il primo re e fondatore della città è Calcanore, un eroe della guerra di Troia. Nel villaggio di Potamia, a poca distanza da Dali, si possono ammirare alcune vestigia d’epoca medievale, tra quali il palazzo estivo della Regina di Cipro, Caterina Cornaro. Il nome del villaggio nacque in antichità quando gli abitanti, passando tra le due alte colline, videro il sole. È un amalgama delle due parole greche: ”eida” e “ilios”che in italiano significa “ho visto il sole”.
  • La nostra scuola è situata ai piedi dei colli dell’Idalion antico, pochi metri dalla vecchia chiesetta di San Giorgio, tra i paesi di Limpia e Potamia. È aperto nel settembre 2002, una delle nuove scuole a Cipro e il primo liceo regionale che serve gli studenti che abitano nei piccoli paesi intorno a Dali. A Cipro, il liceo consiste delle ultime tre anni della scuola secondaria nelle quali gli alunni cominciano dalla classe A (oppure Alpha) e finiscono alla classe C (oppure Gamma). Nell’anno scolastico 2008 – 2009 ci sono 32 gruppi divise in tre classi (13 di classe A, 9 di classe B e 10 di classe C). In totale ci sono 696 studenti e 87 professori. L’italiano è offerto negli ultimi due anni assieme all’inglese, al francese, al russo, allo spagnolo e al turco. Gli alunni al liceo “Idaliou” preferiscono l’italiano: è secondo solo all’inglese.
  • Transcript

    • 1. Dove il sole sorge sull’Europa C I P R O
    • 2. Pentadaktylos Il massiccio del Troödos La penisola di Akamas Lemesos LarnacaPafos Protaras Cavo Greco Agia Napa Nicosia Dali
    • 3. 10.000 • 8200-1050 a.C L’Era Preistorica • 1050-480 a.C L’Età Storica: I Periodi Geometrico ed Arcaico • 480 a.C - 330 d.C. : I Periodi Classico, Ellenistico e Romano • 330 - 1191 d.C. Il Periodo Bizantino • 1192 - 1489 d.C. Il Periodo dei Franchi • 1489 - 1571 d.C. I Veneziani a Cipro • 1571 -1878 d.C. Cipro parte dell’Impero Ottomano • 1878 - 1960 d.C. Il Dominio Brittanico • Dal 1960 ai giorni nostri: La Repubblica di Cipro, l’invasione turca, l’ingresso nell’Unione Europea anni di storiaeciviltà Il portoneal castello di Kolossi
    • 4. 1489 - 1571 d.C. Caterina Cornaro I Veneziani a Cipro 1489 La regina di Cipro Famagosta Larnaca Limmiso 1522 Le mura veneziane carte geografiche Lefcara Nicosia
    • 5. I D A L I O N A N T I C O “Ε Ι Δ Α Η Λ Ι Ο” “HO VISTO IL SOLE”
    • 6. Il liceo “Idaliou” la palestraIl campo sportivole aule Lo stendardo
    • 7. Immagini della nostra scuola
    • 8. Il programma Comenius “Cittadinanza”: il dialogo interculturale dal villaggio al continente Un progetto storico

    ×