• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Booklet Ministero dell'ambiente
 

Booklet Ministero dell'ambiente

on

  • 802 views

Il car sharing (auto in condivisione) è il sistema più semplice, comodo e conveniente per muoversi liberamente con un'auto, senza doverne essere il proprietario: un innovativo servizio di mobilità ...

Il car sharing (auto in condivisione) è il sistema più semplice, comodo e conveniente per muoversi liberamente con un'auto, senza doverne essere il proprietario: un innovativo servizio di mobilità sostenibile, che coniuga rispetto per l'ambiente e possibilità di risparmio per il suo utilizzatore.

Con il car sharing, infatti, si acquista solo l'uso di un'auto (anziché l'auto stessa), per il tempo che serve - da una sola ora ad uno o più giorni consecutivi - e per andare ovunque, in città e fuori. E' possibile scegliere ogni volta un'auto diversa, tra i tanti modelli disponibili: i veicoli car sharing hanno moltissimi vantaggi, tra cui libero accesso nella Z.T.L. (Zona a Traffico Limitato), possibilità di percorrere corsie e vie riservate ai mezzi pubblici, sosta gratuita nei parcheggi a pagamento.

Tutto compreso: carburante, bollo e assicurazione!

Statistics

Views

Total Views
802
Views on SlideShare
802
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
8
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Booklet Ministero dell'ambiente Booklet Ministero dell'ambiente Document Transcript

    • Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
    • Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare CHE CHE COS’E’CAR CAR SHARING COS’E’ IL IL SHARING CHE COS’E’ IL CAR SHARING IL PROGETTO ITALIANO Il car sharing è un servizio di mobilità alternativo, complementare al trasporto pubblico L'idea di un servizio nazionale di car sharing si concretizza con il decreto del Ministero locale, che consente agli utenti di condividere una flotta di automobili di diversa dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 27 marzo 1998. L'obiettivo è tipologia. I veicoli sono disponibili 24 ore su 24 in aree di parcheggio riservate e quello di ridurre i danni dell'inquinamento da traffico e la dipendenza dall'auto privata, distribuite capillarmente sul territorio. L'autovettura, che si può ritirare nel parcheggio soprattutto nelle aree urbane. più comodo, viene prenotata tramite telefono o internet e l'accesso alla flotta avviene La novità assoluta del progetto italiano rispetto alle altre esperienze internazionali è la attraverso delle smart card (sistemi telematici di controllo). realizzazione di una rete nazionale unica di car sharing cui fanno capo tutte le città che Il car sharing è un servizio centrato sull'uso dell'automobile, ma propone un approccio lo attivano attraverso ICS. Il call center/contact center nazionale consente a un qualsiasi inedito alle quattro ruote: si compra l'uso effettivo del mezzo anziché il mezzo stesso. utente del circuito ICS Io guido Car Sharing di prenotare e usare un'auto in ognuna delle Non è un servizio di noleggio, che resta la scelta più conveniente per i lunghi tragitti, e città che dispone di questo servizio. L'abbonamento annuale pagato in una città è infatti non è neppure un sistema per disporre dell'auto in multiproprietà. Grazie all'integrazione valido per tutte le altre che hanno lo stesso servizio e l'utente verrà riconosciuto e con il sistema di trasporto pubblico, è la soluzione ideale per spostamenti brevi e accettato su tutta la rete nazionale. frequenti ma anche per chi usa l'auto per i weekend o saltuariamente per lavoro. Il car sharing cambia le abitudini degli automobilisti e contribuisce a creare quella cultura della sostenibilità in generale, e della mobilità in particolare, che nel lungo periodo IL CONTRIBUTO DEL MINISTERO DELL'AMBIENTE produce effetti positivi sull'equilibrio dei nostri modelli di sviluppo. DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Il Ministero ha stanziato finora in totale 19 milioni e 300 mila Euro ed ha creato una COME FUNZIONA IL CAR SHARING struttura di coordinamento I.C.S. Iniziativa Car Sharing in grado di valutare e armonizzare i progetti di tutti i Comuni coinvolti, garantendo la qualità, la convenienza e gli standard Accedere al car sharing è molto semplice. Con un abbonamento annuale è possibile di realizzazione e fornendo tutti i servizi utili alle amministrazioni comunali per prenotare attraverso internet o un call center e prelevare 24 ore su 24 per 365 giorni svilupparli. all'anno uno dei tanti veicoli disponibili: utilitarie, monovolume, auto medie e veicoli per trasporto merci o persone. Al momento dell'iscrizione viene rilasciata una smartcard, cioè una scheda personale a microchip dotata di codice PIN segreto, necessaria per ritirare la vettura, restituirla e conteggiare il costo. Il servizio comprende una quota fissa, che l'utente paga una tantum a titolo associativo e una quota di abbonamento da versare annualmente o mensilmente. Infine c'è un costo variabile che dipende dal tipo di veicolo utilizzato, dalla fascia oraria di impiego e da eventuali servizi supplementari richiesti. Le tariffe comprendono il carburante, l'olio, l'assicurazione, il bollo, la manutenzione e la pulizia del veicolo. I clienti car sharing possono godere di grandi agevolazioni come la sosta gratuita nei parcheggi a pagamento e in quelli di scambio, accedere e circolare nelle ZTL, nelle corsie preferenziali e nei giorni di “blocco del traffico”. Tutti i veicoli rispettano gli standard fissati dalla Comunità Europea e della certificazione “Blauer Angel” relativi ai consumi di carburante, alle emissioni inquinanti, alla rumorosità ed alla sicurezza.
    • Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare I VANTAGGI DEL CAR SHARING I VANTAGGI DEL CAR SHARING I VANTAGGI PER L’AMBIENTE I VANTAGGI PER L’UTENTE lI Car Sharing contribuisce a diminuire il numero di veicoli circolanti nelle aree urbane è Il car sharing rende la vita dell'automobilista più semplice: non occorre più pensare a stato stimato che ogni auto di car sharing in Italia sostituisce circa 10 auto private. Oggi manutenzione, tasse, parcheggi, pulizia; basta accedere all'auto ed utilizzarla secondo il quindi, grazie al servizio di car sharing, nelle città italiane circolano quasi 3500 auto in bisogno. meno. La vasta flotta a disposizione permette di scegliere l'auto più adatta per ogni occasione. Minor spazio destinato al parcheggio. Il car sharing contribuisce a ridurre la superficie di Infine il car sharing permette anche all'utente di risparmiare. Percorrendo fino a 10 mila spazio pubblico per la sosta che può così essere utilizzata per altri scopi. Il car sharing km all'anno si possono risparmiare anche Euro 2.000 all'anno. ha liberato un'area di più di 52.000 mq di spazio urbano dalle auto. Le auto del car sharing possono: Il Car Sharing contribuisce a limitare le percorrenza effettuate con l'auto ad oggi in Italia - accedere liberamente alle zone di traffico limitato (ZTL) è stata rilevata tra gli utenti del car sharing una riduzione della percorrenza effettuata - usare le corsie preferenziali di Bus e Taxi con il car sharing stesso rispetto all'auto privata variabile tra il 10-15%. - utilizzare la sosta gratuita nelle aree di parcheggio centrali - circolare anche nei giorni di blocco del traffico Si abbattono così le emissioni di gas cliamalteranti nell'atmosfera e si contribuisce a migliorare lo stato del traffico nelle città. ll car sharing utilizza veicoli con standard tecnologici emissivi e di sicurezza tra i più I VANTAGGI PER LE AZIENDE avanzati d'Europa. Il car sharing rappresenta un’interessante opportunità anche per la mobilità delle Il car sharing incoraggia un uso cosciente dell'automobile ed una scelta razionale tra i aziende, come sostituzione o integrazione delle flotte aziendali. diversi modi di trasporto, favorendo così il trasporto pubblico. Il car sharing abitua a Infatti il car sharing offre alle aziende: considerare l'auto non come una indispensabile appendice della persona, ma come uno strumento di mobilità tra tanti altri. Il car sharing educa al rispetto dei beni di utilizzo - estrema facilità e comodità di accesso al servizio in prossimità della sede aziendale comune ed al rispetto delle regole. Il car sharing contribuisce quindi ad una cultura della - possibilità di “riservare” vetture ad uso esclusivo in fascie orarie e giornaliere scelte mobilità intelligente ed al rispetto dell'ambiente e della comunità. dall’azienda - possibilità di avere fatturazione per differenti centri di costo - prenotazione diretta tramite intervento call-center da parte di tutto il personale autorizzato senza alcuna necessità di gestione interna - flessibilità nel numero e tipo di vetture utilizzate - economicità La flotta del car sharing include anche furgoni. Il servizio offre quindi ad artigiani, commercianti, anche in forma associata, una valida alternativa per il trasporto delle merci, soprattutto nelle aree centrali della città, grazie anche al libero accesso alle zone di traffico limitato.
    • Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare IL SERVIZIO DEL CAR IL SERVIZIO CAR SHARING SHARING IL CIRCUITO NAZIONALE CAR SHARING ICS IL PARCO MACCHINE CAR SHARING ICS Il servizio di car sharing del circuito nazionale ICS attualmente è attivo a Bologna, La flotta comprende una ampia gamma di vetture per soddisfare qualsiasi tipo di Firenze e Provincia, Genova, Milano e Provincia, Modena, Parma, Rimini e Provincia, esigenza. Tutte le auto rispettano rigorosi standard di sicurezza, di emissioni e di Roma, Torino e Provincia e Venezia. massima anzianità. Sono già stati assegnati finanziamenti alle città di Palermo e Padova che avvieranno prossimamente il servizio. Fiat Panda a Bologna, Firenze, Genova, Rimini, Roma, Torino, Venezia. Fiat Punto a Bologna, Genova, Modena, Roma, Torino,Venezia. Fiat Multipla a Bologna, Firenze, Genova, Modena, Rimini, Roma, Torino. Fiat Grande Punto a Bologna, Firenze, Rimini, Torino. Fiat Doblò a Bologna, Genova, Modena, Torino. Fiat Stilo a Genova, Modena. Opel Astra a Genova. Fiat Doblò Cargo a Genova, Torino. Fiat Ducato a Genova. Fiat Idea a Torino. Smart a Venezia. Ford Ka a Venezia. Opel Corsa a Venezia. Opel Agila a Venezia. Opel Zafira a Venezia. IL FATTURATO Il fatturato del circuito è costantemente cresciuto negli anni di esercizio, a conferma di una costante tendenza di sviluppo. Nel 2006 il fatturato del circuito ha raggiunto i 3,6 milioni di euro
    • Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare I NUMERI DEL SERVIZIO I NUMERI DEL SERVIZIO Ad oggi sono attivi più di 8.500 contratti (distribuiti come Nel 2006 è stato erogato servizio per circa 5 milioni di km e nella seguente tabella), per una utenza totale di circa 10.000 700.000 ore di guida. utenti. ANDAMENTO DEL NUMERO ANDAMENTO DEL NUMERO ANDAMENTO DEL NUMERO DI VEICOLI PER CITTÀ DI PARCHEGGI PER CITTÀ DI CONTRATTI PER CITTÀ ANDAMENTO DEL NUMERO ANDAMENTO DEL NUMERO ANDAMENTO DEL NUMERO DI CONTRATTI TOTALI DI VEICOLI TOTALI DI PARCHEGGI TOTALI
    • Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare CAR SHARING MODERNA, ECONOMICA, ECOSOSTENIBILE. Il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha Ministero dell’Ambiente promosso e finanziato I.C.S. - Iniziativa e della Tutela del Territorio e del Mare Car Sharing - che ad oggi ha già avviato il servizio in diverse città e che presto lo estenderà ad altre. Il Car Sharing offre un’alternativa economica e all’avanguardia all’uso della macchina di proprietà, contribuendo alla riduzione delle emissioni inquinanti.
    • Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare I GESTORI I GESTORI BOLOGNA E PROVINCIA PARMA FIRENZE E PROVINCIA RIMINI E PROVINCIA GENOVA ROMA MILANO E PROVINCIA TORINO E PROVINCIA MODENA VENEZIA
    • Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DOVE TROVARE IL CAR SHARING DOVE TROVARE IL CAR SHARING BOLOGNA CASALECCHIO DI RENO SAN GIOVANNI IN PERSICETO OZZANO EMILIA GRANAROLO PIANORO CASTENASO SAN LAZZARO DI SAVENA ANZOLA EMILIA FIRENZE SESTO FIORENTINO SCANDICCI GENOVA MILANO MONZA SESTO SAN GIOVANNI CINISELLO CARUGATE MODENA CARPI PARMA RIMINI RICCIONE CATTOLICA ROMA TORINO RIVOLI VENEZIA
    • Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare CHE CHE COSA ICSICS COSA È È CHE COSA È ICS INCENTIVI ALLA ROTTAMAZIONE DI VEICOLI Una Convenzione di Enti locali istituita ai sensi dell'articolo 30 Dlgs. 267 del 18 agosto INQUINANTI 2000 e promossa dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare . Il Ministero dell'Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare ha stanziato 1 milione di euro a favore di tutti coloro che rottamando un'auto, decidano di IN CONCRETO abbonarsi al car sharing. L'iniziativa, volta principalmente ad incentivare il ricambio del parco auto che in Italia è tra i più anziani d'Europa, interessa tutti i cittadini Una struttura di coordinamento nazionale creata in collaborazione tra il Ministero residenti in una delle Province italiane in cui è attivo il servizio di car sharing, dell’ Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e dalle maggiori città italiane intestatari di un'auto immatricolata fino al 31/12/2000 e la cui rottamazione sia per promuovere il CAR SHARING, fornendo supporto finanziario ed operativo alle successiva al 5/7/2006. L'incentivo dà diritto all'abbonamento gratuito il primo città aderenti, con un budget complessivo di 20.000.000 di Euro. anno con lo sconto del 50% sull' abbonamento del secondo anno e ad un bonus di Euro 800,00 per i costi di utilizzo chilometrico. Quindi restano a carico Nasce il 23 maggio 2000 dall'accordo tra il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del dell'abbonato solo i costi relativi all'utilizzo orario. Territorio e del Mare ed i 6 Comuni di Modena, Bologna, Firenze, Genova, Torino e Brescia, a cui si sono aggiunte molte altre importanti città italiane, fino a comprendere oggi ben 29 Enti aderenti, che rappresentano quasi tutte le maggiori realtà territoriali nazionali. COMUNI ADERENTI CONVENZIONE ICS - ANCC COOP Comune di Bari, Bologna, Brescia, Catania, Firenze, Genova, Livorno, Mantova, È' stato siglato un accordo fra ICS e ANCC-COOP Milano, Modena, Novara, Palermo, Padova, Parma, Perugia, Pescara, Reggio Emilia, (Associazione Nazionale delle Cooperative di Consumatori- Roma, Scandicci, Sesto Fiorentino, Taranto, Torino, Trieste, Venezia e le Province di Coop), promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela Milano, Rimini, Bologna, Napoli e Alessandria. del Territorio e del Mare, che permette ai soci Coop e alle aziende aderenti Ancc-Coop di accedere al car sharing a ICS MIRA A costi vantaggiosi usufruendo di sconti sugli abbonamenti annuali rispettivamente del 35% e del 50%, cui si Stimolare politiche di mobilità sostenibile nelle aree urbane a tutela della qualità aggiungono ulteriori sconti sull'utilizzo del servizio ambientale cumulato annualmente. Supportare l'avvio di servizi di CAR SHARING sul territorio nazionale Promuovere l'integrazione fra car sharing e trasporto pubblico Assicurare agli utenti un livello professionale di servizi e chiari standard e procedure operative comuni per l'accesso ai servizi Promuovere il car sharing attraverso una politica integrata di marketinge comunicazione Interoperabilità tra le diverse città ICS PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CONVENZIONE ICS - TCI Car Sharing ICS rappresenta una vantaggiosa opportunità per tutte le amministrazioni, Comuni e Mobilità pubblica Province che, aderendo GRATUITAMENTE al circuito di ICS, possono ottenere È stato siglato un accordo tra ICS e il TCI ad uso privato finanziamenti per l'avvio del servizio di car sharing sul territorio di propria competenza. (Touring Club Italiano) che garantisce particolari condizioni di favore a tutti i Nella fase precedente all'individuazione formale del gestore del servizio, sono a soci TCI che decidono di abbonarsi al car carico di ICS il costo del lavoro di progettazione per il sistema di car sharing e/o sharing. I soci potranno usufruire di uno il sostegno tecnico-legale per la compilazione dei bandi di gara per la selezione sconto del 30% sull'abbonamento annuale da parte dell'Ente del gestore locale del servizio che sarà attivato. e ulteriori bonus al raggiungimento di determinati valori di utilizzo del servizio. A fronte dell'approvazione del progetto da parte di ICS e della sottoscrizione di apposita convenzione con il gestore incaricato, ICS erogherà i propri benefici direttamente al Gestore.
    • Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare LA STRUTTURA DI LA STRUTTURA DI ICS ICS MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA LA CONFERENZA DEGLI ASSESSORI TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DEGLI ENTI ADERENTI PRESIDENZA DIREZIONE AMMINISTRAZIONE SEGRETERIA STAFF TECNICO COMITATO DEI GESTORI ICS rappresenta anche la struttura di coordinamento di tutti i gestori aderenti al circuito attraverso il comitato CONSORZIO D’ACQUISTO dei gestori, organismo di ICS che delinea le strategie comuni di sviluppo. DEI GESTORI DEL CIRCUITO ICS Tutti i Gestori del circuito ICS fanno poi parte del “Consorzio di Acquisto dei Gestori ICS”, struttura operativa incaricata di attuare le politiche definite dal Comitato dei Gestori.
    • Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare LE TECNOLOGIE IL CAR SHARING LE TECNOLOGIE PER PER IL CAR SHARING Il servizio di car sharing utilizza un sistema tecnologico sofisticato che permette la gestione di tutti gli aspetti del processo, sia verso l’utente che verso la società di gestione. Ogni vettura è attrezzata con board computer che permette la consuntivazione automatica del servizio. Per la sicurezza del cliente un collegamento vocale con il call center sempre disponibile, per la soluzione di ogni problema o emergenza. Recentemente è stata sviluppata una nuova versione del board computer. Il centro del sistema è basato su una nuova architettura informatica, fondata su tecnologia web, che colloquia con i board computer via GPRS. L’utente può accedere alle funzioni del sistema che lo interessano via internet. NUOVA ARCHITETTURA BLADE E’ una struttura modulare costituita dai seguenti elementi: Enclosure ridondata per max. 16 unità Blade SAN 1000 ridondata per max. 14 unità Hot Swap Disk Server Blade BL20p class G3 CARATTERISTICHE FUNZIONALI Modularità Scalabilità Alta affidabilità Configurabilità da remoto NUOVO BOARD COMPUTER Caratteristiche funzionali: Unità integrata con GPS e GPRS Interfaccia con Touch-Screen Antenne per GPS e GPRS interne Dimensioni contenute e di aspetto gradevole Basso consumo Facile installabilità Possibilità di integrare funzioni aggiuntive (navigatore, infomobilità, servizi a valore aggiunto)
    • Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ILIL MINISTERO E IL CARIL CAR SHARING MINISTERO E SHARING IL MINISTERO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE E IL CAR SHARING Il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare partecipa attivamente alle misure volte alla riduzione dell'inquinamento atmosferico cittadino. Nel quadro di un Accordo con ATAC - Servizio Roma Car Sharing e con la collaborazione del Comune di Roma due vetture ibride saranno a disposizione del Ministero per facilitare gli spostamenti per servizio del personale della sede di Via Cristoforo Colombo nel rispetto di una modalità di trasporto “pulita”. Come tutte le vetture del Servizio, la flotta del Ministero godrà delle seguenti facilitazioni Gratuità per la sosta tariffata Gratuità per i parcheggi di scambio Ingresso in ZTL Autorizzazione al transito nelle zone interdette durante giornate a targhe alterne o giornate chiuse al traffico Utilizzo corsie preferenziali così come regolamentato per il servizio taxi Utilizzo corridoi della mobilità Atac fornirà un servizio “dedicato” garantendo così al personale del Ministero abilitato, un utilizzo riservato nella fascia oraria concordata (8 - 18 dei giorni feriali). Al di fuori di tale orario le due vetture potranno essere al servizio dei cittadini già iscritti al Servizio Roma Car Sharing. Le autovetture saranno parcheggiate in uno stazionamento riservato ubicato in un'area messa a disposizione dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.