• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Fausto intilla: Pensieri, le mie riflessioni sul mondo e sulla vita.
 

Fausto intilla: Pensieri, le mie riflessioni sul mondo e sulla vita.

on

  • 908 views

Fausto intilla: Pensieri, le mie riflessioni sul mondo e sulla vita.

Fausto intilla: Pensieri, le mie riflessioni sul mondo e sulla vita.

Statistics

Views

Total Views
908
Views on SlideShare
908
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Fausto intilla: Pensieri, le mie riflessioni sul mondo e sulla vita. Fausto intilla: Pensieri, le mie riflessioni sul mondo e sulla vita. Document Transcript

    • Fausto Intilla: Pensieri, le mie riflessioni sul mondo e sulla vita WWW.OLOSCIENCE.COM"Labitudine alle cose troppo belle della natura, rende luomoinsensibile alle emozioni che esse dovrebbero suscitare inchiunque abbia la fortuna di assistere alla loro danza senzatempo. Poi a volte, quando è luomo stesso ad annullare iltempo, quello interiore, ecco che allora tali emozioniriemergono prorompenti in tutta la loro essenza; come segiungessero da un lontano passato, risalente a milioni di annifa, quasi a voler testimoniare leternità dei ricordi di cui noitutti disponiamo ...e che raramente riesploriamo." _______________
    • "Le conseguenze di una scelta personale, sono sempre dinatura probabilistica. La grande abilità consiste nell’intuirequante sono le probabilità che tali scelte personali diano l’esitosperato o desiderato, in un insieme infinito di eventi probabilied improbabili (rimanendo sempre consapevoli del fatto che unsolo esito positivo, non è mai indice di una concatenazionelunga e costante, di esiti positivi)". _______________“Le persone spesso si cimentano nel cercare di capire il sensodella vita, senza tuttavia precisare a quale accezioneintendano riferire la parola senso. Nella maggior parte deicasi comunque, ovvero per molte persone, tale parola èsinonimo di utilità. Solo poche persone però, si chiedono qualepossa essere l’ ‘utilità’ dell’Universo; scoprendo in tal modoche esso può benissimo fare a meno della Terra e di tutti i suoiabitanti, per poter ‘funzionare’ (togliete un atomo dagliingranaggi di un orologio meccanico, ed esso continueràugualmente a funzionare). Il senso della vita, non va dunquericercato nella sua ‘utilità’, come neppure in qualsiasi altraaccezione; esso va semplicemente ignorato, nellaconsapevolezza che tra l’essere e il non essere, esiste una lineasottile, a cui il pensiero umano è proibito accedere”. _______________
    • "Vivere nellattuale società moderna, è come essereammanettati ad un tapis roulant perennemente in funzione; senon vuoi soccombere, devi trovare il modo di poggiare i piedisui bordi, dove il nastro non scorre". _______________"Si può dare amore senza riceverne in cambio, solo quandocolui/lei che riceve non nutre odio verso colui/lei che dà; in talcaso, lamore dato cozza contro un muro, quello dellodio, erimbalza tornando indietro verso colui che ha voluto dareamore ...procurandogli un forte dolore al cuore. Dare amorealle persone "neutre" (ossia a chi non ci ama, ma neppure ciodia) è facile, il difficile è darlo a coloro che ci odiano. Chiriesce a farlo senza risentirne negativamente, moltoprobabilmente merita di essere considerato un Santo". _______________"Quando si è ancora bambini si impara presto a nonavvicinarsi troppo al fuoco, quello costituito da fiamme visibili;
    • poi, quando si è un po’ più grandi, si impara a non poggiaremai le mani sulle piastre di una cucina (quest’ultima potrebbeessere accesa). La stessa cosa avviene nei rapporti umani;diventando adulti, diffidiamo sempre di più del carattere edella natura di determinate persone, per la paura di scottarci.Chi è troppo prudente finisce per rimanere isolato,proclamando al mondo intero (nella sua infelicità …fiero edorgoglioso di sé) di essersi scottato una sola volta nella vita, oaddirittura di non essersi mai scottato. Credo che quasi tutti imomenti di grande gioia e felicità nella vita, abbiano unprezzo. Il punto sta nel decidere quanto si è disposti arischiare, per ottenere tali momenti (la forza nel sostenere talirischi, non risiede nella disponibilità di ricchezza materiale…bensì nella capacità di reagire positivamente, anche aglieventuali risvolti psicologici più oscuri e negativi, che tali rischiimplicano)". _______________"Qualche secolo fa, Newton affermò che qualora un medico gliavesse dato solo altri sei mesi di vita, egli si sarebbepreoccupato di scrivere più in fretta. Evidentemente era deltutto consapevole del valore delle sue teorie. Se avesserelazionato la sua vita a dei periodi di tempo geologici,piuttosto che a quelli relativi alla presenza sulla Terra dellaciviltà umana (come generalmente fanno anche i geni, nonsoltanto la gente comune), con molta probabilità (se non avesse
    • avuto legami sentimentali di alcun tipo) si sarebbe preoccupatodi spendere tutti i suoi averi in tutto ciò che la vita può offrire,in termini di piacere fisico e psicologico (anche la beneficienzaverso i più poveri, ad alcune persone, può dare piacere esoddisfazione psicologica. DAnnunzio fu addirittura ingrado di conciliare entrambe le cose, la scrittura e i piaceridella vita; ma mai nessun medico gli aveva prognosticato unamalattia con esito letale, dandogli qualche mese di vita).Évariste Galois morì in duello quando aveva poco più diventanni, ma i preziosi contributi che molto probabilmenteavrebbe continuato ad apportare nel campo della matematica,non mancarono di rivelarsi al mondo attraverso altre mentigeniali. Ciò che deve essere scoperto dalluomo, presto o tardiviene sempre scoperto (per certe cose non bisogna mai averetroppa fretta). La vita di una specie animale in genere (comesostengono i biologi evoluzionisti) dura diversi milioni di anni(quando ha la fortuna di avere il predominio sulle altre specieanimali); e i secoli quindi ...lasciano il tempo che trovano". _______________“Si dice che in un paese a regime comunista (dove viene quindiapplicata un’economia pianificata), l’invidia tra la gente neiconfronti del prossimo, non avrebbe modo di esistere. Non èvero, essa verrebbe solo notevolmente attenuata. A parità diguadagni, infatti, vi sarà sempre qualcuno più fortunato inamore, qualcuno con un lavoro più agiato, qualcuno più insalute di molti altri …non serve disporre di grandi ricchezze
    • per suscitare invidia nel prossimo; a volte basta il potere digestire e coordinare il lavoro di un piccolo gruppo di persone,senza l’ombra del benché minimo riscontro in denaro o in altribeni materiali, a far emergere lo spettro dell’invidia in talunepersone. L’invidia tra gli esseri umani non è emersa con lanascita e lo sviluppo del capitalismo; essa è addiritturaantecedente al periodo neolitico, poiché anche l’uomo dellecaverne, nella sua nullatenenza (materiale), poteva averequalche privilegio in più, rispetto ai suoi simili”. _______________“Una sola ideologia porta all’annientamento dellademocrazia. Uno scontro tra ideologie è sempre sinonimo didemocrazia. Non condividere le idee altrui ma rispettarleugualmente, porta ad una forma pacifica di democrazia, aduna fraterna accettazione tra le varie comunità di un popolo.Il punto è che non basta rispettare le idee altrui, rimanendofermamente ancorati alle proprie; ciò è sinonimo di tolleranzae dunque di tensioni (con le loro relative conseguenze, a lungotermine). Occorre quindi per prima cosa capire, che non visono idee o ideologie perfette, inconfutabili, assolute; sequalcuno ci ha imposto, sin da piccoli, di credere ciecamente intaluna o in talaltra idea/ideologia, ciò non significa che in etàadulta, dobbiamo continuare a farlo. Il fatto di poter sceglierequale ideologia seguire, è sinonimo di democrazia. Il fattoinvece di capire che nessuna ideologia è migliore di un’altra, èsinonimo di saggezza ed esperienza umana maturata nel corso
    • dei secoli, attraverso migliaia di guerre cruente e senza senso.È dunque dal dubbio ideologico, che può nascere una verafratellanza tra i popoli. Dall’ammettere a noi stessi, che inrealtà siamo del tutto ignoranti, sulle reali potenzialitàpositive o negative, di qualsivoglia ideologia sociale o politica”. _______________"Arriverà un giorno in cui vi saranno solo robot ed androidi acompiere i lavori in cui è richiesta principalmente la forzafisica, senza necessariamente avere un elevato bagaglio diconoscenze tecniche o scientifiche inerenti al ramo in cui siopera. Sarà il giorno in cui le case verranno costruite congigantesche stampanti 3D, gli artigiani e gli operai d’industriaverranno sostituiti con gli androidi e le domestiche con iginoidi. Sarà inoltre il giorno in cui alle gestanti verrà datal’opportunità di incrementare l’intelligenza dei propri figli,prima o dopo la loro nascita. Quel giorno, tutti i lavoriconcessi all’uomo, richiederanno un’alta specializzazioneconseguibile solo attraverso studi universitari (accessibili anchealle persone meno abbienti, o forse addirittura gratuiti). Lespecializzazioni più richieste saranno quelle in ingegneriarobotica, informatica ed elettronica. L’attuale fase ditransizione, tra un livello medio-basso di “robotizzazionesociale” ed uno alto (con gli androidi che svolgeranno lavorioggi eseguiti dagli esseri umani), comporta una costantecrescita della disoccupazione nell’ambito dei mestieri in cui èrichiesto un elevato grado di specializzazione; un problema che
    • verrà gradualmente risolto, nel corso dei decenni, con ilpassaggio ad un alto livello di “robotizzazione sociale”. Lepersone che non saranno in grado di seguire un determinatopercorso di specializzazione di alto livello (oppure chesemplicemente non vorranno farlo), verranno emarginate,ghettizzate; ma non abbandonate a se stesse, come già accadeoggigiorno, nelle grandi metropoli. I ridotti costi di“produzione di massa” (dai generi alimentari sino al campodell’edilizia), grazie ad un alto livello di “robotizzazionesociale”, permetteranno di contribuire alla sopravvivenzadignitosa di tale parte della popolazione, priva dispecializzazione di alto livello (risolvendo così per buona parteil problema della criminalità). Ma vi sarà un prezzo che taleparte dell’umanità dovrà pagare, e sarà appunto quellodell’isolamento e dell’emarginazione". _______________“Una persona stupida potrà educare i suoi figli solo attraversoun comportamento autoritario; ed è un fatto che occorreaccettare senza potervi porre rimedio, purtroppo. Dacompatire dunque, sono quelle persone intelligenti checonfondono un comportamento autoritario con uno autorevole,privilegiando quasi sempre quello autoritario. Moltoprobabilmente tali persone hanno un limite di sopportazionepiuttosto basso, altrimenti non mancherebbero mai di
    • comportarsi adeguatamente, anche nelle situazioni piùdifficili”. _______________“Sarebbe alquanto difficile per un arrivista, passare soprachiunque pur di fare la classica scalata al successo e al potere,se egli provasse almeno un poco di appagamento interiore nelfare del bene al prossimo. Alcuni ritengono che gli arrivistisiano persone senza coscienza; in realtà la loro coscienza èsintonizzata sullo stesso tipo di appagamento interiore dellepersone più sensibili alle sofferenze altrui, con l’unicadifferenza che i primi (gli arrivisti) traggono piacereprincipalmente attraverso l’olfatto, il tatto, il gusto, la vista el’udito; mentre i secondi, traggono piacere quasi esclusivamenteattraverso gli stimoli del cuore”. _______________“Il rispetto degli adolescenti nei confronti degli adulti(…quando è presente, ovviamente), troppo spesso passaattraverso un’eccessiva timidezza (amaro frutto diun’educazione autoritaria, piuttosto che autorevole); qualcunodovrebbe spiegar loro che anche tra gli adulti, il rispetto vasempre guadagnato, cercato, conquistato …ed infine quindi,
    • meritato. In tal caso avremmo dei futuri adulti meno frustrati,adeguatamente arrabbiati e assai più desiderosi di cambiare ilmondo”. _______________"Le persone tanto ingenue da credere in ciò che in ambitosentimentale viene considerata come una vera e propria“anima gemella” (ovvero una persona semplicemente più omeno compatibile caratterialmente con il rispettivo partner econ il quale l’attrazione fisica risulta essere più o menoreciproca), solitamente cercano di rimarcare l’unicità delrapporto di coppia come se questo fosse il risultato di unevento o di una serie di eventi miracolosi voluti dal destino. Secosì fosse, l’estrema rarità di un simile evento, collocherebbeinevitabilmente il “fatale incontro” in ambienti e circostanzedel tutto eccezionali e forse neppure esperibili nel corso di unasola vita. Ciò che accade invece, nella vita di milioni dipersone convinte di aver trovato la famosa “anima gemella”,ha solo a che vedere con quanto di più banale e probabile puòverificarsi tra un uomo e una donna (idem per gli omosessuali,dunque tra due persone dello stesso sesso), in qualsiasiambiente di lavoro (a volte è solo questione di mesi; a volte dipochi giorni). Poi ci sono quelle persone che sostengono di avertrovato la propria “anima gemella” tramite agenziamatrimoniale, chat-line o addirittura in una discoteca allequattro del mattino …magari dopo un paio di Vodka-tonic.
    • L’ingenuità di un essere umano adulto a volte può davverorasentare il ridicolo; ma è proprio grazie ad essa che riusciamoa trasformare le nostre illusioni in eventi soggettivamente unicied estremamente rari (anche quando oggettivamente, di unicohanno ben poco) ed infine quindi, a dar forma a dei legamisentimentali estremamente utili al proseguimento della nostraspecie. Il bello di tutto ciò è che ognuno è libero di scegliere secredere o meno nei miracoli. Anche le persone meno ingenue diquesto mondo, hanno il diritto di vivere le proprie illusioni; equando sono piacevoli, l’oggettività muore sul nascere …pernon essere d’intralcio alla felicità”. _______________“Si dice che in genere, per qualche strana legge della natura,siano sempre quelle persone che non meritano amore, ariceverne di più. Allo stesso tempo però, si dice anche che inamore non occorra dare per ricevere. Ma in base a quali criteridi giudizio, possiamo stabilire se una persona meriti o menodi essere amata? Forse in base a quelli relativi alla logica deldare per ricevere? Bè, in tal caso incapperemmo in unaspiacevole incoerenza logica, visto che in amore non occorredare per ricevere. Dunque, a rigor di logica, non esistonopersone meritevoli o meno di essere amate, ma solo persone chein amore, possono ritenersi più fortunate o meno fortunate dimolte altre. Oltre allinadeguatezza della logica del dare perricevere, per quanto malvagio possa essere un individuo,sfortunatamente la natura non dispone di accurate e coerenti
    • leggi sull’amore, in grado di bilanciare ogni cosa, dando etogliendo in funzione del bene o del male che una personariceve o fa ad unaltra; in tal senso essa è cieca quanto coleiche ‘volve sua spera e beata si gode’, incurante di quanto agliocchi di molti, appare del tutto assurdo e senza senso”. _______________“Nonostante il sapere umano abbia ormai raggiunto unadimensione straordinariamente grande, è sufficiente conoscerneuna percentuale infinitamente piccola, per essere considerati dei‘geni’. La persona comune, si dice in genere che conosca solouna misera percentuale del vasto sapere posseduto da unapersona estremamente colta ed intelligente. Ma la matematicaapplicata agli infiniti parla chiaro: nel calcolo infinitesimalevalori e variazioni assai piccole, sono trascurabili, rispettoall’infinitamente grande (o all’infinitamente piccolo).Attraverso la matematica dunque, applicata all’immensità delsapere umano, non è possibile fare delle distinzioni tra ‘geni’ ecomuni mortali; per lei siamo tutti sulla stessa barca, quelladegli ignoranti”. _______________
    • "Se è vero che il libro della Natura è scritto in linguaggiomatematico, luomo non ha fatto nientaltro che scoprire,attraverso il susseguirsi dei secoli (e dei millenni), modi semprepiù evoluti e variegati di utilizzare la matematica, per cercaredi dare un aspetto via via più convincente alla realtà fisica incui vive. La matematica è una dimensione insita nel DNAumano, che si è evoluta parallelamente allevoluzionedelluomo; le scienze (filosofia inclusa, poiché richiede unacerta logica), sono dunque una conseguenza di tale dimensionepresente in ogni luogo dellUniverso. Una dimensione di cuitutti gli esseri viventi più evoluti possono beneficiare (siano essiappartenenti al pianeta Terra, oppure no)". _______________“Migliaia di anni fa l’uomo incideva il suo sapere sullapietra. Poi iniziò ad inciderlo sui papiri e nel Medioevoprincipalmente sulle pergamene; in questi ultimi secoli distoria invece, si passò all’utilizzo della carta. Oggi tutto ilsapere umano, pilastro portante della cultura, della scienza edella tecnologia moderna, estremamente più ricco, complesso edesteso rispetto a migliaia di anni fa, viene inciso nel nulla”.[riflessioni sul sapere umano nellera di Internet] _______________
    • “La nostra vita ha una durata infinitamente breve rispettoall’eternità del tempo; il nostro corpo ha un’estensione nellospazio infinitamente piccola rispetto alla vastità dell’Universo.Comè possibile che tutto ciò non abbia alcuna influenza sulnostro ego? Se ne avesse, esso verrebbe ridimensionato in unistante; e in un istante, dalla faccia della Terrascomparirebbero guerre, fame e disperazione, per milioni emilioni di persone”. _______________"A mio parere, altruismo, bontà danimo e rispetto delprossimo, sono qualità umane inversamente proporzionaliallestensione del nostro ego (a prescindere da qualsiasi credoreligioso a cui apparteniamo; infatti anche agli atei è concessoil dono del buon senso, attraverso il quale possiamoincamminarci verso orizzonti più lontani, di improntaspirituale)". _______________"Non capisco come si possa avere una certa nostalgia per glianni di gioventù, senza provare una certa frustrazione perlingenuità e linesperienza in ogni ambito della vita in cui
    • eravamo coinvolti. Evidentemente chi ne ha, di nostalgia, nonha motivo di averne; visto che non ha mai avuto modo didiventare adulto". _______________