• Like
Padova intent workshop 21march_2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Padova intent workshop 21march_2013

  • 197 views
Published

 

Published in Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
197
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Telecollaboration: Online Intercultural Exchange 21 e 22 Marzo 2013 Centro Linguistico di AteneoDipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali
  • 2. Telecollaboration Online Intercultural Exchange Centro Linguistico di Ateneo, 21-22 Marzo 2013Workshop Agenda21° Marzo: mattina Che cosa è la telecollaborazione? Il progetto Intent La piattaforma UNIcollaboration Discussione21° Marzo: pomeriggio Esplorazione e attività ‘hands-on’ sulla piattaforma UNIcollaboration (laboratorio ADI)22° Marzo: mattina Show and Tell: Telecollaboration Projects Discussione
  • 3. Telecollaboration Online Intercultural Exchange Centro Linguistico di Ateneo, 21-22 Marzo 2013Che cos’è la telecollaborazione?Scambi interculturali online tra gruppi di studentiappartenenti a zone geografiche distanti attraversol’uso di strumenti informatici comunemente disponibili,che consente lo sviluppo di competenze linguistiche,comunicative, interculturali e digitali.Altri nomi:Virtual mobility - ‘mobilità virtuale’, (European Commission)Internet-mediated Intercultural Foreign Language Education (Belz &Thorne 2005)Online intercultural exchange (O’Dowd, 2007)Globally networked learning (Starke-Meyerring and Wilson 2008)Collaboratories (Wulf, 1989; Cogburn 2003)Collaborative Online International Learning (COIL; SUNY, NY)
  • 4. Telecollaboration Online Intercultural Exchange Centro Linguistico di Ateneo, 21-22 Marzo 2013 Mobilità in Europa• Mobility is important for personal development and employability, it fosters respect for diversity and a capacity to deal with other cultures. It encourages linguistic pluralism, thus underpinning the multilingual tradition of the European Higher Education Area and it increases cooperation and competition between higher education institutions• In 2020, at least 20% of those graduating in the European Higher Education Area should have had a study or training period abroad.• – Communiqué of the Conference of European Ministers Responsible for Higher Education, Leuven and Louvain-la-Neuve, 28-29 April 2009
  • 5. Telecollaboration Online Intercultural Exchange Centro Linguistico di Ateneo, 21-22 Marzo 2013 Mobilità Erasmus in Italia 2010/2011OUTGOING 22031 studentsINCOMING 19172 studentsAVERAGE DURATION 6.9 monthsAVERAGE EU GRANT PER MONTH 199.2 EuroSHARE OF OUTGOING ERASMUS AS % 1.11%OF TOTAL STUDENT POPULATIONSHARE OF OUTGOING ERASMUS AS % 10.25%OF GRADUATE POPULATION http://ec.europa.eu/education/erasmus/doc/stat/101 1/countries/italy_en.pdf
  • 6. Telecollaboration Online Intercultural Exchange Centro Linguistico di Ateneo, 21-22 Marzo 2013E che cosa si fa del99%?La mobilità può offrireuna esperienzainterculturale profonda,ma questa esperienzanon si estende a tutti glistudenti
  • 7. Telecollaboration Online Intercultural Exchange Centro Linguistico di Ateneo, 21-22 Marzo 2013Virtual mobility:i.e. the use of the internet and other electronic forms ofinformation and communication, is often a catalyst for embarking on aperiod of physical mobility. Although not a substitute for physicalmobility, it does enable young people to prepare a stay abroad and cancreate conditions for future physical mobility by facilitating friendships,contacts and social networking etc…. • It can also provide an international dimension to those learners who, for different reasons, are not able or willing to go abroad. In that context, ICT can be used for “electronic twinning” …etc. Commission of the European Communities: Green paper: promoting the learning mobility of young people.
  • 8. Telecollaboration Online Intercultural Exchange Centro Linguistico di Ateneo, 21-22 Marzo 2013Ci sono diversi modelli consolidati di telecollaborazioneSi possono distinguere da diversi fattori:• Quali sono gli obiettivi principali• Come sono organizzati i partecipanti• Come vengono utilizzate le lingue• Tipologia di partecipanti• Numero di istituti partecipanti• Strumenti e modalità di comunicazione
  • 9. Communication tools• Synchronous or asynchronous• Written or oral• One to one (email, instant messaging, SMS), one to many (blog, Youtube, Twitter), many to many in small groups (chat, videoconferencing), many to many in large groups (forum, Facebook).• Very diverse output formats: see examples
  • 10. Diverse output formats• Forums and chats remain the most used tools, but there are many other possibilities (examples from Grenoble – Riga telecollaboration):• Asynchronous oral production with pictures and possibility to add voice or text comments (Voicethread)• Asynchronous audio / video production (1, 2)• Text + pictures with Word: roman photo• Prezi• Publishing on participatory sites, as Le Journal des Femmes (see contributions from Riga students)• Not to forget: possibility to hold an asynchronous audio discussion on a forum, with the help of Vocaroo
  • 11. Telecollaboration Online Intercultural Exchange Centro Linguistico di Ateneo, 21-22 Marzo 2013Quali sono i vantaggi per gli studenti secondo le ricerche? Autonomia dell’apprendente (O’Rourke, 2007) Competenze linguistiche (Belz and Kinginger, 2003; Ware and O’Dowd, 2008) Competenze Interculturali (Mueller-Hartmann, 2000; O’Dowd, 2003; Ware, 2005) Online literacy (Guth and Helm, 2010; Hauck, 2007) Apprendimento informale - online fan communities (Thorne et al., 2009), SpeakApps tools (http://www.speakapps.org/) Motivazione (Toyoda & Harrison, 2002; Warschauer, 1996,1998)
  • 12. Telecollaboration Online Intercultural Exchange Centro Linguistico di Ateneo, 21-22 Marzo 2013DiscussioneQuali sono gli ostacoli?
  • 13. O’Dowd & Ritter 2006
  • 14. Telecollaboration Online Intercultural Exchange Centro Linguistico di Ateneo, 21-22 Marzo 2013Quali sono i problemi?A livello individuale competenze linguistiche e interculturali motivazione e aspettativeA livello di classe rapporto tra docenti organizzativi e didatticiA livello socio-istituzionale organizzazione di corsi di laurea accesso alle tecnologie prestigio e potere (Belz 2003; Ware 2005; O’Dowd & Ritter 2006)A livello di interazione
  • 15. Telecollaboration Online Intercultural Exchange Centro Linguistico di Ateneo, 21-22 Marzo 2013 Perché integrare la telecollaborazione?For Students: Development of FL competence, intercultural awareness, electronic literacies For University Educators: Opening up of classroom / Authentic communication and project work / Developing international network of collaborators For Mobility Officers: Preparation for physical mobility/ Alternative to physical mobility For University Management: ‘Low cost’ internationalisation strategy / Opening up new university partnerships
  • 16. INTENT• Un progetto Erasmus multilaterale che promuove lo scambio virtuale e interculturale tra gruppi di studenti universitari in europa e oltre.• Le università europee stanno prestando sempre più attenzione al tema dell’ internazionalizzazione, della mobilità studentesca e delle competenze linguistiche e interculturali. Il progetto INTENT (Integrating Telecollaborative Networks into Foreign Language Higher Education) intende sostenere le università in queste attività, sviluppando una rete di telecollaborazioni tra università in europa e oltre.
  • 17. La ‘squadra’• Universidad de León, Spagna – Robert ODowd e Mario Tomé• Université Stendhal Grenoble, Francia – Francois Mangenot e Elke Nissen• Pädagogische Hochschule Heidelberg, Germania – Andreas Mueller-Hartmann• Wyzsza Szkola Lingwistyczna, Polonia – Gosia Kurek• Univesità degli Studi di Padova, Italia – Francesca Helm e Sarah Guth• Rijksuniversiteit Groningen, Olanda – Sake Jager e Steve Thorne,• Universitat Autònoma de Barcelona, Spagna – Melinda Dooly,• The Open University, GB – Mirjam Hauck e Tim Lewis,
  • 18. Le nostre attività principali:• realizzare un sondaggio on-line su progetti di scambi interculturali che sono attualmente in corso in tutta Europa;• sviluppare una piattaforma virtuale (www.uni-collaboration.eu) dove i docenti possano trovare classi partner, informazioni e materiale formativo per i loro progetti di telecollaborazione;• sviluppare diversi strumenti per docenti “telecollaborativi” tra cui un e-portfolio per valutare i progetti degli studenti, banche dati di compiti telecollaborativi e studi di caso che i docenti possono utilizzare per organizzare e gestire i loro scambi.• tenere vari seminari/laboratori regionali e una conferenza internazionale sul tema della telecollaborazione per listruzione universitaria.• Sviluppare strategie per l’integrazione di telecollaborazione nella formazione universitaria• Convegno finale, a Leòn il 12-14 febbraio 2014.
  • 19. Il sondaggio - Chi ha risposto?Totale questionari completi:• 210 docenti/insegnanti, soprattutto di lingua straniera o formazione di insegnanti di lingua straniera• da 142 università o equivalenti• da 22 stati europei• 102 di questi docenti con esperienza di telecollaboration• 108 senza esperienza
  • 20. Lingue insegnateCatalano, Cinese, Olandese, Finlandese, Ungherese, Polacco,Portoghese, Rumeno e Turko.Anche docenti di traduzione, studi interculturali, informatica ecomunicazione, glottodidattica
  • 21. Facoltà di provenienza
  • 22. Esperienza di telecollaboration Quanti scambi hai svolto negli ultimi 5 anni?
  • 23. Quante lingue sono utilizzate?
  • 24. Dove si trovano i partner?
  • 25. Valutazione generale
  • 26. Fattori istituzionali
  • 27. Studenti – commenti finali “je nai pas vraiment vécu la télécollaboration sous langle dune rencontre inter-culturelle, mais dune rencontre tout court.”• Eine gute Idee, aber nur wenn sie sinnvoll geplant und durchgeführt wird.• I encourage all students to participate in a cultural exchange• I think it was a great idea and experience. I think Skype would be a better way of oral communicating.• I think, it was fine and also, that it would be a necessary part in the degree of people who are learning a foreign language.• I will encourage everyone to participate in exchange programs• Ich denke, dass interkultureller Onlineaustausch besonders für Studierende, die bisher nur wenig interkulturelle Erfahrungen gemacht haben, sinvoll ist.• Our University should organise more exchanges.• Si on organise la télécollaboration jeexigerais comme prof un laps de temps obligatoire pour parler (p.ex. les élèves doivent avoir une conversation pendant une heure par semaine..)• We must do them mor than one term
  • 28. Strategie per l’integrazione di telecollaborazione nella formazioneCome si superano le barriere istituzionali perassicurare scambi a lungo termine, di successoe con riconoscimento ufficiale dell’esperienzadegli studenti e docenti?
  • 29. Che cosa abbiamo imparato dai Case Studies?Le istituzioni possono vedere la telecollaborazione come attivitiàinternazionale interessante, ma spesso non sono disposti a daresostegno materiale, tecnico e di personaleLa telecollaborazione può contribure alla carriera academica diinsegnanti – attraverso nuove reti, mobilità – e.g. Riga & GrenobleDiversi livelli di integrazione sono possiblie: Clavier e Warwick si svolge al di fuori di corsi accademici SpEakWise a Trinity è integrato in un corso ma non ha crediti Manchester e Latvia – il voto del corso si basa interamente sullo scambio
  • 30.  ‘Loose networks’ diventano sempre più diffusi • TransAtlantic Network (studenti di traduzione in europa e studenti di technical writing in USA) • Soliya – collega studenti da oltre 100 università in 27 paesi in dialogo sul rapport occidente – medio oriente • Cultura – scambi bilingui, biculturali in diverse lingue • AUSJAL DUAL IMMERSION PROJECT - 21 università Jesuite da 8 paesi in nord e sud america • Intercultural Citizenship project di Byram Quali sono i vantaggi? • Tematiche comuni di interesse • Nessun obbligo di lavorare sempre con lo stesso partner, quindi più flessibilità • Attività, soluzioni e idee sono condivise e sviluppate
  • 31. Strategie per l’integrazione• Firmare memorandum of understanding tra insegnanti e classi - crea sicurezza e costanza• Assicurarsi che gli studenti vedono pertinenza e valore degli scambi – ad es. Con ECTS, menziona in Diploma Supplement• Cercare di mantenere gli stessi partners• Cercare riconoscimento e sostegno da direttori di dipartimenti e centri linguistici – in modo anche da poter sostituire insegnanti se necessario• Assicurare collaborazione interna tra insegnanti, con collaborazione e condivisione di good practices (e.g. Padova – condivisione di strumenti, coimvolgimenti di dottorandi, personale amministrativo e tecnico)• Aumentare prestigio con comunicati stampa e premi (e.g. Trinity – European Language Label)
  • 32. Racommandazioni• Dare sostegno agli scambi interculturali online tra paesi europei in modo simile al sostegno dato alla mobilità fisica• Preparare modelli di accordi Erasmus specificamente per progetti di mobilità virtuale.• Stabilire borse di studio europei per la mobilità virtuale per coprire I costi organizzativi.• Sostenere lo sviluppo di telecollaborazione per studenti prima della partenza Erasmus. Con la formazione e sostegno di personale degli uffici di relazioni internazionali e dei centri linguistici, questi scambi pre-mobilità potrebbero migliorare la qualità della mobilità promuovendo l’integrazione di studenti erasmus nelle università ospitanti.• Integrare telecollaborazione nella formazione di insegnanti perché questo permette l’integrazione nel loro lavoro futuro• Dare incentivi e sostegno a insegnanti che iniziano con le loro prime esperienze di telecollaborazione.• Fornire una infrastruttura amministrativa e tecnica che può sostenere insegnanti nella loro attività di telecollaborazione.• Trovare modi per dare crediti (ECTS) per la partecipazione in progetti di telecollaborazione, come ad es. Alternativa ad attività di stage, European Diploma Supplement.
  • 33. Time for coffee