0
Dott. Adriano Facchini Agronomo, Agricoltore eDirigente di grandi aziende
- Dal 1/01/1975 al 31/12/1989marketing per i mezzi tecnici per l’agricoltura         - Dal 1/01/1990 al 30/06/1997        ...
Dal CAmpANilismo       al loCAlismocon i suoi filoni importanti:
GAsTRoNomiA    spoRT   sAlUTE   sToRiA TRADiZioNi  soCiAliTà
Nel 2001
Nel 2001
Nel 2002 / 2003
Nel 2004
Nel 2005
Nel 2006
Nel 2007
Nel 2010
Nel 2011il mensile spor tivo del territorio
(conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, CN/FE                                                                     ...
Alimentazione & Dintorni                                                   Pe r o                                         ...
Nel 2011Local FESTGastronomia, Passioni, Sport, Ambiente
Nel 2011
Attestato di Merito       Nel 2011
Nel 2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Presentazione di Adriano Facchini all'Inno2days Pavia 1

459

Published on

La prima parte della presentazione di fondatore del Glocal Award ed ex Direttore Generale del Consorzio Agrario di Parma, all'Inno2days di Pavia del 15 dicembre 2011.

Published in: Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
459
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Presentazione di Adriano Facchini all'Inno2days Pavia 1"

  1. 1. Dott. Adriano Facchini Agronomo, Agricoltore eDirigente di grandi aziende
  2. 2. - Dal 1/01/1975 al 31/12/1989marketing per i mezzi tecnici per l’agricoltura - Dal 1/01/1990 al 30/06/1997 marketing agroalimentare - Dal 1/07/1997 marketing territoriale (Ferrara il bello e il buono, Feste sull’aia, ecc.) Nel 1999 Sagre con proposte nuovo format Agraria
  3. 3. Dal CAmpANilismo al loCAlismocon i suoi filoni importanti:
  4. 4. GAsTRoNomiA spoRT sAlUTE sToRiA TRADiZioNi soCiAliTà
  5. 5. Nel 2001
  6. 6. Nel 2001
  7. 7. Nel 2002 / 2003
  8. 8. Nel 2004
  9. 9. Nel 2005
  10. 10. Nel 2006
  11. 11. Nel 2007
  12. 12. Nel 2010
  13. 13. Nel 2011il mensile spor tivo del territorio
  14. 14. (conv. in L. 27/02/2004 n° 46) art. 1, comma 1, CN/FE Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in A.P. - D.L. 353/2003 DIFFUSIONE GRATUITA Abbonamento annuale Euro 19,00 con inserti gratuiti Le penne che hanno scritto la storia italiana E d i z i o n e Fe r r a r e s e Anno V - N° 12 il mensile del territorio Dicembre 2011 Finito di stampare il 10/12/11 w w w. s p o r t co m u n i . i t Sport, Alimentazione, Salute, Storia, v o d eSocialitàrerSostenibilità i l m e n s i l e s p o r t i Passioni, l t e itorioDistribuito nei territori di: Bondeno, Castello d’Argile, Cento, Ferrara, Finale Emilia, Mirabello, Pieve di Cento, Poggio Renatico, Sant’Agostino, Vigarano MainardaCari lettori, BUON (VERDE) NATALE!il Natale è ormai alle porte e spero che gnità. Ognuno di noi dovrebbe dedicare il suo tempo libero a una causa che senteognuno di voi abbia da parte un armadio propria, godendo dello spirito di aggre-di buoni propositi da mettere in cantiere gazione e fratellanza che è peculiare diper l’anno venturo. Per quanto riguarda i questi movimenti.doni per voi ed i vostri cari perché non Infine sono qui a parlarvi di un evento,prendere in considerazione un abbona- che concilia perfettamente valorizzazio-mento, con pochi euro, a “Sport Comuni”, ne del territorio e riscoperta della tradi-per augurare un 2012 di sport, benessere, zione; si terrà dal 5 all’8 gennaio e vuolepassioni e sostenibilità. essere per voi una sorta di augurio perTanti stimoli diversi mi hanno fatto ri- un “Buon 2012”. A Bondeno avrà luogoflettere su cosa desiderare e su che con- infatti la prima edizione di “Polenta insapevolezza è necessario regalarci per fiera & Mais in filiera”. Il mais, comequesta sentita festività. L’intento dovreb- tanti sanno, è parte integrante della nostrabe essere comune per tutti noi: riscoprire storia degli ultimi 3/4 secoli, ovvia inol-la tradizione, guardare con occhio più at- tre ai problemi attuali della società lega-tento all’ambiente e rivalutare il nostro ti ai costi, al salutismo e all’ambiente interritorio in primis. quanto è economico, performante al mas-Ho avuto l’onore di incontrare recente- simo e ha forti connotazioni salutistiche,mente Folco Quilici, grande documenta- tanto da essere utilizzato dai celiaci (cherista ferrarese con la passione per il mare, hanno un’intolleranza, più o meno grave,che mi ha consolatoriamente rivelato che al glutine). La polenta, dal suo canto, sida 50 anni il nostro negativo impatto sul- identifica ormai da molto tempo col maisl’ambiente va scemando; ognuno di noi ed è stata per decenni, dato il suo alto nu-deve però impegnarsi in prima persona, trimento e la sua economicità, l’alimen-a partire da ora, per permettere che que- to base sulle tavole italiche. Pensare aista spinta rigenerante continui: questo è il vecchi paioli in una casa accogliente, aiprimo pacco sotto l’albero da scartare. sapori semplici non ci può che fare bene;Due interviste che ho fatto poi, a respon- valutare attentamente ciò che arriva sullesabili di voga veneta e speleologia, me nostre tavole passando per i piccoli im-l’hanno confermato. E hanno infiocchet- prenditori locali altrettanto.tato questo primo dono narrandomi di L’ultimo suggerimento che mi sento dicose semplici, di un ritorno alla natura e darvi, in momenti che continuano a rima-all’essenziale, di un bisogno ancestrale e nere difficili per tanti di noi, è di coltivareprepotente di ripartire dall’origine, di un l’empatia, la capacità di mettersi nei pannialleggerimento dagli orpelli contempora- degli altri; tanti orrori potrebbero esserenei che non può che infonderci la serenità evitati, l’aiuto reciproco crescerebbe a di-di cui tutti perennemente abbisogniamo. smisura e l’individualismo, la malattia chePassando a ciò che invece possiamo fare affligge l’uomo contemporaneo, potrebbeper il nostro territorio in particolare, essere attenuato. “Si dovrebbe pensare piùquale occasione migliore per ricordarlo a far del bene che a stare bene: e così siche non il 5 dicembre, Festa Nazionale finirebbe anche a star meglio”, scrivevadel Volontariato; i volontari sono il fiore intelligentemente Alessandro Manzoni.all’occhiello di ogni area e contribuisco- Auguro un Felice Natale a tutti voi!no a farne un’eccellenza, a donarle di- Francesco Moser legge Sport Comuni ELISA ZAVATTI Ferrara Vigarano Mainarda Mirabello Sant’Agostino Poggio Renatico Cento Bondeno InformaSalute AUSL Alimentazione e Dintorni SportArt pag. 3 pag. 6 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 10 pag. 14 pag. 21 pag. 22 pag. 23 Folco Quilici Pallacanestro Pesca Calcio Calcio Ju-Jitsu Hockey Campagna antifluenzale Mais Vincenzo Mollica
  15. 15. Alimentazione & Dintorni Pe r o ini Ac ch ra u de ac lD F (Pyrus communis) ott. Adriano Un po’ di storiaAppartiene di clima e di (900 a.c.), quale uno dei “DONI il medico naturalista Pietro Andrea Mat-alla famiglia terreno, dif- DEGLI DEI” nel giardino reale di tioli (1501-1578) raccogliendo tutte ledelle Rosa- ferenziando Alcinoo, re dei Feaci. Ippocrate conoscenze di botanica del tempo neiceae, sot- le specie at- (460-370 a.c.), famosissimo me- suoi celebri “Commentari”. Alcuni ri-tofamiglia tualmente dico greco, in uno dei suoi libri ferimenti al pero si possono trovarePomoideae. conosciute: lo cita. Teofrasto (370-286 a.c.), anche nella letteratura di WilliamLa pianta del P. pyrifolia, considerato il più grande botani- Shakespeare (1564-1616).Pero, secon- ussuriensis, co dell’antichità, parla di neme- L’Asia ancora oggi detiene i 2/3do la maggior calleryana, rose varietà di Pero nella sua della produzione mondiale di pere.parte dei bo- communis. “Historia Plantarum”. Marco La Cina, in particolare, produce iltanici, sem- Gli scavi ar- Porzio Catone (234-139 a.c.), 57% delle pere mondiali (stima-bra essere cheologici soprannominato il Censore, ta in 17/18 milioni di quintali).originaria hanno dimo- descrive nel suo “De Agri- L’Italia è il secondo produtto-della parte strato che il cultura” sei varietà di Pero. re di pere, a livello mondialemontagnosa pero è cono- Nel Medioevo (476-1492 (con 8/9 milioni di quintali).della Cina sciuto in Asia d.c.) é Carlo Magno (742- Di questi quasi i 2/3 sonooccidentale. ed Europa 814 d.c.), re dei Franchi, prodotti in Emilia Romagna.Da lì si sa- dai tempi del- a realizzare la prima colle- Ferrara, da sola, contribui-rebbe poi diffuso in giro per il mondo, la preistoria. La prima citazione del pero zione varietale di Pero. Ma sce per 1/3 alla produzioneadattandosi alle differenti condizioni la troviamo nel poema epico di Omero il lavoro più importante lo fa nazionale di pere. LA SCHEDA A cura del Prof. VINCENZO BRANDOLINI L’azienda protagonista VE .BA. Ordinario di Chimica degli Alimenti Università di Ferrara NUTRIZIONE E SALUTE te fondamentale per La pera fornisce al corpo garantire il normale Pere e frutta disidrata umano un apporto di impor- metabolismo cellula- tanti principi nutritivi indispensabili per re e la ristrutturazione dei tes- VE.BA. nasce nel 1971 per iniziativa di al- trasformata è un prodotto destinato all’in- una sana e corretta alimentazione: suti. cuni produttori di frutta dell’area dustria dei preparati per la prima colazione • ricca di zuccheri naturali, Sana e ipocalorica, ricca di ferrarese. Oggi VE.BA. è co- a base di cereali, all’industria dolciaria e stituita da circa 130 soci, alla produzione di yogurt. I succhi con- • un’ottima fonte di fibra naturale, zuccheri semplici, vitamine e con una superficie colti- centrati sono destinati alla produzione • una miniera di potassio, minerali. Dà un ottimo ap- vata a frutteto di circa di succhi e bevande a • ricca di vitamina C. porto di potassio e per 280 Ha. L’Azienda è base di frutta. Gli im- La pera è ricca in zucche- questo motivo è consi- situata al centro di una pianti, la professio- ri semplici, specialmente di gliata a tutti, in partico- vasta area coltivata a nalità del personale fruttosio, che rendono il frut- lare bambini, sportivi frutteti, a pochi Km dalla aziendale e l’ap- to adatto al consumo in ogni e coloro che devono città di Ferrara. plicazione delle più momento della giornata in seguire una dieta. VE.BA. trasforma albicoc- avanzate tecnologie cui si avverte, a causa che, pesche, pere, prugne di trasformazione della del calo glicemico, una INDICAZIONI e mele. La lavorazione viene frutta consentono a VE.BA. stanchezza fisica o PER IL CONSU- effettuata da inizio giugno (inizio del raccol- la realizzazione di prodotti di qualità nell’as- mentale. MO to delle albicocche) a fine aprile. La frutta soluto rispetto della natura. Una pera di di- La pera ha mensioni medie proprietà diu- contiene 2-3 retiche, depu- grammi di fi- rative, regola- bra grezza e trici intestinali 4 grammi di e una compo- fibra così det- sizione chimi- ta dietetica co-fisico tale di cui il 41% che è possi- è costituito bile consu- da pectine. Le marne anche fibre contribui- un quantitativo scono a limitare elevato senza in- il livello di zuc- correre nel rischio chero nel sangue di introdurre troppe ed aiutano il fun- calorie (un frutto di zionamento dell’apparato digerente. dimensione media di circa 160 g con- Pere disidratate Frutta mista disidratata Una dieta ricca di fibre naturali riduce tiene solo 100 calorie). il rischio di cancro del colon e tiene Oltre al tradizionale consumo fresco, sotto controllo il livello di colesterolo la pera viene utilizzata come ingre- del sangue. diente per dolci, La pera è un frut- macedonie e La Novità: to estremamente pietanze oppure ricco di potassio si gusta al natu- A cura del M° Pasticcere Alfio Bosi e della Vassalli Bakering (circa 210 mg) che rale, accompa- viene utilizzato gnata a formaggi INGREDIENTI: mettere lo zucche- dal nostro organi- (classico abbi- Kg. 1 di farina “00”, ro, il burro, le uova, smo per favorire namento della 300 g. di burro, la buccia di limone la contrazione mu- tradizione conta- g. 400 di zucche- o arancia. Dopo scolare, la trasmis- dina italiana con ro, n. 5 uova in- aver mescolato sione nervosa e il Provolone, Par- tere e n. 1 tuorli questi ingredienti , g. 35 lievito in pol- unire il latte. Incor- metabolismo delle migiano Reggia- vere, g. 250 di latte, porare la farina a proteine. La gran- no e Pecorino). g. 200 di pera disi- poco a poco. Unire de prevalenza del Inoltre, viene lar- dratata, g. 100 di le pere sgocciolate potassio rispetto al gamente impie- gocce di cioccola- e il cioccolato. Una sodio rende il con- gata dall’indu- to e aromi: buccia volta finito l’impa- sumo di pere rac- stria alimentare d’arancia o di limo- sto, farlo riposare comandabile in tut- per la produzio- ne Q. B. per mezz’ora cir- ti i regimi dietetici ne di succhi e PROCEDIMENTO: ca. Dare forma a iposodici prescritti sciroppi. Fare rinvenire le piacere, meglio se nel trattamento dell’ipertensione e La pera si conserva a basse tempe- pere disidratate in a pera e far ripo- delle cardiopatie edematose. rature, mentre per gustarla in tutta la acqua calda per due sare ancora un’al- Infine, è bene menzionare che una sua fragranza è consigliabile tenerla ore. Ammorbidire il burro e mantecarlo tra mezz’ora. Intanto scaldare il forno a pera di media dimensione contiene 4/5 ore a temperatura ambiente pri- a pomata. Setacciare la farina con il lie- 190° e cuocere per circa 30 minuti (per 7 mg di vitamina C, un antiossidan- ma del consumo. vito. Formare una fontana e al centro, una pezzatura di mezzo kg).22 Anno V - N° 11 Novembre 2011
  16. 16. Nel 2011Local FESTGastronomia, Passioni, Sport, Ambiente
  17. 17. Nel 2011
  18. 18. Attestato di Merito Nel 2011
  19. 19. Nel 2012
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×