Funzione Strumentale Area1
In collaborazione con
il Collegio dei Docenti
Piano dell’Offerta Formativa
2008-2009
LA SCUOLA
Obiettivi generali del processo formativo
La Scuola assume come :
Obiettivi Apprendimento del processo formativo
quelli in...
Obiettivi generali
Acquisizione e sviluppo delle conoscenze e delle abilità
di base;
Apprendimento di nuovi mezzi espressi...
L’attività della Scuola sarà
orientata a :
- Favorire il processo di costruzione dell’Identità personale ed
sviluppare il ...
a:
- Fornire informazioni e supporti per favorire le scelte e
l’accesso alle opportunità in
ambito formativo, da parte deg...
SCELTE DI FONDO -
Rispondere con efficacia alla domanda: “come ” dovrà
essere lo studente in uscita dal primo ciclo di ist...
“Dal punto di vista educativo, non esistono età, né scuole,
che non siano fondamentali per la costruzione del proprio
prog...
L’educazione è nemica di ogni parzialità ed esige
costantemente uno sviluppo armonico, integrale ed
integrato di tutte le ...
Alla fine del primo ciclo di istruzione il
traguardo può ritenersi raggiunto, per un ragazzo di 16 anni, se
le conoscenze ...
Un ragazzo è riconosciuto competente quando, facendo ricorsa
tutte le capacità di cui dispone, utilizza le conoscenze e le...
Linee caratterizzanti dell’offerta
formativa
L’offerta formativa,punta,attraverso un progetto globale,
alla qualità dell’a...
Obiettivi generali del processo
formativo
La Scuola dell’Infanzia
rafforza l’identità
personale, l’autonomia e le
competen...
La Scuola
La scuola quale sede dell’educazione integrale
della persona.
Scuola che colloca nel mondo.
Scuola orientativa
S...
QUOTA ORARIA
Scuola dell’Infanzia= 1400 h
Scuola Primaria =990h
Scuola Secondaria di I°grado= 1056h
SCUOLA DELL’INFANZIA
Modulo a 40 ore settimanali
Dalle h8,15 alle h 16,15
(Mensa dalle h 12,15 alle h 13,15)
SCUOLA PRIMARIA
Modulo a 30 ore settimanali
30h=27h+3h
Dalle h 8,15 alle h 13,15
SCUOLA SECONDARIA DI I°
GRADO
Modulo a tempo potenziato a 32 ore settimanali
32h=29h+3h nelle sez A B C D
Dalle h 8,15 all...
Progetti extracurriculari
Infanzia Lanzara
Il latte è tutta salute
80= 20x4Fimiani-Barbarulo-Apicella-Ascoli
Infanzia Cast...
Primaria di Trivio
Tutti all’opera
75= 25x3Maniglia-Scarpa-Califano
Primaria di Lanzara
Musica Maestro
50=25x2Fasolino-Sch...
Primaria di Lanzara
Recupero di Matematica
20=20x1Landi
Primaria di Lanzara
L’integrazione culturale
25=25x1Fimiani
Primar...
Primaria di Trivio-Lanzara
Sport a scuola
120=60x2Bari- Gentile
Primaria di Trivio-Lanzara
Storie in cerca di attori
325=2...
Scuola Secondaria di I°gardo
Lingua comunitaria per stranieri
30=30x1Aliberti
Secondaria di I°grado
Recupero di matematica...
Secondaria di I°grado
A scuola di latino
50=25x2Iemma-Aliberti
Secondaria di I°grado
A scuola di teatro
25=25xIemma
Second...
Secondaria di I°grado
Recupero delle abilità linguistiche
25=25x1 Botta
Secondaria di I°grado
Ceramica
25x2Greco-Tirelli
S...
Progetto Repubblica
25hx1= 25…………
Trinity
30x1=30 Fiorillo
Progetti curriculari
Scuola primaria di Trivio-Lanzara
Prevenzione ed igiene orale(Associazione territoriale S. Michele
Ar...
La progettazione curricolare
La progettazione curricolare è un documento interno
della scuola essa deve tendere al persegu...
La Progettazione curricolare è costituita da
OA (=obiettivi di apprendimento) scelti ed elaborati
dall’équipe pedagogica d...
La scelta degli OA deve tener conto dei Traguardi
Formativi fissati per ciascuna classe e tendere, quindi , al
raggiungime...
La programmazione curricolare
Una volta fissati i Traguardi Formativi e gli Obiettivi
di Apprendimento generali per classi...
CALENDARIO
Adattamenti del calendario
Come deliberato dal Collegio dei Docenti ed approvato dal
Consiglio d’Istituto , l’inizio dell’...
REGOLAMENTO D’ISTITUTO
REGOLAMENTO DI
DISCIPLINA DEDGLI
STUDENTI
Il regolamento di disciplina,nasce dall’esigenza-necessità di
regolamentare la v...
PATTO EDUCATIVO DI
CORRESPONSABILITA’
(Art. 3 D. P. R. 21 novembre 2007, n. 235)
Sottoscrivono il patto educativo
di corre...
2) REGIME DI RECIPROCITA’ NEI DIRITTI E
DOVERI
Le carte fondamentali d’istituto (regolamento d’istituto,
Piano dell’Offert...
3) IMPEGNI DI CORRESPONSABILITA’( validi sia
per la Scuola Primaria sia per la Scuola Secondaria)
Il genitore, sottoscrive...
4) DISCIPLINA (valido esclusivamnte per la Scuola Secondaria di I°
grado)
Il genitore/affidatario, nel sottoscrivere il pr...
5) PROCEDURA OBBLIGATORIA DI COMPOSIZIONE; AVVISI E
RECLAMI.
In caso di parziale o totale inosservanza dei diritti-doveri ...
Organo di garanzia e
impugnazioni
1. Contro le sanzioni disciplinari è ammesso
ricorso, da parte di chiunque vi abbia inte...
Rapporti con le famiglie
LA TRASPARENZA
L’INFORMAZIONE
LA DOCUMENTAZIONE
Carta dei servizi scolastici
PRINCIPI FONDAMENTALI
1. UGUAGLIANZA
2. IMPARZIALITA’ E REGOLARITA’
3. ACCOGLIENZA E INTEGRAZ...
6. LIBERTA’ DI INSEGNAMENTO ED
AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE
7 AREA DIDATTICA
8. SERVIZI AMMINISTRATIVI
9. CONDIZIONI AMBIEN...
Continuità
PROGETTO ORIENTAMENTO: “Il mio futuro”
(promozione dello sviluppo della personalità)
Per conoscere le offerte f...
Incontri con esperti :coinvolgimento dell’Informa-giovani
di Lanzara
Visita presso gli Istituti di Scuola Secondaria di II...
Obiettivi della Continuità /Orientamento
Scuola Primaria-Scuola Secondaria di I° grado
Scuola Secondaria di I° grado- Scuo...
Classi seconde
-Ricostruire l’immagine di adolescenza nella fase di
passaggio dall’infanzia all’adolescenza
-Affrontare le...
Classi terze
-Esplorare le risorse personali in funzione della scelta
-Costruire un progetto personale di scelta
-Sviluppa...
VISITE E VIAGGI DI
ISTRUZIONE
Vedi allegato su file word
FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL
PERSONALE
I corsi di aggiornamento previsti per l’anno scolastico in
corso presto potranno esse...
Nel corrente anno scolastico il Collegio Docenti
ha deliberato l’aggiornamento prioritario sulle
seguenti tematiche:
Corso...
Patrocinato dal CSA e in collaborazione con l’ufficio di
Educazione fisica e sportiva per le insegnanti della
scuola Prima...
La valutazione
E’ lo strumento con cui la scuola, potenziando la
propria autonomia decisionale,può interrogare se
stessa e...
La valutazione viene espressa in
decimi(secondo le nuove normativa)
Essa deve essere intesa come :
- attività informativa ...
VALUTAZIONE
DIAGNOSTICA
Prove d’ingresso
comuni per classi
parallele
VALUTAZIONE
FORMATIVA
Prove oggettive e non in
itiner...
FUNZIONI STRUMENTALI
ANNO SCOLASTICO 2006/2007
Gestione P.O.F
SCHIAVI STEFANIA.
Sostegno al lavoro dei docenti
GRIMALDI MA...
Valutazione degli apprendimenti
MARINIELLO MARIA LUISA
Rapporti con il territorio e con gli enti esterni
FASOLINO LUCIA
Co...
Primo Collaboratore(Vicario)
ROCCO ALESSANDRO
Secondo collaboratore
TESTA DOMENICO
Coordinatori di plesso
Scuola dell’Infanzia di Lanzara
Fimiani Rita
Apicella Simona
Scuola dell’Infanzia di Castelluccio
D...
Scuola Primaria di Lanzara:
Fezza Emilia
Schiavi Stefania
Scuola Primaria di Trivio :
Ciancio Angela
Amendola Amalia
Dirigente Scolastico
Prof.Aliberti Antonio
Presentazione pof 2008 2009
Presentazione pof 2008 2009
Presentazione pof 2008 2009
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Presentazione pof 2008 2009

555

Published on

Published in: Education, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
555
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione pof 2008 2009

  1. 1. Funzione Strumentale Area1 In collaborazione con il Collegio dei Docenti Piano dell’Offerta Formativa 2008-2009
  2. 2. LA SCUOLA
  3. 3. Obiettivi generali del processo formativo La Scuola assume come : Obiettivi Apprendimento del processo formativo quelli indicati dalla normativa vigente Ha per suo fine "la formazione dell'uomo e del cittadino nel quadro dei principi affermati dalla Costituzione delle Repubblica".
  4. 4. Obiettivi generali Acquisizione e sviluppo delle conoscenze e delle abilità di base; Apprendimento di nuovi mezzi espressivi; Potenziamento delle capacità relazionali e di orientamento nello spazio e nel tempo; Acquisizione dei principi fondamentali della convivenza civile; Consolidamento dei saperi di base, anche in relazione alla evoluzione sociale, culturale e scientifica della realtà contemporanea; Sviluppo delle competenze e delle capacità di scelta individuali.
  5. 5. L’attività della Scuola sarà orientata a : - Favorire il processo di costruzione dell’Identità personale ed sviluppare il senso di appartenenza degli alunni al proprio territorio attraverso la valorizzazione delle risorse ambientali, della cultura e delle tradizioni - Sviluppare il raccordo con gli Enti locali al fine di potenziare e di qualificare il servizio scolastico. - Ampliare e completare l’offerta formativa e culturale presente nel territorio. - Favorire occasioni di incontro scuola-famiglia .
  6. 6. a: - Fornire informazioni e supporti per favorire le scelte e l’accesso alle opportunità in ambito formativo, da parte degli alunni e delle loro famiglie - Promuovere e realizzare lo sviluppo delle capacità di ogni singolo alunno attraverso metodi adeguati e interventi individualizzati - Sviluppare la conoscenza e l’utilizzo delle nuove tecnologie nei settori dell’informatica e della comunicazione - Valorizzare lo Sport come momento di crescita psico-fisica e socio-educativa.
  7. 7. SCELTE DI FONDO - Rispondere con efficacia alla domanda: “come ” dovrà essere lo studente in uscita dal primo ciclo di istruzione? Dover rispondere non tanto alle aspettative del legislatore quanto ai bisogni ed alle esigenze degli studenti e delle famiglie
  8. 8. “Dal punto di vista educativo, non esistono età, né scuole, che non siano fondamentali per la costruzione del proprio progetto di vita.” La necessità di conoscere, sperimentare e aprirsi a nuove esperienze formative è valida anche per le persone disabili in quanto nessuno è definibile per sottrazione
  9. 9. L’educazione è nemica di ogni parzialità ed esige costantemente uno sviluppo armonico, integrale ed integrato di tutte le dimensioni della persona e in tutti i momenti della vita.
  10. 10. Alla fine del primo ciclo di istruzione il traguardo può ritenersi raggiunto, per un ragazzo di 16 anni, se le conoscenze disciplinari e interdisciplinari (il sapere) e le abilità operative (il fare) apprese ed esercitate nel sistema formale (la scuola), non formale (le altre istituzioni formative) e informale (la vita sociale nel suo complesso) sono diventate autentiche competenze personali(il saper fare)
  11. 11. Un ragazzo è riconosciuto competente quando, facendo ricorsa tutte le capacità di cui dispone, utilizza le conoscenze e le abilità apprese per: • esprimere un personale modo di essere e proporlo agli altri; • interagire con l’ambiente naturale e sociale che lo circonda, e influenzarlo positivamente; • risolvere i problemi che di volta in volta incontra; • riflettere su se stesso e gestire il proprio processo di crescita, anche chiedendo aiuto, quando occorre; • comprendere, per il loro valore, la complessità dei sistemi simbolici e culturali; • maturare il senso del bello; • conferire senso alla vita.
  12. 12. Linee caratterizzanti dell’offerta formativa L’offerta formativa,punta,attraverso un progetto globale, alla qualità dell’apprendimento per tutti sostenendo difficoltà e disagi,potenzialità ed eccellenze .
  13. 13. Obiettivi generali del processo formativo La Scuola dell’Infanzia rafforza l’identità personale, l’autonomia e le competenze dei bambini La Scuola Primaria valorizza l’esperienza del fanciullo L’istruzione secondaria di 1° grado anima tutte le proprie attività educative di apprendimento per uno sviluppo progressivamente sempre più organico della personalità di ciascun allievo che andrà a delinearsi con maggiore decisione nel secondo ciclo di istruzione e di formazione.
  14. 14. La Scuola La scuola quale sede dell’educazione integrale della persona. Scuola che colloca nel mondo. Scuola orientativa Scuola dell’identità. Scuola della motivazione e del significato. Scuola della prevenzione dei disagi e del recupero degli svantaggi Scuola della relazione educativa
  15. 15. QUOTA ORARIA Scuola dell’Infanzia= 1400 h Scuola Primaria =990h Scuola Secondaria di I°grado= 1056h
  16. 16. SCUOLA DELL’INFANZIA Modulo a 40 ore settimanali Dalle h8,15 alle h 16,15 (Mensa dalle h 12,15 alle h 13,15)
  17. 17. SCUOLA PRIMARIA Modulo a 30 ore settimanali 30h=27h+3h Dalle h 8,15 alle h 13,15
  18. 18. SCUOLA SECONDARIA DI I° GRADO Modulo a tempo potenziato a 32 ore settimanali 32h=29h+3h nelle sez A B C D Dalle h 8,15 alle h 14,15 lunedì-mercoledì Dalle 8,15 alle 13,15 martedì-venerdì-giovedì -sabato
  19. 19. Progetti extracurriculari Infanzia Lanzara Il latte è tutta salute 80= 20x4Fimiani-Barbarulo-Apicella-Ascoli Infanzia Castelluccio Natura amica 90=30x3Di Martino-Bicchielli-Toriello
  20. 20. Primaria di Trivio Tutti all’opera 75= 25x3Maniglia-Scarpa-Califano Primaria di Lanzara Musica Maestro 50=25x2Fasolino-Schiavi Primaria di Lanzara A scuola di teatro 50=25x2 Fasolino-Schiavi
  21. 21. Primaria di Lanzara Recupero di Matematica 20=20x1Landi Primaria di Lanzara L’integrazione culturale 25=25x1Fimiani Primaria di Trivio-Lanzara La forza della diversità 100:7=14h pro capite Claps, Grimaldi,Mariniello Pannullo, Gentile, D’Arco, Maniglia
  22. 22. Primaria di Trivio-Lanzara Sport a scuola 120=60x2Bari- Gentile Primaria di Trivio-Lanzara Storie in cerca di attori 325=25x13Bove, Pannullo, Landi, D’Angelo, Amendola, Morrone, Mariniello, Brancato, Lamberti, Granato, Fezza, Campanile,Grimaldi
  23. 23. Scuola Secondaria di I°gardo Lingua comunitaria per stranieri 30=30x1Aliberti Secondaria di I°grado Recupero di matematica 25=25x1Colavolpe Secondaria di I°grado A scuola d’Informatica 100=50x2 Rocco-Testa
  24. 24. Secondaria di I°grado A scuola di latino 50=25x2Iemma-Aliberti Secondaria di I°grado A scuola di teatro 25=25xIemma Secondaria di I°grado Dammi una mano e corri 210=30x7Fasolino-Alfano-Califano-Botta-Greco-Fiorillo- Aliberti
  25. 25. Secondaria di I°grado Recupero delle abilità linguistiche 25=25x1 Botta Secondaria di I°grado Ceramica 25x2Greco-Tirelli Secondaria di I° grado Giochi Sportivi Studenteschi De Domenico Testa
  26. 26. Progetto Repubblica 25hx1= 25………… Trinity 30x1=30 Fiorillo
  27. 27. Progetti curriculari Scuola primaria di Trivio-Lanzara Prevenzione ed igiene orale(Associazione territoriale S. Michele Arcangelo) Classi IV A di Lanzara e III e IV di Trivio La Scuola in Ospedale Tutti gli ordini di scuola Progetti dell’ASL Scuola Secondaria di I° grado e Scuola Primaria Progetto d’integrazione alunni disabili( Equipe psico-educativa Patti Territoriali) Scuola Primari a di Trivio e Lanzara
  28. 28. La progettazione curricolare La progettazione curricolare è un documento interno della scuola essa deve tendere al perseguimento dei traguardi formativi fissati per classi parallele e per ciascun ardine di scuola in relazione alle Indicazioni Nazionali.
  29. 29. La Progettazione curricolare è costituita da OA (=obiettivi di apprendimento) scelti ed elaborati dall’équipe pedagogica delle classi parallele secondo Campi d’esperienza ( Scuola dell’Infanzia), Ambiti disciplinari ( Scuola Primaria) Materie di insegnamento(Scuola Secondaria)
  30. 30. La scelta degli OA deve tener conto dei Traguardi Formativi fissati per ciascuna classe e tendere, quindi , al raggiungimento degli stessi.
  31. 31. La programmazione curricolare Una volta fissati i Traguardi Formativi e gli Obiettivi di Apprendimento generali per classi parallele, ciascun docente , nell’ambito delle sue competenze d’insegnamento, ed in relazione ai bisogni formativi degli alunni delle classi in cui è titolare , programmerà i contenuti e le attività , specificando metodologie e sistemi di verifica e valutazione,che intende proporre nel corso dell’anno scolastico.
  32. 32. CALENDARIO
  33. 33. Adattamenti del calendario Come deliberato dal Collegio dei Docenti ed approvato dal Consiglio d’Istituto , l’inizio dell’anno scolastico è stato anticipato di tre giorni rispetto al calendario regionale per poterne fruire rispettivamente il : 2 febbraio 2009 23 febbraio 2009 19 marzo 2009
  34. 34. REGOLAMENTO D’ISTITUTO
  35. 35. REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEDGLI STUDENTI Il regolamento di disciplina,nasce dall’esigenza-necessità di regolamentare la vita dell’Istituto in modo democratico al fine di : Orientare la vita dello studente verso comportamenti personali ed interpersonali corretti; Capire che ogni parola,ogni gesto o azione deve necessariamente convivere in armonia con le diversità di tanti per il bene comune e che la disciplina,la responsabilità personale, è un valore oltre che un dovere; Far assumere agli studenti le conseguenze personali derivanti dalla trasgressione delle regole comuni.
  36. 36. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA’ (Art. 3 D. P. R. 21 novembre 2007, n. 235) Sottoscrivono il patto educativo di corresponsabilità 1) IL RAPPORTO SCUOLA-ALUNNO-FAMIGLIA Il rapporto scuola-alunno-famiglia costituisce il fondamento su cui sostiene l’attività scolastica entro la quale si realizza la transazione educativa. Alla promozione ed allo sviluppo di questa funzione fondamentale genitori, studenti ed operatori scolastici dedicano impegno particolare i cui tratti essenziali sono richiamati nei punti che seguono
  37. 37. 2) REGIME DI RECIPROCITA’ NEI DIRITTI E DOVERI Le carte fondamentali d’istituto (regolamento d’istituto, Piano dell’Offerta Formativa, programmazione ecc.) contengono una o più sezioni nelle quali sono esplicitati i diritti e doveri dei genitori/affidatari, diritti e doveri degli alunni e diritti e doveri degli operatori scolastici . Molte materie tese alla difesa della dignità, della salute ed della sicurezza della persona sono più completamente trattate nei Testi Unici e nelle norme a cui questo paragrafo fa rimando operando con maggiore impegno per la diffusione preventiva nella comunità civile con la quale interagisce.
  38. 38. 3) IMPEGNI DI CORRESPONSABILITA’( validi sia per la Scuola Primaria sia per la Scuola Secondaria) Il genitore, sottoscrivendo l’istanza d’iscrizione, assume l’impegno di: a) osservare le disposizioni contenute nel Regolamento generale d’Istituto b) sollecitare l’osservanza da parte dell’alunno. Contestualmente il dirigente scolastico, in quanto legale rappresentante dell’istituzione scolastica e responsabile gestionale, assume impegno affinché i diritti degli studenti e dei genitori richiamati nel presente patto siano pienamente garantiti.
  39. 39. 4) DISCIPLINA (valido esclusivamnte per la Scuola Secondaria di I° grado) Il genitore/affidatario, nel sottoscrivere il presente patto è consapevole che: a) le infrazioni da parte dell’alunno/studente possono dar luogo a sanzioni disciplinari; b) i danneggiamenti a cose o le lesioni a persone si ispirano al principio della riparazione del danno( art. 4 , comma 5 del DPR 249/1998, come modificato dal DPR 235/2007)) non escludendo in alcun modo le azioni di salvaguardia connesse a responsabilità dirette ed indirette previste dalla legislazione civile e penale in particolar modo nel campo della sicurezza sul lavoro (l. 231/01 e Testo Unico sulla sicurezza del lavoro D. Lgs. 81/08) e della conservazione del patrimonio comune. Chi procura il danno o la lesione può essere chiamato, in aggiunta a quanto già previsto dalle leggi e dai regolamenti, ad effettuare attività sociali a favore della scuola e percorsi personali rieducativi nella materia oggetto della trasgressione; c) Il regolamento d’Istituto disciplina le modalità d’irrogazione delle sanzioni disciplinari nell’art 2 del “Regolamento delle trasgressioni disciplinari” (valido solo per la Scuola Secondaria di I°grado)e d’impugnazione facendo salvo l’esercizio dei diritti di cui alla lettera b) in particolare all’esercizio del diritto di rivalsa per crimini contro il patrimonio.
  40. 40. 5) PROCEDURA OBBLIGATORIA DI COMPOSIZIONE; AVVISI E RECLAMI. In caso di parziale o totale inosservanza dei diritti-doveri previsti o implicati nel presente patto si attua la procedura di composizione obbligatoria. La procedura di composizione obbligatoria è formale e comprende: a) la segnalazione di inadempienza viene notificata tramite “avviso”, se prodotta dalla scuola, e tramite “reclamo” se prodotta dallo studente o dal genitore/affidatario; preferibilmente gli “avvisi” e i “reclami” vengono effettuati su modulistica appositamente predisposta; tanto gli avvisi che i reclami possono essere prodotti in forma orale che scritta. In considerazione della responsabilità disciplinare personale la produzione orale viene raccolta per la formalizzazione in apposito registro b) una volta prodotto l’avviso, ovvero il reclamo, ove la fattispecie segnalata non risulti di immediata evidenza, il ricevente è obbligato a esperire ogni necessario accertamento o verifica circa le circostanze segnalate; c) sulla base degli accertamenti di cui alla precedente lettera “b”, il ricevente, in caso di riscontro positivo, è obbligato ad intraprendere ogni opportuna iniziativa volta ad eliminare o ridurre la situazione di inadempienza e le eventuali conseguenze; d) il ricevente è obbligato ad informare in modo formale l’emittente tanto sugli esiti degli accertamenti che sulle eventuali misure di ripristino adottate.
  41. 41. Organo di garanzia e impugnazioni 1. Contro le sanzioni disciplinari è ammesso ricorso, da parte di chiunque vi abbia interesse, entro quindici giorni dalla comunicazione della loro irrogazione, ad un apposito organo di garanzia interno alla scuola, che decide nel termine di dieci giorni. Tale organo è composto da due docenti e due genitori ed è presieduto dal dirigente scolastico. Esso dura in carica 1 anno.
  42. 42. Rapporti con le famiglie LA TRASPARENZA L’INFORMAZIONE LA DOCUMENTAZIONE
  43. 43. Carta dei servizi scolastici PRINCIPI FONDAMENTALI 1. UGUAGLIANZA 2. IMPARZIALITA’ E REGOLARITA’ 3. ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE 4. DIRITTO DI SCELTA, OBBLIGO SCOLASTICO E FREQUENZA 5 PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA, TRASPARENZA
  44. 44. 6. LIBERTA’ DI INSEGNAMENTO ED AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE 7 AREA DIDATTICA 8. SERVIZI AMMINISTRATIVI 9. CONDIZIONI AMBIENTALI DELLA SCUOLA 10. PROCEDURA DEI RECLAMI E VALUTAZIONE DEL SERVIZIO 11. ATTUAZIONE
  45. 45. Continuità PROGETTO ORIENTAMENTO: “Il mio futuro” (promozione dello sviluppo della personalità) Per conoscere le offerte formative
  46. 46. Incontri con esperti :coinvolgimento dell’Informa-giovani di Lanzara Visita presso gli Istituti di Scuola Secondaria di II Giornata dell’orientamento a scuola(prima settimana di dicembre) Incontri con ex-alunni della scuola media, frequentanti vari istituti superiori
  47. 47. Obiettivi della Continuità /Orientamento Scuola Primaria-Scuola Secondaria di I° grado Scuola Secondaria di I° grado- Scuole Superiori Classi prime -Socializzare con il nuovo contesto scolastico -Esplorazione delle risorse personali da investire nella nuova esperienza scolastica -Sviluppo delle capacità di auto-monitoraggio sull’andamento della propria attività formativa -Conoscenza del territorio di appartenenza (città- provincia-regione) con particolare attenzione agli aspetti economico-produttivi -Sviluppo di capacità esplorative riguardo le relazioni fra la realtà di appartenenza e l’ambito nazionale
  48. 48. Classi seconde -Ricostruire l’immagine di adolescenza nella fase di passaggio dall’infanzia all’adolescenza -Affrontare le problematiche connesse al percorso di sviluppo adolescenziale -Differenziare la specificità di genere nel percorso di crescita
  49. 49. Classi terze -Esplorare le risorse personali in funzione della scelta -Costruire un progetto personale di scelta -Sviluppare la consapevolezza del rapporto esistente tra le scelte scolastiche e professionali e progetto di vita -Approfondire la capacità di riflettere sulle difficoltà, sull’impegno, sui sacrifici e sulle possibili gratificazioni proprie di un corso di studi, di una professione o di un mestiere -Saper utilizzare autonomamente fonti di informazione, leggere grafici e statistiche, trarre informazioni dall’osservazione della realtà, porre in relazione le opportune deduzioni.
  50. 50. VISITE E VIAGGI DI ISTRUZIONE Vedi allegato su file word
  51. 51. FORMAZIONE IN SERVIZIO DEL PERSONALE I corsi di aggiornamento previsti per l’anno scolastico in corso presto potranno essere consultati sul sito internet dell’Istituto nel frattempo…
  52. 52. Nel corrente anno scolastico il Collegio Docenti ha deliberato l’aggiornamento prioritario sulle seguenti tematiche: Corso di informazione e formazione dei lavoratori ai sensi della Legge 626/94 Corso sui Disturbi specifici dell’apprendimento in collaborazione con il personale del centro AID esperti in tali problematiche Sono in corso di attivazione sempre per il corrente anno scolastico due corsi di formazione. • “Una didattica per l’eccellenza: l’attività motoria” II livello
  53. 53. Patrocinato dal CSA e in collaborazione con l’ufficio di Educazione fisica e sportiva per le insegnanti della scuola Primaria “Incontri con gli insegnanti” promosso dall’ASL Salerno 1 dall’Ufficio Valorizzazione delle risorse umane. Il percorso è articolato in quattro moduli: - “Comunicazione e dinamica dei gruppi” • “Strumenti per la discussione” • “La crescita tra dipendenza e autonomia” • “I disturbi specifici dell’apprendimento”
  54. 54. La valutazione E’ lo strumento con cui la scuola, potenziando la propria autonomia decisionale,può interrogare se stessa e il suo funzionamento con la partecipazione di tutte le sue componenti, riconoscere le proprie peculiarità e i propri difetti, ordinare strategie e progettare interventi di educazione, formazione, istruzione adeguati al contesto in cui opera, alle specifiche caratteristiche dei soggetti coinvolti, al fine di garantire loro il successo formativo.
  55. 55. La valutazione viene espressa in decimi(secondo le nuove normativa) Essa deve essere intesa come : - attività informativa per i genitori sul rendimento scolastico e sul comportamento dei propri figli - strumento di lavoro per gli insegnanti
  56. 56. VALUTAZIONE DIAGNOSTICA Prove d’ingresso comuni per classi parallele VALUTAZIONE FORMATIVA Prove oggettive e non in itinere VALUTAZIONE QUADRIMESTRALE Prove oggettive e non per accertare e certificare i risultati conseguiti in termini di competenze
  57. 57. FUNZIONI STRUMENTALI ANNO SCOLASTICO 2006/2007 Gestione P.O.F SCHIAVI STEFANIA. Sostegno al lavoro dei docenti GRIMALDI MARIA ROSARIA Interventi e servizi per studenti ALFANO RACHELE CLAPS CONCETTA
  58. 58. Valutazione degli apprendimenti MARINIELLO MARIA LUISA Rapporti con il territorio e con gli enti esterni FASOLINO LUCIA Cordinatore e responsabile del sito internet CAMPANILE PIETRO
  59. 59. Primo Collaboratore(Vicario) ROCCO ALESSANDRO Secondo collaboratore TESTA DOMENICO
  60. 60. Coordinatori di plesso Scuola dell’Infanzia di Lanzara Fimiani Rita Apicella Simona Scuola dell’Infanzia di Castelluccio Di Martino Silvana Bicchielli Sonia
  61. 61. Scuola Primaria di Lanzara: Fezza Emilia Schiavi Stefania Scuola Primaria di Trivio : Ciancio Angela Amendola Amalia
  62. 62. Dirigente Scolastico Prof.Aliberti Antonio
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×