Your SlideShare is downloading. ×
La Semina su sodo come sistema agronomico: dieci regole per una corretta implementazione in azienda – Danilo Marandola (ricercatore Inea, direzione tecnica Aipas)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

La Semina su sodo come sistema agronomico: dieci regole per una corretta implementazione in azienda – Danilo Marandola (ricercatore Inea, direzione tecnica Aipas)

1,721
views

Published on

Per garantire il successo della semina su sodo sin dalle prime annate occorre adottare una serie di accorgimenti pratici in tutte le fasi del ciclo colturale, dalle operazioni preliminari, alla semina …

Per garantire il successo della semina su sodo sin dalle prime annate occorre adottare una serie di accorgimenti pratici in tutte le fasi del ciclo colturale, dalle operazioni preliminari, alla semina sino alla raccolta. È però fondamentale la conoscenza dei campi per individuare tempestivamente le problematiche che si potrebbero verificare.

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,721
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. La Semina su sodo come sistema agronomico: dieci regole per una corretta implementazione in azienda Danilo Marandola Ricercatore INEA Direzione tecnica AIPAS
  • 2. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 COS’E’ LA SEMINA SU SODO (1)  Semina diretta, No Till  Agricoltura conservativa COLTIVARE SENZA LAVORARE IL SUOLO Si realizza su terreni non lavorati (non dissodati) attraverso l’apertura di sottili fenditure/solchi di larghezza e profondità sufficienti ad ottenere una idonea copertura del seme e senza il ricorso a nessun altro tipo di lavorazione Phillips and Young (1973)
  • 3. 4- REGOLAZIONE PROFONDITA’ E PRESSIONE DI SEMINA 1. DISCO DI TAGLIO O DISCO TURBO 3. RUOTE CHIUDI-SOLCO 2. DOPPIO DISCO DI SEMINA
  • 4. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 COS’E’ LA SEMINA SU SODO (2) COLTIVARE SENZA LAVORARE IL SUOLO + COPERTURA PERMANENTE DEL SUOLO + AVVICENDAMENTI COLTURALI MIRATI + BUONE PRATICHE AGRICOLE
  • 5. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 COPERTURA PERMANENTE DEL SUOLO Gestione RESIDUI COLTURALI (paglia, stocchi..) Coltivazione di colture di copertura dedicate «cover crops»
  • 6. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 AVVICENDAMENTI COLTURALI MIRATI Avvicendamento degli apparati radicali Controllo flora infestante
  • 7. 1 2 3 4
  • 8. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 COS’E’ LA SEMINA SU SODO (3) SISTEMA AGRONOMICO «DEDICATO» Buone pratiche agricole Precisione Professionalità Affinità produttore – suolo macchina
  • 9. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 1. OPERAZIONI PRELIMINARI: SISTEMAZIONI IDRAULICHE Meno erosione Minore asfissia Migliore uso input minerali
  • 10. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 1. OPERAZIONI PRELIMINARI: SPIETRAMENTO
  • 11. Danilo Marandola, Agrilevante 2013
  • 12. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 1. OPERAZIONI PRELIMINARI: SCELTA DEL «CAMPO» DA CONVERTIRE
  • 13. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 2. EPOCA E MOMENTO DI SEMINA Giusta umidità vs. problemi dinamica seminatrice Riscaldamento progressivo suolo Cicli più lunghi – anticipo semine
  • 14. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 3. CONTROLLO INFESTANTI PRE-SEMINA
  • 15. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 3. CONTROLLO INFESTANTI PRE-SEMINA Semina a «radice viva» e «radice morta»
  • 16. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 4. OPERAZIONI DI SEMINA – REGOLAZIONI MACCHINA «Feeling» operatore-macchina Cura dei dettagli
  • 17. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 5. SCELTA VARIETALE Resistenze e tolleranze a patologie Lunghezza del ciclo
  • 18. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 6. FERTILIZZAZIONE Interramento alla semina Minore mobilità nutrienti (P?) Influenza dinamiche acqua
  • 19. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 7. DIFESA IN COPERTURA Complementare alla concia Fondamentale per colture «suscettibili» (es. duro) (+30% rese) Effetto rotazioni e biodiversità: i lombrichi «mangiano» fusarium
  • 20. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 8. DISERBO E CONTROLLO INFESTANTI IN COPERTURA Ruolo cruciale avvicendamenti Fattore chiave successo
  • 21. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 9. RACCOLTA E GESTIONE DEI RESIDUI Limitare calpestamento Residui + possibile integri Distribuzione omogenea in campo
  • 22. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 9. RACCOLTA E GESTIONE DEI RESIDUI
  • 23. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 9. RACCOLTA E GESTIONE DEI RESIDUI
  • 24. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 10. CONOSCERE I PROPRI CAMPI Per adottare soluzioni mirate e tempestive Applicare principi agricoltura precisione Migliorare l’efficienza e la competitività produttiva
  • 25. Danilo Marandola, Agrilevante 2013 GRAZIE PER L’ATTENZIONE Danilo Marandola – marandola@inea.it