COME DIFENDERSI
DALLA FISCALITA’
LOCALE
Fiera Agricola di Verona 6-9 febbraio 2014
Marco Boschetti direttore Consorzio agr...
Consorzio Agrituristico Mantovano
Consorzio unitario con sede presso la
Camera di Commercio di Mantova con
attività di ass...
Consorzio Agrituristico Mantovano
Nasce nel 1998 da un gruppo di 9
imprenditrici, facenti parte di un progetto di
imprendi...
Mission : assistenza tecnica ed
amministrativa per le aziende multifunzionali
Mission
Promozione ed innovazione di tutte le varie
forme di turismo rurale di vendita diretta.
Tendenza
Secondo i dati della CGIA
(Confartigianato) di Mestre la fiscalità
locale è aumentata in 10 anni del 300%.
In par...
Cosa ci aspetta per il 2014: luc
L’imposta unica comunale (Iuc) si compone
dell’imposta municipale propria (Imu) di natura...
Tarsu, Tia, Tares, Tari
Cambia la denominazione ma l’unica cosa certa è
che ad ogni cambiamento cresce l’importo da
pagare...
Un caso esemplare: Il Glicine di
Ostiglia, storico agriturismo
Anno 2003: € 299,00
Anno 2004: € 299,40
Anno 2005: € 1258,0...
Che fare? Cambiare il
regolamento comunale
Prendere contatti con l’amministrazione
comunale per cambiare del regolamento
c...
Che fare? Inviare una nota al
sindaco
Al Signor Sindaco di ……………
Oggetto: applicazione della nuova tassa sui rifiuti e sui...
Che fare? Inviare una nota al
sindaco
nella ricezione e nell’ospitalità esercitata dagli imprenditori
agricoli attraverso ...
Che fare? Inviare una nota al
sindaco
Si vedano a tal riguardo le sentenze della Corte di Cassazione n°
11076/06, 8849/05,...
Che fare? Inviare una nota al
sindaco
A tal riguardo si richiama l’attenzione sulla risoluzione n°
4/QA/475/93, del 23/11/...
Che fare? Inviare una nota al
sindaco
Alle stesse conclusioni è altresì pervenuta la Commissione
Tributaria Provinciale di...
Che fare? Inviare una nota al
sindaco
Questo indirizzo è condiviso dalla più autorevole letteratura
amministrativa di cui ...
Che fare? Inviare una nota al
sindaco
L’introduzione di pesanti aggravi nell’applicazione della
Tares rischia di mettere i...
Che fare? Cogliere le opportunità
offerte dal regolamento
Tutti i regolamenti comunali potevano
offrire riduzioni per atti...
Che fare? Novità legge di stabilità
La legge di stabilità offre ampia facoltà ai comuni sulle
riduzioni e sulle esenzioni....
Che fare? Ricorrere
Se il Comune non ci sente allora dobbiamo
adottare un’altra strategia.
O si ricorre al Tar contro l’ad...
Che fare? Tempistica dei ricorsi
All’arrivo della fattura, prima di iniziare a pagare (perchè se
si paga vuol dire che si ...
Sentenze precedenti
In questi anni le sentenze sono state molto contradditorie .
Nel nostro caso su 4 cause due sono state...
Sentenze precedenti
Con un’altra sentenza, il Consiglio di Stato, in
data 8 novembre 2011 depositata il 2 febbraio
2013, h...
Imu
Per il 2014 l’Imu nel settore agricolo è stata oggetto delle
seguenti modifiche ad opera della legge di stabilità:
1)P...
Tasi
Chi deve pagare? Chiunque possegga o detenga a
qualsiasi titolo fabbricati , ivi compresa l’abitazione
principale com...
Altre gabelle minori:
abbonamento speciale Rai
Gli importi e le categorie dell’abbonamento speciale Rai
sono stati definit...
La successiva nuova legge quadro sul turismo, la legge 135
del 29 marzo 2001 non definisce così dettagliatamente il
concet...
Altre gabelle minori: Consorzio
fonografici
Riguarda il versamento del compenso forfettario sui diritti
connessi al diritt...
Grazie per l’attenzione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

L'Informatore Agrario. Marco Boschetti. Fieragricola 14. Come difendersi dalla fiscalità locale

318

Published on

Il progressivo abbassamento delle soglie di redditività delle imprese agrituristiche è un fenomeno complesso, ma legato anche al peso crescente della pressione fiscale in ambito locale. Emblematico è il caso della tassa rifiuti, chiamata prima Tarsu, poi Tia, quindi Tares, ora Tari, arrivata ormai a livelli insopportabili, tanto da determinare come conseguenza un taglio della capacità ricettiva di tante aziende, realizzata a volte con il cofinanziamento di fondi europei, che chiudono stanze o che riducono i periodi di apertura. L’azienda agrituristica dovrebbe essere chiamata a pagare solo per i rifiuti effettivamente conferiti e non in base alla superficie dei fabbricati rurali. Serve una politica fiscale più equa, che non penalizzi le aziende agrituristiche attraverso tributi locali che sono estranei alla natura agricola di questa attività.

Published in: Self Improvement
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
318
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "L'Informatore Agrario. Marco Boschetti. Fieragricola 14. Come difendersi dalla fiscalità locale"

  1. 1. COME DIFENDERSI DALLA FISCALITA’ LOCALE Fiera Agricola di Verona 6-9 febbraio 2014 Marco Boschetti direttore Consorzio agrituristico mantovano
  2. 2. Consorzio Agrituristico Mantovano Consorzio unitario con sede presso la Camera di Commercio di Mantova con attività di assistenza tecnica e di promozione delle varie forme di turismo rurale.
  3. 3. Consorzio Agrituristico Mantovano Nasce nel 1998 da un gruppo di 9 imprenditrici, facenti parte di un progetto di imprenditoria femminile denominato “Da casalinga rurale a imprenditrice agrituristica”. Oggi conta 300 aziende associate. Modello francese: una rete locale di contadini per ogni dipartimento, che ha sede e riferimento presso le Chambres d’agriculture.
  4. 4. Mission : assistenza tecnica ed amministrativa per le aziende multifunzionali
  5. 5. Mission Promozione ed innovazione di tutte le varie forme di turismo rurale di vendita diretta.
  6. 6. Tendenza Secondo i dati della CGIA (Confartigianato) di Mestre la fiscalità locale è aumentata in 10 anni del 300%. In particolare l’importo del servizio smaltimento rifiuti è aumentato negli ultimi 8 anni del 66%.
  7. 7. Cosa ci aspetta per il 2014: luc L’imposta unica comunale (Iuc) si compone dell’imposta municipale propria (Imu) di natura propriamente patrimoniale dovuta dal proprietario dell’immobile, escluse abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel contributo per servizi indivisibili (Tasi), a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile, e della tassa sui rifiuti (Tari) destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.
  8. 8. Tarsu, Tia, Tares, Tari Cambia la denominazione ma l’unica cosa certa è che ad ogni cambiamento cresce l’importo da pagare. L’imposta è commisurata prevalentemente alla superficie però questo penalizza fortemente i fabbricati rurali e non incentiva l’autosmaltimento e i comportamenti virtuosi. Perdipiù, nel calcolo, molti Comuni hanno inquadrato gli agriturismi nella categoria alberghi ristoranti, pur producendo minori rifiuti. Un peso crescente dell’imposizione rischia di produrre una riduzione della capacità ricettiva nel tentativo di ridurre gli importi dovuti.
  9. 9. Un caso esemplare: Il Glicine di Ostiglia, storico agriturismo Anno 2003: € 299,00 Anno 2004: € 299,40 Anno 2005: € 1258,07 Anno 2006: € 1158,26 Anno 2007: € 4495,55 Anno 2008: € 2888,47 Anno 2009: € 2500,50 Anno 2010: € 2420,00 Anno 2011: € 2321,00 Anno 2012: € 2171,00 Anno 2013: € 2171,00 (di cui 415 € di Tia per 49 giorni di apertura del ristoro)
  10. 10. Che fare? Cambiare il regolamento comunale Prendere contatti con l’amministrazione comunale per cambiare del regolamento comunale, per il riconoscimento della natura agricola dell’agriturismo, per l’inquadramento in una fascia autonoma e per l’equiparazione delle stanze dell’agriturismo alle stanze di una casa di civile abitazione Inviare nota scritta e poi chiedere un incontro direttamente come aziende locali.
  11. 11. Che fare? Inviare una nota al sindaco Al Signor Sindaco di …………… Oggetto: applicazione della nuova tassa sui rifiuti e sui servizi (Tares) Egregio signor Sindaco, con la presente desidero sottoporre alla sua cortese attenzione la questione della applicazione delle tariffe per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, che presenta pesanti sperequazioni nei confronti delle aziende agrituristiche, aggravando in modo insopportabile ed ingiustificato la pressione fiscale. Riteniamo, infatti, che l’assimilazione dell’agriturismo, ai fini del D. Lgs 509/93, all’attività alberghiera ed in particolare alla categoria alberghi e ristoranti sia errata per molteplici ragioni. La legge quadro sull’agriturismo 5 dicembre 1985, n° 730 ed anche la successiva legge quadro 20 febbraio 2006, n° 96, che hanno introdotto l’agriturismo in Italia, hanno definito l’agriturismo un’attività di sostegno all’agricoltura, consistente
  12. 12. Che fare? Inviare una nota al sindaco nella ricezione e nell’ospitalità esercitata dagli imprenditori agricoli attraverso l’utilizzazione di fabbricati non più al servizio dell’azienda agricola, in un rapporto di complementarietà e di connessione con l’azienda agricola. Secondo gli orientamenti di tale normativa, ribadita da un’ampia giurisprudenza, i locali adibiti ad uso agrituristico non perdono il loro carattere rurale e la loro utilizzazione per l’esercizio dell’attività agrituristica non comporta alcun cambio di destinazione d’uso. In particolare la nuova legge quadro sull’agriturismo (Legge 20 febbraio 2006, n° 96), all’articolo 2, comma 5, specifica che “Ai fini del riconoscimento delle diverse qualifiche di imprenditore agricolo, nonché della priorità nell’erogazione dei contributi e, comunque, ad ogni altro fine che non sia di carattere fiscale, il reddito proveniente dall’attività agrituristica è considerato reddito agricolo”.La legge regionale della Lombardia, 5 dicembre 2008, n° 31, all’articolo 155, comma 3, specifica che “Gli edifici utilizzati ad uso agrituristico mantengono la destinazione di uso agricolo anche ai fini dei tributi comunali”.
  13. 13. Che fare? Inviare una nota al sindaco Si vedano a tal riguardo le sentenze della Corte di Cassazione n° 11076/06, 8849/05, 10280/04, 12142/02) e sentenza della Corte Costituzionale n° 238/2009, con cu i si è stabilito, finalmente, che la Tia è un tributo. Nell’agriturismo i locali non sono stati concepiti razionalmente per l’attività turistica ma sono oggetto di recupero di fabbricati rurali dismessi, per cui, spesso, le superfici sono sovrabbondanti e risulta difficile distinguere quelle che riguardano l’ospitalità da quelle private. L’agriturismo, quindi, anche ai fini della contribuzione comunale per il servizio di smaltimento rifiuti non può essere equiparabile, per analogia, all’attività degli esercizi pubblici e degli alberghi (circolare Regione Lombardia 21/10/1994). La stessa Corte di Cassazione, con sentenza n° 2541, del 22/2/1990, ha sottolineato che l’autorizzazione all’esercizio dell’attività agrituristica “non determina l’esercizio dell’attività alberghiera”. L’attività agrituristica si pone in rapporto di connessione e di complementarietà rispetto a quella agricola che rimane comunque principale in termini di tempo lavoro.
  14. 14. Che fare? Inviare una nota al sindaco A tal riguardo si richiama l’attenzione sulla risoluzione n° 4/QA/475/93, del 23/11/1993, del Ministero delle Finanze sui problemi dell’Iciap. In tale risoluzione il Ministero delle Finanze ribadì che “Se oggetto dell’impresa sono più attività, ai fini dell’individuazione del settore di riferimento si deve avere riguardo all’attività prevalente”. Per questo, nel caso della nostra azienda è più che evidente, ai sensi della normativa vigente, che l’attività prevalente sia quella agricola e non quella agrituristica. Ne consegue che è illegittimo equiparare, ai fini della tariffa in oggetto, l’agriturismo ad un esercizio pubblico di ristoro o di alloggio. A tal riguardo si segnala che la Corte di Cassazione, nel decidere un caso analogo a quello in esame, con sentenza n° 8851/07, ha stabilito che “…all’attività di agriturismo, in quanto attività agricola, deve essere applicata la tariffa agricola corrispondente e non già quella per la utenza alberghiera….”
  15. 15. Che fare? Inviare una nota al sindaco Alle stesse conclusioni è altresì pervenuta la Commissione Tributaria Provinciale di Firenze che, con sentenza n° 82, del 12 maggio 2008, ha dichiarato illegittima l’applicazione agli agriturismi della medesima tariffa di smaltimento rifiuti prevista per l’attività alberghiera, dovendosi assimilare a tutti gli effetti i locali destinati ad agriturismo ad abitazioni rurali. Dello stesso avviso è stata di recente anche la Commissione tributaria provinciale di Mantova. Riteniamo, quindi, che, in difetto di più precise disposizioni tariffarie del regolamento comunale, che riconoscano la specificità dell’agriturismo, gli spazi utilizzati per tale attività debbano ricadere nel regime proprio dell’abitazione agricola e non dell’attività alberghiera o della ristorazione. A tal fine si richiama la risoluzione del Ministero delle Finanze 30 dicembre 1996 n° 272/E che riconosce il ruolo attivo delle case coloniche nell’autosmaltimento dei rifiuti biodegradabili, organici e vegetali, con conseguente minor aggravio per il servizio pubblico.
  16. 16. Che fare? Inviare una nota al sindaco Questo indirizzo è condiviso dalla più autorevole letteratura amministrativa di cui si possono trasmettere in qualsiasi momento ampi estratti. Questo orientamento è condiviso anche dalla Commissione tributaria provinciale di Mantova che con sentenza 188/02/11 del 16 maggio 2011, depositata il 1/06/2011 ha riconosciuto la fondatezza di tale orientamento. Pertanto, alla luce delle sopra citate considerazioni, con la presente si richiede che in sede di aggiornamento del regolamento comunale per l’applicazione della Tares si tenga conto della specificità dell’agriturismo prevedendo espressamente una categoria specifica per lo stesso, equiparata a quella agricola, distinguendo, eventualmente, gli spazi adibiti a ristoro da quelli adibiti ad ospitalità ed alloggio, che comportano una minore produzione di rifiuti.
  17. 17. Che fare? Inviare una nota al sindaco L’introduzione di pesanti aggravi nell’applicazione della Tares rischia di mettere in crisi le potenzialità di sviluppo del turismo rurale, con conseguente riduzione della capacità ricettiva. Per questo richiamiamo la sua attenzione sulle modalità di applicazione di questo tributo esprimendo, sin d’ora, piena disponibilità ad un confronto costruttivo. La ringrazio per la cortese attenzione e le porgo i più cordiali saluti. Mantova, lì 5 agosto 2013 Il direttore Marco Boschetti
  18. 18. Che fare? Cogliere le opportunità offerte dal regolamento Tutti i regolamenti comunali potevano offrire riduzioni per attività inferiori ai 180 giorni, per insufficienza del servizio o per adozione di strumenti quali il compostaggio che possono ridurre il conferimento di rifiuti.
  19. 19. Che fare? Novità legge di stabilità La legge di stabilità offre ampia facoltà ai comuni sulle riduzioni e sulle esenzioni. Agevolazioni collegate alla capacità contributiva desunta dall’indicatore della situazione economica del reddito familiare(Isee).Articolo 1, commi 659 e 682 legge 147/2013. Con il regolamento possono essere deliberate riduzioni tariffarie che a differenza della Tares non sono più soggette alla soglia massima del 30% o esenzioni concesse per particolari situazioni in cui si presume che vi sia una minore capacità di produzione di rifiuti. Tra i casi previsti dalla legge vi sono anche i fabbricati rurali adibiti ad uso domestico. Il consiglio comunale può decidere di far ricadere queste riduzioni sull’intera platea dei contribuenti purchè non eccedano li limite del 7%. Le spese non coperte sono a carico della fiscalità generale.
  20. 20. Che fare? Ricorrere Se il Comune non ci sente allora dobbiamo adottare un’altra strategia. O si ricorre al Tar contro l’adozione del regolamento penalizzante ma i costi, oggi, per ricorsi al Tar sono particolarmente alti o si ricorre alla giustizia tributaria in tutti i suoi gradi: Commissione tributaria provinciale commissione tributaria regionale, cassazione.
  21. 21. Che fare? Tempistica dei ricorsi All’arrivo della fattura, prima di iniziare a pagare (perchè se si paga vuol dire che si accetta l’imposizione oppure pagare con riserva di recupero, presentare istanza al Comune e all’ente incaricato del servizio per richiedere il ricalcolo. Nel frattempo se non si paga arriva prima o poi la cartella di Equitalia contro cui possiamo opporci entro 60 gg dal ricevimento con ricorso alla commissione tributaria provinciale. In questo caso si ha un costo di contributo unificato (bollo) di 250 euro più spese legali ed è ovvio che più si sale più aumentano i costi. Per questo fare azione legale insieme perché la situazione di diritto è uguale per tutti mentre quella di fatto è certamente diversa l’uno dall’altro.
  22. 22. Sentenze precedenti In questi anni le sentenze sono state molto contradditorie . Nel nostro caso su 4 cause due sono state perse e due sono state vinte. Recentemente un gruppo di 20 albergatori di San Giovanni Rotondo hanno ottenuto dal giudice tributario che le stanze degli alberghi fossero equiparate ai fini Tarsu a quelle delle case private. Il giudice ha riconosciuto che in albergo non si ha una produzione di rifiuti maggiore. Altrettanto hanno fatto la commissione tributaria provinciale e regionale di Palermo che hanno ribadito l’omologazione della tariffa Tarsu sugli alberghi a quella sulle abitazioni private, concedendo una riduzione di 6 volte della tariffa.
  23. 23. Sentenze precedenti Con un’altra sentenza, il Consiglio di Stato, in data 8 novembre 2011 depositata il 2 febbraio 2013, ha accolto il ricorso del comitato unitario professionisti di Prato contro il Tar che aveva dato ragione al Comune per l’applicazione agli uffici professionali di tariffe Tia nella misura più elevata, perché questa disparità non era sostenuta da motivazioni plausibili ed imparziali. In sostanza non si capiva quali erano stati i criteri impiegati per far pagare di più agli uffici rispetto ad una casa civile.
  24. 24. Imu Per il 2014 l’Imu nel settore agricolo è stata oggetto delle seguenti modifiche ad opera della legge di stabilità: 1)Per quanto riguarda i fabbricati strumentali (D 10) l’articolo 1, comma 708, della legge di stabilità (L. 27712/2013 N° 147) ne prevede l’esenzione; 2) Per quanto concerne i terreni agricoli, nonché quelli non coltivati, posseduti e condotti da coltivatori diretti eIap, il moltiplicatore ai fini della determinazione della base imponibile è diminuito da 110 a 75. Questo comporterà non una esenzione come è avvenuto nel 2013 ma una riduzione dell’ammontare da pagare rispetto a quanto versato nel 2012. Si pone quindi il problema di aggiornare le rendite catastali in base alle coltivazioni effettivamente implementate. Quando e come si versa: in due rate di uguale importo, scadenti il 16 giugno e il 16 dicembre. Versamento tramite F24.
  25. 25. Tasi Chi deve pagare? Chiunque possegga o detenga a qualsiasi titolo fabbricati , ivi compresa l’abitazione principale come definita ai fini Imu, aree scoperte nonché edificabili, a qualsiasi uso adibiti, con esclusione aree scoperte pertinenziali, non operative, che non siano occupate in via esclusiva. Devono pagare anche gli affittuari, oltre ai proprietari. Come si determina il tributo? la base imponibile è quella prevista per l’applicazione dell’Imu. L’aliquota base è pari all’1 per mille. Per il 2014 l’aliquota non può eccedere il 2,5 per mille. L’occupante non proprietario versa la Tasi nella misura, stabilita dal Comune, compresa fra il 10% e il 305 dell’ammontare complessivo della Tasi.
  26. 26. Altre gabelle minori: abbonamento speciale Rai Gli importi e le categorie dell’abbonamento speciale Rai sono stati definiti dalla legge 488 del 23/12/1999 e si applicano alle strutture ricettive di cui all’articolo 6 della legge 217 del 17 maggio 1983 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n° 141 del 25/5/1983. “Sono strutture ricettive: gli alberghi, i motel, i villaggi-albergo, le residenze turistico- alberghiere i campeggi, i villaggi turistici, gli alloggi agri-turistici, gli esercizi di affittacamere, le case e gli appartamenti per vacanze, le case per ferie, gli ostelli per la gioventù, i rifugi per gli alpini”. E di seguito si precisa che: “Sono alloggi agri-turistici i locali situati in fabbricati rurali nei quali viene dato alloggio a turisti da imprenditori agricoli”
  27. 27. La successiva nuova legge quadro sul turismo, la legge 135 del 29 marzo 2001 non definisce così dettagliatamente il concetto di struttura ricettiva per cui da tempo il Consorzio agrituristico mantovano ha richiesto alla Rai l’inserimento di tutto l’agriturismo, indipendentemente dal numero degli apparecchi televisivi posseduti, nella fascia contributiva più bassa, la fascia E, anziché nella fascia D. In mancanza di una qualsiasi risposta da parte della Rai noi siamo dell’avviso che se si detiene un solo televisore si debba versare gli importi previsti dalla fascia E. Sarà invece nella fascia D se i televisori posseduti variano da 2 a 10. Per il 2014 l’importo annuale dell’abbonamento speciale Rai in fascia E è di 203,70, mentre in fascia D è di 407,35. Altre gabelle minori: abbonamento speciale Rai
  28. 28. Altre gabelle minori: Consorzio fonografici Riguarda il versamento del compenso forfettario sui diritti connessi al diritto d’autore (produttori discografici, intepreti9 sempre in relazione con la trasmissione di opere d’autore destinate al pubblico. La riscossione dell’importo (80 euro) è affidata alla Siae in cambio di un aggio ed è molto controversa. La convenzione con la Siae non prevede che la Siae si occupi anche del perseguimento di chi non paga ed il Consorzio fonografici non ha strutture territoriali. Perdipiù il Consorzio fonografici non associa tutti i fonografici. Le sentenze contro questa gabella hanno il tratto comune che non si trattava di diffusioni a scopo di lucro e che il tipo di musica era irrilevante. Il luogo in cui si diffondeva musica non era un esercizio pubblico o aperto al pubblico.
  29. 29. Grazie per l’attenzione

×